nei giorni 6 e 7 Luglio 2013 La gara prevede Premi Iscrizioni per la gara da ferma e da cerca Iscrizioni per l esposizione delle razze da pastore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "nei giorni 6 e 7 Luglio 2013 La gara prevede Premi Iscrizioni per la gara da ferma e da cerca Iscrizioni per l esposizione delle razze da pastore"

Transcript

1 Il Comune di Zeri, L A.N.L.C., l Ass. Cult. Antichi Mestieri Pastorali e l Ass.Cane da Pastore Apuano in occasione dei festeggiamenti della ricorrenza dei duecento anni dalla nascita del Comune di Zeri Organizzano una manifestazione di cinofilia con gara ed esposizione per cani da ferma e da cerca ( continentali e inglesi ) e per i cani Pastore di tutte le razze con classifica speciale per il cane da Pastore Apuano nei giorni 6 e 7 Luglio 2013 La gara prevede classifica generale di prova per tutti i soggetti delle razze da ferma e da cerca classifica speciale per la razza Bracchi Italiani mostra cinofila per i cani da caccia prova di lavoro e mostra cinofila per cani di razza pastore classifica speciale per il cane Pastore Apuano Premi ai primi tre classificati in prova per le razze da ferma e da cerca al miglior soggetto connubio lavoro e esposizione della classifica speciale Bracchi Italiani al migliore soggetto per esposizione di razza da caccia e da pastore al miglior soggetto nella prova di lavoro di razza pastore Iscrizioni per la gara da ferma e da cerca presso i seguenti numeri entro il 30 giugno 2013 alle ore 20,00 e dietro versamento di 20,00 sul c/c n intestato a Ass. Naz. Libera Caccia con causale gara per cani da ferma e da cerca Zeri 2013 Iscrizioni per l esposizione delle razze da pastore inserite nel libro genealogico ENCI 15,00 iscrizioni ai numeri I possessori dei cani da Pastore Apuano partecipano all esposizione gratuitamente con lo scopo di promuovere la razza per il riconoscimento ENCI A tutti i partecipanti sarà consegnato un gadget omaggio.

2 orari e svolgimento delle varie fasi della manifestazione 5 Luglio 2013 ore 21,00 composizione delle varie batterie e assegnazione dei campi di gara per le razze da ferma e da cerca 6 Luglio 2013 ore 6,00 ritrovo direttamente sui campi di gara assegnati e inizio prove attitudinali ore 10,00 presentazione del progetto Cane da Pastore Apuano presso il centro fiera di Adelano ore 15,00 prova di avvicinamento al gregge ( libera ) ore 18,00 sospensione gare e ritrovo delle giurie per valutazione prove 7 Luglio 2013 ore 6,00 ore 9,00 1 Settore presentazione progetto cane da Pastore Apuano a seguire prova di morfologia per razze da pastore con speciale per cane da Pastore Apuano 2 Settore Prova morfologica per cani da caccia ore 12,00 premiazioni ore 13,00 pranzo presso il centro fiera di Adelano Saluto del Sindaco Storia di Zeri e delle sue valli

3 Preistoria Da dati incontrovertibili, si sa che il territorio zerasco, fu un importante crocevia appenninico; i suoi abitanti, quelli di cui si ha una ragionevole certezza, furono le tribù dei liguri-apuani, popolazioni bellicose ed indomite, poco versate agli interscambi amichevoli. I primi insediamenti abitativi di cui si ha traccia, sono caratterizzati da piccoli villaggi, disseminati nelle vallate e posizionati in posizioni strategiche difendibili da eventuali invasori o nemici. Le vallate di Zeri erano sicuramente già luogo di insediamenti fissi, già nell età del bronzo, a riprova di ciò, furono ritrovate (anno 1938), tre urne cinerarie, una statua stele e ceramiche dell età del ferro. Il territorio di Zeri, come detto, fù crocevia di importanti vie di comunicazione, fra queste la Via Regia o Salaria ; la via di Pontremolo e la via di Piacenza, queste strade (è un eufemismo se rapportato ai nostri giorni), erano quelle più veloci, per collegare il mediterraneo ed i suoi porti con la Pianura Padana ed il Nord Europa; la più importante era la Via Regia, la quale partiva dal porto della Luna (oggi Luni, il porto è stato nei secoli completamente interrato), risaliva la vallata del fiume Magra, poi lungo i crinali, attraverso il Passo dei Due Santi, raggiungeva il parmense, dove da lì era possibile risalire in navigazione il Po ed il Ticino fino a Bellinzona, oppure, passando per Cremona e il lago di Garda, proseguiva per il Brennero ed il Nord Europa. Antiche vie di comunicazioni commerciali e di interscambi, antichi tratturi per il bestiame ed i piccoli commerci transfrontalieri, era allora sicuramente facile incontrare carovane di asini e muli, carichi di mercanzie; scambi non solo di materiali, ma anche di culture, fra popolazioni che si affacciavano sul mediterraneo e popolazioni del nord-est italico ed il nord Europa. La via Regia o Salaria, rimase di rilevante interesse, fino al XVIII secolo, secolo in cui i fondovalle furono collegati con direttrici più sicure e scorrevoli. Medioevo La storia di Zeri, per quel che è dato conoscere, fu sempre legata intimamente alla storia di Pontremoli, ha subito la dominazione dei Fieschi, di Castruccio Castracane, degli Sforza e dei Visconti, per citare i più importanti. Durante la signoria dei Fieschi, i villani (abitanti del territorio pontremolese, ma fuori la cinta muraria della città), come quelli di Zeri, furono ammessi nel consiglio generale del comune di Pontremoli, visibile nel più antico documento di tale organismo (1495), tutti gli altri documenti storici sono andati perduti nell incendio appiccato dall esercito svizzero a buona parte di Pontremoli, archivio incluso. Vengono citati Antonius Bollerii de Ziro; Parassacchus Pellicis de Ziro; Joannes Paulus Sclavi de Rossano; Antonius Bertolini de Codulo; Michael Janelotii de Arzelata. Foto ( agnello di Zeri cotto nei tradizionali testi ) Foto ( Pastore Apuano )

4 Età moderna Sino al tempo delle riforme Leopoldine, il comune di Pontremoli, aveva diviso il suo territorio in quattro quartieri: del Piano; della Magra; del Verde e di Zeri e di Rossano. Di quest ultimo quartiere facevano parte anche: S. Cristofaro, Oppilo, Careola, Arzelato, Torano, Cavezzana Gordana, Campoli e Navelunga. Zeri, a differenza di altri territori Lunigianesi, ebbe sempre una forte identità, forte e fiera, un sicuro retaggio degli antichi progenitori liguri-apuani ed il fatto di essere stato per secoli una comunità chiusa, fortemente autarchica e negata ad innesti di altre culture e personalità. Il territorio zerasco, aveva confini ben definiti, questi spesso erano causa di controversie con i confinanti non zeraschi, ostilità che spesso sfociavano in conflitti armati, cruenti e con la conseguente chiusura dei transiti appenninici. La storia dei confini contestati, si concluse ufficialmente nel 1783, anno in cui furono concordati confini definitivi, questo grazie ad un opera di mediazione del Conte di Villafranca L. Gli zeraschi, caratterialmente e geneticamente, indomabili, si ribellarono alla città di Pontremoli, questo perchè, dopo la battaglia di Pavia, battaglia che vide il re di Francia, Francesco I, sconfitto e che lasciava a Carlo V la possibilità di diventare il padrone di tutta la penisola italica. Fu una ribellione causata dal rifiuto degli zeraschi di partecipare alle spese di mantenimento delle truppe spagnole (circa 4000 soldati di fanteria, arrivati in Lunigiana al comando del generale spagnolo Aldana); per protesta i villani, in circa 800, scesero a valle, a Pontremoli, seguirono cruenti scontri, prima in prossimità di Casa Corvi, e poi, a ridosso della cinta muraria cittadina. Gli animi si calmarono, anche grazie all opera di mediazione fatta da frate Mario da Zeri, guardiano del convento di S. Francesco. Il granduca Pietro Leopoldo, fu sicuramente un personaggio illuminato nella sua gestione del potere, agevolazioni fiscali, riforme fino ad allora impensabili, trasformarono la Toscana in uno dei territori più ordinati d Europa, riforme catastali ed urbanistiche, compresa l unità amministrativa, consentirono gradualmente di eliminare tutte le autonomie. Nel 1777, si sciolse il consiglio generale del comune di Pontremoli, di cui Zeri era parte, fu esso stesso trasformato amministrativamente e, come competenza territoriale, successivamente alla modifica dei confini amministrativi, nacquero i comuni di Caprio e di Zeri. Nel Luglio 1786, Pietro Leopoldo, granduca di Toscana, visita la Lunigiana e dopo un viaggio avventuroso arriva a Zeri. Tre anni dopo, il 25 Maggio 1789, una parte dell esercito napoleonico, circa 300 uomini al comando del maresciallo Graziani, prese la strada per raggiungere e sottomettere anche Zeri; la voce di incendi, ruberie, stupri e devastazioni li precedette come un fulmine lungo tutte le vallate zerasche. La sottomissione di Zeri, per i napoleonici, avrebbe comportato il controllo di più confini sul crinale appenninico, e di importanti vie di comunicazione (Via Regia, Via di Pontremolo,Via di Piacenza), ma l esercito più forte ed organizzato d Europa fu sconfitto dagli zeraschi, che adottarono la tattica della moderna guerriglia, con attacchi di piccoli gruppi in zone strategiche, complice la conoscenza del territorio. Non paghi della vittoria, gli zeraschi, inseguirono le truppe napoleoniche fino all abitato di Borgotaro (PR). Nell occasione gli zeraschi furono guidati da un sacerdote di Zeri, tale Don Giovanni Monali. Dopo il congresso di Vienna, Pontremoli e Zeri, tornarono sotto il Granducato di Toscana, dal quale furono poi ceduti al Ducato di Parma. Alla vigilia di questa cessione, gli zeraschi, che ne erano contrari, ripresero le armi nascoste, armi in buona parte predate all esercito napoleonico 50 anni prima, scesero congiuntamente ai pontremolesi (circa 150 unità) in Val di Magra, guidati nell occasione dall Avv.to Domenico Giumelli, dal Parroco di Codolo, Don Giovanni Pilati e da Don Andrea Giulianotti. Segue la seconda guerra di indipendenza, terminata nel 1859, ed il 28 dicembre dello stesso anno, un decreto governativo, decreto firmato dal Farini (allora capo di governo), sancì la nascita della provincia di Massa Carrara, la quale comprendeva la quasi totalità dei territori, interni e costieri, appartenuti agli Estensi ed ai Borbone, e Zeri era uno di questi. Fra altre vicissutidini, si arriva all anno 1861; è l anno dell unità d Italia, per Zeri cambia ben poco. L isolamento ormai atavico persiste, la vita in montagna è sempre più dura, e agli inizi del 900, anche questo territorio conosce, in modo massiccio, il fenomeno dell emigrazione. Le mete preferite sono il sud America, il nord America, la Francia e la Svizzera, vi è anche una notevole migrazione verso le città di Genova, La Spezia e Parma, e i paesi subiscono un marcato ridimensionamento abitativo. Il primo reale collegamento viario con il fondovalle di Pontremoli, tramite una strada rotabile, risale al dopoguerra (anni 50), la luce elettrica in tutto il territorio è da datarsi inizio anni 60. Prima si studiava, si mangiava e ci si coricava, alla luce di lampade ad acetilene. I fermenti e gli umori che attraversano l Italia di quel periodo, seppur con difficoltà, contaminano anche Zeri, che partecipa perdendo molti suoi figli alla grande guerra del Inizia poi l epoca buia del fascismo, l inizio della seconda guerra mondiale, l occupazione tedesca e poi il suo epilogo; il carattere degli zeraschi, ancora una volta fa capolino, la lotta di resistenza conosce in queste vallate episodi e momenti di rilevante significato, non solo nostrano. I rastrellamenti nazi-fascisti del 3 Agosto 44 e del 20 Gennaio 45, sono significativi: eccidi, esecuzioni sommarie di persone inermi, razzie ed incendi di ovili, abitazioni (l antico archivio comunale fu completamente distrutto). Le innumerevoli violenze, fine a se stesse, non piegarono una popolazione che geneticamente indomita, avversava le imposizioni forzate. Nacquero i primi raggruppamenti partigiani, i quali dovettero contare molti caduti, e sempre in queste vallate, in quel di Rossano, grazie al Maggiore Inglese Gordon Lett, fuggito da un campo di prigionia, nacque il Battaglione Internazionale, formato in parte da soldati di diverse nazionalità. Questa formazione partigiana operò sia nello zerasco che nei territori contigui, ed entrò poi a far parte della Prima Divisione Liguria. Il resto è storia recente ed ancora molti anziani conservano viva memoria degli eventi che si sono succeduti sino ai nostri giorni; sono questi ricordi, uniti alle esperienze di una vita che a noi sembra lontana che ci permettono di comprendere l indole e le caratteristiche di questo territorio e della sua popolazione, ricordi e tradizioni e modi di vita che è indispensabile mantenere vivi ed adoperarsi perchè siano sempre di monito e di esempio per le generazioni future.

5 Come già detto, Zeri è uno dei 14 comuni della Lunigiana, per estensione è il terzo comune, la sua quota media s.l.m. é di 750 metri, con un minimo di 250 metri ed un massimo di s.l.m metri, ed insieme a Comano, è uno degli unici due comuni che rivestono il carattere di montano. Il territorio zerasco è formato da valli chiuse, in taluni punti impervie e gli insediamenti attuali dello zerasco mostrano una formazione tipicamente pagense, ancora oggi, nonostante molte frazioni siano ormai disabitate, ed alcune letteralmente scomparse, sono ancora 22 le località adibite a siti residenziali. Su tutto il territorio comunale, non esistono opifici industriali né artigianali, esistono esclusivamente alcune attività artigianali legate alla lavorazione del legno, del ferro ed edile. Le maggiori attività sono ancora quelle legate all agricoltura, all allevamento ed alla selvicoltura, poche sono le attività commerciali, di ristorazione e di ricettività organizzata. La stragrande maggioranza della popolazione è over 65, la vita media è molto elevata, gli uomini si attestano sugli 85 anni, e le donne superano i 90 anni. Da dopo la seconda guerra mondiale, l isolamento si è ridotto, questo pur mantenendo un elevato livello di criticità viaria, in particolare per la mancanza di un serio intervento sui fondi stradali, siano esse vie provinciali che comunali. In meno di 60 minuti di auto, si possono comunque raggiungere le Cinque Terre (Riomaggiore, Manarola, Vernazza, Corniglia e Monterosso), il mar Tirreno e le sue famose località costiere siano esse liguri che toscane (Bocca di Magra, Fiumaretta, Marina di Massa, Marina di Pietrasanta, il Cinquale, Forte dei Marmi, Lido di Camaiore e Viareggio). Esiste, anche se non appieno sfruttata, una imponente stazione turistica, tale struttura dotata di impianti di risalita per lo sci, che è posizionata in località Passo Due Santi, a quota 1392 metri s.l.m.; è dotata di albergo/ostello, ristorante e negozi per le attività invernali ed estive. La località, così come tutto il territorio di Zeri, è stato da poco collegato con una strada interregionale che collega il Passo Due Santi con il Comune di Albareto (PR) e il comprensorio parmense. Le montagne dello zerasco, sono attraversate da una numerosa sentieristica, che a parte l AV1 e l AV5, meriterebbero altra considerazione e manutenzione, e sono meta ideale di chi ama il trekking non troppo impegnativo, le passeggiate, da quelle più facili, a quelle più impegnative, imponenti faggete, oltre i 1000 metri di quota, intervallate da estesi boschi di castagno, boschi e foreste che, lasciano lo spazio ad ampie zone prative, adatte al pascolo degli armenti (ovinibovini ed equini). I prodotti del sottobosco (funghi, mirtilli, lamponi, fragoline, more, castagne, noci e nocciole), sono apprezzati anche fuori dal territorio, alcune specie, sia di animali che di piante da frutto, complice l atavico isolamento, sono rimaste inalterate nel tempo, e la loro valorizzazione, la riscoperta ed il loro mantenimento, è la tendenza che caratterizza anche la neonata Associazione Culturale delle Valli di Zeri e quella di alcuni giovani che caparbiamente, da buoni montanari, hanno deciso di continuare l attività delle passate generazioni. L agnello di Zeri e la carne dei bovini, animali mantenuti quasi esclusivamente al pascolo in quota, sono fra gli alimenti di maggior pregio; discorso a parte merita la flora e la fauna: la Scuola Superiore S. Anna di Pisa, ha rilevato, dopo uno studio sul territorio, la presenza di numerose specie floreali che contribuisono a mantenere una elevata biodiversità territoriale, la fauna selvatica, spazia dall acquila reale, al gheppio a tutte le specie di rapaci notturni e diurni ancora presenti, ed a Zeri in notevole quantità, sul crinale appenninico. Fra i mammiferi, oltre a volpi, cinghiali, tassi e caprioli, è da anni presente una colonia di lupi, i quali quando non trovano più sostentamento in alta quota, a volte aggrediscono le greggi, con grave danno per gli allevatori Le Valli di Zeri conservano ancora tutto un sistema idrico, formato da torrenti, ruscelli ed un fiume principale, il Gordana (che nel territorio di Zeri è Zona S.I.C. Zona di Interesse Comunitario ), ancora ricchi d acqua, e ciò ha fatto si che sul territorio, almeno fino all inizio del 1900, fossero in attività quasi 100 mulini ad acqua. Ora purtroppo, a parte pochissime testimonianze, queste attività sono scomparse e spesso sono state trasformate in residenze. Percorrere i sentieri di crinale, se il tempo è favorevole, vuol dire poter ammirare in lontananza il mar Tirreno con la vista che si spinge fino alla Corsica e al Golfo Ligure fino a Nizza, dalla cima del Monte Gottero (1639 metri s.l.m.) è possibile intravedere tutte le alpi marittime e la cima del Monviso. Fare trekking o pedalare in mountain bike, per la sentieristica, vuol dire anche poter riscoprire decine di paesi abbandonati da quasi un secolo, alcuni ancora in discreto stato di conservazione. Zeri è un territorio montano fortemente autarchico, che ha sviluppato nei secoli un alimentazione particolare, basata su pochi ma nutrienti prodotti che una volta venivano definiti poveri, e nelle poche attività di ristorazione presenti è ancora possibile oltre che consumare prodotti genuini, gustare le ricette di una cucina che si è tramandata nel tempo con ottimi e prelibati risultati. Nella sua povertà e semplicità, il territorio zerasco è come un Vaso di Pandora ; al suo interno vi si possono trovare certamente tanti rimedi utili sia per gli abitanti che per il suo territorio, e si tratta solo di aprirlo. E un operazione che deve essere effettuata congiuntamente ai nativi, e da coloro che amano questa terra, e ciò và fatto utilizzando una semplice regola: sviluppare le potenzialità traguardando un maggiore benessere per Zeri, per i suoi abitanti e creando le opportunità affinchè le nuove generazioni non abbandonino queste vallate meravigliose, tutto questo mantenendo però inalterate le caratteristiche ambientali insieme alla conservazione di tradizioni e culture che hanno sino ad ora retto all usura del tempo.

6 Zeri e i cani dalla coda mozza Il compito di un presidente provinciale, è a volte anche quello di promuovere indirettamente i territori in cui opera e dove ha un riscontro di associati e dove il territorio gli permette di organizzare manifestazioni di esposizione e di gare e attraverso queste manifestazioni difendiamo queste bellissime zone di cui è ricco questo paese da quei signori che tanto ci odiano perché forse hanno capito che i veri amanti dell ambiente siamo noi. Siamo noi che tiene vivo il territorio, e dove sono passati loro con le loro aree protette si è creato il nulla e l abbandono totale, oltre all esoso dispendio di soldi pubblici, e la loro vivacità e le loro tradizioni sono praticamente finiti. E quando finisce la vivacità e le tradizioni di un popolo e finisce anche il popolo, e rimane il nulla. Il risultato è sotto gli occhi di tutti. Abbandono, frane e dissesto totale. Non vuole essere una mera polemica e non vuole assolutamente essere un inizio di polemica, io difendo anche le loro idee ( quelle poche idee serie e veramente legate all ambiente) e difendo anche la loro possibilità di esprimersi, ma ciò che ho appena detto, è un dato di fatto oggettivo. Alcuni giorni fa, mi sono incontrato con un Sindaco di un Comune Montano della mia Lunigiana, Zeri. Zona di confine, anzi di tre confini di Comune, di Provincia e di Regione diversi. Toscana, Liguria ed Emilia Romagna, a un tiro di schioppo il Piemonte. Chiacchierando di come poter lavorare per organizzare una rassegna cinofila e alcune gare in quei territori splendidi, ci siamo fatti trasportare dal ricordo di una prima rassegna,( che con la mia associazione la Libera Caccia, la prima di tutti, e lo possiamo affermare perchè lo abbiamo fatto noi, anche se altri poi nel tempo si sono presi i meriti) avevamo avuto il coraggio di fare nel 1990 sul Segugio dell Appennino, agli albori del riconoscimento di una nuova razza che per noi di queste terre invece, era antica. Assieme alla grande vivacità e competenza, del compianto Don Nando Armani. Che in quell occasione indicò come le valli Zerasche fossero state, e sono tutt ora, il vero punto di incontro delle varie linee di sangue di quei tanti soggetti, provenienti da tante altre diverse linee di sangue, alcune ormai estinte, provenienti da Liguria, Francia, Piemonte, che hanno portato a comporre la morfologia dell attuale Segugio dell Appennino.

7 E vogliamo anche ricordare la sua fermezza nell indicare questo cane, non come un mini segugio con caratteristiche strutturali di dimensioni ridotte nei confronti del più titolato segugio italiano, come si voleva far credere, e come qualcuno vuol far credere anche oggi, ma in un soggetto che per l espressione dei tratti della testa e degli occhi, e per altre diverse composizioni morfologiche si diversificava dal segugio italiano. Facemmo una rassegna indicativa della morfologia, sempre presentata da Don Nando e poi, il giorno successivo, una bellissima gara di quei soggetti che nati e cresciuti su quei territori non avevano affatto sfigurato agli occhi dei giudici. In quei terreni, non è come nelle pianure con estensioni inimmaginabili di erba medica dove il selvatico è presente in quantità industriali, in quei terreni, la lepre pastura in un prato pascolo di montagna rinnovato dal brucare degli animali e non sapientemente rivoltato e riseminato, e poi prima di raggiungere il covo cammina anche due o tre chilometri, saltellando fra greggi di pecore o mandrie di mucche e cavalli, e se i cani non sono giusti, per dirlo in gergo, la lepre non si scova. Fra i presenti alla manifestazione di quei giorni, anche il giudice Enci Paolo Maremmi, che in seguito sarà indicato come giudice per la selezione allo scopo di istituire il libro genealogico del segugio dell appennino. Con qualche anno in meno e con meno soggetti, visionati e giudicati, ma ugualmente colpito dalla bellezza dei territori, e dei cani, tali che ebbe a dire : Sarebbe il posto ideale per un campionato nazionale dove si constaterebbe la vera e durissima selezione dei cani in gara. Durante la mia chiacchierata, con il Sindaco, mi balza alla mente una piccola particolarità dei cani di Zeri, la coda mozza (tagliata). Perché non si scrive qualcosa sulla coda dei cani di Zeri, dice il Sindaco, il mio Comune è pur stato da sempre la culla della cultura della caccia con i cani da seguita in un comprensorio allargato che parte dalla provincia di Massa Carrara e arriva fino a Genova, non tralasciando le alti valli Parmensi della Val Taro. E nemmeno le alte valli del Piacentino. Ho pensato allora che in una rivista di un associazione, si poteva pur dire qualcosa su alcune particolarità dei segugi non con un articolo importante su un tema particolare del cane, ma con una curiosità che col passare degli anni è diventata segno di morfologia. E che rispecchia veramente il cammino della caccia, degli uomini e dei cani nei trascorsi del tempo e ci consegna qualcosa di molto profondo nel solco della tradizione che diventa segno tangibile di riconoscimento di un territorio. Una volta quando i cacciatori erano anche i contadini custodi del territorio, ogni famiglia di questi aveva un solo cane che faceva di tutto dalla guardia, alla caccia e a volte anche al raduno del gregge. I famosi, can da pajar, <cani da pagliaio> termine, che nel trascorrere del tempo si è modificato in dispregiativo per definire un cane che non vale niente, ma a quel tempo, era il termine per dire che il cane aveva il suo ricovero, non necessariamente legato a qualche catena, in un anfratto ricavato nel pagliaio. Quel grande mucchio di paglia e/o di fieno che veniva così accatastata affinché non si deteriorasse allo scorrere del tempo e delle stagioni avverse e dentro il quale non entrava nemmeno la pioggia, tanto era si fatto con maestria di intreccio dei diversi strati, dal quale il contadino cacciatore sottraeva giornalmente la giusta porzione per sfamare o fare ricovero alle bestie della stalla. Tutto questo fino alla primavera successiva quando il pagliaio era praticamente consumato e il cane rimaneva all addiaccio sotto le stelle, ma la stagione volgeva ormai al bello e si tornava a lavorare per rifare il nuovo pagliaio per il successivo inverno, così il lento scorrere del tempo. Questi cani erano gli antenati del Segugio dell Appennino. A quel tempo, oltre l usanza del pagliaio, si usava anche tagliare la coda ai cani, e ogni cacciatore la tagliava nella misura più o meno lunga, ma sua propria, si chè ogni cane si poteva riconoscere per appartenere a questo o a quello a seconda di come aveva la lunghezza del mozzone di coda. Non c erano i soldi per comprare i collari scritti al computer e al più esisteva una stringa di cuoio per tenerlo legato a una catenaccia arrugginita dal tempo. Era un usanza che con il passare delle generazioni ha fatto si che i geni della riproduzione si appropriassero loro stessi dell usanza dei cacciatori delle valli Zerasche. ( in effetti la genetica riconosce che se un arto viene amputato sistematicamente per generazioni, si istaura una sorta di messaggio che imputa al soggetto di nascere senza quell arto. Così succede anche negli animali che sono più sensibili a queste gestioni dei geni) Oggi. Ma ormai da decenni, abbiamo soggetti che nascono con la coda corta ( Mozza ) e senza che nessuno proceda al taglio. Possiamo quindi definire, e a ragion veduta, che se in un anfratto di questo paese nascono alcuni soggetti da cucciolate di segugi, in quella genealogia c è stato sicuramente un antenato con una linea di sangue che proveniva dalle valli di Zeri e che quindi ha appartiene un po a quei segugi capostipiti del Segugio dell Appennino.

8

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

COME NASCONO LE MONTAGNE

COME NASCONO LE MONTAGNE Le montagne sono dei rilievi naturali più alti di 600 metri. Per misurare l ALTITUDINE di una montagna partiamo dal LIVELLO DEL MARE. Le montagne in base a come e dove sono nate sono formate da vari tipi

Dettagli

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA

SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA SCOPRI LE SPLENDIDE ALPI LIGURI CON L AIUTO DI UNA GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA È guida ambientale escursionistica chi, per professione, accompagna persone singole o gruppi di persone nella visita

Dettagli

PREZZI ESTATE-INVERNO

PREZZI ESTATE-INVERNO PREZZI ESTATE-INVERNO La storia del Casone Ricco di storia, fu edificato nel 1845 per volere di Francesco IV duca di Modena e Reggio come posta e cambio dei cavalli. Nel corso degli anni Il Casone subì

Dettagli

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1

MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE NORD AFRICANE I T A L I A LIVELLO 1 EDIZIONE 2014 LIBERAMENTE ISPIRATO A DIRITTI E ROVESCI

Dettagli

Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro. Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio

Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro. Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio Tra rupi ofiolitiche e boschi lussureggianti le limpide acque del torrente

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

Antola: la montagna dei Genovesi Paolo De Lorenzi

Antola: la montagna dei Genovesi Paolo De Lorenzi Antola: la montagna dei Genovesi Paolo De Lorenzi Il monte Antola, posto sul crinale di collegamento tra l alta valle Scrivia e l alta val Trebbia, con i suoi 1597 metri di altezza sul livello del mare,

Dettagli

Due Muli e i loro Mulattieri

Due Muli e i loro Mulattieri Due Muli e i loro Mulattieri Due muli camminavano gravati ciascuno del proprio carico, uno portava ceste colme di denaro, l altro, sacchi pieni di orzo. Il primo, fiero del suo carico fatto di monete preziose,

Dettagli

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint.

ESCURSIONI. DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. ESCURSIONI DOVE: nella Valle del Serchio le locations si trovano nel raggio di circa 12 km da Il Ciocco infopoint. Alla scoperta dei colli di Barga Questa è l escursione ideale per chi vuole scoprire senza

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA

Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA È giunta l alba Sandro Fabbri È GIUNTA L ALBA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Sandro Fabbri Foto dell autore Tutti i diritti riservati A mia moglie Martina Introduzione È passato quasi

Dettagli

La storia della Pezzata Rossa Italiana

La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana La storia della Pezzata Rossa Italiana (P.R.I.) è costellata di momenti importanti che ne hanno determinato l indirizzo selettivo in risposta alle esigenze dei suoi

Dettagli

Esperti di passi e di sentieri

Esperti di passi e di sentieri L. FILIPPO D ANTUONO ESCURSIONI IN APPENNINO TRA LUOGHI E GENTI VOLUME 1 Il Levante della Liguria: dalle Cinque Terre alla foce del Magra Esperti di passi e di sentieri Indice Prefazione...................................................

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

VALNONTEY - RIFUGIO "SELLA" CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello)

VALNONTEY - RIFUGIO SELLA CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello) VALNONTEY - RIFUGIO "SELLA" CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello) Finalmente. E tanto tempo che sento parlare di questo giro ad anello (Valnontey, Rifugio Sella, casolari dell Herbetet, Valnontey) che

Dettagli

Nella valle dei sogni

Nella valle dei sogni Nella valle dei sogni In Carinzia il tempo sembra essersi fermato, le campane delle mucche e quelle della chiesa si mescolano, come fanno da sempre, da quando e` iniziata la vita in queste vallate alpine.

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno

Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Progetto Accoglienza Camminata in Maslana a cura della scuola Primaria di Gorno Ieri 22 settembre è stata una giornata speciale per noi alunni di Gorno delle classi3a, 4a e 5a... infatti non siamo stati

Dettagli

24 PARCHI IN LOMBARDIA, PIÙ DI 120 INIZIATIVE PER VIVERE NELLA NATURA

24 PARCHI IN LOMBARDIA, PIÙ DI 120 INIZIATIVE PER VIVERE NELLA NATURA 24 PARCHI IN LOMBARDIA, PIÙ DI 120 INIZIATIVE PER VIVERE NELLA NATURA dal 24 maggio al 5 giugno 2009 IN OCCASIONE DELLA GIORNATA EUROPEA DEI PARCHI E DELLA GIORNATA MONDIALE PER L AMBIENTE, LA REGIONE

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE

TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE MARINELLA EUSEBI MANGANO TORINO LA MIA CITTÀ 1 - CONOSCERE L'ITALIA ELEMENTI DI GEOGRAFIA ED ECONOMIA PER DONNE MAGHREBINE I T A L I A M E I C MOVIMENTO ECCLESIALE DI IMPEGNO CULTURALE Gruppo di Torino

Dettagli

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO

VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO VALENTINA GASPARIN, MARTINA BOSCO Il 21 marzo si celebra la Giornata Internazionale per l Eliminazione della Discriminazione Razziale che rappresenta un occasione per chiunque di riprendere contatto con

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di

Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di Il lupo è un mammifero appartenente alla famiglia dei canidi, come la volpe, lo sciacallo e il cane, di cui è un progenitore. Ci sono due specie di lupo nel mondo: il lupo grigio (Canis Lupus) e il lupo

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA.

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. MARI: SI TROVA AL CENTRO DEL MAR MEDITERRANEO I MARI CHE LA BAGNANO SONO : MAR LIGURE, MAR

Dettagli

scopri l altro piano di Asiago

scopri l altro piano di Asiago scopri l altro piano di Asiago ASIAGO TREKKING L ALTRO PIANO DI ASIAGO Una vastissima rete di sentieri e mulattiere finalmente alla portata di tutti. Una rete di rifugi organizzati per scoprire l anima

Dettagli

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le

In questo articolo non ci sono veri e propri errori di battitura, eppure, come dimostrano le In queste pagine ci sono alcuni miei lavori di correzione e revisione bozze. Non si tratta di una raccolta di refusi, perché sistemare gli errori di battitura e la grammatica non è altro che il lavoro

Dettagli

LA GRECIA. -Forma di governo: Repubblica. -Capitale: Atene. -Lingua: greco. -Religione: ortodossa. -Moneta: euro

LA GRECIA. -Forma di governo: Repubblica. -Capitale: Atene. -Lingua: greco. -Religione: ortodossa. -Moneta: euro LA GRECIA -Forma di governo: Repubblica -Capitale: Atene -Lingua: greco -Religione: ortodossa -Moneta: euro La Grecia si trova nel sud dei monti Balcani. La Grecia confina a nord con l Albania, la Macedonia

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

Progetto Interreg Tra.Me.Vi.Ve. Numero: [Data] I Bagni di Craveggia

Progetto Interreg Tra.Me.Vi.Ve. Numero: [Data] I Bagni di Craveggia Progetto Interreg Tra.Me.Vi.Ve Numero: [Data] I Bagni di Craveggia Una situazione geografica del tutto particolare quella dei Bagni di Craveggia. Si tratta infatti di una località (posta a 986 m s.l.m.)

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com CalenDiario 2011: L Italia compie 150 anni CalenDiario Nel 2011 l Italia compie 150

Dettagli

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson Benvenuti In Italia Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri Fotografia di Ross Thompson La Piazza Raffaele De Ferrari e` la piazza centrale della citta` di Genova. Tutte le feste della citta` avvengono

Dettagli

GITA AL RIFUGIO SALVIN...

GITA AL RIFUGIO SALVIN... GITA AL RIFUGIO SALVIN... Il 7 e l'8 ottobre 2010 Noi (la 3ASS) siamo andati in gita al rifugio Salvin!.di Alessia Aimone 1 GIORNO Ci siamo trovati alle 7:45 circa nel cortile della scuola e dopo l'appello

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA IL CASTELLO

AZIENDA AGRICOLA IL CASTELLO AZIENDA AGRICOLA IL CASTELLO La passione di un giovane per far rivivere la microeconomia locale: ritorno alla comunità AZIENDA AGRICOLA IL CASTELLO L area in cui è situata l azienda è Retignano, è una

Dettagli

BENVENUTI IN VAL DI FIEMME

BENVENUTI IN VAL DI FIEMME BENVENUTI IN VAL DI FIEMME Le prove si svolgeranno sui territori gentilmente messi a disposizione dalle Riserve Comunali di Caccia di Carano, Daiano, Varena Tesero e Predazzo. L ambiente tipicamente dolomitico

Dettagli

Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia.

Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia. Ciao! Il mio nome è Bek e vivo in Etiopia. eka 1 L Etiopia è forse il più antico stato africano. E riuscito a restare indipendente durante tutto il periodo coloniale, fatta eccezione per l occupazione

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

Adventure Park Limarò

Adventure Park Limarò Mappa ADVENTURE PARK Adventure Park Limarò PERCORSO PONTI E PERCORSO AEREO Un percorso sospeso, che mette alla prova equilibrio e capacità di autocontrollo. Legati a una doppia fune di sicurezza, si attraversa

Dettagli

> > > > > > VIAGGIARE TRA LUOGHI ED ABITANTI PROGRAMMA MAROCCO 2013 FORMA DEL VIAGGIO: TORNARE VIAGGIATORI 1 LUNGO I SENTIERI DEL TESSAOUT

> > > > > > VIAGGIARE TRA LUOGHI ED ABITANTI PROGRAMMA MAROCCO 2013 FORMA DEL VIAGGIO: TORNARE VIAGGIATORI 1 LUNGO I SENTIERI DEL TESSAOUT 02 VIAGGIARE TRA LUOGHI ED ABITANTI FORMA DEL VIAGGIO: TORNARE VIAGGIATORI 1 LUNGO I SENTIERI DEL TESSAOUT Il nostro viaggio-progetto nell alta valle del Tessaout. PERCORSI ETNICI si impegna a creare una

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

TREKKING IN VAL MASTALLONE

TREKKING IN VAL MASTALLONE TREKKING IN VAL MASTALLONE ITINERARIO N 1 : Santa Maria (Fobello) Colle d Egua Partenza: Santa Maria di Fobello Arrivo : Colle d Egua Codice catasto : 517 Tempo : 3 ore e 15 minuti Dislivello : 1064 m

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso

Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso Chiesa di San Bernardo, sulla montagna di Monte Carasso La chiesa di San Bernardo a Monte Carasso si trova sulle pendici della montagna (600 ms.m). La chiesa romanica (fine XI inizio XII sec.) presentava

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it

Web Content Manager Short Travel redazione@short-travel.it 1 Il progetto Short Travel è in continuo e costante miglioramento. I contenuti di questo documento sono ricavati da informazioni di pubblico dominio e in quanto tali possono contenere inesattezze o non

Dettagli

REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO

REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali REGIONE LIGURIA PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO RURALE PER IL PERIODO 2007-2013 ALLEGATO D RIDEFINIZIONE ZONE SVANTAGGIATE La zonizzazione delle

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

Presentano. Fitetrec-ante. Animantia Academy. Una Montagna di accoglienza. Parco Naturale Regionale dell Aveto

Presentano. Fitetrec-ante. Animantia Academy. Una Montagna di accoglienza. Parco Naturale Regionale dell Aveto Presentano Fitetrec-ante Animantia Academy Una Montagna di accoglienza Parco Naturale Regionale dell Aveto Scoprite gli ultimi branchi di veri cavalli selvaggi in Italia, nella meravigliosa cornice del

Dettagli

Lavoratrici del secolo scorso mostra e testimonianze fotografiche di alcune donne tregnaghesi che hanno lavorato fuori casa nel 900

Lavoratrici del secolo scorso mostra e testimonianze fotografiche di alcune donne tregnaghesi che hanno lavorato fuori casa nel 900 Lavoratrici del secolo scorso mostra e testimonianze fotografiche di alcune donne tregnaghesi che hanno lavorato fuori casa nel 900 L ostetrica Lucia Spagnolo Ho fatto l ostetrica andando nelle case delle

Dettagli

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante:

L UMBRIA. (Perugia) Il territorio è soprattutto collinare, montuoso e solo in piccola parte è pianeggiante: L UMBRIA L'Umbria è una regione dell'italia centrale, posizionata nel cuore della penisola. E una tra le più piccole regioni italiane e l'unica non situata ai confini, terrestri o marittimi, della nazione.

Dettagli

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo

C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE. Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo C ERA UNA VOLTA LA SCUOLA ELEMENTARE Classe 3^ Scuola Primaria Passatempo Il 16 ottobre siamo andati a visitare il museo itinerante o meglio il museo è venuto da noi!! Infatti era un pullman doppio parcheggiato

Dettagli

Il crinale tosco emiliano Comunalie interessate : Montegroppo, Groppo, Boschetto, Tombeto

Il crinale tosco emiliano Comunalie interessate : Montegroppo, Groppo, Boschetto, Tombeto Il crinale tosco emiliano Comunalie interessate : Montegroppo, Groppo, Boschetto, Tombeto Lunghezza: 9.800 metri Durata media:6 7 ore Livello di difficoltà: medio facile Splendidi boschi di faggi, interrotti

Dettagli

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M.

Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M. Monte Nagià-Grom, Valle di Gresta, percorso storico I G.M. Escursione T, per turisti, che da Manzano ci porta a visitare il Caposaldo Austro-Ungarico di Nagià-Grom (768). Descrizione breve: percorso tematico

Dettagli

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015.

INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. INTERVENTO PER IL 70 ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE E DELLA FINE DEL SECONDO CONFLITTO MONDIALE 25 APRILE 2015. A tutti gli oggionesi, ai rappresentanti delle Istituzioni, alle autorità militari e di polizia,

Dettagli

Il nome. Posizione e confini. Matteo Taricco

Il nome. Posizione e confini. Matteo Taricco Matteo Taricco Il nome La Liguria deriva il proprio nome dai Liguri, che 2000 anni fa furono i primi abitanti non solo dell attuale regione, ma di un vastissimo territorio compreso fra il Rodano e l Arno.

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone)

I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) I PAESI ALPINI (Noemy Seddone) IL TERRITORIO I paesi alpini in Europa sono sette: Italia, Francia, Austria, Germania, Slovenia,Croazia. Completamente all interno delle Alpi troviamo la Svizzera, l Austria

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Un antica casa che non ha patito nella ristrutturazione. In basso: la storia di Langa è passata da

Un antica casa che non ha patito nella ristrutturazione. In basso: la storia di Langa è passata da 1 Un antica casa che non ha patito nella ristrutturazione. In basso: la storia di Langa è passata da questi ciabot, quando i nostri nonni li adoperavano per riempirli di foraggi o forse anche come umile

Dettagli

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF

La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF La conservazione del biocorridoio Alpi-Appennini Un approccio ecoregionale WWF Mauro Belardi, Dario Ottonello e Giorgio Baldizzone Convegno Internazionale La gestione di rete Natura 2000: esperienze a

Dettagli

Reportage. Le Cinque. Terre. di Roberta Furlan. Foto di Maurizio Severin. Il borgo di Vernazza

Reportage. Le Cinque. Terre. di Roberta Furlan. Foto di Maurizio Severin. Il borgo di Vernazza Le Cinque Terre di Roberta Furlan Foto di Maurizio Severin 14 Il borgo di Vernazza La tentazione di ignorare la sveglia che suona alle quattro del mattino, per ricordarci l appuntamento alle Cinque Terre,

Dettagli

CONCORSO A PREMI DISEGNA IL TUO CAVALLO SECONDA EDIZIONE 2009-2010

CONCORSO A PREMI DISEGNA IL TUO CAVALLO SECONDA EDIZIONE 2009-2010 CONCORSO A PREMI DISEGNA IL TUO CAVALLO SECONDA EDIZIONE 2009-2010 Per far conoscere il cavallo ai più giovani avvicinandoli ai valori di contatto con la natura, di sport sano e di amore verso gli animali

Dettagli

favola di Eleonora Eleonori

favola di Eleonora Eleonori LA LA STORIA STORIA DEL DEL PICCHIO PICCHIO FILIPPO FILIPPO favola di Eleonora Eleonori Questa è la storia del picchio Filippo e della sua famiglia composta di moglie e tre figlioletti: Rino, Pino e Mino.

Dettagli

La Fontana addormentata

La Fontana addormentata La Fontana addormentata di Giuliano Borgianelli Spina A dicembre dello scorso anno è stato effettuato un sopralluogo nella Riserva Naturale dell Insugherata; vi parteciparono rappresentanti di alcune associazioni

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ОБЛАСТЕН КРЪГ 01.02.2014 VIII клас I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Per studiare la scheda avete 3 minuti. Sentirete il testo

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OPENLAB - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana

Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria. 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Cap. 2. L ex- deposito ATAC e il quartiere Della Vittoria 1. Le prime linee tranviarie elettrificate a Roma e l espansione urbana Fig. 1 Foto aerea del 1924 Il deposito ha avuto un ruolo importante nelle

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE

Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE Raffaele Marino SUONANDO LA TRADIZIONE PETINESE A una persona speciale che mi ha dato lo sprint e la fantasia di scrivere. E a mia nonna che mi ha concesso di visionare le sue ricette. Prefazione Vita

Dettagli

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia NOVE DA FIRENZE www.nove.firenze.it http://www.nove.firenze.it/levoluzione-della-cartografia-militare-dai-lorena-ai-savoia.htm L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia sabato 07 novembre

Dettagli

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA

LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA OTTOBRE-NOVEMBRE 2009 LABORATORIO SUI COLORI INSIEME A BETTY E MORENA CAMPO DI ESPERIENZA PRIVILEGIATO: LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE OBIETTIVI Scoprire i colori derivati:(come nascono, le gradazioni,

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

ANALISI DELLO STILE E DEL METODO DELLE RAZZE DA SEGUITA PIU RAPPRESENTATE IN ITALIA IN PROVE

ANALISI DELLO STILE E DEL METODO DELLE RAZZE DA SEGUITA PIU RAPPRESENTATE IN ITALIA IN PROVE Bentivoglio, 1 dicembre 2012 ANALISI DELLO STILE E DEL METODO DELLE RAZZE DA SEGUITA PIU RAPPRESENTATE IN ITALIA IN PROVE GIAN CARLO BOSIO IO NON CONOSCO VERITA ASSOLUTE, MA SONO UMILE DI FRONTE ALLA MIA

Dettagli

RESOCONTO FINALE DEL PROGETTO CONTROLLO DEL RANDAGISMO NEL COMUNE DI ROCCA D EVANDRO IN PROVINCIA DI CASERTA APRILE 2011

RESOCONTO FINALE DEL PROGETTO CONTROLLO DEL RANDAGISMO NEL COMUNE DI ROCCA D EVANDRO IN PROVINCIA DI CASERTA APRILE 2011 RESOCONTO FINALE DEL PROGETTO CONTROLLO DEL RANDAGISMO NEL COMUNE DI ROCCA D EVANDRO IN PROVINCIA DI CASERTA APRILE 2011 Rocca D Evandro è un comune di circa 3500 abitanti e fa parte della Provincia di

Dettagli

Sudafrica. Cape Town. la culla dell umanità. Marzo - Aprile 2015

Sudafrica. Cape Town. la culla dell umanità. Marzo - Aprile 2015 Cape Town Sudafrica la culla dell umanità Marzo - Aprile 2015 Incentive 2014 Cape Town: è frizzante come la Londra degli Anni 60 e vive un anno straordinario sotto il segno della creatività. Per il Guardian

Dettagli

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale

Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Fare scienze: dalla lettura di una storia affascinante sino ad un incontro speciale Sempre più in questi ultimi anni ci siamo rese conto che è possibile promuovere, ovvero trasmettere in modo efficace,

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli