CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA"

Transcript

1 CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA VIII LEGISLATURA 23 a SEDUTA PUBBLICA RESOCONTO STENOGRAFICO martedì 20 giugno 2006 Presidenza del Presidente PEPE INDICE Presidente pag. 3 Processo verbale» 3 Congedi» 4 Risposte scritte ad interrogazioni» 4 Assegnazioni alle Commissioni» 4 Interrogazioni e interpellanza presentate» 5 Ordine del giorno» 5 Loperfido» 7 Interrogazioni e interpellanze urgenti Presidente pag. 7 Interrogazione urgente a firma del consigliere Damone: Riorganizzazione del Dipartimento forestale di Foggia Presidente» 7

2 Atti consiliari della Regione Puglia 2 VIII Legislatura Russo, assessore all agricoltura, all alimentazione, all acquacoltura, alle foreste, alla caccia e alla pesca pag. 8 Damone» 8 Interrogazione urgente a firma del consigliere Pellegrino: Stato di attuazione delle leggi regionali n. 20/1999 e n. 18/1997 Interrogazione urgente a firma del consigliere Pellegrino: Concorso interno per n. 20 posti di analista riservato al personale della regione Puglia Presidente» 8 Interrogazione urgente a firma del consigliere Rollo: Richiesta revoca deliberazione Giunta regionale n del 30/11/2005 Presidente» 9 Interrogazione urgente a firma del consigliere Olivieri: Agitazione personale Sovrintendenza archeologica di Bari Presidente» 9 Lomelo, assessore alla pubblica istruzione, all università, ai beni culturali, ai musei, agli archivi, alle biblioteche e alla ricerca scientifica» 9 Olivieri» 9 Interrogazione urgente a firma dei consiglieri Marmo N., Saccomanno, Attanasio, Congedo, Lospinuso, Ruocco e Silvestris: Commissari straordinari EDI- SU Presidente» 9 Lomelo, assessore alla pubblica istruzione, all università, ai beni culturali, ai musei, agli archivi, alle biblioteche e alla ricerca scientifica» 10,11 Saccomanno» 10 Interpellanza urgente a firma del consigliere Lospinuso: Esorbitanti inviti di pagamento del Consorzio Stornara e Tara agli utenti Interpellanza urgente a firma del consigliere Lospinuso: Grave crisi del Consorzio di bonifica Stornara e Tara Presidente pag. 11 Saccomanno» 11 Prosieguo esame: «DDL n. 9 del 01/02/2006 Istituzione dell Avvocatura regionale» Presidente» 11,15 Palese» 11,12,14,15 Frisullo, Vicepresidente della Giunta regionale e assessore alle attività produttive, all'industria, all'industria energetica, all'artigianato, al commercio, all'innovazione tecnologica, alle fiere e ai mercati» 12,13 Saccomanno» 15 Potì» 15 Esame articolato Presidente» 16,18,19,20, 21,22,23,24 Palese» 17,22 Ventricelli, relatore» 17,20 Saccomanno» 19 Olivieri» 19,21 Loperfido» 19,20 Lonigro» 21,22 Damone» 21 Vendola, Presidente della Giunta regionale» 23 Frisullo, Vicepresidente della Giunta regionale e assessore alle attività produttive, all'industria, all'industria energetica, all'artigianato, al commercio, all'innovazione tecnologica, alle fiere e ai mercati» 23 Ordine del giorno Borraccino, De Santis, Bonasora, Giampaolo, Potì, Lomelo del 22/03/2006 Progetto GAR- GANO Presidente» 24

3 Atti consiliari della Regione Puglia 3 VIII Legislatura PRESIDENZA DEL PRESIDENTE PEPE PRESIDENTE. La seduta è aperta (ore 11,40). Processo verbale PRESIDENTE. Do lettura del processo verbale della seduta n. 22 del 12 giugno 2006: Presidenza del Presidente Pepe indi del Vicepresidente Mineo indi del Presidente Pepe La seduta ha inizio alle ore 11,18 con la lettura e l'approvazione del processo verbale della seduta del Hanno chiesto congedo i consiglieri Manco, Rollo e Tarquinio. Viene data lettura delle interrogazioni cui è pervenuta risposta scritta e delle interrogazioni presentate. Primo argomento in discussione è il ddl n. 12 del 07/03/2006 Disciplina della tutela e dell'uso della costa. Il Presidente ricorda che nella seduta precedente è stato votato l'art. 1, pertanto si deve procedere dall'esame dell'art. 2. Il cons. Loperfido, ai sensi dell'art. 49 del Regolamento interno del Consiglio regionale, comunica alla Segreteria del Consiglio la propria assenza dall'aula al momento delle votazioni. In sede d esame dell emendamento contrassegnato con il numero 2 all'art. 3, il consigliere Palese, a nome del Gruppo FI, chiede che la votazione avvenga a scrutinio segreto. Il Presidente indice la votazione. Il Segretario Bonasora procede all'appello. Al termine il Presidente proclama l'esito della votazione: Presenti 57 Votanti 56 Astenuti 1 (Pres. Pepe) Hanno votato si 18 Hanno votato no 38 Risultano assenti i consiglieri Canonico, Caroppo, Copertino, Gentile, Loperfido, O- gnissanti, Pelillo, Ruocco, Santaniello e Tedesco. L emendamento è, pertanto, respinto. Dopo la votazione dell'art. 7, il Presidente sospende la seduta (La seduta, sospesa alle ore 13.11, riprende alle ore 14.54). In sede di votazione dell'art. 13 i consiglieri Ruocco, Saccomanno e Lospinuso chiedono che la votazione avvenga per appello nominale. Il Presidente indice la votazione. Il Segretario Bonasora procede all'appello, iniziando dal cons. Giampaolo, nominativo estratto a sorte a norma di Regolamento (sostituzione alla Presidenza del Presidente Pepe con il Vicepresidente Mineo). Al termine, il Presidente comunica l'esito della votazione: Presenti 44 Votanti 41 Astenuti 2 (Pres. Pepe, cons. Damone) Non partecipanti al voto 1 (cons. Loperfido) Hanno votato si 30 Hanno votato no 11 Risultano assenti i consiglieri Attanasio, Canonico, Cappellini, Caroppo, Cassano, Chiarelli, Cioce, Introna, Laurora, Loizzo, Losappio, Marmo N., Pelillo, Santaniello, Silvestris, Stefano, Surico, Tagliente, Tedesco, Vendola, Ventricelli e Visaggio. L'articolo 13 viene, pertanto, approvato a maggioranza. In sede di votazione dell art. 18 si registra la sostituzione alla Presidenza del Vicepresidente Mineo con il Presidente Pepe. Concluso l esame dell'articolato, il Presidente pone in votazione il disegno di legge, che è approvato a maggioranza con il voto contrario dei Gruppi AN, UDC, La Puglia prima di tutto e Gruppo per le autonomie (risultano assenti i Gruppi FI, PSDI, Nuovo PSI e Misto). L'assessore Frisullo chiede che la legge venga dichiarata urgente. La richiesta, posta ai

4 Atti consiliari della Regione Puglia 4 VIII Legislatura voti, è approvata all'unanimità (risultano assenti i Gruppi FI, PSDI, Nuovo PSI e Misto). Secondo argomento in discussione è il ddl n. 9 del 01/02/2006 Istituzione dell'avvocatura regionale. Il consigliere Ventricelli, Presidente della II Commissione, svolge la relazione. I consiglieri Palese e Olivieri chiedono il rinvio dell esame del provvedimento in oggetto alla prossima seduta consiliare. Il Consiglio concorda. Terzo argomento in discussione è la deliberazione n del 06/08/2005 aziende agricole di proprietà regionale Amministrazione Determinazioni. Il Presidente Pepe comunica la riassegnazione del provvedimento alla II Commissione per un ulteriore approfondimento. Il Presidente dichiara tolta la seduta. Il Consiglio è convocato per martedì 20 giugno p.v. alle ore La seduta termina alle ore Non essendovi osservazioni, il processo verbale s intende approvato. Congedi PRESIDENTE. Hanno chiesto congedo i consiglieri Cioce, Laurora, Manco, Tagliente e Tarquinio. Non essendovi osservazioni, i congedi si intendono concessi. Invito il Segretario generale del Consiglio a dare lettura delle comunicazioni all Assemblea. Risposte scritte ad interrogazioni GUACCERO, Segretario generale del Consiglio. È pervenuta risposta scritta alle seguenti interrogazioni: - Palese: Parcheggi per auto nell ex Vito Fazzi e nell ex OPIS di Lecce ; - Saccomanno, Attanasio, Congedo, Lospinuso, Marmo N., Ruocco e Silvestris: Nomina del Direttore scientifico dell ARPA. Assegnazioni alle Commissioni GUACCERO, Segretario generale del Consiglio. Sono state effettuate le seguenti assegnazioni: Commissione II Richiesta parere deliberazione della Giunta regionale n. 618 del 15/05/2006 Regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari ai sensi degli artt. 20 e 21 del d.lgs. 196/2003 e regolamento regionale n. 5 del 25/05/2006 pubblicato sul BURP n. 65 del 30/05/2006. Commissione III Proposta di legge a firma dei consiglieri Potì, Bonasora Borraccino, Cioce, Lomelo, Pentassuglia, Visaggio, Mita Norme in materia di riordino del settore farmaceutico regionale ; Proposta di legge a firma dei consiglieri Cappellini, Marmo G., Ognissanti, Pelillo, Stefàno, Minervini, Russo, Olivieri Istituzione della Banca regionale con relativo registro di sangue di cordone ombelicale ; Richiesta parere deliberazione della Giunta regionale n. 813 del 13/06/2006 Schema di regolamento regionale Modifica dell art. 5 del regolamento regionale n. 16 del 06/04/2005. Legge regionale 28/05/2004, n. 8 art. 3: fabbisogno di posti letto delle strutture private eroganti prestazioni in regime di ricovero ospedaliero a ciclo continuativo e/o diurno. Commissione IV Proposta di legge a firma dei consiglieri Stefàno, Marmo G., Cappellini, Pelillo, Ognissanti, Olivieri Disciplina delle attività agrituristiche.

5 Atti consiliari della Regione Puglia 5 VIII Legislatura Commissione V Proposta di legge a firma dei consiglieri Cappellini, Marmo G., Ognissanti, Pelillo, Stefàno, Minervini, Russo, Olivieri Modifica al comma 2 dell art. 36 (Disposizioni in materia di edilizia residenziale agevolata) della l.r. 9 dicembre 2002, n. 20 ; Richiesta parere deliberazione della Giunta regionale n. 778 del 06/06/2006 Misure urgenti per il contenimento dell inquinamento luminoso e per il risparmio energetico (Regolamento). Commissione VII Proposta di legge dell Ufficio di Presidenza Disciplina della Conferenza regionale permanente per la programmazione economica, territoriale e sociale. Commissione I e sig.ri cons. (ai sensi dell art. 13, comma 2, della l.r. 19/2005) Deliberazione della Giunta regionale n. 696 del 30/05/2006 Variazione di bilancio ai sensi dell art. 42, comma 2, della legge regionale 28/2001 Upb 8.3 Settore foreste. Attività antincendio 2006 Cap ; Deliberazione della Giunta regionale n. 718 del 30/05/2006 Direttiva P.C.M. 29 settembre Attuazione interventi urgenti connessi a criticità idrauliche. Variazione al bilancio esercizio 2006, con istituzione nuovi capitoli di entrata e di spesa, ai sensi della l.r. n. 28/2001 e l.r. n. 19/2005 ; Deliberazione della Giunta regionale n. 776 del 06/06/2006 Accordo di programma quadro Interventi a sostegno dello sviluppo locale. Atto integrativo 2 finanziato dalla delibera CIPE n. 20/2004. Disposizioni organizzative e di gestione e variazioni al bilancio di previsione 2006 ; Deliberazione della Giunta regionale n. 799 del 06/06/2006 Accordo di programma quadro Trasporti, aeroporti e viabilità. Delibera CIPE n. 20/2004. Disposizioni attuative e variazioni al bilancio di previsione Interrogazioni e interpellanza presentate GUACCERO, Segretario generale del Consiglio. Sono state presentate le seguenti interrogazioni: - Palese (con richiesta di risposta scritta): Sostituzione dei Direttori dei Distretti socio sanitari ASL FG/3 ; - Palese, Tagliente (con richiesta di risposta scritta): Situazione infermieristica negli ospedali tarantini ; - Surico (con richiesta di risposta scritta): Iniziative umanitarie per prestazioni sanitarie Puglia-Albania ; - Palese, Baldassarre (con richiesta di risposta scritta): ASL LE/2 Poggiardo Chiusura reparto Oncologia per festa patronale ; - Maniglio (con richiesta di risposta scritta): Reparto di pediatria dell ospedale di Copertino ; - Palese (con richiesta di risposta scritta): POR Puglia Campagna di comunicazione e pubblicità per lo sviluppo del turismo pugliese incoming lungo le direttrici autostradali italiane Delibera G.R. n. 805/2006 ; e la seguente interpellanza: - Lonigro: Richiesta di potenziamento servizio di guardia medica ASL FG/3. Ordine del giorno PRESIDENTE. L ordine del giorno reca i seguenti argomenti: 1) Interrogazioni e interpellanze urgenti;

6 Atti consiliari della Regione Puglia 6 VIII Legislatura 2) Interrogazioni e interpellanze; 3) Prosieguo esame DDL n. 9 del 01/02/2006 Istituzione dell Avvocatura regionale (rel. cons. Ventricelli); 4) Proposta di legge Zullo, Damone Istituzione di una commissione d indagine sull applicazione della legge regionale 3 aprile 1995, n. 12, recante norme relative agli interventi per la tutela degli animali d affezione e prevenzione dal randagismo (rel. cons. Ventricelli); 5) Proposta di legge Ruocco, Attanasio, Saccomanno, Congedo, Lospinuso, Marmo N., Silvestris Norme sulla trasparenza nei concorsi e nella selezione del personale nella Regione e nelle Amministrazioni e Società regionali (iscritta all'ordine del giorno ai sensi dell art. 17 del regolamento interno del Consiglio); 6) Proposta di legge Zullo, Damone Istituzione della banca regionale di sangue di cordone ombelicale (iscritta all'ordine del giorno ai sensi dell art. 17 del regolamento interno del Consiglio); 7) Proposta di legge Cioce Modifica alla legge regionale 30 dicembre 2005, n. 20 (Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione 2006 e bilancio pluriennale della Regione Puglia) (rel. cons. Ventricelli); 8) Ordine del giorno Chiarelli, Franzoso, Laurora, Baldassarre, Cassano, Damone, Loperfido, Brizio del 27/12/2005 Adesione alle proposte di amnistia e indulto ; 9) Ordine del giorno Franzoso, Palese, Fitto, Cassano, Chiarelli, Damone del 02/02/2006 Piano regionale di riordino della rete scolastica anno ; 10) Ordine del giorno Palese del 28/02/2006 Nomina dei Direttori generali delle Aziende sanitarie locali, ai sensi dell1art. 2, comma 5, della legge 1 febbraio 2006, n. 43 ; 11) Mozione Lomelo del 21/03/2006 Tutela degli animali per la produzione di pellicce ; 12) Ordine del giorno Borraccino, De Santis, Bonasora, Giampaolo, Potì, Lomelo del 22/03/2006 Progetto GARGANO ; 13) Ordine del giorno Marmo N., Silvestris del 22/05/2006 Istituzione di sedi decentrate dell Università di Bari e Foggia nella provincia di Barletta-Andria-Trani ; 14) Comitato regionale per la gestione ottimale delle risorse idriche Designazione di sei esperti nei diversi profili tecnici, economici e giuridici nella materia dei servizi idrici (legge regionale 6 settembre 1999, n art. 13, comma 3, lettera g)) (rel. cons. Ventricelli); 15) Provveditorato agli studi di Bari Nucleo provinciale di supporto tecnico amministrativo all'autonomia Designazione di un rappresentante regionale (decreto Ministro pubblica istruzione 27 novembre 1997, n art. 3) (rel. cons. Ventricelli); 16) Commissione censuaria Comune di Barletta Designazione di un rappresentante (legge 23 dicembre 1996, n. 662 art. 3, comma 154) (rel. cons. Ventricelli). Desidero salutare gli studenti del corso di laurea di Scienze della comunicazione, iscritti alla Facoltà di Scienze della formazione di Bari, che stanno seguendo uno stage presso l Ordine dei giornalisti di Puglia. Sono accompagnati dal giornalista Michele Ficarella, al quale chiedo di portare i miei saluti e quelli dell intero Consiglio al Presidente dell Ordine dei giornalisti, Michele Partipilo. Informo il Consiglio che la Conferenza dei Capigruppo ha adottato le seguenti decisioni: il Consiglio regionale sarà convocato nei giorni 27, 28, 29 e 30 giugno (dalle ore 10,30 fino alle ore 21,00, tranne il giorno 27, quando i lavori si chiuderanno alle ore 18,00, per impegni di alcuni Gruppi consiliari), l 11 e il 12 luglio, per esaminare l assestamento di bilancio, il 25, 26 e 27 luglio per esaminare le questioni relative alla sanità. Tale programma è stato concordato all unanimità da parte di tutti i Presidenti dei Gruppi.

7 Atti consiliari della Regione Puglia 7 VIII Legislatura Per quanto riguarda i lavori odierni, la Conferenza dei Capigruppo ha stabilito di dedicare la prima ora alle interrogazioni, quindi di passare all esame del provvedimento relativo all istituzione dell Avvocatura regionale e, successivamente, all approvazione dell ordine del giorno inerente il Progetto Gargano. LOPERFIDO. Domando di parlare. LOPERFIDO. Signor Presidente, prendo la parola per rivolgere gli auguri al dottor Morlacco, al quale la Giunta regionale ha rinnovato l incarico. Si tratta di una circostanza sicuramente positiva per il dottor Morlacco, ma anche per noi: significa che quel Piano sanitario che ci ha fatto perdere la campagna elettorale, che avete attaccato e che state cercando di modificare, era valido. Complimenti, quindi, alla maggioranza per la scelta, che ci dà ragione, di rinnovare l incarico al dottor Morlacco. PRESIDENTE. Ci associamo, come sempre, ma distinguiamo il lavoro di indirizzo di una Giunta dall esecuzione ad opera dei funzionari, che, per il principio della leale collaborazione, collaborano con ogni Giunta, di qualsiasi colore essa sia. Interrogazioni e interpellanze urgenti PRESIDENTE. L ordine del giorno, al punto n. 1), reca: «Interrogazioni e interpellanze urgenti». Interrogazione urgente a firma del consigliere Damone: Riorganizzazione del Dipartimento forestale di Foggia PRESIDENTE. È stata presentata, a firma del consigliere Damone, un interrogazione urgente Riorganizzazione del Dipartimento forestale di Foggia, della quale do lettura: «Al Presidente della Giunta regionale e agli assessori alle risorse umane e alle risorse agroalimentari. Premesso che - l assessore alle Risorse Umane e alla Trasparenza ha proceduto alla riorganizzazione delle strutture regionali e con la decisione assunta (riduzione del numero dei dirigenti e quindi delle strutture) ha determinato un ritorno al passato, allorché tutti i provvedimenti dovevano essere istruiti a livello periferico e formalizzati a livello centrale; - dopo aver registrato i notevoli ritardi causati dalla procedura suindicata, la passata Giunta regionale aveva assegnato i codici Cifra agli uffici periferici con notevoli vantaggi organizzativi e risposte immediate agli utenti; - la nuova organizzazione è altamente penalizzante per le Province pugliesi in quanto la gente lamenta questa nuova, moderna (diciamo così) impostazione politica fonte della cultura centralistica e centralizzata di vecchia memoria e obbediente al potere unico e sopraordinato; - alcuni Comuni del Subappennino Dauno, in presenza di frane e smottamenti, prima dell'inizio dei lavori per le opere di contenimento sono tenuti a richiedere il nulla osta del Dipartimento Forestale della Provincia competente per territorio; - l aver riassegnato solo al settore regionale le competenze relative al rilascio, causa ritardi nell'inizio dei lavori e danni notevolissimi sotto il profilo economico, in un territorio geologicamente caratterizzato da continui episodi franosi; - interessato il responsabile regionale, lo scrivente ha registrato l'assoluta indifferenza del predetto che, penso, si ritiene il padrone della gestione, peraltro caratterizzata da rinvii e indifferenza; - la Provincia di Foggia ha la maggiore su-

8 Atti consiliari della Regione Puglia 8 VIII Legislatura perficie boschiva dell'intera regione, un patrimonio forestale molto esteso e di interesse nazionale e la quasi totalità dei territori a rischio idrogeologico della Puglia. Si interrogano - per conoscere i provvedimenti che si intendono adottare con urgenza per ripristinare le funzionalità delle strutture periferiche che, a parere dell'interrogante, non possono essere considerate posizioni organizzative ; - per tentare, in via subordinata, di organizzare e di disciplinare l'attività dell'intero Dipartimento di Foggia, con provvedimenti da e- mettere in autonomia senza attendere le cortesie del coordinatore, il quale ritiene che gli uffici periferici possano rimanere immobili, in quanto i tempi del rilascio di certificazioni e nulla osta devono dipendere solo ed esclusivamente dalla sua disponibilità; - se non sia il caso di ripristinare la posizione di Ufficio, sempre che tale richiesta venga valutata e condivisa dall'assessore Minervini che con scrupolo segue ed è anche capace di rivedere le impostazioni generali in quanto consapevole della delicatezza che la problematica riveste». Il rappresentante della Giunta regionale ha facoltà di rispondere a questa interrogazione. RUSSO, assessore all agricoltura, all alimentazione, all acquacoltura, alle foreste, alla caccia e alla pesca. L interrogante chiede di conoscere, alla luce della riorganizzazione avvenuta, quali provvedimenti si intendono adottare per ripristinare le funzionalità delle strutture periferiche. L accorpamento che abbiamo voluto fare rientrava nell ordine dell assegnazione delle posizioni organizzative. Ci rendiamo perfettamente conto lo abbiamo potuto rilevare nei fatti che la provincia di Foggia in particolare abbisogna di un intervento per una riorganizzazione più funzionale, in conseguenza delle sue specificità territoriali. Ci siamo posti il problema e procederemo all individuazione di un responsabile della struttura periferica, che potrà, con delega assegnata, firmare direttamente le autorizzazioni nei confronti di chi si rivolge all ufficio medesimo. Ci è sembrato che questo fosse un modo per venire incontro alle esigenze della provincia di Foggia, che pone con particolare urgenza la necessità di affrontare questo problema. PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare l interrogante. DAMONE. Nel prendere atto della risposta dell assessore Russo, chiedo che, oltre alla delega, si preveda la presenza di un dirigente presso il Dipartimento forestale di Foggia. Sottolineo che nella provincia di Foggia ricade il 50% della realtà boschiva regionale. Sono noti i problemi che riguardano la Foresta Umbra, ma anche altre realtà boschive. Non si tratta, dunque, dell assegnazione delle posizioni organizzative, ma della necessità di individuare un dirigente d ufficio. Del resto, è profondamente ingiusto che il Dipartimento forestale di Foggia abbia subito finora questa mortificazione. Interrogazione urgente a firma del consigliere Pellegrino: Stato di attuazione delle leggi regionali n. 20/1999 e n. 18/1997 Interrogazione urgente a firma del consigliere Pellegrino: Concorso interno per n. 20 posti di analista riservato al personale della regione Puglia PRESIDENTE. Comunico che le interrogazioni urgenti a firma del consigliere Pellegrino: Stato di attuazione delle leggi regionali n. 20/1999 e n. 18/1997 e Concorso interno per n. 20 posti di analista riservato al personale della regione Puglia si intendono decadute, stante l assenza del proponente.

9 Atti consiliari della Regione Puglia 9 VIII Legislatura Interrogazione urgente a firma del consigliere Rollo: Richiesta revoca deliberazione Giunta regionale n del 30/11/2005 PRESIDENTE. Comunico che l interrogazione urgente a firma del consigliere Rollo: Richiesta revoca deliberazione Giunta regionale n del 30/11/2005, si intende decaduta, stante l assenza dell interrogante. Interrogazione urgente a firma del consigliere Olivieri: Agitazione personale Sovrintendenza archeologica di Bari PRESIDENTE. È stata presentata, a firma del consigliere Olivieri, un interrogazione urgente: Agitazione personale Sovrintendenza archeologica di Bari, della quale do lettura: «All assessore al Mediterraneo e alle attività culturali e all assessore al diritto allo studio. Premesso: - che da notizie di stampa si apprende dello stato di agitazione indetto dal personale della Sovrintendenza Archeologica di Bari: - che tale stato di agitazione è dovuto ai tagli della Legge Finanziaria del 2006; - che tali tagli, oltre ai danni economici che arrecheranno ai dipendenti della Sovrintendenza, non permetteranno di garantire neanche la manutenzione ordinaria, creando di fatto gravi problemi alla tutela ed alla conservazione del patrimonio archeologico della intera Regione, Si chiede alle SS.LL. 1. di intervenire presso il competente Ministero affinché venga scongiurato uno stato di abbandono delle nostre bellezze archeologiche; 2. ove possibile, di intervenire direttamente con risorse regionali affinché siano contenuti i danni che la Finanziaria 2006 provocherà al nostro patrimonio archeologico, meta turistica di grande rilevanza nazionale ed internazionale (leggasi Gargano, Salento, Egnazia, ecc.).» Il rappresentante della Giunta regionale ha facoltà di rispondere a questa interrogazione. LOMELO, assessore alla pubblica istruzione, all università, ai beni culturali, ai musei, agli archivi, alle biblioteche e alla ricerca scientifica. Preciso che il problema riguarda, soprattutto, il Ministero per i beni culturali. Come è noto, essendo quel Ministero sempre a corto di denari, erano stati tagliati dei fondi necessari per portare avanti le attività intraprese. L assessorato che dirigo, avendo la delega per i beni culturali, ha sollecitato il nuovo Ministro affinché tenga in debita considerazione le giuste aspettative dei dipendenti delle Sovrintendenze. PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare l interrogante. OLIVIERI. Ringrazio l assessore Lomelo per la risposta. Ricordando che la Sovrintendenza non ha ancora risolto i gravi problemi che riguardano i siti archeologici della regione Puglia, prendo atto della disponibilità dell assessore Lomelo, consapevole della necessità di un intervento del Governo regionale. Penso, ad esempio, alla possibilità di un tavolo di concertazione con la Sovrintendenza, per capire come possiamo intervenire, sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista logistico. Interrogazione urgente a firma dei consiglieri Marmo N., Saccomanno, Attanasio, Congedo, Lospinuso, Ruocco e Silvestris: Commissari straordinari EDISU PRESIDENTE. È stata presentata, a firma dei consiglieri Marmo N., Saccomanno, Attanasio, Congedo, Lospinuso, Ruocco e Silvestris, un interrogazione urgente: Commissari straordinari EDISU, della quale do lettura:

10 Atti consiliari della Regione Puglia 10 VIII Legislatura «Al Presidente della Giunta regionale e all assessore al diritto allo studio. I sottoscritti, Marmo dott. Nicola, Saccomanno dott. Michele, Attanasio dott. Tommaso, Congedo dott. Saverio, Lospinuso Avv. Pietro, Ruocco Avv. Roberto e Silvestris dott. Sergio, consiglieri regionali, Premesso: che con deliberazione n del 4 ottobre 2005 la Giunta Regionale, su proposta dell Assessore allo Studio, ha proceduto ai sensi dell'articolo 20 della L. R. 12/2005, allo scioglimento dei 5 EDISU operanti in Puglia; che contestualmente, con la stessa delibera, sono stati designati i nuovi Commissari straordinari e successivamente nominati con Decreto del Presidente della Giunta Regionale; che come sancito dall'art. 20 della L. R. 12/2005, nella delibera era previsto che i Commissari straordinari dovevano restare in carica sino all'approvazione della legge di riforma degli EDISU e, comunque, non oltre il (termine perentorio); che, come ampiamente previsto nel dibattito in Aula, la legge di riforma non è stata ancora approvata, il mandato dei Commissari è scaduto, gli EDISU della Puglia sono immobilizzati con grave danno per gli studenti; che l'immobilismo della Giunta Regionale mortifica le rappresentanze di Professori, Studenti, Ricercatori ed Associazioni che hanno già eletto i propri membri in seno al Consiglio di Amministrazione; che, soprattutto gli Studenti, hanno riscontrato gravi disagi dal commissariamento degli EDISU che ha comportato: mancanza di un controllo sulla destinazione della tassa regionale di 77,47 euro, e di tutti i fondi all Ente destinati; disagi sull assegnazione degli alloggi (per gli iscritti alle lauree specialistiche) a causa del mancato aggiornamento delle graduatorie; mancanza di un organo che garantisca la trasparenza delle attività dell'ente; mancato rapporto tra l EDISU e gli studenti a causa dell assenza del Consiglio di Amministrazione (formato anche da una rappresentanza studentesca eletta). Tutto ciò premesso, i sottoscritti consiglieri chiedono di conoscere: - se il Settore competente ha approntato un testo per la riforma degli EDISU, e quali sono i tempi che si prevedono per la sua approvazione definitiva; - quali provvedimenti si intendono prendere per risolvere il problema del commissariamento scaduto, perentoriamente, il 31 gennaio 2006, atteso che tutti gli atti adottati e da a- dottare dal Commissario sono nulli e quindi facilmente impugnabili; - se non si intende comunque, atteso quanto sopra esposto, ricostruire il Consiglio di Amministrazione in riferimento alla Legge Regionale 5 luglio 1996 n. 12 ancora in vigore. Si chiede risposta urgente». Il rappresentante della Giunta regionale ha facoltà di rispondere a questa interrogazione. LOMELO, assessore alla pubblica istruzione, all università, ai beni culturali, ai musei, agli archivi, alle biblioteche e alla ricerca scientifica. L interrogazione, naturalmente, riguarda il primo periodo del commissariamento, con scadenza al 31 gennaio Il Consiglio ha deliberato il prolungamento del periodo di commissariamento fino al Da poche settimane, stiamo lavorando per chiudere la fase del commissariamento e per arrivare, entro il 31 dicembre di quest anno, alla riforma degli EDISU, allo scopo di mettere fine alla difficoltà nella quale versa il mondo degli studenti e alle problematiche legate al commissariamento stesso. PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare l interrogante. SACCOMANNO. Ringrazio l assessore Lomelo per aver precisato le date, ma la nostra era un osservazione tutta politica, che pe-

11 Atti consiliari della Regione Puglia 11 VIII Legislatura raltro avevamo già espresso in Aula. Ci pareva, infatti, che fossero stati commissariati perfino gli studenti, ossia gli unici ad aver eletto in modo democratico i propri rappresentanti. A mio avviso, è necessario individuare, nelle pieghe della nuova legge, la possibilità di e- vitare che questo accada nuovamente, affinché gli studenti, quando eleggono i propri organi, non siano commissariati anch essi, per inadempienze della politica. Ritengo che questa aspettativa possa essere accolta dall assessore Lomelo, nulla togliendo alla possibilità di scegliere, per conto della Regione, persone diverse per gestire una situazione così difficile. PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare l assessore Lomelo. LOMELO, assessore alla pubblica istruzione, all università, ai beni culturali, ai musei, agli archivi, alle biblioteche e alla ricerca scientifica. Mi pare che i tre studenti eletti nel Consiglio di amministrazione mi abbiano sollecitato un incontro. Credo che, entro la settimana, li incontrerò per verificare quale possa essere il percorso più adeguato per un loro coinvolgimento. Interpellanza urgente a firma del consigliere Lospinuso: Esorbitanti inviti di pagamento del Consorzio Stornara e Tara a- gli utenti Interpellanza urgente a firma del consigliere Lospinuso: Grave crisi del Consorzio di bonifica Stornara e Tara PRESIDENTE. Comunico che le interpellanze urgenti a firma del consigliere Lospinuso: Esorbitanti inviti di pagamento del Consorzio Stornara e Tara agli utenti e Grave crisi del Consorzio di bonifica Stornara e Tara si intendono superate, essendo stata inviata risposta scritta. Informo il Consiglio che, stante l assenza dei proponenti, ma soprattutto degli assessori, sono costretto a sospendere lo svolgimento delle interrogazioni e delle interpellanze urgenti. SACCOMANNO. Domando di parlare. SACCOMANNO. Ci aspettiamo che lei richiami gli assessori ad essere presenti in Aula per rispondere alle interrogazioni. Considerato che, come consiglieri regionali, abbiamo pochi strumenti di intervento, se non approfittiamo almeno delle interrogazioni e delle interpellanze, tanto vale non partecipare nemmeno alle sedute del Consiglio. Non vorrei che l opposizione fosse presente in Aula solo per mantenere il numero legale. PRESIDENTE. Lei ha ragione. Invierò una nota formale al Presidente e al Vicepresidente, affinché non si ripeta questa situazione. Prosieguo esame: «DDL n. 9 del 01/02/2006 Istituzione dell Avvocatura regionale» PRESIDENTE. L ordine del giorno, al punto n. 3), reca: «Prosieguo esame: DDL n. 9 del 01/02/2006 Istituzione dell Avvocatura regionale». Ricordo che nella scorsa seduta il consigliere Ventricelli ha dato lettura della relazione. Dichiaro aperta la discussione generale. PALESE. Domando di parlare. PALESE. Signor Presidente, colleghi consiglieri, nella scorsa seduta abbiamo interrotto la discussione di questo provvedimento perché era insorto un problema relativo al referto finanziario.

12 Atti consiliari della Regione Puglia 12 VIII Legislatura Il referto adesso è disponibile, ma esso conferma anzi aggrava tutte le perplessità e- merse in sede di I Commissione. Vi si legge, infatti, che gli eventuali oneri a carico e conseguenti non sono prevedibili attualmente. In altre parole, ci accingiamo ad approvare un disegno di legge rispetto al quale, nel referto finanziario, si afferma la non prevedibilità dell ammontare delle risorse necessarie per garantire l attuazione della legge. Credo che questo problema debba essere affrontato. Dal momento che esiste un interesse generalizzato nei confronti dell istituzione e del successivo funzionamento dell Avvocatura regionale, a mio avviso sarebbe stato necessario prevedere come hanno fatto altre Regioni d Italia che l hanno istituita e come ho avuto modo di dire all assessore al bilancio nella precedente seduta un fondo per il funzionamento dell Avvocatura regionale. Purtroppo, non solo non si riscontra nulla di tutto questo, ma abbiamo un referto nel quale si afferma a chiare lettere l impossibilità di quantizzare gli oneri. Inoltre, si legge che per gli esercizi futuri sarà compensata la riduzione dei costi per incarichi conferiti a legali esterni nel limite delle decisioni favorevoli, da valutare, in caso di concorsi futuri, previa indicazione delle risorse necessarie, in sede di piano assunzionale. Questo è un altro problema che deve essere affrontato. Ritengo che l interesse principale del Presidente della Regione, della Giunta e del Consiglio regionale intero sia quello di varare questo provvedimento, ma con l accortezza di prevedere un adeguata copertura finanziaria per garantirne l attuazione e per assicurare il funzionamento del nuovo organo istituito. A mio avviso, contestualmente all approvazione della legge, si deve istituire il fondo per il funzionamento dell Avvocatura regionale. Credo che questo sia argomento preliminare rispetto all esame del provvedimento. Non possiamo permettere che il Consiglio regionale vari una legge priva di adeguata copertura finanziaria e, soprattutto, in assenza di un fondo che ne garantisca l attuazione. PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare l assessore Frisullo. FRISULLO, Vicepresidente della Giunta regionale e assessore alle attività produttive, all'industria, all'industria energetica, all'artigianato, al commercio, all'innovazione tecnologica, alle fiere e ai mercati. Signor Presidente, mi preme comunicare al consigliere Palese che gli uffici hanno perfezionato il referto tecnico, superando la possibilità di interpretazioni che hanno dato luogo a qualche critica. Nell attuale esercizio mi pare che venga affermato esplicitamente non vi sono oneri a carico, in quanto non si prevede un aggravio dei costi. Per gli esercizi successivi, si farà fronte agli oneri che interverranno, ma solamente con le poste di bilancio che si riterranno opportune. Peraltro, considerato che di qui a qualche settimana il Consiglio si occuperà del consuntivo e delle variazioni di bilancio, quella sarà la sede opportuna al massimo, si dovrà attendere il bilancio di fine anno per valutare la copertura per gli esercizi futuri. Credo, dunque, che le obiezioni sollevate dal consigliere Paese possano essere tranquillamente superate, essendo assolutamente chiaro che, per quanto riguarda l esercizio in corso, non vi sono costi aggiuntivi da coprire. PALESE. Domando di parlare. PALESE. Se ben comprendo le parole dell assessore Frisullo, stiamo parlando di una legge che avrà attuazione a decorrere dal primo gennaio Se è così, non v è dubbio che, in sede di discussione dello strumento

13 Atti consiliari della Regione Puglia 13 VIII Legislatura contabile, si debba creare il fondo e individuare le risorse necessarie, anche per il reclutamento del personale. Il problema, però, rimane, in quanto gli e- ventuali oneri non sono prevedibili e, sebbene la maggiore spesa a carico degli esercizi finanziari, a partire dal 2007, sarà compensata dalla riduzione dei costi per incarichi conferiti a legali esterni, come riportato nel referto, essa va comunque quantizzata. Personalmente suggerisco un capitolo di nuova istituzione, per cominciare a creare il fondo. Non si pensi che la Regione possa procedere alla nomina del coordinatore, attingendo alle risorse indistinte del personale. In tal caso, non si tratterebbe dell istituzione dell Avvocatura regionale, ma di qualcosa di diverso. Mi permetto di muovere queste osservazioni affinché l Avvocatura non sia solo istituita sulla carta, ma funzioni concretamente. È opportuno, lo ripeto, creare un capitolo di nuova istituzione, prevedendo una somma di circa mila euro. In seguito, al momento del bilancio di previsione 2007, questo fondo verrà incrementato secondo quanto la Giunta riterrà opportuno proporre all esame del Consiglio. In questo modo, il Consiglio regionale potrebbe varare la legge di istituzione dell Avvocatura regionale e, contestualmente, iniziare ad operare in maniera concreta, non solo sulla carta. Non credo che si possa ricorrere, così come è scritto, a un avviso pubblico ricordo che per questo occorre la copertura finanziaria, sia per il reclutamento del personale, sia per cominciare a organizzare l Avvocatura, rispetto alle disposizioni della legge. Posso anche comprendere che, rispetto ai mandati, alle trasferte e quant altro, ci sia una fase transitoria e che, per il momento, vi si faccia fronte ricorrendo ai capitoli esistenti. Tuttavia, se non accompagniamo la norma con la creazione di un fondo specifico, soprattutto per il futuro, commettiamo un errore. Faccio presente che le otto Regioni italiane che hanno già istituito l Avvocatura regionale hanno creato, contestualmente all approvazione della legge, un capitolo destinato al fondo per l Avvocatura regionale. A mio avviso, questo è un aspetto da rivedere, altrimenti il Governo regionale dovrà assumersi la responsabilità della sua scelta. Rispetto alle questioni sollevate, il chiarimento dell assessore Frisullo si riferisce al periodo successivo al primo gennaio 2007, non all attuazione immediata di questo provvedimento. Peraltro, abbiamo espresso osservazioni analoghe, in occasione del bilancio di previsione per il 2005, a proposito dei Consorzi di bonifica. Anche allora, lo ricordo, io e qualche altro collega dell opposizione suggerimmo l opportunità di una norma per far sì che le risorse che erano state stanziate all interno dei vari capitoli fossero rese disponibili. Non fummo ascoltati e per ottenere lo stesso risultato, in seguito, si approvò una leggina, su proposta dell assessore Russo. Signor Presidente, noi riteniamo che lei si debba far carico di queste osservazioni. Diversamente, non possiamo che ribadire che, nonostante l approvazione della legge, solo dal primo gennaio 2007, dopo l approvazione del nuovo bilancio di previsione della Regione, si potrà effettivamente parlare di istituzione dell Avvocatura regionale. PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare l assessore Frisullo. FRISULLO, Vicepresidente della Giunta regionale e assessore alle attività produttive, all'industria, all'industria energetica, all'artigianato, al commercio, all'innovazione tecnologica, alle fiere e ai mercati. Il collega Palese ha riproposto una questione che, in parte, abbiamo affrontato anche nella scorsa seduta. Non c è dubbio che, nel momento in cui l Avvocatura regionale provvederà, secondo

14 Atti consiliari della Regione Puglia 14 VIII Legislatura le disposizioni della legge, ad allestire la propria struttura in modo organico, avremo certamente dei costi aggiuntivi. Credo di poter affermare che solo con l esercizio del prossimo anno noi saremo in grado di reperire i fondi necessari per superare la fase di transizione, da qui alla fine dell anno. Qualcuno potrebbe ragionevolmente chiedersi, a questo punto, per quale ragione si voglia approvare la legge subito. La legge è necessaria per avviare una fase che dia elementi di certezza a tutto il settore. Non dimentichiamo, consigliere Palese, che l Ufficio legale, negli scorsi anni, è stato radicalmente indebolito e destrutturato, con provvedimenti anche giuntali che ne hanno decurtato il personale. Per non dire che a capo dell Ufficio legale è stato posto un soggetto che la Corte dei conti considerava e che noi consideriamo del tutto inidoneo a ricoprire quella funzione. Ricordo, infatti, che la direzione dell ufficio legale fu affidata al Capo di Gabinetto funzione che ha continuato a svolgere contestualmente dell allora Presidente della Regione Fitto. La Corte dei conti aveva chiarito, peraltro, che il soggetto a cui era stato affidato l incarico non aveva i titoli per assolvere allo stesso. Come dicevo, vogliamo risolvere la situazione di incertezza in cui si trova questo settore e tentare di definire un quadro normativo adeguato. Pertanto, il valore della legge, in questa fase, è di tipo organizzativo, nel senso che ci consente di superare i limiti dell Ufficio legale, così come oggi è strutturato, e di istituire, come hanno fatto altre Regioni, l Avvocatura regionale. Come ho già detto nel mio primo intervento, non escludo che già con il consuntivo e con le variazioni di bilancio, che verranno all esame dell Aula l 11 e il 12 luglio prossimi, si possa individuare compatibilmente con i tanti vincoli e le emergenze che segneranno la discussione sulle variazioni una posta finanziaria che consenta, già nei prossimi mesi, di rendere concrete alcune previsioni di questa legge. Tutto, ovviamente, è legato alle disponibilità finanziarie. Solo in sede di discussione delle variazioni di bilancio saremo in grado di valutare l effettiva disponibilità finanziaria per attuare almeno una parte della legge. Ciò non toglie valore alla circostanza che oggi, finalmente, diamo alla Puglia una buona legge, che ci consente di superare i limiti del passato, a partire da una fase transitoria. Questa legge, che ha un valore intrinseco, anche dopo le ripetute sollecitazioni da parte della Corte dei conti, significa una precisa scelta programmatica autonoma. Una scelta che abbiamo compiuto già nei mesi scorsi e che questa mattina vorremmo rendere concreta, almeno per quanto riguarda questa prima fase, dando alla Puglia una buona legge. PALESE. Domando di parlare. PALESE. Signor Presidente, è innegabile che, ai fini dell approvazione di questo provvedimento, come opposizione stiamo assumendo un atteggiamento decisamente positivo, come evidenziano gli emendamenti che abbiamo proposto e il lavoro che abbiamo svolto già in Commissione. Ricordo, peraltro, che avevamo proposto la formulazione di un emendamento, secondo me necessario e non impossibile. Vorrei che fosse assolutamente chiaro che non stiamo ostacolando il provvedimento in maniera pregiudiziale, fermo restando, naturalmente, che ognuno si assume le proprie responsabilità. Al riguardo, ho citato prima l esempio dei Consorzi di bonifica. L assessore Frisullo ha sottolineato l aspetto simbolico dell approvazione di questa norma, ma non credo che nuocerebbe a

15 Atti consiliari della Regione Puglia 15 VIII Legislatura qualcuno prevedere lo spostamento delle somme di un capitolo (anche quello delle spese legali stesse) su un capitolo di nuova istituzione, ai fini della creazione di un fondo per l attuazione della legge. Nulla toglie, ovviamente, che in sede di discussione del bilancio anche delle variazioni, a metà luglio si possa prendere in considerazione la possibilità di reperire ulteriori risorse. In questo modo, comunque, daremmo un segnale di operatività immediata di questo disegno di legge. Se non intendete muovervi nella direzione che ho indicato, si vedrà in seguito ho citato prima l esempio dei Consorzi di bonifica quale attuazione potrà avere la legge in esame, in assenza di un fondo appositamente istituito. SACCOMANNO. Domando di parlare. SACCOMANNO. Signor Presidente, anche in I Commissione, come ricordava il consigliere Palese, abbiamo sostenuto la necessità che questo testo normativo diventasse rapidamente legge. Non basta, a nostro parere, che il provvedimento sia stato portato rapidamente alla discussione dell Aula. Riteniamo che il contributo dell opposizione ad una legge così importante per l assetto organizzativo della Regione debba essere un contributo costruttivo e valido. Vorrei ancora ribadire che, nonostante le assicurazioni dell assessore Frisullo, riteniamo debole la parte economica, almeno nell impianto che ci è stato presentato. Invito, dunque, i colleghi della maggioranza a prendere in considerazione la possibilità di ripensare a questo aspetto. Da parte nostra, non avremmo alcuna difficoltà ad assicurare il nostro contributo affinché la legge entri rapidamente in vigore. Del resto, ritengo che i nostri emendamenti siano significativi per comprendere lo spirito e l approccio dell opposizione rispetto a questa legge. Ritengo che alla volontà concreta di rendere operativo il nuovo sistema organizzativo si possa rispondere soltanto tramite una norma finanziaria che, al momento, non vediamo nel testo che è stato sottoposto al nostro esame. POTI. Domando di parlare. POTI. Signor Presidente, i colleghi Palese e Saccomanno hanno sollevato il problema del deficit di chiarezza per quanto riguarda la norma finanziaria. Se ho ben compreso lo spirito dell ultimo intervento, la proposta è quella di elaborare oggi, con il sostegno degli uffici, un articolo aggiuntivo recante la norma finanziaria. Se questa è la strada per poter rendere subito o- perativa la legge, dopo una ricognizione della disponibilità del capitolo relativo, potremmo consentire la presentazione dell emendamento alla Presidenza (io stesso potrei esserne l esecutore materiale). Nel frattempo, possiamo passare alla discussione del testo di legge. PALESE. Domando di parlare. PALESE. Questo è esattamente quello che abbiamo chiesto. La nostra proposta è la seguente: «Per l attuazione e il funzionamento della presente legge è istituito un capitolo di nuova istituzione denominato Fondo per l Avvocatura regionale [ ]», indicando di seguito le somme basterebbero anche 100 mila euro in diminuzione e in aumento. Questo risolverebbe il problema. PRESIDENTE. Suggerisco di passare all esame degli articoli. Nel frattempo, se il

16 Atti consiliari della Regione Puglia 16 VIII Legislatura Governo avrà maturato una sua determinazione in ordine al reperimento delle risorse finanziarie, si presenterà un emendamento finale, che integrerà la norma finanziaria, al momento assente nella legge. Esame articolato PRESIDENTE. Passiamo, dunque, all esame dell articolato. Do lettura dell articolo 1: art. 1 Istituzione e finalità dell Avvocatura regionale 1. È istituita l'avvocatura regionale. 2. Gli avvocati dell'avvocatura regionale, rappresentano e difendono la Regione dinanzi alle giurisdizioni di ogni ordine e grado, ai collegi arbitrali e agli altri organi giurisdizionali. 3. L'Avvocatura regionale esprime pareri e svolge consulenza legale alla Presidenza della Regione, al Consiglio, alla Giunta, agli Assessorati regionali ed agli Enti Strumentali della Regione. 4. La Regione può avvalersi di avvocati e- sterni in caso di incompatibilità degli avvocati regionali con l'oggetto dell'affare da trattare; in caso di eccedente carico di lavoro segnalato dall'avvocatura regionale; in caso di motivata opportunità. Lo pongo ai voti. È approvato. art. 2 Autonomia dell Avvocatura regionale 1. L Avvocatura regionale è autonoma. Dell'espletamento del mandato professionale, gli avvocati dell'avvocatura regionale rispondono unicamente al Presidente della Giunta regionale. Lo pongo ai voti. È approvato. art. 3 Organizzazione dell Avvocatura regionale 1. L Avvocatura regionale è organizzata in due settori: a) legale; b) amministrativo. 2. Alla direzione dei settori di cui al comma 1 è preposto l'avvocato coordinatore. 3. All Avvocatura regionale è garantita la necessaria dotazione organizzativa, tecnica e di studio. 4. Agli avvocati dell Avvocatura regionale è garantita la copertura assicurativa per responsabilità professionale. Lo pongo ai voti. È approvato. art. 4 Coordinamento dell Avvocatura regionale 1. L avvocato coordinatore dell'avvocatura regionale è nominato dal Presidente della Giunta regionale tra gli avvocati regionali in possesso della qualifica dirigenziale iscritti all Elenco speciale dell'albo degli avvocati abilitati al patrocinio dinanzi alle magistrature superiori ovvero tra gli avvocati esterni alla Regione abilitati al patrocinio dinanzi alle magistrature superiori, in possesso di comprovata esperienza professionale. 2. L avvocato coordinatore cessa dalla funzione al termine della legislatura regionale ovvero qualora vengano meno le condizioni che hanno condotto al conferimento dell'incarico. 3. L avvocato coordinatore svolge le seguenti funzioni: a) assegna agli avvocati dell'avvocatura regionale le pratiche di cui all'articolo 1 e ne coordina l'attività; b) riferisce al Presidente della Giunta regionale circa l'opportunità di ricorrere a professionisti esterni, ai sensi dell'art. 1, comma 4; c) sentite le strutture regionali, esprime pa-

17 Atti consiliari della Regione Puglia 17 VIII Legislatura rere in ordine all'instaurazione dei giudizi, alla rinuncia alle liti e agli atti di transazione; d) riferisce semestralmente al Presidente della Giunta regionale sull'attività svolta dall'avvocatura regionale, sullo stato del contenzioso, in ordine agli incarichi esterni nonché agli affari che riguardano la Regione e sulle necessità di adeguamento della normativa regionale; e) provvede direttamente alla gestione del personale assegnato all'avvocatura regionale, esercita i poteri di spesa e di acquisizione delle entrate in relazione e nei limiti degli atti di propria competenza. 4. Entro sessanta giorni dalla nomina, l'avvocato coordinatore sottopone al Presidente della Giunta regionale un progetto di organizzazione, articolazione e funzionamento della struttura. 5. L avvocato coordinatore annualmente indica al Presidente della Giunta regionale l'entità delle risorse finanziarie necessarie al funzionamento della struttura. A questo articolo è stato presentato un e- mendamento a firma del consigliere Palese, del quale do lettura: «All art. 4, terzo comma, aggiungere: f) propone la nomina di membri di collegi arbitrali; g) esprime il proprio parere sui provvedimenti che riguardano reclami o questioni mosse in via amministrativa che possono costituire oggetto di controversie; h) e- sprime il proprio parere sull assunzione a carico dell'amministrazione degli oneri di difesa nei procedimenti di responsabilità civile o penale nei confronti di amministratori o dipendenti per fatti o atti direttamente connessi all espletamento di funzioni o compiti d ufficio». Ha chiesto di parlare il consigliere Palese. Ne ha facoltà. PALESE. Penso che il significato dell emendamento sia abbastanza chiaro. Oltre ai compiti indicati nella norma, credo che, così come hanno legiferato altre Regioni, se ne debbano aggiungere altri. L Avvocatura deve proporre la nomina di membri di collegi arbitrali, ma soprattutto e- sprimere il proprio parere sui provvedimenti che riguardano reclami o questioni mosse in via amministrativa che possono costituire oggetto di controversie. Quanto alla lettera h): esprime il proprio parere sull assunzione a carico dell'amministrazione degli oneri di difesa nei procedimenti di responsabilità civile o penale nei confronti di amministratori o dipendenti per fatti o atti direttamente connessi all espletamento di funzioni o compiti d ufficio, ricordo che, per il patrocinio legale a favore di amministratori e dipendenti regionali messi sotto indagine e in fase di processo prosciolti, questa Regione ha dovuto rimborsare, al , una somma enorme: ,75 euro (nel 1994, ,00 euro; nel 1995, ,00 euro; nel 1996, ,00 euro; nel 1997, 76 mila euro; nel 1998, 314 mila euro; nel 1999, 703 mila euro; nel 2000, ,00 euro; nel 2001, ,00 euro; nel 2002, 967 mila euro; nel 2003, ,00 euro; nel 2004, 852 mila euro. Infine, c era un ulteriore richiesta di rimpinguamento di almeno altri 600 mila euro. A mio parere, di fronte a somme così e- normi impiegate per spese per patrocinio legale a favore di amministratori e dipendenti regionali messi sotto indagine e poi assolti (o in caso di indagini archiviate), penso che sia davvero necessario istituire, all interno dell Ente regionale, un organo importante come l Avvocatura regionale. VENTRICELLI, relatore. Domando di parlare. VENTRICELLI, relatore. Signor Presidente, avendo esaminato la proposta di e- mendamento del collega Palese, ho verifica-

18 Atti consiliari della Regione Puglia 18 VIII Legislatura to che essa si muove sostanzialmente nella direzione di specificare anche le funzioni di consulenza dell Avvocatura. Per quanto ci riguarda, dunque, credo che l emendamento possa essere accoglibile. PRESIDENTE. Anche il Governo esprime parere favorevole. Pongo ai voti l emendamento a firma del consigliere Palese. È approvato. Pongo ai voti l articolo 4, nel testo emendato. È approvato. art. 5 Reclutamento degli avvocati regionali 1. Il reclutamento degli avvocati regionali avviene per pubblico concorso da espletarsi nelle stesse forme e con le medesime modalità previste per il reclutamento degli avvocati dell'avvocatura dello Stato. 2. Gli avvocati dell'avvocatura regionale sono iscritti all'elenco speciale dell'albo degli avvocati. Lo pongo ai voti. È approvato. art. 6 Inquadramento, trattamento economico e progressione di carriera degli avvocati regionali 1. L inquadramento professionale, il trattamento economico e la progressione di carriera degli avvocati dell'avvocatura regionale sono disciplinati dalle norme contrattuali vigenti. 2. Gli avvocati dell Avvocatura regionale sono valutati separatamente rispetto agli altri dipendenti della Regione sulla base dell'attività professionale esercitata senza vincolo di orario. A questo articolo è stato presentato un e- mendamento a firma del consigliere Saccomanno, del quale do lettura: «In coerenza con il precedente art. 5 che disciplina il reclutamento degli avvocati regionali con le stesse forme e modalità previste per il reclutamento degli Avvocati dello Stato, l inquadramento professionale, il trattamento economico e la progressione di carriera degli avvocati in servizio presso l Avvocatura Regionale saranno disciplinati con l'apposito regolamento previsto al successivo art. 7, avuto riguardo all inquadramento professionale, al trattamento economico ed alla progressione di carriera previste per gli Avvocati dello Stato e alle anzianità di servizio e di iscrizione all'elenco Speciale». È stato presentato, altresì, un emendamento a firma del consigliere Olivieri, del quale do lettura: «1. L inquadramento professionale ed il trattamento economico degli avvocati dell Avvocatura regionale sono disciplinati dalle norme contrattuali collettive vigenti. 2. (Rimane il testo). 3. Con il Regolamento di cui all art. 7, da emanarsi entro sessanta giorni dall entrata in vigore della presente legge, sono definiti il numero delle posizioni dirigenziali relative agli avvocati dell Avvocatura regionale e le modalità di attribuzione delle medesime, ivi comprese quelle da adottarsi in via di prima applicazione, nonché le forme di riconoscimento dell attività svolta con contenuti di alta professionalità correlata all iscrizione all Albo professionale per gli avvocati dell Avvocatura regionale che non ricoprano posizioni dirigenziali nel rispetto delle previsioni dei contratti collettivi». In attesa della riproduzione degli emendamenti, sospendo brevemente la seduta, invitando le parti interessate a confrontarsi. (La seduta, sospesa alle ore 12,35, riprende alle ore 13,40). PRESIDENTE. Riprendiamo i lavori. Come ricorderete, all articolo 6 sono stati presen-

19 Atti consiliari della Regione Puglia 19 VIII Legislatura tati due emendamenti, uno a firma del consigliere Saccomanno, uno a firma del consigliere Olivieri. Al momento dell esame di questi e- mendamenti, si è manifestata la necessità di sospendere i lavori per trovare un intesa. Tuttavia, l intesa raggiunta di modificare parzialmente l emendamento a firma del consigliere Olivieri non è condivisa dalla minoranza. A questo punto, non rimane che esaminare e votare separatamente i due emendamenti, partendo da quello presentato dal consigliere Saccomanno. Ha chiesto di parlare il consigliere Saccomanno. Ne ha facoltà. SACCOMANNO. Signor Presidente, avevamo concordato una sospensione per individuare un ipotesi di lavoro comune, ritenendo che ve ne fossero le ragioni. Non so quanta regolarità e precisione vi fosse, da parte della maggioranza, nell elaborazione dei diversi passaggi legislativi; certamente vi erano le premesse, nell ordinamento regionale, che giustificavano il tentativo dell equiparazione dell Avvocatura regionale all Avvocatura dello Stato, come tra l altro è accaduto per il reclutamento (mi riferisco all approvazione dell articolo 5). La mediazione che si era richiesta, e che in qualche modo era stata accettata, consisteva nel riconoscere agli avvocati, attraverso l emendamento a firma del consigliere Olivieri, la specificità del loro lavoro. Personalmente ritenevo che questa soluzione fosse una sorta di riconoscimento del lavoro svolto con dignità e con particolare professionalità fino ad oggi. Tuttavia, dopo una nostra manifestazione di disponibilità a ritirare l'emendamento e ad approvare quello del collega Olivieri, la maggioranza per motivazioni interne ha rivisto la proposta iniziale. Il risultato è che non si riconosce l alta professionalità nemmeno ai pochi che, fino ad oggi, si sono adoperati con particolare impegno. Ovviamente, siamo contrari alla scelta compiuta dalla maggioranza, dunque confermiamo il nostro emendamento e chiediamo che sia posto ai voti. OLIVIERI. Domando di parlare. OLIVIERI. Signor Presidente, la maggioranza ha presentato un emendamento che, in ogni caso. LOPERFIDO. Signor Presidente, per una certa regolarità dei lavori, prima si discute l emendamento Saccomanno se non ci sono interventi lo si pone ai voti e dopo il consigliere Olivieri potrà illustrare il suo emendamento. PRESIDENTE. Il consigliere Olivieri ha chiesto di intervenire sull emendamento a firma del consigliere Saccomanno. OLIVIERI. Personalmente apprezzo l emendamento del collega Saccomanno, che considero esaustivo. Soprattutto, si è cercato di dare ascolto alle persone che attualmente lavorano come avvocatura. Possiamo metterlo in votazione, poi spiegheremo cosa comporta l emendamento della maggioranza. PRESIDENTE. Pongo ai voti l emendamento a firma del consigliere Saccomanno. Non è approvato. L emendamento a firma del consigliere Olivieri è stato modificato come segue: «Art L inquadramento professionale ed il trattamento economico degli avvocati dell Avvocatura regionale sono disciplinati dalle norme contrattuali collettive vigenti. 2. Gli avvocati dell Avvocatura regionale sono valutati separatamente rispetto agli altri dipendenti della Regione sulla base dell'attività pro-

20 Atti consiliari della Regione Puglia 20 VIII Legislatura fessionale esercitata senza vincolo di orario. 3. Con apposito regolamento, da emanarsi entro 120 giorni dall entrata in vigore della presente legge, sono definiti il numero delle posizioni dirigenziali relative agli avvocati dell Avvocatura regionale e le modalità di attribuzione delle medesime, nonché le forme di riconoscimento dell attività svolta». Lo pongo ai voti. È approvato. In conseguenza dell approvazione di questo emendamento, sostitutivo dell articolo 6, decade l emendamento a firma del consigliere O- livieri precedentemente presentato. art. 7 Compensi professionali degli avvocati regionali 1. Agli avvocati regionali sono dovuti i compensi professionali, nella misura dei minimi tabellari stabiliti dal Consiglio nazionale forense approvati con decreto ministeriale, derivanti da decisioni favorevoli alla Regione pronunciate dalle giurisdizioni di ogni ordine e grado e comunque secondo le disposizioni della contrattazione collettiva. 2. Con separato Regolamento sono disciplinati i termini e le modalità di liquidazione dei compensi professionali. A questo articolo è stato presentato un e- mendamento a firma dei consiglieri Loperfido, Brizio e Santaniello, del quale do lettura: «All art. 7, al comma 2, rigo 6, dopo le parole di liquidazione dei compensi professionali, aggiungere le seguenti parole: che contemplano la compartecipazione del personale amministrativo in servizio presso l Avvocatura». Ha chiesto di parlare il consigliere Loperfido. Ne ha facoltà. LOPERFIDO. L emendamento è stato presentato in favore del personale che lavora presso l Avvocatura, per non creare disparità. Chi scrive al computer lavora esattamente come chi istruisce le pratiche. VENTRICELLI, relatore. Domando di parlare VENTRICELLI, relatore. La necessità sottolineata nell emendamento del collega Loperfido è stata presa in considerazione durante il lavoro della Commissione. Peraltro, nell articolo 7, al comma 2, si legge: «2. Con separato regolamento sono disciplinati i termini e le modalità di liquidazione dei compensi professionali». Il regolamento, quindi, potrà anche fare salva la possibilità di riconoscere una compartecipazione riguardo ai compensi professionali anche al personale amministrativo. Mi sembra, invece, che la formulazione dell emendamento Loperfido sia assolutamente abnorme e, come tale, non può essere condivisa. LOPERFIDO. Domando di parlare. LOPERFIDO. Posso capire che la volontà politica della maggioranza sia di bocciare l emendamento, ma il termine abnorme non mi pare adeguato. PRESIDENTE. Siamo d accordo, il termine è stato inappropriato. Pongo in votazione l emendamento a firma dei consiglieri Loperfido, Brizio e Santaniello. Non è approvato. Pongo ai voti l articolo 7. È approvato. art. 8 Norme finali e transitorie 1. È soppresso il Settore legale presso la Presidenza della Giunta regionale.

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA VIII LEGISLATURA 30 a SEDUTA PUBBLICA RESOCONTO STENOGRAFICO giovedì 27 luglio 2006 Presidenza del Presidente PEPE indi del Vicepresidente MINEO INDICE Presidente pag.

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA VIII LEGISLATURA 109 a SEDUTA PUBBLICA RESOCONTO STENOGRAFICO venerdì 24 luglio 2009 Presidenza del Presidente PEPE indi del Vicepresidente MINEO INDICE Presidente pag.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI

REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSIGLIO DELL' ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VERCELLI Articolo 1 - Attività del Consiglio L attività del Consiglio dell Ordine

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TEMPIO PAUSANIA REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI TEMPIO PAUSANIA PREAMBOLO

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TEMPIO PAUSANIA REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI TEMPIO PAUSANIA PREAMBOLO CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TEMPIO PAUSANIA REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI TEMPIO PAUSANIA PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Tempio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA VIII LEGISLATURA 89 a SEDUTA PUBBLICA RESOCONTO STENOGRAFICO martedì 25 novembre 2008 Presidenza del Vicepresidente MINEO indi del Presidente PEPE INDICE Presidente pag.

Dettagli

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE

I N D I C E TITOLO I PRINCIPI E FINALITA DEL REGOLAMENTO. Art. 1 principi fondamentali TITOLO II L ALBO E LE CONSULTE Regolamento comunale per il riconoscimento, la promozione e la valorizzazione delle libere forme associative e delle organizzazioni di volontariato (Approvato con delibera n.110/cc del 18.10.1999) I N

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando

Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Il Segretario Generale Roma, 30 giugno 2015 Prot. 1554 /D/30.06.2015 Al Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando Al Vice Ministro On. Avv. Enrico Costa Al SottoSegretario alla Giustizia dr. Cosimo Maria

Dettagli

Legge regionale 5 marzo 2009, n. 3. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 5 marzo 2009, n. 3. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 5 marzo 2009, n. 3 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale di previsione 2009 e del bilancio pluriennale 2009-2011. Legge finanziaria 2009. Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo.

Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. Regolamento di organizzazione dell Avvocatura Civica e della rappresentanza e difesa in giudizio del Comune di Rovigo. (ex articolo 9 del DL 90/2014, convertito in L. 114/2014 approvato con Deliberazione

Dettagli

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA

C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA C O M U N E D I O S T U N I Provincia di Brindisi * * * * * REGOLAMENTO DEL COMITATO CITTADINO PER LE PARI OPPORTUNITA FRA UOMO E DONNA approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 18 del 18.05.05

Dettagli

FONDO DI SOLIDARIETA PER L ASSISTENZA SANITARIA dei soggetti di cui all articolo 1 dello Statuto TRENTO REGOLAMENTO DEL COMITATO DI GESTIONE

FONDO DI SOLIDARIETA PER L ASSISTENZA SANITARIA dei soggetti di cui all articolo 1 dello Statuto TRENTO REGOLAMENTO DEL COMITATO DI GESTIONE FONDO DI SOLIDARIETA PER L ASSISTENZA SANITARIA dei soggetti di cui all articolo 1 dello Statuto TRENTO REGOLAMENTO DEL COMITATO DI GESTIONE Edizione anno 2011 Norme generali Art. 1 1. La stesura del presente

Dettagli

DEL CONSI GLIO REGI ONALE DEL PIEMONTE

DEL CONSI GLIO REGI ONALE DEL PIEMONTE REGOLAMENTO INTERNO DEL CONSI GLIO REGI ONALE DEL PIEMONTE Deliberazione C.R. n. 269-33786 del 24 luglio 2009 modificata con: deliberazione C.R. n. 233-19727 del 18 giugno 2013. 1 2 Regolamento interno

Dettagli

ENTE PER LA ZONA INDUSTRIALE DI TRIESTE. S t a t u t o

ENTE PER LA ZONA INDUSTRIALE DI TRIESTE. S t a t u t o ENTE PER LA ZONA INDUSTRIALE DI TRIESTE S t a t u t o Adottato con deliberazioni del CdA n. 86 dd. 10.07.2003 e n. 97 dd. 24.07.2003 ed approvato con delibera della Giunta Regionale n. 2480 dd. 08.08.2003

Dettagli

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più Interventi dei Sigg. consiglieri Bilancio 2014 Ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri (art. 193 d.lgs n. 267/00 e degli art. 82 del regolamento di contabilità.

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste. TITOLO I Costituzione e sede STATUTO DELL ASSOCIAZIONE UN ALTRA TRIESTE Opinione ed impegno per Trieste TITOLO I Costituzione e sede Articolo 1 Costituzione È costituita, ai sensi degli artt. 14 e ss. c.c., l associazione UN ALTRA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA

REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA REGOLAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Il presente regolamento disciplina il funzionamento del senato accademico dell Università degli studi di Genova in conformità a quanto

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 24 febbraio 2005 e modificato con deliberazione C.C. n. 55 del 20 dicembre 2006 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL

Dettagli

STATUTO (approvato cda del 07/5/2008)

STATUTO (approvato cda del 07/5/2008) ALLEGATO ALLA DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMM.NE N. 19/08 DEL 07/05/2008 STATUTO (approvato cda del 07/5/2008) dell Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario del Piemonte TITOLO I NATURA E

Dettagli

C O M U N E D I VIBO VALENTIA

C O M U N E D I VIBO VALENTIA C O M U N E D I VIBO VALENTIA R E G O L A M E N T O AVVOCATURA CIVICA E DELLA RAPPRESENTANZA E DIFESA IN GIUDIZIO DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE ART. 1 E istituito l Ufficio di Avvocatura civica dell Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347. Art. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO - Emanato con DR n. 1347 del 23 luglio 2015, pubblicato in data 27 luglio 2015 sull Albo on line ed entrato in vigore il 28 luglio 2015 Art. 1 Oggetto

Dettagli

Comune di Pesaro. Regolamento sugli organismi di rappresentanza del territorio

Comune di Pesaro. Regolamento sugli organismi di rappresentanza del territorio Comune di Pesaro Regolamento sugli organismi di rappresentanza del territorio Approvato con Delibera di Consiglio Comunale N. 51 del 30/03/2009 1 Disposizioni generali Art. 1 Condizione di attuazione Il

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014. Art. 1. Criteri di ammissione

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014. Art. 1. Criteri di ammissione REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SERVIZI PER IL VOLONTARIATO MODENA approvato dall assemblea del 6 marzo 2014 Art. 1. Criteri di ammissione 1. L Associazione Servizi Per il volontariato di Modena (ASVM) è aperta

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

POLITICHE AGRICOLE. REDATTRICE: Beatrice Pieraccioli 1. AGRICOLTURA

POLITICHE AGRICOLE. REDATTRICE: Beatrice Pieraccioli 1. AGRICOLTURA POLITICHE AGRICOLE REDATTRICE: Beatrice Pieraccioli 1. AGRICOLTURA Nel Rapporto sulla legislazione per il 2012 si è diffusamente parlato del Piano regionale agricolo forestale (PRAF), che è lo strumento

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO ART. 1 ART. 2 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A.V.G. FANCONI ART. 1 1. È costituita ai sensi della legge n. 266 del 1991 l organizzazione di volontariato, denominata: «A.V.G. Fanconi» 2. L organizzazione ha

Dettagli

PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO

PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 48 PROVINCIA DI PADOVA PROCEDURE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER IL LAVORO Approvato con D.G.P. in data 24.2.2000 n. 42 di reg., modificato con D.G.P.

Dettagli

XI LEGISLATURA SEDUTA DEL 17/02/2015 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE NIRO

XI LEGISLATURA SEDUTA DEL 17/02/2015 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE NIRO Regione Molise -4- Resoconti Consiliari XI LEGISLATURA SEDUTA DEL 17/02/2015 PRESIDENZA DEL NIRO - ORE 12:13 - APERTURA DELLA SEDUTA, APPROVAZIONE DEL PROCESSO VERBALE DELLA SEDUTA PRECEDENTE E COMUNICAZIONI

Dettagli

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946.

D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. D.L.C.P.S. n. 233 del 13 settembre 1946. Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse. Capo I - Degli Ordini e dei Collegi Provinciali

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione)

STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE. ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) STATUTO ASSOCIAZIONE BORGO A QUATTRO ZAMPE ART. 1 (La denominazione, la sede e la durata dell Associazione) 1. L Associazione di Volontariato denominata Borgo a quattro zampe la sua attività e i rapporti

Dettagli

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI

STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI TITOLO I STATUTO DEL GRUPPO AZIENDALE AGENTI DELLA COMPAGNIA ITALIANA DI ASSICURAZIONI COSTITUZIONE - SEDE - DURATA - SCOPI Articolo 1- Costituzione, Sede e Durata E costituito il Gruppo Aziendale Agenti

Dettagli

Consiglio Regionale Atti Consiliari VII LEGISLATURA N. 1142/BIS. Relazione della 1 Commissione Consiliare Permanente

Consiglio Regionale Atti Consiliari VII LEGISLATURA N. 1142/BIS. Relazione della 1 Commissione Consiliare Permanente REGIONE DELL'UMBRIA Consiglio Regionale Atti Consiliari ATTO N. 1142/BIS Relazione della 1 Commissione Consiliare Permanente AFFARI ISTITUZIONALI, PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, FINANZE E PATRIMONIO, ORGANIZZAZIONE

Dettagli

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI Regolamento delle Strutture di base Approvato dal Consiglio nazionale del 4-5 luglio 2008 (modificato dal Consiglio nazionale del 19-20 giugno 2009) Regolamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA

LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA Norme per il riordino degli enti di edilizia residenziale pubblica ed istituzione delle aziende lombarde per l' edilizia residenziale (ALER) Fonte:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TARANTO

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TARANTO REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TARANTO Art.1 Il regolamento del Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Taranto è ispirato sia ai principi costituzionali che regolano l'attività

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 81/2013 della Giunta comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 81/2013 della Giunta comunale COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO Ufficio Delibere copia VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 81/2013 della Giunta comunale OGGETTO: Ricorso al Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa di Trento

Dettagli

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI approvato in occasione della seduta del Consiglio

Dettagli

Decreto n. 187.14 prot. 4040 LA RETTRICE

Decreto n. 187.14 prot. 4040 LA RETTRICE Decreto n. 187.14 prot. 4040 LA RETTRICE - Viste le Leggi sull Istruzione Universitaria; - Visto lo Statuto dell Università per Stranieri di Siena adottato con D.R. 203.12 dell 8 maggio 2012 e pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO (Istituzione provinciale, articolo 114 TUEL testo unico enti locali)

REGOLAMENTO (Istituzione provinciale, articolo 114 TUEL testo unico enti locali) REGOLAMENTO (Istituzione provinciale, articolo 114 TUEL testo unico enti locali) Approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 80 del 30/10/2007 Modificato dal Consiglio Provinciale con delibera

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 27 dicembre 2012, n. 2954

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 27 dicembre 2012, n. 2954 4444 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 27 dicembre 2012, n. 2954 Finanziamento, mediante l utilizzo delle risorse liberate di cui al P.O.R. Puglia 2000-2006, delle borse di studio ADISU. L Assessore

Dettagli

D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233

D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233 D. LGS. C.P.S. 13 SETTEMBRE 1946, N. 233 RICOSTITUZIONE DEGLI ORDINI DELLE PROFESSIONI SANITARIE E PER LA DISCIPLINA DELL'ESERCIZIO DELLE PROFESSIONI STESSE. CAPO I - DEGLI ORDINI E DEI COLLEGI PROVINCIALI

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà

Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Moderne Regolamento di Facoltà Articolo 1 La Facoltà Articolo 2 Organi e strutture della Facoltà Articolo 3 Il Preside Articolo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 14 della Giunta comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 14 della Giunta comunale COMUNE DI NAGO-TORBOLE PROVINCIA DI TRENTO Ufficio Delibere copia VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 14 della Giunta comunale OGGETTO: Esame ed approvazione atto di indirizzo ai sensi dell art. 19, comma 6, del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, FILOSOFIA REGOLAMENTO DEL TITOLO I AMBITO DI APPLICAZIONE, MISSIONE, FINALITÀ E ORGANIZZAZIONE Art. 1 -Ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e il funzionamento del Dipartimento

Dettagli

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1

Raccolta Normativa della Regione Toscana 1 Legge regionale 27 dicembre 2007, n. 69 Norme sulla promozione della partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali e locali. (Bollettino Ufficiale n. 1, parte prima,del 03.01.2008 ) CAPO I

Dettagli

REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO

REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO REGOLAMENTO SOCIALE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO C.U.S. TRENTO 1 TITOLO I DEFINIZIONE Art. 1- Definizione 1. Il Regolamento Sociale contiene le norme di attuazione dello Statuto del C.U.S. Trento

Dettagli

(Durante la discussione esce dall aula il consigliere Amati; sono presenti n. 35 consiglieri).

(Durante la discussione esce dall aula il consigliere Amati; sono presenti n. 35 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 53 avente per oggetto: Approvazione del progetto comportante variante agli strumenti urbanistici, relativo alla riqualificazione e potenziamento

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 25 DEL 22.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 25 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza. STATUTO (Composto da 16 articoli)

Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza. STATUTO (Composto da 16 articoli) Fondazione Studi Universitari di Vicenza FSU Vicenza Codice Fiscale 95070400247 Iscritta nel Registro delle Persone Giuridiche della Prefettura di Vicenza al n.79 Costituita in data 25 luglio 2002 con

Dettagli

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI

ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI ASSOCIAZIONI CRISTIANE LAVORATORI ITALIANI Regolamento delle Strutture di base Approvato dal Consiglio nazionale del 13 settembre 2012 Regolamento delle Strutture provinciali Approvato dal Consiglio nazionale

Dettagli

Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze

Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze ASSESSORATO alle POLITICHE SCOLASTICHE, FORMATIVE ED EDUCATIVE. EDILIZIA SCOLASTICA Regolamento Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze Assessore proponente dott. Sabato Simonetti Aprile 2009 Regolamento

Dettagli

Legge 22 maggio 1971, n. 349 PRINCIPI ISTITUZIONALI E PROGRAMMATICI

Legge 22 maggio 1971, n. 349 PRINCIPI ISTITUZIONALI E PROGRAMMATICI Legge 22 maggio 1971, n. 349 PRINCIPI ISTITUZIONALI E PROGRAMMATICI Articolo 1 La Puglia è Regione autonoma nell unità della Repubblica italiana nata dalla Resistenza. La Regione esercita i suoi poteri

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE. Legge generale in materia di opere e lavori pubblici

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE. Legge generale in materia di opere e lavori pubblici LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE Legge generale in materia di opere e lavori pubblici Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 13 del 28 marzo 1984 Il Consiglio Regionale

Dettagli

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ

FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ FORUM PROVINCIALE DELLA GIOVENTÙ DI BENEVENTO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Titolo I Principi generali Art. 1 Il Forum della Gioventù della Provincia di Benevento è un organismo di partecipazione, rappresentanza

Dettagli

ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO

ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO ASSOCIAZIONE UNITARIA DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO e ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEGLI AVVOCATI E PROCURATORI DELLO STATO AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO Via dei Portoghesi n. 12 - Roma All Ufficio

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 234 del 27.11.2014 OGGETTO: RINNOVO CONVENZIONE FRA COMUNE DI LECCO, ENTE NAZIONALE PROTEZIONE ANIMALI (ENPA), ED ASL DI LECCO PER L ATTUAZIONE DI UN PROGRAMMA

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI BUSALLA REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE Il presente Regolamento contiene norme intese ad organizzare, nell ambito delle funzioni attribuite per i fini di prevenzione e

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CONFERENZA DEI COLLEGI UNIVERSITARI DI MERITO Art. 1 Denominazione, sede e durata È costituita ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominata

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L'ARCA VOLLEY ASD

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L'ARCA VOLLEY ASD STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L'ARCA VOLLEY ASD TITOLO I - DENOMINAZIONE, NATURA E FINALITÀ Art.1 - Costituzione, Denominazione, Sede. E Costituita - nel rispetto degli artt. 36 e

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI ATTUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI MOBILITA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI ATTUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI MOBILITA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI ATTUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI MOBILITA Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 42/536 del 22.12.2010-1 - Art. 1 OGGETTO

Dettagli

01/04/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 26. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

01/04/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 26. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 25 marzo 2014, n. 139 Programmazione triennale del fabbisogno del personale della Giunta regionale del Lazio 2014-2016. OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI LORIA PROVINCIA TREVISO

COMUNE DI LORIA PROVINCIA TREVISO Deliberazione N. 102 in data 08/10/2010 COMUNE DI LORIA PROVINCIA TREVISO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto Approvazione convenzione tra il Comune di Loria e l'azienda Ulss n. 8 per

Dettagli

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni del Codice Civile in tema di Associazioni, e delle leggi

Dettagli

Repertorio n.3256 Raccolta n.2480. Assemblea Straordinaria dell associazione ASSOCIAZIONE GUIDE INTERPRETI ACCOMPAGNATORI TURISTICI PIEMONTE

Repertorio n.3256 Raccolta n.2480. Assemblea Straordinaria dell associazione ASSOCIAZIONE GUIDE INTERPRETI ACCOMPAGNATORI TURISTICI PIEMONTE Repertorio n.3256 Raccolta n.2480 Assemblea Straordinaria dell associazione ASSOCIAZIONE GUIDE INTERPRETI ACCOMPAGNATORI TURISTICI PIEMONTE SIGLABILE G.I.A. REPUBBLICA ITALIANA Il quattordici dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale.

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 85 del 21-06-2013 20905 votazione ed unico voto espresso per ciascun consigliere ; Segretario: funzionario del Comune. Art. 73 Pubblicità delle spese elettorali

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 33/2013 TITOLO 1.10.4 1.10.21/533 LEGISLATURA IX Il giorno 20 maggio 2013 si è riunito nella sede

Dettagli

CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA

CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA Esente da imposta di bollo e di registro ai sensi dell art.8, c.1 della L. 266/91 STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO CASA DEL VOLONTARIATO SOCIO-SANITARIO e dell AMA Art. 1 DENOMINAZIONE E SCOPI

Dettagli

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI

COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI ORIGINALE Protocollo n. 2346 del 22/03/2012 COMUNE DI BARANO D'ISCHIA PROVINCIA DI NAPOLI Data Delibera: 20/03/2012 N Delibera: 5 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: DISTRIBUZIONE

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE STATUTO

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE STATUTO ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE Si dichiara di voler costituire un'associazione che svolga attività in ambito... L'associazione sarà denominata "." ed avrò la sua sede in via n.. Il patrimonio sociale

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA IX LEGISLATURA 7 a SEDUTA PUBBLICA RESOCONTO STENOGRAFICO mercoledì 22 settembre 2010 Presidenza del Presidente INTRONA indi del Vicepresidente MARMO indi del Vicepresidente

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE PROCEDURE PROVINCIALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI AUTOFINANZIATI

FORMAZIONE PROFESSIONALE PROCEDURE PROVINCIALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI AUTOFINANZIATI FORMAZIONE PROFESSIONALE Regolamento PROCEDURE PROVINCIALI PER IL RICONOSCIMENTO DEI CORSI AUTOFINANZIATI (Corsi Liberi) Requisiti e Modalità per il riconoscimento e l autorizzazione allo svolgimento di

Dettagli

Comune di Cerreto Laziale

Comune di Cerreto Laziale Comune di Cerreto Laziale (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE ANZIANI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 4 DEL 20.03.2014 Art 1 Principi Generali 1) Il funzionamento del

Dettagli

XII COMMISSIONE PERMANENTE

XII COMMISSIONE PERMANENTE Giovedì 18 giugno 2015 151 Commissione XII XII COMMISSIONE PERMANENTE (Affari sociali) S O M M A R I O SEDE CONSULTIVA: Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche.

Dettagli

Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Alessandria

Agenzia Territoriale per la Casa della Provincia di Alessandria S T A T U T O Approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 560/1 del 20/6/1996 modificato con delibera n. 74 del 19/12/2012 e vistato dalla Regione Piemonte (nota prot. n. del ) Agenzia Territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL SENATO ACCADEMICO DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO Art. 1 Sedute ordinarie e straordinarie, convocazioni e ordini del giorno 1. Il Senato accademico si riunisce in

Dettagli

Art. 2 (Natura giuridica e forme di autonomia delle agenzie)

Art. 2 (Natura giuridica e forme di autonomia delle agenzie) L.R. 01 Febbraio 2008, n. 1 Norme generali relative alle agenzie regionali istituite ai sensi dell'articolo 54 dello Statuto. Disposizioni transitorie relative al riordino degli enti pubblici dipendenti

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE

Comune di Fabriano GIUNTA COMUNALE L anno duemiladodici addì ventitre del mese di ottobre alle ore 15.30 in Fabriano si è riunita la Giunta Comunale nel prescritto numero legale con l intervento dei Signori: Risultano PRESENTI: SAGRAMOLA

Dettagli

Città di Potenza REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DEL COMUNE DI POTENZA

Città di Potenza REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DEL COMUNE DI POTENZA Città di Potenza REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DEL COMUNE DI POTENZA 1 INDICE Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione Principi di autonomia pag. 3 Art. 2 Composizione dell Avvocatura pag. 3 Art. 3 Segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DELL E.R.A.P. MARCHE. Art. 1 - Istituzione e compiti.

REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DELL E.R.A.P. MARCHE. Art. 1 - Istituzione e compiti. REGOLAMENTO DELL AVVOCATURA DELL E.R.A.P. MARCHE Art. 1 - Istituzione e compiti. 1. L Avvocatura dell E.R.A.P. MARCHE provvede alla tutela dei diritti e degli interessi dell Ente secondo le norme contenute

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina Regolamento Generale della Facoltà di Scienze Politiche art. 1 (Facoltà di Scienze Politiche). Alla Facoltà di Scienze Politiche di Messina afferiscono i corsi di laurea

Dettagli

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari

Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Regolamento della Consulta Comunale degli Studenti universitari del Comune di Bari Art. 1 Istituzione 1. Il Comune di Bari istituisce la Consulta comunale degli Studenti Universitari della Città di Bari,

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS PROVINCIA DI CAGLIARI COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. DEL 48 OGGETTO: FONDO REGIONALE PER I DIVERSAMENTE ABILI - CONTRIBUTI FINALIZZATI ALL'ATTIVAZIONE DI TIROCINI

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche"

REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette morti bianche REGOLAMENTO INTERNO della Commissione parlamentare di inchiesta sugli infortuni sul lavoro, con particolare riguardo alle cosiddette "morti bianche" TITOLO I DISPOSIZIONE GENERALE Art. 1. (Compiti della

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani

Comune di Riofreddo. Provincia di Roma. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani. Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani Comune di Riofreddo Provincia di Roma Regolamento Comunale del Centro Sociale Anziani Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. 01 del 17 Aprile 1 Art. 1 Principi Generali 1) Il funzionamento del

Dettagli

Delibera n. 2 2014. Oggetto: Definizione della controversia GU14 2/2013 XXX XXX/TELECOM ITALIA XXX.

Delibera n. 2 2014. Oggetto: Definizione della controversia GU14 2/2013 XXX XXX/TELECOM ITALIA XXX. Verbale n. 1 Adunanza del 13/1/2014 L anno duemilaquattordici, il giorno 13 del mese di gennaio, alle ore 15.00, in Torino, presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle adunanze,

Dettagli

della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA

della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA della CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di PADOVA Il testo del presente Statuto è aggiornato a seguito della deliberazione del Consiglio camerale n. 7/07 del 26.3.2007 Lo Statuto

Dettagli

STATUTO Associazione Studenti Bicocca

STATUTO Associazione Studenti Bicocca STATUTO Associazione Studenti Bicocca Art.1 Costituzione 1.1 E costituita l associazione culturale studentesca denominata Associazione Studenti Bicocca, di seguito indicata come organizzazione. 1.2 I contenuti

Dettagli

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA

COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE ANNO 2013 N. 135 del Registro Delibere OGGETTO: Procedura di mobilità all'interno del Comparto

Dettagli

DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE Ratificata con delibera di N. del Rettificata con delibera di N. del Modificata e/o integrata con delibera di N. del Revocata con delibera di N. del Annullata con delibera di N. del COMUNE DI MELITO DI

Dettagli

RESOCONTO SEDUTA SENATO ACCADEMICO DEL 19 aprile 2013

RESOCONTO SEDUTA SENATO ACCADEMICO DEL 19 aprile 2013 RESOCONTO SEDUTA SENATO ACCADEMICO DEL 19 aprile 2013 Giuseppina FAGOTTI RAPPRESENTANTE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO in SA Care/i Colleghe/i, in data 19 aprile 2013, alle ore 9,30, ha avuto luogo

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DI STEVEN

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DI STEVEN STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CASA DI STEVEN Allegato all Atto Costitutivo del 02/05/2013 Costituzione, sede, denominazione Art. 1 - E costituita con sede in Solbiate Arno (VA), Via IV Novembre 6/B l Associazione

Dettagli