SPERIMENTAZIONE DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA DIREZIONE DIDATTICA DI LENO A.S. 2011/2012 PROF. GIUSEPPE PEA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SPERIMENTAZIONE DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA DIREZIONE DIDATTICA DI LENO A.S. 2011/2012 PROF. GIUSEPPE PEA"

Transcript

1 SPERIMENTAZIONE DI DIDATTICA DELLA MATEMATICA DIREZIONE DIDATTICA DI LENO A.S. 2011/2012 PROF. GIUSEPPE PEA PREMESSA Ministero della Pubblica Istruzione, INVALSI, OCSE, PISA, TIMSS (the Trends in International Mathematics and Science Study), sono tutti concordi nel mettere in evidenza lo stato critico dell educazione matematica nelle scuole italiane. In particolare si evidenzia che le vere mancanze riscontrate nei nostri allievi non sono nelle conoscenze e neppure nelle abilità procedurali, ma sono veramente preoccupanti nelle competenze matematiche ed è su queste che si stanno concentrando gli sforzi di tutti gli aggiornamenti, le ricerca-azioni, le sperimentazioni. Questo grosso sforzo è giustificato sulla base degli scarsi risultati ottenuti nei confronti internazionali nel merito della validità dell apprendimento scolastico. Sono stati proprio questi mancati risultati a far capire, agli insegnanti italiani, che i propri discenti posseggono una scarsa attitudine a trasferire nei problemi della realtà quotidiana ciò che hanno studiato a scuola. I bambini/allievi mostrano di avere capacità normali nelle abilità e nei contenuti disciplinari, ma risultano avere grandi difficoltà rispetto alle competenze che dovrebbero essere rette da queste capacità. Gli insegnanti stanno notando sempre più che la distanza fra l insegnamento rivolto a chi presenta difficoltà di apprendimento e quello rivolto ai normo-dotati si sta progressivamente riducendo, ma, purtroppo, non perché si sono elevati i risultati ottenuti con chi presenta difficoltà di apprendimento, bensì perché si è ridotto sempre più il dominio delle discipline nei normo-dotati. Che cosa gli insegnanti non hanno fatto, o hanno fatto male, nel loro insegnamento per ottenere risultati non all altezza degli sforzi profusi? E questo disagio che porta gli insegnanti a discutere sempre più attivamente sul concetto di competenza e sulla necessità di una metodologia didattica che più di altre ne permetta il raggiungimento. E indiscutibile che senza le abilità e le conoscenze non si può approdare alle competenze. Ma anche senza una opportuna metodologia didattica rispettosa: - delle età mentali, perché altrimenti è difficile ottenere risultati veri che non siano stereotipie verbali ed operative. Che cosa importa insegnare ad un allievo a risolvere una equazione, anche solo di 1 grado, quando non possiede i rapporti o quando non sa quale operazione risolve un problema reale semplice? - della sensibilità psico-pedagogica e dell'adeguata conoscenza epistemologica, proprio per evitare di "fare" la disciplina invece di insegnarla, - dei valori che emergono in tali proposte e che legano profondamente le discipline alla realtà quotidiana attraverso motivazioni naturalmente elevate. In sostanza non c'è vero apprendimento se non c'è motivazione all'apprendimento. Il bisogno di sapere, di capire, di scoprire e di controllare il nuovo e l'incerto è alla base dell'apprendimento ed è sempre orientato all'adattamento ed al controllo della realtà per capirla e per trasformarla a proprio vantaggio, - della necessità di agire che il discente, specialmente se è in difficoltà, ha per poter abbordare qualsiasi tipo di concetto, anche matematico. L'agire trasforma l'individuo nei Pag. 1 di 10 totali

2 suoi rapporti di esistenza temporali e spaziali e quindi relazionali con sé stessi, con gli altri e con l'ambiente. E con il pensiero ideo-motorio (costantemente sollecitato dai giochi, dai lavori e dagli obiettivi inerenti la propria vita) e con la successiva riflessione sull efficacia dell azione intrapresa che, con qualche probabilità, si possono portare i bambini alla presa di coscienza dei perché, alla comprensione e all applicabilità generale delle strutture appena conquistate, non si possono formare nel discente le opportune competenze che gli permettono di affrontare la complessità dei problemi che il vivere pone incessantemente. Tutte queste attenzioni didattiche in parte sono già state affrontate lo scorso anno scolastico, tramite le attività della prof.ssa Patrizia Piccinini, gradite dagli insegnanti che hanno manifestato un vero interesse e una grande partecipazione. Va precisato che non tutte le colpe delle cattive riuscite dei nostri bambini sono imputabili al sistema scolastico, una buona parte di colpa l hanno anche i genitori perché permettono ai propri figli di trascorrere sempre più tempo davanti ad ogni tipo di schermo e si limitano sempre più nel movimento, preferiscono comandare invece del fare. Questo fatto obbliga gli insegnanti a non trascurare i due momenti dell'azione e della conseguente riflessione e a non considerarli come una perdita di tempo perché, senza l agito che permette di risolvere i problemi, il discente non giunge alla comprensione ed all'applicabilità dei concetti disciplinari. Non può, quindi, giungere a delle competenze disciplinari, pur potendo acquisire un linguaggio formale e procedurale corretto. La mancanza delle esperienze motorie finisce spesso di mettere i bambini/allievi di fronte a difficoltà di vario tipo, generando rifiuti, blocchi ed incomprensioni. Se l'insegnate dovesse proporre i concetti disciplinari partendo dal presupposto che questi sono, in genere, giustificati con la spiegazione di se stessi, al proprio interno, allora considererebbe l'astrazione come il punto di partenza, su cui svolgere tutta l'attività di apprendimento e, a fatica, troverebbe qua e là forzate applicazioni nella realtà. Si era posto in grande rilievo come le competenze si basano sul fatto che l'astrazione, insita in tutti i concetti, deve essere, per l'educatore, un punto di arrivo, sintesi finale di un processo che parte dalle esperienze-gioco vissute in forma concreta. E utile rimarcare che il divertimento, introdotto nei processi cognitivi ed educativi, abbrevia la strada che il bambino/allievo/studente deve percorrere per giungere all'autonomia, alla creatività e, perciò, alle competenze. QUESTIONI DI FONDO Nel corso si parlerà molto di alcune categorie mentali indispensabili in matematica e di alcune questioni inerenti la didattica della matematica. Di seguito sono esposte queste questioni. I mediatori in matematica E possibile comunicare una conoscenza ai discenti solo attraverso l uso e la calibrazione di opportuni mediatori didattici. I mediatori attivi (che sono sempre tra i meno utilizzati dagli insegnanti di matematica) non solo sono opportuni, ma molte volte sono indispensabili per raggiungere la maggior parte dei concetti matematici. Occorre rimarcare che uno degli obiettivi degli insegnanti è quello di portare gli allievi ad affrontare una esperienza non emarginante rispetto ad una disciplina estremamente formale. Con il corpo, nella sua totalità psicofisica, l'allievo trova uno strumento per comprendere e per esprimere i concetti in esame con una maggiore sicurezza. I linguaggi simbolici astratti, indispensabili per dominare fino in fondo i concetti, diventano potenti in senso espressivo ed in senso operativo solo quando esprimo conoscenze che sono già state Pag. 2 di 10 totali

3 interiorizzate, altrimenti generano solo delle stereotipie e delle sovrastrutture senza che ci siano le opportune strutture mentali. Lo spazio ed il tempo E' utile evidenziare che se l'allievo manca di alcune categorie spazio/temporali il discorso curricolare diventa difficile, a volte impossibile, per tutte le discipline e, in modo specifico, per la matematica. Si provi a pensare la lettura e la scrittura senza le categorie spazio/temporali relative alla vicinanza/separazione e al prima/dopo, e se dovesse mancare l'ordinalità spaziale in corrispondenza alla ordinalità temporale che razza di numero ordinale dovrebbe avere il bambino? E quale geometria si potrebbe insegnare senza i fondamenti relativi alle categorie spaziali? Gli allievi normodotati, senza evidenti squilibri in ordine alla corporeità, all'affettività ed al rapporto con l'altro da sé, superano tranquillamente le difficoltà sul piano spazio temporale logico e quindi anche sugli altri piani di apprendimento. Per gli allievi in difficoltà, l'esperienza insegna che è quasi sempre indispensabile avviare un approccio a tutto quanto riguarda l'organizzazione spazio/temporale, partendo da esperienze che più di altre garantiscano sicurezza e impediscano l'insorgere di stati d'ansia e di sofferenza che ostacolano ogni pur minima conquista. Anche per gli allievi normodotati questa metodologia risulta decisamente più produttiva, nel senso che porta gli stessi ad una maggiore consapevolezza e ad una più sicura capacità logico razionale (il mondo formale non è più così lontano da ciò che accade nella realtà). Percezione / azione I canali che permettono di raggiungere il momento cognitivo matematico sono fondamentalmente due: la percezione e l azione. La capacità fisico-percettiva, con netta predominanza della percezione visiva, è sempre stata ritenuta come l unica in grado di sviluppare nell uomo l attività intellettuale. Anche gli errori cognitivi causati dalle apparenza percettive sono sempre stati giustificati come incapacità logiche di tipo induttivo/deduttivo. Tutto ciò ha portato all errore di identificare i termini: conoscenza e rappresentazione della realtà. L azione come fonte principale, e come tale prioritaria, della conoscenza prende lo spunto dal fatto che ogni intervento dell uomo su di una realtà, oltre che modificare la realtà stessa, permette di conoscerla. La percezione, unitamente alla sensazione, svolge la funzione di segnalazione che permette di compiere l azione e di attivare l isomorfismo fra l azione fatta e lo specifico dell intelligenza che è il trasformare. L insegnante può agire come comunicatore delle conoscenze ma, per la matematica, sarebbe opportuno che l insegnante agisca anche e specialmente come organizzatore di esperienze mirate ai concetti considerati e basate sul fare e sull agire sia a livello motorio sia a livello manipolatorio. Solo successivamente, potrà tramutare queste esperienze in astrazioni e in forme linguistiche adatte ad esprimere queste astrazioni. Induzione / deduzione Questa coppia di indicatori si riferisce alla metodologia logica utilizzata dagli insegnanti per proporre gli argomenti curricolari ai bambini. Il metodo induttivo permette di portare il bambino ad una generalizzazione del concetto muovendo da tante situazioni particolari opportunamente collocate nel tempo. Il problem solving rientra in tale concezione didattica. Ad esempio, attraverso tanti problemi reali, tante operazioni reali e tante forme linguistiche si arriva all operazione dell addizione, alla sua scrittura e alla sua tecnica computistica. Il metodo deduttivo, al contrario, si basa sulla comunicazione della legge generale e da questa, tramite capacità logiche, si deve arrivare a dominare le situazioni particolari appartenenti alla classe generalizzata. E il caso di quando l insegnante comunica la formula risolutiva del calcolo dell area di un trapezio e il bambino deve saper risolvere tutti i problemi inerenti l area del trapezio o deve saper trovare la formula del calcolo dell area del quadrato. Pag. 3 di 10 totali

4 L induzione richiede più tempo e maggior lavoro ma dà risultati più sicuri e più duraturi perché il bambino partecipa alla conquista della conoscenza, la deduzione accorcia i tempi scolastici aumentando però quelli di esercitazione extrascolastica, ma non sempre porta alla conoscenza a causa del ruolo passivo assunto dal bambino. Siccome il tempo a disposizione dell insegnante è sempre molto limitato, risulta normalmente prevalente la proposta deduttiva. E utile dare maggior spazio ai momenti di vissuto induttivo per ottenere dal bambino capacità logiche complete ed armoniche. FINALITA DELLA SPERIMENTAZIONE Nello spirito didattico emerso dalle premesse e dalle questioni di fondo, questa attività vuol orientare gli insegnanti ad un nuovo modo di programmare le proprie attività didattiche, tenendo presente che queste devono: - essere basate sui concetti di matematica ritenuti indispensabili nelle rispettive età mentali, che questi vanno debitamente approfonditi e che, altri concetti ritenuti non opportuni in quelle età mentali (anticipare o posticipare) non vanno presentati, specialmente nei passaggi da un ordine scolastico all ordine scolastico superiore; - tenere in considerazione l uso di tutti i mediatori didattici, da quelli attivi a quelli simbolici; - evidenziare, tramite i concetti e la metodologia citati, i legami fra la scuola dell infanzia, la scuola primaria, la scuola media e la neo-riformata scuola superiore in modo da dare consistenza al lavoro di verticalizzazione del curricolo d istituto. - Aver chiari quali sono i nodi tematici che caratterizzano l'insegnamento della matematica visti nel loro sviluppo curricolare dalla infanzia alla primaria e alla secondaria di 1 grado. L intera attività deve essere condotta, nelle classi, dalle insegnanti che aderiscono alla sperimentazione. Questo implica che: - le insegnanti coinvolte devono tenere un diario di bordo di quanto emerso negli incontri con il sottoscritto e dei risultati ottenuti dall applicazione in classe di quanto concordato. - in ogni incontro si analizzeranno i risultati di ciò che le insegnanti hanno proposto ai bambini nel mese precedente e, sulla base dei risultati, si formulerà la programmazione di quanto dovrà essere proposto ai bambini nel mese successivo - nell ultimo periodo dell anno scolastico si concorderanno dei test al fine di valutare le competenze acquisite dai bambini e dagli allievi. - terminata la scuola, sulla base dei diari di bordo tenuti dalle insegnanti, verrà costruito un curricolo di fatto che concorrerà alla formazione del curricolo verticale d Istituto inerente la matematica. La sperimentazione si articolerà nel seguente modo: - 9 incontri di 3 ore ciascuno così suddivisi: - 1 incontro: assembleare (infanzia e primaria insieme) - dal 2 al 9 incontro: di programmazione e di produzione. - Le classi interessate alla sperimentazione sono le seguenti: - due classi prime - una o due terze della primaria Qualsiasi insegnante dell Istituto può partecipare ai lavori come uditore. - Il calendario verrà pattuito in prossimità dell apertura del nuovo anno scolastico e sarà articolato con una frequenza di circa un incontro al mese. - orario degli incontri: 14,30 17,30 (o altro da concordare) Pag. 4 di 10 totali

5 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) 2011 Nome e indirizzo datore di lavoro Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Roma Tipo di azienda o settore Ministero P.I. Tipo di impiego Membro del gruppo di lavoro Principali mansioni e responsabilità Membro del gruppo di lavoro relativo al progetto-obiettivo Metodo di studio e capacità critiche, Direzione Generale per gli Ordinamenti scolastici, MIUR Date (da a) Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di Informatica, Facoltà di Medicina e Chirurgia, corso di laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria Date (da a) Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di Informatica, Facoltà di Medicina e Chirurgia, corso di laurea in Medicina e Chirurgia Date (da a) Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di Informatica applicata, Facoltà di Medicina e Chirurgia, corso di laurea in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Date (da a) Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di Informatica, Facoltà di Medicina e Chirurgia, corso di laurea in Scienze Motorie Pag. 5 di 10 totali

6 Date (da a) Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di Informatica, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Nefrologia Date (da a) Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di Elementi di Informatica (1 anno) e di Elaborazione Informazioni (3 anno), Facoltà di Medicina e Chirurgia, corso di laurea in Tecniche della prevenzione nell ambiente e nei luoghi di lavoro. Date (da a) Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di Informatica, Facoltà di Medicina e Chirurgia, corso di laurea in Dietistica. Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro Università degli studi di Parma Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di Laboratorio trasversale di Didattica della Matematica e Fisica, Scuola di Specializzazione all Insegnamento Secondario. Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro Università degli studi di Udine Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di Didattica dell informatica, Scuola di Specializzazione all Insegnamento Secondario. Date (da a) e Nome e indirizzo datore di lavoro Università del Lazio - Roma Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di Laboratorio area Logico Matematica, Scuola di Specializzazione all Insegnamento Secondario - IUSM. Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro I.U.S.M. - Roma Dipartimento di Scienze della Formazione per le attività Motorie e lo Sport Principali mansioni e responsabilità Docente nel Master 1 livello Processi di integrazione in attività motorie e sportive integrate, Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro Università del Lazio - Roma Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di La dimensione spazio corporea: applicazioni Pag. 6 di 10 totali

7 matematiche, IUSM. - S.S.I.S Corso abilitante speciale Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro Università Cattolica del Sacro Cuore - Brescia Principali mansioni e responsabilità Docente contrattista di Psicopatologia e didattica del calcolo e della soluzione dei problemi e Metodologie didattiche dell educazione logico matematica, Facoltà di Scienze della Formazione Date (da a) e 2005 Nome e indirizzo datore di lavoro Cliniche Universitarie Spedali Civili di Brescia Principali mansioni e responsabilità Docente di Informatica nei progetti: FSE n Epidemiologia, prevenzione, educazione alla salute in area pediatrica, FSE n Corso di perfezionamento in Epidemiologia e Ricerca, FSE n "Corso di Perfezionamento in metodologia dell'assistenza infermieristica, ricerca,sviluppo della qualità dell'assistenza in area critica" cofinanziati da: Reg. Lombardia, Min. del Lavoro, Fondo Sociale Europeo Date (da a) Principali mansioni e responsabilità Esercitatore di Statistica Matematica, facoltà di Medicina. Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro Ministero della Pubblica Istruzione sez. di Brescia Tipo di azienda o settore Aggiornamento docenti per l handicap Principali mansioni e responsabilità Docenza di Matematica e Logica nei corsi ministeriali per gli insegnanti di scuola di ogni ordine e grado: Piano Pluriennale di Specializzazione Polivalente tenuti a Brescia Date (da a) Tipo di impiego Collaboratore tecnico Principali mansioni e responsabilità Collaboratore tecnico scientifico, facoltà di Ingegneria, per l inizializzazione degli impianti relativi alla didattica dell informatica Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro Ist. Comprensivi di Ponte Nossa, Gromo e Albino Tipo di azienda o settore Scuola Tipo di impiego Responsabile di sperimentazione didattica Principali mansioni e responsabilità Progetto di sperimentazione metodologico-didattica matematica in classi dalla 1ª alla 5ª primaria Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro Istituto Comprensivo L. Angelini di Almenno San Bartolomeo Tipo di azienda o settore Scuola Tipo di impiego Responsabile di sperimentazione didattica Principali mansioni e responsabilità Progetto di sperimentazione metodologico-didattica e di continuità infanziaprimaria-secondaria di 1 grado per l ambito matematico-fisico-motorio Pag. 7 di 10 totali

8 Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro Comune di Malo e D.D. R. Rigotti di Malo Tipo di azienda o settore Scuola Tipo di impiego Direttore e relatore Principali mansioni e responsabilità Direttore e relatore delle 6 edizioni del convegno: Dire Fare Creare con Matematica-Mente, percorsi didattici matematici per la scuola primaria. Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro Istituto Sraffa di Brescia Tipo di azienda o settore Scuola Secondaria Tipo di impiego Esperto Principali mansioni e responsabilità Docente esperto di Didattica Speciale nel corso di specializzazione per insegnanti: Corso Pluriennale di Specializzazione per Attività di Sostegno. Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro vari IRRSAE (ora rinominati IRRE) della Lombardia, Trentino,... Enti Pubblici (comuni, province, regioni, Istituti regionali, ) Tipo di azienda o settore Lavoro, Aggiornamento, Sostegno Handicap Tipo di impiego Docente aggiornatore, Relatore Principali mansioni e responsabilità In qualità di docente aggiornatore di matematica nel corso promosso dalla Regione Lombardia e organizzato dalla Direzione Didattica di Adro (BS) nell anno 1973/74 in qualità di esperto di Topologia presso la scuola Audiofonetica di Mompiano dal 1978 al 1981 e dal 1996 al in qualità di relatore al corso d aggiornamento per insegnati di Sostegno tenuto presso Marocco (TV) nell a.s. 1981/82 in qualità di relatore alle giornate di studio Handicap e vita al Centro Audiofonetico di Marocco (TV) nell a.s. 1982/83 in qualità di relatore al corso per docenti per handicappati organizzato dall Assessorato alla P.I. di Bergamo nell a.s. 1984/85 in qualità di consulente didattico per la creazione dei corsi per Minorati F.S.E. tenuti allo IAL di Brescia. A.s. 1985/86 in qualità di docente al corso Formatori operatori orientamento e collocamento Handicappati tenuto allo IAL Brescia nell a.s. 1986/87 in qualità di docente al corso di informatica didattica per assistenti ai disabili tenuto al C.F.D.R. di Nembro (BG) per conto del CITE di Bergamo nell a.s. 1986/87 in qualità di docente aggiornatore di didattica della matematica nel piano quinquennale promosso dal Ministero P.I. e organizzato dall IRSAE: anno 1987/88 N 6 corsi anno 1988/89 N 7 corsi anno 1989/90 N 8 corsi anno 1990/91 N 10 corsi anno 1991/92 N 12 corsi in qualità di docente aggiornatore di insegnanti delle scuole materne ed elementari per il progetto: "Le vie della continuità" organizzato dall'iprase del trentino nell'a.s. 1994/95 in qualità di docente aggiornatore per il progetto "Il disagio nella scuola dell'obbligo" organizzato dal Provv. Studi di Bergamo negli anni 1995/97 in qualità di docente aggiornatore per il progetto ASABERG "Matematica e l'ambito matematico-motorio-tecnologico": anno 2005/06 N 3 corsi anno 2006/07 N 3 corsi anno 2007/08 N 3 corsi anno 2008/09 N 3 corsi anno 2009/10 N 3 corsi in qualità relatore nei seguenti convegni inerenti i DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento): - Le categorie spazio-temporali - Lucca 03/05/2002 Dislessia e scuola: individuazione e intervento precoce Pag. 8 di 10 totali

9 - L incidenza delle carenze spazio-temporali-logiche nell apprendimento dei bambini Barga (LU) 24/03/2007 I disturbi specifici dell apprendimento - Le difficoltà del calcolo aritmetico e le categorie mentali primitive Viareggio (LU) 21/03/2009 Le difficoltà specifiche di apprendimento - Dal gioco motorio alle categorie mentali Sarezzo (BS) 28/10/2010 Ritmo-movimento per l apprendimento Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro - Scuola sperimentale superiore di origine ministeriale di Ragioneria, Agrimensura e Liceo psicopedagogico di Leno, - Liceo Scientifico Sperimentale A. Calini di Brescia. Tipo di azienda o settore Scuola secondaria Tipo di impiego Docente sperimentatore Principali Docente mansioni e di responsabilità Matematica, Fisica, Logica Formale, Informatica con abilitazione per la classe LXIX (matematica e fisica) Date (da a) Nome e indirizzo datore di lavoro - Industria elettronica Dinema - Brescia - Ditta consulenza gestione rifiuti Enerconsult Brescia - Ospedalino dei bambini Brescia - ASL Brescia - Università degli Studi di Brescia, Facoltà di Medicina e Chirurgia - Brescia Tipo di azienda o settore Industria, salute e istruzione Tipo di impiego Esperto informatico Principali mansioni e responsabilità Analisi e sistemi informatici Realizzazione di software per: - automatizzazione macchine e processi industriali - automatizzazione acquisizione dati e loro elaborazione statistica per bambini dializzati - gestione case di riposo e servizi per anziani - analisi dati medici/farmaci - statistica valutazione della didattica Pag. 9 di 10 totali

10 PUBBLICAZIONI LIBRI: PEA BEPPE, Insegnare con i concetti la matematica, Franco Angeli Ed., Milano 2007 PEA BEPPE, Matematica nella scuola di base, Vol.1, Vannini Ed., Gussago (BS) 2001 PEA BEPPE, Matematica nella scuola di base, Vol.2, Vannini Ed., Gussago (BS) 2001 PEA BEPPE, Laboratorio di geometria, Desca Ed., Brescia PEA BEPPE, Laboratorio delle operazioni aritmetiche, Emme Edizioni Petrini Junior., Torino PEA BEPPE, Laboratorio del numero, Emme Edizioni Petrini Junior., Torino PEA BEPPE, Laboratorio di topologia, Coop. Ed. M.C.E., Brescia Seconda edizione della Emme Edizioni Petrini Junior., Torino PEA GIUSEPPE e altri, Insegnare con i concetti corpo, movimento e sport, Franco Angeli Ed., Milano 2009 PEA BEPPE e altri, Le macchine del maestro Sergio, Vannini Ed. Gussago (BS) 2008 PEA BEPPE e altri, I regoli per costruire e progettare, Vannini Ed. Gussago (BS) 2007 PEA BEPPE e altri, I regoli Schede operative, Vannini Ed. Gussago (BS) 2007 PEA BEPPE e altri, Le storie del maestro Sergio. Il problem solving, Vannini Ed. Gussago (BS) 2006 PEA BEPPE e altri, Le storie del maestro Sergio. 1 livello. Schede operative anni, Vannini Ed. Gussago (BS) 2006 PEA BEPPE e altri, Le storie del maestro Sergio. 2 livello. Schede operative anni, Vannini Ed. Gussago (BS) 2006 PEA BEPPE e altri, Un nuovo curricolo per la scuola dell infanzia e di base (Strumenti per la progettazione didattica:l ambito dell azione o matematico-motorio-tecnologico), a cura di F. Bertoldi e N. Serio, Armando Ed., Roma 2001, pp PEA BEPPE e altri, Le vie della continuità (La continuità nell ambito di spazio-tempo-causa), collana strumenti didattici n.7, IPRASE Trentino, Trento 1999, pp PEA BEPPE e altri, Arte e scienza (Esperienze di matematica a passo di danza), a cura della Cooperativa teatro laboratorio, Grafo Ed., Brescia 1999, pp PEA BEPPE e altri, Il disagio nella scuola dell obbligo (Problemi di apprendimento: la matematica), Distretto scolastico 29 e Provveditorato agli Studi di Bergamo, IKONOS Ed., Treviolo (BG) 1997, pp PEA BEPPE contributo: Matematica con il corpo. Teorie, esperienze, concetti astratti tradotti in forme accessibili a tutti nel libro: Processi formativi e percorsi di integrazione nelle scienze motorie. Ricerca, teorie e prassi di Lucia De Anna, Franco Angeli Ed., Milano 2009 ARTICOLI: PEA BEPPE, prefazione del libro di Dora Vallario Il cerchio per parlare le parole, edizioni Junior, Azzano S. Paolo (BG), 2009 PEA BEPPE, prefazione del libro di Bruno Giorgosolo Da Pollicino ad Escher, edizioni Junior, Azzano S. Paolo (BG), 2004 PEA BEPPE, Il tempo e la matematica, in I diritti della scuola, n.4, 1999, pp Le concezioni spaziali, in I diritti della scuola, n.6, 1999, pp Il numero naturale (1^ parte), in I diritti della scuola, n.8, 2000, pp Il numero naturale (2^ parte), in I diritti della scuola, n.10, 2000, pp. 6-8 Un po di logica (1^ parte), in I diritti della scuola, n.16, 2000, pp Un po di logica (2^ parte), in I diritti della scuola, n.17, 2000, pp PEA BEPPE, Il cortile e l aritmetica, in Cooperazione educativa, n.3, 1999, pp PEA BEPPE, Linguaggio dei segni e matematica, in I CARE, n.3, 1998 PEA BEPPE, Spazio-tempo e geometria: Gli enti primitivi, in Gulliver News, n.1, 1994, pp La ciclicità in aritmetica (1^ parte), in Gulliver News, n.2, 1994, pp La ciclicità in aritmetica (2^ parte), in Gulliver News, n.3, 1994, pp PEA BEPPE e altri, Il personal computer nell unità dialitica: vantaggi, limiti, problemi, in Informatica e nefrologia, supplemento alla rivista notizie sanità, n.2, 1985 PEA BEPPE e altri, Computerised program to compare tolerance of dialysis patients to different dialysis schedules, in Proceedings of the European dialysis and transplant association European renal association, 21 Congress held in Florence, Italy, 1984, Ed. Alex M. Davison, pp INTERVISTE: GIUSEPPE PEA, Diciamo subito quanto è pratica, intervista fatta da Chiara Fantoni pubblicata dalla rivista CLASS, n.294, ottobre 2010, pp Brescia 20/06/ 2011 Pag. 10 di 10 totali

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

Non cercate di soddisfare la vostra vanità, insegnando loro troppe cose. Risvegliate la loro curiosità.

Non cercate di soddisfare la vostra vanità, insegnando loro troppe cose. Risvegliate la loro curiosità. Non cercate di soddisfare la vostra vanità, insegnando loro troppe cose. Risvegliate la loro curiosità. E sufficiente aprire la mente, non sovraccaricarla. Mettetevi soltanto una scintilla. Se vi è della

Dettagli

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA

PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA EDUCATIVO-PREVENTIVA anno scolastico 2012/2013 Scuola dell Infanzia Don Antonio Dalla Croce Monteforte d Alpone a cura di: Sara Franchi PREMESSA La proposta di questo progetto

Dettagli

Barbara Pellegatta. Dirigente Scolastico. Curriculum Vitae Barbara Pellegatta INFORMAZIONI PERSONALI

Barbara Pellegatta. Dirigente Scolastico. Curriculum Vitae Barbara Pellegatta INFORMAZIONI PERSONALI INFORMAZIONI PERSONALI Barbara Pellegatta Sesso Femmina Data di nascita 18/08/1972 Nazionalità Italiana POSIZIONE RICOPERTA Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo De Amicis di Gallarate (VA) ESPERIENZA

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Curriculum vitae e professionale

Curriculum vitae e professionale Curriculum vitae e professionale Carlo Pascoletti Dati personali Luogo di nascita: Gorizia Data di nascita: 08/03/1944 Residenza: Via Cragnutto,33, 33078- San Vito al Tagliamento (PN) Tel. 0434.81807 -

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF 1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI Allegato al POF a.s. 2013/2014 Profilo formativo della classe prima competenze riferite agli strumenti culturali Comunicare per iscritto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo FERRABOSCHI LUCIA MARIA 8, VIA FLLI COLTURI, 25025 MANERBIO (BRESCIA) Telefono 3385949852 Fax E-mail

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il Curricolo

Indicazioni Nazionali per il Curricolo Indicazioni Nazionali per il Curricolo Scuola dell infanzia e primo ciclo di istruzione Conferenza Stampa Mercoledì 6 Marzo 2013 MIUR- Sala della Comunicazione Ore 15:00-17:00 #InScuola Le nuove Indicazioni

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

influenzano la funzione della scuola

influenzano la funzione della scuola PROGETTO - OBIETTIVO METODO DI STUDIO e CAPACITA CRITICA PREMESSA Scenario sociale: stimoli variegati, molteplici e ambivalenti fonti di apprendimento non formale ed informale influenzano la funzione della

Dettagli

- Programmi per la scuola elementare. Divisione della scuola, Ufficio delle scuole comunali. Approvati il 22 maggio 1984 dal Consiglio di Stato

- Programmi per la scuola elementare. Divisione della scuola, Ufficio delle scuole comunali. Approvati il 22 maggio 1984 dal Consiglio di Stato 1. Elementi di contesto La revisione dei piani di studio svizzeri avviene all interno di un contesto ben definito che è quello legato all Accordo intercantonale sull armonizzazione della scuola obbligatoria

Dettagli

Bolog na, 07/05/2014

Bolog na, 07/05/2014 Bologna, 07/05/2014 Come fare a costruire un curricolo verticale? Personali Situazioni d aula Indicazioni Nazionali Confronto con i colleghi, con le Istituzioni, con le famiglie,.. Ricerche in Didattica

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSI: 1^ CORSO: AFM - LICEO SPORT AS 20152016 Moduli Libro Di Testo scienze motorie Appunti schede tecniche Competenze di base - Sviluppo funzionale

Dettagli

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO

CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO www.scientificoatripalda.gov.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PARTE PRIMA PREMESSA La riforma del secondo ciclo d istruzione

Dettagli

L analisi del contesto

L analisi del contesto 1 L analisi del contesto La struttura scolastica è formata da 5 sezioni +1 terza La popolazione scolastica è costituita da: 316 allievi di cui 55% maschi e 45%femmine, di questi solo il 2% sono allievi

Dettagli

FORMIS - QUESTIONARIO DOCENTI

FORMIS - QUESTIONARIO DOCENTI Note. A. DATI ANAGRAFICI A.1 Sesso (segna con una X l alternativa scelta) A. 1.1 M [ ] A. 1.2 F [ ] A.2 Età (segni con una X l alternativa scelta) A.2.1 fino a 29 [ ] A.2.2 da 30 a 39 [ ] A.2.3 da 40 a

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Bergamo 5 Aprile 2011 I.T.IS. Marconi, Dalmine (BG) SPUNTI DIDATTICI. per alunni con DSA

Bergamo 5 Aprile 2011 I.T.IS. Marconi, Dalmine (BG) SPUNTI DIDATTICI. per alunni con DSA Bergamo 5 Aprile 2011 I.T.IS. Marconi, Dalmine (BG) SPUNTI DIDATTICI per alunni con DSA Prof.ssa Lita Gatti Funzione strumentale DSA: Liceo delle Scienze Umane Paolina Secco Suardo, Bergamo Punti di forza

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina

Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina Liceo Linguistico Marcelline Bolzano Docente: Lavezzo Martina CURRICULUM DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE/EDUCAZIONE FISICA Nella stesura del curriculum di Scienze Motorie e Sportive/Educazione Fisica si

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI

ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015. DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI ISTITUTO COMPRENSIVO CEPAGATTI a. s. 2014-2015 DIPARTIMENTI per AREE DISCIPLINARI e/o per ASSI CULTURALI Composizione I Dipartimenti sono composti dai docenti, raggruppati per aree disciplinari e/o per

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE PROFILI PROFESSIONALI ITAS Tecnico per le Attività Sociali Durata degli studi: 5 anni. Titolo di studio rilasciato: Diploma di Maturità Tecnica per Attività Sociali Indirizzo: a) Dirigenti di Comunità

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ

PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ PROGETTO DI INTERVENTO DIDATTICO/FORMATIVO PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI CON DISABILITÀ QUANDO LE SCUOLE SI INCONTRANO CON IL TERRITORIO VITA QUOTIDIANA E STRATEGIE D INTERVENTO PER GLI ALUNNI DISABILI

Dettagli

Progettare esperienze per generare competenze

Progettare esperienze per generare competenze Progettare esperienze per generare competenze L insegnamento della matematica nella prospettiva della ricerca-azione Ins. Facondina Salvatore Premessa (dalle Nuove Indicazioni) Obiettivo della scuola è

Dettagli

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione

Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Scuola Istituto Comprensivo via A.Moro Buccinasco a.s.2015/2016 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti 2014/2015: n 1. disabilità

Dettagli

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi

PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi b PIANO PON M@T.abel - Corsi brevi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV Programmazione

Dettagli

Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia

Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia della scuola poiché traduce in prassi un comune senso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado Cerreto Sannita - San Lorenzello PROGETTO CONTINUITA EDUCATIVA REGOLIAMOCI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PREMESSA

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 1 via Regina Elena, 5-62012- Civitanova Marche (MC) Tel. 0733/812992 Fax 0733/779436 www.icviareginaelena.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA CHE COS E IL

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012

SCUOLA dell' INFANZIA: FONTECHIARO Sez. B a.s. 2011-2012 SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012 Inss.: Masci Luana - Del Gatto Paola Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno

SCHEDA DI PROGETTO. INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno SCHEDA DI PROGETTO INCLUSIONE : Per tutti e per ciascuno Denominazione progetto Priorità cui si riferisce Per tutti e per ciascuno La difficoltà dichiarata anche nel RAV - che la scuola vive nel realizzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

COMUNE DI NOVARA Area Servizi Sociali Servizi Educativi

COMUNE DI NOVARA Area Servizi Sociali Servizi Educativi Progetto La ComuneArte Premesse L del Comune di Novara, con il decisivo contributo della Provincia di Novara, attraverso il Progetto La ComuneArte ha intenzione di proporre un percorso di formazione triennale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN.

Orario p.m. Tot. ore settimanali Scuola dell Infanzia 8.00-16.00 Dal LUN. al VEN. 40h. Primaria Rodari 8.30-16.30 Dal LUN. al VEN. L I.C. è composto dai seguenti plessi: 1 Scuola dell Infanzia San Francesco 4 Scuole primarie: De Amicis, Pasini, Pertile, Rodari 1 Scuola Secondaria di 1 grado Mainardi Orario scolastico a.s. 2015/16

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio.

OGGETTO: Linee guida Progetto PERCORSO DI ORIENTAMENTO in collaborazione con la FS Prof. Sergio. Distretto Scolastico N 53 Nocera Inferiore (SA) Prot. n. 1676 C/2 Nocera Superiore,18/10/2012 A tutti i docenti All attenzione della prof. Sergio FS di riferimento All attenzione di tutti i genitori Tramite

Dettagli

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 FINALITÀ EDUCATIVE DELLA DISCIPLINA Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e

Dettagli

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA Premessa Il Progetto Giochi Sportivi Studenteschi si propone di rimarcare l importanza della: Corporeità e della motricità, intese come elementi portanti

Dettagli

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ Creare le condizioni ed i presupposti per un sereno passaggio dei bambini dalla Scuola dell Infanzia alla scuola primaria, con particolare

Dettagli

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI RESPONSABILITÀ EDUCATIVA Perseguire l innovazione didattica con efficacia, praticando sperimentazioni e attivando corsi di formazione che consentano alla

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Classe di Laurea LM 85 bis DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE COMUNICAZIONE, FORMAZIONE, PSICOLOGIA PRESIDENTE DEL CORSO DI LAUREA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORISOLE Scuole Primarie PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima Matematica Anno Scolastico 2015/ 2016 COMPETENZE : A -NUMERO Comprende il significato dei numeri, i modi per

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTO quanto previsto dalla Legge 107 del 13/07/2015 Riforma del sistema nazionale

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA

La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni METODOLOGIA La scuola dell infanzia è la risposta al diritto all educazione dei bambini dai 3 ai 6 anni PRINCIPI EDUCATIVI E LINEE GUIDA Rispetto dell unità psico-fisica del bambino; centralità educativa del fare

Dettagli

TEMATICA: fotografia

TEMATICA: fotografia TEMATICA: fotografia utilizzare la fotografia e il disegno per permettere ai bambini di reinventare una città a loro misura, esaltando gli aspetti del vivere civile; Obiettivi: - sperimentare il linguaggio

Dettagli

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013

PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PROGETTO SCUOLE DELL INFANZIA San Carlo Borromeo e H. C. Andersen A.S. 2012-2013 (Laboratorio di logico-matematica) Siamo nati per contare, abbiamo dei circuiti incorporati

Dettagli

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi

L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi L alternanza scuola lavoro Dott.ssa Eleonora Grossi Neuroscienze e Riabilitazione neuropsicologica Psicologia dello sviluppo e dell educazione Potenziamento cognitivo Metodo Feuerstein L alternanza scuola

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA VILLETTA

SCUOLA DELL INFANZIA VILLETTA SCUOLA DELL INFANZIA VILLETTA PROGETTO DI PLESSO 2011/12 PROGETTO: La macchina del tempo MOTIVAZIONE La scuola dell infanzia è uno degli ambienti fondamentali in cui il bambino sviluppa le proprie esperienze

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

La musica è primaria

La musica è primaria La musica è primaria Motivazioni Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza simultanea di stimoli sonori diversi, il cui eccessivo e disorganico sovrapporsi può comportare

Dettagli

Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare -

Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare - Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Provinciale di Bergamo - Segreteria particolare - 20 novembre 2008 COMUNICATO STAMPA Alunni disabili, il 28 novembre parliamone

Dettagli

Dati personali. Data di nascita 03.05.1958. Contatti +39 0363 9860280. dirigenteicmartinengo@gmail.com. Formazione

Dati personali. Data di nascita 03.05.1958. Contatti +39 0363 9860280. dirigenteicmartinengo@gmail.com. Formazione C U R R I C U L U M V I T A E M A R I A C A R F A G N O C u r r i c u l u m V i t a e Dati personali Nome Cognome Maria Carfagno Data di nascita 03.05.1958 Nazionalità Italiana Contatti +39 0363 9860280

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA E d u c a r e Insegnando Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2012-13 (estratto) L istituzione scolastica è espressione

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio Terni, Auditorium A.Casagrande F.Cesi 3 novembre 2014 Silvio Improta Dirigente Scolastico - Staff Regionale per le Misure di accompagnamento alle Nuove Indicazioni

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

PROGETTO A.S. 2011-2012 / 2012-2013

PROGETTO A.S. 2011-2012 / 2012-2013 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI LENO Via F.lli De Giuli 1, 25024 LENO ( Brescia) ; Tel. 030.9038250 Fax 030.9068974 codice ministeriale BSIC89600Q - C.F.

Dettagli

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.)

Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Percorso di orientamento sui saperi minimi (P.O.S.M.) Il progetto nasce da una collaborazione fra la Facoltà di Economia e l ITCS G.Oberdan di Treviglio nell ambito delle attività di orientamento di entrambe

Dettagli

ISTITUTO MARCO POLO Legalmente riconosciuto Via Ferrando 1-25127 Brescia Tel. 030-320933 - Fax 030-320340

ISTITUTO MARCO POLO Legalmente riconosciuto Via Ferrando 1-25127 Brescia Tel. 030-320933 - Fax 030-320340 ISTITUTO MARCO POLO Via Ferrando 1 25127 Brescia Tel. 030320933 Fax 030320340 ISTITUTO TECNICO LICEO SCIENTIFICO LICEO COMM.LE I.G.E.A. TRADIZIONALE SPORTIVO Solo con la collaborazione e l impegno di docenti,

Dettagli

Curricolo verticale di matematica

Curricolo verticale di matematica 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale di matematica Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione Tutto il percorso

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA:

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA: PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Anna Maria Ghio Plesso Classe 1 Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Primaria Giusti Sezione A Matematica Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa

COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010. AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINAMENTO PER MATERIE 14/15 SETTEMBRE 2010 AREA DISCIPLINARE: Matematica MATERIA Calcolo delle Probabilità-Statistica-Ricerca Operativa COORDINATORE Ranzani Sono presenti i proff. P Ranzani (coordinatore),

Dettagli

Robotica che passione

Robotica che passione DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO - EBOLI Via Gen. Gonzaga 84025- EBOLI(SA) Tel. e fax 0828 332859 mail: saee05400t@istruzione.it sito: secondocircoloeboli.it Robotica che passione attività per gli

Dettagli

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali;

proporre iniziative comuni per realizzare la continuità attraverso le fasi dell accoglienza e la formazione delle classi iniziali; CONTINUITA' Il concetto di continuità nella scienza educativa, si riferisce a uno sviluppo e a una crescita dell individuo che si realizza senza macroscopici salti o incidenti. La continuità nasce dall

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA ALLEGATO 2 PTOF 2016/2019 SCHEDE PROGETTUALI SCUOLA DELL INFANZIA INDICE ACCOGLIENZA CONTINUITÀ SI/SP LINGUA INGLESE ATTIVITA MOTORIA EDUCAZIONE MUSICALE LABORATORIO TEATRALE 1 ACCOGLIENZA Integrazione

Dettagli