Fondazione Bruno Kessler. Rapporto di Autovalutazione della Struttura. 1 Missione della Struttura 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondazione Bruno Kessler. Rapporto di Autovalutazione della Struttura. 1 Missione della Struttura 2"

Transcript

1 Valutazione della Qualità della Ricerca VQR Fondazione Bruno Kessler Rapporto di Autovalutazione della Struttura Indice 1 Missione della Struttura 2 2 Programmazione della Ricerca La programmazione Ruolo, composizione e competenze degli organismi Strumenti di Verifica Research Assessment Posizionamento della Struttura Centro Materiali e Microsistemi Centro di Information Technology Attività di Terza Missione della Struttura Centro Materiali e Microsistemi Centro di Information Technology Capacità di Attrazione di Risorse Esterne per la Ricerca 18 7 Collegamento tra Valutazione dei Risultati e Processi Decisionali 20 8 Principali Punti di Forza e di Debolezza delle Attività di Ricerca La Valutazione Istituzionale: PAT 2008 & CE Centro Materiali e Microsistemi Centro di Information Technology

2 1 Missione della Struttura La Fondazione Bruno Kessler (FBK), costituita il 24 novembre 2006 quale ente di interesse pubblico senza fini di lucro (ex L.P. 14, 2 agosto 2005), persegue lo sviluppo di ricerca di alta qualità e di impatto tecnologico, sia nella prospettiva dell avanzamento della conoscenza sia in quella del servizio alla comunità trentina. La Fondazione si concentra sull esplorazione di frontiere innovative del sapere, con una speciale attenzione all interdisciplinarietà ed alla dimensione applicativa, ponendosi in complementarietà e sinergia nei confronti dell istituzione universitaria. Sono scopi statutari della Fondazione: la promozione dell innovazione, nell accezione più ampia di nuovi sviluppi e sintesi culturali, civili e strumentali, col coinvolgimento della comunità e dell economia locale; il trasferimento dei risultati della ricerca, ed in particolare il sostegno a nuove imprenditorialità, la crescita di inedite capacità professionali, nonché la qualificazione delle strutture delle amministrazioni pubbliche; l apertura internazionale del territorio trentino, anche attraverso la promozione di collaborazioni e attività di scambio con realtà di ricerca nazionali ed internazionali. La Fondazione partecipa al Sistema Trentino dell Alta formazione e della Ricerca (STAR), stipulando con la Provincia Autonoma di Trento accordi di programma quinquennali, con obiettivi contestualmente convenuti, soggetti a verifica annuale. In sintonia con la missione statutaria, questi accordi sanciscono anche l impegno, da parte della Fondazione, a farsi interprete di nuove tendenze ed esigenze di interesse strategico per il territorio. La Fondazione è altresì fortemente impegnata nel campo dell alta formazione, contribuendo con risorse e programmi strutturati (generalmente, in convenzione con università) al finanziamento di borse di studio, all inserimento e crescita di giovani studiosi nelle unità di ricerca e all ospitalità internazionale dal ciclo della scuola secondaria al livello post-dottorale. Ci troviamo dunque dinnanzi ad un organizzazione che, proveniente da una tradizione pluridecennale (l Istituto Trentino di Cultura), si è radicalmente rinnovata nella forma istituzionale e giuridica (soggetto di diritto privato), nella struttura e negli strumenti (organi di governo; contratto di lavoro), nelle relazioni col territorio che la sostiene. In questa prospettiva, il settennio è da intendersi come un periodo di straordinario cambiamento, segnato giusto a metà dalla nascita della Fondazione, e dalla ricerca, avvenuta nel successivo quadriennio, degli assetti più consoni all espletamento della sua missione. 2

3 Oggi la Fondazione è strutturata in centri di ricerca dotati di ampia autonomia operativa, supportati nelle loro attività da servizi coordinati a livello centrale. I centri di ricerca, pur diversi per orientamento, taglia e tradizione, si aggregano attorno a due poli disciplinari, l uno Scientifico e Tecnologico (Information Technology; Materiali e Microsistemi; Fisica Nucleare e Teorica; Ricerca Matematica) e l altro delle Scienze Umane e Sociali (Studi Storici Italo-Germanici; Scienze Religiose; Valutazione delle Politiche Pubbliche; Pace, Guerra e Mutamento Internazionale; Behavioral Economics). Quale segno distintivo del cambiamento, la Fondazione ha deliberato di partecipare alla VQR su base volontaria, ponendo al confronto nazionale i risultati scientifici e la capacità di impatto socioeconomico dei suoi due centri maggiori: il Centro Materiali e Microsistemi (CMM), ed il Centro di Information Technology (CIT). A questi fanno capo, congiuntamente, oltre i 2/3 del volume di attività della Fondazione, per un totale di 138 autori registrati alla VQR. 2 Programmazione della Ricerca Con la L.P. 14, 2 agosto 2005, la Provincia Autonoma di Trento (PAT) ha stabilito i termini e le condizioni del riordino del Sistema Provinciale della Ricerca, profondamente riformandone l assetto generale e le regole di funzionamento. Oltre a definire il quadro giuridico entro il quale è data vita alla Fondazione Bruno Kessler (ed è contestualmente soppresso l Istituto Trentino di Cultura), la legge introduce gli strumenti per la promozione e lo sviluppo della ricerca e dell innovazione sul territorio trentino. In particolare, la legge introduce il Piano Pluriennale della Ricerca (PPR) quale unico documento programmatico di coordinamento degli strumenti a supporto della ricerca nella Provincia di Trento. Il PPR, che ha durata massima pari a quella della legislatura (5 anni) e viene aggiornato annualmente, è costruito anche in considerazione della programmazione nazionale in materia di ricerca. Il PPR individua, fra l altro, le aree prioritarie e gli obiettivi di interesse per il territorio provinciale, i criterii generali per la valutazione delle attività e dei progetti di ricerca, i criterii per il finanziamento, le modalità di erogazione e rendicontazione dei fondi e le modalità di valutazione dei progetti. In aderenza con gli obiettivi individuati dal PPR, la Fondazione e la Provincia Autonoma di Trento convengono e stipulano l Accordo di Programma, che fissa il quadro degli impegni reciproci e le forme di verifica dei risultati. Il transito effettivo dall Istituto Trentino di Cultura alla Fondazione Bruno Kessler secondo le direttrici indicate dalla legge 14/2005 è avvenuto nel quadriennio , con un accordo transitorio per il biennio e con l avvio del primo Accordo di Programma (AdP) per il quinquennio Tra le tappe principali della transizione è importante ricordare: 3

4 la costituzione formale della Fondazione; la strutturazione dei Centri e la loro progressiva aggregazione attorno a due poli (Scientifico e Tecnologico e delle Scienze Umane e Sociali); l adozione di un nuovo contratto collettivo di lavoro (di impostazione privatistica); la costruzione degli strumenti di supporto alla programmazione, alla gestione delle attività di ricerca ed alla loro valorizzazione socioeconomica; infine, la ristrutturazione e finalizzazione di tutto il comparto amministrativo verso il servizio di supporto alla ricerca. L assetto istituzionale e gli strumenti operativi dei quali la Fondazione è oggi dotata, pur non rappresentando il punto finale della sua evoluzione, sono il frutto di una costante opera di ripensamento, revisione e adattamento condotta a tutti i livelli dell organizzazione in stretta relazione con gli organismi per la programmazione e valutazione della PAT. 2.1 La programmazione Con queste premesse appare motivata la scelta, che qui operiamo, di limitare l esposizione della programmazione delle attività al periodo successivo al 2007: prima del 2007, infatti, la Fondazione semplicemente non esisteva; e mentre il patrimonio di competenze scientifiche e relazioni lasciatoci in eredità dall Istituto Trentino di Cultura non può essere sottovalutato, è pur vero che l anno 2007 segna una discontinuità macroscopica, tale da non consentire alcuna utile ricostruzione retrospettiva. La vita della Fondazione può dunque essere suddivisa in tre bienni: , segnato dalla costruzione della Fondazione e dall avvio effettivo delle attività (il passato); , nel quale si consolida la struttura di ricerca, quantomeno nel settore tecno-scientifico che partecipa alla VQR, e si definizione il primo Accordo di Programma (il passato-presente); , nel quale è stata impressa un accelerazione alla revisione dei processi di programmazione, per renderli meglio rispondenti alle esigenze emergenti della Fondazione, ed in sintonia con le tendenze metodologiche che avanzano a livello nazionale (il presente-futuro); Il passato. Nel primo biennio, la programmazione è stata condotta su base annuale, con un articolazione per Centri. Ci si è in particolare avvalsi della supervisione critica del Comitato Scientifico della Fondazione (CS) e del contributo proveniente dagli esiti di un comitato composto da esperti internazionali incaricato dalla PAT per la valutazione dell impatto delle attività della Fondazione Bruno Kessler e della Fondazione Edmund Mach. Su questo studio torneremo più diffusamente alla Sez. 8, ove le raccomandazioni in esso contenute saranno ripercorse in relazione alle azioni correttive intraprese. 4

5 Il passato-presente. essere così sintetizzati: Gli indirizzi principali del piano possono Focalizzazione delle attività su un numero ridotto di linee sulle quali la Fondazione può essere fortemente competitiva; Cooperazione tra i Centri e tra le Unità di Ricerca (UdR), con programmi strutturati che promuovano il perseguimento di obiettivi comuni; Programmi capaci di suscitare sfide di innovazione lungo tutta la catena del valore, dalla ricerca al deployment dei prodotti; Impulso all internazionalizzazione, col perseguimento di relazioni forti e strutturate con partner stranieri, accademici e/o industriali, coi quali condividere esperienze, persone, programmi di formazione. I piani elaborati dai Centri recepiscono questa impostazione generale, declinandola secondo le proprie caratteristiche, e definendo i proprii obiettivi. Vengono altresì dettagliati i contributi attesi delle Unità di Ricerca, illustrando anche come gli obiettivi specifici si inquadrino nel perseguimento degli indirizzi generali. Fin qui per quanto riguarda la programmazione scientifica. Il piano delle attività contiene tuttavia anche importanti innovazioni per quanto riguarda le funzioni di supporto strategico alla missione della Fondazione. In particolare, viene attivata una funzione di Grant Office centralizzato, capace di supportare la ricerca in tutte le fasi di proposta progettuale (competitiva e non; dal livello locale a quello Europeo ed internazionale). Il Grant Office opera sotto il presidio operativo costituito dall Area Innovazione e Relazioni con il Territorio AIRT. In questo modo, un unico coordinamento può seguire e documentare tutto il ciclo di vita di un idea progettuale, dalla prima intuizione alla valorizzazione del suo impatto socioeconomico. La seconda funzione strategica attivata (anch essa centralizzata) è quella di Valutazione della Ricerca, capace di censire affidabilmente la produzione scientifica della Fondazione, caratterizzarla in termini di indicatori di qualità riconosciuti internazionalmente, riferire agli organi di governo sui risultati della ricerca, informare i referenti della Fondazione ed in generale tutta la comunità sull andamento della ricerca della Fondazione. Il presente-futuro. A partire dal 2011, e progressivamente nel corso del 2012, è andata avanzando la necessità di rivedere criticamente i metodi e gli strumenti di programmazione/verifica delle attività, anche alla luce dei riscontri emersi dall esperienza fatta nei precedenti due bienni. Questo processo di riflessione si è in particolare soffermato sulla necessità di: 5

6 focalizzare i compiti del Comitato Scientifico sulle fasi di programmazione strategica; nella programmazione/verifica annuale, privilegiare la modalità di autovalutazione quantitativa con indicatori standardizzati; nella programmazione/verifica pluriennale, privilegiare l approfondimento con strumenti di peer-review; costituire un vero e proprio Nucleo di Valutazione della Ricerca (NVR) che: a) estenda e rafforzi la funzione di raccolta ed elaborazione dati oggi condotta dall Unità di Research Assessment (RA); b) costituisca un presidio metodologico per tutte le attività di valutazione della Ricerca. Questa evoluzione, che a rigore esula dall orizzonte temporale della VQR, rappresenta tuttavia il punto di elaborazione e di implementazione più avanzato raggiunto in Fondazione, quello sul quale andremo a costruire il nostro futuro a medio termine. In questo spirito lo consegniamo, in qualche dettaglio, alla considerazione della VQR. In accordo con gli strumenti di pianificazione definiti dalla legge istitutiva e di quanto previsto dallo Statuto, gli organi di governo della Fondazione definiscono ed adottano un Piano Pluriennale delle Attività di Ricerca e Investimenti (PPARI), di durata uguale a quella della legislatura della PAT (5 anni). I contenuti del PPARI sono definiti in attuazione degli obiettivi e delle priorità individuate dal Piano Provinciale della Ricerca (PPR), secondo quanto di competenza della Fondazione. L implementazione del PPARI avviene attraverso uno strumento di validità annuale, denominato Budget e Piano Annuale delle Attività (B&PAA). Il Comitato Scientifico della Fondazione è coinvolto nelle fasi di approvazione di entrambi i piani, competendo ad esso la loro valutazione (ex-ante). La gestione delle attività secondo le linee tracciate dai piani programmatici pluriennali ed annuali è responsabilità dei Direttori di Centro e dei responsabili delle Unità di Ricerca. Con ciclo annuale, i Direttori di Centro ed i responsabili di ricerca effettuano un esercizio di autovalutazione secondo un formato ben definito, fortemente ispirato alla Scheda Unica Annuale della Ricerca dei Dipartimenti (SUA-RD) prevista nell ambito del sistema di Autovalutazione, Valutazione Periodica e Accreditamento dei corsi di studio e delle sedi universitarie (D.L. n. 19, 27 gennaio 2012). La scheda di autovalutazione rappresenta una delle basi informative essenziali a fronte della quale il CS esprime la valutazione del B&PAA che i Direttori di Centro propongono per l anno successivo. Per la valutazione a medio termine delle attività e dei risultati, che per statuto deve avvenire con cadenza almeno triennale, è nominata una Commissione di Esperti (CE) che opera su mandato del CdA ed effettua: 6

7 una valutazione in itinere (metà ciclo) del PPARI, per permettere eventuali ripianificazioni delle attività in corso; una valutazione complessiva in prossimità della chiusura del PPARI, anche per consentire di trarre indicazioni nella costruzione del PPARI successivo. Al fine di garantire il necessario presidio di Assicurazione della Qualità nella programmazione, gestione e valutazione delle attività di ricerca, il CdA nomina il Nucleo di Valutazione della Ricerca (NVR). Le fasi di programmazione e approvazione del PPARI e dei B&PAA avvengono, rispettivamente, nell ultimo semestre del quinquennio, e nell ultimo trimestre di ogni anno. La valutazione (ex-post) delle attività previste nei suddetti piani avviene invece nel primo trimestre dell anno successivo a quello di riferimento per i B&PAA, e ogni 2 anni per il PPARI. Mentre per la valutazione annuale delle attività (B&PAA) è previsto un processo di autovalutazione, la valutazione pluriennale prevede una discussione e confronto formale con approvazione finale da parte del CdA. 2.2 Ruolo, composizione e competenze degli organismi Comitato Scientifico Il Comitato Scientifico è l organo della Fondazione cui compete la valutazione (ex-ante) dei piani programmatici annuali e pluriennali. Il Comitato scientifico è nominato dal Consiglio di Amministrazione su proposta del Presidente. Il mandato dei membri è quadriennale, rinnovabile una sola volta. Quale parte integrante nella predisposizione ed adozione del Piano Pluriennale delle Attività di Ricerca e degli Investimenti (PPARI) e del Budget e Piano Annuale delle Attività (B&PAA), il CS fornisce parere obbligatorio sui contenuti tecnico scientifici delle attività predisposte dai responsabili della ricerca e sui relativi dati economico-finanziari. Il CS esprime inoltre pareri sugli investimenti per grandi apparecchiature di laboratorio o infrastrutture, valutandone l opportunità strategica a fronte delle tecnologie esistenti. Il Comitato Scientifico interagisce con la Commissione di Esperti in merito ai criteri e parametri di valutazione per le revisioni pluriennali. Commissione di Esperti La Commissione di Esperti è nominata dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione. La Commissione effettua la valutazione ex-post dei risultati e della qualità delle attività di ricerca, nonché della coerenza delle stesse con i piani programmatici, gli scopi e gli indirizzi della Fondazione. L attività della CE è sincronizzata sul ciclo della pianificazione pluriennale. In particolare, la CE interviene: 7

8 a metà del periodo corrispondente al Piano pluriennale delle attività di Ricerca e degli Investimenti, per dare al Consiglio di Amministrazione ed al Presidente indicazioni ed elementi per l orientamento del Budget e Piano Annuale delle attività successive all interno del Piano Pluriennale; alla conclusione del periodo corrispondente al Piano Pluriennale, per fornire al Consiglio di Amministrazione ed al Presidente una valutazione dei risultati conseguiti, ed indicazioni per la definizione del Piano Pluriennale successivo. La CE riceve dal Consiglio di Amministrazione indicazioni sulle modalità di valutazione, e si relaziona con il Presidente, il Segretario generale ed il Comitato Scientifico per quanto riguarda i criteri ed i parametri di valutazione. Nucleo di Valutazione della Ricerca Il Nucleo di Valutazione della Ricerca è la componente del sistema di Assicurazione della Qualità della Fondazione chiamata a presidiare la metodologia adottata nella programmazione, gestione e valutazione delle attività di ricerca. L NVR è composto da tre persone, nominate dal Presidente e dal Segretario Generale per una durata di cinque anni. I rapporti del NVR sono quadrimestrali, e volti: ad accertare, anche attraverso audizioni interne, il rispetto dei requisiti quantitativi e qualitativi nei processi che regolano la programmazione e la gestione della ricerca; ad accertare se e come i responsabili delle attività di ricerca tengano conto delle valutazioni e indicazioni espresse dal Comitato Scientifico e dalla Commissione di Esperti; a proporre azioni e formulare raccomandazioni volte a migliorare la qualità dell attività di ricerca della Fondazione. Il Presidente ed il Segretario Generale della Fondazione, qualora ne ravvisino la necessità, possono richiedere che il Nucleo di Valutazione della Ricerca esprima pareri in merito a questioni specifiche in materia di programmazione e verifica. 3 Strumenti di Verifica Nei cicli di programmazione annuale e pluriennale che abbiamo descritto nella sezione precedente, la verifica degli obiettivi rappresenta il momento 8

9 in cui si chiude il ciclo di feedback che costituisce il sistema di controllo della gestione della ricerca e dell intera Fondazione. In buona misura, l impostazione e gli strumenti di questo sistema sono stati già descritti, dando in particolare conto dei cicli temporali e degli organi e funzioni principali nei quali esso si articola. In questa sezione, da leggersi in stretta continuità con quella che la precede, illustriamo la nostra implementazione di uno degli ingredienti essenziali del sistema di Assicurazione della Qualità: la funzione di Valutazione della Ricerca, mentre alla Sez. 7 daremo brevemente conto di come questa funzione si inserisce nel sistema di incentivazione e distribuzione della premialità. 3.1 Research Assessment La funzione di valutazione della ricerca è oggi implementata nell unità di Research Assessment. L unità ha cominciato formalmente ad operare il 1 marzo 2010, avvalendosi di un lavoro propedeutico condotto per oltre un anno da un gruppo di studio costituito su mandato del Consiglio di Amministrazione. Questo gruppo di studio ha impostato quasi tutti gli aspetti rilevanti della funzione, coinvolgendo in ciò tutte le componenti della ricerca e buona parte dei servizi di supporto. Al termine del suo mandato, il gruppo di studio ha licenziato un documento di riferimento per le attività di valutazione della ricerca in Fondazione, che vengono ricondotte ad una modalità quantitativa (basata sulla stima di parametri obiettivi, quali quelli bibliomentrici) ed una qualitativa basata su giudizi di merito (peer-review) espressi da comitati di esperti internazionali. Per quest ultima modalità il documento contiene linee guida per l esecuzione, che consentono di gestire sistematicamente il processo in tutte le sue fasi. Il documento è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione nel novembre Come abbiamo detto, l Unità di Research Assessment ha preso formalmente avvio il 1 marzo Nel corso dell anno è stato messo a regime il processo di raccolta dei metadati descrittivi dei prodotti della ricerca (sistema U-GOV del CINECA). Oggi l archivio contiene oltre 8000 prodotti, aggiornati e manutenuti giornalmente. Rappresentazioni standardizzate della produzione scientifica vengono elaborate e pubblicate sul sito Web dell unità, anche disaggregate per centri ed unità di ricerca. Sempre su base giornaliera, i metadati descrittivi vengono arricchiti con informazioni relative ai valori di impatto: Impact Factor per le pubblicazioni su rivista; ranking ERA (Excellence in Research for Australia) per le conferenze del settore informatico. Su base periodica vengono svolte revisioni dell impatto citazionale. Vengono inoltre documentate le evidenze della presenza e riconoscimento dei ricercatori della Fondazione nelle rispettive comunità, censendo in modo sistematico i riconoscimenti ricevuti (premi; invited talk) e le attività 9

10 di servizio alla comunità (presenza in comitati editoriali; organizzazione di convegni, etc.) Degli strumenti a supporto della rendicontazione dell impatto socioeconomico e della capacità di attrarre finanziamenti dall esterno relazioniamo nelle Sez. 5. e 6. Vale qui forse la pena accennare al percorso di integrazione dei dati provenienti da diversi presidii (Research Funding; Research Assessment; Accounting; Human Resources), e che ci consente oggi di trattare in modo interoperabile una porzione crescente dei dati importanti per il governo e l accountability della Fondazione. Sempre nel 2010, l Unità di Research Assessment ha cominciato ad impostare la partecipazione a quella che è poi divenuta la VQR , predisponendo gli strumenti per la raccolta di dati non solo scientifici, ma anche relativi agli obiettivi di terza missione. In questa operazione, l unità ha stabilito una stretta cooperazione con altri servizi ed articolazioni della Fondazione (in particolare, con l AIRT ed i servizi amministrativi). È l unità di Research Assessment che conduce e coordina l intera partecipazione della Fondazione alla VQR In cooperazione con le strutture tecniche ed amministrative della Provincia Autonoma di Trento a ciò deputate, nel 2011 è stata definita l impostazione del processo di verifica degli obiettivi in accordo di programma, che ha preso avvio nello scorso mese di giugno. Di concerto con gli organi di governo della Fondazione, l unità sta infine conducendo un processo di riforma del sistema delle incentivazioni e premialità per la ricerca (si veda, a questo proposito, la Sez. 7). 4 Posizionamento della Struttura Ai fini della VQR, il posizionamento della Fondazione nel panorama della ricerca è ricondotto al posizionamento dei due centri partecipanti, il Centro Materiali e Microsistemi (CMM) ed il Centro di Information Technology (CIT). 4.1 Centro Materiali e Microsistemi Il CMM è un organizzazione di ricerca applicata che svolge le proprie attività in settori che vanno dalla modellistica e sviluppo di nuovi materiali, a quello della sensoristica miniaturizzata, sino allo studio e all implementazione di soluzioni energetiche basate sulle fonti rinnovabili di energia. Il Centro ha una sua unicità nel panorama della ricerca nazionale in quanto possiede competenze e laboratori equipaggiati con strumentazione d avanguardia, grazie alle quali è possibile affrontare tutte le fasi di studio e di implementazione prototipale di dispositivi e sistemi integrati. Tutte 10

11 le principali parti della catena del valore tipicamente associabile ad una soluzione sistemistica sono quindi attraversate: modellazione nuovi materiali componenti moduli e sistemi in altri termini, il CMM è un organizzazione di ricerca applicata, integrata verticalmente. Questa peculiarità ha permesso al CMM di sviluppare competenze distintive riconosciute anche a livello internazionale, come ad esempio quelle relative ai rivelatori allo stato solido per radiazione e particelle, utilizzati con successo nell ambito di esperimenti di fisica delle alte energie presso il CERN di Ginevra, o in campo spaziale come ad esempio l equipaggiamento sensoristico delle stazioni orbitali dell ESA/ASI. Nel panorama Europeo ed internazionale il CMM ha competenze, massa critica ed infrastruttura a livello degli standard più elevati che si ritrovano in analoghe organizzazioni di ricerca, come ad esempio la rete degli istituti Fraunhofer in Germania. Il CMM ha all attivo numerosissime collaborazioni internazionali, ed ospita costantemente la presenza di ricercatori provenienti da enti esterni (oltre 1/3 dei lavori del CMM presentati alla VQR ha un coautore affiliato ad un organizzazione straniera). Questa attività di carattere internazionale è anche testimoniata dai numerosi progetti europei ai quali il CMM partecipa, spesso assumendone il coordinamento. Il Centro è articolato su 12 Unità di Ricerca, tematicamente ed operativamente riconducibili a tre aggregazioni funzionali i cluster. Specificamente: Cluster 1: Scienza e Tecnologia dei Materiali e dei Sistemi Integrati Cluster 2: Scienza e Tecnologia dei Dispositivi e Microsistemi Cluster 3: Area Scienza e Tecnologia dei Sistemi Integrati Di seguito riportiamo la collocazione dei cluster nel panorama della competizione nazionale ed internazionale. Cluster 1 Il Cluster Scienza e Tecnologia dei Materiali e delle Interfacce si pone strategicamente come nucleo abilitante allo sviluppo delle soluzioni componentistiche e sistemistiche sviluppate dagli altri due cluster. Le principali applicazioni sono nella sensoristica industriale e nelle scienze della vita (bio-elettronica). Il Cluster 1 si distingue a livello nazionale per la presenza di importanti competenze di modellazione computazionale ab-initio, (unità CTP LISC) oltre che, naturalmente, per la competenza nello sviluppo di nuovi materiali con tecniche di deposizione e modificazione delle superfici basate sui plasmi. La disponibilità di una notevole infrastruttura strumentale per l analisi chimico-fisica (laboratorio MinaLab), infine, chiude il cerchio 11

12 della capacità strategica di sviluppo di nuove soluzioni per i materiali e le interfacce funzionali. Dal punto di vista del posizionamento internazionale, il Cluster 1 si pone a livelli elevati per quanto riguarda le competenze nello studio, progettazione e sviluppo di materiali basati sulla chimico-fisica del carbonio, come testimoniato dal numero e dal livello delle pubblicazioni scientifiche nel settore. Gli autori appartenenti al Cluster hanno contribuito alla VQR con 102 articoli su rivista dotata di Impact Factor, a partire tuttavia da un potenziale complessivo di 241. Oltre metà di queste, dunque, è andata ridistribuita su altri autori, o non ha potuto essere accreditata per effetto del limite imposto dalla VQR sul numero di prodotti per singolo autore. Per quanto concerne le competenze e l infrastruttura relativa alla caratterizzazione chimico-fisica, il centro possiede competenze distintive uniche sia a livello nazionale che internazionale per quanto riguarda la spettroscopia ad emissione di ioni secondari (SIMS), testimoniata dalle numerose collaborazioni anche con aziende estere di primaria importanza (ad esempio, il colosso della microelettronica USA, Applied Materials). Cluster 2. Le attività del Cluster 2 sono riconducibili allo sviluppo di soluzioni dispositivistiche per sensori e microsistemi. Nel panorama nazionale, il Cluster 2 ha una assoluta unicità nel settore. È infatti l unico centro nazionale non privato a possedere infrastrutture e competenze per la progettazione, lo sviluppo, il packaging e la caratterizzazione di un ampia classe di sofisticati dispositivi basati sulla tecnologia CMOS del silicio. In ambito nazionale va inoltre rimarcata la pluriennale e fruttuosa collaborazione con l Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, all interno della quale il Centro CMM ha sviluppato tutta una serie di soluzioni sensoristiche per la rilevazione degli eventi di collisione nella Fisica delle Alte Energie (HEP). Va peraltro rimarcato come la piattaforma tecnologica dei sensori per la rilevazione di radiazione altamente energetica (ad esempio, i raggi X) ha recentemente permesso un interessante evoluzione verso lo studio di soluzioni sensoristiche per la rilevazione di radiazione in indagini medico-diagnostiche, come ad esempio quelle relative alla Tomografia a Emissione di Positroni (PET). Il Cluster 2 ha ottimi livelli di presenza internazionale specifica, testimoniati dall elevato numero di progetti (co)-finanziati da istituzioni europee (Commissione EU), dall Agenzia Spaziale Europea, progetti relativi alla sensoristica ottica, a quella MEMS ed al campo emergente al confine tra la scienza sensoristica con quella biologica (dispositivi bio-mems). Per il settennio della VQR è riconducibile al Cluster 2 l acquisizione di 43 progetti per un ammontare di entrate di cassa di oltre 10.6M Euro, e di 111 contratti di attività in conto terzi, per entrate superiori ai 6.0M Euro. 12

13 Cluster 3. Allo stato attuale, le attività del Cluster 3 si dispiegano lungo due assi principali relativi al settore delle energie rinnovabili (Unità REET) e a quello della rappresentazione tridimensionale di situazioni ambientali e architettoniche complesse (unità 3DOM-geomatica). In particolare l unità 3DOM possiede, nella mappatura tridimensionale, competenze applicative uniche sul territorio nazionale, ed è allineata agli standard più elevati a livello internazionale. Questa posizione è testimoniata anche dai numerosi incarichi ricevuti da enti pubblici locali, come da privati. In sostanza la specificità dell unità 3DOM è riconducibile alle competenze che ne fanno un unità molto versatile, capace di dare risposte a esigenze specifiche negli ambiti più diversi (e.g., paesaggistico, culturale, residenziale ed abitativo). Per quanto concerne l unità REET, essa concentra la propria competenza su alcuni importanti temi relativi a componenti di sistemi complessi di co-generazione di energia, come ad esempio lo sviluppo di motori di Stirling a bassa potenza. L unità REET ha inoltre saputo negli anni rafforzare la propria presenza in moltissimi progetti relativi alle energie rinnovabili promossi dalle comunità trentine, contribuendo in modo importante alla risposta territoriale del Centro. 4.2 Centro di Information Technology Le competenze oggi presenti nel CIT affondano le proprie radici nell Intelligenza Artificiale degli anni 80 (con tematiche quali Knowledge Representation, Automated Reasoning, Automated Planning, Natural Language Processing, Human Computer Interaction, Machine Learning, Computer Vision, Speech Recognition), e si sono estese a partire dagli anni 90 e fino ai giorni nostri verso settori quali Software Engineering, Software Services, Security & Trust, Model Checking, Embedded Systems, Wireless Sensor Networks, Knowledge Management & Semantic Web. La missione del Centro è quella di condurre una ricerca di alta qualità che abbia impatto sul mercato e la società, dimostrando in modo pratico il valore aggiunto della ricerca tramite sperimentazioni. Nel panorama scientifico internazionale il centro si posiziona come un organizzazione nella quale la ricerca anche quella curiosity driven viene sempre vagliata sperimentalmente tramite la realizzazione di sistemi, la validazione da parte degli utenti, le applicazioni industriali e/o l impatto sociale. In linea con questa visione, il Centro ha un duplice obiettivo: l impatto scientifico accompagnato da un forte impegno sul mercato e la società, ovvero fare ricerca di alta qualità che generi valore, e sia orientata all imprenditorialità. Gli ingredienti che caratterizzano il centro in questa direzione, e lo posizionano in modo unico sono: La competitività scientifica dei ricercatori. Questa viene illustrata non solo dalla qualità delle pubblicazioni su riviste e negli atti delle più impor- 13

14 tanti conferenze nei diversi settori di competenza, ma anche da parametri quali l h-index. In particolare, il CIT conta 6 ricercatori con h-index superiore a 30 e 16 ricercatori con h-index superiore a 20 (al dicembre 2011; fonte Google Scholar). La partecipazione a competizioni scientifiche e Grand Challenges Internazionali. Le competizioni internazionali in diversi settori di attività del Centro (quali Machine Translation, Speech Recognition, Natural Language Understanding, Audio Interpretation, Computer Automated Deduction, Neuroscience and Bioinformatics) sono largamente riconosciute dalla comunità come la prova sperimentale del valore della ricerca. Classificarsi fra i primi centri al mondo in queste competizioni contribuisce ad affermare il riconoscimento internazionale e la caratterizzazione sperimentale e pratica del Centro. Le reti internazionali. Oltre alla partecipazione a numerosi progetti, reti e consorzi europei e internazionali, la Fondazione (attraverso l associazione Trento RISE, della quale è socio fondatore) ha costituito a Trento il Co-Location Center italiano dell EIT ICT Labs. Trento è uno dei sei nodi europei assieme a Berlino, Parigi, Helsinki, Stoccolma ed Eindhoven, l unico italiano in tutti i settori dell EIT e l unico del sud Europa nel settore dell ICT. Trento RISE è l unico core partner scientifico del nodo italiano dell EIT ICT Labs, il quale annovera due core partner industriali (Telecom Italia ed Engineering SpA) e, come partner affiliati, STMicroelectronics, Centro Ricerche FIAT, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Scuola Superiore Sant Anna di Pisa. Infine, il Centro si distingue per la sua capacità di legare fortemente le attività di ricerca ai metodi di impatto sul mercato e la società, quali i laboratori territoriali diffusi, i contratti e le sistematiche collaborazioni con le aziende, ed il lancio di spin-off ( new business creation ) descritte in maggior dettaglio in Sez. 5. Il Centro è articolato su 11 Unità di Ricerca e 4 unità applicative, tematicamente ed operativamente riconducibili a tre aree. Engineering ovvero la progettazione, sviluppo, realizzazione e analisi di sistemi ICT adattabili, affidabili e sicuri. La forza della ricerca in questa area sta nelle competenze relative a tecniche di Model Checking, Satisfiability, Verifica e Sintesi di software, oltre alle tecniche tradizionalmente riconducibili al Software Engineering. Quale esempio di prodotto di ricerca in quest area, ricordiamo il model checker NuSMV, distribuito in modalità open source. NuSMV è uno dei sistemi più utilizzati al mondo per la verifica e la progettazione di sistemi software basata su metodi formali (più di download da parte di centri di ricerca e aziende quali Intel, Toyota, Compaq, STMicroelectronics, General Motors, ATrenta, Honeywell, Hitachi, Verysys, 14

15 IBM, e Fujitsu). NuSMV è stato utilizzato in numerose applicazioni industriali di successo, fra le quali progetti con Ansaldo, Union Switch & Signal, Alenia, Airbus, SAP, DoCoMo, SAIPEM, Rockwell. Content ovvero la sfida di trasformare l incessante e immenso flusso di dati provenienti dalle più svariate sorgenti in informazioni e conoscenza. La forza ed unicità della ricerca in questa area è dimostrata sia da una forte presenza nei progetti europei (per il settennio della VQR è ascrivibile a quest area la partecipazione in 24 progetti europei, per entrate di cassa che sfiorano i 5.7M Euro), come dal posizionamento nelle competizioni scientifiche e grand challenges internazionali. A solo titolo di esempio, riportiamo alcuni dei recenti piazzamenti: primi alla Pittsburgh Brain Activity Interpretation Competition PBAIC 2006 ; secondi alla NIST Machine Translation Evaluation 2009 (DARPA) nella Arabic-to-English task (meglio di competitori quali SRI, RWTH, Univ. Edinburgh, Univ. Columbia, Univ. Maryland); primi nella Signal Separation International Competition (SiSEC) 2009; primi in 2 e secondi in 7 categorie della Satisfiability Modulo Theories International Competition (SMT-COMP 09), CADE, Montreal, Canada, Alla U.S. Food and Drug Administration (FDA) Grand Challenge on MicroArray Quality Control (MAQC) Initiative 2009 (36 participanti: 25 dagli US, 7 dall Europa, 4 dalla Cina, ed 1 dall Italia) i modelli dell FBK-CIT si sono aggiudicati il titolo di Best Candidate Model for Liver Carcinogenity Experiment. Interaction ovvero lo studio di sistemi computerizzati che interagiscono sia con le persone che con l ambiente. Questa area è caratterizzata dallo sviluppo di una forte tecnologia per la visione artificiale, per l analisi del segnale audio, per lo sviluppo di interfacce e l interazione. I sistemi e le tecnologie (diverse delle quali sono coperte da brevetto, anche statunitense) spaziano dall identificazione di persone, al tracking di veicoli e persone, alla classificazione di eventi acustici e ad altri ambiti applicativi di punta. 5 Attività di Terza Missione della Struttura L impatto socioeconomico delle attività è parte essenziale della missione della Fondazione. Dal 2009 la Fondazione si è dotata di un presidio organico per le attività di terza missione denominato AIRT Area Innovazione e Relazioni con il Territorio. Il ruolo dell AIRT è triplice: relazionale, nel creare le condizioni affinché la Fondazione operi (e sia percepita) come un partner affidabile in ogni contesto, e nel relazionarsi col mondo esterno facendo sintesi dei contributi provenienti dai Centri; 15

16 di supporto al trasferimento tecnologico, mantenendosi in ricognizione continua sugli esiti della ricerca, e contribuendo ad individuare ed implementare percorsi di valorizzazione dei risultati, anche attraverso brevettazione, licenziamento, trasferimento di conoscenza e creazione di spin-off e start-up. di presidio nell acquisizione di finanziamenti, accompagnando tutte le fasi iniziali del ciclo di vita dei progetti finanziati, a partire dall individuazione di opportunità, fino alla stipula dei contratti. Vanno comprese, in questo, anche le nuove aziende create e/o partecipate dalla Fondazione, che AIRT segue dalla fase dell ideazione fino al momento del cosiddetto way-out. Di questa funzione e più in generale di strumenti amministrativi predisposti per una efficace gestione delle risorse finanziarie provenienti dall esterno sarà detto più diffusamente nella Sez. 6. In sinergia col livello istituzionale della Fondazione, i centri elaborano una propria visione ed implementano strategie coordinate per le attività di terza missione. 5.1 Centro Materiali e Microsistemi Il CMM si pone con determinazione e successo l obiettivo di promuovere l impatto socioeconomico delle proprie ricerche. A testimonianza della capacità del centro di rispondere concretamente alle esigenze delle aziende vanno menzionati i numerosi contratti di ricerca direttamente finanziati da imprese (anche straniere). Per il quadriennio , i dati consegnati alla considerazione della VQR segnalano entrate di cassa in conto terzi pari in media a 1.2M Euro/anno. Sempre nel medesimo quadriennio, il centro ha generato 4 società (spin-off); 10 i brevetti depositati. Mentre si tratta di risultati già buoni, siamo convinti che essi non riflettano ancora appieno le potenzialità del centro. Queste dovranno essere meglio sfruttate specialmente implementando una più forte sinergia tra le Unità di Ricerca. Più precisamente, la valorizzazione della ricerca perseguita nel Centro poggia sulla convinzione che nel futuro sarà premiata la capacità di proporre e sviluppare soluzioni ad alto valore aggiunto, come quelle riconducibili alla modulistica e sistemistica. In questa prospettiva, è possibile oggi identificare tre strategie distinte, corrispondenti alle caratteristiche dei tre Cluster (si veda la Sez. 4). Nel Cluster 1 (Scienza e Tecnologia dei Materiali e delle Interfacce) la strategia di valorizzazione passa principalmente per lo sviluppo di conoscenza e relativa IP funzionale al dispositivo per il quale il materiale è stato sviluppato. Sembra infatti improbabile che un determinato materiale, e/o tecnica analitica, possa essere oggetto di una commercializzazione diretta al 16

17 di fuori del contesto dispositivistico per il quale esso è stato pensato ed impiegato (modalità Technology Driven, con valore nel contenuto scientifico e tecnologico). Nel Cluster 2 (Scienza e Tecnologia dei Dispositivi e Microsistemi) la valorizzazione può avere due distinte declinazioni: essere oggetto di una diretta commercializzazione (e.g., un dispositivo), o essere funzionale alla commercializzazione di una soluzione modulistica/sistemistica. In ambedue i casi è fondamentale stabilire uno stretto coordinamento con i fruitori esterni delle soluzioni, gli unici in grado di definire le specifiche. In questo caso, la modalità di valorizzazione può dirsi Specification Driven, ove è decisivo che le specifiche siano chiaramente individuate e raggiunte, poiché eventuali incongruenze finirebbero per compromettere il livello più alto della catena del valore. Nel Cluster 3 (Scienza e Tecnologia dei Sistemi Integrati) la valorizzazione dei risultati avviene direttamente sul mercato, ovvero in collaborazione con il cliente finale (modalità Market Driven ). 5.2 Centro di Information Technology Elemento distintivo della missione del CIT è condurre ricerca che abbia impatto sulla società e sul mercato, dimostrandone il valore attraverso sperimentazioni, validazione da parte degli utenti, applicazioni industriali e di rilievo sociale. Dal punto di vista metodologico, queste le linee portanti della strategia di impatto del Centro: Laboratori Territoriali Diffusi: ovvero laboratori che escono dai confini delle strutture di ricerca per estendersi al territorio. Si tratta di un metodo per portare sul campo l innovazione tecnologica derivante dai risultati di ricerca, in modo tale da confrontarla ed adattarla ai diversi contesti, e validarla rispetto all accettazione e all adozione da parte degli utenti. A titolo di esempio menzioniamo: le case automatizzate per l assistenza all utenza debole degli alloggi pubblici di Trento; il sistema di cartella clinica personale sperimentato in 800 famiglie sul territorio; il sistema per il monitoraggio automatico di eventi in gallerie ( Smart Tunnel ). Collaborazioni e Contratti con Aziende ( Business Through Existing Companies ): questo tipo di attività è essenziale per dimostrare e validare il valore della ricerca tramite le applicazioni industriali. Attori globali coi quali abbiamo stabilito collaborazione e contratti industriali sono ad esempio: Telecom Italia, Engineering, STMicroelectronics, FIAT, Ansaldo, Union Switch & Signal, Alenia, Airbus, Boeing, SAP, DoCoMo. Nuove Imprenditorialità (New Business Creation): Il centro è sempre molto attivo nel lancio di spin-off (5 negli ultimi due anni). 17

18 Per quanto riguarda le tre aree di ricerca, esse possono essere così caratterizzate: Engineering: in quest area l impatto a livello di mercato avviene soprattutto attraverso contratti e collaborazioni con grandi aziende, poiché la tecnologia richiede forti investimenti in acquisizione di conoscenza, e canali di mercato che solo una grande azienda può permettersi. Oltre a quelle già menzionate, ricordiamo le collaborazioni con SAIPEM ed Euro Rail. Content: l area del Content Analytics/Modeling è vitale per affrontare sfide che hanno una forte opportunità di mercato, quali quelle dei Big Data, Open (Government) Data e della Semantica. Quest area, caratterizzata da un mercato molto dinamico, presenta eccellenti opportunità anche per piccole imprese (start-up) che propongono soluzioni ad alto rischio. Infatti, la metodologia di impatto sul mercato in quest area è basata fortemente sulla new business creation, ovvero sul lancio di spin-off (10 quelli creati a partire dalle primissime esperienze degli anni 90; 5 dal 2007). Interaction: quest area di ricerca si basa su una tecnologia hard di analisi di segnale in grado di sostenere applicazioni industriali e di mercato. Per questo motivo, la linea di impatto oltre che sulle applicazioni e collaborazioni con l industria, si basa sullo sviluppo di tecnologia anche brevettata. 6 Capacità di Attrazione di Risorse Esterne per la Ricerca La Fondazione Bruno Kessler eredita dall Istituto Trentino di Cultura ed in particolare da quello che fu il suo dipartimento tecnoscientifico, l IRST una riconosciuta capacità di attrarre risorse per la ricerca, da agenzie finanziatrici pubbliche, internazionali e non, come dal settore privato. La capacità di acquisire finanziamenti esterni (ovvero non provenienti dai finanziatori istituzionali) è essenziale per la vita e prosperità della Fondazione, ed è parte integrante della sua missione. Oltre a queste già ottime ragioni, al perseguimento di quote di autofinanziamento importanti se ne aggiunge almeno un altra: ed è che la capacità di autofinanziamento è effettivamente un buon testimone della competitività scientifica ed intellettuale dell organizzazione e della reputazione che essa ha nel raggiungimento di obiettivi concordati. Oltre alla dimensione della competitività (è aggiudicata su base competitiva la gran parte delle risorse che la Fondazione attrae dall esterno), la capacità di autofinanziarsi evidenzia anche, della Fondazione, una dimensione cooperativa il suo saper contribuire in ruoli importanti in consorzi di ricerca a livello europeo ed internazionale. Come per altri riguardi rilevanti ai fini della VQR, anche la capacità della Fondazione di attrarre finanziamenti esterni verrà meglio rappresentata operando una distinzione tra il pre- ed il post

19 Antecedentemente alla costituzione della Fondazione le iniziative per l autofinanziamento originavano (quasi) esclusivamente dalla ricerca, con un coordinamento, spesso largamente informale, ai diversi livelli della struttura interna gli allora progetti; divisioni; istituti. I servizi di supporto curavano la sola gestione amministrativa, legale e patrimoniale dei contratti, sia che essi derivassero da progetti condotti in Programmi Quadro dell Unione Europea, sia da ricerca commissionata da privati, od altro. Si trattava, in buona sostanza di un sistema solo blandamente coordinato, e poco specializzato ad affrontare i problemi specifici presentati dalle diverse opportunità di finanziamento. Pur con questi limiti, tuttavia, l autofinanziamento dell IRST si è lungamente mantenuto su livelli di tutto rispetto. Con la costituzione della Fondazione, è andata progressivamente affermandosi una cultura ed anche una capacità più evoluta e professionalmente più matura di acquisire e gestire finanziamenti esterni, e contestualmente di valorizzarli quanto più possibile amplificandone l effetto lungo diverse dimensioni. Oggi, per i due Centri della Fondazione che partecipano alla VQR il dato medio di autofinanziamento è crediamo confortante, e può essere così sintetizzato: a partire dal 2008, e con fluttuazioni prevalentemente riconducibili ai cicli pluriennali delle fonti, il Centro di Information Technologies (CIT) si assicura in media finanziamenti esterni pari a oltre 5.4M Euro/anno (oltre il 49% dei costi diretti della ricerca), mentre il Centro Materiali e Microsistemi (CMM) si attesta ad oltre 4.2M Euro/anno (al 45% dei costi diretti). In Sez. 2 e più dettagliatamente alla Sez. 5 abbiamo già dato conto del ruolo che l AIRT (l Area Innovazione e Relazioni con il Territorio) svolge nell impatto e nella sostenibilità economica della Fondazione. All interno dell AIRT trova collocazione una funzione specifica (Research Funding) pensata e costruita per stimolare/accompagnare l acquisizione di fondi per la ricerca, dalle fasi preliminari ed informali alla firma del contratto. In particolare, l ufficio di Research Funding: a) aggiorna in modo personalizzato ogni ricercatore e responsabile di ricerca su nuove opportunità di finanziamento emerse nelle sue aree di interesse (a livello europeo, nazionale, locale); b) raccoglie le proposte provenienti dalla ricerca, e le supporta lungo il loro ciclo di vita, finalizzando l azione alla negoziazione e stipula di contratti, tutelando in ogni fase gli interessi della Fondazione. In stretta cooperazione con la ricerca, l ufficio di Research Funding accompagna le fasi istruttorie, le negoziazioni e la formalizzazione di tutti i contratti posti in essere dalla Fondazione: nel contesto di progetti Europei o di altri bandi pubblici o privati; nella definizione di collaborazioni, di accordi di riservatezza, di prestazioni di servizio; più in generale nella valorizzazione della proprietà intellettuale e nella costituzione di consorzi o partecipazioni ad attività imprenditoriali. Vale la pena segnalare, a questo proposito, che i contratti censiti e completamente documentati a partire dal 2007 supe- 19

20 rano abbondantemente il numero di 1300, con una media annua di nuove acquisizioni che si aggira attorno alle 250 unità. Una volta acquisiti, i finanziamenti esterni vanno non solo onorati, ma anche bene amministrati. Quando si consideri l entità delle cifre in gioco, che limitandoci ai soli finanziamenti nel VI e VII programma quadro dell Unione Europea ammontano rispettivamente a oltre 19M Euro con 21 progetti (4 dei quali in ruolo di coordinamento) e oltre 17M Euro con 34 progetti (3 da coordinatori), è chiaro che l efficienza nell amministrazione diviene un fattore competitivo determinante. A questo proposito, un punto di distinzione per la Fondazione è certamente costituito dal conseguimento, avvenuto nel novembre 2010, del Certificate on the Methodology for Personnel and Indirect costs, la certificazione Europea specificamente pensata da parte della Commissione per un ristretto numero di beneficiarii ricorrenti per i quali siano documentabili alti livelli di affidabilità amministrativa. Basato su una lunga esperienza nella gestione di progetti Europei, questo risultato è il frutto di un impegno durato due anni, condotto con la collaborazione di tutta la ricerca della Fondazione: a conclusione di questo percorso, è stato possibile sottoporre alla Commissione Europea il modello dei processi amministrativo-contabili della Fondazione, conseguendo quindi, prima realtà di ricerca in Italia ed assieme ad altre 10 in Europa, questa importante certificazione. Oltre a consentire una notevole semplificazione amministrativa e promuovere l uso corretto delle diverse metodologie di calcolo nel rispetto delle regole comunitarie, la certificazione consente alla Fondazione di diminuire i costi di verifica della spesa da parte delle Commissione europea, ciò riflettendosi positivamente anche nello svolgimento delle attività di ricerca. 7 Collegamento tra Valutazione dei Risultati e Processi Decisionali Come abbiamo avuto già modo di illustrare (specialmente, in Sez. 2), la connessione tra l allocazione delle risorse e gli esiti della valutazione avviene nel momento della programmazione annuale e pluriennale. Allo stato attuale, la Fondazione non possiede un sistema formalizzato che contempli l erogazione di risorse aggiuntive verso Centri od Unità di ricerca, a fronte del raggiungimento o superamento di obiettivi di risultato concordati. Per quanto riguarda in particolare il cofinanziamento di progetti acquisiti (e.g., Programmi Quadro EU), esso viene garantito sulla scorta delle disponibilità derivanti dall Accordo di Programma che la Fondazione stipula con la Provincia Autonoma di Trento e relative verifiche (queste sì condotte in modo formalizzato). Ci si approssima, in questo senso, ad un sistema di matching fund istituzionale, disciplinato attraverso un processo 20

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2402 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 e successive modificazioni (legge provinciale

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC)

YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) YEPP International Resource Centre (YEPP IRC) Introduzione Il termine YEPP si riferisce all approccio e al metodo, riguardanti l empowerment dei giovani e lo sviluppo di comunità, che sono stati sviluppati

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la

Gli obiettivi del progetto sono dunque molteplici: favorire la diffusione della cultura imprenditoriale dei ricercatori, in modo che la REGIONE PIEMONTE BOLLETTINO UFFICALE N. 40 DEL 8/10/2009 Finpiemonte S.p.A. - Torino Avviso ad evidenza pubblica - Progetto Sovvenzione Globale "Percorsi integrati per la creazione di imprese innovative

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI Art. 1 - E costituita, ai sensi degli artt. 36 e ss. c.c., l'associazione culturale AEQUA Associazione per l Efficienza e la QUalità nell Amministrazione). Art. 2

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca

Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Regolamento per lo svolgimento delle attività di consulenza e di ricerca Indice Art. 1 Norme generali... 2 Art. 2 Strutture e personale coinvolti... 2 Art. 3 Sottomissione delle proposte di progetto e

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

La fusione tra servizio e qualità

La fusione tra servizio e qualità La fusione tra servizio e qualità esperienza e competenza Banca Aletti è dal 2001 il polo di sviluppo delle attività finanziarie del Gruppo Banco Popolare. All attività di Private Banking si affiancano

Dettagli

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA

CONVENZIONE PREMESSO CHE TRA CONVENZIONE CONVENZIONE TRA - l Associazione ItaliaCamp, con sede in viale Pola, 12, 00198 Roma (di seguito, ItaliaCamp ), nella persona del Presidente Pier Luigi Celli, nato a Verucchio (Rimini) l 8 luglio

Dettagli

LA NOSTRA PARTECIPAZIONE

LA NOSTRA PARTECIPAZIONE ha interpretato e sostenuto negli anni lo sviluppo della mutualità, l affermazione dei principi solidaristici e la responsabilità sociale dell Impresa Cooperativa che ottiene benefici tramite la costituzione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE

PROTOCOLLO DI INTESA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE PROTOCOLLO DI INTESA TRA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE TECNOLOGICA E ENGINEERING INGEGNERIA INFORMATICA S.p.A.

Dettagli

Baffi Carefin Centre For Applied Research on International Markets, Banking, Finance and Regulation

Baffi Carefin Centre For Applied Research on International Markets, Banking, Finance and Regulation Centro di Ricerca Research Centre Acronimo BAFFI CAREFIN Denominazione Baffi Carefin Centre For Applied Research on International Markets, Banking, Finance and Regulation Oggetto di attività Economia e

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE

MANIFESTO. Formare Insegnanti che sappiano Insegnare A.N.F.I.S. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI INIZIALE FORMAZIONE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI FORMATORI, INSEGNANTI, SUPERVISORI per la FORMAZIONE INIZIALE Formare Insegnanti che sappiano Insegnare COORDINAMENTO NAZIONALE DEI SUPERVISORI DEL TIROCINIO 2 2 3 PRESENTAZIONE

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012

Foto di Luca Eula. Bando. Anno 2012 Foto di Luca Eula Bando A SOSTEGNO DI progetti e ATTIVITÁ IN mirafiori sud Anno 2012 2 Fondazione della Comunità di Mirafiori Onlus Bando - Anno 2012 Budget complessivo 40.000 euro Premessa La Fondazione

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE

PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE PROGETTO PER LA CREAZIONE DI NUOVE IMPRESE COOPERATIVE 1. Descrizione e obiettivo Il Progetto CoopLiguria Startup è una iniziativa di Coop Liguria, svolta in collaborazione con Legacoop Liguria e Coopfond,

Dettagli

Politecnico di Torino: Lavoro, Imprese e Poli di Innovazione

Politecnico di Torino: Lavoro, Imprese e Poli di Innovazione Politecnico di Torino: Lavoro, Imprese e Poli di Innovazione Guido Saracco Presidente del CESAL, Centro Servizi per la sede di Alessadnria Alessandria 11.07.2011 30 29 Marzo Giugno 2010 2011 Area Supporto

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA OTTIMALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APRILE 2015 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO... 4 3 PROFILO TEORICO DEL CONSIGLIERE... 5 3.1 Ruoli

Dettagli

Il servizio di registrazione contabile. che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili

Il servizio di registrazione contabile. che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili Il servizio di registrazione contabile che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili Chi siamo Imprese giovani e dinamiche ITCluster nasce a Torino

Dettagli

illimitate. limitato Cerchiamo dimenti Master Smart Solutions Smart Communities

illimitate. limitato Cerchiamo dimenti Master Smart Solutions Smart Communities Cerchiamo un NUMERO limitato dimenti illimitate. Master Smart Solutions Smart Communities 20 borse di studio per un Master rivolto solo ai migliori. E tu, sei uno di loro? MASTER SMART SOLUTIONS SMART

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

Infrastrutture di ricerca di interesse regionale Manifestazione di interesse

Infrastrutture di ricerca di interesse regionale Manifestazione di interesse Infrastrutture di ricerca di interesse regionale Manifestazione di interesse Il Quadro di riferimento La Commissione europea nella comunicazione Il contributo della politica regionale alla crescita intelligente

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

PROGRAMMA PLURIENNALE DELLA RICERCA. XV legislatura

PROGRAMMA PLURIENNALE DELLA RICERCA. XV legislatura PROGRAMMA PLURIENNALE DELLA RICERCA XV legislatura Il programma pluriennale della ricerca (PPR) è lo strumento di programmazione provinciale di settore. Ha il compito di garantire una programmazione coordinata

Dettagli

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA

COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA COORDINATORE DI SERVIZIO, UNITÀ OPERATIVA, STRUTTURA Definizione Il Coordinatore di servizio/unità operativa/struttura è una figura che appartiene al management intermedio dell impresa cooperativa. Si

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA

L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Programma Strategico Regionale per la Ricerca, l Innovazione ed il Trasferimento Tecnologico per la IX legislatura 2011-2013 L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA Cinzia Felci Direttore Programmazione Economica Ricerca

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

Biblioteca della Libera Università di Bolzano Regolamento

Biblioteca della Libera Università di Bolzano Regolamento Biblioteca della Libera Università di Bolzano Regolamento Approvato con delibera del Consiglio istitutivo n. 31 del 29.12.1998 Modificato con delibera del Consiglio istitutivo n. 74 del 03.11.1999 Modificato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo

CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo CORSO IPRASE REFERENTI ISTITUTI PER ALTERNANZA SCUOLA LAVORO L alternanza in Trentino: stato dell arte prospettive di sviluppo Daniela Carlini Trento 14 marzo 2016 DA DOVE PARTIAMO IN TRENTINO La costruzione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

Maurizio De Nuccio *

Maurizio De Nuccio * Servizio sanitario L accreditamento: un sistema per la qualità in piena evoluzione La ricostruzione legislativa della normativa in materia Maurizio De Nuccio * La definizione data da Wikipedia, l'enciclopedia

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli

L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione. Dario Nicoli L alternanza scuola-lavoro e il riordino del secondo ciclo di istruzione Dario Nicoli I Regolamenti sul Riordino Nei nuovi Regolamenti sul Riordino dei diversi istituti secondari di II grado (Istituti

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

SUA-RD Compilazione e Criticità

SUA-RD Compilazione e Criticità SUA-RD Compilazione e Criticità! Assemblea Nazionale ConScienze, Roma, 4 dicembre 20014 PARTE I PARTE II PARTE III Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Sezione A Obietttivi di Ricerca del Dipartimento

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese

Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Dalla Pianificazione Energetica all attuazione degli interventi: il punto di vista delle PA e delle Imprese Maria Paola Corona Presidente di Sardegna Ricerche Sardegna Ricerche: dove la ricerca diventa

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF)

Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF) Allegato 6. Commissione regionale per la formazione continua Linee di indirizzo per la stesura del Piano aziendale della formazione e del Rapporto annuale della formazione (PAF e RAF) Giugno 2015 Indice

Dettagli

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM

Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM All. DDG del 8 febbraio 2012 n. 1347 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Sistema Regionale di Accreditamento per l Educazione Continua in Medicina - ECM Indice Documento

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale. Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Territorial Center Claudio Calvaresi TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Una immagine emergente, un futuro aperto Il territorio che abbiamo

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE TITOLO I Norme Generali Articolo 1-Premessa Generale Il presente Regolamento è adottato dal CdA della FONDAZIONE Calabria Roma Europa, nei

Dettagli

Ageing at home. Esperienze idee soluzioni. nella Regione Marche

Ageing at home. Esperienze idee soluzioni. nella Regione Marche Ageing at home Esperienze idee soluzioni nella Regione Marche Alcune caratteristiche della Regione La Regione Marche è caratterizzata: da un alto tasso di invecchiamento della popolazione da elevate aspettative

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

CONVENZIONE EXPO IN CITTÀ TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E. AGRICOLTURA DI MILANO (di seguito anche Camera di Commercio ), con

CONVENZIONE EXPO IN CITTÀ TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E. AGRICOLTURA DI MILANO (di seguito anche Camera di Commercio ), con CONVENZIONE EXPO IN CITTÀ TRA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI MILANO (di seguito anche Camera di Commercio ), con sede in Milano, Via Meravigli 9/b, P. IVA 04917150155, in persona

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli