Ampio raggio Esperienze d arte e di politica numero 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ampio raggio Esperienze d arte e di politica numero 3"

Transcript

1

2 Ampio raggio

3 Ampio raggio Esperienze d arte e di politica numero 3

4 Ampio raggio Esperienze d arte e di politica Numero tre Novembre 2011 Laminarie editrice ISSN Direzione Bruna Gambarelli Cura Federica Rocchi Hanno collaborato Marta Casarini, Marco Dalpane, Nicola Ferrari, Giuliano Guatta, Maria Montanari, Gina Tassinari. I frammenti sono stati scritti da Simona Bertozzi, Marta Casarini, Marco Dalpane, Gabriele Dallabarba, Marco Di Giovanni, Federica Iacobelli, Antonello Marra, Mario Martignoni, Roberto Vallicelli [ominostanco], artisti che hanno partecipato con i loro laboratori a Onfalos - infanzia al centro, con la cura e il coordinamento di Febo Del Zozzo. Un ringraziamento a Joe Hisaishi e Kayo Chiba, Wonder City inc., Raffaele Zacchiroli, Giancarlo Gaeta, L Autore Libri Firenze, Matteo Casari Traduzioni in inglese Gabriele Ferri Traduzione in giapponese Natsuko Sawaya Traduzione dal giapponese Chiara Comastri Progetto Grafico Alex Weste Fotografie Pag. 54, 64 e 86: Gabriele Ferri; pag. 72: Laura Barbieri; pag. 78: Gabriele Orlandi. Le fotografie di questo numero sono state realizzate in occasione di Onfalos infanzia al centro, giugno luglio Tutti i diritti sono di proprietà di Laminarie. Disegni Giuliano Guatta Questo numero è stato chiuso il 11 novembre 2011 Laminarie Associazione Culturale 2011 Associazione Culturale Laminarie Corte de Galluzzi 11, Bologna DOM la cupola del Pilastro via Panzini 1, Bologna Abbonamenti È possibile sottoscrivere l abbonamento a tre numeri della rivista al costo di 20 Euro. Per informazioni e sottoscrizioni: T La redazione accetta collaborazioni esterne. I dattiloscritti vanno inviati all indirizzo: Associazione Culturale Laminarie Corte de Galluzzi 11, Bologna, o a Gli autori degli articoli accettati saranno contattati dalla redazione. DOM la cupola del Pilastro

5 Infanzia al centro p. 08 Bruna Gambarelli Solo per parole p. 11 Laminarie Autoreverse Cronaca di Onfalos p. 16 Marta Casarini Rilevamento dal vero p. 21 Giuliano Guatta But what about the noise of crumpling paper Appunti per un lavoro su John Cage con i bambini p. 46 Marco Dalpane ((( Conversazione Scrivere i suoni p. 56 Intervista a Joe Hisaishi ((( Incontri 99 anni p. 66 testimonianza di Gina Tassinari ((( Il racconto Annusetta e Codino p. 74 Maria Montanari ((( La recensione Il ragazzo con la bicicletta p. 80 Nicola Ferrari indice

6 Infanzia al centro Bruna Gambarelli Nel quarto numero di Ampio Raggio mettiamo l infanzia al centro. Questa rivista, che accompagna le attività che si svolgono a DOM, raccoglie in questa occasione pensieri, disegni e fotografie relative alla seconda edizione della rassegna Onfalos esperienze con le arti contemporanee per i bambini e i ragazzi, che si è tenuta a giugno/luglio La rassegna viene raccontata dall interno: una cronista, Marta Casarini, e un disegnatore reporter, Giuliano Guatta, hanno seguito gli artisti e i bambini da vicino. I disegni raccolti in questo numero sono il risultato dell inedito reportage tracciato a biro. Per le rubriche che compongono la rivista, abbiamo cercato esperienze significative sulle relazioni tra arte e infanzia: Un musicista di fama mondiale, Joe Hisaishi, racconta a Laminarie il processo compositivo delle colonne sonore per le animazioni di Hayao Miyazaki e Takeshi Kitano. Una ricerca musicale di grande valore che si rivolge in modo particolare ai bambini. Gli aspetti pedagogici dell opera rivoluzionaria di John Cage ci vengono illustrati dal musicista Marco Dalpane. Un racconto per i bambini, Annusetta e Codino, porta il lettore nel mondo animale grazie alla scrittrice Maria Montanari, ex allevatrice di maiali. Un anziana signora testimonia della collaborazione tra i cittadini per la costruzione dei servizi scolastici nel Pilastro degli anni Settanta. La recensione del film Il Ragazzo con la bicicletta dei Fratelli Dardenne è curata da Nicola Ferrari, cinefilo ed educatore che lavora a stretto contatto con ragazzi che vivono le stesse problematiche del protagonista della pellicola. Childhood on the centre spot Laminarie In the fourth number of Ampio Raggio, we decided to put childhood on the centre spot. This magazine collects for the occasion some thoughts, reflections, drawings and pictures about the second edition of festival ONFALOS experiences with contemporary arts for 8 ampio raggio n 3 9

7 children and teenagers, that took place in june/july The festival is told by inner voices: a reporter, Marta Casarini, and a sketch reporter, Giuliano Guatta, followed closely children and artists. The drawings collected in this issue show the results of such a new reportage marked out by pen. For what concerns the rest of magazine s usual surveys, we looked out for significative experiences about the relationship between arts and children: A world-famous musician, Joe Hisaishi, tells us about the compositive process of the soundtracks made for Hayao Miyazaki s and Takeshi Kitano s movies. A great musical research dedicated in particular to children. The pedagogical aspects of John Cage s revolutionary work are illustrated by musician Marco Dalpane. A tale for children, Annusetta e Codino, brings the reader into the animal s world thanks to writer Maria Montanari, a former pig breeder. An old woman brings us a witness about the strong collaboration among citizens for the creation of school system in Pilastro s area in the Seventies. The critique of movie The Kid With A Bike by Dardenne Brothers is presented by Nicola Ferrari, a cinephile and a professional educator who works in contact with kids with difficulties similar to the ones experienced by the movie s protagonist. Solo per parole Laminarie Onfalos Infanzia al centro: chiamare i bambini per riunirsi intorno a un oggetto. Questo oggetto è l opera che ogni artista porta con sé. avere fiducia nella capacità dell opera di parlare senza la necessità di essere spiegata. chiamare gli artisti ad una relazione diretta con i bambini. Questi artisti non necessariamente si occupano o si sono occupati d infanzia. guardare gli spettacoli da vicino. 10 ampio raggio n 3 11 ORA! stare nello stesso spazio: dentro, fuori, in teatro, in giardino, a scuola, in palestra. condividere un tempo non rigidamente controllato. spazio pubblico, un opera di 70 metri che collega il teatro, le scuole, la falegnameria, il parco. teatro, danza, musica (pianoforte percussioni musica elettronica), cinema, scienza, gioco, scacchi, tecnica, letteratura, arte visiva. essere qui per bellezza.

8 Through words only Laminarie Onfalos infanzia al centro: to call the children to gather around an object. Such an object is the work that every artist carries with him. to trust a work s ability to speak for itself with no need of an explanation. to invite artists to establish a direct relation with children. Such artists do not necessarily deal, or have dealt, with childhood. to watch shows very closely. NOW! to be in the same place: inside, outside, in the theatre, in the garden, in the school, in the gym. to share a time that is not strictly controlled. public space, a 70-meters long work of art, connecting theatre, schools, woodworker s workshop, park. Theatre, dance, music (piano drums electronic music), cinema, science, play, chess, technique, literature, visual arts to be here for the beauty itself. onfαloς INFANZIA AL CENTRO Ω π Ψ ϕ Λ progetto Un artista per il Pilastro 12 ampio raggio n 3 13

9 LAMINARIE LAMINARIE onfαloς INFANZIA INFANZIA AL AL CENTRO CENTRO esperienze esperienze con le con arti le contemporanee arti contemporanee per i bambini per i bambini e i ragazzi e i ragazzi giov giov 23 giugno 23 giugno > dalle > dalle ore 20 ore DOM 20 DOM la cupola cupola del Pilastro del Pilastro INAUGURAZIONE INAUGURAZIONE dalle dalle 20 installazionetraffico 20 installazionetraffico a colori a colori di Marco di Marco Di Giovanni Di Giovanni [arte [arte pubblica] pubblica] dalle dalle Osservazione Osservazione del cielo del cielo stellato stellato nel planetario nel planetario e con e il con telescopio il telescopio a cura a di cura Sofos di Sofos ore 21 ore Bologna 21 Bologna Cello Cello Project Project in concerto in concerto ven 24 ven giugno 24 giugno > ore > 17 ore DOM - 19 DOM la cupola cupola del Pilastro del Pilastro Δ Parole Δ Parole appena appena nate, nate, laboratorio laboratorio di scrittura di scrittura creativa creativa a cura a di cura Gabriele di Gabriele Dalla Dalla Barba Barba [per bambini [per bambini e ragazzi e ragazzi anni] - 12 anni] > ore > ore Giardino Giardino delle delle Scuole Scuole Medie Medie Saffi, Saffi, via Panzini via Panzini 1/3 1/3 Alphasud Alphasud in concerto in concerto sab 25 sab giugno 25 giugno > ore > 18 ore DOM - 20 DOM la cupola cupola del Pilastro del Pilastro Ω Musica Ω Musica che ride, che ride, laboratorio laboratorio di musica di musica per il per cinema il cinema a cura a di cura Marco di Marco Dalpane Dalpane [per bambini [per bambini e ragazzi e ragazzi anni] - 14 anni] > ore > 21 ore sul 21 Teatrobus, sul Teatrobus, via Panzini via Panzini 1 1 Il cinema Il cinema di Buster di Buster Keaton Keaton musicato musicato dal vivo dal da vivo Marco da Marco Dalpane Dalpane dom dom 26 giugno 26 giugno > ore > 21 ore sul 21 Teatrobus, sul Teatrobus, via Panzini via Panzini 1 1 Tre scrittrici Tre scrittrici e tre e racconti tre racconti (da leggere (da leggere in autobus in autobus e sotto e sotto gli alberi) gli alberi) con Marta con Marta Casarini, Casarini, Federica Federica Iacobelli, Iacobelli, Maria Maria Montanari Montanari musiche musiche Trio Leuterius Trio Leuterius lun 27 lun giugno 27 giugno > ore > 17 ore DOM - 19 DOM la cupola cupola del Pilastro del Pilastro π Strani π Strani gesti gesti strani, strani, laboratorio laboratorio di danza di danza a cura a di cura Febo di Febo Del Zozzo, Del Zozzo, con Simona con Simona Bertozzi Bertozzi e Antonello e Antonello Marra Marra [per bambini [per bambini e ragazzi e ragazzi anni] - 15 anni] mar mar 28 giugno 28 giugno > ore > 17 ore DOM - 19 DOM la cupola cupola del Pilastro del Pilastro Drummatica, Drummatica, laboratorio laboratorio di percussioni di percussioni il per cinema il cinema d animazione d animazione a cura a di cura di Mario Mario Martignoni Martignoni [per bambini [per bambini anni] - 10 anni] > ore > ore lezione lezione in falegnameria in falegnameria merc merc 29 giugno 29 giugno > ore > 17 ore DOM - 19 DOM la cupola cupola del Pilastro del Pilastro Ψ Le Ψ stelle Le stelle siamo siamo noi, laboratorio noi, laboratorio di arte di visiva arte visiva a cura a di cura Marco di Marco Di Giovanni Di Giovanni [per bambini [per bambini anni] - 10 anni] > ore > ore lezione lezione sugli sugli insetti insetti gio 30 gio giugno 30 giugno > ore > 17 ore DOM - 19 DOM la cupola cupola del Pilastro del Pilastro ϕ Coreografia ϕ Coreografia Infinita, Infinita, laboratorio laboratorio di teatro di teatro a cura a di cura Laminarie di Laminarie [per bambini [per bambini anni] - 11 anni] > ore > ore lezione lezione di scacchi di scacchi in giardino in giardino ven 1 ven luglio 1 luglio > ore > 17 ore DOM - 19 DOM la cupola cupola del Pilastro del Pilastro Λ Voce Λ Voce su voce, su voce, laboratorio laboratorio di musica di musica elettronica elettronica a cura a di cura Omino di Omino Stanco Stanco [per ragazzi [per ragazzi anni] - 15 anni] > ore > ore Giardino Giardino delle delle Scuole Scuole Medie Medie Saffi, Saffi, via Panzini via Panzini 1/3 1/3 DJessa DJessa Bea in Bea concerto in concerto sab 2 sab luglio 2 luglio > ore > 21 ore DOM 21 DOM la cupola cupola del Pilastro del Pilastro [prenotazione [prenotazione obbligatoria] obbligatoria] Laminarie Laminarie ORA! ORA! prima prima nazionale nazionale - spettacolo - spettacolo itinerante itinerante tra gli tra spazi gli pubblici spazi pubblici di via Panzini, di via Panzini, con la con partecipazione la partecipazione degli artisti degli artisti che hanno che hanno presentato presentato i loro laboratori i loro laboratori dom dom 3 luglio 3 luglio > ore > ore DOM DOM la cupola cupola del Pilastro del Pilastro Altre Altre pratiche: pratiche: esperienze esperienze di ricerca di ricerca dedicate dedicate all infanzia, all infanzia, tra Italia tra Italia ed Europa. ed Europa. Incontro Incontro pubblico pubblico > ore > 21 ore DOM 21 DOM la cupola cupola del Pilastro del Pilastro [prenotazione [prenotazione obbligatoria] obbligatoria] Laminarie Laminarie ORA! ORA! spettacolo spettacolo itinerante itinerante tra gli tra spazi gli pubblici spazi pubblici di via Panzini, di via Panzini, con la con partecipazione la partecipazione degli artisti degli artisti che hanno che hanno presentato presentato i loro laboratori i loro laboratori tutte tutte le sere le sere > bar > ambulante bar ambulante e musica e musica nel giardino nel giardino DOM di DOM 14 ampio raggio n 3 15

10 Autoreverse cronaca di Onfalos Marta Casarini Quando a undici anni scappavo di casa prendevo il 93 che passava ogni mezz ora, e mentre lo aspettavo stavo seduta sui gradini di un vecchio palazzo dove abitava un dentista che di cognome si chiamava Tirafortis. Ascoltavo le cassette nel walkman attaccato alla cintura che mi teneva su le braghe, sempre le stesse, facendo largo uso del pulsante autoreverse, perché la cassetta durava solo un ora, mentre il mio viaggio molto di più. Il mio viaggio era lungo e lontano, perché scappavo anche dalla scuola, e chissà se sarei mai tornata visto che l autobus era lento e la mia mèta folle e sconosciuta. Decidevo di scappare sempre al Pilastro. Accucciata nei sedili in fondo, le ginocchia incastrate sotto il mento, attraversavo tutta la città contando le strade, le macchine e le case e immaginandomi le vite dentro, guardando le persone che salivano chiuse nei cappotti e nelle giacche a vento. Mi piaceva scappare d inverno quando i passeggeri sapevano di cenere e catarro, tutti con gli occhi coperti dal cappello; e poi mi piaceva scappare in estate quando alzavo il naso verso il finestrino aperto. Il Pilastro era lontano e nel frattempo potevo fare tutto quello che volevo. Scrivevo su un quadernino con un pennarello nero, muovevo le braccia a tempo, non avevo paura di niente perché al Pilastro non esisteva la mia prima media, la prof. di italiano che mi odiava, le prese in giro per i miei vestiti larghi e le mie braghe bucate tra le cosce. Al Pilastro c erano i palazzi alti tutti attaccati come denti nelle bocche giovani, ci abitavano dentisti e avvocati, e bambini che scappavano ogni giorno da quelle porte con diecimila campanelli, e io li vedevo tutti dondolando la testa al ritmo del bus e delle stesse canzoni in autoreverse. 16 ampio raggio n 3 17

11 Quello che non vedevo, da sopra il 93, erano i parchi, e la piccola collina sulla quale mi sono seduta qualche mese fa. Mi stavo preparando per lo spettacolo finale di Onfalos, al Dom, che quando avevo undici anni ancora non c era, e avevo una gonna rossa, una maglietta rossa con su scritto ORA!, e avevo da inventare un testo su cosa volesse dire essere bambini e suonare, avere a che fare un po con gli scrittori, gli autori, le immagini e i suoni, gli scacchi, i matti. Ci ho messo un po. Per la prima volta, il Pilastro lo vedevo da sotto in su, senza ruote di mezzo, lo vedevo da seduta per terra e mi è sembrato bello, sporcandomi la gonna di foglie qualcosa ho inventato, e i posti dove si riesce a inventare qualcosa hanno sempre un fascino reale, a ben guardare, una ruga, un increspatura sulla superficie che è la presenza di un continuo movimento. Ho letto ai bambini su un autobus, sui sedili non in fondo, ma in mezzo. A un certo punto mi è venuto da tossire così forte che mi stavo strozzando, e per bere mi sono alzata e ho fatto vedere i vestiti larghi che avevo addosso, ma nessuno mi ha presa in giro. Poi ho parlato in un megafono. Ho detto quello che avevo inventato, e poi ho immaginato che ero di nuovo piccola e che il Pilastro era casa mia, e che potevo tornare al Dom e alla collina del prato tutte le volte che volevo per pestare i piedi in una palestra che rimbomba benissimo e incontrare gli altri e rotolarmi per terra, senza dover per forza scappare lontano. Poi ho pensato che Onfalos vuol dire ombelico, e io sugli ombelichi avrei milioni di cose da dire, per esempio che mi ricordo quando mia sorella piccola ce l aveva al vento appena nata e mia madre le ha scucito il cordone sul tavolo di legno della cucina, e adesso il mio è incorniciato da una cicatrice rossa e un po in rilievo, ed è schiacciato tipo passeggero rimasto in mezzo alle porte dell autobus. Queste cose sono successe, da quando scappavo; è successo che i luoghi, i pensieri, i movimenti, il mio ombelico sono cambiati. Poi, anzi prima, Onfalos lo abbiamo presentato, e alla conferenza stampa c erano Bruna, Febo e Federica, l assessore alla cultura e i giornalisti, e poi c era anche la preside del Pilastro che si chiama Maria, che quando avevo undici anni era la preside della mia scuola, che sapeva che scappavo, e sapeva anche il perché. Non mi ha riconosciuta. Un po mi è dispiaciuto, avrei voluto salutarla e dirle che ero felice di scappare lontano. Che sono contenta che adesso stia al Pilastro e sia riuscita a scappare lei al posto mio, e che spero che abbia un bell ombelico, non martoriato come quello che mi porto addosso io. Però questo magari non lo scrivo, perché penso che anche questo lo sappia già. 18 ampio raggio n 3 19

12 Marta Casarini ha 27 anni e fa: il pane, i capricci, la bibliotecaria solo per quest anno, la lettrice di fiabe per bambini e la scrittrice. Ha pubblicato per la Voras edizioni il romanzo Nina Nihil giù per terra e vari racconti in diverse antologie, l ultima delle quali Attraverso passaggi (Malicuvata). Piange, ama. Non si stanca facilmente. Rilevamento del vero Giuliano Guatta Autoreverse A chronicle of Onfalos Marta Casarini I was getting ready for Onfalos final show at the DOM theatre, which was not there yet when I was eleven years old, and I wore a red skirt, a red t-shirt with NOW! written on it and I had to invent a text about what it means to be kids and to play, and to work a little with writers, authors, images and sounds, chess and fools. It took me a while. For the first time, I saw Pilastro from the bottom up, without any wheels in between, I saw it while sitting on the floor and it was beautiful to me. While my skirt got dirty with leaves, I managed to invent something, and places where you can invent something always had a real charm on me, like a wrinkle, a gathering on the surface showing the presence of an unceasing movement. Alcune riflessioni sulla serie di disegni, da me realizzati in qualità di disegnatore reporter, durante alcuni laboratori in occasione di Onfalos Infanzia al centro, I disegnatori reporter venivano inviati dal giornale a schizzare immagini di vario genere, le quali erano poi spedite in redazione. Qui un artigiano copiava i disegni su blocchi di legno perfettamente lisciati, che venivano incisi fino a diventare una sorta di timbro, inseriti tra le colonne di testo e stampati. (Il dizionario dell uomo che raccontava storie, a cura di Alfredo Castelli, sergiobonellieditore.it). 20 ampio raggio n 3 21

13 Mi aggiro in prossimità di questa tradizione, con circospezione, (questa è gente dalla mano felice ) per non farmi troppo notare, e mi acquatto nella penombra come un predatore, perché è una preda quella che inseguo, con gli occhi e con il segno. Sento un impulso ad acchiappare ciò che si muove, a bloccarlo, come un passero, come un leprotto tra le mani. Chi si muove non mi vede, e se mi vede, non vede ciò che faccio. Freneticamente cerco di registrare nel segno gli impulsi visivi che ricevo, osservando il movimento dei corpi, aderendovi in proporzione, miniaturizzandolo, concentrandolo nello spazio che intercorre tra il mio sguardo e l espulsione del segno sul foglio, con tutto ciò che ci sta in mezzo. Il movimento che seguo con lo sguardo, viene tradotto in traccia, trasferendosi proporzionalmente nelle torsioni, nelle leve, e nella miriade di varianti di movimento dell articolazione del polso, che guida la mano, che impugna la biro, che segna la superficie. Se il mio segno raggiunge il movimento, si muove con lui, diventa parte di esso, partecipa dei suoi spostamenti, ritmi e pause. Cerco di non guardare ciò che disegno per non perdere l attenzione su ciò che accade; solo in alcuni momenti, attratto da un gesto, da una postura, confronto il disegno con ciò che vedo, come a prendere distanza, riprendere fiato. È una corsa ad ostacoli: il passaggio da una pagina all altra è un salto, un corpo sospeso sopra l o- stacolo, lanciato ad oltrepassarlo, la mano scavalca il bordo della pagina per ricadere sulla successiva. Nella copia dal vero il fine è quello di indagare e tradurre verosimilmente ciò che si vede; in questa pratica, che io definisco rilevamento del vero, più vicina alla sismografia, il fine è quello di registrare gli impulsi che noi riceviamo dall osservazione del reale: il cervello elaborando ciò che l occhio vede, manda impulsi alla mano che muovendosi li restituisce attraverso il segno, nella traccia, creando una continua relazione tra cosa osservata e disegno. Questo lavoro, per l attenzione all aspetto fisiologico con cui viene affrontato, si inserisce programmaticamente in Ginnica del segno, (sviluppo di MRPLS Movimento di Ricerca e Pratiche di Liberazione del Segno, personale momento di ridefinizione e rigenerazione del senso del segno e del disegno), forma di lavoro che si connota sempre più come disciplina. Giuliano Guatta è artista visivo. Oltre all attività espositiva, nel 2008 ha dato vita ad un progetto, MRPLS Movimento di Ricerca e Pratiche di Liberazione del Segno, che si attua attraverso laboratori, azioni e mostre che mirano a stimolare, sviluppare e promuovere la natura espressiva del segno, attraverso la gestualità, la memoria e l osservazione. 22 ampio raggio n 3 23

14 Live survey Giuliano Guatta Some reflections on a series of drawings that I have made as a sketch reporter for some workshops during Laminarie s festival Onfalos Infanzia al centro Sketch reporters were sent by the newspaper to draw various images that were sent to the editorial office. I wander around this tradition, carefully, and I hide in the shadows like some predator. I feel the urge to catch what is moving, to stop it, like a sparrow, like a rabbit in my hands. The movement I am following with my eyes is translated into a trace, being transferred proportionally in the torsions of the wrist joint guiding the hand, marking the surface. If my sign reaches the movement, it moves with it, becomes part of it, shares his travels, rhythms, pauses. When doing a live copy, the aim is to investigate and truthfully translate what you see; in this practice, that I define live survey, closer to seismography, the aim is to record the impulses that we receive observing the reality: the brain, processing what the eye sees, sends impulses to the hand that, moving, gives them back through the sign, creating a continuous relation between the observed thing and the drawing. 24 ampio raggio n 3 25

15 MARIA MONTANARI: In mezzo all oceano c era un isoletta. Le onde del mare a forza di infrangersi sulle coste giorno dopo giorno sembrava volessero rimpicciolirla sempre più. Non ci vivevano animali da grandi dimensioni, ma era frequentata da qualche uccello migratorio che sostava qualche giorno per riposare, topi di campagna e qualche serpentello che si nascondeva qua e la nella fitta macchia e che, in assenza di estranei prendeva volentieri il sole in qualche scoglio. Gli animali più numerosi erano però le formiche. Al serpente che si chiamava Fruscio le formiche davano fastidio, qualcuna osava passare sul suo corpo. La corsa era più liscia e priva di ostacoli. Lui sentiva un solletico insopportabile. 26 ampio raggio n 3 27

16 SIMONA BERTOZZI: Corpicini, vertebrine, ossicini. L azione dei corpi si informa di esile, tumultuosa, fragile e cavalcante animalità. 28 ampio raggio n 3 29

17 OMINOSTANCO: Nutrire la mia curiosità, prendere al volo la possibilità di giocare con le intuizioni di chi ancora non sa. 30 ampio raggio n 3 31

18 MARIO MARTIGNONI: (canzone rap composta da Samuele De Vincenzo per un laboratorio di percussioni) Io, Big Smoke, che scrivo questa canzone mi auguro un domani possa servire da lezione per noi, che ci viviamo tutti i giorni,che possiamo fare? Portare la nostra ricchezza come fosse l unica arma di bellezza. Noi ne abbiamo di cose da dire Pensieri da far fiorire Perché questo posto sia diverso Proprio come l universo 32 ampio raggio n 3 33

19 GABRIELE DALLABARBA: Senti come alcuni giorni vivere è proiettarsi in un senso, e altre notti, invece, la mia vita ed io siamo due cose diverse? Parlo al bambino frenetico, ambulante fra giochi e simboli e teorie dell amore gli spiego il mondo che m è venuto. Lo scrivo su miliardi di post-it appiccicati alla parete. 34 ampio raggio n 3 35

20 FEDERICA IACOBELLI: Ho imparato che una storia, qualunque storia, non s inventa mai tutti soli. Una storia si fa in due, come l amore, e non importa che chi scrive sia uno. Ci siamo io e l altro, va così: l altro che sta serio mentre io gioco e ride o sorride se vede che piango, a volte da dentro, a volte fuori, un giorno il seme e uno la terra. L ho imparato una sera di giugno, tra la cupola e i prati, io seduta in basso nell erba e l altro su, tra i rami di un albero. 36 ampio raggio n 3 37

21 MARCO DALPANE: Ci sono molti modi per far ridere (e per far paura) con la musica. Possiamo provare a giocare un po con i suoni e scopriremo che non è così difficile. Prima prendiamo un film, lo guardiamo e ne parliamo un po insieme. Poi cominciamo a inventare delle musiche. Inventare dei modi di suonare. Alla fine facciamo ripartire il film e noi suoniamo insieme. 38 ampio raggio n 3 39

22 ANTONELLO MARRA: esperienza segno confronto insieme breve input danza unito passione comunque ballerini limitare forzare cercare esprimere idea tempo giocare corpi durante percorso uscita seguito noi impatto lasciare qualcosa continuare approfondire credo ricordo comporre. 40 ampio raggio n 3 41

23 MARCO DI GIOVANNI: A Caracas la natura era troppo florida e colorata per essere vera: dalle grandi foglie smeraldo in plastica morbida ai grossi pappagalli saturi di colore. Nel traffico bestiale erano invece le auto a sembrare animali: vecchi macchinoni rugginosi e ridipinti che procedevano sgangherati, storti e puzzolenti. Da questo corto circuito nasce l idea di un grande telone in pvc con vecchie auto su colori saturi. Diventa Traffico a colori in un luogo come il Pilastro, dove l incontro tra un umanità prorompente e una forte urbanizzazione richiama nuovamente il corto circuito tra natura e artificio. 42 ampio raggio n 3 43

24 MARTA CASARINI: Per prima cosa c è un ombelico, quindi per prima cosa c è da riempire un buco, un tubo, che fa un rumore di gufo, per prima cosa ci soffio dentro ci entra il vento ed esce un gioco strano, esce il movimento, per prima cosa c è un nome da dire sottovoce di un attore che è un capitombolo, per prima cosa sulle stelle mi dondolo, e dopo lo ripeto, che è bello, che ci sono gli insetti e gli scacchi in fila che di lato ballano, per prima cosa sono ancora al centro e sono contento, di aprire delle finestre d inciampare sulle lampadine che illuminano delle storie, di un signore che sale sull albero, e un altra su un autobus e con la voce ci gioco e con le parole dipingo, con i nomi invento un altro cielo e per prima cosa c è un filo che tiene appeso tutto, il suono, tutti i tasti e i pazzi, tutto quello che viene per primo per ora per adesso! Per prima cosa, ancora, qualcosa che viene da lontano ed è qui lo stesso, per prima e ultima e unica tutto quello che suona, che cade, che ride, tutto quello che vive e che diventa ORA! 44 ampio raggio n 3 45

25 But what about the noise of crumpling paper Appunti per un lavoro su John Cage con i bambini Marco Dalpane musicale convenzionale è qualcosa che può solamente fare infuriare chiunque sia in qualche modo interessato L educazione alla vita. Indipendentemente da quale aspetto si prenda in considerazione, può essere sicuro che si sentirà quasi immediatamente furioso. Trovo assolutamente ridicola l idea che un bambino possa essere messo davanti a un pianoforte e costretto a leggere una notazione che è né più né meno l equivalente del greco antico o del latino. A meno che non abbia un amore incredibile per la musica, imparerà ben presto addirittura a odiarla. La prima cosa che accade è che, mentre i suoi occhi sono impegnati, le sue orecchie saranno ermeticamente tappate. E così, per quanto riguarda l educazione musicale, suonare non ha assolutamente nulla a che fare con le orecchie o con l apprezzamento del suono. Ha a che fare soltanto con la lettura, la lettura di qualcosa di equivalente al greco o al latino, perché la notazione non serve più a nulla nella musica del ventesimo secolo. Serve soltanto per la musica dei secoli precedenti. E allora trovo una forma di follia sociale che i nostri ragazzi, pur avendo la notevole fortuna di trovarsi nel ventesimo secolo, vengano poi immediatamente educati come se si trovassero nel secolo precedente. (John Cage) La natura dell opera e del pensiero di John Cage stimola interventi e riflessioni provenienti da una molteplicità di soggetti, dai musicisti ai filosofi, dai cineasti ai danzatori, dai letterati agli artisti visivi, dal mondo del teatro a quello della scienza, dalla politica all economia. Non - esclusività, pluralità di centri, strutturazione anti gerarchica, molteplicità, costruzione di futuri alternativi, sperimentazione sociale, modifica di sé, non linearità. Sono questi i nodi del suo pensiero, sono queste le questioni che a venti anni dalla sua morte non hanno perso significato, ma continuano a 46 ampio raggio n 3 47

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati

Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati Esperienza condotta in classe 2^ nella scuola di via G. Piumati *Dopo il primo incontro con la monaca buddista Doyu Freire, i bambini sono stati invitati a raccontare liberamente l esperienza, appena fatta,

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono?

Come hai iniziato la tua carriera? Ci riassumi in due parole per quei pochi che non ti conoscono? io sono l alternativa non alternativa L'Aura Abela è l'artista forse più conosciuta presente nel nuovo cd di Enrico Ruggeri dal titolo "Le canzoni ai testimoni" uscito il 24 gennaio. L'Aura è colei che

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Traduzione di Maria Pia Secciani

Traduzione di Maria Pia Secciani Julie Sternberg si è specializzata in letteratura per l infanzia alla scuola di scrittura di New York. Per questo suo primo romanzo ha ricevuto recensioni entusiastiche per la scrittura fresca e immediata.

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

Compiti (students going from level 2 to level 3 in August)

Compiti (students going from level 2 to level 3 in August) Compiti (students going from level 2 to level 3 in August) (Before doing this homework, you might want to review the blendspaces we used in class during level 2 at https://www.blendspace.com/classes/87222)

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventidue

U Corso di italiano, Lezione Ventidue 1 U Corso di italiano, Lezione Ventidue U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare a

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA

L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA L ATTO CREATIVO DELLA SCRITTURA QUADRI D AUTORE Gianna Campigli, Anna Castellacci, Seminario nazionale, Cidi Firenze, 8 maggio 2011 Dal percorso per la terza classe L autobiografia Il percorso sull autobiografia

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com

200 Opportunities to Discover ITALIAN. www.second-language-now.com BASIC QUESTIONS 200 Opportunities to Discover ITALIAN Basic Questions Italian INDICE 1. SEI CAPACE DI?...3 2. TI PIACE?...4 3. COME?...5 4. QUANDO?...6 5. CHE?...7 6. COSA?...8 7. QUALE?...9 8. QUANTO?...10

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE

LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LIBROGIOCANDO FORMAZIONE LibroGiocando è un luogo speciale, nato dall'incontro di professionisti con consolidata esperienza in ambito educativo e formativo, uniti dalla passione per il mondo dell'infanzia

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini

che hanno racconto come protagonisti degli animali una morale linguaggio semplice frasi brevi insegnamento parlano e si comportano come gli uomini LA favola È un racconto breve ha come protagonisti degli animali che parlano e si comportano come gli uomini un linguaggio semplice frasi brevi molti dialoghi una morale cioè un insegnamento hanno pregi

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI

SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Classi 3-5 II Livello SGUARDOPOLI PARLARE E ASCOLTARE GUARDANDOSI NEGLI OCCHI Motivazione: una buona capacità comunicativa interpersonale trova il suo punto di partenza nel semplice parlare e ascoltare

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Che cosa serve: ogni bambino deve aprire le proprie orecchie; fogli e colori

Che cosa serve: ogni bambino deve aprire le proprie orecchie; fogli e colori LABORATORIO DI MUSICA E STRUMENTI: chitarre e C.O. La mia trentennale passione e studio della chitarra mi ha spinto a curiosare tra generi e strumenti affini e mi ha aperto un mondo sonoro molto vasto.

Dettagli

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola)

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola) P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE ( Coro per voce sola) Di Marco Brovia Enzo Massa Simona Colonna Mauro Fede IL LIBRO TITOLO: TESTI: IMMAGINI: FORMATO: EDITRICE: STAMPA: IL PESO DELLE PAROLE (Coro per

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI

a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI Aprile Maggio 2008 Emozioni in musica Fondazione Casa di Riposo Villa della Pace Stezzano (Bg) a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI PREMESSA All interno di un programma assodato di attività

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Dieci

U Corso di italiano, Lezione Dieci 1 U Corso di italiano, Lezione Dieci U Ricordi i numeri da uno a dieci? M Do you remember Italian numbers from one to ten? U Ricordi i numeri da uno a dieci? U Uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette,

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3 PRONOMI ACCOPPIATI es: Carlo mi porta il libro Carlo me lo porta Mario ci porta gli sci Mario ce li porta Carlo le regala un libro Carlo glielo regala. indiretti diretti IO ME TU TE LUI GLIE - LO LEI GLIE

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Questionario per gli studenti del Liceo Scientifico Livi - Prato

Questionario per gli studenti del Liceo Scientifico Livi - Prato Questionario per gli studenti del Liceo Scientifico Livi - Prato 1. M F.. 2. Data di nascita 3. Che musica ti piace ascoltare? (elenco di generi tipo classica, rock, jazz, etc - oppure, meglio, elenco

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli