Piace alla mamma, utile al bambino. pediatria. psicologia. alimentazione. Pedagogia. curiosità. link utili. Copia. omaggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piace alla mamma, utile al bambino. pediatria. psicologia. alimentazione. Pedagogia. curiosità. link utili. Copia. omaggio"

Transcript

1 Piace alla mamma, utile al bambino Copia omaggio babymagazine - allegato alla rivista salutare pediatria psicologia alimentazione Pedagogia curiosità link utili

2 Salutare dedica a mamme e papà un nuovo prodotto per poter meglio comprendere e affrontare il percorso della genitorialità, dalle cure mediche alla scelta dei migliori prodotti in commercio. Fornisce un servizio a 360 gradi che abbraccia tutti gli aspetti legati alla nascita e alla crescita di un figlio senza trascurare nessuna sfumatura. Valuta i prodotti per mamme e bambini favorendo una scelta consapevole. Si avvale della professionalità di medici, pediatri, ginecologi, puericultori specializzati in infanzia e maternità ed è supportato dal forum dedicato ai genitori, per discutere e confrontarsi su ogni aspetto legato alla crescita del proprio figlio. Le esperienze, i consigli dei nostri esperti saranno un sostegno per quanti vivono questa meravigliosa esperienza. Scrivete, comunicate, informate su tutto ciò che riterrete opportuno divulgare, scambiamo idee e consigli, facciamo della rivista uno strumento informativo a disposizione di tutti. Il tuo contributo e la tua partecipazione consentiranno di diffondere più informazioni a più persone. Baby Magazine è distribuito in allegato a Salutare Presso presidi ASL e Aziende Ospedaliere, cliniche, farmacie, parafarmacie e sanitarie con 80 espositori contatto skype: babymagazine e tramite il servizio di spedizione in abbonamento postale gratuito a privati, medici, ginecologi e pediatri.

3 Redazionale Sarò Mamma! Chi di noi ha provato l emozione di sussurrare o gridare queste due parole sa quanto segnano la nostra vita. 6 Sommario Primi passi: qual è l età giusta? Mille dubbi invadono la mente: Sarà sano? crescerà forte? e io sarò in grado di essere una buona madre? 8 Il terzo trimestre Alcune di voi che hanno superato da un po questa fase, lo staranno ricordando con tenerezza, magari notando quanto è cresciuto il pargolo. Altre invece, alla prima esperienza, saranno nel vortice di queste incertezze. 12 Il primo Corredino A ognuna di queste mamme consiglio di leggere le prossime pagine. Una guida che risponde a ogni quesito: dalla gestazione, al parto, ai primi emozionanti passi del piccolo fino al turbolento spannolinamento. Un altra nuova e interessante sezione di Baby Magazine è l area coloratissima interamente dedicata ai giovani artisti, un po per dar sfogo alla passione un po per vanto... Il mestiere di Genitore è il più difficile, bisogna sapere tante cose ed è necessaria tanta pazienza ma ripaga con tante, tante, tante soddisfazioni! Alla prossima Il Vasino Bambini e bugie e poi La favola del mese Disturbo del linguaggio L eczema nel bambino Consigli di puericultura Famosi si nasce o si diventa? Determinazione del sesso Il respiro della mamma Questo l ho fatto io Pagine baby

4 Sono un medico specialista, come posso inviare i miei contributi redazionali? Per poter inviare articoli redazionali basta inoltrare la richiesta, il curriculum a: Sono una mamma e vorrei segnalare un prodotto e/o servizio utile o dare qualche suggerimento, a chi posso scrivere? Per comunicare le vostre opinioni, esigenze, proposte, esperienze oppure un parere Come è possibile vere a casa la rivista Baby rice- Magazine? Per ricevere la rivista Baby Magazine a casa basta compilare in tutte le sue parti il form a pag. 23. sulle strutture e i servizi di cui avete usufruito potete scrivere una mail a zine.it oppure segnalarlo al forum paroladimamma (pag. 28). Le segnalazioni saranno preziose per orientare gli articoli e i dossier che pubblicheremo sulla rivista. Desidero contribuire alla vostra iniziativa e far crescere il progetto, posso sostenervi economicamente? È possibile fare un libero versamento sul c.c intestato all Ass. Salutare via Due Principati, 278 (ex 210) Av. Sono titolare di un'azienda/ struttura del settore maternità e infanzia. Come posso informare i lettori circa prodotti, servizi e iniziative? Partecipare a Baby Magazine significa sostenere un iniziativa culturale intrapresa per sensibilizzare alla salvaguardia del benessere comune e di fornire ai lettori oltre ai servizi, il supporto da consultare per essere sempre aggiornati. Per poter usufruire di Baby Magazine telefonare al n o inviare una mail a specifi cando nome, recapiti e il settore dell'azienda. Vi illustreremo le modalità di partecipazione promozionale. Desidero ricevere informazioni in merito ad un articolo o su di un argomento di specifico interesse, a chi devo rivolgermi? Per ricevere info più dettagliate su argomenti trattati sulla rivista o domande in merito ad alcune patologie, potete scrivere all'indirizzo specifi cando i vostri dati anagrafi ci, recapito e tipo di richiesta. Brevi messaggi? usa il cellulare: SMS Scrivete a Associazione Culturale Salutare Via Due Principati, 278 (ex 210) Avellino info: tel Baby Magazine è un allegato della rivista Salutare Reg. Tribunale Av in data 15/01/2004 N 419 Editore: Ass. Culturale Salutare allegato Salutare 53 Anno I, n 4 Distribuzione gratuita Segreteria: Angela Romano Collaborazioni: dr. F. Accarpio, dr. Elio Caggiano, dott.ssa A. Carrino, dr. A. Del Sorbo, dott.ssa L. De Varti, dott.ssa V. Funicelli, dott.ssa M. Picardi, dott.ssa R. Santoro. sito: contatto skype: babymagazine Tel.: fax: Contributi: c/c postale n intestato all Ass. Salutare via Due Principati, 278 (ex 210) Avellino Progetto Grafico: Carmine Serino Stampa: Csd - Na Crediti immagine: Copertina: shutterstock Vadim Ponomarenko Fotolia Suprijono Suharjoto - Fotolia.com Dreamstime Comitato Scientifico: Prof. Emerito Giuseppe Roberto Burgio - San Matteo (Pavia) Prof. Pasquale Di Pietro Ospedale Gaslini (Genova) Pres. Nazionale SIP Prof. Pietro Ferrara - Università Cattolica Sacro Cuore (Roma) Prof. Alfred Tenore - Direttore Dip. Pediatria Università di Udine Prof. Alberto G. Ugazio - Ospedale Bambino Gesù (Roma) Prof. Alberto Villani - Ospedale Bambino Gesù (Roma) dr. Elio Caggiano - specialista in pediatria - presidente dell Associazione pediatrica Per il Bambino dr.ssa Angela Carrino -specialista in pediatria

5 I Piccoli protagonisti di questo mese sono... Alessandro Vittorio Alessandro nata a Salerno il 03/01/2009 Mamma & Papà: Rubino Daniela e Melillo Nicola Vittorio 02/02/ Mamma & Papà: Regina De Lima e Vincenzo Serino Lidia Beatrice Lidia il 01/12/2004 Mamma & Papà: Melina Marena e Raffaele D Elia Beatrice nata a Ostuni (Br) 11/10/ Mamma & Papà: Elisa Santoro e Antonio Locorotondo Linda nata a Udine il 18/04/2007 Mamma & Papà: Cinzia Tolazzi e Lorenzo Paglini Linda Per inviare le foto: V.I.B. (Very Important Baby) Nome del bambino data nascita / / Nome e cognome della Mamma Nome e cognome del Papà Indirizzo mail o tel: Autorizzo la pubblicazione della foto firma del genitore V.I.B. Fai diventare il tuo bambino protagonista di Baby Magazine! Inviaci le sue foto specificando il nome e la sua data di nascita, il nome e cognome dei genitori all indirizzo mail: oppure al nostro indirizzo: via due Principati, 278 (ex 210) Av Le più simpatiche entreranno a far parte dei nostri Vib!

6 6 Primi passi: qual è l età giusta? Ognuno con i suoi tempi, secondo tappe prefissate. a cura della dott.ssa Mariangela Picardi Quando inizierà a camminare? Quali sono i tempi di apprendimento? Sono tanti i dubbi e le curiosità dei genitori di un bimbo che sta crescendo. È importante ricevere informazioni sulle tappe dello sviluppo psicomotorio e sulle modalità per stimolare le potenzialità del bambino, anche attraverso giochi adatti alla sua età. Quando si parla dello sviluppo psicomotorio del bambino non ci sono scadenze uguali per tutti. Cosi come ogni piccolo ha un suo ritmo di crescita, lo stesso vale per la conquista del movimento e l apprendimento del linguaggio. Non è il caso di allarmarsi, quindi, se il bimbo non ha ancora iniziato a camminare a 15 mesi: l importante è che le varie tappe dello sviluppo motorio (sorreggere il capo, stare seduto e alzarsi in piedi) siano state conquistate. Infatti, la maturazione della coordinazione motoria avviene secondo passaggi prestabiliti, uguali per tutti, e nessun livello può essere raggiunto se non è stato superato il precedente. Si tratta di uno schema impresso geneticamente, che però risente anche degli stimoli dell ambiente che possono favorirlo o rallentarlo. Uno schema che, partendo dai riflessi innati propri del neonato, che afferra saldamente qualsiasi oggetto gli venga posto in mano (riflesso di prensione) e, se sostenuto in posizione verticale, sembra voler già camminare (marcia automatica), porta gradualmente il bambino a raggiungere il traguardo della prensione volontaria e della deambulazione vera e propria. Questo avviene grazie al progressivo sviluppo del cervello, che fa sì che il piccolo si interessi a quanto lo circonda (ciò gli fornisce la motivazione per sollevarsi in piedi) e, allo stesso tempo, gli permette di controllare sempre meglio il movimento e gli assicura un crescente equilibrio. Un processo complesso, quindi: servono ben dodici mesi perché il bimbo inizi a camminare oppure sia in grado di tenere in mano un cucchiaio. Muovendosi gattoni. I primi tentativi di spostarsi nello spazio si collocano verso i 5 mesi, quando il piccolo, sdraiato a pancia in giù, guardando un gioco posto di lato, solleva il capo, allunga il brac-

7 7 cio per afferrarlo e rotola su sè stesso. Verso gli 8-9 mesi alcuni bimbi, ma non tutti, imparano a spostarsi gattonando e inizialmente può capitare che, invece di procedere, si muovano all indietro. Oltre alla posizione classica carponi, poi, c è chi si sposta da seduto scivolando sul sederino con una manina flessa sotto le natiche, e chi, invece, gattona a orso, con mani e piedi a terra e sederino sollevato. Qualcuno, infine, non gattona, ma si alza in piedi e si cimenta direttamente con i primi passi. Alla scoperta della posizione eretta. A differenza del gattonamento, che è una tappa non obbligata dello sviluppo motorio, questo è un passaggio fondamentale. Verso i nove mesi, in genere, il bimbo cerca di alzarsi aggrappandosi alle sponde del lettino, alle gambe della mamma, alla sedia. Da questa posizione, può cominciare a muoversi per esplorare l ambiente attaccandosi ai mobili. All inizio ha bisogno di un appiglio o di un appoggio, ma pian piano riesce a restare in piedi da solo, senza sostegno e senza la mano di un adulto, per un tempo sempre più lungo. Libertà di movimento. Il girello può rivelarsi un comodo ausilio per la mamma, quando deve dedicarsi a qualche faccenda, ma per il bambino non è necessario e, naturalmente, non favorisce lo sviluppo della deambulazione. La soluzione ideale, quando il bimbo comincia a muoversi e a interessarsi all ambiente che lo circonda, è il pavimento. I genitori possono riservargli uno spazio dove allenarsi in tutta libertà, magari in un angolo della camera o del soggiorno su un tappeto posato per terra. Primi passi, ma per mano. Ci sono bimbi che muovono i primi passi da soli già a 11 mesi e altri che raggiungono il traguardo a mesi. Alcuni piccoli hanno bisogno del sostegno rassicurante dell adulto un po più a lungo. Spesso è sufficiente un dito della mamma, a cui il bimbo può aggrapparsi finchè non si sente pronto a muoversi in totale autonomia. Per favorire lo sviluppo di queste abilità, importante la libertà di movimento il pavimento è il luogo ideale per allenarsi - e si potrà invogliare il piccolo a muovere qualche passo per raggiungere la mamma o un oggetto che gli piace particolarmente. I primi passi sono caratterizzati da un andatura incerta e un po buffa: il bambino procede tenendo le gambe allargate e le braccia leggermente sollevate: così, infatti, riesce a mantenersi più facilmente in equilibrio. Come vanno scelte le scarpe per il bambino che inizia a camminare? Indubbiamente uno dei primi quesiti da risolvere allorchè il bambino si accinge a muovere i primi passi è quello inerente la scarpine da fargli indossare, finora esclusivamente contorno dell abbigliamento e quasi inutilizzate. Quando il bambino inizia a fare i primi passi, intorno agli 8-9 mesi, il piede non è ancora ben sviluppato e tende ad appiattirsi o a cedere medialmente. Camminare a piedi nudi rappresenta il metodo più efficace al fine di un corretto sviluppo del piede. Quando il bambino inizia a camminare, intorno ai mesi il piede diventa il mezzo attraverso il quale il bambino si muove, dunque serviranno delle scarpe che lo proteggano da agenti atmosferici e dalle asperità del terreno. La calzatura deve lasciare ampia possibilità di movimento al bambino, senza costringere il piede in alcun modo. La scarpa adatta al bambino dunque deve avere queste caratteristiche: - una suola in cuoio con tassello antiscivolo, ampia e flessibile, in modo da rispettare l anatomia del piede del bambino; - la punta della scarpa deve essere alta e larga in modo da far alloggiare comodamente le dita e non forzare l alluce in posizioni anomale. La flessibilità si verifica prendendo in mano la scarpa e premendo con un dito la punta: la suola deve flettersi facilmente senza sforzo, quasi rovesciandosi su se stessa. - Il tacco, largo e squadrato, deve essere presente con una giusta altezza (circa 1/10 della lunghezza totale della suola); - i rinforzi della tomaia, sono indispensabili per sostenere il piede del bambino e per evitare il cedimento della tomaia stessa. La misura della scarpa è adeguata quando, tenendo il bambino in piedi e premendo sulle punta del piede della scarpa, rimangono 13 mm oltre l alluce. La calzatura dovrà essere sostituita circa ogni 3 mesi. È fondamentale che la misura della scarpa sia quella giusta: una scarpa troppo stretta può favorire gli arrossamenti cutanei e periungueali, fino all unghia incarnita.

8 8 Il terzo trimestre di gravidanza Si avvicina con grande gioia il momento di far nascere il bambino. Non manca molto all evento è finalmente potrete guardare il visino su cui per nove mesi avete fantasticato. Vediamo cosa succede dunque gli ultimi tre mesi di gravidanza. Anzitutto i movimenti respiratori del feto sono sempre più regolari. Gli occhi si aprono del tutto e gli organi, come lo stomaco e l intestino, funzionano normalmente, anche se non saranno del tutto pronti fino al momento del parto. Già dalla fine del 6 mese il feto è sensibile ai suoni: infatti, quando c è un forte suono il feto si muove, così come si rilassa quando i genitori ascoltano la musica leggera. Al settimo mese il feto succhia spesso il suo dito, può ave- re il singhiozzo, percepisce il gusto dolce ed amaro, risponde agli stimoli. La funzione della placenta inizia a diminuire allo stesso modo del liquido amniotico. L utero continua ad aumentare di volume, supera l ombelico di 4-5 centimetri e, per questo motivo, la sensazione di pesantezza aumenta e si avrà la tendenza a sentire una sorta di peso ai polmoni. È questo il momento opportuno per prepararsi al parto, attraverso apposite tecniche e metodi, quali la piscina, ottima per rilassarsi e per l esercizio muscolare; o corsi appositi di preparazione. Gli esami da fare Gli esami sono quelli di routine: analisi del sangue e delle urine. Dal 7 mese in poi, però, l analisi delle urine avrà cadenza quindicinale, non più mensile, per accertare il normale proseguimento della gravidanza. L ottavo mese L 8 mese è il momento in cui il feto sceglie la posizione per nascere, normalmente con la testa verso il basso e il sedere verso l alto. Il medico vi dirà che posizione ha adottato il bambino per nascere. Nel 95% dei casi il bambino adotterà la posizione podalica, con la testa all indietro o trasversale. In questi casi, sarà indispensabile praticare un cesareo. Dato che l utero è aumentato di volume di almeno 10 volte, sentirete come i vostri polmoni si comprimono. Alla fine dell 8 mese, il feto ha raggiunto il peso di 2-2,5 kg. Questo aumento è dovuto al grasso che si sta formando sottopelle. Appaiono, da questo momento, anche sopracciglia e capelli. I due emisferi cerebrali lavorano insieme. Il feto sa distinuguere le diverse voci che gli parlano. È lungo circa 40 centimetri. I dolori alla schiena e all addome potrebbero essere intensi per la mamma, perché il bambino è diventato molto grande e il peso grava sulla colonna vertebrale della madre. Questo potrebbe affaticare molto la futura madre, che avrà bisogno di riposo e di leggerissimi esercizi per riequilibrare l apparato muscolare. I diritti della mamma: la maternità A partire dall 8 mese, la donna ha diritto a 5 mesi di maternità (che raddoppiano in caso di parto gemellare). Nel caso in cui la mamma partorisca prima della data prevista, i giorni di maternità non

9 9 effettuati prima del parto vengono aggiunti ai 3 mesi concessi dopo la nascita del bambino. Se il parto avviene dopo la data prevista, invece, rimangono invariati i mesi di maternità post parto. Tra la 30a e la 32a settimana la madre si sottopone alla terza e ultima ecografia prima del parto, che serve per verificare la normale crescita del feto. Gli esami di routine a cui sottoporsi sono: - esami del sangue: comprendono, questo mese, anche il test della coagulazione, in previsione del parto; - esami delle urine: due volte al mese. Inoltre, a partire dalla 32a settimana, è possibile sottoporsi alla flussimetria fetale, esame non invasivo e non obbligatorio, simile all ecografia, che permette di verificare la corretta circolazione del sangue del feto. Si effettua soprattutto quando ci sono sospetti di malfunzionamento del flusso di sangue, che potrebbe complicare il parto. Il nono mese di gravidanza Nelle ultime settimane il bebè cresce, non riuscendo quasi a muoversi. Alla fine del nono mese pesa in genere 3 kg e misura 50 cm. La pelle è liscia. Lo strato di vernice è parzialmente caduto e galleggia nel liquido amniotico. Il cranio non è del tutto ossificato: le due fontanelle si formeranno qualche mese dopo la nascita. Dato che state vivendo la fase finale della vostra gravidanza, è possibile sentirsi tirare la parte bassa del ventre e avere dei dolori diffusi in tutto il corpo, che si prepara per il parto. Gli esami da fare. Oltre agli esami di routine (analisi del sangue completa, analisi delle urine), verso la 34a-35a settimana la madre si sottopone all elettrocardiogramma, per verificare che il battito fetale sia nella norma e che non rischi complicazioni durante il travaglio. Nello stesso periodo è previsto il tampone vaginale, che consiste nel prelievo di muco vaginale, successivamente analizzato per controllare che non ci siano infezioni. Verso la 36a-37a settimana, se il bimbo è podalico, si decide se è il caso di intervenire o meno con il taglio cesareo. Appena iniziano le contrazioni, i medici eseguono il monitoraggio del feto. Si tratta di una registrazione che, grazie alla rilevazione dell intensità e della frequenza delle contrazioni, del battito cardiaco del feto e della quantità di liquido amniotico, consente di controllare l andamento del travaglio. I segnali del parto Ci sono alcuni cambiamenti che si verificano nel momento esatto in cui la donna sente che è giunto il momento di chiamare il medico o di andare in ospedale. Si intensificano le contrazioni, frequenti e dolorose, molto spesso accompagnate da diarrea, e non spariscono neanche se cambiate posizione. Inizia il dolore nella parte bassa della schiena, e si hanno delle perdite rosacee o di sangue. Naturalmente, si rompono le acque! Il parto non è ancora iniziato se invece Viaggiare al 5 mese >>> continua a pag. 11 Se avete deciso di fare un viaggio, dovete consultare il vostro medico prima di partire per verificare che tutto sia in ordine perché, anche nel caso di gravidanza a basso rischio, un viaggio a grande distanza non è consigliato. Per la maggior parte delle donne, i viaggi durante il secondo trimestre sono un occasione perfetta per profittare di un soggiorno con il proprio compagno e distrarsi prima della nascita del bebè. Dopo aver ottenuto il permesso del medico, avete bisogno di pianificare il viaggio e di prendere qualche precauzione affinché tutto vada bene. Vi consigliamo di organizzare un viaggio con una sola destinazione, piuttosto che uno che preveda di visitare diverse città in tempi brevi. Rispettate la vostra dieta perché il bebè continua ad avere bisogno degli stessi alimenti; non bevete acqua del rubinetto se andate in un Paese straniero; cercate di urinare più volte al giorno e portatevi dietro il nome di un ginecologo del Paese che andate a visitare. È importante che vi muoviate durante il tragitto. Se viaggiate in automobile, fate delle soste frequenti; se viaggiate in treno o in aereo, alzatevi e passeggiate nel corridoio. Dovete muovervi per non avere problemi circolatori.

10 Richiedi la io card. Conviene! Avellino - Viale Italia, 10 Tel.: Salerno - Via delle Calabrie, 41 Tel.:

11 11 >>> continua da pag. 9 avete questi sintomi: le contrazioni non sono regolari e non aumentano di intensità; le contrazioni spariscono quando cambiate posizione; le perdite sono di colore marrone (risultato di un esame medico o di rapporti sessuali). Ridurre i dolori del parto: l anestesia epidurale. È considerata la tecnica più efficace per ridurre i dolori del parto. Non è dolorosa, e non altera né la forza muscolare, né la sensibilità, né lo stato di coscienza. Viene praticata da un anestesista specializzato e prevede l inserimento, mediante ago, di un piccolo catetere circa 5cm sottocute, nello spazio epidurale della regione lombare. L analgesico viene somministrato, anche più volte durante il travaglio, mediante il piccolo catetere. Viene eseguita tipicamente durante la fase dilatante del travaglio su richiesta della partoriente o su indicazione del ginecologo, ma comunque dietro valutazione medica su eventuali rischi. A tutte le partorienti è comunque consigliata una visita specialistica con l anestesista prima di iniziare il travaglio in modo da valutare e richiedere anticipatamente l epidurale. È consigliata in particolare per il parto cesareo perché garantisce una migliore ripresa dell organismo rispetto ad altre anestesie e perché le condizioni del neonato sono tendenzialmente migliori. Si può avvertire un leggero prurito come effetto collaterale comune, mentre molto più rara è l emicrania, che può durare anche pochi giorni. Il parto prematuro Tra i bebè che nascono prematuramente, un terzo dipende dalla dilatazione che è iniziata molto presto, un terzo dal fatto che le membrane si rompono ed un terzo per problemi materni o fetali. Tuttavia i progressi della tecnica hanno ridotto il numero di parti prematuri. Esistono molti fattori che possono aumentare il rischio di un parto prematuro. Se la madre infatti ha dei fattori a rischio, avrà più possibilità di avere un parto prematuro, anche se oggi in alcuni casi si riesce a portare a termine la gestazione. Alcuni fattori di rischio sono: il fumo, l alcol, l abuso di medicinali, lo stress, l età della madre, una nutrizione insufficiente, gestazioni multiple, squilibrio ormonale, ecc... Alcune volte, senza presentare nessuno di questi fattori, la madre può entrare in una dilatazione prematura, senza alcuna ragione apparente. Quando ci sono dei rischi, si può ridurre l incidenza delle nascite premature con l educazione ed il controllo dell utero. Se la dilatazione inizia troppo presto, è possibile ritardare la fase di espulsione fino al momento in cui il bebè è più maturo, perché anche un piccolo ritardo puo essere benefico. Se avete sintomi quali crampi simili a quelli delle mestruazioni, nausee o indigestioni, dolore o pressione nella parte bassa della vostra schiena, cambiamento delle perdite vaginali o rotture delle membrane, consultate il vostro medico o andate all ospedale.

12 12 Il suo primo corredino Un po' per superstizione, un po' per praticità, si comincia a pensare al corredino una volta giunte al settimo mese di gravidanza: da questo momento in poi sarà opportuno preparare una lista dei capi che andranno a formare il primo corredino del bebè. È importante tenere conto del periodo in cui il bambino nascerà, ovvero, estate o inverno, tenendo in considerazione che nel neonato il sistema di termoregolazione è ancora imperfetto. I bambini così piccoli soffriranno maggiormente il caldo se troppo coperti o il freddo, viceversa, più di quanto possa accadere in un adulto. Azzurro o rosa è una delle prime cose a cui si pensa appena si conosce il sesso del neonato. Ma si tratta fondamentalmente di una questione per lo più estetica ; l'importante è porre l'attenzione sui tessuti e sulla praticità dei capi. Con un occhio alla quantità, tenendo presente che i bambini crescono in fretta! Copertine, lenzuolini, bavaglini... la lista sembra essere lunga ma con un po' di organizzazione tutto è più semplice. Spesso accade che, prese dall'euforia, molte mamme si precipitino ad acquistare molti capi prima del tempo, dimenticando che parenti ed amici provvederanno con un utile regalino. Dunque, attendere la nascita senza fare acquisti sproporzionati, e verificare solo in seguito cosa realmente occorre, è la cosa più giusta da fare. Innanzitutto basteranno due copertine, una di lana e una di cotone, indipendentemente dalla stagione in cui nascerà il bambino, poiché verranno sicuramente utilizzate. Se il bambino nasce d'inverno occorreranno: 4-6 tutine di ciniglia (o coprifasce con ghettine), 6 body mezza manica lana/ cotone, 6 camicini (in alcuni ospedali sono obbligatori, in altri facoltativi), un completo per la dimissione comprendente anche un paio di calzini, una cuffietta e una copertina. Se invece il bambino nasce nei mesi estivi l'occorrente sarà costituito da: 6 tutine di cotone (o coprifasce con ghettine), 6 body di cotone a mezza manica, 6 camicini, un completo per la dimissione adatta alla stagione. Lenzuolini, golfini, pantaloni o pantaloncini, saranno sicuramente tra i regali più gettonati. È bene evitare di riempire l'armadio con capi che rimangono, spesso, con il cartellino perchè inutilizzati, vista la veloce crescita nei primi mesi. Una cosa di cui non ne avrete mai abbastanza saranno i bavaglini: è il caso di dire che più ne avrete meglio è. Qualcuno serve al momento della poppata, gli altri per eventuali rigurgiti (mai far dormire il piccolo con il bavaglino). Tessuti naturali e praticità Nella scelta dei capi da acquistare occorre privilegiare la comodità e la qualità; inutile dire che vanno evitati i capi sintetici, che non assorbono il sudore e possono provocare irritazioni alle pelli sensibili. Preferite dunque le fibre naturali, come il cotone, materiale ideale per i capi a contatto diretto con la pelle del bebè, in quanto può essere usato in ogni stagione assicurando un adeguata traspirazione. Questo tessuto, inoltre, può essere lavato in lavatrice anche ad alte temperature per consentire la sterilizzazione dei capi. Anche la lana non è particolarmente indicata perchè può stimolare reazioni allergiche, mentre il lino è indicato nei mesi estivi solo se sufficientemente ammorbidito. Naturalmente il bebè deve potersi muovere liberamente e senza il fastidio di etichette o cuciture. Due pesi, due misure. Come già accennato in precedenza, i bambini crescono molto in fretta nei primi mesi, basti pensare che nei primi 5 mesi tendono a raddoppiare il peso della loro nascita. Dunque attenzione particolare va dedicata alle taglie, anche perchè variano a seconda del marchio. Scegliendo i capi da acquistare è quindi importante tenere presente le misure del bebè (altezza e peso) e fare riferimento a queste oltre che all età segnata sulle etichette.

13 È ora di togliere il pannolino!!! Se il bimbo non raggiunge una sorta di maturazione fisiologica (che gli da modo di controllare autonomamente le funzioni ree), è impossibile educarlo all uso del vasino. corpo- Vi sono due livelli di maturazione: quello neurologico e quello della vescica. Il primo riguarda lo sviluppo di una parte del cervello che corrisponde alla volontà e alla coscienza (questo permette il controllo della vescica da parte del bimbo) Spesso si consiglia di iniziare l'educazione al vasino durante l'estate. Ma è davvero il momento giusto? È questa una tappa fondamentale nella crescita del bimbo, avviene, tendenzialmente, tra i 18 e i 36 mesi! Il Vasino 13 qualche informazione in più per il mestiere di Genitore: Lo spannolinamento, oltre ad attendere che il bambino inizi a dare qualche segnale di prontezza, necessita di altri requisiti dati dal tempo che si trascorre in casa e dalla temperatura esterna. L'estate, dunque, perché i genitori hanno più tempo per stare con i bimbi, sono in ferie e possono dedicarsi con maggiore attenzione ai loro piccoli. Inoltre, in estate si può stare all'aperto, sul prato di casa o in spiaggia senza pannolino, occasioni di libertà per il bambino e luoghi meno laboriosi da pulire per i genitori. Il bambino inizia a sperimentare il fatto di essere indipendente in questo senso, si compera un vasino e si inizia a spiegare come usarlo. Il periodo estivo è perfetto perché il bimbo inizierà la scuola dell'infanzia in set- tembre, luogo che notoriamente non accetta i bambini con il pannolino. Tuttavia, se il bambino inizia a dare segni di prontezza si può iniziare l'educazione al vasino anche in altri momenti dell'anno. Basta usare alcuni semplici accorgimenti: si possono per esempio togliere i tappeti preziosi all'interno della casa, proteggere il divano e i letti con una cerata, armarsi di mutandine di cotone e pantaloncini della tuta per il cambio, prendere un bel vasino, togliere il pannolino al bambino e iniziare a raccontargli che anche lui può andare in bagno come mamma e papà. Non c è da allarmarsi se questo non avviene nei tempi standard: quasi sempre il problema è dovuto solo a uno sviluppo più lento. La seconda, invece, si ottiene con l esercizio: il bimbo, senza il pannolino, deve fare più prove prima di riuscire a trattenere le pipì. Cosa deve fare un genitore? Semplicemente aspettare, osservare e capire il momento giusto. Non bisogna forzare il bimbo, come, molto spesso, si faceva in passato. Bisogna attendere, naturalmente, i primi segnali di maturità da parte del bimbo. Due cose fondamentali sono: far stare il bimbo senza pannolino e farlo familiarizzare con il vasino (come fosse un giocattolo). Attendere almeno un segnale: se dopo il pisolino pomeridiano il bimbo si sveglia con il pannolino asciutto quello è il segnale! Bisogna, a questo punto, togliergli il pannolino per qualche ora al giorno e fargli notare con dolcezza e non con rimprovero quando fa la pipì addosso! Questo deve essere, inizialmente, un gioco. Con il passare dl tempo il bambino capirà che il vasino (già da molto tempo fisso in bagno) è IL SUO WATER PERSONALE! Il resto sta a voi, care mamme, solo voi conoscete appieno il vostro pargolo e la sua sensibilità. Ogni bambino è diverso e diverso dev essere l approccio in ogni fase della sua educazione: non c è nulla di più sbagliato del metodo unico per tutti.

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE

AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE 27. Aumentare la produzione di latte e riallattare 129 Sessione 27 AUMENTARE LA PRODUZIONE DI LATTE E RIALLATTARE Introduzione Se l offerta di latte di una madre si riduce, è necessario aumentarla. Ciò

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

scegli la scarpina giusta Scarpine Fisiologiche Chicco

scegli la scarpina giusta Scarpine Fisiologiche Chicco scegli la scarpina giusta Scarpine Fisiologiche Chicco Scarpine Fisiologiche Comincia il viaggio con il piedino giusto Il piede ha una funzione fondamentale nello sviluppo motorio del bambino. Va protetto

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Suggerimenti e consigli per iniziare il tuo bimbo al nuoto.

Suggerimenti e consigli per iniziare il tuo bimbo al nuoto. Suggerimenti e consigli per iniziare il tuo bimbo al nuoto. Dove c è acqua c è vita, l uomo stesso è composto in gran parte di acqua. L acqua è amica, universalmente conosciuta, usata e amata. Ecco perché

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

10 Modulo. Attività motoria II

10 Modulo. Attività motoria II 10 Modulo Attività motoria II Argomenti MET specifici Programmi di attività motoria MET e Prevenzione dei TUMORI Cancro del seno: 9 MET settimana Cancro colon retto: 18 MET settimana Cancro prostata: 30

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Educazione alimentare e cura di sé

Educazione alimentare e cura di sé Educazione alimentare e cura di sé Attività in sede per gli allievi di terza 23 marzo 2007 Formulario-inchiesta - RISPOSTE Allievo/a maschio / femmina classe.. Secondo te, questa giornata è stata utile

Dettagli

Consigli posturali per il neonato - lattante. Come favorire uno sviluppo simmetrico del capo

Consigli posturali per il neonato - lattante. Come favorire uno sviluppo simmetrico del capo Consigli posturali per il neonato - lattante Come favorire uno sviluppo simmetrico del capo Nel 1992, l American Academy of Pediatrics (AAP) pubblicò alcune raccomandazioni sulla necessità di porre i neonati

Dettagli

SEGNI CHE UN BAMBINO NON PRENDE ABBASTANZA LATTE. Segni attendibili

SEGNI CHE UN BAMBINO NON PRENDE ABBASTANZA LATTE. Segni attendibili 21. Poco latte 101 Sessione 21 POCO LATTE Introduzione La maggior parte delle madri può produrre latte a sufficienza per uno o anche due bambini. Generalmente, anche quando una madre pensa di non avere

Dettagli

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it IL RICOVERO IN CASA DI CURA DIECI SUGGERIMENTI PER UNA MAGGIOR SICUREZZA DELLA CURA tratte ed adattate da: Guida per i cittadini è la mia salute e io ci sono e Guida per i familiari prendersi cura insieme

Dettagli

COME CALCOLARE LE CALORIE

COME CALCOLARE LE CALORIE Vol.2 COME CALCOLARE LE CALORIE PER DIMAGRIRE Guida per calcolare le calorie e dimagrire Consigli per dimagrire contando le calorie! Esistono tanti modi differenti per perdere peso e dimagrire in modo

Dettagli

con rotazione destra e inclinazione sinistra

con rotazione destra e inclinazione sinistra Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Unità Riabilit. Gravi Disabilità Infantili Dott. A. Ferrari - Direttore Torcicollo con rotazione destra e inclinazione sinistra 1 A cura di: Giulia Borelli,

Dettagli

Un sano sorriso... per il tuo bambino

Un sano sorriso... per il tuo bambino Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento Direzione per la promozione e l educazione alla salute Dipartimento di Odontostomatologia Un sano sorriso... per il tuo bambino Progetto

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO FAQ dimagrimento personalizzato PAZIENTE 1) Il test genetico può essere eseguito in qualsiasi laboratorio? No. effettuare un test genetico richiede l'impiego di strumentazioni molto sofisticate e di personale

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

ALLATTARE AL SENO ITALIANO

ALLATTARE AL SENO ITALIANO ALLATTARE AL SENO ITALIANO Il latte materno è un investimento prezioso per il benessere e la salute tua e del tuo bambino. Presso i nostri Centri potete contare sull aiuto per consigli di operatori esperti

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

Prefazione di Linda Grilli 5 Introduzione 9

Prefazione di Linda Grilli 5 Introduzione 9 Indice Prefazione di Linda Grilli 5 Introduzione 9 I UN BEBÈ IN ARRIVO 12 Un tempo privilegiato 12 Vestirsi in gravidanza 13 Biancheria intima 13 Gaine e pancere 14 La cura del corpo in gravidanza 15 Prepararsi

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

La cura dei denti. Come un insegnante di scuola primaria puo aiutare il dentista a fare il suo lavoro con bambini difficili

La cura dei denti. Come un insegnante di scuola primaria puo aiutare il dentista a fare il suo lavoro con bambini difficili La cura dei denti Come un insegnante di scuola primaria puo aiutare il dentista a fare il suo lavoro con bambini difficili Anna Maria Fratangelo, insegnante di scuola primaria C. è una bambina di otto

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

Mio figlio ha l eczema?

Mio figlio ha l eczema? FONDATION Mio figlio ha l eczema? Informazioni fornite ai genitori e utili per gli insegnanti Dott. Jacques ROBERT Pediatra - Allergologo A cura della FONDAZIONE PER LA DERMATITE ATOPICA Capire l eczema

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni

Dispositivo di assistenza meccanica al circolo. Consigli per la prevenzione delle infezioni Dispositivo di assistenza meccanica al circolo Consigli per la prevenzione delle infezioni Gentile questo e il vademecum del dispositivo di assistenza meccanica al circolo che le è stato applicato. Lo

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Sviluppo psicomotorio

Sviluppo psicomotorio Sviluppo psicomotorio Sviluppo motorio Sviluppo percettivo sviluppo psicomotorio insieme delle acquisizioni del bambino dalla nascita all età scolare Sviluppo cognitivo L esame dello sviluppo psicomotorio

Dettagli

S T U D I O S P A Z I O

S T U D I O S P A Z I O S P A Z I O I nostri corsi 2014 La Cooperativa Co.Re.s.s. attraverso lo Spazio Arte 21, organizza percorsi dedicati alle persone che vogliono scoprire se stesse e le proprie emozioni attraverso l arte

Dettagli

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. )

MANUALE DI PRIMO SOCCORSO. (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) MANUALE DI PRIMO SOCCORSO (..il lupetto pensa agli altri come sé stesso.. ) IN OGNI CASO,PRIMA DI TUTTO CHIAMARE UN ADULTO O SE SIAMO COL BRANCO, UN VECCHIO LUPO 1) FERITE e ABRASIONI cutanee Cosa sono?

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA

ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI DI GLAUCOMA OPUSCOLO CON INFORMAZIONI ED ISTRUZIONI PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo

Dettagli

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI

LA VOCE DI 100.000 LAVORATRICI E LAVORATORI impaginato sintesidef 29-04-2008 19:34 Pagina 66 GRAFICO 11 DEDICANO PIÙ DI 20 ORE A SETTIMANA AL LAVORO DOMESTICO E DI CURA * 7 51,8 58,9 62,4 Uomini 29,0 27,3 20,1 Donne Meno di 35 anni Da 36 a 45 anni

Dettagli

MAMMA, PAPÀ E... TANTI DENTINI!

MAMMA, PAPÀ E... TANTI DENTINI! MAMMA, PAPÀ E... TANTI DENTINI! 10 trucchi per aver cura dei propri denti e non avere mai paura del dentista. Cari genitori, lʼimportanza dellʼigiene orale e la familiarità con lʼambulatorio odontoiatrico

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla Consigli ai genitori La dermatite atopica Come curarla I consigli Quando? Al momento di una diagnosi certa o nelle ricadute Come? Con spiegazioni orali, con scheda Perché Serve a rendere autonomo il genitore,

Dettagli

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014

La Prevenzione del Rischio da MMC. Introduzione. Newsletter 08/2014 Codroipo, lì 15 settembre 2014 Prot. 4714LM La Prevenzione del Rischio da Movimentazione Manuale dei Carichi MMC Introduzione Newsletter 08/2014 ECONSULTING del dott. Luciano Martinelli Via Roma, 15 int.

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

Pronti per la scuola dell'infanzia. Italienisch

Pronti per la scuola dell'infanzia. Italienisch Pronti per la scuola dell'infanzia Italienisch I bambini hanno bisogno di compiti che li aiutino a crescere, di modelli ai quali ispirarsi, di comunità in cui sentirsi accettati. Prof. Dr. Gerald Hüther

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza

Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza Pochi e semplici consigli per un estate in salute per la futura mamma ed il suo bambino sapere che... In estate, il caldo può nuocere alla mamma che non

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

Che cosa sono i coni vaginali? A che cosa servono i coni vaginali?

Che cosa sono i coni vaginali? A che cosa servono i coni vaginali? 9. I coni vaginali I coni vaginali sono stati ideati nel 1985 da Stanislov Plevnik come strumento di ausilio per valutare e rinforzare i muscoli del pavimento pelvico (perineo). Il pavimento pelvico forma,

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia

Lettere ai genitori. Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia Lettere ai genitori Il primo mese di vita di vostro figlio o di vostra figlia 1 Indice Imparare a conoscersi e ad amarsi 4 Coccolare e curare 10 Allattamento al seno e/o con il biberon? 14 Succhiare non

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO. Informazioni per la prevenzione e la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro LA SICUREZZA DEL TIROCINANTE IN CONTESTO LAVORATIVO SPISAL Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza negli Ambienti di Lavoro SIL Servizio integrazione lavorativa Opuscolo realizzato nell ambito di un percorso

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso.

Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Anna Contardi Ass.Italiana Persone Down www.aipd.it Amicizia, amore, sesso: parliamone adesso. Esperienze di educazione sessuale per adolescenti con disabilità intellettiva Premessa Esisteun diritto alla

Dettagli

La prima mezza maratona

La prima mezza maratona Allenamento/ passo successivo La prima mezza maratona A cura della redazione Foto: Michele Tusino Siete ormai in grado di correre per un ora. E adesso? Quanti chilometri riuscite a percorrere in questi

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta

revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta revisionato il 17 novembre 2013 - a cura di Antonio d'amore, Psicologo e Psicoterapeuta Nel corso del primo anno : - riconosce il nome proprio; - dice due-tre parole oltre a dire mamma e papà ; - imita

Dettagli

Il diabete gestazionale

Il diabete gestazionale Il diabete gestazionale informazioni per la gestante Cosa è il diabete gestazionale? Con il termine di diabete gestazionale (DG) si definisce un disordine della regolazione del glucosio di entità variabile,

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto

Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio. Il nostro cesto Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti Via Laurentina, 748 Roma-XII Municipio Il nostro cesto Lo Spazio Be.Bi. 5 Libera Tutti, nato nel 2004, si trova a Roma-Municipio XII, in Via Laurentina, 748 ed è un servizio

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE www.fantavolando.it PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE Fantavolando PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE AMICO VIGILE MOTIVAZIONE: La motivazione che sta alla base della realizzazione di un progetto

Dettagli

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità Progetto di musicoterapia I.P.S. Falcone Palazzolo S/O a.s. 2008/09 1 Scaletta 1 incontro 24 novembre 2008 - Finalità generale: Migliorare la socializzazione. Interazione positiva con tutti i compagni.

Dettagli

Studio Internazionale sulla Prevalenza di Allergie da Contatto ai Profumi

Studio Internazionale sulla Prevalenza di Allergie da Contatto ai Profumi LA DERMATITE ALLERGICA DA CONTATTO La pelle è un involucro che ci protegge e ci mette in relazione col mondo esterno: è buona cosa conoscerla Studio Internazionale sulla Prevalenza di Allergie da Contatto

Dettagli

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA!

MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! MUOVITI PER STARE MEGLIO... E RENDI LA TUA CASA PIÙ SICURA! Piano Regionale della Prevenzione 2010-12 Progetto 2.3.1A Interventi di comunicazione ed iniziative organizzate miranti a promuovere l attività

Dettagli

Che bello. vedercibene! Una semplice guida per prendersi cura della vista del proprio figlio.

Che bello. vedercibene! Una semplice guida per prendersi cura della vista del proprio figlio. Che bello vedercibene! Una semplice guida per prendersi cura della vista del proprio figlio. Il punto di vista Gentile genitore, sappiamo bene quanto sia importante la salute visiva di suo figlio: per

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

SCHEDA D'INGRESSO ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA PRIMA PARTE

SCHEDA D'INGRESSO ALLA SCUOLA DELL'INFANZIA PRIMA PARTE 1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CIRCOLO DIDATTICO - S.M.S. A.GEMELLI Piazza Matteotti, n 18 80065 SANT AGNELLO (NA) Tel / fax 081 533 22 55 sito web www.istitutogemelli.gov.it e-mail naic85800l@istruzione.

Dettagli

Montature e lenti per bambini... Una scelta delicata

Montature e lenti per bambini... Una scelta delicata Montature e lenti per bambini... Una scelta delicata 1. PRESERVARE IL BENESSERE VISIVO Far indossare gli occhiali al vostro bambino, in caso di necessità, non deve essere vissuto come un dramma, anzi

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 9 Medici di base e medici specialisti In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sull assistenza sanitaria di base parole relative all assistenza sanitaria di base l uso

Dettagli

Programma della Formazione A Distanza (FAD) "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute"

Programma della Formazione A Distanza (FAD) Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute Formazione A Distanza "Incentivare l allattamento al seno come strategia di promozione della Salute" del Istituto Superiore di Sanità e verifica dei contenuti equivalenti nel corso OMS/UNICEF 20 ore. A

Dettagli