PEDIATRIA DOMANDE DI ESAME. Allattamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PEDIATRIA DOMANDE DI ESAME. Allattamento"

Transcript

1 PEDIATRIA DOMANDE DI ESAME Allattamento Apporto calorico di 1 L di latte Materno 700 Kcal/l Vaccino 670 Kcal/l Adattato Kcal/l Proseguimento Kcal/l Aspetto psico-affezionale dell allattamento E il più intenso momento del rapporto instauratosi tra madre e figlio dopo la nascita e ideale proseguimento del legame esistente prima del parto. Durante la poppata il bambino è stimolato in quanto oltre a succhiare guarda, adora ed ascolta la madre; da questa interazione madre-bambino è stimolato lo sviluppo psichico del lattante. Il bambino inoltre invia continuamente segnali (pianto, aggrappamento, sorrisi, sguardo) e la madre ne trae piacere e benessere fisico sviluppando un comportamento materno. Protezione dalle infezioni da parte del latte materno Avviene attraverso: IgA dai LF B di provenienza G.I. materna (sia contro microorganismi che Ag alimentari) i quali migrando lungo i linfatici e tramite il sangue giungono nel latte Lattoferrina ( essa facilita l assorbimento intestinale di Fe, inibisce lo sviluppo di E.Coli) Lisozima (scinde la parete batterica) Neutrofili e LF B Vantaggi dell allattamento al seno Contatto madre-figlio ( di grande importanza per lo sviluppo psico-affettivo del bambino ) E specie-specifico, cioè privo di possibili effetti allergizzanti ( può però contenere determinati Ag eterologhi provenienti dalla dieta materna) Ricco di Ig, soprattutto IgA protettrici a livello G.I. e forse verso la bronchiolite nei primi 3 mesi Varia di composizione durante la poppata arrivando anche a quadruplicare il contenuto di grassi tra inizio e fine poppata, facilitando l acquisizione del senso di sazietà e appetito Consente al lattante di regolare da sé la quantità di cibo assunta ( ciò sembra importante per la prevenzione dell obesità ) Composizione più idonea nei confronti del bambino ( anche dei più perfezionati ) A lungo termine protegge da patologie atopiche importanti A medio termine da patologie infettive respiratorie A breve termine da infezioni gastrointestinali, urinarie, virali ( es: poliomielite) Sviluppo SNC nel pretermine Svezzamento o divezzamento Si intende quel processo di graduale mutamento di alimentazione che porta da un regime alimentare a base di latte ad uno di tipo misto. Inizia con la sostituzione al 5-6 mese di un pasto di latte con uno a base di brodo ( farina di brodo vegetale ), cioè si procede all introduzione di proteine e ferro contenuti in cibi diversi dal latte. Al 5-6 mese si danno 3-4 pasti di latte e 1 pasto salato Al 7-8 mese 2 pasti salati e 2 di latte. Si usano farine ( mai quelle con glutine prima del 6 mese), carne ( liofilizzata, omogeneizzata o frullata ) e frutta per l apporto di sali minerali e vitamine.alcune Scuole Pediatriche preferiscono alla farina di brodo vegetale la farina lattea di riso. Inizialmente è buona norma dare il cibo, se nuovo in piccole quantità per evitare intolleranze, poi nello spazio di una settimana si raggiunge la dose intera. Modalità di allattamento al seno Già in sala parto o nelle prime 6 ore dopo la nascita il neonato dovrebbe essere attaccato al seno per alcuni minuti per stimolare la secrezione lattogena. Dalla 12 ora, se si può attuare il vooming-in ( tenere la culla accanto al letto della madre ), il bambino dovrebbe essere allattato su richiesta, cioè quando dimostra di avere fame (praticamente ogni 2-3 ore ). Se ciò non è possibile il ritmo di allattamento deve essere stabilito inizialmente in poppate di min. ogni 3-4 ore. ( Un intero pasto corrisponde a più di 20-25min. ) Importanza nella valutazione dell accrescimento ha la doppia pesata. Controindicazioni all allattamento al seno tbc, k, nefropatie, cardiopatie, epatite B, HIV gravi malformazioni del bambino ( es: la palatoschisi necessita di tettarelle speciali ) mancata disposizione della madre per problemi emotivi assunzione di farmaci pericolosi da parte della madre ( antitiroidei, estrogeni ) ittero da latte materno ( esiste una sostanza inibitrice della glicuronil-transferasi, che però diminuisce dopo il 1 mese). 1

2 Respiratorio DD Laringite e Laringospasmo Nella laringite: Flogosi ed edema alle corde vocali e al cono ipoglottico Eziologia virale ( >> virus parainfluenzale ) Autolimitante Prodromi presenti Esordio graduale Febbricola Voce roca Può giovare dell umidificazione dell ambiente Nel laringospasmo: Stenosi laringea acuta di alcune ore su base riflessa In genere ad insorgenza notturna Probabilmente scatenato in soggetti predisposti da infezioni banali delle alte vie respiratorie Assenza di prodromi Esordio improvviso Ricorrente Apiressia Assenza di voce roca Laringite ipoglottica o laringotracheite E una patologia respiratoria che colpisce soprattutto i bambini tra i 6 mesi e i 3 aa., il cui agente eziologico tipico è il virus parainfluenzale tipo 3 ( ma possono essere responsabili anche adenovirus, virus respiratorio sinciziale, virus influenzali ). La sede della flogosi sono le corde vocali ed il cono ipoglottico. La malattia è caratterizzata da esordio graduale ( 1-2 giorni ) con rinite e/o faringite, tosse e di solito febbricola a cui segue una fase conclamata con : voce roca, tosse abbaiante, stridore inspiratorio ed impegno respiratorio ( che si manifesta con dispnea inspiratoria, retrazione degli spazi intercostali e del giugulo ). Nelle forme avanzate c è cianosi e compromissione generale. E una malattia autolimitantesi che in media dura 5-7 giorni e di solito guarisce da sola. Di regola dopo le prime ore non tende più a peggiorare. Terapia della laringite ipoglottica Scopo della terapia è la riduzione dell edema. Poiché è una patologia virale non sono necessari antibiotici. Forma lieve ( si può trattare a domicilio ) umidificazione dell ambiente a volte steroidi per areosol Forma moderata ( si può trattare a domicilio o in ospedale ) umidificazione dell ambiente steroidi per via generale ( con desametasone 0,3-0,6 mg/kg IM o EV) e/o aerosol o per OS ( normalmente più usata ) Forma grave ( necessita ospedalizzazione ) umidificazione dell ambiente steroidi per via generale adrenalina per aerosol ( 0,25 mg/kg ) Epiglottite ( o laringite epiglottica ) Edema flogistico dell epiglottide e regione sovraglottica ad andamento quasi fulminante, con mortalità pari a 1-2 casi/anno, dovuta ad Haemophilus influentiae tipo B nel 90% dei casi ( ma anche streptococco, pneumococco, stafilococco ). Colpisce preferibilmente bambini tra i 2 e i 7 aa. Sintomatologia : febbre alta voce afona voce a patata calda in bocca ipersalivazione disfagia faringodinia compromissione generale impegno respiratorio tosse poco frequente Il bambino si presenta preferibilmente seduto, con il collo in avanti, bocca aperta e lingua in fuori ( se grande) o con collo iperesteso ( se più piccolo ), in genere concentrato sul respiro ed agitato. Nel caso ci siano anche cianosi e letargia la malattia è in uno stadio avanzato. Bisogna sempre procedere all ospedalizzazione ed eseguire emocoltura, p02, emocromo, VES,PCR, Rx laterale del collo. A scopo preventivo esiste la vaccinazione contro H.I. Gravità e rischi dell epiglottite Se non è tempestivamente trattata ha decorso fulminante con rischio di morte e sequele neurologiche irreversibili. Perciò appena diagnosticata è buona norma intubare il bambino prima di attendere l effetto degli antibiotici, evitando così il pericolo di soffocamento (ostruzione improvvisa delle vie respiratorie a causa dell infiammazione ed edema dell epiglottide ). Nel 50% dei casi è necessaria la tracheotomia. Rischio di provocare con l abbassalingua l insorgenza di un riflesso con conseguente laringospasmo ed asfissia Terapia della epiglottite Bisogna incubare ed in caso fare una tracheotomia per mantenere pervie le vie aeree ( essa si rende necessaria nel 50% dei casi ) fino a che gli antibiotici non fanno effetto. Terapia antibiotica endovena: Ampicillina mg/kg/die + CAF mg/kg/die o Cefotaxime mg/kg/die (o altra cefalosporina di terza gen.) per giorni. 2

3 Otite media acuta Si tratta di una patologia infantile con sintomatologia importante con incidenza entro il 1 anno del 50%, entro il 2 del 70%, entro il 3 anno del 90%. Si manifesta con febbre, anoressia, insonnia, linfoadenite, aspetto sofferente, otalgia e otorrea ( la quale ormai non si vede più). Nella prima infanzia inoltre si accompagna ad irritabilità, diarrea e vomito; nella 2 infanzia a otalgia e otopulsatilità. Ha eziologia batterica nell 80% dei casi ( 30% pneumococco, 20% haemophilus, 15% moraxella catarralis, 25% streptococco B, pseudomonas, stafilococco ) e virale nel restante 20% (soprattutto virus respiratorio sinciziale e adenovirus ). Stadi dell otite media acuta Si riferiscono allo stato della membrana timpanica: Iperemica Estroflessa Desquamata Perforata Terapia dell otite media acuta Terapia antibiotica di 1 scelta: amoxicillina mg/kg/die, eventualmente + ac. clavulanico o ampicillina (stessa dose) 2 scelta: eritromicina quando vi sia allergia ai betalattamici. La terapia dura 5-7 giorni quando mancano complicanze, giorni se sono presenti complicanze ed è accompagnata da instillazione di gocce di anestetico locale se vi è dolore. Per la febbre può bastare un comune antipiretico. L otite media dà ipoacusia trasmissiva o neurosensoriale? Dà deficit trasmissivo, poiché nella cassa tubarica manca aria visto che l essudato purulento la impegna. Diagnosi differenziale otoscopica tra otite esterna e otite media acuta Nella prima: La membrana timpanica è libera da essudato per cui si muove liberamente, il condotto uditivo è iperemico ed edematoso. Nella seconda: Il timpano è estroflesso, iperemico con desquamazione epiteliale se la causa è batterica, essa manca se la causa è virale Otite cronica Presenza di versamento endotimpanico per un periodo superiore a 3 mesi in assenza di flogosi acuta. Terapia dell otite cronica Per le forme paucisintomatiche si controlla solo l evoluzione naturale. Per le forme sintomatiche si va dall aerosolterapia con mucolitici, steroidi e iposensibilizzanti nelle forme allergiche, alla adenoidectomia ( se le adenoidi sono ostruenti ), all intervento di drenaggio transtimpanico nei casi gravi. Terapia dell otite esterna Lavaggi auricolari con acqua ossigenata tiepida ( 6 volumi ) Gocce auricolari analgesiche con anestetici locali Antibiotici topici ( polimixina, neomicina) Antimicotici + o cortisonici Timpanogramma E la rappresentazione grafica delle differenze impedenziometriche in relazione alla pressione. La curva pressoria A del soggetto normale presenta morfologia a campana ed un picco coincidente allo 0 pressorio. La curva di tipo B è caratterizzata da tracciato piano per l aumentata rigidità del sistema, causata da secrezione o perforazione timpanica. La curva di tipo C1 ha picco spostato verso valori negativi (-200mmHg), segno di modesta riduzione della funzionalità tubarica e ipertrofia adenoidea. Nella C2 il picco si sposta a valori ancora più negativi, segno di occlusione tubarica. Timpanometria otite esterna e media Nella otite esterna in cui vi è solo ipoacusia modesta, il timpanogramma tipo A ha un gradiente ridotto; nella otite media è piatto tipo B e ciò indica che la cassa è piena di essudato purulento e tipo C2 per stenosi tubarica ( soprattutto causa virale ) Deficit uditivo nell otite media Interessa il 15-20% dei bambini; c è un deficit transitorio, che cioè si risolve nel tempo. Il timpanogramma è di tipo B Adenoidi : definizioni e sintomatologia Rappresentano l ipertrofia del tessuto linfatico rinofaringeo, cioè della tonsilla faringea, I sintomi sono : respirazione orale ( rumorosa durante il sonno ), stenosi nasale posteriore, otodinia ed ipoacusia Indicazione all adenoidectomia In urgenza nel caso sia presente apnea notturna ( cuore polmonare ); indispensabile nel caso vi sia ipoacusia trasmissiva e otiti frequenti ( > di 6 all anno ); utile nei casi di disfunzione tubarica con otosalpingiti e otiti ( < di 6 all anno). Controindicazioni all adenoidectomia Bambini con palatoschisi e insufficienza velare: in questo caso si aumenterebbe l aria che passa in orofaringe, peggiorando rinofonia e dislalie palatali e possibilità del linguaggio. Terapia delle adenoidi con apnea notturna Adenoidectomia d urgenza Eziologia delle tonsilliti Nel bambino < 2 anni sono sempre virali ( adenovirus-coxsackievirus ) Nel bambino tra i 2 e i 5 anni sono al 90% virali e per il 10% batteriche ( streptococciche ) Nel bambino > 5 anni sono per il 50% virali e per il 50% batteriche 3

4 Terapia della faringo-tonsillite Nei bambini di età < 2 aa l eziologia è virale al 100% per cui non si devono dare antibiotici. Tra i 2aa e i 5aa il 90% delle forme è virale, il restante 10% è streptococcica, per cui inizialmente non si danno antibiotici; solo se la sintomatologia persiste per più di 3 giorni dò antibiotici ( non è pericoloso aspettare 3 giorni senza una copertura antibiotica ). Dai 5 anni in su l eziologia è virale per il 50% dei casi e streptococcica per il rimanente 50%; si somministra quindi penicillina e nel caso di allergia eritromicina ( ciò si fa sempre, anche se nella metà dei casi l eziologia è virale ) DD tra tonsillite virale e batterica Batterica : febbre elevata, stato generale compromesso, linfoadenopatia satellite, rilevanza flogistica locale ( petecchie sui pilastri tonsillari ) Virale : febbricola, tosse, rinite, scarsa linfoadenopatia Indicazioni alla tonsillectomia E indicata nelle tonsilliti croniche ( 4-5 episodi all anno di faringotonsillite acuta + persistente ingrossamento linfonodale in sede angolomastoidale) ed in presenza di ascesso peritonsillare Terapia della rinosinusite La terapia è sintomatica e facoltativa: antifebbrili, spray decongestionanti, antistaminici se causa allergica, antibiotici ( amoxicillina + ac. clavulanico ) se sovrainfezione batterica. In caso di necessità : lavaggi seni, chirurgia. Definizione di asma Malattia infiammatoria cronica delle vie aeree in cui giocano un ruolo numerose cellule, in particolare: mastociti, eosinofili, linfociti T; è presente una maggiore reattività bronchiale ( rispetto ai soggetti sani ) in risposta a diversi stimoli: farmaci ( istamina, metacolina ), allergeni ( polveri, dermatofagoidi, alimenti ), ambientali ( aria fredda, fumo, virus, stress fisici, inquinanti atmosferici ). L aumento della reattività bronchiale si manifesta con episodi broncoostruttivi ricorrenti e reversibili evidenti : tosse, polidispnea, respiro sibilante. Fisiopatologia dell asma In seguito all infiammazione cronica e alla iperattività bronchiale si genera, per esposizione a diversi e determinati stimoli, un broncospasmo con attivazione al passaggio di aria soprattutto durante l espirio, creando un sequestro di aria nei polmoni. La dispnea espiratoria determina una diminuzione di O2 nell aria alveolare e quindi diminuzione di O2 nel sangue, cui segue polipnea. A causa della ostruzione delle basse vie aeree il respiro è sibilante Diagnosi differenziale dell asma Si pone con le bronchiti asmatiformi e con la bronchiolite ( in cui però vi sono rantoli e febbre ) Diagnosi di asma E clinica; solo raramente si deve ricorrere a valutazioni strumentali. Possono essere usati: - Test allergologici : prick test, PRIST, RAST - Test di funzionalità respiratoria: spirometria, valutazione del PEF - Rx torace ( può mostrare intrappolamento aereo ) Età di comparsa dell asma La definizione di asma in pediatria è pertinente per i bambini di età superiore ai 4-5 anni. ( la patogenesi è allergica Ig E mediata, spesso c è familiarità, spesso si associa a dermatite erpetiforme) Prima di tale età si parla di dermatiti erpetiformi ( causa virale, non c è familiarità per atopia, autorisolventesi) Fattori scatenanti l attacco d asma - Virus ( rinovirus, parainfluenzale, vrs ) - Micoplasma - Allergeni (pollini, dermatofagoidi, alimentari ) - Stress fisici, aria fredda, fumo, farmaci Terapia medica dell asma In acuto : - salbutamolo ( per via inalatoria o ev nelle forme gravi ) 0,15 mg/kg; al massimo 3 areosol in 1 h. Se sono necessarie somministrazioni più frequenti o se manca risposta è necessaria l ospedalizzazione - ipratropio bromuro ( si può associare a beta2) - prednisone 0,5 mg/kg/die per 3-7 giorni ( + beta2 se grave nelle forme croniche: - beta2 stimolanti - steroidi - cromoni per via inalatoria Etiologia delle malattie respiratorie per età Primi 6 mesi: il bambino non ha rischi vista la protezione fornita al suo sistema immunitario in via di completamento da parte delle Ig materne. 1 anno: picco per le infezioni delle basse vie aeree 4-5 anni: alta frequenza delle infezioni delle alte vie aeree. Gli agenti eziologici sono per il 90% virali e per il 10% batterici : Tra i virus abbiamo: virus respiratorio sinciziale ( bronchiolite nei primi 2 anni, con picco ai 6 mesi); parinfluenzale tipo 3 ( laringite ipoglottica, tra i 6 mesi e i 3 anni ); rinovirus; virus influenzale Tra i batteri: haemophilus ( agisce soprattutto nei primi 3 anni di vita, polmonite, epiglottite, laringite, meningite); streptococco pneumonie ( polmonite e otite nei bambini > 1anno). 4

5 Bronchiolite Eziologia virale (virus respiratorio sinciziale nel 50% dei casi, virus parainfluenzale tipo 3, adenovirus, citomegalovirus ). Andamento epidemico, colpisce nei primi 2 aa., con un picco attorno al 6 mese. Nei primi mesi di vita è sostenuta più spesso dalla clamidia ed è più grave. Si verifica una ostruzione bronchiolare con edema, secrezioni, detriti cellulari. Sintomatologia: 1-3 giorni di prodromi con scolo nasale sieroso, febbre 38,5-39, diminuzione appetito. Inizia, quindi, come una infezione delle alte vie aeree. Nella fase conclamata, il cui acme si raggiunge in ore si ha: - tosse secca e stizzosa - respiro sibilante - dispnea espiratoria - difficoltà ad alimentarsi e a dormire - impegno respiratorio con compromissione generale - aumento frequenza cardiaca e respiratoria ( tachipnea ) - irritabilità - retrazione spazi intercostali e giugulo - bilancia toraco addominale - alitamento pinne nasali Il bambino appare prostrato ed affaticato. All auscultazione: - diminuzione ingresso di aria con diminuzione del murmure vescicolare - rantoli crepitanti - espirio prolungato Terapia domiciliare della bronchiolite Il bambino deve essere più grande di 1 mese, con condizioni generali non compromesse, F.R >50-60 atti/min., dispnea assente, colorito roseo anche nel pianto, assenza di malattie preesistenti. - umidificazione ambiente e/o O2 ed idonea idratazione - decongestione vie nasali - pasti piccoli e frequenti - broncodilatatori quando c è risposta Farmaci: salbutamolo, steroidi, adrenalina ( se grave), ribavirina, Ig anti VRS Indicatori clinici di gravità della bronchiolite - Frequenza respiratoria ( valori normali : 30 atti / min ) - Entità della dispnea - Presenza di rientramenti intercostali e giugulo, agitamento pinne nasali, bilancia toraco-addominale.. - Colorito ( nel pianto e a riposo ) - Condizioni generali ( umore, reattività agli stimoli, capacità ad alimentarsi, ritmo sonno-veglia ) - Fattori di rischio preesistenti ( età gestazionale, età postnatale, malattie precedenti ) Criteri per l ospedalizzazione - età inferiore ad 1 mese - condizioni generali insoddisfacenti - F.R. < atti/min - Dispnea modesta-grave - Dispnea preesistente per pneumopatie o altro - Cianosi - Scarsa affidabilità della famiglia Terapia della polmonite nei bambini > 12anni Nelle forme lievi: a domicilio con macrolidi e/o amoxicillina ( + o - ac. Clavulanico) Nelle forme gravi: ospedalizzazione con ampicillina o cefalosporine di 2 o 3 generazione im o ev Clinica della broncopolmonite Processo infettivo che coinvolge il parenchima polmonare e l albero bronchiale. Gli elementi clinici di sospetto sono: febbre, tosse. Alla auscultazione: diminuzione dell ingresso di aria, rantoli crepitanti, ipofonesi. Ci può essere impegno generale e respiratorio. Agenti eziologici nella broncopolmonite Gli agenti più frequenti sono i virus: virus respiratorio sinciziale, adenovirus, influenzale e parainfluenzale Per quanto riguarda i batteri : Tra la 1 e la 4 settimana: streptococco B e D, batteri coliformi( pseudomonas, anaerobi ) Tra il 1 e il 12 mese: streptococco pneumonie, haemophilus, stafilococco aureus, clamidia Tra il 1 e il 5 anno: streptococco pneumonie, haemophilus, micoplasma > di 5 anni : micoplasma, streptococco pneumonie Criterio di scelta antibiotica nella polmonite e nella broncopolmonite La terapia è empirica per mancanza di elementi diagnostici che stabiliscano l agente eziologico, quindi si valuta l età e la gravità del quadro: 1-4 settimane: sempre ospedalizzazione; ampicillina o cefalosporina 3 + aminoglicoside EV 1-12 mesi: forma grave: ampicillina o cefalosporina di 2 o 3 ( se sospetto stafilococco oxacillina o vancomicina ) forma lieve: amoxicillina + o ac. clavulanico ( macrolidi nel sospetto di clamidia ) 1-5 anni: forma grave: ampicillina ev o cefalosporina di 2 o 3 forma lieve: amoxicillina + o ac. clavulanico ( macrolidi se sospetto micoplasma ) > 5 anni: forma grave: ampicillina o cefalosporina 2 o 3 forma lieve: macrolidi, amoxicillina + o ac. clavulanico 5

6 Indicazioni al Rx in broncopolmonite e polmonite - età < 1 anno - impegno respiratorio - sospetto versamento - focolaio molto esteso - diagnosi non chiara Indicazioni all ospedalizzazione in broncopolmonite e polmonite - Primi mesi di vita - Presenza di impegno respiratorio - Scadimento condizioni generali - Focolaio /i esteso - Presenza di complicanze - Mancata risposta domiciliare - Malattie preesistenti Malattia delle membrane ialine E la malattia tipica dei grandi prematuri, causata dall assenza del surfattante polmonare ( per immaturità polmonare ) o dalla sua distruzione ( per vasocostrizione da ipossia ).Il surfactante è necessario per diminuire la tensione endoalveolare e se manca l espansione alveolare è difficile con conseguente atelettasia polmonare. A questa per diminuzione degli scambi gassosi segue ipercapnia ed ipossia, quindi acidosi. Quest ultima è responsabile di una anomala perfusione polmonare con danno ( necrosi ) e diminuzione della pressione a livello capillare e alveolare. A questa diminuzione pressoria capillare segue trasudazione alveolare di plasma ricco di fibrina. Terapia della malattia delle membrane ialine La terapia è la somministrazione di surfattante suppletivo di sintesi ( che è il migliore ) o naturale ( bovino o suino ) nella trachea alla nascita e somministrazione di O2 a pressione positiva in nasocannula o cannula tracheale nei casi meno gravi; l acidosi può essere corretta con la somministrazione di bicarbonato di sodio; nei casi più gravi bisogna ricorrere alla ventilazione meccanica continua o intermittente. Complicanze tardive della malattia delle membrane ialine - Dotto arterioso pervio - Enfisema polmonare interstiziale - Pneumomediastino / pneumotorace - Displasia broncopolmonare ( da tossicità di O2 a concentrazioni > 40% ) - Retinopatia della prematurità o fibrodisplasia retrolenticolare ( sempre tossicità da O2 ) Segni di dispnea nel lattante - Rientramenti intercostali - Rientramenti al giugulo - Bilancia toraco addominale - Agitamento pinne nasali - Dondolio del capo in sincronia con atti respiratori ( sternocleidomastoideo ) Segni di organicità ARDS ( segni di dispnea ) - alitamento pinne nasali - retrazione intercostale e giugulo - bilancia toraco-addominale - torace a portacenere - gemito respiratorio - dondolio del capo sincrono col respiro Cause di wheezing ( o respiro sibilante ) - Bronchiolite - Asma - Inalazione di corpi estranei - Bronchite asmatiforme Asfissia Insulto al feto e al neonato per mancanza di O2 o di perfusione ( >CO2, <O2, acidosi ). E una condizione di rischio quanto in sala parto che nella prima settimana di vita. Cause: immaturità, schiacciamento del funicolo, tetania uterina, distacco di placenta, rottura di placenta, placenta pervia, trasfusione fetomaterna o feto-gemello con anemia del neonato o incompatibilità rh o abo, ernia diaframmatica, inalazione di liquido meconiale, patologie infettive, malformazioni del tratto respiratorio (atresia, coane, ipoplasia polmonare ), farmaci assunti in gravidanza ( anestetici, sedativi, antispastici, analgesici ), tossicodipendenza, eccessiva stimolazione vagale. L indice di Apgar nel neonato normale è 7-10, Nel neonato con forma grave: Apgar 0-3, FC <100, apnea secondaria. Terapia : intubazione, aspirazione liquido meconiale, adrenalina in polmone se FC < 60/min. Nella forma lieve : Apgar 4-6, apnea primaria, FC >100 Terapia : ventilazione assistita, ossigenoterapia, massaggio cardiaco. Fisiopatologia delll asfissia Si lega ad un aumento di CO2 con componente di acidosi respiratoria e diminuzione proporzionale di O2, con aumento del metabolismo anaerobico; conseguentemente si instaura un acidosi metabolica per aumento dell ac. lattico. L aumento della CO2 determina vasocostrizione nelle arterie polmonari, ne segue un aumento delle resistenze polmonari, segue lo shunt dx sx attraverso il forame ovale, con persistenza del circolo fetale. Fintanto che la gittata cardiaca è in grado di compensare la pressione sistemica si mantiene entro valori normali. 6

7 Conseguenze dell asfissia - SNC : edema ( >> a livello del tronco con compromissione dei centri respiratori), emorragie, convulsioni - Polmoni: aspirazione liquido meconiale, persistenza del circolo fetale - Cuore: shock cardiogeno, necrosi muscoli papillari - Rene: necrosi tubulare ( rene da shock ) - Surrene: emorragia - Fegato: citolisi, insufficienza - Intestino: enterocolite necrotizzante - Metabolismo: ipocalcemia., ipoglicemia Malattie infettive Condizioni anatomo-funzionali che favoriscono infezioni d organo ricorrenti - Disturbi circolatori ( diabete, anemia falciforme, nefrosi, vene varicose, cardiopatie congenite ) - Disturbi ostruttivi ( stenosi ureterale o uretrale, asma bronchiale, rinite allergica, fibrosi cistica ) - Difetti cute e mucose ( eczema, fratture cranio, ciglia immobili ) - Fattori microbiologici insoliti - Corpi estranei ( shunt venoso, valvole cardiache artificiali ) - Immuno deficienze primarie ( deficit B, T, ecc) - Immuno deficienze secondarie ( malnutrizione, immaturità, linfomi, splenectomia, uremia ) Rapporto rash-febbre in morbillo, scarlattina, sesta malattia Morbillo : La febbre compare ed accompagna il periodo prodromico che inizia in 8-12 giornata dal contagio e dura 3-5 giorni. Nel periodo prodromico la febbre aumenta anche superando i 40 gradi, cade alla fine del periodo prodromico per 6-12 ore e ricompare con l esantema il quale ( come la febbre ) raggiunge l acme in 2-3 giornata e si riduce per lisi; alla 5-6 giornata dall inizio dell esantema si risolve Sesta malattia : La febbre aumenta ( gradi ) continua remittente per 3-4 giorni, essa cade per lisi e segue dopo ore l esantema ( collo>torace>estremità) Scarlattina : dopo incubazione 2-5 giorni inizia ad aumentare la febbre e a distanza di ore compare l esantema Diagnosi sierologica di mononucleosi nel lattante e nel bambino Lattante : In acuto: IgM e IgG VCA ( anti capside virale), Ig anti EA ( tipo D ed R, scompaiono nell 80% dei casi in 6 mesi) Post acuto : IgG VCA e Ig anti EBNA Nel bambino il quadro sierologico è analogo al lattante con la differenza che in acuto compaiono anche Ig esterofili Infezione da EBV L infezione si localizza in orofaringe dove il virus infetta i LF B ( e numerose cellule epiteliali ) e lì inizia a crescere. La diffusione è per via ematica. La risposta dell ospite è data dalla stimolazione dei LF T citotossici verso i LF infettati Mononucleosi da EBV La mononucleosi è la malattia tipica causata da EBV. Essa è data da una infezione precoce nei paesi in via di sviluppo, nei paesi sviluppati essa è più tardiva. Si trasmette con la saliva ed è in genere silente nei primi 2 anni di vita ( 30% dei casi asintomatici ). Sintomi e segni: febbre alta, malessere, faringodinia, linfoadenomegalia, splenomegalia (30%), rash cutaneo (10%); linfociti atipici, Ig eterofili e specifici ( linfocitosi assoluta con LF atipici ). Può decorrere anche con sola splenomegalia e febbricola o semplice polilinfoadenopatia. Può avere diverse complicanze : encefalite ( Guillain Barrè, atassia, mielite traversa ), ematologiche ( diminuzione neutrofili, piastrine ed anemia emolitica autoimmune ), cardiache (miocardite, pericardite), respiratorie, dermatologiche, renali, epatiche, spleniche ( anche se la rottura è eccezionale ), immunologiche ( associazione con il linfoma di Burkitt, anergia ) Terapia della mononucleosi La malattia guarisce da sola, quindi l unico provvedimento è la terapia sintomatica. Nei casi più impegnativi ( febbre alta, essudato faringotonsillare, abbondante, voluminose tumefazioni linfoghiandolari ), si possono usare corticosteroidi ( per il loro pronto effetto antiflogistico ). L uso di aciclovir non si è dimostrato in alcun studio di reale efficacia. Trasmissione verticale dei virus epatotropi e frequenza E riconosciuta la trasmissione verticale per HBV ed HCV. HBV primariamente al momento del passaggio nel canale del parto, HCV per via transplacentare. HBV : madre con replicazione virale attiva infetta il bambino alla nascita nel 90-95% dei casi ( l epatite B da trasmissione verticale rappresenta il 5-10% delle epatiti B del bambino). HCV : 5-10% (> se cronica o se è anche HIV positiva) Cause di ipertransaminemia asintomatica Infettive : HAB, HCV, HBV, CMV, EBV, metaboliche ( obesità, Wilson, celiachia, acidosimetabolica, difetto di alfa 1 antitripsina, difetti del ciclo dell urea, della beta ox, del metabolismo dei carboidrati, mucoviscidosi), tossiche e farmacologiche ( isoniazide, metildopa, FANS, rifampicina ), malformazioni (es cisti del coledoco), idiopatiche (5-10%) E obbligatorio il vaccino per HBV in Italia? Il vaccino è obbligatorio dal 91 per tutti i neonati nel primo anno di vita ( mese ) e per tutti i ragazzi al raggiungimento del 12 anno (t0- t1-t6 mesi) fino al 2003 se non sono stati vaccinati alla nascita 7

8 Epatiti virali Si tratta di patologie infettive sostenute da virus epatotropi. Nel neonato e nel lattante oltre ai virus epatici classici sono in causa HSV, adenovirus, CMV, coxsackie, echo; dopo il primo mese anche HBV ed EBV. Nelle età successive (>1 anno) prevalgono i virus epatotropi classici. HAV e HEV a trasmissione oro-fecale. ( per quanto riguarda HAV, attualmente l infezione è più frequente nell adulto, nel bambino tende ad essere asintomatica o subclinica) HBV, HDV, HFV, HGV hanno trasmissione parenterale. HBV attualmente è molto meno frequente per la vaccinazione obbligatoria ( i bambini infetti sono >> extracomunitari ). La forma fulminante ha incidenza dell 1%. HCV è la più frequente epatite cronica del bambino. Nel neonato e nel lattante l infezione è più severa e spesso fulminante. Nel bambino di solito decorre asintomatica o subclinica HCV e HBV, quale a maggior diffusione? HBV Evoluzione HBV L evoluzione dipende dall età di contagio. Nel bambino è frequentemente asintomatica o si manifesta con sintomi aspecifici. Nel neonato e nel lattante l infezione è particolarmente grave : ittero importante, epatomegalia e manifestazioni emorragiche gastro- intestinali frequenti. L exitus e l evoluzione cronica sono molto frequenti.generalmente la cronicizzazione è tanto più frequente quanto più precoce è il contagio e può arrivare anche all 80% ( come per HCV). Inoltre la cronicizzazione predispone allo sviluppo di cirrosi ed HCC. Sindrome epatitica Coesistono sintomi e segni di compromissione epatica. Infezioni : adolescente e adulto : HAV, HBV + _ HDV, HCV, HEV, EBV neonato e lattante : HSV, Echo, CMV (primi 10 giorni ) ; HBV, EBV (>30 giorni ) Metaboliche : lattante : galattosemia, deficit di alfa 1 antitripsina, difetti nel ciclo dell urea, della beta ox, tirosinosi > 4 anni : Wilson Tossici naturali e farmaci : amanita, alcol, anestetici, fans, paracetamolo Malformazioni vascolari : insufficienza circolatoria acuta, cardiopatie, sdr. Budd-Chiari Shock chirurgico Autoimmuni : causano soprattutto epatiti croniche Vaccinazioni obbligatorie in Italia 3 mese : IPV (Salk), DTP, HBV, Hib 5 mese : idem mese : OPV (Sabin), DTP, HBV, Hib mese MPR 3 anno : OPV 6 anno : DTP Tra 5 e 12 anno : MPR ( seconda dose ) Caratteristiche cliniche distintive dei diversi tipi di esantema Morbillo : maculo paulare con progressione cranio-caudale che si completa in 3 giorni e si risolve dopo 5-7 giorni dalla comparsa sempre in senso cranio-caudale Varicella : rash al tronco con rapida progressione centrifuga. L evoluzione temporale del rash è macula>maculo-papula>vescicola>crosta Il ciclo evolutivo dalla lesione elementare si compie in 7-9 giorni. Nel corso malattia compaiono 2-3 gittate di nuovi elementi intervallate da 1-3 giorni per cui l aspetto generale è polimorfo coesistendo tutte le fasi evolutive in uno stesso momento. L esantema si protrae per giorni 6 malattia : maculo-papule di colore roseo tenue che compare al tronco e poi al collo e talvolta agli arti. Dura da poche ore ad 1-2 giorni 5 malattia : rash eritematoso al volto ( a viso schiaffeggiato ) seguito dopo 1-4 giorni da maculo-papule rosso vive, poi alle estremità in modo simmetrico ( aspetto geografico reticolare con pallore centrale e margini serpiginosi ). Scompare dopo 10 giorni, talora con desquamamento. Scarlattina : eritema al volto, esantema maculo-papulare rosso acceso puntiforme su tronco ed estremità con tendenza alla convergenza. Breve durata Rosolia : esantema maculoso o maculo-papuloso, rosa, non confluente. Evoluzione cranio caudale, dura 3 giorni. Segni clinici di meningite Nel neonato e nel lattante sono segni aspecifici. Nel neonato : ipo o ipertermia, irritabilità, diminuzione alimentazione, vomito, diarrea, sonnolenza e torpore, compromissione del respiro, crisi convulsive. Nel lattante : febbre alta, tensione fontanelle e pulsante, rigor nucale, torpore e sonnolenza, irritabilità, difetto del respiro, (eccezionali Kernig e Brudzinski ) Nel bambino : cefalea, vomito a getto, fotofobia, depressione della coscienza, Kernig e Brudzinski positivi Reperto liquorale in meningite batterica Liquor torbido, glucosio diminuito ( < mg/dl ipoglicorachia), proteine aumentate ( >100 mg/dl iperprotidorachia ), aumento acido lattico, leucocitosi soprattutto neutrofila ( >1000/ml pleiocitosi), presenza di batteri, i microrganismi sono visibili alla colorazione gram e tipizzati con la coltura Agenti eziologici più comuni di meningite nell età pediatrica 0-1 mesi : streptococco B, enterobatteri, listeria monocitogenes, citobacter diversus.terapia: ampicillina + *** o ampicillina + cefotaxime 1-3 mesi : streptococco B, e. coli, haemophilus, pneumococco. Terapia : ampicillina + cefotaxime > 3 mesi : haemophilus (65%), meningococco (15%), pneumococco (15%). Terapia : Ampicillina + caf o cefalosporine di 3 agenti virali : enterovirus nell 85% dei casi ( echo e coxsackie), poliovirus, paramyxovirus parotitidis, HSV 1 e 2, CMV, EBV, VZV, HIV 8

9 Pertosse Infezione batterica acuta dell albero tracheo bronchiale causata da un germe gram ( bordetella pertussis), producente varie tossine. Incubazione 6-14 giorni, molto contagiosa ( vie respiratorie). Decorso : - Periodo catarrale (1-2 settimane) : quadro di malattia respiratoria non specifico, simile ad un raffreddore, può essere presente vomito, modico aumento di temperatura. Talora tosse stizzosa notturna, produttiva ( è il periodo più contagioso) - Periodo parossistico ( 2-4 settimane) : crisi di tosse tipica ( lunga serie di colpi di tosse, urlo inspiratorio, nuova salva espiratoria) e vomito - Periodo convalescenza ( 1-2 settimane) : diminuzione della frequenza dei colpi di tosse, diminuzione del vomito ( può essere interrotta da episodi di pseudo ricaduta) Varicella Patologia infettiva virale sostenuta da VZV. Incubazione : circa 20 giorni ( 14-16), il contagio avviene per via respiratoria. Manca il periodo prodromico. La febbre è quantomai capricciosa : continua-remittente, si esacerba in corrispondenza delle gittate eruttive. Eruzioni : macula>maculo-papula>vescicola>pustola>crosta, che evolvono in 7-9 giorni con 2-3 gittate seguenti a intervalli di 1-3 giorni. Inizia al cuoio capelluto, poi volto, tronco, arti ( no mani e piedi ). Colpisce anche le mucose ( bocca- genitali-congiuntiva) Coesistono tutte le fasi evolutive degli elementi cutanei nello stesso momento. La terapia è l acyclovir. Complicanze della varicella - polmonite varicellosa con quadro di infiltrazione interstiziale - varicella emorragica in soggetti in corso di terapia con corticosteroidi e possibile CID con - porpora fulminans - Nevrassite para-post varicellosa del soggetto ( è la complicanza più comune e si può manifestare come cerebellite con atassia, nistagmo, tremori e disturbi dell equilibrio - Sdr. Reye ( encefalopatia acuta con coma, sofferenza epatica, insufficienza multiorgano terminale ) oggi scomparsa - Sovrainfezione batterica delle lesioni cutanee con impetigine - Fascite necrotizzante e artrite da streptococco A - Herpes zoster - Generalmente le complicanze sono rare e più frequenti nel neonato. Rosolia Agente eziologico è il rubivirus. L incubazione è di giorni ( asintomaticità). Il contagio avviene per via aerea Sintomi : 1-3 giorni : Linfoadenopatia retro auricolare, nucale, laterocervicale, poi esordisce l esantema : eruzione maculo-papulare rosea non confluente al volto, poi al tronco, meno agli arti. Dura 2-3 giorni Forma di lieve entità che si risolve in 2 giorni TORCH : aborto, danno teratogenico, difetto di sviluppo intrauterino Malformazioni : cardiopatie di diverso tipo, oftalmopatie ( cataratta, microoftalmia), cerebropatie ( >> microcefalia), sordità ( che può essere l unico sintomo quando l infezione accade alla fine del periodo embrionale AIDS E una virosi sistemica sostenuta dal virus HIV, un virus che colpisce selettivamente i LF T helper CD4+. I liquidi biologici infettanti sono sangue ed i suoi derivati, sperma, secrezioni vaginali, latte ( contagio in gravidanza 5-10%, contagio durante parto 70-75%, contagio nell allattamento al seno 15-20%). Il periodo di incubazione è molto vario ( mediamente 7 anni nell adulto) ed è + ristretto ( da 4-6 mesi a 2-3 anni ) per l infanzia rispetto all adulto. Clinicamente ha un ampia espressività: nel neonato, qualora l infezione sia prenatale, il quadro clinico è tanto più impegnativo quanto prima si infetta, comunque in generale la sintomatologia inizia dal 3 trimestre o anche dopo, prima il bambino pare del tutto asintomatico nella maggior parte dei casi. L interessamento del linfatico è presente nell 85% dei soggetti con poliadenopatia generalizzata e splenomegalia accompagnata da arresto della crescita e compromissione dello stato nutrizionale. La linfopenia degli stadi avanzati mette a rischio di sopravvivenza per il succedersi delle infezioni recidivanti ( deficit di IG causata dal virus), sempre gravi causate da germi opportunisti quali il pneumocistis carinii. Particolare importanza a livello polmonare ce l ha la caratteristica polmonite linfoide da HIV. Concomitano anche infezioni opportunistiche : parotiti, cistopieliti, meningiti, sepsi. Fanno parte frequente del quadro clinico, enteriti infettive recidivanti, epatiti croniche attive. Classificazione AIDS nel paziente < 13 anni : N asintomatico, A lievemente sintomatico, B moderatamente sintomatico, C conclamata ( oppure 1,2,3 ). Decorso : Si distinguono le forme a rapida evoluzione ( morte entro 2-3 anni) e quelle a lenta evoluzione ( sintomatologia dopo 2-3 anni ). Segni prognostici negativi : sintomi precoci e gravi, infezioni opportunistiche virali, infezioni batteriche gravi, encefalopatia. Diagnosi : identificazione sierologia o sui tessuti dell agente virale. Oggi è facile anche sotto i 15 mesi, grazie alle moderne tecniche di PCR Decorso 6 malattia (esantema subitum ) Malattia infettiva da herpes virus ( HHV6, + raramente HHV7) a trasmissione salivare. L incidenza è maggiore tra la fine del 1 anno di vita ed il 2 anno, mai nel neonato. Sintomi e segni : febbre alta (39-40) continuo-remittente per 3-4 giorni con agitazione; esantema maculo-papulare compare in 3-4 giornata, in corrispondenza della defervescenza per lisi e dura anche meno di 24 ore ( è presente solo nel 20% dei casi, di solito c è solo la febbre). L esantema è sotto forma di eruzione maculo-papulare rosea tenue al collo ed al volto, tronco e talvolta alle estremità. La malattia in genere si accompagna a leucopenia. Complicane : convulsioni febbrili, diarrea, otite, infezioni respiratorie alte. Complicanze della parotite - meningite parotitica più frequentemente ( >> asintomatica) - sordità unilaterale o bilaterale - compromissione pancreatica (>>subclinica) - orchiepididimite / ooforite (rare nell impubere) - cardite, tiroidite, nefrite, artrite, neurite ottica, porpora trombocitopenica ( rare) 5 malattia Incubazione giorni, contagio interumano, agente : parvovirus B 19. L esantema inizia al volto ( guance rosse schiaffeggiate )e dopo 1-4 giorni si trasforma in esantema maculo-papulare rosso vivo, scende al tronco ed estremità dove assume aspetto geografico, reticolare con pallore al centro e margini serpiginosi. L esantema è pruriginoso e varia di forma di continuo. Può durare da qualche giorno a qualche settimana. Si può accompagnare ad artralgie ed artriti (>> adulto). Nell 80% dei casi manca l esantema e vi è solo diminuzione piastrine, neutrofili e globuli rossi. 9

10 Apparato cardio-vascolare Incidenza delle malformazioni cardiache alla nascita : 8/1000 dei nati vivi. Sono le malformazioni più frequenti del corpo umano, la loro incidenza è maggiore in aborti spontanei Presentazione clinica delle cardiopatie congenite Il 40% delle cardiopatie congenite è sintomatico nei primi giorni o settimane di vita con : - cianosi - segni e sintomi di scompenso cardiaco - aritmie significative - soffi Cos è la cianosi : E la presenza nel sangue arterioso capillare di Hb deossigenata o ridotta > 5g/ml. Clinicamente distinguiamo una cianosi periferica o fredda : colorito scuro-violaceo del letto ungueale e dell area periorale; una cianosi centrale o calda : colorito scuro-violaceo sulle mucose ( è la sola di importanza clinica) Segni clinici di scompenso Segni di alterata funzione contrattile miocardia: tachicardia ( aspecifica perché difficile da valutare) ritmo di galoppo alterazione nell ampiezza dei polsi Segni generali : arresto della crescita sudorazione ( importante) Segni di stasi polmonare polipnea dispnea rantoli tosse sforzo in suzione difficoltà ad alimentarsi cianosi Segni di stasi venosa sistemica: epatosplenomegalia edema I segni clinici più importanti, specifici, sintomatici di scompenso sono : ritmo di galoppo polipnea epatomegalia Se all Rx torace ho anche una cardiomegalia possiamo fare una diagnosi certa di scompenso Cause di scompenso secondo le età Nel neonato: l atresia aortica; nelle prime settimane: la sdr. della coartazione aortica; nel bambino di 2-3 mesi : difetti interventricolari, pervietà del dotto arterioso di Botallo, canale atrio-ventricolare, fistole artero-venose, tronco aortico comune Scompenso nel neonato e nel lattante Lo scompenso viene definito come l incapacità ( o l insufficienza) della pompa cardiaca a mantenere, in condizioni di base, una gittata sistolica adeguata al fabbisogno dell organismo. L eziologia è quasi sempre legata a cardiopatie congenite gravi, che si presentano con frequenza diversa a seconda delle età. Le cardiopatie più importanti che causano scompenso sono : atresia ( neonato), coartazione aortica, difetti interventricolari, pervietà del dotto arterioso, canale A-V comune, fistole artero-venose, tronco aortico comune. A differenza dell adulto, nel neonato e nel lattante i meccanismi di compenso a cui il cuore fa ricorso ( tachicardia per l intervento compensatorio del simpatico e aumento della PTD) sono meno efficaci e l insorgenza dello scompenso è più rapida ed in genere è uno scompenso totale di cuore. Clinicamente il quadro si caratterizza per: - congestione venosa sistemica - diminuzione della contrattilità miocardia - aumento delle resistenze periferiche Il bambino presenta : polipnea, dispnea, incapacità ad alimentarsi ( polidispnea dopo la poppata ), ridotta crescita altre cause : solo per i bambini < 6mesi tachicardia parossistica sopraventricolare ( tachiaritmia), blocco A-V completo congenito (bradiaritmia) anomalie congenite coronariche infezioni miocardio Terapia : Digitale in sciroppo ( lanoxin per l effetto isotropo, anche se è meno efficace che nell adulto) Diuretico per diminuzione del precarico Vasodilatazione periferica per diminuire il postcarico Terapia dello scompenso cardiaco in età pediatrica In acuto : dopamina, dobutamina, furosemide (lasix), captopril (vasodilatatore) Nello scompenso cronico : digossina in dose di attacco e poi di mantenimento, idroclorotiazide+spironolattone, captopril 10

11 Cosa rappresentano cianosi, dispnea, ed edemi nello scompenso cardiaco? Cianosi : dipende dalla stasi venosa polmonare che causa una diminuzione degli scambi gassosi e quindi della ossigenazione sanguigna, si ha inoltre rallentato circolo periferico a causa della stasi sanguigna sistemica e alla vasocostrizione dovuta all attivazione del simpatico Dispnea : Per l aumento del precarico è dovuta alla congestione polmonare. La congestione polmonare a sua volta dipende da aumento della pressione atriale sx e dal consensuale aumento pressorio nel circolo venoso polmonare e nei capillari polmonari. L aumento della pressione idrostatica nei capillari polmonari, per superamento della pressione oncotica, favorisce la fuoriuscita di liquido dai capillari dell interstizio ed infine all alveolo con dispnea. Edemi : L edema polmonare dipende dalla sopraccitata stasi venosa polmonare per insufficienza del ventricolo sx. Gli edemi periferici dipendono dalla stasi venosa periferica per insufficienza ventricolare dx e dipende anche dalla diminuita filtrazione renale ( aumentata ritenzione di H2O e Na+) per ipoperfusione Aritmie emodinamicamente significative Sono il Blocco A-V completo congenito e la Tachicardia parossistica sopraventricolare: Il BA-VC può essere il risultato di Ab prodotti dalla madre. Per la malfunzione del tessuto di conduzione, lo stimolo non origina dal nodo seno-atriale, ma da un pace maker secondario più basso e perciò la frequenza diminuisce. Si presenta con obnubilamento del sensorio, vertigini, disturbi visivi, sincope. Se la frequenza è < 70 b/min è grave La TPS è una tachiaritmia ad alta frequenza ( ( 300 b/min) per 24 ore continue ( criterio). Il polso è tachiaritmico e vi sono segni quali pallore, astenia, obnubilamento. Possono essere causa di scompenso cardiaco. Esami strumentali nelle cardiopatie congenite Elettrocardiogramma, ecocardiogramma, Rx torace, cateterismo cardiaco E.C.G in cardiopatie congenite Salvo eccezione ( atresia della tricuspide e canale A-V comune ) l E.C.G non da quadri specifici di cardiopatia congenita. Tuttavia fornisce informazioni sulla presenza di : turbe del ritmo e della conduzione, sul grado di sovraccarico sistolico o diastolico dei ventricoli ( es. grado di severità di una stenosi valvolare ) Ecocardiogramma in cardiopatie congenite Ecocardiografia monodimensionale ( M-mode ) permette uno studio funzionale del cuore, analizzando i movimenti nel tempo delle varie strutture cardiache ( es. variazioni diametri in sistole e diastole) Ecocardiografia bidimensionale ( 2-mode ) permette uno studio anatomico del cuore analizzandolo secondo vari piani di scansione Ecocardiografia doppler e doppler-color ( può visualizzare rigurgiti, turbolenze, ecc ) Rx nella patologia cardiaca Non è più usato come esame di screening, ci fornisce informazioni quando dobbiamo valutare una patologia organica. Il radiogramma corretto e scattato in inspirio visualizzando almeno 7 spazi intercostali. Ci dà informazioni su : morfologia dell ombra cardiaca, rapporto cardio-toracico ( < 0,55 nel neonato, < 0,50 dopo un anno ), stato della vascolarizzazione polmonare. Il diametro cardiaco e il rapporto cardio-toracico sono aumentati nelle cardiopatie congenite Cardiopatie congenite Con shunt dx >>sx : - trasposizione grandi arterie - atresia o stenosi valvolare polmonare critica a setto ventricolare integro - tetralogia di Fallot - atresia o stenosi valvolare polmonare in cardiopatie complesse ( es. ventricolo singolo) - atresia tricuspidale - malattia di Ebstein NB : Sono cianogene Con shunt sx >>dx - Difetto interatriale - Difetto interventricolare - Pervietà del dotto di Botallo Classificazione anatomica delle cardiopatie congenite: Difetti settali ( DIA, DIV, CAVC) Difetti valvolari ( stenosi polmonare valvolare, stenosi aortica valvolare, atresia tricuspide) Difetti di altro tipo ( pervietà del dotto arterioso, coartazione aortica) Ostruzione afflusso v dx ( stenosi polmonare valvolare o infundibolare) Ostruzione afflusso v sx ( stenosi aortica valvolare, sopravalvolare, sottovalvolare, stenosi ipertrofica) Caratteristiche dei soffi innocenti ( o funzionali) Sono caratteristici dell età pediatrica ( 1: 2 bambini), sono sempre sistolici. L intensità è relativamente bassa ( gradi 1 e 2 della scala di Levine, quindi intensità in genere < 3/6 ) limitati ad un area ristretta con scarsa propagazione e durata breve. 60% hanno qualità vibratoria grossolana, 30% sono eiettivi ( quindi aspri, vibrati o musicali ) ( i soffi eiettivi della coartazione aortica polmonare che si risolve nei primi mesi di vita sono funzionali.) Possono scomparire con il cambiamento di posizione, mancano nell inspirio, compaiono spesso con tachicardia in caso di febbri o sforzi. Non altri segni di cardiopatia e mancano quando la frequenza è normale. Sono prodotti da una serie di situazioni, tipiche dei primi anni di vita, che favoriscono il generarsi di turbolenza : alta frequenza cardiaca di base, ematocrito relativamente basso. Pongono quesiti di DD, quindi occorrono esami strumentali per la diagnosi di certezza. 11

12 Soffi organici Fra le cardiopatie che si presentano solo con soffio cardiaco, abbiamo : - dotto arterioso pervio ( di piccolo calibro ) - stenosi valvolare aortica ( lieve ) - stenosi valvolare polmonare ( lieve ) - stenosi arterie polmonari - difetto interatriale - difetto interventricolare ( piccolo difetto ) - insufficienza mitralica - fistola artero-venosa. Crisi ipossica ( anossica ) E il risultato di un aumento dello shunt dx>>sx conseguente o ad uno spasmo dell infundibulo polmonare o ad una diminuzione delle resistenze periferiche o ad un aumento della portata cardiaca. Le crisi ipossiche caratterizzano la tetralogia di Fallot e rappresentano la causa più importante di morbilità e mortalità di questi pazienti nel primo anno di vita se non tempestivamente trattate. Una crisi ipossica deve essere sempre interrotta per evitare che essa, prolungandosi, provochi danni cerebrali o addirittura la morte. I farmaci capaci di far recedere una crisi ipossica sono: morfina, beta-bloccanti,benzodiazepine Terapia della crisi ipossica nella tetralogia di Fallot Morfina : 0,1-0,2 mg/kg IM, Beta-bloccanti, Benzodiazepine. In un terzo dei bambini con tetralogia di Fallot verso la fine del 1 trimestre compaiono delle caratteristiche crisi anossiche ( anoxic spell) : in genere dopo un pianto o un emozione o al risveglio per effetto delle catecolamine si ha una brusca ostruzione dell infundibulo dell arteria polmonare con interruzione del flusso e perdita di coscienza. Queste crisi sono rese più frequenti e più facili da valori subottimali di ematocrito. Infatti la malattia condiziona di regola una policitemia compensatoria che però, durante la fase di accrescimento rapido del 1 anno di vita può non essere soddisfatta per una scarsezza delle riserve di ferro. Quali cardiopatie danno crisi ipossica? Tetralogia di Fallot e cardiomiopatie Profilassi della febbre reumatica Benzatidilpenicillina U intramuscolo ogni 3 settimane per 5-6 anni Cause di depressione cardio-vascolare in sala parto Pretermine ( < 1kg per carenza di surfactante) Schiacciamento del funicolo Rottura cordone Distacco o rottura placentare Trasfusione feto madre ( rischio di anemizzazione ed emolisi da incompatibilità ABO ) Inalazione di liquido meconiale Patologie infettive Malformazioni tratto respiratorio Ernia diaframmatica Farmaci ( anestetici) Eccessiva stimolazione vagale Tossicodipendenza Intubazione scorretta Indicazioni all RX torace Cardiopatia organica scompenso ( la cardiomegalia è in genere costante nell cardiopatie congenite con scompenso ) ( Se lo scompenso è presente nei primi giorni di vita : atresia aortica, tronco arterioso comune, trasposizione completa delle grandi arterie, cuore sx ipoplasico) Foci tbc Sospetto di broncopolmonite ed altre patologie infiammatorie del polmone Versamenti pleurici e mediastinici Rapporto cardio- toracico in un radiogramma normale Va misurato in inspirio ( perché in espirio il cuore si dilata e cambia il rapporto). Esprime il rapporto esistente tra il diametro cardiaco e quello toracico. In pediatria e diverso che nell adulto. Nel neonato è < 0,55 ( in quanto c è organomegalia ed il cuore è più orizzontale ), nel bambino fuori epoca neonatale è < 0,50 Terapia antibiotica dell endocardite Si usano per 4-6 settimane antibiotici battericidi, quali penicillina G o alternativamente vancomicina nei soggetti che presentano allergia. Profilassi : amoxicillina o ampicillina + gentamicina. Endocardite infettiva subacuta ( streptococco viridans, enterococcus fecale, stafilococco aureus coagulasi Anomalie congenite cardiache in trisomia 21 In questa sindrome le malformazioni cardiache sono frequenti ( 40%) inoltre sono responsabili di molti decessi neonatali: in ordine decrescente: Canale A-V comune, DIV, PDA, DIA, arteria succlavia aberrante Fisiopatologia dello scompenso cardiaco Diminuzione della compliance ventricolo sx, ne consegue ripercussione sull atrio sx e sulle vene polmonari. Quando la pressione raggiunta è > mmhg essa vince la pressione oncotica e si ha stravaso polmonare. Si ha così polipnea per edema interstiziale a cui segue edema polmonare acuto ( dispnea e rantoli ). Aumenta la pressione dell arteria polmonare e diminuisce la compliance del V dx. Ne segue aumento di pressione in vena cava e conseguente stasi venosa sistemica ( epatomegalia ). Gli edemi periferici sono più tardivi. 12

13 Apparato urogenitale Elementi anamnestici clinici e diagnostici per individuare la causa di una ematuria Raccogliere una anamnesi accurata con attenzione verso : presentazioni precedenti, pregresso trauma, assunzione di farmaci recentemente, dolore addominale laterale o sovrapubico, presenza di pollachiuria, disuria, stranguria, febbre. All esame obiettivo misurare PAO e valutare accuratamente l addome ed i genitali e vedere se sono presenti edemi Eseguire quindi un esame urine, test di Farley ( dà risultati per discriminare ematuria glomerulare e non glomerulare ). Elementi anamnestici clinici e diagnostici per individuare la causa di una ematuria glomerulare Raccogliere una anamnesi accurata con attenzione verso : familiarità per malattie renali ( nella sdr di Alport c è insufficienza renale e/o ipoacusia ; nella EFB c è solo microematuria ) oliguria, pregressa faringodinia, febbre e cura antibiotica ( GN post infettiva ) fenomeni precedenti ( ricorrente ) precedenti esami urine nei genitori All esame obiettivo si valuta PAO ed eventuale presenza di edemi Come esami di laboratorio si chiedono: proteinuria quantitativa esami di funzionalità renale C3 C4 IgA TAS Tampone faringeo + audiogramma ed esame urine della famiglia Al secondo episodio o più di ematuria macroscopica recidivante eseguire biopsia Ematuria non glomerulare Anamnesi : per trauma, assunzione recente di farmaci ( antibiotici ed antiflogistici ), dolore addominale e sede, ( d.addominale : infezioni, pielonefrite, calcoli, Wilms, idronefrosi ) ( dolore soprapubico : cistite ) ; pollachiuria, disuria, stranguria ( se sospetto cistite ); segni gastrointestinali aspecifici ( vomito, nausea e diarrea ) ; Esame obiettivo e PAO ed esame accurato dell addome Laboratorio : ricerca batteriuria e giuria, se positiva faccio emocromo, ves, pcr, funzione renale, se negativa calciuria fosfaturia, uricuria, ossaluria, cistinuria,( test Brand ); eco renale e vescicole, addome in bianco Ematuria microscopica : definizione ed esami consigliati E la presenza di G.R nel sedimento urinario rilevati al microscopio. E patologica quando si ha l eliminazione con le urine di 3500 Gr /min ( conta di Addis ) o >10 G.R / campo microscopico in modo persistente ( una microematuria casuale è frequente nei bambini, ma va indagata se è persistente, ovvero se vi sono 3 esami positivi in 3 mesi ) Si eseguirà un Test di Farley che discrimina se la microematuria è glomerulare o non glomerulare a cui seguiranno esami microscopici differenti per i due tipi di ematuria : Per la forma glomerulare : proteinuria quantitativa, esami di funzione renale, C3 C4 IgA TAS ( se sono negativi al primo episodio si fanno controlli in numero di 2 all anno perché e importante valutare la comparsa di proteinuria ), tampone faringeo. Si esegue anche audiogramma ed esame delle urine dei familiari. Per la forma non glomerulare : ricerca di piuria e batteriuria : se positiva si esegue emocromo, ves, pcr, esami di funzione renale, cioè si approfondisce il sospetto di infezione urinaria; se negativa si esegue calciuria, uricuria, fosfaturia, ossaluria, cistinuria ( test di Brand ), inoltre si eseguono ecografia renale e vescicale ed RX addome in bianco. Cause di ematuria glomerulare - GN acuta - GN acuta oligosintomatica / asintomatica - Nefropatia da depositi di IgA ( sdr di Berger ) - E F B - Sdr di Alport - GN cronica Cause di ematuria non glomerulare - cistite emorragica >> - infezioni urinarie >> - trauma addome >> - idronefrosi << - rene policistico << - tumore di Wilms << - assunzione di farmaci - calcolosi ipercalcemica - pielonefrite - ipercalciuria >> - iperuricuria >> - cistinuria - ossaluria - fosfaturia - anomalie vascolari (angiomi ) << - emopatie 13

14 Infezioni delle vie urinarie in bambini dai 7 ai 12 anni Nei bambini in età scolare, >> se femmine, sono frequenti la recidive di IVU delle basse vie urinari ( cistite >> ). Per diagnosticare si esegue eco renale e vescicale, cui segue cistografia minzionale o cistoscintigrafia per evidenziare quelle caratteristiche morfologiche ( vescica a parete zigrinata e uretra a ravanello ad esempio ) che pongono il sospetto di una instabilità vescicale (enuresi, mutande bagnate, minzione imperiosa ) quale causa di IVU recidivanti. Qualora fosse patologica si esegue uno studio urodinamico della causa; qualora la cistografia minzionale evidenziasse RVU si segue iter per RIV. (profilassi, controlli periodici annuali e biennali : scintigrafia con DMSA e CUMS ( cistografia minzionale ). Per le alte vie urinarie nei bambini in questa fascia di età se vi è una pielonefrite sporadica non si eseguono accertamenti. Se invece si presenta un secondo episodio si eseguono eco renale e vescicale ( se positive segue profilassi DMSA / anno, CUMS / 2anni ) Segni e sintomi di infezioni urinarie alte e basse Nelle infezioni urinarie alte ( es. pielonefrite ) possiamo avere : febbre elevata, dolore lombare, VES >30 mm, PCR positiva, urocoltura positiva, esame urine patologico, aumento della creatinina con diminuzione della sua clearance, difetto nella concentrazione delle urine. Nelle infezioni basse ( es cistite ) : assenza di febbre, al massimo febbricola, pollachiuria, disuria, stranguria, dolore sovrapubico, VES< 20, PCR negativa ( mancano veri e propri segni di flogosi ), urocoltura positiva ( > UFC / ml ), esame urine patologico, capacità di concentrazione conservata. Sintomatologia delle infezioni urinarie nei bambini < di 4 anni Nei neonati e nei lattanti si presenta soprattutto con ipo o ipertermia, crescita scarsa, vomito, diarrea, sepsi, irritabilità, letargia, ittero, urine maleodoranti. Nei divezzi ( > 1 anno ) dolore addominale, vomito, diarrea, costipazione, anomalie minzione, urine maleodoranti, febbre e scarsa crescita. Nel bambino più grande la sintomatologia è simile a quella dell adulto, con dolore addominale, febbre e malessere generale Infezione delle basse vie urinarie : clinica e diagnosi Assenza di febbre, al massimo febbricola, dolore soprapubico, pollachiuria, disuria, stranguria, assenza di segni di flogosi. Esame urine positivo per piuria, urocoltura positiva ( batteriuria significativa se > UFC / ml, confermata in 2 urocolture successive e non più di 2 specie batteriche, sintomo di contaminazione del preparato) Iter diagnostico delle Infezioni delle basse vie urinarie nei bambini < 2 anni Eco renale e vescicale. Se negativa : STOP Se positiva : CUMS. Se negativa : STOP Se positiva : Profilassi. DMSA ogni anno, CUMS ogni 2 Iter diagnostico delle Infezioni delle alte vie urinarie nei bambini < 2 anni Probabilmente si tratta di pielonefrite. Eseguiamo eco renale e vescicole + profilassi per 1-2 mesi con nitrofurantoina o cotrimossazolo ed eseguo CUMS : se negativa : dopo 6 mesi DMSA : se negativa STOP se positiva SCAR profilassi per 6 mesi se positiva continuo profilassi : e dopo 6 mesi DMSA ( 1/anno e CUMS 2/anno) se negative STOP se positive PN in profilassi Iter diagnostico delle Infezioni delle alte vie urinarie nei bambini tra i 2 ed i 7 anni Eco renale e vescicole con profilassi per 1-2 mesi. Poi CUMS : se negativa STOP se positiva dopo 6 mesi DMSA ogni anno e CUMS ogni 2 : se negativa STOP se positiva PN profilassi Agenti delle infezioni urinarie E. Coli >>, Proteus, Klebsiella, stafilococco coagulasi Terapia delle infezioni alte Amoxicillina ( + o ac. clavulanico ) o cotrimossazolo Terapia delle infezioni basse Nitrofurantoina o cotrimossazolo Anamnesi, esame obiettivo, prognosi di una glomerulonefrite acuta Anamnesi : valutare una pregressa infezione faringea ( streptococcica ), pregresso uso di farmaci ed antibiotici, oliguria, ematuria, valutare la presenza di sintomi extrarenali come quelli associati a malattie sistemiche ( porpora di Schonlein- Henoch ) Esame obiettivo : PAO ( vi può essere ipertensione ), oliguria, ematuria macroscopica, edemi Laboratorio :microematuria, lieve proteinuria, diminuzione funzione renale, complemento Prognosi : buona se è post-infettiva ( 95% ), quando non è post infettiva la prognosi è legata alla malattia di base Glomerulonefrite post-streptococcica Anamnesi : pregressa infezione faringea ( 7-17 giorni prima), uso di antibiotici, oliguria Esame obiettivo : no ipertensione, edemi lievi al mattino soprattutto al volto, oliguria, macroematuria. Laboratorio : diminuzione del C3, microematuria glomerulare, lieve diminuzione della funzione renale, lieve proteinuria iniziale, diminuzione CH50. La prognosi e buona nel 95% dei casi ed è legata alla normalizzazione C3. La macroematuria si risolve in pochi giorni, la microematuria può durare da 6-12 mesi; la proteinuria si risolve in 15 giorni; C3 in 3-4 settimane; la funzione renale in giorni. Terapia della glomerulonefrite acuta E sintomatica, il primo provvedimento è un intervento dietetico con la prescrizione di diminuire l introito di liquidi e restrizione salina, il passo seguente è l utilizzo di diuretici. Se queste misure sono insufficienti per il controllo della ipertensione si associano ipotensivi. C è guarigione quando C3 si normalizza. 14

15 Terapia dell idrocele Correzione chirurgica chiudendo il dotto peritoneo-vaginale. Ciò va fatto quando si è nella sicurezza che il dotto non si chiuderà spontaneamente come può avvenire in 2-3 anni Causa dell idrocele ed indicazione alla terapia E il versamento non infiammatorio nella vaginale del testicolo. Nel bambino la causa è la pervietà del dotto peritoneo-vaginale, con versamento dalla cavità peritoneale alla vaginale testicolare. Si riscontra nel 100% dei prematuri e nell 80% dei neonati Faccio terapia chirurgica quando sono ragionevolmente esaurite le possibilità di chiusura spontanea del dotto peritoneo-vaginale, cioè verso i 2-3 anni. Cosa entra in diagnosi differenziale con la torsione del testicolo? - torsione delle appendici - orchiepididimite acuta - ernia strozzata - trauma Torsione del testicolo Rappresenta la causa principale di dolore acuto testicolare e di gonfiore sotto i 6 anni. Rappresenta il 40% delle cause di dolore acuto e gonfiore testicolare a tutte le età Diagnosi differenziale tra criptoorchidismo e testicolo retrattile Posto il bambino in posizione supina a gambe divaricate si esplora la regione inguino-scrotale con le dita poste medialmente a piatto rispetto alla spina iliaca antero-superiore. Nel criptoorchidismo il testicolo può non scendere, il testicolo retrattile scende sempre. Possiamo poi porre il bambino accovacciato : in questo caso il testicolo retrattile scende spontaneamente e rimane nello scroto, nel criptoochidismo il testicolo non scende. Con la terapia ormonale soltanto il testicolo retrattile sceso rimane nello scroto in sede Reflusso vescico- ureterale E il reflusso di urina dalla vescica all uretere eventualmente al rene. Primitivo per anomalie congenite : brevità intramurale dell uretere; trigono poco sviluppato; ureterocele; uretere doppio. Secondario per stenosi uretrale o infezioni Dolore modesto, predispone all infezione urinaria recidivante ( cistiti e pielonefriti ) Diagnosi di reflusso vescico-ureterale Eco renale e vescicale, Cistoureterografia minzionale seriata : in 4 gradi : 1 modesto ( non arriva alla pelvi ), 2 reflusso vescico ureterale (fino alla pelvi ma senza dilatazione ), 3 dilatazione pelvica, 4 dilatazione pelvica e ureterale in modo stabile, gli ureteri appaiono tortuosi. Terapia dell RVU : basse dosi di nitrofurantoina e cotrimossazolo fino alla scomparsa del reflusso. Prednisone nelle infezioni urinarie recidivanti (?) Sdr. Nefrosica Entità clinica caratterizzata da persistente proteinuria > 50 mg/ kg/ die, ipoprotidemia < 6gr/dl, ipoalbuminemia <2,5gr./dl ed edema di grado variabile. La forma più frequente nel bambino è la nefrosi primaria da glomerulonefrite a lesioni minime che si manifesta con proteinuria altamente selettiva ed elevata ( gr /die ( albumina ), pronta risposta al trattamento steroideo nella maggior parte dei casi. All esame obiettivo edema importante diffuso in posizioni declivi. Forme primarie di sindrome nefrosica : - glomerulonefrite a lesioni minime - glomerulosclerosi focale - glomerulonefrite membranosa - glomerulonefrite membrano proliferativa - glomerulonefrite endo-extra capillare Forme secondarie molto rare sono: - cause sistemiche ( les, vasculiti, porpora di Schoenlein Henoch ) - cause infettive croniche ( HBV, lue, salmonellosi ) - cause farmacologiche ( penicillamina ) Sdr. Uremico- emolitica di Gasser Particolare tipo di anemia acuta da emolisi. L anemia è dovuta ad un trauma meccanico delle emazie ed è prodotta da microfilamenti di fibrina e/o da danno all endotelio vascolare, accompagnata da consumo di piastrine e da trombosi dei capillari glomerulari più o meno importante e diffusa, con gradi diversi fino all insufficienza renale. L anemia dà uno striscio caratteristico : schistociti, emazie a ghirlanda, a delta, a cappello di Napoleone. E probabilmente correlata ad una tossina ( verotossina ) di E.Coli (EHEC). L evoluzione è verso l insufficienza renale, ipertensione e rischio emorragico. Terapia : dialisi peritoneale, trasfusione se Hb < 7gr/dl Metastasi del tumore di Wilms Nel tumore di Wilms è molto frequente trovarsi di fronte a micrometastasi polmonari, la presenza delle quali non preclude l asportazione chirurgica della massa renale a cui segue chemioterapia. Tali metastasi sono sensibili ad adriamicina, actinomicina D, vincristina. Alle metastasi polmonari seguono come frequenza quelle epatiche. Criptorchidismo monolaterale non palpabile Si tratta di una presentazione del testicolo criptorchide che interessa il 10% del totale dei casi. Non è palpabile perché sono *** dell obliquo esterno. In questi casi si procede all ecografia per la localizzazione e la diagnosi. Il testicolo deve essere riposizionato obbligatoriamente nello scroto. 15

16 Apparato gastrointestinale Segni di diarrea nel neonato e nel piccolo lattante Nel neonato e piccolo lattante la diarrea acuta si manifesta frequentemente con : - segni di disidratazione ( > 10% del peso corporeo) - cute secca, marezzata, fredda - diminuzione del peso - diminuzione del turgore delle fontanelle - diminuzione del turgore dei bulbi oculari ( incavati) - diminuzione del turgore delle mucose - contrazione della diuresi - Inoltre vi può essere tachipolipnea, tachicardia, diminuzione pressione arteriosa, polso piccolo. Nella diarrea cronica : - arresto della crescita - addome globoso - segni di malnutrizione ( pallore da anemia, edemi per ipoprotidemia, sottocutaneo poco rappresentato ) Definizione di diarrea cronica e cause Perdita di H2O con le feci > 10 ml/kg/die per una durata > 14 giorni Cause : - anomalie anatomiche ( intestino corto, atrofia villi, postchirurgiche ) - malassorbimenti ( morbo di Whipple, celiachia, intolleranza ed allergia alimentare, patologie pancreatiche ereditarie o acquisite ) - MICI ( Crohn e colite ulcerosa, il primo è in aumento ) - Infezioni ( es. giardiasi ) - Difetto di motilità ( colon irritabile ) - Cause chirurgiche Coprocoltura in diarrea acuta Di routine per Salmonella, Shighella, Yersinia, Campylobacter; su specifica richiesta per Cl. Difficile, EHEC Definizione di diarrea acuta Perdita di acqua con le feci > 10/ml/kg/die in un intervallo di tempo minore di 14 giorni. E dovuta principalmente ad agenti infettivi, soprattutto virali, da intossicazioni farmacologiche, malattie metaboliche o di pertinenza chirurgica ( es. invaginazioni intestinali ) Diarree iper o iponatriemiche Ipernatriemia ( Na > 150 meq ) in diarrea acuta gastroenterica che abbia dato luogo a disidratazione ( indica che sono venuti meno i meccanismi di compenso dell organismo e che è mancata una tempestiva reidratazione ). Ipertermia, sofferenza neurologica, reidratazione cellulare Iponatriemia ( Na < 135 meq ) in diarrea acuta gastroenterica mal reidratata. Ipotermia, ipotensione, ipotonia Diarrea acuta infettiva Agenti : Virus come rotavirus ( 30-50%), astrovirus, adenovirus, norwalk, calicivirus, coronavirus Batteri come salmonella, shigella, yersinia, campylobacter, ceppi di E. Coli Enterotossine da Cl difficile, ceppi di E. Coli, vibrio cholerae Parassiti come giardia lamblia, criptosporidium Terapia della diarrea acuta - Reidratazione ( domiciliare se il bambino non vomita e non è grave; è fatta con piccoli sorsetti di acqua e sale ) - Trattamento dietetico : digiuno solo nelle prime 24 ore, poi piccoli pasti frequenti durante il giorno e si tende a non abolire ma a diminuire quantità di latte giornaliera - Terapia antibiotica ( se il bambino ha una salmonellosi tifoide con rischio di batteriemia, altrimenti per salmonella perché il trattamento favorisce l instaurarsi di uno stato di portatore. Si fa con shigella, campylobacter, yersinia, cl. Difficile, giardia, ETEC ) Definizione di dolore addominale ricorrente 3 o + episodi di dolore addominale, nell ultimo anno per un periodo di almeno 3 mesi. Incidenza 12% tra i 6-14 anni specie nella femmina. Oltre alla fascia 6-14 sono colpiti i bambini nei primi 3 mesi Cause di dolore addominale ricorrente Le cause sono per lo più funzionali (90%) Nel lattante ( specie nei primi 3 mesi ) la causa più frequente è la colica gassosa caratterizzata da : - dolore improvviso a crisi spesso periombelicale alternato a periodi intercritici asintomatici, non correlato ai pasti, spesso alla stessa ora - pianto eccessivo continuo ed inconsolabile ( > 3 ore/die per 4 o + giorni/settimana ) - cosce flesse su bacino - condizioni generali non compromesse - nessun sintomo di accompagnamento o al massimo turbe neurovegetative come pallore, vampate, sudorazione - meteorismo addominale ( le coliche iniziano nel 90% dei casi nella prima settimana, scompaiono nel 50% dei casi entro 3 mesi, nel 100% dei casi entro 6 mesi ) Non c è terapia. Nel bambino più grande prevale la sdr. del colon irritabile ( dolore e difetto dell alvo e diarrea cronica ) per l età prescolare e nell età scolare la sindrome del dolore addominale ricorrente. Le cause organiche coprono solo il 10% dei casi, tra queste ricordiamo : gastrite cronica da HP gastroduodeniti da HP UG e UD Infezioni urinarie o patologie urologiche Definizione di celiachia 16

17 Intolleranza permanente al glutine, causa di malattia sistemica ( intestinale o non ), o enteropatia da intolleranza permanente alle proteine ( gliadine e prolammine ) del glutine contenute in frumento, orzo, avena, segale, farro, grano saraceno. Essa compare in soggetti predisposti per familiarità ( 75% concordanza negli omozigoti, 10% nei parenti di 1 grado ) ed HLA B8 dopo assunzione di cibi contenenti glutine Sintomi e segni di celiachia Nei primi 2 anni si ha nella forma classica : - perdita di peso - diarrea dapprima intermittente poi cronica con feci aumentate di volume, fetide, chiare, untuose - arresto della crescita - addome globoso - sintomi da malassorbimento ( diminuzione vit. K e conseguenti discoagulopatie, porpora, emorragie, diminuzione vit. D con rachitismo ) - diminuzione Ca e tetania, diminuzione di Fe ed anemia non rispondente a terapia, pallore, astenia, diminuzione proteine ed edemi - vomito per atonia - dolori addominali Dopo i 2 anni si ha nella forma oligosintomatica ( atipica ) I sintomi ed i segni, soprattutto quelli digestivi sono diminuiti nell intensità e quindi il riconoscimento della celiachia diviene più arduo per un più frequente interessamento extra-gastrointestinale. Sono frequenti i sintomi ematologici : anemia sideropenica non rispondente al trattamento marziale ; e quelli endocrinologici : bassa statura, ritardo puberale,calcificazioni endocraniche con possibilità di epilessia Diagnosi di certezza della celiachia Il primo criterio è dato dal reperto istologico della biopsia intestinale ( digiunale ) eseguita durante dieta libera, caratterizzata da atrofia dei villi, iperplasia delle cripte, anomalie dell epitelio intestinale con aumento dei linfociti e delle plasmacellule intraepiteliali. Il secondo criterio è la completa guarigione clinica e quindi anche la normalizzazione dei test bioumorali e la negativizzazione degli Ig antiaga ( anti gliadina ) ed anti EMA ( anti endomisio ) in seguito alla dieta strettamente aglutinata nella biopsia dopo 6 mesi Terapia della celiachia In primo luogo occorre adottare una dieta priva di glutine, ( in fase iniziale, essendo frequentemente associata un intolleranza al lattosio, per 2-3 mesi occorre abolire anche il lattosio). Se è necessario provvedere ad una adeguata reidratazione Età di insorgenza e sintomi tipici dell invaginazione intestinale Maggiormente frequente nel lattante, ci sono casi anche fino al 2 anno, quindi un decremento della frequenza con l età ( inoltre il 90% dei casi è ileo-colica con causa non organica ). Comparsa di dolore addominale crampiforme e violento in un bambino precedentemente asintomatico per una durata di : il tipico dolore della invaginazione è intermittente, colico, della medesima frequenza. Quando la crisi dolorosa cessa il bambino sta meglio però col passare delle ore, per le nuove crisi subentranti, tra le crisi è abbattuto e sempre più prostrato. Sintomo frequente e precoce è il vomito per via riflessa. Altro sintomo è l emissione di feci muco-sanguinolente definite a gelatina di ribes (molto più comuni nel lattante) E sempre necessaria la terapia chirurgica per l invaginazione intestinale? Non è sempre necessaria; si cerca di spaginarla attraverso il clisma opaco ( attualmente fatto con aria ed acqua sotto guida ECO ) che è efficace nel 70% dei casi. La chirurgia è necessaria quando ci sono i segni di peritonite e se è presente una causa organica (come accade di frequente nel bambino più grande di 2 anni ) Esami clinici per l invaginazione intestinale ECO : quando negativa esclude la presenza dell invaginazione ; è quindi un esame fondamentale : permette di fare diagnosi, valuta l entità, le possibili cause ( organiche o funzionali ), valuta la terapia più idonea. Clisma opaco : è ormai superato come esame diagnostico, il suo significato è terapeutico ( il 70% delle invaginazioni si risolve così) Rx addome diretto : esclude l occlusione intestinale possibile complicazione dell invaginazione intestinale. Inoltre clinicamente alla palpazione tra le crisi si può repertare una massa a limiti indistinti, di consistenza pari ad un budino. Nei casi senza rettorragia può repertare sangue rosso misto a muco. Definizione di colon irritabile ( o sdr. diarroica ) Complesso sindromico caratterizzato, in un bambino in età prescolare ( 2-3 anni ), da capricciosità, assenza di disturbi dell assorbimento e di crescita, assenza di lesioni organiche della mucosa, eliminazione di feci molli, sfatte, con residui alimentari, raramente liquide per lo più mucose ( insomma non si tratta di vera diarrea, ma di alvo frequente con feci solide o semisolide ), concomitanza di dolore addominale ( non obbligatorio per lo più durante la defecazione ). Nessuna terapia è indispensabile ( alcuni autori cosigliano di aumentare il conenuto di grassi alimentari per la diminuita motilità intestinale ). Clinica : è la più tipica forma di dolore ricorrente caratterizzato da dolore addominale ed eccessiva distensione addominale, 3-4 scariche/ die di feci molli, raramente liquide, per lo più mucose e con residui vegetali. Non disidratazione, non alterazioni elettrolitiche La crescita e l assorbimento intestinale sono conservati. Reperto palpatorio, in un bambino, di un fecaloma, su tua supposta di repere di massa. Come si procede? Si procede in primis alla esplorazione rettale ( in quanto un fecaloma quasi sempre riempie anche il retto e si sente bene all esplorazione se presente ). Poi si fa un clistere ( se è un fecaloma scompare ). Poi ecografia ( va richiesta sempre per le masse addominali ed in tutti i casi dubbi) Segni clinici di epatite acuta La fase prodromica prevede : cefalea, anoressia, malessere, nausea e vomito, febbre Nella fase conclamata abbiamo : ittero, epatomegalia, aumento transaminasi, aumento gammagt, LDH, fosfatasi alcalina Sopravvivenza a 5 anni nel trapianto di fegato 75-80% con terapia con ciclosporina + steroidi Enterocolite necrotizzante del neonato ( NEC ) 17

18 Infiammazione acuta a carattere necrotico del tratto gastroenterico. Colpisce il lattante ( specialmente nei primi 3 mesi di vita ) con maggiore riscontro nei neonati prematuri o nei sottopeso. Si pensa sia dovuta ad una serie di fattori combinati, quali : l ischemia, gli agenti microbiologici, l eccesso di substrati proteici nel lume intestinale, l immaturità del sistema immunitario dell intestino del neonato. La maggior incidenza di NEC nei neonati nutriti con latte artificiale suggerisce che anche la mancanza di fattori immunoprotettivi, di norma presenti nel latte materno, possa essere in causa. Tipicamente si manifesta con : - dolore addominale - occlusione intestinale - diarrea con sanguinamento occulto o franca enteroraggia. Complicanze : perforazioni, sepsi, shock, diminuzione per fusione mesenteriche Definizione di megacolon Dilatazione ed ipertrofia di un tratto di colon a monte di una ostruzione organica o funzionale ( generalmente più colpito è il colon traverso ) Complicanze del diverticolo di Meckel - enteroraggia acuta che probabilmente origina da una ulcera peptica per mucosa gastrica ectopica. ( è la complicanza più frequente ) - anemia ferro carenziale per sanguinamento occulto da stillicidio cronico ( rara ) - shock per perdita ematica massiva ( soprattutto nei bambini minori di 2 anni ) - occlusione intestinale ( con il meccanismo del volvolo, dell invaginazione intestinale o dell incarceramento erniario) - diverticolite acuta batterica - perforazione con conseguente peritonite ( queste due ultime complicanze sono da porre in diagnosi differenziale con appendicite acuta e da non confondere con essa) Clinica e Sintomi dell intolleranza al latte vaccino ( IPLV ) - vomito ( soprattutto nel primo anno ) - diarrea ( per malassorbimento) ( soprattutto nel primo anno ) con addome disteso - pallore, sudorazione, ed altri sintomi di shock ( soprattutto nel primo anno ) - coliche ( primi mesi ) - dermatite atopica ( soprattutto nel primo anno ) - dermatite seborroica ( primo mese ) - eczema od orticaria ( maggiore di 1 anno ) - anemia sideropenica ( lattante ) - sintomatologia respiratoria ( rinite, bronchite ) ( maggiore di 1 anno ). La IPLV è transitoria, spesso guarisce entro il 1 anno, ma nel 30% dei casi è ancora sintomatica fino al 2 anno od oltre. Altri si ammalano più tardi, ma costituiscono una piccola percentuale. Non è IgE mediata. Quando e come si sospetta una IPLV? Si sospetta dalla clinica, dall anamnesi familiare, dai reperti di laboratorio che dimostrano eosinofilia, neutrofilia, positività al test del sangue occulto fecale, positività IgA ed IgG. La certezza diagnostica si ha con la dieta che mostra come i sintomi regrediscono alla somministrazione di latte vegetale o di idrolisati di caseine o di soia. Clinica dell appendicite acuta Il dolore addominale della appendicite acuta è all inizio crampiforme e periombelicale, poi diviene continuo in fossa iliaca destra ( o altra sede se l appendicite è ectopica ), altri sintomi sono il vomito ( però può mancare fino alla perforazione ), l alvo chiuso a feci e gas, più raramente diarrea, febbre tra i 38 e i 39 gradi. Emorragia delle alte vie digestive Sono causate da esofagiti da RGE ( emorragia modesta ), da varici esofagee per ipertensione portale da trombosi della vena porta ( emorragia abbondante ), ulcere gastroduodenali acute e croniche ( causa rara, comunque sono più frequenti le acute ), gastriti, discoagulopatie ( 90% delle emorragie del neonato ). Clinicamente c è ematemesi ( sangue nel sondino gastrico ), melena ed è possibile rettoraggia. Con EGDS diagnosi. Emorragie delle basse vie digestive Originano sotto il legamento del Treitz. Clinicamente si possono manifestare con rettoraggia, ematochezia, anemia da stillicidio cronico. Si dividono in modeste non anemizzanti ( da ragade spesso dopo stipsi, da presenza di polipo,) e in anemizzanti ( soprattutto in causa il diverticolo di Meckel, angiodisplasie ). Le emoraggie delle basse vie digestive possono accompagnarsi ad altri sintomi: sia di tipo occlusivo (volvolo, invaginazione, NEC ), sia di tipo diarroico ( dissenteria, rettocolite ulcerosa, NEC ) La diagnosi si effettua con esplorazione rettale, colonscopia, scintigrafia, arteriografia. Ernia ombelicale Ne esistono di 3 tipi : Embrionale ( onfalocele ) : per aplasia della parete addominale; è presente alla nascita : i visceri sono rivestiti dal solo amnios ed escono dalla cavità addominale perché manca il peritoneo parietale Fetale : è presente alla nascita per incompleta chiusura della parete addominale dopo che la cavità peritoneale si è formata ( il rivestimento è dato dal peritoneo parietale e cute ) Neonatale : è dovuta alla imperfetta chiusura dell anello ombelicale o difettosa adesione tra questo ed i residui cicatriziali del cordone ombelicale. E rivestita da cute e si manifesta entro pochi giorni o settimane dalla caduta del cordone ombelicale. Frequentemente si apprezza nell ipotiroidismo e nei prematuri. Aumenta di volume con la tosse, il pianto, la defecazione. Si riduce spontaneamente o per tampone compressivo; in caso contrario si procede ad intervento chirurgico 18

19 Malattie infettive croniche dell intestino Sono favorite nel caso ci sia un difetto aspecifico e transitorio dell Ig specifica (questo vale sia per le infezioni virali (specie rotavirus ) sia per le infezioni batteriche ( specie e. coli e salmonella ) sia per le infezioni da protozoi ( giardia ) e da Criptosporidium) e qualora l enterite abbia causato delle alterazioni ai meccanismi di barriera diventando fattore di sensibilizzazione per l instaurarsi di un evento lesionale cronico. Gli agenti in causa più importanti : E. Coli e rotavirus,giardia (tende di norma alla cronicizzazione ), salmonella ( nel caso di un portatore cronico ), Criptosporidium Fibrosi cistica e ileo da meconio Esso si verifica in circa il 10-15% dei neonati con fibrosi cistica e si deve ad ostruzione ( per mancanza enzimi proteolitici ) dell ileo distale da parte di meconio denso e tenace. Clinicamente è simile ad una ostruzione intestinale ( addome disteso, mancanza di escrezione del meconio e vomito i quali di solito compaiono nelle prime ore di vita ). A volte c è soltanto un ritardo nel passaggio del meconio con ostruzione secondaria del colon. Complicanze : volvolo, perforazione con peritonite Diagnosi di stenosi pilorica Incidenza 1 : 500 nati, soprattutto femmine, si manifesta al 1-2 mese con un picco alla 3 settimana di vita. Sintomatologia : vomito a getto, violento, a fontana, diminuzione di peso, assenza di dolore. La diagnosi si avvale di ecotomografia che mostra dilatazione del viscere, ispessimento della tonaca muscolare, assottigliamento-allungamento del canale pilorico. Terapia : pilorotomia extramucosa : sezione longitudinale dell oliva pilorica che interrompe la continuità dell anello muscolare circolare fino alla tonaca propria, lasciando intatto il canale mucoso. Caratteristiche cliniche principali di dolore addominale non specifico o funzionale Dolore a localizzazione periombelicale o diffuso, dall esordio graduale, definito in modo impreciso, compare con episodi a grappolo con dolore quotidiano o presente per più volte la settimana, intervallato da periodi intercritici asintomatici. Compare non correlato ai pasti, compare spesso alle stesse ore del giorno, si accompagna spesso a sintomi neurovegetativi. L esame obiettivo è negativo e non è presente tensione della parete. Causa di ernia inguinale L ernia inguinale nel bambino è un ernia obliqua esterna, causata dalla persistenza del dotto peritoneo vaginale. Sono eccezionali nel bambino le ernie indipendenti dal dotto. Indicazioni alla laparotomia in emoperitoneo Poiché l emorragia conseguente a lesioni spleniche, epatiche, renali, cessa da sola in oltre il 90% dei casi e le lesioni guariscono da sole, attualmente si ricorre alla laparotomia solo quando, dopo aver infuso 40cc/kg il bambino, con segni di shock emorragico, non si stabilizza. ( questa mancata stabilizzazione è indice di emoperitoneo massivo ). Cause più frequenti di addome acuto Mediche : - dolore non specifico 30% - stipsi 19% - tonsillite/virosi 12% - colica gassosa 7% - enterite 6% - infezioni urinarie 5% - broncopolmonite, farmaci, alimenti 2% Chirurgiche : - appendicite acuta - invaginazione intestinale - occlusione - torsione cisti ovarica Nel bambino < 2 anni : colica gastrointestinale, invaginazione Nel bambino 2-5 anni : infezioni Nel bambino > 5 anni : non specifico, appendicite acuta Quali dati clinici in un vomito ricorrente fanno pensare ad un reflusso gastro-esofageo - rigurgito ( esordio dalle prime settimane di vita, assente dolore ) - presenza di esofagite, pianto ed interruzione della poppata - torcicolo riflesso - apnea riflessa - diminuzione della crescita Ittero nucleare : definizione e sintomi Malattia caratterizzata dal deposito di bilirubina indiretta nelle cellule cerebrali ( soprattutto nuclei della base ), con blocco del metabolismo e delle funzioni dei neuroni. Si osserva quando il livello di bilirubina è eccessivamente alto rispetto all età gestazionale : nei bambini a termine con livelli sierici di bilirubina > 20 mg/dl, nei prematuri anche con livelli < 20 mg/dl ( infatti la barriera emato-encefalica non è ancora formata ) Primi sintomi : letargia, ipotonia, scarsa risposta al riflesso di Moro, inappetenza. Sintomi tardivi : fontanelle sporgenti, opistotono, emorragia polmonare, febbre, ipertono, paralisi oculare, convulsioni. 19

20 Malattie ematologiche Valutazione ematologia nelle diverse età Nel neonato durante la prima settimana diminuisce la sintesi di Gr ed Hb dando così avvio ad anemia fisiologica del lattante. Il valore minimo di Hb si raggiunge a 2 mesi per poi salire e stabilizzarsi a valori simili all adulto verso i 6 anni. Nel neonato c è leucocitosi neutrofila ( 60% dei GB che sono ), poi i GB diminuiscono a partire della prima settimana e raggiungono i Si ha una linfocitosi relativa fino al 6 anno. Dopo i 6 anni i valori sono circa uguali a quelli dell adulto. Le piastrine sono circa pari a quelle dell adulto ( ). Il MCV alla nascita è alto poi diminuisce. Diagnosi di malattia ematologia - familiarità ( etnia per talassemie, enzimopatie ) - modalità di esordio ( improvviso, progressivo ) - manifestazioni associate ( ittero, sanguinamento, diarrea cronica, irritabilità, picacismo ) - presenza di astenia, diminuzione peso corporeo, diminuzione della vitalità - dati neonatali ( prematurità, gemellarità ) - pregresse infezioni o infezioni ricorrenti - pregresso uso di farmaci ( emolitici o aplastici ) - pregressa esposizione a tossine ( Pb ) - malattie concomitanti ( ipotiroidismo, infezioni croniche ) Esame obiettivo : cute e mucose ( ittero, porpora,pigmentazione cutanea ), fauci ( glossite, ragadi ), linfonodi, addome ( fegato e milza ), cuore, generale ( ritardo crescita e peso, Fanconi, ritardo pubertà, malformazioni, disturbi neurologici, insufficienza ipofisaria, insufficienza tiroidea ). Laboratorio : - emocromo con formula e reticolociti - striscio di sangue ( eritroblasti e GR patologici ) - stato del Fe e ferritina - eventuale piombemia - eventuale cupremia - bilirubina indiretta - aptoglobina ed LDH, folati e B12 - test di Coombs - test delle resistenza osmotica eritrocitaria - studio TORCH - test di eluizione acida Nei casi in cui è necessario : agoaspirato o biopsia midollare Significato dei reticolociti nelle anemie Sono l indice di rigenerazione del pool dei GR e quindi segno indiretto della funzione emopoietica midollare. Aumentano nelle anemie da perdita,nelle emolitiche (autoimmuni e non ) Diminuiscono nella anemia aplastica, mieloftisi, aplasia eritroide Il loro valore normale nell emocromo va dallo 0,5-2% dei Gr al 3% nel neonato Cause di anemia in base al MCV MCV diminuito : - sideropenica - talassemie - intossicazione da Pb - malattie croniche - sideroblastiche MCV normale : - mieloftisi - aplasia eritroide pura - eritloblastopenia transitoria - emolitica autoimmune - da sanguinamento - microangiopatica - falciforme - emoglobinopatie MCV aumentato - difetto B12 - difetto di folati - ipotiroidismo - mielodisplasie - epatopatie 20

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA

IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA IL VACCINO PER LA VARICELLA IL PARERE DEL PEDIATRA Torino, 25 novembre 2006 Dott. Maria Merlo Epidemiologia Agente eziologico: VZV (herpes virus) La più contagiosa delle malattie esantematiche dell infanzia

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

Il Bambino con dispnea

Il Bambino con dispnea Il Bambino con dispnea PARAMETRI VITALI PEDIATRICI FC VEGLIA FC SONNO FR P.A. SISTOLICA P.A. DIASTOLICA NEONATO 100-180 80-160 40-60 60-90 20-60 LATTANTE (1-12 mesi) 100-160 75-160 30-60 87-105 53-66 INFANZIA

Dettagli

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto

Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Gestione territoriale dello scompenso cardiaco acuto Dott. C G Piccolo Responsabile UOS Roma est UOC SUES Roma Città Metropolitana Direttore Dott. L De Angelis Definizione di scompenso cardiaco acuto (acute

Dettagli

Si intende per tiroiditi un gruppo di. condizioni infiammatorie o simil. infiammatorie che colpiscono la tiroide

Si intende per tiroiditi un gruppo di. condizioni infiammatorie o simil. infiammatorie che colpiscono la tiroide Si intende per tiroiditi un gruppo di condizioni infiammatorie o simil infiammatorie che colpiscono la tiroide Classificazione Tiroidite infettiva Tiroidite autoimmune Tiroidite di De Quervain Tiroidite

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

LE DISPNEE IN ETÀ PEDIATRICA

LE DISPNEE IN ETÀ PEDIATRICA Corso di aggiornamento per i Medici di Continuità Assistenziale Savona, 14 ottobre 2008 LE DISPNEE IN ETÀ PEDIATRICA con mio estremo orrore e meraviglia, scoprii che avevo perso il fiato Edgar Allan Poe

Dettagli

Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia. Anatomia (2) Anatomia (1) Anatomia (3) Anatomia (4) O 2 CO 2

Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia. Anatomia (2) Anatomia (1) Anatomia (3) Anatomia (4) O 2 CO 2 P.A. Lombardia Soccorso Corso di Formazione Base per Volontari-Soccorritori A cosa serve? Apparato respiratorio: anatomia,fisiologia e patologia F. Sangalli APPARATO RESPIRATORIO: Insieme di organi che

Dettagli

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso

PUMP FAILURE LUNG FAILURE FATIGUE MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. Compromissione della ventilazione. Compromissione dello scambio gassoso MECCANISMI FISIOPATOLOGICI DELLA I.R.A. LUNG FAILURE (EPA, ARDS, etc.) Compromissione dello scambio gassoso IPOSSIEMIA PUMP FAILURE (BPCO, cifoscoliosi, etc.) Compromissione della ventilazione IPOSSIEMIA

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

ASSISTENZA PERINATALE

ASSISTENZA PERINATALE ASSISTENZA PERINATALE ALESSANDRO VOLTA Responsabile Assistenza Neonatale Ospedale di Montecchio Emilia (RE) ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it

VIRUS VARICELLA-ZOSTER (VZV, HHV-3) VARICELLA Epidemiologia. VARICELLA Clinica. VARICELLA Clinica. scaricato da www.sunhope.it VIRUS -ZOSTER (VZV, HHV-3) = infezione primaria Febbre ed esantema vescicolare generalizzato Dopo l infezione primaria, l HHV-3 risale dalle lesioni cutanee lungo le fibre nervose sensitive GANGLI RADICI

Dettagli

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Stenosi polmonare www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Arteria polmonare L arteria polmonare è il vaso sanguigno che porta il sangue dal ventricolo destro ai polmoni dove

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

Patogenesi e manifestazioni cliniche della rosolia

Patogenesi e manifestazioni cliniche della rosolia Patogenesi e manifestazioni cliniche della rosolia Rosolia (Compendio delle malattie dei bambini G Steiner, Vallardi ed, 1877 pagg 423-4) Si dà il nome di rosolia a quell esantema acuto indipendente, per

Dettagli

L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta

L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta L importanza della prono - supinazione nell Insufficienza Respiratoria Acuta Riccardo Francesconi CENNI ESSENZIALI DI FISIOPATOLOGIA POLMONARE APPLICATA ALLA RIANIMAZIONE Sistema di conduzione Sistema

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE PARMA SUD EST Pediatri di libera scelta - Medici di continuità assistenziale Otorinolaringoiatri

AZIENDA SANITARIA LOCALE PARMA SUD EST Pediatri di libera scelta - Medici di continuità assistenziale Otorinolaringoiatri AZIENDA SANITARIA LOCALE PARMA SUD EST Pediatri di libera scelta - Medici di continuità assistenziale Otorinolaringoiatri OTITE MEDIA ACUTA E FARINGOTONSILLITE ACUTA IN ETA' PEDIATRICA PROTOCOLLO ASSISTENZIALE

Dettagli

MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA. Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS

MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA. Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS MAL DI GOLA IN ETÀ PEDIATRICA Prof Maurizio Vanelli Ordinario di Pediatria GS Quante visite per mal di gola? Il mal di gola, con oltre 19 milioni di visite all anno negli Stati Uniti (ICSI, 2005), rappresenta

Dettagli

L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA

L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA L ELETTROCARDIOGRAMMA IN ETA PEDIATRICA CORSO INFERMIERI 30 NOVEMBRE - 2013 ENNA DR LUIGI RUSSO COME PUOI DESCRIVERE A PAROLE L ANATOMIA DEL CUORE SENZA RIEMPIRE UN LIBRO INTERO? ANCORA, PIU DETTAGLI SCRIVI,

Dettagli

Gli obiettivi del terzo modulo possono essere così riassunti: Illustrare i segni associati alla rinite acuta, differenziandone le principali forme

Gli obiettivi del terzo modulo possono essere così riassunti: Illustrare i segni associati alla rinite acuta, differenziandone le principali forme 1 Gli obiettivi del terzo modulo possono essere così riassunti: Illustrare i segni associati alla rinite acuta, differenziandone le principali forme cliniche Descrivere le possibili complicanze che possono

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

Cause di malattia Genetiche:

Cause di malattia Genetiche: omeostasi Cause di malattia Genetiche: relativamente poche e derivano da alterazioni a carico di uno o più geni. Esempio: sindrome di Down (dovuta a trisomia del cromosoma 21); sindrome di Turner (dovuta

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Infezioni polmonari Vie di ingresso dei microorganismi: Inalazione (attraverso le alte vie respiratorie): batteri e virus Aspirazione

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO

APPARATO RESPIRATORIO RESPIRATORIO APPARATO RESPIRATORIO TURBE del RESPIRO SINDROME da ANNEGAMENTO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APPARATO RESPIRATORIO Le TURBE DEL RESPIRO: INSUFFICIENZA

Dettagli

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore Lega Friulana per il Cuore PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA

EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA EZIOPATOGENESI DELLO SCOMPENSO CARDIACO MARCO SICURO SC CARDIOLOGIA OSPEDALE U. PARINI - AOSTA L insufficienza cardiaca (HF) è una sindrome clinica complessa che può dipendere da qualunque disturbo cardiaco

Dettagli

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella

SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010. Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella SIMPOSIO DI EMODINAMICA SULLE SPONDE DEL TICINO Novara, 15-16 gennaio 2010 Dr.ssa Alessandra Truffa Laboratorio di Emodinamica ASL BI - Biella CASO CLINICO M.D., donna di 73 aa, ipertensione arteriosa

Dettagli

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO Descrizione, definizione e richiami anatomici e fisiopatologici www.fisiokinesiterapia.biz Emoftoe o emottisi Si tratta dell emissione

Dettagli

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough

05/06/2014. Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough LA TOSSE DEI CANILI Tracheobronchite infettiva del cane Kennel cough DEFINIZIONE Malattia infettiva contagiosa ad andamento acuto del cane, caratterizzata da tosse e scolo oculo-nasale Malattia ad eziologia

Dettagli

EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE

EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE EPATITI ACUTE E CRONICHE IL CONCETTO DI EPATITE Epatite = epatocitonecrosi + flogosi in tutto il fegato EPATITE ACUTA CRONICA da varie cause EPATITI ACUTE: EZIOLOGIA NON INFETTIVA ALCOOL TOSSICI - funghi

Dettagli

ADATTAMENTO DEL NEONATO ALLA VITA EXTRAUTERINA

ADATTAMENTO DEL NEONATO ALLA VITA EXTRAUTERINA ADATTAMENTO DEL NEONATO ALLA VITA EXTRAUTERINA U.O.C. di NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE DIRETTORE: DOTT. FRANCESCO LOMBARDO OSPEDALE UMBERTO I - SIRACUSA ADATTAMENTO NEONATALE Per adattamento

Dettagli

VALVULOPATIE ANATOMIA VALVOLARE Le valvole cardiache sono le strutture che separano fra di loro le camere cardiache (atri e ventricoli) e queste ultime dai grandi vasi (aorta ed arteria polmonare). Le

Dettagli

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma?

Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Respiro sibilante e tosse nel bambino: è asma? Massimo Pifferi Emanuela De Marco Vincenzo Ragazzo Fisiopatologia Respiratoria e Allergologia - Clinica Pediatrica I Azienda Ospedaliera - Università di Pisa

Dettagli

Dott. Antonio Cualbu Direttore UOC Pediatria-TIN Ospedale S. Francesco ASL Nuoro

Dott. Antonio Cualbu Direttore UOC Pediatria-TIN Ospedale S. Francesco ASL Nuoro Dott. Antonio Cualbu Direttore UOC Pediatria-TIN Ospedale S. Francesco ASL Nuoro 1 Caso Clinico di DISPNEA FISIOPATOLOGIA RESPIRATORIA DELLA DISPNEA Si tratta dunque di un "sintomo"ovvero qualcosa avvertito

Dettagli

REGISTRO REGIONALE DI GRAVI EVENTI AVVERSI DERMATOLOGICI ATTRIBUIBILI A FARMACI. R E A C T - Lombardia. Case Record Form - Questionario

REGISTRO REGIONALE DI GRAVI EVENTI AVVERSI DERMATOLOGICI ATTRIBUIBILI A FARMACI. R E A C T - Lombardia. Case Record Form - Questionario REGISTRO REGIONALE DI GRAVI EVENTI AVVERSI DERMATOLOGICI ATTRIBUIBILI A FARMACI R E A C T - Lombardia Case Record Form - Questionario ospedale numero screening numero SJS/TEN AGEP HSS/DRESS ALTRO Questo

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia

Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia Cenni sulle più comuni malattie dell infanzia parotite epidemica Malattia virale acuta, sistemica, causata da un paramyxovirus che colpisce prevalentemente i bambini in età scolare. La principale manifestazione

Dettagli

IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo:

IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo: IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo: MEDICO: Nome: Indirizzo: Centro: Tel/Fax/E-mail: PAZIENTE: Nome: Data di nascita: Età: anni Peso: kg Altezza: cm Professione: Provenienza:

Dettagli

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012

SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE. RIPASSO anno 2012 SINTOMATOLOGIA E PATOLOGIE RIPASSO anno 2012 OBIETTIVI 1. RICONOSCERE I PRINCIPALI SINTOMI DELLE PRINCIPALI SINTOMATOLOGIE MEDICHI 2. IMPOSTARE IL GIUSTO TRATTAMENTO IMA SINTOMATOLOGIA? IMA Retrosternale,

Dettagli

Premessa. Le basi dello shock

Premessa. Le basi dello shock SHOCK Premessa Lo shock è una condizione patologica pericolosa per la vita del paziente, ad insorgenza più o meno rapida, che si sviluppa come conseguenza di diverse malattie o lesioni. Nel 1852 un chirurgo

Dettagli

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK FISIOPATOLOGIA dello SHOCK SHOCK O COLLASSO CARDIOCIRCOLATORIO insufficienza acuta del circolo periferico, causata da uno squilibrio tra massa liquida circolante e capacità del letto vascolare Si verificano:

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz INCIDENZA IN AUMENTO NEI PAESI OCCIDENTALI AUMENTO DELL ETA MEDIA AUMENTO SOPRAVVIVENZA ALL IMA INCIDENZA POPOLAZIONE GENERALE EUROPEA 0,4 % 2,0 % INCIDENZA OVER 75 anni 5 %

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone

Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache. Dott. Eliezer Joseph Tassone Compromissione respiratoria nelle malattie valvolari cardiache Dott. Eliezer Joseph Tassone Valvulopatie: l entità del problema Incremento del numero di persone appartenenti alle fasce di età più avanzata

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

La gestione di un caso di morbillo

La gestione di un caso di morbillo La gestione di un caso di morbillo Eziologia del morbillo L agente causale è un paramyxovirus (virus ad RNA) Il virus è rapidamente inattivato dal calore e dalla luce L uomo è l unico ospite Patogenesi

Dettagli

www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO.

www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO. www.pediatric-rheumathology.printo.it FEBBRE REUMATICA E ARTRITE REATTIVA DA STREPTOCOCCO. Che cosa è? La febbre reumatica è una malattia scatenata da un infezione streptococcica. La malattia può causare

Dettagli

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto DIPARTIMENTO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Salerno Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto Card iochiru rgia Dipartimento Cuore ANATOMIA DELLE

Dettagli

Manifestazioni cliniche della rosolia e della rosolia congenita

Manifestazioni cliniche della rosolia e della rosolia congenita Manifestazioni cliniche della rosolia e della rosolia congenita L. Chiandetti Dipartimento di Pediatria - Padova Corso Regionale sulla Rosolia Congenita e nuove strategie di Prevenzione Padova, 11 giugno

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

COMPLICANZE RESPIRATORIE

COMPLICANZE RESPIRATORIE ATELETTASIA: collasso di gruppi di alveoli che continuano ad essere vascolarizzati (ma non sono più ventilati! Quindi c è un alterazione degli scambi O2/CO2) Più l atelettasia dura nel tempo, più difficile

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI

DIABETE E GRAVIDANZA. SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI DIABETE E GRAVIDANZA SASSUOLO 3 dicembre 2011 ESITI PERINATALI ALESSANDRO VOLTA Alessandro.Volta@ausl.re.it ottenere la stessa mortalità e morbosità perinatale dei nati da madre senza diabete Inizio 900

Dettagli

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido

INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE. Inserimento al nido Servizio Igiene e Sanità Pubblica INDICAZIONI PER IL CONTROLLO E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE NELLE SCUOLE Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell Azienda ULSS 9 di Treviso, ha ritenuto opportuno

Dettagli

Sospetto di endocardite infettiva

Sospetto di endocardite infettiva 213 Capitolo 24 Sospetto di endocardite infettiva Nonostante l introduzione di nuovi e sempre più specifici test diagnostici e l avvento di antibiotici di nuova generazione e tecniche chirurgiche migliori,

Dettagli

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN

Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Gestione dell Asma in primary care: raccomandazioni della Linea Guida SIGN Diagnosi clinica di Asma nell adulto Dott.ssa Andreina Boschi - specialista in pneumologia. medico di medicina generale Asma:

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera MALORI IMPROVVISI PERDITE DI SENSI MALORI DOVUTI A DISTURBI DEL S.N. MALORI PER CAUSE AMBIENTALI 1. Perdite di coscienza transitorie Lipotimia (debolezza con o senza perdita coscienza) Sincope (improvvisa

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it 1

scaricato da www.sunhope.it 1 INSUFFICIENZA RESPIRATORIA Situazione clinico-laboratoristica laboratoristica complessa, di vario livello ed entità, espressione di una utilizzazione endocellulare dell ossigeno non rispondente alle esigenze

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE AREA SUD MILANESE Opera Lo shock Lo shock è uno stato di sofferenza dell organismo, grave e progressivo, potenzialmente mortale, dovuto a ridotta perfusione ai tessuti, in seguito a caduta della Pressione Arteriosa che

Dettagli

L URGENZA MEDICA IN REPARTO

L URGENZA MEDICA IN REPARTO L URGENZA MEDICA TRA PRONTO SOCCORSO E REPARTO Domande e risposte L URGENZA MEDICA IN REPARTO Paola Marvasi URGENZA STABILIZZATA IN PS URGENZA CHE SI MANIFESTA IN REPARTO: Sepsi severa shock Insufficienza

Dettagli

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita

Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita Scheda di notifica di caso di sindrome/infezione da rosolia congenita (riservato al Ministero della Salute) Codice identificativo Regione Provincia Comune Sezione 1 - INFORMAZIONI ANAGRAFICHE del PAZIENTE

Dettagli

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1

Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Herpesviridae: Malattia nel cane - CaHV1 Eziologia CaHV1 Genoma DNA, lineare, doppia elica, simmetria icosaedrica 162 capsomeri Dimensioni 120-200 nm Colture cellule omologhe, testicolari, macrofagi replica

Dettagli

FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO RESPIRATORIO Anatomia Funzioni VIE AEREE SUPERIORI: Cavità nasali, nasofaringe, laringe, trachea, grossi bronchi, bronchi medi, piccoli bronchi, bronchioli terminali. VIE AEREE

Dettagli

LE MALATTIE ESANTEMATICHE. www.fisiokinesiterapia.biz

LE MALATTIE ESANTEMATICHE. www.fisiokinesiterapia.biz LE MALATTIE ESANTEMATICHE www.fisiokinesiterapia.biz Definizione: Sono malattie infettive (virus, batteri) caratterizzate da: alta contagiosità comparsa di elementi cutanei caratteristici in gran numero

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Sintomi e segni legati all apparato cardiocircolatorio: - dispnea, tachipnea - dolore precordiale (=in regione del cuore) - dolore toracico, dolore alla spalla

Dettagli

Gli obiettivi del secondo modulo possono essere così riassunti: Identificare le cause principali e fornire una stima epidemiologica delle forme più

Gli obiettivi del secondo modulo possono essere così riassunti: Identificare le cause principali e fornire una stima epidemiologica delle forme più 1 Gli obiettivi del secondo modulo possono essere così riassunti: Identificare le cause principali e fornire una stima epidemiologica delle forme più diffuse di rinite acuta Evidenziare come il raffreddore,

Dettagli

Caso clinico. S. Bernasconi e C. Volta. Dipartimento Età Evolutiva Università di Parma. sbernasconi@ao.pr.it

Caso clinico. S. Bernasconi e C. Volta. Dipartimento Età Evolutiva Università di Parma. sbernasconi@ao.pr.it Caso clinico S. Bernasconi e C. Volta Dipartimento Età Evolutiva Università di Parma sbernasconi@ao.pr.it Asia G. Età cronologica: 3 anni 2/12 SINTOMATOLOGIA - febbre persistente per circa 10 giorni -

Dettagli

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita

Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Sito dell Assessorato alla tutela della salute e sanità www.regione.piemonte.it/sanita Non farti influenzare Contro l A/H1N1 scegli la prevenzione www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni:

Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco / Insufficienza cardiaca. Definizioni: Scompenso cardiaco: Stato fisiopatologico nel quale il cuore è incapace di pompare sangue nella misura dei bisogni metabolici in condizioni di

Dettagli

Comitato Locale Catania Hinterland

Comitato Locale Catania Hinterland Comitato Locale Catania Hinterland LEZIONE N 6 Apparato respiratorio Turbe del respiro Apparato cardiocircolatorio Turbe del sistema cardiocircolatorio LA CELLULA nucleo ribosomi citoplasma mitocondrio

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari

www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Patologie polmonari GROUND GLASS LESIONI ELEMENTARI Aumento della densità del parenchima polmonare con visualizzazione dei bronchi e dei vasi sottostanti: ISPESSIMENTO DELL INTERSTIZIO

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

Croce Rossa Italiana LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI

Croce Rossa Italiana LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI Croce Rossa Italiana FUNZIONI VITALI LE FUNZIONI VITALI XI CORSO BASE PRIMO SOCCORSO ASPIRANTI VOLONTARI Croce Rossa Italiana FUNZIONI VITALI La vita di un organismo è assicurata da TRE funzioni essenziali

Dettagli

Tetralogia di Fallot

Tetralogia di Fallot Tetralogia di Fallot Mortalità 0-5% - sindromici,, anomalie associate Reinterventi 10% (?) - Insufficienza polmonare - Stenosi residue / ricorrenti - DIV residuo - Endocarditi - Aritmie (blocco AV 2%)

Dettagli

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN

IN UN CICLO RESPIRATORIO SI HA UNA DIMINUZIONE DI OSSIGENO ED UN AUMENTO DI ANIDRIDE CARBONICA. CORSO OSS DISCIPLINA: PRIMO SOCCORSO MASSIMO FRANZIN PRIMO SOCCORSO PATOLOGIE RESPIRATORIE ANATOMIA E FISIOLOGIA LA FUNZIONE PRINCIPALE DELL APPARATO RESPIRATORIO È DI FORNIRE AI TESSUTI UN SUFFICIENTE APPORTO DI OSSIGENO PER SODDISFARNE LE RICHIESTE ENERGETICHE

Dettagli

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria

Il bambino con faringo-tonsilliti. Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Il bambino con faringo-tonsilliti Fabio Midulla Dipartimento di Pediatria Visite Pediatriche (n 27861) presso la UOC DEAp (1 Gennaio 2012 31 Dicembre 2012) 50,0% GASTROENTEROLOGIA RESPIRATORIO 40,0% MALATTIE

Dettagli

Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Corso di Laurea in INFERMIERISTICA Disciplina: MALATTIE INFETTIVE Docente: Prof. Paolo GROSSI Varese Prof. Luigi PUSTERLA Como Prof.ssa Claudia Giuseppina ZEROLI Busto Arsizio Modalità di diffusione delle malattie infettive: trasmissione

Dettagli

S.C. Igiene e Sanità Pubblica

S.C. Igiene e Sanità Pubblica Informazioni sulle vaccinazioni dalla nascita ai due anni S.C. Igiene e Sanità Pubblica vaccino Poliomielite Epatite B Difterite Tetano Pertosse Emofilo Pneumococco Meningococco B *vedi nota alla nascita

Dettagli

Disabilità reumatologiche SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA

Disabilità reumatologiche SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA SCLERODERMIA SCLEROSI SISTEMICA SCLERODERMIA SCLERODERMIA - Polmoni - Apparato digerente - Cuore - Reni SCLERODERMIA - incidenza SCLERODERMIA - cause AUTOIMMUNITA SCONOSCIUTE MULTIFATTORIALI PREDISPOSIZIONE

Dettagli

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto DIPARTIMENTO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Salerno Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto Cardiochirurgia Dipartimento Cuore dr. Antonio Panza

Dettagli

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della

Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della Dopo la ventilazione alveolare, il passaggio successivo del processo respiratorio consiste nella diffusione dell O 2 dagli alveoli al sangue e della CO 2 in direzione opposta. L aria che respiriamo è una

Dettagli

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

DISTURBI METABOLICI. Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna DISTURBI METABOLICI Modulo 1 Lezione C Croce Rossa Italiana Emilia Romagna IL PANCREAS Funzione esocrina: supporto alla digestione Funzione endocrina: produzione di due ormoni: insulina e glucagone I due

Dettagli

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE 1.1 Apparato circolatorio L apparato cardiocircolatorio è assimilabile ad un circuito idraulico, in cui la pompa è il cuore, arterie e vene sono le condutture ed il liquido circolante è il sangue. La circolazione

Dettagli

DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI

DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI M. Landi DEFINIZIONI E CLASSIFICAZIONI 44% bambini sani di età < 5 anni possono presentare linfonodi palpabili in sede cervicale, ascellare ed inguinale. 24% neonati sani con linfonodi palpabili in sede

Dettagli

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche LO SHOCK Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche Obiettivi Identificare un bambino in stato di shock Differenziare lo shock compensato da quello scompensato Saper porre

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica I TIPO DI ATTIVITÀ

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica I TIPO DI ATTIVITÀ FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 01/014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA MAGISTRALE) Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia. Chirone INSEGNAMENTO/CORSO INTEGRATO Patologia Sistematica

Dettagli

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE

vasodilatazione e/o bradicardia > riduzione della PA > ipoafflusso cerebrale - CARDIOINIBITORIE - VASODEPRESSIVE - MISTE Gruppo eterogeneo di condizioni, nelle quali i riflessi cardiovascolari, utilizzati normalmente nel controllo della circolazione diventano momentaneamente inappropriati, in risposta ad una causa scatenante

Dettagli

La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali

La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali La Sindrome Obesità-Ipoventilazione e le Ipoventilazioni Centrali Dott. Francesco Carbone II Corso multidisciplinare di aggiornamento La Sindrome delle Apnee Notturne: una sfida diagnostico terapeutica

Dettagli