Perioperative management of diabetes mellitus Khan NA, e al. UpToDate 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perioperative management of diabetes mellitus Khan NA, e al. UpToDate 2013"

Transcript

1 La nutrizione enterale e parenterale nel diabetico operato Donatella Noè UO di Dietologia e Nutrizione Clinica AO Ospedale San Carlo Borromeo - Milano

2 Circa 10% dei pazienti ospedalizzati è affetto da diabete mellito 85% da diabete di tipo 2 con insulino-resistenza (variabile entità) Influenze negative sul metabolismo glucidico, lipidico, idroelettrolitico e proteico Compromissione anche della massa alipidica (o massa magra) dell organismo Nutrizione Artificiale nel paziente diabetico LG SINPE per la Nutrizione Artificiale Ospedaliera

3 PAZIENTI DIABETICI aumentata incidenza di patologie che possono richiedere interventi chirurgici 50% probabilità di essere sottoposti ad interventi nel corso della vita 20% circa i pazienti chirurgici con diabete rischio perioperatorio di morbilità / mortalità cardiovascolare e infettivo Perioperative management of diabetes mellitus Khan NA, e al. UpToDate 2013

4 Stress intervento chirurgico / anestesia Iperglicemia Chetosi Compromissione Stato Nutrizionale risposta neuroendocrina rilascio di ormoni controregolatori (catecolamine, glucagone, cortisolo, GH) e di citochine proinfiammatorie (interleuchina-6 e TNF-a) stato catabolico con insulino resistenza, ridotta utilizzazione periferica del glucosio, compromissione della secrezione insulinica, aumento lipolisi e catabolismo proteico Perioperative management of diabetes mellitus Khan NA, e al. UpToDate 2013

5 NUTRIZIONE ARTIFICIALE

6 Secondo le linee guida nazionali ed internazionali La prima indicazione alla Nutrizione Artificiale (NA) è in assoluto dare vita e qualità di vita a chiunque, in fase acuta o cronica, risulti impossibilitato ad alimentarsi in modo completo e congruo per os e/o ad assorbire ed utilizzare i nutrienti assunti

7 INDICAZIONI ALLA NUTRIZIONE ARTIFICIALE (NA) Incapacità ad assumere cibo o assorbire nutrienti in modo adeguato alle specifiche esigenze nutrizionali per un periodo di 5 giorni con Malnutrizione severa o moderata (calo ponderale > 10 % negli ultimi 3-6 mesi) Stato nutrizionale normale ma previsione di inadeguato apporto calorico per os (< 50% fabb.) per almeno 10 gg Pazienti ipercatabolici gravi (perdita azotata > 15 g/die) o moderati (perdita azotata >11 e <15 g) ma con previsione di digiuno > 7 gg

8 Il PAZIENTE NON si ALIMENTA per OS INTROITO < 50% del FABBISOGNO UUN > 15 g/die UUN g/die UUN < 10 g/die Peso > 10% Peso > 10% DIGIUNO PREVISTO >7 gg DIGIUNO PREVISTO >5 gg DIGIUNO PREVISTO >10 gg NECESSITA di SUPPORTO METABOLICO - NUTRIZIONALE

9 NA (Parenterale / Enterale) nel DIABETICO utilizzata di frequente nei pazienti malnutriti o critici TPN iperglicemia / insulina per mantenere il controllo glicemico

10 Linee guida SINPE per la Nutrizione Artificiale Ospedaliera 2002 Nutrizione Artificiale nel paziente diabetico Nutrizione Artificiale e compenso glicometabolico Raccomandazioni: 1. La NA,, enterale o parenterale, va iniziata nel paziente diabetico, dopo una sufficiente normalizzazione dell equilibrio glicometabolico (B)..soltanto quando la glicemia è a valori < 200 mg/dl 2. Il paziente diabetico in NA è a maggiore rischio di complicanze metaboliche e settiche, soprattutto se in NP (B).

11 Raccomandazioni sul trattamento insulinico dell iperglicemia nei pazienti in Nutrizione Artificiale

12 NUTRIZIONE ENTERALE O NUTRIZIONE PARENTERALE

13 If the gut works, use it... Nutrizione Enterale.. ma quando? Timing

14 Linee guida A.S.P.E.N: 2010 Enteral Nutrition Recommendations Medically stable patients: nutrition support should be initiated if inadequate oral intake is expected for a 7 to 14 days period Critically ill patients: optimal timing unclear but current evidences suggest EN within 24 to 48 hrs post operatively or following injury

15 Anche il DIGIUNO è una scelta.. gli effetti negativi del digiuno non sono dovuti semplicemente al digiuno per sé, ma sono dovuti all intestino che digiuna...

16 la nutrizione per os o la NE supportano l integrità dell epitelio intestinale funzionale e strutturale stimolano la contrattilità intestinale e il rilascio di sali biliari e di altri agenti che hanno effetto trofico per l intestino come gastrina, motilina e bombesina...

17 buona contrattilità batteri nell intestino prossimale inibizione della colonizzazione da parte di microrganismi patogeni fermentazione delle fibre prebiotiche SCFA down-regolazione stress ossidativo della risposta infiammatoria e dello NE stimola il flusso ematico all intestino e supporta il sistema immunitario (effetto antinfiammatorio)

18 NE o NPT? La scelta deve privilegiare la NE in assenza di controindicazioni Apporto calorico minimo per os non a scopo nutrizionale ma trofico per l enterocita (integrazione NE con NP)

19 Standards for Nutrition Support: Adult Hospitalized Patients ASPEN 2010

20 NE è superiore a NP in termini di outcomes clinici LG ASPEN 2010 NE nel paziente diabetico La NE è l opzione preferibile anche nel paziente diabetico. LG SINPE

21 INDICAZIONI alla NPT = CONTROINDICAZIONI alla NE Occlusione o subocclusione intestinale Vomito intrattabile Diarrea severa Ileo paralitico Grave alterazione della funzione intestinale (enteropatie insufficienza della superficie assorbente) Fistole enteriche ad alta portata (output > 500 cc/die) Ischemia intestinale cronica Intolleranza alla NE

22 FABBISOGNI NUTRIZIONALI

23 Identificazione dei Fabbisogni Nutrizionali dipende dallo stato nutrizionale dallo stato metabolico dalla patologia e dalle relative terapie considerare le condizioni cliniche che possono modificare il grado di tolleranza ai vari substrati limitata dalla capacità di metabolizzare i substrati

24 Linee guida SINPE per la Nutrizione Artificiale Ospedaliera 2002

25 APPORTO CALORIE non PROTEICHE ed AZOTO in presenza di patologie d organo Insufficienza d organo CALORIE Kcal/kg/die PROTEINE gr/kg/die AZOTO g /Kg/die Range Step Range Step Range Step Nessuna ,5 0,3 0,16 0,35 0,0505 Renale acuta ,6 1,2 0,15 0,05 0,15 0,025 Epatica ,8 1,5 0,15 0,05 0,15 0,025 Cardiocircolatoria ,5 1 2,5 0,3 0,16 0,35 0,05 Respiratoria ,5 1 2,5 0,3 0,16 0,35 0,05

26 CARBOIDRATI max 6-7 g/kg/die: es. sogg di 50 kg gr/die Paziente critico (iperglicemia): < 5 g/kg/die per via ev.: es. sogg di 50 kg 250 gr/die Paziente diabetico in condizioni di stabilità: 4-5 g/kg/die per via ev. LIPIDI max 2,5 g/kg/die Paziente critico: non superare 1 g/kg/die per via ev. Paziente diabetico: 1 1,5 g/kg/die per via ev.

27 Linee guida SINPE per la Nutrizione Artificiale Ospedaliera 2002 Nutrizione Artificiale nel paziente diabetico Nel paziente diabetico in NA occorre porre particolare attenzione alla composizione in macronutrienti (e micronutrienti) della miscela nutrizionale, sia in Nutrizione Enterale (NE) che Parenterale (NP).

28 Linee guida SINPE per la Nutrizione Artificiale Ospedaliera 2002 Nutrizione Artificiale nel paziente diabetico La Dietetica del Diabete suggerisce due possibili alternative: la dieta normoglicidica,, che utilizza carboidrati complessi e un apporto generoso di fibre vegetali non idrosolubili; oppure la dieta relativamente iperlipidica che utilizza soprattutto acidi grassi monoinsaturi (olio di oliva). Quest ultima sembra essere più efficace nel controllo della lipidemia, poiché evita l incremento delle concentrazioni sieriche di VLDL e la riduzione delle HDL che si può osservare con la dieta normoglucidica.

29 Linee guida SINPE per la Nutrizione Artificiale Ospedaliera 2002 Nutrizione Artificiale nel paziente diabetico NUTRIZIONE ENTERALE Le diete formula proposte per la nutrizione enterale nel paziente diabetico,. hanno un variabile apporto di: Lipidi dal 48% circa (MUFA) al 31% Carboidrati dal 36 al 55%. Polisaccaridi con un apporto limitato, dal 6 al 15% circa, di fruttosio. Le fibre vegetali sono polisaccaridi della soia o idrolisati di guar, trattati per ridurne la viscosità, alla dose di 15 g per 1000 Kcal.

30 Linee guida SINPE per la Nutrizione Artificiale Ospedaliera 2002 Nutrizione Artificiale nel paziente diabetico Le diete formula patologia-specifiche meglio studiate sono quelle con elevato contenuto lipidico,, costituito prevalentemente da acidi grassi monoinsaturi.

31 DIABETE MUFA s (ac grassi monoinsaturi), fruttosio, fibra Formule specifiche vs standard > contenuto in grassi (40 50% dell'energia) - con 60% di MUFA > quota glucidica (35 40% dell'energia) - con circa il 15% di fruttosio ricche in fibre solubili Miglior controllo glicemico ritardato svuotamento gastrico (grassi e fibra) Elia M. Diabetes Care Med 2005; 28(9) rallentato assorbimento dei carboidrati (fibra) ridotta risposta glicemica (fruttosio)

32 American Diabetes Association. Nutrition Recommendations and Intervention for Diabetes. A position statement of the American Diabetes Association. Diabetes Care 2008, 31:S61-S78S78 non evidenze cliniche per impiego esclusivo di tali formule nel paziente diabetico possono essere usate sia formulazioni standard (50% di CHO) che a basso tasso glicemico (33-44%) raccomandazione di evitare l' overfeeding e l'iperglicemia bisogno energetico Kcal/kg al dì il fruttosio attenua la risposta glicemica può peggiorare profilo lipemico (effetto ipertrigliceridemizzante) può aumentare il rischio di acidosi lattica Attenzione nel paziente critico a formule ricche in fruttosio

33 A.S.P.E.N. Clinical Guidelines Nutrition Support of Adult Patients With Hyperglycemia

34 A.S.P.E.N. Clinical Guidelines Nutrition Support of Adult Patients With Hyperglycemia Question: Should diabetes-specific specific enteral formulas be used for hospitalized patients with hyperglycemia? Recommendation: We cannot make a recommendation at this time. Grade: Further research needed

35 Linee guida SINPE per la Nutrizione Artificiale Ospedaliera 2002 Nutrizione Artificiale nel paziente diabetico NUTRIZIONE PARENTERALE 30% pazienti in NP è diabetico, spesso con problemi..chirurgici....capacità di utilizzazione dei lipidi non è ridotta.. la composizione della miscela nutrizionale (rapporto glucosio/ lipidi) non si discosta molto da quella dei pazienti non diabetici La NP deve garantire almeno g di glucosio pro die In rapporto al compenso glicemico si può aumentare l apporto di glucosio di 50 g/die.

36 Linee guida SINPE per la Nutrizione Artificiale Ospedaliera 2002 Nutrizione Artificiale nel paziente diabetico NP nel paziente diabetico apporto di glucosio, in condizioni di stabilità 4-5 g/kg/die lipidi g/kg/die. dosaggi nei pazienti diabetici con patologie acute e stato ipercatabolico medio-grave proteine sostanzialmente normale g/kg di peso ideale. in condizioni ipercataboliche iniziare NP solo quando la glicemia è < 200 mg/dl. Se la glicemia è più elevata, va prima ricondotta a valori < 200 mg/dl con opportuna terapia insulinica

37 goals del perioperatorio nel diabetico Mantenimento dell equilibrio idro-elettrolitico Prevenzione della chetoacidosi Evitare importanti squilibri glicemici: marcata iperglicemia ipoglicemia Perioperative management of diabetes mellitus Khan NA, e al. UpToDate 2013

38 Recommendations: Diabetes Care in the Hospital (2) Goals for blood glucose levels Critically ill patients: Initiate insulin therapy for treatment of persistent hyperglycemia starting at a threshold of no greater than mg/dl ( mmol/l) (A) More stringent goals, such as mg/dl ( mmol/l) may be appropriate for selected patients, if achievable without significant hypoglycemia (C) Critically ill patients require an IV insulin protocol with demonstrated efficacy, safety in achieving desired glucose range without increasing risk for severe hypoglycemia (E) ADA. IX. Diabetes Care in Specific Settings. Diabetes Care. 2013;36(suppl 1):S45.

39 A.S.P.E.N. Clinical Guidelines Nutrition Support of Adult Patients With Hyperglycemia Question. What is the desired blood glucose goal range in adult hospitalized patients receiving nutrition support? Recommendation: We recommend a target blood glucose goal range of mg/dl ( mmol/l). Grade: Strong Rationale: Hyperglycemia is associated with increased mortality in hospitalized patients... Earlier studies showed. a reduction in mortality..blood glucose. below 110 mg/dl (6.1 mmol/l). However, more recent large clinical trials..found a higher mortality in patients treated with intensive treatment compared with those treated to a target blood glucose range of mg/dl ( mmol/l) hypoglycemia associated with aggressive treatment in the more recent studies is one likely explanation...

40 Diabetes Care in the Hospital: NICE-SUGAR Study (2) In both surgical/medical patients, 90-day mortality significantly higher in intensively treated vs conventional group (target mg/dl) Severe hypoglycemia more common (6.8% vs 0.5%; P<0.001) Findings strongly suggest may not be necessary to target blood glucose levels <140 mg/dl; highly stringent target of <110 mg/dl may be dangerous ADA. IX. Diabetes Care in Specific Settings. Diabetes Care. 2013;36(suppl 1):S46.

41 Hyperglycemia and Perioperative Glucose Management Duncan AE - Curr Pharm Des, 2012 Intensive versus Conventional Glucose Control in Critically Ill Patients The NICE-SUGAR Study Investigators, NEJM 2009 Probability of Survival and Odds Ratios for Death, According to Treatment Group hazard ratio, 1.11; 95% confidence interval, 1.01 to 1.23; P = 0.03

42 Hyperglycemia and Perioperative Glucose Management Duncan AE - Curr Pharm Des, 2012

43 TRIALOGUE La gestione dell iperglicemia in area medica. Istruzioni per l uso Gestione dell iperglicemia nel paziente critico Raccomandazione 12: Il protocollo per infusione di insulina va sempre applicato per valori glicemici almeno superiori a 200 mg/dl e in caso di grave instabilità glicemica. Commento: infondere insulina umana regolare in soluzione fisiologica o glucosata al 5% con eventuale aggiunta di KCl secondo necessità, per via endovenosa tramite pompa di infusione, separatamente da altre infusioni. Per esempio: insulina regolare 50 U (0,5 cc) + fisiologica 49,5 cc in pompa-siringa da 50 cc (1 cc = 1 U) oppure insulina regolare 100 U in fisiologica 100 cc in pompa a ml/h (11 cc = 1 U)

44 TRIALOGUE La gestione dell iperglicemia in area medica. Istruzioni per l uso Gestione dell iperglicemia nel paziente critico Raccomandazione 17: L alimentazione sia NPT sia NE deve essere somministrata preferibilmente in continuo...per valori glicemici >250 mg/dl iniziare l infusione venosa continua di insulina...soggetti iperglicemici in NA possono essere trattati con la somministrazione di una o due dosi/die di analogo lento,, con aggiustamenti delle dosi in base ai valori glicemici del mattino e della sera. La NA deve essere mantenuta in infusione continua (24 ore) per evitare ipoglicemie

45 NUTRIZIONE ENTERALE Dose iniziale di insulina calcolata sulla media della quantità somministrata nei 2 giorni precedenti NE in continuo: Dose totale giornaliera di insulina: somministrazione unica di Glargine o 2 somministrazioni di Detemir o NPH se NE interrotta improvvisamente rischio di ipoglicemia. Più sicuro: 50% insulina basale + 50% insulina rapida ogni 4 o 6 ore NE a boli: Schema simile con 50% insulina basale + 50% suddivisa equamente ai pasti (boli). Se necessario effettuare correzioni con l insulina prandiale Management of diabetes mellitus in hospitalized patientsdk McCulloch, SE Inzucchi UpToDate 2013

46 NUTRIZIONE PARENTERALE generalmente l insulina è somministrata con la NPT per determinare la dose corretta inizialmente infusione in pompa di insulina regolare al raggiungimento del target glicemico: calcolare la dose totale giornaliera di insulina aggiungere l 80% in sacca per NP effettuare successivi aggiustamenti in base al monitoraggio del glucosio Management of diabetes mellitus in hospitalized patientsdk McCulloch, SE Inzucchi UpToDate 2013

47 Linee guida SINPE per la Nutrizione Artificiale Ospedaliera 2002 Nutrizione Artificiale nel paziente diabetico NP nel paziente diabetico La NP deve garantire almeno g di glucosio pro die nella sacca vanno aggiunti, al momento dell infusione, almeno unità di insulina pronta per 10 g di glucosio; si può anche ricorrere ad insulina pronta sottocute o endovena con pompa a siringa (soprattutto nel paziente critico) (B). In rapporto al compenso glicemico si può aumentare l apporto di glucosio di 50 g/die stabilizzatosi l equilibrio glicometabolico, si può ricorrere ad insulina ad azione intermedia sottocute (C).

48 Protocollo per la gestione del paziente diabetico, che necessita di terapia insulinica, nel post-operatoriooperatorio UO di Diabetologia AO Osp. San Carlo Borromeo Controllo Dtx ogni 3 ore Dtx tra 201 e 250 HUMULIN R 5 U ev Dtx tra 251 e 300 HUMULIN R 8 U ev Dtx tra 301 e 350 HUMULIN R 13 U ev

49 Algoritmo per regolare velocità di infusione dell insulina con pompa-siringa - protocollo ARDEA AO Osp. San Carlo Borromeo Variazione oraria della glicemia rispetto alla glicemia precedente Glicemia attuale (mg/dl) > 200 Glicemia aumentata Glicemia invariata o diminuita di 1-25 mg/dl Glicemia diminuita più di 1-25 mg/dl Glicemia aumentata più di 25 mg/dl Glicemia aumentata 1-25 mg/dl o invariata o diminuita di 1-25 mg/dl Glicemia diminuita di mg/dl Glicemia diminuita più di 50 mg/dl Glicemia aumentata oltre 50 mg/dl Glicemia aumentata di 1-50 mg/ o invariata Glicemia diminuita di 1-50 mg/dl Glicemia diminuita di mg/dl Glicemia diminuita più di 75 mg/dl Glicemia aumentata Glicemia invariata o diminuita di 1-25 mg/dl Glicemia diminuita di mg/dl Glicemia diminuita di mg/dl Glicemia diminuita più di 100 mg/dl Come variare la velocità di infusione Aumentare infusione secondo colonna B Aumentare l infusione secondo colonna A Infusione invariata Ridurre l infusione secondo colonna A Stop per 30, riprendere poi l infusione ridotta secondo colonna B Velocità attuale di infusione dell insulina (U/h = ml/h) Variazione della velocità di infusione (U/h = ml/h) A B < 3 0, ,5 1, ,5 14, ,5 19, ,5 24,5 4 8 > (cons. medico)

50 TRIALOGUE La gestione dell iperglicemia in area medica. Istruzioni per l uso Gestione dell iperglicemia nel paziente critico Raccomandazione 16: Alla ripresa dell alimentazione si attua lo schema di transizione alla terapia sottocute. Metodo: si calcola la dose di insulina e.v. infusa nelle ultime 12 ore e la si moltiplica per 2 per ottenere il fabbisogno di U/die. Il 50% del fabbisogno insulinico viene somministrato sottocute sotto forma di analogo lento serale (con sospensione dell infusione ev. in pompa due ore dopo). Il 50% del fabbisogno insulinico viene somministrato ai pasti come analogo rapido secondo lo schema basal-bolus.

51 Grazie dell attenzione!

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso

NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA. Dott. Adolfo Affuso NUTRIZIONE IN TERAPIA INTENSIVA Dott. Adolfo Affuso La nutrizione artificiale è parte integrante della terapia del paziente Un adeguato apporto nutrizionale migliora l outcome del malato INDICAZIONI ALLA

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU

La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica. Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU La Gestione del Paziente Diabetico in Area Critica Cinzia Barletta, MD,PhD MCAU S Eugenio, Roma Segretario Nazionale SIMEU Stretto controllo glicemia nei pazienti Critici Intensive insulin therapy in critically

Dettagli

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Questo modulo è proposto in versione ridotta a scopi dimostrativi! e non rappresenta l effettiva durata del prodotto finale Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Stefania Agrigento

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

La gestione del Diabete. Giuseppe Marelli

La gestione del Diabete. Giuseppe Marelli La gestione del Diabete nel post-intervento Giuseppe Marelli Dichiaro sotto la mia responsabilità che negli ultimi due anni ho avuto i seguenti rapporti diretti di finanziamento con soggetti portatori

Dettagli

Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione

Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione Fisiopatologia della Nutrizione e Diagnosi di Malnutrizione Francesco Lombardi Riabilitazione Neurologica Intensiva Ospedale S. Sebastiano di Correggio AUSL di RE Malnutrizione = Terapia sbagliata non

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico

La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico La gestione dell iperglicemia nel paziente ospedalizzato non critico IPERGLICEMIA IN OSPEDALE La gestione del diabete e in genere dell iperglicemia in ospedale è considerata spesso di secondaria importanza

Dettagli

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE

NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE RIF. DESCRIZIONE PRODOTTO CONFEZ.TO POZZUOLI ISCHIA GIUGLIANO FRATTA.RE TERRITORIO TOTALE NUTRIZIONE ENTERALE DIETE POLIMERICHE DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA, NORMOCALORICA, PRIVA DI FIBRE, GUSTI VARI 250 ML CA 1 381 200 100 681 DIETA LIQUIDA COMPLETA, AD ELEVATA PALATABILITA,

Dettagli

Glucerna Select 1.0 1.2. Gold Standard nella Nutrizione Enterale del paziente con diabete o iperglicemia da stress

Glucerna Select 1.0 1.2. Gold Standard nella Nutrizione Enterale del paziente con diabete o iperglicemia da stress Glucerna Select 1. & 1.2 Gold Standard nella Nutrizione Enterale del paziente con diabete o iperglicemia da stress La Variabilita Glicemica un importante fattore di Come agisce la Variabilità Glicemica

Dettagli

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE

IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE IL PAZIENTE DIABETICO / IPERGLICEMICO ALL INGRESSO IN OSPEDALE Classificazione dell Iperglicemia in Ospedale 1) Diabete mellito noto diabete diagnosticato e trattato prima del ricovero 2) Diabete mellito

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE 10 17 APRILE 2013

OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE 10 17 APRILE 2013 OSPEDALE EVANGELICO INTERNAZIONALE 10 17 APRILE 2013 DOTT.SSA MICHELA BARISIONE DIETISTA DOTT.SSA CHIARA FENATI DIETISTA LA DIETA NEL DIABETE COME COMPONENTE TERAPEUTICA FONDAMENTALE COMPONENTE ESSENZIALE

Dettagli

Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO

Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Cenni di Nutrizione Artificiale (N.A.) LINEE GUIDA NUTRIZIONALI IN AMBITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO NUTRIZIONE ARTIFICIALE E una procedura terapeutica mediante la quale è possibile soddisfare i bisogni

Dettagli

IPOGLICEMIA/IPERGLICEMIA IN OSPEDALE: GESTIONE INFERMIERISTICA

IPOGLICEMIA/IPERGLICEMIA IN OSPEDALE: GESTIONE INFERMIERISTICA IPOGLICEMIA Bellini Elisa Azienda Ospedaliera Sant'Anna - Como Presidio Ospedaliero Cantù-Mariano Comense Struttura di Mariano Comense Direttore della scuola formatori OSDI COMO 14 15 GIUGNO 2013 HOTEL

Dettagli

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia

L anziano. Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia Terapia del diabete tipo 2: un algoritmo basato su efficacia e farmaco-economia L anziano Edoardo Guastamacchia Università degli Studi di Bari A. Moro I diabetici over 65 sono oltre 1.5 milioni, entro

Dettagli

Nutrizione parenterale in Urgenza

Nutrizione parenterale in Urgenza 1 Nutrizione parenterale in Urgenza 1 Carmelo D'Amato M.D. 2 Nutrizione Parenterale Rientra nelle due forma di nutrizione artificiale Enterale Parenterale 2 3 Nutrizione Artificiale Somministrazione guidata

Dettagli

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA

DIABETE MELLITO. Organi danneggiati in corso di diabete mellito INSULINA DIABETE MELLITO Il diabete mellito è la più comune malattia endocrina: 1-2% della popolazione E caratterizzato da : -alterazione del metabolismo del glucosio -danni a diversi organi Complicanze acute:

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO.

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO. RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO. Introduzione Le ultime raccomandazioni nutrizionali italiane per il trattamento del diabete mellito sono state stilate nel 1990 dal

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO ALLA SANITA RETE DELLE STRUTTURE DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA PROCEDURA DI SCREENING DELLA MALNUTRIZIONE PER PAZIENTI ADULTI OSPEDALIZZATI Premessa All ammissione in ospedale

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

nutrizione enterale specifica per il diabete

nutrizione enterale specifica per il diabete Una formula per la nutrizione enterale specifica per il diabete () migliora la Variabilità Glicemica nei pazienti con diabete di tipo 2 Considerazioni su: Alish CJ et al. A Diabetes-Specific Enteral Formula

Dettagli

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS LOTTO A ALLEGATO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS Lotto 1/A CIG 628875901A Dieta Polimerica Standard Dieta enterale pronta all'uso, per sonda, polimerica standard, liquida,

Dettagli

Dietista Anna Battistin Dipartimento A.I.S. per la Salute della Donna e del Bambino - Azienda Ospedaliera di Padova

Dietista Anna Battistin Dipartimento A.I.S. per la Salute della Donna e del Bambino - Azienda Ospedaliera di Padova NUTRIZIONE ENTERALE NEL BAMBINO CRITICO 13 novembre 2014 Dietista Anna Battistin LA REALTA PEDIATRICA I pazienti pediatrici rappresentano una popolazione particolarmente vulnerabile, con specifiche necessità

Dettagli

Le complicanze acute: l ipoglicemia la sindrome iperosmolare la chetoacidosi

Le complicanze acute: l ipoglicemia la sindrome iperosmolare la chetoacidosi Le complicanze acute: l ipoglicemia la sindrome iperosmolare la chetoacidosi Paziente diabetico con accesso in PS: Indicazioni all ospedalizzazione. Hospital Admission Guidelines for Diabetes Complicanze

Dettagli

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2

Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Il valore dell autocontrollo glicemico come strumento gestionale nell ottimizzazione degli schemi di terapia insulinica nel diabete di tipo 2 Presentazione del caso MR, uomo di 60 anni, è ricoverato in

Dettagli

TIREOPATIE e DIABETE Raccomandazioni per la pratica clinica

TIREOPATIE e DIABETE Raccomandazioni per la pratica clinica TIREOPATIE e DIABETE Raccomandazioni per la pratica clinica PERCHÉ UN DOCUMENTO DI CONSENSO SU TIREOPATIE E DIABETE MELLITO? Le malattie della tiroide e il diabete mellito sono le endocrinopatie di più

Dettagli

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS LOTTO A ALLEGATO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS Lotto 1/A Dieta Polimerica Standard Dieta enterale pronta all'uso, per sonda, polimerica standard, liquida, completa,

Dettagli

Diabete e attività fisica

Diabete e attività fisica Diabete e attività fisica Dott. Francesco Costantino Clinica Pediatrica Servizio di Diabetologia Infantile Università La Sapienza Roma Tipologia del Diabete Diabete mellito tipo 1 E caratterizzato dalla

Dettagli

L attività fisica deve essere distribuita in almeno 3 giorni/settimana e non ci devono essere più di 2 giorni consecutivi senza attività

L attività fisica deve essere distribuita in almeno 3 giorni/settimana e non ci devono essere più di 2 giorni consecutivi senza attività NUOVE TECNOLOGIE NELLA CURA DEL DIABETE DI TIPO 1 Attività fisica e terapia insulinica Dott.ssa Guido ASL 3 Villa Scassi Dott.ssa A.Cattaneo LA CAPACITÀ DI ADEGUARE IL REGIME TERAPEUTICO (INSULINA E TERAPIA

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE. Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE Linee Guida Nutrizionali in ambito Chirurgico SERVIZIO DIETETICO MALNUTRIZIONE E DEFINITA COME QUALSIASI DISORDINE DELLO STATO NUTRIZIONALE,INCLUSI DISORDINI

Dettagli

Attività fisica e diabete

Attività fisica e diabete A.DI.VA.SE. Associazione DIabetici VAldichiana SEnese Attività fisica e diabete Dr Salvatore Bocchini Medicina Interna Ospedali Riuniti Valdichiana Senese Montepulciano Tipi di esercizio fisico e metabolismo

Dettagli

Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi

Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi Nutrizione Artificiale nel Paziente Oncologico Azienda Sanitaria di Pistoia Dott. Luca Lavacchi Direttore UF Aziendale Cure Palliative e Hospice La Limonaia Corso di Formazione MMG 26 gennaio PISTOIA Spesso

Dettagli

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili»

Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Bisogni Nutrizionali nei Pazienti «inguaribili» Grazia Pilone U.O. di Gastroenterologia Fate clic per aggiungere del Azienda testoulss n. 12 Veneziana Mestre (Venezia) Terapia Palliativa Non Guarire, ma

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI

L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO IN GRAVIDANZA DR.SSA PATRIZIA LENTINI ESISTE UNO STRETTO RAPPORTO TRA CONTROLLO GLICOMETABOLICO E OUTCOME MATERNO FETALE. L OTTIMIZZAZIONE DELL EQUILIBRIO GLICEMICO

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete

Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete Ruolo della tecnologia nella gestione del diabete Valeria Grancini U.O. Endocrinologia e Malattie del Metabolismo Servizio di Diabetologia Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano

Dettagli

La malnutrizione nell anziano: la gestione e il trattamento. Dott.ssa Monica Pivari Ospedale San Paolo Savona S.C. Medicina Interna 2

La malnutrizione nell anziano: la gestione e il trattamento. Dott.ssa Monica Pivari Ospedale San Paolo Savona S.C. Medicina Interna 2 La malnutrizione nell anziano: la gestione e il trattamento Dott.ssa Monica Pivari Ospedale San Paolo Savona S.C. Medicina Interna 2 Anziano Per la biologia e la medicina è anziano chi ha raggiunto un

Dettagli

NUTRIZIONE CORRELATA ALLA FASE DELLA PATOLOGIA E AL TRATTAMENTO CHIRURGICO Valutazione dello stato nutrizionale MNA-SGA Misure antropometriche Anamnesi alimentare 1. abitudini 2. preferenze 3. cambiamenti

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO

RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica Associazione Medici Diabetologi Gruppo di studio diabete e nutrizione RACCOMANDAZIONI PER LA TERAPIA MEDICA NUTRIZIONALE DEL DIABETE MELLITO Dott.

Dettagli

Condizioni e fattori di rischio di DMT2

Condizioni e fattori di rischio di DMT2 Condizioni e fattori di rischio di DMT2 IFG o IGT o pregresso diabete gestazionale Età >45 anni, specie se con BMI >25 od obesità centrale Età 25) e una o più fra le seguenti

Dettagli

La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione

La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione La malnutrizione: ruolo fondamentale nella patogenesi delle ulcere da pressione Dr. Paolo Bodoni Medico di Medicina Generale ASL TO4 PREVENZIONE LdD 1) Individuare i soggetti a rischio (IPOMOBILITA ) valutare

Dettagli

LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE OSPEDALIERA E DOMICILIARE. ASPETTI CLINICI, GESTIONALI E NORMATIVI. Formulare un programma per Nutrizione Parenterale

LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE OSPEDALIERA E DOMICILIARE. ASPETTI CLINICI, GESTIONALI E NORMATIVI. Formulare un programma per Nutrizione Parenterale LA NUTRIZIONE ARTIFICIALE OSPEDALIERA E DOMICILIARE. ASPETTI CLINICI, GESTIONALI E NORMATIVI. Formulare un programma per Nutrizione Parenterale QUALE TIPO DI NUTRIZIONE PARENTERALE (NP)? NP parziale NP

Dettagli

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia

Il decalogo del diabetico. L Ipoglicemia I L Ipoglicemia L ipoglicemia è la più frequente complicanza acuta della terapia del diabete mellito tipo 1 (insulino-dipendente) e lievi sintomi di ipoglicemia sono considerati un prezzo inevitabile del

Dettagli

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD

/LQHH JXLGD SHU XQD FRUUHWWR DOLPHQWD]LRQH QHO SD]LHQWH FRQ LQVXIILFLHQ]D UHQDOH FURQLFD ,168)),&,(1=$5(1$/(&521,&$,5& 1. Obesità L I.R.C. può essere definita come la diminuzione della funzionalità renale che si instaura a seguito di una malattia renale cronica od alla cronicizzazione di una

Dettagli

Quando come e perché è necessario intervenire con l alimentazione forzata

Quando come e perché è necessario intervenire con l alimentazione forzata Mestre, 25 settembre 2011 Quando come e perché è necessario intervenire con l alimentazione forzata Veronica Marchetti Ospedale Didattico Veterinario Mario Modenato Università di Pisa v.marche)@vet.unipi.it

Dettagli

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO

AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO AUTOCONTROLLO ED AUTOGESTIONE DEL DIABETE MELLITO Prof. Paolo Brunetti Parte I Montepulciano, 23 Febbraio 2008 Complicanze microangiopatiche del diabete Nefropatia -Prevalenza:20-30% -Contributo alla dialisi/tx:

Dettagli

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it

Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it Frida Leonetti frida.leonetti@uniroma1.it 1.5 miliardi con BMI>25 500 milioni con BMI>30 BMI > 40 kg/m² BMI > 35 Kg/m² e comorbilità testo Neoplasie Malattie CV altre 2009 Industrial Chemicals Bisphenol

Dettagli

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio

Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Gestione della terapia ipoglicemizzante nel post-operatorio Chiara Dal Prà Clinica Medica III Unità bariatrica Azienda Ospedaliera Padova Padova, 8 marzo 2014 Tecniche chirurgiche bariatriche

Dettagli

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica

La gestione dell iperglicemia nel DEU. Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica La gestione dell iperglicemia nel DEU Gabriele Forlani SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica Studio retrospettivo su 1886 pz. ricoverati in Medicina o Chirurgia (Umpierrez GE, J Clin Endocrinol

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA

SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA Palace Hotel Como 19 ottobre 2012 Comobrain 2012 4 Edizione SLA I COMPITI DEL NUTRIZIONISTA Dr Anna Toldi Medico Nutrizionista Responsabile del Servizio di Dietetica e Nutrizione clinica Ospedale Valduce

Dettagli

Problematiche nutrizionali nel post-ictus

Problematiche nutrizionali nel post-ictus LA SALUTE DEL CITTADINO AL CENTRO DELLA GOVERNANCE LE RETI INTEGRATE Problematiche nutrizionali nel post-ictus Giancarlo Sandri Stesura 14 marzo 2012 L ictus cerebrale rappresenta la seconda causa di

Dettagli

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici

Terapia medico nutrizionale per team diabetologici Gruppo di studio regionale intersocietario ADI- AMD- SID Terapia medico nutrizionale per team diabetologici 25 marzo 2014 Villa Eur Parco dei Pini Roma Daniela Bracaglia UOC di Diabetologia PTV-ASL RMB

Dettagli

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito.

Da quanto appena detto è evidente come la TERAPIA NUTRIZIONALE rappresenti uno dei cardini principali della terapia del diabete mellito. LA CONTA DEI CARBOIDRATI (CHO) La conta dei CHO è un metodo consigliabile a tutti i pz diabetici di tipo 1 e 2. E particolarmente utile per i pz in terapia insulinica (multiiniettiva o con il microinfusore)

Dettagli

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3

UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA. Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 UOC MEDICINA 2 - UOS DIABETOLOGIA UOCMEDICINA E CHIRURGIA ACCETTAZIONE URGENZA Protocollo rispetto qualità della diagnosi secondo criterio APRO3 Diabete Il Diabete Mellito rappresenta uno dei problemi

Dettagli

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini

LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2. Andrea Pizzini LO STILE DI VITA PER IL DIABETE MELLITO TIPO 2 Andrea Pizzini STORIA DEL DIABETE TIPO 2 Funzione della β-cellula (%) 100 80 60 40 20 0 IFG - IGT -12-10 -8-6 -4 Anni dalla diagnosi Diagnosi di Diabete -2

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA INTERAZIENDALE FARMACIA OSPEDALIERA Direttore: Dott.ssa Elisabetta di Lenardo

STRUTTURA COMPLESSA INTERAZIENDALE FARMACIA OSPEDALIERA Direttore: Dott.ssa Elisabetta di Lenardo REGIONE VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA Offre informazioni, indicazioni sull organizzazione dell Azienda, richieste o segnalazioni. Fornisce indicazioni sull accoglienza dei parenti dei malati. L

Dettagli

Magda Gerou-Ferriani DVM, CertSAM, DipECVIM-Ca www.intermedvet.com

Magda Gerou-Ferriani DVM, CertSAM, DipECVIM-Ca www.intermedvet.com Alimentazione felina: principi fisiologici essenziali, vecchi luoghi comuni da sfatare e nuovi concetti Magda Gerou-Ferriani DVM, CertSAM, DipECVIM-Ca www.intermedvet.com Il gatto non è un piccolo cane.

Dettagli

L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE

L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE L INFERMIERE NELLA GESTIONE E PREVENZIONE DELLA MALNUTRIZIONE CONGRESSO REGIONALE ANIMO MARCHE Civitanova Marche, 31 maggio 2013 INF. ELISABETTA SANTINI U.O. NUTRIZIONE ARTIFICIALE Cos è la malnutrizione

Dettagli

PDT DEL PAZIENTE DIABETICO: gestione del paziente CHIRURGICO

PDT DEL PAZIENTE DIABETICO: gestione del paziente CHIRURGICO PDT DEL PAZIENTE DIABETICO: gestione del paziente CHIRURGICO Dr.ssa Carolina Ultori Dirigente Medico U.O. Geriatria Varese, 15 Aprile 2011 Prevalenza di diabete noto e neo - iperglicemia, in 2030 pz. ospedalizzati

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

La Gestione dell Iperglicemia in Ospedale

La Gestione dell Iperglicemia in Ospedale La Gestione dell Iperglicemia in Ospedale Quali Problematiche e Quali Risposte.. Graziano Di Cianni UOC Diabetologia e Mal. del Metabolismo - ASL 6- Livorno Diabete in Ospedale - Entità del Problema Il

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

Il Paziente diabetico in ospedale: fra nutrizione e farmacoterapia

Il Paziente diabetico in ospedale: fra nutrizione e farmacoterapia Roma 24 febbraio 2015 Grand Hotel del Gianicolo Il Paziente diabetico in ospedale: fra nutrizione e farmacoterapia I Franca Filippi Patrizia Bigarelli U.O. DI Dietologia e Nutrizione Clinica A.O. San Camillo

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

MISCELE PER NUTRIZIONE PARENTERALE. Dr.ssa Marica Carughi Servizio Farmaceutico e Nutrizionale Azienda Ospedaliera Sant Anna Como

MISCELE PER NUTRIZIONE PARENTERALE. Dr.ssa Marica Carughi Servizio Farmaceutico e Nutrizionale Azienda Ospedaliera Sant Anna Como MISCELE PER NUTRIZIONE PARENTERALE Como, 20 giugno 2011 Dr.ssa Marica Carughi Servizio Farmaceutico e Nutrizionale Azienda Ospedaliera Sant Anna Como Nutrienti per miscele e loro fonti Liquidi Azoto acqua

Dettagli

ProSure. Miglioriamo la compliance al trattamento radiochemioterapico. 5 gusti per migliorare la compliance dei pazienti NUOVO NUOVO

ProSure. Miglioriamo la compliance al trattamento radiochemioterapico. 5 gusti per migliorare la compliance dei pazienti NUOVO NUOVO Affi anca al piano terapeutico, per raggiungere il traguardo Nei soggetti con perdita di peso involontaria indotta da neoplasia, il supporto nutrizionale Prosure, con la sua formulazione unica e specifi

Dettagli

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni

Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia. Dr.ssa P.Stefanoni Prevenzione e trattamento dell ipoglicemia Dr.ssa P.Stefanoni Definizione Si parla di ipoglicemia quando la concentrazione ematica di glucosio è inferiore a 70 mg/dl AMD-SID, 2009-2010 L ipoglicemia è..

Dettagli

IL diabete gestazionalee la gravida diabetica. Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011

IL diabete gestazionalee la gravida diabetica. Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011 IL diabete gestazionalee la gravida diabetica Il percorso diagnostico terapeutico del diabetico in ospedale Varese, 15 aprile 2011 Diabete pre-esistente esistente EFFETTI del DIABETE sulla GRAVIDANZA Anomalie

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO

L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO L IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NELLA MALNUTRIZIONE IN AMBITO CHIRURGICO PREPARAZIONE DEL PAZIENTE CHIRURGICO:MISURE PREVENTIVE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI DEL SITO CHIRURGICO SERVIZIO DIETETICO Dietista

Dettagli

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014

Il Diabete Mellito. Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso. Campobasso 19 marzo 2014 Il Diabete Mellito Mariarosaria Cristofaro UOC Diabetologia-Endocrinologia ASReM Campobasso Campobasso 19 marzo 2014 DIABETE MELLITO Definizione Il diabete mellito è una malattia cronica caratterizzata

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari

DIABETE GESTAZIONALE. Bari, 7-10 novembre 2013 TAKE HOME MESSAGES. Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE TAKE HOME MESSAGES Edoardo Di Naro II Clinica Ostetrica e Ginecologica Università degli Studi di Bari DIABETE GESTAZIONALE Ridotta tolleranza al glucosio insorta o diagnosticata in

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale

L audit come strumento di implementazione. diabetico in Medicina Generale. Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale L audit come strumento di implementazione delle linee guida sulla gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Criticità nella gestione del paziente diabetico in Medicina Generale Storia naturale

Dettagli

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014

E DIABETE. Prof. Nicola Candeloro. Campobasso 9 Aprile 2014 ESERCIZIO FISICO E DIABETE Prof. Nicola Candeloro Campobasso 9 Aprile 2014 Steve Redgrave 5 volte oro olimpico (1984,1988,1992,1996,2000) Diabete tipo 1 Effetti del training sul metabolismo energetico

Dettagli

1. PROTOCOLLI DI TERAPIA: le evidenze scientifiche

1. PROTOCOLLI DI TERAPIA: le evidenze scientifiche 1. PROTOCOLLI DI TERAPIA: le evidenze scientifiche 1.1. ALGORITMI PER L INFUSIONE ENDOVENOSA INTENSIVA DI INSULINA Anna Vittoria Ciardullo Centro di Diabetologia e Aterosclerosi U.O. Medicina Interna Ospedale

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

ABILITÀ da acquisire con il tirocinio presso il Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute

ABILITÀ da acquisire con il tirocinio presso il Dipartimento di Medicina e di Scienze della Salute UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE DIPARTIMENTO DI MEDICINA E DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN DIETISTICA INVENTARIO DEGLI SKILLS 1) Osservare a) I Anno I Semestre 2) Collaborare b) I Anno II

Dettagli

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che

L a p a p p r p oc o ci c o o al a l Con o c n o c r o so s p r e S ed e i d i Fa F r a mac a e c u e t u i t che L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione Antidiabetici ANTIDIABETICI Totale: 33 ANTIDIABETICI 427 441 518 586 651 668 718 942 952 1072 1082 1092 1102 1112 1122

Dettagli

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012

La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo. Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 La terapia del diabete in casa di riposo un anno dopo Luisa Guglielmi Venerdì 30 marzo 2012 Premessa Eterogeneità della popolazione anziana diabetica Scarsi gli studi focalizzati sugli anziani fragili

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito

Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Il calcolatore di bolo nella gestione dei pazienti con diabete mellito Presentazione del caso (1) Il counting dei carboidrati 1 si conferma componente essenziale nel contesto della terapia medico-nutrizionale

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2008 COM(2008) 392 def. RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO SUGLI ALIMENTI DESTINATI ALLE PERSONE CHE SOFFRONO DI

Dettagli

AORN S.Anna S.Sebastiano Caserta UO Geriatria, Endocrinologia Mal del Ricambio. Dott. Mario Parillo

AORN S.Anna S.Sebastiano Caserta UO Geriatria, Endocrinologia Mal del Ricambio. Dott. Mario Parillo AORN S.Anna S.Sebastiano Caserta UO Geriatria, Endocrinologia Mal del Ricambio Dott. Mario Parillo Diabete e chirurgia 50 % dei paz. diabetici necessita di chirurgia - per patologie conseguenti a complicanze

Dettagli

FLUIDOTERAPIA PERIOPERATORIA

FLUIDOTERAPIA PERIOPERATORIA FLUIDOTERAPIA PERIOPERATORIA Ospedale Filippo del Ponte Varese Protocolli e Procedure Anestesia Pediatrica N. PAGINE Destinatari: Dirigenti Medici Anestesia e Rianimazione C Ospedale F. del Ponte 0 Prima

Dettagli

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma

Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma DOTT.SSA CINZIA CIANFROCCA Com. Scien. Ass. Giuseppe Dossetti: i Valori Sviluppo e Tutela dei Diritti Cardiologa A.C.O. S. Filippo Neri, Roma PREVENIRE E MEGLIO CHE CURARE: LA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati

INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati INTERFERENZA DELLA GRAVIDANZA SUL METABOLISMO MATERNO meccanismi ipotizzati Aumentata degradazione del insulina Biosintesi di ormoni dotati di azione contro-insulinica Aumentata produzione di Leptina e

Dettagli

IDPN. Dr.ssa Maria Antonietta Perniola Taranto

IDPN. Dr.ssa Maria Antonietta Perniola Taranto IDPN Dr.ssa Maria Antonietta Perniola Taranto La malnutrizione Ä una condizione di alterazione funzionale, strutturale e di sviluppo dell organismo conseguente allo squilibrio tra fabbisogni, introiti

Dettagli

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro

MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA. Sandro Inchiostro Formazione continua Medici Coordinatori RSA 2010 MONITORAGGIO CLINICO E BIOUMORALE DEL DIABETE E DELLE SUE COMPLICANZE IN RSA Sandro Inchiostro Medicina II e Centro Diabetologico Dipartimento di Medicina

Dettagli

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!!

Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Da un punto di vista ormonale NON TUTTE LE CALORIE SONO UGUALI!!! Una caloria è una caloria! sarà poi vero??? Il concetto che una caloria è una caloria sta alla base di molte delle strategie proposte per perdere peso In accordo al principio: si mangia troppo ci si muove

Dettagli

nella BPCO alimentazione Francesco F. Morbiato SIMPeSV

nella BPCO alimentazione Francesco F. Morbiato SIMPeSV nella BPCO alimentazione Francesco F. Morbiato SIMPeSV Un corretto stile di vita è importante sia per il mantenimento dello stato di salute e la prevenzione delle malattie sia per rallentare il peggioramento

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA Tutti i gruppi alimentari (carboidrati, grassi, proteine) sono importanti per lo svolgimento dell attività sportiva, ma è utile fare alcuni distinguo sul tipo di alimenti

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE

LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE LA CHETOACIDOSI DIABETICA DR LUIGI DI RUZZA U.O.C. PEDIATRIA P.O. FROSINONE La Chetoacidosi Diabetica Definizione La chetoacidosi diabetica è causata da una carenza assoluta o relativa di insulina con

Dettagli

Diabete in gravidanza

Diabete in gravidanza Diabete in gravidanza Diabete preesistente tipo 1 tipo 2 Diabete gestazionale DIABETE GES TAZIONALE (GDM) DEFINIZIONE Intolleranza ai carboidrati di grado variabile, il cui inizio o primo riconoscimento

Dettagli