Piano del Colore NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano del Colore NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE. Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio."

Transcript

1 Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio Piano del Colore NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Maggio 2011 Arch. Marco Garau Arch. Dario Grazioli

2 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag. 1 INDICE PARTE PRIMA ART. 1 - Campo di applicazione delle Norme ART. 2 - Contenuti e finalità del Piano del Colore ART. 3 - Procedure e modalità per l ottenimento dell autorizzazione ad eseguire interventi sulle facciate degli edifici ART. 4 - Comunicazione di Fine Lavori ART. 5 - Norma transitoria PARTE SECONDA ART. 6 - Definizione degli elementi di facciata e copertura ART. 7 - Norma generale di indirizzo per gli interventi sulle facciate degli edifici ART. 8 - Interventi sul manto di copertura ART. 9 - Comignoli, Torrini esalatori, Canne fumarie ART Prese di luce per sottotetti ART Sporti di gronda ART Canali di gronda e pluviali ART Elementi di facciata ART Intonaci ART Rivestimenti di facciata Particolari architettonici Decorazioni plastiche ART Tinteggiature e decorazioni pittoriche ART Elementi di finitura delle facciate ART Serramenti e Sistemi per l oscuramento dei vani finestra ART Porte Portoni Vetrine ART Grate Ringhiere Cancelli Cancellate Ferri battuti ART Rivestimenti isolanti a cappotto ART Tolleranza nella scelta dei colori della tabella NCS

3 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag. 1 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE PARTE PRIMA ART. 1 - Campo di applicazione delle Norme 1. Le presenti Norme tecniche di attuazione (NTA) si applicano a tutti gli interventi sugli elementi delle facciate, siano esse prospicienti su strada che su spazi aperti privati o pubblici interni ( a titolo esemplificativo e non esaustivo: cortili, giardini, corti, ecc. ), del Nucleo di Antica Formazione del Comune di Castiglione d Adda, così come definito da apposito perimetro all interno delle tavole grafiche del Piano di Governo del Territorio (PGT) del medesimo Comune. ART. 2 - Contenuti e finalità del Piano del Colore 1. Il Piano del Colore ha come finalità la salvaguardia degli elementi compositivi delle facciate degli edifici e la conservazione dell immagine del Nucleo di Antica Formazione, come risultante della sommatoria degli edifici che lo compongono. 2. Fanno parte del Piano del Colore, la Relazione Illustrativa, le Schede di analisi degli edifici campione, le tavole dal titolo Abaco dei Fronti Urbani ed Immagini dalle Passeggiate ricognitive, nonchè l Abaco degli elementi ricorrenti come documenti dal carattere orientativo e di indirizzo, la Tavola dei colori e le presenti NTA come documenti dal carattere prescrittivo e vincolante. ART. 3 - Procedure e modalità per l ottenimento dell autorizzazione ad eseguire interventi sulle facciate degli edifici 1. Ogni qualvolta si voglia dar corso ad un intervento sulle facciate degli edifici deve essere inoltrata preventiva comunicazione e/o richiesta di autorizzazione allo Sportello Unico per l Edilizia del Comune di Castiglione d Adda. 2. Per gli interventi di Manutenzione Ordinaria, così come definiti dall art.27, comma 1, lettera a) della L.R. 12/2005 e ss.mm. ed ii., che ai sensi dell art. 33, comma 2, lettera a) della Legge medesima possono essere eseguiti senza titolo abilitativo, si dovrà consegnare apposita comunicazione allo Sportello Unico per l Edilizia, almeno quindici giorni prima della data di inizio dei lavori. La comunicazione dovrà contenere: - Indirizzo e identificazione catastale dell immobile oggetto di intervento. - Generalità del proprietario/i o dell avente titolo ad eseguire l intervento. - Elenco degli interventi da eseguire; - Fotografie illustranti lo stato di fatto degli elementi di facciata su cui intervenire, estese anche ad almeno due facciate contigue a quella sui cui elementi si intende intervenire.

4 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag. 2 - Campionatura dei colori presenti su tutti gli elementi di facciata su cui si intende intervenire, eseguita utilizzando una tabella colori NCS. - Elenco dei materiali dei nuovi elementi di facciata da mettere in opera. - Codici NCS dei nuovi colori da mettere in opera su ciascun elemento oggetto di intervento. 3. Per gli interventi di Manutenzione Straordinaria, Restauro e Risanamento conservativo, Ristrutturazione Edilizia e Nuova Costruzione, così come definiti dall art.27, comma 1, lettere b), c), d) ed e) della L.R. 12/2005 e ss.mm.ed ii. andrà richiesto, allo Sportello Unico per l Edilizia idoneo titolo abilitativo. 4. Per gli interventi di cui al comma precedente, la richiesta di titolo abilitativo andrà corredata, oltre che da quanto richiesto al precedente comma 2, dei seguenti documenti: - Rilievo Fotografico dell intera facciata/e oggetto di intervento, che dia riscontro di tutti gli elementi decorativi e strutturali che la/le compongono; - Tavola di Rilievo che rappresenti lo stato di fatto della facciata/e oggetto di intervento ed almeno due facciate contigue alla prima, in scala 1: 50 con dettagli in scala 1: 20 e 1: 10. Tale elaborato grafico dovrà contenere, sotto forma di note o rimandi ad una legenda, la descrizione dei materiali costituenti gli elementi di facciata. - Campionatura dei Colori secondo il metodo NCS, di tutti gli elementi di facciata allo stato di fatto, sotto forma di tavola o abaco formato A4. - Tavola di Progetto che rappresenti gli interventi da effettuare sulla facciata/e oggetto di intervento ed almeno due facciate contigue alle prime, in scala 1: 50 con dettagli in scala 1: 20 e 1: 10. Tale elaborato grafico dovrà contenere, sotto forma di note o rimandi ad una legenda, la descrizione dei materiali dei nuovi elementi di facciata da mettere in opera. Inoltre, all interno dell elaborato grafico dovranno essere rappresentati ed evidenziati gli eventuali elementi oggetto di opere di restauro e risanamento conservativo. - Campionatura dei Colori secondo il metodo NCS, di tutti i nuovi elementi di facciata, sotto forma di tavola o abaco formato A4. - Relazione illustrativa delle forme, dimensioni, materiali e colori dell intervento in progetto. 5. Prima di eseguire gli interventi di cui al comma 2 ed al comma 3, andranno presentate allo Sportello Unico per l Edilizia, su supporto rigido, almeno due prove di colore per ciascun elemento di facciata oggetto di modifica e/o sostituzione, in modo che il Responsabile del Procedimento sia in grado di dare il proprio assenso ai colori prescelti, che verranno dallo stesso vidimati in segno di approvazione. ART. 4 - Comunicazione di Fine Lavori 1. Alla fine dei lavori è obbligo che gli intestatari dell autorizzazione o della comunicazione consegnino, allo Sportello Unico per l Edilizia, idonea dichiarazione di fine lavori con allegata documentazione fotografica dell intervento effettuato, sia in formato cartaceo che in formato digitale (PDF). 2. Tale documentazione potrà essere utilizzata per la formazione di un archivio delle facciate.

5 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag. 3 ART. 5 - Norma transitoria 1. Tutti i colori e gli elementi di facciata, architettonici, decorativi, tecnologici, nonchè l oggettistica legata a funzioni di tipo commerciale e di arredo, con l entrata in vigore del presente Piano non devono essere necessariamente sostituiti, anche se incongrui rispetto a quelli definiti nell analisi come ricorrenti nell immagine urbana del Nucleo di Antica Formazione. 2. Colori ed elementi saranno sottoposti a revisione applicando i criteri normativi del presente Piano, ogni qualvolta venga presentata istanza per il restauro o la ristrutturazione di facciata o semplicemente comunicazione il rinnovo dell elemento in questione. 3. Nel caso di richiesta di intervento riguardante la sostituzione o la modifica solo parziale di elementi di facciata, potrà comunque venir consigliata la rimozione di elementi che, seppur non oggetto di richiesta risultino incongrui con l aspetto generale di facciata, senza che ciò risulti vincolante.

6 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag. 4 PARTE SECONDA ART. 6 - Definizione degli elementi di facciata e copertura 1. Il Rilievo del Nucleo di Antica Formazione ha permesso di riconoscere una serie di elementi ricorrenti nell impaginato compositivo delle facciate degli edifici che possono esser definiti originari, ovvero realizzati in epoche storiche passate o realizzati, in sostituzione di elementi più antichi, con tecniche, forme, materiali e colorazioni chiaramente riconducibili a quelle caratteristiche del passato. 2. Gli elementi di cui sopra sono raccolti in un Abaco degli elementi ricorrenti che viene a far parte integrante delle presenti NTA, con valore di indirizzo per la scelta delle soluzioni da adottare nell ambito degli interventi sulle facciate. 3. A titolo di sommario si riportano di seguito gli elementi ricorrenti ed il loro materiale costitutivo: elemento manto di copertura comignolo torrino canne fumarie prese di luce per sottotetti sporti di gronda materiale coppi o tegole curve muratura intonacata muratura intonacata o pezzi speciali del manto di copertura muratura intonacata (di norma celate alla vista dall esterno) finestre di piccole dimensioni aperte sotto lo sporto di gronda orditura di travetti in legno con assito soprastante cornicioni con struttura portante rivestita in gesso modanato canali di gronda e pluviali Intonaci rame malta di calce Rivestimenti di facciata/ Particolari architettonici/ Decorazioni plastiche malta di calce pietra materiali fittili gesso Tinteggiature intonaco in pasta colorato pitture murali Decorazioni pittoriche Serramenti Sistemi per l oscuramento Porte Portoni Vetrine il tipo di decorazione si valuta caso per caso legno verniciato legno verniciato (di norma persiane a stecca aperta) legno verniciato (di norma senza parti in vetro) legno legno o metallo con cristalli trasparenti Grate, ringhiere, cancelli, cancellate e ferri battuti metallo

7 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag. 5 ART. 7 - Norma generale di indirizzo per gli interventi sulle facciate degli edifici 1. Le norme di cui ai successivi articoli si occuperanno nel dettaglio delle modalità di intervento e sostituzione di ciascuno degli elementi di cui al precedente Art. 6, con la duplice finalità di garantire la conservazione degli elementi originari degli edifici e di permettere la salvaguardia dell immagine urbana dominante. 2. In generale, gli interventi sugli elementi costitutivi di coperture e facciate degli edifici, dovranno essere condotti con il fine di conservare l immagine del Nucleo di antica formazione, intesa come risultato della sommatoria di caratteri compositivi ed elementi ricorrenti all interno del Nucleo antico stesso, fissati sotto forma di fotografie campione all interno dei documenti denominati Abaco dei Fronti Urbani ed Immagini dalle Passeggiate ricognitive, che come tali hanno valore di indirizzo e fanno parte integrante del Piano del Colore. 3. In particolare, gli interventi da eseguire su edifici caratterizzati dalla presenza di elementi che si possano riconoscere come originari dovranno perseguire la tutela di tali elementi o la loro sostituzione con elementi il più possibile simili a quelli originari, per forma, dimensioni e materiali. 4. Per quanto concerne invece gli interventi da eseguire su edifici che presentino elementi che si discostino, per forma, colore, materiale, dagli elementi originari, si dovrà procedere alla ricerca di soluzioni progettuali che provino ad instaurare un rapporto dialettico con quelle tipiche degli elementi originari, tenendo conto altresì della natura architettonica e compositiva dell edificio su cui vanno poste in opera. 5. Per gli interventi sugli edifici di cui al comma precedente sarà quindi buona norma procedere alla messa in opera di elementi analoghi a quelli originari, evitando soluzioni formali e materiche mimetiche, laddove queste diano luogo a copie acritiche degli elementi originari stessi. ART. 8 - Interventi sul manto di copertura 1. Tutti gli interventi di rifacimento di manti di copertura che si presentino come originari dovranno essere condotti in modo da rendere possibile l utilizzo di tegole in laterizio ed in particolare modo di coppi, messi in opera in filari concavi e convessi alternati. 2. Nel caso di rimaneggiamento del manto di copertura tradizionale è obbligatoria la riutilizzazione, per quanto possibile, dei medesimi coppi esistenti con eventuale inserimento, in maniera alternata e casuale, di nuovi ad integrazione di quelli non recuperabili. 3. Negli edifici definiti dal vigente PGT come appartenenti alla Classe 1, è raccomandato l uso di materiale di recupero. 4. Gli interventi che riguardino il rifacimento di manti di copertura in materiale differente da tegole o coppi dovranno essere condotti, per quanto possibile, utilizzando come materiale di copertura tegole in laterizio o coppi, posati come prescritto al precedente comma Per gli interventi sugli edifici di cui al comma precedente, potrà comunque essere concesso anche l utilizzo di materiali di copertura alternativi alle tegole ed ai coppi, previo parere favorevole

8 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag. 6 del Responsabile del Procedimento e della Commissione per il Paesaggio, espresso con motivata dichiarazione. ART. 9 - Comignoli, Torrini esalatori, Canne fumarie 1. Per tutti i comignoli ed i torrini di esalazione nei quali siano rilevabili elementi costruttivi riferibili a tecniche tradizionali è obbligatorio il restauro conservativo. 2. Se ciò non fosse possibile, per evidenti problemi statici, è consentita la demolizione del manufatto, che andrà ricostruito conservando le forme precedenti ed impiegando analoghe tecniche costruttive. 3. In questo caso, eventuali variazioni delle dimensioni e del posizionamento sono consente previa dimostrazione di reali esigenze funzionali e sempre fatte salve esigenze di tutela ambientale. 4. Per la costruzione di nuovi comignoli o torrini di esalazione sulle coperture degli edifici con caratteri originari è obbligatorio l uso di forme e materiali tradizionali. 5. Per la costruzione di nuovi comignoli o torrini di esalazione sulle coperture degli edifici che non hanno mantenuto i caratteri originari o che hanno subito modifiche rispettose di tali caratteri, potrà essere concesso anche l uso di materiali differenti da quelli tradizionali, previo parere favorevole del Responsabile del Procedimento e della Commissione per il Paesaggio, espresso con motivata dichiarazione. 6. E vietato costruire canne fumarie esterne addossate alle facciate prospicienti o visibili dagli spazi pubblici. 7. Le canne fumarie esterne potranno essere autorizzate solo se poste in opera su facciate prospicienti cortili interni privati, non visibili dallo spazio pubblico, dietro dimostrazione dell impossibilità di non poterle installare all interno dell edificio, previo parere favorevole del Responsabile del Procedimento e della Commissione per il Paesaggio, espresso con motivata dichiarazione. Esse potranno venire realizzate anche in acciaio, rame o lamiera, in sostituzione di quelle in muratura prefabbricata o in opera, successivamente intonacata. ART Prese di luce per sottotetti 1. Dal Rilievo del Nucleo di Antica Formazione si evince che la quasi totalità delle coperture a falde degli edifici non presentano prese di luce (abbaini o lucernari), poichè tradizionalmente i sottotetti degli edifici, accessibili ma non abitabili, sono areati grazie all uso di piccole finestre aperte in facciata. 2. Per interventi di recupero abitativo dei sottotetti esistenti di edifici con caratteri originari, al fine di rendere possibile il raggiungimento dei corretti rapporti aereoilluminanti, è consentita la messa in opera di lucernari a filo di copertura tipo velux, o di abbaini, avendo cura di posizionarli, per quanto possibile, sulle falde dei tetti rivolte verso spazi interni privati e non verso gli spazi pubblici. 3. Per interventi di recupero abitativo dei sottotetti esistenti di edifici che non hanno mantenuto i

9 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag. 7 caratteri originari o che hanno subito modifiche rispettose di tali caratteri caratteri, al fine di rendere possibile il raggiungimento dei corretti rapporti aereoilluminanti, è consentita la messa in opera di lucernari a filo di copertura tipo velux e di abbaini. 4. Restano salve le norme, relative alla messa in opera di lucernari ed abbaini, del Piano di Governo del Territorio. ART Sporti di gronda 1. Gli sporti di gronda, se eseguiti con elementi e modalità costruttive riferibili a tecniche tradizionali, devono in prima istanza essere trattati con criteri di restauro conservativo. 2. Se ciò non fosse possibile, possono essere ricostruiti con elementi, dimensioni e tecniche costruttive tradizionali. 3. E sempre vietato l uso dei seguenti elementi costruttivi: - travetti di cemento precompresso, anche se dip inti, in luogo di quelli in legno; - legname perlinato in luogo del tradizionale tavolato; - tavelloni forati o solettine in c.a. (anche se intonacate) 4. Le mensole e le cornici di gronda in materiale lapideo o in muratura intonacata devono essere sempre restaurati; ne è ammessa la sostituzione, parziale o totale, solo in casi di inadeguatezza statica, debitamente documentata con studio specifico. Gli elementi rimossi andranno sostituiti con nuovi elementi analoghi per forma, colore e materiale ai primi. 5. In nessun caso i modiglioni di gronda e gli sporti lapidei o in conglomerato possono essere dipinti, è prevista la sola pulitura con opportuni lavaggi eseguiti in modo leggero, escludendo sempre l impiego di sabbiature. 6. Le cornici modanate in intonaco devono essere consolidate e le eventuali parti mancanti devono essere ricostruite con malta analoga a quella esistente per ingredienti, composizione e cromatismo, servendosi di un apposito modello con profilo del tutto uguale a quello esistente, nel caso in cui presentino particolari caratteristiche decorative. ART Canali di gronda e pluviali 1. I canali di gronda e le calate dei canali di gronda, anche dette pluviali, devono essere realizzati in rame o, nel caso l edificio non abbia conservato i caratteri originari, anche in lamiera opportunamente verniciata. 2. I canali ed i pluviali dovranno avere sviluppo circolare, escludendo quindi lo sviluppo quadrato o rettangolare. 3. Il loro posizionamento dovrà essere particolarmente studiato in rapporto all importanza della facciata, minimizzandone il numero e facendo in modo che non occludano alla vista particolari architettonici e decorativi. 4. Negli edifici che presentino pluviali interni ai muri perimetrali, i nuovi eventuali pluviali dovran-

10 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag. 8 no anch essi essere messi in opera all interno dei muri perimetrali. ART Elementi di facciata 1. Gli elementi di facciata sono così definiti: - Intonaci (Art. 14). - Rivestimenti di facciata, Particolari architettonici, Decorazioni plastiche (Art. 15). - Tinteggiature e decorazioni pittoriche (Art. 16). ART Intonaci 1. L intervento sulle facciate degli edifici dovrà privilegiare la conservazione degli intonaci a base di malta di calce esistenti, mediante pulitura e consolidamento degli stessi. Le eventuali integrazioni dovranno essere realizzate con materiali, granulometrie e tecniche analoghe a quelle originali da conservare. 2. Quando non fosse possibile il recupero degli intonaci esistenti e sempre che i medesimi non siano decorati, questi dovranno essere ripristinati con tecniche e materiali analoghi a quelle tradizionali. 3. Il rifacimento totale o parziale degli intonaci di tutti gli edifici del Nucleo di Antica Formazione deve prevedere l uso di malta cementizia e di malta a base di calce idraulica artificiale ed è assolutamente vietata la realizzazione di intonaci o rivestimenti plastici di qualsiasi genere. 4. In caso di demolizione e rifacimento degli intonaci è obbligatorio l impiego di malta per intonaco composta da leganti tradizionali (calce idraulica naturale, pozzolana e grassello di calce) e sabbia. 5. Potrà essere valutata dal Responsabile del Procedimento, sentito il parere della Commissione per il Paesaggio, l opportunità di ridurre a faccia a vista le facciate di edifici che si presentano attualmente intonacati, in ragione del fatto che gli stessi edifici, per tipo edilizio e composizione del fronte, possano essere ricondotti a modelli che per tradizione non si presentano con facciate ad intonaco. 6. Nel caso di intervento inerente il rifacimento e/o ripristino degli intonaci di un edificio che si presenti come unitario, è auspicabile che si operi su tutte le facciate visibili dagli spazi pubblici dell edificio stesso, anche se, in virtù di frazionamenti catastali antecedenti all entrata in vigore del presente Piano del Colore, facciate o porzioni di una medesima facciata risultino intestate a proprietari diversi. 7. Il Responsabile del Procedimento, sentita la Commissione per il Paesaggio, valuterà caso per caso se richiedere che l intervento su facciate divise in più proprietà debba essere totale o riguardare le sole porzioni intestate ai proprietari consenzienti all esecuzione dell intervento, con il fine di perseguire il miglioramento del decoro dei fronti urbani, sempre fatte salve le norme del Codice Civile.

11 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag Nel caso la facciata presenti lavorazioni plastiche, realizzate in intonaco come, a titolo esemplificativo e non esaustivo, cornici orizzontali o verticali, fasce marcapiano, finti bugnati, lesene, ecc., le suddette lavorazioni plastiche non potranno essere sostituite da materiale differente dall intonaco. 9. Nel caso di lacune degli intonaci descritti al precedente comma, è obbligatorio il loro ripristino, con l uso di malta avente componenti il più possibile simili a quella originale e servendosi di appositi modelli dal profilo identico alle modanature esistenti. 10. Nel caso in cui l edificio sia dotato di una fascia in intonaco (generalmente strollato) con funzione di basamento in condizioni di degrado, ne è consentita la rimozione e la successiva sostituzione con analoga fascia costituita da intonaco aerante di malta idraulica naturale, mentre è vietato l uso di intonaci, sia pur aeranti ma a base di cemento. 11. L intervento di risanamento e di rifacimento degli intonaci dovrà essere condotto avendo cura di recuperare e di evidenziare i vecchi numeri civici, le targhe stradali, le lapidi commemorative ed indicative e qualsiasi altro particolare costituisca documento dell evoluzione storica dell edificio. 12. E invece di norma vietato evidenziare in facciata la presenza di elementi strutturali, come archi di scarico, mensole in pietra, travi in legno o altro, fatti salvi i casi in cui tali elementi possano venir identificati come elementi strutturali preesistenti, testimonianze della stratificazione storica degli interventi subiti dall edificio. 13. L evidenziazione o la rimessa in pristino degli elementi di cui al comma precedente e di ogni altro particolare appaia rilevante da un punto di vista storico e testimoniale è consentita previa autorizzazione, rilasciabile sulla base di un approfondito esame analitico dell edificio. ART Rivestimenti di facciata Particolari architettonici Decorazioni plastiche 1. Gli interventi di restauro e risanamento conservativo sulle facciate debbono essere finalizzati alla conservazione ed alla rimessa in pristino di tutti i rivestimenti,gli elementi decorativi ed i particolari architettonici originari come, a titolo esemplificativo e non esaustivo: cornici lisce o modanate, fasce marcapiano, basamenti, lesene e capitelli, stipiti e frontespizi delle aperture, mensole dei balconi, bugnati, decorazioni plastiche a carattere religioso o profano sia emergenti dalla facciata sia alloggiate in nicchie o edicole. 2. Per tutte le parti di facciata faccia vista è consentita solamente una pulitura, mediante opportuni lavaggi, mentre è vietato l uso di ogni genere di sabbiatura. 3. E altresì vietato intonacare o tinteggiare i mattoni a faccia vista, le pietre naturali e le parti in conglomerato cementizio, costituenti decorazioni di facciata. 4. In caso di edifici in origine a faccia vista, o comunque ormai storicizzati, gli eventuali interventi di integrazione e ripristino di elementi mancanti o gravemente deteriorati dovranno essere realizzati col metodo del cuci scuci, usando analoghi materiali, simili agli originali, per dimensione, forma e colore, e adoperando nelle connessure una malta analoga per composizione a quella originale, lavorando i giunti con le stesse modanature ed alla stessa stregua di quelli già esistenti in facciata.

12 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag Per le parti lapidee a vista è consentito il consolidamento, l eventuale tassellatura e sostituzione per parti. In casi eccezionali e comunque per particolari architettonici non di grande pregio artistico, è prevista, previa specifica autorizzazione, l integrazione di lacune parziali a mezzo di stucco di calce di marmo. In ogni caso è basilare riproporre il cromatismo e la patina delle parti lapidee originali. 6. Gli interventi sulle facciate dovranno inoltre prevedere l eliminazione di ogni rivestimento recente di marmo o altro materiale che risulti incongruo con i caratteri compositivi della facciata originaria. ART Tinteggiature e decorazioni pittoriche 1. Tutti i fronti intonacati degli edifici sia prospicienti le pubbliche vie che gli spazi interni agli isolati, nonchè le canne fumarie intonacate, vanno tinteggiati. 2. La tinteggiatura dovrà essere eseguita di norma con tecniche tradizionali. 3. E vietato l uso delle pitture lavabili ed al quarzo, ancorché traspiranti, mentre è permesso quello di pitture siliconico - silossaniche e di intonaci colorati in pasta. 4. I colori dovranno essere quelli indicati nella tavolozza dei colori che costituisce parte integrante delle presenti NTA. 5. Il colore dovrà esser scelto in relazione alle tracce di coloritura reperibili sulle facciate e pertanto, salva documentazione comprovante la tinteggiatura dell impianto originario, si dovrà provvedere ad una accurata analisi stratigrafica delle superfici esterne della muratura, valutando al contempo l inserimento dell edificio nel contesto urbano circostante. 6. Tutti i progetti inerenti il restauro od il ripristino delle facciate dovranno altresì occuparsi delle scelte cromatiche relative agli elementi architettonico - decorativi e tecnologici (lesene, cornici, cornicioni, davanzali, marcapiani, infissi, inferriate, rivestimenti del piano terreno tipo intonaco bugnato, canali di gronda e pluviali, ecc.), utilizzando i colori indicati nella tavolozza dei colori che costituisce parte integrante delle presenti NTA. 7. Qualora le opere di tinteggiatura debbano riguardare un fronte urbano che sia somma di fronti di più edifici, accostati a formare una cortina, nel caso non siano reperibili tracce di colorazione storica cui riferirsi per la scelta delle tinta di facciata, si dovrà procedere alla scelta dei colori sulla base dei seguenti criteri: a) quando i fronti accostati siano inequivocabilmente leggibili come differenti l uno dall altro, per la presenza, a titolo esemplificativo e non esaustivo, di diversificazioni degli allineamenti orizzontali delle finestre, differente assetto dei piani terra, diversa altezza dei fabbricati ecc., si dovrà intervenire di norma con più colori distinti, anche se i fronti degli edifici risultino essere di un unica proprietà. b) quando, al contrario, i fronti accostati, anche se o frazionati in termini di proprietà, conservano inequivocabilmente i caratteri compositivi e dimensionali di una sola unità edilizia, la colorazione dovrà essere unica. 8. La presenza di decorazioni o di tracce di decorazioni pittoriche, comporta la segnalazione alla

13 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag. 11 competente Soprintendenza, per concordare le operazioni più idonee al restauro delle stesse. 9. Nel caso di decorazioni pittoriche di facciate riproducenti finti bugnati, fasce marcapiano, incorniciature di finestre, infissi interni o esterni, lesene ecc., che presentino lacune, si dovrà di norma procedere ad una loro integrazione nelle forme, dimensioni e tecniche pittoriche, che dovrà interessare l intero modulo costitutivo dell apparato decorativo. 10. In caso di edifici che non presentino allo stato attuale, riquadrature cromatiche, potrà essere consentita la realizzazione di fasce intorno alle aperture, fascie marcapiano e marca affaccio. ART Elementi di finitura delle facciate 1. Gli elementi di finitura delle facciate sono: - Serramenti e Sistemi per l oscuramento dei vani finestra (Art. 18) - Porte, portoni, vetrine (Art. 19) - Grate, ringhiere, cancelli, cancellate e ferri battuti (Art. 20) ART Serramenti e Sistemi per l oscuramento dei vani finestra 1. I serramenti ed i sistemi di oscuramento dei vani finestra riconoscibili come originari, potranno venir sostituiti con nuovi elementi che mantengano invariate le forme ed i materiali dei preesistenti. Nel caso di vani finestra privi di serramenti e/o sistemi oscuranti, situati su facciate che siano leggibili come originarie, dovranno essere messi in opera nuovi elementi che per forme e materiali siano simili a quelli originari. 2. I serramenti ed i sistemi di oscuramento dei vani finestra che non siano leggibili come originari potranno sempre venir sostituiti con nuovi elementi che siano congrui con i caratteri compositivi della facciata su cui si collocano. 3. Per gli elementi di cui al comma precedente, laddove l intervento non si limiti al solo rifacimento di serramenti o sistemi di oscuramento, ma si configuri come intervento di ripristino dell intera facciata, non è consentito l utilizzo di tapparelle ne è ammesso l uso di veneziane esterne. 4. Sugli edifici con caratteri originari o che hanno subito modifiche nel rispetto dei suddetti caratteri i serramenti ed i sistemi di oscuramento dovranno essere, di norma, realizzati in legno verniciato con vernici non trasparenti o laccato. Potrà essere comunque autorizzato l uso di serramenti in materiale differente dal legno, purchè garantiscano rispetto al primo un aumento certificato delle prestazioni di isolamento termico e presentino, quanto a finitura, dimensioni e forma, una analogia con quelli in legno. 5. Se non già presenti prima della presentazione di comunicazione od istanza di sostituzione, è vietato l uso di sistemi oscuranti apribili verso l esterno per chiudere le finestre del piano terra prospicienti spazi pubblici. 6. E sempre ammesso l uso di scuretti posti sull infisso interno o quello di persiane scorrevoli su rotaie in metallo poste in facciata o in nicchie ricavate in intercapedini della muratura perimetrale.

14 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag I serramenti ed i sistemi di oscuramento dei vani finestra dovranno essere finiti con le colorazioni indicate nella tavolozza dei colori che costituisce parte integrante delle presenti NTA. 8. E inoltre obbligatorio che tutti gli infissi esterni della stessa unità edilizia abbiano la medesima tinta e tonalità. 9. Gli infissi interni dovranno essere del tipo a telaio, a due ante o ad anta unica. 10. Sono vietati l uso di vetri a specchio e le suddivisioni delle luci del serramento del tipo inglese. ART Porte Portoni Vetrine 1. Le porte ed i portoni di legno riconoscibili come originari vanno il più possibile salvaguardati e fatti oggetto di interventi di restauro e risanamento conservativo. 2. Nel caso in cui porte e/o portoni di cui al comma precedente siano in stato di forte degrado, accertata l impossibilità di risanarli, potranno venir sostituiti con elementi di analoghe forme, dimensioni e finiture. 3. La colorazione di porte e/o portoni, fermo restando il concetto di recupero del colore originale e della integrazione cromatica della intera facciata, può diversificarsi da quella degli infissi di finestre e porte finestre dei piani superiori. 4. In presenza di interventi che riguardino il rifacimento dell intera facciata o implichino la sostituzione dei serramenti e dei sistemi oscuranti esterni, dovranno essere rimosse le porte ed i portoni realizzati in lega leggera e in altri materiali incongrui rispetto a quelli ricorrenti sulle facciate degli edifici con caratteri originari, sostituendoli con porte in legno o che presentino una finitura della faccia a vista in legno, verniciati con vernici non trasparenti. 5. E vietata la messa in opera di nuove serrande, sia a fasce continue che a maglie aperte, a chiusura di autorimesse o vani prospicienti gli spazi pubblici, a maggior ragione se queste vengano proposte in sostituzione di portoni. Solo in casi in cui sia chiara l impossibilità di utilizzare portoni, potrà essere autorizzato l uso di porte basculanti con la faccia a vista prospettante verso l esterno del vano da chiudere finita in doghe orizzontali di legno verniciato. 6. L utilizzo di serrande a chiusura di vetrine di esercizi commerciali potrà venir concesso solo per motivate ragioni di sicurezza e comunque le serrande dovranno essere del tipo a maglie aperte, preferibilmente verniciate con colori analoghi agli infissi della vetrina retrostante. 7. Nel caso di interventi che riguardino il rifacimento dell intera facciata o implichino la sostituzione dei serramenti e dei sistemi oscuranti esterni, vanno rimosse e sostituite tutte le serrande esistenti, sia a fasce continue che a maglie aperte, sostituendole con gli elementi indicati nei precedenti commi 5 e I serramenti degli esercizi commerciali che abbiano conservato caratteri tipici di epoche passate, sia per forme che per materiali e finiture, vanno il più possibile conservati con opere di attento restauro. Qualora venga dimostrata l impossibilità di conservarle, per motivi di sicurezza, isolamento termico, funzionalità statica, essi potranno venir sostituiti con elementi analoghi agli esistenti.

15 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag Le vetrate montate sui serramenti dovranno essere costruite con cristalli trasparenti di sicurezza, certificati a norma di legge e rispondenti anche alle norme sul contenimento dei consumi energetici. 10. E sempre vietato l utilizzo di vetri a specchio e quello di suddivisioni delle vetrate con montanti orizzontali e verticali ravvicinati del tipo all inglese. 11. I serramenti delle vetrine dovranno preferibilmente essere in legno verniciato con vernici non trasparenti, secondo la tabella colori relativa alle tinte dei serramenti allegata alle presenti NTA. Potrà comunque venir autorizzato, in alternativa al legno, anche l utilizzo di serramenti in metallo verniciato secondo i colori della tabella sopra citata. ART Grate Ringhiere Cancelli Cancellate Ferri battuti 1. Tutti gli elementi in ferro battuto concorrono a formare l immagine compositiva e formale degli edifici, pertanto si dovrà rivolgere particolare attenzione alla salvaguardia ed al ripristino di quelli che per tecniche costruttive, lavorazione ed epoca possono esser letti come originari. 2. E quindi vietato sostituire grate di finestre, ringhiere, cancelli, cancellate, inferriate e piccoli elementi di arredo, quali ferma imposte, anelli, porta stendardi ecc., che siano leggibili come originari, fatto salvo il caso in cui, per motivi di degrado statico, essi risultino non recuperabili e pericolosi. Essi andranno in questo caso sostituiti con elemeti analoghi per forma, materiale e dimensioni. 3. La colorazione di tutti gli elementi in metallo di cui al presente articolo dovrà essere conforme alle tinte indicate nella tavolozza dei colori che costituisce parte integrante delle presenti NTA. Art Rivestimenti isolanti a cappotto 1. Non è consentita la messa in opera di rivestimenti isolanti del tipo a cappotto sulle facciate prospicienti spazi pubblici (vie, marciapiedi, piazze, ecc.) quando la facciata o le facciate oggetto di intervento siano riconoscibili come parte di una cortina edilizia, fatto salvo il caso in cui la facciata oggetto del rivestimento isolante non sia arretrata rispetto alle facciate attigue formanti la cortina. In questo caso, il rivestimento a cappotto dovrà avere, per quanto possibile, spessore tale da ripristinare la complanarità del fronte oggetto di intervento con il fronte o i fronti ad esso attigui. 2. E consentita la messa in opera di rivestimenti isolanti del tipo a cappotto sulle facciate prospicienti gli spazi interni privati (cortili, corti, giardini). Art Tolleranza nella scelta dei colori della tabella NCS 1. Nella scelta dei colori degli elementi architettonici e di finitura va utilizzata l apposita Tavola dei colori allegata alle presenti NTA. 2. Visto e considerato l altissimo numero di colori presenti all interno della cartella composta secondo il metodo di catalogazione NCS, sarà possibile utilizzare, in alternativa ai colori proposti

16 Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi Piano del Colore - Relazione e Norme Tecniche di Attuazione - Pag. 14 nella Tavola dei colori allegata alle presenti NTA, anche colori che si discostino lievemente da questi ultimi, ovvero colori caratterizzati dalla presenza di percentuali di tinte cromatiche fondamentali lievemente differenti da quelle che identificano il colore NCS proposto nella Tavola dei colori. 3. Ciò al fine di favorire variazioni cromatiche sul tema dei colori proposti nella Tavola dei colori, in modo da generare differenze di tono che, pur se minime, possano evitare effetti di ridondanza delle tinte di facciata. 4. I nuovi colori dovranno sempre essere approvati dalla Commissione per il Paesaggio e dal Responsabile per il Procedimento.

PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg

PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D AOSTE COMUNE DI COMMUNE DE M O N T J O V E T PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg ELABORATO PRESCRITTIVO Arch. Ing. HÉRIN Renato MATTERI

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila)

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI (Provincia dell Aquila) Cap. 67028 Viale Dante Alighieri n. 1 Tel. 0862 810834 C.F. 80002710665 E mail: s.demetrio@katamail.com Fax. 0862 810017 P.I. 00193050663 c.c.b.

Dettagli

Allegato A) Disciplina di intervento per il recupero del patrimonio urbanistico ed edilizio esistente

Allegato A) Disciplina di intervento per il recupero del patrimonio urbanistico ed edilizio esistente Allegato A) Disciplina di intervento per il recupero del patrimonio urbanistico ed edilizio esistente 1 Le norme che seguono stabiliscono i criteri generali di restauro delle superfici esterne dei fabbricati

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare COMUNE DI SAN GIOVANNI LIPIONI PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) allegati A Scheda da allegare alla richiesta di Permesso di costruire SCIA o CIL A - Documentazione

Dettagli

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore Provincia di Salerno Piano del Colore Mappa cromatica di uno spazio urbano Redazione del Piano del Colore in attuazione della Legge Regionale 18 Ottobre 2002, n. 26 Norme ed incentivi per la valorizzazione

Dettagli

C O M U N E D I G A V O R R A N O

C O M U N E D I G A V O R R A N O C O M U N E D I G A V O R R A N O PROVINCIA DI GROSSETO VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO Appendice 3 Schede e prescrizioni relative agli immobili di interesse storico nel territorio rurale adottate

Dettagli

COMUNE DI PRIZZI. Provincia di Palermo. Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata

COMUNE DI PRIZZI. Provincia di Palermo. Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata COMUNE DI PRIZZI Provincia di Palermo Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata Il presente regolamento, che si compone di n art icoli, è stato approvato con deliberazione consiliare n del, pubbl icata

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.R.G. INTEGRAZIONE DELLA SCHEDATURA DEL CENTRO STORICO Redatto da: Zanolini arch. Paola Data: Prima Adozione: Adozione Definitiva:

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ARREDO URBANO E DEL COLORE

REGOLAMENTO DELL ARREDO URBANO E DEL COLORE COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO DELL ARREDO URBANO E DEL COLORE REGOLAMENTO Approvato con Delibera Consiglio n. 84 del 28/12/2001 Ufficio Edilizia Privata ed Urbanistica Dott.Arch.Pierguido

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

PIANO DEL COLORE Norme Tecniche di Attuazione

PIANO DEL COLORE Norme Tecniche di Attuazione PIANO DEL COLORE Norme Tecniche di Attuazione Introduzione La presente normativa, assieme alle planimetrie con il rilievo della colorazione delle facciate, alla tavolozza dei colori, alla documentazione

Dettagli

TITOLO IX SALVAGUARDIA E RIQUALIFICAZIONE DEI NUCLEI URBANI DI ANTICA FORMAZIONE ZONE B1 DI P.R.G.

TITOLO IX SALVAGUARDIA E RIQUALIFICAZIONE DEI NUCLEI URBANI DI ANTICA FORMAZIONE ZONE B1 DI P.R.G. TITOLO IX SALVAGUARDIA E RIQUALIFICAZIONE DEI NUCLEI URBANI DI ANTICA FORMAZIONE ZONE B1 DI P.R.G. Premessa Le seguenti norme, integrano e costituiscono parte integrante del Regolamento Edilizio adottato

Dettagli

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008 PROVINCIA DI LIVORNO Elenco dei materiali da impiegare e delle modalità per gli interventi sugli edifici inseriti nei centri storici e nelle schede del patrimonio edilizio esistente di particolare valore

Dettagli

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI QUADERNO DEGLI INTERVENTI ALL INTERNO DELLE ZONE A VARIANTE N. 1 1 SOMMARIO PREMESSA 2 PROPOSTA DI VARIANTE N.

Dettagli

COMUNE DI CASTEL DEL MONTE

COMUNE DI CASTEL DEL MONTE ELABORATI AGGIUNTIVI A CORREDO DELLE DOMANDE DI DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA E PERMESSO DI COSTRUIRE. Oltre alla documentazione prevista dal vigente Regolamento Edilizio Comunale, del Manuale del Recupero

Dettagli

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO

ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO ELENCO DELLE PROCEDURE AMMINISTRATIVE OPERE DI MANUTENZIONE ORDINARIA NON SOGGETTE A TITOLO EDILIZIO In alcuni casi, pur non necessitando di alcun titolo abilitativo, la consistenza o le modalità dell

Dettagli

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO.

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO. Provincia autonoma di Trento Servizio urbanistica e tutela del paesaggio. Incarico speciale di supporto in materia di paesaggio Legge provinciale 28 marzo 2009, n. 2 - articolo 4. Contributi per gli interventi

Dettagli

ALLEGATO A2 Disposizioni per gli interventi nel Centro Storico del Capoluogo

ALLEGATO A2 Disposizioni per gli interventi nel Centro Storico del Capoluogo ALLEGATO A2 Disposizioni per gli interventi nel Centro Storico del Capoluogo INDICAZIONI RELATIVE ALLE TECNICHE COSTRUTTIVE ED AI MATERIALI DA IMPIEGARE Le norme del presente allegato integrano le disposizioni

Dettagli

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione TETTO

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione TETTO TETTO DESCRIZIONE Negli edifici montani la copertura è l elemento costruttivo che più di altri segna e caratterizza il paesaggio. La struttura portante del tetto è in legno con schema a trave di colmo,

Dettagli

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica Allegati alle NTA A - Allegati sulla qualità architettonica AGGIORNAMENTI: Variante n. 232 approvata con atto di C.C. n. 10 del 24.03.2015 A3 - Disciplinare tecnico per la conservazione e il recupero

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

Ambito collinare del Montello Allegato 13 PIANO DEL COLORE

Ambito collinare del Montello Allegato 13 PIANO DEL COLORE COMUNE DI MONTEBELLUNA Provincia di Treviso Ambito collinare del Montello Allegato 13 PIANO DEL COLORE Progettazione iniziale: Veneto Progetti PIANO REGOLATORE GENERALE - VARIANTE N 1-2010 ST SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

isolato D PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud

isolato D PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO isolato D vista Nord vista Est vista Sud vista Ovest PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-01 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 1 fabbricato

Dettagli

ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI

ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI ABACO DEGLI ELEMENTI RICORSIVI Gli abachi degli elementi ricorsivi allegati raccoglie le norme ed il repertorio degli esempi a cui si dovrà fare riferimento nella progettazione dei singoli interventi sugli

Dettagli

Piano del Colore RELAZIONE. Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio. Marzo 2011. Arch.

Piano del Colore RELAZIONE. Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio. Marzo 2011. Arch. Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi Piano di Governo del Territorio Piano del Colore RELAZIONE Marzo 2011 Arch. Marco Garau Arch. Dario Grazioli Comune di Castiglione d Adda - Provincia di Lodi

Dettagli

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA SETTORE SVILUPPO ED ASSETTO DEL T E R R I T O R I O S.Piero in Bagno Piazza Martiri 1 Provincia Forlì-Cesena Tel. 0543 900411 Fax 0543 903032 e.mai: settoreurbanistica@comune.bagnodiromagna.fc.it

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO

PIANO PARTICOLAREGGIATO COMUNE DI ILLASIMIUS Provincia di Cagliari PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO DI PRIMA ED ANTICA FORMAZIONE Allegato alla Delibera del Consiglio Comunale n del Elaborato Norme Tecniche per Unità Edilizia

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

isolato I PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud

isolato I PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO isolato I vista Nord vista Est vista Sud vista Ovest PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA I-01 localizzazione ISOLATO I via Cavour, via Roma, via

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL COLORE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL COLORE REGOLAMENTO COMUNALE DEL COLORE Adottato dal Consiglio Comunale con delibera n. 13 del 28.04.2010 Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 24 del 01.09.2010 0 Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER IL RECUPERO DELL IMMAGINE STORICA DELL ABITATO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER IL RECUPERO DELL IMMAGINE STORICA DELL ABITATO UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER IL RECUPERO DELL IMMAGINE STORICA DELL ABITATO (deliberazione di Consiglio n. 31 del 20/07/2006, n 40 del 22/10/2007, n 11 del 24/03/2009

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE

PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE 2009 Comune di Capriva del Friuli Provincia di Gorizia PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE ALLEGATO 2 A. INDIRIZZI DI TECNICA COSTRUTTIVA PER GLI INTERVENTI SULL EDIFICATO ESISTENTE E DI NUOVA COSTRUZIONE

Dettagli

COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO

COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO COMUNE DI OLBIA PROVINCIA DI OLBIA - TEMPIO ALLEGATO A SCHEDE DI VALUTAZIONE OBBLIGATORIE PER LA RICHIESTA DI QUALUNQUE INTERVENTO QUADRO A. DATI GENERALI TITOLARE DELL INTERVENTO Il Signore / La Signora

Dettagli

Norme. Piano del Colore del Centro Storico di Valdagno. Città di Valdagno Provincia di Vicenza DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO

Norme. Piano del Colore del Centro Storico di Valdagno. Città di Valdagno Provincia di Vicenza DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Città di Valdagno Provincia di Vicenza DIREZIONE PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Ufficio di Piano Piano del Colore del Centro Storico di Valdagno Avv. Alberto Neri Dirigente Arch. Maurizio Dal

Dettagli

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione FORI

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione FORI FORI DESCRIZIONE Nella composizione delle facciate delle architetture tradizionali sono presenti differenti tipi di aperture: - i grandi fori per accedere e arieggiare il sottotetto - le feritoie e le

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO Allegato C

REGOLAMENTO EDILIZIO Allegato C COMUNE DI FOLLONICA REGOLAMENTO EDILIZIO Allegato C REGOLAMENTO PER LA RIQUALIFICAZIONE FORMALE DEI PROSPETTI DI VIA ROMA, PIAZZA SIVIERI E PIAZZA DEL POPOLO A FOLLONICA (testo stralciato) 1 INDICE REGOLAMENTO:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

Piano di Governo del Territorio Ai sensi della L.R. n. 12/2005 e s.m.i. PIANO DELLE REGOLE. Città di Tradate Provincia di Varese

Piano di Governo del Territorio Ai sensi della L.R. n. 12/2005 e s.m.i. PIANO DELLE REGOLE. Città di Tradate Provincia di Varese Città di Tradate Provincia di Varese Piano di Governo del Territorio Ai sensi della L.R. n. 12/2005 e s.m.i. PIANO DELLE REGOLE NORME DI ATTUAZIONE Allegato C NORMATIVA SPECIALE PER GLI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Appendice A NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE linee guide per la formazione degli interventi sul P.E.E. di impianto storico

Appendice A NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE linee guide per la formazione degli interventi sul P.E.E. di impianto storico Comune di Seravezza (LU) VARIANTE AL P.R.G.C. VIGENTE PER L AREA ARTIGIANALE-INDUSTRIALE IN LOC. CIOCCHE - PUNTONE Quadro Progettuale Appendice A NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE linee guide per la formazione

Dettagli

ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI

ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI COMUNE DI BOCENAGO PIANO REGOLATORE GENERALE ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI ALLEGATO AI CRITERI DI TUTELA PAESAGGISTICO-AMBIENTALE INDICE: Premessa...2 Tetto...3 Tettoie esterne per ingresso...6

Dettagli

Piano di Governo del Territorio Comune di Cassina de Pecchi Piano delle Regole

Piano di Governo del Territorio Comune di Cassina de Pecchi Piano delle Regole Piano di Governo del Territorio Comune di Cassina de Pecchi Piano delle Regole 2 Abaco degli interventi e dei materiali per gli ambiti del nucleo storico... 4 1 Pavimentazione degli spazi comuni... 5 2

Dettagli

Architetto Enzo Siligardi Studio di architettura Via San Martino, 3-38100 Trento Tel. 0461/ 982365 - Fax. 0461/239790 - E-mail: siligardi@tin.

Architetto Enzo Siligardi Studio di architettura Via San Martino, 3-38100 Trento Tel. 0461/ 982365 - Fax. 0461/239790 - E-mail: siligardi@tin. COMUNE DI TESERO PROVINCIA DI TRENTO PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI TESERO VARIANTE V2 VARIANTE AL PIANO REGOLATORE GENERALE PER LA CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO MONTANO

Dettagli

REPERTORIO DEI SISTEMI COSTRUTTIVI DI RIFERIMENTO PER IL PROGETTO

REPERTORIO DEI SISTEMI COSTRUTTIVI DI RIFERIMENTO PER IL PROGETTO SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE COPERTURE... 2 SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE MURATURE,... 3 SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE APERTURE...3...3 SISTEMA COSTRUTTIVO DEI COLLEGAMENTI FRA LE STRUTTURE DI COPERTURA E LE STRUTTURE

Dettagli

Scheda n. 10 Casa Speranza

Scheda n. 10 Casa Speranza Scheda n. 10 Casa Speranza Ubicazione: I fabbricati sono inseriti, dal Piano Strutturale vigente del Comune di Collesalvetti nel Sottosistema Rurale con prevalente funzione rurale, U.T.O.E. n. 14 Colline

Dettagli

MANUALE PER IL RECUPERO DEL PATRIMONIO ESISTENTE

MANUALE PER IL RECUPERO DEL PATRIMONIO ESISTENTE PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI PINZOLO VARIANTE AL PIANO REGOLATORE GENERALE PER LA CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO MONTANO ESISTENTE ( Art. 24 bis L.P. n.22/91 e successive modificazioni

Dettagli

INDICE. Art. 1) Definizione; Art. 2) Obiettivi; Art. 3) Tipi di intervento; Art. 4) Ambito territoriale di intervento

INDICE. Art. 1) Definizione; Art. 2) Obiettivi; Art. 3) Tipi di intervento; Art. 4) Ambito territoriale di intervento INDICE Art. 1) Definizione; Art. 2) Obiettivi; Art. 3) Tipi di intervento; Art. 4) Ambito territoriale di intervento Art. 5) Adempimenti per il rifacimento della tinteggiatura Art. 6) Tipologia di intervento

Dettagli

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni

COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA art. 6 D.P.R. 380/2001 e successive modifiche ed integrazioni Al fine di rendere più agevole la procedura si elencano gli interventi previsti dall art. 5 del Regolamento

Dettagli

CENTRO STORICO NOBILE

CENTRO STORICO NOBILE CENTRO STORICO NOBILE Identificativo 54 Centro Storico Nobile - Via Roma Identificativo catastale 1228 fg. n. 4 Piani fuori terra n. 1 Residenziale Edifico isolato con a padiglione, manto di in tegole

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 143 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

Il presente Piano di Recupero si compone dei seguenti elementi: 2 Allegato B - analisi dei Principi del Piano di Recupero;

Il presente Piano di Recupero si compone dei seguenti elementi: 2 Allegato B - analisi dei Principi del Piano di Recupero; ARTICOLO 1 ELEMENTI DEL PIANO DI RECUPERO Il presente Piano di Recupero si compone dei seguenti elementi: 1 Allegato A - Relazione Storica; 2 Allegato B - analisi dei Principi del Piano di Recupero; 3

Dettagli

Comune di Civitella San Paolo Provincia di Roma

Comune di Civitella San Paolo Provincia di Roma Comune di Civitella San Paolo Provincia di Roma Indice CAPO I - Facciate Regolamento per l Ornato Articolo 1 - Parametro faccia a vista in laterizio e lapideo Articolo 2 - Intonaco Articolo 3 Tinteggiature

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI NELL AMBITO DEGLI INSEDIAMENTI STORICI

INDIRIZZI GENERALI NELL AMBITO DEGLI INSEDIAMENTI STORICI COMUNE DI TRAMBILENO INDIRIZZI GENERALI NELL AMBITO DEGLI INSEDIAMENTI STORICI Per interventi edilizi soggetti a procedura di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) Trambileno, giugno 2014

Dettagli

PIANO DI CONSERVAZIONE E SVILUPPO DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE

PIANO DI CONSERVAZIONE E SVILUPPO DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE PIANO DI CONSERVAZIONE E SVILUPPO DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE APPENDICE 1 NORME PER LA CONSERVAZIONE E IL RECUPERO FUNZIONALE E STRUTTURALE DEGLI EDIFICI Aprile 2013 Responsabile del Piano: Dott.Ing.

Dettagli

Il Piano del Colore del centro storico del Comune di Castel San Giovanni

Il Piano del Colore del centro storico del Comune di Castel San Giovanni Il Piano del Colore del centro storico del Comune di Castel San Giovanni Il Piano del Colore è il documento con cui il Comune di Castel San Giovanni intende stabilire i principi ed i parametri fondamentali

Dettagli

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori)

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) Premessa La cartella dei colori costituisce lo strumento per guidare gli interventi di tinteggiatura delle facciate nel centro storico, al fine

Dettagli

SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY

SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY Q Scheda N : 1 COMUNE DI ETROUBLES Epoca di costruzione: antecedente il 1900 Stato di conservazione: pessimo Stato del fabbricato: originario Tipo

Dettagli

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura.

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura. COMUNE DI FERRARA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICI ESISTENTI E TITOLI EDILIZI RICHIESTI Principali casistiche per gli interventi sull edilizia esistente, a partire dal 1 luglio 2008

Dettagli

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie

TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie TITOLO III Regole sul decoro, sull ornato e dipintura delle facciate edilizie Art. 17 - Decoro degli edifici Le costruzioni devono rispettare nel loro aspetto esterno il decoro edilizio ed inserirsi armonicamente

Dettagli

AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011

AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 AGGIORNAMENTI: Decreto del Direttore del Settore Pianificazione Territoriale n. 23 del 31.03.2011 A2 - Disciplina particolereggiata per il Centro Storico TITOLO 3 Capo 2 Sezione 2 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA

Dettagli

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E comune di CAMPOSANTO P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E Norme di specificazione per gli interventi di ricostruzione e/o delocalizzazione di edifici posti in territorio rurale vincolati dalla

Dettagli

COMUNE DI COREDO PROVINCIA DI TRENTO. PIANO COLORE DEL COMUNE DI COREDO Norme di attuazione

COMUNE DI COREDO PROVINCIA DI TRENTO. PIANO COLORE DEL COMUNE DI COREDO Norme di attuazione COMUNE DI COREDO PROVINCIA DI TRENTO PIANO COLORE DEL COMUNE DI COREDO RESPONSABILI DI PROGETTO Arch. Andrea Rigo Ing. Mirko Gazzini COLLABORATORI Arch. Eleonora Fronza Arch. Virginia Berti Sommario Art.

Dettagli

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO

Comune di Arzignano (VI) PROGETTO DEFINITIVO Comune di Arzignano (VI) PIANO LOTTIZZAZIONE "VIA POZZETTI" (C2-8029) PROGETTO DEFINITIVO ALLEGATO Norme di attuazione N. B Commessa D13LG022 Codice Elaborato D13LG022-CAR-00B-R0 SCALA: File Z:\ANNO-2013\D13LG022\PROGETTO\DISEGNI\D13LG022-CAR-000-R1.DWG

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO RESIDENZIALE Oneri per la sicurezza dorante tutta la durata del cantiere. ONERI SICUREZZA % 1,5 187.791,84 2.

RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO RESIDENZIALE Oneri per la sicurezza dorante tutta la durata del cantiere. ONERI SICUREZZA % 1,5 187.791,84 2. RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO RESIDENZIALE Oneri per la sicurezza dorante tutta la durata del cantiere. ONERI SICUREZZA % 1,5 187.791,84 2.816,88 MAT 270 MATERIALI DA COSTRUZIONE NOLEGGI E TRASPORTI 270.

Dettagli

REPERTORIO DELLE TIPOLOGIE DEI MATERIALI E DELLE GAMME CROMATICHE DA ADOTTARE NEGLI INTERVENTI EDILIZI ANALISI DEL CONTESTO LOCALE

REPERTORIO DELLE TIPOLOGIE DEI MATERIALI E DELLE GAMME CROMATICHE DA ADOTTARE NEGLI INTERVENTI EDILIZI ANALISI DEL CONTESTO LOCALE SCHEDA N 8 REPERTORIO DELLE TIPOLOGIE DEI MATERIALI E DELLE GAMME CROMATICHE DA ADOTTARE NEGLI INTERVENTI EDILIZI STRALCIO AEROFOTOGRAMMETRICO ANALISI DEL CONTESTO LOCALE MAPPA COMUNE AMBITO UNITARIO FORNACE

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80

Norme tecniche di attuazione. Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 Norme tecniche di attuazione Edifici elencati ai sensi della ex L.R. 59/80 TESTO MODIFICATO CON DELIBERA DEL C.C. N. \ RELATIVA ALL APPROVAZIONE DEL SECONDO REGOLAMENTO URBANISTICO NOVEMBRE 2013 Comune

Dettagli

CITTA DI MANDURIA (Provincia di Taranto) Area Tecnica Sezione urbanistica

CITTA DI MANDURIA (Provincia di Taranto) Area Tecnica Sezione urbanistica Allegato A alla deliberazione di C.C. n. 11 del 5 marzo 2007 CITTA DI MANDURIA (Provincia di Taranto) Area Tecnica Sezione urbanistica piazza GAR IBALDI CENTRO STORICO E ZONA AMBIENTALE RC regolamento

Dettagli

Detraibile. Installazione di macchinari esterni

Detraibile. Installazione di macchinari esterni INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' IMMOBILIARI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali o di altre unità Spostamento di alcuni locali da una unità immobiliare ad altra o anche

Dettagli

INDICE INDICE... 1 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE... 3

INDICE INDICE... 1 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE... 3 INDICE INDICE... 1 NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE... 3 GENERALITÀ... 4 Art 1. Finalità e contenuti... 4 Art 2. Elementi costitutivi del piano... 4 SEZIONE PRIMA - CARATTERI PROPRI DELLE FACCIATE... 5 Art

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009 COMUNE DI ALZANO LOMBARDO ASSESSORATO AL GOVERNO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE DEI CENTRI STORICI DI ALZANO LOMBARDO Approvato con Deliberazione

Dettagli

Architetto Fausto Bianchi. Studio Tecnico Arch. Fausto Bianchi via Sala 38-25048 Edolo (BS) tel. 0364 73207 - fax. 0364 71156

Architetto Fausto Bianchi. Studio Tecnico Arch. Fausto Bianchi via Sala 38-25048 Edolo (BS) tel. 0364 73207 - fax. 0364 71156 Regione Lombardia P G T2014 Provincia di Brescia Comune di BERZO DEMO Comune di Berzo Demo Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Adozione: Delibera del Consiglio Comunale n. 29 del 05/12/2013

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via S.Elia n civico: s.n.c. Superficie

Dettagli

Assessorato Urbanistica e LL.PP. REGOLAMENTO

Assessorato Urbanistica e LL.PP. REGOLAMENTO Assessorato Urbanistica e LL.PP. REGOLAMENTO SUI MATERIALI, SUL COLORE E SUGLI ALTRI ELEMENTI INERENTI L ASPETTO ESTERIORE DEGLI EDIFICI RICADENTI NELLA ZONA OMOGENEA "A" CENTRO STORICO E TRAVERSE DI VIA

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLORE (ALLEGATO 1 AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE)

REGOLAMENTO DEL COLORE (ALLEGATO 1 AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE) Regione Piemonte Provincia di Alessandria Comune di SALA MONFERRATO Via Roma n.1 - C.A.P. 15030 - Tel. 0142/48.67.21 - Fax 0142/48.67.73 REGOLAMENTO DEL COLORE (ALLEGATO 1 AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE)

Dettagli

Comune di Castrovillari - Ufficio del Piano

Comune di Castrovillari - Ufficio del Piano Comune di Castrovillari - Ufficio del Piano Piano per gli interventi di sistemazione esterna delle facciate degli edifici prospicienti Via Roma (angolo Via del Popolo) e Corso Garibaldi della Zona A4 -

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 Comprensorio C8 - Giudicarie N. particella ed. o fond..132 Comune Amministrativo Bocenago Data rilievo 21/06/07 Comune Catastale

Dettagli

PIANO DEL COLORE Abaco degli elementi tecno-morfologici Indice

PIANO DEL COLORE Abaco degli elementi tecno-morfologici Indice PIANO DEL COLORE Abaco degli elementi tecno-morfologici Indice introduzione e guida COPERTURE manti di copertura comignoli abbaini e lucernari gronde e modiglioni di gronda PARAMETRI bugnato zoccolatura

Dettagli

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere

3.2.8 Parapetti 3.2.9 Gronde e pluviali 3.2.10 Misure contro la penetrazione dei volatili e di animali in genere 3.2.8 Parapetti Le finestre, i balconi e le terrazze devono avere parapetti di altezza non inferiore a cm. 100. In ogni caso i parapetti, fermo restando che devono garantire sufficiente resistenza agli

Dettagli

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DELLE VARIANTI

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DELLE VARIANTI 1) PREMESSA Il Comune di Lajatico si è dotato di Piano Strutturale approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 27.09.2006 e di Regolamento Urbanistico approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Alloggio di civile abitazione ubicato in Firenze Via dei Serragli n. 76. (N.C.E.U. Foglio di mappa

Dettagli

Estratto da Criteri di Valutazione paesistica dei progetti del Comune di Lod i

Estratto da Criteri di Valutazione paesistica dei progetti del Comune di Lod i VAS del Documento di Piano di Lodi - Rapporto Ambientale Allegato 1 Comune di Lodi Estratto da Criteri di Valutazione paesistica dei progetti del Comune di Lod i Università degli Studi di Pavia - Laboratorio

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO. Piano del colore del Centro storico RELAZIONE E NORME GUIDA FEBBRAIO 1998 AGGIORNAMENTI 25.06.2002 C.C. N. 79

COMUNE DI PONSACCO. Piano del colore del Centro storico RELAZIONE E NORME GUIDA FEBBRAIO 1998 AGGIORNAMENTI 25.06.2002 C.C. N. 79 COMUNE DI PONSACCO Piano del colore del Centro storico RELAZIONE E NORME GUIDA Professionista incaricato: Prof. Dott. Arch. Carla Tomasini Pietramellara Collaboratori : Dott. Arch. Marcello Scalzo Dott.

Dettagli

ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI

ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI ATTI BILITANTI ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI TIPOLOGIA DESCRIZIONE STRUMENTO Abbaino Accorpamento di locali o altre unità immobiliari Adeguamento Antisismico Adeguamento igienicofunzionale Alberatura

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Ufficio proponente: Sportello Unico per l edilizia Responsabile: Dott. Arch. Tommaso Moreschi 1. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Agugliano è attualmente

Dettagli

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO COMUNE DI NICHELINO SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICO-ARTISTICI E DEMOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE CNA - POLITECNICO DI TORINO IL

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE...1. Parte I. - CONTENUTI GENERALI e STRUTTURA DEL PROGETTO COLORE...3 DEFINIZIONE DEL PROGETTO COLORE...3

NORME DI ATTUAZIONE...1. Parte I. - CONTENUTI GENERALI e STRUTTURA DEL PROGETTO COLORE...3 DEFINIZIONE DEL PROGETTO COLORE...3 NORME DI ATTUAZIONE NORME DI ATTUAZIONE...1 Parte I. - CONTENUTI GENERALI e STRUTTURA DEL PROGETTO COLORE...3 Art. 1. Art. 2. DEFINIZIONE DEL PROGETTO COLORE...3 DEFINIZIONE DELL AMBITO DI RIFERIMENTO...3

Dettagli

ALLEGATO A : Tabella riepilogativa dei procedimenti amministrativi

ALLEGATO A : Tabella riepilogativa dei procedimenti amministrativi INDICE INTRODUZIONE. p. 2 ART.1. SCOPI E CONTENUTI. p. 2 ART. 2. AMBITO DI ATTUAZIONE. p. 3 ART. 3. CRITERI DI INTERVENTO p. 3 ART. 4. MODALITÀ DI INTERVENTO.. p. 5 ART. 5. CATEGORIE DI INTERVENTO TITOLI

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI 4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali spostamento di alcuni locali da

Dettagli

HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS

HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS B Scheda N : COMUNE DI ETROUBLES 1 Epoca di costruzione: antecedente il 1900 Stato di conservazione: ottimo Stato del fabbricato: ristrutturato

Dettagli

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO

RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA LAVORI DI RISANAMENTO CONSERVATIVO COPERTURA EDIFICIO DELLA QUESTURA DI TORINO CORSO VINZAGLIO N 10, TORINO GENERALITA Il Palazzo sede degli Uffici della Questura occupa

Dettagli

PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA

PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA PROGETTO UNITARIO AMBITO DI RICUCITURA VIA MESSINA - COLLEGNO RELAZIONE DESCRITTIVA INDICE INTRODUZIONE... 2 CARATTERISITCHE COMPOSITIVE COMPARTO 1 - PUBBLICO... 3 CARATTERISITCHE COMPOSITIVE COMPARTO

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36%

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36% CARTONGESSO CONTROSOFFITTI SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMOACUSTICO TINTEGGIATURE Ufficio: Magazzino: Via Fistomba 8/II Cap. 35131 PADOVA Via Lisbona 8/A Cap. 35127 Z.I. PADOVA P. Iva : 02933440790 P. Iva.

Dettagli