Con il patrocinio di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Con il patrocinio di"

Transcript

1 Con il patrocinio di

2 Il kit Andiamo a segno! è ideato da Laboratorio Creativo e promosso dalla Regione Piemonte e da TOP come supporto educativo e formativo del progetto Etica e Sport destinato alle scuole. TOP (www.torinolympicpark.org) è nato dopo le Olimpiadi Invernali di Torino 2006 per promuovere iniziative sportive e culturali e gestire gli impianti lasciati in eredità dai Giochi Olimpici. Il progetto Etica e Sport (www.eticasport.it) è sostenuto dall assessorato allo Sport e Turismo della Regione Piemonte e si avvale della collaborazione del Comitato Scientifico Etica e Sport composto da diverse personalità con esperienza in ambito sportivo che mirano a diffondere l etica nello sport. Il Laboratorio Creativo (www.laboratoriocreativo.com) è specializzato in progetti didattici e di comunicazione sociale.

3 SCHEDA 2 COS È? Andiamo a segno! è un concorso di idee per lo sport etico. PER CHI È? Vi partecipano le classi delle scuole medie e del biennio delle scuole superiori del Piemonte. COME? Scoprendo i ruoli dello sport attraverso le carte domino. Sviluppando la traccia di un progetto abbinato a un ruolo sportivo. PERCHÉ? per scoprire i principi del Decalogo di Etica e Sport per vivere lo sport con più consapevolezza e serenità per combattere l abbandono della pratica sportiva tra i giovani per praticare lo sport come momento di crescita per migliorare il rendimento scolastico grazie allo sport per ideare iniziative sportive etiche rivolte ai giovani

4 Per partecipare al concorso Andiamo a segno! scrivi con la tua classe un progetto che promuova il Decalogo di Etica e Sport. Scegli uno dei 6 principali ruoli che animano il mondo sportivo e scopri la traccia del progetto che dovrai elaborare. ALLENAMENTO! Se sfidi a domino i tuoi compagni, conoscerai i 6 ruoli dello sport e le azioni positive che si realizzano tra di loro. Se svolgi le 4 prove didattiche, abbinate al ruolo che hai scelto, ti preparerai a scrivere il progetto. LA SFIDA FINALE! Scrivi il progetto con la tua classe e partecipa al Premio Laudi Bontempi. Leggi attentamente il Decalogo e segna i punti che realizzi con il tuo progetto.

5 SCHEDA 3 Usa le 28 carte del domino (dalla 12 alla 39) per allenarti a scrivere il progetto. Con il retro delle carte gioca a domino e impara tutte le azioni etiche dei 6 ruoli dello sport e i rapporti positivi che si possono stabilire tra loro. Con il fronte delle carte svolgi le prove didattiche che ti preparano a completare la traccia del progetto che hai scelto.

6 COME SI GIOCA Come in un domino tradizionale lo scopo del gioco è abbinare le carte che presentano gli stessi ruoli. IN DUE SQUADRE Si distribuiscono 7 carte per squadra e si forma un mazzo coperto di 14 carte. A turno ogni squadra cala una carta da abbinare, leggendo ad alta voce l azione positiva descritta. Se in mano non si ha nessuna carta abbinabile, se ne pesca una dal mazzo coperto. IN QUATTRO SQUADRE Si distribuiscono 7 carte per squadra senza formare il mazzo coperto. Chi non riesce ad abbinare le carte, passa il turno. CHI VINCE? Vince chi finisce per primo le carte, cioè chi mette in campo più azioni positive. Come accade nella realtà, anche qui le azioni etiche coinvolgono sempre almeno due ruoli e funzionano da reciproco stimolo, avviando un effetto... domino! E POI Le sfide a domino possono essere infinite e sempre diverse. Se ogni volta leggi le azioni positive scritte sulle carte, comincerai a impararle a memoria e il tuo allenamento per il torneo di sport etico sarà vincente!

7 SCHEDA 4 Scrivi la tua idea per lo sport etico a partire dal Decalogo di Etica e Sport. Segna, barrando la casella, i punti che vuoi sviluppare nel progetto e aggiungi all elaborato della sfida finale questa scheda compilata. PROGETTO CLASSE SCUOLA CITTÀ Lo sport è divertimento. Al di là dell'agonismo, attraverso il gioco incontro molti amici e miglioro la mia vita sociale. Nello sport siamo tutti compagni di avventura: chi ama lo sport sa vincere senza umiliare gli altri. E sa anche perdere senza abbattersi. Lo sport mi fa crescere quando supero i miei limiti e quando non mi abbatto per le sconfitte. Imparo a vincere, ma anche a perdere e a considerare gli avversari dei compagni di gioco. Raggiungo risultati sportivi senza ricorrere a sostanze vietate, scorrettezze tecniche o falsificazioni di documenti di gara.

8 Grazie allo sport, curo l alimentazione, aumento il mio benessere fisico e accresco i momenti di socializzazione. Posso ottenere questi benefici dello sport a qualsiasi età. Grazie allo sport incontro persone che provengono da tutti i paesi. Questo facilita l integrazione nella nostra società e la partecipazione alla vita della comunità. Nello sport siamo tutti uguali: non ci sono discriminazioni per differenze tra donne e uomini o di abilità, cultura, provenienza sociale e possibilità economiche. Poiché amo lo sport, rispetto le regole e imparo le tecniche della disciplina che ho scelto di praticare. Quindi sono responsabile in prima persona, al di là del controllo di giudici, arbitri e commissari. Nello sport ho la responsabilità, come adulto, e in particolare come genitore, di mostrare spirito collaborativo con tecnici, altri praticanti e altri genitori, evitando di cercare la mia realizzazione attraverso i successi dei miei figli. Lo sport che pratico o che guardo come spettatore è frutto della passione e dell'impegno di atleti, allenatori, insegnanti, dirigenti, genitori. Rispetto il lavoro di tutte queste persone.

9 SCHEDA 5 Per ogni ruolo devi completare la traccia di un progetto. ATLETA ALLENATORE ARBITRO TIFOSO ORGANIZZATORE GIORNALISTA Diario sullo sport etico Programma di allenamenti etici e atletici Regolamento valido per tutti gli sport Fan club etico per supportare la passione sportiva Iniziativa di sport etico rivolta ai giovani Puntata di una trasmissione televisiva dedicata allo sport etico I migliori progetti riceveranno il Premio Laudi Bontempi che riconosce i comportamenti virtuosi nello sport. I promotori del concorso Andiamo a segno! si impegnano inoltre a dare visibilità ai progetti selezionati.

10 IL PREMIO Il premio Laudi Bontempi riconosce e promuove le buone pratiche e i comportamenti virtuosi nello sport. LE SEZIONI Il premio è diviso in 5 sezioni: istituzioni pubbliche e private, tecnici e atleti, associazioni e società sportive, comunicatori, scuole. Lavorando alla sfida finale del progetto Andiamo a segno! tu e la tua classe concorrete in quest ultima categoria. IL RICORDO Il premio vuole ricordare l impegno per lo sport etico di Rinaldo Bontempi e Maurizio Laudi, valorizzando comportamenti affini in altri protagonisti del mondo sportivo. Rinaldo Bontempi, scomparso nel 2007, ha promosso l etica sportiva soprattutto in qualità di vicepresidente del Toroc. Per primo ha sostenuto una Carta di Intenti che in ambito olimpico promuovesse la gestione di grandi eventi sportivi improntata a comportamenti etici. Maurizio Laudi, scomparso nel 2009, si è a lungo speso in favore della correttezza nel mondo sportivo, sia come magistrato sia come presidente del Comitato Scientifico di Etica e Sport. Ricordando l esempio di Rinaldo Bontempi e Maurizio Laudi abbiamo voluto istituire un premio che valorizzasse le realtà che quotidianamente garantiscono il diritto di tutti allo sport nella regione Piemonte. Pierpaolo Maza - coordinatore Etica e Sport

11 SCHEDA 6 Gli atleti vogliono tornare a vivere lo sport in maniera serena, contrastando quelle situazioni in cui non si rispettano i principi 1, 2, 3, 4, 6, 7 e 8 del Decalogo di Etica e Sport: lo sport non diventa occasione per stringere amicizia si umiliano gli avversari che hanno perso si diventa intrattabili in caso di sconfitta si fa uso di sostanze dopanti si fa sport solo con persone che si conoscono si discriminano gli atleti di diverse culture e religioni si protesta sempre contro gli arbitri Decidono, perciò, di scrivere giorno per giorno un diario dello sport etico raccontando gli episodi in cui praticano lo sport in modo positivo. Se tu fossi al posto loro, come lo faresti?

12 ATLETA DIARIO DI SPORT ETICO Cerca nella tua esperienza sportiva gli spunti per parlare ai tuoi coetanei di sport etico e inventa così un diario dell atleta ideale. Spiega, quindi, quali capitoli e racconti vorresti inserire per comunicare in maniera diretta e vissuta come si vive eticamente lo sport. Allega, se vuoi, esempi di pagine scritte, foto, disegni, video o altri materiali che mostrino come ti piacerebbe che fosse il tuo diario. Puoi ispirarti al Libro bianco sullo sport promosso dall'unione Europea (scaricalo dal sito in questo modo avrai una linea guida per il tuo lavoro e la possibilità di dire con parole tue quello che viene altrimenti detto in maniera ufficiale. ALLENAMENTO Svolgi le prove didattiche n. 12, 13, 14, 15. Gioca a domino e fatti ispirare dalle azioni positive dei 6 ruoli. Leggi attentamente il Decalogo e segna i punti che realizzi con il tuo progetto. Invia tutto all indirizzo o a TOP Etica e Sport, via Giordano Bruno, Torino I migliori progetti riceveranno il Premio Laudi Bontempi.

13 SCHEDA 7 Gli allenatori vogliono offrire ai giovani un modello di sport alternativo differenziandosi da chi allena gli atleti senza rispettare i principi 1, 2, 3, 4, 5, 6 e 7 del Decalogo di Etica e Sport causando, ad esempio, questi effetti: non fa divertire gli atleti ma stimola solo la competitività e la ricerca affannosa del risultato promuove il gioco duro nei confronti degli avversari mortifica gli atleti in caso di sconfitta approva l'uso di sostanze illegali per ottenere migliori risultati da parte degli atleti non si cura del benessere fisico dell atleta, ma solo del suo rendimento non sopporta i momenti di socializzazione e di armonia tra gli atleti perché disturbano la concentrazione degli allenamenti umilia o trascura gli atleti meno talentuosi o in difficoltà Decidono, perciò, di studiare un nuovo programma di allenamenti etici ed atletici, in grado di migliorare i risultati sportivi e i comportamenti degli atleti. Se tu fossi al posto loro, come lo faresti?

14 ALLENATORE ALLENAMENTI ETICI E ATLETICI Pensa a quali potrebbero essere i comportamenti principali per vivere lo sport in modo etico. Pianifica, quindi, una serie di esercizi fisici e mentali che allenino i giovani a metterli in pratica. Puoi prestare attenzione, per fare qualche esempio, ad aspetti quali la pazienza, il divertimento, il rispetto delle regole, il senso del limite, la capacità di fare gruppo, la concentrazione, la consapevolezza delle proprie capacità Indica con precisione a cosa serve ciascun esercizio e come e per quante volte deve essere ripetuto per avere degli effetti positivi. Indica, infine, il destinatario di questo programma di allenamenti e in quale contesto (scuola, associazioni sportive ) potrebbe essere proposto. Allega ogni tipo di materiale (video, foto, disegni ) utile a mostrare il tuo programma di allenamenti etici. ALLENAMENTO Svolgi le prove didattiche n. 16, 17, 18, 19. Gioca a domino e fatti ispirare dalle azioni positive dei 6 ruoli. Leggi attentamente il Decalogo e segna i punti che realizzi con il tuo progetto. Invia tutto all indirizzo o a TOP Etica e Sport, via Giordano Bruno, Torino I migliori progetti riceveranno il Premio Laudi Bontempi.

15 SCHEDA 8 Gli arbitri vogliono far crescere la correttezza in un contesto sportivo in cui i giudici di gara osservano comportamenti sempre più contrari ai principi 1, 2, 4, 7, 8, 9 e 10 del Decalogo di Etica e Sport: lo sport non è più un gioco e le competizioni si vivono senza divertimento non si rispetta il fair play e in caso di vittoria si umilia l avversario si usano mezzi illegali, come il doping, per migliorare le proprie prestazioni la rivalità sportiva è talmente accesa che diventa odio e intolleranza razziale si ignorano le regole e non si assume in prima persona la responsabilità dei propri comportamenti i tifosi alimentano le tensioni senza dare il buon esempio, in particolare, i genitori degli atleti più giovani per lamentarsi degli arbitraggi si danneggiano le strutture sportive Decidono, perciò, di inventare il regolamento dei regolamenti valido per tutti gli sport e di istituire un osservatorio fatto da giovani che ne controlli l applicazione, inventando idee e soluzioni originali per premiare chi lo rispetta o per punire chi lo infrange. Se tu fossi al posto loro, come lo faresti?

16 ARBITRO REGOLE ETICHE Studia i regolamenti di vari sport ed evidenzia quali regole sono particolarmente significative dal punto di vista etico. Cerca di capire perché ciascuna regola è stata introdotta, cosa succederebbe se non ci fosse e che tipo di diritto o principio permette di difendere. Poi, trascrivile in un regolamento dei regolamenti valido per tutti gli sport. Istituisci, quindi, un osservatorio di studenti che assicuri il rispetto delle regole e stabilisci da chi deve essere composto, quali iniziative organizza, quali premi o penalità prevede per i protagonisti e spettatori del mondo sportivo. Spiega il motivo delle tue scelte e le ragioni per cui il tuo progetto potrebbe essere utile per promuovere tra i giovani l'etica sportiva. ALLENAMENTO Svolgi le prove didattiche n. 20, 21, 22, 23. Gioca a domino e fatti ispirare dalle azioni positive dei 6 ruoli. Leggi attentamente il Decalogo e segna i punti che realizzi con il tuo progetto. Invia tutto all indirizzo o a TOP Etica e Sport, via Giordano Bruno, Torino I migliori progetti riceveranno il Premio Laudi Bontempi.

17 SCHEDA 9 I tifosi vogliono far sentire la loro voce e vivere con gioia la passione per lo sport. Non condividono, però, alcune situazioni che si verificano sugli spalti, contrarie ai principi 1, 2, 3, 6, 7, 9 e 10 del Decalogo di Etica e Sport. Ad esempio, quelle in cui: si fa dello sport un occasione di scontro invece che di divertimento condiviso si cantano cori offensivi nei confronti degli avversari si sfruttano le occasioni sportive per sfogarsi e imbarbarirsi, anziché migliorare si vive lo sport con nervosismo e tensione, preferendo la solitudine alla compagnia si espongono striscioni razzisti i genitori mettono sotto pressione i figli che praticano sport si disdegnano gli sport meno conosciuti e coloro che li praticano Decidono, perciò, di fare il tifo per lo sport in generale e di creare un fan club etico in grado di insegnare i comportamenti migliori ai tifosi. Se tu fossi al posto loro, come lo faresti?

18 TIFOSO FAN CLUB ETICO Immagina come potrebbe essere un fan club in cui si rispettano e promuovono i principi dello sport etico e in cui non si fanno differenze tra gli sport, ma si fa il tifo in generale per lo sport sano e pulito. Decidi come potrebbe chiamarsi, a chi si rivolgerebbe e che tipo di iniziative organizzerebbe. Precisa, inoltre, come si manifesterebbe la sua natura etica e la passione per lo sport in generale. Non dimenticare, infine, di sbizzarrirti su aspetti come i colori sociali, gli slogan, le coreografie, i cori, gli inni o le mascotte caratteristici del tuo fan club. Allega tutto il materiale necessario a esporre al meglio il tuo progetto. ALLENAMENTO Svolgi le prove didattiche n. 24, 25, 26, 27. Gioca a domino e fatti ispirare dalle azioni positive dei 6 ruoli. Leggi attentamente il Decalogo e segna i punti che realizzi con il tuo progetto. Invia tutto all indirizzo o a TOP Etica e Sport, via Giordano Bruno, Torino I migliori progetti riceveranno il Premio Laudi Bontempi.

19 SCHEDA 10 Gli organizzatori vogliono promuovere lo sport etico tra i giovani per porre freno all'abbandono della pratica sportiva. Devono affrontare queste situazioni negative in cui non si rispettano i principi 1, 2, 4, 5, 6, 7 e 8 del Decalogo di Etica e Sport: si valorizza eccessivamente il risultato sportivo a discapito del divertimento e della passione per lo sport durante le manifestazioni sportive ci sono conflitti e risse tra atleti, genitori, allenatori e avversari si sorvola sui controlli antidoping si privilegiano gli sport professionistici e gli altri, considerati minori ma importanti per la salute, trovano pochi finanziatori non è facile avere a disposizione le strutture per organizzare occasioni di sport e socializzazione non tutti possono permettersi di praticare sport a causa di costi elevati, neccessità di spostamenti oppure orari degli impianti troppo rigidi il lavoro dell organizzatore di eventi sportivi non è conosciuto e agevolato Decidono, perciò, di organizzare un'iniziativa sportiva per giovani all insegna dello sport etico. Se tu fossi al posto loro, come la faresti?

20 ORGANIZZATORE INIZIATIVA PER GIOVANI Fai un'indagine per individuare le attività sportive per i giovani che si organizzano nella tua città. Progetta, quindi, una nuova iniziativa, indicando per quale ragione sarebbe etica e quali sono i miglioramenti che desideri attuare per i giovani e per il territorio. Puoi allegare al tuo progetto la descrizione dettagliata dell iniziativa, esempi di materiali pubblicitari, una piantina della città su cui segnare dove la organizzeresti, il bilancio economico e sociale dell iniziativa ALLENAMENTO Svolgi le prove didattiche n. 28, 29, 30, 31. Gioca a domino e fatti ispirare dalle azioni positive dei 6 ruoli. Leggi attentamente il Decalogo e segna i punti che realizzi con il tuo progetto. Invia tutto all indirizzo o a TOP Etica e Sport, via Giordano Bruno, Torino I migliori progetti riceveranno il Premio Laudi Bontempi.

21 SCHEDA 11 I giornalisti sono delusi da una forma di giornalismo sportivo che non rispetta i principi 1, 2, 3, 4, 5, 9 e 10 del Decalogo di Etica e Sport e non aiuta i giovani a vivere lo sport in modo etico poiché: alimenta i dissapori tra atleti, arbitri e allenatori avvilisce gli atleti enfatizzando le loro sconfitte si dimentica di privilegiare il gesto tecnico e i miglioramenti degli atleti a favore di notizie scandalistiche trascura la gravità dell'uso del doping non promuove lo sport dilettantistico praticato per migliorare la propria salute non dà spazio ai modelli positivi e ai buoni esempi che lo sport può offrire ignora il lavoro e la passione di chi si occupa di sport meno noti o svolge ruoli più marginali Decidono, perciò, di realizzare un programma televisivo dedicato agli aspetti etici dello sport. Se tu fossi al posto loro, come lo faresti?

22 GIORNALISTA PUNTATA ETICA Immagina un programma televisivo di argomento sportivo e decidi insieme ai tuoi compagni come costruirne una puntata dedicata allo sport etico. Stabilisci e spiega, in particolare, quali ospiti inviteresti, quali tematiche tratteresti, quali filmati e rubriche manderesti in onda, quale ruolo riserveresti al pubblico da casa. Sulla base delle tue considerazioni, prepara quindi una scaletta del programma e allega tutti i materiali (video, foto, presentazioni su PowerPoint ) utili a esporla. ALLENAMENTO Svolgi le prove didattiche n. 32, 33, 34, 35. Gioca a domino e fatti ispirare dalle azioni positive dei 6 ruoli. Leggi attentamente il Decalogo e segna i punti che realizzi con il tuo progetto. Invia tutto all indirizzo o a TOP Etica e Sport, via Giordano Bruno, Torino I migliori progetti riceveranno il Premio Laudi Bontempi.

23 ATLETA GLI ATLETI SI CONGRATULANO CON GLI AVVERSARI, IN CASO DI SCONFITTA COME DI VITTORIA ATLETA GLI ATLETI FESTEGGIANO LE VITTORIE SENZA UMILIARE CHI HA PERSO

24 RUOLO: ATLETA SCHEDE DI ALLENAMENTO: 12, 13, 14, 15 SQUADRA CHE VINCE SI CAMBIA! Durante il riscaldamento del GP d Italia 2004, il motociclista torinese Giovanni Bussei diede un passaggio all australiano Vermeulen, uscito di strada, per permettergli di recuperare la seconda moto. Con questo gesto Bussei sacrificò la sua posizione sulla linea di partenza ma mostrò bene come gli avversari siano prima di tutto compagni della nostra avventura sportiva. PIERO GROS campione olimpico Per un atleta, avere un avversario è una fortuna. Anche per questo deve imparare a rispettarlo. PROVA DIDATTICA Organizza un torneo di pallavolo in cui le squadre vengano ricomposte da capo dopo ogni partita e tutti i partecipanti giochino lo stesso numero di incontri. Dopo ogni match a tutti i giocatori della squadra vincente si assegna un punto. Vincono i sei giocatori che ne totalizzano di più. Ora interrogati: è stato difficile collaborare con compagni di squadra sempre diversi? È un po cambiata la tua idea di compagno e di avversario durante questa esperienza? Scrivici le tue riflessioni all indirizzo oppure pubblicale sul sito E conservale, soprattutto, in vista della tua sfida finale da atleta: possono costituire un valido spunto per un capitolo sul rapporto con gli avversari nel diario biografico che scriverai. SCHEDA 12 Materia abbinata: EDUCAZIONE FISICA, ITALIANO

25 ATLETA GLI ATLETI CONSIDERANO LO SPORT COME UN'OCCASIONE PER SUPERARE I PROPRI LIMITI FISICI E PSICOLOGICI ALLENATORE GLI ALLENATORI AIUTANO GLI ATLETI A MIGLIORARSI SIA SUL PIANO TECNICO SIA SUL PIANO COMPORTAMENTALE

26 RUOLO: ATLETA SCHEDE DI ALLENAMENTO: 12, 13, 14, 15 A OGNUNO IL SUO SPORT Gli sport non sono tutti uguali. Alcuni richiedono sforzi brevi e intensi, come i salti e i lanci in atletica, e sono detti sport di potenza. Altri comportano performance più durature, come il canottaggio o lo sci di fondo, e sono detti sport di resistenza. Altri ancora, come il judo o il calcio, alternano questi due tipi di sforzo e sono detti sport misti. STEFANIA BELMONDO campionessa olimpica Lo sport è un momento di grande divertimento e spensieratezza ma soprattutto di libertà, del corpo e della mente. SCHEDA 13 Ognuno di noi può essere più portato per un tipo piuttosto che per un altro. L ideale sarebbe mettersi in gioco e fare quante più esperienze possibili fino a trovare lo sport giusto! PROVA DIDATTICA Tra cronometraggi e pagelle giornalistiche è difficile sottrarsi al giudizio della propria perfomance sportiva. Ma se per fare sport occorre innanzitutto star bene, perché non dare ascolto anche alle proprie emozioni? Prova, allora, a sperimentare diverse discipline e a registrare dopo ciascuna il tuo stato d'animo. Che tipo di esercizio ti fa stare meglio, ti dà più soddisfazione, ti mette meno a disagio? Cosa cambia se ripeti la prova più di una volta? Scrivici le tue riflessioni all'indirizzo oppure pubblicale sul sito Puoi stenderle nella forma di un vero e proprio diario che dia voce ai tuoi pensieri e ai tuoi sentimenti in relazione ai tuoi gesti sportivi. In questo modo conserverai del materiale utile per realizzare la tua autobiografia sportiva, obiettivo della sfida finale da atleta. Materia abbinata: EDUCAZIONE FISICA, ITALIANO

27 ATLETA GLI ATLETI CERCANO DI DIVERTIRSI FACENDO SPORT GIORNALISTA I GIORNALISTI RACCONTANO INNANZITUTTO I GESTI SPORTIVI DEGLI ATLETI

28 RUOLO: ATLETA SCHEDE DI ALLENAMENTO: 12, 13, 14, 15 VITTORIE STORICHE E STORIE VITTORIOSE Durante le Olimpiadi di Roma del 1960, la maratona è vinta da un atleta etiope di nome Abebe Bikila che, correndo scalzo, taglia il traguardo proprio sotto l arco di Costantino, dove 25 anni prima Mussolini aveva chiamato l Italia alla guerra contro il suo paese. La vittoria, come talvolta accade, si fa così simbolo di riscatto, risveglio e libertà, assumendo un significato più profondo del solo e immediato risultato atletico. VINCENZO PRUNELLI professore e specialista in psicologia dello sport Il vero sportivo sa che una pratica leale, corretta, attenta alle regole e non lesiva è più efficace di una pratica sleale, fondata sul trucco, la furbizia e la violenza, e dunque la promuove in prima persona. PROVA DIDATTICA La storia sportiva è costellata di intere biografie o di singoli episodi di vita significativi, particolari, epici o memorabili. Fai una ricerca su internet, su libri o su riviste sportive e scegli, tra tutti gli atleti, quello che secondo te, con la sua esperienza di vita, racconta una storia importante. Raccogli quante più informazioni in merito e prova a riportare l episodio in questione spiegando le ragioni della tua scelta. Quelle stesse ragioni e quello stesso racconto potranno ispirarti al momento di delineare il tuo diario per vivere eticamente lo sport, oggetto della sfida finale in qualità di atleta. Spedisci, quindi, il tutto all'indirizzo Oppure pubblicalo direttamente sul sito SCHEDA 14 Materia abbinata: ITALIANO, STORIA

29 ATLETA GLI ATLETI CONSIDERANO I PROPRI LIMITI COME UNA CONTINUA POSSIBILITÀ DI MIGLIORAMENTO ANDIAMO A SEGNO!

30 RUOLO: ATLETA SCHEDE DI ALLENAMENTO: 12, 13, 14, 15 HO PERSO, MA NON LE PAROLE La storia sportiva è costellata di vittorie straordinarie come di sconfitte clamorose. La grandezza degli atleti, d altronde, si misurava fin dai tempi più antichi anche dalla loro reazione alla disfatta. Sportività e ironia compaiono, per esempio, in uno spiritoso epigramma del poeta greco Luciano, dal titolo Il pugile Androleo: A quante gare di pugilato i greci organizzano, a tutte, io, Androleo, ho partecipato. A Pisa mi è rimasto un orecchio, a Platea un occhio, a Pito mi hanno portato via esanime. Dagli stadi mi portarono via o morto o monco. (Luciano, Epigramma 21) MARIO ARMANO campione olimpico L atleta, che sia bravissimo o meno bravo, resta il protagonista della vicenda sportiva. PROVA DIDATTICA Sarà di certo capitato anche a te, in piccole o grandi competizioni sportive, di confrontarti con qualche sconfitta. Ripensa alle esperienze vissute e stila il podio delle tue personali disfatte: scegli quelle più particolari, più buffe, più clamorose o più importanti per la tua esperienza. Prova a raccontare questi tre episodi, soffermandoti soprattutto sul modo in cui hai reagito e sulle cose che hai pensato al momento di constatare il risultato. Rivedere e mettere in discussione il proprio modo di gestire emozioni e reazioni può essere utile per un atleta. Può, perciò, essere importante dedicare attenzione a questo aspetto al momento di redigere un diario per giovani sportivi: ricordalo quando ti dedicherai alla tua sfida finale! Nel frattempo puoi spedirci le tue riflessioni e i tuoi racconti all'indirizzo oppure pubblicarli direttamente sul sito Materia abbinata: ITALIANO, EDUCAZIONE FISICA SCHEDA 15

31 ALLENATORE GLI ALLENATORI SPRONANO GLI ATLETI A MISURARSI CON SE STESSI PRIMA CHE CON GLI ALTRI GIORNALISTA I GIORNALISTI VALORIZZANO L IMPEGNO DEGLI ATLETI, A PRESCINDERE DAI RISULTATI RAGGIUNTI

32 RUOLO: ALLENATORE SCHEDE DI ALLENAMENTO: 16, 17, 18, 19 impara OLIMPICO 1960: a Roma si svolgono le prime Paralimpiadi. Per la prima volta, cioè, si riconoscono il valore, le potenzialità e l impegno sportivo anche di chi è diversamente abile. Nel corso di mezzo secolo la manifestazione si è fatta via via più nota e le specialità previste, che implicano la competizione tra atleti con un analogo tipo e livello di disabilità, sono aumentate. Oggi possiamo, perciò, assistere alle gare di 5 discipline durante le Paralimpiadi invernali e di 19 discipline durante quelle estive. LIVIO BERRUTI campione olimpico Lo sport è lo strumento di conoscenza più bello che abbiamo. È come un esame: sei davanti a te stesso e non puoi mentire. PROVA DIDATTICA Quello offerto dagli atleti paralimpici è senza dubbio un modello positivo di superamento dei propri limiti in ambito sportivo. Perché, allora, non farlo proprio ed imitarlo in vista di una sfida finale da allenatore che vuole proporre validi allenamenti etici e atletici? Vai sul sito del Comitato Paralimpico, e scopri come si svolgono le competizioni delle diverse specialità. Scegline quindi una e prova a sfidare i tuoi compagni. Puoi, per esempio, sperimentare i 100 metri piani senza l ausilio della vista o giocare una partita di pallavolo da seduto. O ancora, se nella tua città sono presenti le strutture sportive adatte, puoi informarti per provare le attrezzature per il basket, il tennis o il rugby in carrozzina. Cosa hai pensato o provato facendo questo tipo di esperienza? Scrivici le tue riflessioni all'indirizzo Oppure pubblicale sul sito SCHEDA 16 Materia abbinata: EDUCAZIONE FISICA, STORIA

33 ALLENATORE GLI ALLENATORI DENUNCIANO GLI ATLETI CHE FANNO USO DI DOPING ANDIAMO A SEGNO!

34 RUOLO: ALLENATORE SCHEDE DI ALLENAMENTO: 16, 17, 18, 19 ESERCIZI PRIMA, PRIMATI DOPO, DOPING MAI I tipi di doping esistenti sono numerosi e diversi. Disturbi nel sistema circolatorio e respiratorio, shock metabolico, problemi neurologici e persino psichiatrici sono solo alcuni tra gli effetti collaterali cui ci si espone facendone uso. Per conoscerli e approfondirli visita la sezione Antidoping Che cos è il doping del sito del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali (www.ministerosalute.it). PAOLO ANSELMO vicepresidente nazionale Aiac (Associazione Italiana Allenatori Calcio) L allenamento deve sempre costruire un percorso sportivo in cui l atleta impari ad essere autonomo nel gruppo senza isolarsi. Tutto deve essere programmato in vista di un sano e divertente agonismo. PROVA DIDATTICA Trova degli esercizi che garantiscano, seppur con maggior sforzo, gli stessi effetti promessi dalle sostanze dopanti. Suggerisci, cioè, e sperimenta in prima persona quali allenamenti si possano proporre per migliorare la resistenza alla fatica o aumentare la forza. Registra, quindi, le tue proposte, i loro effetti e le riflessioni che hai maturato scegliendo di ottenere un risultato sportivamente valido con i mezzi puliti in luogo di cedere alle illusorie tentazioni del doping. Puoi inviare tutto questo all indirizzo oppure pubblicarlo sul sito Esso ti tornerà, inoltre, utile al momento di stendere il tuo programma di allenamenti etici e atletici per la sfida finale da allenatore. SCHEDA 17 Materia abbinata: SCIENZE, EDUCAZIONE FISICA

35 ALLENATORE GLI ALLENATORI PROMUOVONO LA PRATICA SPORTIVA TRA I TIFOSI DELLA LORO SQUADRA TIFOSO I TIFOSI FANNO SPORT OLTRE A SEGUIRLO DA SPETTATORI

36 RUOLO: ALLENATORE SCHEDE DI ALLENAMENTO: 16, 17, 18, 19 SALTA GLI OSTACOLI, NON L ALLENAMENTO Seguire lo sport è importante, ma farlo lo è ancor di più. Come si legge anche sul sito del Ministero della Salute, è dimostrato, infatti, che basterebbero minuti al giorno di una vigorosa attività sportiva, per mantenere in salute il tessuto osseo, sviluppare una sana massa muscolare, ridurre il grasso corporeo e migliorare le capacità di apprendimento. PAOLA PIOLA psicologa Lo psicologo dello sport aiuta il ragazzo, la squadra e l allenatore nella conoscenza e coscienza di sé e dell altro. Tutto questo aiuta la prestazione sportiva ma non solo. PROVA DIDATTICA Mettiti alla prova con esercizi che stimolino la potenza o la resistenza, che richiedano diversi tipi di movimento, come salti, lanci o corse, e che prevedano una performance di squadra oppure singola. Dopodiché cerca di capire quale tipo di esercizio si adatta meglio al tuo fisico e alle tua abilità. Confrontati ora con i tuoi compagni e, sulla base della vostra esperienza, oltre che di eventuali ricerche scientifiche, prova ad associare le diverse discipline sportive al tipo di caratteristiche e predisposizioni che richiedono. Potrai, così, raccogliere del materiale utile per redigere il programma di allenamenti etici e atletici previsto per la sfida finale da allenatore. Puoi, inoltre, spedire il tuo lavoro all indirizzo oppure pubblicarlo sul sito SCHEDA 18 Materia abbinata: SCIENZE, EDUCAZIONE FISICA

37 ALLENATORE GLI ALLENATORI PRESTANO ATTENZIONE AL BENESSERE FISICO E PSICOLOGICO DEI LORO ATLETI ALLENATORE GLI ALLENATORI SI CONFRONTANO TRA LORO SULLA SALUTE E SUGLI ASPETTI SCIENTIFICI DELLE DISCIPLINE CHE PROMUOVONO

38 RUOLO: ALLENATORE SCHEDE DI ALLENAMENTO: 16, 17, 18, 19 SPORT VECCHIO FA BUON GIOCO Gli sport tradizionali sono attività agonistiche antiche e spesso non abbastanza considerate per il loro valore. Sovente nascono con il fine di rafforzare il fisico e le abilità, sono indipendenti da mezzi dispendiosi e rivelano perciò un legame privilegiato con l ideale più autentico di sport. È il caso della pallapugno, sport complesso e tipico della cultura contadina, GIOACHINO KRATTER coordinatore tecnico Suism (Scuola Universitaria Interfacoltà in Scienze Motorie) di Torino L allenatore insegna a gioire di sport ricordando che la classifica è soltanto per un attimo, anche se ad alcuni cambia la vita. con dinamiche simili al tennis, di cui esistono campionati ed atleti professionistici nelle zone del Piemonte meridionale e della Liguria. PROVA DIDATTICA In Italia gli sport tradizionali praticati sono molti. Tra loro, le freccette, le bocce su strada, il calcio storico fiorentino. E il tiro alla fune, una disciplina vecchia di duemila anni e praticata in tutte le regioni italiane a livello agonistico da squadre di otto giocatori. Sfida i tuoi compagni a un torneo di una di queste discipline, rispettando il regolamento di gioco consultabile sul sito: L esperienza può forse tornarti utile nel pensare a degli allenamenti efficaci, insoliti ed essenziali per la sfida finale da allenatore. Scrivi, poi, le tue impressioni sull esperienza fatta all indirizzo oppure pubblicale sul sito SCHEDA 19 Materia abbinata: EDUCAZIONE FISICA, STORIA, GEOGRAFIA

39 ARBITRO GLI ARBITRI CONTRIBUISCONO A CREARE UN CLIMA DI COMPETIZIONE AMICHEVOLE TRA GLI ATLETI ANDIAMO A SEGNO!

40 RUOLO: ARBITRO SCHEDE DI ALLENAMENTO: 20, 21, 22, 23 RISPETTO DELLE REGOLE E REGOLA DEL RISPETTO Presso gli antichi greci vigeva la pratica della ekechiria, ossia una tregua dei conflitti sia pubblici sia privati durante lo svolgimento delle Olimpiadi. Con i Giochi Olimpici moderni si è tentato di riprendere questa buona pratica. Una risoluzione proposta dal Comitato ALFREDO TRENTALANGE osservatore arbitri Uefa ed educatore Senza giustizia non c è pace. E l arbitro è lo strumento che in campo fa funzionare la giustizia. Internazionale Olimpico alle Nazioni Unite, con questo scopo, fu sottoscritta nel 1993 da 178 paesi e fu inserita nel 2000 nella Dichiarazione del Millennio. PROVA DIDATTICA La pace promossa con lo sport, come puoi provare tu stesso, si realizza prima di tutto in campo, con il rispetto delle regole. Scegli uno sport e organizza un torneo per te e i tuoi compagni di classe. Provate a giocare dapprima rispettando tutti le regole, poi facendole rispettare a un giocatore o a una squadra soltanto e infine evitandone il rispetto da entrambe le parti. Cos è cambiato nel vostro modo di giocare, di approcciarvi allo sport, ai compagni di squadra e agli avversari? Il rispetto delle regole da parte di uno o di tutti i partecipanti ha influito sulla riuscita della partita, sul suo scorrere linearmente e sul vostro divertimento? Scrivici le tue riflessioni all indirizzo oppure pubblicale sul sito Tienine conto, inoltre, quando dovrai lavorare sul significato etico delle regole sportive nell ambito della sfida finale per il ruolo dell arbitro. SCHEDA 20 Materia abbinata: EDUCAZIONE CIVICA, EDUCAZIONE FISICA

41 ARBITRO GLI ARBITRI GARANTISCONO IL RISPETTO DELLE REGOLE ATLETA GLI ATLETI RISPETTANO LE REGOLE

42 RUOLO: ARBITRO SCHEDE DI ALLENAMENTO: 20, 21, 22, 23 FISCHI O TE NE INFISCHI? Durante la cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici, sia gli atleti che gli arbitri pronunciano il loro giuramento. Trovi delle parole o dei valori che accomunano i due testi? IL GIURAMENTO DELL ATLETA pronunciato da Giorgio Rocca, ALFREDO TRENTALANGE osservatore arbitri Uefa ed educatore Un fallo fischiato correttamente evita la vendetta e permette a tutti di continuare a giocare in pace. Si scomoda il concetto di pace perché come arbitri proviamo a insegnarlo sul campo. slalomista azzurro, durante le Olimpiadi di Torino 2006 In nome di tutti i concorrenti giuro che noi parteciperemo a questi Giochi Olimpici rispettando e osservando le regole che li disciplinano, impegnandoci in uno sport senza doping e senza droghe, secondo il vero spirito sportivo. IL GIURAMENTO DELL'ARBITRO pronunciato da Fabio Bianchetti, giudice di pattinaggio, durante le Olimpiadi di Torino 2006 In nome di tutti i giudici e funzionari giuro che officeremo questi Giochi Olimpici con completa imparzialità rispettando e osservando le regole che li disciplinano secondo il vero spirito sportivo. PROVA DIDATTICA Gli arbitri si impegnano a giudicare con imparzialità e secondo le regole ma spesso il loro lavoro è tutt altro che privo di ostacoli. Provare per credere! Scegli uno sport di squadra poi sfida i tuoi compagni ad un torneo di arbitraggio: si arbitra a turno e vince chi commette meno errori. Dopo il torneo prova a chiederti quali comportamenti degli atleti, degli allenatori e dei tifosi aiutano o rendono più difficile l arbitraggio. Riconoscerli può aiutarti a stendere le regole in favore dell etica sportiva, così come prevista dalla tua sfida finale. Scrivici le tue riflessioni all'indirizzo oppure pubblicale sul sito Materia abbinata: EDUCAZIONE FISICA, ITALIANO SCHEDA 21

43 ARBITRO GLI ARBITRI CONTRIBUISCONO A CREARE UN CLIMA DI FIDUCIA NELLO SPORT ARBITRO GLI ARBITRI POSSONO CONTARE SULLA BUONA FEDE DI CHI FA SPORT

44 RUOLO: ARBITRO SCHEDE DI ALLENAMENTO: 20, 21, 22, 23 IL REGOLAMENTO È QUIZ Lo sport permette di confrontarsi con gli altri e con se stessi. Permette di guardarsi e capire il ruolo in cui si gioca, nelle gare come nella quotidianità. Come in Una vita da mediano di Ligabue dove l esperienza calcistica si fa immagine e simbolo di un modo di vivere: Una vita da mediano MAURIZIO DAMILANO a recuperar palloni campione olimpico nato senza i piedi buoni L atleta può testimoniare l etica lavorare sui polmoni sportiva attraverso l impegno nella una vita da mediano sua pratica quotidiana e l entusiasmo con dei compiti precisi nel promuovere i valori dello sport. a coprire certe zone a giocare generosi [ ] (Luciano Ligabue, Una vita da mediano) PROVA DIDATTICA Il calcio, come ogni altro sport, ha le sue regole e norme da rispettare. Sono quelle che garantiscono l effettiva giocabilità della partita, con pari diritti per tutti i partecipanti. Analizza con attenzione il regolamento del tuo sport preferito e cerca di comprenderne il significato, lo scopo e l importanza. Realizza quindi un quiz che metta alla prova i tuoi compagni. Scoprirai che forse anche gli sport più noti prevedono norme spesso ignorate o trascurate. Invia il tuo lavoro e le tue eventuali riflessioni in merito all indirizzo oppure pubblicale sul sito Esso costituirà una parte importante della tua sfida finale da arbitro, tutta dedicata alla riscoperta del significato etico delle regole dello sport. Materia abbinata: ED. CIVICA, ITALIANO, ED. FISICA SCHEDA 22

45 ARBITRO GLI ARBITRI CONDUCONO LE GARE IN MANIERA PACATA E SERENA ALLENATORE GLI ALLENATORI INSEGNANO A VIVERE OGNI COMPETIZIONE IN MODO SPORTIVO

46 ReGOLiamoci! RUOLO: ARBITRO SCHEDE DI ALLENAMENTO: 20, 21, 22, 23 Esistono associazioni ed enti, spesso poco conosciuti, che promuovo iniziative per la diffusione del fair play nello sport. GIUSEPPE ANTONUCCI consigliere del Comitato Paralimpico Lo sport è un volano per far crescere in ogni momento il rispetto per se stessi e per tutto ciò che ci circonda. È il caso del Comitato Nazionale del Fair Play (www.fairplaysport.it) che ha promosso la Carta del Fair Play e la Carta dei diritti del ragazzo nello sport o del Panathlon International che si prefigge l'affermazione dell'ideale sportivo e dei suoi valori morali e culturali, quale strumento di formazione ed elevazione della persona e di solidarietà tra gli uomini e i popoli (www.panathlon.net). PROVA DIDATTICA Scegli cinque sport e cerca per ognuno di essi una norma che, secondo te, garantisca il rispetto dell etica sportiva. Poi prova a inventarne di nuove. Può trattarsi, cioè, di norme che attribuiscono punti in base al comportamento corretto dell atleta: non norme sanzionatrici, perciò, ma volte piuttosto a premiare l impegno positivo. Prendi nota delle tue idee sia in vista di un loro invio all'indirizzo o pubblicazione sul sito che in vista di un loro possibile uso per la sfida finale da arbitro. SCHEDA 23 Materia abbinata: EDUCAZIONE CIVICA, EDUCAZIONE FISICA

47 TIFOSO I TIFOSI CANTANO CORI DI SOSTEGNO PER LA LORO SQUADRA ALLENATORE GLI ALLENATORI INCORAGGIANO IL FAIR PLAY DEI LORO ATLETI

48 RUOLO: TIFOSO SCHEDE DI ALLENAMENTO: 24, 25, 26, 27 TIFACCIO... amico Alla fine delle partite di rugby, atleti e supporter di entrambe le squadre si incontrano per festeggiare in modo conviviale, qualunque sia stato il risultato. Le rivalità non escono dal campo e non intaccano lo spirito amichevole che dovrebbe contraddistinguere chiunque pratichi o segua uno sport. Il rispetto degli avversari si vede, così, in campo come sugli spalti. PROVA DIDATTICA Quello stesso spirito si può manifestare, nel corso degli incontri, con le frasi e i motti di incitazione scritti o gridati dai tifosi. Sfida, perciò, i tuoi compagni in una gara di slogan etici! Ispirati ai principi del Decalogo e inventa uno slogan simpatico ed efficace per promuovere l'etica sportiva. Prendi un lenzuolo o un grande cartellone e scrivicelo sopra come se fosse uno striscione da tifoso. TIZIANA NASI presidente Fondazione 20 Marzo 2006 Un organizzatore di eventi può farsi strumento di diffusione dell'etica sportiva rispettando se stesso, i destinatari dell evento e tutte le persone che vi collaborano e lavorando onestamente e con educazione. Scatta una foto al tuo lavoro e spediscila all indirizzo Oppure pubblicala direttamente sul sito Sarà uno strumento importante per il fan club che progetterai nella tua sfida finale da tifoso! SCHEDA 24 Materia abbinata: ARTE, ITALIANO

49 TIFOSO I TIFOSI RISPETTANO LE DIFFERENZE CULTURALI CHE EMERGONO IN AMBITO SPORTIVO ARBITRO GLI ARBITRI SANZIONANO QUALSIASI ATTEGGIAMENTO RAZZISTA

50 RUOLO: TIFOSO SCHEDE DI ALLENAMENTO: 24, 25, 26, 27 PAROLA DI TIFOSO Alle ultime Olimpiadi di Pechino 2008 erano presenti ben 25 atleti azzurri con origini straniere. Tra questi, il primatista italiano del salto in lungo Andrew Howe, nato negli Stati Uniti, ma che vive a Rieti dall età di cinque anni e il marciatore Jean Jacques Nkouloukidi, nato 26 anni fa a Roma da padre congolese e madre di Haiti. La presenza di questi atleti tra le fila della nostra squadra nazionale mostra bene come lo sport possa farsi anche strumento di integrazione culturale. PROVA DIDATTICA Lo sport non significa solo svago o divertimento come vorrebbe l etimologia. Pensa a che cosa rappresenta per te lo sport e sfida i tuoi compagni ad una gara di acrostici. Realizza cioè, il maggior numero di definizioni creative di sport a partire dalle lettere che formano la parola stessa (per esempio: Singolare Performance Ottenuta Rispettando Tempi) e trasferisci la migliore di esse su di uno striscione. MARIO ARMANO campione olimpico L attività sportiva contribuisce a consolidare e a far crescere nel nostro animo l entusiasmo e la gioia di vivere, sentimenti che non bisogna aver paura di esprimere. Spedisci le tue creazioni più originali all'indirizzo oppure pubblicale direttamente sul sito Esse potranno, inoltre, fornirti degli spunti per attività o slogan da proporre nel fan club, oggetto della tua sfida finale come tifoso. Materia abbinata: ITALIANO, INGLESE, FRANCESE SCHEDA 25

51 TIFOSO I TIFOSI CONTRIBUISCONO CON IL TIFO SANO ALLA BUONA RIUSCITA DEGLI EVENTI SPORTIVI TIFOSO I TIFOSI INCORAGGIANO SERENAMENTE I FIGLI CHE PRATICANO SPORT

52 RUOLO: TIFOSO SCHEDE DI ALLENAMENTO: 24, 25, 26, 27 OCCHIO AGLI ULTRASessantenni Esistono, in Italia e nel mondo, alcuni premi che mirano a riconoscere l importanza del comportamento etico degli atleti. Così, per esempio, dal 1997 il Premio Internazionale Fair Play Mecenate (www.premiofairplay.com) riconosce comportamenti all insegna della lealtà sportiva, come quelli di Domenico Fioravanti o Filippo Magnini. Purtroppo, iniziative analoghe per il mondo delle tifoserie, ad oggi, scarseggiano. LIVIO BERRUTI campione olimpico Lo sport è una metafora della lotta per la sopravvivenza dei nostri antenati che dovevano correre per conquistare e non diventare una preda. PROVA DIDATTICA Cosa capita se ad avere un atteggiamento poco etico non sono tanto gli atleti ma i genitori che tifano per loro? Raccontacelo! Costruisci un fotoromanzo che abbia come protagonista un genitore che tifa in modo poco sportivo per il figlio e un genitore che abbia, invece, il comportamento opposto. Puoi usare, per realizzarlo, foto o disegni e puoi sviluppare la storia come preferisci. Il risultato può offrirti degli spunti per varie iniziative che il fan club etico, oggetto della sfida finale del tifoso, potrebbe proporre. Spedisci, intanto, il tuo lavoro all'indirizzo Oppure pubblicalo sul sito SCHEDA 26 Materia abbinata: ARTE, ITALIANO

53 TIFOSO I TIFOSI HANNO CURA DELLE STRUTTURE E RISPETTO DELLE PERSONE CHE LI ACCOLGONO ORGANIZZATORE GLI ORGANIZZATORI AGEVOLANO LA PRATICA E LA PROMOZIONE DELLO SPORT PREDISPONENDO EVENTI E STRUTTURE

54 RUOLO: TIFOSO SCHEDE DI ALLENAMENTO: 24, 25, 26, 27 CREA UNA MASCOTTE DI TUTTO RISPETTO Se dici tifo, dici baccano, urla, cori cantati fino a perdere la voce. O forse non solo. Dici anche silenzio, concentrazione, fiato trattenuto. Non esiste, infatti, un solo tipo di tifo e ogni sport vuole il suo. Come potrebbero, per esempio, gli atleti del curling cogliere i minimi spostamenti delle stones tra le grida ENRICO DEMARCHI dirigente sportivo L etica è un rapporto solido costruito giorno per giorno, è un costume di vita a cui aderire in tutto e per tutto, fino alla fine... di uno stadio in delirio? O viceversa, come rianimare una squadra di pallavolo di fronte a un risultato sfavorevole, senza la ola sgolata dei supporter? PROVA DIDATTICA Tra i tanti mezzi di espressione del tifo ci sono anche quegli strani pupazzi che saltellano in campo o figurano su tutti i gadget della squadra. Le mascotte, insomma. In vista anche della progettazione del tuo fan club etico, come sfida finale da tifoso, prova a ideare una mascotte che sia immediatamente riconoscibile come portatrice di valori etici. Descrivine le caratteristiche, l aspetto, il nome e le possibili azioni e allegane un disegno. Spedisci il tutto all'indirizzo Oppure pubblicalo direttamente sul sito SCHEDA 27 Materia abbinata: ARTE, EDUCAZIONE FISICA

55 ORGANIZZATORE GLI ORGANIZZATORI, COME SCUOLE ED ISTITUZIONI, COLLABORANO PER MIGLIORARE L'OFFERTA SPORTIVA DEL TERRITORIO ORGANIZZATORE GLI ORGANIZZATORI OFFRONO STRUTTURE SPORTIVE ECONOMICHE, RAGGIUNGIBILI E CON ORARI FLESSIBILI

56 RUOLO: ORGANIZZATORE SCHEDE DI ALLENAMENTO: 28, 29, 30, 31 FARE SPORT A OGNI COSTO Ogni estate, dal 2007, a Torino si organizza Balon Mundial: un torneo di calcio per migranti che coinvolge squadre rappresentanti di tutte le comunità di stranieri che sono venute ad abitare qui. Le partite si svolgono nei fine settimana e l ingresso per assistere e tifare è gratuito e aperto a tutti (www.balonmundial.it). GIUSEPPE ANTONUCCI consigliere del Comitato Paralimpico In tutte le attività si ha la possibilità di dare il buon esempio, occorrono però credibilità e positiva contagiosità. Una dimostrazione che lo sport può essere molto utile per unire, far scoprire e far mescolare le culture. PROVA DIDATTICA Balon Mundial è solo un esempio di come le città possano offrire ai giovani la possibilità di praticare sport o assistervi gratuitamente. Ma è un esempio importante perché quello dei costi è un aspetto fondamentale che gli organizzatori di eventi sportivi devono prendere in considerazione. Prova a fare una ricerca per scoprire quali opportunità di sport gratuito sono realizzate o realizzabili nella tua città e valuta, invece, che tipo di costi incidono sul budget di una famiglia che vuole far praticare un certo sport ai suoi figli. Spedisci le tue riflessioni a Oppure pubblicale direttamente sul sito SCHEDA 28 Materia abbinata: EDUCAZIONE CIVICA, GEOGRAFIA

57 ORGANIZZATORE GLI ORGANIZZATORI OFFRONO POSSIBILITÀ DI FARE SPORT A TUTTI, INDIPENDENTEMENTE DA ORIGINI E CULTURA ARBITRO GLI ARBITRI TRATTANO TUTTI GLI ATLETI E GLI ALLENATORI CON RISPETTO E IMPARZIALITÀ

58 RUOLO: ORGANIZZATORE SCHEDE DI ALLENAMENTO: 28, 29, 30, 31 PARI OP(S)PORTUNITÀ Lo sport, in teoria, non ha genere ma le possibilità e la visibilità che vengono effettivamente riservate alla pratica delle donne sono minori rispetto a quelle riservate alla pratica degli uomini. Ecco, allora, l importanza di un premio come il piemontese Più donne per lo sport, che valorizza l impegno sportivo femminile. PIERO GROS campione olimpico Occorre che fin da bambini si cominci a capire che lo sport lo fai prima di tutto per te stesso, per superare i tuoi limiti. Solo dopo viene l'agonismo. PROVA DIDATTICA Chi l ha detto, poi, che una donna non possa praticare il rugby e un uomo la ginnastica ritmica? Scegli con i tuoi compagni due sport, uno considerato maschile e uno considerato femminile, e scrivi le ragioni della distinzione. Prova quindi lo sport che hai scelto per il sesso opposto al tuo. È stato difficile? Divertente? Imbarazzante? È cambiata la tua considerazione di questo sport dopo averlo sperimentato in prima persona? Scrivici le tue riflessioni all'indirizzo Oppure pubblicale sul sito In ogni caso tienine conto per la tua sfida finale da organizzatore: un iniziativa per giovani deve garantire pari opportunità a uomini e donne. SCHEDA 29 Materia abbinata: EDUCAZIONE FISICA, EDUCAZIONE CIVICA

IL PROGETTO DIDATTICO

IL PROGETTO DIDATTICO IL PROGETTO DIDATTICO PREMESSA La Regione Piemonte esprime, da sempre, un forte impegno verso lo sport inteso, secondo la definizione della Commissione Europea, come un fenomeno sociale ed economico d

Dettagli

Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma

Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma Istituto Comprensivo Enzo Biagi Roma Via Orrea, 23 00123 Roma Tel. 063037022 - fax o630436063 Staffetta 4 x 100 misti tutti in gara per la Cittadinanza, Costituzione, Salute e Sicurezza! L importante non

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Osservatorio sui Diritti dei Minori CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Per i giovani e con i giovani Presentazione Il Codice di autoregolamentazione dello Sport è una dichiarazione di intenti,

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile. anno scolastico 2013 2014 Il programma Coca-Cola Cup propone alle prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado un articolata

Dettagli

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice?

INTRODUZIONE. Perché abbiamo stilato questo Codice? INTRODUZIONE Perché abbiamo stilato questo Codice? Con questo insieme di regole la società GSD MontecatiniMurialdo vuole avvicinarsi ai propri giovani calciatori, cercando di insegnare loro le fondamentali

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione

CORSO ALLENATORI 2 livello. Fare sport: tra tradizione e innovazione Fare sport: tra tradizione e innovazione Lo sai papa, che quasi mi mettevo a piangere dalla rabbia, quando ti sei arrampicato alla rete di recinzione, urlando contro l arbitro? Io non ti avevo mai visto

Dettagli

Codice Etico e Norme di Comportamento

Codice Etico e Norme di Comportamento Codice Etico e Norme di Comportamento PREMESSA Il Codice Etico comportamentale dell ASD D.L.F. Civitavecchia esprime le linee guida di condotta che devono ispirare i comportamenti di tutti coloro che frequentano

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR COMUNICATO STAMPA 26/2003 Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra e MIUR (TORINO, 17 MARZO 2003) Valentino Castellani, presidente del e la senatrice Maria Grazia Siliquini, sottosegretario

Dettagli

Codice di Comportamento 2015

Codice di Comportamento 2015 Codice di Comportamento 2015 Raccolta di modi di agire ai quali tendere, frutto di una ricerca e del confronto con altre società sportive, non solo nel settore pallavolo. Polisportiva D. Borgo Virgilio

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

Codice di Etica Sportiva Tratto dal Codice Europeo di Etica Sportiva e parte integrande del Regolamento di Sala del Club Scherma Cambiano

Codice di Etica Sportiva Tratto dal Codice Europeo di Etica Sportiva e parte integrande del Regolamento di Sala del Club Scherma Cambiano 1 Codice di Etica Sportiva Tratto dal Codice Europeo di Etica Sportiva e parte integrande del Regolamento di Sala del Club Scherma Cambiano Sommario Codice di Etica Sportiva Sommario Obiettivi Definizione

Dettagli

Codice di Comportamento Sportivo del TREVIGLIO RUGBY

Codice di Comportamento Sportivo del TREVIGLIO RUGBY PREMESSA TREVIGLIO A.S.D. la quale opera, in conformità al relativo Statuto, nel settoro sportivo, ricreativo e culturale, con lo scopo di sviluppare e diffondere il rugby inteso come mezzo di formazione

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO L ASD RUGBY CERNUSCO è una associazione sportiva dilettantistica che opera, come da Statuto, nei settori sportivo, ricreativo e culturale, con lo scopo di sviluppare e diffondere

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa

Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti. Dott.ssa Claudia Fiorini, psicologa Nozioni di psicologia applicata ai giovani atleti Un po di teoria: cos è la motivazione L allenatore quale costruttore di un ambiente motivante Motivare la squadra e l atleta PER QUALE MOTIVO, QUESTA SERA,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI In tutti gli atti relativi ai bambini, siano essi compiuti da autorità pubbliche o da istituzioni private,

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

Sintesi a fumetti del regolamento del Gioco del Calcio

Sintesi a fumetti del regolamento del Gioco del Calcio a.s. C.V.N. CASAL BERNOCCHI Sintesi a fumetti del regolamento del Gioco del Calcio Tratto da www.figc.it ( Federazione Italiana Giuoco Calcio ) www.casalbernocchi.com Carta dei Diritti del Ragazzo nello

Dettagli

Educazione di genere: impossibile non farla

Educazione di genere: impossibile non farla Educazione di genere: impossibile non farla Inizia prima della nascita Riguarda loro, ma innanzitutto noi Riguarda la soggettività individuale ma anche la struttura sociale E la struttura sociale a sua

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CONSIGLIO D EUROPA 7^ Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport Rodi, 13 15 maggio 1992 CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA Introduzione Interesse centrale del Codice Definizione del fair play

Dettagli

Difficoltà di linguaggio o di comunicazione?

Difficoltà di linguaggio o di comunicazione? Dott.ssa Mariangela Varotto Logopedista Ass. La Nostra Famiglia IRCCS E.Medea Conegliano, TV Difficoltà di linguaggio o di comunicazione? La balbuzie in età evolutiva: quali possibili conseguenze nei principali

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Premessa. Ente organizzatore

Premessa. Ente organizzatore Premessa Il Progetto Multisport nasce dalla volontà ed esigenza di aumentare autostima e sicurezza nei bambini che si affacciano al mondo dello sport, fornendo una combinazione di benefici fisici ed emotivi

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO Corso Nordic Walking Torino 04-10-2014 METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO CANALI DELLA COMUNICAZIONE METODI DI INSEGNAMENTO STILI DI INSEGNAMENTO ORGANIZZARE UNA SEDUTA I CANALI DELLA COMUNICAZIONE VERBALE

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

LO SPORT: STRUMENTO DI PACE, LEGALITA E INTERCULTURA

LO SPORT: STRUMENTO DI PACE, LEGALITA E INTERCULTURA LO SPORT: STRUMENTO DI PACE, LEGALITA E INTERCULTURA DOCUMENTO ELABORATO: CONSULTA DEGLI STUDENTI DELLA PROVINCIA DI CROTONE STUDENTI DELL ITIS G. DONEGANI GIOVANI DELLE ACLI I GIOCHI DELLA MAGNA GRECIA

Dettagli

BU B L U LIS I MO: che h e cos'è?

BU B L U LIS I MO: che h e cos'è? Siamo convinti che di questi argomenti non se ne parli mai troppo ed abbiamo trovato molto utile la presenza a scuola degli adulti disponibili all'incontro perché ci fa capire che non siamo soli, nel bene

Dettagli

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale

L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale L allenamento del talento e l equilibrio con la vita personale A cura di Luca Stanchieri, Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching Roma, 16 e 17 maggio 5/23/2013 GLI AUTORI Equipe di Ricerca: Scuola

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis

- Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis - Cassinetto - Scuola Addestramento Tennis Il Tennis e la preparazione mentale Progetto per la Stagione sportiva 2011/2012 Agosto 2011 Project Leader: Chiara Valdata Obiettivi del Progetto: Il progetto

Dettagli

Il Banco sposa il Codice europeo di etica dello sportivo

Il Banco sposa il Codice europeo di etica dello sportivo Comunicato stampa n. 74/ 2011-2012 Il Banco sposa il Codice europeo di etica dello sportivo La Dinamo del presidente Sardara fa suoi i principi della carta europea del 1992. Il testo integrale sarà pubblicato

Dettagli

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO DENTRO il LIBRO dai 9 anni LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando Illustrazione di copertina: Annalisa Ventura Pagine: 96 Codice: 978-88-566-4991-8 Anno di pubblicazione: 2015 IL CONTENUTO Il libro si struttura

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse

Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse Presenza ai Raduni Regionali Estivi a Schio ed Asiago Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse Nel corso del raduno estivo 2010 si è idealmente proseguito il lavoro dell

Dettagli

MTB GRAVITY TEAM BIKE 4 KIDS GUIDES & TOURS

MTB GRAVITY TEAM BIKE 4 KIDS GUIDES & TOURS CODICE ETICO Art. 1 Premessa L'Associazione Sportiva Dilettantistica A.s.d. 360 MTB (di seguito l'associazione) opera nell ambito sportivo del ciclismo. L'Associazione riconosce lo sport quale strumento

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Verona, 15 novembre 2014 A.S. 2014-2015

Verona, 15 novembre 2014 A.S. 2014-2015 Verona, 15 novembre 2014 A.S. 2014-2015 Cara Gazzetta dello Sport, un saluto a te e a tutti i tuoi lettori. Hai qualche minuto per ascoltare le nostre voci? La nostra classe, una seconda media di Verona,

Dettagli

La ricetta del campione

La ricetta del campione La ricetta del campione INGREDIENTI Passione Coraggio Forza di volontà Grinta Onestà Impegno Costanza Sacrificio Umiltà Tenacia Gioia Temperamento Unione Sportività Sicurezza Astuzia Amicizia Rispetto

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

E TU, CHE DRAGO SEI? Formazione & Coach-Counselling PER BAMBINI, RAGAZZI, GIOVANI E GENITORI PRESENTA IL PROGETTO

E TU, CHE DRAGO SEI? Formazione & Coach-Counselling PER BAMBINI, RAGAZZI, GIOVANI E GENITORI PRESENTA IL PROGETTO Formazione & Coach-Counselling di Fabio Preti - Savignano sul Panaro (MO) Cell. 339 2822359 E mail: fabio.preti60@gmail.com Website: www.formazioneecoachcounselling.it PRESENTA IL PROGETTO E TU, CHE DRAGO

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133 PRESENTA Camp Fondazione Atm IL PROGETTO EDUCATIVO DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA Il soggiorno estivo rivolto ai bambini e ragazzi della Fondazione Atm è un percorso di azione formativa all interno del quale

Dettagli

Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondariedi II grado Statali e non Statali Torino e Provincia Loro Sedi

Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondariedi II grado Statali e non Statali Torino e Provincia Loro Sedi Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio VIII Ambito territoriale per la provincia di Torino Ufficio Educazione Fisica e Sportiva di

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio obiettivo del corso Informazioni Un altro modo di vedere il calcio Un modo per ri-ordinare le informazioni Un metodo, base per costruire il vostro Motivazioni (vostra e nostra) Il QUADRATO Quanti quadrati

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

L ALLEDUCATORE IN PREGHIERA. Preghiere e Celebrazioni

L ALLEDUCATORE IN PREGHIERA. Preghiere e Celebrazioni Preghiera dello sportivo (1) Signore, aiutami ad essere un vero sportivo. A vincere e restare modesto. A perdere e conservare il sorriso e la dignità. Ad accettare le decisioni dell'arbitro, giuste o ingiuste

Dettagli

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Etica e Fair Play entrano in campo Trofeo Pino Corso

Etica e Fair Play entrano in campo Trofeo Pino Corso FAIR PLAY IS NOT FOR SALE! Etica e Fair Play entrano in campo Trofeo Pino Corso Premessa: Il Calcio, la Pallacanestro, la Pallavolo e il Rugby sono gli sport di squadra più conosciuti e più facili da praticare,

Dettagli

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011 Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Studio e riflessione sui distinguo teorici e analisi delle affinità

Dettagli

«Il sexting è normale, ma stupido»

«Il sexting è normale, ma stupido» «Il sexting è normale, ma stupido» Il sexting sembra ormai far parte della normale quotidianità. Ma cosa ne pensano le persone coinvolte? Il programma nazionale giovani e media ha affrontato il rapporto

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015 Comune di Venezia Direzione Politiche Educative, della Famiglia e Sportive Settore Politiche Educative Servizi Educativi Territoriali Coordinamento Psicopedagogico Lido 1 PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO

Dettagli

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Quando si è trattato di definire un progetto da realizzare per la conclusione del primo anno DOL ho cercato d focalizzare le caratteristiche

Dettagli

Le Vostre idee per migliorare il nostro paese. Questionario. rivolto ai cavouresi dai 15 ai 20 anni

Le Vostre idee per migliorare il nostro paese. Questionario. rivolto ai cavouresi dai 15 ai 20 anni I giovani e Cavour Le Vostre idee per migliorare il nostro paese Questionario Ai ragazzi dai 15 ai 20 anni rivolto ai cavouresi dai 15 ai 20 anni Carissimo/a giovane, quante volte, passeggiando per Cavour

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO PROGETTO RELATIVO AI GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI ANNO SCOLASTICO 2007/2008 Nell ambito dell organizzazione dei giochi sportivi studenteschi,

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Concetto ASF. Formazione degli allenatori Corso di perfezionamento. 2011/12. (Livello Diploma C / B) www.dreamteam11.ch

Concetto ASF. Formazione degli allenatori Corso di perfezionamento. 2011/12. (Livello Diploma C / B) www.dreamteam11.ch Concetto ASF Formazione degli allenatori Corso di perfezionamento. 2011/12 (Livello Diploma C / B) Basi per lo sviluppo Le basi del nostro modo d agire sono il rispetto ed il fairplay Rispetto Fairplay

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile

PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI. Documento riservato non riproducibile PASSIONE e IMPEGNO AL SERVIZIO DEI RAGAZZI Documento riservato non riproducibile CHI SIAMO La XXL PALLACANESTRO è un associazione sportiva dilettantistica, nata ufficialmente nel 1989, che opera sul territorio

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe I Scuola Primaria CONOSCERE CON I SENSI. Esplorare l ambiente attraverso i sensi Senso formativo del percorso L argomento degli organi di senso viene trattato

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

La filosofia con i bambini come risorsa pedagogica per l avvio alla scrittura e alla lettura

La filosofia con i bambini come risorsa pedagogica per l avvio alla scrittura e alla lettura La filosofia con i bambini come risorsa pedagogica per l avvio alla scrittura e alla lettura Pina Montesarchio Fare filosofia con i bambini è vivere un altra relazione educativa che trova nel non sapere

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

MONTALI LORENZO MILANO: CHI RICERCA TROVA.

MONTALI LORENZO MILANO: CHI RICERCA TROVA. Sono professore di Psicologia sociale all Università di Milano-Bicocca e direttore di Query, la rivista del CICAP, associazione no-profit di educazione scientifica. La RICERCA per me è un metodo per comprendere

Dettagli

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE Nei primi anni di vita dei bambini il movimento riveste un importanza fondamentale negli apprendimenti e nella socializzazione. Corpo e movimento costituiscono il nucleo

Dettagli

Come vivi il rapporto con il tuo corpo?

Come vivi il rapporto con il tuo corpo? Come vivi il rapporto con il tuo corpo? Come vivi il tuo corpo? Per alcuni è fonte di disaggio altri invece lo ostentano senza problemi. Questo test ci svela una parte intima di noi stessi, e ci fa capire

Dettagli

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto Modello formativo interculturale e autobiografico A cura di Ambra Gasparetto Attività interculturale Livello cognitivo Informazione - conoscenza Livello affettivo Rappresentazioni reciproche ed emozioni

Dettagli