Capitolo IX. Metti che una fiaba

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo IX. Metti che una fiaba"

Transcript

1 Capitolo IX Metti che una fiaba Pare impossibile supporre, immaginare che un dirigente d azienda, un funzionario statale, un architetto, anche un semplice battilastra, tutta gente seriosa che, durante le ore canoniche della giornata lavorativa, al massimo ti degnano d uno sguardo, en passant, si vestano con i panni dello specchio magico, del cavaliere azzurro, dell albero alla base del quale il cavallo del cavaliere azzurro è andato a fare pipì. Come si faccia, poi, a vestirsi da specchio magico o da albero, alla base del quale etc, etc, mi risulta difficile pensarlo, specie se il concetto è rivolto a delle persone adulte, a dei padri di famiglia, a dei sostegni morali della comunità. Il tutto parrebbe una barzelletta raccontata in qualche momento di relax, durante una sosta sotto il gazebo del campo Ex Venchi Unica, quello che gestisce la società Pozzomaina in via Monte Ortigara a Torino. Ed invece è tutto vero, è realmente successo, pur se un bel numero di anni addietro, quando, forse, la poesia dell essere sovrastava quella dell apparire e certe commedie o certe fiabe non erano realtà da preoccupare, ma stemperavano animi, coagulavano cervelli, aumentavano la certezza che, stare assieme, fosse proprio la cosa giusta da farsi. Ed allora, visto che voglio raccontarvi di certa gente che ha cominciato quasi sessanta anni fa a fare football, parto da circa metà strada, da quel salone delle feste, concesso in uso gratuito nel 1988 da un sindacato che aveva sede via Frejus a Torino. E parto da Ottavio Porta, perché il regista di tutta questa pochade, una vaudeville in tutti i sensi, è stato proprio il vulcanico presidente dell attuale società grigia-rosso-blu. In quella stagione, ovvio che non era ancora avvenuta la fusione tra lo Sport Club Pino Maina e l Unione Sportiva PozzoStrada, ma mi è parso gradevole iniziare a parlare di un palcoscenico, degli attori che ci stavano sopra e delle grasse, grosse risate che un bel numero di persone si erano fatte in quella occasione. Prima, comunque, qualche dato di fatto. Pozzo Strada, come tutti sanno, è il nome di un quartiere, antichissimo quartiere della città di Torino. E nella terza Circoscrizione ed ha come asse, se non primario almeno secondario, la via Bardonecchia che parte da corso Racconigi e finisce in corso Brunelleschi.

2 In quella via che, pare, si chiamasse strada antica di Francia, esattamente mille anni prima e dico mille per dare una data fissa non un approssimazione casuale, a fianco della chiesa della Natività di Maria Vergine, la più antica chiesa di Torino dopo quella della Consolata, e che sorge all angolo dell attuale via Marsigli, esisteva un pozzo dove, pare, il ceco di Briancon, così chiamato perché stava scarpinando da Torino verso la Savoia, bevendo l acqua di quel pozzo riebbe la vista e, ovviamente, si gridò al miracolo. E sempre ovvio che questa è una storia tramandata dai nostri avi e con il rispetto che si deve sempre dare agli antichi, ci crediamo; la realtà rimane che per quel fatto miracoloso la borgata, il rione, la zona, chiamatela come volete, assunse il nome di Pozzo sulla Strada di Francia, da cui, per semplificare la vita un po a tutti, venne chiamata Pozzo Strada. La conseguenza di ciò, si fa per dire, quasi mille anni dopo, precisamente nel 1975, fu che si ebbe la nascita di una buona realtà sportiva che venne chiamata Unione Sportiva PozzoStrada, leggetelo tutto attaccato, mi raccomando. Primo presidente, un caro amico ridotto purtroppo a vegetare su un letto da qualche anno, fu Felice Assalto che non ci mise molto ad accaparrarsi gente in gamba e, comunque, che facesse progredire la società iscritta in quelle stagioni nel CSI con una sola squadra di amatori. Uno di questi fu Ottavio Porta, all epoca impiegato all Aeritalia, divenuta in seguito Alenia come, sempre in seguito, divenne un abile sindacalista anche Porta. Acquisito come allenatore Guido Calcatelli, come segretario Walter Pianca e qualche altro amico, per esempio Tiberio Baraldo e Giulio D Amato a fare da supporto, Calcatelli e Porta iniziarono una sorta di scuola calcio nelle palestre della borgata, perché il campo diurno da usare manco se lo sognavano. Nel 1980, finalmente, oltre ad avere uno spazio pseudo erboso a disposizione, i due ottennero anche la disponibilità pomeridiana di qualche allenatore e così diedero inizio alla loro corsa se non verso il milione, come dice una attuale pubblicità televisiva, almeno alle alte sfere del calcio giovanile. Per i dilettanti c era ancora tempo. In questi anni si formarono diverse squadre di buon livello ed un gruppo si farà particolarmente ricordare per la grande amicizia che molti di quei ragazzi hanno mantenuto per la loro vita di adulti; così nel 1981 la formazione Esordienti, allenata da Franco Pellerino, schierava Poggio, Attamante, De Lodi, Mortellaro, Strocco, Mainardi, Rosanigo, Miozzo, che era anche il capitano della masnada, D'amato, Fontana, Riviezzo oltre a Cingolani, Buono, Cicchella, D'Elia e Mirabelli. Alcuni di questi ultimi, con Scalise in porta e poi Bologna, Saponaro (scomparso giovanissimo pochi anni dopo), Lisbona, Longo, Maletti, Marinaro, Passalacqua e con Sgambellone mister, andranno a vincere un campionato Allievi nel 1983 e nel 1984, con l aggiunta di Vallario,

3 Pagano, Falcone e Rossi saranno ancora protagonisti in quella che allora si chiamava la categoria principe, gli Allievi Eccellenza. Quando Porta assume la vicepresidenza, dopo aver avuto la responsabilità della Scuola Calcio ufficiale, e quasi l ora che Assalto abbandoni e al suo posto subentra Silvio Franchino. Siamo nel 1986 ed anche sulla spinta di un genitore che diverrà molto noto in seguito, l attuale procuratore generale di Torino Giancarlo Caselli che aveva i due figli inseriti nel club, e con le abili manovre dirigenziali del gruppo storico, come lo chiama Porta, formato da Osvaldo D Ancona, Gerardo Senatore, Pietro Bueti, Elio Polce, Umberto De Conciliis, Carlo Mainardi, Enrico Cattarello, Teresa e Giuseppe Nisticò i progressi furono evidenti e perfino la presidenza venne cambiata con l arrivo di Giuseppe Silvestre. Proprio nel momento che le squadre stavano cominciando a marciare, quando l ambiente era diventato amichevole e spassionato, quando quasi tutto assumeva l aria di cosa ben fatta, una bastonata cadeva sull intera società rossoblu. A Pasqua del 1987, dopo un torneo vittorioso dei pulcini in quel di Cascine Vica, mentre tutta la comitiva gaudente si avviava con le proprie auto a Valdellatorre per il più classico dei picnic, un incidente d auto stroncava la giovane vita di Giuseppe Nisticò, marito di Teresa e padre dei due pulcini Fabio e Alessandro, divenuti nel terzo millennio pilastri della prima squadra e del settore tecnico societario. Giuseppe morì sul colpo, la moglie Teresa rimase ferita gravemente ma se la cavò e con il suo carattere forte e gioioso dovette adattarsi in fretta a superare le tribolazioni del momento, perché aveva da pensare a i due bambini, i quali, per un caso fortuito o perché protetti dall alto, come osò dire Ottavio in quella occasione, erano sull auto di un dirigente, Pietro Bueti, che non fu coinvolta nell incidente. Anche se difficili da digerire, queste mazzate pare ti facciano più forte se hai il carattere giusto, se sei circondato dalle persone giuste, se tu stesso hai la testa un po meno che quadrata. E così un anno dopo venne l idea di quella recita, di quella fiaba trasformata dai personaggi sportivi che, con pazienza, a volte con rassegnazione e di questo spiegherò, ma soprattutto con una discreta inventiva misero in cartellone Garbaneve, una sorta di Biancaneve adattata agli attori con relativi cognomi che passava il convento del PozzoStrada. Fu un successone talmente grande che non si rifece mai più. Scherzi a parte, la commediola, la fiaba, la pochade, chiamiamola come si vuole, si guadagnò il successo del numeroso pubblico presente, non solo dirigenti, non solo genitori, non solo amici di parte, ma fu talmente affaticante, talmente impegnativa per essere stata fatta bene, che scoraggiò nel proseguire.

4 In ogni caso c era stato Piero Garbarino, un omone alto due metri che diede il nome alla storia di Garba neve e che, pare, sia stato con Porta l ideatore della festa di fine anno. Ma si era anche intrufolato l architetto Polce, uno dei sette nani, poi c era stato Lello Donna che si immedesimò talmente bene nella strega che si specchiava da non mollare il trucco per tutte le feste natalizie. Ci fu poi la rassegnazione (come vi avevo prima accennato) fatta persona nella persona di Gerardo Senatore, che rappresentava addirittura lo specchio in cui si specchiava la strega: ma ve lo figurate un uomo di quarant anni che si traveste da specchio? Coordinati dal narratore, il fine dicitore Carlo Mainardi, con l intrattenimento di Ciro Vicinanza che girava per la sala per cercare di fare cassa vendendo noccioline e anche accendini per quei disgraziati di fumatori, apparve anche l albero che significava il bosco, una grande interpretazione muta di Giovanni Maina, come muti o quasi furono Tarquinio Marras nelle vesti di un pescatore (ma c è il pescatore nella vera fiaba di Biancaneve?) e Renato Bersano in quelle del falegname che, per tutta l ora e mezza che durò lo spettacolo, non fece altro che passare una finta sega su un finto pezzo di legno, facendo finta, con la bocca, di segare. Ma non era finita qui, perché gli altri sei nani non li vuoi mettere? Eccoli: Nino Saraceno, alto un metro e cinque, Nino Gioia, un metro e dieci, Pino Raso, detto Maradona, novantacinque centimetri, Paolo Mariotto, un metro e sei centimetri ben contati, Toni Fiannaca, il più alto, un metro e quindici e, infine, il metro e dodici di Vincenzo Santeramo. Le cretinate che vi ho raccontato poc anzi vi parranno cretinate pure e semplici solo se non avrete potuto assistere alla commedia fiabesca o alla fiaba commediata di quell inverno del 1988 che, comunque, presuppose quasi due mesi di prove nella palestra della scuola vicino al campo, sempre in gran segreto. Ma oltre alle risate, infinite, di chi ebbe il coraggio di assistervi, furono le risultanze aggregative addizionali che quella festa riuscì a trasmettere nel gruppo del PozzoStrada, da leggersi sempre tuttattaccato, e che consentì a Ottavio Porta di salire sulla cadrega più impegnativa e più importante e condurre in porto una fusione che consentì ancora, sei anni dopo, la nascita della Polisportiva Pozzomaina, da leggersi anche questa volta, obbligatoriamente, tuttattaccato. Nel lasso di tempo che intercorse tra la pantomima e la fusione, giova ricordare che sia il Pino Maina che il PozzoStrada giocavano con tutte le loro squadre sullo stesso campo di via Monte Ortigara, il classico ex Venchi Unica, così chiamato perché prima dell ultima guerra pare che il terreno appartenesse alla fabbrica di cioccolato Venchi Unica che, tuttavia, cedette il terreno, non fabbricabile per il piano regolatore del tempo, al Comune e da questi passò in gestione al Centro Sportivo Italiano. E, come dicevo, giocando fianco a fianco, a

5 parte qualche puntata ai vicini campetti del Trecate, campi che andavano bene per il gioco delle bocce più che al gioco del calcio, si finì per diventare amici, si finì, come avviene tra persone intelligenti, per progettare qualche cosa in comune. Fu un matrimonio molto ben riuscito, concordato tra Caronni, presidente Maina e Porta, Presidente PozzoStrada, tanto che tutt oggi il club si mantiene nell elite del calcio nostrano. Fu insignito Porta della presidenza con Enrico Pessone, un veterano del Maina con quarant anni di militanza, alla vice presidenza, unitamente a De Conciliis, in chiave PozzoStrada. Ma ciò che contribuì a far partire col piede giusto la nuova società, penso siano state le dichiarazioni dei due soci, al momento più autorevoli, del Maina, Pessone e Carbone, che dettarono la condicio sine qua non per una firma sotto il verbale della fusione: presidente avrebbe dovuto essere Porta! Ottavio incassò l inaspettata stima dei due colleghi di parte avversa e partì una bella, nuova realtà sportiva. Non tutti, come si evince da alcune chiacchiere raccolte in questi anni, da parte Pino Maina furono d accordo, ma quella parte che non fu d accordo era ormai lontana dal club e quindi filosofare su cose che non si conoscono, su realtà che ti sono distanti non è manco simpatico e, comunque, inutile, se non sciocco. Finora ho dato nota di una mezza storia, di una storia della metà della torta, mentre, per la verità, l altra metà, il Pino Maina, ha ben altri natali che si identificano in quel dopoguerra dove avevano trovato spazio altre realtà torinesi ed in cui il Pino Maina aveva, da subito, svolto un ruolo primario. Non è facile, a volte, e in specie quando mancano documenti effettivi, individuare la causa di un evento, come è potuto nascere un club di calcio, quando, in questo specifico caso, anche i pochi soci fondatori che sino ad ieri potevi trovare sugli spalti di qualche campetto, sono venuti a mancare. Allora vai a cercare qualche anziano, qualche giovanotto di ottant anni, qualcuno dalla memoria ferrea e unisci questi dati, a volte solo impressioni, ai tuoi ricordi che, comunque, hanno avuto uno sviluppo temporale notevole. E quindi ne scrivi. Nel 1949, c è chi dice a giugno, chi a settembre, un gruppetto di amici in cui, comunque già si distingueva tra loro il capo carismatico, Francesco Viecca, commerciante di abiti nella centralissima, centrale per il Borgo San Paolo, piazza Sabotino, concluse una serie di riunioni con l idea di far nascere una società di calcio. Viecca propose di dare al club il nome di Pino Maina, giocatore-portiere del Torino scomparso da poco tempo che aveva sempre abitato nel quartiere, il popolare Borgo San Paolo, ed era diventato un suo amico con la frequentazione costante del negozio: tutti approvarono e nacque così il Gruppo Sportivo Pino Maina, maglie grigie, proprio come quelle da portiere che Maina indossava nel Toro e campo di gioco, per ora, in

6 corso Rosselli, impianto del Dopolavoro Ferroviario che in molti sfruttavano data la carenza di strutture sportive esistenti in città. Come ho accennato non è sopravvissuto alcuno dei soci fondatori della società, ma uno che nel 1951, due anni dopo la fondazione, già metteva testa e gambe nel club si trova ancora ed è quel signore, nella vera accezione del termine, di Gino Caracciolo. Per la sua figura defilata, per il suo discorrere pacato Caracciolo è stato, dalla massa di persone che hanno frequentato il Maina e, in seguito, il Pozzomaina, sicuramente sottovalutato, mentre oltre ad essere un uomo intelligente, oltre a possedere una conoscenza fina delle cose di calcio che pochi, ve lo garantisco, gli stanno alla pari, si mantiene con una signorilità unica nel direttivo del club anche all inizio di questo millennio. E se non fosse per quella maledetta cataratta che gli preclude compiti più impegnativi, sarebbe ancora in mezzo all impianto a fare, a proporre, anche a discutere con Porta e gli altri amici dei progetti per il futuro: e son quasi ottanta primavere che si porta sulle spalle! Sono, comunque, i cenni di Caracciolo a farci capire il valore di certi personaggi che hanno vestito il grigio o hanno gravitato nella dirigenza grigia, come Viecca, d accordo, ma anche come Giulio Lupo, nel club dal 1949 ai primi anni novanta, abile dirigente societario e pure federale con incarichi nella Lega Giovanile, prima e nel Comitato Regionale LND, poi. Se Lupo fu per tanti anni un deus ex machina con la sua esperienza, la sua capacità aggregativa, va anche ricordato Luigi Bernardi, segretario negli anni cinquanta e cugino di quel Bruno Bernardi che passò una stagione nei grigi prima di trasferirsi nello Spartanova e di lì percorrere i sentieri, le strade e le autostrade del giornalismo sportivo. Passata la sfuriata delle prime stagioni vissute con una spinta quasi da sfegatati, dato l entusiasmo con il quale si vivevano quei campionati primordiali, arrivava Leandro Sganzetta, altro pilastro che fu eletto presidente nel 1962, quando per Viecca era l ora di smettere con gli impegni troppo severi che una società come il Pino Maina, cresciuta notevolmente, comportava. Con Sganzetta la sede di via Monginevro 28, proprio alle spalle del negozio di Viecca, venne abbandonata per una ben più capiente in via Cesana 74, mentre il campo restava sempre quello di corso Rosselli. Ma prima ancora che Sganzetta lasciasse la sua impronta sulla società, aveva mosso i primi passi di giocatore quell Enrico Pessone che, intrufolatosi nei giovanissimi del 1955, divenne, al tempo della fusione con il PozzoStrada, vicepresidente con De Conciliis. E Pessone non è stato uno che è volato sopra un cinquantennio, quasi, con superficialità, Enrico Pessone ha lasciato il segno con i suoi mille incarichi, le sue storie di allenatore, istruttore, direttore tecnico, dopo aver giocato per le mille stagioni della propria gioventù con la

7 stessa maglia ed aver incontrato amici di ogni levatura. Cosa dire di Nello Governato che passato al Torino e, quindi, alla Lazio ha rinverdito le sue esperienze giovanili andando a ricoprire diversi incarichi dirigenziali in società professionistiche? Come accennare a Roberto Carbone e a Casile che fecero grande il Maina con il loro impegno costante, appassionato e che, come con Pessone, si concluse soltanto in queste ultime stagioni? E Albano e Natalini, troppo, troppo presto scomparsi da questa vita. Sono alcuni dei nomi che hanno percorso il tratto di via sportiva del Maina e che quando Sganzetta, per motivi di salute, dovette abbandonare, continuarono ad impegnarsi. Dopo Sganzetta, che, comunque, riuscì a portare le sue squadre nello stadiolo di via Frejus angolo via Cesana, in coabitazione con un Cenisia ormai in una delle fasi calanti di quasi tutti i club dilettantistici, nel 1977 venne eletto presidente Lorenzo Vanara che mantenne la carica per un bel numero di anni e che contribuì al consolidamento nell ambiente cittadino di una società tra le meglio organizzate. E doveroso notare che negli anni sessanta, primi dei settanta i sodalizi cittadini che facevano calcio erano, si e no, una trentina contro l oltre un centinaio dei giorni nostri e che, quindi, se volevi inserirti in una delle squadre di quelle società dovevi essere proprio bravo, perché il setaccio era fine fine e non sempre ti riusciva di giocare in Lega e dovevi accontentarti di un Ente di Promozione. Intanto il Maina andava a vincere con gli Allievi Regionali, si ripeteva con gli Allievi Provinciali qualche anno dopo e perfino con la squadra Primavera, una sorta di juniores d elite. Ma questi sono solo accenni doverosi, mentre le tante squadre mietevano allori un po dappertutto. Negli anni ottanta la società otteneva, anch essa, il campo di via Monte Ortigara (il Venchi Unica ) e la sede veniva trasportata in via Bionnaz, in quella Borgata Lesna che, per quelle alchimie tra società o per i soliti giochi di convenienza, veniva aggiunto, come sostantivo, al nome originale: Sport Club Pino Maina Borgata Lesna. Non era cambiato nulla, soltanto il club aveva tentato di rinforzarsi, ed ora, dopo una breve parentesi con Giuseppe Cantone presidente, aveva un altra guida che si chiamava Leopoldo Base. Proprio negli anni in cui il PozzoStrada si improvvisava Carro di Tespi e metteva in scena il Garbaneve, di cui ho parlato prima, la società grigia compiva quarant anni di vita. Un bel traguardo, non c è che dire, con festeggiamenti, tornei internazionali per i giovani della società, e sempre con Giulio Lupo a dare un occhiata su come si lavorava. E sì, Lupo ormai era diventato presidente onorario, ma non disdegnava alcune puntate sia sul campo che in sede sociale, dove trovavi un Pierfrancesco Garbero oppure un Giovanni Gianella in

8 segreteria; dove c era anche Francesco Cloralio e Enzo Bottari, rimasto, quest ultimo, sempre trait d union tra la società e la FIGC locale e continua ad esserlo. Nel direttivo partecipava ancora Giuseppe Magnasco, Virginio Ferrero e si manteneva a galla quel simpaticone di Maurizio Ciarlone, tanto lungo quanto largo, ma ben dotato come allenatore. Inoltre, proprio per fare da specchio a quaranta stagioni di calcio, è bello ricordare Roberto Carbone, che oltre a dirigere calcio nel Maina di quei decenni, in un depliant pubblicato in occasione dell anniversario dei quarant anni della fondazione, dava un senso ad un passato fatto di vera passione e di puro sentimento: quarant anni senza un presidente-padrone, senza legami politici di sorta o agganci confessionali, senza alcun fine di lucro, ma solo per amore del calcio, un amore incredibile. Un amore incredibile: per tutti coloro che hanno vissuto i primi anni di quella maglia grigia, sono soltanto parole da ingerire, da gustare. Nel 1993, proprio quando le due società consorelle stanno parlandosi ed è in atto soltanto il fidanzamento, diventa presidente Alberto Caronni. E quando i genitori, i vecchiacci o i caporioni, delle due società decidono che il matrimonio s ha da fare, la fusione è accelerata e si compie con un gran accordo tra le parti: patti chiari, nomi certi, e obiettivi consistenti. E il In quel momento la nuova società mette in campo una ventina di squadre che, l anno dopo, con la dovuta scrematura dovuta, anche, all impossibilità di contenere tutta quella massa di quasi cinquecento giocatori nel campo di via Monte Ortigara, il tasso tecnico si eleva ed i successi ottenuti da lì in avanti stanno a dimostrare quanto le ragioni erano valide per un unione, per un matrimonio tra due realtà che, prima, si guardavano in cagnesco (inutile nascondere che ai tempi della prima coabitazione ci fosse una grossa rivalità tra le parti!) e che, poi, valutando i tantissimi pro ed i pochi contro, si è trasformata nell attuale Pozzomaina, quella che è entrata nel SuperOscar, che disputa tutte le categorie regionali e che una seconda spina dorsale le viene fornita dalle molte signore che aiutano, organizzano, dirigono come, ad esempio Lina Iannone, Rita Castellano, Anna Cuccari e quell autentico vulcano che è Teresa Nisticò. Non so chi fosse in possesso di quell imprinting necessario a far funzionare le cose per bene, certo che, per rubare al professor Danilo Mainardi, docente di etologia nell Università di Pavia, un concetto biologico che ben si adatta a spiegare la ottima riuscita di un unione, non posso non notare che: «nella fase dell'imprinting, definita anche di "socializzazione primaria" il cucciolo (la società neonata) prende confidenza con cose, persone e stimoli che vanno a formare in lui una sorta di eredità culturale, di cui fanno parte anche i comportamenti acquisiti. Si tratta di un bagaglio assimilabile a quello genetico,

9 almeno dal punto di vista della mancanza assoluta di plasticità e flessibilità. Per questo è fondamentale sapere come intervenire in questo delicato momento, diversamente si rischia di compromettere per sempre il sano sviluppo del proprio amico (ciascuna delle due parti della nuova società): una cattiva esperienza o la mancanza di esperienze utili a socializzare con gli altri rimarranno impresse per sempre e predisporranno gli amici a paure, incertezze e aggressività. E' necessario invece che nell'arco di questo anno (la stagione sportiva ) il cucciolo (sempre il nuovo club) sia incoraggiato a fare esperienze positive, ad avere contatti con l'ambiente circostante, con le persone, con gli altri amici, perché solo così il suo rapporto con il padrone (il pallone) sarà sereno e affiatato». Ditemi voi se le parole virgolettate appena scritte, non paiono adatte a descrivere il dovuto comportamento di alcuni amici che vanno a coabitare ed, invece, si rivolgono solo a degli animali. Ma, come le persone intelligenti sanno, noi dagli animali abbiamo solo da imparare. Adesso c è una dirigenza tutta nuova, con Ottavio Porta ancora presidente, con Umberto De Conciliis e Teresa Calabrese vice, con una schiera dei soliti fidati amici che conducono una baracca diventata molto impegnativa da quando il Comune ha costruito il sintetico e la società di è fatta due campi per il calcio a 5, una tribuna coperta, ha abbellito gli spazi comuni dando una vivacità a tutto l ambiente, dalla mattina a notte fonda, che impegna ma non preoccupa perché i tanti giovani a circolare sono soltanto una parte, anche se la più importante, del principio su cui si basano le società di calcio dilettantistiche. E il 2005, chi per un verso, chi per un altro, sono stati centinaia coloro che si sono sciroppati anni e anni di calcio giocato e di calcio organizzato nello stesso sodalizio, ma non riesco a rintracciarne uno, dopo aver parlato con tanti, che non ripeterebbe gli stessi passi, che non accetterebbe le stesse esperienze. Ovvio che ho parlato con i più acuti, con i più pronti, perché sono loro che della storia sanno darne il giusto senso, la giusta misura.

10 Capitolo X Da una grammatica presa a calci ad un calcio tutto rosa Scena primaria: un viale alberato. Uno dei tanti bellissimi viali che arrivano sino al centro storico di Torino, una città dall urbanistica splendida, quasi unica in Europa, se non fosse stata ridotta ad un cesso, per sporcizia e manie di grandezza, negli ultimi anni. Nonostante ciò, Torino è bella. E bella con i suoi viali, già detto, con i suoi palazzi barocchi, le sue architetture liberty, le sue piazze incastonate tra il Po e la sua stupenda, inimitabile verde collina, meglio sarebbe incopiabile, visti i precedenti, se non fosse un vocabolo orribile. E molto, molto bella specialmente nei giorni olimpici dopo che migliaia di volontari l hanno ripulita, dopo che i bravissimi organizzatori delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006 ne hanno fatto un ritratto ben curato e speciale per turisti stranieri e peninsulari, con un dubbio sui conti che paiono sbilenchi e che tutto finisca tra poco. E bella anche senza la FIAT che è quasi sparita dopo aver venduto un secolo della propria storia per farne dei centro congressi o dei supermercati o non si sa cosa. Ancora, non si sa cosa. E bella anche senza il Salone dell Auto, senza un centomila dipendenti della Feroce che non ci sono più al Lingotto, a Rivalta, non ci saranno a Mirafiori e in trecentodue altre aziende. Ma pazienza, vorrà dire che questa gente dai coglioni quadri saprà riciclarsi o tornerà al sud, dove, per lo meno, c è un bel sole, crescono un bel po di pomodori che continueranno a venire raccolti da senegalesi o pakistani, ma che per lo meno, questa gente, avrà la ventura di sbattere la testa contro il muro di casa propria, di quella casa che era rimasta ai padri, ai nonni e che adesso, sì, che gli viene bene che sia ancora sua. E bella perché chi ci abita, che sia autoctono o immigrato, si è intriso dell ambiente antico e sa sempre inventarsene delle nuove. Forse, ma dico solo forse, ha cominciato a pensare, purtroppo ha solo iniziato, a come non farsele continuamente rubare queste cose nuove. E se vogliamo anche solo accennare ad una piccola cosa, proprio piccola piccola, ma che nessuno, ripeto nessuno, in giro per la penisola è riuscito ad imitare, benché sia stato sollecitato, benché abbia chiesto lumi, benché ci abbia provato più e più volte, allora accenniamo al torneo Un Pallone di Speranza, manifestazione di calcio tra studenti

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media

Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia. Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Anna Rinaldin Università Ca Foscari, Venezia Aspetti dell «italiano scolastico» nei temi della scuola media Lettere in classe. Percorsi didattici del TFA di area letteraria della Sapienza, a cura di Paola

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Test di progresso in italiano

Test di progresso in italiano Test di progresso in italiano 1. Noi le ragazze ungheresi. A) siete B) sono C) siamo D) sei 2. Giuseppe, sono senza soldi,..? A) ha 10 euro B) hai 10 euro C) ho 10 euro D) abbiamo 10 euro 3. -Cosa oggi

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO

DENTRO il LIBRO LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando IL CONTENUTO DENTRO il LIBRO dai 9 anni LA VITA È UNA BOMBA! Luigi Garlando Illustrazione di copertina: Annalisa Ventura Pagine: 96 Codice: 978-88-566-4991-8 Anno di pubblicazione: 2015 IL CONTENUTO Il libro si struttura

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni

Nel nome. I libri di S. Novantacento edizioni Nel nome del padre sono 23 gli interrogatori di massimo ciancimino, il figlio di don vito. E una valanga i pizzini che riscrivono la storia dei misteri d italia da gladio, alle stragi del 92, sino ai politici

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

GLI ALUNNI DELLA I A

GLI ALUNNI DELLA I A GLI ALUNNI DELLA I A Descrivi la festa di Halloween soffermandoti sui preparativi, che l hanno preceduta, sul suo svolgimento e parla delle tue impressioni al riguardo. Con la scuola elementare di Puccianiello

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve.

Vuoi andartene presto? No, voglio avere il tempo di innamorarmi di tutto... E piango perché tutto è così bello e così breve. Il contrario della solitudine «Vivrò per l amore, il resto dovrà cavarsela da solo» furono le parole di Marina il giorno della sua laurea, l ultima volta in cui la vedemmo. Il contrario della solitudine

Dettagli

GIORNATA DELLA MEMORIA. Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA. Film di R. Benigni

GIORNATA DELLA MEMORIA. Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA. Film di R. Benigni 27 gennaio 2013 GIORNATA DELLA MEMORIA Per non dimenticare CINEMA A SCUOLA Film di R. Benigni Attività di approfondimento svolte in VB - Scuola Primaria A. Schmid PRIMA DEL FILM : conversazione con la

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio

I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini. Pinocchio I Classici facili raccontati da Carlo Scataglini Pinocchio Indice illustrato CAPITOLO 1 Tutto comincia con un pezzo di legno............. 7 CAPITOLO 2 Quando un burattino ha fame.... 17 CAPITOLO 3 Il Gran

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Tema: Gli attori della fiction e le sfide di un attore dilettante. PAOLA BACCIN: Da un anno, ormai. E Sandra invece fa il mestrado (master) con noi.

Tema: Gli attori della fiction e le sfide di un attore dilettante. PAOLA BACCIN: Da un anno, ormai. E Sandra invece fa il mestrado (master) con noi. Lezione 16 Intervista con Darius Emrani e Sandra Gazzoni, attori della fiction, insegnanti di italiano e mestres presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). Tema: Gli attori

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Lidia e Rolando Lidia aveva appena 15 anni quando ha conosciuto Rolando, che di anni ne aveva 21. Rolando era un appassionato giocatore di calcio e lei una tifosa, si sono incontrati dunque ad un campo

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo?

Si ricorda cosa le hanno detto, come l ha saputo? Intervista rilasciata su videocassetta dalla Sig.ra Miranda Cavaglion il 17 giugno 2003 presso la propria abitazione in Cascine Vica, Rivoli. Intervistatrice: Prof.ssa Marina Bellò. Addetto alla registrazione:

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ.

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO MA COME TI TRUCCHI?! PER PERSONE CON DISABILITÀ. UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ. Relatore: Martina Tarlazzi Make your smile up LA NASCITA DEL

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Tutta un altra storia

Tutta un altra storia Elisabetta Maùti Tutta un altra storia Come spiegare ai bambini la diversità Illustrazioni di Salvatore Crisà Indice Introduzione 9 Il principe con due piedi destri (Cos è normale?) 13 E tu da dove vieni?

Dettagli

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI

LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI LABORATORI DIDATTICI MULTIMEDIALI In un mondo che ha perso quasi ogni contatto con la natura, di essa è rimasta solo la magia. Abituati come siamo alla vita di città, ormai veder spuntare un germoglio

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE. renatocarcatella@sangiorgioweb.it

Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE. renatocarcatella@sangiorgioweb.it Renato Carcatella AVEVO ALTRO A CUI PENSARE renatocarcatella@sangiorgioweb.it 2 I proventi della vendita destinati all'autore saranno interamente devoluti all ABA (Associazione senza fini di lucro impegnata

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical

Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016. ..il musical Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno VI, mese di maggio 2016 Ci vuole tutta una città per.....il musical Cari tutti, piccoli e grandi. Questa lettura e questo invito sono per ciascuno

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà

Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Dalle aspirazioni giovanili al mondo dei mestieri e delle professioni: le aspettative e la realtà Numero del Questionario Completato Attenzione! Ogni questionario completato deve riportare il numero progressivo

Dettagli

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica.

Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Comune di Brentonico Provincia autonoma di Trento Progetto a cura di Annalisa Bonomi. Emiliano Aiardi e Marco Raffaelli illustrazioni e grafica. Collaborazione Istituto comprensivo Scuola primaria Brentonico

Dettagli