Sistemi di identificazione del cittadino on line con la CRS (a cura di Lombardia Informatica)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi di identificazione del cittadino on line con la CRS (a cura di Lombardia Informatica)"

Transcript

1 Palazzo delle Stelline Milano 27 novembre ore 10,00 13,00 ATTI DEL SEMINARIO Sistemi di identificazione del cittadino on line con la CRS (a cura di Lombardia Informatica) Regione Lombardia e Lombardia Informatica S.p.A. presentano il servizio di gestione dell identità digitale (Identity Provider del Cittadino, IdPC) a disposizione degli EELL lombardi per autenticare i cittadini dotati di CRS/CNS (ed in futuro di CIE). Verrà illustrato il posizionamento della soluzione nel più ampio contesto degli standard europei e dei progetti nazionali. Il convegno illustrerà inoltre lo stato di avanzamento dell utilizzo della Carta Regionale dei Servizi con particolare focalizzazione sui servizi realizzati dagli Enti Locali del territorio Lombardo. Sarà presentato anche ELDY Lombardia, una risposta concreta al problema del Digital Divide culturale per l accesso ai servizi online.

2 Regione Lombardia ed EELL: l IdPC una proposta strategica AGENDA 10:00 10:15 Lombardia Informatica e il suo impegno per l e-gov Alberto Daprà, Presidente Lombardia Informatica S.p.A. 10:15 10:45 La CRS dalla sanità regionale agli EELL: oggi e domani Antonio Lasi, Vice Direttore Generale Lombardia Informatica S.p.A. 10:45 11:00 Il digital divide culturale. Eldy in Lombardia:una risposta concreta Anna Bianco, Presidente di ELDY 11:00 11:20 I sistemi di Identity Management Standard e Progetti Massimiliano Pianciamore, CEFRIEL 11:20-11:45 Regione Lombardia ed EELL: l IdPC una proposta strategica Ferdinando Ferrari, Regione Lombardia 11:45 12:15 IdPC Come funziona, come si integra Alberto Zanini, Lombardia Integrata S.p.A. 12:15 12:30 Domande e Risposte Chiusura dei lavori e saluto

3 1 La carta vincente di Regione Lombardia Mission Lombardia Informatica, società di servizi a capitale pubblico, nasce nel dicembre 1981 su iniziativa della Regione Lombardia. La mission del Gruppo consiste nell'operare, attraverso l'utilizzo delle tecnologie informatiche e telematiche più avanzate, per il miglioramento del rapporto tra le Istituzioni Pubbliche e la Società Civile. 2

4 3 Attività Progettare e realizzare il Sistema Informativo Regionale Garantire la qualità delle soluzioni tecnologiche adottate dal Sistema Regione Realizzare il Progetto Carta Regionale dei Servizi Sistema Informativo Socio-Sanitario Partner della Regione Lombardia per I progetti di egovernment e di innovazione dei servizi Le Società del Gruppo (Ottobre 1999) Realizzazione Carta Regionale dei Servizi (Marzo 2004) Contact Center Carta Regionale dei Servizi (Giugno 2004) Progettazione e Gestione Sistema Informativo Regionale 4

5 5 Dati significativi di Gruppo (Bilancio 2006) RICAVI Gruppo Lombardia Informatica Tot. 188,4 mln di euro Personale Totale Gruppo Lombardia Informatica 762 dipendenti Progetti principali CRS-SISS: il sistema informativo sociosanitario lombardo Sistema informativo territoriale: con accesso condiviso ai dati territoriali ESRA: per la condivisione e gestione dei dati fondamentali di Regione Lombardia Sistema dei Tributi: verso il federalismo fiscale 6

6 7 Lombardia Informatica RisorseComuni 2007 GRAZIE! Alberto Daprà Presidente Gruppo Lombardia Informatica

7 Regione Lombardia ed EELL: l IdPC una proposta strategica Ferdinando Germano Ferrari Sistemi Informativi e ICT E-Government e reti - Innovazioni e sviluppo della CRS Risorse Comuni - 27 Novembre 2007 Di cosa parleremo... Un po di storia Gli obiettivi di Regione Identity Provider del Cittadino Futuro

8 Un po di storia Nasce il progetto CRS-SISS 2001 Sperimentazione SISS in Prov. di Lecco Inizia diffusione SISS a tutta la Regione 2002 I o Avviso di egovernment (CNS) Bando SISCoTEL 2003 (CRS) Bando SISCoTEL 2004 (CRS) 2004 DPR 117 CNS 2004 Inizia diffusione CRS/CNS a tutta la Regione Bando SISCoTEL 2005 (CRS) 2005 Codice Amministrazione Digitale Codice Amministrazione Digitale Art. 64. Modalità di accesso ai servizi erogati in rete dalle pubbliche amministrazioni. 1. La carta d identità elettronica e la carta nazionale dei servizi costituiscono strumenti per l accesso ai servizi erogati in rete dalle pubbliche amministrazioni per i quali sia necessaria l autenticazione informatica , è fissata la data, comunque non successiva al 31 dicembre 2007, a decorrere dalla quale non è più consentito l accesso ai servizi erogati in rete dalle pubbliche amministrazioni, con strumenti diversi dalla carta d identità elettronica e dalla carta nazionale dei servizi.

9 Contesto Per abilitare un significativo incremento nell utilizzo complessivo dei servizi di e-government le azioni che l Amministrazione Regionale promuove sono duplici: favorire l utilizzo della CRS da parte dei cittadini quale strumento personale per l accesso ai servizi facilitare il compito dei diversi enti nell erogazione di servizi supportandoli, dal punto di vista infrastrutturale, per le tematiche legate alla gestione delle credenziali digitali. Identity Provider del Cittadino Regione Lombardia mette a disposizione degli enti sul territorio lombardo una infrastruttura omogenea e standardizzata per supportare l identificazione degli utenti al momento della richiesta di accesso ai servizi.

10 IdPC Servizi ai cittadini Ente esterno (Comune 1) Servizi ai cittadini Ente esterno (Comune N) Ente Regione Servizi ai cittadini Ente esterno ( ) Identity Provider Cittadini Servizi ai cittadini Servizi ai cittadini Ente esterno PA non lombarda) Benefici Consente ai singoli enti di delegare ad un servizio esterno regionale la verifica delle credenziali di un utente in possesso di una smart card (CRS/CNS/CIE). Consente di uniformare i processi di autenticazione dei cittadini. Consente economia di scala Consente agli enti di concentrarsi sull erogazione del servizio

11 Futuro L IdPC è aperto verso sistemi di autenticazione ed erogatori di servizi terzi rispetto alla Regione E possibile interoperare con la comunità PEOPLE Si integrerà con analoghi servizi di altre Regioni, laddove compatibile (in corso analisi tecniche del sistema ARPA di Regione Toscana) A tendere, evolverà in conformità al progetto per l interoperabilità interregionale ICAR, attualmente in corso di definizione e sviluppo. Integrazione con altri IdP Ente Regione Servizi ai cittadini Identity Provider Cittadini Servizi ai cittadini Ente esterno (PA non lombarda) Servizi ai cittadini Ente esterno (p.e. Comune) WAYF Altro IdP p.e. altra Regione Altro IdP IDP registry p.e. Postecom Altro IdP.

12 Grazie Ferdinando Germano Ferrari

13 La Carta Regionale dei Servizi e i suoi molteplici usi, dalla Sanità ai servizi degli Enti Locali Milano 27 novembre 2007 Carta Regionale dei Servizi Un importante ed innovativo strumento di dialogo con la Pubblica Amministrazione. La Carta Regionale dei Servizi, nuova chiave di accesso del cittadino ai servizi offerti dalla Pubblica Amministrazione Lombarda.

14 CRS : Aspetti generali Tessera Sanitaria Nazionale Carta Nazionale dei Servizi Tessera Europea di Assicurazione Malattia Tesserino del Codice Fiscale Sostituisce il tesserino sanitario cartaceo E abilitabile a carta di pagamento Accorda l'accesso al Sistema Informativo Socio-Sanitario regionale Permette di usufruire dei servizi della Regione Lombardia e della Pubblica Amministrazione Consente l'autenticazione digitale del cittadino in rete e la firma elettronica Dati anagrafici Tutto il resto è sulla rete Dati amministrativi Dati sanitari di emergenza (accessibili solo da Medici autorizzati) 6 Kb per servizi privati CRS : La diffusione Sono state inviate ai cittadini circa CRS coprendo la quasi totalità (99%) della popolazione lombarda Sono in corso di emissione circa CRS, risultato delle operazioni di bonifica dell anagrafe regionale con l anagrafe tributaria La diffusione è un processo sempre attivo in quanto coinvolge nuove emissioni e riemissioni Fonte: Lombardia Informatica aggiornamento al 05 maggio 2006

15 CRS : Attivazione come CNS La Carta Regionale dei servizi è distribuita a tutti i cittadini assistiti in Lombardia È attivata come Carta Nazionale dei Servizi fornendo il codice PIN a fronte del riconoscimento dei cittadini Riconoscimento e consegna del PIN avvengono tramite un servizio erogato con la collaborazione di Poste Italiane Attualmente sono state attivate circa carte La CRS per i servizi on-line della Regione Servizi rilasciati dalla Sanità (progetto SISS) a fronte dell autenticazione dei cittadini tramite CRS/CNS: Visualizzazione delle informazioni al Cittadino (VIC), consente di accedere al Fascicolo Sanitario Elettronico per: Visualizzare informazioni anagrafiche e amministrative Visualizzare i dettagli relativi agli eventi sanitari Consultazione referti (progressivamente) Scelta e Revoca del Medico di Medicina Generale e del Pediatra di Libera Scelta Prenotazione delle prestazioni

16 La CRS per i servizi on-line della Regione Portale Tributi Buono Scuola e Assegni di studio Patrocinio Cultura La CRS per i servizi on-line della Regione Patrocinio Industria Carta Sconto Metano/GPL Sconto Eventi Culturali

17 La CRS per i servizi on-line delle PAL lombarde La CRS per i servizi on-line delle PAL lombarde Più di 300 comuni Più di di abitanti E altri arriveranno presto

18 Portale Nazionale Imprese CRS: valore comune La CRS è uno strumento comune, con alti potenziali di utilizzo a disposizione della società lombarda I vantaggi di usare la CRS sono : non occorre emettere e gestire altre carte la CRS contiene un identificativo univoco (CodFisc) certificato da Agenzia delle Entrate il CodFisc si può leggere dalla banda magnetica, dal barcode, dal microchip e a vista SEMPLIFICA LA VITA AL CITTADINO

19 CRS: utilizzi offline Accesso alle piattaforme ecologiche Accesso ai servizi bibliotecari Pagamento mensa scolastica Gestione sfollati in caso di alluvione Iscrizione a corsi di nuoto Strategie di sviluppo Favorire l utilizzo della CRS significa accelerare lo sviluppo dei servizi al cittadino agendo su tre direttrici di sviluppo : Eliminare le barriere culturali-tecniche-economiche Accelerare l offerta di servizi Informare i cittadini e promuovere i servizi

20 Eliminare le barriere 1 2 Fornitura lettore Meccanismi di distribuzione PIN 3 Rendere la PDL più semplice e fruibile 5 Ridurre il digital divide 4 Rendere più corta la catena tra carta e rete Fornire un servizio di gestione dell identità conforme agli standard di mercato Ente Regione Gestore identità cittadino Servizi ai cittadi ni Servizi ai cittadini cittadini Ente esterno (Comune) 1) Distribuzione PIN OBIETTIVO Distribuire il PIN per l identificazione online a tutti i potenziali utenti. STATUS Già distribuiti circa 4,7 milioni di PIN Richiesta agli sportelli degli Uffici Postali e invio a casa Rilascio PIN immediato presso gli sportelli ASL IN CORSO DI VALUTAZIONE (fattibilità) Distribuzione presso gli sportelli comunali

21 Distribuzione lettori OBIETTIVO Distribuire il lettore CRS a tutti i potenziali utenti STATUS Finalizzata gara per l acquisto di 1 milione di lettori USB Prezzo finale al cittadino intorno agli 8 Euro Canali di distribuzione: Poste e Farmacie (accordi in corso) Piano di comunicazione sul territorio con azioni congiunte e sincronizzate con gli EELL La Postazione Cittadino STATUS Il progetto CRS-SISS ha sviluppato un modulo software, liberamente scaricabile dal sito che consente: Mutua autenticazione tramite il protocollo SSLv3 con le applicazioni web che espongono servizi in Internet per i cittadini Lettura di dati contenuti nella CRS/CNS Apposizione della firma elettronica tramite chiave e certificato di autenticazione La Postazione Cittadino è realizzata per l ambiente MS Windows+IE SVILUPPO Sono previste realizzazioni per Firefox e per i S.O. MacOS e Linux

22 CRS Manager ELDY OBIETTIVO : Ridurre il digital divide culturale. Aumentare i fruitori di servizi di egovernment: Il Lombardia il 56% non usa Internet Dai 45 ai 64 anni il 63% non usa Internet Oltre i 55 anni, l 88% non sa usare un computer ELDY: Iniziativa NO PROFIT e OpenSource (www.eldy.org) Contiene : browser, , chat, notepad, visualizzatore immagini Studiato con e per gli anziani

23 Servizio centralizzato di gestione dell identità digitale e dei profili IdPC - Identity Provider dei Cittadini Identificazione/autenticazione tramite CRS/CNS (Utilizzo del codice fiscale garantito dalla Agenzia delle Entrate) Asserzioni di identità e di profilo di base rilasciate secondo le specifiche del progetto People e SAML 1.1 Disponibile da Aprile 2007 Piani di comunicazione Obiettivo: Promuovere l uso dei servizi che adottano la CRS Target: cittadini, imprese, mediatori di consenso, associazioni... Iniziative: partecipazione a eventi, fiere, camper itinerante.. Media: tradizionali (articoli e inserzioni su edizioni locali, cartelloni...) e innovativi (siti web, - newsletter, banner, motori di ricerca ) Valenza territoriale: integrazione/condivisione tra gli interessi generali (Regione) e quelli locali (Comune/Provincia) Sincronizzazione tra il piano di comunicazione sul territorio e la disponibilità dei servizi e dei lettori Formalizzazione di accordi ufficiali con comuni e province

24 Identity Provider Regione Lombardia (IdPC-RL) Come funziona, come si integra Alberto Zanini, LISIT SpA (gruppo Lombardia Informatica) Milano, 27 novembre 2007 IdPC Cenni preliminari Servizio che gestisce completamente la fase di autenticazione degli utenti di servizi web L autenticazione è di tipo forte, ed avviene tramite smartcard dotata di certificato di autenticazione in rete (CRS/CNS di Regione Lombardia, altra CNS, CIE) Liberamente accessibile ed utilizzabile su Internet dall Aprile

25 IdPC Prerequisiti per l utenza finale dei servizi Lettore di smartcard, smartcard e relativo PIN Installazione del software libero Postazione di Lavoro del Cittadino (sito Sistemi operativi supportati (ad oggi ): Windows 2000, XP e Vista Browser utilizzabili: Internet Explorer (6.x e 7.x), Firefox (1.x e 2.x). 3 IdPC Compiti dell erogatore dei servizi Delegare la fase di autenticazione ad IdPC, seguendo interfacce definite (documento SIAU#76 su sito CRS) Come agganciare IdPC? Due modalità alternative: I. installando le componenti già predisposte in Java e.net (documento SIAU#77, software e codici sorgenti SIAU#78 e #79 su sito CRS), oppure II. sviluppando ex-novo le componenti di aggancio in accordo a documento SIAU#76 4

26 IdPC Come funziona / 1 I passi fondamentali: 1) l utente cerca di accedere ad un servizio web che richiede autenticazione ; 2) il servizio web intercetta la chiamata del browser dell utente e ne redirige la navigazione su IdPC ; 3) IdPC instaura un canale SSL v3 con il browser dell utente (mutua autenticazione) ; 4) IdPC verifica il certificato di autenticazione della smartcard ; 5 IdPC Come funziona / 2 I passi fondamentali (continua): 5) IdPC raccoglie i dati (attributi di identità) dell utente, leggendo la smartcard (ad oggi ) ; 6) IdPC inoltra questi dati - previa consenso dell utente - all erogatore dei servizi, in modalità standard (SAML), autenticata (firma) e cifrata (SSL) ; 7) l erogatore dei servizi web verifica l asserzione prodotta da IdPC ed ha accesso agli attributi di identità dell utente, che può trattare in accordo alle proprie regole di business. 6

27 IdPC Il processo di autenticazione dell utente B R O W S E R C I T T A D I N O 1: richiesta Servizio 1 7: POST su A.C. con asserzione 4: credenziali 9: redirect su Servizio1 2: redirect con TARGET=Servizio 1 3: richiesta credenziali (CRS) su SSLv3 Access check Assertion 8: forward/post con TARGET=Servizio 1 e Consumer dati di autenticazione Interfaccia di accesso ai servizi Intersite Transfer Service 6: creazione asserzione Authentication 5: forward/ Authority POST a ITS Response Receiver 10: forward a Servizio 1 Servizio N Ente erogatore di servizi Identity Provider Cittadino Ente Regione 7 IdPC L esperienza utente 8

28 IdPC L esperienza utente 9 IdPC L esperienza utente 10

29 IdPC L esperienza utente 11 IdPC L esperienza utente 12

30 IdPC L esperienza utente 13 IdPC L esperienza utente 14

31 IdPC Qualche dettaglio tecnico Il componente AccessCheck, che intercetta la navigazione utente, è un filtro web ; AccessCheck e ResponseReceiver devono operare nello stesso contesto (visibilità della sessione utente) ; AssertionConsumer è una servlet, anche delocalizzata rispetto al portale erogatore dei servizi ; Attributi di identità dell utente sono asserzioni in formato SAML 1.1, e firmati digitalmente da IdPC, che ne garantisce la correttezza ; IdPC ha certificato SSL server rilasciato da una Certification Authority Omniroot (massimi standard di sicurezza). 15 IdPC Indice degli Identity Provider Possibilità per l erogatore dei servizi web di far scegliere all utente l Identity Provider che lo riconosce (quello di Regione Lombardia potrebbe non essere l unico esistente) ; Si realizza facendo puntare il componente AccessCheck all indice degli Identity Provider (WAYF Where Are You From) piuttosto che direttamente all Identity Provider di Regione Lombardia ; L esempio mostrato indirizza direttamente l Identity Provider di Regione Lombardia. 16

32 IdPC Compatibilità con SiRAC People Per i servizi web che aderiscono a SiRAC People, un eventuale migrazione ad IdPC è immediata (stesse interfacce) ; L asserzione SAML prodotta da IdPC è più ricca di quella prevista da SiRAC People, ma interoperabile ; Indirizzo unico dato utente potenzialmente conservato sui sistemi informatici di Regione Lombardia (codice fiscale è chiave primaria per IdPC). 17 IdPC Prossime funzionalità Dati di asserzione utente recuperati da un anagrafe centrale per gli assistiti in Lombardia non più necessario leggere la smartcard (che mantiene fini di autenticazione), quindi: assenza di codice attivo nel browser ; esperienza utente più snella ; soluzione potenzialmente multipiattaforma. Possibilità per i servizi web di specificare ad IdPC di quali dati utente necessitano. 18

33 IdPC Conclusione Grazie dell attenzione!! Per eventuali chiarimenti: 19

34 CEFRIEL FOR DISCUSSION PURPOSES ONLY: ANY OTHER USE OF THIS PRESENTATION - INCLUDING REPRODUCTION FOR PURPOSES OTHER THAN NOTED ABOVE, Identity Management e accesso a servizi OnLine stato dell arte, iniziative e prospettive Risorse Comuni, 27 novembre 2007 Massimiliano Pianciamore MODIFICATION OR DISTRIBUTION - WITHOUT THE PRIOR WRITTEN PERMISSION OF CEFRIEL IS PROHIBITED Definizioni Identità (digitale) L insieme delle caratteristiche essenziali e uniche di un soggetto che ne permettono l identificazione complessità legata alla definizione di quali siano tali caratteristiche uniche ed essenziali Identity management L insieme di procedure, protocolli, standard e apparati che permettono di gestire la complessità legata all identità digitale le componenti dell identità digitale sono tante e distribuite in maniera non correlata e talvolta inconsistente Non avere il controllo dell identità digitale può comportare rischi e costi non sostenibili CEFRIEL

35 Identity management e Servizi di e-governmente La gestione dell identità digitale riveste un ruolo chiave nelle infrastrutture software per l e-government Servizi della PA a disposizione dei cittadini Accesso trasparente, che non richieda all utente autenticazione multipla (SSO) Gestione dell accesso ai servizi online di diverse tipologie di utenti, per es. utenti esterni (cittadini) utenti interni (operatori, amministratori) Creazione di meccanismi per stabilire relazioni di trust tra domini diversi dislocati sul territorio Impraticabilità di un approccio centralizzato ai controlli di sicurezza Scambio sicuro di informazioni tra le entità interagenti CEFRIEL La prima fase dei progetti di e-gov ha visto in prevalenza la creazione di sistemi di identity management su base territoriale La prima fase ha consentito la creazione dei servizi, ma ha portato alla proliferazione di silos di identità Le persone, tuttavia, non agiscono in un ambito esclusivamente territoriale i cittadini si spostano e usufruiscono di servizi differenti, situati in realtà diverse gli intermediari che partecipano all erogazione di un servizio online possono rappresentare persone fisiche o giuridiche in diversi ambiti Identità digitale in Italia: frammentazione CEFRIEL

36 Identity Management: Cambia il punto di vista Le organizzazioni sono quindi abituate a gestire le identità digitali dei propri membri e a considerare l intero tema dell identità digitale come un fatto interno La situazione è cambiata a partire dal 2002: le organizzazioni hanno visto aumentare in modo prima non prevedibile le necessità di lasciare uscire ed entrare le identità digitali attraverso i confini proprio dominio 5 L identità digitale federata La identità digitale federata è il nuovo paradigma che nasce dall accettazione di questi fatti: le persone si spostano attraverso i confini di diversi ambiti di responsabilità in modo sempre più frequente, e continuerà ad essere così in futuro non è probabile che si possa giungere ad una identità digitale unificata, in qualunque ambito che non possa essere identificato con un solo dominio di responsabilità Nel white paper Federated Identity Management, A.Durand e E.Norlin forniscono una delle prime definizioni di gestione federata dell identità : Federated Identity Managment [is] the management of identities between corporate boundaries 6

37 Suddivisione dei ruoli in una infrastruttura federata Il paradigma federato costringe a ripensare i ruoli delle organizzazioni nella catena del servizio: se prima fornitori di servizio e di identità erano la stessa organizzazione, ora appartengono a organizzazioni diverse I fornitori di servizio ( Service Provider, SP) presidiano l offerta di funzionalità applicative I fornitori di identità ( Identity Provider, IdP) si specializzano nella gestione delle identità digitali Pilastri della federazione: Interoperabilità: far sì che i linguaggi di due diversi sistemi di identity management siano mutuamente interoperabili (non necessariamente identici) Ambito fiduciario comune: dall interoperabilità si ottiene un reale valore aggiunto se si dispone anche di un modello tecnico-organizzativo in grado di supportare la fiducia tra le parti IdP SP 7 AP Suddivisione dei ruoli in una infrastruttura federata Identity Provider e Service Provider possono cooperare secondo diversi profili, ciascuno dei quali definisce l ambito fiduciario e contrattuale che lega le due tipologie di entità SP SP SP IdP SP SP SP Profilo SP Hub Profilo IdP Hub Profilo Multi Provider 8

38 Identity Management in Europa L indirizzo attuale è di non proporre uno European eid system a sé stante, bensì di promuovere l interoperabilità tra le soluzioni esistenti a livello nazionale Ambiti egovernment ecommerce ehealth elearning Trends Federated trust model User-centric IdM, personal data ownership Single Sign-On Strong authentication Standards & regulations compliance CEFRIEL Identity Management in Europa Obiettivo: 2010 By 2010 European citizens and businesses shall be able to benefit from secure means of electronic identification that maximise user convenience while respecting data protection regulations. Such means shall be made available under the responsibility of the Member States but recognised across the EU [ ] CEFRIEL

39 Tecnologie e prodotti Esistono diverse tecnologie e iniziative a supporto della gestione dell identità digitale (e, in generale, dei meccanismi di autenticazione, autorizzazione e federazione) SAML XACML Liberty Alliance OpenID CardSpace WS-Federation complessità legata all interoperabilità tra standard diversi e tra versioni diverse dello stesso standard Molte di queste tecnologie sono già diventate standard consolidati e diffusi, utilizzati da diversi prodotti di mercato IBM Tivoli Federated Identity Manager BEA WebLogic Oracle Identity Manager Sun Java System Access Manager Novell Access Manager CEFRIEL Infrastrutture vs. strumenti È indispensabile tenere separate le problematiche relative a infrastrutture e strumenti a supporto dell identità digitale: Infrastrutture costituiscono l ossatura su cui si basa il sistema definiscono il modello concettuale e architetturale del sistema (es. componenti, relazioni, dipendenze, protocolli) possono operare a livelli diversi (es. rete, applicativo) Strumenti rappresentano modalità diverse per rappresentare o veicolare una certa informazione (es. credenziali utente a fini di autenticazione) sono ortogonali rispetto all infrastruttura N.B. su entrambi possono insistere vincoli normativi, tecnologici, organizzativi e di usabilità CEFRIEL

40 L attuale assetto dell e-gov vede coesistere diverse soluzioni di identity management tra loro sovrapposte e parzialmente incompatibili ( silos di identità ) Sul territorio nazionale sono distribuiti e in corso di distribuzione ai cittadini strumenti di autenticazione forte conformi alla normativa (CIE/CNS) In particolare la Carta Regionale dei Servizi di Regione Lombardia è stata distribuita capillarmente sul territorio a tutti i cittadini lombardi Occorre una infrastruttura che consenta a un ente di utilizzare in outsourcing un servizio di Identity Provider a cui delegare la fase di autenticazione e che sia facilmente integrabile con i servizi applicativi degli enti erogatori dei servizi Identità digitale in Italia: strumenti CEFRIEL Identity Management Federato: Iniziative rilevanti in ambito nazionale Alcuni progetti di rilevanza nazionale focalizzati sulle tematiche legate alla gestione dell identità digitale federata PEOPLE (Progetto Enti On-line Portali Locali E-government) Definizione di un modello federato per la gestione dell identità digitale dei cittadini fruitori dei servizi di e-government erogati dagli Enti partecipanti al progetto ICAR (Interoperabilità e Cooperazione Applicativa tra le Regioni) Definizione di una infrastruttura interregionale federata a supporto di meccanismi di autenticazione e autorizzazione dell accesso dei cittadini ai servizi applicativi erogati dalle Regioni Entrambi i progetti adottano standard tecnologici consolidati e operano nel pieno rispetto del quadro normativo corrente e delle altre iniziative in corso CEFRIEL

41 Vantaggi dell adozione di una infrastruttura federata Punto di vista del cittadino Possibilità di utilizzo di una singola credenziale spendibile su diversi erogatori di servizi Punto di vista dell Ente erogatore dei servizi Possibilità di demandare la gestione dell identità, ed in particolare il rilascio e la verifica di validità delle credenzali digitali, ad una infrastruttura centrale condivisa per tutti gli enti coinvolti La realizzazione dei singoli servizi continua a focalizzarsi sugli aspetti specifici (autorizzazione, business logic, etc.) Punto di vista infrastrutturale Adozione di un processo e una infrastruttura di gestione dell identità digitale condivisi fra diversi soggetti erogatori dei servizi finali 15 Il ruolo dell Identity Provider nell infrastruttura federata Rilevanza del ruolo dell IdP all interno dell infrastruttura In una infrastruttura federata il ruolo dell Identity Provider diventa centrale poichè entra in gioco (almeno concettualmente) ad ogni richiesta di accesso ai servizi da parte degli utenti finali Chi può giocare il ruolo di IdP Non è opportuno che siano i singoli comuni a mettere in campo iniziative ad hoc E anche una questione di fiducia dei Service Provider nei confronti di chi ambisce a svolgere il ruolo di Identity Provider E fondamentale che il processo di emissione e verifica delle credenziali sia rigoroso e sicuro CEFRIEL

42 IdPc di Regione Lombardia: un passo concreto verso una infrastruttura federata In Regione Lombardia La CRS è già distribuita su larga scala Credenziale forte, unificata, distribuita a tutti e conforme alla normativa esistente Come favorirne l utilizzo nella fase di accesso ai servizi? L Identity Provider del Cittadino (IdPc) E una iniziativa che consente agli Enti erogatori di servizi di delegare le problematiche di autenticazione a un soggetto esterno che mette a disposizione una infrastruttura standardizzata e compatibile con le iniziative progettuali in essere in ambito nazionale CEFRIEL

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014)

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è lo strumento attraverso il quale

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche

Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche Infrastrutture tecnologiche abilitanti della Regione Marche II contenuto del presente documento costituisce materiale riservato e soggetto a copyright. 1 di 39 REDATTO DA < Amici Cinzia > Firma Data 18/01/2011

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Iscrizione al ReGIndE. tramite il Portale dei Servizi Telematici

Iscrizione al ReGIndE. tramite il Portale dei Servizi Telematici Aste Giudiziarie Inlinea S.p.A. www.procedure.it Iscrizione al ReGIndE (Registro Generale degli Indirizzi Elettronici) tramite il Portale dei Servizi Telematici Vademecum operativo realizzato dalla società

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Dizionario delle Forniture ICT

Dizionario delle Forniture ICT Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale operativo Dizionario delle Forniture ICT Classe di Fornitura Gestione

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO art. 11, comma 1 lett. a) e comma 5 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Invio della domanda on line ai sensi

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Sommario INTRODUZIONE... 3 IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO... 3 OBBLIGO DEL DEPOSITO

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e non contiene il certificato di autenticazione: è necessario

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE. Versione 1.0.0

Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE. Versione 1.0.0 Manuale Utente SCELTA REVOCA MEDICO ON LINE Versione 1.0.0 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. USO DEL SERVIZIO E FUNZIONALITÀ... 3 2.1 Funzionalità di Revoca del proprio medico... 4 2.2 Funzionalità di scelta/revoca

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

Obiettivo del Documento

Obiettivo del Documento La firma digitale Obiettivo del Documento L obiettivo di questo documento è quello di offrire una guida rapida all utilizzatore sullo strumento di firma digitale. Qualsiasi altro approfondimento su normative

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Guida al sistema Bando GiovaniSì

Guida al sistema Bando GiovaniSì Guida al sistema Bando GiovaniSì 1di23 Sommario La pagina iniziale Richiesta account Accesso al sistema Richiesta nuova password Registrazione soggetto Accesso alla compilazione Compilazione progetto integrato

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO di VERONA Linee Guida per l invio telematico delle domande di contributo di cui al Regolamento Incentivi alle PMI per l innovazione tecnologica 2013 1 PREMESSA

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli