Pubblicazione mensile dell Ordine e dell Ente di Previdenza dei Consulenti del Lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblicazione mensile dell Ordine e dell Ente di Previdenza dei Consulenti del Lavoro"

Transcript

1

2 ISSN IL DEL LAVORO Consulente Pubblicazione mensile dell Ordine e dell Ente di Previdenza dei Consulenti del Lavoro Numero 4-5 Luglio-Agosto-Settembre-Ottobre 2012 Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1 CNS/CBPA-NA/129/08, valida dal 07/04/ Mensile - Euro 0,10

3 ISSN Pubblicazione mensile dell Ordine e dell Ente di Previdenza dei Consulenti del Lavoro Pagina 6 Pagina 4 NUMERO 4-5 ANNO XIII LUGLIO / OTTOBRE 2012 sommario Chiuso in redazione il 31 ottobre 2012 editoriale 2 Cosa chiediamo al nostro futuro Marina Calderone AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE Via della Conciliazione, 4 - Roma PROGRAMMA: 29 NOVEMBRE :00 registrazione partecipanti; - 15:00 inizio lavori relazione del Presidente; - 16:30 intervento del Ministro del Lavoro Prof.ssa Elsa Fornero; - 17:00 assemblea plenaria; - 19:30 fine lavori. congresso straordinario 4 6 Verso il futuro! Marina Calderone rieletta Presidente CUP 30 NOVEMBRE :30 assemblea plenaria; - 13:30 colazione di lavoro; - 15:00 ripresa dei lavori congressuali; - 18:00 fine lavori. La partecipazione al Congresso darà diritto al conseguimento di 3 Crediti Formativi in materia di Ordinamento Professionale, previsti dal Regolamento per la formazione Continua Obbligatoria. L'accesso ai lavori sarà libero e gratuito, ma per motivi di organizzazione e di capienza della struttura è obbligatoria la preventiva registrazione accedendo al sito enpacl 8 ENPACL: parola d ordine sostenibilità Tommaso Siracusano riforma delle professioni 12 Riforma delle professioni: ecco cosa cambia Silvia Bradaschia IL DEL LAVORO Consulente Tutti i modi per leggere Numero 1 Gennaio-Febbraio 2012 Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1 CNS/CBPA-NA/129/08, valida dal 07/04/ Mensile - Euro 0,10 dis DOSSIER PER UN OCCUPAZIONE DI QUALITÀ ASSEMBLEA CPO Parlano i Presidenti rdine PROFESSIONE Il valore sociale e sussidiario dei Consulenti del Lavoro RIVISTA CARTACEA PDF INTERNET

4 dossier 15 riforma del lavoro 24 professione intervista 34 Dalle tariffe ai parametri Come cambiano i rapporti con il cliente Giuseppe Buscema, Sergio Giorgini A tre mesi dalla riforma Paola Cogotti, Anna Maria Ermacora TARSU soppressa dal 2012 Avvocato Maurizio Villani Apprendistato: non tutte le regioni sono pronte Alessio Vinci: Io, super precario negli States Enzo Summa Direttore Responsabile Marina Calderone Coordinatore Redazionale Rosario De Luca Coordinatore Editoriale Romano Benini Segretaria di redazione Sara Bardeggia Ufficio Stampa Silvia Bradaschia, Giuseppe Buscema, Paola Cogotti, Anna Maria Ermacora, Tommaso Siracusano, Vincenzo Summa Coeditore Teleconsul Editore Spa Via Nazionale delle Puglie, 25/bis Casalnuovo di Napoli (NA) Tel/fax 081/ Concessionario della pubblicità Fondazione Studi Via Cristoforo Colombo, Roma Tel: 06/ Fax: 06/ Impaginazione grafica KStone srl Via Copenaghen, Roma - Stampa mediazione 36 L organismo di mediazione civile e commerciale è una realtà Alfio Catalano ArtiGrafiche Italo Cernia srl Sede Legale: Via Toledo, Napoli Stabilimento: Via Capri, Casoria (Napoli) Registrazione del Tribunale di Roma n.00448/99 del 4/10/1999 Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 1 CNS/CBPA-NA/129/08, valida dal 07/04/2008

5 2 EDITORIALE Cosa chiediamo al nostro futuro di Marina Calderone PROGRAMMA: 29 NOVEMBRE 2012 AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE Via della Conciliazione, 4 - Roma - 13:00 registrazione partecipanti; - 15:00 inizio lavori relazione del Presidente; - 16:30 intervento del Ministro del Lavoro Prof.ssa Elsa Fornero; - 17:00 assemblea plenaria; - 19:30 fine lavori. 30 NOVEMBRE :30 assemblea plenaria; - 13:30 colazione di lavoro; - 15:00 ripresa dei lavori congressuali; - 18:00 fine lavori. In un momento particolarmente critico per l economia del nostro Paese, è giusto chiedersi quali siano le prospettive di ripresa del mondo del lavoro e quale debba essere il ruolo delle professioni ordinistiche che, essendo parte integrante del sistema produttivo italiano, non sono esenti dalla crisi e dalle difficoltà che stanno affrontando le aziende e le famiglie. Ci troviamo alla vigilia di una nuova stagione elettorale che dovrà disegnare l assetto delle istituzioni per i prossimi cinque anni. Il clima è incerto e, man mano che ci si avvicinerà al traguardo delle elezioni, aumenterà la tensione e la competizione tra le varie compagini che si contendono la leadership. Proprio in questi frangenti, ritengo che le professioni debbano presentarsi unite ai vari dibattiti e confronti, proponendo riflessioni e progetti di riforma strutturale per l Italia. Solo le 27 professioni ordinistiche possono cimentarsi in un ruolo tecnico di proposta che guardi alle reali esigenze della gente senza dover sottostare alle logiche della politica e dell appartenenza partitica. Il nostro compito è guardare alle persone, ai reali bisogni della gente per farci promotori di una nuova creatività. La nostra categoria ha vissuto negli ultimi anni una stagione di forti cambiamenti, di vero rinnovamento. Al di là delle nuove funzioni e riserve acquisite per legge, vi è la forte consapevolezza del ruolo sociale rivestito e della centralità della nostra azione nel mondo del lavoro. Tre anni di grandissima crisi ci hanno insegnato la valenza di una professione che guarda alle persone prima di tutto. Non ho timore di affermare che se non vi fossero stati i Consulenti del Lavoro, il bilancio della disoccupazione sarebbe stato molto più drammatico di quanto non sia già. L opera certosina dei colleghi ha consentito, invece, di utilizzare al meglio gli strumenti di integrazione al reddito, salvando i posti di lavoro di migliaia di lavoratori. Da gestori di adempi- La partecipazione al Congresso darà diritto al conseguimento di 3 Crediti Formativi in materia di Ordinamento Professionale, previsti dal Regolamento per la formazione Continua Obbligatoria. L'accesso ai lavori sarà libero e gratuito, ma per motivi di organizzazione e di capienza della struttura è obbligatoria la preventiva registrazione accedendo al sito

6 3 menti in materia di amministrazione del personale siamo diventati professionisti in grado di offrire alle aziende una consulenza strategica e specialistica sia in materia lavoristica che tributaria. Abbiamo fatto della formazione continua lo strumento per adattare le nostre conoscenze tecniche alla continua evoluzione del complesso panorama legislativo italiano. Ora è giunto il momento di soffermarci a riflettere su quale futuro vogliamo per la nostra professione e sulle azioni che la categoria deve porre in essere per sostenere chi, come i giovani, scommette su un avvenire da libero professionista. Per questo motivo il Consiglio Nazionale ha deciso di organizzare il 1 Congresso Straordinario dei Consulenti del Lavoro che si terrà a Roma nei giorni 29 e 30 novembre Sarà un congresso nel quale verranno discusse le proposte per il potenziamento della nostra rete professionale e in cui tutte le componenti della categoria dialogheranno fattivamente con gli iscritti. E una scommessa importante che auspico porterà ad una nuova stagione di condivisione dei programmi e degli obiettivi, con una rinnovata attenzione per chi svolge quotidianamente la nostra attività nei vari territori e che deve essere al centro di ogni nostra riflessione. Vi aspetto a Roma il 29 e 30 novembre.

7 CONGRESSO STRAORDINARIO 4 Verso il futuro! CONGRESSO NAZIONALE STRAORDINARIO PER IL FUTURO DELLA PROFESSIONE Due giorni che vedranno riuniti dirigenti territoriali e semplici iscritti, esperti e meno esperti, rappresentanti di organismi istituzionali e sindacali, tutti assieme per disegnare la professione del domani. Si comincerà alle 15 del 29 novembre per finire alle 18 del 30 presso l Auditorium della Conciliazione (via della Conciliazione, 4 Roma) con ingresso libero e gratuito per tutti gli iscritti ma con obbligo di registrazione preventiva. In discussione ci saranno non solo i contenuti degli strumenti regolamentari necessari per dare attuazione alle novità normative ma anche se non principalmente i percorsi futuri da seguire Massimiliano Fabozzi Presidente CPO Foggia I giovani speranza del futuro; il futuro speranza dei giovani È una professione che si esercita mettendoci passione e spirito di sacrificio, specialmente nella realtà del mondo del lavoro odierno, dove una crisi, ormai globalizzata, sta rendendo difficile e piena di incertezze l esistenza stessa delle aziende. Oggi il consulente del lavoro è diventato il punto di riferimento delle aziende e dei loro dipendenti nei loro rapporti e con le istituzioni pubbliche. È una professione in continua evoluzione dove l approssimazione e la superficialità non hanno più modo di esistere; c è bisogno di professionisti, specialmente, giovani che si affacciano al mondo del lavoro, preparati e pronti alle sfide che la società ci impone quotidianamente. Ben vengano quindi i giovani che vogliono intraprendere questa sfida, difficile ma allo stesso tempo avvincente e capace di soddisfazioni. Vera Stigliano Presidente CPO Varese Domani e già qui., non siamo così soli : alcune canzoni hanno il pregio di dire in poche strofe profonde verità. Come CDL vorrei che il congresso si trasformasse in una sorta di caricabatteria in grado di reinfondere alla categoria energie/voglia di fare- reinventarsi, oggi messe a dura prova dal caos che ci circonda. Luca Caratti Presidente CPO Vercelli Siamo noi che- in concretopossiamo contribuire a ridisegnare lo scenario del lavoro,con i datori e i lavoratori, in un ottica nuova e sempre più staccata dai percorsi tradizionali e dalle pressioni di parte, proprie di un vecchio modo di pensare: gli strumenti non ci mancano! Ai GIOVANI l arduo compito di CONCILIARE queste nuove mutate spinte. La nostra esperienza con la loro energia: ecco la formula vincente. Riflessioni su un congresso che si farà e sarà un successo! L appuntamento del congresso straordinario giunge al culmine di un virtuoso percorso che il CNO ha intrapreso già tempo fa volto alla valorizzazione e all ampliamento del ruolo del consulente del lavoro che, per me, allora giovane presidente di un consiglio provinciale non proprio numeroso, trova origine nello slogan del 6 Congresso di categoria dentro il futuro: i consulenti del lavoro per la società e le riforme. Ed effettivamente oggi vedo un consulente del lavoro con un ruolo riconosciuto di tecnico competente in materia del lavoro ma vedo anche un professionista con ampliati i suoi ambiti di intervento: la mediazione, la commissione di conciliazione, la certificazione dei contratti, la ricerca e selezione del personale. E allora cosa mi aspetto dall appuntamento congressuale? Mi aspetto che ci si guardi dentro per far crescere tra gli iscritti, giovani e meno giovani, la consapevolezza della nostra maturità ovvero il riposizionamento, forte e puntuale, della nostra professionalità che ci consente di entrare a pieno titolo nelle professioni ordinistiche che saranno centrali nell evoluzione della società nei prossimi anni.

8 CONGRESSO STRAORDINARIO 5 per dare sostegno alle attività dei giovani iscritti. Una popolazione di nuovi consulenti del lavoro che è lievitata in modo esponenziale negli ultimi dieci anni con gli iscritti che sono passati da 18mila a 28mila apportando così alla categoria dei consulenti del lavoro forze fresche che meritano attenzione e rispetto. Una popolazione declinata per lo più al femminile che ha a disposizione le tante e nuove attribuzioni acquisite in questi ultimi anni per poter esercitare nel modo più attuale e moderno la professione. Un aumento dunque esponenziale che, in questo momento di cambiamento, merita un approfondita riflessione per i suoi risvolti sia ordinamentali che previdenziali. Riflessioni che, a fine novembre, dureranno tre giorni e contribuiranno a definire le strategie e i percorsi futuri dei consulenti del lavoro. Quindi, tutti al Congresso ma ricordandosi che per motivi di organizzazione e di capienza della struttura l accesso ai lavori sarà possibile solo a chi ha effettuato la registrazione su Abbiamo chiesto ad alcuni giovani presidenti di CPO cosa pensano dell idea di un Congresso straordinario. Roberto Di Iulio Presidente CPO Ancona Il prossimo congresso ha come tema il futuro della professione e Fabiola Via Presidente CPO Cosenza mai come in questo periodo è necessario attivare un confronto interno alla categoria su questo argomento. La congiuntura economica di questi anni accompagnata da vari tentativi di riformare le professioni partendo spesso da posizioni demagogiche, hanno creato un clima di profonda insicurezza accompagnato da forti preoccupazioni La professione del futuro Possiamo considerare Il Consulente del Lavoro, come una delle professioni del futuro? A mio avviso si può e si deve. La nostra è una professione indispensabile per il futuro del nostro paese in quanto garante di legalità e di crescita. Purtroppo pero in questo periodo, legalità e crescita non vanno di pari passo, il periodo critico che sta vivendo il nostro paese spesso non permette ai Consulenti di garantire il giusto supporto alle aziende e ai lavoratori, non dobbiamo arrenderci, dobbiamo anzi perseverare. Ma per far tutto ciò, non possiamo prescindere da una accurata e continua formazione professionale. Quello che mi aspetto da questo Congresso Straordinario e che tutti insieme con il nostro impegno e la nostra serietà professionale riusciremo a ridare significato alle parole Professione e Lavoro, perché Le parole e le idee possono cambiare il mondo. soprattutto nei giovani colleghi. Ai dirigenti di categoria corre l obbligo di trovare delle risposte a tali dubbi e proporre soluzioni finalizzate a far comprendere quante e quali sono le prospettive di affermarsi nella nostra professione che da sempre si è dimostrata al passo con i tempi, dinamica e con notevoli prospettive di crescita nell ambito della Massimo Braghin Presidente CPO Rovigo Dal prossimo Congresso Straordinario mi aspetto innanzitutto la continuità nei prossimi anni con quanto stanno facendo attualmente i ns. Dirigenti Nazionali, sia sul fronte politico che istituzionale per mantenere sempre i giusti e leali rapporti con i palazzi romani. Per le nuove iniziative programmate da qui in avanti auspico il maggior coinvolgimento delle quote rosa e dei giovani colleghi in ambito dirigenziale, sia a livello locale che nazionale: nuove idee e nuove leve sono sempre benvenute, senza mai dimenticare o avere la presunzione di accantonare chi si è dedicato per anni al servizio della categoria. Mai mollare sulla formazione continua obbligatoria, anzi incentivarla. È il nostro pane quotidiano. Per garantirci un futuro dobbiamo innanzitutto essere uniti. Per questo sponsorizzo fin da subito la creazione di nuovi gruppi e nuove sinergie interregionali o interprovinciali: l esperienza all interno del Comitato per l emergenza sisma dell Emilia è stata l ultima dimostrazione che uniti possiamo fare e dare tanto. gestione delle risorse umane. Il CNO, anche per il tramite della Fondazione Studi e della Fondazione per il lavoro, ha sempre lavorato in tale direzione, ed il congresso ne è l ulteriore prova per dare stimoli innovativi facendo abbandonare il vecchio modo di interpretare la professione fortemente legato alla gestione dei libri paga.

9 CUP 6 Marina Calderone rieletta Presidente CUP La Presidente del Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del Lavoro, Marina Calderone, è stata rieletta con consenso unanime al vertice del Cup Nazionale per il triennio La votazione si è svolta oggi nell ambito dell Assemblea formata dai Presidenti dei Consigli Nazionali componenti il Comitato Unitario degli Ordini e dei Collegi Professionali. E un grande onore e una grande responsabilità continuare a guidare il CUP in un momento importante e delicato di cambiamento per le professioni ordinistiche, che hanno dimostrato di occupare un posto di rilievo nella società italiana. Ci impegneremo sempre di più a manifestare la peculiarità e la forza di due milioni di professionisti e ELEZIONI CUP 2012 Marina Calderone sarà presidente del Comitato Unitario delle Professioni anche per il triennio del loro indotto: sarà un banco di prova importante per un organismo che è diventato ormai un elemento importante di confronto interno tra le professioni ha dichiarato la Presidente del CUP Credo che questa riconferma sia anche un ulteriore riconoscimento della grande crescita dei Consulenti del Lavoro, Categoria che ho l orgoglio di presiedere. La grande scommessa che dovremo affrontare nei prossimi tempi é di creare un collegamento strutturale della rete ordinistica, che permetta il consolidarsi del valore sociale delle professioni. Sono inoltre stati eletti nel Direttivo del Comitato Unitario delle Professioni: Professor Guido Alpa - Presidente del Consiglio Nazionale Forense, Dottor Andrea Bonechi - Consigliere del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, Dottoressa Annalisa Silvestro - Presidente della Federazione Nazionale Collegi Infermieri Professionali Assistenti Sanitari Vigilatrici d Infanzia, Dottor Giuseppe Luigi Palma - Presidente del Consiglio Nazionle degli Psicologi, Dottor Roberto Orlandi - Presidente del Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati, Dottor Gaetano Penocchio - Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Veterinari Italiani, Notaio Giancarlo Laurini - Presidente del Consiglio Nazionale del Notariato, Architetto Massimo Gallione - Consigliere del Consiglio Nazionale Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori. Qual è la sua considerazione sull operato svolto finora dalla Presidente Calderone e cosa si aspetta da questo 2 mandato? Questa elezione era nell ordine delle cose, Marina Calderone ha guidato il CUP in un momento difficilissimo, ottenendo risultati importanti. Indubbiamente lei ha portato il peso principale di questo lavoro e credo che la sua riconferma sia un fatto dovuto e i numeri del plebiscito lo dimostrano, anche perchè ha sempre guardato al bene comune e mai a quello personale. Roberto Orlandi Presidente Consiglio Nazionale Ordine Agrotecnici Ho sostenuto con molta forza la candidatura e, quindi, l elezione della Dott.ssa Calderone, ne condivido il programma, credo che il prossimo triennio sia un triennio di svolta importante e credo che Marina Calderone sia il presidente giusto. Annalisa Silvestro Presidente della Federazione degli Infermieri italiani

10 CUP 7 Marina Calderone è una persona attenta, presente, determinata. Con lei abbiamo avuto contatti continui con i media, abbiamo avuto una capacità di penetrazione che non avevamo prima. Noi riconosciamo a Marina la capacità, la voglia, tutta l energia per andare a riassumere gli interessi collettivi. Gaetano Penocchio Presidente Consiglio nazionale Ordine Medici Veterinari La Presidente Calderone ha saputo interpretare correttamente quelle che sono le linee comuni alle problematiche dei professionisti e degli Ordini professionali. Questo per noi è un elemento di qualità e competenza ed è la motivazione principale rispetto alla quale ci sentiamo ben rappresentati da Lei. Luigi Palma Presidente Consiglio Nazionale Ordine Psicologi Non posso dimenticare l assiduo impegno della Presidente Calderone, soprattutto nella fase in cui c è stata la necessità di valorizzare le professioni intellettuali, nel momento in cui c è stata, da parte del Governo, una serie di iniziative poste quasi all annullamento degli organi di tutela delle professioni. Miriam Guana Presidente Federazione Nazionale Collegio Ostetriche Penso che la riforma delle professioni sia stata un passo importantissimo, ben gestito dalla Presidente Calderone. Sono stati delineati dei momenti fondamentali per ripartire e avere un ruolo nuovo nel Paese. Quindi non più una professione vista come casta, ma una professione al servizio del Paese, dell economia del Paese e del lavoro del Paese. Gianpaolo Crenca Presidente Consiglio Nazionale Ordine Attuari Dal secondo mandato della Presidente Calderone mi aspetto la prosecuzione e il miglioramento del primo mandato, vale a dire la visione delle professioni non più come un bacino di attività per chi non trova occupazione, ma qualcosa di molto più valido, molto più dignitoso, capace di ricevere rispetto dalla società. Paolo Setti Vice Presidente Ordine Notai Il ruolo della presidente Calderone è stato determinante per il rilancio del movimento ordinistico. Basti pensare all organizzazione del Professional Day. L auspicio è che vengano valorizzati ancor di più i CUP territoriali, come meritoriamente ha fatto in questo mandato con l inserimento di un rappresentste nell Ufficio di Presidenza e la presenza costante sul territorio. Nicola Monda Rappresentante Conferenza CUP territoriali Ha il grande merito di fare comunicazione in modo pacato ma incisivo, veicolando il messaggio positivo proveniente dal mondo degli Ordini. Deve essere chiaro che se non hai niente da dire o lo dici male, televisioni e giornali ti ospitano la prima volta e non la seconda. Con Lei questo non succede e questo dice tutto. Enzo Jacopino - Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Giornalisti

11 ENPACL 8 ENPACL: parola d ordine sostenibilità Approvata la riforma pensionistica dell Ente di Previdenza A pochi giorni dall approvazione unanime dell Assemblea dei Delegati delle riforma del sistema pensionistico di Categoria, il Presidente Alessandro Visparelli spiega il perché delle modifiche allo statuto e ai regolamenti dell Ente. di Tommaso Siracusano Il 27 settembre scorso l Assemblea dei Delegati dell Enpacl ha approvato delle modifiche allo Statuto e ai Regolamenti dell Ente. Perché questa scelta? Proprio quest anno l Enpacl compie 40 anni dalla propria costituzione, avvenuta nel gennaio Le caratteristiche principali del sistema pensionistico dell Ente, nel corso degli anni, non hanno subito modifiche sostanziali, se si eccettua l introduzione del contributo integrativo nel Tuttavia, in questi decenni, la numerosità e la composizione degli iscritti, la quantità dei Colleghi in pensione, i principali fattori economici interni ed esterni alla Categoria, sono profondamente cambiati. Non era pertanto più rinviabile riformare le regole di funzionamento del sistema pensionistico dei Consulenti del Lavoro. Quanto ha inciso l obbligo di ga- La contribuzione integrativa sarà determinata nella percentuale del 4% sul volume d affari IVA, contro l attuale 2%, ferma una misura minima rantire almeno 50 anni di sostenibilità, previsto dalla riforma Fornero per tutte le Casse di previdenza dei liberi professionisti? L attuale Consiglio di Amministrazione aveva avviato già nel settembre 2011 lo studio delle modifiche da apportare alla nostra normativa, costituendo uno specifico gruppo di lavoro consiliare e, soprattutto, una vera e propria Commissione, composta da Delegati in rappresentanza di tutte le Regioni nonché da rappresentanti del Consiglio nazionale dell Ordine e dell Ancl. Il legislatore ha avuto il merito di accelerare il processo riformatore che era già avviato. A quali principi avete ispirato le modifiche? Abbiamo guardato il sistema previdenziale della Categoria nella sua complessità, dal lato della sostenibilità finanziaria nel tempo, a quello dell a- Il nuovo assetto normativo Il Consiglio di Amministrazione dell ENPACL ha avviato sin dal mese di settembre dell anno 2011 l analisi del sistema pensionistico dei Consulenti del Lavoro, al fine di riformarne le principali caratteristiche e renderlo maggiormente sostenibile nel tempo. In base a quanto disposto dall articolo 23, lettera f), della legge 11 gennaio 1979 n.12, recante Norme per l ordinamento della professione di Consulente del Lavoro, tale analisi è stata condotta in accordo con il Consiglio Nazionale dell Ordine, cui il legislatore ha assegnato lo studio e la promozione di ogni opportuna iniziativa per l attuazione di

12 ENPACL 9 Cosa dice la Fornero : In considerazione dell esigenza di assicurare l equilibrio finanziario delle rispettive gestioni in conformità alle disposizioni di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e al decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, gli enti e le forme gestorie di cui ai predetti decreti adottano, nell esercizio della loro autonomia gestionale, entro e non oltre il 30 settembre 2012, misure volte ad assicurare l equilibrio tra entrate contributive e spesa per prestazioni pensionistiche secondo bilanci tecnici riferiti ad un arco temporale di cinquanta anni. Le delibere in materia sono sottoposte all approvazione dei Ministeri vigilanti secondo le disposizioni di cui ai predetti decreti, che si esprime in modo definitivo entro trenta giorni dalla ricezione di tali delibere. Decorso il termine del 30 settembre 2012 senza l adozione dei previsti provvedimenti, ovvero nel caso di parere negativo dei Ministeri vigilanti, si applicano, con decorrenza dal 1 gennaio 2012: a) le disposizioni di cui al comma 2 del presente articolo sull applicazione del pro-rata agli iscritti alle relative gestioni; b) un contributo di solidarietà, per gli anni 2012 e 2013, a carico dei pensionati nella misura dell 1 per cento. forme di previdenza ed assistenza a favore degli iscritti. La revisione già in corso della normativa di funzionamento dell ENPACL è apparsa coerente con l intervenuta normativa di cui all articolo 24, comma 24, del decreto legge 6 dicembre 2011 n.201, convertito in legge 22 dicembre 2011 n.214. L Assemblea dei Delegati dell ENPACL, in virtù dei poteri conferiti dall articolo 17, comma 2, lettera a), dello Statuto, nella riunione del 27 settembre 2012 ha adottato le modifiche allo Statuto stesso, nonché al relativo Regolamento di attuazione, necessarie a garantire il rispetto della normativa sopra richiamata. Sin dalla trasformazione in Ente privato di tipo associativo, l ENPACL ha mantenuto inalterato il proprio impianto normativo, sebbene Statuto e Regolamento siano stati oggetto di modifiche e integrazioni. L Assemblea dei Delegati ha ritenuto di comporre un diverso assetto normativo per l Ente, maggiormente articolato, che prevede la presenza, accanto allo Statuto, di una pluralità di Regolamenti, calibrati per materia. In particolare, è stato scorporato il Titolo II, Dell elezione degli Organi, dall attuale Regolamento di attuazione dello Statuto ed il relativo testo, opportunamente modificato e integrato, costituisce ora un apposito Regolamento,

13 ENPACL 10 I NUMERI ENPACL iscritti pensionati 3,2 iscritti attivi per ogni pensionato Le donne rappresentano il 45,8% degli iscritti deguatezza delle prestazioni erogate, fino all equità tra gli attuali iscritti e tra generazioni di iscritti. Tale approccio ha consentito di adottare scelte attraverso le quali ciascun iscritto dovrà contribuire in rapporto alla propria situazione reddituale. Ossia? L Ente abbandonerà la formula di un contributo soggettivo fisso e uguale per tutti, seppure per fasce di anzianità di iscrizione, e valorizzerà la reale capacità contributiva di ognuno, chiamato ad alimentare il proprio montante contributivo con il 12% del reddito professionale. Inoltre, coloro che avranno la possibilità di operare ulteriori risparmi, potranno favorevolmente utilizzarli a fini pensionistici, su base rigorosamente volontaria, attraverso il versamento di un contributo aggiuntivo, anch esso pienamente deducibile ai fini fiscali. Ciò aiuterà i Consulenti del Lavoro ad avere pensioni di importo maggiore? Sì. Occorre che ognuno di noi assuma la consapevolezza che il futuro pensionistico si costruisce anno per anno durante l esercizio della professione e che i contributi versati all Ente non sono un balzello ma una forma di risparmio previdenziale. Risparmio che sarà ulteriormente alimentato Non più con il 2% del contributo integrativo ma con il 3%. Infatti, sui compensi rientranti nel volume d affari IVA, una volta entrata in vigore la riforma, si dovrà applicare il 4%. E cosa accade dell 1% restante? Occorre essere chiari e trasparenti con i nostri iscritti: l attuale sistema pensionistico dell Enpacl, che non correla la misura della pensione all entità dei contributi versati, ha creato nel tempo e crea tuttora delle passività, che dovranno essere ripianate, gradualmente, anche con l utilizzo di questa parte del contributo integrativo. Tale 1% sarà peraltro utile per finanziare le attuali e le future forme di welfare in favore della Categoria. Dunque cambierà il metodo di calcolo della pensione? Certamente. La moderna scienza previdenziale afferma che non vi è metodo di calcolo attuarialmente più dedicato appunto alle modalità di rinnovo delle cariche elettive. Inoltre, nei prossimi mesi, è intendimento del Consiglio di Amministrazione arricchire il panorama regolamentare dell Ente con due ulteriori Regolamenti riguardanti, rispettivamente, la contabilità e la gestione degli appalti nonché il processo degli investimenti. Anche tali Regolamenti verranno sottoposti all approvazione assembleare e ministeriale. Le modifiche e le integrazioni allo Statuto e ai Regolamenti Gli assi portanti delle modifiche in fase di approvazione sono: - la correlazione della contribuzione soggettiva al reddito professionale, attraverso l applicazione dell aliquota del 12%; - la determinazione della misura della pensione in funzione del montante contributivo effettivamente maturato (metodo contributivo) Conseguentemente, l ENPACL transiterà dall attuale sistema a contribuzione fissa definita per classi di anzianità di iscrizione - e prestazione base predeterminata, ad un prelievo a percentuale sul reddito professionale (con minimale e massimale retributivo) e una prestazione calcolata con il metodo contributivo, pro rata temporis. Saranno garantite idonee riduzioni contributive in favore dei neo iscritti e dei pensionati che mantengono l iscrizione all Ente. La contribuzione integrativa sarà determinata nella percentuale del 4% sul volume d affari IVA, contro l attuale 2%, ferma una misura minima. Il requisito di accesso anagrafico al pensionamento per vecchiaia, sarà gradualmente elevato a 70 anni, per uomini e donne, mentre quello contributivo verrà ridotto a 5 annualità. Il requisito contributivo di accesso al pensionamento per anzianità, sarà gradualmente elevato a 40 anni, fermo il requisito anagrafico minimo di 60 anni. Saranno poste particolari penalizzazioni per alcune fattispecie di pensionamento di reversibilità. Per i primi cinque anni successivi all entrata in vigore della riforma,

14 ENPACL 11 Patrimonio netto 2011 euro 640 milioni Copre 9 volte le pensioni in essere L Enpacl nasce nel 1972 Oggi ha 40 anni neutro di quello contributivo, in base al quale ciascuno versa per quanto può e riceve in relazione a quanto accumulato, tenuto conto della speranza di vita attesa. Ovviamente, saranno fatti salvi i diritti acquisiti e perciò il nuovo metodo di calcolo verrà adottato pro rata temporis. Il riferimento alla speranza di vita comporta qualche cambiamento nell età di pensionamento? Occorre considerare che l Ente eroga sin dal 1972 a 65 anni la pensione di vecchiaia. Eppure, da allora, la durata della vita delle persone, per fortuna, si è notevolmente allungata. È giunto il momento di correre ai ripari, per non alimentare ulteriormente le passività. Per questo, a regime, ossia tra 10 anni, per accedere alla vecchiaia occorrerà aver compiuto 70 anni, con una progressione di un anno di età ogni tre anni solari. Abbiamo inoltre ritenuto di salvare la pensione di anzianità, in favore dei colleghi più precoci, alla quale si perverrà a 60 anni di età con almeno 36 annualità contributive, gradualmente elevate a 40. I Consulenti del Lavoro possono perciò guardare con fiducia alla loro pensione? L Enpacl è un Ente sano, con una discreta patrimonializzazione a garanzia delle prestazioni. Con gli interventi adottati e, soprattutto, con i servomeccanismi introdotti, il sistema sarà più equo ed avrà una maggiore capacità di adattarsi ai mutamenti demografici ed economici. Si pensi che, in base alle nostre previsioni, le entrate contributive resteranno superiori alle uscite per prestazioni per oltre 50 anni. E sul fronte della governance dell Ente? Anche su questo terreno l Assemblea ha adottato scelte coraggiose, ispirate a principi di economicità e trasparenza, riducendo il numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione e della stessa Assemblea dei Delegati. L importante è che il nostro Ente sia governato da Colleghi che abbiano specifiche competenze in campo previdenziale. verrà posta a carico di alcuni pensionati una ridotta rivalutazione delle prestazioni. Sotto il profilo dell adeguatezza delle prestazioni erogate dall ENPACL, a seguito dell entrata in vigore della riforma i montanti contributivi saranno costituiti dai versamenti per contribuzione soggettiva (12% del reddito professionale), dai ¾ della contribuzione integrativa (4% del volume d affari IVA) nonché dai versamenti facoltativi per contribuzione aggiuntiva (cd modularità ). In particolare, stante l attuale incidenza media nazionale del 52% del reddito professionale dei Consulenti del Lavoro sul volume d affari IVA dichiarato, l aliquota contributiva del 12% è virtualmente accresciuta da una ulteriore quota del 6% derivante dal contributo integrativo. In ordine alla contribuzione aggiuntiva, l Ente fornisce già agli iscritti sul proprio sito web un apposito motore di calcolo che consente di visualizzare la posizione contributiva aggiornata, simulare la prestazione futura e programmare il proprio piano pensionistico personalizzato. Gli effetti attuariali del nuovo quadro normativo sono stati valutati attraverso l elaborazione di un bilancio tecnico che ha previsto: l utilizzo dei parametri macroeconomici definiti nella Conferenza dei servizi del 18 giugno 2012; l evoluzione della collettività degli iscritti all Ente in relazione all andamento dell occupazione complessiva; l evoluzione dei redditi della Categoria in linea con il PIL nominale; un tasso di redditività del patrimonio prudenziale, pari al 0,5% sino a 2020, al 0,8% nel decennio successivo e dell 1% dal 2031 in avanti. Le relative proiezioni, estese al periodo , attestano: un saldo previdenziale positivo per l intero periodo; un saldo corrente positivo per l intero periodo; un patrimonio superiore ai 13 miliardi di euro nell ultimo anno di osservazione.

15 RIFORMA DELLE PROFESSIONI 12 Riforma delle professioni: cosa cambia Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso 3 agosto il Decreto che riforma le professioni, accogliendo gran parte delle numerose richieste formulate dagli Ordini. Si punta in primis sulla formazione di qualità per garantire qualità ed efficienza della prestazione professionale e tutelare gli interessi degli utenti. La formazione continua obbligatoria sarà sotto il controllo degli Ordini Professionali, che potran- di Silvia Bradaschia no predisporre i regolamenti e autorizzare anche enti o soggetti esterni. Salta l obbligatorietà del tirocinio per gli Ordini che non lo prevedono nei propri ordinamenti. Ora, infatti, avrà una durata massima di 18 mesi e potrà essere svolto per un periodo non superiore a sei mesi presso enti e professionisti di altri Paesi. Inoltre assicurazione obbligatoria e nuove norme sulla pubblicità informativa. Ad agosto 2013 scatterà l obbligo di stipulare un assicurazione a copertura dei rischi professionali, mentre si assegna al CNO la competenza a stipulare convenzioni quadro con le compagnie assicurative. Consigli di disciplina territoriali presso i consigli dell ordine per decidere delle questioni disciplinari riguardanti gli iscritti all albo. I componenti non potranno essere consiglieri eletti ed esercitare funzioni amministrative. cosa dicono i consulenti del lavoro... Tirocinio Assicurazione Sì al taglio delle 200 ore. Anche per i consulenti del lavoro si accorciano i tempi del tirocinio, che era di 24 mesi. Una riduzione che desta qualche perplessità in un settore complesso e in continua evoluzione, dice il Vice Presidente del CNO, Vincenzo Silvestri. Considerata, invece, ottima dalla categoria la scelta di eliminare l obbligo del corso di formazione di 200 ore presente nella precedente versione del testo, che sottraeva il giovane allo studio. No all obbligo unilaterale. Per i consulenti del lavoro i 12 mesi messi a disposizione per l entrata a regime dell obbligo sono utili per cercare di ovviare ad alcune discrasie, come l assenza nella norma dell obbligo di assicurare i professionisti da parte delle compagnie. L opportunità che i rapporti siano tenuti dal Consiglio Nazionale è considerata utile per ovviare a questa carenza: tanto che nella convenzione stipulata è già previsto. «Useremo il tempo a disposizione per sensibilizzare il Governo sul punto informa il presidente dei consulenti del lavoro Marina Calderone non è giusto prevedere un obbligo unilaterale»

16 I numeri della riforma professionisti italiani autonomi praticanti in tutte le professioni 200 ore di formazione continua 18 mesi di tirocinio obbligatorio 12 mesi per negoziare convenzioni assicurative I numeri dei consulenti del lavoro i lavoratori assistiti dai cdl le aziende assistite dai cdl euro il reddito medio annuo dei cdl i cdl iscritti all albo giovani cdl RIFORMA DELLE PROFESSIONI 13 Ordini centrali nella vigilanza. Per i consulenti del lavoro gli ordini giocheranno un ruolo fondamentale per vigilare sulla correttezza della pubblicità. Per quanto riguarda la categoria, i professionisti sono tranquilli, potendo fare affidamento su un codice deontologico che fissa gli stessi paletti indicati dal regolamento. I consulenti si attiveranno per dare direttive che siano in sintonia con lo spirito della riforma delle professioni e con la singola norma in tema di pubblicità, che è quello di rendere il mercato più concorrenziale, soprattutto offrendo al cliente-utente maggiori informazioni sui costi dei servizi offerti. Parola d ordine: snellezza. I consulenti del lavoro si impegnano a camminare sul solco tracciato dal Consiglio di Stato, che lasciava ai consigli degli ordini il compito di introdurre le misure idonee a garantire un buon funzionamento degli organismi disciplinari. Obiettivo che la categoria cercherà di raggiungere con il regolamento di prossima emanazione, che dovrebbe contenere soluzioni snelle e di immediata applicazione. Società tra professionisti Le Stp multidisciplinari. I consulenti del lavoro attendono un decreto che recepisca le osservazioni presentate al Ministro della Formazione continua obbligatoria Primato nazionale. I consulenti del lavoro rivendicano il primato di essere stati i primi a introdurre la formazione continua, nel Malgrado non produca grandi cambiamenti, l obbligo della formazione continua è stato uno dei punti più apprezzati della riforma. E importante che sia stata ribadita la centralità degli ordini a tutela della fede pubblica, afferma il Segretario del CNO, Sergio Giorgini. Il riconoscimento del ruolo di primo piano è considerato un deciso passo avanti rispetto all ipotesi, contemplata in un primo tempo, di assegnare delle competenze in tema di formazione a soggetti diversi e non qualificati. Deontologia Pubblicità Tariffe La parola al Ministro del Lavoro. È necessario dare dei riferimenti ai giudici e alla pubblica amministrazione. Per i consulenti del lavoro il Ministro competente è quello del Lavoro, anche se fino a oggi sono state approvate con decreti del ministero della Giustizia, l ultimo è datato Ora i consulenti hanno presentato le loro osservazioni al Ministro del Lavoro che presto pubblicherà i parametri, i tempi dovranno essere più o meno coincidenti con i tempi di via Arenula. «L esperienza ci dice che i parametri sono a tutela del cittadino spiega Marina Calderone perché la prestazione è soggetta a diverse oscillazioni e il cliente, anche il più accorto, ha bisogno di una bussola». Giustizia. Per la categoria i punti fermi sono: iscrizione delle Stp multidisciplinari a tutti gli Ordini di riferimento dei soci, assoggettamento dell intero volume d affari prodotto alla contribuzione delle casse di previdenza e la classificazione, ai fini fiscali, del reddito che deve essere considerato come quello derivante dal lavoro autonomo. Per finire, secondo i consulenti del lavoro è necessario chiarire se le società tra professionisti saranno assoggettate alla normativa fallimentare o saranno fuori dal suo raggio d azione.

17 RIFORMA DELLE PROFESSIONI cosa dice la legge Art. 1 Definizione e ambito di applicazione 1. Ai fini del presente decreto: a) per «professione regolamentata» si intende l attività, o l insieme delle attività, riservate per espressa disposizione di legge o non riservate, il cui esercizio e consentito solo a seguito d iscrizione in ordini o collegi subordinatamente al possesso di qualifiche professionali o all accertamento delle specifiche professionalità; b) per «professionista» si intende l esercente la professione regolamentata di cui alla lettera a). 2. Il presente decreto si applica alle professioni regolamentate e ai relativi professionisti. Art. 4 Libera concorrenza e pubblicità informativa DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n (12G0159) (GU n. 189 del ) note: Entrata in vigore del provvedimento: 15/08/ E ammessa con ogni mezzo la pubblicità informativa avente ad oggetto l attività delle professioni regolamentate, le specializzazioni, i titoli posseduti attinenti alla professione, la struttura dello studio professionale e i compensi richiesti per le prestazioni. 2. La pubblicità informativa di cui al comma 1 deve essere funzionale all oggetto, veritiera e corretta, non deve violare l obbligo del segreto professionale e non deve essere equivoca, ingannevole o denigratoria. 3. La violazione della disposizione di cui al comma 2 costituisce illecito disciplinare, oltre a integrare una violazione delle disposizioni di cui ai decreti legislativi 6 settembre 2005, n. 206,e 2 agosto 2007, n Art. 6 Tirocinio per l accesso 1. Il tirocinio professionale e obbligatorio ove previsto dai singoli ordinamenti professionali, e ha una durata massima di diciotto mesi. Resta ferma l esclusione delle professioni sanitarie prevista dall articolo 9, comma 6, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito dalla legge 24 marzo 2012, n. 27. Il tirocinio consiste nell addestramento, a contenuto teorico e pratico, del praticante, ed e finalizzato a conseguire le capacità necessarie per l esercizio e la gestione organizzativa della professione. Art. 7 Formazione continua Francesco Longobardi, Presidente ANCL: Decisivo il ruolo avuto dai consulenti del lavoro per mano di Marina Calderone. E impegno della categoria sostenere l azione del CNO e partecipare al dibattito virtuale sui temi portanti della riforma. 1. Al fine di garantire la qualità ed efficienza della prestazione professionale, nel migliore interesse dell utente e della collettività, e per conseguire l obiettivo dello sviluppo professionale, ogni professionista ha l obbligo di curare il continuo e costante aggiornamento della propria competenza professionale secondo quanto previsto dal presente articolo. La violazione dell obbligo di cui al periodo precedente costituisce illecito disciplinare. Art. 8 Disposizioni sul procedimento disciplinare delle professioni regolamentate diverse da quelle sanitarie 1. Presso i consigli dell ordine o collegio territoriali sono istituiti consigli di disciplina territoriali cui sono affidati i compiti di istruzione e decisione delle questioni disciplinari riguardanti gli iscritti all albo. Il Presidente dell ANCL, Francesco Longobardi, ritiene il D.P.R. di riforma delle professioni un passo importante che mette al sicuro l intero sistema ordinistico. Esalta l operato della Presidente del CNO e del CUP - Comitato Unitario delle Professioni Marina Calderone, che ha confermato l ottima scelta fatta dall ANCL nel volerla al vertice della categoria. Longobardi, inoltre, esorta i consulenti del lavoro a tenersi pronti per la prossima scadenza, quella del 31 dicembre, quando le leggi ordinamentali dovranno essere adeguate ai nuovi principi. Per questo, infatti, invita tutti a dare il proprio contributo in termini di idee e proposte sulle tematiche della riforma in occasione del Congresso Straordinario.

18 Dossier DALLE TARIFFE AI PARAMETRI Come cambiano i rapporti con il cliente

19 Dossier L incarico professionale di Giuseppe Buscema e Sergio Giorgini La pattuizione del compenso al momento del conferimento dell incarico è regola che ben si adatta alla necessità di applicare il principio di trasparenza, in virtù del quale il professionista deve fornire ogni informazione al proprio cliente, circa la complessità e la prevedibile evoluzione dell incarico affidato, con le ricadute sul compenso necessario. La pattuizione tra professionista e cliente è un passaggio fondamentale che si pone a tutela del cliente e della collettività. Ma non si tratta di una novità per i Consulenti del lavoro, infatti, il nostro codice deontologico (in vigore dal 2008) già prevede all art. 23 l opportunità del conferimento dell incarico scritto onde precisare oggetto, natura, costi e compensi. Stesso dicasi per i preventivi. Si tratta di una previsione lungimirante, quindi, introdotta molto prima dell intervento normativo. Il contratto costituisce un incarico professionale con indubbi vantaggi: trasparenza dei compensi determinante in caso di liquidazione giudiziale tracciabilità fiscale efficacia probatoria del credito del professionista in caso di contestazioni o di mancato pagamento delle parcelle In presenza di forma scritta non è previsto intervento discrezionale da parte del giudice, a differenza del caso di assenza di detta formalizzazione. CONFERIMENTO D INCARICO PROFESSIONALE (CONTINUATIVO) Al momento del conferimento dell incarico il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell incarico e informarlo di tutti gli oneri ipotizzabili. Con la presente il Sig......, nato a.. il. C.F , residente in....., via, in proprio / quale legale rappresentante di , con sede in..., P.IVA.., o quale rappresentante di. (persona fisica), identificato dal Professionista..... a mezzo (documento). rilasciato da (autorità)... in data, di seguito definito mandante o cliente, ricevuta l informativa e prestato il consenso al trattamento dei dati personali ai sensi di legge, CONFERISCE il presente mandato professionale, disciplinato dagli articoli sottostanti al Consulente del Lavoro.. / Società professionale / Studio associato, di seguito definito professionista, 1. OGGETTO DEL MANDATO. L incarico professionale ha per oggetto le prestazioni di: Indicare dettagliatamente l oggetto della prestazione professionale resa al cliente consulenza, assistenza e adempimenti in materia di diritto del lavoro, di diritto e applicazioni della previdenza e assistenza sociale, di diritto sindacale, elaborazione prospetti di paga, selezione del personale, denunce previdenziali ed assicurative ecc.; consulenza ed assistenza in materia fiscale e tributaria, redazione contabilità aziendale contenzioso tributario, (ecc.); ed in particolare : consulenza ed assistenza nella costituzione e nello svolgimento dei rapporti di lavoro subordinato, parasubordinato, autonomo e c.dd. speciali; Specificare quail saranno le single prestazioni oggetto della collaborazione professionale

20 È indispensabile prevedere in anticipo tutti gli adempimenti (e tutti i relative compensi) che il professionista svolgerà nel corso del suo mandato DALLE TARIFFE AI PARAMETRI 17 consulenza ed assistenza in merito all estinzione del rapporto di lavoro: licenziamenti individuali singoli e plurimi; consulenza ed assistenza inerente l instaurazione e lo svolgimento del rapporto di lavoro; consulenza ed assistenza nei procedimenti e sanzioni disciplinari; redazione e trasmissione delle dichiarazioni fiscali e tributarie; redazione contabilità aziendali, certificazione contabile (visto pesante) e asseverazioni contabili, (ecc.). Sono escluse dal presente mandato le operazioni di verifica volte al rinvenimento di falsi o altre irregolarità. 2. COMPENSO. Le parti concordano che al Professionista, che con la sottoscrizione del presente conferimento d incarico espressamente accetta il mandato, per lo svolgimento delle prestazioni oggetto del suddetto incarico, spetta:... per l attività di consulenza; (precisare se si vuole suddividere il compenso per le singole attività di consulenza dettagliate nell oggetto del contratto) per n. mensilità;... per l elaborazione di ogni singolo prospetto di paga per n..... mensilità; per servizi contabili per n... mensilità;... per redazione dichiarazioni fiscali;... per Il tutto oltre al rimborso delle spese documentate e sostenute a causa della prestazione resa, Cassa previdenziale e IVA. Il pagamento del suddetto compenso deve corrispondersi da parte del cliente (mensilmente, trimestralmente) e, comunque, entro e non oltre il giorno successivo al ricevimento del preavviso di parcella e/o della fattura. Il compenso come sopra pattuito si intende riferito ad un complesso di attività professionali normalmente richieste. Nell eventualità di ulteriori voci di spesa i compensi professionali verranno adeguati sulla base di una nuova negoziazione, in ragione delle attività non comprese, non previste e non prevedibili tra le parti, ma necessitate ed effettivamente svolte. Ricordiamo che l abolizione delle tariffe professionali comporta la libertà di contrattazione dei compensi. Cassa Previdenziale 2% su compenso lordo al quale va aggiunta l Iva al 21% 100 x 2% = x 21% = Detratta ritenuta d acconto 20% su 100 Importante definire I temini di pagamento al fine dell eventuale azione di recupero del credito Clausola che consente di adeguare i compensi in ipotesi abbastanza frequente di introduzione di nuovi adempimenti che potrebbero intervenire nel tempo L indicato compenso è commisurato al grado di complessità dell incarico e all importanza dell opera e, pertanto, ritenuto da entrambe le parti congruo, proporzionato e soddisfacente per l incarico professionale conferito e liberamente determinato. Il cliente dichiara di essere consapevole ed informato del grado di complessità dell incarico e di aver ricevuto tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili. Dichiara inoltre di essere stato edotto delle problematiche pertinenti l incarico professionale conferito e s impegna a rendere noto e a mettere a disposizione ogni documento utile allo svolgimento dell incarico. Il professionista potrà delegare lo svolgimento della prestazione a terzi collaboratori o sostituti, sotto la sua responsabilità. Clausola che tutela ambedue le parti. E importante che il professionista sia messo in grado di lavorare correttamente mettendogli a disposizione tutta la documentazione in possesso del cliente

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro ENPACL Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro IL NUOVO SISTEMA PREVIDENZIALE Il 27 settembre 2012 l'assemblea dei

Dettagli

Docente: Domenico Comegna

Docente: Domenico Comegna Docente: Domenico Comegna Risorse destinate al Welfare ITALIA 26,5% PIL UE (15 paesi) 27,2% PIL Risorse destinate al Welfare Pensioni Sanità Famiglia Ammortizzatori Altre e disabilità Sociali voci GERMANIA

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro ENPACL Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro Il nuovo sistema previdenziale dei Consulenti del Lavoro Ipotesi di riforma Aprile 2012 Articolo 38 della Costituzione italiana

Dettagli

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011

UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra. Bari, 9 settembre 2011 UN ORDINE AL PASSO CON LA PROFESSIONE L'EVOLUZIONE DELL'ORDINAMENTO ALLA LUCE DELLA RIFORMA 2011 Romeo La Pietra Bari, 9 settembre 2011 1 RIFORMA PROFESSIONI LIBERALIZZARE o DEREGOLAMENTARE? Liberalizzare:

Dettagli

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI

LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI LA RIFORMA DELL ORDINAMENTO PROFESSIONALE: STATO DELL ARTE E ADEMPIMENTI PER CNI, ORDINI ED ISCRITTI Armando Zambrano,Presidente CNI Rimini, 12 settembre 2012. 1 IL REGOLAMENTO SULLA RIFORMA Il regolamento

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro

Perchè la pensione? Dicembre 2012. Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perchè la pensione? Dicembre 2012 Il Vicepresidente Arch. Giuseppe Santoro Perché la pensione: Forse sarebbe sufficiente dire che il diritto alla pensione viene garantito dall'art. 38 della Costituzione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI ATTUARI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA MINISTERO DELLA GIUSTIZIA Roma, 17 maggio 2012 A tutti gli Iscritti all Albo e p.c. Al Consiglio dell Ordine Nazionale degli Attuari Ai Comitati Regionali All Istituto Italiano degli Attuari Prot. n. 066/2012

Dettagli

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Focus di pratica professionale di Andrea Bongi Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Il comma 3 dell art.10 della c.d. Legge di stabilità per

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO PENSIONI: DAL 1 GENNAIO 2012 è CAMBIAto TUTTO Una nuova riforma pensionistica L evoluzione demografica ha determinato un aumento esponenziale del numero dei pensionati rispetto

Dettagli

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA SINTESI RIFORMA DELLE PROFESSIONI LE INIZIATIVE DEL CNI IN MATERIA DI SERVIZI DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA Michele Lapenna Consigliere Tesoriere Consiglio Nazionale Ingegneri 1 LA GENESI DELLA RIFORMA

Dettagli

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Premessa Lo schema del provvedimento approvato dal Consiglio dei Ministri il 1 luglio

Dettagli

Gorizia, 21 ottobre 2014

Gorizia, 21 ottobre 2014 Gorizia, 21 ottobre 2014 1 «L avvocato, sin da giovane, deve essere consapevole della suo c.d. percorso previdenziale, allo scopo non solo di sfruttare appieno le opportunità offerte, ma anche -eventualmente-

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2100 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GNECCHI, DAMIANO, GRIBAUDO, BOCCUZZI, INCERTI, MAESTRI, ZAPPULLA, ALBANELLA, GIACOBBE, CASELLATO,

Dettagli

Ai Praticanti Consulenti del Lavoro

Ai Praticanti Consulenti del Lavoro Parma, 07/11/2012 Prot. n. 226 Ai Consulenti del Lavoro di Parma Ai Praticanti Consulenti del Lavoro di Parma Oggetto: Circolare n. 31_2012. A) Convegno a Parma il 21/11/2012. B) Congresso Straordinario

Dettagli

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli)

Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) Com è cambiato fare l architetto (Avvocato Walter Fumagalli) 1. Le tappe di un lungo percorso La riforma della professione di architetto è frutto di un lungo percorso, il cui punto di partenza può essere

Dettagli

Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti.

Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. 1 ANGRISANI: Grazie, Presidente. Innanzi tutto vorrei rivolgere un saluto all Assemblea dei Delegati,

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE

INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE INARCASSA: REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA IN PILLOLE a cura di Massimiliano Piras Delegato Ingegneri per il Medio Campidano Premessa Nel dicembre 2011, il Governo Monti emanava il Decreto Salva Italia

Dettagli

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO.

Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. Azimut Previdenza A CIASCUNO IL SUO FUTURO. CON AZIMUT PREVIDENZA IL FUTURO TIENE SEMPRE IL TUO STESSO PASSO. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma

Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma Trattamenti di fine rapporto: detrazioni d imposta dal 1 aprile Enzo De Fusco Consulente del lavoro in Roma Il Ministro dell economia e delle finanze con decreto 20 marzo 2008, pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

Innalzato al 4% il contributo previdenziale integrativo per i consulenti del lavoro

Innalzato al 4% il contributo previdenziale integrativo per i consulenti del lavoro CIRCOLARE A.F. N. 180 del 20 Dicembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Innalzato al 4% il contributo previdenziale integrativo per i consulenti del lavoro Gentile cliente con la presente intendiamo informarla

Dettagli

Ai gentili Clienti dello Studio

Ai gentili Clienti dello Studio INFORMATIVA PAGHE N. 1 / 2013 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: PARTITE IVA FITTIZIE - INDICAZIONI MINISTERIALI Riferimenti Legislativi: Art. 69-bis D.Lgs. n. 276/2003, D.M. 20 dicembre 2012; Circolare

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Nello scorso articolo abbiamo spiegato, per sommi capi, le linee guida della recente riforma della previdenza pubblica,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro.

Azimut Previdenza. A ciascuno il suo futuro. Azimut Previdenza A ciascuno il suo futuro. con Azimut PrevidenzA il futuro tiene sempre il tuo stesso PAsso. Il tuo futuro previdenziale è un cammino che inizia già da oggi. Scegli di affrontarlo con

Dettagli

I Fondi pensione preesistenti

I Fondi pensione preesistenti I Fondi pensione preesistenti I scheda Fondi pensione preesistenti sono forme pensionistiche complementari che, come suggerisce il termine preesistenti, operavano antecedentemente all emanazione della

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte

Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese. 23 domande 23 risposte Fondo Nazionale Pensione Complementare per i Lavoratori delle Piccole e Medie Imprese 23 domande 23 risposte Oggi un progetto per il futuro Avvertenza: Il presente opuscolo ha carattere divulgativo e non

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le pensioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

INFORMATIVA INARCASSA

INFORMATIVA INARCASSA INFORMATIVA INARCASSA Il 19 novembre i Ministeri di controllo hanno approvato la riforma previdenziale di Inarcassa. Questa riforma entrerà in vigore dall 1 gennaio 2013. Le modifiche introdotte con la

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA Criteri per il conferimento di incarichi individuali con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa ed il conferimento di incarichi

Dettagli

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI Premessa I Trattamenti Pensionistici In Italia, come anche in tutti i paesi maggiormente industrializzati, alla precarietà del mercato del

Dettagli

Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale

Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale Audizione su Indagine conoscitiva sulla funzionalità del sistema previdenziale

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CRESCITA, L EQUITA E IL CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI Questo dovrebbe essere il testo che va in discussione alle camere diverso in alcuni punti dal testo riportato sul precedente

Dettagli

PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA

PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA PARTE PRIMA LEGISLAZIONE ITALIANA LEGISLAZIONE ITALIANA 1 Leggi, Decreti, Delibere, Ordinanze Ministeriali e di altre Autorità MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DIRETTIVA 10 febbraio 2011

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA info@ SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 31.7.2013 EPPI 03/2012 COGNOME NOME CODICE

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 IN QUESTO NUMERO l Lettera del Presidente l Il nuovo Presidente del Fondo Giuseppe Pierro, eletto dai consiglieri durante la riunione del

Dettagli

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulen3 del Lavoro

Il nuovo sistema previdenziale dei Consulen3 del Lavoro ENPACL Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulen3 del Lavoro Il nuovo sistema previdenziale dei Consulen3 del Lavoro Venezia, 10 dicembre 2013 ENPACL Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 22 luglio 2014 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi

Dettagli

LA PENSIONE DELLE CASALINGHE

LA PENSIONE DELLE CASALINGHE LA PENSIONE DELLE CASALINGHE Dopo sei anni di attesa l Inps detta le regole per garantire un assegno a chi si occupa della vita domestica. La casalinga marcia verso la pensione. E finalmente operativo,

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati

ALBERTI - UBINI - CASTAGNETTI Dottori Commercialisti Associati Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

APPUNTI DI PREVIDENZA

APPUNTI DI PREVIDENZA Unione Italiana Lavoratori della COMunicazione Segreteria Provinciale e Regionale Via Alessandria, 21 10152 Torino tel. 011.232188 Fax 011.232176 Posta elettronica : uilcomunicazione@uilcomunicazione.net

Dettagli

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE

VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE VADEMECUM SULLA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE (a cura dell'avv. Rosario Tucci - Responsabile Dipartimento dell'a.i.g.a. sulla Previdenza Forense) La

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e servizi fiscali Roma, 05/03/2010 Circolare n. 33 Allegati n.2 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori

Dettagli

Statuto della Cassa Italiana Previdenza e Assistenza Geometri (aggiornato a gennaio 2007)

Statuto della Cassa Italiana Previdenza e Assistenza Geometri (aggiornato a gennaio 2007) Statuto della Cassa Italiana Previdenza e Assistenza Geometri (aggiornato a gennaio 2007) CAPO I Istituzione ed ordinamento Art. 1 1.1 La Cassa ITALIANA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEI GEOMETRI LIBERI

Dettagli

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con

Comune di Pontassieve. Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato. In collaborazione con Comune di Pontassieve Sistema di valutazione delle posizioni dirigenziali Parte Seconda Il sistema adottato In collaborazione con 1 Indice Indice... 1 1. Il processo di sviluppo organizzativo in corso...

Dettagli

Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento

Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento Determinazione dei compensi professionali: indicazioni pratiche sui parametri cui fare riferimento Questo articolo prende in esame il nuovo assetto normativo che regola la determinazione dei compensi professionali,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 2 del 21 GENNAIO 2015 INDICE

Servizio circolari per la clientela Circolare n. 2 del 21 GENNAIO 2015 INDICE Servizio circolari per la clientela Circolare n. 2 del 21 GENNAIO 2015 INDICE 1 NUOVA GESTIONE LETTERE INTENTO 1.1 Emissione lettera d intento; 1.2 La ricezione della lettera d intento da parte del fornitore;

Dettagli

La riforma delle pensioni

La riforma delle pensioni La riforma delle pensioni A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo. Il

Dettagli

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia:

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia: ATTUAZIONE DEGLI INDIRIZZI OPERATIVI PER LA GOVERNANCE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DI PARMA E DEGLI ENTI AZIENDE ED ISTITUZIONI (DELIB. G.C. 355/38 2013) Con lettera del 6 Giugno 2013 prot. 96974/2013

Dettagli

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO 17 ottobre 2014 REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO

Dettagli

I CHIARIMENTI MINISTERIALI SULLE PARTITE IVA TRA LA CIRCOLARE 32/2012 ED IL D.M. 20 DICEMBRE 2012

I CHIARIMENTI MINISTERIALI SULLE PARTITE IVA TRA LA CIRCOLARE 32/2012 ED IL D.M. 20 DICEMBRE 2012 I CHIARIMENTI MINISTERIALI SULLE PARTITE IVA TRA LA CIRCOLARE 32/2012 ED IL D.M. 20 DICEMBRE 2012 dott. Roberto Camera 1 funzionario della Direzione Territoriale del Lavoro di Modena Con la circolare n.

Dettagli

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012

Documento sulla politica di investimento. Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Documento sulla politica di investimento Redatto ai sensi della Deliberazione COVIP del 16 marzo 2012 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 28 Marzo 2013 Sommario 1 PREMESSA...3 2 OBIETTIVI

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE

RELAZIONE DEL PRESIDENTE RELAZIONE DEL PRESIDENTE Carissimi Dottori Commercialisti, Carissimi Ragionieri Commercialisti, Carissimi Esperti Contabili, a Voi tutti rivolgo un cordialissimo saluto, a nome del Consiglio dell Ordine

Dettagli

Anni 1998-2001 2002-2004 2005-2007 dal 2008. Limiti di età 57 58 59 60

Anni 1998-2001 2002-2004 2005-2007 dal 2008. Limiti di età 57 58 59 60 PENSIONI Dlgs 165/97, armonizzazione regimi previdenziali personale militare, di polizia e vigili del fuoco Sulla G.U. n. 139 del 17.6.1997 è stato pubblicato il Dlgs n. 165 del 30.4.1997 di attuazione

Dettagli

Dott. Ing. ENRICO CARINI Via A. Zoncada, 47 26845 CODOGNO (LO) Oggetto: Riforma per sostenibilità a 50 anni di Inarcassa.

Dott. Ing. ENRICO CARINI Via A. Zoncada, 47 26845 CODOGNO (LO) Oggetto: Riforma per sostenibilità a 50 anni di Inarcassa. Dott. Ing. ENRICO CARINI Via A. Zoncada, 47 26845 CODOGNO (LO) Tel.: 0377431175 Codogno, 05.06.2012 Oggetto: Riforma per sostenibilità a 50 anni di Inarcassa. Egregi colleghi, nei giorni 23-24-25 maggio

Dettagli

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015)

Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Disciplina organica dei contratti di lavoro e la revisione della normativa in tema di mansioni (DLgs 81/2015) Nonostante l'enfasi "riformatrice" adottata in sede di presentazione, in questo decreto vengono

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1 1 Approvato dal Consiglio di Amministrazione il 27 marzo 2015 Sommario REGIME FISCALE DEI CONTRIBUTI... 3 Contributi versati fino al 31 dicembre 2006... 3 Contributi versati

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi.

DOCUMENTO FISCALE. Sede legale: Piazza Cola di Rienzo n.80a 00192 Roma C.F. 97151420581 tel. 0636006135 0636086392 fax 063214994 fondapi@fondapi. FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA D.M. LAVORO 5.6.2001 - ISCRIZIONE ALBO FONDI PENSIONE N 116 DOCUMENTO FISCALE

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

I SISTEMI PREVIDENZIALI

I SISTEMI PREVIDENZIALI I SISTEMI PREVIDENZIALI 1 DEFINIZIONE Il sistema previdenziale, in generale, è un meccanismo di ridistribuzione che trasferisce risorse prodotte dalla popolazione attiva a favore di chi: ha cessato l attività

Dettagli

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254

D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 397 D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254 Art. 1 2. D.P.R. 18 luglio 2006, n. 254. Regolamento recante disciplina del risarcimento diretto dei danni derivanti dalla circolazione stradale, a norma dell articolo

Dettagli

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009

Mediazione Civile. Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 Mediazione Civile Parere e note al testo del DLgs approvato dal Consiglio dei Ministri in data 28 ottobre 2009 dicembre 2009 A cura della Commissione Arbitrato e Conciliazione Presidente Flavia Silla Componenti

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME

SPAZIO RISERVATO ALL ENTE NOME ENTE DI PREVIDENZA 222 info@ SPAZIO RISERVATO ALL ENTE Comunicazione obbligatoria ai sensi del Decreto Legislativo 103/96 da inviare all Ente entro e non oltre il 15.9.2014 EPPI 03/2013 COGNOME NOME CODICE

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE

INTRODUZIONE CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE CAPITOLO SECONDO CENNI SULLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INDICE INTRODUZIONE pag. 1 CAPITOLO PRIMO LO SCENARIO NAZIONALE pag. 5 I.1 NASCITA DELLA PREVIDENZA ITALIANA pag. 8 I.2 TERMINOLOGIA RICORRENTE pag. 9 I.3 DAL DOPOGUERRA AI GIORNI NOSTRI pag. 11 I.4 LE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza?

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Dicembre 2008 Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? È discriminatorio mantenere in vigore un regime pensionistico

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 4 I SISTEMI DI CALCOLO DELLA PENSIONE RETRIBUTIVO E CONTRIBUTIVO.

Dettagli

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare In data 29 gennaio 2000 Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare ANCE FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA - CGIL tra e quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente

Dettagli

Guida al Lavoro IL IL SOLE 24 ORE PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR

Guida al Lavoro IL IL SOLE 24 ORE PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Articoli IL Contributi e somme a carico del datore: l Inps illustra il regime previdenziale Antonino Cannioto Esperto in materia previdenziale Giuseppe Maccarone Consulente del lavoro in Roma 18 L Istituto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Schema di decreto del Presidente della Repubblica recante regolamento ai sensi dell art. 24, comma 18, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre

Dettagli

LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI

LO SAPEVATE CHE...? DDL CONCORRENZA: MEGLIO PREPARARSI LO SAPEVATE CHE...? DDL "CONCORRENZA": MEGLIO PREPARARSI Dopo una pausa nella pubblicazione del nostro mensile, dovuta alle modifiche legislative che hanno assorbito tutto il personale del Fondo, torniamo

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli