PROGETTO ATTIVITA ATLETI CON DISABILITA ANALISI DATI TESSERAMENTO RISULTATI QUESTIONARIO COMITATI TERRITORIALI E REGIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO ATTIVITA ATLETI CON DISABILITA 2010-11 ANALISI DATI TESSERAMENTO 2005-10 RISULTATI QUESTIONARIO COMITATI TERRITORIALI E REGIONALI 2009-10"

Transcript

1 PROGETTO ATTIVITA ATLETI CON DISABILITA ANALISI DATI TESSERAMENTO VERIFICA ATTIVITA RISULTATI QUESTIONARIO COMITATI TERRITORIALI E REGIONALI

2 PROPOSTA-PROGETTO ATTIVITA' ATLETI DIVERSAMENTE ABILI 2010/11 AFFARE DI CUORE: IN GIOCO OLTRE LE BARRIERE PREMESSA L'attività sportivo-educativa per atleti diversamente abili non deve, per un'associazione come la nostra, essere un di più, che parte dalla volontà di qualcuno, ai vari livelli associativi (dalle Società sportive sino al Nazionale), di occuparsi di un settore di persone diverse dalla normalità degli atleti di cui ci occupiamo, ma un nostro preciso dovere all'interno di una proposta sportiva che il CSI ha sempre voluto per tutti e di tutti. E' indubbio, tuttavia, che gli atleti con disabilità hanno alcune specificità delle quali non si può non tenere conto quando si tratta di programmare un'attività sportiva che li riguarda. tratta di individuare quelle proposte sportive che nella scelta degli sport, nell'adattamento dei regolamenti, nelle modalità di svolgimento delle attività siano rispettose delle specificità fisiche o intellettivo-relazionali dei destinatari. Parliamo di Atleti con (una o più) disabilità...ma parliamo pur sempre di Atleti. Se questa affermazione è vera ne consegue che, come si è cercato di fare sperimentalmente nella scorsa annata sportiva, le nostre azioni devono essere finalizzate a proporre, anche per queste categorie di atleti, un'attività continuativa, adeguata alle loro possibilità, gratificante e, per dirla con un'espressione tanto cara al nostro Presidente nazionale, in grado di educare alla vita. Come in tanti altri settori della nostra società, anche nell'ambito dello sport per atleti disabili la cultura sociale predominante non ci aiuta, se è vero come è vero che ancora troppo poche persone con disabilità praticano attività sportiva, siano essi bambini/e, ragazzi/e, giovani e adulti. La nostra Associazione non fa eccezione in questo, ma un anno di riflessioni e di azioni rispetto a questo tema (alcuni dati presentati sotto lo evidenzieranno) hanno dimostrato, con fatti e numeri, che la sensibilità sul tema è già a un buon livello, il sommerso (in questo caso si tratta di sommerso positivo) è parecchio, così come non manca la voglia di mettersi in gioco. E' all'interno di queste coordinate essenziali che si inserisce il progetto di questa annata sportiva. IL TEMA Ciascuna azione, iniziativa, progetto associativo dell'annata sportiva dovrebbe tendere a tradurre in azioni quel tema che ci è tanto caro e che si è deciso di riproporre anche per il 2010/11: uno sport per la vita. Uno sport per la vita con destinatari atleti con disabilità vuol significare: Affare di cuore: in gioco oltre le barriere. Affare di cuore. Serve metterci testa e cuore per progettare, organizzare, realizzare un'attività sportiva diversa da quella standard, che proponiamo magari da anni, in un settore che per tanti è ancora sconosciuto e che fa un po' paura per la sua specificità che talvolta fa pensare di non essere proprio all'altezza. Ma è dal cuore, ancora prima che dalla testa, che deve partire la voglia di provarci. Quando è così, e la vita ce lo dice quotidianamente, le difficoltà si superano, la volontà di riuscirci cresce, la fantasia e l'intelligenza si attivano per ideare e per fare. Il risultato delle nostre azioni ritornerà al cuore di ciascuno di noi e scalderà il cuore di tutti coloro che hanno beneficiato delle nostre proposte sportivo-educative, regalando loro maggiore serenità, fiducia in se stessi, gioia di

3 vivere. esserci, cioè giocare, partecipare in maniera attiva, non da spettatore. Perché ciò si possa concretizzare occorre che a tutti i livelli associativi si lavori per offrire occasioni di gioco e di sport anche ad atleti con disabilità. E' un problema culturale che interpella ciascuno di noi. Mettersi in gioco riguarda, come per tutte le attività che proponiamo, gli atleti ma anche ciascuno di coloro che hanno un ruolo tecnico, organizzativo, dirigenziale. In gioco riguarda tutti i livelli associativi: le Società sportive, tutte le Società sportive, non solo quelle specializzate in attività per atleti diversamente abili, ma ancor di più tutte le altre, perché in ogni parrocchia-oratorio, quartiere, scuola etc ci sono ragazzi con disabilità e non è giusto delegare sempre ad altri, anche perché in questo settore questi altri che se ne occupano sono ancora pochi. È giusto e opportuno che il tema degli atleti con disabilità stia a cuore a tutte le nostre Società sportive e che ognuna di esse si adoperi per individuare e proporre la soluzione più opportuna. oltre le barriere. Quotidianamente le persone con disabilità hanno a che fare con barriere: architettoniche, il mondo è fatto così, ma anche con barriere culturali di chi non è attento alla diversità, qualunque essa sia e qualunque nome abbia. Difficile vivere e convivere con questi ostacoli, che esistono anche nel mondo dello sport. amo dovuti arrivare a Roma 1960 per far sì che anche atleti con disabilità avessero la loro gloria olimpica e cioè le loro Olimpiadi, che da allora si chiamano Paraolimpiadi. Sono ancora troppo poche le persone con disabilità che praticano sport. Discretamente diffusa è la riabilitazione motoria, ma lo sport è ancora un fenomeno per pochi, sia ad alti livelli, sia a livello di base, e i numeri (riportati in altra parte del documento) lo testimoniano. Oltre le barriere significa abbassare quelle che impediscono la diffusione di una pratica sportiva davvero per tutti, facilitare e velocizzare il cammino di tutti, non fermarsi di fronte alle difficoltà. Oltre le barriere è una lezione che spesso le persone e gli atleti con disabilità ci danno, a non abbatterci di fronte alle difficoltà e alle barriere vere o culturali di cui spesso siamo vittime. È un tema per tutti quindi, per gli atleti disabili e per noi, chiamati a saper volare alto con i piedi per terra anche in questo settore di attività. VERIFICA DATI 2009/10 (vedi documento specifico) PROGETTO 2010/11 Il progetto 2010/11 ha per basi quanto espresso in premessa, per motivazioni di fondo quelle sintetizzate nel tema scelto e si inserisce nel solco di quanto svolto nella scorsa annata sportiva, cercando di dare sistematicità e organicità alle proposte. OBIETTIVI Consolidare il lavoro svolto nello scorso anno di sensibilizzazione del territorio sul tema Sport e disabili, di individuazione di referenti territoriali, di proposte di attività sportiva, di comunicazione intra ed extra associativa, di azione politica con altri soggetti privati o pubblici di ambito sportivo o non che operano nel settore stematizzare l'azione associativa educativa nel settore Sport e disabili attraverso un coinvolgimento più ampio e completo della rete associativa a partire dalle Società sportive, sino ai servizi della Presidenza nazionale (attività sportiva, formazione, comunicazione). Promuovere proposte sportive unitarie sul territorio, accompagnate da opportune indicazioni metodologiche e regolamentari, sostenute da un'azione formativa adeguata ed essenziale anche attraverso la creazione di una funzionale rete comunicativa di supporto. Valorizzare le iniziative sportive, formative, culturali, i progetti presenti ai vari livelli associativi, le esperienze di collaborazione con i principali soggetti che organizzano sport per disabili, CIP e Special Olympics, con altre realtà sportive territoriali, col mondo dell'associazionismo, con Enti pubblici, ASL, scuole etc che operano nel settore, per far sì che queste esperienze possano

4 diventare modelli di riferimento al fine di favorire una più efficace e diffusa azione progettuale territoriale. CONTENUTI Attività sportiva Campionati e Gran premi nazionali Sport di squadra: Calcio a 5 disabili intellettivo-relazionali Attività individuali: Campestre e Atletica leggera sia per atleti disabili fisici sia per disabili intellettivo-relazionali. La scelta di queste discipline sportive nasce dal fatto che sono state sperimentate positivamente all'interno delle finali nazionali dello scorso anno, hanno già una minima diffusione sul territorio, sono facilmente proponibili e realizzabili. Attività promozionale Tutte le attività facenti parte del circuito dell'attività nazionale Come per i normodotati anche per i disabili le attività sportive svolte sul territorio sono le più svariate, ma per rendere concreta l'idea base dell'inclusione e integrazione degli atleti con disabilità nel circuito associativo, la scelta privilegiata di valorizzazione e promozione riguarda le attività istituzionali. L'obiettivo dell'anno è quello di promuovere la partecipazione ai Gran premi o ai campionati, di atleti e di squadre di Società sportive e/o comitati territoriali o regionali che abbiano maturato significative esperienze nelle specifiche discipline sportive, mentre a medio termine sarà quello di strutturare una proposta organica e univoca per questi sport come avverrà quest'anno con il Calcio a 5 e l'atletica. Campagna nazionale Tennis tavolo La campagna nazionale Tennis tavolo ci darà la possibilità, per la prima volta, di inserire all'interno della proposta che verrà strutturata dalla Direzione tecnica, anche una sezione dedicata al tennis tavolo per atleti con disabilità sia fisica che intellettivo-relazionale. Attività in vetrina: progetti, manifestazioni, eventi Valorizzazione delle attività e dei progetti territoriali Il territorio presenta diverse iniziative di grande rilevanza organizzate da Società sportive CSI o da comitati territoriali. Sono esperienze significative per la loro struttura, per la loro potenzialità educativa ed aggregativa, per la significativa sperimentazione tecnico-metodologica. Solo in poche occasioni vengono valorizzate, mentre sarebbe opportuno che venissero conosciute per diventare un esempio e modello per coloro che ancora non si avvicinano a queste attività. Attività formativa Il lavoro sulla formazione, sia nell'aspetto progettuale, sia in quello realizzativo, potrà avviarsi nella corrente annata sportiva, ma passerà a sistema necessariamente a medio termine. Conoscere Corsi e convegni informativi e di sensibilizzazione per Dirigenti di Società e di Comitato territoriali e regionali E' necessario che il mondo della disabilità venga maggiormente e più capillarmente conosciuto nei suoi elementi essenziali, per poter promuovere in maniera adeguata e consapevole proposte sportive-educative qualificate e qualificanti. Promuovere corsi, convegni formativi, a partire dal livello nazionale per arrivare a cascata ai comitati, con destinatari dirigenti di Società, di Comitato (territoriale e regionale) favorirà una maggiore conoscenza delle caratteristiche e delle potenzialità formative dell'attività sportiva per atleti disabili, aiuterà a far superare paure e preconcetti e a favorire una promozione più ampia e capillare di proposte sportive capaci di regalare benessere psico-fisico a coloro che ne beneficiano. Saper fare Corsi per tecnici di attività sportiva per atleti con disabilità E' necessario formare una classe di tecnici, oltre che di dirigenti, preparati e qualificati a lavorare in maniera consapevole ed adeguata con atleti con disabilità, sapendo interagire con i soggetti che

5 istituzionalmente sono coinvolti, a rete, con queste persone e con le loro famiglie: scuole, servizi sanitari e sociali. Saper promuovere Corsi per dirigenti destinati alla promozione di attività disabili L'individuazione e la formazione su tutto il territorio nazionale di persone dedicate al mondo della disabilità, favorirà una maggiore conoscenza e consapevolezza generale su tale mondo e aiuterà la promozione di attività sportive e progetti specifici e a rafforzare una presenza significativa nel mondo istituzionale dell'attività sportiva per disabili, il CIP, che ci ha riconosciuto proprio quale organizzazione promozionale e con altri soggetti istituzionali. Comunicazione e Vita associativa Rete associativa Rete tra operatori associativi Sarà fondamentale che continui, si radichi e si diffonda la conoscenza delle esperienze territoriali, per far sì che queste diventino modelli per chi ancora non conosce a sufficienza e ha problemi ad approcciarsi al mondo della disabilità e a strutturare una proposta sportivo-educativa. Per ottenere ciò è necessario completare la rete associativa dei referenti territoriali, introducendo nei comitati almeno una figura di riferimento in questo settore che si interfacci e lavori con i referenti regionali, con la Commissione nazionale e con i Coordinatori dell''attività sportiva e formativa. Le riunioni della Commissione saranno dedicate principalmente all'aspetto organizzativo e promozionale dell'attività. Rete internet e altri strumenti informativi Sarà utile ed opportuno che tutto ciò che di significativo appartiene alla progettazione e all'esperienza associativa rispetto a questo importante settore di attività, sia facilmente e ben visibile sul sito nazionale e sia raccontato sulla stampa associativa (come peraltro già avvenuto nello scorso anno). La comunicazione diventerà in tal modo un canale promozionale e contribuirà ad una più ampia diffusione dei programmi associativi favorendo la partecipazione agli eventi programmati. Comunicazione verso l'esterno Comunicati stampa, Avvenire, Internet, altri canali di comunicazione La specificità della nostra proposta sportivo-educativa e le conseguenti iniziative programmate ma soprattutto in corso di realizzazione o realizzate, a tutti i livelli associativi, è opportuno che vengano fatte conoscere attraverso i vari canali comunicativi propri dell'associazione. tratta di dati importanti e significativi che motivano e giustificano, insieme ad altri fattori, il forte interesse verso la nostra Associazione del CIP e di altri Enti pubblici o privati che operano nel settore. Rapporti con l'esterno CIP, CONI, Special Olympics, altri Enti o Associazioni sportive Confronto, collaborazione, riconoscimento, promozione I dati di tesseramento e le nostre attività sono un bel biglietto da visita per poter dare concretezza, attraverso azioni e collaborazioni, al recente riconoscimento CIP. Indubbiamente tale riconoscimento, per ora unico tra gli Enti, ci pone in una situazione privilegiata e facilitante, ma necessita di azioni concrete a tutti i livelli associativi di confronto, collaborazione e promozione sportiva. Il CSI inoltre tessera diverse Società Special Olympics: servirebbe andare al di là del puro servizio di tesseramento e aprire con queste tavoli di confronto, per trovare forme non di sovrapposizione di attività ma di collaborazione, a maggior ragione ora che il CSI si sta dotando di un proprio progetto sportivo-educativo. Altri soggetti pubblici e privati Interagire e progettare con ASL, scuole, amministrazioni pubbliche, cooperative sociali, altro Lavorare con il mondo della disabilità necessita, ancora di più che per altri settori di attività, di una collaborazione con altri soggetti pubblici o privati che operano nel settore: ASL, servizi sociali,

6 centri di riabilitazione motoria, cooperative sociali ma anche con le amministrazioni pubbliche. Sul territorio ci sono tante sperimentazioni e progetti specifici che è opportuno che vengano conosciute e diventino modelli da adattare ed esportare anche in altri territori. Il nostro punto di forza per riuscire a interagire con questo sistema composito, dovrebbe essere la presenza CSI ampia e diffusa su tutto il territorio con diverse tipologie di Società sportive e il coinvolgimento degli atleti disabili nel circuito sportivo istituzionale. Conclusioni Chi lavora con persone con disabilità sa bene che il successo dell'azione educativa e formativa passa attraverso una rete di soggetti che interagiscono tra di loro per il bene della persona interessata: famiglia, scuola, servizi sanitari, enti pubblici. E' così anche nella nostra Associazione. Lo è per tutte le attività che programmiamo, crediamo lo sia in particolare in questo settore particolare e delicato. La commissione dopo aver affidato al Consiglio nazionale queste idee sulle quali si è confrontata nell'anno e mezzo di lavoro, confida in un ampio confronto associativo a tutti i livelli, per una crescita quantitativa e qualitativa della partecipazione di atleti disabili alla vita del CSI, per uno sport per tutti e di tutti che possa davvero esser per la vita.

7 IL PUNTO (alcune informazioni e alcuni dati per comprendere l'attuale situazione dello Sport per atleti disabili nel CSI) TESSERATI DIS S.D. HAN TOT Diff. Anno prec. Diff.% Anno prec. 2005/ ,06% 2006/ ,91% 2007/ ,64% 2008/ ,49% 2009/ ,88% Differenza ,16% Totale tesserati codici DIS e SD HAN TOT / / / / /10 I tesserati appartengono a 43 comitati, di 14 regioni. Va tenuto conto che sono 36 i comitati che hanno tesserato almeno 5 atleti. Tante Società sportive tesserano gli atleti disabili direttamente con lo sport praticato, quindi sono, realisticamente di più i tesserati, anche se è difficile ipotizzarne il numero. SOCIETA' DIS S.D. HAN TOT Diff. Anno prec. Diff.% Anno prec. 2005/ / ,09% 2007/ ,21% 2008/ ,31% 2009/ ,47% Differenza ,79%

8 Numero Società con dichiarata attività disabili TOT / / / / /10 Nel 2009/10 15 regioni e 71 comitati hanno dichiarato Società con attività DIS e SD HAN per un totale di 243 Società sportive. Va tenuto conto di 3 cose: 1. non tutte le Società che hanno dichiarato attività sportiva per disabili hanno poi tesserato atleti 2. qualche Società sportiva potrebbe aver indicato entrambi i codici di attività disabili (DIS e SD HAN) 3. ci potrebbero essere molte altre Società (qualche centinaio??) che tesserano disabili ma non hanno dichiarato tra le attività i codici specifici. In questo caso gli atleti sono tesserati per lo sport praticato. Dati CIP I dati ufficiali tratti dal documento CONI I numeri dello sport 2008 parlano di 780 Società sportive affiliate e atleti tesserati CIP da suddividere tra disabili fisici e intellettivo-relazionali. Tanti o pochi? n tocca a noi dare giudizi, ma possiamo dire che certamente ci sono tantissimi potenziali atleti che per vari motivi non si avvicinano all'attività sportiva. Per avere un riferimento indicativo di possibili atleti disabili, in Lombardia i disabili iscritti alle scuole primarie e secondarie di primo grado statali (6-14 anni) sono circa E' vero che l'attività riguarda in particolare gli adulti ma di certo parliamo di centinaia di migliaia di potenziali atleti. Dati Special Olympics Di Special Olympics non possediamo dati precisi. Sono dichiarate circa 250 Società sportive e tesserati. Occorrerà valutare e verificare quante sono le Società sportive Special Olympisc affiliate al CSI e per quanti tesserati DOAS Manifestaz. Comitati Regioni 2008/ / C'è ancora tanto tanto che viene fatto nei comitati ma non documentato, probabilmente perché, trattandosi, forse, di manifestazioni non a carattere continuativo, non si reputa siano da documentare, oppure perché organizzate non direttamente, ma offrendo la propria collaborazione ad altri Enti promotori

9 FINALI NAZIONALI Nel 2009/10 hanno partecipato: al Gran premio di Corsa campestre una decina di atleti di Gubbio (città ospitante il Gran Premio) al Gran premio di Tennis tavolo 3 atleti paralimpici (con disabilità fisica) FITET di cui 1 anche CSI alle finali nazionali di Calcio a 5, 3 squadre (1 emiliana e 2 lombarde) di disabili intellettivo-relazionali qualificate nei rispettivi campionati regionali al Gran premio di Atletica leggera di Celle ligure una trentina di atleti di 7 comitati e 6 regioni. 3 disabili fisici (ipovedenti e non vedenti), il resto intellettivo-relazionali al Gran premio di Atletica il CSI Savona ha organizzato il convegno di sensibilizzazione dal tema "Semplicemente atleti" AGORA' DELLO SPORT - Parma, maggio progetti di attività disabili presentati alla Fiera dei sogni Convegno "Straordinariamente abili" QUESTIONARIO AI COMITATI Nell'ottobre 2009 è stato proposto ai Comitati territoriali un questionario conoscitivo delle attività destinate ad atleti disabili i cui risultati principali sono riassunti nelle tabelle sotto riportate

10 ELABORAZIONE DATI QUESTIONARI Questionari complessivi Restituzione questionari (territoriali + regioni) Totale Tot Compilati % 59% Questionari comitati Totale Tot Compilati Restituzione questionari COMITATI 30 sono i comitati che dichiarano di avere una persona referente per l'attività disabili, 14 hanno una apposita commissione i rimanenti dichiarano di non avere, al momento della compilazione del questionario, persone o commissioni referenti. 44% 56% Questionari regioni Restituzione questionari REGIONI Totale Tot Compilati % Sono considerate 18 regioni in quanto Trento-Bolzano e Aosta sono stati considerati solo come comitati 83% 1. Comitati che svolgono attività sportiva con disabili Totale Attività sportiva con disabili 38% 62%

11 2. Destinatari Totale Fisico-sens. Intellet-relaz Entrambi n risp. Totale Compilati Destinatari attività Fisico-sens. Intellet-relaz Entrambi n risp. 3. Periodicità Totale 1-2 manif.annuali Periodica Continuativa Totale Compilati Periodicità manif.annuali Periodica Continuativa 4. Attività proposta Totale a b c d e f g h Totale Compilati a b c d e f g h Centri di Educazione motoria e/o sportiva Attività motoria riabilitativa Manifestazioni di gioco-sport solo per atleti disabili Manifestazioni di gioco-sport con partecipazione di ragazzi normodotati e disabili (squadre distinte) Manifestazioni di gioco-sport con integrazione ragazzi normodotati e disabili (squadre miste) Sporti individuali Sport di squadra Altro

12 Tipi di attività proposte a b c d e f g h 5. L'attività sportiva coinvolge Società affiliate al CSI? In parte Totale Coinvolgimento Società sportive 35% 13% 52% In parte Nella maggior parte dei casi tutte o alcune delle Società coinvolte nelle attività sportive proposte sono anche affiliate al CSI. Di queste Società circa la metà sono Società solo di atleti disabili, l'altra metà Società miste normodotati-disabili 7. Le Società sportive sono iscritte anche ad altri Enti sportivi Totale % Società iscritte ad altri Enti sportivi Nella maggior parte dei casi le Società sportive iscritte al CSI per l'attività disabili ed anche ad altri Enti lo sono anche per CIP o Special Olympics, in qualche caso le Società sono iscritte anche a Federazioni sportive o ad altri Enti di promozione. 70% 8. L'attività sportiva viene svolta in

13 collaborazione con altri Enti sportivi Poche Società (7) dichiarano di collaborare per lo svolgimento delle attività con il CIP, mentre una ventina collaborano con Special Olympics e una decina direttamente con il CONI, solo qualche unità (4 e 3) dichiarano di collaborare con altri Enti di promozione o con le Federazioni. Collaborazione con altri Enti sportivi 40% 60% 9.Altri Enti sportivi organizzano sul territorio attività sportiva per disabili CIP SO CONI FEDERAZ. ENTI P. ALTRO Enti che organizzano attività sui territori CIP SO CONI FEDERAZ. ENTI P. ALTRO Ente 10. Collaborerete in futuro? 61 6 può notare come nella maggior parte dei casi c'è la volontà di collaborare con altri soggetti che organizzano attività per disabili

14 Collaborazione futura con Enti sportivi 9% 91% 11. L'attività è svolta in collaborazione con Enti pubblici % Collaborazione con Enti pubblici Molto interessanti i dati delle collaborazioni con gli Enti pubblici: 20 circa i progetti in atto con i Comuni e con le Province, una decina con le regioni; 14 i progetti in atto con ASL, 10 con scuole e 5 con Uffici scolastici provinciali, 15 con Centri Socio Educativi e 20 con Associazioni di volontariato. 76% 12. L'attività è formalizzata attraverso progetti? L'attività è formalizzata attraverso progetti 45% 55%

15 17. Viene svolta attività formativa? Attività formativa 30% tratta soprattutto di attività di formazione per educatori sportivi di attività motoria per ragazzi disabili o per operatori sportivi di Centri Socio Educativi 70% 18. Viene svolta attività culturale? Attività culturale Interessante sottolineare come la maggior parte dei comitati che organizzano attività promuovano anche incontri, convegni, meeting di informazione, 45% 55% Le ultime 2 domande erano inerenti la programmazione 2009/10: circa 50 i comitati che dichiaravano di aver programmato attività sportiva per atleti disabili e circa 20 avevano programmato iniziative formative nel settore.

CAMBIAMENTO NELLA CONTINUITA INTEGRATA

CAMBIAMENTO NELLA CONTINUITA INTEGRATA CAMBIAMENTO NELLA CONTINUITA INTEGRATA E la prima volta, in questa tornata elettorale, che il Presidente Regionale CIP non sarà eletto dalle Società sportive dei disabili, ma dalle Federazioni olimpiche

Dettagli

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo;

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo; Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Protocollo d Intesa tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE e CSI CENTRO SPORTIVO ITALIANO

Dettagli

SPORT IN RETE PROGETTO DI SPORT SOLIDALE NELLE SCUOLE PRIMARIE

SPORT IN RETE PROGETTO DI SPORT SOLIDALE NELLE SCUOLE PRIMARIE SPORT IN RETE PROGETTO DI SPORT SOLIDALE NELLE SCUOLE PRIMARIE Anno Scolastico 2011-2012 L idea del progetto nasce da alcune esperienze maturate nel territorio di Nova Milanese negli ultimi anni: Proposte

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE

PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE PROTOCOLLO D INTESA TRA IL COMITATO ITALIANO PARALIMPICO ED IL CENTRO NAZIONALE SPORTIVO FIAMMA SPORT NAZIONALE Il Comitato Italiano Paralimpico (di seguito: CIP), con sede in Roma, Via Flaminia Nuova,

Dettagli

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it INSEGNAMENTO DELLO SCI ALPINO E DISABILI: L ESPERIENZA DELLA SCUOLA DI SCI SAUZE D OULX PROJECT e IL PROGETTO SciiAbiille 1 Premessa Gli effetti dell attività sportiva sul benessere fisico sono noti da

Dettagli

IL PROGETTO CULTURALE SPORTIVO

IL PROGETTO CULTURALE SPORTIVO L'Agorà rappresenta il tentativo del Centro Sportivo Italiano di raccontarsi nel terzo millennio. Attraverso convegni, dibattiti, iniziative sportive, animazione, spettacoli, ecc. si cercherà di individuare

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI

Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI progetto ATTIVITA SPORTIVE per il triennio 2013-2016 POF anno scolastico 2014/2015 DENOMINAZIONE PROGETTO: CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO

Dettagli

La Promozione della Salute e lo sport

La Promozione della Salute e lo sport La Promozione della Salute e lo sport Dott.ssa Chiara Tunini, Referente Pedagogico, Ass 2 Isontina Gorizia Festa dello Sport Monfalcone, 30 maggio 2009 1 La SALUTE è un bene di tutti! SALUTE applicare

Dettagli

IO GIOCO CON LEALTA UN PROGETTO DIDATTICO SPORTIVO

IO GIOCO CON LEALTA UN PROGETTO DIDATTICO SPORTIVO PRESENTANO IO GIOCO CON LEALTA UN PROGETTO DIDATTICO SPORTIVO Motivazioni Perché questo progetto Da una rapida analisi del rapporto tra società, dinamiche comportamentali e discipline sportive emerge chiaramente

Dettagli

Venezia 2014 XXX Giochi Nazionali Estivi

Venezia 2014 XXX Giochi Nazionali Estivi Venezia 2014 XXX Giochi Nazionali Estivi SPECIAL OLYMPICS è il più diffuso programma di attività sportive per persone con disabilità intellettive nel mondo. Fondato da EUNICE KENNEDY, sorella di JFK,

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce, da sempre a sostegno della pratica motoria

Dettagli

Unified Sport for All Attività sportiva unificata

Unified Sport for All Attività sportiva unificata Unified Sport for All Attività sportiva unificata Il progetto U.S.A. Unified Sport for All vuole offrire a ragazzi in età preadolescenziale e adolescenziale con disabilità intellettiva e relazionale, un'esperienza

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME!

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE. Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME! C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI PROGETTAZIONE SOCIALE Denominazione del progetto: HO TEMPO PER TE HO TEMPO PER ME! 1. Tipologia del progetto che si intende supportare barrare la casella

Dettagli

Genova 13 Settembre 2010

Genova 13 Settembre 2010 Genova 13 Settembre 2010 Progetto Giovani Matteo Quarantelli 2 La percezione della qualità di un servizio è generato dalla corrispondenza con le aspettative (bisogni) degli utenti. I nostri utenti sono

Dettagli

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Sport Equestri F.I.S.E.

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Sport Equestri F.I.S.E. Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Sport Equestri F.I.S.E. Protocollo d intesa tra il COMITATO ITALIANO PARALIMPICO e la FEDERAZIONE ITALIANA SPORT EQUESTRI

Dettagli

Indice. Profilo associazione e Case history: Volo a Scuola

Indice. Profilo associazione e Case history: Volo a Scuola Indice Profilo associazione e Case history: Volo a Scuola ISC chi siamo ISC - Iniziative Sportive e Culturali è un associazione sportiva dilettantistica, senza scopo di lucro, che si pone come mission

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio L INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, nell ambito della funzione assicurativa, assicura i lavoratori dal rischio di infortuni e ne garantisce il percorso riabilitativo

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Articolo 1 - Norme generali

CONVENZIONE. Tra. Articolo 1 - Norme generali CONVENZIONE Tra La Federazione Italiana Sport Disabilità Intellettiva Relazionale (di seguito FISDIR), con sede in Roma, Via Flaminia Nuova 830, nella persona del Presidente pro tempore Marco Borzacchini,

Dettagli

SICURETE XI/2 PIANO DI COMUNICAZIONE [gennaio 2011]

SICURETE XI/2 PIANO DI COMUNICAZIONE [gennaio 2011] SICURETE XI/2 PIANO DI COMUNICAZIONE [gennaio 2011] 1 Indice Parte prima - Elementi del Piano Obiettivi... 4 Pubblico di riferimento... 5 Strategie... 6 Contenuti... 6 Attività e strumenti... 7 2 Parte

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI ATTO N. 627 P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI Norme per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva per le persone disabili Depositato al Servizio Assistenza agli Organi, Iter

Dettagli

La Costituzione Italiana (articoli 2 e 3) riconosce che è garanzia della libertà il rispetto delle differenze di tutti e dell identità di ciascuno

La Costituzione Italiana (articoli 2 e 3) riconosce che è garanzia della libertà il rispetto delle differenze di tutti e dell identità di ciascuno Ufficio Scolastico Regionale Puglia Linee guida per la strutturazione di percorsi di Giocosport Integrato Sport Inclusion nella Scuola Primaria e Secondaria di I grado a cura del Comitato Italiano Paralimpico

Dettagli

1 Descrizione sintetica delle finalita' e dell'ambito di intervento del corso.. 3 1.1 Finalità... 3 1.2 Ambito di intervento...

1 Descrizione sintetica delle finalita' e dell'ambito di intervento del corso.. 3 1.1 Finalità... 3 1.2 Ambito di intervento... LO SPORT E PER TUTTI CORSO DI AGGIORNAMENTO: L OPERATORE SPORTIVO TRA DIVERSITA E DISAGIO (EDUCARE ALLO SPORT PERSONE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTA ) 2^ PARTE 1 INDICE 1 Descrizione sintetica delle finalita'

Dettagli

Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena

Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Anno Scolastico 2014/2015 Finalità Il progetto Scuola-Sport, da molti anni in vigore in tutte le scuole primaria del Comune di Modena,

Dettagli

Da settembre 2010, forti delle basi costruite e dell'esperienza dell'anno precedente è stata ripetuta l esperienza in maniera ancor più strutturata

Da settembre 2010, forti delle basi costruite e dell'esperienza dell'anno precedente è stata ripetuta l esperienza in maniera ancor più strutturata L'anno 2011-'12 vede la terza edizione del Progetto Campioni del Sole - Sport e diversa abilità. Nel corso del primo anno abbiamo dato il via al Progetto; ciò che noi definiamo anno zero, prefiggendoci

Dettagli

Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondariedi II grado Statali e non Statali Torino e Provincia Loro Sedi

Ai Dirigenti Scolastici delle Scuole Secondariedi II grado Statali e non Statali Torino e Provincia Loro Sedi Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Ufficio VIII Ambito territoriale per la provincia di Torino Ufficio Educazione Fisica e Sportiva di

Dettagli

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado

Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva. Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Proposta educativa e motoria per una cultura sportiva Progetto per la Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado triennio 2012/2013 2013/2014 2014/2015 PREMESSA La Fib, Federazione Italiana Bocce,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE DI TRIVENTO PROGETTO RELATIVO AI GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI ANNO SCOLASTICO 2007/2008 Nell ambito dell organizzazione dei giochi sportivi studenteschi,

Dettagli

PRESENTA IL PROGETTO

PRESENTA IL PROGETTO PRESENTA IL PROGETTO Lo sport è ormai universalmente riconosciuto avere valore educativo, culturale e sociale nello sviluppo psicofisico di ogni individuo; presenta caratteristiche comuni alla struttura

Dettagli

Totale delle classi partecipanti nell'anno scolastico 2007/08 2554

Totale delle classi partecipanti nell'anno scolastico 2007/08 2554 Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS Ufficio federale dello sport UFSPO Infrastruttura ed esercizio scuola in movimento, valutazione dell'anno scolastico

Dettagli

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI

F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI F.I.G.C. - Settore Giovanile e Scolastico CARTA DEI DIRITTI DEI BAMBINI E DEI DOVERI DEGLI ADULTI In tutti gli atti relativi ai bambini, siano essi compiuti da autorità pubbliche o da istituzioni private,

Dettagli

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELLO SPORT IN LOMBARDIA

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELLO SPORT IN LOMBARDIA INIZIATIVE A SOSTEGNO DELLO SPORT IN LOMBARDIA CRISTINA COLOMBO DIRETTORE GENERALE SPORT E POLITICHE PER I GIOVANI Milano, 28 luglio 2015 Sostegno a FSN e ASD Borsa dei giovani talenti sportivi 2 SOSTEGNO

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Rassegna Stampa. Giovedì 15 novembre 2012

Rassegna Stampa. Giovedì 15 novembre 2012 Rassegna Stampa Giovedì 15 novembre 2012 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 15 novembre

Dettagli

REGOLAMENTO ATTIVITA BAMBINI IN GIOCO & RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 8 TROFEO DON EUGENIO MONDINI 12 TROFEO BAMBINI & 28 TROFEO RAGAZZI

REGOLAMENTO ATTIVITA BAMBINI IN GIOCO & RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 8 TROFEO DON EUGENIO MONDINI 12 TROFEO BAMBINI & 28 TROFEO RAGAZZI CENTRO SPORTIVO ITALIANO CREMONA REGOLAMENTO BAMBINI IN GIOCO E RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 REGOLAMENTO ATTIVITA BAMBINI IN GIOCO & RAGAZZI IN SPORT 2014/2015 8 TROFEO DON EUGENIO MONDINI 12 TROFEO BAMBINI

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI MILANO

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI MILANO CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI MILANO PROGETTO SPORT E CARCERE SAN VITTORE 2013 / 2014 Il Centro Sportivo Italiano Il Centro Sportivo Italiano (C.S.I.) è una associazione non profit (cioè

Dettagli

Sport & Nutrizione 2016

Sport & Nutrizione 2016 SPORT VILLAGE CATONA PRESENTA Sport & Nutrizione 2016 Giocare - Crescere Mangiare Nei precedenti Camp organizzati nella struttura dello Sport Village si è ottenuto una larga adesione da parte di molte

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI F. GARELLI MONDOVI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI F. GARELLI MONDOVI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI F. GARELLI MONDOVI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Docente : Prof. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : PRIMA

Dettagli

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 promosso dalle Associazioni di volontariato E pas e temp, Unasam (Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale) e Associazione Club degli alcolisti in

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

Nell ottica dei nuovi bisogni rilevati in una società in accelerata trasformazione e continuo mutamento, abbiamo riscontrato la necessità e la

Nell ottica dei nuovi bisogni rilevati in una società in accelerata trasformazione e continuo mutamento, abbiamo riscontrato la necessità e la A TUTTO SPORT! Azioni sportive per una comunità in movimento PREMESSA Lo sport è un veicolo per le relazioni e, allo stesso tempo, un promotore di impegno e identità attivi; un punto di partenza dal quale

Dettagli

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Dal 3 al 6 aprile 2014 in Fiera a Vicenza, vi aspettano quattro giornate di divertimento alla scoperta del fascino degli sport,

Dettagli

Circolo Culturale Giovanile di Porta Romana Onlus

Circolo Culturale Giovanile di Porta Romana Onlus Circolo Culturale Giovanile di Porta Romana Onlus OSTELLO INTEGRATO VITA AUTONOMA CURATA PER PERSONE CON SINDROME DI DOWN L OSTELLO Totale 380 mq I NOSTRI tot. 8 camere PARTNER da letto tot. 22-24 posti

Dettagli

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA LO SPORT RIVESTE UNA PARTICOLARE IMPORTANZA NEL PROCESSO EVOLUTIVO

Dettagli

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Associazione Uniti per Crescere Onlus Anno scolastico 2015-2016 CON IL PATROCINIO: COMUNE DI PADOVA Titolo del Progetto:

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 13-11-2012 SCHEDA di presentazione progetti 1 Codice progetto 1 CEM_1_2012 2 Titolo

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION

DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION CENTRO EUROPEO DI RICERCA E PROMOZIONE DELL'ACCESSIBILITÀ EUROPEAN CENTRE OF RESEARCH AND ACCESSIBILITY PROMOTION Associazione O.n.l.u.s. C.E.R.P.A. ITALIA via Palermo, 23B 38100 TRENTO (I) Tel. (39) 0461

Dettagli

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B.

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B. Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Bocce F.I.B. Protocollo d intesa tra il COMITATO ITALIANO PARALIMPICO e la FEDERAZIONE ITALIANA BOCCE Il Comitato Italiano

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015 Comune di Venezia Direzione Politiche Educative, della Famiglia e Sportive Settore Politiche Educative Servizi Educativi Territoriali Coordinamento Psicopedagogico Lido 1 PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Bassa Val di Sole piano operativo giovani anno 2012 Sommario SPLASH - CALCIO SAPONATO 2012 (BVS_6_2012)...

Piano Giovani di Zona di Bassa Val di Sole piano operativo giovani anno 2012 Sommario SPLASH - CALCIO SAPONATO 2012 (BVS_6_2012)... Piano Giovani di Zona di Bassa Val di Sole piano operativo giovani anno 2012 Sommario SPLASH - CALCIO SAPONATO 2012 (BVS_6_2012)... 1 29-10-2012 SCHEDA di presentazione progetti 1 Codice progetto 1 BVS_6_2012

Dettagli

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI (PROGETTO H ).

PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA FORMATIVE PER ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI (PROGETTO H ). A I S T I T U T O M A G I S T R A L E S T A T A L E T O M M A S O S T I G L I A N I con Indirizzi: LICEO SCIENZE UMANE - LICEO SCIENZE UMANE opzione ECONOMICO SOCIALE LICEO LINGUISTICO LICEO MUSICALE Via

Dettagli

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it

Vivi un mondo accessibile con Abiliatour. www.abiliatour.it Vivi un mondo accessibile con Abiliatour www.abiliatour.it Che cos è Abiliatour O.N.L.U.S. L Associazione Abiliatour O.N.L.U.S. ha come scopo principale l assistenza e l aiuto alle persone disabili e alle

Dettagli

YZ Volley A.S.Dilettantistica Via Filippo De Pisis, 9 40133 Bologna P.IVA 03226041204 Progetto per la pallavolo nelle scuole di Bologna. Pag.

YZ Volley A.S.Dilettantistica Via Filippo De Pisis, 9 40133 Bologna P.IVA 03226041204 Progetto per la pallavolo nelle scuole di Bologna. Pag. Premessa... 3 Le società sportive coinvolte nel progetto... 3 Obiettivi... 4 Il progetto... 4 Obiettivi didattici nelle scuole... 5 Gli eventi... 5 La visibilità del progetto... 6 I coordinatori del progetto...

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

DIREZIONE CULTURA, TURISMO E SPORT SETTORE SPORT PIANO ANNUALE DEGLI INTERVENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA PER L ANNO 2012

DIREZIONE CULTURA, TURISMO E SPORT SETTORE SPORT PIANO ANNUALE DEGLI INTERVENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA PER L ANNO 2012 DIREZIONE CULTURA, TURISMO E SPORT SETTORE SPORT PIANO ANNUALE DEGLI INTERVENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA PER L ANNO 2012 Obiettivi, priorità e criteri generali di utilizzo e di assegnazione delle risorse

Dettagli

Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl

Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Sport ed Economia: analisi della situazione e dati Treviso, 22 giugno 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl 1 Premessa Il fenomeno sportivo nelle sue diverse sfaccettature ha

Dettagli

TALENTI 2020 Il progetto pilota dello sport giovanile italiano Trentino 2011-2020

TALENTI 2020 Il progetto pilota dello sport giovanile italiano Trentino 2011-2020 PROGETTO TALENTI 2020 Il progetto pilota dello sport giovanile italiano Trentino 2011-2020 FEDERICO SCHENA ANDRO FERRARI CRISTIAN SALA Roma, 12 giugno 2012 Talenti Trentini Progetto Talenti 2020 Trentino

Dettagli

PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia. Biella 18-25 Giugno 2012

PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia. Biella 18-25 Giugno 2012 PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia Biella 18-25 Giugno 2012 In occasione dei XXVIII Giochi Nazionali Estivi Special Olympics che si terranno a Biella dal 18 al 25 Giugno

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Compagni di Cordata. Prof. Stefano Dati. Roma. sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità

Compagni di Cordata. Prof. Stefano Dati. Roma. sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità Compagni di Cordata sport invernali per l empowerment e l inclusione delle diverse abilità Progetto Finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali legge 383/2000 F/2013 Prof. Stefano Dati

Dettagli

CERIMONIA DI CONSEGNA DI QUATTRO DEFIBRILLATORI ALLE SCUOLE FERRARESI

CERIMONIA DI CONSEGNA DI QUATTRO DEFIBRILLATORI ALLE SCUOLE FERRARESI CERIMONIA DI CONSEGNA DI QUATTRO DEFIBRILLATORI ALLE SCUOLE FERRARESI Per gli studenti del Liceo Scientifico Roiti e del Liceo Artistico Dosso Dossi, per quelli delle scuole medie Dante Alighieri e Matteo

Dettagli

REGOLAMENTO. Introduzione. Finalità

REGOLAMENTO. Introduzione. Finalità REGOLAMENTO Introduzione I Giochi della Gioventù (GdG) sono promossi dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e sono organizzati dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (Coni)

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA "Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili" A.S.2014/15

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA Per un'inclusione consapevole degli alunni diversamente abili A.S.2014/15 ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO STATALE "RENATO FUCINI" Scuola Infanzia-Primaria e Secondaria di I grado di Monteroni d' Arbia e Murlo Viale delle Rimembranza, 127- tel. 0577/375118- fax 0577/372049 email

Dettagli

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S.

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S. Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S. Protocollo d intesa tra il COMITATO ITALIANO PARALIMPICO e la FEDERAZIONE ITALIANA SCHERMA Il Comitato

Dettagli

Oggetto: Proposta progettuale

Oggetto: Proposta progettuale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania DIREZIONE DIDATTICA STATALE MONDRAGONE TERZO Tel./fax Uff. D.S.G.A. 0823-97812 -Via Duca degli Abruzzi

Dettagli

LO SPORT VA A SCUOLA

LO SPORT VA A SCUOLA Provincia di Pisa LO SPORT VA A SCUOLA giocosport - sport in cartella i colori dello sport studente chiama sport lo sport contro il fumo - nuoto in cartella PROGETTO QUADRO PROVINCIALE PER LE ATTIVITA

Dettagli

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP Il Comitato Italiano Paralimpico continuerà, anche in futuro, ad avere una competenza diretta su tutta l attività di avviamento allo sport. La gestione delle attività

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP. C.A.S.P. - Centri Avviamento Sport Paralimpico ANNO SPORTIVO 2010/2011

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP. C.A.S.P. - Centri Avviamento Sport Paralimpico ANNO SPORTIVO 2010/2011 ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP Il Comitato Italiano Paralimpico continuerà, anche in futuro, ad avere una competenza diretta su tutta l attività di avviamento allo sport. La gestione delle attività

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR COMUNICATO STAMPA 26/2003 Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra e MIUR (TORINO, 17 MARZO 2003) Valentino Castellani, presidente del e la senatrice Maria Grazia Siliquini, sottosegretario

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MOTORIE Docente : PROF. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : II A CAT CONTESTO DELLA

Dettagli

CAPITAN UNCINO. In mare aperto per tutte le abilità. associazione MAGNA GRECIA MARE

CAPITAN UNCINO. In mare aperto per tutte le abilità. associazione MAGNA GRECIA MARE CAPITAN UNCINO In mare aperto per tutte le abilità Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nell ambito della Legge 383 di promozione sociale. Lettera F/2011 L IDEA Ÿ Lo sport

Dettagli

CHE COS È IL DOSSIER DEL VOLONTARIATO?

CHE COS È IL DOSSIER DEL VOLONTARIATO? VOLONTARIATO GIOVANE: ENERGIA RINNOVABILE PER I VOLONTARI Il dossier del volontariato si inserisce nel quadro delle attività previste nell ambito del progetto provinciale «Mosaico Giovani». In qualità

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI TRENTO

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI TRENTO CANDIDATURA A PRESIDENTE TERRITORIALE nat a il comune di nascita di nascita residente a Via n comune di residenza Via tesserato per l A.S.2011/2012 presso il Comitato Territoriale di alla con tessera n

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SERGNANO Via al Binengo, 38-26010 SERGNANO CR) Telefono 0373/41168 Fax 0373/419397

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SERGNANO Via al Binengo, 38-26010 SERGNANO CR) Telefono 0373/41168 Fax 0373/419397 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SERGNANO Via al Binengo, 38-26010 SERGNANO CR) Telefono 0373/41168 Fax 0373/419397 1 LO SPORT PER TUTTI L S O P O RT P T E R T UT I Progetto Tecnico per l attività di avviamento

Dettagli

PROGETTO D ISTITUTO, ATTUATO IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA, IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI

PROGETTO D ISTITUTO, ATTUATO IN TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA, IN COLLABORAZIONE CON GLI ENTI LOCALI ISTITUTO COMPRENSIVO Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I I. O. Griselli Via Roma, 55-56040 MONTESCUDAIO(PI) Tel. 0586/650053 - Fax 0586/650488 e-mail: istcomp.griselli@tiscali.it Web: www.istitutogriselli.it

Dettagli

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI Anno scolastico 2014/2015 1 PROGETTO INTERISTITUZIONALE ( SCUOLA-ENTE LOCALE-ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO) PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI 1. Premessa La Scuola

Dettagli

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI

C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI C1) PROGRAMMA OPERATIVO DEI SERVIZI AI PROGETTI Denominazione del progetto ORA NON SIAMO PIU SOLI 1. Tipologia del progetto che si intende supportare barrare la casella di riferimento: X progettazione

Dettagli

PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI 2010/2011

PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI 2010/2011 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALDA COSTA Scuola secondaria di I grado M. M. Boiardo PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI 2010/2011 Referente : prof.ssa Roberta Michelini Obiettivo generale Rispondere ai

Dettagli

Giro d Italia: nutrizione e sport, binomio vincente nel segno di Expo Milano 2015

Giro d Italia: nutrizione e sport, binomio vincente nel segno di Expo Milano 2015 INTRODUZIONE Expo 2015 è una ribalta internazionale che intende mostrare al mondo intero le opportunità della sana alimentazione, dell economia basata sul valore delle agricolture locali e sulla vivibilità

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

Cooperativa Tempo per l Infanzia ONLUS

Cooperativa Tempo per l Infanzia ONLUS CARTA DEI SERVIZI Servizi socio-educativi per disabili e loro famiglie Questo documento vuole far conoscere in modo chiaro i servizi che la Cooperativa Tempo per l Infanzia, offre nell ambito dei ragazzi

Dettagli

Disabilità, Scuola e Sport

Disabilità, Scuola e Sport MIUR FIDAL Perché e Come fare Atletica Leggera a Scuola Corso di formazione e aggiornamento di Atletica Leggera per gli insegnanti di educazione fisica delle scuole secondarie di 1 e 2 Disabilità, Scuola

Dettagli

PIANO FORMATIVO 2014/2015

PIANO FORMATIVO 2014/2015 PIANO FORMATIVO 2014/2015 Il CFP Francesco d Assisi La Cooperativa "Francesco d'assisi" gestisce da più di otto anni un Centro di Formazione Professionale accreditato presso la Regione Veneto, rivolto

Dettagli

I.C. L.SETTEMBRINI Via Sebenico - ROMA

I.C. L.SETTEMBRINI Via Sebenico - ROMA I.C. L.SETTEMBRINI Via Sebenico - ROMA Piano Offerta Formativa Scheda sintetica Progetto/Attività a.s. 2015-2016 Denominazione del Progetto: EDUCAZIONE MOTORIA e GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI Esercizio

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: A MAGLIE FITTE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale Area di Intervento: Attività di tutoraggio scolastico

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA Premessa Il Progetto Giochi Sportivi Studenteschi si propone di rimarcare l importanza della: Corporeità e della motricità, intese come elementi portanti

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA AREA 10 Politiche Formative e Istruzione Servizio Formazione Professionale Ufficio Programmazione

PROVINCIA DI GENOVA AREA 10 Politiche Formative e Istruzione Servizio Formazione Professionale Ufficio Programmazione PROVINCIA DI GENOVA AREA 10 Politiche Formative e Istruzione Servizio Formazione Professionale Ufficio Programmazione Documento sulle attività formative, per allievi disabili, previste dalla Legge Regionale

Dettagli

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO

IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO IL PROGETTO EDUCATIVO SPORTIVO Aprile 2013 1 La Polisportiva San Marco è una realtà presente all interno dell Oratorio San Marco dal 1970 e si propone di educare ai valori cristiani attraverso la pratica

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

METODOLOGIE E STRUMENTI PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PSICOLOGIA SCOLASTICA

METODOLOGIE E STRUMENTI PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PSICOLOGIA SCOLASTICA METODOLOGIE E STRUMENTI PER L ATTIVAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PSICOLOGIA SCOLASTICA 1. CARATTERISTICHE DELL ATTIVITA' DI PSICOLOGIA SCOLASTICA è un importante strumento per la gestione delle risorse

Dettagli

Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca. Comune di Castelnuovo Rangone. Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012

Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca. Comune di Castelnuovo Rangone. Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012 Allegato A Lettera e mail di presentazione della ricerca Comune di Castelnuovo Rangone Prot. n. 27961 Vignola, 8 novembre 2012 Al Dirigente / Responsabili dei servizi della struttura Welfare dell Unione

Dettagli