1.1 - L handicap ROMA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1 - L handicap ROMA"

Transcript

1 CAPITOLO 1 Introduzione e cenni storici L handicap L etimologia più probabile della parola handicap è dalla locuzione inglese, hand in cap, (la mano nel cappello), derivante da un gioco d azzardo in voga nell Inghilterra dell Un altra correlazione ipotizzata ad alcuni, sia pure meno attendibile sul piano etimologico, è l atteggiamento cap in the hand, del mendicante invalido; probabilmente quest ultima è un estensione semantica dispregiativa del nesso iniziale mano-cappello con il concetto di limitazione funzionale. Nella lingua italiana i vocaboli storicamente in uso fi no al recente passato han sempre posto l accento su ciò che mancava alla persona, piuttosto che sul residuo funzionale. Dal latino defi ciens, divenuto da tempo un semplice insulto, si è passati a menomato, invalido, minorato, ecc. La tendenza del lessico popolare ad appropriarsi della terminologia medica per esprimere concetti peggiorativi fi no all insulto, ha fatto sì che parole inizialmente descrittive e più o meno neutre, come defi ciente, nevrotico, represso, ecc, siano state gradualmente introdotte nell uso comune con connotazioni dispregiative. Alcuni preferiscono il termine disabile all aggettivo handicappato, essendosi nel tempo anche questa parola parzialmente deteriorata nel senso comune a causa dell abuso cui è stata sottoposta. Se il termine handicappato non è, o non dovrebbe risultare, dispregiativo, per contro il termine disabile non nasce 1 Secondo un altra ipotesi (attraente ma poco probabile) era, nelle competizioni ippiche dell 800, la posizione dei fantini cui toccava in sorte il cavallo migliore, per compensare il vantaggio con un defi cit nella guida dell animale

2 2 Handicap e sport come un complimento, a cagione del prefi sso greco dis (δις) che analogamente ad altri termini 2 non suggerisce l idea di un abilità di qualità elevata 3. La terminologia suggerita dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO), ripercorre e sintetizza un po il percorso storico di queste parole. Il termine di più recente conio fa riferimento ad una persona diversamente abile; indubbiamente tale concetto suggerisce che l abilità, elaborata dall invalido per superare l handicap, possiede, nella sua differenza, un valore intrinseco di uguaglianza qualitativa (se non di superiorità 4 ) in paragone alle abilità espresse da un individuo normodotato; si privilegia dunque il concetto di una pluralità di differenti abilità, in contrapposizione all unicità dell agire standardizzato 5. Fin qui la storia delle parole, con le quali uomini di buona volontà esprimono un pensiero (o tentano di indirizzarlo) ma di volta in volta le menomazioni e gli handicap, si sono colorati di sfumature di totale accettabilità o di insuperabile rigetto a seconda del contesto in cui l individuo si è trovato. Oggi si tende a spostare l attenzione dalla menomazione per focalizzarla sull interazione tra l individuo e l ambiente, sull incontro con gli ostacoli (naturali o artifi ciali) che l ambiente o la società, pongono al disabile: quando un uomo in carrozzina incontra uno scalino, l handicap, nel linguaggio dell uomo comune, qual è: la paraplegia o il gradino? E in quanti momenti della giornata ci si imbatte in contesti che escludono più o meno consciamente chi non risponda ai requisiti di una effi cienza fi sica perfetta, laddove con pochi accorgimenti si potrebbe realizzare una vera integrazione (Pèrez de Leza), a parole tanto ricercata? Lo sport Lo sport (Fig. 1) può costituire un occasione stimolante per tentare di elaborare i concetti sopraesposti e il contesto sportivo, essendo arbitrario e modulabile per defi - nizione, può rivelarsi un terreno fertile per esperimenti di integrazione pratica. Il confronto fisico tra individui e la ricerca di un miglioramento prestativo è antico quanto l uomo; il cocktail di gioco e competitività (il ludus e l agone) che accompagna le attività fi siche di svago ha variato nel tempo e nelle differenti culture le sue caratteristiche etiche e le sue regole. 2 Disservizio, disordine, ecc. 3 Il che è l esatto contrario del vero, poiché la prestazione resa da un disabile è spesso (se non sempre), proprio a causa dell handicap, di fatto di qualità superiore a quella di un normodotato, dovendo recuperare una condizione di svantaggio 4 Giacché, per defi nizione, è tesa a risolvere un problema di diffi coltà superiore, donde il termine utilizzato da alcuni di superabile 5 Spero di aver chiarito in questa premessa la diffi coltà (e talvolta, purtroppo, l aleatorietà) della scelta dei termini per le defi nizioni. Nel testo utilizzerò di volta in volta tutti i lemmi elencati: menomazione, defi - cit, handicap, disabilità, diversa abilità, tentando di farlo nelle accezioni più diffuse (ancorchè non da tutti condivise), consapevole della loro perenne evoluzione lessicale e semantica.

3 Introduzione e cenni storici 3 Fig. 1 - Giocatore di pallacanestro in carrozzina La valutazione della prestazione umana e del confronto non conosce confi ni storici né geografi ci. Il riferimento culturale più documentato dell attività sportiva in epoca storica sono i giochi della Grecia classica; oltre ai Giochi Pitici (o Delfi ci) dedicati ad Apollo, quelli Nemei in onore di Zeus e quelli Istmici per Poseidone, la manifestazione la cui fama ha subissato le altre divenendo nel XIX secolo (più o meno propriamente) un modello da inseguire in nome del concetto astratto di sportività sono sicuramente i Giochi Olimpici, iniziati nel 776 a.c. e sospesi defi nitivamente nel 393 d.c. dall Imperatore Romano Teodosio 6, su indicazione di Sant Ambrogio, vescovo di Milano. Lo sport moderno nasce dal progetto ottocentesco di De Coubertin 7 di rinnovare i fasti delle competizioni sportive di alto livello dell era classica attraverso la fondazione e lo sviluppo di un movimento sportivo e culturale che riunisse in sè i princi- 6 In quanto riti pagani invisi alla cultura cristiana dell Impero del IV secolo 7 Pierre de Frédy, barone De Coubertin, pedagogo e storico francese (Parigi, 1863 Ginevra, 1937)

4 4 Handicap e sport pi della mens sana in corpore sano e i canoni olimpici dell antica Grecia, integrati da elementi etici legati ai codici cavallereschi medioevali idealizzati. Alla ritualità pagana che accompagnava il vincitore divinizzato dell Evo antico si sostituiscono parzialmente nell 800 i valori di più recente rivalutazione del confronto e della partecipazione cooperativa al risultato; non scompare tuttavia del tutto la sacralizzazione divistica del campione 8. Ma il movimento culturale delle Olimpiadi moderne, iniziate nel 1896, si basava inizialmente sull esaltazione della forza e del vigore fi sico intesi come valori assoluti (citius, fortius, altius) e, analogamente all antica Grecia, riferiti essenzialmente alle prestazioni atletiche di giovani adulti, sani e di sesso maschile. Nel nostro secolo la mentalità sportiva si è progressivamente allontanata da questa matrice culturale iniziale, valorizzando in momenti successivi gli atleti in età evolutiva, l attività sportiva femminile 9, e la pratica da parte di amatori anziani. Da un campione assoluto, espressione della massima prestazione possibile, e per forza di cose maschio e nel fi ore degli anni, si è passati al riconoscimento ed alla valorizzazione di prestazioni fi siche di individui appartenenti a gruppi distinti per sesso ed età; non è più quindi la prestazione in sè a consentire di cingere il capo con l alloro della vittoria, ma il valore relativo all espressione fi sica di altri atleti appartenenti ad un insieme in cui si presume che tutti possiedano le stesse potenzialità. Ecco che le competizioni si svolgono isolando in genere i maschi dalle femmine, i bimbi dagli adulti e gli anziani dai giovani: si è primi inter pares ed il significato della performance raggiunta coincide col valore del miglioramento prestativo individuale, che gradualmente prende il posto (almeno in parte) della misurazione assoluta del risultato. Il processo evolutivo della mentalità sportiva in tale direzione compie un ulteriore passo in avanti con la nascita dello sport per disabili. In questo ambito il risultato agonistico è espressione suprema della capacità di migliorare i propri limiti, resi ristretti dalla patologia invalidante, e si svincola totalmente dalla glorifi cazione delle prestazioni fi ni a se stesse. Durante la seconda guerra mondiale, i primi disabili motori a dedicarsi sistematicamente all allenamento sportivo furono, nel 1944, dei reduci paraplegici britannici dell ospedale di Stoke Mandeville (GB), per iniziativa del neurochirurgo tedesco Sir Ludwig Guttmann 10. A distanza di pochi anni, dall altra parte della Manica, reduci non vedenti della Wehrmacht sperimentavano in Germania le prime modalità di gioco sportivo per non vedenti, il goalball. 8 Nell evo antico si riteneva che egli primeggiasse non solo e non tanto per meriti propri, quanto perché prediletto dagli dei. Per tale motivo venivano eretti veri e propri altari dedicati al reduce vittorioso di Olimpia che assurgeva al rango di nume tutelare della città di appartenenza. Uno sguardo disincantato alle manifestazioni, per l appunto, divistiche dei campioni odierni non fatica a scorgere ingombranti analogie 9 Che pure vanta il glorioso precedente dei giochi dell antica Sparta, nei quali gareggiavano giovani di entrambi i sessi, sia pure in competizioni separate (Fittà). Il primo centro italiano di attività sportiva femminile aperto (tra molte diffi coltà) in età moderna fu la Scuola normale di ginnastica preparatoria femminile, istituita a Torino nel Neurochirurgo tedesco di religione ebraica, emigrato in Gran Bretagna nel 1939 per sfuggire alle persecuzioni naziste ( )

5 Introduzione e cenni storici 5 L iniziativa del Dr. Guttmann, che studiò e realizzò con grande determinazione dei programmi di allenamento per disabili, facendovi partecipare tutti i pazienti che si presentavano al suo centro, ebbe molto successo, ed il 29 Luglio si tennero i primi Giochi di Stoke Mandeville per atleti disabili, cui parteciparono sportivi handicappati ex membri delle Forze Armate britanniche. Grazie allo sport i pazienti paraplegici del Dr. Guttmann (defi nito da Papa Giovanni XXIII il De Coubertin dei disabili ) cominciarono a sviluppare la muscolatura delle braccia e delle spalle, raggiungendo rapidamente risultati macroscopicamente superiori a quelli della normale chinesiterapia. Inoltre lo sport, aiutando ad acquisire equilibrio ed abilità motorie nell uso della sedia a rotelle, consentiva a questi paraplegici di servirsi più effi cacemente di tale mezzo di locomozione nella normale vita di relazione. Tali attività destarono molto scalpore, e medici e tecnici di tutto il mondo visitarono il centro di Stoke Mandeville per apprendere tali metodologie riabilitative. Nel 1952 per la prima volta i Giochi di Stoke Mandeville divennero internazionali, con la partecipazione di Germania, Olanda, Svezia e Norvegia; fi nalmente nel 1960 si svolsero nel contesto delle Olimpiadi di Roma, dove accorsero 400 atleti disabili da tutto il mondo, e a Tokio, nel 1964, fu coniato il nome Paralympics, che nel tempo avrebbe sostituito l acronimo ISMG 12. Era nata dunque l International Stoke Mandeville Games Federation (ISMGF), che da allora indìce annualmente una manifestazione sportiva comprendente vari sport, come il nuoto, le corse, i lanci, il tiro con l arco, la pallacanestro, la scherma, il tennistavolo, il tiro a segno, le bocce. Tali Giochi hanno fatto registrare un continuo aumento del numero di partecipanti, ed oggi quasi tutti i Paesi del mondo vi inviano atleti. Poichè l attività dell ISMGF era limitata alla organizzazione di Giochi solo per atleti affetti da patologie del midollo spinale, ben presto handicappati di altro genere (prevalentemente ciechi e amputati) avvertirono l esigenza di associarsi per poter partecipare anche essi a manifestazioni sportive. In occasione delle Olimpiadi di Roma si posero le basi per effettuare regolarmente in futuro dei Giochi per handicappati, da tenersi, per quanto possibile, nella stessa città dei Giochi Olimpici e nello stesso anno. Nel 1964 fu così fondata l International Sport Organisation for Disabled (ISOD), e nel 1980 si formarono l International Blind Sport Association (IBSA) ed il Cerebral Palsy Sport and Recreation Association (CP-ISRA), associazioni che si occupano rispettivamente di amputati, ciechi e cerebrolesi; in un tempo successivo, l ISOD ha allargato le proprie competenze anche ad altre patologie invalidanti 13. Così, nel 1964 vi fu un Olimpiade per disabili a Tokyo, con 390 partecipanti; nel 1968 ben 750 atleti su sedia a rotelle presero parte ai Giochi di Ramat Gan (Tel Aviv), località offerta da Israele per indisponibilità di Città del Messico. In tale occasione un pubblico di persone acclamò gli sportivi handicappati alla cerimonia di apertura nello stadio di Gerusalemme. Molti sport si sono aggiunti nel corso degli anni alle prime discipline introdotte a Stoke Mandeville. 11 In coincidenza con la cerimonia di apertura dei giochi Olimpici di Londra 12 International Stoke Mandeville Games 13 Curiosamente defi niti Les Autres

6 6 Handicap e sport Nel 1972 i Giochi si svolsero ad Heidelberg (Germania), ed i partecipanti furono più di In occasione dei Giochi Olimpici di Montreal del 1976, i Giochi per disabili ebbero luogo a Toronto (Canada), e per la prima volta vi parteciparono atleti membri dell ISOD; si videro quindi, tra i 1500 partecipanti, gareggiare anche atleti non vedenti od amputati. Nel 1980, 2500 sportivi disabili presero parte ai Giochi di Arnhem (Olanda); nel 1984 le olimpiadi dei disabili si svolsero in parte a New York (1750 atleti) ed in parte ad Aylesbury (Gran Bretagna 1100 partecipanti). Nel 1982, ISMGF, ISOD, IBSA e CP-ISRA fondarono un comitato internazionale di coordinamento (ICC) delle organizzazioni sportive mondiali per i disabili, preposto alla codifi - ca ed alla stesura delle regole tecniche ed organizzative dei Giochi Paralimpici. Nel 1986 fu fondata l International Sports Federation for Persons with Intellectual Disability (INAS-FID), cui attualmente aderiscono 87 nazioni, per gli sportivi affetti da disabilità mentale. Nel 1988 a Seoul (Corea del Sud), in una importante manifestazione successiva alle Olimpiadi, gareggiarono ben 3200 atleti disabili provenienti da 65 Nazioni, al cospetto di un pubblico di persone; a Seoul nacque il termine Paralimpiade, con il signifi cato di Olimpiade parallela (a prescindere dalla probaibile contaminazione etimologica con il termine paraplegia). Con le Paralimpiadi di Barcellona del 1992 vi è stato un notevole salto di qualità per quanto riguarda l aspetto organizzativo e multimediale: centinaia di autobus adattati a disposizione, personale specializzato, mezzi di ogni genere e una capillare campagna informativa mediatica che poneva insistentemente lo sport Paralimpico sul piano di quello per normodotati. Nel frattempo l ISMGF aveva cambiato il proprio nome in ISMWSF (Internationale Stoke Mandeville Wheelchair Sport Federation), a sottolineare l inclusione di tutte le attività in sedia a rotelle, a prescindere dalla tipologia di handicap. Ad Atlanta, nel 1996, sia pure con una organizzazione logistica in tono minore rispetto alla paralimpiade precedente, grande risonanza hanno avuto gli eventi sportivi, anche nel nostro paese; di gran lunga migliori sono state le Paralimpiadi di Sidney del 2000, anche per merito dell impressionante numero di volontari entusiasti, come pure nell edizione di Atene 2004, in cui il livello organizzativo ha eguagliato i giochi Olimpici per normodotati, e dove nuovi record sono stati abbattuti e per molte discipline il livello prestativo ha superato limiti un tempo ritenuti invalicabili. Nel 2004, in occasione dei giochi di Atene, ISOD e ISMWSF si sono fuse nell International Wheelchair & Amputee Sport Federation (IWAS), per meglio coordinare le proprie forze nell ambito dell organizzazione degli eventi sportivi, dell evoluzione tecnica e della ricerca medico scientifi ca. Un signifi cativo salto di qualità è avvenuto in occasione delle Paralimpiadi di Pechino 2008, dove l aspetto organizzativo ha toccato vertici diffi cilmente eguagliabili, in relazione all effi cienza ed alla modernità delle strutture a disposizione, alle dimensioni dell apparato organizzativo e all impressionante numero di volontari coinvolti; a Pechino nuovi record sono stati abbattuti e per molte discipline il livello prestativo ha superato limiti un tempo ritenuti invalicabili. Dal 1976 si svolgono regolarmente anche le Paralimpiadi Invernali: la prima edizione si svolse a Ornskoldsvik (Norvegia); nel 1980 a Glilo (Svezia). Le due edizioni del 1984 e del 1988, sono state ospitate entrambe da Innsbruck (Austria). Dal 1992

7 Introduzione e cenni storici 7 (Albertville) i giochi per disabili si sono sempre svolti congiuntamente ai giochi per normodotati; in tale occasione debuttarono, oltre ai disabili motori e sensoriali, anche sportivi affetti da handicap mentale. Dopo le gare di Nagano (Giappone) svoltesi nel Marzo 1998, e quelle di Salt Lake City del 2002, gli ultimi impegni agonistici per gli sportivi disabili di tutto il Mondo praticanti Sport invernali sono state le Paralimpiadi invernali di Torino Inizialmente riservati ad amputati o videolesi, i Giochi Paralimpici Invernali si sono aperti alla partecipazione anche di paraplegici e di cerebrolesi: gli atleti che rientrano in queste due ultime categorie gareggiano in genere su slitta. Attualmente gli sportivi handicappati praticano le più svariate discipline: arrampicata sportiva, atletica leggera, automobilismo, attività subacquee, badminton, beach volley, biliardo, bocce, bowling, calcio (a 4, a 5, a 7 e a 11), canoa, canottaggio, ciclismo su pista e su strada, curling, danza, equitazione, ginnastica, goalball, golf, handcycling, hockey indoor, hockey su ghiaccio, judo, kayak, lotta, nuoto, orienteering, pallacanestro, pallamano, pallanuoto, pallavolo, pattinaggio a rotelle, pattinaggio su ghiaccio, pesca sportiva, rafting, rugby, scherma, sci alpino, sci nautico, sci nordico, showdown, slittino, snowboard, snowshoeing, sollevamento pesi, tennis, tennis da tavolo, tiro a segno, tiro con l arco, torball, triathlon, vela, windsurf. Per quanto riguarda gli sportivi non udenti, dal 1924 a Parigi si sono svolti regolarmente dei giochi olimpici per tali atleti denominati Deafl ympics, l ultimo dei quali a Melbourne nel 2005; dal 1949 (Seefeld) si sono aggiunti i giochi invernali. Il movimento sportivo dei non udenti italiani si organizza dal 1929 come Comitato Sportivo Sordomuti Italiani (CSSI), cui sono seguiti il Centro educazione Fisica e Sport (CEFS) e la Federazione Sport Silenziosi d Italia (FSSI, poi FISS). In Italia tutte le attività sportive per atleti diversabili sono gestite e coordinate dal Comitato Italiano Paralimpico (CIP), erede dal della Federazione Italiana Sport Disabili (FISD), nata a sua volta dalla fusione della Federazione Italiana Sport Handicappati (FISHa, disabilità psichiche e motorie) fondata nel 1980, della Federazione Italiana Ciechi Sportivi (FICS, atleti non vedenti), fondata nel 1980, e dalla Federazione Italiana Sport Silenziosi (FISS, atleti non udenti). Il CIP, istituito con la Legge 189 del , e il DP , è deputato dallo Stato a promuovere la massima diffusione della pratica sportiva per disabili in ogni fascia di età e popolazione ed è affiliato alle varie organizzazioni internazionali citate; al CIP afferiscono le varie discipline sportive, coordinate nell ambito dei rispettivi dipartimenti, così suddivisi: dipartimento pallacanestro pallavolo, dipartimento sport dell'acqua (nuoto, canoa, kayak, vela, canottaggio, waterbasket), dipartimento atletica leggera, dipartimento scherma, tiro con l'arco, tiro a segno, dipartimento sport invernale (sci alpino, sci nordico, curling, biathlon, hockey su slitta sul ghiaccio, danza sportiva in carrozzina), 14 Nel 2004 è uscito il decreto di attuazione della legge 189/2003 norme per la promozione della pratica dello sport da parte delle persone disabili, che istituisce il CIP, ponendo in essere un progetto dell exatleta e poi Presidente Dott. Avv. Luca Pancalli (1964-)

8 8 Handicap e sport dipartimento tennis, tennistavolo, bocce, showdown, dipartimento attività di squadra, dipartimento ciclismo, equitazione, judo, dipartimento disabilità intellettivo relazionale. Per gli sport non compresi nei propri dipartimenti, il CIP sigla degli accordi con le specifi che federazioni, tra cui l Associazione Scacchisti Ciechi Italiani, la Federazione Italiana Golf Disabili, la Federazione Italiana Attività Subacquee per Disabili, la Federazione Italiana Wheelchair Hockey, la Federazione Italiana Sportiva Automobilismo Patenti Speciali, ecc. Atleti affetti da handicap mentale svolgono attività sportiva anche nell ambito del movimento Special Olympic, un programma internazionale di allenamento nato negli Stati Uniti nel 1968, riconosciuto nel 1988 dal Comitato Olimpico Internazionale e adottato oggi in 165 paesi. Lo Special Olympic Italia organizza attività nelle seguenti discipline: atletica, judo, ginnastica artistica, ginnastica ritmica, nuoto, bocce, calcio a 5, calcio a 7, calcio a 11, corsa con racchette da neve, equitazione, pallacanestro, pallavolo unifi cata, sci alpino, sci nordico, snowboard, tennis, tennistavolo. È degno di nota il fatto che le varie Federazioni sportive nazionali e internazionali, nate come si è visto per atleti giovani, maschi e sani, hanno nel tempo allargato il proprio campo d azione, per comprendere le discipline femminili, le attività dell età evolutiva e quelle praticate da amatori di età più matura. Viceversa, allorché si è trattato di atleti disabili, sono state create delle Federazioni Sportive a sè stanti, spesso caratterizzate da una tipologia di handicap, piuttosto che da una disciplina sportiva. Queste ultime hanno dovuto sopportare l onere di organizzare manifestazioni per le più varie attività sportive (dal nuoto allo sci), pur fruendo talvolta della collaborazione delle Federazioni dei vari sport. Questo stato di cose è dovuto per buona parte alle diffi coltà tecniche ed organizzative legate alle attività sportive per disabili; tuttavia in molte delle Federazioni sportive nazionali o degli Enti di Promozione che a suo tempo hanno realizzato un integrazione almeno parziale tra sportivi differenti per sesso e per età, è probabilmente presente una resistenza culturale all integrazione degli atleti sani con quelli affetti da un handicap. La tendenza dello sport contemporaneo a svolgersi all interno di ambiti omogenei per sesso ed età, oltre che per sanità di corpo, è comunque un fattore strettamente connesso all organizzazione agonistica di cui sopra. Probabilmente una reale integrazione in ambito sportivo tra individui con caratteristiche fi siche diverse dovrebbe accompagnarsi ad una modifi cazione dell attuale concezione del momento sportivo, ridimensionando il valore del risultato agonistico fi nale a favore del percorso evolutivo legato alla pratica. Qualche Federazione sportiva ha già manifestato un apertura concreta ai disabili, con competizioni integrate; si spera che altre seguano l esempio, perché lo sport per handicappati non venga ghettizzato, e possa essere per il disabile un occasione di incontro con il normodotato. Lo Sport degli atleti diversamente abili nasce nei centri di riabilitazione, e se questo è indubbiamente un vantaggio poiché ha reso da sempre agevole il recluta-

9 Introduzione e cenni storici 9 mento degli sportivi tra la popolazione neurolesa, d altra parte sfavorisce il costante contatto e l interscambio di tecniche, informazioni e cultura col mondo dello sport di elite (Ketcheson), giacchè i tecnici sportivi di massimo livello, medici dello sport, ecc. sono più presenti laddove è praticato lo sport d eccellenza piuttosto che negli ambienti della riabilitazione; questa situazione di fatto ha probabilmente rallentato fi no a pochi anni fa la diffusione delle tecniche sportive migliori tra i disabili sportivi, che difatti continuano a migliorare il loro livello prestativo in misura ben più rilevante dei corrispettivi atleti normodotati, a mano a mano che le tecniche si evolvono e l ambiente degli allenatori, istruttori e degli sportivi disabili stessi aumenta di professionalità. È degno di nota che ancora nel 1996 una ricerca (Liow) sul campo constatava che un terzo degli sportivi praticanti discipline su sedia a rotelle si allenava da autodidatta senza un training professionale, il che evidentemente lascia molto spazio al miglioramento delle abilità e dei livelli prestativi La pratica La Medicina Sportiva moderna insegna che un individuo fi sicamente integro, ma sedentario presenta un calo delle proprie capacità prestative, legato a ridotte funzionalità non solo artro-osteo-muscolari, ma anche e soprattutto cardiorespiratorie e metaboliche: la cosiddetta malattia ipocinetica. Un cieco condizionato dal defi cit sensoriale all ipomobilità o un paraplegico costretto su di una sedia a rotelle sono dei sedentari obbligati e alla patologia principale (causa invalidante) associano una serie di altre disfunzioni che non dipendono tanto da essa quanto dalle conseguenze della forzata inattività. Per un giovane paraplegico su sedia a rotelle, disallenato, per quanto sano e nel fi ore degli anni, un scalino lungo la propria strada può rappresentare un ostacolo insormontabile; viceversa superare senza aiuti esterni lo stesso gradino può essere uno scherzo per un giocatore, ad esempio, di tennis o basket in carrozzina 15 abituato a utilizzare il proprio mezzo di locomozione come un attrezzo sportivo, e che, esperto in improvvise virate, impennate e frenate, abbia adeguatamente potenziato la propria muscolatura delle braccia. Una grave disabilità fi sica, tale da ostacolare pesantemente il reinserimento nel contesto lavorativo e sociale, si accompagna talvolta a forme di depressione psichica che rendono il soggetto astenico, anedonico, anaclitico, demotivato e disforico, puro oggetto delle cure mediche che subisce passivamente. La maggiore diffi coltà da superare per ottenere la collaborazione attiva consiste nel sollecitare delle motivazioni psichiche, frequentemente ridotte in misura signifi - cativa, specialmente in portatori di un handicap acquisito. 15 Il basket in carrozzina si è rivelato uno strumento effi cacissimo per ottenere il miglior controllo possibile del mezzo meccanico della sedia a rotelle, grazie alla necessità tattica di gestire scatti, virate, frenate subitanee, e all opportunità di saper controllare l impennata.

10 10 Handicap e sport La partecipazione ad attività sportive da parte di un paraplegico, riduce la depressione psichica, diminuisce i ricoveri ospedalieri, e ne prolunga l attesa di vita (Dijkers, Manns, Sheng). Spesso dopo l acquisizione dell handicap, il constatare di avere perduto quelle abilità sportive, magari coltivate da una vita, unitamente ai cambiamenti (in genere in peggio) dei rapporti sociali, e a una minore indipendenza, risultano fattori inibenti la pratica sportiva. Per la maggior parte dei disabili locomotori, il nemico quotidiano da combattere, responsabile di tante limitazione nel movimento, nonché di piaghe ed altre patologie, è la forza di gravità: e così l esperienza del nuoto (o di un altra attività sportiva acquatica) restituisce a molti il piacere di una mobilità altrimenti negata. Lo sport per i disabili rappresenta una via d uscita alla gabbia dell handicap, non certo perché possa neutralizzare una lesione defi nitiva e perenne, ma perché porta l individuo ad esplorare altre potenzialità, a svilupparle e, in defi nitiva, a servirsene per vicariare le funzioni perdute (Stewart). Occorre un contesto adattato (Edouard P), un ambiente favorevole, nel quale gli stimoli siano adeguati alla condizione fi sica della singola persona disabile. In tal modo si possono proporre nuovi interessi, ricreando i presupposti per un adeguata motivazione alla collaborazione dell individuo, per ricostruire attivamente la propria esistenza; la percezione soggettiva dell handicap dipende in maggior misura da mobilità, vita sociale e lavorativa piuttosto che dalla gravità dell invalidità (Dijkers, Fuhrer, Johnston). Creando delle discipline e delle tecniche sportive adattate all handicap, si è ottenuto un contesto sociale e ambientale rispondente a queste esigenze. Una ricaduta applicativa non trascurabile dell attività sportiva è stato l impulso dato allo sviluppo tecnologico di attrezzi, carrozzine, protesi e ortesi, con l utilizzo di materiali e tecnologie sempre più sofi sticati che, cimentati dapprima nel contesto sportivo, hanno poi dato origine a nuovi strumenti e sussidi di uso comune anche nelle attività quotidiane. Se tra i fi ni riconosciuti delle terapie di ogni tipo vi è il recupero di tutto il complesso di funzioni fi siche, psichiche e relazionali che fanno di un individuo un soggetto attivo e partecipe del contesto sociale, non si può non ammettere che per un disabile la pratica sportiva non può essere considerata un puro e semplice svago del tempo libero, ma acquisisce la valenza di un potente strumento terapeutico, in grado di restituire ad un essere umano quella capacità e quella dignità necessarie a far di lui un membro attivo del sistema sociale. Perché un disabile possa, attraverso lo sport, esprimere davvero tutte le proprie potenzialità, e trarre tutti i benefi ci possibili, vanno intraprese con determinazione: l attività adattata, percorso irrinunciabile per conseguire un reale sviluppo prestativo (Ginè) l attività integrata, per far si che lo sport rappresenti la strada maestra per il reinserimento sociale. Nell ambito scolastico, ad esempio, è indispensabile che l attività sportiva dell allievo disabile si svolga contestualmente a quella dei compagni normodotati e, quando possibile, con le stesse attrezzature.

11 Introduzione e cenni storici 11 È di fondamento per la buona riuscita della pratica allenante: identifi care il potenziale residuo dell allievo attraverso una approfondita valutazione funzionale non rifi utare per partito preso le attività sportiva adattate, poichè spesso sono nate e si sono evolute con lo specifi co scopo di consentire la pratica di gesti atletici altrimenti impossibili. L adattamento di un attività sportiva è fi nalizzato anche ad offrire all allievo disabile un contesto rassicurante, che ne favorirà la capacità di apprendimento motorio. Nella pratica sportiva, l apprendimento di un pattern motorio nuovo dipende dalla capacità di integrare ed elaborare stimoli tattili, propriocettivi, e schemi motori connessi con le capacità coordinative dell individuo; occorre tener presente che un defi cit neurologico può essere responsabile non solo di una ridotta potenzialità di eseguire un pattern motorio, ma anche di diffi coltà di apprendimento discendenti da una alterata percezione ed elaborazione degli stimoli. Cerebrolesi deambulanti traggono gran benefi cio da attività atletiche di corsa, e per tali attività è preferibile un contesto competitivo adattato al potenziale dell alunno, ma per le gare di lanci in soggetti con il solo uso (o l uso prevalente) degli arti superiori (amputati, paraplegici, ecc), è di facile attuazione una gara integrata di lancio del disco da seduti o simili. Gare di salto o corsa per amputati di arto inferiore possono essere proposti come specifi co esercizio allenante anche a studenti normodotati; per dare la giusta collocazione prestativa a tali attività, si tenga presente a titolo di esempio che il record di salto in alto con una gamba sola è di m. 1,96, e il record dei 200 m piani per amputati bilaterali di gamba con protesi è Non si può chiedere ad un ragazzo paraplegico di mettersi a correre o saltare, ma si può proporre ad una scolaresca di normodotati di provare a giocare a basket in carrozzina; esperimenti di integrazione sperimentale attuati in alcune scuole hanno dato risultati sorprendentemente positivi, con allievi normodotati che hanno accettato con entusiasmo (e adeguato spirito agonistico) di sedersi su una sedia a rotelle per gareggiare ad armi pari con compagni affetti da disabilità. Per quanto riguarda gli allievi con defi cit neurosensoriali, praticamente tutti gesti sportivi dei normodotati sono alla loro portata, con pochi accorgimenti organizzativi; ad esempio per i non vedenti l integrazione è estremamente semplice essendo suffi ciente competere con individui bendati per riproporre una condizione di parità. Alcuni esercizi ad occhi chiusi, ad esempio, favoriscono anche nel vedente lo sviluppo dell analisi delle afferenze sensoriali tattili e uditive e delle capacità coordinative, specie se proposti in età evolutiva. Sarà bene evocare un corretto spirito critico nel considerare le varie discipline sportive che si avvalgono di attrezzature particolari (la scherma su sedia a rotelle, il polo in canoa, il basket in carrozzina, il tandem in bicicletta, il tennistavolo seduti, le corse automobilistiche, le gimkane in carrozzina, ecc.) come le facce diverse di uno stesso desiderio di competere con i propri simili in condizioni di equità competitiva e possibilità emulativa. Una volta conosciuto il dato oggettivo che il campione di maratona su sedia a rotelle è in grado di coprire i 42,195 Km in un tempo minore dell atleta recordman normodotato, non dovrebbe essere impossibile fare breccia nel pregiudizio e iniziare

12 12 Handicap e sport a considerare l utilizzo della carrozzina anche come un curioso strumento di effi cienza prestativa, non diversamente dalle corse automobilistiche, in cui il paragone con l atleta che corre a piedi non susciterebbe mai l associazione mentale automobilista = handicappato. Disponendo delle adeguate attrezzature, vi sono alcuni contesti sportivi dove l integrazione è facile e vantaggiosa, come il tennis tavolo, la scherma seduti, il tiro con l arco, il nuoto ecc. Anche atleti con patologie minori, quali ad esempio i portatori di artroprotesi, spesso non riconosciuti dai regolamenti che regolano l attività competitiva, si giovano di pratiche di lieve impegno, come il golf (Suckel).

ASPHI Fondazione Onlus. Sport. Tecnologie per la disabilità A.A. 2012/2013

ASPHI Fondazione Onlus. Sport. Tecnologie per la disabilità A.A. 2012/2013 ASPHI Fondazione Onlus Sport Tecnologie per la disabilità A.A. 2012/2013 Cenni storici Individui affetti da paralisi spinale traumatica sono stati i primi disabili a praticare sistematicamente un attività

Dettagli

Disabilità, Scuola e Sport

Disabilità, Scuola e Sport MIUR FIDAL Perché e Come fare Atletica Leggera a Scuola Corso di formazione e aggiornamento di Atletica Leggera per gli insegnanti di educazione fisica delle scuole secondarie di 1 e 2 Disabilità, Scuola

Dettagli

DIRITTO SPORTIVO E DISABILITA

DIRITTO SPORTIVO E DISABILITA DIRITTO SPORTIVO E DISABILITA LE FONTI DEL DIRITTO ITALIANO IN ORDINE GERARCHICO: 1) La Costituzione 2) Le Leggi Ordinarie dello Stato e le Norme Int.li e Comunitarie 3) Le Leggi Regionali 4) I Regolamenti

Dettagli

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA

PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA PER I CORSO DI FORMAZIONEOPERATORE PARALIMPICO TERNI 18 FEBBRAIO 11 MARZO 2014 ATTIVITA SPORTIVA PRATICATA DALLE PERSONE CON DISABILITA LO SPORT RIVESTE UNA PARTICOLARE IMPORTANZA NEL PROCESSO EVOLUTIVO

Dettagli

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014

L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva. Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 L attività sportiva e la disabilità sensoriale visiva Margherita Chiari Fontanellato, 6 giugno 2014 Non solo muscoli La normale funzione visiva è un presupposto per sviluppare una buona coordinazione

Dettagli

Disabilità e Sport. La classificazione funzionale nello sport per disabili

Disabilità e Sport. La classificazione funzionale nello sport per disabili Disabilità e Sport La classificazione funzionale nello sport per disabili Matteo Zanin Classificatore Medico del Comitato Paralimpico Italiano Premessa Mettere il Medico di Medicina dello Sport nelle condizioni

Dettagli

ALLEGATO E SCHEDA DI REGISTRAZIONE ICARO/PO-NET - ASSOCIAZIONI SPORTIVE

ALLEGATO E SCHEDA DI REGISTRAZIONE ICARO/PO-NET - ASSOCIAZIONI SPORTIVE I campi sottolineati sono obbligatori SEZIONE 1: INDIRIZZO E CONTATTI 1.1 - Denominazione Associazione/Cooperativa. 1.2 - Tipologia Associazione Sportiva Dilettantistica con personalità giuridica Associazione

Dettagli

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea)

CLASSI PRIME PSICOMOTRICITA'(Lami Andrea) Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena Assessorato Servizi Sociali Scolastici e Promozione della Salute Via Giardini, 16-41026 Pavullo nel Frignano (MO) Ufficio 0536/29912 - Fax 0536/29976

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSI: 1^ CORSO: AFM - LICEO SPORT AS 20152016 Moduli Libro Di Testo scienze motorie Appunti schede tecniche Competenze di base - Sviluppo funzionale

Dettagli

Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena

Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Progetto di attività motoria e sportiva per le Scuole Primarie di Modena Anno Scolastico 2014/2015 Finalità Il progetto Scuola-Sport, da molti anni in vigore in tutte le scuole primaria del Comune di Modena,

Dettagli

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici

Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Ufficio Coordinamento Servizi Educazione Motoria Fisica e Sportiva SCHEDA RILEVAZIONE Impianti Sportivi Scolastici Inserire il codice Meccanografico della Scuola e salvare il "file con nome" riportando

Dettagli

La Scuola in Movimento

La Scuola in Movimento La Scuola in Movimento ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE G.B. VACCARINI CATANIA In collaborazione con C.O.N.I. C.U.S. CATANIA Comitato Provinciale di Catania & Federazioni Sportive Nazionali Università di

Dettagli

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it

Scuola di sci Sauze d Oulx Project Piazza Assietta 4 10050 Sauze d Oulx (TO) Tel. 0122 858942 Fax 0122 857877 info@sauzeproject.it INSEGNAMENTO DELLO SCI ALPINO E DISABILI: L ESPERIENZA DELLA SCUOLA DI SCI SAUZE D OULX PROJECT e IL PROGETTO SciiAbiille 1 Premessa Gli effetti dell attività sportiva sul benessere fisico sono noti da

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

2. Nelle Olimpiadi dell antichità potevano gareggiare: A gli uomini greci e stranieri C gli uomini e le donne della Grecia

2. Nelle Olimpiadi dell antichità potevano gareggiare: A gli uomini greci e stranieri C gli uomini e le donne della Grecia 1 ognome... Nome... lasse... ata... LE OLIMPII OLIMPII NTIHE 1. Le Olimpiadi dell antichità si disputarono per: circa 100 anni circa 1000 anni circa 500 anni circa 10 000 anni 2. Nelle Olimpiadi dell antichità

Dettagli

Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015

Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015 Dall attività motoria all attività sportiva: Benefici fisici e Psichici F. Di Domenica Monza 26/05/2015 Alimentazione e benessere Il proliferare di informazioni scorrette dal punto di vista alimentare

Dettagli

A cura del socio dell associazione

A cura del socio dell associazione Si prega di compilare ed inviare questo questionario via mail a: pollicino@uniamo.org oppure via fax al numero: 049.8215701 entro martedì 31 luglio 2007, all attenzione della dott.ssa Oliviana Gelasio.

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia. Biella 18-25 Giugno 2012

PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia. Biella 18-25 Giugno 2012 PROGETTO AREA SCUOLA Giochi Nazionali Estivi Special Olympics Italia Biella 18-25 Giugno 2012 In occasione dei XXVIII Giochi Nazionali Estivi Special Olympics che si terranno a Biella dal 18 al 25 Giugno

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MOTORIE Docente : PROF. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : II A CAT CONTESTO DELLA

Dettagli

Livelli di Formazione

Livelli di Formazione C.O.N.I. FEDERAZIONE SCACCHISTICA ITALIANA Piano di formazione dei Quadri Tecnici Livelli di Formazione degli Istruttori di Scacchi Compiti, profili di attività, competenze, conoscenze e struttura della

Dettagli

GLI AUSILI PER LO SPORT. Gerardo Malangone

GLI AUSILI PER LO SPORT. Gerardo Malangone GLI AUSILI PER LO SPORT Gerardo Malangone STOKE MANDEVILLE 1948 Cittadina Inglese che ospita un centro di riabilitazione per mielolesi veterani della seconda guerra mondiale Ludwig Guttman neurochirurgo

Dettagli

ATLETICA LEGGERA. Pista

ATLETICA LEGGERA. Pista ATLETICA LEGGERA Pista CATEGORIA ANNI DI NASCITA Ragazzi/e 2004-2005 Cadetti/e 2002-2003 Programma Categoria Gruppi Gare Ragazzi/e Corse 60-600 - 4x100 (cambio libero) Salti Alto - Lungo Lanci Peso gomma

Dettagli

ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE

ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE Società Sportiva Dilettantistica a responsabilità limitata ATTIVITA NATATORIA IN ORARIO CURRICULARE PER GLI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI IL NUOTO A SCUOLA, UN OPPORTUNITA PER TUTTI ANNO SCOLASTICO 2013-2014

Dettagli

Referente regionale - Dott.ssa Anna Corona responsabile del settore assistenza ospedaliera

Referente regionale - Dott.ssa Anna Corona responsabile del settore assistenza ospedaliera Allegato n. 4 alla Delib.G.R. n. 22/12 del 11.6.2010 Regione proponente: Regione Autonoma della Sardegna Linea progettuale nella quale si colloca il progetto: Linea progettuale c) implementazione delle

Dettagli

I percorsi accessibili ai diversamente abili.

I percorsi accessibili ai diversamente abili. I percorsi accessibili ai diversamente abili. Relatore: Zin Alberto Componente Dipartimento n 8 (Ciclismo, Equitazione, Judo) del Comitato Italiano Paralimpico. Tecnico Regionale Ciclismo non vedenti e

Dettagli

Piano di sviluppo degli impianti sportivi

Piano di sviluppo degli impianti sportivi AUTONOME PROVINZ BOZEN SÜDTIROL Abteilung 7 Örtliche Körperschaften Amt 7.2 Amt für Sport Sportbeobachtung PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Ripartizione 7 Enti locali Ufficio 7.2 Ufficio sport

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 RESISTENZA ORGANICA Miglioramento delle capacità aerobiche degli alunni. - Corsa in equilibrio di consumo di ossigeno - Corsa

Dettagli

Attività motoria e sportiva e disabilità. Lezione 7 a.a. 2013-2014

Attività motoria e sportiva e disabilità. Lezione 7 a.a. 2013-2014 Attività motoria e sportiva e disabilità Lezione 7 a.a. 2013-2014 CICLISMO Biciclette a due ruote Biciclette a due ruote Atleti con emiparesi o Atleti con emiparesi o paresi lievi paresi lievi Tandem Tandem

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale IL CORPO e LA SUA RELAZIONE con LO SPAZIO e IL TEMPO Utilizza gli aspetti comunicativorelazionali del linguaggio motorio per Saper utilizzare e trasferire le abilità per la realizzazione dei gesti tecnici

Dettagli

Ufficio Preparazione Paralimpica. Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche

Ufficio Preparazione Paralimpica. Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche PROGETTO LONDRA 2012 SOCHI 2014 Ufficio Preparazione Paralimpica Versione 5.0 (ottobre 2012) Approvato dalla GN del CIP nella riunione del 16 dicembre 2010 e successive modifiche Premessa Il Progetto Londra

Dettagli

Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo

Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. CARDANO Via Natta, 11-20151 MILANO TEL. 0238005599-0238007204 - FAX 0233402739 -C.F.: 80122690151 e-mail - info@iiscardano.it Il nuovo Liceo Scientifico Sportivo LA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE BANDO DI GARA NAZIONALE LO SPORT PER TUTTI A SCUOLA Anno Scolastico 2015-2016

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE BANDO DI GARA NAZIONALE LO SPORT PER TUTTI A SCUOLA Anno Scolastico 2015-2016 Allegato 1 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE BANDO DI GARA NAZIONALE LO SPORT PER TUTTI A SCUOLA Anno Scolastico 2015-2016 Io sottoscritto in qualità di Presidente della Società Sportiva affiliata alla Federazione/Entità

Dettagli

Offerta di sport G+S. Definizione dell offerta G+S

Offerta di sport G+S. Definizione dell offerta G+S Guida per lo svolgimento delle offerte con bambini e giovani (gruppo di utenti 4) offerte G+S di cantoni, comuni e delle federazioni sportive nazionali Questa guida intende dare a monitori e coach G+S

Dettagli

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S.

Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S. Protocollo d intesa tra Comitato Italiano Paralimpico C.I.P. e Federazione Italiana Scherma F.I.S. Protocollo d intesa tra il COMITATO ITALIANO PARALIMPICO e la FEDERAZIONE ITALIANA SCHERMA Il Comitato

Dettagli

PROGETTO SPORT. Promozione Attività sportiva Preparazione fisica individualizzata e specifica

PROGETTO SPORT. Promozione Attività sportiva Preparazione fisica individualizzata e specifica PROGETTO SPORT Promozione Attività sportiva Preparazione fisica individualizzata e specifica OBIETTIVO: creare un punto di riferimento per favorire la pratica di attività sportiva ad atleti con disabilità

Dettagli

www.tuttoballo.net è un dominio registrato. Copyright 2004.

www.tuttoballo.net è un dominio registrato. Copyright 2004. www.tuttoballo.net è un dominio registrato. Copyright 2004. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta, memorizzata in sistemi d'archivio o trasmessa in qualsiasi forma o mezzo. I trasgressori

Dettagli

Progetto Motorio per la scuola primaria IO GIOCO ALL ATLETICA

Progetto Motorio per la scuola primaria IO GIOCO ALL ATLETICA Progetto Motorio per la scuola primaria IO GIOCO ALL ATLETICA 1 LA PROPOSTA: L ATLETICA VA A SCUOLA. NELLA SCUOLA PRIMARIA. UN EDUCAZIONE CHE INTENDA SVILUPPARE LA COSCIENZA DEL PROPRIO CORPO COME ESPRESSIONE

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITA'

MINISTERO DELLA SANITA' Decreto Ministeriale - 4 marzo 1993 MINISTERO DELLA SANITA' "Determinazione dei protocolli per la concessione dell'idoneità alla pratica sportiva agonistica alle persone handicappate" IL MINISTRO DELLA

Dettagli

BAMBINO dai 5 ai 7 ANNI L ESUBERANZA MOTORIA

BAMBINO dai 5 ai 7 ANNI L ESUBERANZA MOTORIA BAMBINO dai 5 ai 7 ANNI L ESUBERANZA MOTORIA Area Corporeo/motoria spiccato impulso a muoversi dal pensiero intuitivo-preoperatorio al pensiero operatorio-concreto-egocentrico Area Cognitiva Area Socio-affettiva

Dettagli

QUALCHE INFORMAZIONE SUl SITTING VOLLEY

QUALCHE INFORMAZIONE SUl SITTING VOLLEY QUALCHE INFORMAZIONE SUl SITTING VOLLEY PREMESSA L attività ludico-motoria concorre alla formazione psico-fisica dei giovani in età scolare, anche affetti da disabilità fisiche. Il bambino o l adolescente,

Dettagli

Oggetto: Giochi Sportivi Studenteschi 2002 03 Sport Disabili : proroga termini per le adesioni.

Oggetto: Giochi Sportivi Studenteschi 2002 03 Sport Disabili : proroga termini per le adesioni. Prot. 1651/p 21.2.2003 TORINO, Circ. Reg. Nr. 54 AI DIRIGENTI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI 1 E 2 GRADO DEL PIEMONTE LORO SEDI AGLI INSEGNANTI DI EF E DI SOSTEGNO p.c. Ai Dirigenti dei C.S.A. del Piemonte

Dettagli

Cooperativa Sociale ZANZIBAR

Cooperativa Sociale ZANZIBAR Cooperativa Sociale ZANZIBAR PROGETTO SLID WP4. Il Centro Lavoro Guidato come strumento per la Progettazione Professionale Disabili. Dott. Stefano Defendi 17/10/12 CLG Cooperativa Sociale Zanzibar Onlus

Dettagli

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP E enorme la confusione nella terminologia relativa all handicap. Per questo negli ultimi 20 anni l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso

Dettagli

Genova 13 Settembre 2010

Genova 13 Settembre 2010 Genova 13 Settembre 2010 Progetto Giovani Matteo Quarantelli 2 La percezione della qualità di un servizio è generato dalla corrispondenza con le aspettative (bisogni) degli utenti. I nostri utenti sono

Dettagli

Progetto Comes, sostegno all handicap

Progetto Comes, sostegno all handicap TITOLO Progetto Comes, sostegno all handicap TEMPI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Destinatari Minori disabili (fascia d età 3/14 anni) frequentanti la scuola dell obbligo, affetti da patologie varie: ipoacusia,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI

P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI ATTO N. 627 P ROPOSTA DI LEGGE di iniziativa del Consigliere ROSSI Norme per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva per le persone disabili Depositato al Servizio Assistenza agli Organi, Iter

Dettagli

OLTRE LE BARRIERE: giochiamo tutti insieme in nome dell uguaglianza

OLTRE LE BARRIERE: giochiamo tutti insieme in nome dell uguaglianza Comitato Regionale PO.HA.FI Comitato Regionale Toscana Toscana International Paralympics Commitée In collaborazione con : ASSESSORATO ALLO SPORT REGIONE TOSCANA RELAZIONE CONSUNTIVA Anno 2003: Anno Europeo

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO/TRIENNIO Premessa Il seguente piano di lavoro è stato redatto ai i fini dell adempimento dell obbligo di istruzione, tenendo conto delle competenze di cittadinanza,

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA

CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA CONTINUITÀ EDUCATIVO- DIDATTICA mediante momenti di raccordo pedagogico, curriculare e organizzativo fra i tre ordini di scuola, promuove la continuità del processo educativo, condizione essenziale per

Dettagli

ABILISSIMI PER UNO SPORT DIVERSO

ABILISSIMI PER UNO SPORT DIVERSO ABILISSIMI PER UNO SPORT DIVERSO DA QUASI QUARANT ANNI, DIAMO IL MEGLIO DI TUTTI! ASD S.STEFANO SPORT nasce nel 1976 allo scopo di favorire e promuovere lo sport, organizzando e partecipando a manifestazioni

Dettagli

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA

PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA Direzione Didattica Statale ed Istituto Comprensivo di Cattolica PROGETTO IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA PALLAVOLANDO CON LA CARTELLA 1 Giocare e svolgere attività sportive a scuola CONCETTI GENERALI

Dettagli

Sono presenti i proff. Borsato D., Bressan A., Burighel L.; Ranucci E.

Sono presenti i proff. Borsato D., Bressan A., Burighel L.; Ranucci E. Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO AREA DISCIPLINARE Scienze Motorie e Sportive 11 SETTEMBRE 2014 AREA DISCIPLINARE MATERIA Scienze Motorie e Sportive COORDINATORE Ranucci Emidio Sono presenti i proff. Borsato

Dettagli

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Liceo Scientifico N. Copernico Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Perché candidarsi? Il liceo Copernico vanta un' ottima tradizione sportiva con eccellenti risultati raggiunti negli anni dalle rappresentative

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-14

ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ZINI BARBARA Scienze Motorie e Sportive CLASSE 1 B Via IV Novembre, 4 40050 (BO) Tel. 051-6761483 Fax 051-6764245 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP. C.A.S.P. - Centri Avviamento Sport Paralimpico ANNO SPORTIVO 2010/2011

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP. C.A.S.P. - Centri Avviamento Sport Paralimpico ANNO SPORTIVO 2010/2011 ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP Il Comitato Italiano Paralimpico continuerà, anche in futuro, ad avere una competenza diretta su tutta l attività di avviamento allo sport. La gestione delle attività

Dettagli

CARTA EUROPEA DELLO SPORT

CARTA EUROPEA DELLO SPORT CONSIGLIO D EUROPA CDDS Comitato per lo Sviluppo dello Sport 7^ Conferenza dei Ministri europei responsabili dello Sport Rodi, 13 15 maggio 1992 CARTA EUROPEA DELLO SPORT Articolo 1 Scopo della Carta Articolo

Dettagli

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni

Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Accoglienza del turista disabile: atteggiamenti e relazioni Fisioterapista Glenda Rigoni Il vero fare per gli altri è mettere gli altri in condizione di fare da soli EQUAZIONE DELLE 4 A Ambiente accessibile

Dettagli

Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo

Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo Scuola Primaria Giotto Direzione Didattica 4 Circolo Carpi Il laboratorio linguistico proposto è di avviamento allo studio per alunni stranieri delle classi 4 e 5 della Scuola Primaria. Il progetto presentato

Dettagli

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME

EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME SETTORE GIOVANILE E MINIBASKET EASY BASKEY : DALLA SCUOLA AL MINIBASKET UN NUOVO PROGETTO PER CRESCERE INSIEME 1 CI RICORDIAMO I PRINCIPI FONDANTI DELL EASY BASKET. IL GIOCO CRITERI BASE PARTECIPAZIONE

Dettagli

L approccio all allenamento del atleta Paralimpico

L approccio all allenamento del atleta Paralimpico L approccio all allenamento del atleta Paralimpico FABRIZIO TACCHINO dell Organico Didattico di SdS Coni Liguria Genova, autunno/inverno 2010 http://sds.coniliguria.it 1 Area disabili Il reclutamento dell

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. 2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

SPORT IN RETE PROGETTO DI SPORT SOLIDALE NELLE SCUOLE PRIMARIE

SPORT IN RETE PROGETTO DI SPORT SOLIDALE NELLE SCUOLE PRIMARIE SPORT IN RETE PROGETTO DI SPORT SOLIDALE NELLE SCUOLE PRIMARIE Anno Scolastico 2011-2012 L idea del progetto nasce da alcune esperienze maturate nel territorio di Nova Milanese negli ultimi anni: Proposte

Dettagli

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP

ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP ATTIVITA DI AVVIAMENTO ALLO SPORT CIP Il Comitato Italiano Paralimpico continuerà, anche in futuro, ad avere una competenza diretta su tutta l attività di avviamento allo sport. La gestione delle attività

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Obiettivi essenziali per il biennio: Ciascun alunno, al termine del biennio, dovrà:

Dettagli

Ordinanza sugli studi universitari professionali di diploma nel campo dello sport alla Scuola di Macolin

Ordinanza sugli studi universitari professionali di diploma nel campo dello sport alla Scuola di Macolin Ordinanza sugli studi universitari professionali di diploma nel campo dello sport alla Scuola di Macolin 415.75 del 20 maggio 1998 (Stato 27 giugno 2000) Il Dipartimento federale della difesa, della protezione

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO

CRITERI DI VALUTAZIONE CRITERI PER LA NON AMMISSIONE ALL ANNO SCOLASTICO SUCCESSIVO CRITERI DI VALUTAZIONE Per la valutazione si richiama il già citato DPR 122/2009. Come previsto dal Regolamento di Istituto (art. 28), che si rifà all art.2 c.4 dello Statuto delle Studentesse e degli

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI F. GARELLI MONDOVI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI F. GARELLI MONDOVI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI F. GARELLI MONDOVI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Docente : Prof. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : PRIMA

Dettagli

PALLAMANO. Un po di storia

PALLAMANO. Un po di storia PALLAMANO Un po di storia La pallamano è un gioco bello e dinamico, inventato in Germania alla fine dell Ottocento. Sembra che tragga origine da un gioco denominato Pallaporta. E nata come sport da giocarsi

Dettagli

I soggetti disabili visivi: tra realtà e bisogni

I soggetti disabili visivi: tra realtà e bisogni I soggetti disabili visivi: tra realtà e bisogni Dr. Michele Corcio Vicepresidente Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità Cecità legale: definizioni e classificazione cecità legale fino

Dettagli

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15

UNITÀ APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Bellano / classi 4ª A 4ª B a.s. 2014/15 OBIETTIVI GENERALI APPROFONDIRE LA CONOSCENZA DELLE PRINCIPALI NORME DI ALIMENTAZIONE, IGIENE E SICUREZZA PERSONALE - Conoscere le modalità d uso d attrezzi, strumenti e ambienti in cui si vive e le norme

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO E MOTORIO MOVI-MENTE

PROGETTO EDUCATIVO E MOTORIO MOVI-MENTE PROGETTO EDUCATIVO E MOTORIO MOVI-MENTE CORRELAZIONE TRA ATTIVITÀ MOTORIE SPECIFICHE PER LA MATURAZIONE DEI COORDINAMENTI MOTORI E PREREQUISITI ALL APPRENDIMENTO SCOLASTICO NEL BAMBINO DI 3-6 ANNI Questo

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE 1. AMBIENTE. Adeguatezza di strutture, attrezzature e spazi Rimozione delle cause di possibile incidente/ uso di adeguate misure di sicurezza PROTEZIONE 2. COMPORTAMENTO. Capacità

Dettagli

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO

SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO SPUNTI DI RIFLESSIONE per TECNICI DI CALCIO Casalmaiocco, 04 MARZO 2013 Marco prof. Manzotti E-mail: m.manzotti@alice.it IL GIOCO DEL CALCIO SPORT DI SQUADRA SPORT DI CONFRONTO SPORT CON ATTREZZO SPORT

Dettagli

MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di I grado

MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di I grado MAPPA OPERATIVA PER U.A. DISCIPLINARI Scuola Secondaria di I grado Considerate la vastità degli argomenti trattati e le esigenze peculiari di ogni classe, ciascun insegnante deciderà quali unità didattiche

Dettagli

Dipartimento sportivo. A.S. 2014/2015. Programmazione didattica annuale

Dipartimento sportivo. A.S. 2014/2015. Programmazione didattica annuale Dipartimento sportivo. A.S. 2014/2015 Programmazione didattica annuale La programmazione didattica annuale prevista dai docenti di Educazione Fisica può considerarsi suddivisa in tre fasi. La prima, all

Dettagli

La Costituzione Italiana (articoli 2 e 3) riconosce che è garanzia della libertà il rispetto delle differenze di tutti e dell identità di ciascuno

La Costituzione Italiana (articoli 2 e 3) riconosce che è garanzia della libertà il rispetto delle differenze di tutti e dell identità di ciascuno Ufficio Scolastico Regionale Puglia Linee guida per la strutturazione di percorsi di Giocosport Integrato Sport Inclusion nella Scuola Primaria e Secondaria di I grado a cura del Comitato Italiano Paralimpico

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L DISCIPLINA_ SCIENZE MOTORIE DOCENTE Moramarco Pasquale QUADRO ORARIO

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1 BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza,

Dettagli

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio.

Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Confronto sulle motivazioni all attività sportiva negli atleti disabili praticanti adaptive rowing e normodotati praticanti canottaggio. Fossati Emanuela astrid8@tiscali.it - M. Martinelli Lo scopo di

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA STATALE DI I GRADO "G. PIUMATI CRAVERI DALLA CHIESA" BRA. anno scolastico 2012/2013. Piano di lavoro di Scienze Motorie

SCUOLA SECONDARIA STATALE DI I GRADO G. PIUMATI CRAVERI DALLA CHIESA BRA. anno scolastico 2012/2013. Piano di lavoro di Scienze Motorie SCUOLA SECONDARIA STATALE DI I GRADO "G. PIUMATI CRAVERI DALLA CHIESA" BRA anno scolastico 2012/2013 Piano di lavoro di Scienze Motorie Insegnanti: ENZO ROSANO FLAVIA GALLO SANTO ANNA-FILIPPONE GAETANO

Dettagli

Progetto per la scuola materna e primaria

Progetto per la scuola materna e primaria Progetto per la scuola materna e primaria Il Centro Internazionale del Cavallo La Venaria Reale ha sede all interno del Parco Regionale La Mandria nella storica Cascina della Rubbianetta, fatta costruire

Dettagli

Regolamento del Fondo Sport-toto 1 (del 18 gennaio 2011)

Regolamento del Fondo Sport-toto 1 (del 18 gennaio 2011) Regolamento del Fondo Sport-toto 1 (del 18 gennaio 2011) 11.1.3.1.3 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Richiamati: la Legge federale concernente le lotterie e le scommesse professionalmente

Dettagli

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA PROGETTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLA PRIMARIA Premessa Il Progetto Giochi Sportivi Studenteschi si propone di rimarcare l importanza della: Corporeità e della motricità, intese come elementi portanti

Dettagli

Progetto SNaQ Scuola Magistrale

Progetto SNaQ Scuola Magistrale 1 PROGETTO SCUOLA MAGISTRALE ARGOMENTI TRATTATI Sistema Nazionale di Qualifica dei Tecnici; Qualifiche e Competenze; Crediti formativi; I Quattro Livelli di Qualifica dei Tecnici Sportivi; Formazione permanente.

Dettagli

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT

CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Osservatorio sui Diritti dei Minori CODICE DI AUTOREGOLAMENTAZIONE DELLO SPORT Per i giovani e con i giovani Presentazione Il Codice di autoregolamentazione dello Sport è una dichiarazione di intenti,

Dettagli