REGOLAMENTO INTERMEDIARI ALBO E ATTIVITA DEI PROMOTORI FINANZIARI (ART. 31 DEL TUF) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 2 marzo 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO INTERMEDIARI ALBO E ATTIVITA DEI PROMOTORI FINANZIARI (ART. 31 DEL TUF) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE. 2 marzo 2007"

Transcript

1 REGOLAMENTO INTERMEDIARI ALBO E ATTIVITA DEI PROMOTORI FINANZIARI (ART. 31 DEL TUF) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 2 marzo 2007 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 20 marzo 2007 al seguente indirizzo: C O N S O B Divisione Intermediari Via Broletto, n Milano oppure all'indirizzo di posta elettronica: 1. La nuova disciplina La legge n. 262 del 28 dicembre 2005 (c.d. legge sul risparmio ) è intervenuta in materia di istituzione e tenuta dell albo dei promotori finanziari, modificando i commi 4, 5 e 6 dell art. 31 del TUF. In particolare è stato previsto che l albo dei promotori non sia più tenuto dalla Consob bensì da un Organismo costituito dalle associazioni professionali rappresentative dei promotori e dei soggetti abilitati. Tale Organismo è dotato di personalità giuridica, è ordinato in forma di associazione e dispone di autonomia organizzativa, finanziaria e statutaria. Nel nuovo quadro normativo, dunque, l Organismo è il soggetto deputato a tenere l albo (e ad adempiere gli altri compiti connessi e strumentali alla gestione dell albo stesso) sulla base di una diretta attribuzione prevista dalla legge; la precedente normativa, invece, prevedeva che l albo fosse tenuto dalla Consob, la quale aveva la facoltà di avvalersi per lo svolgimento di tale compito di un Organismo individuato dalle associazioni professionali dei promotori finanziari e dei soggetti abilitati 1. Più in particolare l Organismo, operando nel rispetto dei principi e dei criteri stabiliti dalla Consob con regolamento e sotto la vigilanza della medesima, provvede: - alla tenuta dell albo; 1 L art. 42, comma 2, della legge n. 262/2005 prevede che, fino alla costituzione dell'albo unico dei promotori finanziari ai sensi del nuovo art. 31 del TUF, continuano ad applicarsi le disposizioni in materia di albo unico nazionale dei promotori finanziari contenute nel citato art. 31 nel testo vigente prima della data di entrata in vigore della medesima legge. 1

2 - all iscrizione all albo; - alla cancellazione dall albo (pur non essendo tale compito espressamente richiamato); - all indizione delle prove d esame per l iscrizione all albo (non più indette dalla Consob, cfr. nuovo art. 31, comma 5); - alla determinazione ed alla riscossione dei contributi dovuti dagli iscritti e dai richiedenti l iscrizione, nella misura necessaria per garantire lo svolgimento delle proprie attività. Ai sensi del comma 6 dell art. 31 la Consob determina con regolamento i principi ed i criteri relativi: - alla formazione dell albo e alle relative forme di pubblicità; - ai requisiti di rappresentatività delle associazioni professionali dei promotori finanziari e dei soggetti abilitati; - all iscrizione all albo dei promotori ed alle cause di sospensione, di radiazione e di riammissione; - alle cause di incompatibilità; - ai provvedimenti cautelari ed alle sanzioni disciplinati, rispettivamente, dagli artt. 55 e 196 e alle violazioni cui si applicano le sanzioni previste dallo stesso art. 196, comma 1; - all esame, da parte della stessa Consob, dei reclami contro i provvedimenti dell Organismo; - alle regole di presentazione e di comportamento che i promotori finanziari devono osservare nei rapporti con la clientela; - alle modalità di tenuta della documentazione concernente l attività svolta dai promotori finanziari; - all attività dell Organismo ed alle modalità di esercizio della vigilanza da parte della Consob; - alle modalità di aggiornamento professionale dei promotori finanziari. Rispetto al precedente dettato normativo, la Consob non è più chiamata a disporre con propri provvedimenti l iscrizione e la cancellazione dall albo, né ad indire le prove d esame per l iscrizione all albo, competenze che vengono ora attribuite, come detto, ex lege all Organismo. La Commissione conserva tuttavia gli attuali poteri sanzionatori e cautelari previsti dagli artt. 196 e 55 del TUF ed i correlativi poteri di vigilanza sul corretto operare dei promotori finanziari. Si segnala, infine, che nell esercizio della potestà regolamentare riconosciuta alla Consob dall art. 31, comma 6, si è ritenuto di dover evitare norme di dettaglio concernenti l operatività e l assetto organizzativo dell Organismo, in ossequio alla regolamentazione per principi che il legislatore ha sancito nel citato comma 6. Tali principi vincolanti, unitamente alla normativa primaria, costituiscono la cornice disciplinare del nuovo sistema della gestione dell albo dei promotori. Spetta all Organismo, poi, completare con adeguate soluzioni procedurali l assetto definitivo del nuovo sistema. La presenza in tale sistema degli stessi soggetti già previsti nel 1998 per i compiti di vigilanza sui promotori finanziari e di tenuta del relativo albo ha consentito di utilizzare per la definizione della presente bozza di regolamento il medesimo schema normativo di cui agli artt. 86 e seguenti del regolamento n /1998, identificato come valido punto di partenza al quale ispirarsi per la nuova regolamentazione. Unico argomento la cui trattazione è stata rinviata ad un altro libro del regolamento n / trattandosi di norma il cui spettro applicativo si estende anche ai soggetti abilitati che si avvalgano dei promotori finanziari nell offerta fuori sede è quello relativo ai principi e criteri in merito alle modalità di aggiornamento professionale dei promotori finanziari. 2

3 2. Proposte di modifica del Regolamento Intermediari (RI) Ciò premesso, sono di seguito indicate le modifiche normative che si intendono apportare al libro V del Regolamento sugli Intermediari (di seguito RI), adottato con delibera n /1998 e successive modifiche e integrazioni. Le parti nuove, rispetto al regolamento vigente, sono evidenziate in grassetto, quelle eliminate sono barrate. In calce agli articoli viene riportato un breve commento sulle motivazioni delle modifiche proposte. LIBRO V ALBO E ATTIVITA DEI PROMOTORI FINANZIARI PARTE I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 78 (Definizioni) 1. Nel presente Libro si intendono per: a) decreto ministeriale : il decreto del Ministero del Tesoro dell 11 novembre 1998, n. 472 regolamento ministeriale : il regolamento adottato dal Ministero dell economia e delle finanze ai sensi dell articolo 31, comma 5, del Testo Unico; b) camera di commercio : la camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura; c) commissione, commissioni : la commissione o le commissioni territoriali di cui all art. 79 del presente libro; d) Organismo : l Organismo di cui all articolo 31, comma 4, del Testo Unico; e) albo : l albo unico nazionale dei promotori finanziari di cui all articolo 31, comma 4, del Testo Unico; f) promotore : il promotore finanziario iscritto all albo di cui all art. 31, comma 4, del Testo Unico; g) elenchi : gli elenchi territoriali dei promotori iscritti all albo, di cui all art. 31, comma 6, lettera a), del Testo Unico sezioni territoriali : le sezioni dell albo indicate all articolo 87-bis; h) soggetti abilitati : i soggetti che devono avvalersi di promotori finanziari a norma della parte II, titolo II, capo IV del Testo Unico e delle disposizioni emanate in base ad essa; i) gruppo : il gruppo definito dalla Banca d Italia ai sensi dell art. 11, comma 1, lettera a), del Testo Unico.; i-bis) prove valutative : le prove valutative di cui all articolo 31, comma 5, del Testo Unico; i-ter) contributo di vigilanza : la contribuzione prevista dalle disposizioni di attuazione dell articolo 40 della legge 23 dicembre 1994, n Nel presente articolo sono state introdotte, come risulterà subito chiaro nel prosieguo, le necessarie modifiche conseguenti alle nuove previsioni contenute nell art. 31 del TUF. 3

4 Si è tenuto conto, infatti, della cessazione delle commissioni regionali e provinciali (lett. b e c) e dell istituzione delle nuove sezioni territoriali dell albo in luogo degli elenchi regionali e provinciali dei promotori iscritti all albo (lett. g). Inoltre sono state richiamate le prove valutative (lett. i-bis), che in base alla nuova formulazione del comma 5 dell art. 31 non sono più indette dalla Consob e il contributo di vigilanza (lett. i-ter) dovuto alla Consob. Inoltre non è stato definito decreto ma, più genericamente, regolamento ministeriale (lett. a) l atto che il Ministero dell Economia e delle Finanze adotta ai sensi dell art. 31, comma 5, del TUF. PARTE II COMMISSIONI TERRITORIALI (Artt ) (Soppressa) PARTE III ORGANISMO Art. 86 (Compiti e obblighi dell Organismo) (Tenuta dell albo) 1. Nella tenuta dell albo, l Organismo: a) procede alle iscrizioni, previo accertamento dei requisiti prescritti, al diniego delle iscrizioni per difetto dei requisiti stessi prescritti ed alle cancellazioni dall albo, comunicandole agli interessati, nonché alle variazioni dei dati in esso registrati; b) comunica alla Consob e alle commissioni i dati relativi ai soggetti iscritti e quelli relativi ai soggetti cancellati; c) rilascia gli attestati di iscrizione e cancellazione dall albo; d) predispone a aggiorna i quesiti della prova valutativa di cui all articolo 89 svolge ogni altra attività necessaria ai fini dell iscrizione all albo, compresa l indizione e l organizzazione dello svolgimento delle prove valutative; e) organizza lo svolgimento della prova valutativa di cui all articolo 89 emanando, nell ambito delle sessioni indette dalla Consob, i relativi bandi; f) predispone e rende pubbliche le procedure uniformi adottate al fine di garantire un efficiente esercizio delle funzioni svolte dalle commissioni;, indicando, tra l altro, i termini dei procedimenti di propria competenza; g) richiede informazioni alle commissioni territoriali sull'applicazione delle procedure di cui alla lettera f) e ne riferisce alla Consob aggiorna tempestivamente l albo sulla base dei provvedimenti adottati nei confronti dei promotori dall Autorità giudiziaria, dalla Consob e dallo stesso Organismo; h) notifica ai promotori i provvedimenti adottati dalla Consob; verifica la permanenza dei requisiti prescritti per l iscrizione all albo. i) assolve gli altri compiti ad esso affidati dalla Consob. 2. L'organismo è soggetto alla vigilanza della Consob. 4

5 3. La Consob può richiedere all'organismo la comunicazione anche periodica di dati, notizie, atti e documenti ed eseguire accertamenti. 4. La Consob può impartire all'organismo direttive ed istruzioni vincolanti in ordine alle modalità di svolgimento dei compiti di cui al comma 1. In casi di necessità ed urgenza la Consob può adottare i provvedimenti e compiere gli atti di cui al comma L'interessato può chiedere alla Consob il riesame dei provvedimenti adottati dall'organismo entro il termine di trenta giorni dalla comunicazione; la Consob provvede nel termine di quarantacinque giorni dal ricevimento della richiesta. 6. Entro la fine di febbraio di ogni anno l'organismo trasmette alla Consob una relazione sull'attività svolta nel corso dell'anno precedente, con specifico riferimento agli indirizzi seguiti ed al raggiungimento degli obiettivi prefissati. 7. I membri dell'organismo e il personale del medesimo sono tenuti al segreto in ordine alle notizie ed alle informazioni acquisite nell'esercizio delle loro funzioni. Il segreto non è opponibile alla Consob. 8. I rapporti tra la Consob e l'organismo sono disciplinati da apposita convenzione. L art. 86 è stato modificato ed integrato per tener conto della circostanza che, a seguito della nuova formulazione dell art. 31 del TUF, l Organismo è diventato il soggetto deputato ex lege alla tenuta dell albo. Nel nuovo articolato dell art. 86 si prevede che l Organismo svolga compiti di tenuta dell albo e, quindi, di aggiornamento tempestivo dell albo stesso sulla base dei provvedimenti che incidono sulle informazioni in esso contenute, promananti dalla Consob o dall Organismo stesso, ovvero ancora dall Autorità giudiziaria, come nel caso degli atti che sospendono o annullano l efficacia di provvedimenti sanzionatori (lett. g). Si prevede, fra l altro, che l Organismo, nella tenuta dell albo, proceda alle relative iscrizioni e cancellazioni. E anche previsto che svolga le funzioni istruttorie finalizzate all iscrizione all albo, oggi di competenza delle Commissioni regionali. E inoltre a carico dell Organismo l indizione e l organizzazione dello svolgimento delle prove valutative. L attività di tenuta dell albo consisterà inoltre nella verifica della permanenza dei requisiti prescritti per l iscrizione all albo, come stabiliti dal decreto ministeriale (lett. h). Tenuto conto della funzione di generale interesse attribuita all Organismo e della correlata esigenza di facilitare le attività di informazione e comunicazione con la platea dei soggetti interessati ad entrare in rapporto con l Organismo stesso (siano essi iscritti all albo o aspiranti promotori), si è ritenuto opportuno prevedere che esso renda pubblici, nelle forme idonee allo scopo, i percorsi relativi ai procedimenti di propria competenza (lett. f). Si è voluto, quindi, far sì che l iter dei procedimenti dell Organismo sia conoscibile a priori da parte degli interessati e che questi possano quindi partecipare al procedimento in un clima di assoluta trasparenza. 5

6 In altri termini, l Organismo, oltre ad indicare il termine entro il quale si concluderà ciascun procedimento, dovrà rendere accessibili al pubblico la modulistica adottata e le principali fasi istruttorie successive alla presentazione delle istanze, in modo da rendere trasparente la propria attività. Infine si segnala che nella nuova formulazione dell art. 86 non sono più presenti i commi da 2 a 8, i cui contenuti, con le necessarie modifiche, sono stati riportati negli articoli successivi. Art. 86-bis (Vigilanza della Consob) 1. La Consob può richiedere all Organismo la comunicazione anche periodica di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti con le modalità e nei termini dalla stessa stabiliti. 2. Nel caso di impossibilità di funzionamento o di continuata inattività e conformemente ad apposite previsioni statutarie, la Consob può sostituire temporaneamente con un commissario gli organi dell Organismo. L indennità spettante al commissario è determinata dalla Consob ed è a carico dell Organismo. La Consob eserciterà nei confronti dell Organismo i suoi tradizionali poteri di vigilanza informativa in forza del disposto di cui all art. 31, comma 4, ultimo periodo, del TUF, nei termini sopra precisati che tengono conto, rispetto alla precedente formulazione (contenuta nell art. 86, commi 2, 3 e 4 del RI), della mutata natura dell Organismo e dell autonomia che la legge gli riserva. Inoltre, considerata la delicatezza dei compiti affidati all Organismo, che il legislatore ha, in ogni caso, assoggettato ai principi ed ai criteri operativi dettati dalla Consob nonché alla vigilanza di quest ultima, si prevede - limitatamente ai gravi casi sopra precisati e, comunque, quale principio di salvaguardia, proprio per assicurare continuità alle funzioni che, in conformità ad apposite previsioni statutarie, gli organi dell Organismo siano temporaneamente sostituiti da un commissario nominato dalla Consob. Il commissario opererà fintantoché la Consob non riterrà superate le ragioni della sua nomina e, conseguentemente, l Organismo non sia in grado di riprendere regolarmente la propria attività. Art. 86-ter (Informazioni tra la Consob e l Organismo) 1. La Consob e l Organismo si scambiano informazioni al fine di agevolare l esercizio delle rispettive funzioni. 6

7 2. Al fine di garantire un più rapido ed efficace scambio di informazioni, la Consob e l Organismo utilizzano un unico sistema informativo nell'assolvimento dei propri compiti. Le modalità di utilizzo e di accesso ai dati di tale sistema sono stabilite dalla Consob, nell osservanza di quanto disposto ai sensi dell articolo 4, comma 10, del Testo Unico, mediante apposito manuale operativo. 3. L Organismo, qualora venga a conoscenza di circostanze rilevanti ai fini dello svolgimento dell attività di vigilanza sui promotori, ne dà immediata comunicazione alla Consob. Nei casi rilevanti ai fini dell applicazione dell articolo 55, comma 2, del Testo Unico, l Organismo verifica preventivamente presso l Autorità giudiziaria competente le informazioni di cui dispone, acquisendo idonea documentazione che trasmette senza indugio alla Consob. Il comma 1, in virtù del generale principio di collaborazione, dispone che la Consob e l Organismo si scambino informazioni al fine di agevolare l esercizio delle rispettive funzioni. Il comma 2 nasce dalla constatazione frutto di anni di esperienza nella vigilanza e nella gestione dell albo dei promotori - che un albo non può essere affidabile ed aggiornato se chi lo gestisce e chi esercita la vigilanza nei confronti dei soggetti in esso iscritti utilizzano due diversi data base. L accesso al sistema informativo della Consob da parte dell Organismo con le necessarie eccezioni che riguarderanno i dati relativi all attività di vigilanza, nel rispetto del segreto sancito all art. 4, comma 10, del TUF - rappresenta una scelta assolutamente imprescindibile al fine di garantire sicurezza ed efficienza nell assolvimento dei compiti attribuiti alla Consob e all Organismo; dovendo entrambi i soggetti continuamente poter contare su un quadro fedele della situazione di ciascun iscritto, questa appare l unica scelta praticabile per poter esser certi di una univoca codificazione dei soggetti e di una visione esauriente per quanto consentito dalla legge delle iniziative in corso nei confronti di un soggetto. La Consob dovrà a tal fine predisporre un manuale operativo che disciplini le procedure dell Organismo nell utilizzo del sistema informativo già in uso presso la Consob. Il comma 3 prevede nel primo periodo, sempre in virtù del principio della collaborazione, che ogniqualvolta l Organismo venga a conoscenza di circostanze che assumano rilievo ai fini dell esercizio dell attività di vigilanza sui promotori, informi immediatamente la Consob; nel secondo periodo è disciplinata, con maggiore dettaglio, una delle materie sulle quali si dovrà realizzare tale collaborazione, ossia il caso in cui l Organismo venga a conoscenza o sospetti che un soggetto iscritto sia assoggettato a misure cautelari personali, o assuma la qualità di imputato, ai sensi del codice di procedura penale, in relazione ai particolari reati individuati dall art. 55, comma 2, del TUF. Art. 86-quater (Trattazione dei reclami contro i provvedimenti dell Organismo) 1. L interessato può presentare alla Consob reclamo contro provvedimenti adottati dall Organismo entro il termine di trenta giorni dalla comunicazione; la Consob formula le 7

8 proprie osservazioni nel termine di sessanta giorni dal ricevimento del reclamo. I reclami privi di motivazione sono considerati improcedibili. 2. Ove il reclamo non sia manifestamente infondato, la Consob comunica all interessato e all Organismo l avvio dell esame delle circostanze oggetto del reclamo. In esito all istruttoria, previa valutazione delle eventuali osservazioni presentate dall Organismo rispetto ai contenuti del reclamo, la Consob comunica all interessato e all Organismo le proprie conclusive considerazioni. L art. 86-quater regola la procedura per la trattazione dei reclami contro le delibere dell Organismo, in ossequio a quanto previsto dall art. 31, comma 6, lett. f del TUF, nel quale si definisce genericamente esame dei reclami il compito della Consob nel caso di specie; tale definizione, data appunto la sua genericità, si presta a due letture; la prima consentirebbe di utilizzare tali reclami a soli fini di vigilanza sull operato dell Organismo, mentre la seconda potrebbe legittimare un intervento della Consob teso addirittura ad incidere sull efficacia del provvedimento contestato, oppure finalizzato al rilascio di pareri vincolanti per l Organismo. Tra queste due opposte interpretazioni se ne colloca un terza, adottata nell articolo in commento, che tiene in considerazione una ratio della norma diretta ad offrire all interessato la possibilità di richiedere all Autorità di esprimere il suo parere su un provvedimento contestato, con effetti deflativi sul possibile contenzioso. La Consob instaurerà quindi, per ciascun reclamo (fondato), un procedimento in contraddittorio con l Organismo, esprimendo un giudizio sulle circostanze presentate nel reclamo, previo accertamento e valutazione delle (opposte) ragioni espresse dall Organismo. Questo potrà poi non attenersi al giudizio espresso dalla Consob, ovvero procedere autonomamente alla modifica del provvedimento. Art. 86-quinquies (Requisiti di rappresentatività delle associazioni professionali dei promotori e dei soggetti abilitati) 1. I requisiti di rappresentatività delle associazioni professionali dei promotori e dei soggetti abilitati di cui all articolo 31, comma 4, del Testo Unico sono i seguenti. 2. Le associazioni dei promotori: a) devono essere costituite per atto pubblico o scrittura privata autenticata, essere operanti da almeno tre anni ed avere quale scopo prevalente la tutela degli interessi professionali degli associati; b) devono avere tra i propri associati esclusivamente promotori regolarmente iscritti all albo; c) devono avere un numero di associati non inferiore al dieci per cento del numero di promotori iscritti all albo al 31 dicembre dell anno di riferimento ed un articolazione sul territorio nazionale in almeno dieci regioni; alle regioni sono assimilabili le province autonome. 8

9 3. Le associazioni dei soggetti abilitati: a) devono essere costituite per atto pubblico o scrittura privata autenticata, essere operanti da almeno tre anni ed avere quale scopo prevalente la tutela degli interessi professionali degli associati; b) devono avere tra i propri associati soggetti abilitati che complessivamente si avvalgono dei promotori finanziari in percentuale non inferiore al dieci per cento del numero dei promotori iscritti all albo al 31 dicembre dell anno di riferimento. In ordine alla regolamentazione dei requisiti di rappresentatività, la Consob ha già in passato esercitato tale potere in via interpretativa, dando attuazione all art. 31, comma 4, del TUF (vecchio testo), con la delibera n del 28 giugno 2000 ( Applicazione dell art. 31, comma 4, del d.lgs. n. 58/1998 ) nella quale venivano individuati determinati requisiti di rappresentatività che in questa sede si ritiene di dover confermare. Al riguardo, va sottolineato che il nuovo dettato normativo fa esplicito riferimento al principio di rappresentatività delle associazioni dei promotori e dei soggetti abilitati principio non menzionato esplicitamente nell art. 31, comma 4, del TUF (vecchio testo) e ciò costituisce un importante riferimento al fine di garantire che le delicate funzioni che l Organismo dovrà svolgere non siano esercitate da soggetti scarsamente rappresentativi o del tutto estranei al sistema dei promotori finanziari. Il nuovo testo della norma consente perciò di mantenere la precedente impostazione circa la partecipazione all Organismo di associazioni che abbiano quale scopo prevalente la tutela degli interessi professionali e non esclusivamente economici degli associati. Anche l art. 31, comma 6, lett. b, del TUF (nuovo testo), d altronde, fa specifico riferimento alle associazioni professionali dei soggetti abilitati e dei promotori finanziari; solo a queste, pertanto, sembra possibile aprire la partecipazione all Organismo, il quale, come è noto, è un associazione dotata di personalità giuridica, istituita per l esercizio di una pubblica funzione, la tenuta dell albo dei promotori finanziari. Circa i requisiti di esperienza e di rappresentatività delle associazioni, sembra che possano essere confermati i criteri già individuati nella delibera sopra citata ed ora ripresi nella disposizione in commento. L eventuale inasprimento dei criteri avrebbe potuto precludere la partecipazione all Organismo di eventuali nuove associazioni. In merito al significato da dare al termine rappresentatività ci si è posti l interrogativo se esso potesse essere inteso, oltre che con riferimento ai requisiti suesposti, anche relativamente alla presenza delle due componenti le associazioni dei soggetti abilitati, da un lato, e quelle dei promotori finanziari, dall altro all interno dell Organismo. Sembra a tal riguardo evidente che, quanto al peso della partecipazione di ciascuna associazione nell Organismo, vi debba essere, in conformità dello spirito della legge, un adeguata partecipazione tanto delle associazioni dei soggetti abilitati quanto di quelle dei promotori finanziari. In ogni caso, è da escludere che la Consob, nell esercizio del potere ad essa delegato dalla legge, possa stabilire anche i rapporti percentuali di partecipazione all Organismo, potere rientrante nell ambito dell esercizio dell autonomia statutaria dell Organismo medesimo. 9

10 PARTE IV DISCIPLINA DELL ALBO Art. 87 (Albo unico dei promotori) 1. Sono iscritte all'albo le persone fisiche in possesso dei requisiti indicati all'articolo Per ciascun iscritto sono indicati nell'albo: a) cognome e nome; b) luogo e data di nascita; c) comune di residenza e relativo indirizzo ovvero, per i residenti all'estero, domicilio eletto nello Stato in Italia e luogo di residenza all'estero, con i relativi indirizzi; d) data di iscrizione all'albo; e) denominazione del soggetto abilitato per conto del quale il promotore opera; f) eventuali provvedimenti di sospensione cautelare o sanzionatoria in essere nei confronti del promotore nonché ogni altro provvedimento incidente sull esercizio dell attività del promotore. 3. L Organismo tiene a disposizione del pubblico l albo aggiornato con modalità idonee ad assicurarne la massima diffusione, anche attraverso internet. 4. La Consob comunica trasmette all Organismo, per gli adempimenti di competenza, i provvedimenti di sospensione adottati nei confronti dei promotori. Le minime variazioni apportate all art. 87 sono funzionali ad assicurare la congruenza fra le locuzioni usate dall art. 31, comma 4, del TUF e dal regolamento in esame. La novità maggiore è costituita in sintonia con quanto previsto all art. 86, comma 1, lett. g dall indicazione nell albo, oltre che dei provvedimenti di sospensione adottati dalla Consob, di quelli (ordinanze e sentenze dell Autorità giudiziaria) che incidono sull esercizio dell attività del promotore (comma 2, lett. f). Nel comma 3 si è ritenuto che, poiché la pubblicità da dare all albo dei promotori non sembra doversi realizzare - come previsto nel passato da apposite norme - al 31 dicembre di ogni anno, essa debba concretizzarsi in una informativa da rendere in via continuativa, sfruttando a tal fine le possibilità offerte dalla rete internet, come già oggi avviene per l albo pubblicato sul sito della Consob. Nel comma 4 si è ritenuto che la Consob debba trasmettere all Organismo tutti i provvedimenti dalla stessa adottati incidenti sull iscrizione all albo dei promotori finanziari, e, quindi, non soltanto i provvedimenti di sospensione sanzionatoria ma anche quelli di radiazione dall albo. 10

11 Art. 87-bis (Sezioni territoriali) 1. L albo è articolato in sezioni territoriali corrispondenti alle sezioni territoriali dell Organismo. 2. Le sezioni territoriali dell albo sono individuate dall Organismo in numero non inferiore a tre e nel rispetto del principio della omogeneità delle sezioni stesse con riferimento al numero e alla distribuzione geografica degli iscritti. Il nuovo art. 31 del TUF è nel senso della soppressione delle attuali commissioni regionali/territoriali, non essendo queste più richiamate dal comma 6, ma anzi essendo affermato il principio dell articolazione dell albo in sezioni territoriali e dell articolazione territoriale delle strutture e dell attività dell Organismo. La nuova normativa attribuisce alla Consob il compito di determina[re], con regolamento, i principi e i criteri e non (come nel precedente testo) di disciplinare tout court, sempre con regolamento, le modalità di formazione dell albo e le relative forme di pubblicità. La diversa formulazione della norma fa ritenere preferibile rimettere la definizione di tali partizioni dell albo alla volontà dell Organismo e, quindi, delle associazioni rappresentative degli interessi professionali delle categorie che partecipano all Organismo stesso. Parallelamente, pur risultando difficile, anche in ragione del suo prevedibile costo, pensare ad un articolazione dell Organismo sul territorio nazionale corrispondente a quella delle attuali commissioni regionali e provinciali, diffuse grazie alla presenza in ogni capoluogo di regione delle Camere di commercio presso le quali le commissioni per l albo sono incardinate, è da ritenere che l Organismo, nonostante l autonomia organizzativa riconosciutagli dalla legge e pur dovendosi ispirare a criteri di economicità della propria azione, sia tenuto ad organizzare le proprie strutture ed attività nel rispetto del principio di articolazione territoriale sancito dall art. 31, comma 4, del TUF. Appare poi evidente che debba esistere una correlazione tra le sezioni territoriali dell albo e le strutture dell Organismo presenti sul territorio a ciò non ostando alcuna previsione. La soluzione scelta è stata quindi quella di dettare un numero minimo di sezioni territoriali dell albo, a cui dovranno corrispondere le articolazioni territoriali dell Organismo, e dei criteri di massima ai quali ancorare la definizione di tali sezioni, individuati nella omogeneità delle sezioni stesse con riferimento al numero e alla distribuzione geografica degli iscritti. La soluzione che segue ha carattere meramente esemplificativo dei criteri suesposti. Il risultato è comunque costituito da aggregazioni territoriali più grandi di quelle (in numero di undici) previste dal RI, nonché di quelle (in numero di ventuno) previste dal regolamento vigente: 1) Nord Ovest (Piemonte, Valle d Aosta, Liguria) 7300 iscritti ( 2 ); 2) Nord (Lombardia) iscritti; 3) Nord Est (Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige) 8533 iscritti; 2 I dati relativi al numero degli iscritti all albo dei promotori si riferiscono al 31 dicembre

12 4) Centro Nord (Emilia-Romagna, Umbria, Marche) iscritti; 5) Centro (Toscana, Lazio) iscritti; 6) Centro Sud (Abruzzo, Molise, Campania, Sardegna) 6265 iscritti; 7) Sud (Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia) 7973 iscritti. Art. 88 (Requisiti per l iscrizione) 1. Per conseguire l iscrizione all albo è necessario: a) essere in possesso dei requisiti di onorabilità di cui all articolo 1, commi 1 e 2, del prescritti dal decreto regolamento ministeriale e non trovarsi in una delle situazioni impeditive di cui al l articolo 2 del decreto regolamento medesimo; b) essere muniti del titolo di studio di cui all articolo 3, comma 1, del prescritto dal decreto regolamento ministeriale; c) aver superato la prova valutativa di cui all articolo 89 del presente regolamento ovvero essere in possesso di taluno dei requisiti di professionalità accertati dalla Consob dall Organismo sulla base dei criteri valutativi individuati dall articolo 4 del decreto regolamento ministeriale. La sola modifica rilevante della disposizione in commento concerne la previsione contenuta nella lett. c, secondo cui non è più la Consob ma l Organismo, in quanto nuovo soggetto istituzionalmente competente alla tenuta dell albo, ad accertare il possesso da parte dei richiedenti l iscrizione all albo dei requisiti di professionalità previsti dal regolamento ministeriale. Art. 89 (Prova valutativa) 1. Le prove valutative, aventi carattere teorico pratico, sono indette annualmente con cadenza almeno annuale dalla Consob dall Organismo con provvedimento pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica e nel Bollettino della Consob e consistono in una prova scritta ed in un colloquio. Le prove valutative devono consentire di verificare l effettivo possesso da parte dei candidati delle competenze necessarie per lo svolgimento dell attività di promotore. 2. La prova valutativa scritta, articolata in quesiti a risposta sintetica, verte almeno sulle seguenti materie: diritto del mercato finanziario, disciplina dell attività di promotore, nozioni di matematica finanziaria e di economia del mercato finanziario, nozioni di diritto privato e nozioni di diritto tributario riguardanti il mercato finanziario. Il colloquio verte sulle stesse materie della prova scritta. 3. La prova valutativa è superata qualora il candidato abbia riportato un punteggio non inferiore a sei decimi sia nella prova scritta che nel colloquio. La prova è organizzata e valutata da soggetti incaricati dall Organismo e dotati di provata competenza professionale, non iscritti all albo dei promotori né esponenti o dipendenti di soggetti abilitati. 12

13 4. La prova valutativa si svolge, di norma, presso le sedi delle commissioni territoriali ovvero nei luoghi da queste stabiliti. La domanda di ammissione alla prova valutativa è indirizzata alla commissione nel cui ambito territoriale l'istante ha la residenza ovvero, se residente all'estero, il domicilio. La domanda può essere indirizzata, in alternativa, ad una commissione limitrofa; in tal caso, il candidato sarà tenuto a sostenere la prova presso tale ultima commissione. 5. L'Organismo, nell'ambito delle sessioni indette dalla Consob ai sensi del comma 1, stabilisce le date, le sedi e le modalità di svolgimento delle prove scritte e rende pubblici tali elementi ed ogni altra informazione relativa alle prove valutative. 5-bis. Per partecipare alla prova valutativa il candidato deve essere munito del titolo di studio previsto dal regolamento ministeriale. La riformulazione dell articolato tiene conto della nuova ripartizione delle competenze fra la Consob e l Organismo. Le modifiche alla disposizione di cui si tratta sono tese a sancire la generale competenza dell Organismo (quale soggetto ora istituzionalmente competente in via esclusiva alla verifica dei requisiti per l iscrizione all albo) in materia di organizzazione e cura dello svolgimento dell esame di abilitazione. In particolare, nel nuovo art. 89, in attuazione della delega normativa di cui al citato art. 31, comma 6, lett. a e lett. c, del TUF, sono enunciati i principi ed i criteri riguardanti la prova valutativa per l iscrizione all albo. Fra questi paiono degni di nota: 1) la previsione di una cadenza almeno annuale nello svolgimento delle sessioni d esame, atteso il rilevante interesse pubblico all accesso all albo (comma 1); 2) il carattere teorico - pratico della prova valutativa, che deve essere tesa a verificare l effettivo possesso da parte dei candidati delle competenze necessarie per lo svolgimento dell attività di promotore finanziario (comma 1); 3) la previsione che la prova è predisposta ed è vagliata da soggetti incaricati dall Organismo dotati di specifica professionalità, imparzialità ed indipendenza, anche rispetto ai soggetti abilitati ed alla categoria stessa dei promotori finanziari (comma 3). Non è più previsto che la prova debba articolarsi in una prova scritta e in un colloquio orale, e non è più fissato un punteggio il cui raggiungimento è necessario per ritenere superata la stessa, essendo tali disposizioni di dettaglio incompatibili con l autonomia organizzativa di cui dispone l Organismo circa l organizzazione e la gestione della prova valutativa. Il comma 5-bis introduce un importante novità imponendo, quale requisito necessario ai fini della partecipazione alla prova valutativa, il possesso dello stesso titolo di studio previsto dall art. 3 del D.M. n. 472/1998 per l iscrizione all albo. Infatti, nel vigore dell attuale assetto normativo (cfr. anche oltre al citato art. 3 del D.M. gli artt. 14, 15 e 16 del regolamento Consob n /1997), la partecipazione all esame di abilitazione è consentita anche a coloro che non sono in possesso del citato titolo, tuttavia necessario per l iscrizione, la quale, pertanto, in caso di superamento della prova, deve comunque essere posticipata fino al momento del conseguimento del titolo medesimo. 13

14 Art. 90 (Domanda di iscrizione) (Soppresso) Art. 91 (Iscrizione all'albo) 1. Previo accertamento del possesso da parte del richiedente di tutti i requisiti prescritti, l L Organismo procede all'iscrizione all'albo, sulla base dell' istruttoria svolta dalle competenti commissioni, che inviano allo stesso la proposta di iscrizione relativa al richiedente che sia risultato in possesso di tutti i requisiti prescritti, con l indicazione degli elementi di cui all'articolo 87, comma Le commissioni inoltrano la proposta all'organismo entro il termine di quarantacinque giorni dal ricevimento della domanda. L'Organismo decide entro il congruo termine di quarantacinque giorni dal ricevimento della proposta domanda; qualora entro detto tale termine nessun provvedimento sia adottato, la proposta domanda di iscrizione si intende accolta. 3. La domanda prende data dal giorno della presentazione ovvero, in caso di sua incompletezza e irregolarità, da quello del completamento o della regolarizzazione. 4. I promotori iscritti all'albo sono tenuti a versare annualmente la contribuzione prevista dalle disposizioni di attuazione dell'articolo 40 della legge 23 dicembre 1994, n L abrogazione dell art. 90 è diretta conseguenza dell esclusiva competenza dell Organismo nell iscrizione all albo dei promotori finanziari e nello svolgimento della relativa istruttoria. Le modificazioni di cui ai commi 1 e 2 dell art. 91 tengono conto del fatto che, col venir meno delle commissioni regionali, l intero procedimento istruttorio finalizzato all iscrizione all albo sarà svolto dall Organismo, il quale sarà perciò destinatario non più della proposta di iscrizione formulata dalle commissioni regionali (proposta che ora le commissioni regionali indirizzano alla Consob, previo svolgimento della pertinente istruttoria) ma, direttamente, della domanda formalizzata dal soggetto richiedente l iscrizione. Nell ambito dei principi e criteri relativi all iscrizione all albo (art. 31, comma 6, lett. c del TUF), la Consob ha ritenuto opportuno indicare i punti salienti di un iter procedimentale che dovrà essere individuato in dettaglio e pubblicizzato dall Organismo. Si sottolinea la statuizione del principio del silenzio-assenso, nel caso di superamento dei termini fissati per l istruttoria senza pervenire all adozione del provvedimento di iscrizione ovvero di rigetto dell istanza, finalizzata a consentire un percorso rapido ai procedimenti della specie e ad eliminare incertezze in merito alla loro conclusione. 14

15 Art. 92 (Cancellazione dall'albo) 1. L'Organismo procede alla cancellazione del promotore dall'albo in caso di: a) domanda dell'interessato, presentata alla competente commissione; b) perdita di uno dei requisiti per l'iscrizione all'albo richiamati dall'articolo 88, lettera a); c) mancato pagamento del contributo di vigilanza; c-bis) mancato pagamento del contributo previsto dall Organismo; d) radiazione dall'albo deliberata dalla Consob. 2. L'Organismo procede alla cancellazione di cui al comma 1, lettere a), e b) e c-bis), su proposta della competente commissione, da inoltrarsi all'organismo medesimo: a) entro trenta giorni dal ricevimento della domanda di cancellazione; b) entro sessanta giorni dall'avvio dell'istruttoria relativa all'accertamento della perdita di uno dei requisiti per l'iscrizione all'albo. previo accertamento della sussistenza dei relativi presupposti. L Organismo procede senza indugio alla cancellazione di cui al comma 1, lettere c) e d), al ricevimento della relativa richiesta da parte della Consob. 3. L Organismo procede alla cancellazione prevista dal comma 1, lettera c), a seguito dell accertamento del relativo presupposto. Le ipotesi di cui al comma 1, lettere c) e c-bis) ricorrono decorsi quarantacinque giorni naturali e consecutivi dalla scadenza del termine stabilito per il pagamento del contributo. 4. L'Organismo comunica senza indugio alla Consob le proposte di cancellazione di cui ai commi 2 e 3. La Consob comunica all'organismo, entro dieci giorni dal ricevimento della proposta, la eventuale esistenza di elementi ostativi alla cancellazione. 5. L'Organismo procede alla cancellazione entro il termine di trenta giorni dal ricevimento della proposta della commissione competente, ovvero entro il termine di sessanta giorni dall'avvio della istruttoria relativa al mancato pagamento del contributo di vigilanza. Nel caso previsto dal comma 4, i termini indicati sono sospesi per il tempo necessario allo svolgimento degli accertamenti disposti nei confronti del soggetto interessato. 6. L'Organismo procede alla cancellazione prevista dal comma 1, lettera d), a seguito del provvedimento di radiazione adottato dalla Consob. 7. I promotori cancellati dall'albo a norma del comma 1 possono esservi nuovamente iscritti a domanda, purché: a) nei casi previsti dal comma 1, lettere b), e c) e c-bis), siano rientrati in possesso dei requisiti richiamati dall'articolo 88, lettera a), ovvero abbiano corrisposto il i contributoi di vigilanza dovuti; b) nel caso previsto dal comma 1, lettera d), siano decorsi cinque anni dalla data della cancellazione delibera di radiazione. 15

16 L articolo in esame ha subìto rilevanti modifiche tese non solo ad apportare mutamenti di carattere sostanziale alle disposizioni ivi contenute, ma anche a ricondurre ad organicità ed omogeneità la sequenza delle norme previste. Di rilievo è la previsione, introdotta al comma 1, lett. c-bis, secondo cui anche il mancato pagamento del contributo previsto dall Organismo costituisce una causa di cancellazione dall albo. Come è noto, infatti, il TUF ha previsto che l autonomia finanziaria dell Organismo sia garantita attraverso la contribuzione degli iscritti e dei richiedenti l iscrizione. I soggetti già iscritti dovranno quindi versare, oltre al contributo di vigilanza a favore della Consob, il contributo funzionale al sostenimento dei costi di gestione di spettanza dell Organismo. Il mancato pagamento anche di uno solo di tali contributi comporterà la cancellazione dall albo. Si deve sottolineare, in proposito, che, ove non sia frutto di mero disguido (circostanza che è comunque agevolmente accertabile nel corso del procedimento di cancellazione de quo), il mancato pagamento è sintomo evidente della sopravvenuta carenza di interesse all iscrizione all albo, che non si concretizza, come dovrebbe a termini di regolamento, nella presentazione di una apposita istanza di cancellazione. Tale procedimento è quindi previsto nell interesse stesso degli iscritti che, in alcuni casi, cessano di operare (temporaneamente o definitivamente) ed omettono di chiedere la cancellazione, causando così l accumulo degli oneri contributivi relativi a vari anni senza aver alcun interesse a mantenere l iscrizione (iscrizione che, in ogni caso, può essere nuovamente richiesta in qualsiasi momento senza dover superare una nuova prova valutativa). Le circostanze appena descritte non devono apparire di rilievo solo marginale ove si consideri che nell ultimo anno soprattutto per effetto del notevole turn over che si registra nel settore - il procedimento di cancellazione per omesso pagamento del contributo di vigilanza è stato avviato nei confronti del 10% circa degli iscritti, ossia oltre seimila soggetti. Il nuovo comma 2 distingue i procedimenti di competenza dell Organismo (lettere a, b, c-bis) da quelli avviati e portati a termine dalla Consob, il cui atto finale è la cancellazione dall albo, che sarà operata dal primo senza indugio su semplice richiesta della seconda (lettere c, d). Il nuovo comma 3 ha, invece, lo scopo esclusivo di definire meglio le modalità di svolgimento dei procedimenti di cancellazione per omesso pagamento del contributo, fissando un ragionevole arco di tempo (45 giorni) oltre la scadenza del termine di pagamento, decorso il quale l Organismo procederà ogni anno alla cancellazione, direttamente ovvero su richiesta della Consob. La sospensione dei termini fissati per la conclusione dei procedimenti di cancellazione (commi 4 e 5 del testo precedente) non è più prevista. Tale sospensione trovava la sua ragion d essere nella necessità di evitare che la cancellazione dall albo potesse diventare per il promotore un espediente per evitare l avvio o la conclusione nei suoi confronti di un procedimento sanzionatorio. Poiché oggi si ritiene che, nell avviare un procedimento sanzionatorio nei confronti di un soggetto, la Consob possa prescindere dall attualità della qualità di iscritto all albo, qualità che ovviamente doveva essere presente all epoca del compimento dei presunti illeciti, le previsioni di cui ai commi 4 e 5 non hanno più ragion di esistere. Rispetto alle precedenti previsioni regolamentari, si procederà quindi ugualmente ad una cancellazione ad esempio, a domanda dell interessato 16

17 anche se sono in corso accertamenti sull operato del richiedente, fatta salva la possibilità che la Consob deliberi, all esito del procedimento, nei casi più gravi, la radiazione del soggetto, sia pure successivamente alla sua cancellazione dall albo. Il comma 7, nel disciplinare le modalità di reiscrizione all albo, presenta lievi modifiche rispetto alla versione attuale rese necessarie per coordinare la disposizione con i commi precedenti. Al riguardo, si osserva che, pur non mancando una certa ambiguità nell espressione usata dal legislatore, sembrano doversi far coincidere le reiscrizioni con le cause di riammissione richiamate all art. 31, comma 6, lett. c, del TUF. Art. 92-bis (Obblighi dei promotori nei confronti dell Organismo) 1. I promotori sono tenuti a comunicare senza indugio all Organismo: a) il luogo di conservazione della documentazione di cui all articolo 97; b) ogni variazione degli elementi informativi di cui alla lettera precedente e all articolo 87, comma 2, lettera c). 2. I promotori sono tenuti a comunicare all Organismo la perdita dei requisiti per l iscrizione all albo entro cinque giorni dal verificarsi dell evento o dal momento in cui ne hanno notizia. 3. Nell esercizio dei propri compiti, l Organismo può chiedere ai promotori la comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti. L articolo in esame sostituisce l attuale art. 85, relativo agli obblighi dei promotori nei confronti delle commissioni, rispetto al quale non reca variazioni rilevanti, se non quelle dovute alla soppressione delle commissioni regionali /territoriali. Rispetto alla versione precedente, la nuova disposizione fa riferimento al luogo, anziché ai luoghi di conservazione della documentazione, al fine di evitare possibili interpretazioni della norma incompatibili con la sua ratio. Quest ultima è, infatti, da collegare al potere ispettivo che la legge attribuisce alla Consob e che difficilmente potrebbe essere esercitato con la necessaria tempestività qualora molteplici fossero i luoghi di conservazione della documentazione contrattuale relativa agli investitori assegnati a ciascun promotore (cfr., in tal senso, comunicazione DAL/ del ). La notizia, acquisita dall Organismo ed inserita nel sistema informativo a cura dello stesso, sarà quindi immediatamente disponibile anche per la Consob. Il comma 3 rappresenta una novità che trae origine dalla eventuale necessità dell Organismo di approfondire talune circostanze nello svolgimento di istruttorie di cancellazione per perdita dei requisiti di onorabilità. 17

18 PARTE V ATTIVITA' DEI PROMOTORI FINANZIARI Art. 93 (Ambito di attività) 1. I promotori svolgono i compiti ed assolvono gli obblighi loro demandati ai sensi delle disposizioni disciplinanti l'attività dei soggetti abilitati, sulla base e nei limiti dell'incarico loro conferito. Art. 94 (Incompatibilità) 1. L'attività di promotore è incompatibile: a) con l'esercizio dell'attività di consulenza di cui all'articolo 1, comma 6, lettera f), del Testo Unico, salvo il caso che l'attività sia svolta per conto del soggetto abilitato per il quale opera o di altro soggetto appartenente al medesimo gruppo; b) con la qualità di sindaco o suo collaboratore ai sensi dell'articolo 2403-bis del codice civile, responsabile o addetto al controllo interno, presso soggetti abilitati; c) con la qualità di amministratore, dipendente o collaboratore di un soggetto abilitato non appartenente al gruppo al quale appartiene quello per conto del quale opera il promotore; d) con la qualità di socio, amministratore, sindaco o dipendente della società di revisione incaricata della certificazione del bilancio del soggetto abilitato per conto del quale opera il promotore; e) con l'iscrizione nel ruolo unico degli agenti di cambio; f) con ogni ulteriore incarico o attività che si ponga in grave contrasto con il suo ordinato svolgimento. Art. 95 (Regole generali di comportamento) 1. I promotori devono comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza. Essi devono osservare le disposizioni legislative, regolamentari e i codici di autodisciplina relativi alla loro attività e a quella della categoria del soggetto abilitato per conto del quale operano. Devono inoltre rispettare le procedure e i codici interni di comportamento del soggetto abilitato che ha loro conferito l'incarico. 2. I promotori sono tenuti a mantenere la riservatezza sulle informazioni acquisite dagli investitori o di cui comunque dispongano in ragione della propria attività, salvo che nei confronti del soggetto per conto del quale operano e del soggetto i cui servizi, strumenti finanziari o prodotti sono offerti, nonché nei casi di cui all'articolo 31, comma 7, del Testo Unico, e all'articolo 79, comma 4, del presente libro, ed in ogni altro caso in cui l'ordinamento ne imponga o ne consenta la rivelazione. E' comunque vietato l'uso delle suddette informazioni per interessi diversi da quelli strettamente professionali. 18

19 Nel confermare integralmente le disposizioni di cui agli art. 93 e 94, si ritiene di limitare le modifiche all art. 95 a quella dovuta alla necessità di eliminare il riferimento all art. 79 a seguito della soppressione delle commissioni territoriali/regionali. Art. 96 (Regole di presentazione e comportamento nei confronti degli investitori) 1. Al momento del primo contatto, il promotore: a) consegna all'investitore copia di una dichiarazione redatta dal soggetto abilitato, da cui risultino gli elementi identificativi di tale soggetto, gli estremi di iscrizione all'albo e i dati anagrafici del promotore, nonché il domicilio al quale indirizzare la dichiarazione di recesso prevista dall'articolo 30, comma 6, del Testo Unico; b) consegna all'investitore copia di una comunicazione conforme al modello di cui all'allegato n Il promotore consegna all'investitore la dichiarazione di cui al comma 1, lettera a), anche in caso di variazione dei dati in essa riportati. 3. Il promotore assolve gli obblighi informativi nei confronti dell'investitore in modo chiaro ed esauriente e verifica che lo stesso abbia compreso le caratteristiche essenziali dell'operazione proposta, non solo con riguardo ai relativi costi e rischi patrimoniali, ma anche con riferimento alla sua adeguatezza in rapporto alla situazione dell'investitore. 4. Nella promozione e collocamento a distanza: a) le informazioni e i chiarimenti che il promotore deve fornire all'investitore o acquisire da quest'ultimo sono forniti o acquisiti, in modo chiaro e comprensibile, secondo modalità adeguate alle caratteristiche della tecnica di comunicazione a distanza impiegata; b) i documenti che il promotore deve consegnare all'investitore o acquisire da quest'ultimo possono essere trasmessi o acquisiti anche utilizzando tecniche di comunicazione a distanza, purché le caratteristiche delle stesse siano con ciò compatibili e consentano al destinatario di ottenerne la disponibilità su supporto duraturo. 5. Il promotore verifica l'identità dell'investitore, prima di raccoglierne le sottoscrizioni o le disposizioni. Il promotore rilascia all'investitore copia dei contratti, delle disposizioni e di ogni altro atto o documento da questo sottoscritto. 6. Il promotore può ricevere dall'investitore, per la conseguente immediata trasmissione, esclusivamente: a) assegni bancari o assegni circolari intestati o girati al soggetto abilitato per conto del quale opera ovvero al soggetto i cui servizi, strumenti finanziari o prodotti sono offerti, muniti di clausola di non trasferibilità; b) ordini di bonifico e documenti similari che abbiano quale beneficiario uno dei soggetti indicati nella lettera precedente; c) strumenti finanziari nominativi o all'ordine, intestati o girati a favore del soggetto che presta il servizio oggetto di offerta. 19

20 7. Il promotore non può ricevere dall'investitore alcuna forma di compenso ovvero di finanziamento. 7-bis. Il promotore non può utilizzare i codici segreti di accesso telematico ai rapporti di pertinenza dell investitore o comunque al medesimo collegati. L articolo in esame è stato integrato con l aggiunta del comma 7-bis. La disposizione ivi contenuta deriva dall esigenza di introdurre una specifica previsione con riferimento ad un comportamento spesso verificato nell attività di vigilanza. La norma costituisce la trasposizione regolamentare di una regola già oggi presente in molti codici di autodisciplina adottati dai soggetti abilitati. L intento è quindi quello di rafforzarne il contenuto precettivo. La sua finalità è peraltro quella di vietare una condotta di pericolo presunto, prescindendo dal preventivo assenso o meno all utilizzo dei codici da parte del cliente titolare degli stessi. Con riferimento al nuovo divieto si ritiene tuttavia di non dovere prevedere una fattispecie sanzionatoria ad hoc (cfr. il dettato dell art. 98), atteso che la gravità della condotta ha connotazioni assai variabili, non facilmente riconducibili in via preventiva nel quadro di una precisa ipotesi sanzionatoria, ed esige pertanto un trattamento calibrato in modo differente a seconda dei diversi casi concreti. Infatti, nell ipotesi in cui l utilizzo dei codici telematici sia stato preventivamente autorizzato dal cliente titolare degli stessi, la condotta del promotore - in ogni caso non corretta e quindi vietata - si traduce in un irregolarità più lieve. Al contrario, nell opposto caso in cui l utilizzo dei codici non sia stato autorizzato dal cliente, la violazione configura, quanto meno, un ipotesi di operatività non autorizzata, fattispecie quest ultima che nel novellato art. 98 si ritiene di dover sanzionare con la radiazione dall albo. Art. 97 (Conservazione della documentazione) 1. Il promotore è tenuto a conservare ordinatamente per almeno cinque anni, neil luoghio comunicatio ai sensi dell'articolo bis, copia della seguente documentazione: a) contratti promossi per suo tramite; b) altri documenti sottoscritti dagli investitori; c) corrispondenza intercorsa con i soggetti per conto dei quali il promotore ha operato nel corso del tempo. 2. Si applica il disposto dell'articolo 69, comma Il promotore deve ordinatamente conservare per due anni copia delle registrazioni su nastro magnetico o su altro supporto equivalente che sia tenuto ad effettuare nello svolgimento della propria attività. 20

REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI. 11 ottobre 2010

REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI. 11 ottobre 2010 REGOLAMENTO INTERMEDIARI MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ALBO E ATTIVITÀ DEI PROMOTORI FINANZIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 11 ottobre 2010 Le osservazioni al presente documento di consultazione

Dettagli

PARTE IV ATTIVITA DEI PROMOTORI FINANZIARI Art. 104 (Ambito di attività)

PARTE IV ATTIVITA DEI PROMOTORI FINANZIARI Art. 104 (Ambito di attività) Regolamento recante norme di attuazione del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 in materia di intermediari (adottato con dalla Consob con delibera n. 16190 del 29 ottobre 2007) PARTE IV ATTIVITA

Dettagli

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N.

1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 1) MODIFICHE AL TESTO UNICO BANCARIO IN ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto il decreto

Dettagli

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso

Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal provvedimento 2720/2009 sono indicate in rosso Principali modifiche al Regolamento ISVAP 5/2006 Le modifiche al regolamento introdotte dal 2720/2009 sono indicate in rosso Esame semplificato per l iscrizione alla sezione A del RUI per iscritti alle

Dettagli

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria)

TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI. Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) TESTO UNICO BANCARIO TITOLO VI-BIS (1) AGENTI IN ATTIVITÁ FINANZIARIA E MEDIATORI CREDITIZI Articolo 128-quater (2) (Agenti in attività finanziaria) 1. È agente in attività finanziaria il soggetto che

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 18-BIS, DEL D.LGS. N. 58/1998 IN MATERIA DI CONSULENTI FINANZIARI

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 18-BIS, DEL D.LGS. N. 58/1998 IN MATERIA DI CONSULENTI FINANZIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 18-BIS, DEL D.LGS. N. 58/1998 IN MATERIA DI CONSULENTI FINANZIARI 5 giugno 2008 Le osservazioni al presente documento di consultazione

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003

Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Delibera n. 14015 del 1 aprile 2003 Disposizioni concernenti gli obblighi di comunicazione di dati e notizie e la trasmissione di atti e documenti da parte dei soggetti abilitati e degli agenti di cambio.

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO COMUNALE SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera C.C. n. 8 del 03/02/2014 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 Ambito di applicazione pag. 3 Art. 2 Principi generali

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

II.11 LA BANCA D ITALIA

II.11 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 24 marzo 2010. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di contenuto generale della Banca d Italia nell esercizio delle funzioni di vigilanza bancaria

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA @II@ ALLEGATO ALLA DELIBERQZIONE C.C. N. 43 DEL 01.06.2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SUSSIDI E BENEFICI ECONOMICI AD ASSOCIAZIONI. Art. 1 Oggetto TITOLO I DISCIPLINA GENERALE.

Dettagli

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Sistema di vigilanza Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Connessi poteri di controllo Il ruolo di Banca d Italia Formazione OAM 2 Art. 128-decies TUB Agli agenti in a.f., agenti money transfer,

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33 COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;

VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTO l articolo 87, quinto comma, della Costituzione; VISTO l articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400; VISTA la legge 17 dicembre 2010, n. 227, recante disposizioni concernenti la definizione

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Regolamento in materia di esercizio del potere sanzionatorio dell Autorità Nazionale Anticorruzione per l omessa adozione dei Piani triennali di prevenzione

Dettagli

ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa

ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa MARCA DA BOLLO 14,62 ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa Alla Sezione territoriale c/o Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE INDICE GENERALE Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Istituzione dell Albo Pretorio on-line Art. 3 - Finalità della pubblicazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri L estensione dell obbligo della formazione continua agli iscritti all Ordine degli Ingegneri (art. 3, comma 5, lettera b) del decreto-legge 13 agosto 2011, n.

Dettagli

Direzione Generale per l'armonizzazione del Mercato e la Tutela dei Consumatori

Direzione Generale per l'armonizzazione del Mercato e la Tutela dei Consumatori Direzione Generale per l'armonizzazione del Mercato e la Tutela dei Consumatori CIRCOLARE DEL 9 MARZO 1999, n 1251100 (pubblicata sulla G.U. n 71 del 26 marzo 1999) Roma, 9 marzo 1999. Criteri e istruzioni

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE, OGGETTO E FINALITA Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE,

Dettagli

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006

PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 PROMEMORIA PROVVEDIMENTO N. 2720 DEL 2 LUGLIO 2009 MODIFICHE ED INTEGRAZIONI AL REGOLAMENTO N. 5 DEL 16 OTTOBRE 2006 L'ISVAP ha pubblicato sul proprio sito il Provvedimento 2720 del 2 luglio 2009, che

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. Lgs. 231/2001. Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO Parte 01 PRESENTAZIONE DEL MODELLO 1 01.00 PREMESSA Recordati è un gruppo farmaceutico europeo fondato nel 1926, quotato alla Borsa Italiana, che si dedica alla ricerca, allo sviluppo, alla produzione

Dettagli

POSITION PAPER. aprile 2010

POSITION PAPER. aprile 2010 Risposta alla consultazione COVIP Schema di regolamento sulle procedure relative all autorizzazione all esercizio dell attività delle forme pensionistiche complementari, alle modifiche degli statuti e

Dettagli

Deliberazione n. 371/2012/PAR

Deliberazione n. 371/2012/PAR Deliberazione n. 371/2012/PAR SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER L EMILIA-ROMAGNA composta dai Magistrati dott. Mario Donno dott. Ugo Marchetti dott.ssa Benedetta Cossu dott. Riccardo Patumi presidente;

Dettagli

Regolamento Albo regionale delle cooperative sociali, consorzi e organismi analoghi, ai sensi dell'art. 27 della l.r. n. 1/2008

Regolamento Albo regionale delle cooperative sociali, consorzi e organismi analoghi, ai sensi dell'art. 27 della l.r. n. 1/2008 Regolamento Regionale 17 marzo 2015, n. 1 Regolamento Albo regionale delle cooperative sociali, consorzi e organismi analoghi, ai sensi dell'art. 27 della l.r. n. 1/2008 (BURL n. 12, suppl. del 20 Marzo

Dettagli

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO

IL REGISTRO DEI REVISORI: ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ. Annalisa DE VIVO : ACCESSO, FORMAZIONE E CONTROLLO DELLA QUALITÀ Annalisa DE VIVO Diretta 19 aprile 2010 ISTITUZIONE DEL REGISTRO Con il d.lgs. n. 39/2010 è istituito un UNICO REGISTRO DEI REVISORI LEGALI. L autorità pubblica

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Via Brera 21, 20121 Milano Capitale sociale i.v. Euro 306.612.100 Codice fiscale, Partita IVA ed iscrizione al Registro imprese di Milano n. 07918170015 Soggetta ad attività di direzione e coordinamento

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO EMITTENTI

REGOLAMENTO EMITTENTI REGOLAMENTO EMITTENTI ATTESTAZIONE DEL DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI E DEGLI ORGANI AMMINISTRATIVI DELEGATI SUL BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO E SULLA RELAZIONE

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008

Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008 Regolamento Isvap n. 24 del 19 maggio 2008 1 Oggetto - 1 Il Regolamento disciplina: a) la proposizione e la gestione dei reclami presentati all ISVAP dalle persone fisiche e giuridiche dalle associazioni

Dettagli

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011

Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 Risoluzione n. 153829 del 10.6.2011 OGGETTO: D.P.R. 4 aprile 2001, n.235, Regolamento recante semplificazione del procedimento per il rilascio dell autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

1. Premessa e definizioni

1. Premessa e definizioni Regolamento provinciale per l iscrizione, la cancellazione e la revisione delle associazioni di promozione sociale nel Registro provinciale istituito ai sensi dell art.4 della L.R. 34/2002. (Approvato

Dettagli

Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi

Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi Regolamento recante attuazione dell'articolo 29 del decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, concernente il contenuto dei requisiti organizzativi per l'iscrizione nell'elenco dei mediatori creditizi.

Dettagli

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE

COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI 39/2010 AGLI ENTI ASSOCIATI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI INDICE Decreto relativo al contributo erariale spettante alle unioni di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate

Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate Procedura per la gestione interna e la comunicazione all'esterno delle informazioni privilegiate 1. FINALITA' DELLA PROCEDURA 1.1 La presente procedura contiene le disposizioni relative sia alla gestione

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO PRETORIO ON LINE COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA ( Provincia di Rieti ) Piazza Comunale, 1-02034 Montopoli di Sabina (Rieti) Tel. 0765.27611-276101-2 3 - Fax 0765.276127 Allegato A) alla deliberazione consiliare n. del REGOLAMENTO

Dettagli

Art. 21 (Requisiti per l iscrizione delle persone fisiche)

Art. 21 (Requisiti per l iscrizione delle persone fisiche) Un soggetto chiede di conoscere i requisiti richiesti ad una società di formazione per poter gestire i corsi di formazione professionale, attestarne la partecipazione ed il superamento di eventuali test

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA DISPOSIZIONI ORGANIZZATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART.

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

Manuale operativo. per la gestione dell ALBO PRETORIO INFORMATICO

Manuale operativo. per la gestione dell ALBO PRETORIO INFORMATICO COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia Manuale operativo per la gestione dell ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato con Delibera di Giunta Comunale n. 264 del 18.12.2014 E integrato dgc n. 2 del 13.1.2015

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno ALLEGATO ALLA CIRCOLARE - FL 7/2012 LINEE GUIDA PER L ISCRIZIONE DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI nell elenco, di cui al Decreto del Ministro dell Interno 15 febbraio 2012, n. 23, recante il Regolamento

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE SANZIONATORIO AI SENSI DELL ARTICOLO 47 DEL DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013, N. 33 (data di pubblicazione nel sito internet dell Autorità: 23 luglio 2015)

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

La vendita dei Prodotti Assicurativi

La vendita dei Prodotti Assicurativi La vendita dei Prodotti Assicurativi I prodotti assicurativi formano sempre di più oggetto di campagne di vendita. Vogliamo fornire ai colleghi una breve nota che riepiloghi i punti essenziali della normativa

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 11 e 33 B.U.R. 1/7/2015, n. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 giugno 2015, n. 0117/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 11 e 33 B.U.R. 1/7/2015, n. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 giugno 2015, n. 0117/Pres. L.R. 5/2012, artt. 11 e 33 B.U.R. 1/7/2015, n. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 16 giugno 2015, n. 0117/Pres. Regolamento concernente le modalità di iscrizione, cancellazione, aggiornamento e tenuta

Dettagli

GLI APPROFONDIMENTI DELL UFFICIO UNICO PER I CONTROLLI INTERNI Aprile 2011

GLI APPROFONDIMENTI DELL UFFICIO UNICO PER I CONTROLLI INTERNI Aprile 2011 GLI APPROFONDIMENTI DELL UFFICIO UNICO PER I CONTROLLI INTERNI Aprile 2011 In relazione alla pubblicazione di dati personali nei siti web delle pubbliche amministrazioni, in particolare per ciò che concerne

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA Delibera Consob 19 dicembre 2014 n. 19084 Modifiche al regolamento di attuazione del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti adottato con delibera del 14 maggio 1999 n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 12 aprile 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 aprile 2007 OGGETTO: Definizione della posizione dei contribuenti interessati dagli eventi sismici e vulcanici dell ottobre 2002 nel

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DEL MEZZO PROPRIO DA PARTE DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA DI NUORO

REGOLAMENTO SULL USO DEL MEZZO PROPRIO DA PARTE DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA DI NUORO Allegato alla deliberazione n. 696 del 23.05.2012 REGOLAMENTO SULL USO DEL MEZZO PROPRIO DA PARTE DEI DIPENDENTI DELL AZIENDA SANITARIA DI NUORO 1 INDICE PREMESSA ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore)

REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE. TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) REGOLAMENTO DEL REGISTRO PROVINCIALE E DELLA CONSULTA DEI SERVIZI SOCIALI E DEL TERZO SETTORE TITOLO I (Registro Provinciale del Terzo Settore) ART. 1 (Principi fondamentali) La Provincia Regionale di

Dettagli

AVVISO DI CONVOCAZIONE

AVVISO DI CONVOCAZIONE AVVISO DI CONVOCAZIONE SOCIETÀ CATTOLICA DI ASSICURAZIONE Società Cooperativa Sede sociale in Verona, Lungadige Cangrande n. 16 Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Verona

Dettagli

Regolamento sulla gestione e tenuta dell Albo del Collegio Provinciale IPASVI di TORINO

Regolamento sulla gestione e tenuta dell Albo del Collegio Provinciale IPASVI di TORINO APPROVATO CON DELIBERAZIONE N. 138/15 DEL 27 LUGLIO 2015 DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO IP.AS.VI. DI TORINO Regolamento sulla gestione e tenuta dell Albo del Collegio Provinciale IPASVI di TORINO

Dettagli

COMUNE DI VIGNOLA FALESINA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO DELL INFORMAZIONE E DI GESTIONE DELL'ALBO PRETORIO ELETTRONICO

COMUNE DI VIGNOLA FALESINA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO DELL INFORMAZIONE E DI GESTIONE DELL'ALBO PRETORIO ELETTRONICO COMUNE DI VIGNOLA FALESINA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO DELL INFORMAZIONE E DI GESTIONE DELL'ALBO PRETORIO ELETTRONICO Approvato con delibera del Consiglio n. 14 del 29/04/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Roma, 31 luglio 2002. OGGETTO: Rimborsi in conto fiscale per l imposta sul valore aggiunto derivanti dalla dichiarazione annuale Attività degli uffici

Dettagli

3. Passando all illustrazione di dettaglio dell articolato si precisa quanto segue.

3. Passando all illustrazione di dettaglio dell articolato si precisa quanto segue. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONCERNENTE REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DELL'ELENCO DEI FUNZIONARI INTERNAZIONALI DI CITTADINANZA ITALIANA, A NORMA DELL'ARTICOLO 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 17 DICEMBRE

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 e successivamente modificata nella

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA GESTIONE E TENUTA DELL ALBO DEL COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI DI BIELLA

REGOLAMENTO SULLA GESTIONE E TENUTA DELL ALBO DEL COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI DI BIELLA REGOLAMENTO SULLA GESTIONE E TENUTA DELL ALBO DEL COLLEGIO PROVINCIALE IPASVI DI BIELLA Approvato Consiglio Direttivo del 16 febbraio 2015 delibera n. 83 Art. 1 disposizione generale Il Consiglio Direttivo,

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE

NUCLEO DI VALUTAZIONE Gli approfondimenti di Publika NUCLEO DI VALUTAZIONE O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SI PUÒ SCEGLIERE? A cura di Gianluca Bertagna NUCLEO O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE A cura di Gianluca

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI

GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI GLI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALL AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA PER GLI APPALTI DI SERVIZI, FORNITURE E LAVORI PUBBLICI Il seguente documento ha la finalità di riassumere gli adempimenti e le scadenze che il

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE D.Lvo 39/2010 - Artt. 5 Parere: CONSOB Concerto NO Regolamento sulla formazione continua dei revisori BOZZA Regolamento del Ministro dell economia e delle finanze concernente le modalità del perfezionamento

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO 11 novembre 2011, n. 220 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali, nonché dei

Dettagli

COMUNICAZIONE CONSOB 1. DIN/1047369 del 13/06/2001. DIN/2024801 del 15/04/2002. DI/99052230 del 05/07/1999. DIN/1035077 del 10/05/2001

COMUNICAZIONE CONSOB 1. DIN/1047369 del 13/06/2001. DIN/2024801 del 15/04/2002. DI/99052230 del 05/07/1999. DIN/1035077 del 10/05/2001 Quadro sintetico delle qualifiche che consentono l iscrizione di diritto ai sensi dell art. 4 del D.M. n. 472/1998 aggiornato alle modifiche introdotte dal D.M. n. 140/2010. Avvertenza: le tabelle pubblicate

Dettagli

Modificato con deliberazione C.C. n. 92 del 10.09.2015 I N D I C E

Modificato con deliberazione C.C. n. 92 del 10.09.2015 I N D I C E Regolamento per la pubblicità e la trasparenza dello stato patrimoniale dei titolari di incarichi politici e per la disciplina del procedimento sanzionatorio per la applicazione delle sanzioni specifiche

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Regolamento di disciplina dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali per l iscrizione all albo delle persone fisiche consulenti finanziari. IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA INPS GESTIONE IMMOBILIARE IGEI S.P.A. IN LIQUIDAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA SEZIONE I DELLA PARTE SPECIALE -B- PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Adottato dalla Giunta Comunale nella seduta del 26.3.2003 con provvedimento n. 330/11512 P.G. Modificato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA C O M U N E D I B R U I N O PROVINCIA DI TORINO - C. A. P. 10090 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO DIGITALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 34 del 14/4/2011 Depositato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO. Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza

COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO. Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza COMUNE DI FANO PROVINCIA DI PESARO URBINO Regolamento comunale per la disciplina della videosorveglianza Indice generale Art. 1 Oggetto e norme di riferimento...2 Art. 2 Definizioni...2 Art. 3 Finalità,

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI ABILITAZIONE Allegato parte integrante Criteri e modalità di riconoscimento degli organismi di abilitazione dei soggetti preposti al rilascio certificazioni energetiche CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA ALLEGATO A CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA 1. Premessa Il Reg. (CE) n. 1782/2003 ha stabilito, in via obbligatoria, l istituzione da parte degli

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE DELIBERAZIONE del 30 novembre 2006 COVIP COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Regolamento recante le procedure relative agli adeguamenti delle forme pensionistiche complementari al decreto legislativo

Dettagli

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità)

BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) ALLEGATO E) BANDO PER LA SELEZIONE DI 1992 GIOVANI DA IMPIEGARE IN PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE. ART. 1 (Generalità) È indetto un bando per la selezione di 2034 giovani da avviare al servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA

REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA REGOLAMENTO PER LE ISPEZIONI DI SORVEGLIANZA PERIODICA (Art. 13 D.P.R. 162/99) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5. PERSONALE IMPIEGATO

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA Effetti s.r.l.

REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA Effetti s.r.l. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA Effetti s.r.l. Approvato all unanimità dagli Amministratori con decisione del 21 aprile 2009 SOMMARIO Art. 1 - Scopo e ambito di applicazione Art. 2 - Composizione

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI COMO Programma triennale per la trasparenza e l integrità Anni 2016-2018 (approvato nella seduta di Consiglio del 13 gennaio 2016) 1. Introduzione:

Dettagli