Minibond Un opportunità sfidante per le imprese italiane

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Minibond Un opportunità sfidante per le imprese italiane"

Transcript

1 Minibond Un opportunità sfidante per le imprese italiane Aggiornamento: ottobre 2014

2 Contenuti del documento 2 AGENDA Lo scenario Le novità normative: dal Decreto Sviluppo al DM 5/06/2014 Quali vantaggi evidenzia l emissione di minibond Mutuo bancario verso minibond I soggetti coinvolti Processo di emissione Procedura di quotazione su ExtraMOT PRO INIZIATIVA il ruolo dell advisor

3 La struttura finanziaria delle imprese italiane è tradizionalmente sbilanciata sul credito bancario Lo scenario: la struttura finanziaria delle imprese 3

4 Lo scenario: dal credito facile al credit crunch 4 La finanziarizzazione dell economia reale legata all ingresso nell Euro e all eccesso di liquidità post Torri gemelle ha drogato il mercato: il credito non ha seguito i fondamentali economici Diventando quasi una commodity; Dando alle imprese l illusione che la finanza non fosse una leva critica; Creando, così, alle imprese «vestiti troppo larghi» ancora di più dopo la dieta forzata di questi anni Il cambio dello scenario ha portato, dal 2011, ad un taglio dei prestiti alle imprese di 96 mld (10,2%) Per il 2014 è attesa una ulteriore riduzione di circa 9 mld. Ma l adozione dei nuovi parametri di riferimento di «Basilea 3» dovrebbe peggiorare la situazione: McKinsey e Morgan Stanley stimano una potenziale contrazione degli impieghi al settore privato tra miliardi (2 volte quanto avvenuto negli ultimi 2 anni)

5 Lo scenario: il credit crunch ha colpito anche i migliori 5 Le analisi del Cerved dimostrano come il taglio degli impieghi abbia colpito complessivamente, ancorchè in misura minore rispetto al rischio, tutte le imprese. In apparenza le banche non riescono più a selezionare i tagli Il medio/lungo termine, fondamentale per finanziare i programmi di sviluppo, sta diventando una merce rara!

6 Lo scenario: il problema del rischio sistemico 6 L impatto sui bilanci dei crediti deteriorati è molto consistente: A dicembre 2013 i crediti deteriorati erano il 15,9 con le sofferenze al 8,7 (6 mesi prima: deteriorati 14,7% e sofferenze 7,8%) sui mld di impieghi; Per le prime 5 banche la percentuale era del 16,6 con le sofferenze al 9,4 (15,2% e 8,5% 6 mesi prima) sui mld di impieghi (-45 mld vs giugno) A destare preoccupazione ci sono: I tassi di crescita rilevati dei crediti deteriorati; Il tasso di crescita delle sofferenze, intorno al 22,8%, con una crescita di 100 mld in 5 anni; Le stime di crescita del passaggio dei crediti deteriorati in sofferenze con l evidenza che la realtà del 2013 ha superato largamente le aspettative 2013

7 Lo scenario: il perché del rischio sistemico 7 La crisi aumenta la quantità di crediti deteriorati Le dinamiche depressive aumentano e le aziende vanno a default Le imprese private delle risorse finanziare a causa di un possibile rischio di default vanno effettivamente in default! Il rating registra aumenti della Probabilità di Default Senza credito le imprese si avvitano finanziariamente Le banche sono reticenti a dare credito

8 Lo scenario: il problema del differenziale del costo 8 I problemi legati alla crisi del debito sovrano si sono riflesse anche sui tassi d interesse. Mediamente le imprese italiane stanno pagando tra i 165 e i 185 p.b. in più rispetto alle concorrenti tedesche e francesi e al Sud la situazione è peggiore

9 Inquadramento normativo 9 Per offrire alle aziende una risorsa di finanziamento complementare al canale bancario, con il Decreto Sviluppo, il Decreto Destinazione Italia e, da ultimo, il Decreto Competitività, il Governo ha definito una serie di agevolazioni fiscali e rimosso alcuni ostacoli amministrativi per permettere anche alle imprese non quotate di accedere al mercato obbligazionario I mini bond sono stati istituiti dal decreto Sviluppo (dl n ). A rinnovare lo strumento sono successivamente intervenute le seguenti norme: Decreto Destinazione Italia (dl n ) Decreto-legge Competitività (dl n )

10 Contenuti del documento 10 AGENDA Lo scenario Le novità normative: dal Decreto Sviluppo al DM 5/06/2014 Quali vantaggi evidenzia l emissione di minibond Mutuo bancario verso minibond I soggetti coinvolti Processo di emissione Procedura di quotazione su ExtraMOT PRO INIZIATIVA il ruolo dell advisor

11 Decreto Sviluppo dl n 83/ Il Decreto Legge n.83 del 23 giugno 2012, meglio noto come Decreto Sviluppo, recante misure urgenti per la crescita del Paese, prevede una serie di norme per incentivare in particolare le PMI all emissione di strumenti di finanziamento che includono: le cambiali finanziarie; le obbligazioni; le obbligazioni partecipative. a condizione che: l'emissione sia assistita da uno sponsor; l'ultimo bilancio dell'emittente sia assoggettato a revisione contabile da parte di un revisore legale o di una società di revisione legale iscritti nell'apposito registro; i titoli siano: o collocati esclusivamente presso investitori qualificati che non siano, direttamente o indirettamente, soci della società emittente, o destinati alla circolazione esclusivamente tra tali investitori. In sintesi le società non quotate hanno adesso l opportunità di accedere al mercato dei capitali con lo stesso trattamento normativo prima riservato ai c.d. Grandi Emittenti (cioè banche, società con azioni negoziate sui mercati e enti pubblici economici). Sono escluse da questa normativa le microimprese, cioè le società con meno di 10 dipendenti e con un fatturato inferiore a 2 milioni di euro.

12 Decreto Sviluppo dl n 83/ segue 12 I vantaggi previsti dal Decreto Sviluppo a favore delle imprese emittenti sono di tipo: normativo: sono introdotte alcune facilitazioni come per es. una maggiore flessibilità temporale e la possibilità di dematerializzazione per le cambiali finanziarie; sono eliminati alcuni vincoli come per es. il limite quantitativo per le obbligazioni (art cod.civ.) pari a due volte il capitale sociale più riserva legale più riserve disponibili, anche se le obbligazioni sono emesse da società non quotate, a condizione che questi strumenti siano quotati su Mercati Regolamentati; fiscale: gli interessi pagati sulle obbligazioni e sulle cambiali finanziarie sono fiscalmente deducibili nei limiti generali dell art. 96 TUIR, anche se le obbligazioni sono emesse da società non quotate, a condizione che questi strumenti siano quotati su Mercati Regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione, ovvero, nel caso in cui tali strumenti non siano quotati, a condizione che siano detenuti da investitori qualificati che non detengono, direttamente o indirettamente, più del 2 per cento del capitale o del patrimonio della società emittente; le spese di emissione delle cambiali finanziarie, delle obbligazioni e dei titoli similari sono deducibili nell esercizio in cui sono sostenute indipendentemente dal criterio di imputazione al bilancio; Per gli investitori in mini bond sui mercati regolamentati, invece, ha introdotto il diritto a un imposta agevolata pari al 20% dell interesse maturato sul titolo.

13 Decreto Destinazione Italia Dl n 145/ Il Piano Destinazione Italia ha previsto che i mini bond possano essere posti a garanzia dei 'covered bond' emessi dalle banche e costituire oggetto di cartolarizzazione. Questo intervento consentirebbe di far sorgere nuovi veicoli di investimento operanti come sottoscrittori dei suddetti strumenti finanziari e ciò dovrebbe aumentare il numero dei soggetti acquirenti titoli obbligazionari e aumentare le capacità di diffusione dei mini-bond. Inoltre, il dl ha esteso l'intervento del Fondo centrale di garanzia anche alle operazioni di sottoscrizione di mini bond. Una norma divenuta operativa con il decreto ministeriale del 5 giugno 2014, che ha autorizzato l'ammissione di garanzie fino ad un ammontare massimo di risorse impegnate pari a 50 milioni di euro, da ripartirsi per il 40% per le garanzie per singole operazioni di sottoscrizione di mini bond e per il 60% per le garanzie su portafogli di mini bond.

14 Le novità introdotte dal Decreto Competitività Dl n 91/ L'ultima spinta alla diffusione dei mini bond è arrivata dal decreto-legge Competitività (dl n ), che ha previsto un regime fiscale più vantaggioso per gli interessi e gli altri proventi derivanti da obbligazioni. L articolo 21, nello specifico, prevede la: disapplicazione della ritenuta d'acconto su interessi e proventi delle obbligazioni e titoli similari corrisposti alle società di cartolarizzazione che li sottoscrivono; eliminazione della ritenuta d'acconto su interessi e proventi corrisposti sulle obbligazioni non quotate collocate presso investitori qualificati (PRIVATE PLACEMENT).

15 La garantibilità dei minibond con il Fondo Centrale di Garanzia 15 Il DM 5 giugno 2014 prevede l'ammissibilità alla garanzia del Fondo Centrale di Garanzia delle operazioni di sottoscrizione di mini bond, sia presentate singolarmente che comprese nell'ambito di un portafoglio di mini bond. Per essere garantibili i mini bond devono rispettare questi criteri: a) essere finalizzati al finanziamento dell'attività d'impresa; b) non avere ad oggetto la sostituzione di linee di credito già erogate al soggetto beneficiario finale; c) le date di sottoscrizione e di messa a disposizione delle somme al soggetto beneficiario finale devono essere successive alla data di delibera del Consiglio di gestione di accoglimento della richiesta di garanzia del Fondo; d) avere una durata compresa tra 36 e 120 mesi. e) non essere assistite da altre garanzie, reali o assicurative, per la quota coperta dalla garanzia del Fondo. Qualora i mini bond prevedano la possibilità di conversione in azioni, la garanzia concessa dal Fondo ha efficacia fino alla data dell'eventuale esercizio dell'opzione di conversione del mini bond. Il fondo copre: Il 50% dell importo del bond se amortising e il 30% se bullet; Sino a

16 Contenuti del documento 16 AGENDA Lo scenario Le novità normative: dal Decreto Sviluppo al DM 5/06/2014 Quali vantaggi evidenzia l emissione di minibond Mutuo bancario verso minibond I soggetti coinvolti Processo di emissione Procedura di quotazione su ExtraMOT PRO INIZIATIVA il ruolo dell advisor

17 Quali vantaggi evidenzia l emissione di minibond 17 Diversificazione e riequilibrio delle fonti di finanziamento Reazione anticipata rispetto al trend di ulteriore restringimento del credito bancario, soprattutto sul M/L termine Aumento della visibilità aziendale e creazione di un «track record» che risulta fondamentale in un mercato che si andrà affollando Avvio di un processo di evoluzione organizzativa importante con la quotazione su un mercato regolamentato (ExtraMOT) Possibilità di finanziare lo sviluppo aziendale a M/L termine con un debito chirografario non garantito ed eventualmente con restituzione bullet Possibilità di avere una garanzia collaterale da parte del Fondo Centrale di Garanzia

18 Contenuti del documento 18 AGENDA Lo scenario Le novità normative: dal Decreto Sviluppo al DM 5/06/2014 Quali vantaggi evidenzia l emissione di minibond Mutuo bancario verso minibond I soggetti coinvolti Processo di emissione Procedura di quotazione su ExtraMOT PRO INIZIATIVA il ruolo dell advisor

19 Mutuo bancario verso minibond 19 MUTUO BANCARIO OBBLIGAZIONE FINANZIATORE Banche Investitori Istituzionali (assicurazioni, fondi pensione, fondazioni, fondi comuni, gestioni patrimoniali), imprese di grandi dimensioni, fondi di origine pubblica e grandi investitori privati SCADENZA MODALITÀ DI RIMBORSO CRITERI DI VALUTAZIONE DEL DEBITORE Predeterminate oppure flessibili (nel caso di linea revolving ) Medio/Lungo Termine Predeterminate Solidità patrimoniale, profittabilità, flussi di cassa Aspetti qualitativi basati sulla relazione di lungo termine Aspetti qualitativi basati sulle caratteristiche dell impresa. Aspetti quantitativi basati sull andamento prospettico (business plan) GARANZIA REALE Prevalentemente richiesta Prevalentemente non richiesta TASSO D INTERESSE Dipendente principalmente da : costo del capitale e della liquidità per la Banca, valutazione di credito dell Emittente, competitività del mercato bancario, relazione, accesso a business collaterale Dipendente principalmente da : rating dell Emittente, condizioni del mercato secondario, liquidità dell emissione

20 Mutuo bancario verso minibond 20 MUTUO BANCARIO OBBLIGAZIONE ALTRI COSTI MODALITÀ DI COLLOCAMENTO PUBBLICITÀ DELLE CONDIZIONI DELL OPERAZIONE Spese di istruttoria per la pratica di fido Operazione bilaterale oppure, nel caso di più Finanziatori Operazione in pool No RATING ESTERNO No Opportuno CARATTERISTICHE DELLA DOCUMENTAZIONE TEMPI DI NEGOZIAZIONE SEGNALAZIONE IN CENTRALE RISCHI INDICAZIONE DELL AFFIDABILITÀ DELL IMPRESA Commissione di Advisory Costi legati all Ammissione alla Negoziazione Private Placement oppure, nel caso di Emissioni Pubbliche Consorzio di Garanzia e Collocamento Si Presenza di Covenant, cioè di clausole di tutela della posizione di rischio dei Finanziatori, generalmente più stringenti nel caso dell Obbligazione a causa dell assenza di garanzie reali Dipendenti della complessità dell operazione, generalmente più lunghi nel caso dell Obbligazione Si Bassa, per via della confidenzialità mantenuta dalla Banca No Elevata, per via della pubblicità dell emissione sul primario e successiva ammissione alla Negoziazione

21 Contenuti del documento 21 AGENDA Lo scenario Le novità normative: dal Decreto Sviluppo al DM 5/06/2014 Quali vantaggi evidenzia l emissione di minibond Mutuo bancario verso minibond I soggetti coinvolti Processo di emissione Procedura di quotazione su ExtraMOT PRO INIZIATIVA il ruolo dell advisor

22 I soggetti coinvolti 22

23 Contenuti del documento 23 AGENDA Lo scenario Le novità normative: dal Decreto Sviluppo al DM 5/06/2014 Quali vantaggi evidenzia l emissione di minibond Mutuo bancario verso minibond I soggetti coinvolti Processo di emissione Procedura di quotazione su ExtraMOT PRO INIZIATIVA il ruolo dell advisor

24 Processo di emissione 24 Le procedure di accesso al pubblico necessarie per ottenere un prestito obbligazionario rappresentano un attività complessa sia dal punto di vista normativo che da quello delle tecniche di collocamento. pre-emissione emissione post-emissione due diligence e fattibilità: analisi di fattibilità e verifica dei requisiti oggettivi e qualitativi; identificazione dei fabbisogni finanziari; predisposizione Information Memorandum (Company Profile, trend settore d'appartenenza; business model, piano industriale, piano economico-finanziario) richiesta e rilascio rating idipendente strutturazione del minibond: individuazione della tipologia di strumento finanziario individuazione scadenza e altre carateristiche dello strumento elaborazione prospetto, regolamento e domanda di ammissione ricerca investitori, investor relations & roadshow quotazione presso Borsa Italiana monitoraggio annuale dell'impatto finanziario e sociale aggiornamento semestrale financials, situazione economico patrimoniale e cash flow aggiornamento Information Memorandum conferma di rating

25 Processo di emissione: l analisi di fattibilità e due diligence 25 Nella fase di pre-emissione la società emittente dovrà produrre la documentazione preliminare all emissione tra cui: la documentazione societaria dell emittente (atto costitutivo, statuto della società, certificato di vigenza della competente Camera di Commercio, certificato fallimentare rilasciato dalla competente sezione del Tribunale Fallimentare ecc.); la delibera di emissione dell emittente adottata dall organo competente, avente ad oggetto l approvazione dell operazione e il conferimento dei relativi poteri di firma; i bilanci dell emittente relativi agli ultimi due esercizi annuali (di cui almeno l ultimo sottoposto a revisione contabile); data room con tutte le informazioni necessarie per la due diligence e per la redazione dell Information Memorandum (storia e informazioni sull emittente, struttura organizzativa, azionisti, contratti importanti, fattori di rischio ecc.).

26 Processo di emissione: il rating dei minibond 26 I sottoscrittori di minibond, di prassi, richiedono un credit rating, cioè un giudizio di affidabilità (merito di credito) emesso da una società indipendente sulle capacità dell emittente di rimborsare il debito. Avere una valutazione sul merito creditizio può migliorare sensibilmente l appetibilità dell emissione agli occhi degli investitori. Nella prospettiva del DL 83/2012, le due agenzie di rating più adatte alle PMI, che hanno sviluppato una batteria di modelli di rating differenziati per dimensione e forma giuridica dell impresa, che consentano di tener conto della diversa disponibilità di aggiornamento dei dati e che soddisfano i requisiti richiesti dalle normative vigenti per emettere i rating sono rappresentate da CRIF e CERVED.

27 Processo di emissione: la strutturazione dei minibond 27 L emissione di un obbligazione si configura come un unica operazione economica di raccolta, ma frazionata in tanti titoli di debito. Più in generale, le obbligazioni (artt c.c.) possono definirsi titoli generalmente a reddito fisso emessi in massa, nominativi o al portatore, i quali incorporano un diritto di credito, vantato dal sottoscrittore nei confronti della società emittente, relativo al rimborso del capitale a scadenza (o sulla base di un piano di ammortamento prefissato) ed alla riscossione di interessi ad un saggio percentuale sulla somma data in prestito. Gli elementi qualificanti i minibond sono i seguenti: il valore nominale: è il valore che viene stampigliato su ogni obbligazione; il tasso nominale di interesse: è il rapporto espresso in termini percentuali fra l interesse annuo ed il valore nominale; il valore di rimborso: è il valore al quale viene rimborsata l obbligazione che di solito coincide con il valore nominale; la durata del prestito: è il periodo di tempo intercorrente fra i momenti dell emissione e dell ultimo rimborso; il piano di ammortamento: stabilisce le modalità secondo le quali il prestito verrà rimborsato nel tempo. Per quanto riguarda il pricing, i minibond offrono all investitore un extra rendimento per compensarlo dai rischi addizionali che egli assume. Il differenziale di rendimento che i minibond pagano remunera: la minore liquidità; la minore qualità del credito.

28 Processo di emissione: ricerca investitori e roadshow 28 I destinatari delle nuove obbligazioni emesse da società non quotate sono principalmente gli investitori istituzionali nazionali e internazionali. I minibond possono essere sottoscritti solo da investitori istituzionali (compagnie di assicurazione, fondi pensione, fondazioni, fondi comuni, gestioni patrimoniali), imprese di grandi dimensioni, fondi di origine pubblica e grandi investitori privati. Si tratta di soggetti che sono in grado di valutare il rischio di credito, di costruire portafogli diversificati e di scegliere razionalmente tra alternative di investimento sul mercato. I principali vantaggi fiscali per gli investitori sono: gli interessi corrisposti sui minibond sono esenti dalla ritenuta alla fonte, anche se le obbligazioni sono emesse da società non quotate, a condizione che questi strumenti siano quotati su Mercati Regolamentati; la ritenuta del 20 per cento non si applica, inoltre, sugli interessi e gli altri proventi delle obbligazioni e titoli similari, e delle cambiali finanziarie, corrisposti a organismi di investimento collettivo in valori mobiliari le cui quote siano detenute esclusivamente da investitori qualificati e il cui patrimonio sia investito prevalentemente in tali obbligazioni, titoli o cambiali finanziarie (D.L. 23 dicembre 2013 n.145 Destinazione Italia ).

29 Processo di emissione: ricerca investitori e roadshow 29 Allo scopo di rafforzare la capacità degli emittenti più piccoli di intercettare flussi finanziari anche internazionali, diversi investitori stanno costituendo dei fondi dedicati all investimento nei mini-bond. Società Fondo Durata MPS Finint Investm. sgr Duemme sgr Prader Bank Bnp Paribas ip Riello sgr anni Obiettivo raccolta (mln ) Chiusura sottoscriz ione Investi m. Min (k/ ) F. pmi Italia Gen Fondo per le imprese Euregio minibond fonds Bnp Paribas bond Italia pmi Fondo impresa Italia Rendi mento atteso netto t. swap a 3,5 anni+5 00/600 bp Espos. Max singolo emitte nte (%) N. titoli in portf olio Rating min titoli B+ 6+3(2) Gen % BBB Nov ,5% Nd Ott Btp 4 anni + 150/20 0 bp BB Gen % BBB-

30 Processo di emissione: ricerca investitori e roadshow 30 Società Fondo Durata anni Muzinich &co Hedge Invest Zenit sgr Tenax Capital Pioneer Investm ents Italian opportuni ties fund Hi CrescItali a Pmi fund Fondo Progetto Minibond Italia (PMI) Tenax Credit Opportun ities Fund Pioneer Progetto Italia Obiettivo raccolta (mln ) Chiusura sottoscrizi one Investim. Min (k/ ) Rendi mento atteso netto Espos. Max singolo emittente (%) N. titoli in portf olio Rating min titoli Nov % B Dic n.d. n.d. n.d. Invest ment grade 6+1, n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. primo Fondo non armonizzato di diritto irlandese specializzato nel credito alle PMI autorizzato da Bankit alla distribuzione in Italia n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. B-

31 Processo di emissione: minibond sul mercato ExtraMOT PRO 31 DATA EMITTENTE IMPORTO DURATA COUPON M anni 8/04/2013 Buscaini % 16/05/2013 CAAR 3 5 amort 6,5% 3/06/2013 Fide 3 3 Eur+2,75% 31/07/2013 IFIR 3,7 4 6,25% 8/08/2013 Primi sui Motori 1,68 3 9% 30/09/2013 Filca Soc. Coop. 9 6 amort 6% 7/11/2013 Grafiche Mazzucchelli 2 6 8% 12/11/2013 MERIDIE 4 2 8% 15/11/2013 Mille Uno Bingo 9 5 amort Eur 3m+5,60% 20/12/2013 Alessandro Rosso Group % 20/12/2013 Iacobucci HF Electronics 3,75 4 8% 23/12/2013 GPI 3,75 4,5 5,5% 27/12/2013 ETT 0,5 0,75 6% 22/01/2014 Finanziaria Internazionale Holding %

32 Processo di emissione: minibond sul mercato ExtraMOT PRO 32 DATA EMITTENTE IMPORTO DURATA COUPON M anni 29/01/2014 Microcinema 1,5 3 8,125% 31/01/2014 JSH Group 1,8 5 7,5% 06/02/2014 TerniEnergia ,875% 14/02/2014 COGEMAT 28,606 5,5 Eur 6m+9,5% 14/02/2014 COGEMAT 21,394 5,5 Eur 6m+9,5% 31/03/2014 BOMI ITALIA 1,5 3 7,25% 10/04/2014 TESMEC % 10/04/2014 IPI 12,3 7 7% 17/04/2014 RSM ItalyA&A 1 5 8% 16/05/2014 Enna Energia 3,2 5 5% 20/05/2014 ETT 0,5 0,5 5,85% 22/05/2014 Dynamica Retail 5 5 6% 30/05/2014 SEA 3 5 6% 03/06/2014 IMI FABI 7 6 6,3%

33 Processo di emissione: minibond sul mercato ExtraMOT PRO 33 DATA EMITTENTE IMPORTO DURATA COUPON M anni 05/06/2014 OFFICINE MACCAFERRI 197,5 7 5,75% 05/06/2014 OFFICINE MACCAFERRI 2,5 7 5,75% 09/06/2014 S.G.G. HOLDING 8 2,5 5,5% 25/06/2014 Selle Royal ,75% 01/07/2014 LISOLANTE K-FLEX % 04/07/2014 Banca Pop. Dell Etruria e 5 6 7% del Lazio 11/07/2014 FRI-EL BIOGAS ,9% HOLDING 14/07/2014 E.S.TR.A % 17/07/2014 RSM ItalyA&A 1 5 8% 18/07/2014 C.M.C. 284,65 7 7,5% 18/07/2014 C.M.C. 15,35 7 7,5% 18/07/2014 Rigoni di Asiago 7 5 6,25% 21/07/2014 Coswell ,8% 22/07/2014 Twin Set Simona Barbieri %

34 Processo di emissione: minibond sul mercato ExtraMOT PRO 34 DATA EMITTENTE IMPORTO DURATA COUPON M anni 25/07/2014 TE WIND 3, % 28/07/2014 TREVI GROUP ,25% 29/07/2014 ACQUE DEL BASSO ,2% LIVENZA 29/07/2014 ACQUE DEL CHIAMPO ,2% 29/07/2014 ACQUE VICENTINE ,2% 29/07/2014 ALTO VICENTINO ,2% SERVIZI 29/07/2014 AZIENDA SERVIZI ,2% INTEGRATI 29/07/2014 BIM GESTIONE SERVIZI ,2% PUBBLICI 29/07/2014 CENTRO VENETO SERVIZI 29,1 20 4,2%

35 Processo di emissione: minibond sul mercato ExtraMOT PRO 35 DATA EMITTENTE IMPORTO DURATA COUPON M anni 29/07/2014 ETRA 29,9 20 4,2% 31/07/2014 MPG MANIFATTURA 3 5 Eur3m + 4% PLASTICA 06/08/2014 GLOBAL SYSTEM 5,4 5 6,75% INTERNATIONAL 11/08/2014 S.I.G.I.T ,25% 14/08/2014 EUROTRANCIATURA 5 5 5% 14/08/2014 GRUPPO PSC 5 5 6% Emissione Minibond. Fonte: Borsa Italiana (ultimo aggiornamento 4 Settembre 2014)

36 Contenuti del documento 36 AGENDA Lo scenario Le novità normative: dal Decreto Sviluppo al DM 5/06/2014 Quali vantaggi evidenzia l emissione di minibond Mutuo bancario verso minibond I soggetti coinvolti Processo di emissione Procedura di quotazione su ExtraMOT PRO INIZIATIVA il ruolo dell advisor

37 Procedura di quotazione su ExtraMOT PRO 37 Il processo di quotazione avverrà sul nuovo segmento Professionale ExtraMOT PRO; quest ultimo nasce a febbraio 2013 come risposta di Borsa Italiana alle esigenze di funding delle corporate italiane. L obiettivo del nuovo segmento è nato per offrire alle PMI un mercato nazionale flessibile, economico ed efficiente in cui cogliere le opportunità e i benefici fiscali derivanti dal nuovo quadro normativo. Gli unici requisiti di quotazione per le società sono: obbligazioni liberamente trasferibili e liquidabili o su Monte dei Titoli o su Euroclear o Clearstream Luxembourg; pubblicazione da parte dell emittente del bilancio (principi contabili nazionali o internazionali) anche consolidato degli ultimi due esercizi di cui almeno l ultimo sottoposto a revisione contabile; pubblicazione da parte dell emittente di un prospetto o di un documento di ammissione minimo. Successivamente alla quotazione sono richiesti i seguenti requisiti informativi: pubblicazione da parte dell emittente del bilancio sottoposto a revisione contabile; comunicazione da parte dell emittente del rating; informativa price sensitive (approvazione dei dati contabili incluso il giudizio della società di revisione, modifica nei diritti dei portatori degli strumenti); informativa di carattere tecnico (cedole, date di pagamento degli interessi, piani di ammortamento, scadenze anticipate).

38 Contenuti del documento 38 AGENDA Lo scenario Le novità normative: dal Decreto Sviluppo al DM 5/06/2014 Quali vantaggi evidenzia l emissione di minibond Mutuo bancario verso minibond I soggetti coinvolti Processo di emissione Procedura di quotazione su ExtraMOT PRO INIZIATIVA il ruolo dell advisor

39 INIZIATIVA il ruolo dell advisor 39 INIZIATIVA supporta l impresa Emittente nella predisposizione di un pacchetto informativo completo che rappresenta esattamente ciò che gli investitori vogliono sapere per investire nella Società. Lo stesso pacchetto informativo viene utilizzato anche per relazionarsi con tutti i soggetti coinvolti nel processo (investitori, Borsa Italiana per la quotazione all ExtraMOT, agenzia di rating) evitando così duplicazioni di analisi e documentazioni. INIZIATIVA ha sviluppato una fitta rete di relazioni con i principali fondi che acquistano mini-bond, family office, sia italiani che stranieri, banche ed investitori istituzionali in modo da creare un match ottimale tra emittente ed investitore.

40 INIZIATIVA il ruolo dell advisor 40 I nostri servizi 1. Business Plan Review del mercato e del contesto competitivo Posizionamento e concorrenza Descrizione del modello di business e delle fonti del vantaggio competitivo Analisi dei risultati storici Linee guida strategiche e action plan Assumption del financial plan e sviluppo delle proiezioni economicofinanziarie Stima dei flussi di cassa a servizio del debito Analisi di rischio e sensitività Action plan per il risk management 2. Analisi dell indebitamento Mappatura del debito per tipologia di creditore Contratti di finanziamento e ranking Guarantee package a favore delle diverse tipologie di creditori Verifica della coerenza tra flussi di cassa attuali e prospettici e piani di rimborso Risk analysis 3. Ottimizzazione Ottimizzazione del circolante e del rating andamentale o Analisi andamento storico del capitale circolante netto o Analisi comparata rispetto alla concorrenza o Analisi o stagionalità Action plan per ottimizzazione circolante Ottimizzazione del rating di bilancio 4. Strutturazione e Fund raising Assistenza nel confronto con l agenzia di rating Scouting dei possibili sottoscrittori Negoziazione con i possibili sottoscrittori al fine dell ottimizzazione dei termini e delle condizioni dell emissione Negoziazione del Termsheet finale Negoziazione con la Banca Agente e la Banca Pagatrice per: o Gestione relazione con Monte Titoli e Borsa Italiana o Ricezione e controllo dei preavvisi di debito o Pagamento della cedola e capitale agli obbligazionisti per il tramite di Monte Titoli Filing del documento di quotazione delle obbligazioni

41 Contatti 41 CONTATTI Qualsiasi comunicazione o richiesta di informazioni dovrà essere indirizzata esclusivamente alle persone qui a fianco indicate. INIZIATIVA ROMA: Viale G. Cesare, NAPOLI: Via G. Porzio, 4 Centro Direzionale Napoli Is. G Member of: Ivo Allegro Mobile Giuseppe Principe Mobile Assistente: Roberta Sabatino Phone Follow us:

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE

ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE MINI BOND ACCESSO A NUOVA FINANZA PER LE IMPRESE CONTESTO DI RIFERIMENTO Nelle imprese italiane sono sovente riscontrabili bassi livelli di patrimonializzazione. Questo fenomeno porta quasi sempre a una

Dettagli

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND

In I t n roduz u i z o i ne n e ai MINI BOND Introduzione ai MINI BOND AGENDA Mini bond: una nuova opportunità per le imprese Mini bond: inquadramento normativo, definizione, caratteristiche e beneficiari Motivazioni all emissione Vantaggi e svantaggi

Dettagli

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI

MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI MINIBOND: NUOVA FINANZA PER LE PMI A cura della Dott.ssa Paola D'Angelo Manager, BP&A Finance and Business Consulting E-mail: paoladangelo@bpeassociati.it Ufficio: +39.0734.281411 Mobile: +39.393.1706394

Dettagli

Agenda. "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap

Agenda. MINI GREEN BOND in Italia, un nuovo canale di finanziamento. 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap "MINI GREEN BOND" in Italia, un nuovo canale di finanziamento Eugenio de Blasio Milano, 9 maggio 2014 Agenda 1. Il Credito alle Imprese ed il Funding Gap 2. I Mini Bond ed il segmento ExtraMOT PRO: un

Dettagli

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati

Mini bond: alternativa alla crisi. Blasio & Partners Avvocati Mini bond: alternativa alla crisi delle PMI Il mercato italiano La dipendenza del tessuto produttivo italiano dal sistema bancario è significativamente più alta rispetto agli altri paesi europei, tanto

Dettagli

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende

MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende MINI BOND Un nuovo strumento per finanziare la crescita delle Aziende LO SCENARIO MINI BOND Il Decreto Sviluppo ed il Decreto Sviluppo bis del 2012, hanno introdotto importanti novità a favore delle società

Dettagli

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI

I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI I MINIBOND NUOVI STRUMENTI FINANZIARI PER LO SVILUPPO DELLE PMI Indice Premessa situazione del mercato creditizio Contesto Normativo Minibond Cosa sono Vantaggi svantaggi Il mercato dei minibond Processo

Dettagli

MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL ADVISOR

MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL ADVISOR S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La disintermediazione del credito alle imprese Riflessi ed opportunità per il dottore commercialista MINIBOND IL MERCATO ITALIANO E LA FIGURA DEL FINANCIAL

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese

Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Milano 18 dicembre 2013 Mini-bond Meeting Ruolo e impatto dei Mini-bond sulla gestione finanziaria delle imprese Giancarlo Giudici Politecnico di Milano School of Management giancarlo.giudici@polimi.it

Dettagli

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese

I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese I MiniBond come nuovo strumento di finanziamento alle imprese Cuneo - 25 Novembre 2014 ADB Analisi Dati Borsa SpA Consulenza di Investimento Clienti Analisi Dati Borsa SpA è una società di consulenza in

Dettagli

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance

Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Tavola rotonda Comitato Tecnico Corporate Finance Mario Gabbrielli Paolo Chiappa Davide D Affronto Lucia Fracassi Mini Bond Principali obiettivi La svolta dei mini bond facilitare e rendere più conveniente

Dettagli

MINI BOND NUOVA FINANZA ALLE IMPRESE

MINI BOND NUOVA FINANZA ALLE IMPRESE 2 Indice Background Il Decreto Sviluppo 2012 ha introdotto una serie di provvedimenti studiati su misura per le PMI non quotate: Cambiali Finanziarie : strumento di funding a breve termine; MiniBond (obbligazioni)

Dettagli

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita

Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Indagine sugli strumenti fiscali e finanziari a sostegno della crescita Camera dei Deputati VI Commissione Finanze Audizione del Direttore Generale Pianificazione, Immobiliare e Diversificate Gruppo Unipol

Dettagli

Pillole Informative. I minibond La novità normativa

Pillole Informative. I minibond La novità normativa Pillole Informative I minibond La novità normativa I minibond. La novità normativa Il decreto Destinazione Italia, completa il percorso del Decreto Sviluppo sul tema degli strumenti finanziari a favore

Dettagli

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Il mercato dei capitali per la filiera del gelato I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario 37 SIGEP: l arte del gusto italiano nel mondo Rimini, 26 gennaio

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo

Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese. Le novità del Decreto Sviluppo S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Nuovi strumenti di finanziamento per le imprese Le novità del Decreto Sviluppo Marco Capra 7 dicembre 2012 Confindustria Alto Milanese Legnano Le novità del

Dettagli

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI

MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI MINIBOND Il mercato dei capitali si apre alle PMI Catania - 30 Maggio 2014 ADB Analisi Dati Borsa Consulenza di Investimento Attiva a Torino dal 1985, ADB offre alla propria selezionata Clientela servizi

Dettagli

Agenda. 1 Un nuovo modello di finanziamento per le PMI. Caratteristiche e mercato dei minibond. 3 Illustrazione del processo Epic

Agenda. 1 Un nuovo modello di finanziamento per le PMI. Caratteristiche e mercato dei minibond. 3 Illustrazione del processo Epic Agenda. 1 Un nuovo modello di finanziamento per le PMI 2 Caratteristiche e mercato dei minibond 3 Illustrazione del processo Epic Minibond, anno 1. Volumi delle emissioni italiane per semestre 1 10 14

Dettagli

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013

Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Focus sulla finanza della PMI: Linee guida per una corretta strutturazione della provvista Confindustria Genova, 13 giugno 2013 Leonardo Frigiolini - AD Unicasim SpA Piazza De Ferrari, 2 - Genova info@unicasim.it

Dettagli

Mini-bond: nuove opportunità di finanziamento per le imprese. Roberto Calugi. Consorzio Camerale per il credito e la finanza

Mini-bond: nuove opportunità di finanziamento per le imprese. Roberto Calugi. Consorzio Camerale per il credito e la finanza Mini-bond: nuove opportunità di finanziamento per le imprese Roberto Calugi Consorzio Camerale per il credito e la finanza Camera di Commercio di Bergamo 9 aprile 2014 Il mercato del credito Prestiti bancari

Dettagli

Mini Bond e Cambiali Finanziarie. Nuova finanza per le PMI

Mini Bond e Cambiali Finanziarie. Nuova finanza per le PMI Edizione Febbraio 2015 Sommario Il contesto normativo pag. 3 Le opportunità del Decreto Sviluppo e del Decreto Destinazione Italia per le PMI pag. 4 La garanzia dello Stato offerta dal Fondo di Garanzia

Dettagli

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond

ExtraMOT PRO. Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO Il mercato di riferimento dei minibond ExtraMOT PRO E il mercato obbligazionario nato per consentire alle società italiane un accesso flessibile ed efficiente ai mercati dei capitali Nasce

Dettagli

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana

Fondo Zenit Minibond. Fondo Minibond. La finanza italiana al servizio dell economia italiana Fondo Minibond Fondo Zenit Minibond Fondo obbligazionario per investire nello sviluppo delle PMI italiane La finanza italiana al servizio dell economia italiana -Zenit SGR, i nostri valori INDIPENDENTI

Dettagli

VIVERACQUA HYDROBOND

VIVERACQUA HYDROBOND VIVERACQUA HYDROBOND Premessa 2 La seguente presentazione illustra l'operazione di finanziamento Viveracqua Hydrobond (l "Operazione") realizzata per società operanti nel settore idrico integrato ("SII")

Dettagli

MINIBOND. Nuova finanza alle imprese

MINIBOND. Nuova finanza alle imprese MINIBOND Nuova finanza alle imprese Indice 1. ADB Analisi Dati Borsa S.p.A. 3 2. Il contesto normativo* 4 3. Requisiti minimi e qualitativi 6 4. Vantaggi e Opportunità 7 5. Un Processo integrato 8 6. Il

Dettagli

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO

Aprile 2014. Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Aprile 2014 Il procedimento di ammissione a quotazione dei Minibond presso l ExtraMOT PRO Piergiorgio Leofreddi e Azzurra Campari, Simmons & Simmons Il presente articolo si propone di analizzare alcuni

Dettagli

IC Satellite MINIBONDS. icsatellite.com

IC Satellite MINIBONDS. icsatellite.com MINIBONDS icsatellite.com Agenda o Il Decreto Sviluppo pag. 3 o Destinatari pag. 4 o Cambiali finanziarie pag. 5 o Obbligazioni pag. 6 o To do list della Società Emittente pag. 7 o Il lavoro dell advisor

Dettagli

I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese. Vincenzo Bruni EY

I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese. Vincenzo Bruni EY I canali extrabancari per supportare la crescita e il finanziamento alle imprese Vincenzo Bruni EY Il mercato del credito alle imprese in Italia 1.Da fine 2011 calo costante dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL

IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL IL RISPARMIO DEGLI ITALIANI È AL SOSTEGNO DELLA CRESCITA? S I R I N G R A Z I A P E R L A C O L L A B O R A Z I O N E 2 7 G E N N A I O 2 0 1 4 C O R S O C O N C O R D I A 1 M I L A N O Programma Apertura

Dettagli

Workshop ANIA. 26 novembre 2014

Workshop ANIA. 26 novembre 2014 Workshop ANIA 1 26 novembre 2014 Introduzione Che cosa sono i Minibond Per Minibond si intendono obbligazioni di importi più ridotti rispetto a quelli delle operazioni pubbliche effettuati da parte di

Dettagli

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI

AIFI. Il mercato dei fondi di private debt. Confindustria Genova Club Finanza 2015. Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI AIFI Imprese e finanza: idee per la ripresa a confronto Confindustria Genova Club Finanza 2015 Il mercato dei fondi di private debt Vittoria Perazzo Ufficio Tax&Legal e Affari Istituzionali - AIFI Genova,

Dettagli

Il Gruppo Consultinvest

Il Gruppo Consultinvest Il Gruppo Consultinvest viene fondato nel 1988 per iniziativa di operatori qualificati del settore finanziario e di imprenditori modenesi attualmente presenti attivamente nella compagine sociale. Nel 2001

Dettagli

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con

Vademecum per l emissione di minibond. In collaborazione con Vademecum per l emissione di minibond In collaborazione con Perchè un crescente numero di PMI sceglie il minibond? Accedere ad un canale di finanziamento extra bancario totalmente nuovo Nessuna diluizione

Dettagli

NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE

NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La disintermediazione del credito alle imprese NUOVI STRUMENTI E IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA A SUPPORTO DELLE IMPRESE ANDREA CROVETTO C.E.O. Epic

Dettagli

Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1)

Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1) Ordine DCEC PD-4/06/2014 Cambiali finanziarie, Mini-bond ed Equity Crowdfunding: istruzioni per l uso (Parte 1) Il mercato EXTRAMOT-PRO Il ruolo del professionista DOTT. PIERLUIGI RIELLO SOMMARIO LE DIMENSIONI

Dettagli

Fondo Progetto MiniBond Italia

Fondo Progetto MiniBond Italia Workshop Gli investitori incontrano le imprese --- Giovanni Scrofani Responsabile Fondo Mini-Bond Meeting 15 dicembre 2014 Chi siamo Zenit SGR - Promotore e gestore Zenit SGR è una Società di Gestione

Dettagli

Come e perché investire nei Minibond

Come e perché investire nei Minibond Come e perché investire nei Minibond 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Il mercato dei capitali in ITALIA 180% Capitalizzazione mercato azionario (%PIL) 35,0% Incidenza dei prestiti

Dettagli

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi

MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi MINIBOND e QUOTAZIONE all AIM ASPETTI FISCALI dott. Giuliano Saccardi 12/11/2014 Saccardi & Associati Normativa e Prassi Per i minibond: Art. 32 comma 8, 9, 13 e 26 del DL 83/2012 Decreto sviluppo/crescita

Dettagli

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate

Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate Analisi e valutazione del rischio di credito delle obbligazioni corporate MiniBond e Rischi di Credito Mario Bottero MiniBond Specialist Milano, 11 Giugno 2014 Analisi e valutazione del rischio di credito

Dettagli

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia

Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Strumenti finanziari per lo sviluppo delle imprese: i MINIBOND Chiara Venezia Prato, 14 maggio 2015 Lo scenario Il contesto italiano si caratterizza per una diffusa sottocapitalizzazione delle imprese,

Dettagli

LE POLICY SUI MINIBOND:

LE POLICY SUI MINIBOND: I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 LE POLICY SUI MINIBOND: ESPERIENZE E TENDENZE DISVILUPPO Dr. Antonio Bartoloni Direzione

Dettagli

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6

09 dicembre 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 700.000 Codice Nel presente Documento Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

REGIME FISCALE DEI MINIBOND

REGIME FISCALE DEI MINIBOND I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 REGIME FISCALE DEI MINIBOND Dr. Angelo Ragnoni Agenzia delle Entrate Angelo Ragnoni Articolo

Dettagli

La Riforma della finanza d impresa in Italia

La Riforma della finanza d impresa in Italia Ministero dello Sviluppo economico La Riforma della finanza d impresa in Italia Francesco Pacifici Segreteria Tecnica del Ministro Cernobbio, 17 settembre 2014 Le imprese italiane sono troppo dipendenti

Dettagli

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI

MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO INTERMEDIARI E IMPRESA-UNA NUOVA FORMA DI FINANZIAMENTO: IL «MINI BOND» MINI BOND: PROFILI LEGALI E REGOLAMENTARI NUNZIA MELACCIO Commissione Banche e Intermediari

Dettagli

17 luglio 2008 pag. 1 di 6

17 luglio 2008 pag. 1 di 6 per un importo nominale massimo di Euro 20.000.000 Codice Nel presente Foglio Informativo per la comprensione del significato dei termini in grassetto con rimando numerico si veda la definizione riportata

Dettagli

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015

Comunicato Stampa. Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015 Comunicato Stampa Meridie S.p.A. IL CDA DELIBERA L EMISSIONE DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO MERIDIE S.P.A. 2013 2015 Il Consiglio di Amministrazione approva l'emissione di un prestito obbligazionario di

Dettagli

Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI

Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI BOZZA La riforma dei mini-bond. Quali opportunità per le PMI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Roma, 4 marzo 2014 - Confindustria Le banche italiane ed il credit crunch Impieghi bancari alle imprese

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione

INFORMAZIONI SULLE CARATTERISTICHE DELL EMISSIONE Ammontare dell emissione FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 120 CODICE ISIN IT0003353429

Dettagli

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione.

Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti specializzati nel campo dell innovazione. E vietata ogni forma di riproduzione totale e/o parziale del seguente materiale. Copyright e diritti di autore: Link S.r.l. I nostri servizi Innovation Broker Network (IBN) è una rete di Broker professionisti

Dettagli

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie

Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Finanziamenti bancari e strumenti di finanziamento alternativi alle imprese I minibond e le cambiali finanziarie Università Bocconi di Milano Milano, 25 novembre 2014 RENZO PARISOTTO PREMESSE: il sistema

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE BRIANZA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CARATE

Dettagli

COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI

COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI COME SUPPORTARE LA PICCOLA MEDIA IMPRESA VENETA ATTRAVERSO GLI STRUMENTI FINANZIARI INNOVATIVI Venerdì, 16 Gennaio Altavilla Vicentina Centro Congressi Fondazione CUOA Villa Valmarana Morosini Esempio

Dettagli

Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond. Sergio Ferrarini e Stefano Visalli

Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond. Sergio Ferrarini e Stefano Visalli Opportunità di finanziare lo sviluppo con i mini-bond Sergio Ferrarini e Stefano Visalli Lucca, 24 aprile 2014 Agenda 1 Opportunità di finanziarsi in minibond attraverso Epic 2 Come funziona? Una dimostrazione

Dettagli

Attività dello Specialista

Attività dello Specialista Attività dello Specialista Massimo Turcato Responsabile Equity Capital Markets e Advisory Banca Akros Palermo, 15 novembre 2007 MISSIONE E PRINCIPI COSTITUTIVI DEL MAC Missione Principi costitutivi 1 Forte

Dettagli

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI

Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Funding & Capital Markets Forum 2016 Sessione Parallela C1 - Le emissioni obbligazionarie da parte delle PMI Cristiano Galli Milano, 12 maggio 2016 Agenda I II III IV Il contesto di riferimento: ipotesi

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento

Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento FINANZIARE IN MODO EQUILIBRATO LA CRESCITA Gli aspetti fiscali dei diversi strumenti/canali di finanziamento slide 1 FINANZIAMENTO CREDITO BANCARIO FINANZIAMENTO SOCI LEASING CAMBIALI FINANZIARIE PRESTITI

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO CONDIZIONI DEFINITIVE TASSO FISSO Per l offerta relativa al programma di emissione denominato ROVIGOBANCA - TASSO FISSO IT0004750425 RovigoBanca 01/08/2015 TF 3,60% Le presenti Condizioni Definitive sono

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009

Strumenti finanziari e scelte di investimento. Roma, 8 maggio 2009 Strumenti finanziari e scelte di investimento Roma, 8 maggio 2009 IL MERCATO DEI CAPITALI Il MERCATO DEI CAPITALI è il luogo ideale dove si incontrano domanda e offerta di strumenti finanziari. Lo scopo

Dettagli

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB

Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Indice DAL PRIMO MINIBOND ITALIANO AL FONDO PROGETTO MINIBOND ITALIA: IL RUOLO 1 DI ADVISOR DI ADB Chi siamo Consulenza di Investimento ADB Analisi Dati Borsa mette a disposizione dei suoi Clienti il know-how

Dettagli

CAMBIALE FINANZIARIA

CAMBIALE FINANZIARIA CAMBIALE FINANZIARIA DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE La cambiale finanziaria è un titolo di credito all'ordine emesso in serie ed avente scadenza dalla data di emissione. Essa è equiparata ad ogni effetto

Dettagli

Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche

Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche Il ruolo delle compagnie di assicurazione verso le banche Edoardo Marullo Reedtz Responsabile Studi Finanziari, ANIA 12 marzo 2015 Università degli Studi di Parma, «Compagnie di Assicurazione e Banche

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable.

CONDIZIONI DEFINITIVE. Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al programma di emissioni denominato Banca di Forlì Credito Cooperativo Obbligazioni a Tasso Step-Up e Obbligazioni a Tasso Step-Up Callable. Banca

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE L'emissione di prestiti obbligazionari è un'operazione con la quale una società contrae un debito a lunga scadenza con una pluralità di soggetti.

Dettagli

seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello

seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello seminario online MINIBOND PER CRESCERE Emettere obbligazioni per finanziare i progetti di sviluppo Relatori: Andrea Crovetto (Epic) e Andrea Silvello (MiniBondItaly.it) Agenda 1 Un nuovo modello di finanziamento

Dettagli

Cassa Raiffeisen Lana Soc. cooperativa

Cassa Raiffeisen Lana Soc. cooperativa Cassa Raiffeisen Lana Soc. cooperativa in qualità di Emittente Cassa Raiffeisen Lana Società cooperativa, Sede legale ed amministrativa a Lana iscritta nel Registro enti coop. BZ, n. A145320, sezione I

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al Prospetto di base sul Programma di emissione Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2007 Euro 6.671.440

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE relative al PROSPETTO DI BASE SUL PROGRAMMA Società per Azioni Sede Legale in Aprilia (LT), Piazza Roma, snc Iscrizione al Registro delle Imprese di Latina e Codice Fiscale/Partita Iva n.00089400592 Capitale sociale al 31 dicembre 2009 Euro 6.671.440

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Fidarti di una zattera o decidere di costruire un ponte. Piene e rapide non sono un ostacolo da sottovalutare,

Fidarti di una zattera o decidere di costruire un ponte. Piene e rapide non sono un ostacolo da sottovalutare, Sono tante le strade che dal punto A ti permettono di arrivare a B Se ad esempio devi attraversare un fiume puoi farlo a nuoto, Fidarti di una zattera o decidere di costruire un ponte Piene e rapide non

Dettagli

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento

Sezione Terza I Fondi comuni di investimento Sezione Terza I Fondi comuni di investimento 369. Nella valutazione dei beni del fondo comune di investimento, il valore degli strumenti finanziari ammessi alle negoziazioni su mercati regolamentati è

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. Coop. Sede e Direzione Generale: Piazza della Libertà,14 48018 Faenza (RA) Iscritta all Albo delle Banche al n. 5387 Codice ABI: 8542-3 Capitale sociale Euro

Dettagli

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865

MASSIMI 24/05/2011-24/05/2014 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI STEP-UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/05/2011-24/05/2014 50a DI MASSIMI 20.000.000.00 ISIN IT0004720865 Le presenti

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE

SCHEDA PRODOTTO TASSI/CEDOLE. Semestrale, al 01 maggio e 01 novembre sino al 01/11/2021 incluso. PREZZO/QUOTAZIONE Emittente Rating Emittente Denominazione delle Obbligazioni Codice ISIN Grado di Subordinazione del Prestito Autorizzazione all emissione Ammontare totale del prestito Valore Nominale e Taglio Minimo Periodo

Dettagli

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop.

Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Cassa Raiffeisen della Valle Isarco Soc. coop. Sede legale ed amministrativa: 39042 Bressanone, via Croce 7 Home-page: www.raiffeisen.it/eisacktal, Indirizzo e-mail: RK_Eisacktal@rolmail.net Tel. +39 0472

Dettagli

I fondi riservati: prospettive e criticità

I fondi riservati: prospettive e criticità I fondi riservati: prospettive e criticità Claudio Cacciamani Università degli Studi di Parma Claudio.cacciamani@unipr.it Sala Capranichetta, Piazza di Montecitorio, 127 Roma Martedì, 18 gennaio 2010 1

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO TASSO VARIABILE

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2003-2011 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. FOGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 144 CODICE ISIN IT0003445431

Dettagli

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario

I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario I «mini bond»: un canale di finanziamento complementare e alternativo al credito bancario Settembre, 2014 Agenda o La disciplina dei "mini bond" o Il mercato ExtraMOT PRO o Alcune riflessioni: trend e

Dettagli

Presentazione della Società

Presentazione della Società Presentazione della Società Chi siamo PEP&CFC appartiene al Gruppo Dafisa Holdings Capital Finance Group Limited, ed è stata istituita quale società specializzata nella consulenza in materia finanziaria

Dettagli

La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor

La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor La nuova disciplina delle cambiali finanziarie e il ruolo dello sponsor PARADIGMA Srl Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Milano,10 e 11 ottobre 2012 Indice L iter parlamentare

Dettagli

Sono noti i motivi finanziari che costituiscono un effettivo freno allo sviluppo delle PMI:

Sono noti i motivi finanziari che costituiscono un effettivo freno allo sviluppo delle PMI: 6. Finanze 1 - Operazioni di capitalizzazione e di finanziamento delle PMI e proposte per contrastare la crisi economica in adesione ai principi europei dello Small Business Act Sono noti i motivi finanziari

Dettagli

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente

Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente Banca di Credito Cooperativo di Alba, Langhe e Roero società cooperativa in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO ZERO COUPON BCC

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/11/2009 24/11/2012, Codice Isin IT0004549686 Le presenti Condizioni

Dettagli

Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane

Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane www.fabfinance.eu Le recenti crisi hanno evidenziato alcune debolezze nella struttura finanziaria delle imprese italiane Andamento della capacità delle imprese di autofinanziamento (valori percentuali)*

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

Finanziare lo sviluppo con i Minibond

Finanziare lo sviluppo con i Minibond Finanziare lo sviluppo con i Minibond Implicazioni fiscali dello strumento Minibond Luca Luigi Tomasini dottore commercialista revisore legale STUDIO TOMASINI I vantaggi fiscali di emissione dei minibond

Dettagli

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente

Iscritta all albo delle banche Art.13 D.Lgs. 385/93 al n.3556.8 Albo delle cooperative a mutualità prevalente FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 235 CODICE ISIN IT0003935365

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA SEZIONE 4 Società per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA "BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA CRV CASSA DI RISPARMIO DI VIGNOLA

Dettagli

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI

III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI III Assemblea ANDIGEL Genova, 21 Novembre 2003 FINANZA INNOVATIVA PER LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI ENTI TERRITORIALI 1 Sommario Introduzione 1.1 La valorizzazione del patrimonio immobiliare

Dettagli

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim.

OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247 EMISSIONE DI OBBLIGAZIONI STEP-UP 2005-2015 BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CAMBIANO Soc. Coop. A Resp. Lim. OGLIO INFORMATIVO ANALITICO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE (REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI) OBBLIGAZIONE 209 CODICE ISIN IT0003819247

Dettagli

Le obbligazioni partecipative nel Decreto Sviluppo

Le obbligazioni partecipative nel Decreto Sviluppo Le obbligazioni partecipative nel Decreto Sviluppo Aspetti legali Ugo Orsini 8 novembre 2012 Gli strumenti sino ad oggi disponibili: art. 2411 c.c. Art. 2411 c. 2 obbligazioni indicizzate «i tempi e l

Dettagli