Agenda Digitale Workhshop Creativelab 27 novembre Prima parte: presentazione di esperienze interessanti/buone prassi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agenda Digitale Workhshop Creativelab 27 novembre 2013. Prima parte: presentazione di esperienze interessanti/buone prassi"

Transcript

1 Agenda Digitale Workhshop Creativelab 27 novembre 2013 Il workshop si è svolto nella saletta del Teatro Rasi. E' durato 2 ore e 30 minuti e si è svolto in un buon clima di interesse e partecipazione. Presenti circa 70 persone, che nella seconda parte dell'incontro hanno dato vita a tre gruppi di lavoro. Altre persone hanno preferito utilizzare l'occasione per scambiarsi contatti e parlare direttamente con i relatori invitati. La serata è stata condotta da Andrea Caccìa e verbalizzata da Barbara Domenichini. Stefania Pelloni e Roberto Pasini hanno curato la registrazione dell'incontro, disponibile su youtube, e la comunicazione su twitter e facebook. Il programma dell'incontro è stato progettato da un gruppo di partecipanti eterogeneo: cittadini, professionisti, aziende e funzionari comunali, nel corso di due incontri. Prima parte: presentazione di esperienze interessanti/buone prassi Gruppo di lavoro Creativelab open space technology (Anna Agati) Cos è un cl? Un laboratorio in cui la creatività, i cervelli e i pensieri si fondono e danno vita a idee innovative. Spesso il nostro modo di pensare segue un percorso per cui tendiamo a focalizzarci su un solo punto di vista Il problema è che quel punto di vista è sempre e solo il nostro. Ci sfuggono altre visioni, altri punti di vista. Il cl è un opportunità in cui si possono fondere i punti di vista e dare così vita all innovazione. Cos è un cl? Un luogo, un laboratorio creativo dove sviluppare idee in condivisione, uno spazio in cui mescolare arte ma anche lavoro e innovazione. Può essere veicolato da imprese interessate a investire su nuove idee e nuovi punti di vista. Le imprese potrebbero avere capitale da investire ma non strumenti per sviluppare idee. Può essere quindi un luogo in cui offerta e richiesta si incontrano CesenaLab (Roberto Pasi, coordinatore) Nasce 6 mesi fa e si occupa di startup. L obiettivo è creare un luogo in cui si può parlare di lavoro nonostante la crisi. Le aziende che hanno retto alla crisi sono state quelle che hanno avuto idee in più e sono quelle che hanno investito sull innovazione. CesanaLab è un luogo dove i giovani possono mettersi in gioco e sperimentarsi. Cos è un cl? un acceleratore e un incubatore. Cosa serve per avviare un cl? Un luogo e degli strumenti. Nel nostro caso il luogo è una ex banca in cui c è molta libertà di entrare e di uscire. Quali difficoltà? Trovare le persone. Le persone devono essere disponibili a investire alcuni anni della propria vita, devono avere il desiderio di spendere parte del proprio tempo per investire su un progetto. Come si finanzia? è finanziato da Comune, Fondazione Cassa di Risparmio, Almamater (collaborazione scientifica). A chi si rivolge? giovani brillanti Di cosa ci occupiamo? digital, new media, web In che modo? cerchiamo di suscitare nuove emozioni attraverso il digitale (es: kit ricette cucina) Chi c è al cl? Una persona che sa cosa c è in giro per il mondo, che ha esperienza e può orientare e che allo stesso tempo conosce il territorio ed è capace di dialogare con i soggetti che sono sul territorio. Perchè avviare un cl? Innovare dentro all azienda è difficile. Scommettere fuori è più semplice e meno rischioso per l azienda.

2 FabLab Bologna (Arch. Fabrizio Latrofa) Tema del progetto: fablab per Bologna. Nel 2013 abbiamo vinto un progetto che prevedeva la concessione in comodato gratuito di spazi del Comune; 10mila euro per strumentazioni tecniche e consulenze in ambito commerciale. Cos è FabLab: i FabLab nascono nel 2001 a Boston e c è un vero e proprio manifesto in 7 punti per avviare un FabLab. E uno spazio fisico dove è possibile trovare tutti gli strumenti necessari per costruire e/o riparare oggetti. Il collante delle attività è l open source, ovvero la condivisione e il rapporto tra relazione, condivisione e generazione di profitto. Il FabLab può anche produrre profitto ma non deve essere in contrasto con l approccio di condivisione e di apertura dei progetti. Cosa c è?: ci sono 2 macroaree, una dedicata all officina e un altra dedicata alla scrivania. C è una reception dove i visitatori sono accolti e informati sulle attività, uno shop, una sala conferenze e polivalente, una parte di uffici, sale riunioni, sale per coworking, aule per la formazione e laboratorio con attrezzi tradizionali e innovativi. A chi ci rivolgiamo? A una grande eterogeneità di soggetti, dai creativi agli artigiani, imprenditori, designer, cittadini che possono avere esigenza di spazi di competenze, di attrezzature dove poter realizzare oggetti o trasformare oggetti esistenti. E come una biblioteca tecnica rivolta alla comunità. A quali ambiti si rivolge?: 3 tipi di attività: servizi, community e formazione. Ci sono anche servizi di progettazione assistita: offrire competenze per realizzare le idee che un cittadino può avere, poichè ormai sappiamo che l innovazione nasce dalle necessità della vita quotidiana. Queste attività di progettazione assistita sono anche un modo per combattere l obsolescenza forzata e programmata (possibilità di personalizzare oggetti). Quale core business?: una buona pratica inserita realmente nel mercato e la condivisione sono temi centrali. Strumenti, sapere, spazi e sostenibilità. La sostenibilità è il plusvalore. La città è dotata di un patrimonio: prendiamo i contenitori vuoti e li riempiamo di contenuti nuovi e innovativi. Firmtouch (Valentina Valbi e Camilla Perondi) Fondazione Flaminia (Sabrina Mascia) La Fondazione si è posta alcune domande: quale futuro l università può dare a suoi ex studenti? e allo stesso tempo, cosa può dare, anche in termini economici, che possa poi ricadere sul territorio? La Fondazione Flaminia lavora per fornire agli studenti strumenti per poter diventare imprenditori di se stessi. Siamo partiti con 5 studenti, tre anni fa, e quest anno ne abbiamo 60. Dare strumenti e dare fiducia e conoscenze. Firmtouch è un sistema che indaga, analizza e ricostruisce il patrimonio culturale fornendo documentazioni con ricostruzioni digitali ad alta risoluzione. L idea è quella di utilizzare la scienza per valorizzare meglio l arte e la cultura per poter poi andare a rinnovare l ambiente museale con contenuti nuovi, non solo di natura artistica ma anche scientifica. CoLabora - Comune di Ravenna - (Paola Bissi) Il progetto nasce per cercare di dare una risposta alle esigenze dei giovani. L idea progettuale, in collaborazione con la Fondazione Enrico Mattei, è quella di dare un supporto concreto e fattivo (in termine di spazi e di consulenze) ai giovani che vogliono diventare imprenditori di se stessi. Vorremmo riuscire a creare a Ravenna un centro di condivisione di sapere e di sviluppo di competenze. Abbiamo in mente sia attività di coworking che di startup innovativo di ambito scientifico e culturale. Lo spazio che abbiamo ci consente di allestire 20 postazioni di coworking e 2 postazioni per sviluppare creazione di nuove imprese. Non vogliamo limitarci all ambito imprenditoriale ma anche sviluppare idee che possono spaziare in un vasto campo: condivisione di professionalità diverse e allo stesso tempo contaminazioni di idee. Il valore aggiunto del progetto è di non mettere a disposizione solo degli spazi attrezzati, attraverso la collaborazione con la Fondazione Mattei, ma dare anche la possibilità di avvalersi di consulenze specifiche i tutti i campi

3 e avviare contatti con altre realtà per la realizzazione delle idee. Lo spazio pubblico a disposizione è il magazzino dell ex dogana. The brain (Marianna Panebarco) Un progetto di coworking emerso durante l'open call di Ravenna 2019 da una singola persona, che è poi diventato un progetto che si sta definendo, e che coinvolge 4 persone. Siamo partite dal concetto di coworking inteso come coworking tra imprese e la filosofia che sottende è l innovazione in un ottica di la condivisione e la convivenza. Cos è?: Immaginiamo un luogo fisico in darsena, spazio e sede per 10 imprese con spazi uniaziendali e un area modulare in comune (riunioni, eventi). E un luogo che deve aprirsi a free lance, innovatori e deve agire come attrattore di talenti. Seconda parte: i gruppi di lavoro Sono stati predisposti dai facilitatori tre gruppi di lavoro con persone che si sono aggregate spontaneamente e che si sono confrontate per definire meglio l'idea di creative lab che l'agenda Digitale del Comune di Ravenna potrebbe sostenere. AGENDA DIGITALE E CREATIVE LAB Cosa chiede la partecipazione? (un'analisi sintetica a cura dei facilitatori) La partecipazione chiede che l'agenda digitale sostenga/faciliti la creazione di un creative lab, attraverso diverse politiche. Non si chiede che il Comune faccia un CL: in città infatti sembrano esserci diverse persone interessate sia come potenziali usufruitori sia come organizzatori/investitori. C'è quindi un fermento che potrebbe portare alla nascita di una struttura autonoma. Non c'è una definizione veramente chiara di cosa sia un creative lab, ci sono piuttosto molteplici idee che esprimono bisogni e punti di vista diversi. Quindi potrebbero anche nascere diversi laboratori (incubatore/fablab/coworking) o esperienze spurie. Si chiede che i creative labs abbiano un forte legame con le scuole del territorio, a partire almeno dalle secondarie di secondo grado (e quindi non solo con l'università). L'Agenda digitale dovrebbe investire in questo legame, anche per rispondere alla domanda di strumentazione degli istituti scolastici. Si chiede chiaramente che i creative labs siano aperti potenzialmente a tutti, senza particolari limitazioni di età, situazione occupazionale o altro. Semmai i labs devono richiedere un altro tipo di predisposizione/competenze (attitudine al lavoro di gruppo, abbracciare l'idea di condivisione, imprenditorialità, impegno...). Quindi eventuali bandi o selezioni dovrebbero essere basate su queste ultime. Il Comune attraverso l'agenda digitale può partecipare in diversi modi: mettendo a disposizione degli spazi; sostenendo chi entra a far parte del lab a cercare finanziamenti europei; interessando il mondo delle aziende; sostenendo parte delle spese di gestione. Il ruolo del Comune quindi varia: da promotore a partner. Anche il ruolo di chi entra a lavorare nel lab dovrebbe essere meglio definito: per alcuni è il motore stesso del lab (autoimprenditorialità e/o civismo). Altri lo interpretano più come utente. I partecipanti ritengono che sia fondamentale che l'agenda Digitale di Ravenna investa per ridurre il digital divide sia in termini culturali che in termini infrastrutturali.

4 Gruppo 1 Quale creativelab serve e potrebbe funzionare nella nostra città? - manchiamo solo noi in romagna - come simulatore di impresa Quale target? - non sono giovani ma anche chi deve costruire o ricostruire una situazione lavorativa - istituti tecnici in collaborazione con università Chi potrebbe lavorarci? - chi ha idee e competenze tecniche, pratiche e teoriche - gente che abbia voglia di lavorare - gente che abbia voglia di investire almeno il proprio tempo Chi potrebbe usufruirne? - chi ha bisogno di raccogliere e realizzare idee - chi ha bisogno di promuovere i propri (e altrui) progetti - chi vuole condividere Cosa serve per far partire un creativelab? - spazi e servizi di base (tutoraggio tecnico, tecnologia e adeguato finanziamento) gratuiti almeno per i primi 3 anni di vita - spazio per mostrare le idee Cosa possono fare i cittadini? - condividere conoscenze e/o mezzi attivando il recupero Cosa possono fare le aziende? - dare/offrire il proprio know-how attraverso mappatura, video di presentazione di esperienze in rete, apertura dei corsi di aggiornamento organizzate dalle organizzazioni d impresa - interventi presso scuole superiori - creare un fondo comune di investimento se ritengono di essere troppo piccole da sole Cosa può fare il Comune? - fornire gli spazi - aiutare a individuare finanziamenti europei - fornire elenco aperto di brevetti e/o assistenza sulle certificazioni dei propri prodotti/progetti - coinvolgere gli enti locali nel rapporto tra scuole e aziende - mappature delle aziende costantemente aggiornata Quali politiche digitali può adottare il comune per incentivare e sostenere un creativelab? - rendere più accessibile il mondo del lavoro attraverso le tecnologie informatiche e attraverso un rapporto più diretto tra territorio e scuola (enti di formazione e informazione) Altre cose importanti - ricondividere i concetti con tutta la città

5 Gruppo 2: Quale creativelab serve e potrebbe funzionare nella nostra città? - una spazio in cui EMOZIONARE facendo e mescolando i saperi complementari - coabitazione di singole attività che collaborano in progetti comuni autofinanziabili Quale target? - aziende e comune Chi potrebbe lavorarci? - chi riconosce l importanza della condivisione (identity) Chi potrebbe usufruirne? - piccoli artigiani, artisti, creativi, liberi professionisti, cittadini, imprenditori, giovani Cosa serve per far partire un creativelab? - accendere la NOSTALGIA per la ricerca e la condivisione - una piattaforma di comunicazione Cosa possono fare i cittadini? - frequentarlo Cosa possono fare le aziende? - proporre progetti/bisogni - investire - farsi committenti Cosa può fare il Comune? - fornire gli spazi - contribuire alle spese di gestione - portare finanziamenti tramite bandi europei Quali politiche digitali può adottare il comune per incentivare e sostenere un creativelab? - promuovere bandi - fare indagini per attirare possibili lavoratori/imprese/professionisti interessati a far partire un creativelab Altre cose importanti - la figura dell identity manager, ovvero due persone ben disposte non sono sufficienti. E necessaria una figura che abbia la responsabilità del lavorare insieme Gruppo 3: Quale creativelab serve e potrebbe funzionare nella nostra città? - un idea strana in un gruppo può diventare geniale - data center recover - tenere sotto controllo l eccesso di burocrazia - le idee vanno anche selezionate. Un criterio di selettività potrebbe essere la loro sostenibilità. Quale target? - tutti quelli che hanno idee concrete e che sono disponibili ad investire tempo, risorse ed energie

6 Chi potrebbe lavorarci? - tutti gli specialisti del settore - tutti senza limiti di età per accesso Chi potrebbe usufruirne? - tutti - studenti scuole secondarie che sono in condizioni di digital divide e di gap di rete: non hanno gli strumenti e i pc che vengono regalati dai genitori Cosa serve per far partire un creativelab? - esperti del settore Cosa possono fare i cittadini? - smettere di lamentarsi - partecipare attivamente - pensare a un idea/progetto - incanalare creatività, idee, competenze, esperienze in una sintesi condivisa Cosa possono fare le aziende? - delegare produzione di idee, beni e servizi - investire Cosa può fare il Comune? - una politica di eliminazione delle preclusioni all accesso all iniziativa - migliorare la governance territoriale Quali politiche digitali può adottare il comune per incentivare e sostenere un creativelab? - investire risorse sufficienti a ridurre efficacemente il digital divide culturale Altre cose importanti - il creativelab che investe sulla scuola con corsi, professionisti, specializzazioni rivolti a ragazzi e a genitori - turn over del comitato scientifico o dei progetti per evitare che abbiano accesso solo i - già noti o gli amici di Sintesi degli interventi degli assessori. Massimo Cameliani, Ravenna digitale ed attività produttive L'assessore ritiene rilevante la richiesta di investire per dotare le scuole di una adeguata strumentazione informatica, cosa che si sta facendo anche grazie al contributo della Fondazione della Cassa di Risparmio di Ravenna. Ribadisce poi l'importanza della partecipazione e si dice molto soddisfatto del workshop. Ringrazia quindi tutti i partecipanti per la presenza e per i contributi. Valentina Morigi, Partecipazione e Politiche Giovanili L innovazione per me non è solo un dato tecnico ma significa accorciare le distanze tra cittadini e amministratori. L idea della condivisione e l intelligenza collettiva sono elementi fondamentali della partecipazione.

7 Ciò che mi ha colpito dell incontro di questa sera è che non esiste un modello di creativelab. Le esperienze che nascono vanno inserite nel contesto. anche noi dobbiamo costruire un progetto, un modello a partire dall esistente. Oltre al progetto CoLabora, c è nella nostra città un altro progetto a cui stiamo lavorando: piccolo distretto creativo in un immobile in via eraclea. Lo spazio ci consente di partire con 6 scrivanie, una piccola cucina e uno spazio comune. Stiamo studiando un bando pubblico in modo da garantire pari accesso e trasparenza evitando la selezione privata. L obiettivo di questo nuovo progetto è quello di individuare figure e nuove professionalità nel campo della cultura e dell arte che siamo capaci di fare sistema, socializzare competenze e sapere e restituire alla città.

Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione.

Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione. Thinkalize. Il nuovo creatore dell innovazione. Come nasce il progetto? La necessita, il desiderio di cambiare le regole e di dettarne di nuove verso un modo contemporaneo di fare impresa, ha dato vita

Dettagli

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna

Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Come coinvolgere cittadini e stakeholder: strumenti ed esperienze della Regione Emilia-Romagna Sabrina Franceschini Servizio Comunicazione, Educazione alla sostenibilità, strumenti di partecipazione I

Dettagli

FORMULARIO DI CANDIDATURA

FORMULARIO DI CANDIDATURA AVVISO PUBBLICO A PRESENTARE PROPOSTE NEL SETTORE DELLE POLITICHE GIOVANILI Azione ProvincEgiovani Anno 2013 FORMULARIO DI CANDIDATURA Parte I Identificazione della proposta Parte II.a Informazioni sul

Dettagli

AGENDA DIGITALE RAVENNA

AGENDA DIGITALE RAVENNA FOCUS GROUP AZIENDE 1 Sala Maraldi 13/11/2013 AGENDA PARTECIPANTI: 20 GENERE: 18 uomini, 2 donne ETA MEDIA: 48,3 NAZIONALITA : italiana COMUNE /QUARTIERE DI RESIDENZA: 14 Ravenna (chi ha specificato: 1

Dettagli

IMPACT HUB. SiRACUSA Via Mirabella, 29 Ortigia. CATANIA Piazzale Asia, 6 c/o ZO Centro Culture Contemporanee. MediterraNew

IMPACT HUB. SiRACUSA Via Mirabella, 29 Ortigia. CATANIA Piazzale Asia, 6 c/o ZO Centro Culture Contemporanee. MediterraNew IMPACT HUB SiRACUSA Via Mirabella, 29 Ortigia siracusa.impacthub.net info@thehubsicilia.net ImpactHubSicily Impact Hub Siracusa +39 338 7831038 CATANIA Piazzale Asia, 6 c/o ZO Centro Culture Contemporanee

Dettagli

Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento

Progetto ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune) Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente Comune di TORRE PELLICE Settore d'intervento Educazione e promozione culturale - Animazione sul territorio Obiettivi del progetto Coinvolgere i giovani,

Dettagli

Digitale: approccio e strategie nella Capitale Europea della Cultura Nadia Carboni & Marcella Montanari Ravenna 2019

Digitale: approccio e strategie nella Capitale Europea della Cultura Nadia Carboni & Marcella Montanari Ravenna 2019 Digitale: approccio e strategie nella Capitale Europea della Cultura Nadia Carboni & Marcella Montanari Ravenna 2019 Agenda Digitale Europea TRA LE AZIONI PROMOSSE Utilizzo ICT nei seguenti settori: digitalizzazione

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

Centro di Alti Studi Superiori per la Cultura e il Territorio

Centro di Alti Studi Superiori per la Cultura e il Territorio Media partner Con la collaborazione di Incubatore non tecnologico di imprese giovanili Centro di Alti Studi Superiori per la Cultura e il Territorio NOVEMBRE - DICEMBRE 2015 SEMINARI DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore

In occasione di. Villa Reale, 8 giugno 2011 Creatività e Impresa La Cultura crea valore Il Distretto Culturale Evoluto MB 2007 Il Bando La Provincia si aggiudica il bando promosso da Fondazione Cariplo I distretti culturali volano economico per il territorio, finalizzato alla realizzazione

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo

Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo Camera dei Deputati X Commissione Attività produttive, commercio e turismo RISOLUZIONE IN COMMISSIONE 7/00574 AUDIZIONE 6 maggio 2015 CONTRATTI DI RETE COME STRUMENTO DI POLITICA ECONOMICA Le organizzazioni

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

POLIS. Laboratori di Innovazione. Avviso riguardante progetti di innovazione sociale proposti e realizzati da giovani con apposito finanziamento

POLIS. Laboratori di Innovazione. Avviso riguardante progetti di innovazione sociale proposti e realizzati da giovani con apposito finanziamento POLIS Piattaforma Operativa Laboratori di Innovazione Sociale Avviso riguardante progetti di innovazione sociale proposti e realizzati da giovani con apposito finanziamento Sommario: 1. Premessa 2. Obiettivi

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI

PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI PROGETTO CONOSCERE E CAPIRE PER GUSTARE 1. DATI DI SINTESI Località d intervento: Varese Scuola Secondaria di I grado Mons. E. Manfredini Durata prevista: Giugno 2014Maggio 2015 Beneficiari diretti: 30

Dettagli

3. Modalità di partecipazione

3. Modalità di partecipazione COMUNE DI NAPOLI Assessorato al Lavoro e alle Attività Produttive Centro Servizi Incubatore d Impresa Napoli Est (CSI) AVVISO per la SELEZIONE di IDEE d IMPRESA 1. Obiettivi istituzionali 1.1. Il Centro

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

Incubatore di Startup a Roma Tre

Incubatore di Startup a Roma Tre Incubatore di Startup a Roma Tre Il mondo del Sapere che diventa anche luogo dello Sviluppo Autore: LUG Roma Tre Revisori: Studenti d'ingegneria Studenti alla Terza Dipartimento di Ingegneria 1 Perché

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Settembre 2012) 1/372 4.5.2. Patrimonio Culturale 4.5.2.1. Obiettivo Specifico

Dettagli

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più

Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Marketing Automation: un aiuto concreto alle aziende per vendere di più Innovazione Strategica e Organizzativa d Impresa Agenda Obiettivi di Marketing e Vendite Piano di Marketing Automation Strumenti

Dettagli

SpringUp! La primavera delle imprese culturali e creative. Fai crescere la tua idea di impresa in Brianza

SpringUp! La primavera delle imprese culturali e creative. Fai crescere la tua idea di impresa in Brianza SpringUp! La primavera delle imprese culturali e creative. 2 edizione Fai crescere la tua idea di impresa in Brianza Bando integrale Il Distretto Culturale Evoluto di Monza e Brianza e Make a Cube 3 sono

Dettagli

Milano Sharing City: il network della sharing economy

Milano Sharing City: il network della sharing economy Milano Sharing City: il network della sharing economy Agenda 1. Il percorso di Milano Sharing City 2. La consultazione pubblica 3. L approvazione delle Linee Guida sulla Sharing Economy 4. La Mappatura

Dettagli

Bottega del Terzo Settore

Bottega del Terzo Settore Bottega del Terzo Settore 1 Finalità del progetto La Bottega del Terzo Settore (in sintesi BTS) deve essere un luogo ed un progetto di contaminazione tra Terzo Settore e Comunità, e prima ancora tra Terzo

Dettagli

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898 AD arredo & design ANDREA FANTONI L Arte di Fare Scuola dal 1898 Scuola d Arte Andrea Fantoni Quella della Scuola Fantoni è una storia dalle radici antiche: tradizione, cultura e innovazione sono parole

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Ritorno al futuro 2.0

Ritorno al futuro 2.0 Ritorno al futuro 2.0 Visita guidata a Spazio Geco giovane ecofficina coworking. Proposta didattico laboratoriale per alunni delle scuole tecniche e scientifiche 1 Spazio Geco nasce a Pavia nell ottobre

Dettagli

Progetto Scuole Incontro GNR Bologna 26-27 27 Novembre 2011

Progetto Scuole Incontro GNR Bologna 26-27 27 Novembre 2011 Progetto Scuole Incontro GNR Bologna 26-27 27 Novembre 2011 ASSOCIAZIONI VIP CHE ATTUALMENTE SOSTENGONO IL PROGETTO SCUOLE VIP GENOVA VIP SIENA VIP PARMA VIP VERONA VIP ALESSANDRIA VIP MODENA VIP ROMA

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

FATTI FURBO Progetto di prevenzione delle dipendenze nella società dei consumi

FATTI FURBO Progetto di prevenzione delle dipendenze nella società dei consumi COMUNI DI CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO PROVINCIA DI LECCE AMBITO TERRITORIALE SOCIALE CASARANO ASL LECCE D.S.S. 9 CASARANO Tel.: 0833 502428-0833 514227 Fax: 0833 514227

Dettagli

Partecipa con le tue idee e conoscenze!

Partecipa con le tue idee e conoscenze! Comune di Ferrara Community Lab 15 novembre 2014 dalle 10 alle 17 presso la sala Wunderkammer- Palazzo Savonuzzi Via Darsena n.52 Ferrara Partecipa con le tue idee e conoscenze! Vi invitiamo a partecipare

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

www.cittainvisibili.org

www.cittainvisibili.org Iniziativa realizzata in collaborazione con Vice Presidenza e Assessorato alla Cultura Regione del Veneto www.cittainvisibili.org Presentazione «Vola solo chi osa farlo» Luis Sepúlveda Città Invisibili

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

MUSIC UP Musica, Innovazione e Imprese

MUSIC UP Musica, Innovazione e Imprese MEDIMEX 2015 MUSIC UP Musica, Innovazione e Imprese Anche nel 2015 Medimex intende affrontare, con gli eventi di MUSIC UP, il rapporto fra Musica e Creazione d Impresa, attraverso un evento di tre gironi

Dettagli

IL MARKETING NON CONVENZIONALE: ANALISI DEL CASO COCA COLA. Tesi di laurea di Elisa De Filippi

IL MARKETING NON CONVENZIONALE: ANALISI DEL CASO COCA COLA. Tesi di laurea di Elisa De Filippi IL MARKETING NON CONVENZIONALE: ANALISI DEL CASO COCA COLA Tesi di laurea di Elisa De Filippi OBIETTIVO Comprendere le ragioni che hanno spinto la Coca Cola ad orientare le proprie strategie ad un ottica

Dettagli

AGENDA DIGITALE RAVENNA

AGENDA DIGITALE RAVENNA Open Space Technology INSTANT REPORT Ravenna, Palazzo dei Congressi 19-20 Ottobre 2013 Instant report Quello che hai tra le mani è la sintesi dei lavori di gruppo e delle idee discusse oggi 19 Ottobre

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

Centro Servizi del Distretto

Centro Servizi del Distretto Centro Servizi del Distretto Idea progettuale Progetto integrato per il rilancio e lo sviluppo del Distretto dell Abbigliamento Valle del Liri Il Centro Servizi del Distretto Idea progettuale 1 Premessa

Dettagli

PERCHE. OFFICINA CREATIVA NASCE DALl IDEA DI RIGENERARE E VALORIZZARE AREE URBANE DISMESSE ATTRAVERSO L INSEDIAMENTO DI REALTÀ CREATIVE E CULTURALI.

PERCHE. OFFICINA CREATIVA NASCE DALl IDEA DI RIGENERARE E VALORIZZARE AREE URBANE DISMESSE ATTRAVERSO L INSEDIAMENTO DI REALTÀ CREATIVE E CULTURALI. PERCHE MATADERO_MADRID, SPAGNA OFFICINA CREATIVA NASCE DALl IDEA DI RIGENERARE E VALORIZZARE AREE URBANE DISMESSE ATTRAVERSO L INSEDIAMENTO DI REALTÀ CREATIVE E CULTURALI. UN PROGETTO CHE HA L AMBIZIONE,

Dettagli

Pillole essenziali per un Evento di successo. Starhotel E.c.ho Milano, 12 marzo 2013

Pillole essenziali per un Evento di successo. Starhotel E.c.ho Milano, 12 marzo 2013 Pillole essenziali per un Evento di successo Starhotel E.c.ho Milano, 12 marzo 2013 1 Gli eventi Gli eventirappresentano uno strumento di marketing che veicola messaggi culturali, immagini istituzionali,

Dettagli

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è?

5CHIACCIERE5. Quartiere, dove è? 5CHIACCIERE5 Anno 2014 2015 Quartiere, dove è? Non è sparito, c è e lavora, anche se avrebbe bisogno di più persone che diano il loro contributo. Partiamo da qua per affermare che spesso confondiamo un

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte

Pagine di soluzioni. Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte Pagine di soluzioni Catalizzare l innovazione con il Coaching Creativo Massimo Del Monte 1 1. Introduzione Negli ultimi anni si è molto parlato della crisi economica che si è abbattuta sul mondo aziendale,

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A

COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA. Via Notarbartolo 21/A COMUNE DI PALERMO AREA DELLA SCUOLA Via Notarbartolo 21/A Dopo aver festeggiato i vent anni, il progetto di adozione della città, partendo dalla consapevolezza di abbracciare, con la sua forza educativa,

Dettagli

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro La Nuvola Rosa Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro Girls in STEM Perché così poche? Donne nella Scienza, nella Tecnologia, in Ingegneria e in Matematica : è il titolo di un recente

Dettagli

Progetto Educarsi al futuro Scuole ed Enti di Roma e Provincia

Progetto Educarsi al futuro Scuole ed Enti di Roma e Provincia Progetto Educarsi al futuro Scuole ed Enti di Roma e Provincia La premessa Alcune scuole di Roma e provincia, su invito dell'itis Einstein di Roma, si sono incontrate il 12 giugno 2006 per assistere alla

Dettagli

Il progetto Youth Up vuole inserirsi nel complesso quadro delle politiche giovanili con particolare riferimento al tema del lavoro, andando ad

Il progetto Youth Up vuole inserirsi nel complesso quadro delle politiche giovanili con particolare riferimento al tema del lavoro, andando ad Il progetto Youth Up vuole inserirsi nel complesso quadro delle politiche giovanili con particolare riferimento al tema del lavoro, andando ad incidere sul doppio versante delle possibilità occupazionali

Dettagli

PROPOSTE DI IDEE E PROGETTI INNOVATIVI

PROPOSTE DI IDEE E PROGETTI INNOVATIVI ALTO TAVOLIERE INSIEME Laboratori Urbani di Apricena, Lesina, San Paolo di Civitate Serracapriola e Poggio Imperiale REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo, il Lavoro e l'innovazione Servizio Politiche

Dettagli

La Biennale 2015. A Genova, dal 5 al 7 giugno 2015. Cos è la Biennale della Prossimità. Chi partecipa alla Biennale della Prossimità

La Biennale 2015. A Genova, dal 5 al 7 giugno 2015. Cos è la Biennale della Prossimità. Chi partecipa alla Biennale della Prossimità La Biennale 2015 Cos è la Biennale della Prossimità La Biennale della Prossimità si svolgerà a Genova dal 5 al 7 giugno 2015. È un appuntamento nazionale dedicato interamente alle comunità locali, alle

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

Al termine degli eventi espositivi che verranno organizzati in ogni Municipio, i manufatti saranno recuperati e destinati ad uso sociale.

Al termine degli eventi espositivi che verranno organizzati in ogni Municipio, i manufatti saranno recuperati e destinati ad uso sociale. Nel 2013 l Ufficio Cultura e Città dell Assessorato Cultura e Turismo ha realizzato il progetto Intrecci Urbani yarn bombing a Genova culminato in un grande evento collettivo di yarn bombing al Porto Antico

Dettagli

La struttura Porta Futuro della Provincia di Roma: gestire e diffondere l innovazione nei servizi per il lavoro

La struttura Porta Futuro della Provincia di Roma: gestire e diffondere l innovazione nei servizi per il lavoro Progetto Servizi innovativi per l incontro tra domanda e offerta di lavoro 2 PON Azioni di Sistema - Obiettivo Competitività regionale e occupazione 2007-2013 (FSE) La struttura Porta Futuro della Provincia

Dettagli

REINVENTARE I TERRITORI ATTRAVERSO L ECONOMIA COLLABORATIVA 28 MAGGIO 2015 PALAZZO DEI CONGRESSI, ROMA

REINVENTARE I TERRITORI ATTRAVERSO L ECONOMIA COLLABORATIVA 28 MAGGIO 2015 PALAZZO DEI CONGRESSI, ROMA REINVENTARE I TERRITORI ATTRAVERSO L ECONOMIA COLLABORATIVA 28 MAGGIO 2015 PALAZZO DEI CONGRESSI, ROMA È una comunità globale, un THINK AND DO TANK. La nostra missione è di costruire e coltivare una SOCIETÀ

Dettagli

Perché una technology agency.

Perché una technology agency. Perché una technology agency. Creatività Strategia UX design Seo WEB PROJECT Partner layer CMS abstract Un progetto web moderno è composto da elementi diversi come creatività, strategia e business che

Dettagli

MASTER CLASS. Scholè < tempo della libertà e della identità>

MASTER CLASS. Scholè < tempo della libertà e della identità> MASTER CLASS Scholè < tempo della libertà e della identità> < Progetto di socializzazione multietnica attraverso al musica > Perugia, gennaio 2014 Logo Università per Stranieri Accademia di Belle Arti

Dettagli

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO

LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO LA FASE 2 DEL FONDO FAMIGLIA LAVORO DELL ARCIDIOCESI DI MILANO: FRA CONTINUITÀ E NOVITÀ DARE CONTINUITÀ AL METODO DI LAVORO: VALORIZZARE L INIZIATIVA LOCALE E PROMUOVERE UNA LOGICA DI RECIPROCITÀ Lanciato

Dettagli

FabLab FabLab FabLab FabLab

FabLab FabLab FabLab FabLab ELETTRONICA INFORMATICA ROBOTICA ECO-RIUSO MECCANICA D E S I G N STAMPA 3D FRESATURA TAGLIO LASER THINK IT, MAKE IT FABLAB MISSION I FabLab (fabrication laboratory) forniscono, alla comunità dei makers

Dettagli

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES

Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale. Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES Investire nel valore e nell identità del Liceo Economico-Sociale Presentazione dei risultati dell indagine realizzata presso i LES 2 la fondazione rosselli Origini e attività La Fondazione Rosselli è un

Dettagli

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D

Come Usare PrinterApp 3D. PrinterApp 3D PrinterApp 3D PrinterApp3D (3DPa) ha lo scopo di creare un legame tra chi ha la passione di costruire, smontare, capire, partecipare (makers) e chi il mondo dei makers lo conosce e lo vive ogni giorno,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, RIUNITI IN SEDE DI CONSIGLIO, I. INTRODUZIONE C 463/4 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 23.12.2014 Conclusioni del Consiglio e dei Rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, su un piano di lavoro per la cultura

Dettagli

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013

A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Web e Social Network: non solo comunicazione ma condivisione A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Gennaio 2013 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB 2.0 SIAMO

Dettagli

LA TUA CITTA A PORTATA DÌ CLICK. www.mycityweb.info

LA TUA CITTA A PORTATA DÌ CLICK. www.mycityweb.info LA TUA CITTA A PORTATA DÌ CLICK www.mycityweb.info IDEA INNOVATIVO SERVIZIO WEB/APP PER LA RICERCA DINEGOZI, RISTORANTI, PRODOTTI/SERVIZI ALL INTERNO DELL ECOSISTEMA CITTADINO. AVVICINARE LE PERSONE AI

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE www.riccardograssi.it info@riccardograssi.it Master interuniversitario Joventut i Societat Condizione giovanile e politiche giovanili nel sud Europa LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

Dettagli

Definizione, scopi e regolamento

Definizione, scopi e regolamento Definizione, scopi e regolamento Art. 1 - Denominazione Make in Progress (MiP) è un progetto del Comune di Sulbiate, in collaborazione con la Provincia Monza e Brianza, Fondazione Cariplo e Consorzio Poli.Design.

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012 INNOVARE E FARE RETE GLI STRUMENTI DI CONOSCENZA E I PROGRAMMI DI RICERCA DEL DISTRETTO MATERIALI E TECNOLOGIE PER LE COSTRUZIONI LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici

Dettagli

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità

Il bambino nella fascia tre-sei anni e il processo di costruzione della propria identità RELAZIONE WORKSHOP APPRENDERE A STARE IN GRUPPO DAI 3 AI 5 ANNI Esperienza nella scuola dell infanzia con il Cooperative Learning Ins. Mancinelli Cesarina I.C. Falconara Centro Due anni di formazione mi

Dettagli

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Primi dati di scenario: Il valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale Il perimetro del

Dettagli

Le azioni vengono descritte più dettagliatamente dopo il riepilogo dei costi e del contributo dei partner.

Le azioni vengono descritte più dettagliatamente dopo il riepilogo dei costi e del contributo dei partner. Invito a presentare progetti per la valorizzazione di biblioteche e archivi storici di enti locali o di interesse locale (l.r. 81/1985 anno 2015) Scheda del progetto Soggetto presentatore: Consorzio Sistema

Dettagli

Presso lo Spazio Attivo BIC di Latina

Presso lo Spazio Attivo BIC di Latina Presso lo Spazio Attivo BIC di Latina 2 CLab nati dal BANDO MIUR: AZIONE In assonanza con il bando Miur del 2013 Linea Contamination Labs dedicato alle Regioni convergenza, l azione proposta intende realizzare,

Dettagli

Assemblea Generale e rinnovo del direttivo AGCT

Assemblea Generale e rinnovo del direttivo AGCT newsletter nr. 1 - marzo 2009 E20 20 & Iniziative Assemblea Generale e rinnovo del direttivo AGCT Cara socia e caro socio, ci stiamo ormai avvicinando all Assemblea, un appuntamento particolarmente importante

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

www.mauriziovinci.it

www.mauriziovinci.it www.mauriziovinci.it Il mercato impone decisioni rapide ed efficaci, obiettivi chiari e sostenibili, strategie ben strutturate che non lasciano spazio all improvvisazione. Studio di consulenza integrata

Dettagli

GIOVANI PROTAGONISTI

GIOVANI PROTAGONISTI Sei un ragazzo o una ragazza fra i 14 ed i 29 anni che vive, studia o lavora in Emilia Romagna? Ti piacerebbe impegnare entusiasmo, intelligenza, ed energie in nuovi progetti per lasciare il tuo segno

Dettagli

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015 progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE 08 EDIZIONE 2014/2015 Per presentare il vostro progetto d impresa cooperativa dovete compilare una scheda di partecipazione. 6 Si tratta di una griglia standard,

Dettagli

CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013

CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013 CHE FORTE! L EMOZIONE DI CRESCERE UN FIGLIO MILANO, APRILE 2013 CHEFORTE! Nasce nel 2011 TARGET: Mamme con bambini dai 3 ai 13 anni. Content Labs Presenza sul mercato di siti e blog quasi esclusivamente

Dettagli

COMUNE DI ARGENTA. La scelta dell open source come strumento dell e government locale.

COMUNE DI ARGENTA. La scelta dell open source come strumento dell e government locale. COMUNE DI ARGENTA Ferrara 29 Novembre 2003 La scelta dell open source come strumento dell e government locale. Un percorso applicativo di responsabilizzazione e sviluppo delle risorse umane Comune in Provincia

Dettagli

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale)

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Istituto Comprensivo E. Curti di Gemonio Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero 1 consegnata

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

EXECUTIVE. Percorso di specializzazione dell Executive Master in Wine Business Management. 28 FEBBRAIO - 30 MAGGIO 2014 1a EDIZIONE

EXECUTIVE. Percorso di specializzazione dell Executive Master in Wine Business Management. 28 FEBBRAIO - 30 MAGGIO 2014 1a EDIZIONE EXECUTIVE education Winery E-commerce corso EXECUTIVE Percorso di specializzazione dell Executive Master in Wine Business Management 28 FEBBRAIO - 30 MAGGIO 2014 1a EDIZIONE fondazione cuoa Da oltre 50

Dettagli

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM

Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Il Cliente al centro del Business: Social network e CRM Chiara Albanese Michele Dell Edera In collaborazione con: Asernet tecnologia, comunicazione e nuovi media Zeroventiquattro.it Il quotidiano on line

Dettagli

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design 21 Bando pubblico di partecipazione per Giovani Architetti, Designer, Artigiani, Artisti, Scuole Scadenza

Dettagli

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2013-2015 condotta da CE.S.CO.T Pistoia

Centro Sviluppo Commercio, Turismo e Terziario. INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2013-2015 condotta da CE.S.CO.T Pistoia INDAGINE SUI FABBISOGNI FORMATIVI 2013-2015 condotta da CE.S.CO.T Pistoia 1 INTRODUZIONE Una delle attività fondamentali svolte da CESCOT Pistoia è l analisi dei bisogni formativi, azione sperimentata

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design

XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design XXI Triennale International Exhibition 2016 2 April 12 September 21 st Century. Design After Design 21 Bando pubblico di partecipazione per Giovani Architetti, Designer, Artigiani, Artisti, Scuole Scadenza

Dettagli

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico

Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Le nuove sfide e prospettive della formazione in ambito economico Tavola rotonda del convegno del giorno 11 ottobre 2013 presso l Università di Bergamo via dei Caniana - ore 14,30 17 Domande traccia per

Dettagli

SOCIAL MENTE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE

SOCIAL MENTE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE SOCIAL MENTE MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE ATTENZIONE! LA SCADENZA PER L INVIO DEI MODULI DI ISCRIZIONE È STATA PROROGATA AL 23 MAGGIO 2015; ALLA GARA DI IDEE POTRANNO PARTECIPARE FINO A 10 GRUPPI. 1. PREMESSA

Dettagli

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework

Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework SINTESI RAPPORTO LIGURIA A cura di ELISABETTA BECCARIA Salerno, 04 novembre 2009 Chi siamo Agenzia

Dettagli

e trasformare, in cui trovano ospitalità ingegneri, designers, grafici, informatici, esperti di web e nuove tecnologie) oltre a spazi comuni per

e trasformare, in cui trovano ospitalità ingegneri, designers, grafici, informatici, esperti di web e nuove tecnologie) oltre a spazi comuni per SPAZIO GRISÙ è un luogo aperto, vivo e inclusivo, in cui accade sempre qualcosa. Un motore di sviluppo locale su base culturale e creativa. Una sfida da vincere, che parte anche in assenza di finanziamenti

Dettagli

Rev del 23/05/08. Carta Dei Servizi. Pag 1 di 13

Rev del 23/05/08. Carta Dei Servizi. Pag 1 di 13 Carta Dei Servizi Pag 1 di 13 PREMESSA MACHINA Lonati Fashion and Design Institute attribuisce alla Carta dei Servizi il valore di uno strumento primario per garantire la conoscenza, la consapevolezza,

Dettagli

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE CONFINDUSTRIA MACERATA SEZIONE TERZIARIO INNOVATIVO SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE Percorsi e tecniche per ridefinire i modelli manageriali delle nostre imprese. Ridurre i costi preservando agilità

Dettagli

Nuove imprese crescono. Saranno cooperative Bando per la promozione di startup cooperative

Nuove imprese crescono. Saranno cooperative Bando per la promozione di startup cooperative Nuove imprese crescono. Saranno cooperative Bando per la promozione di startup cooperative 1. DESCRIZIONE SINTETICA Coopstartup Unicoop Tirreno è un iniziativa che ha l obiettivo di accompagnare lo sviluppo

Dettagli

Forum conclusivo composante 4 Palermo, 4-5 Giugno 2007. Il sottoprogetto METE

Forum conclusivo composante 4 Palermo, 4-5 Giugno 2007. Il sottoprogetto METE Forum conclusivo composante 4 Palermo, 4-5 Giugno 2007 Il sottoprogetto METE M.E.T.E Métodologie innovante pour l animation territoriale des instruments de programmation; 1 gennaio 15 novembre 2006; Agenda

Dettagli

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA pro FRANCESCA BERTAGNA Parmamoda D E L L E M I L I A R O M A G N A 2 L AZIENDA Un laboratorio di idee, abilità e tecniche: dalla formazione alle

Dettagli

AIC LOMBARDIA ONLUS: l'associazione in rete. Assemblea dei Soci Milano, 28 marzo 2015

AIC LOMBARDIA ONLUS: l'associazione in rete. Assemblea dei Soci Milano, 28 marzo 2015 AIC LOMBARDIA ONLUS: l'associazione in rete Assemblea dei Soci WEB 2.0: nasce la cultura partecipata delle tecnologie digitali Il Web 2.0 è un termine utilizzato per indicare uno stato dell'evoluzione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELL INNOVAZIONE COME GESTIRE I PROGETTI IN MODO PIÙ SEMPLICE, VELOCE E COLLABORATIVO? COME RENDERE LA PROGETTAZIONE E LO SVILUPPO DEI PRODOTTI PIÙ VELOCE ED EFFICIENTE? COME RIDURRE LA COMPLESSITÀ DEI PRODOTTI GARANTENDO

Dettagli