Intervento del Sommo Sacerdote alla 51ma Assemblea del Gran Capitolo dei LL.MM. dell Arco Reale in Italia Rito di York Rimini 16 maggio 2015 Hotel

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intervento del Sommo Sacerdote alla 51ma Assemblea del Gran Capitolo dei LL.MM. dell Arco Reale in Italia Rito di York Rimini 16 maggio 2015 Hotel"

Transcript

1 Intervento del Sommo Sacerdote alla 51ma Assemblea del Gran Capitolo dei LL.MM. dell Arco Reale in

2 Carissimi Compagni, lo svolgimento di questa Grande Assemblea contiene in se molte ragioni di riflessione perché avviene in un periodo estremamente particolare. Un periodo di grande incertezza sociale, di grandi dubbi, di forte mobilità dei popoli, di grandi rivendicazioni sociali ed economiche. Una complessità a cui nessuno, nemmeno il mondo iniziatico e massonico, può sottrarsi alla esigenza comune di trovare e suggerire percorsi in cui i valori di libertà eguaglianza e fraternità siano i cardini di un nuovo assetto, anche istituzionale, in cui la sintesi non può essere delegata al mercato e ancor meno al mondo della finanza. La giovane Europa dei popoli e dell umanesimo non coglie la sfida di aprire il patrimonio che conserva nella tradizione millenaria alla domanda di milioni di uomini che chiedono da altri continenti di poter trovare nelle nostre terre ciò che non hanno nei loro paesi. Liberta! Libertà dal bisogno, libertà di futuro, liberta di espressione sociale e religiosa. Noi siamo Maestro dell Arco Reale e, come dice il nostro rituale, abbiamo abbandonato gli strumenti del lavoro materiale per passare al lavoro spirituale. Il lavoro spirituale significa essere presenti all interno del Corpo Rituale, della Comunione, ma essere presenti anche all interno del corpo sociale di cui siamo elementi e soggetti attivi, forza propulsiva, se possiamo e sappiamo testimoniare il valore della nostra Sapienza, il valore del nostro profumo. Un Maestro è Maestro perché dice, Un Maestro è Maestro perché parla. Un Maestro non deve preoccuparsi di chi capisce ciò che dice, perché come diceva Giordano Bruno la verità è, ed è quella. Non è una verità perché fa parte di una parte di una maggioranza. La verità è verità e io credo che noi dobbiamo partire da questo punto per raccogliere il senso del nostro viaggio. Che cos è questo Corpo Rituale? Che cosa ci hanno raccontato? Che cosa abbiamo capito? Che cosa siamo in grado di dire? Cosa siamo capaci di fare? Forse per qualcuno è stata una scuola di apprendisti capaci solo alla esaltazione del proprio Ego. Per altri può essere stato uno spazio dove raccontare se stesso. Per molti, per fortuna, è stata una Scuola Iniziatica che ci ha permesso di traghettare tante situazioni difficili e far crescere la coscienza del nostro Corpo Rituale al punto di acquisire consapevolezze che debbono portarci

3 a far germinare questa trasformazione che diviene necessaria per i tempi e per il rispetto di quello che è la natura del Rito di York. Io sento in giro, da parte di qualcuno, che qualche volta sono definito rivoluzionario, poco attento a quello che è il valore della tradizione. Peccato che lo dicano coloro che la tradizione non l hanno mai rispettata. Perché a me farebbe piacere sapere da questi critici, da questi Compagni, qual è la tradizione che io dovrei rispettare. Perché io ho una tradizione. Io sono un grande conservatore. La tradizione che io rispetto è quella del rituale. Ebbene è tanti anni che sono all interno di questo Corpo Rituale, tanti anni che io mi sono posto il problema della ritualità. Mi fa piacere che arrivino anche altri, che hanno ricoperto per anni incarichi all interno delle varie Camere Rituali, che oggi lo scoprono e ce lo ricordano. Gradirei vedere documenti che ci portino a capire quale è via, quale è la ritualità. Con un gruppo di Compagni ci siamo messi a studiare, con grandissima umiltà, prendendo ciò che ci era stato consegnato. Andando a prendere ciò che non avevamo. Cercando di ritrovare quello che nessuno aveva detto che poteva esistere. E questo è il lavoro che io consegno a questa Assemblea per tutti i Capitoli, per tutto il Corpo Rituale. Cari Compagnon avete ricevuto un CD: è il Rituale del Rito di York, in cui per il principio della omogeneità e della conservazione insieme al rispetto del rituale in uso da sempre del Rito di York trovate figure e dignità rituali omesse nel rituale italiano, certamente, per errori di traduzione. E come se un Compagno che parte da New York che si chiama Giovanni quando è a Roma viene identificato come Federico. Noi abbiamo il 1 e il 2 intendente sono figure che non esistono, abbiamo il Maestro delle Cerimonie, è una figura che non esiste. Nel Rito di York, nel rituale originario dal Duncan in poi e in tutti i Rituali del Gran Capitolo Generale Internazionale noi abbiamo il 1 e 2 Diacono, noi abbiamo il Maresciallo. Affermo noi abbiamo, perché apparteniamo al Gran Capitolo Generale Internazionale. Perché non esiste, ne potrebbe esistere, un rituale del Rito di York Italiano ma solo ed esclusivamente del Gran Capitolo Generale Internazionale.

4 Mi rendo conto che questo apre una riflessione. Ma una riflessione su quella che è la nostra storia. Su ciò che noi siamo. E su ciò che noi dobbiamo avere l orgoglio di avere. Noi siamo quello che non erano gli altri, e non lo sono mai stati perché noi siamo la Massoneria. Noi siamo la ragione per cui oggi riconosciamo all interno di un contesto non solo Nazionale ma Universale il Corpo Massonico. Tutti i Corpi Massonici sono partiti attraverso una forma che aveva una sostanza ritualistica che era il Rituale di York. Da li è nato tutto. E nata la Costituzione della Massoneria, sono nate le Massonerie nazionali però e rimasta una cosa l unica Massoneria Universale, quella del Rito di York. IL Rito di York nel panorama massonico è l unico che afferma sul piano metodologico e costitutivo la Universalità della Massoneria, lo afferma nelle regole, lo afferma nei contenuti. Ci hanno detto che è una Massoneria Americana, non è vero. Le ragioni sono scritte nella storia ed appartengono ad un processo così intenso e profondo che manifesta la esigenza di diffondere con più incisività la natura delle nostre origini riprendendo, se necessario, anche ciò chje la storia del tempo ci ha conservato: il rotolo di Kirkwaal, il tappeto conservato in una loggia delle Orcadi salvato dall incendio del Castello di Prince Henry Sinclair Gran maestro ancor prima della nascita della Massoneria così come oggi la testimoniamo. Il Rito di York è una Massoneria Europea, fortemente europea che si è sviluppata negli Stati Uniti, ma per ragioni che erano frutto di guerre, di sconfitte. E come tutte le cose, visto che la storia la scrive chi vince, qualcuno si è portato, andando nel Nuovo Mondo, il Rituale di York, su cui sono nate le logge americane, ed è il Rito più diffuso per questa ragione, non per altre particolarità o quali oscuri arcani problemi. E questa ricchezza che noi abbiamo prendendo il rituale, la cogliamo non soltanto perché è Scuola Iniziatica, ma perché portiamo dentro quello che è la tradizione di un mondo che si è sedimentato all interno del Rituale stesso fino al punto di doverci chiedere: ma perchè di chiamiamo Compagni? Noi sbagliamo a chiamarci Compagni.

5 Noi siamo Compagnon, perché questa tradizione nasce in un percorso che ha visto una fuga, per una ragione oggettiva che a tutti appartiene, quella templare, dal mondo europeo di un gruppo di persone che potevano essere i Superiori Incogniti o poteva essere un gruppo di fratelli grandi iniziati che si sono fermati nelle isole. Sono due i gruppi in fuga, entrambi originati nello stesso giorno da Bernardo da Chiaravalle i cavalieri dell ordine del tempio verso la Scozia e quello degli Ospitalieri verso il Portogallo. L Ordine del Tempio sapeva dove andare e non sono arrivati nella parte piu agevole il sud dell Inghilterra, ma sono andati in Scozia mantenendo salda la conoscenza e sapendo di trovare protezione, ed hanno sedimentato questo percorso. Una domanda che lascio sospesa per chi, più di me è curioso e studioso: ma ci siamo mai chiesti perché in questo Rito abbiamo, tutto insieme, il mondo delle Gilde (Arco Reale), il mondo del Segreto del Tempio (Criptici), il mondo dei Cavalieri Templari? Avete notato sul rituale le connessioni tra le figure iniziatiche? Avete respirato la unità iniziatica insieme alla crescita sapienziale delle camere rituali? Lascio queste domande sospese perche noi dobbiamo ritornare a questo valore originale, la strada di noi cercatori di senso è talmente ricca di pietra che troveremo ciascuno la risposta. Perché in questa risposta è la tradizione è la ritualità, è la unità ed armonia del corpo rituale. Perché da qui noi cogliamo l importanza di appartenere ad un Corpo Rituale ma anche l orgoglio di poter testimoniare questo valore. Qualcuno si definisce l università della massoneria. No, qui non c è una università, c è l origine, qui ci sono diverse stagioni che hanno fatto si che ciò che era in qualche modo strutturato e formato, è stato via via copiato e modificato, ed in particolare da chi lo conosceva e voleva difendere un Simbolo, secondo quelle che erano le convenienze, le condizioni, le contingenze. Noi siamo gli ancient, poi ci sono gli acepted che sono nati dopo, e ci sarà un motivo perché uno si chiama così, o no? Ci sarà un perché uno modifica ed integra il percorso iniziatico attraverso la figura dell accettato! Il perché è nel bisogno di costruire un terreno più grande rispetto a quello che era vincolato dal mondo delle Gilde dove doveva accettare all interno di quello che era la struttura, soggetti che non appartenevano a quella comunione e quindi dovevo creare attraverso la forma politica un consenso più largo che gli consentisse di fare uno sviluppo ed un disegno. Sono tutte modalità che hanno una loro logica, hanno una loro giustificazione, hanno una loro validità da un punto di vista iniziatico e da un punto di vista ritualistico, però, dobbiamo fermarci su quelli che sono i capisaldi, e a me fa molto piacere che si parli di questi argomenti.

6 Mi piace molto perché entrare nel contesto del nostro Corpo Rituale, visitare i Capitoli, incontrare i Compagni, parlare con la Comunione, trasmettere un messaggio di Cultura ci mette su un piano di interesse e di condivisione che fa cambiare la pelle a tutti noi, a me per primo, mi piace perché mi mette nelle condizioni di cogliere la ricchezza di un patrimonio storico, culturale, iniziatico, che fa parte di un sogno a cui il fratello porta, non solo la disponibilità dell animo, ma un percorso di ricerca, un percorso di conoscenza. E questa conoscenza noi l abbiamo, riportata nero su bianco, su quello che sono i rituali e quindi lo sforzo che io chiedo ai Capitoli da qui ai prossimi mesi, è quello di studiare ciò che la commissione rituali ha poi validato e che deve essere l elemento di confronto, di lavoro, nei Capitoli. Perché noi dovremo arrivare non a redigere il nuovo Rituale, dovremo ulteriormente stampare il Rituale con quelle che sono le realtà rappresentate nel Rituale del Gran Capitolo Generale Internazionale. Così vale per la Costituzione. Noi non siamo autonomi. Noi siamo all interno di un grande Corpo Universale ed Internazionale che è il Gran Capitolo Generale Internazionale del Rito di York. Quando per la prima volta, io l anno scorso, per la prima volta sono andato alla Triennale, alla Assemblea Internazionale, ho partecipato alla elezione del Sommo Sacerdote Internazionale, come un qualunque Maestro della Comunione Italiana partecipa alla Gran Loggia alla elezione del Gran Maestro. Che cosa significa questo. Che siamo all interno di un processo dove ciò che accade nel Gran Capitolo Generale Internazionale in maniera automatica cambia ciò che avviene all interno della nostra Comunione Rituale. Ebbene, per tante ragioni, e non è questa è la sede su cui noi abbiamo bisogno di ricercare la ragione, la nostra costituzione è ferma a quando è stato costituito il Gran Capitolo nel Gli adeguamenti, nemmeno normali sono stati apportati, eppure anche il nostro Paese è cambiato. Nemmeno l adeguamento ai deliberati del Gran Capitolo Generale Internazionale sono entrati nel patrimonio del Corpus Juris. Siamo passati da Città di qualche migliaio o di poche centinaia di migliaia di abitanti a qualche milione. Noi ragioniamo ancora in una logica, non quella naturale dell Oriente, no, ragioniamo nella logica del territorio. Il territorio non esiste, esiste l Oriente. Un Capitolo è come Una Officina dell Oriente e nello stesso Oriente possono esistere più Capitoli. Esiste la natura stessa di una entità diversa che viene rappresentata dal radicamento nel territorio.

7 La stessa natura che ci porta a svolgere altre considerazioni. Oggi abbiamo, e lo ringrazio che è qui presente, eletto il nuovo Illustre Maestro del Concilio, nel suo programma raccoglie una modalità che da tempo sostengo, che vale per tutti noi, quella di arrivare a distinguere ciò che è sacrale perché iniziatico, da ciò che è gestionale perché è organizzativo. La nuova natura del Rito di York non è nella diversità Iniziatica per come la conosciamo, quella è, quella resta e la tradizione è la parola principale. Abbiamo bisogno, invece, di darci una diversa organizzazione, cogliendo quello che il Rituale ci offre: cogliere quello che il rituale ci offre è l Unità di questo Rito. Perché il Rito è Uno. Per anni, falsi Maestri che appena persa la carica se ne sono andati, hanno teorizzato di autonomie, di indipendenze dei Corpi Rituali siamo arrivati, per fortuna e per impegno e per progetto di una squadra che guarda avanti, a ritrovare la strada maestra. La strada maestra è la strada non soltanto dell unità Iniziatica, ma anche dell unità gestionale. Io sono convinto che noi arriveremo alla prossima Grande Assemblea, con questo progetto che sarà strutturato, probabilmente lo faremo anche prima, visto che dobbiamo adempiere a dei compiti che sono anche di natura statutaria e normativa civilistica. Dobbiamo convocare le Assemblee straordinarie per procedere alla modifiche, preventivamente mandiamo tutto all approvazione del Gran Capitolo Generale Internazionale, però questo modello deve portarci a cogliere un percorso nuovo. Nella struttura del Rito, nella mia figura di Sommo Sacerdote sono colui che attiva i processi costitutivi del Rito perché.innalzo le colenne del Capitolo, da li si genera poi tutto il resto. il Concilio e poi la Commenda. In questa logica, che talvolta ci ha visto in qualche modo poco coordinati diciamo così si facevano i Capitoli, poi nascevano i Concili, poi nei Concili c era un compagno di Milano, uno di Torino, uno di Firenze, uno di Bologna e non si capiva che cosa si andava formando lo stesso valeva per la Commenda Templare e allora bisogna che ci diamo una regola. E la regola è quella del Rito. Un Capitolo è Capitolo se all interno del Capitolo c è la Camera Criptica e la Camera Templare. Dove non c è Camera Criptica e Camera Templare, vi invito a costituirle, per ragioni naturali di appartenenza ad un Corpo Rituale, ma è impegno di non dare più le Bolle a Capitoli che si costituiscono e non completano il percorso rituale, perché come abbiamo fatto lo sforzo di costruire gli arredi per evitare che si fanno le

8 chiese senza gli altari e si mettono a disposizione gli spazi senza fare attività Iniziatica, abbiamo perso l abitudine di autorizzare i capitoli che non si dotano degli strumenti materiali per poter lavorare, dall Arca allo stendardo a tutto il resto necessario ad una ritualità piena e consapevole. Noi dobbiamo costruire all interno dei Capitoli un processo per cui l unità dei ruoli, delle funzioni, dei compiti è comune a tutte e tre le Camere Rituali. Io con grande gioia, perché veramente è stato un piacere straordinario, e l ho testimoniato anche pubblicamente ho dimostrato il percorso di unità iniziatica indicato nel rituale attraverso le fiugure di Giosuè Aggeo e Zorobabele. Sono stato a Vibo Valentia e ho insediato per la prima volta, dopo aver per anni subito critiche dai grandi ritualisti, un Capitolo, dove il Gran sacerdote, il Dottore della Legge e il Reggente, ricoprivano nella Camera Criptica ed in quella Templare la carica di Illustre Maestro e Eminente Commendatore. Questo sta avvenendo nei capitoli. Le riunioni non si fanno divise per camera rituale, si fanno per Capitolo e nel capitolo si eleva poi la camera come necessario. Un Capitolo, se lo notate nel rituale, ha la stessa struttura di una loggia: apprendista, compagno, maestro. La differenza nel grado tra i compagni che non appartengono a tutte le camere non è nel grembiule ma nel segno, nel toccamento, nella parola sacra!! Nel Capitolo si può entrare con i paramenti di Maestro dell Arco Reale o di Massone Criptico o di Cavaliere Templare.come in una Loggia della Comunione con il grembiule di Apprendista di Compagno o di Maestro. Sono le cariche del Capitolo che elevano i lavori se necessario o completano la formazione dei compagni con tavole che spiegano anche le altre camere rituali!!! Lavoriamo su questo piano, con questa ritualità, perché questo è lo sforzo vero in cui noi misuriamo la nostra capacità di essere Maestri, quella di formare. Perché su questo noi misuriamo la nostra capacità di far comprendere che questo è un Rito che ha nella sua struttura la grande qualità della genia della formazione per un percorso Iniziatico per la comunione, ma anche per i fratelli perché debbono cogliere il significato della iniziazione. Quando è stato posto alla attenzione il Decreto per cui c è un tempo di passaggio tra il grado di Maestro del Marchio e quello di Maestro dell Arco Reale, sembrava che si fosse creata la grande frattura tra i ritualisti e questi che la pensavano in maniera non rituale. Forse probabilmente adesso i Compagni, i Gran Sacerdoti, colgono che questa è la Via del Rito mi ringraziano i compagni, mi ringraziano i Gran Sacerdoti dicendomi che è bello parlare nei Capitoli di ritualità, che è bello entrare nel merito di quelli che sono gli elementi più profondi di un percorso, che è bello pensare che questo Gran Capitolo ha iniziato a produrre Cultura.

9 Il Gran Segretario, Almerindo Duranti, nella sua relazione ha descritto quanto è grande l impegno per la comunicazione delle attività del corpo rituale, quello che ha detto non è una storia di una favola da scrivere, è il lavoro quotidiano, quando siamo partiti.io ricordo la difficoltà di comprendere. anche come di come ci si poteva muovere. Siamo arrivati a chiudere un percorso di comunicazione, ed l unico caso per un corpo rituale, con mezzi che sono completi sotto tutte le forme: sito wen, blog, newsletter, rivista on line, una collana editoriale De Lantaarn. I Compagni che tutte le mattine vogliono sapere che cosa succede nel Gran Capitolo aprono internet e lo trovano, trovano le tavole, trovano anche una cosa che può sembrare di poco conto, ad esempio una collana editoriale. Trovano una cosa che può sembrare poco conto ma che questo Sommo Sacerdote un anno fa era ad Oxford a presentare un libro del Rito di York, l altro ieri, giovedì, è stato invitato io non ho rapporti con la fiera del libro di Torino a presentare Mauro Cascio e ciò che noi abbiamo prodotto come Corpo Rituale. Lo abbiamo fatto attraverso un Capitolo, lo abbiamo fatto attraverso Fratelli, che sono Compagni: Massimo Agostini, Mauro Cascio, Marco Rocchi, Turriziani. Compagni che appartengono a questo Corpo Rituale. Compagni che si avvicinano al nostro Corpo Rituale. Fratelli della Comunione che chiedono di operare, collaborare con il nostro Corpo Rituale. E credo che la ragione per cui la Massoneria si testimonia nel tempo, si testimonia nei secoli è che lascia un segno che non è materiale, ma un segno culturale. Se noi perdiamo questa opzione non abbiamo più ragione di continuare a testimoniare nulla, perché ciò che viene trasmesso è un messaggio di anima ed è un messaggio di valori. Se noi non riusciamo a costruire e a modernizzare gli elementi valoriali su cui si forma la nostra comunione, non troviamo rispondenza in quello che è il contesto sociale, in quello che è il contesto civile. E allora il Rito di York ritorna ad essere il centro del nostro lavoro. E la chiave di volta. Deve essere l orgoglio di essere Maestri di questa Comunione. Perché io sono orgoglioso di appartenere alla nostra Comunione, al Grande oriente d Italia, ma sono straordinariamente orgoglioso di appartenere al Rito di York. Alla apertura dei lavori ho rivolto un caloroso saluto al Gran maestro Stefano Bisi, anche compagno del Rito, insieme agli auguri di buon lavoro perché so bene le rinunce e le difficoltà che l impegno comporta e la grande responsabilità che ha sulle spalle. Non è più il tempo della rappresentanza, è il tempo della

10 testimonianza e questo induce a misurarsi con le difficoltà e le complessità. Al Gran maestro l affetto e la stima al compagno l augurio di fare bene, all amico e fratello ripeto quello che lui ha detto in un intervento: avanti con i piedi nella polvere e la testa nella luce! E questo è l impegno su cui io chiamo tutti noi, io per primo, i Deputy i Compagni Gran Sacerdoti, i Compagni dei Capitoli, perché questo lavoro deve essere un lavoro corale, deve essere un impegno visibile, non può essere un momento saltuario. Noi non possiamo pensare di testimoniare una presenza, noi dobbiamo cogliere quello che nella Comunione sta emergendo. Questo bisogno e questo interesse nei nostri confronti, è un interesse che non può essere venduto come operazione politica. Nella nostra Comunione non ci sono Capitoli Emulation. Nella nostra comunione non ci sono Capitoli Francesi. Solo persone in malafede possono pensarlo e riferirlo inducendo l errore. Nella nostra Comunione c è il Rituale, che è il Rituale della Massoneria, e che se trova nella natura Rituale del nostro Gran Capitolo, nei nostri valori una corrispondenza, bene, noi dobbiamo favorire questo processo. Dobbiamo cogliere questa presenza, vi invito a vedere con attenzione che cosa è la ritualità, perché dentro questo processo comprenderemo il valore e la ragione di una crescita. E questa la crescita non perché si fa un proselitismo nel numero. Questa crescita ci consente di fare un proselitismo nella qualità e nei valori, in quello che è il percorso della tradizione. Quindi abbiamo davanti a noi un tempo di grande impegno e approfondimento. Lo faremo insieme. Lo faremo attraverso seminari formativi. I Deputy dovranno fare i Deputy del Sommo sacerdote, non dei capitoli ma del Rito di York verso la Comunione testimoniando il loro valore anche attraverso azioni di sostegno al proselitismo perché è di essi la autorevolezza verso i Maestri della Comunione. I Deputy debbono impegnarsi perché queste cose vengano costituite e realizzate. Il Sommo Sacerdote sarà presente, come i Compagni della Giunta, però deve essere una sensibilità che appartiene a tutti noi. Non a qualcuno che fa e l altro che assiste. Nella Massoneria uno diventa Maestro perché cammina sulla strada, non perché fa il trasportato. Il trasportato è un osservatore, il Maestro è un fratello che entra e penetra. Penetra il simbolo, lo coglie lo rappresenta e lo manifesta.

11 Credo che noi stiamo manifestando in questo tempo un impegno forte nei confronti del nostro Corpo Rituale e tutti i Compagni con una armonia che è straordinaria ed una energia eccezionale che si respira. La politica del Rito ha anche aspetti che superano la realtà nazionale, il buon lavoro lo si vede, nei rapporti con l Estero, dalle tante delegazioni presenti alcune insperate per la tanta distanza: il Messico, l Australia, il Togo, il Gabon, tutti i Gran Capitoli Europei, tutte le Dignità Internazionali del Gran Capitolo Generale Ed io che vi sto vedendo tutti in uno scenario bellissimo, perché veramente è una Assemblea, ricca di presenze, di sensibilità e di grande amore fraterno posso soltanto dirvi Grazie. Le emozioni è tutto ciò che ci resta a testimonianza di quello che si è fatto. Vi ringrazio cari compagni per le emozioni che mi fate provare!

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI Milano Expo Padiglione Italia Giovedì 2 luglio 2015 La città di Roma, con la votazione favorevole dell Assemblea Capitolina il 25 giugno scorso, ha detto sì alla candidatura

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile La TUA Grande Rete Sempre Disponibile A chi ci rivolgiamo? Chi vuole mettersi in gioco sempre. Chi vuole raggiungere livelli altissimi di guadagno. Chi vuole essere il padrone di se stesso. Chi vuole

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

"Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te?

Gli Elementi del Successo non sono per Tutti. Sono per te? "Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te? Stiamo cercando persone che possano avere successo nel MLM. Come abbiamo fatto noi. E come vogliamo fare ancora quando c'è il "business perfetto

Dettagli

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING

DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING DAVIDE COLONNELLO LE BASI DEL FOREX TRADING Guida Pratica per Evitare gli Errori da Principianti e Imparare a Guadagnare con il Forex 2 Titolo LE BASI DEL FOREX TRADING Autore Davide Colonnello Editore

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA COSTRUZIONE DELL IDENTITÀ E RICERCA DELLE ORIGINI DOTT. CARLOS A. PEREYRA CARDINI - PROF.SSA ALESSANDRA FERMANI PROF.SSA MORENA MUZI PROF. ELIO RODOLFO PARISI UNIVERSITÀ DEGLI

Dettagli

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Grazie mille. sono io la violenza, scusatemi tanto, spero che sia una bella violenza in realtà. Mi piaceva molto il titolo della

Dettagli

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Gruppo di Foggia Clinica, Formazione, Cultura psicoanalitica Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Ascoltarsi è un arte dimenticata, che tutti siamo in grado di ricordare. Il corpo ci parla attraverso

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

una storia di solidità e sicurezza

una storia di solidità e sicurezza G. CASE viene fondata nel 1996 da persone provenienti da esperienze pluriennali nel settore edilizio, che sentivano l esigenza di realizzare un progetto autonomo nel settore immobiliare delle seconde case

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale

Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale Internet i vostri figli vi spiano! La PAROLA-CHIAVE: cacao Stralci di laboratorio multimediale Ins: nel laboratorio del Libro avevamo detto che qui, nel laboratorio multimediale, avremmo cercato qualcosa

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

NEWSLETTER N. 26 maggio 2014

NEWSLETTER N. 26 maggio 2014 2222222222222222222222222222222222222222 2222222222222222222222222222222222222222 NEWSLETTER N. 26 maggio 2014 Un benvenuto ai nuovi lettori e ben ritrovato a chi ci segue da tempo. Buona lettura a tutti

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici

Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici Siamo Terapisti Occupazionali non siamo politici I nostri focus sono la persona, l occupazione, l ambiente, la partecipazione alle attività della nostra vita quotidiana: essi rappresentano gli ambiti nel

Dettagli

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci FUORI CAMPO Luca Richelli insegna informatica musicale al conservatorio di Verona. E siccome di informatica ci capisce, quando a fine corso ha dovuto fare la

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI Cartella: L esperienza del contare Attività: CONTIAMO I FAGIOLI www.quadernoaquadretti.it Attività testata da Martina Carola (Gruppo di ricerca sulla scuola primaria del Seminario di Didattica della Matematica

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 PERCHÉ CONOSCERE L ITALIANO È UN PLUSVALORE? 2 Italiano lingua del cuore Feten Fradi - esperta comunicazione audiovisiva Copeam La mia esperienza personale

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO

LA PERLA IL TESORO PREZIOSO LA PERLA E IL TESORO PREZIOSO In quel tempo, Gesù disse alla folla: Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo; un uomo lo trova e lo nasconde di nuovo, poi va, pieno di gioia, vende

Dettagli

Come fare una scelta?

Come fare una scelta? Come fare una scelta? Don Alberto Abreu www.pietrscartata.com COME FARE UNA SCELTA? Osare scegliere Dio ha creato l uomo libero capace di decidere. In molti occasioni, senza renderci conto, effettuiamo

Dettagli

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco)

INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA. (Nepi Veneto Grugliasco) INCONTRO NAZIONALE DEI LAICI MISSIONARI DELLA CONSOLATA (Nepi Veneto Grugliasco) ASSISI, 3 5 aprile 2009 Dal 3 al 5 aprile 09 ci siamo ritrovati ad Assisi come Laici Missionari della Consolata di Nepi,

Dettagli

Apporti, Asporti e Regali

Apporti, Asporti e Regali Apporti, Asporti e Regali Collana: Ali d Amore N. 9 A Dilaila e alle anime candide dell Altra Dimensione A P P O R T I Gli apporti sono materializzazioni di oggetti, di animali, di piante o fiori, che

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti Classi terze A e B Scuola Primaria Statale Teresio Olivelli - Sale di Gussago (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO DI GUSSAGO Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti A.S. 2013/2014 Ho sentito che il 20 novembre

Dettagli

I social network. Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati. Non esiste il miracolo

I social network. Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati. Non esiste il miracolo I social network Intanto sfatiamo subito un po di miti: La sola pubblicità sui social non porta a grandi risultati Non esiste il miracolo Si deve lavorare e lavorare duro per ottenere risultati Le informazioni

Dettagli

dicembre 24, 2013 last news, Turismo Author: Sergio Leave a reply

dicembre 24, 2013 last news, Turismo Author: Sergio Leave a reply dicembre 24, 2013 last news, Turismo Author: Sergio Leave a reply Un viaggio in moto inizia nella nostra testa. Da un sogno, da un idea, da una fantasia, una foto vista su qualche rivista, il racconto

Dettagli

INNOVATORE COLUI CHE SOGNA QUALCOSA DI DIVERSO, DI MIGLIORE PER TUTTI, ANDANDO OLTRE QUELLO CHE GIA ESISTE.

INNOVATORE COLUI CHE SOGNA QUALCOSA DI DIVERSO, DI MIGLIORE PER TUTTI, ANDANDO OLTRE QUELLO CHE GIA ESISTE. LINEE DELL INTERVENTO DI GRAZIANO MALPASSI AL FIRST INNOVATION FORUMED a Civitanova Marche progetto WIDE INNOVATION IN MED finanziato dall Unione europea HO FONDATO L AZIENDA NEL 1984 ALL ETA DI 24 ANNI,

Dettagli

LE FATTORIE AUMENTANO

LE FATTORIE AUMENTANO LE FATTORIE AUMENTANO Nata dalla collaborazione tra 5 fattorie didattiche, l iniziativa mira a contribuire ad elevare la qualità della didattica in fattoria e a far riconoscere le stesse come agenzie educative,

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa.

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Vero Falso L archivio telematico contiene solo le offerte di lavoro.

Dettagli

Prima che la storia cominci

Prima che la storia cominci 1 Prima che la storia cominci Non so da dove sia scaturita questa mia voglia di scrivere storie. So che mi piace ascoltare le narrazioni degli altri e poi ripensare quelle storie fra me e me, agitarle,

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ.

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO MA COME TI TRUCCHI?! PER PERSONE CON DISABILITÀ. UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ. Relatore: Martina Tarlazzi Make your smile up LA NASCITA DEL

Dettagli

I TUOI ESAMI UNIVERSITARI

I TUOI ESAMI UNIVERSITARI COME PIANIFICARE Andrea Giuliodori autore di EfficaceMente.com I TUOI ESAMI UNIVERSITARI INDICE INTRODUZIONE 1 2 3 4 DECIDI A PRIORI QUANTO STUDIARE TROVA IL TUO RITMO IDEALE CREA IL TUO CALENDARIO DI

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà:

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà: CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2015 Interventi dei sigg. consiglieri Armonizzazione dei sistemi e degli schemi contabili di cui al D.Lgs. n.118/2011, rinvio al 2016 dell adozione del principio della contabilità

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

Associazione Messianica d'italia

Associazione Messianica d'italia Associazione Messianica d'italia PRATICA DEL SONEN Testo esplicativo Il gabinetto della Presidenza della Chiesa Messianica Mondiale del Brasile ha ricevuto molti e-mails da membri che chiedevano il testo

Dettagli