Il Giornalino OTTOBRE. La Nostra Festa Patronale. Anno X - N. 8/2011. MENSILE d INFORMAZIONE. Parrocchia «S.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Giornalino OTTOBRE. La Nostra Festa Patronale. Anno X - N. 8/2011. MENSILE d INFORMAZIONE. Parrocchia «S."

Transcript

1 Anno X - N. 8/ Il Giornalino MENSILE d INFORMAZIONE Parrocchia «S. OTTOBRE Responsabile Editoriale: Il Parroco Collaborazione: Gruppo Comunicazioni Sociali Parrocchiale TERESA DI GESÙ» Piazza E. Cesaro, TORRE ANNUNZIATA (NA) - Tel Fax «SANTA TERESA» La Nostra Festa Patronale Un triduo predicato da don Franco Soprano ha dato inizio ai festeggiamenti in onore della Patrona della nostra Parrocchia: Santa Teresa d Avila. Don Franco ci ha parlato di questa santa, dottore della Chiesa, che ha rinnovato l Ordine Carmelitano. Il fine che si prefiggeva di raggiungere era quello di una vita vissuta in modo semplice e fraterno alla luce del Vangelo e della Regola del Carmelo. È stata sicuramente l amicizia con il Signore che le ha consentito di superare le numerose difficoltà che ha incontrato in questa opera di rinnovamento che prevedeva, essenzialmente, una preghiera personale e silenziosa di due ore al giorno, di un ora di lettura e di ben due ore di ricreazione quotidiana la quale consentiva di crescere come persone e come fratelli, in un ambiente sano. Per festeggiare questa ricorrenza, un programma ben strutturato ha consentito di vivere e di lavorare, qualche giorno, gomito a gomito con tutti gli operatori della Parrocchia e con quanti hanno offerto la propria collaborazione per la buona riuscita della festa. È stata allestita una mostra di libri, di cartoline antiche, gentilmente prestate da due Parrocchiani e di foto riguardanti la vita parrocchiale a partire dal primo Parroco che hanno consentito di immergersi nel passato e di ritrovare tanti frati, fratelli e sorelle che ci hanno preceduto o che vivono ancora nell ambito parrocchiale. Nel giorno dedicato alla Santa sono state celebrate tre Messe di cui una solenne alle quali ha partecipato con gioia tutta la Comunità. Le serate sono state rallegrate dal Coro parrocchiale che si è esibito gioiosamente in piazza con le sempre gradite canzoni napoletane. Encomiabile è stato l impegno del Diacono Michele, che, con la collaborazione di Paolo uno degli operatori pastorali e di tutti coloro che hanno prestato la loro opera, ha allestito un appetitoso stand di panini e bibite. (continua a pag. 2) Don Franco e don Ciro hanno sottolineato soprattutto la sua necessità di pregare per raggiungere la perfetta unione con Cristo ed hanno augurato a noi tutti che, sull esempio della nostra protettrice, tendiamo all amicizia con Dio mediante l ascolto della Parola da vivere e da testimoniare e la preghiera. La notte fra sabato 29 e domenica 30 ottobre, alle ore 3 sposteremo le lancette dei nostri orologi un ora indietro. L ora legale lascia il posto a quella solare che resterà in vigore fino al 25 marzo La S. Messa vespertina di Domenica 30 Ottobre è celebrata alle ore Quindi mano agli orologi e spostiamo le lancette indietro di un ora.

2 OTTOBRE Domenica 16 ottobre, è stata portata in processione per le strade del quartiere la statua della Santa, accompagnata da preghiere, da canti e da una banda di giovani musici che hanno fatto vibrare le corde dell animo, favorendo il clima di preghiera della Comunità che, guidata dai catechisti e dai più piccoli, ha camminato per le strade della Parrocchia. I fedeli hanno salutato e venerato la Santa dai balconi addobbati per l occasione. I festeggiamenti si sono conclusi con l offerta di piantine, la bella esibizione del gruppo O Pazziariello che ha richiamato diversi parrocchiani in piazza ed i fuochi d artificio. S. Messa Solenne presieduta da Don Antonio ASCIONE Il Parroco Don Ciro da inizio alla processione Un grazie ai commercianti, a tutti i fedeli che hanno contribuito al buon esito della festa ma soprattutto al nostro Parroco che ha profuso le sue energie per la realizzazione di tutto quanto lanciando un messaggio di fraternità fondato sull Amore di Dio così come auspica la nostra Santa patrona. La Comunità Lotteria PRO ATTIVITÀ ISTITUZ. DELLA PARROCCHIA ESTRAZIONE 7 GENNAIO 2012 Chiediamo, umilmente, la collaborazione di Voi tutti per la vendita di qualche blocchetto (sono solo 30 biglietti al costo di. 2,50) Ai genitori di: DARIO IMMACOLATA ANTONIO Il Signore benedica il frutto del vostro amore

3 Riuniti attorno all altare del Signore, Mercoledì 2 novembre ci accingiamo a celebrare il sacrificio eucaristico in suffragio delle anime dei compianti nostri fratelli che dal novembre scorso a tutt oggi sono tornati alla Casa del Padre. VITIELLO LANGELLA NASTI BUONAGRAZIA STANZIONE IZZO MERCURIO DI DONNA D AMBROSIO PISAPIA BALZANO VITIELLO FIORENZA CIRILLO ARIANO DE SANTIS CIRILLO FORMISANO CANGIANO MAZZA SORRENTINO MERCEDULA PANELLA RAIA FIORENZA MONTEFUSCO BUONOCORE PAGANO NOCERINO URAS CIOTOLA CARLUCCI OTTOBRE «Ai Defunti» SANTA F.CA GENNARO AMALIA GIULIO NATALE ATTILIO CLORINDA LUIGI GIOVANNI RITA GIOVANNINA MICHELE GAETANO ALDO FRANCESCO LORIS ANTONIO MARIO VINCENZO GIOACCHINO FILIPPO MARIA LUIGIA LUIGIA LUIGI SALVATORE LUIGI GIUSEPPINA OTTAVIO MARIALUISA FLORA ANNA PONTE FABBRI QUARTUCCIO DATI LA VECCHIA ACAMPORA PRISCO REDENTA ELISA ANTONIO CARMELA CIRA ASSUNTA ANNA Per tutti questi nostri amati fratelli, noi vogliamo elevare una speciale preghiera a Gesù Cristo, Giudice giusto e misericordioso. Egli che è morto in croce per tutti noi voglia concedere loro il premio per l opera svolta a servizio della Chiesa di Cristo e per il bene dell umanità, accogliendoli nella sua pace e nella gloria celeste. Per la santa Messa, che sarà celebrata il giorno dedicato ai defunti, tutti possono partecipare ai frutti del divino sacrificio, contribuendo, se lo desiderano, con una libera offerta. Le persone incaricate di raccogliere i nominativi da menzionare all inizio della liturgia sono le Signorine: Annamaria MONTELLA e Mirella SELLITTI «A noi che restiamo il compito di rendere vivo il Loro ricordo nelle nostre preghiere» La Comunità di S. TERESA

4 OTTOBRE «L Il bisogno più grande dell uomo è la felicità. Ma la felicità piena la si raggiunge non con il possesso delle cose, ma nella comunione delle persone, nell amore dato e ricevuto. Solo il rapporto con Dio impedisce che la comunione con le persone diventi possesso, calcolo e pretesa. Ciò che insidia l amore è il tradimento, quando uso te per me stesso = (egoismo). Questa è la definizione di peccato. Come Eva, non mi fido della strada di Dio per essere felice, ma mi costruisco una strada mia. Peccato è negare a Dio la possibilità di intervenire nella mia vita, come anche il tentativo di costruire un altra strada per noi e per i nostri simili, diversa, tutta nostra (vedi Adamo e la storia del vitello d oro). Il peccato è dunque cercarsi una salvezza, una liberazione, una pienezza, un Salvatore su propria misura. Come conseguenza la vita non è più ascolto, disponibilità, risposta all alleanza, ma affermazione di noi stessi, del nostro progetto, del nostro modo di vedere le cose. La molla segreta del peccato è un impazienza che ci fa preferire quanto noi riusciamo a vedere, a capire, desiderare, piuttosto che il lungo lavoro di assimilazione di quella logica diversa che è la logica di Dio e del suo patto. La mancanza di rispetto e di obbedienza ai comandamenti e a tutto quello che il Signore può chiederci in ogni momento, non è che un segno, un sintomo di questa scelta. Il peccato è sempre una mancanza di fiducia (fede) in Dio. La confessione è recuperare questa fiducia; confessare a Dio, attraverso il Sacerdote, di aver sbagliato e riconoscere che solo la sua strada è quella giusta. PERCHÈ LA CONFESSIONE? Perché Gesù ce l ha chiesta. A te darò le chiavi del regno dei cieli, qualunque cosa legherai. (Mt 16,19) - La pace sia con voi, a chi rimetterete i peccati saranno rimessi (Gv 19,23) - Se noi confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto, e li rimetterà. (1 Gv 1,9). Il sacramento è sempre stato chiamato Confessione, Riconciliazione, Penitenza. CONFESSIONE: sottolinea l atto del penitente in vista dell assoluzione. Si richiede onestà di fronte al proprio male. PENITENZA: l accento è posto sul cammino che una persona deve fare per cambiare, e riguarda non solo il comportamento ma anche la mentalità. Ultimo Martedì del mese ore / Celebrazione del Sacramento della Penitenza Un confessore comunque è disponibile tutti i giorni dalle ore alle ore «LA CONFESSIONE» RICONCILIAZIONE: l accento viene posto sull intervento di Dio e sulla mediazione della Chiesa. Dio ci riconcilia a sé, è Lui l artefice. Dio è intervenuto e io sono nuovo. La confessione è prima di tutto un atto di fede. Fede che esce dalla genericità e si esprime in un gesto preciso: Credo che Dio possa farmi nuovo!. Non dobbiamo dare troppa importanza alle cose esteriori, prete, luogo, emozioni Cerchiamo allora di essere più preoccupati di convertirci. Dio mi mette accanto un fratello (il sacerdote) che mi aiuti, che mi incoraggi ad essere totalmente sincero in quel momento, senza paura. Il ministro non è un giudice: è il volto del Padre, un interprete della sua misericordia. Per cui la confessione non è un tribunale, non è solo una denuncia, ma una celebrazione. Confessione è incontro con Dio, la straordinaria scoperta che Lui solo ti può dare la pace e la gioia che ti permetterà di lottare per lasciare il peccato, di rinunciare a comportamenti egoistici. Questo sacramento a poco a poco ci guarisce: ed è per riaffermare questa speranza che si va a confessarsi; non perché ne ho voglia o perché mi piace. Ma perché solo accogliere il perdono di Dio ci permette di rialzarci e di rimetterci in cammino. Da soli siamo così poveri, così deboli che non siamo in grado di affrontare il futuro che ci aspetta. Da soli non possiamo renderci giusti da noi stessi, ristabilire un rapporto di comunione con Dio. L accusa dei peccati non serve a dio: Egli già conosce le nostre colpe. Serve a noi perché ci accorgiamo dove siamo malati. Perché lo scopo non è mai formale, ma veramente ricevere la forza di cambiare in meglio. Come fare l esame di coscienza Occorre sincerità totale senza tentare di minimizzare. Riconosciamo tanto più i nostri peccati, quanto più cerchiamo di essere vicini a Dio e ci preoccupiamo di essere fedeli a Lui. Quando abbiamo l impressione di non aver nessun peccato è perché siamo così tiepidi nel nostro rapporto con Il Signore che non abbiamo la sensibilità necessaria per renderci conto di quanto siamo lontani da Lui. Se lo amiamo davvero non ci capita di autogiustificarci facilmente e comprendiamo bene le manchevolezze e i peccati che facilmente commettiamo nell adempimento dei nostri impegni, nei rapporti con il nostro prossimo, e tutte le offese e le mancanze di rispetto direttamente nei confronti di Dio. Confrontiamoci con la Parola di Dio, con i Dieci Comandamenti, con le Beatitudini, e facciamo quotidianamente l esame di coscienza. Solo così è possibile mantenere un sereno controllo sulla nostra vita cristiana, potendo riconoscere se stiamo camminando verso la maturità e verso una sufficiente testimonianza dell amore di Dio nella nostra vita di ogni giorno. Pasquale B.

5 OTTOBRE MOMENTO GIOIOSO DI FRATERNITÀ E CONDIVISIONE Siamo in tempo di crisi, periodo lungo ed incerto caratterizzato da manovre economiche, dalla onnipresenza delle banche e della fretta del nostro incedere. Ognuno corre, si dimena, si vive nell agitazione e nell indifferenza, tutti coniughiamo un solo verbo: sopravvivere. Eppure, avvertiamo che il meglio di noi stessi viene sottovalutato, i legacci dei sacrifici ci stringono troppo, impedendoci di respirare, portiamo in giro, presentiamo agli altri non il bello, il nuovo, la speranza, ma la paura. Però, noi della Parrocchia di S. Teresa, con la gioia di redenti siamo riusciti a colorare questa stagione autunnale troppo lunga e con il calore delle relazioni personali, col conoscerci, con lo stare insieme, avendo l intendo, di costruire rapporti autentici, abbiamo dato vita e fondata: la banca del accoglienza. Si, l accoglienza è accettazione dell altro così com è, senza pregiudizi, senza distinzione alcuna, senza chiedere a nessuno alcun titolo credenziale, senza porgli alcuna domanda. Tutto questo però non è uno slogan, è realtà, infatti la domenica dopo la S, Messa delle ore 10,00 tutti i partecipanti sono invitati a salire al primo piano delle sale catechistiche, per vivere in pienezza il momento di accoglienza. Può sorgere, per dirla alla Lubrano, una domanda spontanea. Cosa significa vivere l accoglienza? Tutti sappiamo che il convivio, lo stare attorno ad un tavolo imbandito di leccornie che stuzzicano il palato e che facilitano il processo degli enzimi gastrici è una cosa bellissima, non a guardarla ma a consumarla. Però questa degustazione è condita dal nostro dire, dal raccontarci le nostre esperienze, dalle risate di tutti quanti noi, dal nostro sentirci amati da Lui e pian piano, serpeggia la volontà di implementare una Chiesa viva, operante sul territorio e al servizio di tutti, perché ovunque risuonino e si realizzano le parole di Cristo: Venite a ma voi tutti che siete stanchi ed oppressi ed io vi ristorerò. Il mio giogo è soave e il mio carico è leggero. Anna COZZOLINO Non siamo mai soli Chi cerca trova: e trova che Gesù vive in noi; così come viviamo noi in Lui. Ed Egli vuol vivere in noi, e l anima nostra, se libera, resta inquieta finché non vive in Lui. E dunque non siamo mai soli: Dio è in noi, con noi: di che temeremo allora? Se è guardata nella realtà, di Lui, nell amore, di Lui, la vita si fa tutta bella, sia quando si presenti con aspetti di amore sia quando si ottenebra in forme di dolore. Sempre Dio c è. In ogni creatura dobbiamo vedere Gesù: e, sotto tale luce, ogni creatura si appressa a noi per ripeterci la parola di Lui: Non temete: sono io. Perciò non la temiamo: l amiamo. Se pur si presentasse nella veste del carnefice, noi potremmo dirle con i martiri: Non ti temiamo perché ti amiamo. Non fai paura, perché in te c è Gesù. Se mai è Gesù crocifisso, piagato, abbandonato, anche Gesù morto: ma sempre Lui è. Può venirci incontro sotto le spoglie di un bisognoso: è Gesù; può contrarre il viso in smorfie d odio, di disperazione, di superbia: è Gesù fattosi colpa. Può persino cercare di depravarsi nei ragionamenti dell ateismo: anche così è Gesù; è Gesù nella tomba. E quindi noi conviviamo sempre con Cristo Lo abbiamo in noi, Lo abbiamo nel fratello. Tutta la vita è un colloquio con Lui ed una convivenza con Lui; si sta sempre in Dio, in Lui infatti viviamo, ci muoviamo e siamo. Noi cioè partecipiamo la vita di Lui vivendola sempre; o meglio Egli sempre vive, cresce e s avvia a maturità in noi. da: La divina avventura di Igino Giordano Avrà luogo a MILANO dal 30 Maggio al 3 Giugno 2012 il VII Incontro Mondiale delle Famiglie sul tema LA FAMIGLIA: IL LAVORO E LA FESTA" Il prossimo Incontro Mondiale delle Famiglie costituisce un'occasione privilegiata per ripensare il lavoro e la festa nella prospettiva di una famiglia unita e aperta alla vita, ben inserita nella società e nella Chiesa, attenta alla qualità delle relazioni oltre che all'economia dello stesso nucleo familiare (Dalla Messaggio del Santo Padre Benedetto XVI)

6 OTTOBRE «LA BIBBIA IN PILLOLE» Nello scorso numero del giornalino parrocchiale abbiamo parlato della suddivisione della Bibbia in Antico Testamento (A.T.) e Nuovo Testamento (N..T.) e anche da quali libri essi sono formati. Questa volta entreremo un po più nello specifico dei testi e lo faremo partendo dal N.T.. L A.T. è inteso come preparazione, attesa della venuta di Cristo, il N.T. è compimento, attuazione. Gesù, secondo la Bibbia, è il compimento delle promesse ripetute e illustrate nel corso dei secoli. S. Agostino affermava che il N.T. è nascosto nel l A.T. e l A.T. diventa chiaro nel N.T. Il N.T. Comprende: i 4 Vangeli, gli Atti, le 15 lettere di Paolo, le 7 lettere cattoliche, l Apocalisse. Il vocabolo Vangelo significa «buona notizia», «lieto evento» e deriva dal greco; nell A.T. significava annuncio di vittoria e i profeti l adoperarono per indicare il compimento delle promesse messianiche. Gesù, salendo al cielo, ordinò agli Apostoli di predicare il Vangelo, non ordinò di scriverlo, perché il metodo ordinario per trasmettere una dottrina era l insegnamento orale. Così a Gerusalemme, a Damasco, in Antiochia ed in Roma il Vangelo della vita e della dottrina di Gesù fu predicato dagli Apostoli e dai loro discepoli: è questa la Catechesi Apostolica o orale. Dopo circa 20 anni però essi cominciarono a mettere per iscritto la loro predicazione poiché le comunità cristiane crescevano, ci si allontanava dal periodo di vita di Gesù e sorgeva il pericolo che il Suo messaggio fosse alterato e non integralmente trasmesso. Nacquero così i 4 Vangeli attribuiti agli Apostoli Matteo e Giovanni e ai loro discepoli Marco e Luca. Ad ogni libro fu data l impronta etnica del popolo a cui era destinato;infatti ognuno scelse, dall immenso materiale di predicazione del Maestro, ciò che meglio poteva contribuire alla conversione dei lettori. I Vangeli rappresentano la sintesi del divino e umano di Gesù: il figlio di Dio si è fatto uomo per insegnarci il Vangelo con le parole e con l esempio, e tutto si com- pendia nella rivelazione dell amore. Il Vangelo, poema della carità, è pure il codice della legge che incombe sugli uomini per conquistare la propria felicità. S. Agostino, avendo notato che Gesù esige dagli uomini collaborazione per raggiungere la redenzione, affermava: «Colui che ha creato te senza di te, non salverà te senza di te». Il Vangelo non è un libro facile perché tratta principalmente di argomenti spirituali e quindi richiede, in chi lo legge, una umiltà di cuore, una sensibilità, una interiorità, qualità che la vita frenetica di oggi rende sempre più rare e difficili. Matteo, detto Levi, apostolo di Gesù e testimone oculare dei fatti, scrisse il suo Vangelo in lingua aramaica, rivolgendosi agli ebrei, per dimostrare loro, secondo la profezia, che il Signore era il loro Messia. Marco, discepolo di Pietro, secondo quello che Lui aveva udito, scrisse in greco e dimostra, a base di miracoli, che Gesù è Dio. Luca, medico, compagno di fatiche di Paolo, scrisse il suo libro in greco, attingendo notizie dallo stesso Paolo e da Pietro e a Lui Maria confidò i più intimi segreti del suo cuore materno. Giovanni, apostolo prediletto del Signore, scrisse in greco e rivelò la Sua divina natura: il Verbo Incarnato. Il Vangelo di Giovanni è completamente diverso dagli altri sia per contenuto che per esposizione: si dilunga in discorsi, narra pochi miracoli con fine chiaramente apologetico, ossia in difesa della dottrina cristiana. Giovanni fa svolgere il ministero di Gesù prevalentemente in Giudea, invece che in Galilea come fanno gli altri tre. L.C. Lettore della Parrocchia Il prosieguo sul prossimo numero del giornalino parrocchiale Ogni primo Giovedì del mese ADORAZIONE NOTTURNA del SS. Sacramento L esposizione avrà luogo al termine della S. Messa vespertina fino alle ore ed è riservata specialmente a giovani, professionisti, studenti, uomini e donne adulti.

7 OTTOBRE «VENTIDUE OTTOBRE» Sono passati 189 anni dal fatidico 22 ottobre Torre Annunziata, città di Maria, ha saputo conservare il ricordo dell evento che la vide prodigiosamente salva per intercessione di Maria SS. della Neve. Fin dai primi giorni di quell ottobre il Vesuvio - sempre temuto e più volte distruttore di questa terra (memorabili, tra tante, le eruzioni del 79, che distrusse Pompei ed Oplonti, e del 1631, che raggiunse anche Terra Vecchia di Bosco, oggi la Torre Annunziata da Corso Garibaldi in su) - dette inquietanti segni premonitori. Ma il 20, il 21 e il 22 furono giorni di terrore: pioggia di cenere e lapilli, boati terrificanti, l avanzare di due correnti laviche in direzione di Resina e di Boscotrecase. Processione del 22 Ottobre La mattina del 22 la situazione precipitò. Torre era avvolta da una caligine intensa, a tratti rischiarata da lampi. Si soffocava. Fu necessario accendere i lumi in pieno giorno. Vi fu uno slancio di fede: il popolo, ritrovata la speranza nell estremo pericolo, corse ai piedi della Madonna della Neve, sfidando il pericolo stesso. Nel perdurare delle fitte tenebre, si organizzò la processione penitenziale che raggiunse il Largo Santa Teresa (oggi Piazza Cesàro), quella che, considerando anche quanto accadde nel 194-4, io chiamerei Piazza dei Miracoli. Ivi la sacra Immagine fu fatta sostare. Don Bosco Baly, del Clero dell Archidiocesi napoletana, uomo di santa vita, parlò ai concittadini, esortandoli alla conversione e alla rinnovata fiducia della Madre di Dio. Mentre il Sacerdote, insieme col popolo, supplicante, chiedeva l allontanamento del tremendo flagello, l oscurità incombente fu squarciata mira- colosamente da un raggio di sole che andò a posarsi sul volto della Vergine. L eruzione ebbe termine: ancora una volta Torre fu salva. Fu allora che gli Amministratori della Città promisero, per voto, che quel giorno sarebbe stato ricordato dalle future generazioni. E il 22 ottobre di ogni anno ricordiamo, con gioia festosa e con gratitudine, come in una vigorosa sintesi, non solo quanto accadde nell ottobre 1822, ma anche gli eventi in cui la presenza materna di Maria fu determinante per la salvezza della nostra Torre. Con quale spirito celebriamo, quest anno, la festa del voto? Da tanti segni appare che la nostra fede, non alimentata dalla preghiera e da una coerente vita cristiana, è destinata ad affievolirsi e a non tradursi in opere feconde di bene e di progresso. Se si svaluta tutto ciò che è soprannaturale, se ci è i- gnoto e non desiderato l intimo pulsare della vita della Grazia, se trascuriamo l obbligo di santificare la festa, non c è da meravigliarsi, poi, se non sentiamo più vibrare in noi la voce della Parola di Dio e resta inascoltato l invito insistente della Mamma celeste a rientrare in noi stessi per ravvivare la nostra fede in Lei, nel suo Figlio, nella santa Chiesa. In queste condizioni si registra anche la graduale rinuncia all osservanza dei nostri doveri, primi fra tutti quelli che ci legano alla famiglia, al lavoro, alla civile convivenza. Il 22 ottobre, che viene preparata come giornata di riflessione e di preghiera, richiama in ogni torrese, vicino o lontano, il ricordo della Madonna della Neve, della celeste Protettrice, della Madre cara, ed invita ad operare in noi un radicale cambiamento nel suo Nome soavissimo che invochiamo con tanto amore e con inestinguibile speranza. Prof. Alfonso MONSURRÒ Visita il sito della Parrocchia Per ricevere le newsletter con le informazioni circa le attività parrocchiali, manda una al seguente indirizzo di posta elettronica:

8 CORSI DI CATECHESI Sacramento del Battesimo Si celebra ogni quarta Domenica del mese È previsto un incontro di Catechesi per i genitori e i/ Padrini / e Madrine dei bambini: il Sabato che precede la Celebrazione del Battesimo alle ore Catechismo dei ragazzi Ha luogo il: Lunedì, Martedì e Giovedì dalle ore alle ore Sacramento della Confermazione (Cresima) Il corso di preparazione avrà luogo: la Domenica per gli Adulti alle ore il Sabato per gli Adolescenti alle ore Sacramento del Matrimonio Il corso di preparazione avrà luogo ogni Lunedì alle ore La Segreteria Parrocchiale è aperta nei seguenti giorni e orari stabiliti: LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - SABATO dalle ore alle ore GIOVEDÌ dalle ore alle ore ORARIO DELLE CELEBRAZIONI SANTE MESSE FERIALE: Ore Celebrazione della Parola di Dio Ore Celebrazione S. Messa vespertina FESTIVO: Ore Una Comunità che prega Puoi pregare con la Comunità ogni giorno feriale Ore Lodi Mattutine Ore Vespro a seguire il S. Rosario Ore S. Messa Vespertina Primo Giovedì ore Adorazione Notturna Ogni Giovedì ore Adorazione Eucaristica Ultimo Martedì ore Celebrazione del SACRAMENTO DELLA CONFESSIONE Il Parroco riceve tutti i giorni ore 17.00/20.00 MARTEDÌ 01 Solennità di TUTTI I SANTI SS. Messe ore MERCOLEDÌ 02 COMMEMORAZIONE DI TUTTI I FEDELI DEFUN- TI. Ore S. Messa in memoria di tutti i defunti della parrocchia, in particolare di quelli dell ultimo anno. GIOVEDÌ VENERDÌ GIOVEDÌ DAL 14 AL 16 GIOVEDÌ 03 Adorazione Eucaristica prolungata notturna del SS. Sacramento dalla fine della S. Messa vespertina alle ore Primo Venerdì del mese ore esposizione del SS. Sacramento - celebrazione dei Vespri a seguire il S. Rosario della Divina Misericordia ore S. Messa 10 Ore celebrazione dei Vespri a seguire il S. Rosario animato dal gruppo di preghiera San PIO da Pietrelcina ore S. Messa. Triduo in onore di S. ELISABETTA Ore Vespri. A seguire il S. Rosario. Ore S. Messa. 17 SANTA ELISABETTA D UNGHERIA Patrona dell ORDINE FRANCESCANO SECOLARE. Ore Vespri. A seguire il S. Rosario. Ore Celebrazione Eucaristica - Rinnovo della Professione dei Terziari Francescani e benedizione del pane DOMENICA 27 PRIMA DOMENICA DI AVVENTO SS. Messe ore MARTEDÌ CALENDARIO NOVEMBRE 29 Confessioni mensili - Presente un confessore dalle ore alle ore Inizio Novena dell IMMACOLATA ore celebrazione dei Vespri a seguire il S. Rosario ore S. Messa della Novena. FAMIGLIA FRANCESCANA L ORDINE FRANCESCANO SECOLARE II Venerdì del mese alle ore IV Domenica del mese alle ore ARALDI e ARALDINI il Sabato ore Mensile a diffusione interna - Composizione e stampa in proprio - Copia gratuita Il Bollettino mensile e tutte le informazioni Parrocchiali sono redatte grazie al prezioso contributo del GRUPPO COMUNICAZIONI SOCIALI

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Parrocchia S. Maria Nuova

Parrocchia S. Maria Nuova Parrocchia S. Maria Nuova Piazza Santa Maria Nuova, 4 01100 Viterbo Tel/Fax 0761.340700 - c/c postale n. 79886701 www.santamarianuova-viterbo.it - info@santamarianuova-viterbo.it Recapiti telefonici dei

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio

20 ottobre 2015. Nell attesa di incontrarci, vi salutiamo cordialmente. don Emanuele e i catechisti del primo annuncio 20 ottobre 2015 Carissimi genitori, desideriamo raggiungere i papà e le mamme di tutti i bambini che da quest anno muovono i loro primi passi nel percorso di completamento dell Iniziazione Cristiana. Una

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen.

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l'amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti

Dettagli

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Parrocchia Immacolata Concezione CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Come già indicato anche nel progetto annuale,

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

CAMMINO DI CATECHESI seconda media, anno 2011-2012

CAMMINO DI CATECHESI seconda media, anno 2011-2012 CAMMINO DI CATECHESI seconda media, anno 2011-2012 Obiettivi generali dell anno: - attraverso la conoscenza di come è nata la Chiesa e della propria Parrocchia, cercheremo di leggere l'azione dello Spirito

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Natale del Signore - 25 dicembre

Natale del Signore - 25 dicembre Natale del Signore - 25 dicembre La Messa della notte sviluppa il tema di Gesù luce e pace vera donata agli uomini ( colletta); viene commentata attraverso una lettura tipologica la nascita di Gesù con

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009

ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA. di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 ESPERIENZE PARROCCHIALI DI INIZIAZIONE CRISTIANA di Don Giuseppe Nevi Direttore dell Ufficio Famiglia di Cremona 23-24 settembre 2009 1 Il Rituale ispiratore Rito dell iniziazione cristiana degli adulti,

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

Settembre 2009. FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù

Settembre 2009. FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù Settembre 2009 dal 5 al 13 FESTA DELL ORATORIO Marta e Maria Contempl-azione di Gesù 8 Martedì 4 giorni catechisti (ore 15.00 al Palladium) Riscoprire l iniziazione cristiana Consiglio Pastorale Decanale

Dettagli

PIEVE ARCIPRETALE DI CODROIPO PROSPETTO DELLA CATECHESI PARROCCHIALE

PIEVE ARCIPRETALE DI CODROIPO PROSPETTO DELLA CATECHESI PARROCCHIALE PIEVE ARCIPRETALE DI CODROIPO PROSPETTO DELLA CATECHESI PARROCCHIALE CATECHESI DEI FANCIULLI: ANNO 2014-2015 PRIMO ANNO Lasciate che i bambini vengano a me. Percorso unico (Novembre-Maggio) A partire da

Dettagli

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ All inizio del nuovo anno pastorale 2014-2015 viene distribuito alla comunità il Calendario Pastorale, segno del cammino comunitario e strumento utile per la programmazione delle diverse attività della

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Qual è il giorno di festa per il popolo ebraico.. Cosa ricorda loro questo giorno?......

Qual è il giorno di festa per il popolo ebraico.. Cosa ricorda loro questo giorno?...... LA DOMENICA GIORNO DEL SIGNORE Per il popolo ebraico, al quale apparteneva Gesù, il giorno di festa e di riposo è il sabato che in ebraico (sabbat) significa riposo e di preghiera nel quale gli Ebrei ancora

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

La Messa. in rito ambrosiano. spiegata. ai bambini. e non solo

La Messa. in rito ambrosiano. spiegata. ai bambini. e non solo La Messa in rito ambrosiano spiegata ai bambini e non solo 2 3 RITI DI INTRODUZIONE! Le parti più importanti: Riti di introduzione Accoglienza Canto d ingresso Atto penitenziale Liturgia della parola Inno

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre.

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre. Non siamo i «cercatori» di sofferenza..., e nemmeno gli «entusiasti» per la sofferenza. Siamo persone che si sforzano di «vivere» la loro sofferenza «come Gesù»..., non solo nella contemplazione di Lui

Dettagli

3. Rito della benedizione senza la Messa

3. Rito della benedizione senza la Messa 3. Rito della benedizione senza la Messa INIZIO 500. Quando la comunità è già riunita, si può cantare il Salmo 33 (34) o eseguire un altro canto adatto. Terminato il canto, tutti si fanno il segno della

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA INIZIO DELL ANNO GIUBILARE NELLE COMUNITÀ PARROCCHIALI 13 dicembre 2015 Terza Domenica di Avvento 1 Nella terza domenica di Avvento, detta Gaudete, in ogni chiesa cattedrale

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO ARCIPRETURA MARIA SS. ASSUNTA E SAN PIETRO APOSTOLO SAN PIETRO DI CARIDA PROGRAMMA PASQUA 2014 SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE

Dettagli

FOGLIETTO SETTIMANALE

FOGLIETTO SETTIMANALE PARROCCHIE DI S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it FOGLIETTO SETTIMANALE

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

31 dicembre PREGHIERA NELL ULTIMO GIORNO DELL ANNO CIVILE

31 dicembre PREGHIERA NELL ULTIMO GIORNO DELL ANNO CIVILE 31 dicembre PREGHIERA NELL ULTIMO GIORNO DELL ANNO CIVILE Il Direttorio su Pietà popolare e liturgia Benedici, Signore, il tuo popolo che attende i doni della tua misericordia; porta a compimento i desideri

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

«Il Padre vi darà un altro Paraclito»

«Il Padre vi darà un altro Paraclito» LECTIO DIVINA PER LA VI DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Il Padre vi darà un altro Paraclito» Gv 14,15-21 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,15-21) In quel tempo, Gesù disse

Dettagli

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire.

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire. Diicembre 2013 Ill Verbo sii è fatto Carne Pio X era rimasto particolarmente colpito da una lettera scritta da Teresa di Lisieux alla cugina Maria Guérin il 30 maggio 1889. In essa voleva aiutare la cugina

Dettagli

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico

SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico gruppo di lavoro 7 11 anni materiale per la sperimentazione diocesana SCHEDA 8.1 CHI È GESÙ? Un itinerario per la prima tappa del discepolato secondo l anno liturgico Versione aprile 2010 a cura di don

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

Domenica 2 novembre. COMMEMORAZIONE DI TUTTI I FEDELI DEFUNTI S. Messe ore 8.30, 10.00; 18.30

Domenica 2 novembre. COMMEMORAZIONE DI TUTTI I FEDELI DEFUNTI S. Messe ore 8.30, 10.00; 18.30 Il Richiamo Parrocchia Ognissanti Milano Sabato 1 novembre - FESTA DI OGNISSANTI Vangelo del giorno: Matteo 5,1-12 In quel tempo. Vedendo le folle, il Signore Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009

Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009 Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009 GENNAIO - FEBBRAIO 2009 4 Gennaio: Veglia interparrocchiale in occasione di Dipingi

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli