OTTORINO BELOTTI. Ultimo giorno. ovvero Cupio dissolvi cosmico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OTTORINO BELOTTI. Ultimo giorno. ovvero Cupio dissolvi cosmico"

Transcript

1 OTTORINO BELOTTI Ultimo giorno ovvero Cupio dissolvi cosmico

2 OTTORINO BELOTTI Ultimo giorno ovvero Cupio dissolvi cosmico

3 In ricordo sofferente della figlia Nadia (23/05/ /03/2000) 2014, Sestante Edizioni - Bergamo ULTIMO GIORNO ovvero Cupio dissolvi cosmico di Ottorino Belotti con disegni di Rosita Berlanda p cm 17x24 ISBN: Printed in Italy by SESTANTEinc - Bergamo È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata, compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico. Eventuali violazioni saranno perseguite a norma di legge.

4 INDICE PRIMA PREFAZIONE pag. 5 SECONDA PREFAZIONE» 7 TERZA PREFAZIONE» 9 Essere» 10 Non Essere» 11 CAPITOLO I Il romanzo nel cassetto» 13 CAPITOLO II Io non so chi è il mio Dio» 15 CAPITOLO III L attesa di mia figlia» 23 CAPITOLO IV L antifascismo di mio padre» 25 Commemorazione della sorella» 31 CAPITOLO V La filosofia al servizio di Hitler» 33 CAPITOLO VI Io scoperto comunista prima di diventare comunista» 35 3

5 CAPITOLO VII Il mio lavoro... amministrativo» 39 CAPITOLO VIII Il mio personale... politico» 45 CAPITOLO IX La mia militanza di movimento e di partito» 49 CAPITOLO X Il Comunismo oggi: solo ideologia o perenne utopia?» 53 CAPITOLO XI Soluzioni di libertà, non di sistema, né di populismo» 65 CAPITOLO XII Cupio dissolvi ovvero Voglia di volare via» 75 CAPITOLO XIII Prima della morte - Poesie e racconti» 77 CAPITOLO XIV In morte della figlia - Poesie» 147 CAPITOLO XV Dopo la morte - Poesie e racconti» 157 CAPITOLO XVI Estrema unzione» 201 CONCLUSIONI» 203 ULTIM ORA A RIPROVA» 205 4

6 PRIMA PREFAZIONE In sessant anni di militanza politica degli ottanta di vita non ho mai potuto dire e tanto meno spiegare a nessuno la mia scelta nella nuova sinistra, preoccupato in particolare all interno delle organizzazioni partecipate più che a dire le mie ragioni e le mie proposte, ad ascoltare e capire le argomentazioni degli altri anche se lunghe e ripetute specie nelle analisi; disposto così ad ascoltare per non caricare i dibattiti e i confronti e lasciar giungere al più presto a obiettivi concreti da praticare. Ora tirando le somme (supposto che la situazione consenta di tirare somme...), non spenta la passione di partecipare alla vita del mondo, se pur svanita la convinzione di poterlo correggere e nemmeno di aggiustarlo, sento il bisogno di spiegare la mia scelta politica, che ritengo valida per se stessa, ma più ancora per il pre-politico e per il post-politico che l accompagnano come presupposti culturali (tra filosofia-teologia-morale-scienza-tecnica-storia-società-cono - scenza-informazione-narrativa-estetica, ecc. ecc.), capace di dare ogni senso della realtà nascosto nella materialità degli avvenimenti percorsi; pre e post-politico (come il proverbiale prima-durante-dopo ) che appunto vanno oltre la politica, ma che la devono rendere credibile. Negli ultimi vent anni a cavallo tra la fine del secondo millennio e l inizio del terzo, la politica ha subìto un capovolgimento al peggio, fino a convincermi ai miei ottant anni a dire che la (mia) speranza è finita prima della (mia) fine, senza che ci sia pessimismo della ragione e ottimismo della volontà che possano porre rimedio, anche se non rinnegherò mai la mia scelta politica, che porterò con me nell aldilà, non tomba di morte, ma orizzonte cosmico di libertà oltre terre e cieli nuovi, poiché alla base della mia concezione della vita e del mondo c è sempre stata conoscenza e consapevolezza in quanto qualità dell anima, che corpo certo non è, ma qualcosa del corpo Aristotele e cioè spirito di scambio simbolico con la materia e quindi con la politica, anche se anima e spirito sono termini che non bastano a rendere l idea e anzi possono essere equivoci rispetto a intenti di giustizia e di pace contro la veemenza del male. Potevo limitarmi a recuperare alcuni miei saggi di poetica e di narrativa, ma non mi bastava perché riscontro che il mondo è pie- 5

7 no di poetica e di narrativa (anche se nessuno raggiungerà mai il colmo della passione e dei sentimenti, oltre che del pensiero dell uomo...), ma più ancora perché per farmi capire ho sentito la necessità di dire esplicitamente i contenuti dei miei versi e dei miei racconti; contenuti espliciti che la poesia e la narrativa non possono spiegare pena di perdersi e di annullarsi appunto come letteratura, che per essere tale deve stare nella realtà (politica compresa) e passare di striscio ai simboli, cioè a qualcosa di più grande della singolarità di ogni cosa reale e quindi anche della politica. Così nella prima parte di questa specie di libro scrivo una premessa di 12 capitoletti, traccianti la mia concezione culturale e il mio pensiero politico con il relativo vissuto di testimonianza, passando poi alla seconda parte del libro tracciante le emozioni vissute e la mia com-passione del mondo, cioé la mia poetica, con alcune poesie e alcuni racconti recuperati dal cassetto e esposti in tre fasi: Prima della morte In morte della figlia Dopo la morte, nel tentativo di squarciare il mio essere sempre alla ricerca dei responsabili del male a cominciare... da Dio, per finire con la responsabilità degli uomini fatti a somiglianza... di Dio, anche se il male è a campione dentro di me per esplicita consapevolezza dell anima; dentro di me fatto quello che sono, ma prima risultante quello che sono stato fatto, effetto di natura voluto dallo spirito che ha avviato l assurdo e che è ancora Dio, di cui spiego anche solo a me stesso la colpa di aver creato anche il male a corredo della creazione per dimostrare di saperlo vincere, ponendosi origine ancestrale del male, sapienza infuocata e terribile potenza contro i preordinati potenti della storia patiti di morte, come contro i superbi della vita illusi di capacità supreme intrise di vanagloria di sopraffazione. L autore 6

8 SECONDA PREFAZIONE Al compimento dell ottantesimo anno di età (di striscio onomatopeico con il mio nome) saluto l ULTIMO GIORNO ; mio ultimo giorno, già da molto in attesa di un tempo senza giorni; e ultimo giorno del mondo, con il futuro già finito senza soluzione. Per quanto mi riguarda, Ultimo giorno atteso perché (per essere sùbito esplicito) io sono mancato suicida o suicida pentito in ragione del fallimento della vita e della storia dovuto al fallimento della politica, con il tutto avviluppato nei gangli dell impero del male, già prima e oltre la morte di mia figlia Nadia uccisa in un incidente di autostrada a 21 anni il 23 marzo Suicida mancato, a parte il senso di responsabilità nei confronti dalla mia compagna di vita mamma di Nadia capace di accettarmi così, per non avere il coraggio (... per esempio) di Cesare Pavese e quindi costretto a vivere fin dentro il drammatico vertiginoso inizio del terzo millennio del mondo. Vivo in spirito da prima della nascita un cupio dissolvi che non è ispirazione mistica o esotica, ma è cosmica celebrazione della vita dopo aver celebrato mai niente, sempre battuto da subìti sistemi universali di violenza, di sacrificio e di morte orchestrati da culture e da politiche di indotte inclinazioni a infamie e delitti che continuano a venire senza respiro come eterno ritorno della miseria umana. Certo il male viene prima e dopo la politica come veemente insidia delle forze della natura e come caratteristica degli atti umani marcati di violenza selvaggia e mitica costituente dell origine e dell essenza del male. Ma da lì in poi il male si compie più oltre nei contesti di socialità e di storia, che sono condotti dalla politica protagonista prevalentemente di ossessive scelte del peggio e di parallele omissioni del meglio. Da qui per evitare interlocuzioni con fraintendimenti di fuga o di scusa, preciso cosa intendo per MALE: non offesa a Dio, nominandolo invano e neppure bestemmiandolo, pur restando riprovevole la bestemmia (se non altro per rispetto di chi crede); né è godimento o ripugnanza della nudità dei corpi; ecc. ecc, ad esempio rubare per fame a chi è in abbondanza, senza violenza per nessuno; non tanto i fortunosi eventi di natura con malattie, calamità, rovine e morti conseguenti; 7

9 ma in specie la violenza dei viventi contro i viventi, uomini contro uomini e contro animali, poi animali contro animali, come uomini e animali contro elementi e valori di natura, oltre che offese contro lo spirito dell uomo come contro la fragilità dell uomo laddove c è fragilità; il tutto in violenze individuali e interpersonali e violenze di singoli, di società, di popoli, di Stati, di storia e di sistema, quale totale e assoluta violenza caratteristica costitutiva dell uomo, che crea ultimi e esclusi abbandonandoli a sorti di infamia. Sublimando da qui il concetto del male, quale fatica, dolore e morte combinato ad umiliazione e avvilimento dell uomo nei processi dell esistenza, l essenza e la vastità del male risulta ancora più profonda e intrinseca alla natura umana, più che ancestrale, cioè incapacità dell uomo di capirsi con se stesso e di compiersi con i propri simili, oltretutto a scapito della natura e del mondo, il tutto a causa di concezioni e di scelte di sviluppo posto come pretesto di civiltà e di progresso, ma in realtà come cieca fine a se stesso e alla propria ragione. Cupio dissolvi per andare aldilà, non importa se troverò solo tracce di materia o scintille di immateriale o all estremo se troverò il caos del nulla originale dal quale tutto sarebbe venuto o il caos di un tempo eterno in continua ripetizione con se stesso; aldilà comunque dei fallimenti dei quali sono sempre stato opposizione, sempre volutamente perdente nelle stime della piatta realtà, anche se sostanzialmente vincente (non suoni presunzione il termine) rispetto ai fallimenti di sistema. Cupio dissolvi perché non mi regge più l ironia che mi ha sempre accompagnato, mascherando la mia tristezza e il mio pessimismo di natura, mentre inoltre cede la mia passione per il mondo dopo l avventura dell esistenza, anche se reggerò fino all ultimo respiro. Cupio dissolvi e riposare in pace con il rosso della mia utopia assieme alle schiere degli uccisi della storia... con mia figlia tra loro. E così sia! L autore 8

10 TERZA PREFAZIONE Volevo intitolare questa specie di libro Le mie prigioni, ma il plagio sarebbe stato troppo plateale, anche perché lo Spielberg non c è più, mentre il peggio continua. Bei tempi quelli... (si fa per dire!) con la speranza di fare l Italia, poi gli Italiani con i Francesi, gli Spagnoli, gli Inglesi, i Tedeschi, a parte gli Americani, ecc. ecc. e per ultimo gli Orobici legati dalla sorgente del Po alle sue foci, fino a orizzonti di gloria. Bei tempi questi... (ancora si fa per dire!). L autore 9

11 ESSERE, cioè LA VERITÀ EGO IO con il SUPER IO autocoscienza della mia colpa per intenti di redenzione con questa faccia alla fine degli anni 50 dopo dieci anni di studentato missionario, ridotto testimone del duello ancestrale tra la presunta innocenza del pensiero (cioè dello spirito) dell uomo con la crudezza della realtà lacerata tra violenza e sacrificio della nuda carne dell uomo. 10

12 NON ESSERE - IL NULLA, cioè LA VERITÀ di rovescio ALTER EGO NON IO dalla tronfia nudità dell uomo aggrappato al VUOTO e al NIENTE del trono di potenza di Dio... poi convertito a capellone i primi anni 60 per essere degno del 68, giusto in tempo per incominciare a prepararlo con il progetto di cambiare il mondo, incominciando dalla consapevolezza dello spirito, prima che dai riscontri della materia proclamata realtà. 11

13

14 CAPITOLO I Il romanzo nel cassetto Ho nel cassetto il romanzo La città distrutta come di tanti aspiranti scrittori; romanzo storico-autobiografico con protagonista un anarchico per le strade e le piazze del 68, convertito (fuori romanzo) negli anni del terrorismo in Italia al leninismo-troskista-lussemburghiano, non stalinista, pur consapevole che per liberare la Russia di allora, come già dal truce possente impero zarista, dall imperialista dittatura nazista invadente il mondo, è stata necessaria una volontà ossessiva di difesa stanti le condizioni reali di posizione. La città distrutta vissuta e scritta come autoanalisi alla ricerca del senso di sé e della trama dell esistenza sorpresa nella tragica furia degli eventi, per la mimesi della storia degli anni 70 faceva paradossalmente propria la critica di fondo con la quale si avversa ancora oggi quell epoca bollando il 68 come causa del peggio perché avrebbe voluto troppo. Certo! Il 68 ha voluto troppo, troppo poco, senza impegnarsi a cambiare sostanzialmente niente del sistema di potere aggredito e restando solo lotta culturale di ribellione, essenzialmente poetica e di mito. Con il romanzo sostenevo che c era un errore in quella rivoluzione: si volevano cancellare prepotenze, ingiustizie e infamie del potere chiedendo tutto e sùbito fino all impossibile, mentre bisognava andare oltre la stessa città conquistata dalle ardite e gloriose lotte partigiane, poi sùbito ricaduta su sé stessa tra intrighi di privilegi e interessi di parte, perpetrati dietro vaste distribuzioni di miserie. Si voleva riprendersi la città con tutti i diritti impiantati strappando il potere al potere, mentre bisognava strappare la libertà al potere, liberando la città umiliata a serva emulatrice di città capitali in agguato di dominio fra loro contro le periferie della terra. La città doveva essere distrutta per uscire liberi tutti a incontrare ogni popolo senza nessun popolo eletto, senza nessun popolo guida, per fare della terra un solo popolo. Dovevamo uscire dalla città senza poteri, senza niente, solo con la mente aperta e il cuore pronto alla passione del mondo, oltre le barriere e i confini tracciati in vincoli e codici di sistema. Distruttivismo combinato con l utopia? Erano necessarie visioni culturali e progetti politici di rivolta, di ribellione, di opposizione in opposizio- 13

15 ne, da comporre in un grande disegno di libertà, senza più bisogno di categorie e di sottocategorie di vittime. Questo non è stato e La città distrutta è rimasta nel cassetto (... dietro fragili insistenze e con il risparmio di inutili spese personali) messa a tacere da successivi intenti di rimediare con scritti di altre più accettabili utopie, magari passando a saggi di filosofia, di psicologia, di economia, di politica o... di scienza (no, non di scienza poiché stante la mia formazione classica e umanistica, ne sarei uscito pregiudizialmente antiscientista, ma sulla scienza) con la tecnologia spinta a oltranza a condurre ciecamente la realtà, incapace di capire dove andare a sbattere nella definizione dell uomo e del suo destino. 14

16 CAPITOLO II Io non so chi è il mio Dio come Nessun uomo ha mai visto Dio (Giovanni, 1-18) Prologo: la domanda perché il principio dell essere ha proceduto a originare la materia e il correlato immateriale (spirito-coscienza-anima-energia) pur consapevole del male che ne sarebbe venuto (biblicamente: perché Dio ha proceduto alla creazione pur sapendo il male che ne è venuto) ha una risposta: è stato un suo bisogno di potenza e cioè oggettivamente è stato un atto di volontà di potenza ante litteram, fatto subire alla creazione. Su Dio il discorso è più pepato. Superato come soggetto di fede, di religione, di dottrina e rivisto come essere primo della filosofia, entità primordiale precedente e contenente ogni tempo e ogni spazio, Dio non è amore, né bontà, né dono di niente a nessuno, ma è principio assoluto misto di materia e di immateriale insieme contenente ogni cosa visibile e da ogni cosa distinta, origine trascendente di tutto il reale, già prima poter essere senza limiti e cioè illimitata pre-potenza, contestualmente essere assoluto e cioè potenza in atto (atto di potenza) di per sé e tutta per se stessa; essere incondizionato a sua volta condizione di ogni possibilità come ragione suprema; essere universale che è in quanto si pone in piena autonomia e consapevolezza; ossessivo essere metafisico, unico e completo di ogni realtà, coerente e serratamente logico con se stesso; essere compiuto in volontà di potenza in quanto ineludibilmente operante per la propria piena realizzazione, libero nei suoi atti con ogni conseguenza voluta (... pena non essere Dio), sostanzialmente violenza rispetto ad ogni altro da sé, cioè ad ogni prodotto originato, con tutta la responsabilità che ne è venuta e che continua a venire nei processi del male come del bene conseguiti. * Avvertenza. Chi non vuole sapere proprio niente di Dio neanche sul piano razionale, cioè non di religione, in relazione al reale che esiste oltre la realtà, passi sùbito al capitolo successivo o se preferisce chiuda questo libro e lo passi a chi vuole. Si tratta del rilevamento di pensiero e di conoscenza e quindi di un sapere classico che nessuna rivoluzione è stata né è in grado di superare, in quanto sapere appunto del reale che è a monte della realtà, non iperuranico, né di idealismo, ma astratto-sortitorilevato dalla realtà materiale fisica e immanente risultante. 15

17 Per evitare equivoci stacco sùbito la sublime figura del Cristo, il Nazareno, che, a parte appunto il problema della redenzione, nella sua opera ha fatto e detto di tutto, anima e corpo, contro la vastità del male e in particolare contro il male di potenza, cioè contro il male della politica, diventando consapevolmente vittima e olocausto del potere dei suoi sacerdoti e degli anziani del suo popolo, prima che dell impero romano imperialista venuto a calpestare la sua terra. Proprio come tanti altri prima e dopo di lui, consapevolmente vittime di sé per la libertà degli altri, ad esempio per i nostri tempi Che Guevara, al di là di ogni valutazione e di ogni opinione di valore. Tutto questo per mostrare esplicitamente che il male è il potere e ribaltando i termini che il potere è il male, germe costitutivo e intrinseco dell uomo esploso nella storia, capace di diventare distruzione dell uomo stesso e rovina del mondo, camuffato all occorrenza nelle vesti paludate di sempre, di epoca in epoca simboli e maschere di ogni potenza. Sulla relazione tra potere e redenzione, occorrerebbe abbozzare un ipotesi estrema: il Nazareno vittima del potere religioso-politico del suo tempo, è stato a monte vittima del padre, secondo un passo testamentale. Che padre? Il padre che il Nazareno stesso ha chiamato nel momento estremo del suplizio della croce, gridando: Padre, perché mi hai abbandonato? Con ciò dimostrando di subire tragicamente anche lui come ogni vivente, figura campione del processo creativo fatto processo storico, il progetto (di potenza) del padre. Torniamo a Dio in quanto tale. Innanzitutto chi ha detto che Dio esiste? Se la mettiamo su questo tono, c è proprio bisogno di andare a vedere chi ha detto che Dio non esiste. Procediamo per fatti di vita. Già a 13 anni studente di Istituto missionario dei Monfortani in Italia, terminati il ginnasio e il liceo classico appassionato degli studi della matematica e della filosofia, giunto alla soglia della teologia intuita radicalmente come sapere chiuso, definito e dottrinale, gonfio di Dio sono fuggito. Da qui ho incontrato la storia reale, con le condizioni aberranti della realtà riscontrate sùbito come condizioni della vita, anzi del senso della vita e ancor peggio del senso della verità, prima astrattamente percepita. Così incamminandomi tra i delitti e le rovine del mondo, presto mi sono imbattuto nell eccelso paradossale assioma: lo sono ateo grazie a Dio (conosciuto oggi anche dai bambini), a parte... la sua morte intercorsa! Paradossale assioma che ho trovato recentemente reinterpretato stupendamente in un pensiero latino-americano capace di fare a brandelli ogni dottrina, recuperando verità e passione in termini di umanità sempre sublime nella sofferenza: Dio non esiste e Maria è sua madre! Cosa si vuole di più dalla dialettica del cristianesimo? Qui impallidisce il colpo di genio del cristianesismo stesso rilevato dalla critica di Nietzsche: Dio avrebbe fatto dono di sé agli uomini fino al sacrificio più atroce del tempo, per essere compensato del peccato degli uomini incapaci di compensarlo da se stessi, rilevandosi egli così amo- 16

18 re e bontà per gli uomini. Intanto io ho rovesciato astutamente l assioma a mio vantaggio: Io non sono ateo per disgrazia di Dio! E qual è questa roboante disgrazia? Dopo l atomo filosofico e non ancora scientifico di Democrito e dopo le rovinose ragioni del cuore trovate nell iperuranio di Platone, io sono stato e continuo a essere aristotelista. Che vuol dire? Vuol dire il tutto riconosciuto proveniente da un principio primo assoluto indimostrabile di per sé, preesistente ad ogni realtà, primordiale essere dell essere, non biblicamente Colui che è, ma filosoficamente causa delle cause, motore immobile, pensiero del pensiero, atto eterno in se stesso, che Aristotele non ha chiamato Dio conosciuto o sconosciuto che sia, per non finire anche lui a dover bere la cicuta come Socrate sempre a causa dell imbecillità dei potenti. E dunque questo principio primo della realtà essere dell essere, potenza di ogni potenza, cioè onnipotenza, è Dio, oltremodo parallelamente conoscenza piena e sapienza infinita, come tale facoltà di dominio su tutto in un tempo unito tutto presente e in un unico spazio; Dio sùbito logos, verbo e parola copiata dal processo mentale dell intelletto umano. A questo punto la questione cade sulla realtà originata, essere ontologico contemporaneamente materia, che nell astrazione operata dalla mente, diventa immateriale, gnoseologicamente idea-concetto, concretamente materia e immateriale insieme (cose visibili e invisibili), così realtà originata, che da se stessa è prova del principio postulato, creatore per chi lo vuoi intendere tale o più semplicemente e razionalmente origine. Fesserie? Pattume metafisico, nostalgia ideologica del trascendente, dell astratto, dell universale, dell assoluto?... Bene!... E se aggiungessimo che questo essere ontologico diventato essenza nella filosofia tomista e nella Scolastica, passato poi ancora da lontano nell incauta soggettiva personificazione del cogito, ergo sum e consimili, fino a diventare esserci per ultimo nello sviluppo del pensiero filosofico occidentale; esserci, cioè essere nella vita e nella storia, volto in definitiva nel plurisillabico: essere-per-la-morte della fenomenologia, precipitato nel vuoto e nel nulla del culminante esistenzialismo contemporaneo, come la mettiamo? Navigare nell esserci senza l essere è naufragare in un mare perduto soffocati nell immanenza, prima ancora di arrivare al nulla, se il nulla è l orizzonte. Diversamente non resta che la strada della religione rovesciata dell ateismo (che è una fede in quanto afferma la propria posizione senza prove possibili) o della scienza o meglio dello scientismo che più o meno convinto ribattendo che la materia non è originata perché non c è principio che tenga, afferma qualcosa che non può dimostrare, contro il proprio stesso principio di dimostrazione. Se poi la materia non è originata ed è origine e principio da se stessa (paradossalmente ripetizione per opposto del principio aristotelico), siamo al colmo della verità: la materia è Dio Dio è materia! Meno drasticamente non si può civettare sull antimateria, sulla materia oscura, sui buchi neri del cosmo e... sui bosoni lasciati chiamare strumen- 17

19 talmente particelle di Dio; né peggio si può barcollare sull inconfutabile immateriale palesemente costitutivo anche dell uomo (il pensiero l idea astrazione della realtà la logica la ragione e insieme la passione l etica l estetica, ecc.), fino a confondere il cervello con la mente e viceversa. E tantomeno si può dimostrare che l immateriale è semplicemente naturale evoluzione della materia nel suo sviluppo senza fine, che è un po come la promessa del paradiso in terra. A proposito di evoluzionismo cadiamo a fagiolo e c è qualcosa da chiarire. L evoluzionismo ha detto e dice come e perché la specie umana è passata da una forma a un altra. Niente di più ed è puerile il confronto-scontro con il creazionismo, che è concezione dell origine del tutto, compreso l uomo nella sua forma organica e nelle sue fattezze, dalle mutazioni genetiche alle somiglianze e dissomiglianze anatomiche, che non dicono niente in assoluto sull origine della vita e del vivente. Se poi la scienza ( scientista) insiste da un bel po a voler tracciare un senso iniziale e finale della realtà, trascina nella dispersione la stessa filosofia già in crisi da se stessa. Torniamo un altra volta a Dio soggetto, principio della materia e dell immateriale descritto, che sono l oggetto; Dio che (salvo fede, religione o dottrina) nessuno sa chi è, ipoteticamente non persona, ma energia cosmica, soffio universale, spirito della vita, respiro della materia, coscienza di infinito e di immenso senza soluzione o all estremo è lo stesso nulla biblico dal quale sarebbe stato tratto tutto, oppure il nulla del caos greco, consumata origine antecedente il mito, o meglio ancora (cioè peggio ancora) il vuoto e il nulla, estremo del pensiero filosofico contemporaneo, dichiarato senso di fallimento dell avventura di tutta la realtà culminante nel fallimento della stessa avventura umana. Da qui abbozziamo la seguente formulazione: Dio è il nulla e invertendo i termini il nulla è Dio, con buona pace delle contemplazioni animiste delle culture orientali, dove Dio è il contrario del nulla, cioè è tutto, poeticamente e misticamente natura, incapace come sembra anche lui di spiegare e di salvare il mondo, dopo avergli trovato un senso, diciamo, di accomodamento. Così Dio esiste, chiamato tale per convenzione persino da chi lo nega; per la filosofia non biblico, non cristiano, non islamico, ma Dio della ragione (che è altra della ragione illuminista) e della logica, processo mentale di conoscenza dell uomo. Esiste senza bisogno di prove, perché la prova è l evidente esistenza stessa della materia, che bellezza o orrore che sia, non può trovare da sé spiegazione di se stessa. Precisato quoad esse (essere dell essere), Dio è soggetto nascosto (absconditus) e senza volto con le qualità e le caratteristiche e i titoli, che non possono essere altri e diversi dai titoli ontologici attribuiti già nel contesto di questo capitolo. Se non sappiamo chi è, dopo essere giunti a dire che è e quindi che c è, definire Dio amore, bontà, misericordia, ecc. è palese giudizio gratuito di comodo e di autoinganno dovuto alla tensione umana sempre spinta al meglio che non 18

20 c è, per fuggire dal male; tensione umana sempre supinamente posta e continuamente equivocata tra bene e male reciproco fra gli uomini, che hanno bisogno di nascondersi e di cullarsi in un modello perfetto disponibile e rassicurante, sempre pronto a proprio singolo uso e consumo, come per gli uccellacci e gli uccellini del trascendentale film di Pasolini; tensione umana alla spasmodica ricerca di un rifugio all insaziabile sete di infinito e per rovescio alla paura del vuoto (horror vacui) e della morte; tensione umana consapevole che l amore è il meglio del bene e che inventando l amore di Dio per ogni adeguamento possibile, è giunta al colmo e all acutizzazione dell antropomorfismo di fondo che ha fatto Dio persona a misura dell uomo, come è stato per gli dei falsi e bugiardi. Il tutto, a parte l amore concreto del Cristo il Nazareno trucidato dalla storia, come tanti altri profeti di pace, vittime di onnipotenza superiore combinata con domini di potenza umana. Come pure definire Dio amore per le bellezze e per la grandezza dell universo è allucinazione che nasconde l incapacità dell uomo di capirsi e di compiersi in se stesso e poi con la natura; incapacità che diventa sùbito violenza reciproca, per rifarsi contemplando la bellezza di un fiore o di una spiga di grano o l immenso di un orizzonte di mare, oppure finendo ad accarezzare un musetto incantato di gattina, con tutto il rispetto per le gattine del mondo, specie se umane. Definire Dio amore è un trucco per renderci capaci di accettare la vita qual è, lotta di sopravvivenza, reciproca violenza continua e rincorsa ossessiva a salvarsi o peggio a emergere gli uni sugli altri, con pochi attimi di silenzio autentico, di quiete e di armonia, giusto per tollerare la vita e continuare a vivere senza esplodere o implodere prima ancora di nascere. A confronto poniamo una questione interlocutoria: l aristotelico ens est unum, verum, bonum (l essere è unità, verità, bontà) divenuto melius esse quam non esse (meglio esistere che non esistere) non richiama l amore di Dio? Per niente, perché l assunto filosofico è valido solo sul piano metafisico, non rispetto alla fisicità e alla concretezza della realtà contrastante con se stessa, paradossalmente raggiunta da il reale è razionale dell idealismo esasperato di Hegel, che ha portato alla catastrofe la mente umana, prima che alla catastrofe della storia. Torniamo per estremo alle qualità ontologiche di Dio essere necessario per se stesso e principio di tutta la realtà di natura, materia e vita, combinazione di bene e di male non metafisicamente, ma in concreto, vitalisticamente, nella carne e nello spirito di ogni vivente venuto dal principio preesistente; principio che ha operato liberamente e volontariamente (pena non essere Dio o paradossalmente postulare un essere superiore a Dio...) e che da potenza si è manifestato volontà di potenza, campione della volontà di potenza del superuomo, piena realizzazione dell assoluto come violenza sulla fragilità dell uomo presupposto degli esiti cruenti della storia; volontà di potenza, che sapeva e non poteva non sapere cosa sarebbe avvenuto dal- 19

21 la sua opera (altrimenti parliamo di un assoluto che avrebbe acquisito conoscenza nello sviluppo del tempo); che sapeva il male come il bene prima di ogni compimento. E se sapeva, come possiamo dire che non ne è stato e non ne è responsabile? Cioè, perché Dio ha proceduto a creare o (per chi non piace il termine biblico) perché ha proceduto a produrre la realtà, sapendo la vastità e l orrore del male che era preparato? Responsabile a monte e prima delle atrocità dei delitti del libero arbitrio e delle singole libertà dell uomo. L obiezione che una simile visione equivale ad aver voluto e a volere la dittatura del bene, non regge e ha risposta: anche la dittatura del bene si poteva evitare scegliendo di fare proprio niente, cioè scegliendo di non fare necessariamente qualcosa. Nichilismo?... Essere nichilista non è violenza verso nessuno e verso niente e anzi il nichilismo sfiora la passione del mondo; sfiora (non suoni bestemmia) ho pietà di questa folla del Nazareno, che è giunto a piangere su Gerusalemme, la sua città, che ha trucidato profeti e lui stesso, senza capire il tempo e i messaggi della propria liberazione. Se poi il nichilismo è male contro Dio, il problema è di Dio geloso di sé fino ad aver paura della propria onnipotenza. Passato a concepire Dio non amore ma potenza, la punizione che dovrò subire sarà un altra prova della sua prepotenza. Subirò la condanna della mia seconda morte eterna come ho subìto l esistenza da un suo ardore di dominio e sarà sempre il mio Dio reinterpretato di ragione responsabile del male; Dio che non condannerò perché Dio non si condanna né si bestemmia, ma si tollera e si subisce. Così da me non mi sento apostata perché all estremo non mi interessa più un Dio persona (unico o triplo che sia), ma l epiteto apostata non mi convince e per di più non mi piace in quanto fa rima sdrucciola con prostata, basso e viscido organo del corpo umano. Certo poi non passerò la mia condanna su mio padre e mia madre, loro sì libera intesa di natura e vero atto di amore, inconsapevole imitazione della potenza di Dio, ma in sé non volontà di potenza, anzi volontà di liberazione e di riscatto proprio attraverso la mia nascita, che li spingeva nel futuro con la speranza della fine del male, della fine della fatica di vivere, della fine della povertà causata dalla ricchezza altrui, della fine della paura della guerra e delle guerre sempre incombenti, delle quali si parlava. Era il marzo del 34, giusto appunto 80 anni fa, XII dell era fascista (spero di non sbagliare l aggettivo cardinale di numerazione), baluardo di Roma e retaggio del Sacro romano impero d occidente finito avventura a oriente. All inizio del nono mese dal mio concepimento, in spirito chiesi a mia madre di aspettare a farmi nascere e di attendere il futuro, ma rispose che non era possibile, ripetendo convinta che era venuto il mese giusto e che bisognava nascere. Piansi di pianto vero 13 mesi, giorno e notte continuativamente (ripeto perché incredibile: 13 mesi, giorno e notte) senza che i medici consultati potessero riscontrare patologie o anomalie organiche di sorta. A piangere era lo spirito del mondo incarnato in me avvilito dal male già consumato e an- 20

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch Una delle persone più straordinarie che ho conosciuto in questi ultimi anni è sicuramente Claudia Koll. Attrice di successo, affianca attualmente

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi:

Per il nostro incontro mensile ho riflettuto su alcune intuizioni che, nella preghiera, hanno preso corpo pensando a voi: 1 Lettera di don Fausto alle GIOVANI COPPIE Carissimi amici, mi capita spesso di pensare a voi, di affidare al Signore qualche vostra confidenza, di condividere con voi la gioia e la fatica e questo mi

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia

-------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e

Aiutato da due suoi amici della stessa età, Junior e Christian, Benjamin si procurò degli occhiali a raggi x in grado di vedere dentro le case e Natale a Sonabilandia Era la mattina di Natale e a Sonabilandia, un paesino dove tutti sono sempre felici, non c'era buon umore e in giro non si vedeva neanche un sorriso; questo perché in tutte le case

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009

La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 La perdita di un caro amico Pinuccio 6 gennaio 2009 INTERPRETARE L EVENTO Carissimi A., R. e C., carissimi parenti e amici di Pinuccio qui convenuti, la nostra fede cristiana mi assegna il compito di aiutare

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO!

QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Domenica 31 Marzo 2013 QUESTA NON E' LA FINE MA SOLO L'INIZIO! Gesù è risorto e noi vogliamo risorgere con lui. GEREMIA 29:11 Dio dice io so i pensieri che medito per voi, pensieri di pace e non di male

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Parlare della malattia?

Parlare della malattia? L aspetto spirituale della malattia e della sofferenza nel dignitoso cammino verso il fine vita Sabato 10 maggio 2014 Villa Dei Cedri, Merate Relatore Padre Fiorenzo Reati 1 Parlare della malattia? Ricordo

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli