OTTORINO BELOTTI. Ultimo giorno. ovvero Cupio dissolvi cosmico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OTTORINO BELOTTI. Ultimo giorno. ovvero Cupio dissolvi cosmico"

Transcript

1 OTTORINO BELOTTI Ultimo giorno ovvero Cupio dissolvi cosmico

2 OTTORINO BELOTTI Ultimo giorno ovvero Cupio dissolvi cosmico

3 In ricordo sofferente della figlia Nadia (23/05/ /03/2000) 2014, Sestante Edizioni - Bergamo ULTIMO GIORNO ovvero Cupio dissolvi cosmico di Ottorino Belotti con disegni di Rosita Berlanda p cm 17x24 ISBN: Printed in Italy by SESTANTEinc - Bergamo È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata, compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico. Eventuali violazioni saranno perseguite a norma di legge.

4 INDICE PRIMA PREFAZIONE pag. 5 SECONDA PREFAZIONE» 7 TERZA PREFAZIONE» 9 Essere» 10 Non Essere» 11 CAPITOLO I Il romanzo nel cassetto» 13 CAPITOLO II Io non so chi è il mio Dio» 15 CAPITOLO III L attesa di mia figlia» 23 CAPITOLO IV L antifascismo di mio padre» 25 Commemorazione della sorella» 31 CAPITOLO V La filosofia al servizio di Hitler» 33 CAPITOLO VI Io scoperto comunista prima di diventare comunista» 35 3

5 CAPITOLO VII Il mio lavoro... amministrativo» 39 CAPITOLO VIII Il mio personale... politico» 45 CAPITOLO IX La mia militanza di movimento e di partito» 49 CAPITOLO X Il Comunismo oggi: solo ideologia o perenne utopia?» 53 CAPITOLO XI Soluzioni di libertà, non di sistema, né di populismo» 65 CAPITOLO XII Cupio dissolvi ovvero Voglia di volare via» 75 CAPITOLO XIII Prima della morte - Poesie e racconti» 77 CAPITOLO XIV In morte della figlia - Poesie» 147 CAPITOLO XV Dopo la morte - Poesie e racconti» 157 CAPITOLO XVI Estrema unzione» 201 CONCLUSIONI» 203 ULTIM ORA A RIPROVA» 205 4

6 PRIMA PREFAZIONE In sessant anni di militanza politica degli ottanta di vita non ho mai potuto dire e tanto meno spiegare a nessuno la mia scelta nella nuova sinistra, preoccupato in particolare all interno delle organizzazioni partecipate più che a dire le mie ragioni e le mie proposte, ad ascoltare e capire le argomentazioni degli altri anche se lunghe e ripetute specie nelle analisi; disposto così ad ascoltare per non caricare i dibattiti e i confronti e lasciar giungere al più presto a obiettivi concreti da praticare. Ora tirando le somme (supposto che la situazione consenta di tirare somme...), non spenta la passione di partecipare alla vita del mondo, se pur svanita la convinzione di poterlo correggere e nemmeno di aggiustarlo, sento il bisogno di spiegare la mia scelta politica, che ritengo valida per se stessa, ma più ancora per il pre-politico e per il post-politico che l accompagnano come presupposti culturali (tra filosofia-teologia-morale-scienza-tecnica-storia-società-cono - scenza-informazione-narrativa-estetica, ecc. ecc.), capace di dare ogni senso della realtà nascosto nella materialità degli avvenimenti percorsi; pre e post-politico (come il proverbiale prima-durante-dopo ) che appunto vanno oltre la politica, ma che la devono rendere credibile. Negli ultimi vent anni a cavallo tra la fine del secondo millennio e l inizio del terzo, la politica ha subìto un capovolgimento al peggio, fino a convincermi ai miei ottant anni a dire che la (mia) speranza è finita prima della (mia) fine, senza che ci sia pessimismo della ragione e ottimismo della volontà che possano porre rimedio, anche se non rinnegherò mai la mia scelta politica, che porterò con me nell aldilà, non tomba di morte, ma orizzonte cosmico di libertà oltre terre e cieli nuovi, poiché alla base della mia concezione della vita e del mondo c è sempre stata conoscenza e consapevolezza in quanto qualità dell anima, che corpo certo non è, ma qualcosa del corpo Aristotele e cioè spirito di scambio simbolico con la materia e quindi con la politica, anche se anima e spirito sono termini che non bastano a rendere l idea e anzi possono essere equivoci rispetto a intenti di giustizia e di pace contro la veemenza del male. Potevo limitarmi a recuperare alcuni miei saggi di poetica e di narrativa, ma non mi bastava perché riscontro che il mondo è pie- 5

7 no di poetica e di narrativa (anche se nessuno raggiungerà mai il colmo della passione e dei sentimenti, oltre che del pensiero dell uomo...), ma più ancora perché per farmi capire ho sentito la necessità di dire esplicitamente i contenuti dei miei versi e dei miei racconti; contenuti espliciti che la poesia e la narrativa non possono spiegare pena di perdersi e di annullarsi appunto come letteratura, che per essere tale deve stare nella realtà (politica compresa) e passare di striscio ai simboli, cioè a qualcosa di più grande della singolarità di ogni cosa reale e quindi anche della politica. Così nella prima parte di questa specie di libro scrivo una premessa di 12 capitoletti, traccianti la mia concezione culturale e il mio pensiero politico con il relativo vissuto di testimonianza, passando poi alla seconda parte del libro tracciante le emozioni vissute e la mia com-passione del mondo, cioé la mia poetica, con alcune poesie e alcuni racconti recuperati dal cassetto e esposti in tre fasi: Prima della morte In morte della figlia Dopo la morte, nel tentativo di squarciare il mio essere sempre alla ricerca dei responsabili del male a cominciare... da Dio, per finire con la responsabilità degli uomini fatti a somiglianza... di Dio, anche se il male è a campione dentro di me per esplicita consapevolezza dell anima; dentro di me fatto quello che sono, ma prima risultante quello che sono stato fatto, effetto di natura voluto dallo spirito che ha avviato l assurdo e che è ancora Dio, di cui spiego anche solo a me stesso la colpa di aver creato anche il male a corredo della creazione per dimostrare di saperlo vincere, ponendosi origine ancestrale del male, sapienza infuocata e terribile potenza contro i preordinati potenti della storia patiti di morte, come contro i superbi della vita illusi di capacità supreme intrise di vanagloria di sopraffazione. L autore 6

8 SECONDA PREFAZIONE Al compimento dell ottantesimo anno di età (di striscio onomatopeico con il mio nome) saluto l ULTIMO GIORNO ; mio ultimo giorno, già da molto in attesa di un tempo senza giorni; e ultimo giorno del mondo, con il futuro già finito senza soluzione. Per quanto mi riguarda, Ultimo giorno atteso perché (per essere sùbito esplicito) io sono mancato suicida o suicida pentito in ragione del fallimento della vita e della storia dovuto al fallimento della politica, con il tutto avviluppato nei gangli dell impero del male, già prima e oltre la morte di mia figlia Nadia uccisa in un incidente di autostrada a 21 anni il 23 marzo Suicida mancato, a parte il senso di responsabilità nei confronti dalla mia compagna di vita mamma di Nadia capace di accettarmi così, per non avere il coraggio (... per esempio) di Cesare Pavese e quindi costretto a vivere fin dentro il drammatico vertiginoso inizio del terzo millennio del mondo. Vivo in spirito da prima della nascita un cupio dissolvi che non è ispirazione mistica o esotica, ma è cosmica celebrazione della vita dopo aver celebrato mai niente, sempre battuto da subìti sistemi universali di violenza, di sacrificio e di morte orchestrati da culture e da politiche di indotte inclinazioni a infamie e delitti che continuano a venire senza respiro come eterno ritorno della miseria umana. Certo il male viene prima e dopo la politica come veemente insidia delle forze della natura e come caratteristica degli atti umani marcati di violenza selvaggia e mitica costituente dell origine e dell essenza del male. Ma da lì in poi il male si compie più oltre nei contesti di socialità e di storia, che sono condotti dalla politica protagonista prevalentemente di ossessive scelte del peggio e di parallele omissioni del meglio. Da qui per evitare interlocuzioni con fraintendimenti di fuga o di scusa, preciso cosa intendo per MALE: non offesa a Dio, nominandolo invano e neppure bestemmiandolo, pur restando riprovevole la bestemmia (se non altro per rispetto di chi crede); né è godimento o ripugnanza della nudità dei corpi; ecc. ecc, ad esempio rubare per fame a chi è in abbondanza, senza violenza per nessuno; non tanto i fortunosi eventi di natura con malattie, calamità, rovine e morti conseguenti; 7

9 ma in specie la violenza dei viventi contro i viventi, uomini contro uomini e contro animali, poi animali contro animali, come uomini e animali contro elementi e valori di natura, oltre che offese contro lo spirito dell uomo come contro la fragilità dell uomo laddove c è fragilità; il tutto in violenze individuali e interpersonali e violenze di singoli, di società, di popoli, di Stati, di storia e di sistema, quale totale e assoluta violenza caratteristica costitutiva dell uomo, che crea ultimi e esclusi abbandonandoli a sorti di infamia. Sublimando da qui il concetto del male, quale fatica, dolore e morte combinato ad umiliazione e avvilimento dell uomo nei processi dell esistenza, l essenza e la vastità del male risulta ancora più profonda e intrinseca alla natura umana, più che ancestrale, cioè incapacità dell uomo di capirsi con se stesso e di compiersi con i propri simili, oltretutto a scapito della natura e del mondo, il tutto a causa di concezioni e di scelte di sviluppo posto come pretesto di civiltà e di progresso, ma in realtà come cieca fine a se stesso e alla propria ragione. Cupio dissolvi per andare aldilà, non importa se troverò solo tracce di materia o scintille di immateriale o all estremo se troverò il caos del nulla originale dal quale tutto sarebbe venuto o il caos di un tempo eterno in continua ripetizione con se stesso; aldilà comunque dei fallimenti dei quali sono sempre stato opposizione, sempre volutamente perdente nelle stime della piatta realtà, anche se sostanzialmente vincente (non suoni presunzione il termine) rispetto ai fallimenti di sistema. Cupio dissolvi perché non mi regge più l ironia che mi ha sempre accompagnato, mascherando la mia tristezza e il mio pessimismo di natura, mentre inoltre cede la mia passione per il mondo dopo l avventura dell esistenza, anche se reggerò fino all ultimo respiro. Cupio dissolvi e riposare in pace con il rosso della mia utopia assieme alle schiere degli uccisi della storia... con mia figlia tra loro. E così sia! L autore 8

10 TERZA PREFAZIONE Volevo intitolare questa specie di libro Le mie prigioni, ma il plagio sarebbe stato troppo plateale, anche perché lo Spielberg non c è più, mentre il peggio continua. Bei tempi quelli... (si fa per dire!) con la speranza di fare l Italia, poi gli Italiani con i Francesi, gli Spagnoli, gli Inglesi, i Tedeschi, a parte gli Americani, ecc. ecc. e per ultimo gli Orobici legati dalla sorgente del Po alle sue foci, fino a orizzonti di gloria. Bei tempi questi... (ancora si fa per dire!). L autore 9

11 ESSERE, cioè LA VERITÀ EGO IO con il SUPER IO autocoscienza della mia colpa per intenti di redenzione con questa faccia alla fine degli anni 50 dopo dieci anni di studentato missionario, ridotto testimone del duello ancestrale tra la presunta innocenza del pensiero (cioè dello spirito) dell uomo con la crudezza della realtà lacerata tra violenza e sacrificio della nuda carne dell uomo. 10

12 NON ESSERE - IL NULLA, cioè LA VERITÀ di rovescio ALTER EGO NON IO dalla tronfia nudità dell uomo aggrappato al VUOTO e al NIENTE del trono di potenza di Dio... poi convertito a capellone i primi anni 60 per essere degno del 68, giusto in tempo per incominciare a prepararlo con il progetto di cambiare il mondo, incominciando dalla consapevolezza dello spirito, prima che dai riscontri della materia proclamata realtà. 11

13

14 CAPITOLO I Il romanzo nel cassetto Ho nel cassetto il romanzo La città distrutta come di tanti aspiranti scrittori; romanzo storico-autobiografico con protagonista un anarchico per le strade e le piazze del 68, convertito (fuori romanzo) negli anni del terrorismo in Italia al leninismo-troskista-lussemburghiano, non stalinista, pur consapevole che per liberare la Russia di allora, come già dal truce possente impero zarista, dall imperialista dittatura nazista invadente il mondo, è stata necessaria una volontà ossessiva di difesa stanti le condizioni reali di posizione. La città distrutta vissuta e scritta come autoanalisi alla ricerca del senso di sé e della trama dell esistenza sorpresa nella tragica furia degli eventi, per la mimesi della storia degli anni 70 faceva paradossalmente propria la critica di fondo con la quale si avversa ancora oggi quell epoca bollando il 68 come causa del peggio perché avrebbe voluto troppo. Certo! Il 68 ha voluto troppo, troppo poco, senza impegnarsi a cambiare sostanzialmente niente del sistema di potere aggredito e restando solo lotta culturale di ribellione, essenzialmente poetica e di mito. Con il romanzo sostenevo che c era un errore in quella rivoluzione: si volevano cancellare prepotenze, ingiustizie e infamie del potere chiedendo tutto e sùbito fino all impossibile, mentre bisognava andare oltre la stessa città conquistata dalle ardite e gloriose lotte partigiane, poi sùbito ricaduta su sé stessa tra intrighi di privilegi e interessi di parte, perpetrati dietro vaste distribuzioni di miserie. Si voleva riprendersi la città con tutti i diritti impiantati strappando il potere al potere, mentre bisognava strappare la libertà al potere, liberando la città umiliata a serva emulatrice di città capitali in agguato di dominio fra loro contro le periferie della terra. La città doveva essere distrutta per uscire liberi tutti a incontrare ogni popolo senza nessun popolo eletto, senza nessun popolo guida, per fare della terra un solo popolo. Dovevamo uscire dalla città senza poteri, senza niente, solo con la mente aperta e il cuore pronto alla passione del mondo, oltre le barriere e i confini tracciati in vincoli e codici di sistema. Distruttivismo combinato con l utopia? Erano necessarie visioni culturali e progetti politici di rivolta, di ribellione, di opposizione in opposizio- 13

15 ne, da comporre in un grande disegno di libertà, senza più bisogno di categorie e di sottocategorie di vittime. Questo non è stato e La città distrutta è rimasta nel cassetto (... dietro fragili insistenze e con il risparmio di inutili spese personali) messa a tacere da successivi intenti di rimediare con scritti di altre più accettabili utopie, magari passando a saggi di filosofia, di psicologia, di economia, di politica o... di scienza (no, non di scienza poiché stante la mia formazione classica e umanistica, ne sarei uscito pregiudizialmente antiscientista, ma sulla scienza) con la tecnologia spinta a oltranza a condurre ciecamente la realtà, incapace di capire dove andare a sbattere nella definizione dell uomo e del suo destino. 14

16 CAPITOLO II Io non so chi è il mio Dio come Nessun uomo ha mai visto Dio (Giovanni, 1-18) Prologo: la domanda perché il principio dell essere ha proceduto a originare la materia e il correlato immateriale (spirito-coscienza-anima-energia) pur consapevole del male che ne sarebbe venuto (biblicamente: perché Dio ha proceduto alla creazione pur sapendo il male che ne è venuto) ha una risposta: è stato un suo bisogno di potenza e cioè oggettivamente è stato un atto di volontà di potenza ante litteram, fatto subire alla creazione. Su Dio il discorso è più pepato. Superato come soggetto di fede, di religione, di dottrina e rivisto come essere primo della filosofia, entità primordiale precedente e contenente ogni tempo e ogni spazio, Dio non è amore, né bontà, né dono di niente a nessuno, ma è principio assoluto misto di materia e di immateriale insieme contenente ogni cosa visibile e da ogni cosa distinta, origine trascendente di tutto il reale, già prima poter essere senza limiti e cioè illimitata pre-potenza, contestualmente essere assoluto e cioè potenza in atto (atto di potenza) di per sé e tutta per se stessa; essere incondizionato a sua volta condizione di ogni possibilità come ragione suprema; essere universale che è in quanto si pone in piena autonomia e consapevolezza; ossessivo essere metafisico, unico e completo di ogni realtà, coerente e serratamente logico con se stesso; essere compiuto in volontà di potenza in quanto ineludibilmente operante per la propria piena realizzazione, libero nei suoi atti con ogni conseguenza voluta (... pena non essere Dio), sostanzialmente violenza rispetto ad ogni altro da sé, cioè ad ogni prodotto originato, con tutta la responsabilità che ne è venuta e che continua a venire nei processi del male come del bene conseguiti. * Avvertenza. Chi non vuole sapere proprio niente di Dio neanche sul piano razionale, cioè non di religione, in relazione al reale che esiste oltre la realtà, passi sùbito al capitolo successivo o se preferisce chiuda questo libro e lo passi a chi vuole. Si tratta del rilevamento di pensiero e di conoscenza e quindi di un sapere classico che nessuna rivoluzione è stata né è in grado di superare, in quanto sapere appunto del reale che è a monte della realtà, non iperuranico, né di idealismo, ma astratto-sortitorilevato dalla realtà materiale fisica e immanente risultante. 15

17 Per evitare equivoci stacco sùbito la sublime figura del Cristo, il Nazareno, che, a parte appunto il problema della redenzione, nella sua opera ha fatto e detto di tutto, anima e corpo, contro la vastità del male e in particolare contro il male di potenza, cioè contro il male della politica, diventando consapevolmente vittima e olocausto del potere dei suoi sacerdoti e degli anziani del suo popolo, prima che dell impero romano imperialista venuto a calpestare la sua terra. Proprio come tanti altri prima e dopo di lui, consapevolmente vittime di sé per la libertà degli altri, ad esempio per i nostri tempi Che Guevara, al di là di ogni valutazione e di ogni opinione di valore. Tutto questo per mostrare esplicitamente che il male è il potere e ribaltando i termini che il potere è il male, germe costitutivo e intrinseco dell uomo esploso nella storia, capace di diventare distruzione dell uomo stesso e rovina del mondo, camuffato all occorrenza nelle vesti paludate di sempre, di epoca in epoca simboli e maschere di ogni potenza. Sulla relazione tra potere e redenzione, occorrerebbe abbozzare un ipotesi estrema: il Nazareno vittima del potere religioso-politico del suo tempo, è stato a monte vittima del padre, secondo un passo testamentale. Che padre? Il padre che il Nazareno stesso ha chiamato nel momento estremo del suplizio della croce, gridando: Padre, perché mi hai abbandonato? Con ciò dimostrando di subire tragicamente anche lui come ogni vivente, figura campione del processo creativo fatto processo storico, il progetto (di potenza) del padre. Torniamo a Dio in quanto tale. Innanzitutto chi ha detto che Dio esiste? Se la mettiamo su questo tono, c è proprio bisogno di andare a vedere chi ha detto che Dio non esiste. Procediamo per fatti di vita. Già a 13 anni studente di Istituto missionario dei Monfortani in Italia, terminati il ginnasio e il liceo classico appassionato degli studi della matematica e della filosofia, giunto alla soglia della teologia intuita radicalmente come sapere chiuso, definito e dottrinale, gonfio di Dio sono fuggito. Da qui ho incontrato la storia reale, con le condizioni aberranti della realtà riscontrate sùbito come condizioni della vita, anzi del senso della vita e ancor peggio del senso della verità, prima astrattamente percepita. Così incamminandomi tra i delitti e le rovine del mondo, presto mi sono imbattuto nell eccelso paradossale assioma: lo sono ateo grazie a Dio (conosciuto oggi anche dai bambini), a parte... la sua morte intercorsa! Paradossale assioma che ho trovato recentemente reinterpretato stupendamente in un pensiero latino-americano capace di fare a brandelli ogni dottrina, recuperando verità e passione in termini di umanità sempre sublime nella sofferenza: Dio non esiste e Maria è sua madre! Cosa si vuole di più dalla dialettica del cristianesimo? Qui impallidisce il colpo di genio del cristianesismo stesso rilevato dalla critica di Nietzsche: Dio avrebbe fatto dono di sé agli uomini fino al sacrificio più atroce del tempo, per essere compensato del peccato degli uomini incapaci di compensarlo da se stessi, rilevandosi egli così amo- 16

18 re e bontà per gli uomini. Intanto io ho rovesciato astutamente l assioma a mio vantaggio: Io non sono ateo per disgrazia di Dio! E qual è questa roboante disgrazia? Dopo l atomo filosofico e non ancora scientifico di Democrito e dopo le rovinose ragioni del cuore trovate nell iperuranio di Platone, io sono stato e continuo a essere aristotelista. Che vuol dire? Vuol dire il tutto riconosciuto proveniente da un principio primo assoluto indimostrabile di per sé, preesistente ad ogni realtà, primordiale essere dell essere, non biblicamente Colui che è, ma filosoficamente causa delle cause, motore immobile, pensiero del pensiero, atto eterno in se stesso, che Aristotele non ha chiamato Dio conosciuto o sconosciuto che sia, per non finire anche lui a dover bere la cicuta come Socrate sempre a causa dell imbecillità dei potenti. E dunque questo principio primo della realtà essere dell essere, potenza di ogni potenza, cioè onnipotenza, è Dio, oltremodo parallelamente conoscenza piena e sapienza infinita, come tale facoltà di dominio su tutto in un tempo unito tutto presente e in un unico spazio; Dio sùbito logos, verbo e parola copiata dal processo mentale dell intelletto umano. A questo punto la questione cade sulla realtà originata, essere ontologico contemporaneamente materia, che nell astrazione operata dalla mente, diventa immateriale, gnoseologicamente idea-concetto, concretamente materia e immateriale insieme (cose visibili e invisibili), così realtà originata, che da se stessa è prova del principio postulato, creatore per chi lo vuoi intendere tale o più semplicemente e razionalmente origine. Fesserie? Pattume metafisico, nostalgia ideologica del trascendente, dell astratto, dell universale, dell assoluto?... Bene!... E se aggiungessimo che questo essere ontologico diventato essenza nella filosofia tomista e nella Scolastica, passato poi ancora da lontano nell incauta soggettiva personificazione del cogito, ergo sum e consimili, fino a diventare esserci per ultimo nello sviluppo del pensiero filosofico occidentale; esserci, cioè essere nella vita e nella storia, volto in definitiva nel plurisillabico: essere-per-la-morte della fenomenologia, precipitato nel vuoto e nel nulla del culminante esistenzialismo contemporaneo, come la mettiamo? Navigare nell esserci senza l essere è naufragare in un mare perduto soffocati nell immanenza, prima ancora di arrivare al nulla, se il nulla è l orizzonte. Diversamente non resta che la strada della religione rovesciata dell ateismo (che è una fede in quanto afferma la propria posizione senza prove possibili) o della scienza o meglio dello scientismo che più o meno convinto ribattendo che la materia non è originata perché non c è principio che tenga, afferma qualcosa che non può dimostrare, contro il proprio stesso principio di dimostrazione. Se poi la materia non è originata ed è origine e principio da se stessa (paradossalmente ripetizione per opposto del principio aristotelico), siamo al colmo della verità: la materia è Dio Dio è materia! Meno drasticamente non si può civettare sull antimateria, sulla materia oscura, sui buchi neri del cosmo e... sui bosoni lasciati chiamare strumen- 17

19 talmente particelle di Dio; né peggio si può barcollare sull inconfutabile immateriale palesemente costitutivo anche dell uomo (il pensiero l idea astrazione della realtà la logica la ragione e insieme la passione l etica l estetica, ecc.), fino a confondere il cervello con la mente e viceversa. E tantomeno si può dimostrare che l immateriale è semplicemente naturale evoluzione della materia nel suo sviluppo senza fine, che è un po come la promessa del paradiso in terra. A proposito di evoluzionismo cadiamo a fagiolo e c è qualcosa da chiarire. L evoluzionismo ha detto e dice come e perché la specie umana è passata da una forma a un altra. Niente di più ed è puerile il confronto-scontro con il creazionismo, che è concezione dell origine del tutto, compreso l uomo nella sua forma organica e nelle sue fattezze, dalle mutazioni genetiche alle somiglianze e dissomiglianze anatomiche, che non dicono niente in assoluto sull origine della vita e del vivente. Se poi la scienza ( scientista) insiste da un bel po a voler tracciare un senso iniziale e finale della realtà, trascina nella dispersione la stessa filosofia già in crisi da se stessa. Torniamo un altra volta a Dio soggetto, principio della materia e dell immateriale descritto, che sono l oggetto; Dio che (salvo fede, religione o dottrina) nessuno sa chi è, ipoteticamente non persona, ma energia cosmica, soffio universale, spirito della vita, respiro della materia, coscienza di infinito e di immenso senza soluzione o all estremo è lo stesso nulla biblico dal quale sarebbe stato tratto tutto, oppure il nulla del caos greco, consumata origine antecedente il mito, o meglio ancora (cioè peggio ancora) il vuoto e il nulla, estremo del pensiero filosofico contemporaneo, dichiarato senso di fallimento dell avventura di tutta la realtà culminante nel fallimento della stessa avventura umana. Da qui abbozziamo la seguente formulazione: Dio è il nulla e invertendo i termini il nulla è Dio, con buona pace delle contemplazioni animiste delle culture orientali, dove Dio è il contrario del nulla, cioè è tutto, poeticamente e misticamente natura, incapace come sembra anche lui di spiegare e di salvare il mondo, dopo avergli trovato un senso, diciamo, di accomodamento. Così Dio esiste, chiamato tale per convenzione persino da chi lo nega; per la filosofia non biblico, non cristiano, non islamico, ma Dio della ragione (che è altra della ragione illuminista) e della logica, processo mentale di conoscenza dell uomo. Esiste senza bisogno di prove, perché la prova è l evidente esistenza stessa della materia, che bellezza o orrore che sia, non può trovare da sé spiegazione di se stessa. Precisato quoad esse (essere dell essere), Dio è soggetto nascosto (absconditus) e senza volto con le qualità e le caratteristiche e i titoli, che non possono essere altri e diversi dai titoli ontologici attribuiti già nel contesto di questo capitolo. Se non sappiamo chi è, dopo essere giunti a dire che è e quindi che c è, definire Dio amore, bontà, misericordia, ecc. è palese giudizio gratuito di comodo e di autoinganno dovuto alla tensione umana sempre spinta al meglio che non 18

20 c è, per fuggire dal male; tensione umana sempre supinamente posta e continuamente equivocata tra bene e male reciproco fra gli uomini, che hanno bisogno di nascondersi e di cullarsi in un modello perfetto disponibile e rassicurante, sempre pronto a proprio singolo uso e consumo, come per gli uccellacci e gli uccellini del trascendentale film di Pasolini; tensione umana alla spasmodica ricerca di un rifugio all insaziabile sete di infinito e per rovescio alla paura del vuoto (horror vacui) e della morte; tensione umana consapevole che l amore è il meglio del bene e che inventando l amore di Dio per ogni adeguamento possibile, è giunta al colmo e all acutizzazione dell antropomorfismo di fondo che ha fatto Dio persona a misura dell uomo, come è stato per gli dei falsi e bugiardi. Il tutto, a parte l amore concreto del Cristo il Nazareno trucidato dalla storia, come tanti altri profeti di pace, vittime di onnipotenza superiore combinata con domini di potenza umana. Come pure definire Dio amore per le bellezze e per la grandezza dell universo è allucinazione che nasconde l incapacità dell uomo di capirsi e di compiersi in se stesso e poi con la natura; incapacità che diventa sùbito violenza reciproca, per rifarsi contemplando la bellezza di un fiore o di una spiga di grano o l immenso di un orizzonte di mare, oppure finendo ad accarezzare un musetto incantato di gattina, con tutto il rispetto per le gattine del mondo, specie se umane. Definire Dio amore è un trucco per renderci capaci di accettare la vita qual è, lotta di sopravvivenza, reciproca violenza continua e rincorsa ossessiva a salvarsi o peggio a emergere gli uni sugli altri, con pochi attimi di silenzio autentico, di quiete e di armonia, giusto per tollerare la vita e continuare a vivere senza esplodere o implodere prima ancora di nascere. A confronto poniamo una questione interlocutoria: l aristotelico ens est unum, verum, bonum (l essere è unità, verità, bontà) divenuto melius esse quam non esse (meglio esistere che non esistere) non richiama l amore di Dio? Per niente, perché l assunto filosofico è valido solo sul piano metafisico, non rispetto alla fisicità e alla concretezza della realtà contrastante con se stessa, paradossalmente raggiunta da il reale è razionale dell idealismo esasperato di Hegel, che ha portato alla catastrofe la mente umana, prima che alla catastrofe della storia. Torniamo per estremo alle qualità ontologiche di Dio essere necessario per se stesso e principio di tutta la realtà di natura, materia e vita, combinazione di bene e di male non metafisicamente, ma in concreto, vitalisticamente, nella carne e nello spirito di ogni vivente venuto dal principio preesistente; principio che ha operato liberamente e volontariamente (pena non essere Dio o paradossalmente postulare un essere superiore a Dio...) e che da potenza si è manifestato volontà di potenza, campione della volontà di potenza del superuomo, piena realizzazione dell assoluto come violenza sulla fragilità dell uomo presupposto degli esiti cruenti della storia; volontà di potenza, che sapeva e non poteva non sapere cosa sarebbe avvenuto dal- 19

21 la sua opera (altrimenti parliamo di un assoluto che avrebbe acquisito conoscenza nello sviluppo del tempo); che sapeva il male come il bene prima di ogni compimento. E se sapeva, come possiamo dire che non ne è stato e non ne è responsabile? Cioè, perché Dio ha proceduto a creare o (per chi non piace il termine biblico) perché ha proceduto a produrre la realtà, sapendo la vastità e l orrore del male che era preparato? Responsabile a monte e prima delle atrocità dei delitti del libero arbitrio e delle singole libertà dell uomo. L obiezione che una simile visione equivale ad aver voluto e a volere la dittatura del bene, non regge e ha risposta: anche la dittatura del bene si poteva evitare scegliendo di fare proprio niente, cioè scegliendo di non fare necessariamente qualcosa. Nichilismo?... Essere nichilista non è violenza verso nessuno e verso niente e anzi il nichilismo sfiora la passione del mondo; sfiora (non suoni bestemmia) ho pietà di questa folla del Nazareno, che è giunto a piangere su Gerusalemme, la sua città, che ha trucidato profeti e lui stesso, senza capire il tempo e i messaggi della propria liberazione. Se poi il nichilismo è male contro Dio, il problema è di Dio geloso di sé fino ad aver paura della propria onnipotenza. Passato a concepire Dio non amore ma potenza, la punizione che dovrò subire sarà un altra prova della sua prepotenza. Subirò la condanna della mia seconda morte eterna come ho subìto l esistenza da un suo ardore di dominio e sarà sempre il mio Dio reinterpretato di ragione responsabile del male; Dio che non condannerò perché Dio non si condanna né si bestemmia, ma si tollera e si subisce. Così da me non mi sento apostata perché all estremo non mi interessa più un Dio persona (unico o triplo che sia), ma l epiteto apostata non mi convince e per di più non mi piace in quanto fa rima sdrucciola con prostata, basso e viscido organo del corpo umano. Certo poi non passerò la mia condanna su mio padre e mia madre, loro sì libera intesa di natura e vero atto di amore, inconsapevole imitazione della potenza di Dio, ma in sé non volontà di potenza, anzi volontà di liberazione e di riscatto proprio attraverso la mia nascita, che li spingeva nel futuro con la speranza della fine del male, della fine della fatica di vivere, della fine della povertà causata dalla ricchezza altrui, della fine della paura della guerra e delle guerre sempre incombenti, delle quali si parlava. Era il marzo del 34, giusto appunto 80 anni fa, XII dell era fascista (spero di non sbagliare l aggettivo cardinale di numerazione), baluardo di Roma e retaggio del Sacro romano impero d occidente finito avventura a oriente. All inizio del nono mese dal mio concepimento, in spirito chiesi a mia madre di aspettare a farmi nascere e di attendere il futuro, ma rispose che non era possibile, ripetendo convinta che era venuto il mese giusto e che bisognava nascere. Piansi di pianto vero 13 mesi, giorno e notte continuativamente (ripeto perché incredibile: 13 mesi, giorno e notte) senza che i medici consultati potessero riscontrare patologie o anomalie organiche di sorta. A piangere era lo spirito del mondo incarnato in me avvilito dal male già consumato e an- 20

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello?

Giovedì 13/11/2014. Un ora con Dio. Dov'è tuo fratello? Giovedì 13/11/2014 Un ora con Dio Dov'è tuo fratello? Canto d inizio: Invochiamo la tua presenza Invochiamo la tua presenza, vieni Signor Invochiamo la tua presenza, scendi su di noi. Vieni luce dei cuori,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli