I labirinti dell ircocervo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I labirinti dell ircocervo"

Transcript

1 Bruno Del Medico I labirinti dell ircocervo Sul viaggio di alcuni Teonauti e sulla loro iniziazione mistica al senso della vita Prima edizione 2009 Seconda edizione 2012 Terza Edizione 2014 E book formato epub ISBN Copyright

2 A mia moglie Enza, alle mie figlie Daniela ed Elisabetta, a mio nipote Federico e agli altri che verranno

3 FRIGESTE E I SUOI AMICI 3

4 Primo luogo La Palude

5

6 Frigeste e i suoi amici Frigeste di Liberaterra si vedeva bello come un dio orientale. Procedeva senza timore nel canneto, verso il sole nascente sul profilo dell'orizzonte. I raggi taglienti correvano quasi paralleli al suolo e si rifrangevano sulle decorazioni metalliche della sua armatura, traendone potenti bagliori. Una mano si alzava metodica ad allontanare le canne più invadenti, l altra era stretta all elsa della solida spada quasi a voler proclamare: si faccia avanti chi vuole, e troverà pane per i suoi denti! La giornata iniziava splendidamente. L incedere ardito di Frigeste lasciava intendere che avrebbe certamente raggiunto la meta, e portato a termine i suoi obiettivi. Il grande piede calò dall alto come un falcone in caccia che ghermisce la preda; con la differenza che, mentre il rapace afferra e trascina via, quello spiaccicò Frigeste al suolo, e, scivolando leggermente, lo sfrittellò senza riguardi né compassione alcuna, lasciandolo lì esanime. Fortuna volle che, prima di lui, il grande piede avesse pestato una grande merda, una parte generosa della quale, essendo rimasta appiccicata alla suola, funse da morbida intercapedine salvifica. Questa circostanza, rafforzata dalla natura irregolare del sentiero, rese possibile che egli potesse sopravvivere, anche se vistosamente malconcio. Le rane, solitamente educate, commentarono: «Accidenti, che fortuna!». Altre creature, come i rospi e i saettoni, fecero

7 osservazioni più adeguate alla sana volgarità degli abitanti della Palude, per cui sarà opportuno non riferirle. Per una curiosa circostanza, inspiegabile ma utile all economia del racconto, le peggiori conseguenze le subì la sua personalità, o anima, o spirito che dir si voglia, insomma quel velo impalpabile che alcuni affermano non esistere (essendosi presa la briga di porre un moribondo su una bilancia attendendone pazientemente la morte, non senza averne verificato il peso sia prima che dopo, e avendolo riscontrato immutato). Strascinata dal grande piede, l anima s impigliò alle irregolarità del terreno e si lacerò dissociandosi in più parti. Da quel momento ciascuna parte visse di vita propria, pur nella incontenibile nostalgia di una antica appartenenza comune. Effettivamente ciascun brandello d anima sapeva di poter esistere solo assieme a tutti gli altri. Un rospo atipico L enorme panciuto rospo socchiuse a fatica l occhio sinistro e soppesò il rompiscatole che lo importunava durante la digestione. Era mangiabile? Certo che sì! Essendo un tipo assai pragmatico, il rospo suddivideva l universa creazione a lui circostante in due grandi categorie: a) commestibile, b) non commestibile. Frigeste appariva essere detentore di tutti i migliori requisiti della prima. C era però un problema: il rospo aveva ingerito da poco una grassa libellula e ora si beava avvolto in quella certa pesantezza postprandiale che si oppone a ogni tipo di lavoro, o gesto sconsiderato, sia pure volto a trarre qualsivoglia vantaggio. Si rivolse perciò mentalmente ai suoi numerosi alter ego (anche i rospi ne hanno) e pose

8 loro il problema. «Voi sapete bene che noi rospi catturiamo le prede estroflettendo la lunga lingua collosa con la quale le avvolgiamo. Ora, ditemi voi: dovrei stringere la mia lingua attorno a questo miserabile essere sciancato, tutto cosparso di escrementi e puteolente? Voi credete proprio che sarebbe piacevole farlo?». «No» risposero in coro gli alter ego, «ma no, goditi il tuo pranzetto e ignoralo. Mangerai quando avrai nuovamente fame». Rassicurato, il rospo richiuse la piccola fessura dell occhio sinistro. Il caso era stato rapidamente archiviato. Frigeste però era tenace e insistette: «Perdonami nobile signore, se ripeto la mia domanda. Sto cercando un luogo che non so dove sia, per trovare qualcuno che non so chi sia; mi puoi aiutare?». Il rospo risollevò la palpebra dell occhio sinistro, poi ripeté l operazione con l occhio destro. Ci pensò ancora su. Mangiarlo, aveva già deciso che no. Allontanarlo con gesti aggressivi no, troppa fatica. Cacciarlo facendo ricorso alle male parole? Impossibile, il rompiscatole era troppo motivato a ottenere quanto desiderava! Sospirò profondamente, raccolse le idee e rispose. «Amico mio caro, il tuo quesito andrebbe affrontato in modo razionale, invece tu lo poni in guisa assolutamente caotica. Mancano le premesse, mancano le conclusioni, e anche l enunciato non appare né certo né chiaro. Vediamo un poco; affermi di cercare un luogo, ma non lo fai, te ne stai qui a importunare me. Sei certo di cercare un luogo? Che cosa significa un luogo per te? Il tuo concetto di luogo è simile al mio? Dici di cercare una persona; che cosa è una persona? Qualora giungessimo a stabilire cos è un luogo e cos è una persona, resterebbe inevasa una questione essenziale: perché li cerchi? E poi, cosa farai dopo averli trovati?». La petulanza di Frigeste parve vacillare. Il rospo

9 incalzò. «Vedi dunque che dovremmo discutere molto a lungo prima di avere tutti gli elementi necessari per addivenire a un pronunciamento risolutivo della questione. Ma se hai tempo, parla ancora, spiegati meglio. Anche se ti sembrerò addormentato, tuttavia, io starò in tuo ascolto». «Intanto lo trattengo qui» pensava, «casomai più tardi mi venisse voglia di uno spuntino». Frigeste percepì un certo tono canzonatorio e vagamente infido nella risposta del rospo. Avrebbe voluto replicare, ma prima di farlo ne valutò le dimensioni; fu allora che un fastidioso sospetto cominciò a prender forma nel suo animo. Si domandò: «E se costui non fosse quel galantuomo che sembra? E se, putacaso, fosse anche carnivoro? Ma no,» si rassicurò, «troppo gentile, troppo signorile. Pone dei problemi reali, ha preso a cuore il mio caso. Gli darò il tempo di pensarci su». Concluse a voce alta, conciliante: «Mio signore, vedo che in questo momento desideri riposare, se me lo concedi mi allontanerò e tornerò più tardi». Si ritirò inchinandosi con rispetto. Prese a camminare e fortunatamente camminò a lungo finché, giunto nel mezzo di una radura e adocchiata una comoda pietra, vi si sedette. Sì, rifletteva tra sé, il rospo era un grande saggio, che lo aveva illuminato con generosità e disinteresse su alcune massime verità. Dopo averlo ringraziato mentalmente, si interrogò a lungo sui dubbi che grazie all arguto batrace gli si erano insinuati nella mente. «Ma che cosa sarà davvero il luogo che cerco, ma ci sarà davvero una persona in quel luogo? Cos è un luogo, cos è una persona? Cosa sono io? Perché cerco qualcuno? Ma lo sto veramente cercando? Se lo trovassi, come lo riconoscerei?». Immerso in tali controversi pensieri, si distese sulla pietra ove era seduto e, usandola a mo di giaciglio, si addormentò.

10 Frigeste incontra Capitello Si svegliò in preda a una forte inquietudine, come se qualcuno stesse frugando nel suo cervello, impadronendosi di ogni suo segreto. Guardò attorno senza scorgere alcuno. Eppure, percepiva una presenza forte, e una specie di bisbiglio profondo, non sapeva bene se nelle orecchie o nella testa. Fece il gesto di metter mano alla spada, ma subito si accorse che non l aveva più, essendo rimasta sotto il ferale tallone del grande piede. Nonostante fosse disarmato, non ebbe timore. Fece la voce grossa e gridò: «Chi sei dunque tu che ti nascondi? Vieni fuori e fatti vedere, se hai coraggio! Mostrati e saprò darti quanto meriti!». Fu allora che la pietra parlò con voce bassa e accattivante. «Buongiorno, Frigeste! Sono io che ti parlo, sono qui, non mi vedi?». Capì che la voce proveniva dal suo sedile. Balzò in piedi, lo squadrò con attenzione e convenne con se stesso che quella non era una pietra qualsiasi. Era stata lavorata da mani umane, e probabilmente aveva fatto parte di una antichissima colonna. Infatti, da un lato conservava ancora parti di un capitello ornato con motivi geometrici, dall altro un inizio di pilastro subito spezzato, terminante in una originale appendice, quasi a spirale conica. Quel curioso residuo lapideo se ne stava bel bello semisepolto nella radura, come se avesse colà giaciuto da secoli. «Per tutti gli dei, scusami mia cara pietra, ma non percepivo la provenienza della tua voce. Del resto è ben difficile collegarla, profonda com è, con la graziosa e leggiadra colonna alla quale tu sembri essere appartenuta». «Graziosa e leggiadra sarà tua sorella, bifolco!» ribatté il rudere. «Ma quale pietra? Non vedi che sono un

11 muscoloso e possente blocco marmoreo? Non provengo da una colonna ma da un sostegno costruito in forma di simbolo fallico, nel tempio del grande Poimandres. E infine, per tua conoscenza, il mio nome è Capitello». «Bene» conciliò Frigeste, soprassedendo sui toni. «Se così ti piace, così sia, Capitello. Ma, dimmi, cosa fai qui da solo, lontano da ogni qualsiasi resto di tempio? Certamente quello a cui ti riferisci, non sorgeva nei dintorni. Chi ti ha trasportato così lontano dal tuo luogo di origine?». «La mia storia è molto lunga» sospirò Capitello, rasserenato dall aver vista riconosciuta la sua mascolinità. «Mi piacerebbe raccontartela perché ti ho letto nel pensiero. Ho capito così che la mia vicenda potrebbe esserti molto utile per condurre a buon fine la tua missione. So, infatti, che tu cerchi qualcuno che non conosci, e non sai neppure dove cercarlo». «Come puoi avere cognizione di queste cose, se non ne ho mai parlato con te?». «Ho vissuto per millenni a contatto con sacerdoti, maghi e indovini. Ho avuto tempo di apprendere tutte le loro arti, compresa quella di leggere il pensiero delle persone semplici. Per questo ti dico che conosco i tuoi crucci, e le domande che ti tormentano. Ebbene, io posso dare risposta a questi tuoi interrogativi». «Allora ti prego, parla, non mi allontanerò più da qui finché non avrai saziato tutta la mia brama di essere informato». Parlerò volentieri per te» concluse Capitello, «e per questo tuo amico or ora sopraggiunto». Frigeste si voltò; appena dietro a lui stava il rospo che, avendo quasi smaltito il pasto precedente, si era inoltrato sulle sue piste e l aveva raggiunto. «Or dunque amico rospo» l invitò Frigeste, «sii gentile, sosta anche tu qui accanto, e ascoltiamo insieme il racconto di Messer Capitello». Il rospo restò alquanto interdetto ma, essendo un

12 animale beneducato, dopo la prima indecisione scelse di aderire alla richiesta e si accomodò accanto a Frigeste, eseguendo con calma e accuratezza tutte le procedure poste ordinariamente in atto dai rospi quando si mettono comodi. Capitello si schiarì la gola e iniziò a raccontare. «Sappiate dunque che, molti millenni or sono, io ero parte di un grande tempio, il più grande del mondo, costruito su un vastissimo altopiano tra le cime dei monti Pangeidi. Là viveva l antichissimo e civile popolo che lo aveva eretto per farne la dimora di Poimandres, l essere supremo. O meglio: il popolo dei Pangeidi aveva destinato quel tempio a essere la sua casa, ma Poimandres non ha bisogno di templi di pietra. So per certo che egli abita ancora lassù sull altopiano, anche se il tempio ormai non esiste più». Fece una breve pausa per dare forza alla sua professione di fede, poi riprese: «Ma proseguiamo; dopo una lunghissima era di tranquillità, le congiunzioni astrali avverse causarono un grande gelo sul nostro pianeta. Tutto si ricoprì di ghiaccio, specialmente i monti più alti. Anche i mari gelarono, e il popolo dei Pangeidi finì quasi totalmente estinto. Solo pochissimi riuscirono a trovare luoghi particolarmente riparati, ove poter sopravvivere per tutto il tempo immemorabile durante il quale il freddo imperò. Anche il tempio di cui io facevo parte fu coperto da chilometri di ghiaccio. Il peso tremendo lo stritolò e ne frantumò ogni parte». Capitello sembrò rabbrividire al ricordo, come se la tragedia si stesse ripetendo in quell istante. «Che freddo, amici miei, che buio e che silenzio, per millenni e millenni! Ma come potete immaginare, i massi marmorei possono vivere molto a lungo, anche nelle peggiori condizioni. Se posso dire, è assai più disdicevole, per me, il vostro clima. Il vostro vento e le vostre piogge mi erodono senza sosta, i vostri uccelli scaricano su di me escrementi acidi che mi corrodono. Me tapino! Non durerò

13 a lungo, così». Dopo alcuni singhiozzi autocommiserativi riprese il racconto. «Quando la congiunzione astrale mutò, intervennero cambiamenti grandiosi nel clima. I ghiacciai più bassi cominciarono a sciogliersi, defluendo verso il mare, il cui livello si innalzò, contribuendo a generare un clima più temperato su tutto il pianeta. Questo accelerò lo scioglimento dei ghiacci anche nei luoghi più alti e freddi. Mano a mano che si tramutavano in acqua, precipitavano con la violenza di fiumi in piena verso le pianure, convogliando ogni cosa lungo il loro cammino. Anche sul mio altopiano i ghiacci si sciolsero, e io fui trascinato con loro verso il basso, sempre più lontano, fino a essere depositato proprio qui, in questa Palude. Ahimè! Le mie orecchie, che avevano ascoltato per migliaia di anni i canti e le preghiere sublimi dei sacerdoti di Poimandres, sono state costrette, per almeno altrettanti millenni, al vergognoso cicaleccio di infinite generazioni di rane, che mai, dico mai, hanno evoluto la loro cultura, neppure di una infinitesima frazione. Pur non avendo nulla di utile da dire, gracidano senza sosta giorno e notte. Per Poimandres, qualcuno mi porti via di qui, qualcuno mi liberi da questa tortura!». Sospirò più volte in preda a profonda afflizione. Infine si riprese, chiuse l ennesima parentesi interlocutoria e concluse. «Ora il tempio non esiste più, il popolo dei Pangeidi neppure. Credo che pochissimi di loro siano sopravvissuti. Probabilmente i superstiti si sono evoluti in nuove schiatte e hanno ripopolato questo pianeta. Ma io so che Poimandres è ancora lassù, perché egli è eterno». Capitello tacque, commosso nel ricordo. Anche Frigeste e il rospo tacquero, compresi nella sua commozione. E tuttavia, il loro cervello lavorava velocemente. Il rospo diceva tra sé e sé: «Sono curioso di vedere come finisce questa storia, non ho ancora capito bene cosa ci

14 guadagno io a starmene qui. Il sasso è indigesto, l omuncolo è ancora tutto impiastrato e puzza come un maiale». Interrogò i suoi alter ego come faceva abitualmente. Questi risposero: «Beh, aspetta e stai a vedere. Se il tizio sposta il masso, sotto troveremo centinaia di larve grassocce e gustose, che sembrano cresciute lì proprio per noi. Comunque, potrai decidere di andartene in ogni momento». Rassicurato da questa prospettiva, il rospo si acquetò. Dal canto suo Frigeste, dopo un ben calcolato tempo di rispettoso silenzio, decise che il ferro andava battuto finché era caldo, e si mise a pressare Capitello con domande ben scelte e mirate. «Ma dunque, Capitello, maestro mio, tu che hai scrutato i miei pensieri, dimmi: forse sei addivenuto alla conclusione che il luogo e la persona da me cercati abbiano qualcosa a che fare con il tempio e l altopiano da cui tu provieni, e con il grande Poimandres? Ma allora dimmi di più su questo luogo, e su questa divinità». Capitello non si fece pregare oltre.

15 Sui problemi esistenziali di Frigeste. Il Gran Consiglio degli Assistenti Contrari a Totale Zero era riunito al completo per la sua prima sessione di lavoro. Frigeste presiedeva silenzioso poiché, da quando il Gran Consiglio si era insediato, aveva delegato tutte le funzioni di coordinamento a un moderatore. L ordine del giorno verteva sulle problematiche spirituali del Presidente, ma inevitabilmente la discussione aveva finito per incentrarsi sull evento del giorno, l incontro con il grande piede. Il Contestatore aprì la discussione apostrofando un altro consigliere seduto tre posti più a destra. CONTESTATORE: «Voglio presentare una mozione di censura nei confronti del Fedele Cronista. Perché scrivi grande piede minuscolo? Questa è un offesa al Grande Piede; sappiamo tutti benissimo che merita rispetto. E inoltre». Il Fedele Cronista l interruppe piccato. FEDELE CRONISTA: «Non voglio mancare di rispetto al grande piede. Non posso negare però che lo reputo assurdo e detestabile. Egli si muove in mezzo alle creature della Palude con disprezzo supremo per tutti. Con quali criteri sceglie chi punire? Nessun criterio, vi dico: lo fa in modo assolutamente arbitrario e imprevedibile. Il grande piede presupporrebbe l esistenza di un grande corpo e di una grande mente, eppure non è così; non c è nulla di più irrazionale del suo comportamento. Calpesta, senza nessun discernimento,

16 uomini timorati delle divinità e criminali miscredenti. Si direbbe che il grande piede cominci con la grande scarpa e finisca con il grande ginocchio». DUBBIOSO: «Ma è possibile che il grande piede non abbia una logica che lo anima?». AGNOSTICO: «Certo, la logica del caso. Quella della assoluta irrazionalità. Nessuna mente dunque dietro la sua azione, nessun progetto!». FEDELE CRONISTA: «Se poi una mente ci fosse, allora la conclusione potrebbe essere ancora più terribile. Infatti, quando noi decidiamo di colpire un nemico, lo facciamo con un arma, o con le mani. Solo se l avversario suscita in noi un particolare ribrezzo, lo schiacciamo con il piede. Dunque non c è lealtà né giustizia, ma schifo e disprezzo nell azione esercitata dal grande piede. Lui disprezza noi, ergo, io disprezzo lui. Faccio il massimo che sta nelle mie possibilità per rimarcare questo giudizio: scrivo il suo nome in minuscolo. Tu, caro Contestatore, se vuoi pronuncialo in maiuscolo». PROFETA SAGGIO: «Scusami Fedele Cronista, qualcuno di noi potrebbe anche condividere le tue osservazioni, ma tu non stai scrivendo solo per te stesso. Ti pregherei quindi, per il rispetto dovuto ai nostri lettori, di scrivere i nomi propri in maiuscolo, in futuro». Anche il Moderatore intervenne. MODERATORE: «Anche io ho un appunto da farti, Fedele Cronista. Non condivido alcuni aspetti del tuo linguaggio. Stiamo trattando temi elevati, la nostra narrazione è volta a un pubblico colto e raffinato. Nell inizio della narrazione ti sei sbilanciato un po troppo con un termine, diciamo, volgare». FEDELE CRONISTA: «Bene, vedo che l ipocrisia regna. Cari colleghi, da dove venite voi? Non abitate forse in un mondo definito quasi da tutti proprio con il termine che io ho usato? Cosa c è di più comune nel nostro mondo, oltre l elemento che ho citato? Quale nobiluomo, comprese le menti più eccelse, non ha mai avuto a che fare con questo

17 elemento? Sappiate che i personaggi di questa storia, di cui sto scrivendo il resoconto, compresi voi, non sono affatto menti eccelse, né il loro habitat è quello di una reggia colma di pizzi e velluti; la loro avventura si svolge in un luogo fortemente inquinato dalla materia in questione. Essi sono immersi, simbolicamente e sostanzialmente, nell elemento che non citerò più, per non offendere la vostra sensibilità. Ho soltanto voluto evidenziare, fin dall inizio, che l ambiente in cui ci muoveremo non può prescindere né può ignorare questo dato di realtà. Tuttavia, apprezzo le buone finalità delle vostre critiche. Mi impegno quindi, su vostra cortese richiesta, a non citare più l elemento che tanto vi turba, e a scrivere Grande Piede in maiuscolo». MODERATORE: «Non ti abbiamo criticato per contrariarti, collega, ma vorremmo preservare la dignità della narrazione di cui noi stessi faremo parte, quindi apprezziamo il tuo proposito di mantenere per il futuro un linguaggio più civile. Non siamo bruti né selvaggi. Diamoci uno stile più signorile di quello del volgo da cui vogliamo elevarci». FEDELE CRONISTA: «Vi servirò come desiderate. Ci costruiremo un mondo fingendo che l elemento incriminato non sia necessario né abbia alcuna funzione, neppure quella metaforica che intendevo assegnargli». SARCASTICO: «Signori, da oggi viviamo in un mondo di cioccolata». MODERATORE: «Grazie, questo argomento è chiuso. Mettiamo ordine ai nostri lavori, colleghi. Riepiloghiamo gli avvenimenti. Il nostro Presidente e signore Frigeste di Liberaterra, anziché fuorviare la sua giovinezza nelle gozzoviglie, nei bagordi e nelle cattive compagnie, ha sempre meditato con profondità su se stesso e sul suo rapporto con il soprannaturale. Chi l ha posto su questa terra, si domandava? La madre? Certo, ma in modo del tutto inconsapevole e incolpevole, sulla base di leggi naturali che la poverina neppure conosceva. Il caso?

18 Probabile, ma non accettabile. Perché vedete, lui si è sempre ritenuto importante e prezioso, mentre la casualità comporta naturalmente l insignificanza. Ora, cari colleghi, Frigeste non vuole dar credito al postulato che lo ridurrebbe a essere un insignificante frutto del caso. All opposto, egli ritiene che qualche essere superiore abbia disposto affinché lui, proprio lui, venisse al mondo per un compito, una missione; comunque non per caso, ma per realizzare un progetto divino, prestabilito e suo personale. Quindi, colleghi, egli ha deciso di scoprire chi sia l iniziatore superiore della sua vita e quale sia la missione che è chiamato a svolgere. Per questo si è messo in viaggio, alla ricerca del mandante della sua esistenza. Purtroppo, per ora, non sa chi sia, né dove si trovi. Oggi però dobbiamo aggiornare queste informazioni, alla luce di un fatto gravissimo: Frigeste è stato vittima della aggressione del Grande Piede. Per fortuna, è sopravvissuto». RELIGIOSO: «Dunque, vediamo: Frigeste ritiene di essere chiamato a una missione; egli crede che il Fato sovrintenda al suo futuro e lo guidi verso l adempimento di quanto stabilito per lui. Se è così, egli deve prestare attenzione ai segni che il destino dispone sul suo cammino. Se, appena partito per la sua ricerca, il Grande Piede lo ha straziato e quasi ucciso, questa circostanza dovrebbe aiutarlo a concludere che il cammino intrapreso viene fortemente ostacolato; da ciò discende che il Fato vuole, probabilmente, indirizzarlo a scelte diverse». PROFETA SAGGIO: «Tutt altro. Io sostengo, invece, un opinione opposta. Proprio la circostanza che lo ha visto sopravvivere, per inverosimile sorte, all aggressione del Grande Piede, è segno evidente che il Fato gli è favorevole e lo aiuta». SARCASTICO: «Probabilmente lo aiuta un po sì e un po no». L assemblea ignorò questa interpretazione mediatoria e si divise fra le due tesi principali. Poiché tutti si

19 accaloravano e nessuno rinunciava alle proprie idee, il Sentenziatore intervenne. SENTENZIATORE: «Vorrei sottolineare l irrilevanza della vostra discussione, colleghi. C è, infatti, un punto di vista superiore, che la vanifica. Frigeste parte dal presupposto di essere importante. Egli ritiene addirittura che gli dei abbiano plasmato per lui un destino speciale. Ebbene, niente di più falso. Frigeste non è affatto importante, è solo una foglia prigioniera nella camera del vento, è una parola scritta nel cielo degli analfabeti. No, egli non è importante. Anzi, nessuno di voi lo è». DUBBIOSO: «Non dovremmo decidere tutti insieme che cosa è importante e che cosa no?». SENTENZIATORE: «Neanche per sogno; noi non possiamo decidere assolutamente nulla. Abitiamo l ultimo pecorile del castello, a noi compete solo il subire. Le cose importanti sono altre: le leggi, i principi, le convenzioni, i regnanti, i giudici, gli enti che governano qualsiasi attività. Tutto il resto è sempre relativo. La mia sentenza è questa: tutto è importante, tu invece sei relativo». CONTESTATORE: «Ma che bella conclusione da quattro soldi!». SENTENZIATORE: «Dimmi dunque, collega Contestatore, che cosa non ti piace nel mio ragionamento». CONTESTATORE: «Molte cose, anzi tutte: le tue affermazioni sono sbagliate nella loro totalità. Non è vero che nessuno di noi sia importante. Per quanto concerne poi l affermazione tu sei relativo, volendola concedere, avresti potuto dire: io sono relativo, oppure: qualcuno simile a me è relativo. Non ammetto che tu esprima giudizi di demerito su me o sugli altri». Molti consiglieri annuirono rumoreggiando. SENTENZIATORE: «Certo, non vi sentite rappresentati dalle mie sentenze, perché siete ignoranti. Voi sarete indiscutibilmente abili in altre attività, ma lasciate che sia io a emettere le massime, perché questa è la mia specializzazione».

20 RIBELLE: «Sei un bel presuntuoso, ringrazia gli dei che Frigeste ti abbia imposto come Sentenziatore, per mio conto sei solo un borioso pedante filosofo da strapazzo». DUBBIOSO: «Se ti senti tanto superiore, spiegaci il senso della tua affermazione in base alla quale nessuno di noi è importante». SENTENZIATORE: «Lo farò senza indugio. Noi, cari amici, siamo come canne in una sterminata pianura di pali di cemento. Quando tirerà vento, chi credete dovrà piegarsi?». RIBELLE: «Accidenti, e perché io sarei una canna e gli altri sarebbero pali di cemento?». SARCASTICO: «Evidente: perché la rigidità dei corpi è proporzionale alla loro massa cerebrale». RIBELLE: «In questo caso tu avresti la consistenza di un elastico, caro collega!». SENTENZIATORE: «I pali di cemento sono i grandi principi, che altri hanno stabilito prima che noi fossimo: il Grande Piede, la Grande Patria, il Grande Interesse Comune, e via dicendo. Tutti i principi sono grandi, naturalmente. Ma non solo i principi. Anche le leggi, da quelle universali fino alle più piccole, sono sempre grandi, sempre comunque più grandi di te e di me. Tutto è vincente su di noi. Noi tutti dobbiamo costantemente piegarci e sottometterci, affinché i grandi principi trionfino. In verità noi, povere canne al vento, non siamo un interesse superiore, quindi non siamo meritevoli di tutela. Noi siamo solo delle individualità inutili. Per l appunto, noi siamo relativi». PROFETA SAGGIO: «Ho sentito narrare, infatti, di come questa Palude sia circondata dalla grande Foresta dei Totem e degli Idoli, i quali stabiliscono e dettano le leggi che regolano la nostra vita. Effettivamente questi Totem sono come i pali di cemento descritti dal collega Sentenziatore; esistono e non possono essere discussi, e tutti noi dobbiamo solo inchinarci al loro potere. Se, come temo, il nostro Signore Frigeste vorrà proseguire il suo

21 viaggio, una volta che si sarà ripreso dal trauma inflittogli dal Grande Piede, certamente tenterà spingersi oltre i confini della Palude; allora saremo tutti chiamati a confrontarci con questa Foresta. Purtroppo, nessuno mai è riuscito ad attraversarla. È come un muro di cemento invalicabile». Una rana, che fino a quel momento aveva parlottato con le vicine, colse il senso del discorso come sanno fare tutte le rane che partecipano alle assemblee parlottando con le vicine, e cominciò a ballare incitando tutte le altre: «Che bello! Che bello! Pare che Frigeste di Liberaterra voglia costruire un muro di cemento attorno alla Palude! Chissà perché?». Tutte eccitate le altre rane si impegnarono in ardite speculazioni: «Vuole proteggerci dai predatori esterni!» oppure: «Ma no, forse vuole creare una barriera che ci ripari dal vento!». Al che altre obiettavano: «Ripararci dal vento? Ma non sarebbe meglio creare, con la stessa spesa, un grande ombrello per ripararci dalla pioggia?». Poi però, ricordando di essere anfibie, facevano spallucce e bofonchiavano con sussiego: «Beh, facciano quello che vogliono, tanto, come al solito, sono soltanto promesse inutili!». Il Moderatore richiamò il pubblico a un comportamento più consono alla dignità del luogo, minacciando di sgomberare l aula, e riprese il controllo della riunione. Ormai però l aria si era fatta elettrica. Si viveva l atmosfera tipica di quelle riunioni frequentate dai grandi uomini abituati a lasciare le loro tracce nel consesso umano, dove anche i colpi di tosse dell usciere assumono valenza storica. CONTESTATORE: «Ci siamo imbarcati proprio in una bella avventura! Ci logoriamo i piedi in questa Palude malsana, cercando che? Un luogo sconosciuto! Il mondo è

22 pieno di luoghi conosciutissimi e assai più confortevoli di quello che ci ostiniamo a cercare invano. Perché non ripieghiamo su qualcuno di questi?». PROFETA DI SVENTURA: «Pare poi che per raggiungere questo luogo ci si debba allontanare dalla nostra amatissima Palude, per andare a morire nella terrificante Foresta dei Totem e degli Idoli. Se pure riuscissimo a superarla, cosa troveremmo di buono al di là, se non mostri, draghi, e mangiatori di uomini? Vi avverto, se inizieremo questa avventura, non ne usciremo vivi». SARCASTICO: «Se mai incontreremo belve simili, sapremo bene chi tra noi dare in pasto per primo, in modo da farle morire subito avvelenate». INTRAPRENDENTE: «Fratelli cari, ho appena iniziato una attività assai remunerativa, raccolgo le uova dei ditischi, le covo, e quando sono belle gonfie le rivendo agli uccelli acquatici, confezionate in pacchi da due dozzine. Sto facendo soldi a palate, sarò presto ricoperto d oro. Cosa mi importa di andarmene dalla Palude, per cercare non si sa chi, non si sa in quale luogo?». CREDENTE: «Pace, pace! E soprattutto speranza! Possibile che la nostra maggiore ambizione sia quella di vivere qui covando uova di ditischi, in attesa che il Grande Piede venga a schiacciarci? Non riusciamo a darci mete più alte? Non abbiamo speranze capaci di vincere la nostra paura dell ignoto? Eppure, nell ignoto ci attende l incontro con chi è al di sopra del Grande Piede, e ce ne può liberare. Non credete che valga la pena di provare?». CINICO: «Forse il Grande Piede ci risparmierà, se gli offriamo una bella partita di uova di ditisco». FEDELE CRONISTA: «Se sarà necessario partire, io mi incamminerò volentieri. Certamente il desiderio di avventura vive nel cuore di ogni Fedele Cronista come me, ma questo è un motivo secondario tra quelli che mi spingono ad accettare la sfida. Il principale è che io sono indispensabile. Comunque vada, ritengo che ci sarà

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

I criteri della scelta e della riforma

I criteri della scelta e della riforma I criteri della scelta e della riforma La preghiera ha il fine di vincere se stessi, vincere la propria ignoranza, la propria pigrizia mentale per conoscere il Signore. Ogni preghiera deve essere mirata

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo

Amare il rischio Amare gli altri. Amare l amato. Amare la vita Amare il mondo Amare il rischio Amare gli altri Amare l amato Amare la vita Amare il mondo Amare l amato In ognuno di noi è forte il desiderio di amore: la fame e la sete di amicizia, di intimità, di unione e di comunione

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa.

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa. Che tipo di terreno sei tu? di Linda Edwards Voglio dare una mano! Anche io! Anche io! Posso, per favore? Evangelici.net Kids Corner Gesù I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava

Dettagli

"Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te?

Gli Elementi del Successo non sono per Tutti. Sono per te? "Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te? Stiamo cercando persone che possano avere successo nel MLM. Come abbiamo fatto noi. E come vogliamo fare ancora quando c'è il "business perfetto

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli