I labirinti dell ircocervo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I labirinti dell ircocervo"

Transcript

1 Bruno Del Medico I labirinti dell ircocervo Sul viaggio di alcuni Teonauti e sulla loro iniziazione mistica al senso della vita Prima edizione 2009 Seconda edizione 2012 Terza Edizione 2014 E book formato epub ISBN Copyright

2 A mia moglie Enza, alle mie figlie Daniela ed Elisabetta, a mio nipote Federico e agli altri che verranno

3 FRIGESTE E I SUOI AMICI 3

4 Primo luogo La Palude

5

6 Frigeste e i suoi amici Frigeste di Liberaterra si vedeva bello come un dio orientale. Procedeva senza timore nel canneto, verso il sole nascente sul profilo dell'orizzonte. I raggi taglienti correvano quasi paralleli al suolo e si rifrangevano sulle decorazioni metalliche della sua armatura, traendone potenti bagliori. Una mano si alzava metodica ad allontanare le canne più invadenti, l altra era stretta all elsa della solida spada quasi a voler proclamare: si faccia avanti chi vuole, e troverà pane per i suoi denti! La giornata iniziava splendidamente. L incedere ardito di Frigeste lasciava intendere che avrebbe certamente raggiunto la meta, e portato a termine i suoi obiettivi. Il grande piede calò dall alto come un falcone in caccia che ghermisce la preda; con la differenza che, mentre il rapace afferra e trascina via, quello spiaccicò Frigeste al suolo, e, scivolando leggermente, lo sfrittellò senza riguardi né compassione alcuna, lasciandolo lì esanime. Fortuna volle che, prima di lui, il grande piede avesse pestato una grande merda, una parte generosa della quale, essendo rimasta appiccicata alla suola, funse da morbida intercapedine salvifica. Questa circostanza, rafforzata dalla natura irregolare del sentiero, rese possibile che egli potesse sopravvivere, anche se vistosamente malconcio. Le rane, solitamente educate, commentarono: «Accidenti, che fortuna!». Altre creature, come i rospi e i saettoni, fecero

7 osservazioni più adeguate alla sana volgarità degli abitanti della Palude, per cui sarà opportuno non riferirle. Per una curiosa circostanza, inspiegabile ma utile all economia del racconto, le peggiori conseguenze le subì la sua personalità, o anima, o spirito che dir si voglia, insomma quel velo impalpabile che alcuni affermano non esistere (essendosi presa la briga di porre un moribondo su una bilancia attendendone pazientemente la morte, non senza averne verificato il peso sia prima che dopo, e avendolo riscontrato immutato). Strascinata dal grande piede, l anima s impigliò alle irregolarità del terreno e si lacerò dissociandosi in più parti. Da quel momento ciascuna parte visse di vita propria, pur nella incontenibile nostalgia di una antica appartenenza comune. Effettivamente ciascun brandello d anima sapeva di poter esistere solo assieme a tutti gli altri. Un rospo atipico L enorme panciuto rospo socchiuse a fatica l occhio sinistro e soppesò il rompiscatole che lo importunava durante la digestione. Era mangiabile? Certo che sì! Essendo un tipo assai pragmatico, il rospo suddivideva l universa creazione a lui circostante in due grandi categorie: a) commestibile, b) non commestibile. Frigeste appariva essere detentore di tutti i migliori requisiti della prima. C era però un problema: il rospo aveva ingerito da poco una grassa libellula e ora si beava avvolto in quella certa pesantezza postprandiale che si oppone a ogni tipo di lavoro, o gesto sconsiderato, sia pure volto a trarre qualsivoglia vantaggio. Si rivolse perciò mentalmente ai suoi numerosi alter ego (anche i rospi ne hanno) e pose

8 loro il problema. «Voi sapete bene che noi rospi catturiamo le prede estroflettendo la lunga lingua collosa con la quale le avvolgiamo. Ora, ditemi voi: dovrei stringere la mia lingua attorno a questo miserabile essere sciancato, tutto cosparso di escrementi e puteolente? Voi credete proprio che sarebbe piacevole farlo?». «No» risposero in coro gli alter ego, «ma no, goditi il tuo pranzetto e ignoralo. Mangerai quando avrai nuovamente fame». Rassicurato, il rospo richiuse la piccola fessura dell occhio sinistro. Il caso era stato rapidamente archiviato. Frigeste però era tenace e insistette: «Perdonami nobile signore, se ripeto la mia domanda. Sto cercando un luogo che non so dove sia, per trovare qualcuno che non so chi sia; mi puoi aiutare?». Il rospo risollevò la palpebra dell occhio sinistro, poi ripeté l operazione con l occhio destro. Ci pensò ancora su. Mangiarlo, aveva già deciso che no. Allontanarlo con gesti aggressivi no, troppa fatica. Cacciarlo facendo ricorso alle male parole? Impossibile, il rompiscatole era troppo motivato a ottenere quanto desiderava! Sospirò profondamente, raccolse le idee e rispose. «Amico mio caro, il tuo quesito andrebbe affrontato in modo razionale, invece tu lo poni in guisa assolutamente caotica. Mancano le premesse, mancano le conclusioni, e anche l enunciato non appare né certo né chiaro. Vediamo un poco; affermi di cercare un luogo, ma non lo fai, te ne stai qui a importunare me. Sei certo di cercare un luogo? Che cosa significa un luogo per te? Il tuo concetto di luogo è simile al mio? Dici di cercare una persona; che cosa è una persona? Qualora giungessimo a stabilire cos è un luogo e cos è una persona, resterebbe inevasa una questione essenziale: perché li cerchi? E poi, cosa farai dopo averli trovati?». La petulanza di Frigeste parve vacillare. Il rospo

9 incalzò. «Vedi dunque che dovremmo discutere molto a lungo prima di avere tutti gli elementi necessari per addivenire a un pronunciamento risolutivo della questione. Ma se hai tempo, parla ancora, spiegati meglio. Anche se ti sembrerò addormentato, tuttavia, io starò in tuo ascolto». «Intanto lo trattengo qui» pensava, «casomai più tardi mi venisse voglia di uno spuntino». Frigeste percepì un certo tono canzonatorio e vagamente infido nella risposta del rospo. Avrebbe voluto replicare, ma prima di farlo ne valutò le dimensioni; fu allora che un fastidioso sospetto cominciò a prender forma nel suo animo. Si domandò: «E se costui non fosse quel galantuomo che sembra? E se, putacaso, fosse anche carnivoro? Ma no,» si rassicurò, «troppo gentile, troppo signorile. Pone dei problemi reali, ha preso a cuore il mio caso. Gli darò il tempo di pensarci su». Concluse a voce alta, conciliante: «Mio signore, vedo che in questo momento desideri riposare, se me lo concedi mi allontanerò e tornerò più tardi». Si ritirò inchinandosi con rispetto. Prese a camminare e fortunatamente camminò a lungo finché, giunto nel mezzo di una radura e adocchiata una comoda pietra, vi si sedette. Sì, rifletteva tra sé, il rospo era un grande saggio, che lo aveva illuminato con generosità e disinteresse su alcune massime verità. Dopo averlo ringraziato mentalmente, si interrogò a lungo sui dubbi che grazie all arguto batrace gli si erano insinuati nella mente. «Ma che cosa sarà davvero il luogo che cerco, ma ci sarà davvero una persona in quel luogo? Cos è un luogo, cos è una persona? Cosa sono io? Perché cerco qualcuno? Ma lo sto veramente cercando? Se lo trovassi, come lo riconoscerei?». Immerso in tali controversi pensieri, si distese sulla pietra ove era seduto e, usandola a mo di giaciglio, si addormentò.

10 Frigeste incontra Capitello Si svegliò in preda a una forte inquietudine, come se qualcuno stesse frugando nel suo cervello, impadronendosi di ogni suo segreto. Guardò attorno senza scorgere alcuno. Eppure, percepiva una presenza forte, e una specie di bisbiglio profondo, non sapeva bene se nelle orecchie o nella testa. Fece il gesto di metter mano alla spada, ma subito si accorse che non l aveva più, essendo rimasta sotto il ferale tallone del grande piede. Nonostante fosse disarmato, non ebbe timore. Fece la voce grossa e gridò: «Chi sei dunque tu che ti nascondi? Vieni fuori e fatti vedere, se hai coraggio! Mostrati e saprò darti quanto meriti!». Fu allora che la pietra parlò con voce bassa e accattivante. «Buongiorno, Frigeste! Sono io che ti parlo, sono qui, non mi vedi?». Capì che la voce proveniva dal suo sedile. Balzò in piedi, lo squadrò con attenzione e convenne con se stesso che quella non era una pietra qualsiasi. Era stata lavorata da mani umane, e probabilmente aveva fatto parte di una antichissima colonna. Infatti, da un lato conservava ancora parti di un capitello ornato con motivi geometrici, dall altro un inizio di pilastro subito spezzato, terminante in una originale appendice, quasi a spirale conica. Quel curioso residuo lapideo se ne stava bel bello semisepolto nella radura, come se avesse colà giaciuto da secoli. «Per tutti gli dei, scusami mia cara pietra, ma non percepivo la provenienza della tua voce. Del resto è ben difficile collegarla, profonda com è, con la graziosa e leggiadra colonna alla quale tu sembri essere appartenuta». «Graziosa e leggiadra sarà tua sorella, bifolco!» ribatté il rudere. «Ma quale pietra? Non vedi che sono un

11 muscoloso e possente blocco marmoreo? Non provengo da una colonna ma da un sostegno costruito in forma di simbolo fallico, nel tempio del grande Poimandres. E infine, per tua conoscenza, il mio nome è Capitello». «Bene» conciliò Frigeste, soprassedendo sui toni. «Se così ti piace, così sia, Capitello. Ma, dimmi, cosa fai qui da solo, lontano da ogni qualsiasi resto di tempio? Certamente quello a cui ti riferisci, non sorgeva nei dintorni. Chi ti ha trasportato così lontano dal tuo luogo di origine?». «La mia storia è molto lunga» sospirò Capitello, rasserenato dall aver vista riconosciuta la sua mascolinità. «Mi piacerebbe raccontartela perché ti ho letto nel pensiero. Ho capito così che la mia vicenda potrebbe esserti molto utile per condurre a buon fine la tua missione. So, infatti, che tu cerchi qualcuno che non conosci, e non sai neppure dove cercarlo». «Come puoi avere cognizione di queste cose, se non ne ho mai parlato con te?». «Ho vissuto per millenni a contatto con sacerdoti, maghi e indovini. Ho avuto tempo di apprendere tutte le loro arti, compresa quella di leggere il pensiero delle persone semplici. Per questo ti dico che conosco i tuoi crucci, e le domande che ti tormentano. Ebbene, io posso dare risposta a questi tuoi interrogativi». «Allora ti prego, parla, non mi allontanerò più da qui finché non avrai saziato tutta la mia brama di essere informato». Parlerò volentieri per te» concluse Capitello, «e per questo tuo amico or ora sopraggiunto». Frigeste si voltò; appena dietro a lui stava il rospo che, avendo quasi smaltito il pasto precedente, si era inoltrato sulle sue piste e l aveva raggiunto. «Or dunque amico rospo» l invitò Frigeste, «sii gentile, sosta anche tu qui accanto, e ascoltiamo insieme il racconto di Messer Capitello». Il rospo restò alquanto interdetto ma, essendo un

12 animale beneducato, dopo la prima indecisione scelse di aderire alla richiesta e si accomodò accanto a Frigeste, eseguendo con calma e accuratezza tutte le procedure poste ordinariamente in atto dai rospi quando si mettono comodi. Capitello si schiarì la gola e iniziò a raccontare. «Sappiate dunque che, molti millenni or sono, io ero parte di un grande tempio, il più grande del mondo, costruito su un vastissimo altopiano tra le cime dei monti Pangeidi. Là viveva l antichissimo e civile popolo che lo aveva eretto per farne la dimora di Poimandres, l essere supremo. O meglio: il popolo dei Pangeidi aveva destinato quel tempio a essere la sua casa, ma Poimandres non ha bisogno di templi di pietra. So per certo che egli abita ancora lassù sull altopiano, anche se il tempio ormai non esiste più». Fece una breve pausa per dare forza alla sua professione di fede, poi riprese: «Ma proseguiamo; dopo una lunghissima era di tranquillità, le congiunzioni astrali avverse causarono un grande gelo sul nostro pianeta. Tutto si ricoprì di ghiaccio, specialmente i monti più alti. Anche i mari gelarono, e il popolo dei Pangeidi finì quasi totalmente estinto. Solo pochissimi riuscirono a trovare luoghi particolarmente riparati, ove poter sopravvivere per tutto il tempo immemorabile durante il quale il freddo imperò. Anche il tempio di cui io facevo parte fu coperto da chilometri di ghiaccio. Il peso tremendo lo stritolò e ne frantumò ogni parte». Capitello sembrò rabbrividire al ricordo, come se la tragedia si stesse ripetendo in quell istante. «Che freddo, amici miei, che buio e che silenzio, per millenni e millenni! Ma come potete immaginare, i massi marmorei possono vivere molto a lungo, anche nelle peggiori condizioni. Se posso dire, è assai più disdicevole, per me, il vostro clima. Il vostro vento e le vostre piogge mi erodono senza sosta, i vostri uccelli scaricano su di me escrementi acidi che mi corrodono. Me tapino! Non durerò

13 a lungo, così». Dopo alcuni singhiozzi autocommiserativi riprese il racconto. «Quando la congiunzione astrale mutò, intervennero cambiamenti grandiosi nel clima. I ghiacciai più bassi cominciarono a sciogliersi, defluendo verso il mare, il cui livello si innalzò, contribuendo a generare un clima più temperato su tutto il pianeta. Questo accelerò lo scioglimento dei ghiacci anche nei luoghi più alti e freddi. Mano a mano che si tramutavano in acqua, precipitavano con la violenza di fiumi in piena verso le pianure, convogliando ogni cosa lungo il loro cammino. Anche sul mio altopiano i ghiacci si sciolsero, e io fui trascinato con loro verso il basso, sempre più lontano, fino a essere depositato proprio qui, in questa Palude. Ahimè! Le mie orecchie, che avevano ascoltato per migliaia di anni i canti e le preghiere sublimi dei sacerdoti di Poimandres, sono state costrette, per almeno altrettanti millenni, al vergognoso cicaleccio di infinite generazioni di rane, che mai, dico mai, hanno evoluto la loro cultura, neppure di una infinitesima frazione. Pur non avendo nulla di utile da dire, gracidano senza sosta giorno e notte. Per Poimandres, qualcuno mi porti via di qui, qualcuno mi liberi da questa tortura!». Sospirò più volte in preda a profonda afflizione. Infine si riprese, chiuse l ennesima parentesi interlocutoria e concluse. «Ora il tempio non esiste più, il popolo dei Pangeidi neppure. Credo che pochissimi di loro siano sopravvissuti. Probabilmente i superstiti si sono evoluti in nuove schiatte e hanno ripopolato questo pianeta. Ma io so che Poimandres è ancora lassù, perché egli è eterno». Capitello tacque, commosso nel ricordo. Anche Frigeste e il rospo tacquero, compresi nella sua commozione. E tuttavia, il loro cervello lavorava velocemente. Il rospo diceva tra sé e sé: «Sono curioso di vedere come finisce questa storia, non ho ancora capito bene cosa ci

14 guadagno io a starmene qui. Il sasso è indigesto, l omuncolo è ancora tutto impiastrato e puzza come un maiale». Interrogò i suoi alter ego come faceva abitualmente. Questi risposero: «Beh, aspetta e stai a vedere. Se il tizio sposta il masso, sotto troveremo centinaia di larve grassocce e gustose, che sembrano cresciute lì proprio per noi. Comunque, potrai decidere di andartene in ogni momento». Rassicurato da questa prospettiva, il rospo si acquetò. Dal canto suo Frigeste, dopo un ben calcolato tempo di rispettoso silenzio, decise che il ferro andava battuto finché era caldo, e si mise a pressare Capitello con domande ben scelte e mirate. «Ma dunque, Capitello, maestro mio, tu che hai scrutato i miei pensieri, dimmi: forse sei addivenuto alla conclusione che il luogo e la persona da me cercati abbiano qualcosa a che fare con il tempio e l altopiano da cui tu provieni, e con il grande Poimandres? Ma allora dimmi di più su questo luogo, e su questa divinità». Capitello non si fece pregare oltre.

15 Sui problemi esistenziali di Frigeste. Il Gran Consiglio degli Assistenti Contrari a Totale Zero era riunito al completo per la sua prima sessione di lavoro. Frigeste presiedeva silenzioso poiché, da quando il Gran Consiglio si era insediato, aveva delegato tutte le funzioni di coordinamento a un moderatore. L ordine del giorno verteva sulle problematiche spirituali del Presidente, ma inevitabilmente la discussione aveva finito per incentrarsi sull evento del giorno, l incontro con il grande piede. Il Contestatore aprì la discussione apostrofando un altro consigliere seduto tre posti più a destra. CONTESTATORE: «Voglio presentare una mozione di censura nei confronti del Fedele Cronista. Perché scrivi grande piede minuscolo? Questa è un offesa al Grande Piede; sappiamo tutti benissimo che merita rispetto. E inoltre». Il Fedele Cronista l interruppe piccato. FEDELE CRONISTA: «Non voglio mancare di rispetto al grande piede. Non posso negare però che lo reputo assurdo e detestabile. Egli si muove in mezzo alle creature della Palude con disprezzo supremo per tutti. Con quali criteri sceglie chi punire? Nessun criterio, vi dico: lo fa in modo assolutamente arbitrario e imprevedibile. Il grande piede presupporrebbe l esistenza di un grande corpo e di una grande mente, eppure non è così; non c è nulla di più irrazionale del suo comportamento. Calpesta, senza nessun discernimento,

16 uomini timorati delle divinità e criminali miscredenti. Si direbbe che il grande piede cominci con la grande scarpa e finisca con il grande ginocchio». DUBBIOSO: «Ma è possibile che il grande piede non abbia una logica che lo anima?». AGNOSTICO: «Certo, la logica del caso. Quella della assoluta irrazionalità. Nessuna mente dunque dietro la sua azione, nessun progetto!». FEDELE CRONISTA: «Se poi una mente ci fosse, allora la conclusione potrebbe essere ancora più terribile. Infatti, quando noi decidiamo di colpire un nemico, lo facciamo con un arma, o con le mani. Solo se l avversario suscita in noi un particolare ribrezzo, lo schiacciamo con il piede. Dunque non c è lealtà né giustizia, ma schifo e disprezzo nell azione esercitata dal grande piede. Lui disprezza noi, ergo, io disprezzo lui. Faccio il massimo che sta nelle mie possibilità per rimarcare questo giudizio: scrivo il suo nome in minuscolo. Tu, caro Contestatore, se vuoi pronuncialo in maiuscolo». PROFETA SAGGIO: «Scusami Fedele Cronista, qualcuno di noi potrebbe anche condividere le tue osservazioni, ma tu non stai scrivendo solo per te stesso. Ti pregherei quindi, per il rispetto dovuto ai nostri lettori, di scrivere i nomi propri in maiuscolo, in futuro». Anche il Moderatore intervenne. MODERATORE: «Anche io ho un appunto da farti, Fedele Cronista. Non condivido alcuni aspetti del tuo linguaggio. Stiamo trattando temi elevati, la nostra narrazione è volta a un pubblico colto e raffinato. Nell inizio della narrazione ti sei sbilanciato un po troppo con un termine, diciamo, volgare». FEDELE CRONISTA: «Bene, vedo che l ipocrisia regna. Cari colleghi, da dove venite voi? Non abitate forse in un mondo definito quasi da tutti proprio con il termine che io ho usato? Cosa c è di più comune nel nostro mondo, oltre l elemento che ho citato? Quale nobiluomo, comprese le menti più eccelse, non ha mai avuto a che fare con questo

17 elemento? Sappiate che i personaggi di questa storia, di cui sto scrivendo il resoconto, compresi voi, non sono affatto menti eccelse, né il loro habitat è quello di una reggia colma di pizzi e velluti; la loro avventura si svolge in un luogo fortemente inquinato dalla materia in questione. Essi sono immersi, simbolicamente e sostanzialmente, nell elemento che non citerò più, per non offendere la vostra sensibilità. Ho soltanto voluto evidenziare, fin dall inizio, che l ambiente in cui ci muoveremo non può prescindere né può ignorare questo dato di realtà. Tuttavia, apprezzo le buone finalità delle vostre critiche. Mi impegno quindi, su vostra cortese richiesta, a non citare più l elemento che tanto vi turba, e a scrivere Grande Piede in maiuscolo». MODERATORE: «Non ti abbiamo criticato per contrariarti, collega, ma vorremmo preservare la dignità della narrazione di cui noi stessi faremo parte, quindi apprezziamo il tuo proposito di mantenere per il futuro un linguaggio più civile. Non siamo bruti né selvaggi. Diamoci uno stile più signorile di quello del volgo da cui vogliamo elevarci». FEDELE CRONISTA: «Vi servirò come desiderate. Ci costruiremo un mondo fingendo che l elemento incriminato non sia necessario né abbia alcuna funzione, neppure quella metaforica che intendevo assegnargli». SARCASTICO: «Signori, da oggi viviamo in un mondo di cioccolata». MODERATORE: «Grazie, questo argomento è chiuso. Mettiamo ordine ai nostri lavori, colleghi. Riepiloghiamo gli avvenimenti. Il nostro Presidente e signore Frigeste di Liberaterra, anziché fuorviare la sua giovinezza nelle gozzoviglie, nei bagordi e nelle cattive compagnie, ha sempre meditato con profondità su se stesso e sul suo rapporto con il soprannaturale. Chi l ha posto su questa terra, si domandava? La madre? Certo, ma in modo del tutto inconsapevole e incolpevole, sulla base di leggi naturali che la poverina neppure conosceva. Il caso?

18 Probabile, ma non accettabile. Perché vedete, lui si è sempre ritenuto importante e prezioso, mentre la casualità comporta naturalmente l insignificanza. Ora, cari colleghi, Frigeste non vuole dar credito al postulato che lo ridurrebbe a essere un insignificante frutto del caso. All opposto, egli ritiene che qualche essere superiore abbia disposto affinché lui, proprio lui, venisse al mondo per un compito, una missione; comunque non per caso, ma per realizzare un progetto divino, prestabilito e suo personale. Quindi, colleghi, egli ha deciso di scoprire chi sia l iniziatore superiore della sua vita e quale sia la missione che è chiamato a svolgere. Per questo si è messo in viaggio, alla ricerca del mandante della sua esistenza. Purtroppo, per ora, non sa chi sia, né dove si trovi. Oggi però dobbiamo aggiornare queste informazioni, alla luce di un fatto gravissimo: Frigeste è stato vittima della aggressione del Grande Piede. Per fortuna, è sopravvissuto». RELIGIOSO: «Dunque, vediamo: Frigeste ritiene di essere chiamato a una missione; egli crede che il Fato sovrintenda al suo futuro e lo guidi verso l adempimento di quanto stabilito per lui. Se è così, egli deve prestare attenzione ai segni che il destino dispone sul suo cammino. Se, appena partito per la sua ricerca, il Grande Piede lo ha straziato e quasi ucciso, questa circostanza dovrebbe aiutarlo a concludere che il cammino intrapreso viene fortemente ostacolato; da ciò discende che il Fato vuole, probabilmente, indirizzarlo a scelte diverse». PROFETA SAGGIO: «Tutt altro. Io sostengo, invece, un opinione opposta. Proprio la circostanza che lo ha visto sopravvivere, per inverosimile sorte, all aggressione del Grande Piede, è segno evidente che il Fato gli è favorevole e lo aiuta». SARCASTICO: «Probabilmente lo aiuta un po sì e un po no». L assemblea ignorò questa interpretazione mediatoria e si divise fra le due tesi principali. Poiché tutti si

19 accaloravano e nessuno rinunciava alle proprie idee, il Sentenziatore intervenne. SENTENZIATORE: «Vorrei sottolineare l irrilevanza della vostra discussione, colleghi. C è, infatti, un punto di vista superiore, che la vanifica. Frigeste parte dal presupposto di essere importante. Egli ritiene addirittura che gli dei abbiano plasmato per lui un destino speciale. Ebbene, niente di più falso. Frigeste non è affatto importante, è solo una foglia prigioniera nella camera del vento, è una parola scritta nel cielo degli analfabeti. No, egli non è importante. Anzi, nessuno di voi lo è». DUBBIOSO: «Non dovremmo decidere tutti insieme che cosa è importante e che cosa no?». SENTENZIATORE: «Neanche per sogno; noi non possiamo decidere assolutamente nulla. Abitiamo l ultimo pecorile del castello, a noi compete solo il subire. Le cose importanti sono altre: le leggi, i principi, le convenzioni, i regnanti, i giudici, gli enti che governano qualsiasi attività. Tutto il resto è sempre relativo. La mia sentenza è questa: tutto è importante, tu invece sei relativo». CONTESTATORE: «Ma che bella conclusione da quattro soldi!». SENTENZIATORE: «Dimmi dunque, collega Contestatore, che cosa non ti piace nel mio ragionamento». CONTESTATORE: «Molte cose, anzi tutte: le tue affermazioni sono sbagliate nella loro totalità. Non è vero che nessuno di noi sia importante. Per quanto concerne poi l affermazione tu sei relativo, volendola concedere, avresti potuto dire: io sono relativo, oppure: qualcuno simile a me è relativo. Non ammetto che tu esprima giudizi di demerito su me o sugli altri». Molti consiglieri annuirono rumoreggiando. SENTENZIATORE: «Certo, non vi sentite rappresentati dalle mie sentenze, perché siete ignoranti. Voi sarete indiscutibilmente abili in altre attività, ma lasciate che sia io a emettere le massime, perché questa è la mia specializzazione».

20 RIBELLE: «Sei un bel presuntuoso, ringrazia gli dei che Frigeste ti abbia imposto come Sentenziatore, per mio conto sei solo un borioso pedante filosofo da strapazzo». DUBBIOSO: «Se ti senti tanto superiore, spiegaci il senso della tua affermazione in base alla quale nessuno di noi è importante». SENTENZIATORE: «Lo farò senza indugio. Noi, cari amici, siamo come canne in una sterminata pianura di pali di cemento. Quando tirerà vento, chi credete dovrà piegarsi?». RIBELLE: «Accidenti, e perché io sarei una canna e gli altri sarebbero pali di cemento?». SARCASTICO: «Evidente: perché la rigidità dei corpi è proporzionale alla loro massa cerebrale». RIBELLE: «In questo caso tu avresti la consistenza di un elastico, caro collega!». SENTENZIATORE: «I pali di cemento sono i grandi principi, che altri hanno stabilito prima che noi fossimo: il Grande Piede, la Grande Patria, il Grande Interesse Comune, e via dicendo. Tutti i principi sono grandi, naturalmente. Ma non solo i principi. Anche le leggi, da quelle universali fino alle più piccole, sono sempre grandi, sempre comunque più grandi di te e di me. Tutto è vincente su di noi. Noi tutti dobbiamo costantemente piegarci e sottometterci, affinché i grandi principi trionfino. In verità noi, povere canne al vento, non siamo un interesse superiore, quindi non siamo meritevoli di tutela. Noi siamo solo delle individualità inutili. Per l appunto, noi siamo relativi». PROFETA SAGGIO: «Ho sentito narrare, infatti, di come questa Palude sia circondata dalla grande Foresta dei Totem e degli Idoli, i quali stabiliscono e dettano le leggi che regolano la nostra vita. Effettivamente questi Totem sono come i pali di cemento descritti dal collega Sentenziatore; esistono e non possono essere discussi, e tutti noi dobbiamo solo inchinarci al loro potere. Se, come temo, il nostro Signore Frigeste vorrà proseguire il suo

21 viaggio, una volta che si sarà ripreso dal trauma inflittogli dal Grande Piede, certamente tenterà spingersi oltre i confini della Palude; allora saremo tutti chiamati a confrontarci con questa Foresta. Purtroppo, nessuno mai è riuscito ad attraversarla. È come un muro di cemento invalicabile». Una rana, che fino a quel momento aveva parlottato con le vicine, colse il senso del discorso come sanno fare tutte le rane che partecipano alle assemblee parlottando con le vicine, e cominciò a ballare incitando tutte le altre: «Che bello! Che bello! Pare che Frigeste di Liberaterra voglia costruire un muro di cemento attorno alla Palude! Chissà perché?». Tutte eccitate le altre rane si impegnarono in ardite speculazioni: «Vuole proteggerci dai predatori esterni!» oppure: «Ma no, forse vuole creare una barriera che ci ripari dal vento!». Al che altre obiettavano: «Ripararci dal vento? Ma non sarebbe meglio creare, con la stessa spesa, un grande ombrello per ripararci dalla pioggia?». Poi però, ricordando di essere anfibie, facevano spallucce e bofonchiavano con sussiego: «Beh, facciano quello che vogliono, tanto, come al solito, sono soltanto promesse inutili!». Il Moderatore richiamò il pubblico a un comportamento più consono alla dignità del luogo, minacciando di sgomberare l aula, e riprese il controllo della riunione. Ormai però l aria si era fatta elettrica. Si viveva l atmosfera tipica di quelle riunioni frequentate dai grandi uomini abituati a lasciare le loro tracce nel consesso umano, dove anche i colpi di tosse dell usciere assumono valenza storica. CONTESTATORE: «Ci siamo imbarcati proprio in una bella avventura! Ci logoriamo i piedi in questa Palude malsana, cercando che? Un luogo sconosciuto! Il mondo è

22 pieno di luoghi conosciutissimi e assai più confortevoli di quello che ci ostiniamo a cercare invano. Perché non ripieghiamo su qualcuno di questi?». PROFETA DI SVENTURA: «Pare poi che per raggiungere questo luogo ci si debba allontanare dalla nostra amatissima Palude, per andare a morire nella terrificante Foresta dei Totem e degli Idoli. Se pure riuscissimo a superarla, cosa troveremmo di buono al di là, se non mostri, draghi, e mangiatori di uomini? Vi avverto, se inizieremo questa avventura, non ne usciremo vivi». SARCASTICO: «Se mai incontreremo belve simili, sapremo bene chi tra noi dare in pasto per primo, in modo da farle morire subito avvelenate». INTRAPRENDENTE: «Fratelli cari, ho appena iniziato una attività assai remunerativa, raccolgo le uova dei ditischi, le covo, e quando sono belle gonfie le rivendo agli uccelli acquatici, confezionate in pacchi da due dozzine. Sto facendo soldi a palate, sarò presto ricoperto d oro. Cosa mi importa di andarmene dalla Palude, per cercare non si sa chi, non si sa in quale luogo?». CREDENTE: «Pace, pace! E soprattutto speranza! Possibile che la nostra maggiore ambizione sia quella di vivere qui covando uova di ditischi, in attesa che il Grande Piede venga a schiacciarci? Non riusciamo a darci mete più alte? Non abbiamo speranze capaci di vincere la nostra paura dell ignoto? Eppure, nell ignoto ci attende l incontro con chi è al di sopra del Grande Piede, e ce ne può liberare. Non credete che valga la pena di provare?». CINICO: «Forse il Grande Piede ci risparmierà, se gli offriamo una bella partita di uova di ditisco». FEDELE CRONISTA: «Se sarà necessario partire, io mi incamminerò volentieri. Certamente il desiderio di avventura vive nel cuore di ogni Fedele Cronista come me, ma questo è un motivo secondario tra quelli che mi spingono ad accettare la sfida. Il principale è che io sono indispensabile. Comunque vada, ritengo che ci sarà

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43)

Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) Parrocchia S. M. Kolbe Viale Aguggiari 140 - Varese Il Regno dato a gente che ne produca i frutti (Mt 21,43) 1. PREGHIAMO INSIEME Salmo 80 (79) 1 Al maestro del coro. Su «Il giglio della testimonianza».

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá Novena del lavoro 4a San Josemaría Escrivá Preghiera a San Josemaría San Josemaría Escrivá Fondatore dell'opus Dei PREGHIERA Oh Dio, che per mediazione di Maria Santissima concedesti a San Josemaría, sacerdote,

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli