REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE IN EMERGENZA ABITATIVA DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE E/O DELLO I.A.C.P.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE IN EMERGENZA ABITATIVA DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE E/O DELLO I.A.C.P."

Transcript

1 COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE IN EMERGENZA ABITATIVA DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE E/O DELLO I.A.C.P. DI BRINDISI ADIBITI A CASE PARCHEGGIO. Premessa Il presente regolamento disciplina i criteri di assegnazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica di proprietà dello I.A.C.P. e/o del Comune di Brindisi destinati ai casi di emergenza abitativa. Con il seguente regolamento si riordinano, pertanto, in modo organico i criteri in base ai quali la Commissione per l'emergenza Abitativa, appositamente costituita con il presente Regolamento, può individuare i soggetti aventi titolo all'assegnazione di alloggio al di fuori delle graduatorie del bando generale di cui alla Legge Regione Puglia n.54/84. ARTICOLO 1 Per l'assegnazione degli alloggi di proprietà comunale e dello I.A.C.P. destinati a case parcheggio, si provvederà mediante bando di concorso pubblico. ARTICOLO 2 Ha diritto all assegnazione di un alloggio parcheggio, purché in possesso alla data del bando, di tutti i sotto elencati requisiti: a) chi ha la cittadinanza italiana. b) chi è cittadino di uno Stato aderente all Unione Europea o di altro Stato non aderente all Unione Europea, sempre che, in tale ultimo caso, il cittadino straniero sia titolare di carta di soggiorno o regolarmente soggiornante ed iscritto nelle liste di collocamento od esercitante una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo; c) chi ha la residenza anagrafica nel Comune di Brindisi da almeno due anni; d) chi non sia titolare, esso o i componenti il proprio nucleo familiare, nel territorio della Provincia, del diritto di proprietà, di usufrutto, di uso e di abitazione di un alloggio anche abusivo ovvero, in qualsiasi località, di uno o più alloggi, anche abusivi, il cui valore locativo complessivo determinato ai sensi della legislazione vigente in materia sia almeno pari al valore locativo di alloggio adeguato con condizioni abitative medie nell ambito territoriale cui si riferisce il bando di concorso. Potrà richiedersi all interessato copia del contratto di locazione registrato ai fini della suddetta valutazione per rapportarlo ai canoni medi della Città di Brindisi; 1 pag. di 14

2 e) chi, esso o i componenti il proprio nucleo familiare, non abbia mai ottenuto l'assegnazione, in locazione semplice, in proprietà, promessa di futura vendita o locazione con patto di futura vendita, di un alloggio di edilizia economica e popolare e di E.R.P.; f) chi non abbia abbandonato e/o ceduto, in tutto od in parte, fuori dai casi previsti dalla legge, l alloggio di edilizia economica e popolare e di E.R.P. del quale era assegnatario in precedenza in locazione semplice; g) chi fruisca di un reddito annuo complessivo per nucleo familiare non superiore al limite vigente al momento della scadenza del bando di concorso, determinato ai sensi dell'art. 21 della Legge 05/08/1978 n 457 e successive modifiche ed integrazioni; h) chi non occupi, alla data di pubblicazione del bando pubblico, un alloggio di edilizia residenziale pubblica senza le autorizzazioni previste dalle disposizioni in vigore; REQUISITI SPECIFICI PER L'ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI E.R.P., ADIBITI A CASE PARCHEGGIO, A NUCLEI FAMILIARI IN SITUAZIONI DI EMERGENZA ARTICOLO 3 Requisiti richiesti in tutti i casi di emergenza abitativa determinata da procedura esecutiva di rilascio dell'abitazione. 1. La Commissione Emergenza Abitativa, di cui ai successivi articoli, per la valutazione della sussistenza dell'emergenza abitativa, verifica che i cittadini sottoposti a sfratto o ad altre procedure esecutive di rilascio dell'abitazione, possiedano, oltre a quelli di legittimità richiamati all'articolo 2 del presente regolamento, anche i seguenti requisiti: 1) residenza del richiedente nell'alloggio oggetto di procedura esecutiva di rilascio; 2) presenza di titolo esecutivo di rilascio emesso successivamente alla sentenza di convalida dello sfratto (precetto o monitoria di sgombero o successivo rinvio) notificato almeno sei (6) mesi prima della data di pubblicazione del bando; 3) presentazione dell'istanza finalizzata ad ottenere l'assegnazione di alloggio a fronte di una situazione di emergenza abitativa in data antecedente al rilascio dell'abitazione; 4) l'esecuzione non deve essere avvenuta a seguito di accordo tra le parti (es. verbale di conciliazione). In ogni caso l'alloggio non dovrà essere stato rilasciato spontaneamente prima della conclusione della procedura esecutiva; 5) il rapporto contrattuale tra proprietario ed inquilino soggetto a procedura di sgombero deve essere di natura locativa e non trarre origine da rapporti diversi quali comodato, diritto di abitazione né derivare da occupazione senza titolo accertata con sentenza (es. subaffitto non autorizzato); 2 pag. di14

3 6) l'istanza di assegnazione in emergenza abitativa e le autocertificazioni richieste a corredo devono essere compilate in modo completo così da consentire l'acquisizione di tutte le informazioni necessarie per l'istruttoria della pratica. ARTICOLO 4 Requisiti richiesti in tutti i casi di emergenza abitativa determinata da sfratto per finita locazione 1. In caso di sfratto per finita locazione non sono richiesti requisiti ulteriori rispetto a quelli elencati nel precedente articolo. ARTICOLO 5 Ulteriori requisiti richiesti nei casi di emergenza abitativa determinata da decreto di trasferimento 1. In presenza di decreto di trasferimento a seguito di pignoramento immobiliare, possono presentare istanza per l'assegnazione di alloggio in emergenza abitativa sia il proprietario esecutato, sia l'inquilino dell'alloggio oggetto della procedura esecutiva. 2. In caso di istanza presentata dall'inquilino, quest'ultimo dovrà dimostrare di essere titolare di contratto di locazione stipulato in data anteriore al decreto di trasferimento e comunque almeno sei mesi prima della data di notifica del decreto di trasferimento. 3. Non costituisce titolo per il riconoscimento della condizione di emergenza abitativa il contratto che, dagli accertamenti effettuati, risulti stipulato al solo fine di trarre beneficio dalla procedura di rilascio già intrapresa nei confronti del proprietario. ARTICOLO 6 Ulteriori requisiti richiesti nei casi di emergenza abitativa determinata da procedura di sfratto per morosità incolpevole 1. Gli sfratti per subentrata morosità nel pagamento del canone di locazione o delle spese accessorie non costituiscono casi di emergenza abitativa per i quali è prevista l'assegnazione di un alloggio parcheggio. 2. In deroga a tale regola generale, la Commissione per l'emergenza Abitativa, può esprimere all'unanimità dei presenti parere favorevole al riconoscimento di tal casi di emergenza abitativa (o all'assegnazione di un alloggio) in casi di gravi e comprovate situazioni di debolezza sociale, entro i limiti previsti dalle norme, ed economica, ovvero, oltre a quanto previsto dal presente Regolamento, qualora ricorrano anche i sottoelencati ulteriori requisiti: 1) regolare corresponsione del canone di locazione per almeno dieci mesi prima dell'insorgere della morosità; 2) presenza di almeno una delle seguenti condizioni di assistenza o di assistibilità da parte dei Servizi Sociali cittadini del nucleo familiare sottoposto a sfratto: a) fruizione di contributi economici a sostegno del nucleo familiare successiva alla data dell'insorgenza della morosità; 3 pag. di14

4 b) alla medesima data, conoscenza del nucleo familiare da parte dei Servizi Sociali per interventi a sostegno di problematiche sociali e contemporaneo possesso dei requisiti per la concessione dei contributi a sostegno della famiglia con basso reddito; c) richiesta di contributi economici a sostegno del reddito nel periodo immediatamente successivo alla data dell'insorgere della morosità e possesso dei requisiti per tale concessione alla data di valutazione della domanda da parte della C.E.A.; 3) la C.E.A. può altresì esprimere parere favorevole al riconoscimento di emergenza abitativa (o all'assegnazione di un alloggio) qualora la morosità sia insorta a causa di: a) riduzione del reddito del nucleo familiare ad una somma inferiore al 50% del limite di legge per l'accesso all'e.r.p., perdurante per almeno 6 mesi, durante i quali sia insorta la morosità. Detta riduzione del reddito deve conseguire a comprovate cause indipendenti dalla volontà del nucleo familiare richiedente quali, a titolo esemplificativo, perdita del posto di lavoro, mobilità, riduzione dell'orario di lavoro, infortunio sul lavoro, detenzione del capo famiglia, etc.; b) riduzione in misura non inferiore al 30%, del reddito annuo complessivo del nucleo familiare dovuta a spese sanitarie fiscalmente deducibili causate da gravi motivi di salute riferiti ad un componente il nucleo familiare. ARTICOLO 7 Ulteriori requisiti richiesti nei casi di emergenza abitativa determinata da ordinanza di sgombero per inagibilità o inabitabilità dell'alloggio occupato 1. La C.E.A. può considerare casi di emergenza abitativa quelli determinati dall'emissione di ordinanza di sgombero, per inagibilità o inabitabilità dell'alloggio occupato, nei casi di sgombero per ragioni di ordine pubblico o anche nei casi di soggetti che occupano stabilmente, nel territorio comunale (a tal fine, saranno presi in considerazione esclusivamente i nuclei familiari già censiti e/o individuati da questo Comune alla data di approvazione del presente Regolamento) strutture di proprietà pubbliche o private mancanti dei requisiti della agibilità e/o abitabilità, per i quali sussistano i seguenti requisiti: a) residenza da almeno due anni nell'alloggio oggetto di ordinanza, occupato in virtù di contratto di locazione oppure titolarità di contratto di locazione sottoscritto almeno due anni prima della presentazione della domanda di assegnazione; b) l'ordinanza di sgombero deve avere carattere definitivo. 2. Non costituiscono titolo per presentare domanda di emergenza abitativa le ordinanze temporanee per rifacimento lavori o quelle emesse per sovraffollamento dell'alloggio, a meno che non prevedano l'ordine di sgombero coatto degli occupanti. 4 pag. di14

5 ARTICOLO 8 Ulteriori requisiti richiesti nei casi di emergenza abitativa determinata da provvedimento di separazione tra coniugi 1. In presenza di provvedimento del giudice, emesso a seguito di separazione tra i coniugi (omologazione della separazione consensuale o sentenza di separazione), che assegna l'alloggio coniugale, il coniuge tenuto ad abbandonarlo può presentare domanda di assegnazione di alloggio in emergenza abitativa a seguito dell'emissione del provvedimento esecutivo di rilascio di cui all'articolo 3, punto 2) del presente regolamento. 2. In difetto di tale ultimo requisito la Commissione potrà, comunque, esaminare casi in cui sussistano comprovate e documentate situazioni di difficoltà del protrarsi della convivenza quali, ad esempio, separazione giudiziale a seguito di maltrattamenti, presenza di denunce o querele, etc. ARTICOLO 9 Requisiti richiesti per emergenza abitativa in capo a nuclei familiari segnalati dai Servizi Sociali e Socio Sanitari 1. Nell'ambito del processo di soluzione dell emergenza abitativa, i Servizi Sociali ed i Servizi Socio Sanitari della Città possono segnalare alla C.E.A., per la partecipazione all'assegnazione di un alloggio pubblico, i nuclei che si trovino in almeno una delle seguenti condizioni tali da ricondurre il caso nell'ambito dell'emergenza abitativa: 1) siano inseriti in strutture o istituzionalizzati, quali gli ospiti in strutture di accoglienza, comunità, minori in affidamento familiare prossimi alla maggiore età, persone che, al termine di specifici progetti personalizzati di reinserimento, siano in fase di dimissione da tali strutture; 2) siano a rischio di istituzionalizzazione se tale rischio è determinato da abitazione estremamente inadeguata o degradata ed il relativo disagio abitativo causi convivenze gravemente conflittuali con persone del nucleo familiare portatrici di gravi problemi di tipo sanitario o psicologico-psichiatrico; 3) siano privi di una abitazione e conducano stili di vita marginali (in particolare i c.d. "senza fissa dimora") e nei cui confronti i Servizi effettuino la segnalazione ai fini della chiusura del processo di aiuto; 4) vivano in alloggi non adeguati a causa di gravi difficoltà motorie o patologiche fortemente invalidanti di cui siano portatori. ARTICOLO 10 Concetto di nucleo familiare Per nucleo familiare si intende la famiglia costituita anche da una sola persona, ovvero da coniugi, da figli legittimi, naturali, riconosciuti, adottivi, con loro conviventi nonché da affidati per il periodo dell effettivo affidamento. 5 pag. di14

6 Fanno, altresì, parte del nucleo familiare il convivente, gli ascendenti, i discendenti, i collaterali fino al 3 grado, gli affini fino al 2 grado purché la stabile convivenza con il concorrente duri da almeno due anni prima della data di pubblicazione del bando di concorso e sia finalizzata alla reciproca assistenza morale e materiale e purché i componenti siano inseriti nello stato di famiglia. ARTICOLO 11 Modalita' di formazione della graduatoria Sulla base delle situazioni economiche e familiari, previste dalla Legge e dal Regolamento Comunale, dichiarate e documentate dal richiedente, il Comune procede alla verifica dell ammissibilità della domanda e all'attribuzione dei punteggi spettanti per ciascuna domanda. Con cadenza semestrale saranno effettuati aggiornamenti della graduatoria vigente, tale adempimento ha carattere perentorio. I termini per presentare la domanda o gli aggiornamenti da parte dei soggetti interessati, perché possano essere inseriti negli aggiornamenti periodici della graduatoria per l assegnazione degli alloggi, saranno semestrali a partire dalla data di scadenza del primo bando pubblico utile. L emanazione della graduatoria aggiornata ai fini dell assegnazione degli alloggi con le domande nuove e gli aggiornamenti presentati entro i termini di cui sopra, avverrà, di norma, entro il terzo mese successivo a quello indicato come chiusura per raccolta delle istanze. Ai fini dell'assegnazione degli alloggi di ERP ogni nuova graduatoria sostituisce la precedente. ARTICOLO 12 Riserve E riservata una aliquota, non superiore al 5% (arrotondato alla unità sueriore) degli alloggi da assegnare, a favore dei soggetti collocati in graduatoria che, al momento della presentazione della domanda, abbiano superato il sessantacinquesimo anno di età e/o presentino nel proprio nucleo familiare portatori di handicap, con invalidità certificata dagli organi medici competenti non inferiore a 66%, così come previsto dall art.1 della Legge n.9/2006, e che siano soggetti sottoposti a provvedimento di rilascio dell alloggio. E prevista, altresì, una ulteriore aliquota non superiore al 1% (arrotondato alla unità superiore) degli alloggi da assegnare a favore di esuli politici. ARTICOLO 13 Modalità di presentazione delle domande-graduatoria Le domande di partecipazione al bando di concorso in distribuzione anche presso le Delegazioni Comunali devono, a pena di inammissibilità, essere redatte su apposito modello fornito dal Comune di Brindisi. 6 pag. di14

7 Le domande, redatte in carta semplice con allegata fotocopia del documento di identità del richiedente, dovranno indicare il possesso dei requisiti di cui agli artt. 2 e 3 e successivi articoli, ed essere inviate al Comune di Brindisi - Ufficio Casa - entro 30 giorni dalla data dell'avviso pubblico, a mezzo raccomandata postale r.r. o brevi manu al Protocollo Generale del Comune. Sulla busta deve essere scritto in modo leggibile esclusivamente la frase Domanda casa parcheggio. Il timbro apposto dall Ufficio Postale e/o dal Protocollo Generale fa fede del rispetto del termine per la presentazione della domanda. Non può essere presentata più di una domanda per ciascun nucleo familiare. L'Amministrazione Comunale aprirà specifico sportello di distribuzione, oltre alla distribuzione attraverso le Delegazioni Comunali, consulenza e approntamento delle domande avvalendosi anche del contributo delle Associazioni di categoria. I1 Dirigente del Settore Patrimonio-Casa ed il Capo Sezione Amministrativo coordineranno tale attività. Le domande di adesione delle Associazioni di categoria, volontari e a titolo del tutto gratuito, vanno indirizzate entro 5 giorni dalla data dell'avviso pubblico al Dirigente di cui sopra. La pubblicazione del Bando di Concorso per l assegnazione in emergenza abitativa di alloggi di proprietà del Comune e/o dello IACP della Provincia di Brindisi adibiti a case parcheggio, comporterà l annullamento di eventuali Bandi e/o Avvisi precedentemente pubblicati. L organo competente procederà all'esame delle istanze a partire dai 30 gg. successivi alla scadenza dei termini di spedizione delle domande. Di tutte le domande regolarmente presentate viene formata una graduatoria nella quale ciascuna domanda viene collocata secondo il punteggio attribuito in base alle dichiarazioni in essa contenute. Delle altre domande viene formato l elenco degli esclusi nel quale sono indicati i motivi della esclusione. I concorrenti che risulteranno utilmente collocati in graduatoria dovranno provare il possesso, sin dalla data di pubblicazione del bando di concorso pubblico e la permanenza, anche al momento della consegna dell alloggio, dei requisiti e delle condizioni oggettive in base alle quali è stato loro attribuito il punteggio. L approvazione della Graduatoria Definitiva comporterà la decadenza di tutte le graduatorie per l assegnazione di alloggi parcheggio precedentemente approvate. ARTICOLO 14 Punteggi per la formazione della graduatoria I1 punteggio sarà attribuito secondo i seguenti criteri: A) CONDIZIONI SOGGETTIVE a1) per il reddito familiare complessivo derivante dalla Dichiarazione I.S.E.E.: -da 0 a punti 5 -da a punti 4 -da a punti 3 7 pag. di14

8 -da a punti 2 -da a punti 1 a2) il nucleo familiare composto: - da 1 unità.... punti 1 - da 2 unità.... punti 2 - da 3 unità.... punti 3 - da 4 unità.... punti 4 - da 5 unità....punti 5 - da 6 unità....punti 6 - da 7 ed oltre......punti 7 a3) richiedenti che abbiano superato il sessantacinquesimo anno di età alla data di presentazione della domanda:. punti 2 a4) famiglie con anzianità di formazione non superiore a due anni alla data della domanda: punti 1 Il punteggio è attribuibile: - a condizione che nessuno dei due componenti la coppia abbia superato il trentacinquesimo anno di età: - soltanto quando la famiglia richiedente viva in coabitazione, occupi locali a titolo precario o, comunque, dimostri di non disporre di alcuna sistemazione abitativa adeguata. Lo stesso punteggio è attribuito a famiglie la cui costituzione è prevista entro 1 anno e comunque avvenga prima dell'assegnazione dell'alloggio. a5) presenza di portatori di handicap del nucleo familiare, da certificare da parte delle autorità competenti (ai fini dell'attribuzione del punteggio, si considera portatore di handicap il cittadino affetto da menomazioni di qualsiasi genere che comportino una diminuzione permanente della capacità lavorativa superiore a 2/3):....punti 2; Sarà attribuito punto 1 per ogni ulteriore soggetto portatore di handicap presente nel nucleo familiare; a6) nuclei familiari che rientrino in Italia o che siano rientrati da non più di 12 mesi dalla data del bando, per stabilirvi la loro residenza (emigrati, profughi): punti 1; B) CONDIZIONI OGGETTIVE b1) richiedenti che abitino con il proprio nucleo familiare da almeno 1 anno dalla data del bando in locali adibiti impropriamente ad alloggio: - da oltre 5 anni punti 5; - da meno di 5 anni..punti 4; 8 pag. di14

9 b2) richiedenti che abitino con il proprio nucleo familiare da almeno 1 anno dalla data del bando, in alloggio antigienico, così come definito dall'art. 6, comma 1, lett. b2, della L.R n 54:... punti 2; b3) chi occupa stabilmente, nel territorio comunale, un alloggio che debba essere lasciato subito libero e sgombero da persone e cose, senza possibilità di ottenere proroghe, in seguito a verbale di conciliazione in sede giudiziaria o sentenza o ordinanza esecutiva di sfratto, con esclusione degli sfratti causati da morosità salvo quanto disposto all art.6 dal presente regolamento:.punti 4; Lo stesso punteggio sarà attribuito anche per le condizioni soggettive di cui agli articoli 5, 6, 7 e 8 del presente Regolamento. b4) richiedenti che abitino alla data del bando di concorso, in condizioni di sovraffollamento rispetto allo standard abitativo regionale, così come stabilito dall'art. 2, lett. b), della L.R n 54: - oltre 1 persona. punti 1; - oltre 2 persone. punti 2; - oltre 3 persone. punti 3; - oltre 4 persone. punti 4; b5) richiedenti che abitino con il proprio nucleo familiare, da almeno due anni dalla data del Bando, in uno stesso alloggio con altro o più nuclei familiari, ciascuno composto almeno da due unità:.. punti 2; b6) richiedenti che abitino in un alloggio il cui canone incida in misura non inferiore al 25% sul reddito annuo complessivo del nucleo familiare, determinato ai sensi dell art. 21 Legge n. 457/78 e successive integrazioni:... punti 1; Non sono cumulabili i punteggi tra le lettere b1, b2, b3, b4, b5; il punteggio di cui al comma b3 non è cumulabile altresì con b4; ARTICOLO 15 LA COMMISSIONE PER L'EMERGENZA ABITATIVA (C.E.A.) Composizione - Durata 1. La Commissione per l'emergenza Abitativa (C.E.A.) ha la funzione di valutare il possesso dei requisiti formali e sostanziali dei nuclei familiari in condizione di emergenza abitativa. 2. La predetta Commissione è costituita così come stabilito dall art.34 del vigente Regolamento Comunale dell Utenza con la partecipazione di tutte le associazioni sindacali di categoria maggiormente rappresentative a livello comunale. 3. I componenti e i loro eventuali delegati sono individuati con Deliberazione della Giunta Comunale. 4. La funzione di Segretario della Commissione, è attribuita ad un funzionario o impiegato del Settore Patrimonio-Casa Ufficio Politiche Abitative. 5. Partecipano, inoltre, senza diritto di voto, alle riunioni della Commissione con ruolo di supporto politico-amministrativo: 9 pag. di14

10 - Il Presidente, o suo delegato, della Commissione Consiliare Casa; - Due componenti, uno di maggioranza e uno di minoranza, della Commissione Consiliare Casa; 6. La Commissione ha carattere permanente. 7. Considerato, peraltro, la sua composizione mista tecnico-politica, i Consiglieri comunali che ne fanno parte vengono nominati con deliberazione di Giunta Comunale, su designazione della Conferenza dei Capigruppo, successivamente all'insediamento di ogni nuova Amministrazione. ARTICOLO 16 Funzionamento della Commissione Emergenza Abitativa 1. Nel corso della prima riunione, la Commissione procede all'elezione del Vicepresidente. 2. La Commissione si riunisce con cadenza periodica continuativa (generalmente due volte la settimana) e si considera validamente costituita con la partecipazione di almeno la metà più uno dei suoi componenti. 3. La Commissione delibera, di regola, all'unanimità. In caso di mancato accordo tra i componenti, la Commissione delibera a maggioranza dei presenti; in caso di parità di voti prevale il voto del Presidente. 4. Ai componenti la Commissione o loro eventuali delegati, per la partecipazione alle riunioni, non verrà corrisposto nessun un gettone di presenza. ARTICOLO 17 Competenze della Commissione per l'emergenza Abitativa 1. Alla C.E.A. sono attribuite le seguenti competenze: - formulazione della graduatoria sulle istanze di assegnazione avanzate dai nuclei familiari a seguito di bando pubblico; - formulazione di parere di merito sulle istanze di assegnazione di alloggi di E.R.P. avanzate autonomamente da nuclei familiari sottoposti a procedura esecutiva di rilascio dell'abitazione; - formulazione di parere di merito in ordine alla sussistenza della condizione di emergenza abitativa in capo a nuclei familiari segnalati dai Servizi Sociali del Comune di Brindisi o dai Servizi Socio - Sanitari dell A.S.L. territoriale; - valutazione delle istanze di riesame presentate a seguito di eventuale parere negativo espresso dalla Commissione; - eventuali pareri previsti dalle norme vigenti in materia; - analisi di problematiche abitative e di eventuali politiche o iniziative che la Città ritiene opportuno adottare, anche in coordinamento con i Servizi Sociali e Sanitari e con eventuali altri soggetti coinvolti. 10 pag. di14

11 2. Il parere espresso dalla C.E.A. ha carattere obbligatorio non vincolante. L'Amministrazione è tenuta, pertanto, a motivare eventuali provvedimenti assunti in difformità. 4. La C.E.A. potrà disporre l'archiviazione della pratica di emergenza abitativa, senza pronunciarsi nel merito, ove l'interessato sia inserito nell'elenco definitivo del Bando Generale con un punteggio utile ai fini dell'assegnazione. 5. La C.E.A., nel corso dell'esame delle domande, potrà compiere ulteriori accertamenti, sulle condizioni soggettive ed oggettive dichiarate dal richiedente. L'assegnazione dell'alloggio sarà fatta mediante provvedimento del Dirigente del Settore Patrimonio e Casa, in esecuzione della graduatoria formata. ARTICOLO 18 Termine per la presentazione delle istanze di riesame e ricorsi 1. Avverso il parere contrario all'assegnazione di alloggio in emergenza abitativa espresso dalla C.E.A., il richiedente ha facoltà di presentare richiesta di riesame, opportunamente motivata e documentata, entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione del predetto parere. 2. La C.E.A. esamina tale richiesta per valutare la sussistenza dell'emergenza abitativa in base ai requisiti previsti dal presente regolamento. 3. Qualora l'istanza venga respinta, non potranno essere esaminate dalla Commissione ulteriori richieste di riesame; il richiedente avrà, comunque, facoltà di presentare ricorso giurisdizionale ai sensi e nei termini di legge, così come evidenziato nella comunicazione del diniego di assegnazione a cura degli Uffici. ARTICOLO 19 Dichiarazioni non veritiere rese dal richiedente. Conseguenze 1. A seguito della presentazione delle domande di assegnazione di alloggio in emergenza abitativa e successivamente alle segnalazioni inoltrate dai Servizi Socio- Sanitari, gli uffici competenti procedono all'istruttoria delle istanze. 2. Qualora, a seguito dei controlli effettuati tramite consultazione diretta degli archivi informatici disponibili e degli accertamenti esperiti dal Nucleo dei Vigili Urbani, emerga la non veridicità delle dichiarazioni sostitutive di certificazione e/o di atto di notorietà rese dal richiedente o dai componenti il suo nucleo familiare, non sanabile ai sensi dell'articolo 71 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445 e s.m.i., la C.E.A. esprimerà parere contrario all'assegnazione di alloggio ai sensi ed in applicazione dell'articolo 75 del citato D.P.R. 445/2000 e s.m.i.. L'articolo citato prevede, infatti, che in caso di non veridicità del contenuto della dichiarazione "il dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base della dichiarazione non veritiera". 11 pag. di14

12 ARTICOLO 20 Segreto d'ufficio 1. I componenti ed i partecipanti alle sedute della C.E.A. sono tenuti al segreto d'ufficio. 2. E' vietato trasmettere o divulgare, con qualunque mezzo, a chi non ne abbia diritto, informazioni o notizie di cui si venga a conoscenza nel corso e per effetto dell'attività della Commissione. ARTICOLO 21 Assegnazione-Decadenza L'assegnazione è a titolo temporaneo e precario. L'alloggio occupato dovrà essere lasciato libero e sgombro da persone e cose, subito dopo l'assegnazione e la consegna di alloggi di E.R.P. o di altro alloggio assegnato a titolo precario o definitivo. In caso di inottemperanza sarà emesso provvedimento di sgombero da parte del Dirigente del Settore Patrimonio Casa. Il Comune dichiara la decadenza dall assegnazione della casa parcheggio nelle forme di cui al successivo articolo, quando vengono meno i requisiti di cui agli artt. 2 e 3 del presente Regolamento ed in caso di rinuncia non adeguatamente motivata dell assegnazione di alloggi di E.R.P. o di altri alloggi assegnati a titolo precario o definitivo. L'assegnatario è obbligato a partecipare ai bandi di concorso che verranno pubblicati per l'assegnazione di alloggi di E.R.P.. La mancata presentazione della domanda, comporterà la decadenza dell'assegnatario dal diritto di detenere l'alloggio parcheggio, con obbligo di rilascio immediato dell'immobile stesso in favore dell'ente proprietario. Il Dirigente del Settore Patrimonio Casa, sentito il parere della C.E.A. non vincolante, dichiara la decadenza dall assegnazione dell alloggio parcheggio, secondo le forme e con le modalità stabilite dalla Legge Regionale 20 dicembre 1984, n. 54 e successive modificazioni ed integrazioni. La decadenza dall assegnazione comporta la risoluzione di diritto del contratto di locazione ed il rilascio immediato dell alloggio parcheggio. Per tutto quanto non previsto si rimanda alle Leggi e ai Regolamenti Comunali in materia. ARTICOLO 22 Coabitazione-Occupazioni senza titolo E ammessa, previa autorizzazione del Comune, la coabitazione e/o l ospitalità temporanea di terze persone per un periodo non superiore ad un anno, qualora l istanza dell assegnatario scaturisca da obiettive esigenze di assistenza a tempo determinato o da altro giustificato motivo da valutarsi da parte del Comune medesimo. Tale coabitazione e/o ospitalità a titolo precario non ingenera nessun diritto al subentro e non comporta nessuna variazione di carattere gestionale. 12 pag. di14

13 Nel caso di occupazioni abusive, il Dirigente del Settore Patrimonio Casa diffida con Raccomandata A.R., gli occupanti senza titolo di alloggi di proprietà Comunale che non possono beneficiare della regolarizzazione del rapporto locativo, a rilasciare l immobile occupato. Qualora l occupante, entro quindici giorni dalla diffida, non fornisca prove certe circa il possesso dei requisiti per l assegnazione in sanatoria, il medesimo Dirigente emette apposita Ordinanza di Rilascio, contenente un termine per la spontanea esecuzione, non eccedente giorni trenta. In caso di mancato rilascio dell alloggio nel termine suindicato, si procederà coattivamente nei confronti dell occupante senza titolo, al quale saranno precluse future assegnazioni di alloggi comunali. ARTICOLO 23 Canone sociale Il canone mensile di locazione dei predetti alloggi, sarà determinato con gli stessi criteri fissati dalla L.R , n. 54 e successive modifiche e integrazioni e dai vigenti Regolamenti Comunali in materia. ARTICOLO 24 Mobilità in alloggi parcheggio Allo scopo di eliminare le condizioni di sovraffollamento, negli alloggi parcheggio di proprietà Comunale e IACP, il comune indice apposito Bando di Mobilità, cui possono partecipare tutti gli assegnatari di alloggi il cui standard abitativo, non sia adeguato rispetto alla composizione del nucleo familiare. E adeguato l alloggio la cui superficie utile, determinata ai sensi dell art.13, 3 comma, della legge n 392,. sia non inferiore ai 40 mq. per un nucleo familiare composto da 1 o 2 persone, non inferiore ai 60 mq. per 3 o 4 persone, non inferiore ai 75 mq. per 5 persone, non inferiore a 95 mq. per 6 persone ed oltre. I punteggi per la collocazione in graduatoria, che sarà formata dalla competente Commissione Comunale Casa, saranno così attribuiti: a) 1 o 2 persone in più rispetto allo standard abitativo.- PUNTI 3; b) 3 persone ed oltre rispetto allo standard abitativo - PUNTI 5; c) assegnazione dell alloggio da almeno tre anni..- PUNTI 1; d) assegnazione dell alloggio da oltre tre anni sino a cinque - PUNTI 2; e) assegnazione dell alloggio oltre cinque anni, sarà attribuito, oltre a PUNTI 2, ulteriori PUNTI 1 per ogni anno successivo al quinto. f) PUNTI 2 per la presenza nel nucleo familiare di soggetti ultrasessantacinquenni o soggetti con invalidità superiore al 66% o portatori di handicaps. Sarà attribuito punto 1 per ogni ulteriore soggetto portatore di handicap presente nel nucleo familiare. Sono, comunque, consentiti gli scambi consensuali tra assegnatari, previa autorizzazione da parte del Comune. Alla mobilità è riservato il 10% degli alloggi di risulta o di nuova assegnazione. 13 pag. di14

14 ARTICOLO 25 Sono fatte salve tutte le iniziative e/o provvedimenti di assegnazione adottati o in corso di adozione da parte della Amministrazione Comunale sulla scorta del precedente Regolamento Comunale. Per tutto quanto non espressamente disciplinato dal presente Regolamento, si applicano le norme previste dalle Leggi Regionali in materia e dai vigenti Regolamenti Comunali dell Utenza e delle Autogestioni. 14 pag. di14

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI BRINDISI E DELLO I.A.C.P. ADIBITI A CASE PARCHEGGIO

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI BRINDISI E DELLO I.A.C.P. ADIBITI A CASE PARCHEGGIO COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI BRINDISI E DELLO I.A.C.P. ADIBITI A CASE PARCHEGGIO ART. 1 Per l'assegnazione degli alloggi di proprietà

Dettagli

CITTÀ DI CASELLE TORINESE

CITTÀ DI CASELLE TORINESE REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IN EMERGENZA ABITATIVA APPROVATO CON DELEBERAZIONE COMUNALE N 16 DEL 20-02-2009 Premessa...2 TITOLO I - LA COMMISSIONE PER L EMERGENZA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE EMERGENZE ABITATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE EMERGENZE ABITATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LE EMERGENZE ABITATIVE (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 29/10/2014) Art. n. 1 - Generalità degli interventi Il presente Regolamento disciplina l assegnazione

Dettagli

Prot.13693 del 17/09/2015 ASSESSORATO AFFARI GENERALI Ufficio CASA - PATRIMONIO

Prot.13693 del 17/09/2015 ASSESSORATO AFFARI GENERALI Ufficio CASA - PATRIMONIO Prot.13693 del 17/09/2015 ASSESSORATO AFFARI GENERALI Ufficio CASA - PATRIMONIO BANDO DI CONCORSO INDETTO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 07/04/2014, N 10 PERL ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DEGLI ALLOGGI

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFIORITO

COMUNE DI CAMPOFIORITO COMUNE DI CAMPOFIORITO PROVINCIA DI PALERMO ****************** BANDO GENERALE DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI POPOLARI COSTRUITI NEL COMUNE DI CAMPOFIORITO In esecuzione della deliberazione di

Dettagli

REGIONE TOSCANA COMUNE DI MONTIERI

REGIONE TOSCANA COMUNE DI MONTIERI REGIONE TOSCANA COMUNE DI MONTIERI BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL COMUNE DI MONTIERI IL RESPONSABILE DELL AREA in attuazione della

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA

PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA COMUNE DI DOLO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA E L OSPITALITÀ TEMPORANEA Approvato con delibera C.C. n. 77 del 22.11.2012 Modificato con

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

! "!#$!#%#&''"!#$ #"!#(&$!## # $ "%% )$*#$ &$""#))# % "##$&!" #+( "

! !#$!#%#&''!#$ #!#(&$!## # $ %% )$*#$ &$#))# % ##$&! #+( La/Il sottoscritta/o! "!#$!#%#&''"!#$ #"!#(&$!## # $ "%% )$*#$ &$""#))# % "##$&!" #+( ",-/ 01-234 453-0,30-62052/1 di essere residente a Prov Via CAP Tel/Cell Codice Fiscale CHE IL NUCLEO FAMILIARE INTERESSATO

Dettagli

BANDO DI MOBILITA PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL COMUNE DI CASTELFIORENTINO RENDE NOTO

BANDO DI MOBILITA PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL COMUNE DI CASTELFIORENTINO RENDE NOTO COMUNE DI CASTELFIORENTINO (Provincia di Firenze) BANDO DI MOBILITA PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL COMUNE DI CASTELFIORENTINO IL RESPONSABILE DEL

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA) BANDO DI MOBILITA ANNO 2012

COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA) BANDO DI MOBILITA ANNO 2012 COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA) BANDO DI MOBILITA ANNO 2012 Indetto ai sensi degli artt. 19-20-21-22 della L.R. 20.12.1996 n 96, per la mobilita nel patrimonio pubblico di Edilizia Residenziale

Dettagli

- ALLEGATO- DISCIPLINA DEI CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE DI RISERVA PER LE EMERGENZE ABITATIVE

- ALLEGATO- DISCIPLINA DEI CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE DI RISERVA PER LE EMERGENZE ABITATIVE - ALLEGATO- DISCIPLINA DEI CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE DI RISERVA PER LE EMERGENZE ABITATIVE INDICE Premessa Titolo I - Requisiti generali per l'assegnazione di alloggi

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEI MINI ALLOGGI RISERVATI A PERSONE ANZIANE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 08.02.2007 N 7 1 I N D I C E Art.

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n.

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. Marca da da bollo bollo 14,62 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. CHIEDE l assegnazione di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica adeguato al proprio

Dettagli

7 BANDO DI CONCORSO GENERALE ai sensi dell art. 3 legge regionale n. 3 del 17 febbraio 2010

7 BANDO DI CONCORSO GENERALE ai sensi dell art. 3 legge regionale n. 3 del 17 febbraio 2010 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE UFFICIO CASA Via Martiri della Libertà, 150 - P.IVA 01113180010 011 / 822 80 25 011 / 822 80 62 ufficio.casa@comune.sanmaurotorinese.to.it 7 BANDO DI CONCORSO GENERALE ai sensi

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO BANDO DI MOBILITA ANNO 2007

COMUNE DI GAVORRANO BANDO DI MOBILITA ANNO 2007 COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) BANDO DI MOBILITA ANNO 2007 Indetto ai sensi degli artt. 19-20-21-22 della L.R. 20.12.1996 n 96, per la mobilita nel patrimonio pubblico di Edilizia Residenziale

Dettagli

Il sottoscritto/a Nato/a a prov. il Residente prov. Via n. C.A.P. C.F.

Il sottoscritto/a Nato/a a prov. il Residente prov. Via n. C.A.P. C.F. DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO GENERALE PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI ALLOGGI DI EDILIZIA PUBBLICA NEL COMUNE DI MALETTO.(da presentare entro 60 gg. dalla pubblicazione del bando, pena

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 93 del 13/12/2012 SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART.

Dettagli

COMUNE DI VICENZA Settore Servizi Sociali e Abitativi REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IN EMERGENZA ABITATIVA

COMUNE DI VICENZA Settore Servizi Sociali e Abitativi REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IN EMERGENZA ABITATIVA COMUNE DI VICENZA Settore Servizi Sociali e Abitativi REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IN EMERGENZA ABITATIVA 1 REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA

Dettagli

Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno

Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI FINALIZZATI A SOSTENERE L'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE PRIVATA, AI SENSI DELL'ARTICOLO 11 DELLA LEGGE 9 DICEMBRE 1998. N. 431. ANNO

Dettagli

(L.R. 25.10.1996, n 96 e s.m.- Det. n 175 del 27.11.2013 )

(L.R. 25.10.1996, n 96 e s.m.- Det. n 175 del 27.11.2013 ) Spett.le Comune di Torino di Sangro Piazza Donato Iezzi 5 6600 Torino di Sangro (CH) ITALIA DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA NEL COMUNE DI TORINO DI SANGRO (L.R. 5.0.996,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE DELL'ASSEGNATARIO E PER L'OSPITALITA' TEMPORANEA - ALLOGGI DI E.R.P.

REGOLAMENTO PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE DELL'ASSEGNATARIO E PER L'OSPITALITA' TEMPORANEA - ALLOGGI DI E.R.P. REGOLAMENTO PER L'AUTORIZZAZIONE ALL'AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE DELL'ASSEGNATARIO E PER L'OSPITALITA' TEMPORANEA - ALLOGGI DI E.R.P.- Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

DAL 21 luglio al 12 agosto 2010

DAL 21 luglio al 12 agosto 2010 Sede operativa di Medicina via Saffi 73 AVVISO PUBBLICO PER LA LOCAZIONE DI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO UBICATI NEL COMUNE DI MEDICINA Delibera del consiglio comunale di Medicina n 153 Del 07/11/2005 e

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Comune di Occhiobello Provincia di Rovigo 6,00 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA AI SENSI DELLA L.R. 0.04.996, N. 0, PUBBLICATO

Dettagli

Regolamento per l assegnazione transitoria e temporanea di alloggi destinati a situazioni di emergenza sociale

Regolamento per l assegnazione transitoria e temporanea di alloggi destinati a situazioni di emergenza sociale COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per l assegnazione transitoria e temporanea di alloggi destinati a situazioni di emergenza sociale Approvato con deliberazione di C.C. n. 9 del 30.04.2013

Dettagli

COMUNE DI CAROVIGNO. Provincia di Brindisi. c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054

COMUNE DI CAROVIGNO. Provincia di Brindisi. c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054 COMUNE DI CAROVIGNO Provincia di Brindisi c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054 BANDO DI CONCORSO N. 3/2013 INDETTO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 20/12/1984,

Dettagli

Il/La sottoscritto/a nato/a a. il e residente in via/piazza. (giorno-mese-anno) n int. C.F.: n tel. CHIEDE

Il/La sottoscritto/a nato/a a. il e residente in via/piazza. (giorno-mese-anno) n int. C.F.: n tel. CHIEDE Approvato con Determinazione del Responsabile del Servizio n. 306 del 15/12/2015 ATTENZIONE si raccomanda di compilare la presente domanda in ogni sua parte e di controllare che sia debitamente firmata.

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO. Art. 1 Oggetto

COMUNE DI GROSSETO. Art. 1 Oggetto COMUNE DI GROSSETO BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA. ( DELIBERAZIONE G.R.T. N 789 DEL 7.7.97 E D.D. N 1778 DEL 18.10.2004 ). Art. 1 Oggetto

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) CHIEDE

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) CHIEDE PROT. Al Comune di BONDENO DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) La/Il sottoscritta/o CHIEDE DI PARTECIPARE AL CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA AVVISO

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA AVVISO AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA AVVISO AL PUBBLICO PER LA LOCAZIONE DI UNITA IMMOBILIARI AD USO ABITATIVO L ATER, con il presente Avviso, intende assegnare in

Dettagli

BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A

BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE ENTRO IL 14 MARZO 2008 1. INDIZIONE DEL BANDO E indetto il bando

Dettagli

Il sottoscritto (cognome e nome ) nato a Prov. il stato civile codice fiscale

Il sottoscritto (cognome e nome ) nato a Prov. il stato civile codice fiscale Marca da bollo da 16,00 al Comune di Castelfranco di Sotto Prot. n. del DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO INTEGRATIVO DI CONCORSO - ANNO 2013 PER L'ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI ALLOGGI DI EDILIZIA

Dettagli

Allegato A) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 132 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE

Allegato A) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 132 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE Allegato A) alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 132 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE A NUCLEI FAMILIARI IN EMERGENZA ABITATIVA composto da n. 19 articoli

Dettagli

ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO POLITICHE ABITATIVE AVVISO PUBBLICO BANDO GENERALE DI CONCORSO

ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO POLITICHE ABITATIVE AVVISO PUBBLICO BANDO GENERALE DI CONCORSO All. A ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO POLITICHE ABITATIVE AVVISO PUBBLICO BANDO GENERALE DI CONCORSO Per l assegnazione in locazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica ubicati nel territorio di Roma

Dettagli

Città di Piossasco REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI SOCIALI A NUCLEI IN EMERGENZA ABITATIVA PREMESSA

Città di Piossasco REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI SOCIALI A NUCLEI IN EMERGENZA ABITATIVA PREMESSA Città di Piossasco REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI SOCIALI A NUCLEI IN EMERGENZA ABITATIVA PREMESSA Il presente regolamento sostituisce il precedente regolamento, approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI L'AQUILA PROVINCIA DI L AQUILA

COMUNE DI L'AQUILA PROVINCIA DI L AQUILA COMUNE DI L'AQUILA PROVINCIA DI L AQUILA UFFICIO CASA TIMBRO ARRIVO TIMBRO PROTOCOLLO Domanda n. Pervenuta il Domanda di assegnazione di alloggio di E.R.P. (Legge regionale 5/0/996, n. 96) DATI RELATIVI

Dettagli

COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento

COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento COMUNE DI APOLLOSA Provincia di Benevento Prot. 6262 BANDO DI CONCORSO Legge 9 dicembre 1998, n. 431 art. 11- Fondo Nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione. Erogazione contributi

Dettagli

Comune di Ponte dell Olio

Comune di Ponte dell Olio Comune di Ponte dell Olio AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIARIA PUBBLICA. Prot. n. 10300 del 26/10/2010 (L.R. 24/01 Regolamento comunale

Dettagli

Settore Servizi alla Persona

Settore Servizi alla Persona BANDO DI CONCORSO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DEGLI ASPIRANTI ALL ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA SOVVENZIONATA NEL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO IL DIRIGENTE SETTORE

Dettagli

COMUNE DI PISA Direzione Consiglio Comunale Politiche della casa

COMUNE DI PISA Direzione Consiglio Comunale Politiche della casa COMUNE DI PISA Direzione Consiglio Comunale Politiche della casa BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IL DIRIGENTE In attuazione della propria

Dettagli

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA

COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA I C I S A T I V T E M P L COMUNE DI TEMPIO PAUSANIA (C.A.P. 07029 - PIAZZA GALLURA N 3 - PROVINCIA DI OLBIA TEMPIO) Codice Fiscale e Partita I.V.A. 00253250906 Tel. 079/679964-73 FAX 079/679963-29 Settore

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA)

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) REGOLAMENTO PER LE ASSEGNAZIONI IN DEROGA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA E PER L ISTITUZIONE DELLA COMMISSIONE CONSULTIVA (artt. 6bis,

Dettagli

Al COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI

Al COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI PRATICA N. Al COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO POLITICHE SOCIALI DOMANDA PER L ACCESSO ALLA GRADUATORIA PER L ASSEGNAZIONE A CANONE CALMIERATO DI N.25 ALLOGGI DI PROPRIETA DELLA VENERABILE ARCICONFRATERNITA

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) CHIEDE

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) CHIEDE (BOLLO) PROT. Al Comune di COMACCHIO DOMANDA DI ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI E.R.P. (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001 e succ. mod. ed int.) La/Il sottoscritta/o CHIEDE DI PARTECIPARE AL CONCORSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA E PER L ACCESSO A LOCARE

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA E PER L ACCESSO A LOCARE REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA E PER L ACCESSO A LOCARE TITOLO I COMMISSIONE EMERGENZA ABITATIVA (C.E.A.) ART. 1 COMPOSIZIONE DURATA 1. La Commissione

Dettagli

REGIONE TOSCANA UNIONE DI COMUNI FIESOLE - VAGLIA

REGIONE TOSCANA UNIONE DI COMUNI FIESOLE - VAGLIA marca da bollo 14,62 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE AL BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, ANNO 2012-11-26 ai sensi della L.R.T. 96/96. Determinazione

Dettagli

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova

COMUNE DI VIGONZA. Provincia di Padova COMUNE DI VIGONZA Provincia di Padova REGOLAMENTO per l individuazione dei soggetti aventi accesso e priorità per l acquisto o la locazione degli immobili di edilizia convenzionata. Artt. 17 e 18 del D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA

COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA COMUNE DI SPINEA UFFICIO SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA CASA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA DI ALLOGGI IN CONVENZIONE CON IL COMUNE DI VENEZIA E ALTRI ALLOGGI PER INTERVENTI DI ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI TORREGLIA (Provincia di Padova) **********

COMUNE DI TORREGLIA (Provincia di Padova) ********** COMUNE DI TORREGLIA (Provincia di Padova) ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE IN PROPRIETA A GIOVANI COPPIE DI ALLOGGIO DI EDILIZIA CONVENZIONATA DA REALIZZARSI IN VIA ROMANA IN SEGUITO

Dettagli

COMUNE DI BOSA. Provincia di Oristano

COMUNE DI BOSA. Provincia di Oristano COMUNE DI BOSA Provincia di Oristano C.A.P. 08013 C.so Garibaldi S.n.c. C.C.P. 11870086 C.F. 83000090916 P.I. 00202690913 Tel. 0785/368000 Fax 0785/373949 REGOLAMENTO SULLA MOBILITA AI SENSI DEL TITOLO

Dettagli

CITTÀ DI SAN MARCO IN LAMIS PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI COMUNALI PER USO ABITATIVO A SOGGETTI SOCIALMENTE DEBOLI

CITTÀ DI SAN MARCO IN LAMIS PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI COMUNALI PER USO ABITATIVO A SOGGETTI SOCIALMENTE DEBOLI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI COMUNALI PER USO ABITATIVO A SOGGETTI SOCIALMENTE DEBOLI Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 49 del 9 luglio 2012 1 Art. 1 1. Nel rispetto delle norme

Dettagli

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 0026 Imola Tel. 052-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Approvato con delibera C.C. n. 160 del 18.07.2005,

Dettagli

Pr o v i n c i a d i Sa l e r n o

Pr o v i n c i a d i Sa l e r n o BANDO DI CONCORSO Contributi integrativi ai canoni di locazione - Anno 2014 Legge 9 dicembre 1998, n.431, art.11; Fondo Nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione E indetto un bando

Dettagli

- BANDO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI A CANONE MODERATO COMUNE DI OLLOLAI. Provincia di Nuoro

- BANDO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI A CANONE MODERATO COMUNE DI OLLOLAI. Provincia di Nuoro Approvato con Determinazione del Responsabile del Settore n. 673 del 02/12/2015 COMUNE DI OLLOLAI Provincia di Nuoro BANDO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI A Ai sensi

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze

Comune di Signa Provincia di Firenze DOMANDA n. marca da bollo 14,62 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE al BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, ANNO 2012 L.R.T. 96/96. - Determinazione

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONDAVIO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MONDAVIO Provincia di Pesaro e Urbino Ufficio Tecnico IL RESPONSABILE DELL'AREA TECNICA Vista la legge regionale Marche n. 36 del 16/12/2005 e successive integrazioni e modificazioni; Visto l

Dettagli

CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli

CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli CITTÀ DI PORTICI Provincia di Napoli BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI COSTRUENDI ALLOGGI DI E.R.P. (N. 22) SOSTITUTIVI DEGLI ALLOGGI PROVVISORI POST SISMA 80 E PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI DI CUI AL DECRETO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA VALUTAZIONE DELLE ISTANZE DI RICHIESTA DI ALLOGGIO IN DEROGA AI SENSI DEL R.R. 01/04 E S.M.I.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA VALUTAZIONE DELLE ISTANZE DI RICHIESTA DI ALLOGGIO IN DEROGA AI SENSI DEL R.R. 01/04 E S.M.I. 23 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E LA VALUTAZIONE DELLE ISTANZE DI RICHIESTA DI ALLOGGIO IN DEROGA AI SENSI DEL R.R. 01/0 E S.M.I. APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N.83 Reg./0 Prop. Del.

Dettagli

Bando Generale Comune di Castelli anno 2011

Bando Generale Comune di Castelli anno 2011 1 Bando Generale Comune di Castelli anno 2011 SETTORE TECNICO Domanda di partecipazione per l assegnazione di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (Legge Regionale 25 ottobre 1996, n. 96 e successive

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ

COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ Art. 1 - Finalità e ambito della mobilità La mobilità degli assegnatari negli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI MOBILITA DEGLI ASSEGNATARI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, UBICATI NEL COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO

FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI MOBILITA DEGLI ASSEGNATARI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, UBICATI NEL COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO C O M U N E D I S A N G I O V A N N I V A L D A R N O FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DI MOBILITA DEGLI ASSEGNATARI DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA, UBICATI NEL COMUNE DI SAN GIOVANNI VALDARNO

Dettagli

BANDO DI CONCORSO N. 1 DEL 11.05.2010. per la formazione della graduatoria generale valevole ai fini dell'assegnazione in

BANDO DI CONCORSO N. 1 DEL 11.05.2010. per la formazione della graduatoria generale valevole ai fini dell'assegnazione in COMUNE DI DORGALI Provincia di Nuoro BANDO DI CONCORSO N. 1 DEL 11.05.2010 per la formazione della graduatoria generale valevole ai fini dell'assegnazione in locazione degli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

UNIONE TERRA di MEZZO. DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. (Legge Regione Emilia Romagna 8 Agosto 2001, n. 24)

UNIONE TERRA di MEZZO. DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. (Legge Regione Emilia Romagna 8 Agosto 2001, n. 24) RISERVATO ALL UFFICIO prot...... data.... nucleo familiare n... UNIONE TERRA di MEZZO Comuni di Bagnolo in Piano, Cadelbosco di Sopra, Castelnovo di Sotto Provincia di Reggio Emilia bollo 16,00 DOMANDA

Dettagli

COMUNE DI ADELFIA. provincia di bari SETTORE TECNICO

COMUNE DI ADELFIA. provincia di bari SETTORE TECNICO COMUNE DI ADELFIA provincia di bari SETTORE TECNICO BANDO DI CONCORSO PER L EROGAZIONE DEL FONDO PER IL SOSTEGNO ALL ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCA- ZIONE RELATIVO DELL ANNO 2012 - DELIB. G.R. N. 2199

Dettagli

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI

2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI 2. CONTRIBUTI ECONOMICI E BENEFICI CONTINUATIVI I benefici che seguono sono continuativi. Potrebbero però modificarsi di anno in anno parte dei requisiti di accesso, periodo di raccolta delle domande e

Dettagli

COMUNE DI ROCCARAINOLA

COMUNE DI ROCCARAINOLA COMUNE DI ROCCARAINOLA BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI INTEGRATIVI PER IL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA 2014 ART. 11 LEGGE 431/1998 Questa Amministrazione, in esecuzione della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 3 DEL 15.02.2013 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA SOCIALE IN EMERGENZA ABITATIVA INDICE Titolo I La Commissione per l Emergenza Abitativa (C.E.A.)

Dettagli

La Responsabile dell Area

La Responsabile dell Area BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELL AFFITTO IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI CON LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA La Responsabile dell Area In applicazione

Dettagli

Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA.

Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA. Comune di Poggio a Caiano Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L AFFITTO E PER L EMERGENZA ABITATIVA. Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 15 del 07.04.2014

Dettagli

COMUNE DI BAULADU Provincia di Oristano UFFICIO TECNICO

COMUNE DI BAULADU Provincia di Oristano UFFICIO TECNICO COMUNE DI BAULADU Provincia di Oristano UFFICIO TECNICO Via Gramsci n 7 09070 BAULADU e-mail: tecnico@comune.bauladu.or.it Tel. 0783-51677 Cod. Fisc./P.ta I.V.A. 00072000953 pec: suap.bauladu@legalmail.it

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Al BANDO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI OLLOLAI

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Al BANDO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI OLLOLAI Spazio riservato al COMUNE DI OLLOLAI Ufficio Protocollo Marca da bollo da,6 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Al BANDO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI A CANONE SOCIALE

Dettagli

COMUNE DI CORBOLA. Bando di Concorso per assegnazione alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (E.R.P.) Anno 2015

COMUNE DI CORBOLA. Bando di Concorso per assegnazione alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (E.R.P.) Anno 2015 COMUNE DI CORBOLA Bando di Concorso per assegnazione alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (E.R.P.) Anno 2015 Il Comune di CORBOLA indice il presente Bando di Concorso per l anno 2015 per l assegnazione

Dettagli

RICHIESTA DI AGGIORNAMENTO DELLA DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO ERP N. La/Il sottoscritta/o.. nato a. Il.. Residente in in via n..

RICHIESTA DI AGGIORNAMENTO DELLA DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO ERP N. La/Il sottoscritta/o.. nato a. Il.. Residente in in via n.. bollo RICHIESTA DI AGGIORNAMENTO DELLA DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO ERP N La/Il sottoscritta/o.. nato a. Il.. Residente in in via n.. In qualità di rappresentante/componente del nucleo familiare..

Dettagli

SETTORE SERVIZI AL PATRIMONIO E AL TERRITORIO SERVIZIO AMMINISTRATIVO BANDO DI CONCORSO PER ASSEGNAZIONE LOTTI DI TERRENO IN ZONA

SETTORE SERVIZI AL PATRIMONIO E AL TERRITORIO SERVIZIO AMMINISTRATIVO BANDO DI CONCORSO PER ASSEGNAZIONE LOTTI DI TERRENO IN ZONA SETTORE SERVIZI AL PATRIMONIO E AL TERRITORIO SERVIZIO AMMINISTRATIVO BANDO DI CONCORSO PER ASSEGNAZIONE LOTTI DI TERRENO IN ZONA 67 In esecuzione della Deliberazione di G.C. n. 70 del 4/05/205, esecutiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI CAPRIANO DEL COLLE PIAZZA MAZZINI 8 25020 CAPRIANO DEL COLLE TEL. 030 9748683 FAX 030 9747384 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE MINI ALLOGGI PER ANZIANI PREMESSA

Dettagli

Il/la sottoscritto/a CHIEDE

Il/la sottoscritto/a CHIEDE Bollo Al Comune di Cento Servizio Casa 44042 CENTO (Fe) OGGETTO: DOMANDA DI ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (legge regionale n. 24 dell 8/08/2001) Il/la sottoscritto/a CHIEDE

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO MOBILITÀ DEGLI ASSEGNATARI NEGLI ALLOGGI ERP (ART. 28 l.r.

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO MOBILITÀ DEGLI ASSEGNATARI NEGLI ALLOGGI ERP (ART. 28 l.r. COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO MOBILITÀ DEGLI ASSEGNATARI NEGLI ALLOGGI ERP (ART. 28 l.r. 24/01) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 44 del 27 giugno

Dettagli

COMUNE DI ALEZIO (Le)

COMUNE DI ALEZIO (Le) COMUNE DI ALEZIO (Le) Via S. Pancrazio - Tel. 0833/ 281020 - Fax 0833/ 282340 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA CHE SI RENDERANNO DISPONIBILI

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO PER IL CENSIMENTO DEGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI E PER L ACCESSO AL RELATIVO FONDO

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO PER IL CENSIMENTO DEGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI E PER L ACCESSO AL RELATIVO FONDO All Ufficio Servizi Sociali Comune di Avellino Piazza del Popolo n. 1 83100- Avellino DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AVVISO PUBBLICO PER IL CENSIMENTO DEGLI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI E PER L ACCESSO

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI N. 9 ALLOGGI NEL COMUNE DI SPOLETO, VIA DEL MUNICIPIO, RISERVATI A GIOVANI COPPIE.

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI N. 9 ALLOGGI NEL COMUNE DI SPOLETO, VIA DEL MUNICIPIO, RISERVATI A GIOVANI COPPIE. BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI N. 9 ALLOGGI NEL COMUNE DI SPOLETO, VIA DEL MUNICIPIO, RISERVATI A GIOVANI COPPIE. ART. 1 OGGETTO. L Azienda per l Edilizia Residenziale della Regione

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2015 indetto ai sensi della Legge 9 dicembre 1998, n. 431, del Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 7 giugno 1999,

Dettagli

DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE DI LOTTI IN DIRITTO DI PROPRIETA

DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE DI LOTTI IN DIRITTO DI PROPRIETA N. progr. Spett.Le COMUNE DI CUTROFIANO Prov. di Lecce Largo Resistenza n. 1 73020 Cutrofiano (Le) - Responsabile Settore Edilizia e Attività Produttive DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE DI LOTTI IN DIRITTO DI

Dettagli

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno

Comune di Castagneto Carducci Provincia di Livorno REGOLAMENTO DI MOBILITA INTERNA AL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI ASSOGGETTATI ALLA LEGGE REGIONALE N. 96/1996 e s.m.i. Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

AVVISO DI LOCAZIONE. FONDAZIONE CASA AMICA i n c o l l a b o r a z i o n e c o n COMUNE DI BERGAMO

AVVISO DI LOCAZIONE. FONDAZIONE CASA AMICA i n c o l l a b o r a z i o n e c o n COMUNE DI BERGAMO AVVISO DI LOCAZIONE FONDAZIONE CASA AMICA i n c o l l a b o r a z i o n e c o n COMUNE DI BERGAMO RACCOLTA DELLE DOMANDE PER LA LOCAZIONE DI N. 10 UNITA ABITATIVE (BILOCALI) DI NUOVA COSTRUZIONE O CHE

Dettagli

MODELLO DI DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA. prov. indirizzo (via e n.civico)

MODELLO DI DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA. prov. indirizzo (via e n.civico) Protocollo Comune di Menfi Provincia di Agrigento Bando di Concorso pubblicato il Al Comune di Menfi Piazza Vittorio Emanuele 92013 Menfi (AG) MODELLO DI DOMANDA PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGIO DI EDILIZIA

Dettagli

Al Comune di Gaggio Montano P.zza A. Brasa, 1 40041 Gaggio Montano

Al Comune di Gaggio Montano P.zza A. Brasa, 1 40041 Gaggio Montano Protocollo: Al Comune di Gaggio Montano P.zza A. Brasa, 4004 Gaggio Montano DOMANDA PER LA PARTECIPAZIONE AL CONCORSO GENERALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Legge regionale

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL FONDO SOCIALE 1 Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina la gestione del Fondo sociale e il funzionamento

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO Città Medaglia D Oro al V.M. Provincia di Chieti Servizio Politiche della Casa Tel. 0872/707635 fax 0872/43461

COMUNE DI LANCIANO Città Medaglia D Oro al V.M. Provincia di Chieti Servizio Politiche della Casa Tel. 0872/707635 fax 0872/43461 COMUNE DI LANCIANO Città Medaglia D Oro al V.M. Provincia di Chieti Servizio Politiche della Casa Tel. 0872/707635 fax 0872/43461 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI COMUNALI - ANNO 2011 IL

Dettagli

Comune di CORI AVVISO DI BANDO GENERALE

Comune di CORI AVVISO DI BANDO GENERALE Comune di CORI AVVISO DI BANDO GENERALE Finalizzato alla formazione e all aggiornamento della graduatoria permanente degli aventi titolo all assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica, destinati

Dettagli

C) LIMITI ALLA TITOLARITÀ DI DIRITTI REALI SU BENI C) LIMITI ALLA TITOLARITÀ DI DIRITTI REALI SU BENI

C) LIMITI ALLA TITOLARITÀ DI DIRITTI REALI SU BENI C) LIMITI ALLA TITOLARITÀ DI DIRITTI REALI SU BENI MODIFICHE AL REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Le modifiche sono scritte in rosso grassetto corsivo Modifiche all articolo 2 Testo vigente Art. 2 - Requisiti

Dettagli

Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica

Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Modalità di assegnazione Riferimenti normativi LEGGE REGIONALE 5 GENNAIO 2000 N. 1 '"Riordino del sistema delle autonomie in Lombardia. Attuazione del D.Lgs. 31

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 26 del 28.06.2007 e successivamente modificato con delibera di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Comune di Modena REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 11.12.2006 - delibera n. 78 1 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO. AL COMUNE di GROSSETO Servizio Politiche della Casa Via Colombo, n. 5 58100 GROSSETO

COMUNE DI GROSSETO. AL COMUNE di GROSSETO Servizio Politiche della Casa Via Colombo, n. 5 58100 GROSSETO COMUNE DI GROSSETO AL COMUNE di GROSSETO Servizio Politiche della Casa Via Colombo, n. 5 58100 GROSSETO Marca da bollo Domanda di partecipazione al bando di concorso per cambio alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA

COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA COMUNE DI MASSA POLITICHE SOCIALI, DELLA CASA E PARI OPPORTUNITA UFFICIO CASA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE Indetto ai sensi dell art. 11 della legge 9

Dettagli

Bando di Concorso per assegnazione alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (E.R.P.) Anno 2015

Bando di Concorso per assegnazione alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (E.R.P.) Anno 2015 Bando di Concorso per assegnazione alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (E.R.P.) Anno 2015 Il Comune di POLESELLA indice il presente Bando di Concorso per l anno 2015 per l assegnazione di tutti gli

Dettagli

FINALITA' TITOLO I - NORME PER L'ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

FINALITA' TITOLO I - NORME PER L'ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IN EMERGBNZA ABITATIVA E PER L'ACCESSO A CONTRIBUTI FINALITA' Il presente regolamento disciplina i criteri di assegnazione degli

Dettagli

C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali

C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali C O M U N E D I C A M P O B A S S O AREA N. 6 Settore Servizi Sociali Bando di concorso speciale per la formazione della graduatoria per l assegnazione in locazione semplice di n. 0 alloggi di Edilizia

Dettagli

Legge regionale 11 marzo n 2015, n. 4. Misure straordinarie in favore dei comuni per fronteggiare l'emergenza abitativa.

Legge regionale 11 marzo n 2015, n. 4. Misure straordinarie in favore dei comuni per fronteggiare l'emergenza abitativa. REGIONE PIEMONTE BU10S2 12/03/2015 Legge regionale 11 marzo n 2015, n. 4. Misure straordinarie in favore dei comuni per fronteggiare l'emergenza abitativa. Il Consiglio regionale ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE DA PARTE DEI GIOVANI SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10

Dettagli