: GRUPPI STRANIERI IN ITALIA E RESPONSABILITÀ DA REATO EX D.LGS. 231/ : COSTITUZIONE E GESTIONE DI FILIALI IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "08.11.2012: GRUPPI STRANIERI IN ITALIA E RESPONSABILITÀ DA REATO EX D.LGS. 231/2001 12.11.2012: COSTITUZIONE E GESTIONE DI FILIALI IN ITALIA"

Transcript

1 The German Chamber Network NEWSLETTER ETTER I INTRODUZIONE CARI SOCI, CARI LETTORI, le imprese operanti nell interscambio economico italo-tedesco trovano in ogni edizione della Newsletter Norme & Tributi informazioni relative alla Germania ed all Italia rilevanti per le loro attività, raccolte dagli autori, professionisti appartenenti a Studi specializzati. In questa edizione appare particolarmente di interesse la decisione della Corte Suprema tedesca, che ha confermato la responsabilità personale di un amministratore delegato di una GmbH per una contraffazione di marcio perpetrata dalla GmbH stessa. La sentenza rende evidente come sia importante l individuazione di una denominazione sociale tanto espressiva quanto lecita (vedasi il contributo dello Studio Partner del Network Norme & Tributi GSK Stockmann & Kollegen a pagina 4). Una delle riforme del Governo Monti ha avuto ad oggetto la possibilità, per le società di capitali italiane che soddisfino determinate condizioni, di avere quale organo di controllo un sindaco unico. Tale organo di controllo, di regola sconosciuto alle imprese tedesche e che sinora rappresentava un fattore di costo elevato, considerata la composizione obbligatoria di tre membri e due supplenti, potrà ora essere organizzato in modo più vantaggioso (vedasi il contributo dello Studio Partner del Network Norme & Tributi Jenny & Partners a pagina 10). Heinz Georg Krolovitsch, Responsabile Network Norme & Tributi DEinternational ATTUALITÁ : RECUPERO CREDITI IN EUROPA Ore: 13:30 17:00 Luogo: Camera di Commercio Rhein-Neckar, Mannheim In collaborazione con la Camera di Commercio Rhein-Neckar e lo Studio partner del Network Norme & Tributi Agnoli e Giuggioli : GRUPPI STRANIERI IN ITALIA E RESPONSABILITÀ DA REATO EX D.LGS. 231/2001 Ore: 17:00 19:30 Luogo: Camera di Commercio Italo-Germanica, Via Gustavo Fara 26, Milano In collaborazione con lo Studio Heussen Studio Legale e Tributario : COSTITUZIONE E GESTIONE DI FILIALI IN ITALIA Ore: 10:00 12:30 Luogo: Camera di Commercio dello Schwaben, Augusta, Germania In collaborazione con la Camera di Commercio dello Schwaben e lo Studio partner del Network Norme & Tributi Jenny & Partner : ITALIA: UN MERCATO INTERESSANTE PER IMPRESE TEDESCHE, NONOSTANTE O PROPRIO PER LA CRISI Ore: 9:00 12:00 Luogo: Camera di Commercio di Stoccarda, Stoccarda, Germania In collaborazione con la Camera di Commercio della Regione Stoccarda e lo Studio partner del Network Norme & Tributi Rödl & Partner : LA CORRETTA APPLICAZIONE DELL IVA NELL INTERSCAMBIO ECONOMICO ITALO-TEDESCO Ore: 9:30 12:30 Luogo: Camera di Commercio Italo-Germanica, Via Gustavo Fara 26, Milano In collaborazione con gli Studi partner del Network Norme & Tributi Mader & Stadler e Hager & Partners The German Chamber Network DEinternational italia Srl. Via Gustavo Fara Milano Tel.: Fax: Deutsch-Italienische Handelskammer Camera di Commercio Italo-Germanica

2 INDICE DIRITTO SOCIETARIO ITALIA: Quote sequestrate e assenza del custode: a chi spetta il diritto di voto? GERMANIA: Responsabilità personale dell amministratore per violazione del marchio tramite s.r.l. tedesca MERGERS & ACQUISITIONS ITALIA: Si semplificano le operazioni di merger e demerger GERMANIA: Attuazione della Direttiva europea 2009/109/CE, Terza legge di modifica della legge sulle trasformazioni DIRITTO DEL LAVORO ITALIA: La nuova disciplina dei contratti a progetto GERMANIA: Bilanciamento fra cogestione e obblighi legislativi imposti al datore di lavoro PREZZI DI TRASFERIMENTO ITALIA: Verifiche fiscali in tema di Transfer Pricing DIRITTO DEI BREVETTI, DEI MARCHI E D AUTORE ITALIA: Il ruolo delle autorità doganali nella tutela dei diritti della proprietà intellettuale GERMANIA: Estensione della tutela ai sensi del modello comunitario in caso di ripresa parziale delle caratteristiche progettuali DIRITTO FALLIMENTARE ITALIA: Il nuovo articolo 182 sexies L.F. introdotto dalla L. 134/ GERMANIA: Pagamenti dell'amministratore con mezzi propri: effetti pregiudizievoli per i creditori? CORPORATE GOVERNANCE D. LGS. 231/01 ITALIA: Novità sull'organo di controllo nelle S.r.l RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO E DEL PRODUTTORE ITALIA: Pubblicità ingannevole: l emittente rtv è direttamente responsabile della diffusione del messaggio DIRITTO DEI CARTELLI E DELLA CONCORRENZA ITALIA: Appalti e concorrenza: dove finisce la collaborazione e inizia la collusione? ISPEZIONI FISCALI E CONTENZIOSI TRIBUTARI ITALIA: Risarcimento per l'eccessiva durata dei processi DIRITTO COMMERCIALE E DEGLI AGENTI ITALIA: L'entità dei compensi ai fini della qualificazione del contratto di agenzia GERMANIA: Competenza dei giudici nazionali in caso di un'azione proposta da un consumatore TASSAZIONE DELLE IMPRESE ITALIA: Trasformazione in crediti d'imposta delle attività per imposte anticipate FISCALITÀ INTERNAZIONALE ITALIA: La nozione di stabile organizzazione - un cantiere aperto

3 INDICE PROBLEMATICHE CONTRIBUTIVE E FISCALI DEL PERSONALE DISTACCATO ITALIA: La somministrazione nel distacco comunitario TASSAZIONE DELLE PERSONE ITALIA: Novità in merito alle partite IVA "fittizie" DIRITTO DEI FARMACI, DEI DISPOSITIVI MEDICI E DEI COSMETICI ITALIA: Certificato protettivo complementare: indicazioni dalla Corte di Giustizia europea.. 15 APPALTI ITALIA: Procedura di gara: verifica a campione dei requisiti speciali IVA E DAZI ITALIA: Soggettività passiva UE anche senza codice identificativo IVA GERMANIA: Soggetta ad Iva la gestione di portafoglio DIRITTO DELL EDILIZIA ED IMMOBILIARE ITALIA: La demolizione dell'opera non estingue il reato edilizio DIRITTO DELL'ENERGIA ITALIA: Cumulabilità della Tremonti ambientale solo con la tariffa incentivante del II. Conto Energia DIRITTO ALIMENTARE E DEI MANGIMI ITALIA: Stabilito nuovo contenuto minimo di succo naturale nelle bevande analcoliche

4 DIRITTO SOCIETARIO ITALIA: QUOTE SEQUESTRATE E ASSENZA DEL CUSTODE: A CHI SPETTA IL DIRITTO DI VOTO? Il tema recentemente affrontato dal Tribunale di Milano ha ad oggetto la delibera assembleare di una società s.r.l (nella specie: ripianamento delle perdite, azzeramento del capitale sociale e ricostituzione dello stesso mediante nuovo finanziamento soci) assunta con il voto determinante del socio le cui quote sono sottoposte a sequestro conservativo. La peculiarità del caso era data dal fatto che, pur a seguito del sequestro, non era stato nominato alcun custode. La situazione così creatasi esulava quindi dalla fattispecie prevista dall'articolo 2352 c.c., ai sensi del quale "nel caso di sequestro della azioni, il diritto di voto è esercitato dal custode". Infatti, si poneva il problema di quale significato attribuire alla norma summenzionata, ossia se essa andasse intesa nel senso che l'unico soggetto al quale le azioni sequestrate consentono il diritto di voto è il custode, sia esso nominato o meno - e in sua assenza il diritto di voto è sospeso -, oppure se debba intendersi nel senso che il diritto di voto spetta al custode, mancando la nomina del quale il diritto spetta al socio le cui azioni sono state sequestrate. Il Giudice, dopo articolata riflessione, e dopo aver anche valutato i contrapposti interessi in gioco (possibile danno derivante dal voto del socio le cui quote sono state sequestrate e interesse della società e dei terzi alla prosecuzione della normale attività sociale) ha sancito che, nelle more della nomina di un custode terzo, la custodia e l'amministrazione delle quote sequestrate spettano al socio titolare delle stesse. l'interpretazione più coerente 4 Dott. Matteo Figini della Camera di Commercio Italo-Germanica GERMANIA: RESPONSABILITÀ PERSONALE DELL AMMINISTRATORE PER VIOLAZIONE DEL MARCHIO TRAMITE S.R.L. TEDESCA Nella s.r.l. tedesca (GmbH) di regola i soci non rispondono delle obbligazioni della GmbH e ancora meno gli amministratori. Tuttavia non risulta sempre chiaro fino a che punto gli amministratori possano, anche nel caso di fatti illeciti della loro GmbH, appellarsi al fatto che la responsabilità riguarda unicamente la GmbH. Fino ad ora la Corte di Cassazione tedesca aveva deciso che un amministratore risponde personalmente nel caso in cui, pur essendo a conoscenza di una violazione di un marchio di terzi, non si adoperi per impedirla facendo uso del suo potere direttivo. Il la Corte di Cassazione ha deciso che un amministratore risponde personalmente anche quando la violazione del marchio è dovuta al nome (ragione sociale) della GmbH da lui diretta. Nel caso concreto, si trattava di una scuola di musica Musikschule Pelikan GmbH contro la quale aveva agito il noto fabbricante di articoli d ufficio e di cancelleria Pelikan. L amministratore aveva argomentato che non rientrava nei suoi poteri modificare la ragione sociale, la quale poteva essere cambiata solo dai soci tramite modifica dello statuto. La Corte ha però ritenuto che l amministratore abbia l obbligo di influire sul cambiamento del nome. Se questo non gli riesce, onde evitare una qualsiasi responsabilità, non gli resta che dimettersi. Dr. Karl von Hase della Camera di Commercio Italo-Germanica

5 MERGERS & ACQUISITIONS ITALIA: SI SEMPLIFICANO LE OPERAZIONI DI MERGER E DEMERGER In attuazione della direttiva comunitaria n. 2009/109, il Decreto legislativo n. 123/ pubblicato in G.U. il 2 agosto ha introdotto le seguenti semplificazioni procedurali in tema di merger e demerger che gli operatori del settore apprezzeranno certamente per il loro notevole impatto pratico: (1) il progetto di fusione e scissione predisposto dall organo amministrativo delle società che partecipano alla relativa operazione, in alternativa al deposito presso il registro delle imprese, può essere pubblicato sul sito Internet delle società medesime; (2) le società partecipanti alla fusione sono esonerate dall obbligo di mettere a disposizione dei soci, presso la sede legale, i documenti riguardanti la fusione, se questi ultimi risultano pubblicati sul sito Internet delle società stesse; (3) se vi rinunciano all unanimità i soci ed i possessori di altri strumenti finanziari che attribuiscono il diritto di voto di ciascuna delle società partecipanti alla fusione, non è richiesta: (a) la situazione patrimoniale delle società partecipanti alla fusione, redatta dall organo amministrativo in base alle norme sul bilancio d esercizio e (b) la relazione dell organo amministrativo delle società partecipanti alla fusione, con cui si illustra e giustifica il progetto di fusione ed, in particolare, il rapporto di cambio delle azioni o delle quote. Avv. und RA Mattia Dalla Costa Avv. Ornella Di Benedetto, LL.M. della Camera di Commercio Italo-Germanica 5 GERMANIA: ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA 2009/109/CE, TERZA LEGGE DI MODIFICA DELLA LEGGE SULLE TRASFORMAZIONI Con l entrata in vigore della terza legge di modifica della legge sulle trasformazioni dell 11 luglio 2011 (BGBl I, 2011, 1338 ss.), è stata data attuazione, subito dopo la scadenza del relativo termine, alla Direttiva europea del 2009 (RL 2009/109 CE). All inizio dell anno la Commissione aveva invece ritenuto necessario procedere nei confronti di alcuni Stati (tra i quali l Italia), per garantire l attuazione della Direttiva. Il suo ambito di applicazione riguarda la fusione e la scissione di società per azioni, società in accomandita per azioni e società a responsabilità limitata. Scopo della nuova disciplina è quello di ridurre gli oneri burocratici delle imprese con sede nella Comunità, cosa che concerne in particolare i seguenti campi: venir meno di obblighi di relazioni e delibere tramite fusioni e scissioni semplificate di società madri e figlie; introduzione della possibilità di fornire informazioni e comunicazioni in forma elettronica tra l altro tramite pubblicazione dei piani di fusione o scissione in internet ed invio della documentazione necessaria agli azionisti; possibilità della verifica dei conferimenti ad opera di esaminatori della fusione; semplificazione di altri requisiti di forma e dello squeeze-out relativo al diritto delle fusioni. RA e Avv. Dr. Heinz Giebelmann

6 DIRITTO DEL LAVORO ITALIA: LA NUOVA DISCIPLINA DEI CONTRATTI A PROGETTO Numerose le novità apportate dalla L. 92/2012 al D.lgs. 276/2003. La collaborazione dovrà ora far riferimento ad un progetto specifico, il quale non potrà coincidere con l'oggetto sociale, dovrà essere descritto in dettaglio dal committente, finalizzato ad un preciso risultato e, infine, non potrà prevedere l'assegnazione di compiti meramente esecutivi o ripetitivi. Due le presunzioni di subordinazione: relativa nel caso di svolgimento da parte del collaboratore di mansioni analoghe a quelle dei dipendenti; assoluta in assenza di progetto. Per valutare la congruità del corrispettivo dovuto al collaboratore è stato introdotto il riferimento ai contratti collettivi: in loro assenza l'ammontare del compenso non potrà essere inferiore ai minimi retributivi previsti per figure professionali analoghe. Dal 2013 è previsto, accanto ad un aumento contributivo a carico di tutti gli iscritti alla gestione separata INPS, un'indennità una tantum per i collaboratori a progetto iscritti e disoccupati. È stata riformulata la disciplina concernente il recesso senza causa: il committente potrà recedere solo se il collaboratore sia risultato professionalmente inidoneo alla realizzazione del progetto; il collaboratore solo se tale facoltà di recesso risulti espressamente dal contratto. RAin e Avv. Susanne della Camera di Commercio Italo-Germanica 6 GERMANIA: BILANCIAMENTO FRA COGESTIONE E OBBLIGHI LEGISLATIVI IMPOSTI AL DATORE DI LAVORO Con ordinanza del , la Corte di Appello di Rheinland-Pfalz ha dovuto decidere sul bilanciamento di interessi fra il diritto del Betriebsrat (Consiglio di fabbrica) ed i dettati legislativi imposti al datore di lavoro. Il 87 della Legge sul Consiglio di Fabbrica (BetrVG), infatti, concede al Betriebsrat un potere di cogestione solo nella misura in cui non esistono dettati legislativi che impongono al datore un determinato fare. Nel caso in esame, un Casinò in Germania doveva, per obblighi di legge, installare un impianto audiovisivo. La Corte ha concesso al Betriebsrat un potere di cogestione solo per la fattispecie non regolata dalla legge stessa, evitando con ciò un contrasto fra dettati e cogestione. Si notino le somiglianze e le differenze con l art. 4 dello Statuto del Lavoratori, secondo il quale gli impianti e le apparecchiature di controllo che siano richiesti da esigenze organizzative e produttive ovvero dalla sicurezza del lavoro, ma dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell'attività dei lavoratori, possono essere installati soltanto previo accordo con le rappresentanze sindacali aziendali, oppure, in mancanza di queste, con la commissione interna. In difetto di accordo, su istanza del datore di lavoro, provvede l'ispettorato del lavoro, dettando, ove occorra, le modalità per l'uso di tali impianti. RA Mario Prudentino

7 PREZZI DI TRASFERIMENTO ITALIA: VERIFICHE FISCALI IN TEMA DI TRANSFER PRICING La Commissione Tributaria di Milano, con la sentenza 99/43/2012 ha trattato la questione dell'irrogazione della sanzioni in caso di violazione della norma in tema di prezzi di trasferimento. L'Agenzia delle Entrate, nel caso di cui trattasi, aveva non solo accertato una maggiore base imponibile in capo al contribuente ma anche irrogato le relative sanzioni ritenendo non soddisfatta la condizione prevista dall'articolo 26 del DL 78/2010 (comunicazione preventiva all'ufficio del possesso della documentazione idonea a determinare la congruità dei prezzi di trasferimento - master file e/o country file). Il giudice tributario, valutato il comportamento tenuto dal contribuente in sede di verifica e la documentazione consegnata, ha invece ritenuto non applicabili le sanzioni di cui trattasi; la Commissione Tributaria di Milano ha infatti considerato che la norma in questione - pur riferendosi ad un periodo d'imposta anteriore alla sua entrata in vigore - indipendentemente dal dato formale (comunicazione preventiva del possesso della documentazione in tema di transfer pricing prescritta dal provvedimento del Direttore dell'agenzia delle Entrate del 29 settembre 2010), punti ad escludere l'applicazione delle sanzioni in caso di accertamento di un maggior reddito relativo ad operazioni infragruppo anche nel caso in cui il contribuente predisponga comunque la documentazione di cui trattasi e la renda disponibile durante la verifica. Dott. Filippo Lorcet Avv. Luca Alberto Pagnotta 7 NUOVO SERVIZIO DELLA DEINTERNATIONAL ITALIA SRL: AUTORIZZAZIONE PER IL TRASPORTO DI RIFIUTI IN GERMANIA. Le aziende che, nell ambito della propria attività imprenditoriale, desiderano effettuare trasporti a titolo oneroso per conto terzi di rifiuti sul territorio tedesco, devono preventivamente ottenere la relativa autorizzazione rilasciata dall autorità ambientale competente. L obbligo di autorizzazione sussiste anche a carico di aziende straniere che non abbiano una sede o una sede secondaria in Germania e che operino esclusivamente dall estero. La DEinternational Italia Srl, società di servizi della Camera di Commercio Italo-Germanica, ha concordato con l autorità competente dei criteri relativi sia alle informazioni che devono essere rese da società italiane, sia alla documentazione che le stesse devono allegare ed offre alle aziende italiane un ampio servizio di assistenza per l ottenimento del relativo provvedimento autorizzativo. Contatto: Foto: Driving South - Fotolia

8 DIRITTO DEI BREVETTI, DEI MARCHI E D AUTORE ITALIA IL RUOLO DELLE AUTORITÀ DOGANALI NELLA TUTELA DEI DIRITTI DELLA PROPRIETÀ NTELLETTUALE La Commissione Europea ha recentemente pubblicato una pagina web (http://ec.europa.eu/taxation_customs/customs/customs_controls/counterfeit_piracy) che fornisce ai titolari di diritti di proprietà intellettuale tutte le informazioni utili per identificare e bloccare le violazioni dei loro diritti da parte di terzi ai sensi della Direttiva CE/1383/2003 (e della successiva Direttiva di attuazione CE/1891/2004). Come noto, le suddette Direttive permettono ai titolari di diritti di proprietà intellettuale, che abbiano il sospetto che alcuni beni siano stati realizzati e vengano commercializzati in violazione dei loro diritti, di chiedere alle Autorità Doganali nazionali di trattenere (e, quindi, non immettere in commercio) detti beni perchè costituiscono "merci contraffatte". Tale richiesta di assistenza può essere fatta a livello nazionale oppure a livello europeo. Attualmente i moduli per effettuare la richiesta sono disponibili in francese, tedesco ed inglese, ma è previsto che questi siano resi disponibili in tutte le lingue ufficiali degli Stati membri dell'unione Europea. Avv. Gretel Malmsheimer Avv. Marialaura Boni 8 GERMANIA: ESTENSIONE DELLA TUTELA AI SENSI DEL MODELLO COMUNITARIO IN CASO DI RIPRESA PARZIALE DELLE CARATTERISTICHE PROGETTUALI L'attrice, una società italiana, produce tra gli altri bicchieri per vino ed ha registrato un modello comunitario presso l'uami (n ). Il modello presenta immagini di una caraffa per vino, con o senza piedistallo. La convenuta commercializza una caraffa simile, ma senza piedistallo. Secondo la Corte di Cassazione tedesca non sussiste alcuna violazione del modello. La tutela fornita dal modello si limita alle caratteristiche indicate. Nel caso di registrazione di più immagini con differenze, va compreso, a livello interpretativo, cosa il richiedente abbia inteso tutelare. In questo caso la Corte ha ritenuto il piedistallo una caratteristica non inessenziale, tanto da essere stato incluso nella richiesta di registrazione. La caraffa della convenuta non presenta alcun piedistallo. Tramite la ripresa parziale del modello la convenuta avrebbe comunque leso i diritti dell'attrice? La Corte si esprime ancora negativamente: a differenza della precedente normativa tedesca, il modello comunitario non offre tutela contro imitazioni parziali. Chi la desidera è tenuto a registrare i singoli elementi a mezzo di singoli modelli (BGH Urt. v I ZR 124/10 Weinkaraffe). Dr. Kristofer Bott

9 DIRITTO FALLIMENTARE ITALIA: IL NUOVO ARTICOLO 182 SEXIES L.F. INTRODOTTO DALLA L. 134/2012 La riforma della L.F., al fine di rendere più efficienti le soluzioni negoziali alla crisi delle imprese, ha previsto la sospensione della causa di scioglimento e degli obblighi di reintegro delle perdite del capitale per la società che ricorra al concordato preventivo (nella sua duplice strutturazione: con contestuale deposito ex art. 161 o meno della proposta concordataria ex art. 161, 6 c.) ed all accordo di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis (anch esso nella sua duplice fattispecie: omologazione dell accordo già raggiunto o deposito della proposta a trattative in corso ex art. 182 bis, 6 c.). Una volta avviata la procedura, non trovano applicazione le disposizioni del codice civile, previste per le S.p.A. e per le S.r.l., relative alle cause di scioglimento per riduzione del capitale sociale per perdite oltre il terzo ovvero al di sotto del limite legale specificando che, tuttavia, resta ferma, per il periodo anteriore, l'applicazione dell'articolo 2486 c.c.. Ne deriva che, intrapresa la procedura di concordato preventivo e dell'accordo di ristrutturazione dei debiti ed in presenza di perdite rilevanti, gli amministratori non saranno personalmente e solidalmente responsabili dei danni arrecati alla società, ai soci, ai creditori sociali ed ai terzi, per atti od omissioni poiché non potranno operare le norme del c.c. poste a presidio della funzione conservativa del capitale sociale ferma restando la responsabilità nella fase anteriore alla procedura. Avv. e RAin Dr. Angela Giebelmann Salvoni 9 GERMANIA: PAGAMENTI DELL'AMMINISTRATORE CON MEZZI PROPRI: EFFETTI PREGIUDIZIEVOLI PER I CREDITORI? La Corte Federale di Giustizia (BGH) segnala nella sua sentenza del 21/06/2012 (IX ZR 59/11) che un'azione revocatoria fallimentare non è da escludere a priori nel caso in cui l'amministratore di un'impresa successivamente fallita abbia effettuato pagamenti con mezzi propri. Ciò significa che anche in questo caso il creditore potrebbe essere obbligato a restituire le prestazioni già ricevute. Nel caso di pagamenti dell'impresa da parte di terzi (ad esempio dell'amministratore o di un socio) è necessario distinguere tra "ordine di pagamento a debito" e "ordine di pagamento a credito". Nel primo caso il terzo si è già obbligato ad effettuare la prestazione. Il pagamento viene effettuato ad estinzione del debito contratto con la società. Nel secondo caso il terzo effettua la prestazione "a credito" senza essersi obbligato in precedenza. Nel caso dell'ordine di pagamento a debito, il creditore può essere obbligato, a seconda dei casi, a restituire le prestazioni già ricevute, in quanto l'impresa perde in tal modo un diritto già esistente nel suo patrimonio. Nel caso dell'ordine di pagamento a credito, invece, non si produrranno di regola effetti pregiudizievoli per i creditori, in quanto si verifica un semplice scambio di creditori. Sul patrimonio grava sì adesso una nuova obbligazione nei confronti del terzo, quest'ultima, però, è compensata dall'estinzione dell'obbligazione nei confronti del destinatario del pagamento. RA Alexander Seitz, LL.M.Eur. RAin Anna Pensovecchio della Camera di Commercio Italo-Germanica

10 CORPORATE GOVERNANCE D. LGS. 231/01 ITALIA: NOVITÀ SULL'ORGANO DI CONTROLLO NELLE S.R.L.. Il nuovo art codice civile, introdotto dal D.L. 5/2012, convertito in L. 35/2012, cambia la composizione e le competenze dell'organo di controllo della S.r.l. Se non diversamente previsto nell'atto costitutivo, l'organo di controllo è composto da un solo sindaco e non più da un collegio di 3 o 5 membri effettivi e 2 supplenti. L'atto costitutivo determina le competenze del sindaco unico e può attribuirgli anche la revisione legale. Si applicano in ogni caso, anche all'organo di controllo monocratico le disposizioni sul collegio sindacale previste per la S.p.A. In alternativa alla nomina di un sindaco unico, la società può nominare un revisore legale dei conti. Tali novità trovano applicazione sia nei casi in cui la nomina dell'organo di controllo sia volontaria, sia nei casi in cui essa sia obbligatoria ovvero: (i) quando il capitale sociale non sia inferiore al minimo previsto per la S.p.A. ( euro); (ii) quando la società sia tenuta alla redazione del bilancio consolidato; (iii) quando si tratti di società controllante altra società tenuta alla revisione legale dei conti; (iv) nel caso di superamento per due esercizi dei parametri previsti dall'art bis (ovvero 1) totale dell'attivo dello stato patrimoniale superiore a euro; 2) ricavi delle vendite e delle prestazioni superiori a euro; 3) numero di dipendenti occupati in media superiore a 50). Avv. Manuela Di Maggio Avv. Luisanna Biasotto Della Camera di Commercio Italo-Germanica 10 RESPONSABILITÀ DA PRODOTTO E DEL PRODUTTORE ITALIA: PUBBLICITÀ INGANNEVOLE: L EMITTENTE RTV È DIRETTAMENTE RESPONSABILE DELLA DIFFUSIONE DEL MESSAGGIO Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 2387/2012, ha confermato la responsabilità ex artt. 18 e ss. del Codice del Consumo ad un operatore di rete che aveva diffuso uno spot prodotto da società terza, la quale aveva acquistato lo spazio promozionale, presentato poi ai telespettatori come un quiz appunto denominato Quizzone e caratterizzato dalla ( ) partecipazione tramite contatto telefonico a sovrapprezzo con prefisso 899. Il Collegio ha ritenuto che nulla aveva a che vedere detto spot con un concorso a premi, comportando per i partecipanti un costo di 15 euro per l acquisto di suonerie, con residuale possibilità di concorrere ad un estrazione per intervenire in diretta e partecipare ad un gioco a premi. Ne conseguiva una fattispecie da ritenersi sussumibile nell ambito di una pratica commerciale scorretta -ai sensi di quanto previsto dal Codice del Consumo (D.Lgs n. 206/2005)- per avere i messaggi trasmessi attitudine ad indurre in errore l utente che riteneva di partecipare ad un gioco a premi, quando la finalità principale della trasmissione era quella di vendere suonerie ad un costo non comparabile a quello di una normale telefonata, che il telespettatore di cultura media secondo quanto affermato in sentenza poteva attendersi non superiore a 1 o 2 euro. Avvocato Paola Nardini Avvocato Elisabetta Giacomelli

11 DIRITTO DEI CARTELLI E DELLA CONCORRENZA ITALIA: APPALTI E CONCORRENZA: DOVE FINISCE LA COLLABORAZIONE E INIZIA LA COLLUSIONE? L'AGCM ha avviato un'istruttoria nei confronti di Salini Costruttori e Impregilo per verificare se abbiano realizzato un'intesa finalizzata ad evitare il "corretto confronto competitivo in occasione delle future gare pubbliche di loro interesse". Le società sono tra i principali operatori nel settore delle costruzioni, specializzate nella realizzazione di infrastrutture e di grandi opere. Secondo l'autorità, il recente accordo tra le due società appare "configurare un'intesa restrittiva della concorrenza avente ad oggetto la definizione congiunta delle procedure di selezione e la successiva partecipazione alle gare d'appalto", in un contesto nel quale la gara rappresenta l'unico strumento di accesso al mercato. L'accordo mira ad aumentare il giro d'affari delle parti e conseguire risparmi di costo per effetto delle sinergie realizzate e prevede che, nel caso in cui una parte non voglia partecipare congiuntamente ad una gara selezionata, non potrà parteciparvi autonomamente. Aldilà degli esiti che avrà, l'istruttoria è importante per delineare meglio il confine tra collaborazione e collusione tra imprese nella partecipazione a grandi lavori e conferma la linea dura dell'antitrust sull'argomento (a fronte di un approccio più morbido dei tribunali amministrativi). Se la collaborazione tra imprese che, da sole, non avrebbero i requisiti per partecipare ad una gara è in genere pro-concorrenziale, la collaborazione tra due giganti, non limitata e giustificata da reali necessità di ricerca o efficienza, non sembra superare il test di liceità. 11 ISPEZIONI FISCALI E CONTENZIOSI TRIBUTARI Avv. Rossella Incardona della Camera di Commercio Italo-Germanica ITALIA: RISARCIMENTO PER L'ECCESSIVA DURATA DEI PROCESSI Con sentenza n del 24 settembre 2012, la Corte di Cassazione ha sancito che la Legge Pinto, che in ossequio alla Convenzione Europea sui Diritti dell Uomo stabilisce i parametri per il risarcimento in caso di eccessiva durata dei processi, è applicabile anche al processo tributario. Pertanto, ha diritto ad un risarcimento anche il contribuente che per lungaggini burocratiche vede il proprio processo tributario proseguire per più di 3-4 anni. I danni risarcibili possono essere sia di natura morale, sia di natura patrimoniale. Dott. Marco Petrucci

12 DIRITTO COMMERCIALE E DEGLI AGENTI ITALIA: L'ENTITÀ DEI COMPENSI AI FINI DELLA QUALIFICAZIONE DEL CONTRATTO DI AGENZIA Una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione (Cass. 23 luglio 2012, n ) ha stabilito che l'accertamento dell'esistenza di un rapporto di agenzia prescinde dall'entità dei compensi percepiti dall'agente. Nel caso di specie, la Corte d'appello di Roma aveva ritenuto non dovuta alla Fondazione Enasarco la somma di Euro 3.027,83 a titolo di contributi omessi ritenendo che non ricorressero gli elementi sostanziali caratterizzanti il contratto di agenzia; in tal senso deponeva altresì l'esiguità dei compensi percepiti dal collaboratore, compatibile a parere della Corte d'appello con l'attività saltuaria ed episodica propria del procacciatore d'affari. La Corte ha, invece, ritenuto che tale dato non fosse affatto incompatibile con il rapporto di agenzia. Infatti, così confermando un orientamento giurisprudenziale consolidato, la Corte di Cassazione ha ribadito che nel rapporto di agenzia le parti "possono prevedere forme di compenso delle prestazioni dell'agente diverse dalla provvigione determinata in misura percentuale sull'importo degli affari conclusi, essendo anche ammessa la previsione di un minimo forfettario e di un minimo mensile". Inoltre, la sistematica corresponsione di acconti mensili dello stesso importo, con conguagli a fine anno era, a parere della Suprema Corte, incompatibile con la pretesa occasionalità ed episodicità delle prestazioni, proprie del rapporto di procacciamento d'affari. Avv. Elio Cherubini Avv. Laura Cinicola 12 GERMANIA: COMPETENZA DEI GIUDICI NAZIONALI IN CASO DI UN'AZIONE PROPOSTA DA UN CONSUMATORE In generale si applica il principio che la competenza territoriale per l azione del consumatore spetta al tribunale, nel cui territorio è domiciliata o ha sede la controparte. Per i contratti stipulati tra un consumatore e un impresa commerciale, il diritto europeo deroga dal predetto principio se l attività dell impresa è diretta allo Stato membro in cui è domiciliato il consumatore e se il contratto rientra nell ambito di detta attività. In questi casi il consumatore potrà convenire in giudizio l altro contraente dinanzi ai giudici nazionali, cioè del proprio Stato membro. In un caso deciso dalla Corte di Giustizia UE (sentenza del , C-190/11), una consumatrice con domicilio in Austria aveva acquistato un autovettura difettosa ad Amburgo, da un commerciante amburghese del quale aveva letto le offerte in Internet e che aveva quindi contattato per e per telefono. Secondo la Corte di Giustizia UE, la consumatrice austriaca può convenire in giudizio il commerciante d auto anche davanti al tribunale che ha la competenza territoriale per il suo luogo di residenza in Austria. A tal fine, così la Corte, è sufficiente che l offerta del commerciante sia consultabile presso il domicilio del consumatore e che le due parti abbiano avuto, già prima della stipulazione del contratto, contatti telefonici e via ; non è necessario, invece, che anche il contratto stesso sia concluso dal consumatore presso il proprio domicilio tramite telefono, fax, internet o con altri mezzi di telecomunicazione. RA Dr. Robert Budde

13 TASSAZIONE DELLE IMPRESE ITALIA: TRASFORMAZIONE IN CREDITI D'IMPOSTA DELLE ATTIVITÀ PER IMPOSTE ANTICIPATE La trasformazione in credito di imposta delle DTA (Deferred Tax Asset) iscritte nel bilancio d'esercizio in cui sia rilevata una perdita - prevista dal "Decreto Milleproroghe" (DL 225/2010, art. 2, co ) - è stata oggetto di recenti chiarimenti da parte dell'agenzia delle entrate. Si tratta delle DTA iscritte nel bilancio d'esercizio chiuso in perdita, a fronte di svalutazioni dei crediti ex art. 106, co. 3 del TUIR, del valore dell'avviamento e delle altre attività immateriali, la cui deduzione fiscale è stata rinviata ai successivi periodi di imposta. Con la CM 37/2012, l'agenzia ha innanzitutto affermato che tale trasformazione è obbligatoria per le banche e gli altri enti finanziari soggetti a vigilanza, mentre rimane una facoltà per tutti gli altri soggetti. Tuttavia, per l esercizio 2010, data l incertezza sulle corrette modalità applicative della norma, l'agenzia chiarisce che, qualora in presenza delle condizioni richieste ai fini della trasformazione una banca o un intermediario finanziario vigilato non abbia operato tale trasformazione, sono comunque fatte salve le variazioni fiscali effettuate nella dichiarazione da presentare per l anno d imposta 2011 corrispondenti alle DTA che dovevano essere trasformate all approvazione del bilancio Nell esercizio 2011, se ancora presenti le condizioni, saranno oggetto di trasformazione in credito d imposta le DTA già iscritte nel bilancio 2010 e ancora residue nel bilancio 2011, oltre che le eventuali nuove DTA di competenza dell esercizio Dott. Dirk Prato Dott. Hannes Hilpold della Camera di Commercio Italo-Germanica 13 FISCALITÀ INTERNAZIONALE ITALIA: LA NOZIONE DI STABILE ORGANIZZAZIONE - UN CANTIERE APERTO Il "Dicussion Draft" dell'ocse propone modifiche e chiarimenti sugli aspetti più problematici della nozione di stabile organizzazione di impresa non residente di cui al Modello OCSE. Partendo dall'art. 5 Modello OCSE, in cui è disciplinata sia la stabile organizzazione "materiale", sia la stabile organizzazione "personale", va evidenziato come nella verifica dell'eventuale esistenza di una stabile organizzazione dovrà essere mantenuta sempre la seguente sequenza: 1. verifica dell'eventuale sussistenza di elementi costituenti una stabile organizzazione "materiale"; 2. solo in caso di esclusione del ricorrere di una stabile organizzazione "materiale" va verificata l'eventuale esistenza di una stabile organizzazione "personale". Uno degli aspetti più dibattuti della nozione di PE è il concetto di "at disposal". La nozione di stabile organizzazione "materiale" (di cui all'art. 5 Modello OCSE) prevede infatti quali elementi costituenti: l'esistenza di una sede d'affari fissa con la quale l'impresa non residente svolga la propria attività, in tutto o anche solo in parte. Il Discussion Draft dell'ocse cerca di chiarire che cosa debba intendersi per spazio fisico "a disposizione" della società estera e cerca di dissipare i dubbi sulla portata del concetto "concludere contratti in nome dell'impresa" per quanto riguarda la stabile organizzazione "personale". Purtroppo non in modo del tutto convincente e pertanto, anche dopo il prossimo up-date del Commentario all'art. 5 del Modello OCSE, tante questioni importanti rimarranno aperte. Avv. Dr. Renate Holzeisen, Avvocato, Dottore Commercialista, Revisore Contabile

14 PROBLEMATICHE CONTRIBUTIVE E FISCALI DEL PERSONALE DISTACCATO ITALIA: LA SOMMINISTRAZIONE NEL DISTACCO COMUNITARIO Il D.Lgs. n. 72/2000 di recepimento della direttiva 96/71/CE disciplina l ipotesi della somministrazione transnazionale di lavoro, ovvero l ipotesi nella quale un impresa - fornitrice di lavoro temporaneo - stabilita in Germania distacca lavoratori presso imprese utilizzatrici aventi sede in Italia. In tal caso, l agenzia di somministrazione di lavoro non è stabilita nel Paese di esecuzione della prestazione del lavoratore temporaneo (ovvero del lavoratore somministrato) e, dunque, opera sulla base del regime autorizzatorio vigente nel Paese di origine. In attuazione del principio comunitario della libera circolazione dei servizi, le agenzie di lavoro temporaneo stabilite in uno stato UE diverso dall Italia, per operare legittimamente nel nostro Paese, non necessitano dell autorizzazione prevista dall art. 4 del D.Lgs. n. 276/2003, qualora dimostrino di operare in forza di un provvedimento amministrativo equivalente rispetto a quello richiesto dalla legislazione italiana. Riguardo al trattamento da riconoscere ai lavoratori temporanei, le norme tecniche prevedono il rispetto da parte delle agenzie interinali con sede in altro Stato UE della disciplina dettata per le agenzie italiane e il conseguente diritto del lavoratore ad un trattamento economico e normativo complessivamente non inferiore a quello dei dipendenti di pari livello dell utilizzatore, nonché la responsabilità solidale di quest ultimo per l adempimento dei crediti retributivi e previdenziali. Dott.ssa Carlotta Bedogni Dottore commercialista e revisore contabile Alberto Boniello, Consulente del lavoro 14 TASSAZIONE DELLE PERSONE ITALIA: NOVITÀ IN MERITO ALLE PARTITE IVA "FITTIZIE" Il legislatore ha recentemente introdotto delle disposizioni per contrastare il fenomeno delle prestazioni di lavoro rese in regime di lavoro autonomo o da soggetti titolari di partita IVA, quando i relativi rapporti rappresentano le caratteristiche di un rapporto di collaborazione e/o di lavoro subordinato. Il lavoro prestato in regime di lavoro autonomo o da soggetti titolari di partita IVA - salvo prova contraria da parte del committente - viene ora considerato come rapporto di collaborazione coordinata continuativa, quando ricorrono almeno due dei seguenti tre presupposti: la collaborazione con il medesimo committente abbia una durata complessiva superiore a otto mesi per anno e questo per due anni consecutivi; il corrispettivo derivante dalla collaborazione, anche se fatturato a più soggetti riconducibili al medesimo centro di imputazione di interessi, costituisca più dell 80% dei corrispettivi annui complessivamente percepiti dal collaboratore nell arco di due anni solari consecutivi; il collaboratore disponga di una postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente. Sono in ogni caso esclusi da tale provvedimento: i rapporti intrattenuti da professionisti con obbligo di iscrizione agli appositi albi professionali e le prestazioni professionali con compensi annui superiori ad 1,25 volte il minimo previdenziale Inps, fissato per il 2012 in Dott. Armin Hilpold

15 DIRITTO DEI FARMACI, DEI DISPOSITIVI MEDICI E DEI COSMETICI ITALIA: CERTIFICATO PROTETTIVO COMPLEMENTARE: INDICAZIONI DALLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA Ai sensi dell'art. 3, lett. d), del Reg. CE n. 469/2009, è una condizione per l'emissione di un certificato protettivo complementare la circostanza che l'autorizzazione di immissione in commercio su cui si fonda la richiesta di CPC debba essere la prima autorizzazione emessa per il medicinale oggetto della richiesta di CPC. In forza di tale disposizione, il "Comptroller-General of Patents" britannico si era opposto alla concessione di un CPC relativamente al brevetto su un nuovo uso medico di un prodotto noto (nel caso di specie, una formulazione appropriata della melatonina idonea a combattere l'insonnia), in considerazione dell'esistenza di una precedente AIC, in favore di una diversa casa farmaceutica, avente ad oggetto melatonina destinata ad usi veterinari. In merito a tale opposizione, la Corte di Giustizia europea (Sentenza in data , causa C-130/11) ha precisato che "se un brevetto protegge un'applicazione terapeutica nuova di un principio attivo noto e già distribuito sotto forma di medicinale, per uso umano o animale, avente indicazioni terapeutiche diverse, che siano già protette o meno da un brevetto anteriore, l'immissione in commercio di un nuovo medicinale che sfrutti commercialmente la nuova applicazione terapeutica del medesimo principio attivo, quale tutelata dal nuovo brevetto, può consentire al suo titolare di ottenere un CPC, la cui sfera di protezione potrà comunque estendersi non al principio attivo in quanto tale, ma solo al nuovo uso di tale prodotto". Avv. Luca Ghedina Avv. Lorenzo Gyulai 15 APPALTI ITALIA: PROCEDURA DI GARA: VERIFICA A CAMPIONE DEI REQUISITI SPECIALI Se entro il termine utile non è fornita alcuna documentazione, l'impresa inadempiente incorre nelle seguenti conseguenze: esclusione dalla gara, incameramento della cauzione provvisoria e segnalazione all'autorità per i conseguenti provvedimenti. Nel caso in cui, successivamente (e quindi tardivamente), la documentazione sia invece comunque presentata, occorre verificare se questa comprovi o meno le dichiarazioni contenute nella domanda di partecipazione. Infatti, se la prova è positivamente fornita, le vicende di gara (esclusione ed incameramento) restano, ma la concorrente ritardataria non sarà assoggettata a sanzione, non avendo fornito alcuna falsa dichiarazione. Se invece la concorrente fornisce tardivamente una documentazione insufficiente sarà assoggettata a sanzione. La mancata tempestiva comprova in ordine al possesso dei requisiti di capacità economicofinanziaria e tecnico-organizzativa non giustifica comunque l'irrogazione della più grave sanzione interdittiva qualora la comprova sia stata soltanto ritardata, ma non radicalmente omessa (cfr. Consiglio di Stato, sez. VI, 28 settembre 2012, n. 5138) RA e Avv. Wolf Michael Kühne della Camera di Commercio Italo-Germanica

16 IVA E DAZI ITALIA: SOGGETTIVITÀ PASSIVA UE ANCHE SENZA CODICE IDENTIFICATIVO IVA La Corte di Giustizia UE, con sentenza C-587/10 del , ha affermato che se il cessionario stabilito in uno Stato membro UE effettua un acquisto presso un operatore di un altro Stato UE, quest'ultimo, sussistendo i requisiti oggettivi previsti dalla legge, può considerare la cessione intracomunitaria non imponibile anche se non dispone dell'identificativo IVA della controparte. Il cessionario deve, comunque, provare in altro modo di possedere lo status di soggetto passivo e/o di avere adottato tutte le misure che gli si possono ragionevolmente richiedere per procurarsi tale numero identificativo. La predetta decisione mette in crisi la teoria dell'agenzia delle Entrate sulla necessità dell'iscrizione al VIES per il riconoscimento della soggettività passiva nell'operazione intracomunitaria. Dott. Stefano Amoroso GERMANIA: SOGGETTA AD IVA LA GESTIONE DI PORTAFOGLIO 16 La gestione del portafoglio titoli non è esente IVA. Nella sentenza C-44/11 del 19/07/2012, la Corte di Giustizia UE stabilisce che una prestazione di gestione patrimoniale tramite titoli remunerata, in occasione della quale un soggetto passivo adotta decisioni autonome in merito alla compravendita di titoli, si compone di due elementi che sono a tal punto strettamente connessi da formare, oggettivamente, una sola prestazione economica. Questa decisione è di interesse sia per i gestori sia per gli investitori privati. Le società finanziarie che offrono ai loro clienti servizi di gestione di portafogli debbono determinare i contenuti dei loro servizi non soggetti all'imposta sul valore aggiunto, e poi eventualmente in una seconda fase le misure necessarie per adeguare i costi per contratti, commissioni, uso dei sistemi informatici, emissioni di fatture ed estratti conto. I clienti potrebbero subire un aggravio di costi a seguito dell'imponibilità dei servizi sopra descritti. Le società finanziarie interessate dovrebbero analizzare la loro situazione, adeguarla a tale sentenza e adottare le misure necessarie di conseguenza al fine di evitare controlli fiscali. Roberto Zanchin Dottore Commercialista

17 DIRITTO DELL EDILIZIA ED IMMOBILIARE ITALIA: LA DEMOLIZIONE DELL'OPERA NON ESTINGUE IL REATO EDILIZIO Se si eccettuano i condoni, l'estinzione di un reato urbanistico può essere conseguita solo tramite rilascio di permesso di costruire in sanatoria (art. 45, III, DPR 380/01). Quest'ultimo si fonda sull' accertamento di conformità di cui all'art. 36 del medesimo DPR che è necessario anche per sanare gli interventi di cui all'art. 22, III (cd. SUPERDIA). Per tutti gli altri tipi di interventi soggetti a mera SCIA, l'accertamento di conformità consente di sanare l'abuso attraverso il mero pagamento di una sanzione pecuniaria (art. 37, IV, DPR 380/01). L'accertamento di conformità è volto a verificare che l'intervento edilizio risulti conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente sia al momento della realizzazione dell'opera, sia al momento di presentazione della domanda di sanatoria. La giurisprudenza ha ribadito che la spontanea demolizione del manufatto abusivo non produce alcun effetto estintivo del reato. Essa, infatti, non trova riscontro in alcuna disposizione normativa. Inoltre, l'abuso edilizio consiste in un reato istantaneo che si consuma nel momento della realizzazione dell'opera. Sotto questo profilo il TU per l'attività edilizia è stato sottoposto ad aspre critiche, perché, secondo l'art. 181, I-quinquies D.lgs. 42/04 (Codice dei beni culturali e del paesaggio), la demolizione di una costruzione in zona sottoposta a vincoli è invece idonea ad estinguere il più grave reato paesaggistico. Avv. Raffaele Bergaglio 17 DIRITTO DELL'ENERGIA ITALIA: CUMULABILITÀ DELLA TREMONTI AMBIENTALE SOLO CON LA TARIFFA INCENTIVANTE DEL II. CONTO ENERGIA L articolo 19 del decreto 5 luglio 2012 ha confermato la cumulabilità della tariffa incentivante del secondo Conto Energia con altri incentivi pubblici, in particolare con la detassazione ambientale di cui all articolo 6 della legge 388/2000 (cosiddetta Tremonti Ambientale ), ma solo a condizione che la detassazione ambientale non ecceda il 20% del costo di investimento. Siccome il secondo Conto Energia viene richiamato dal terzo e quarto Conto Energia, in dottrina si è ritenuto che la cumulabilità dell agevolazione per investimenti ambientali trovasse applicazione sia per il secondo, sia anche per il terzo e quarto Conto Energia. Al riguardo, pare che sia il Ministero dello Sviluppo Economico che il GSE escludano la cumulabilità dell agevolazione per investimenti ambientali per i soggetti che percepiscono la tariffa incentivante di cui al terzo e quarto Conto Energia. Manca, tuttavia, un chiarimento ufficiale da parte del Ministero dello Sviluppo Economico. Dott. Thomas Giuliani Dott. Gert Gasser della Camera di Commercio Italo-Germanica

18 DIRITTO ALIMENTARE E DEI MANGIMI ITALIA: STABILITO NUOVO CONTENUTO MINIMO DI SUCCO NATURALE NELLE BEVANDE ANALCOLICHE In data 13 settembre 2012, il Ministero della Salute ha emanato un decreto legge recante "Disposizioni urgenti per promuovere lo sviluppo del Paese mediante un più alto livello di tutela della salute" (Gazzetta Ufficiale n. 214 del 13 settembre 2013). Tra le disposizioni introdotte, risulta di particolare interesse l'articolo 8, comma 16, il quale prevede una norma tecnica (già notificata alla Commissione europea secondo la procedura prevista dalla Direttiva 98/34/CE) che determina l'aumento del contenuto minimo di succo naturale nelle "bibite analcoliche, vendute con il nome di uno o più frutta a succo o recanti denominazioni che a tali frutta si richiamino" al 20%. La Camera dei Deputati, in fase di conversione del decreto in legge, ha già apportato alcuni emendamenti, definitivamente approvati in tale sede (oggetto d'esame entro il 13 novembre al Senato). Tra i più significativi, vi è l'ampliamento della portata della norma alle bevande con denominazioni di "fantasia" il cui gusto è dato dall'impiego di aromi di agrumi (vedi articolo 1, legge 286/61), mentre l'applicazione della norma avrà luogo nove mesi dopo l'entrata in vigore della legge di conversione, previo "perfezionamento con esito positivo" della procedura di notifica alla Commissione europea. I prodotti non conformi potranno essere commercializzati non oltre otto mesi da tale perfezionamento. Le associazioni di categoria hanno espresso i loro timori sul reale impatto benefico della norma sul mercato e sulla salute dei consumatori. RA / Avv. Dr. Barbara Klaus 18 IMPRONTA The German Chamber Network DEinternational Italia Srl è la società dei servizi della Camera di Commercio Italo Germanica (AHK Italia) Via Gustavo Fara 26 I Mailand P.IVA/C.F Tel Fax Deutsch-Italienische Handelskammer Camera di Commercio Italo-Germanica CONTENUTI LINKS: DEinternational Italia s.r.l. ha raccolto le informazioni con la maggiore cura possibile. Tuttavia, la correttezza e l accuratezza delle informazioni contenute non possono essere garantite. Qualsiasi responsabilità per danni derivanti direttamente o indirettamente dall uso dei testi delle pagine e/o siti collegati tramite link è esclusa. INVIO DATI PRIVACY: Informativa ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 196/2003 sul trattamento dei dati personali e consenso al trattamento dei dati: i dati raccolti in questo documento hanno la finalità di attivare nei confronti dell interessato un servizio informativo. L interessato può richiedere la propria cancellazione dalla mailing-list, contattando la DEinternational Italia s.r.l..

(ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329)

(ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329) ATTO DI INDIRIZZO (ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329) in relazione alla devoluzione del patrimonio a seguito della perdita della qualifica di Onlus senza scioglimento

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

N DIPENDENTI OCCUPATI IN MEDIA 50 unità

N DIPENDENTI OCCUPATI IN MEDIA 50 unità TERMINI E MODALITÀ DI APPROVAZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO NELLE S.R.L. Nelle società di capitali, al termine di ogni esercizio sociale, gli amministratori devono redigere il bilancio da sottoporre all

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE

LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE CIRCOLARE N. 8 - SETTEMBRE 2012: LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE COMUNICAZIONE DEI DATI DEI CONTI CORRENTI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE La Manovra Monti ha previsto l obbligo, da parte degli

Dettagli

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE

Circolare 29. del 12 dicembre 2014. Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE Circolare 29 del 12 dicembre 2014 Altre novità del DLgs. 21.11.2014 n. 175 in materia di accertamento, riscossione e contenzioso INDICE 1 Premessa... 3 2 Operazioni straordinarie delle società di persone

Dettagli

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010 5 Novembre 2010, ore 11:18 Circolare n. 33 e 34 di Assonime Fallimento e ristrutturazione delle imprese in difficoltà, le indicazioni di Assonime Assonime fornisce nelle Circolare n. 33 e 34 dello scorso

Dettagli

Restando a disposizione per l approfondimento dei casi concreti, porgiamo i migliori saluti.

Restando a disposizione per l approfondimento dei casi concreti, porgiamo i migliori saluti. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 18 Novembre 2014 Collaboratori coordinati e continuativi e amministratori di Società residenti all estero: trattamento fiscale degli

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA

RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA RAPPORTO DI LAVORO E TRASFERIMENTO DI AZIENDA 16 maggio 2014 Avv. Marcello Giustiniani www.beplex.com Il trasferimento d azienda e di ramo d azienda A) La nozione di trasferimento d azienda (art. 2112,

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16)

SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI. Maggio 2016. Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande. Dom.15 (termine differito a lunedì 16) SCADENZIARIO FISCALE PER IL MESE DI Maggio 2016 Approfondimento su: Somministrazione di alimenti e bevande Dom.15 (termine differito a lunedì 16) Iva Registrazione Termine ultimo per l annotazione delle

Dettagli

IL LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA

IL LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA LAVORO AUTONOMO CON PARTITA IVA Le prestazioni lavorative rese da persona titolare di posizione fiscale ai fini dell'imposta sul valore aggiunto sono considerate, salvo che sia fornita prova contraria

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Luglio 2013

Osservatorio Enti Locali Luglio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Luglio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

1 di 5 16/01/2015 17:53

1 di 5 16/01/2015 17:53 1 di 5 16/01/2015 17:53 Fattura elettronica e semplificata: le precisazioni dell'agenzia Pratica Fiscale e Professionale, 21 / 2013, p. 31 Chiarimenti della circolare 12/E Fattura elettronica e semplificata:

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

Legge di stabilità 2013 e ultime novità. Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture

Legge di stabilità 2013 e ultime novità. Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture Circolare n. 1/2013 Legge di stabilità 2013 e ultime novità In sintesi: Novità in materia di numerazione ed emissione delle fatture Riaperti i termini per rivalutare terreni e partecipazioni societarie

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 42/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 Oggetto: Operazione di aggregazione aziendale tra due società inglesi e secondo le disposizioni del Regno Unito.

Dettagli

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP

PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP 2 PRESUPPOSTO SOGGETTIVO DELL IRAP DLgs. 446/97 3 Prassi C.M. 4.6.98 n. 141/E; C.M. 26.7.2000 n. 148/E; Circ. Agenzia delle Entrate 6.8.2007 n. 48; Circ. Agenzia delle Entrate 19.11.2007 n. 61; Circ. Agenzia

Dettagli

Milano Roma. News fiscali e societarie

Milano Roma. News fiscali e societarie Milano Roma News fiscali e societarie Luglio 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI La Manovra correttiva 2011 Il Decreto Legge 6 luglio 2011, n. 98, la c.d. Manovra correttiva, da convertire in legge

Dettagli

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 Circolare n. 26 del 13 settembre 2013 Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 INDICE 1 Responsabilità ai fini fiscali

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo

Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo Lezione 11 Abuso di internet e di posta elettronica in azienda I vincoli al controllo La problematica. L introduzione dell informatica in azienda, in particolare nei processi produttivi modifica i rapporti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

[CIRCOLARE MENSILE ] PICCOLA MOBILITA. [Dicembre 2013] (INPS, Messaggio n. 18639 del 18.11.2013)

[CIRCOLARE MENSILE ] PICCOLA MOBILITA. [Dicembre 2013] (INPS, Messaggio n. 18639 del 18.11.2013) [CIRCOLARE MENSILE ] [Dicembre 2013] PICCOLA MOBILITA (INPS, Messaggio n. 18639 del 18.11.2013) Ad integrazione delle indicazioni già fornite con la circolare n. 150 del 25 ottobre 2013 (vedasi precedente

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012

SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012 II Prova scritta Tema 1 SAPIENZA UNIVERSITA DI ROMA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA II SESSIONE 2012 Premessi brevi cenni sulle operazioni di trasferimento di

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO RIZZI BRESCIANI

STUDIO ASSOCIATO RIZZI BRESCIANI Circolare del 04 marzo 2015 LE NOVITÀ DEL DECRETO MILLEPROROGHE DOPO LA CONVERSIONE IN LEGGE Sulla G.U. 28.2.2015, n. 49 è stata pubblicata la Legge 27.2.2015, n. 11 di conversione del DL n.192/2014, Decreto

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010

Ancona, 9 marzo 2011. A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 1 Ancona, 9 marzo 2011 A tutti i clienti Loro sedi LE PRINCIPALI NOVITA INTRODOTTE DAL COLLEGATO LAVORO L. 183/2010 Maxisanzione per il lavoro nero La prima novità introdotta dal Collegato Lavoro, in tema

Dettagli

CIRCOLARE N. 1. Roma, 15 gennaio 2010

CIRCOLARE N. 1. Roma, 15 gennaio 2010 CIRCOLARE N. 1 Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 15 gennaio 2010 OGGETTO: Controllo preventivo delle compensazioni dei crediti relativi all imposta sul valore

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 1 dicembre 2015

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 1 dicembre 2015 CIRCOLARE N. 36/E Roma, 1 dicembre 2015 Direzione Centrale Accertamento e Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Primi chiarimenti in tema di Patent Box - Articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

Informativa n. 3/2014

Informativa n. 3/2014 Informativa n. 3/2014 Sommario Premessa 2 Sospesa la ritenuta del 20% sui redditi esteri 2 Studi di settore ridotti se la professione è part-time 2 Al via il nuovo reclamo 3 San Marino esce dalla Black

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

Cassazione Penale - Sez. III n. 11820 del 13 marzo 2013

Cassazione Penale - Sez. III n. 11820 del 13 marzo 2013 Responsabilità del comproprietario per opere su area in comunione di Avv. Rosa Bertuzzi. inviato il 13 aprile 2013 Cassazione Penale - Sez. III n. 11820 del 13 marzo 2013 Il comproprietario ha il potere

Dettagli

Comune di Livorno TITOLO I GENERALITA

Comune di Livorno TITOLO I GENERALITA Comune di Livorno ALLEGATO N.3 SOCIETÀ DI TRASFORMAZIONE URBANA PORTA A MARE S.P.A. SCHEMA DI STATUTO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 127/17.07.2003. TITOLO I GENERALITA ARTICOLO

Dettagli

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014

ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 ODCEC DI MANTOVA - COMMISSIONE PROCEDURE CONCORSUALI - SCHEDE DI DIRITTO CONCORSUALE N. 01/2014 COMUNICAZIONI AI CREDITORI: I NUOVI ADEMPIMENTI TELEMATICI RIFERIMENTI NORMATIVI: PREMESSA: Art. 17 del D.L.

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso

Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Gli istituti principali del contratto estero il contenzioso Presentazione dell avvocato Fabio Petracci, avvocato giuslavorista del Foro di Trieste 1. Fattispecie e definizioni Quali sono gli elementi di

Dettagli

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari

Teksid S.p.A. Approvato dal CdA del 30 settembre 2004 PARTE SPECIALE 2. Reati Societari PARTE SPECIALE 2 Reati Societari INDICE PARTE SPECIALE 2 Teksid S.p.A. 1. Le fattispecie dei reati societari (art. 23 ter del D.Lgs. 231/2001)...3 2. Funzione della Parte Speciale - 2 -...6 3. Processi

Dettagli

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA

FORNITURA BUONI PASTO. L anno 2012, il giorno del mese di, TRA Contratto n. /2012 FORNITURA BUONI PASTO L anno 2012, il giorno del mese di, TRA.. con sede legale in vi., partita IVA, in persona del legale rappresentante., in seguito denominata Committente E con sede

Dettagli

Smaltimento a carico del possessore di Rifiuti speciali da Imballaggi (CASSAZIONE - Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377)

Smaltimento a carico del possessore di Rifiuti speciali da Imballaggi (CASSAZIONE - Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377) Smaltimento a carico del possessore di Rifiuti speciali da Imballaggi (CASSAZIONE - Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377) CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 04 aprile 2012, n. 5377 Esenzione dalla TARSU di Rifiuti

Dettagli

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA

!!!!! DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA DECRETO COMPETITIVITA : LE NOVITA INTRODOTTE IN MATERIA SOCIETARIA Introduzione: Il Decreto Legge n. 91 del 24 giugno 2014 (c.d. Decreto Competitività ) e la relativa Legge di Conversione (Legge n. 116

Dettagli

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI a cura Giuseppe Demauro La complessa fase di erogazione dei finanziamenti stipulati con le banche, si caratterizza anche per la determinazione dell imposta

Dettagli

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001

tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DFP-0020266-30/04/2008-1.2.3.3 CIRCOLARE N.6/08 A Alle tutte le Amministrazioni pubbliche di cui all art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001 Autorità amministrative

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito

Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Gli Accordi di Ristrutturazione del Debito Art. 182bis e 182 ter R.D. 16 marzo 1942, n. 267 Paolo Bonolis Fabrizio Spagnolo Federico Raffaelli Roma, GLI ACCORDI EX ART. 182 BIS LEGGE FALLIMENTARE Istituto

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Risoluzione n. 49/E. Roma, 13 marzo 2007

Risoluzione n. 49/E. Roma, 13 marzo 2007 Risoluzione n. 49/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 marzo 2007 OGGETTO: Istanza d Interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n.212. Associazione Alfa Imposta di registro Contratti di

Dettagli

Milano 22 dicembre 2014 NEWS FISCALI

Milano 22 dicembre 2014 NEWS FISCALI Milano 22 dicembre 2014 NEWS FISCALI Con l entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 175, c.d. Decreto semplificazioni fiscali, dal prossimo 13 dicembre andranno a regime molte modifiche alla fiscalità,

Dettagli

LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE

LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE LA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO E GLI EFFETTI DELLA ISCRIZIONE DEGLI ATTI NEL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. L iscrizione della società nel Registro delle imprese. 2. L iscrizione

Dettagli

Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione pubblica e privata

Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione pubblica e privata «LE SOCIETA DI GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI: lo stato dell arte, gli affidamenti, le responsabilità per gli organi di amministrazione e controllo» Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione

Dettagli

LE SOCIETA DI PERSONE

LE SOCIETA DI PERSONE DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO 1 CICLO DI SEMINARI PER CREARE NUOVE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA LE SOCIETA DI PERSONE PARTE SECONDA PAOLO VILLA martedi 28 ottobre 2014 SOCIETA IN ACCOMANDITA

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA Paolo Maria Farina Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA GLI INCENTIVI FISCALI PER LE START-UP INNOVATIVE. Con la pubblicazione del decreto interministeriale, è finalmente operativo

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 21/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 21/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 gennaio 2009 Oggetto: Interpello ex articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212 Fusione concernente società di diversi Stati

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTA la legge 23 dicembre 2014 n. 190, e successive modificazioni, recante Disposizioni per la formazione

Dettagli

SAFE BAG S.P.A. PROCEDURA PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

SAFE BAG S.P.A. PROCEDURA PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE SAFE BAG S.P.A. PROCEDURA PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Articolo 1 Premessa La presente procedura (la Procedura ) è stata approvata dal Consiglio di Amministrazione di Safe Bag S.p.A. ( la Società

Dettagli

Newsletter, gennaio 2012

Newsletter, gennaio 2012 Newsletter, gennaio 2012 Contenuti: 1. Diritto societario 2. Diritto bancario 3. Diritto civile 4. Diritto tributario 5. Diritto della previdenza sociale 1. Diritto societario Legge federale del 18 luglio

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE L'emissione di prestiti obbligazionari è un'operazione con la quale una società contrae un debito a lunga scadenza con una pluralità di soggetti.

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE Prot. n. 2015/154278 Disposizioni concernenti l accesso alla procedura di accordo preventivo connessa all utilizzo di beni immateriali ai sensi dell articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre

Dettagli

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA 1. Premessa. Di seguito è riportata una sintetica illustrazione della disciplina della start-up innovativa introdotta dal c.d. Decreto Crescita 2.0, ossia il Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Chiarezza e trasparenza delle disposizioni tributarie Art.3 Chiarezza e motivazione degli atti Art.4

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Novità in tema di perdite su crediti

Novità in tema di perdite su crediti Dott.ssa Cecilia Andreoli (Commissione Fiscalità Odcec Modena) Novità in tema di perdite su crediti Il decreto legge n. 83 del 22 giugno 2013, convertito con modificazioni dalla legge n. 134 del 7 agosto

Dettagli

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC

Avv. Cristina BAUCO. Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC LA LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI: ASPETTI DI INTERESSE Avv. Cristina BAUCO Avvocato Ricercatore area giuridica IRDCEC Diretta 17 ottobre 2011 SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE DI SOCIETÀ DI CAPITALI Disciplina

Dettagli

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012

Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. 134/2012 2 ottobre 2012 Practice Group: Restructuring & Bankruptcy Le ultime riforme alla legge fallimentare: la legge n. Di Andrea Pinto (A) Introduzione La Legge n. 134 del 7 agosto 2012, pubblicata sulla Gazzetta

Dettagli

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm..

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm.. Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio IV Roma, All ORGANISMO DEGLI AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI Via Zanardelli n. 20 00186 ROMA

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Circolare Informativa n. 10 n. 52 del del 1512 dicembre 2012 Tutela contro i ritardi nei pagamenti delle transazioni commerciali - Nuova disciplina INDICE 1 Premessa... 2 2

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 30 gennaio 2015. Semplificazione in materia di documento unico di regolarità contributiva (DURC). IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

Dettagli

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 2 Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme di attività economica: Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme

Dettagli

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo

Domanda di concordato. Introduzione. Concordato Preventivo 21 giugno 2012 Modifiche apportate dal c.d. Decreto Legge Crescita alla disciplina del concordato preventivo e degli accordi di di Alberto Picciau, Andrea Pinto (A) Introduzione Il c.d. Decreto Legge Crescita,

Dettagli

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari

La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari La disciplina fiscale della conversione dei crediti in azioni o in strumenti finanziari Tavole sinottiche a cura di Giulio Andreani Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia

Dettagli

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo

Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Opponibilità di crediti futuri ed eventuali alla procedura di concordato preventivo Tribunale di prato, 30 settembre 2014. Presidente relatore Maria Novella Legnaioli. Concordato preventivo - Cessione

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI

I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI Circolare n. 05 del 21 febbraio 2011 A tutti i Clienti Loro sedi I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI Come noto, dal 2010, sono state introdotte rilevanti novità in materia di territorialità

Dettagli

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali

Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Deposito Iva: analisi delle novità legislative e giurisprudenziali Premessa Negli ultimi anni, l istituto del deposito Iva è stato oggetto di forti contrasti interpretativi in merito alla rilevanza dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E.

ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E. ASSOCIAZIONE ICT DOTT. COM I L R A P P R E S E N T A N T E F I S C A L E D E L S O G G E T T O N O N R E S I D E N T E A c u r a d i : Giovanni Scagnelli Dottore Commercialista Associazione IC T Dott.C

Dettagli

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO

NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO NOTIZIE FLASH DAL PARLAMENTO SOMMARIO novembre-dicembre 2012 AGGIORNAMENTO DECRETI-LEGGE Crescita-bis AGGIORNAMENTO PROGETTI DI LEGGE Legge di stabilità 2013 Delega fiscale Riforma delle professioni sanitarie

Dettagli