Novembre 2012: Notizie economiche ticinesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Novembre 2012: Notizie economiche ticinesi"

Transcript

1 PROFILI INTERESSANTI Informiamo la nostra clientela che questo mese la Ti impiego mette a disposizione due profili specializzati con lo sconto del 50% sull onorario per la selezione: 1. Impiegata Contabile -profilo 11752: laureata in Psicologia del lavoro e del marketing, ha valida esperienza come Impiegata Contabile e Amministrativa, di madrelingua italiana, conosce molto bene la lingua inglese. 2. Impiegata di commercio -profilo 11754: laureata in Scienze della Mediazione interlinguistica, con esperienza nel ruolo di Impiegata e Segretaria, di madrelingua italiana, conosce in maniera eccellente le lingue inglese e spagnolo, a livello buono francese e tedesco. Restiamo, come sempre, a vostra disposizione per qualsiasi richiesta di personale. Per consultare alcuni dei numerosi profili presenti nel nostro database, cliccate il settore di vostro interesse aiuto contabile - contabile bancario - contabile cantonale - contabile federale - contabile finanziario esperto in finanza e controlling - fiscalista - revisore - perito fiduciario - perito fiscale altri La Signora Vita Di Gregorio resta volentieri a disposizione per qualsiasi richiesta di personale al numero telefonico e al seguente indirizzo Novembre 2012: Notizie economiche ticinesi Aumento del tasso di disoccupazione per Ottobre 2012 in Ticino: 4,4% (vedi grafico). 1

2 In ottobre la disoccupazione in Ticino è aumentata: a fine mese figuravano iscritti presso gli Uffici regionali di collocamento disoccupati, dei quali a tempo totale (87.7%) ed i restanti a tempo parziale (878; 12.3%). Rispetto a settembre 2012 il numero dei disoccupati ha dunque conosciuto un incremento di 520 unità (+7.8%); durante lo stesso periodo dell anno scorso l aumento era stato di 477 unità (+8.0%). Il numero effettivo di disoccupati attualmente registrato risulta superiore del 11.4% a quello del mese di ottobre A fine ottobre 2012 il tasso di disoccupazione si è pertanto attestato al 4.4%, aumentando di 0.3 punti percentuali rispetto al mese precedente. Questo valore è superiore a quello registrato l anno scorso (+0.4 punti percentuali). In media negli ultimi 12 mesi sono stati registrati disoccupati, pari ad un tasso del 4.3%, che è inferiore al valore medio annuo calcolato per il 2010 e superiore a quello del Aumento del numero di persone in cerca di impiego in Ottobre 2012 in Ticino (vedi grafico) Complessivamente alla fine del mese di ottobre 2012 erano le persone alla ricerca di un impiego (somma dei disoccupati e dei non disoccupati) annunciate presso gli Uffici regionali di collocamento, il che equivale ad un aumento di 706 unità (+7.2%) rispetto al mese precedente. Se si considera la media relativa agli ultimi 12 mesi, il livello raggiunto ( unità) è superiore al valore medio annuo registrato nel 2011 ( unità) e inferiore a quello del 2010 (10 938unità). Aumento del tasso di disoccupazione a livello nazionale :2,9% (vedi grafico) I dati della Segreteria di Stato dell economia (SECO) indicano che a fine ottobre 2012 erano registrati presso gli Uffici regionali di collocamento di tutta la Svizzera disoccupati, ossia in più rispetto al mese precedente (+4.3%). Il tasso di disoccupazione è aumentato, a livello nazionale, al 2.9% (+0.1 punti percentuali). Il numero delle persone in cerca di impiego iscritte corrispondeva a il che equivale ad un incremento di unità se si considera la quota raggiunta a fine settembre 2012 (+4.5%). Diminuzione della porzione di persone in cerca di impiego non disoccupate sul totale delle persone in cerca di impiego Il 32.2% del totale delle persone in cerca di impiego iscritte a fine ottobre 2012, ossia unità, non erano disoccupate. Alla fine del mese di settembre 2012 questa proporzione era pari al 32.7%. Il 51.6% delle persone in cerca d'impiego non disoccupate svolgeva un'attività, percependo un guadagno intermedio, il 21.1% era impegnato in provvedimenti inerenti al mercato del lavoro, il 3.7% non era immediatamente collocabile, mentre il restante 23.5% rientrava in altre categorie. Diminuzione del numero dei posti vacanti A fine ottobre 2012 i posti vacanti annunciati presso gli Uffici regionali di collocamento corrispondevano a 281, contro i 288 del mese precedente (-2.4%). Da osservare che questo dato non è significativo dell andamento delle offerte sul mercato del lavoro, in quanto per motivi amministrativi non tutti i posti liberi segnalati vengono registrati nel sistema; inoltre questi rappresentano una parte minima dell offerta globale realmente esistente sul mercato. Numerazione Internazionale: VoipTel SA mette a disposizione numeri telefonici nazionali e internazionali 2

3 VoipTel SA, tramite la rete di interconnessioni con i maggiori carrier internazionali, è in grado di offrire numeri telefonici VoIP nazionali e internazionali. La copertura attuale è di 63 nazioni nel mondo. A richiesta possono essere forniti anche numeri telefonici VoIP di altre nazioni. I numeri telefonici sono forniti al cliente tramite linea VoipTel, che sfrutta la tecnologia VoIP, avendo così risparmi tangibili e un abbattimento dei costi aziendali senza paragoni, un servizio voce sicuro e di alta qualità. (www.swissvoiptel.ch) BNP Paribas: la banca luganese e la Weissgeldstrategie La banca ha deciso di ridurre drasticamente il numero di effettivi. Da adesso accetterà solo soldi dichiarati. La banca in questione occupava poco più di quaranta persone. Dopo i tagli ne rimarranno una dozzina. Prepensionamenti, licenziamenti e dimissioni volontarie. Il perché questa banca ha ridotto drasticamente gli effettivi ha un motivo ben preciso: Weissgeldstrategie, ossia la strategia del denaro pulito voluta dal Consiglio Federale. Questo colosso ha deciso che saranno accettati solo clienti che hanno dichiarato i loro averi nei paesi di origine. In special modo l Italia. Negli scorsi anni la banca in questione ha comperato un importantissimo istituto bancario italiano, la BNL. E l idea è di convogliare i clienti che lo vorranno verso Lugano. Naturalmente tutto alla luce del sole. Manor investe 10 milioni di franchi a Locarno Manor ha analizzato la situazione in Ticino e ha deciso di fare importanti investimenti nel grande magazzino di Locarno. Dieci milioni andranno alla ristrutturazione e all'ampliamento della sede attuale. Il grande magazzino di Locarno sarà interamente trasformato. Sarà dato più spazio ai trend della moda e numerosi nuovi marchi internazionali entreranno a far parte dell'assortimento. I reparti profumeria, gioielleria e Home & Casalinghi si presenteranno anch'essi in una nuova veste. Il supermercato Manor Food di Locarno, attualmente staccato dal grande magazzino, ha una superficie di soli 320 mq. Poiché nella regione di Locarno il settore Food è ampiamente servito con il supermercato della sede di Ascona (1300mq) e soprattutto con quello di nuovissima generazione di S. Antonino (1600mq), inaugurato appena quattro anni fa, Manor ha deciso di chiudere il supermercato di Locarno per la fine dell'anno, privilegiando qui l'importante settore Non Food. La Banca dello Stato del Cantone Ticino esternalizza La Banca dello Stato del Cantone Ticino ha scelto il B-Source Master, la piattaforma di servizi Business Process Outsourcing (BPO) di B-Source SA. Per la B-Source arriva un altro importante cliente. La Banca dello Stato del Cantone Ticino ha scelto il B-Source Master, la piattaforma di servizi Business Process Outsourcing di B-Source SA. La migrazione su tale soluzione dovrebbe essere completata nel E' in tale prospettiva che B-Source accoglierà tra le sue fila circa 20 collaboratori attivi in alcuni servizi di supporto della Banca, continuando a impiegarli in Ticino. B- Source con sede principale a Bioggio e la Banca dello Stato del Cantone Ticino hanno firmato il contratto per il rinnovo della piattaforma informatica dell'istituto bancario. L'accordo prevede la migrazione di Banca Stato sul b-source Mastero, la piattaforma BPO di B-Source, entro la primavera del Come si apprende dalla nota, una volta effettuata la migrazione sul B-Source Master, BancaStato utilizzerà una piattaforma applicativa bancaria completa basata sul sistema Avaloq e farà capo a specifiche attività di back office trasferite in seno a B-Source. La nuova piattaforma consentirà all'istituto bancario di migliorare l'efficienza e di accrescere la competitività. Alptransit in Ticino: ricadute sull economia Lo studio commissionato dal Cantone parla chiaro: le ricadute saranno positive. Nessuna regione uscirà perdente dalla messa in funzione di AlpTransit in Ticino. Questa in sintesi la conclusione dello studio che il Cantone ha commissionato per conoscere le opportunità e i rischi a livello 3

4 economico dopo l arrivo dell alta velocità in Ticino. La messa in esercizio delle due gallerie di base del San Gottardo e del Monte Ceneri avrà delle ricadute sull economia in generale, su turismo, logistica, centri di formazione e ricerca. A livello di mobilità, AlpTransit permetterà di avvicinare il Ticino al resto della Svizzera, con treni ogni 30 minuti verso Zurigo (che da Lugano si raggiungerà in meno di 120 minuti) e verso Lucerna/Basilea. In chiave regionale, grazie alla galleria di base del Ceneri l offerta TILO verrà potenziata con treni ogni 15 minuti, diventando una rete metropolitana. Ma per valorizzare e ottimizzare le ricadute economiche sarà necessaria una collaborazione tra pubblico e privato. Più fallimenti dal 2001, Ticino stabile Nel mese di ottobre sono state 1249 le ditte che hanno chiuso i battenti. Confrontati con lo stesso periodo del 2001, il numero dei fallimenti registrati nel mese di ottobre si è attestato a 1249, con una crescita del 22,5%. Per quanto riguarda i privati si assiste a un aumento del 19,0% a 588, mentre le società segnano una progressione del 25,7% a 661: tuttavia in questo caso la crescita è dovuta non tanto a situazioni di insolvenza, che hanno interessato 414 aziende (+3,5%), quanto a imprese che presentano lacune nell'organizzazione in relazione all'articolo 371b del Codice delle obbligazioni (247 ditte, +96,0%). Nel pubblicare i dati la società di informazioni economiche Creditreform fornisce anche i numeri aggregati per i primi dieci mesi dell'anno. Le bancarotte risultano essere (+8,8%), 5623 di società (+1,8%, ma -3,8% per le sole insolvenze) e 5504 di persone (+17%). A questo proposito sono disponibili anche dati cantonali: in Ticino la situazione appare stabile, con 274 fallimenti aziendali per mancanza di soldi (-0,7%) e 493 fallimenti personali (+2,3%), mentre nei Grigioni si assiste rispettivamente a un forte calo (-32,8% a 45) e a un altrettanto marcato rialzo (+30,7% a 115). Tornando a livello nazionale, ma rimanendo nel periodo gennaio-ottobre, le nuove iscrizioni al registro di commercio sono state (-0,4%) e le radiazioni (+3,9%), per una conseguente decrescita netta di La banca ticinese con sede a Lugano, potrebbe essere ceduta ad investitori cinesi Il futuro di BSI potrebbe passare per la Cina. Infatti, ci sarebbero degli investitori cinesi interessati alla banca ticinese. Le Assicurazioni Generali, proprietarie della banca, sono presenti in Cina e non è da escludere una cessione della banca a investitori di quel paese. Se così fosse, lo scenario potrebbe essere meno preoccupante per gli impiegati, in quanto eventuali investitori asiatici potrebbero mantenere lo status quo. Se invece si dovessero affacciare investitori già attivi sul mercato elvetico, potrebbe crearsi una situazione di doppioni. Nelle scorse settimane si era parlato di un interessamento di Union Bancaire Privée. La banca ginevrina si sarebbe mostrata interessata a BSI. Anche Julius Baer si è mostrata interessata all'acquisizione della banca ticinese. Ma in questo caso l'operazione era sfumata. Lugano, finanze a picco Il gettito fiscale calerà parecchio. Il settore finanziario è in difficoltà e le ripercussioni si vedranno presto. Lugano la ricca potrebbe non essere più tale, o perlomeno potrebbe essere meno ricca di quanto non lo fosse negli anni precedenti. La crisi mondiale, le pressioni sul mondo bancario e finanziario in generale porteranno meno soldi nelle casse della Città. C è preoccupazione per il calo di gettito fiscale generato dalle banche. Ma non solo da esse. Il settore bancario di per sé rappresenta solo il 10% del totale (circa 192 milioni nel 2011), ma è tutto il mondo finanziario, fatto di fiduciarie, studi legali e affini che ruotano attorno alla finanza a risentirne. Sulla piazza si stanno ridimensionando diversi istituti bancari. Tra di essi BNP Paribas, un colosso, e si teme non sia l'ultima. Senza dimenticare che se il settore finanziario va male, anche chi ci lavora ha meno soldi da spendere, trascinando altri comparti in acque pericolose. Il settore finanziario ha sempre pagato 4

5 bene i suoi collaboratori. Se verranno a mancare anche questi consumatori saranno non pochi quelli che dovranno fare fronte a diverse difficoltà. Il consuntivo 2011 ha presentato un avanzo di 27,1 milioni. Per il 2012 si è preventivato un disavanzo di dodici milioni. Quando le finanze di una città preoccupano si alza il moltiplicatore. A Lugano attualmente è del 70%. Un ritocco verso l alto potrebbe essere possibile, ma il momento non è dei migliori, visto che le elezioni comunali sono previste per la primavera 2013 e si preannunciano molto combattute. Forte crescita per Alstom Il fatturato della filiale svizzera del colosso francese aumentato del 26%. Alstom Svizzera ha realizzato un fatturato di 1,2 miliardi di euro (1,45 miliardi di franchi) nel primo semestre dell'esercizio 2013/2013, con una progressione annua del 26%. A fine settembre vi erano commesse in portafoglio per oltre un miliardo di euro (+25%), ha comunicato oggi la società, che dà lavoro a 6300 persone, in margine alla presentazione dei dati per l'intero gruppo industriale francese. A livello globale il colosso specializzato nell'infrastruttura per energia e trasporti mostra un utile di 403 milioni di euro (+11%) e vendite per 9,75 miliardi (+4%). Valori peraltro inferiori alle attese degli analisti. Calano le riserve della BNS Per la prima volta dal febbraio scorso le riserve di divise della Banca nazionale svizzera (BNS) tornano a scendere: in ottobre sono calate a 424,4 miliardi di franchi, 5,1 miliardi in meno di settembre, ha comunicato oggi l'istituto d'emissione. La ragione principale di questa diminuzione non è legata a vendite, quanto ai corsi delle monete. In settembre l'euro si è infatti lievemente rafforzato, dopo che da Pasqua era praticamente rimasto incollato a 1,20 franchi, la soglia minima fissata unilateralmente dalla BNS il 6 settembre Era arrivato anche a superare 1,21, mentre in ottobre è tornato leggermente sotto questo livello, finendo il mese a 1,2075. Sul fronte delle riserve si conferma però la fase di stabilizzazione che ha preso avvio in agosto, dopo mesi caratterizzati da una forte crescita, in relazione agli interventi di sostegno effettuati dalla BNS per evitare il rafforzamento del franco. In febbraio l'ammontare delle riserve era ancora di 227,2 miliardi, un valore balzato al record di 429,5 miliardi (dato oggi lievemente corretto) di settembre. Le progressioni più marcate erano state osservate in maggio (+68 miliardi), in giugno (+59) e in luglio (+44). Arrivano i macchinari e Alice Allison riduce il personale Arrivano le macchine nei processi produttivi e si riduce il personale. Normale evoluzione della modernità dell'industria che coinvolge anche aziende come la Alice Allison di Grono, specializzata nella produzione di capsule per il caffè presso Denner, compatibili per Nespresso. L'azienda dopo diversi altalenanti periodi di produzione e successivi blocchi forzati, dovuti alle diatribe legali con la Nestlè che aveva cercato di impedire la produzione delle capsule era passata dai 34 lavoratori iniziali ai successivi 45. Nei prossimi mesi si prepara a una decina di licenziamenti, tra cui quelli del personale non specializzato, addetto al confezionamento delle capsule. A quanto pare, la scelta non deriva da un andamento ridotto delle commesse, che sembrano essere stabili ma a appunto dall'automazione dei processi produttivi che rende inutile il lavoro umano. Il Ticino in affari con il Cremlino È stato firmato un importante accordo di collaborazione fra la Camera di commercio del Ticino e la Camera di commercio della Federazione russa. È questo il primo accordo che viene siglato in Svizzera e la Camera di commercio ticinese fungerà da apripista per l estensione di questo tipo di collaborazione a tutti gli altri cantoni elvetici: un progetto pilota. Ovviamente l accordo di collaborazione premia, in un certo senso il Canton Ticino, dato che la Camera di commercio della 5

6 Federazione russa raggruppa circa 50 mila imprese e vanta 174 sedi regionali riunendo 500 associazioni di categoria. Essa conta 18 rappresentanze nei Paesi europei mentre in Svizzera già sono presenti due uffici a Ginevra e Zurigo. Tuttavia, anche Lugano intravede in questo passo la possibilità di un aiuto reciproco all internazionalizzazione. Da qualche settimana infatti la Russia è entrata a far parte dell Organizzazione mondiale del commercio (WTO) e accordi di questo genere si inseriscono nello sviluppo sempre auspicabile delle relazioni commerciali e culturali. Vero è che le industrie ticinesi cercano di diversificare le relazioni per affrancarsi da una eccessiva dipendenza dall area euro. Ma anche le imprese della grande federazione russa hanno bisogno di aprirsi sui mercati esteri e la Svizzera, per la sua posizione autonoma seppure integrata nell Europa continentale, rappresenta una chance da non sottovalutare. Settore economico dell edilizia principale in Ticino Acquista dinamismo la progressione dell edilizia principale, grazie sia alla ritrovata vivacità dell evoluzione dell edilizia che alla vitalità del genio civile. In entrambi i sottocomparti la buona progressione è guidata dalla ripresa degli ordinativi, il cui volume è giudicato complessivamente elevato. Pertanto l attività aumenta sia secondo il 19% degli impresari dell edilizia(a fronte dell 8% che accusa un calo) che secondo il 30% degli operatori del genio civile (contro il 2% secondo cui si contrae); l impiego è giudicato ad un livello adeguato dalla maggior parte delle imprese di ambedue i sottocomparti. Parallelamente, nell edilizia il grado di utilizzo del parco macchine è al 70% (come lo scorso anno) e la quota parte sul fatturato della componente di ristrutturazioni al 35%. In tale contesto la situazione degli affari di luglio è giudicata generalmente positiva: nel genio il 45% degli operatori la reputa buona, il 53% né buona né cattiva e solo il 2% cattiva; nell edilizia il 30% la giudica buona, il 60% né buona né cattiva ed il 10% cattiva. Dalle prospettive espresse dagli operatori trapela un sentimento pessimistico. Con riserve di lavoro per ancora quasi 5 mesi, gli imprenditori dell edilizia si attendono per il prossimo trimestre cali degli ordinativi, dell attività e una tenue flessione dell impiego; per la fine dell anno un peggioramento della situazione degli affari. Gli impresari del genio civile prevedono a tre mesi, a fronte di un lieve incremento degli ordinativi, una diminuzione dell attività e dei livelli di occupazione; a sei mesi un deterioramento della situazione degli affari. La Posta vuole salari regionali La Posta vorrebbe modificare il Contratto collettivo di lavoro (Ccl) per poter ridurre i salari dei propri dipendenti che lavorano nelle zone periferiche. Lo ha spiegato al Sonntag Daniel Landolf, membro della direzione del gigante giallo e capo della divisione AutoPostale. L'obiettivo è modulare i salari in funzione del mercato e delle aree geografiche. Attualmente, tutti i dipendenti dell'ex regia che svolgono la stessa funzione sono pagati allo stesso modo, indipendentemente dalla località nella quale lavorano. Lacoste passa alla Maus Frères SA La famiglia francese Lacoste, proprietaria della storica azienda fondata nel lontano 1933 dal campione di tennis René, chiamato appunto il coccodrillo dai suoi fan e in seguito diventato stilista, perde il controllo della società che passa nelle mani di Maus Frères. Il gruppo svizzero, già in possesso del 35% delle quote, ha comunicato di aver raggiunto un accordo con gli eredi del coccodrillo sull'acquisto di un altro 30,5% delle azioni attraverso Devanley. Il costo della transazione dovrebbe aggirarsi tra i 300 e i 378 miliardi di euro e, secondo quanto dichiarato dal gruppo entrante, valorizzare la società tra 1 e 1,25 miliardi di euro. Il desiderio da parte di Maus Frères di voler acquisire Lacoste era già nell'aria da tempo, ma ha scelto proprio questo momento approfittando dei dissidi interni alla famiglia francese. L'azienda, a capo di nove marchi, tra cui Manor, Gant e Aigle, ha chiuso il 2011 con un fatturato pari a 5,3 miliardi di franchi. 6

7 Chiasso, meno soldi dalle banche Sulle finanze del Comune pesa il calo del gettito degli istituti di credito. La situazione finanziaria del Comune di Chiasso desta qualche preoccupazione, ma è lungi dall'essere allarmante: guardando al quadro economico attuale con il supporto delle cifre, il sindaco Moreno Colombo smorza i toni catastrofici e detta la linea da seguire nei prossimi mesi, che dovranno essere contrassegnati da sobrietà nelle spese e dall'individuazione delle priorità di intervento, ma non necessariamente da un aumento della pressione fiscale. Sui conti dell'amministrazione pesa il crollo del gettito delle banche, passato da 5 a 2 milioni l'anno. Nasce la SA postale: La Posta si privatizza I dirigenti postali hanno annunciato la creazione della SA postale a partire dal Una decisione che spinge La Posta verso la privatizzazione. La concorrenza è interessata solo in parte al mercato delle lettere, il quale crea più spese che entrate. Le condizioni salariali e lavorative dei dipendenti postali, che già da qualche tempo appaiono meno brillanti del passato, rischieranno con la SA di peggiorare ulteriormente. Rivoluzione luganese per il turismo Abolire l Ente ticinese per il turismo, sostituirlo con un Agenzia del turismo cantonale, spoliticizzata e professionalizzata, che funga da supporto a quattro Destinazioni regionali (Luganese, Mendrisiotto, Locarnese, Bellinzonese), dotate di maggiori competenze, più risorse finanziarie e un ruolo trainante nella promozione del turismo in Ticino: è questa la rivoluzione proposta da Lugano Turismo, con il sostegno della Città e degli albergatori e la condivisione dell Ente turistico del Lago Maggiore. Il documento che ne delinea i contenuti è stato presentato al gruppo tecnico di lavoro istituito dal DFE per l elaborazione di un avamprogetto di riforma della legge cantonale sul turismo. Scende l'utile di Barry Callebaut Barry Callebaut, leader mondiale dei prodotti a base di cioccolato, ha registrato un giro d'affari in progressione dell'8,3% (+11,5% in moneta locale) a 4,83 miliardi di franchi al termine dell'esercizio 2011/12, chiuso a fine agosto. L'utile netto è invece sceso dell'8,5% (-5,2% in moneta locale) a 241,1 milioni. In flessione anche il risultato operativo EBIT che registra un -2,5% (+1% in moneta locale) a 353,2 milioni di franchi. Barry Callebaut giustifica il calo con gli investimenti per il potenziamento dei diversi settori. A pesare negativamente sulla performance sono state anche le spese per l'avvio di diversi accordi di partenariato, ha sottolineato il Ceo del gruppo Juergen Steinemann citato in un comunicato. Grafici sulla disoccupazione: Tasso di disoccupazione in Ticino dal 2011 ad oggi 7

8 gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic Numero di persone in cerca di impiego in Ticino dal 2011 ad oggi gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic Tasso di disoccupazione in Svizzera dal 2011 ad oggi 8

9 gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic Se si desidera non ricevere più questo notiziario, fare clic qui 9

Settembre 2013: Notizie economiche ticinesi

Settembre 2013: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Informiamo la nostra clientela che questo mese la Ti impiego mette a disposizione un profilo specializzato con lo sconto del 50% sull onorario per la selezione: 1. Impiegata Contabile

Dettagli

Andamento affari e occupazione nel settore bancario

Andamento affari e occupazione nel settore bancario Andamento affari e occupazione nel settore bancario Franco Citterio Direttore ABT Vezia, 15 febbraio 2007 Swiss Market Index (Fonte: UBS) 15.02.2007 2 Massa patrimoniale gestita dalle banche in Svizzera

Dettagli

Agosto 2010: Notizie economiche ticinesi

Agosto 2010: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Per consultare alcuni dei numerosi profili presenti nel nostro database, cliccate il settore di vostro interesse industriale - logistico - informatico finanziario - fiduciario - contabile

Dettagli

Maggio 2010: Notizie economiche ticinesi

Maggio 2010: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Per consultare alcuni dei numerosi profili presenti nel nostro database, cliccate il settore di vostro interesse industriale - logistico - informatico finanziario - fiduciario - contabile

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana

Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Le vendite della Grande Distribuzione Organizzata in Toscana Consuntivo 1 semestre e luglio-agosto Ufficio Studi Novembre Indice 1. Considerazioni generali....3 2. Il fatturato di vendita della Grande

Dettagli

Disoccupati registrati (+368, +5.2%)

Disoccupati registrati (+368, +5.2%) Disoccupati registrati (+368, +5.2%) Persone in cerca di impiego registrate (+319, +3.0%) Tasso di disoccupazione (+0.2 punti percentuali) Documentazione per la stampa della Sezione del lavoro / 9 gennaio

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI FINANZIARI E ASSICURATIVI IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI FINANZIARI E ASSICURATIVI IN TICINO 1. Servizi finanziari e assicurativi STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI FINANZIARI E ASSICURATIVI IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI

Dettagli

Disoccupati registrati (-444, -7.2%)

Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Disoccupati registrati (-444, -7.2%) Persone in cerca di impiego registrate (-556, -5.7%) Tasso di disoccupazione (-0.3 punti percentuali) Disoccupati ai sensi dell Organizzazione Internazionale del Lavoro

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO 3. Legno e arredo STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA LEGNO-ARREDO IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA

Dettagli

Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino

Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino Statistica sulla domanda di turismo alberghiero in Ticino Marzo - maggio 2015 Contenuti La sintesi dell Osservatorio del Turismo 3 Analisi per regioni turistiche svizzere 4 Arrivi e pernottamenti mensili

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Ottobre 2015 (principali evidenze) 1. A settembre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO 13. Commercio STRUTTURA E EVOLUZIONE DEI SERVIZI COMMERCIALI IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA E FARMACEUTICA 3.

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2015

Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2015 Indice Credit Suisse delle casse pensioni svizzere 1 trimestre 2015 Da inizio anno 2015: 1,51% 1 trimestre 2015: 1,51% Inizio anno soddisfacente nonostante la performance negativa di gennaio Quota di liquidità

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

Giugno 2012: Notizie economiche ticinesi

Giugno 2012: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Informiamo la nostra clientela che questo mese la Ti impiego mette a disposizione due profili specializzati con lo sconto del 50% sull onorario per la selezione: 1. Impiegato Contabile-profilo

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 9 luglio 2014 Ancora luci ed ombre I dati presentati in questo aggiornamento sono interlocutori. Da un lato, in negativo, abbiamo il credito, ancora in territorio negativo, e

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 Aprile 2013 Prestiti più cari PRESTITI PIÚ CARI Continuano a ridursi i flussi creditizi, ma con velocità meno pronunciata che nei mesi precedenti. Anche le sofferenze registrano

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 10 novembre 2014 Verso quota 0% I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento trend di miglioramento in corso da alcuni mesi: le variazioni annue dello stock

Dettagli

Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30. Inchiesta congiunturale 2014/2015

Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30. Inchiesta congiunturale 2014/2015 Comunicato stampa EMBARGO fino al 14.01.15 ore 11.30 Inchiesta congiunturale 2014/2015 Dopo il miglioramento fatto registrare nel 2013, la situazione delle aziende ticinesi nel 2014 si è stabilizzata in

Dettagli

Indagine Gennaio 2016

Indagine Gennaio 2016 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in collaborazione con IPSOS Indagine Gennaio 2016 Dati rilevati nel mese di Dicembre 2015 Milano, 8 gennaio Comunicato

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Luglio 2008: Notizie economiche ticinesi

Luglio 2008: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Per consultare alcuni dei numerosi profili presenti nel nostro database, cliccate il settore di vostro interesse industriale - logistico - informatico finanziario - fiduciario - contabile

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11giugno 2014 Prime luci in fondo al tunnel I dati del mese di aprile mostrano un estensione dei segnali di miglioramento, con una graduale risalita degli impieghi dai valori

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 gennaio 2015 In attesa della crescita I più recenti dati sul sistema bancario 1 confermano il lento miglioramento in atto nel settore creditizio. La variazione annua degli

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO 2. Chimica e farmaceutica STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA

Dettagli

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT Automotive con approfondimenti e confronti ISTAT Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine marzo 2013 Dati rilevati nel mese di febbraio 2013 Pubblicazione mensile A cura della

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 dicembre 2015 Credito alle imprese in stallo I dati di ottobre 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la ripresa del settore creditizio, con l unica nota stonata

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014)

RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) RAPPORTO MENSILE ABI Gennaio 2015 (principali evidenze con i dati di fine 2014) 1. A fine 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820,6 miliardi di euro

Dettagli

POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN

POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN POSTE ITALIANE: NEI 9 MESI UTILE NETTO QUASI RADDOPPIATO A 622 MLN Radiocor - Il cda di Poste Italiane ha chiuso i nove mesi con un utile pari a 622 milioni di euro, quasi raddoppiato rispetto ai 333 milioni

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 maggio 2015 I primi effetti del QE! I dati di marzo 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano i primi effetti del Quantitative Easing della BCE. L effetto di questa misura

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Maggio 2015 (principali evidenze) 1. Ad aprile 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania

Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008. Congiuntura economica in Germania Forum della Subfornitura in Europa Düsseldorf, 17.-18.12.2008 Congiuntura economica in Germania Dr.ssa Simona Bernardini Forum Subfornitura in Europa, 17. - 18.12.2008 1 Congiuntura economica Panorama

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 4 trimestre 2015 e previsioni 1 trimestre 2016 Trieste, 19 febbraio 2016 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 8 Febbraio 2013 Ancora senza credito ANCORA SENZA CREDITO I primi segnali di inversione del ciclo economico non trovano ancora conferma nei dati del credito. Il 2012 si è infatti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

IL SETTORE DELL EDILIZIA

IL SETTORE DELL EDILIZIA BELGIO: IL SETTORE DELL EDILIZIA L ICE Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane, con la propria rete di Uffici nel mondo e con le attività di promozione e

Dettagli

6. IL MERCATO IMMOBILIARE. 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale

6. IL MERCATO IMMOBILIARE. 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale 6. IL MERCATO IMMOBILIARE 6.1. Lo scenario residenziale e non residenziale Nel 211 lo stock edilizio provinciale ammonta a 165.4 unità immobiliari, di cui 99.9 ad uso residenziale, 41.3 per box e posti

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 13 Maggio 2013 Più raccolta, meno prestiti PIÚ RACCOLTA, MENO PRESTITI Continuano a ridursi gli impieghi, con saggi che nel caso delle famiglie raggiungono valori di massimo

Dettagli

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna. Servizio Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche 0 Bologna, 7 ottobre 20 Agenda Andamento del credito a livello nazionale Il credito in Emilia-Romagna 1 Crescita sostenuta

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 Marzo 2013 Rallentano gli impieghi, aumentano le sofferenze RALLENTANO GLI IMPIEGHI, AUMENTANO LE SOFFERENZE Si protrae la fase di contrazione degli impieghi a famiglie e

Dettagli

Bilanci industria. 2009, l'anno della grande crisi

Bilanci industria. 2009, l'anno della grande crisi via dei Muredei, TRENTO t. /99-9 f. /9 e-mail: ufficio.stampa@cgil.tn.it UFFICIO STAMPA www.cgil.tn.it Bilanci industria. 9, l'anno della grande crisi L'analisi sui conti economici di 7 società e gruppi

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Gennaio 2010: Notizie economiche ticinesi

Gennaio 2010: Notizie economiche ticinesi PROFILI INTERESSANTI Per consultare alcuni dei numerosi profili presenti nel nostro database, cliccate il settore di vostro interesse industriale - logistico - informatico finanziario - fiduciario - contabile

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p.

Indice p. 1. Introduzione p. 2. Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p. 2. Alcune tipologie di profili d investimento p. Conti deposito e altre forme di investimento: a quanto ammonta il rendimento e qual è la forma di Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Le forme d investimento messe a confronto: vantaggi e svantaggi p.

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni

PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI. Elena Molignoni PROSPETTIVE DEL MERCATO IMMOBILIARE BUSINESS DI MONZA E BRIANZA NELLA COMPETIZIONE TRA TERRITORI Elena Molignoni Mercato dei capannoni industriali Il comparto dei capannoni industriali ha evidenziato nel

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2015 (principali evidenze) 1. A giugno 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.833 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 REPORT No. 20 del 24 settembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani

Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine aprile 2014 Dati rilevati nel mese di marzo 2014 Pubblicazione mensile A cura della Comunicazione Corporate di Findomestic Banca spa in

Dettagli

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Emilia-Romagna Direzione Centrale Studi e Ricerche 1 marzo 2015 Credito in lenta uscita dal ciclo negativo Il minimo del ciclo negativo dei prestiti è chiaramente alle spalle,

Dettagli

Il primo fondo. di investimento immobiliare. della Svizzera Italiana

Il primo fondo. di investimento immobiliare. della Svizzera Italiana Il primo fondo di investimento immobiliare della Svizzera Italiana Affidabile. Solido. In crescita. Residentia Residentia è un fondo immobiliare nato nel 2009 che agisce nell ambito degli stabili residenziali

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2013 (principali evidenze) PRINCIPALI GRANDEZZE BANCARIE: CONFRONTO 2013 VS 2007 2007 2013 Prestiti all'economia (mld di euro) 1.673 1.851 Raccolta da clientela (mld di euro)

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2014 (principali evidenze) 1. A febbraio 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.855 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015

COMUNICATO STAMPA Risultati preliminari di bilancio consolidati al 31 dicembre 2015 Società per Azioni con Sede Legale in Cagliari Viale Bonaria, 33 Codice fiscale e n di iscrizione al Registro delle Imprese di Cagliari 01564560900 Partita IVA 01577330903 Iscrizione all Albo delle Banche

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Giugno 2015 (principali evidenze) 1. A maggio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.815 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Annuario R&S 2014. Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013

Annuario R&S 2014. Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013 Annuario R&S 2014 Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013 Confronto fra le monografie pubblicate da R&S sui maggiori Gruppi italiani della Grande distribuzione organizzata nel quinquennio 2009 2013

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE IN TICINO 8. Industria alimentare e delle bevande STRUTTURA E EVOLUZIONE DELL INDUSTRIA ALIMENTARE E DELLE BEVANDE IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA

Dettagli

LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY

LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY SECURITIES SERVICES LA PARTNERSHIP DI SOCIETE GENERALE SECURITIES SERVICES CON CREDIT SUISSE ASSET MANAGEMENT: UN CASE STUDY Alla luce dell aumento dei vincoli normativi, della crescente complessità del

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Settembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad agosto 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

via Navesco 7, 6942 Savosa s@stefanorizzi.ch

via Navesco 7, 6942 Savosa s@stefanorizzi.ch ESPERIENZE PROFESSIONALI gen. 2012 Direttore della Divisione dell economia del Dipartimento delle finanze e dell economia (DFE). (www.ti.ch/economia) Personale: ca 400 Budget annuale complessivo: ca 230

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Luglio 2013 (principali evidenze) 1. A giugno 2013 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.893 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è sempre

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX

COMUNICATO STAMPA. Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX Nuovi indici immobiliari ticinesi CAEX e APEX La Banca dello Stato del Cantone Ticino lancia, in collaborazione con CIFI SA, due nuovi indici immobiliari ticinesi: CAEX per le case unifamiliari e APEX

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Il capitale circolante del settore siderurgico

Il capitale circolante del settore siderurgico Il capitale circolante del settore siderurgico Quale impatto sulla posizione finanziaria nel 21? Analisi elaborata dall Unità di di Centrobanca Pio De Gregorio Stefania Baccalini Gianluca De Sanctis 8

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

Percorsi e storie d impresa a Roma

Percorsi e storie d impresa a Roma Percorsi e storie d impresa a Roma Esperienze, valutazioni e prospettive degli imprenditori stranieri Sintesi dei principali risultati Indagine realizzata attraverso la somministrazione telefonica o diretta

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2016 (principali evidenze) 1. A fine 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.830,2 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 giugno 2015 Credito in folle I dati di aprile 2015 del sistema bancario italiano 1 confermano la lentezza del settore creditizio nel reagire agli stimoli monetari. Dopo il

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli