CONSIGLIO PROVINCIALE DI MILANO. Processo verbale dell'adunanza del 21 giugno 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSIGLIO PROVINCIALE DI MILANO. Processo verbale dell'adunanza del 21 giugno 2007"

Transcript

1 CONSIGLIO PROVINCIALE DI MILANO Processo verbale dell'adunanza del 21 giugno 2007 Addì, ventuno giugno duemilasette, in Milano, nell'aula consiliare di via Vivaio n. 1, si è riunito il Consiglio provinciale per la trattazione degli argomenti iscritti agli ordini del giorno ordinario e supplementari dall uno al diciotto, distribuiti in data 11, 18, 25 gennaio, 15, 22 febbraio, 1, 7, 15, 22 marzo, 12 aprile, 3, 10, 17, 22 maggio, 5, 14 e 21 giugno A norma dell'art. 34 dello Statuto, la Presidenza dell'adunanza viene assunta dal Presidente del Consiglio provinciale, Vincenzo Ortolina. Partecipa alla seduta il Vice Segretario generale, Liana Bavaro. Alle ore il Presidente del Consiglio invita il Vice Segretario a procedere all'appello nominale dei presenti. Rispondono all'appello i seguenti trentadue Consiglieri: Ortolina Vincenzo Angiuoni Pierluigi Ariazzi Costanzo Arrigoni Vittorio Barbaro Mario Bernareggi Alberto Bruschi Marco detto Max Calaminici Arturo Caputo Roberto Cavicchioli Arianna Clerici Michele Dapei Bruno De Gaspari Mario Del Nero Paolo Elli Enrico Esposito Francesco Foglia Giuseppe Fortunati Ombretta Fratus Gianbattista Gaiardelli Andrea Gatti Massimo Gavazzi Attilio Lombardi Ruggiero Maestri Pietro Mauri Matteo Meroni Fabio Modugno Roberto Nobili Ernesto Pioli Pier Mauro Pozzati Vittorio Re Marco Scarano Giuseppe Assente giustificato il Consigliere Arianna Censi. Sono altresì presenti gli Assessori provinciali Corso, Grancini, Mezzi e Ponti. Constatato che l adunanza è valida per legalmente deliberare, il Presidente del Consiglio, dichiarata aperta la seduta, così si esprime: Iniziamo questa seduta con gli interventi ex articolo 83, do la parola a Clerici. Consigliere Clerici: La ringrazio, Presidente. Oggi è il giorno più lungo dell'anno, quantomeno non in termini di ore e minuti, ma di luce, è un solstizio d'estate e quindi noi siamo tutti felici di avere tanta luce, un po' meno felici di avere l'illuminazione da parte del Presidente Penati, al quale da ormai circa otto o nove mesi, rivolgiamo costantemente la stessa domanda: quando il Presidente Penati vorrà ripianare un torto - nel caso fosse un 1

2 torto quello subìto dal Consigliere Gavazzi e se non fosse un torto, ma fosse esattamente così come è stato ventilato al Presidente Gavazzi che si è dovuto dimettere, perché il Presidente Penati non fa dimettere o non dimette, visto che è nei suoi poteri, due persone che sono incompatibili con il mandato che Lui stesso ha affidato a queste persone. Noi abbiamo rivolto questa domanda ormai da otto, nove o dieci mesi, non so più ormai quanti. È scandaloso che il Presidente della Provincia non voglia rispondere con un sì o un no oppure con un va a fa... se preferisce, ci sta bene anche quello, ma che risponda, che ce lo dica tranquillamente, non ci offendiamo e non è la prima volta che ci pigliamo anche dei va a fa... Nel frattempo è entrato in aula il Consigliere De Nicola. (presenti 33) Presiede il Vice Presidente Vicario del Consiglio Cavicchioli. Vice Presidente Vicario: Gavazzi. Consigliere Gavazzi: Vorrei sapere se il Presidente è in sede. Il Presidente Penati. Vice Presidente Vicario: Non lo so. Consigliere Gavazzi: Perché, giunti a questo punto, sono stanco di essere preso in giro, non mi si risponde alle interrogazioni, non si prende provvedimenti verso quella persona che ha diffamato completamente il Consiglio Provinciale e ha l'arroganza di presentarsi a prenderci in giro, il Presidente Penati non scende, Presidente, non è mio solito fare questi gesti, lo avevo preannunciato settimana scorsa, non sono più disponibile ad essere preso in giro da queste persone e dal Presidente Penati, Lui non scende, questo è lo Statuto, questo è il Regolamento, questo è il Regolamento sulle nomine. Il Signor Penati è inadempiente non solo non rispondendo a me, ma non facendo rispettare i regolamenti. Fino a quando Lui non scende io non scendo dal tavolo, Lui deve scendere, io non scendo, Lui deve scendere da sopra, io da qui non scendo. È assurdo, Presidente, quello che sta succedendo. Vice Presidente Vicario: Intanto così non riesce a parlare al microfono però. La seduta è sospesa. Consigliere Gavazzi: E sto su egualmente, calpesto ciò che Lui calpesta, Statuto e Regolamento. (Segue intervento fuori microfono). La seduta viene sospesa alle ore e riaperta alle ore Nel frattempo è entrato in aula il Consigliere Pezzoni. (presenti 34) Presiede il Presidente del Consiglio Ortolina. Presidente del Consiglio: Non c è. (Segue intervento fuori microfono) Ho capito, va bene, sa che non possiamo fare altro in questo momento quindi La prego di scendere per favore. (Segue intervento fuori microfono) Guardi che il Segretario Generale credo abbia mandato anche una risposta, che sarà valutata dalla Commissione mi pare. (Segue intervento fuori microfono). Per favore non facciamo sceneggiate, che siamo anche in televisione, per favore non facciamo sceneggiate per cortesia, (seguono interventi fuori 2

3 microfono) la sceneggiata è fatta, consentitimi la parola riprendiamo, sospendo il Consiglio cinque minuti. Grazie. La seduta viene sospesa alle ore e riaperta alle ore Nel frattempo sono entrati in aula il Presidente della Provincia Penati, i Consiglieri Guerra e Greco (presenti 37) e l Assessore Mattioli, Presidente del Consiglio: È questione di dignità dell'aula, scusi, Gavazzi (segue intervento fuori microfono) riprendiamo allora il Consiglio, scusatemi (segue intervento fuori microfono) aspetto due minuti. (Segue intervento fuori microfono). Parliamone. (Seguono intervento fuori microfono) Consigliere Gavazzi: Avevo la parola, Presidente. Presidente del Consiglio: Prego. Consigliere Gavazzi: Io La ringrazio, Presidente, ho chiesto scusa prima a tutti i colleghi per il gesto, però la provocazione era data anche da quel personaggio che Lei ha nominato in ASAM che si è presentato in Consiglio, nonostante tutto quello che c'era nei precedenti, che ancora, ripeto, oltre ad avere uno strabismo legale e legalitario, si presenta anche in modo provocatoriamente all'inizio dell'articolo 83 in aula. Però, togliendo quello, Lei sa benissimo, Presidente, che ai sensi dell'articolo 4, lettera e), del regolamento sulle nomine due persone nominate all'interno del Consiglio di Amministrazione di ASAM, a termine di regolamento, non possono sedere lì dentro. La mia richiesta verso quel personaggio che ha denunciato come il Consiglio fosse in una situazione illegittima e che solo Lui si era sentito il dovere, tra tutti i cittadini della Provincia di Milano, di denunciare il Consigliere Gavazzi per incompatibilità con la nomina nel parco, quando voi tutti siete negli Enti, quel personaggio è stato da Lei messo in ASAM come nostro rappresentante e c'è una sua dichiarazione, che io Le ho allegato alla mia interrogazione, in cui dice, pur sapendo che altre persone sono nelle condizioni di Gavazzi ciò non mi ha fatto distogliere dal fatto di riportare la legalità in Provincia. La legalità secondo il suo metro, ma la provocazione portandola ancora qua dentro in Provincia io non l'accetto più. Il mio gesto fatto, e lo ripeto, chiedo scusa all'aula per aver interrotto questo, ma perché, Presidente, non si può più sopportare che certi personaggi gravitino intorno alla politica e ci siano queste forme, lo ripeto, di strabismo legalitario veramente scandaloso. Presidente del Consiglio: Penati. Presidente della Provincia: Mi permette, con tutta la buona... (seguono interventi fuori microfono) sono appena rientrato, comunque, Gavazzi, sarei rientrato apposta per Lei, a qualsiasi cosa non c'erano assolutamente dubbi. Posso, con tutta la bonomia, consentitemi una battuta. Adesso non è che le colpe dei genitori ricadono sui figli incolpevoli e se ci sono due che litigano qua i figli sono tutto il Consiglio Provinciale e stanno qui tutte le volte ad assistere incolpevoli e vittime un po' del litigio tra due persone (seguono interventi fuori microfono) ho detto una battuta, l'ho detto prima ancora di dirla. (Segue intervento fuori microfono) Non volevo arrivare fino a tanto. Io credo che su questa vicenda è stato stilato e consegnato al Presidente della 1^ Commissione, la 1^ Commissione è convocata per domani, un parere che è stato richiesto 3

4 da parte del Segretario Generale, io credo che se potessimo rinviare questa discussione, avendo acquisito dopo il passaggio in Commissione domani il parere e discuterne nella prossima seduta, io credo che la cosa sia più ragionevole, visto che c'è un parere sul quale credo che... almeno attendiamo di conoscerlo, domani se non ho capito male è convocata la 1^ (segue intervento fuori microfono) quella di Bruschi? Scusami avevo capito male, quindi nella Commissione Garanzia e Controllo è stato consegnato, domani è prevista la riunione, vediamo dopo quel passaggio e facciamo un ragionamento a posteriori da questo punto di vista perché oggi doverlo fare, anticipando quelle che saranno le considerazioni che verranno fuori in Commissione anche alla luce del parere del Segretario Generale, mi sembra un po' precorre i tempi da questo punto di vista. Io quindi Le chiedo di poter rinviare questa discussione per la prossima seduta alla luce di quelle che saranno anche le considerazioni della Commissione e del parere del Segretario Generale. Presidente del Consiglio: Gavazzi, breve commento. Consigliere Gavazzi: Sì, brevissimo il commento. Chiedo scusa, Presidente, Lei giustamente ha riferito come se fosse una battuta, però vorrei che sia chiaro, io non sto litigando con nessuno, io sono stato tirato dentro e portato in tribunale, non sono andato io in tribunale. Ha capito? La seconda cosa che volevo dirle, che forse Lei non è a conoscenza, che io sono in possesso del parere del Difensore Civico, già un parere, io penso, di un certo peso e di una certa importanza, però per amor del cielo, sono stato zitto, tranquillo, ho seguito tutto l'iter che può essere istituzionale e burocratico, Le ripeto per l'ennesima volta, ho chiesto scusa all'aula, ma è insopportabile una situazione, non Le ripeto il resto, vedersi provocare, questo diventa insopportabile e per questo del gesto, e lo ripeto per l'ennesima volta, chiedo scusa al Consiglio, ma bisogna intervenire, lo ripeto, simili personaggi sono dannosi per tutti, non solo per ciò che pensano di rappresentare e per quanto riguarda il parere che il Segretario ha demandato alla Commissione, c'è già un parere del Difensore Civico, che io gli avevo proposto il quesito, che dà il parere in una certa direzione, però è personale, lo hanno visto, l'ho consegnato al Presidente della Commissione. Grazie, Presidente. Presidente del Consiglio: Grazie. Riprendiamo... prego, Presidente. Presidente della Provincia: Con un impegno, io il 28 sarò di nuovo in aula e quindi la discussione sarà ancora alla mia presenza. Grazie. Presidente del Consiglio: Prego, Dapei. Consigliere Dapei: Grazie, Presidente. Io dissento dal collega Gavazzi perché sono convinto che Lui non debba assolutamente chiedere scusa a nessuno. Ha detto giustamente prima il Presidente Ortolina, qui viene posta una questione di dignità dell'aula, quindi non solo il collega Gavazzi, ma noi tutti da mesi, Presidente Penati, se non da anni, e qui sta il problema, siamo dovuti salire sul tavolo per farci ascoltare. Poniamo una questione che va al di là della questione della legalità, c'è un antico adagio orientale che dice che quando la parola perde di significato finisce la libertà, questo è il sentimento e l'umore che ci spinge a fare queste cose. Sistematicamente il collega Gavazzi ha iniziato le ultime 42 sedute di Consiglio ponendo sempre la stessa questione e non sentendosi ribattere dalla maggioranza o da qualche esponente della struttura tecnica una tesi diversa dalla sua, ma facendo seguire sempre il vuoto assoluto alle sue questioni. 4

5 È stato ricordato da un Ministro pochi giorni fa in Parlamento sulla questione del dissidio che c'era stato con la Guardia di Finanza, che c'è un primato della politica, Presidente Penati, doppiamente, cioè il collega Gavazzi non sta difendendo la sua posizione personale, mi segua, perché il nostro problema è che non ci avete ascoltato per molti mesi, poi adesso finalmente, essendo saliti sul tavolo in tre, ci avete ascoltato, benissimo. Il collega Gavazzi si è dimesso, cioè davanti alle dimissioni noi siamo abituati a delle regole non scritte della politica diverse, quando un uomo politico si dimette è diverso l'atteggiamento che ci si aspetta dal resto della politica, è diverso l'atteggiamento, noi avevamo posto alla fine un ultimatum che è scaduto. Allora non ci interessa niente del parere rispetto ad una norma, la norma e lì da leggere, Presidente Penati, Lei sa che la persona a cui Lei ha chiesto il parere è la persona contro cui noi abbiamo iniziato tutta questa vertenza? Quando Lei ha nominato il nuovo Presidente dell'asam ci è arrivato il parere del Segretario che diceva che era tutto a posto, era la stessa persona, era la stessa persona! Quando noi ieri abbiamo posto la questione in Commissione se i Sindaci in TEM avevano approfondito o quant'altro, era la stessa persona Sindaco della TEM, quando abbiamo posto la questione Cisa, come mai in una società controllata all'80% da Gavio siede nell'esecutivo un esponente della Provincia, è sempre la stessa persona. Allora è una provocazione pura sentirci rispondere che dobbiamo aspettare un parere del Segretario, è una provocazione inaccettabile, non è accettabile, vuol dire che io o non avete ascoltato i nostri interventi per otto mesi oppure, se avete ascoltati, è ancora peggio. Ci sta allora benissimo che vi alziate in aula e che diciate: avevate torto, la ragione sta da questa altra parte, erano nominabili, erano difendibili oppure ci siamo sbagliati o quant'altro. Ma che dopo tutti questi mesi ci veniate a parlare di un parere del Segretario è assolutamente inaccettabile. Noi abbiamo aperto più volte delle questioni su cui avete detto che sarebbero stati fatti degli approfondimenti che non sono mai arrivati. Noi allora abbiamo un atteggiamento veramente costruttivo, abbiamo iniziato questa seduta convocata sul bilancio consuntivo assicurando noi il numero legale all'aula. Andate a verificare i numeri. Allora noi stiamo ancora aspettando anche quell approfondimento, per esempio, sulla questione della Scala perché abbiamo due regole che sono assolutamente intelligibili, uno, quando il Presidente o l'ente nomina, si deve fare un bando, la legge parla dell'impossibilità per gli amministratori di essere nominati negli Enti e nelle Istituzioni a cui l'ente partecipa. Allora, il Cavaliere Gavazzi si dimette, perché viene messo a rischio da voi, da un vostro uomo, da un uomo messo nella più importante delle società partecipate dalla Provincia, viene messo a rischio il suo ruolo elettivo, Lui si dimette, ma pone la questione e dice: ma com'è che sui giornali questa persona dice: So perché è stato troppo gentile Gavazzi, ha parlato genericamente di altri politici, Lui ha detto: So che di questi problemi ci sono anche a Sinistra questo ha detto, ma io l'ho fatto lo stesso. Noi allora abbiamo posto qui questa questione e abbiamo detto: okay, Gavazzi si dimette, aveva già rinunciato prima all'indennità e poi si è dimesso, però parliamo di questa cosa, fateci capire. Quante volte Lei, Presidente Ortolina, ci ha detto che sì, va bene, ha sentito, avrebbe informato chi di dovere, allora quando poniamo, Presidente Ortolina, la questione della dignità dell'aula, poniamola nella maniera giusta. Noi l'abbiamo posta dal subito, abbiamo fatto un regolamento contro cui la Sinistra si scagliò sulle incompatibilità, anzi sulle compatibilità, noi dicemmo e se una società è controllata è giusto che ci vada il politico eletto a controllarla per conto dei cittadini, la Sinistra ha fatto le barricate, ha portato Ombretta Colli in tribunale prima ancora che Attilio Gavazzi, e anche Ombretta Colli si dimise. 5

6 Noi allora abbiamo detto: noi non vogliamo portare in tribunale nessuno, non vogliamo mandare dal Prefetto - come fecero i nostri colleghi di allora - la questione, ma diteci qualcosa. Presidente del Consiglio: Chiuda per favore. Consigliere Dapei: Chiudo dicendo che oggi abbiamo vissuto due provocazioni, non una, perché se veramente noi dobbiamo aspettare un parere del Segretario, davvero allora non ci ascoltate neppure e prenderemo atto anche di questa situazione. Nel frattempo sono entrati in aula gli Assessori Benelli e Gasparini. Presidente del Consiglio: Caputo. Consigliere Caputo: La ringrazio, Presidente (seguono interventi fuori microfono). Presidente del Consiglio: Scusate, ha la parola Caputo, per favore (seguono interventi fuori microfono) basta, diamo la parola a Caputo, Caputo, parta. Consigliere Caputo: Sì, se è possibile io parto (seguono interventi fuori microfono). Presidente del Consiglio: No, ha la parola Caputo per favore, gli ho dato la parola, dopo Le do la parola. Caputo. Consigliere Caputo: La ringrazio, spero che mi faccia recuperare il minuto perso. Interverrò su un altro tema, anche se ovviamente il tema sollevato dai colleghi è un tema serio che va analizzato con certezza del diritto e su cui non si può ovviamente dare risposte evasive. Leggo alcuni lanci di agenzia in cui il Sindaco Moratti dice che il tema sicurezza va deideologizzato. Devo dire che sono abbastanza stupito da queste dichiarazioni perché effettivamente il Sindaco Moratti non è Biancaneve, la questione sicurezza non è una favola, è una questione seria che riguarda tutti i cittadini. Su questo tema ci sono state in questi giorni scelte, posizioni anche contrastanti, a volte anche nello stesso campo, contraddizioni nel Centrodestra e contraddizioni nel Centrosinistra, non solo a Palazzo Isimbardi ma anche a Palazzo Marino, ma la questione che pone Letizia Moratti è quella di essere sostanzialmente colei che per prima ha sollevato questo problema e dietro di Lei, come un pifferaio magico, si sono schierati poi tutti i Sindaci delle grandi città. Io trovo questo fatto abbastanza sorprendente, innanzi tutto io non amo e non ho mai amato che due Istituzioni debbano primeggiare o debbano scontrarsi su di un tema così importante, ma invece dovrebbero collaborare senza contraddizioni e senza scontro alcuno, ma certo è sorprendente che queste affermazioni vengano dal Sindaco di una città governata dal Centrodestra da quindici anni e che quindi la questione sicurezza è una questione che riguarda sostanzialmente chi ha governato questa città, poi sicuramente ci sono anche colpe del Governo, di un Governo che è qui da un anno, ma anche colpe di un Governo che ha governato per cinque anni. A me non piace però fare della dietrologia, mi interessa guardare ovviamente alle questioni concrete, alle questioni quotidiane, ieri c'è stata una conferenza stampa del Ministro degli Interni Giuliano Amato che ha confermato alcuni dati preoccupanti, il fatto che il nord sta subendo ovviamente un aumento, non della grande criminalità, anche questa, ma soprattutto della microcriminalità, fatti che vanno ad intaccare la qualità della vita dei singoli cittadini e quindi ha posto un problema, che anche qua è stato sollevato da 6

7 questa Giunta e dal Presidente Penati, che vi è un problema della sicurezza che riguarda settori importanti delle popolazioni più deboli della nostra città e della nostra provincia. Io credo che su questo tema si sia inserita bene la scelta che ha fatto il Presidente Penati e l'assessore Grancini, sul fatto di destinare all'interno di un patto metropolitano concordato con il Governo e concordato con il Prefetto un intervento che vada a rafforzare quella che è questa tematica, cioè un intervento mirato a delle condizioni di difficoltà che vive la nostra popolazione. Non c'è quindi chi ha l'imprimatur su questa vicenda o chi gioca a fare il pifferaio magico, come dicevo prima, c'è un problema che riguarda tutti noi, che riguarda tutte le istituzioni su cui non si può fare né demagogia né grattare la pancia della gente su un tema così difficile e complesso, ma su cui invece bisogna intervenire con serietà, con equilibrio e con saggezza, sapendo che la situazione è difficile, la situazione è emergenziale e su cui noi dobbiamo invece impostare una serie di progetti mirati che vanno nell'interesse di tutti i cittadini, credo che sia questo il problema e da qui proviene anche la mia sorpresa rispetto a certe dichiarazioni che sono state fatte. Poi rispetto a quello che dice il Sindaco Moratti sulla moratoria, devo dire che concordo invece con quanto ha detto il Presidente Penati nella sua conferenza stampa, c è un problema che noi non possiamo più sopportare, flussi migratori provenienti da Paesi dell'est così eccessivi che ci pongono in condizioni di grave difficoltà che poi ovviamente portano magari a delle soluzioni di emergenza che non sono gradite ma che purtroppo in una condizione di difficoltà di questo genere esistono. Presidente del Consiglio: Chiedo scusa, il Presidente Penati ha qualche precisazione da fare in relazione all'intervento di Dapei ancora sull'argomento, gli do un attimo la parola. Presidente della Provincia: Sono d'accordo, è tecnica e politica. Vediamo allora di sgombrare il campo su un tema delicato ed evitiamo che, posto in quei termini, si presti, non dico che c'è, ma si presti ad elementi di strumentalizzazione. Io sono convinto, altrimenti non avrei firmato quelle nomine, che secondo la gerarchia delle fonti, un regolamento è ininfluente rispetto alla gerarchia delle fonti, che è quello della legge, e la legge non prevede l'incompatibilità tra funzionari e rappresentanti nel... la legge ne prevede altre di incompatibilità che vengono giustamente sanate e contraddette dal regolamento, ma se riportiamo tutto dentro la gerarchia delle fonti non è più così. Allora io sono per cogliere la proposta e per sgombrare il campo. Nella prossima Giunta farò la proposta di dare ad un primario studio legale un parere per sciogliere tutte le incompatibilità e per dire dove esiste l'incompatibilità e dove non esiste l'incompatibilità e mi impegno a portarlo all'attenzione di questo Consiglio nel giro di quindici giorni, così evitiamo elementi di strumentalità, dove i funzionari, perché designati dal Presidente, sono incompatibili, e altre incompatibilità diventano oggetto di omertà colpevole e collusiva da parte di questo Consiglio se non vengono evidenziate tutte. Io, alla luce di questo dibattito, siccome non voglio lasciare ombre su un tema così delicato di rapporti tra politica e gestione delle imprese, mi impegno lunedì a portare in Giunta un incarico di un istituto di uno studio legale al di sopra di ogni sospetto e di portare, dandogli il quesito, sulla base dell'attuale impianto normativo quali sono le incompatibilità e di portare l'esito di quello studio legale all'attenzione di questo Consiglio. Io questo è l'impegno che prendo e vi darò nel prossimo Consiglio Provinciale i tempi per la redazione di questo parere complessivo su tutte le incompatibilità. Nel frattempo è entrato in aula l Assessore Oliverio. 7

8 Presidente del Consiglio: Grazie. Dapei brevemente. Consigliere Dapei: Noi ringraziamo il Presidente Penati perché finalmente si afferra il toro per le corna, così come Lui ha voluto ben chiarire ed evitare equivoci, lo dobbiamo fare anche noi brevissimamente. Noi stiamo ponendo una questione politica, non stiamo dicendo per ogni nostro rimosso ne vogliamo rimuovere dieci, noi stiamo dicendo che si è aperta la legislatura con una delibera proposta dal Presidente Penati e votata all'unanimità che riconosceva che nessuno aveva incompatibilità. È stato posto a termini di legge da una persona comunque il problema, è stato analizzato dalla Segreteria Generale, dalla Presidenza del Consiglio e si è scritto a questa persona dicendo: guarda che non ricorre la fattispecie che tu sollevi, perché per la gerarchia delle fonti e quant'altro Attilio Gavazzi è assolutamente compatibile. Cos'è successo? Che questa persona si è a quel punto rivolta al tribunale, mettendo nella condizione Gavazzi di avere dieci giorni di tempo, sempre per legge (segue intervento fuori microfono) lo sto spiegando, perché alcuni hanno vissuto dei pezzi e qualcun altro no, di dover scegliere se all'undicesimo giorno Lui non si fosse dimesso, metteva a rischio la sua elezione qua e quindi avviare infinite questioni legali, il problema della rappresentatività, Lui è l'unico Consigliere eletto in Brianza del nostro gruppo, quindi capite di che cosa stiamo parlando. A quel punto allora Lui si è dimesso, ma noi abbiamo posto una questione politica, abbiamo detto, ma com'è che il Presidente Penati dice, ed anche la sua struttura tecnica, che Gavazzi è compatibile e una persona che dovrebbe essere di assoluta fiducia della Provincia, perché addirittura viene messa nel CdA ASAM, fa esattamente il contrario. Fateci capire, risolvete questa questione, in un senso o nell'altro. Il silenzio per mesi e mesi ci ha portato a questa questione. Sulla questione tecnica, che è assolutamente secondaria, interessante, ma è secondaria, vorremmo anche qui ricordare che, sì, la legge dice che il Presidente nomina e quindi è la legge, sta sopra il regolamento, ma nomina sulla base degli indirizzi del Consiglio. Quegli indirizzi stabiliscono alcune cose che bisognerebbe capire se sono state... non solo, ci sono anche delle nomine, Presidente, gli indirizzi prevedono il bando e quant'altro, che non sarebbero neanche state firmate dal Presidente, in cui il Presidente ne fa parte ma non come firmatario. Quando allora quella persona dice: anche a Sinistra si fa di peggio a cosa fa riferimento? Volevamo capirlo, ma perché c'è un primato della politica che noi vogliamo difendere. Noi siamo convinti che alla Presidenza della Serravalle ci possa andare il Presidente della Provincia, tant'è che lo abbiamo fatto o che nelle varie società partecipate, quanto più sono partecipate, tanto più ci possono dare gli eletti, e lo abbiamo scritto nel nostro regolamento, poi la sinistra avevo un'idea diversa e ha votato contro. Quindi per sgombrare il campo, noi non stiamo facendo le pulci, noi stiamo dicendo: accidenti, ci sono delle regole non scritte della politica e scritte per l'amministrazione Pubblica che qualcuno dovrebbe un attimino ricordarsi. Non si può risolvere tutta questa questione con le dimissioni del collega e con l'articolo di giornale che mi sta facendo vedere del vostro rappresentante nella più importante società che dice: Sono stato costretto, niente di personale, devo difendere la legalità, anche se a sinistra si fa di peggio questo giusto per sgombrare il campo, noi non siamo mossi da, non cerchiamo vendette, né dobbiamo difendere rendite di posizioni che sono state subito tolte di mezzo, noi stiamo facendo una questione di dignità e di primato della politica. Nel frattempo sono entrati in aula l Assessore Brembilla e il Consigliere Patta. (presenti 38) 8

9 Presidente del Consiglio: Possiamo continuare? Ordine dei lavori, Clerici? Consigliere Clerici: Grazie... Presidente del Consiglio: Per fatto personale non l'ho sentita tirata in causa. Consigliere Clerici: No, fatto personale perché questa battaglia la porto avanti anch'io insieme al Consigliere Gavazzi, al collega Dapei e a tanti altri. Presidente Penati, io ho la massima stima di Lei, e Lei lo sa, io dico che Adriano Galliani ed il Presidente del Cagliari, che alla risacca in due ore hanno acquistato un giocatore di 14 milioni di Euro sono due dilettanti di fronte a Lei che in una notte d'estate è riuscito ad acquistare un'autostrada. Guardi, non La sto prendendo in giro, Lei con la maggioranza che si ritrova è riuscito a fare questo colpo, quindi Galliani deve imparare, è un ragazzino di fronte a Lei. Però Lei non può venire in quest aula, Presidente, chiedendo prima al tacchino, e mi scusi il Segretario Generale se lo chiamo tacchino, di preparare il pranzo di Natale, non si fa così. Lei dice prima chiediamo al Segretario Generale il suo parere, ma se è l'interessato? Chiediamo all'interessato il parere? Quello darà il suo parere. Dopodiché evidentemente anche Lei ci ha pensato su un attimo, su sollecitazione del mio Capogruppo, e si è detto, beh, forse è una forzatura quello di chiedere all'interessato di dare un parere su se stesso e allora viene fuori con questa bella trovata che chiediamo... ma, Presidente, noi lo chiediamo da quasi un anno e Lei viene oggi pomeriggio a dirci che chiediamo un parere esterno? Ma, vivaddio, Lei ci ha messo due minuti a spendere 280 milioni di Euro, Presidente, e quanto ci mette per chiedere un parere a quattro avvocati? Che tra l'altro ne avrà anche a disposizione, non costeranno poi più di tanto, poi comunque paga l'amministrazione. Io credo che Lei debba apprezzare l'atteggiamento di Gavazzi in primis, del Capogruppo, ma di tutta la minoranza, noi a differenza di quel signore che è giustiziere della notte e che va in giro a sparare a Gavazzi e a quant altri, noi non siamo andati dalla Magistratura, abbiamo onestamente e seriamente posto un quesito politico in difesa non di Gavazzi ma in difesa di tutti quelli che sono qui, perché oggi è Gavazzi e domani tocca ad un altro e ci saremmo aspettati qualcosa di un tantino più sollecito da un uomo che, lo ripeto, con ammirazione da parte mia, è riuscito in una notte con una maggioranza scalcagnata come la sua, a comprare un'autostrada. Grazie. Nel frattempo è entrato in aula il Consigliere Tranquillino. (presenti 39) Presidente del Consiglio: Grazie. Replica di Penati poi ripartiamo, scusatemi. Presidente della Provincia: Rapidamente (seguono interventi fuori microfono) Presidente del Consiglio: Diamo la parola a Penati per favore. Presidente della Provincia: Rapidamente, con la stessa stima che contraccambio per il Consigliere Clerici, la maggioranza la giudicano gli elettori quando la votano e a noi ogni giudizio è assolutamente ininfluente rispetto alla qualità di ognuno di noi perché il giudizio ce lo hanno dato gli elettori e ce lo ridaranno alla fine di questo mandato perché, da battuta a battuta, se noi siamo scalcagnati voi, che avete perso con noi, che cosa siete? A voi la risposta (segue intervento fuori microfono) No, a noi, a questa maggioranza, se avete perso con una maggioranza di scalcagnati datevi una risposta di cosa siete voi, da soli però da questo punto di vista, però non era questa la risposta, volevo rispondere nel 9

10 merito della questione (segue intervento fuori microfono) volando altissimo, volevo rispondere nel merito della questione. Siccome non voglio apparire per uno che firma delle cose che non sa quello che firma, la legge è chiarissima ed è di più chiara l'applicazione e le sentenze a seguito di quella legge, la legge dice che qualsiasi sia la quota di partecipazione in un Ente, è vietato per qualsiasi membro del Consiglio di quell'ente di partecipare all'azienda a cui ha partecipato, qualsiasi sia la quota azionaria, perché potrebbe essere la quota marginale determinante a delle decisioni che vengono prese nell'assemblea di quell'ente, e non dice nulla su tutto l'aspetto che riguarda i funzionari, tanto è vero che mi dividono tante cose da Albertini, ma credo che nel rispetto della legge Lui sia molto attento, nella passata consiliatura erano tanti i membri dello staff o dei funzionari che stavano nelle partecipate dell'ente del Comune e nessuno ha mai eccepito quella questione. Siccome la legge è chiarissima e le sentenze sono altrettanto chiare e dice che di fronte non ad un Consigliere ma ad un qualsiasi cittadino che faccia ricorso verso quella posizione ed eccepisca l'incompatibilità, scatta l'obbligo di quel Consigliere messo nella condizione di incompatibilità di scegliere entro trenta giorni, altrimenti decade dalla carica elettiva, dieci giorni mi scusi, decade dalla carica elettiva. Quindi è una legge estremamente chiara ed estremamente severa nella punizione, o rimuove la causa di incompatibilità o viene automaticamente dichiarato decaduto, non dal Consiglio di Amministrazione dove impropriamente è entrato, ma decade dalla carica elettiva, ed è chiarissima la norma e nessun regolamento, giustamente io mi devo attenere alle procedure del regolamento, agli indirizzi ma nessun regolamento può superare o cambiare una norma di legge. Allora questo è il punto, siccome lo sappiamo tutti che è così, dico che c'è un rischio di strumentalità continuare ad insistere su quel tema a fronte di altre posizioni di incompatibilità, allora si vuole colpire il Presidente rispetto ad una cosa che invece è assolutamente legittima, a mio parere, altrimenti non avrei fatto quelle nomine. Poi si può dichiarare sull'opportunità, qui poi stiamo nel campo delle opinioni e su questo ci si confronta, ma io sono assolutamente convinto che quella sia una posizione legittima. Dico di più, faccio fare questo parere, vi chiedo scusa l'abbiamo tirata per le lunghe, lo facciamo, nel più breve tempo possibile, e portiamo all'attenzione del Consiglio Provinciale il parere, oltre, se la Commissione avrà delle considerazioni che farà già domani, le aggiungeremo ad un parere pro veritate demandato ad uno studio legale. (Segue intervento fuori microfono). Nel frattempo è entrato in aula il Consigliere Accame. (presenti 40) Presidente del Consiglio: No, Gavazzi, ma non è possibile (segue intervento fuori microfono) scusi, il Presidente ha detto che porterà (segue intervento fuori microfono) un minuto, via. Consigliere Gavazzi: Io ringrazio il Consigliere Barbaro che si è fatto da tramite per farmi scendere prima però, Presidente, Lei nel fare le sue dichiarazioni ha commesso delle inesattezze perché la legge che prevede l'incompatibilità è la 267 articolo 63, però c'è stata una modifica con la Legge 117, la finanziaria, articolo 117 della finanziaria del 2005, la finanziaria che andava nel 2006 che dava il limite del 20% per all'appartenenza per considerare l'incompatibilità ma, tenendo escluse le percentuali, quello che Lei dimentica, cioè la gerarchia delle fonti e la legge, nell'articolo 63 stabilisce le incompatibilità, nell'articolo 67, che è brevissimo, della stessa legge dice esimenti alla causa di ineleggibilità e incompatibilità, non costituiscono cause di ineleggibilità o di incompatibilità gli incarichi e le funzioni conferite ad amministratori del Comune, della 10

11 Provincia e delle circoscrizioni previste da norme di legge, Statuto o Regolamento in ragione del mandato elettivo. È quello che è successo in Provincia, è quello che l'avvocatura della Provincia, il Presidente Ortolina ha risposto a quel signore, richiamando l'articolo di legge, ma quel signore si è avvalso di quella facoltà, che è la legge che lo permette, ignorando l'articolo 67, applicando il 69, quello che mi dà dieci giorni di tempo. Ha capito? È politica perché la risposta l'ha avuta dalla Provincia. Presidente del Consiglio: Bene, abbiamo detto che percorso si farà per fare chiarezza su tutto questo argomento do la parola a De Nicola. Consigliere De Nicola: Grazie, Presidente. Io non voglio intervenire su questo tema se non per esprimere tutta la mia solidarietà al Consigliere Gavazzi e per suggerire al Presidente della Commissione Trasparenza, che forse tra le tante audizioni, convocazioni, consultazioni, sarebbe opportuno aprire questo vergognoso capitolo perché credo che ormai la pazienza anche qui la stiamo perdendo. Ma volevo parlare di un altro tema ed approfitto, visto che c'è il Presidente Penati, vorrei informarla, Presidente, che un'agenzia delle 15:13 di oggi così dice: Un vasto incendio si è sviluppato al campo nomadi di via Triboniano. Sul posto si trovano già due mezzi dei Vigili del Fuoco ed altri cinque stanno raggiungendo l'area. Secondo le prime informazioni le origini dell'incendio sarebbero dolose, le fiamme interesserebbero l'area bonificata ieri dal Comune. Altro lancio di agenzia delle 15:50: Rom conto Polizia. Tensione in via Barzaghi tra Rom e Polizia. Dopo i focolai di via Triboniano un centinaio di Rom sta ora lanciando oggetti all'indirizzo delle Forze dell'ordine. Secondo le prime informazioni sarebbero stati che avrebbero prima fronteggiato i Rom regolari del campo e poi con taniche di benzina taniche di benzina avrebbero dato fuoco a rifiuti e masserizie dell'area bonificata. Io allora chiedo all'assessore Benelli, che è in aula, se vorrà finanziare con i soldi dei cittadini di Milano un filmato sul rogo prodotto dagli zingari o dai cosiddetti zingari al campo di via Triboniano e al campo di via Barzaghi. Sarebbe interessante perché ieri sera io ho avuto il piacere di assistere a questa opera gaggia, o come diavolo si pronuncia, che per i non addetti al lavoro vuol dire opera degli stranieri, io vorrei sapere quando la Provincia di Milano finanzierà un'opera sui residenti. Vede, Assessore Benelli, io capisco il suo intento di essere al di sopra delle parti, di documentare una storia triste, difficile, che riguarda i cosiddetti nomadi di Opera, ma l'opera non è stata al di sopra delle parti, in questa opera troneggia la figura dell'assessore Corso, non c'è Lei, Lei non è intervistata, è intervistata più e più volte l'assessore Corso, così come è intervistato più e più volte Don Virginio Colmegna. Leggo su altri giornali che sarebbe suo intendimento mandare quest opera nelle scuole. Io La diffido dal fare questo, io credo che l'opera sia intrisa di una chiave di lettura pro cosiddetti nomadi. Nel momento in cui l'autore dell'opera dice che ha coperto le cosiddette persone per bene, nascondendo il loro volto, per farli razionalizzare il loro operato, le persone che erano riprese erano persone certamente non dedite a fare atti di violenza o di illegalità, erano persone che manifestavano. Già il voler coprire il volto per farli razionalizzare sul loro operato suona come una scelta di campo, ma la scelta di campo che io Le chiedo di fare, uscendo da questa linea schizofrenica della Provincia di Milano, perché da un lato noi vediamo il Presidente Penati che prende le distanze da un certo cosiddetto buonismo, scopre che addetti ai reati predatori sono in larga parte i cosiddetti zingari, scopre che la sicurezza è un valore e che non si scherza con la sicurezza, io vorrei sapere se il patto di legalità con il quale ci avete bombardato le orecchie voi, colleghi 11

12 della maggioranza, colleghi aperti, come si concilia con i reati perpetrati oggi in via Triboniano, al campo di via Triboniano e al campo di via Barzaghi. Io chiedo se è corretto pensare di essere al di sopra delle parti ed ecumenici nel momento in cui si intervista più, più e più volte l'assessore Corso e Don Virginio Colmegna e si lascia il controcanto a due giovani Consiglieri Comunali pensando così di poter rappresentare l'arco di tutto un mondo di protesta, che ha, sì, quello incendiato la Provincia di Milano. Allora io chiedo, uno, che questo filmato venga ritirato. Secondo, che non venga assolutamente distribuito nelle scuole se non con un codicillo che dica cosa oggi stanno facendo i cosiddetti nomadi che hanno firmato il patto di legalità, perché adesso io voglio sapere quali provvedimenti assumerà l Assessore Corso per far risarcire i danni a fronte del patto di legalità. Io voglio sapere se andrà ancora o forse sarà il nuovo consulente, l'ex Senatore Pagliarulo che La consigliera ad andare in televisione o ad andare... e fammi finire un attimo, qua abbiamo parlato tre ore su tante altre cose... (segue intervento fuori microfono) Presidente del Consiglio: 30 secondi. Consigliere De Nicola: E lasciami 30 secondi (seguono interventi fuori microfono). Presidente del Consiglio: Prego, continui e chiuda. Consigliere De Nicola: No, vorrei leggere le ultime agenzie per informare di quello che sta cadendo perché io chiedo che su questo, dopo che qualcuno ha portato, sempre gli autori di questi roghi, questi sono, e sono individuati, e sono quelli che ci avevate indicato come le persone perbene, sono questi quelli che hanno occupato questa aula consiliare, sono ben identificati chi distrugge e se vengono presi provvedimenti e se verranno mandati davanti ad un magistrato, chi oggi appiccica il fuoco ai beni della Provincia e del Comune di Milano e se la Provincia di Milano ha ancora il coraggio di continuare a venirci a propinare questo filmato in cui... Presidente del Consiglio: De Nicola, il pensiero è chiaro. Consigliere De Nicola: Si quantifica l'operato dei cosiddetti Rom. Nel frattempo è entrato in aula l Assessore Matteucci. Presidente del Consiglio: Il pensiero è chiaro, mi corre l'obbligo di dare la parola all'assessore Benelli direttamente citata in causa. Prego, Assessore. Assessore Benelli: Consigliere De Nicola, mi dispiace che Lei parli di un filmato che non ha visto e parli per sentito dire, perché la sua reazione è opposta a quella che hanno avuto ieri sera i cittadini del presidio di Opera. Sono venuti numerosi a vedere il film e alla fine ci hanno ringraziato per aver fatto un documentario che racconta con obiettività ciò che è accaduto e ha restituito dignità anche alle loro ragioni agli occhi di tutti. Ci hanno chiesto di mandare il filmato a Opera perchè vogliono programmare la proiezione anche lì. Le dirò di più, hanno anche chiesto al regista di togliere l oscuramento dei volti e delle voci dei cittadini del presidio, oscuramento che è stato messo per rispetto, perché non si dicesse che si volevano criminalizzare questi cittadini. Se hanno rivolto al regista questa richiesta è perché si sono riconosciuti in quel filmato. Non è un documento che esalta i Rom, mi dispiace per Lei, né esalta chissà quali opere e 12

13 imprese dei Rom, e tanto meno di quelli che hanno fatto parte dell accampamento di emergenza di Opera. Mi scusi, ma Lei ha rivolto delle accuse del tutto ingiustificate, e delle diffide che comunque non avrei accettato ma che sono ancor più ingiustificate alla luce proprio del prodotto che è stato realizzato. Un documentario che è stato paragonato a quello che ha vinto pochi giorni fa il premio giornalistico Ilaria Alpi, che si intitolava Stato d assedio, mandato in onda alla Rai e che raccontava, in modo del tutto analogo, le ragioni degli uni e degli altri a proposito del muro di Padova. Quindi mi dispiace, credo che Lei sia in disaccordo proprio con i cittadini che voi avete sostenuto nel presidio di Opera. Presidente del Consiglio: Mezzo minuto De Nicola, per favore, e in ogni caso Lei può sempre presentare interpellanze. Consigliere De Nicola: Certamente presenterò un'interpellanza. A me non risulta, Assessore Benelli, che i cittadini sono assolutamente d'accordo, lo leggerà certamente sui giornali domani. Ma al di là di questo, che quel filmato, io invito i colleghi ad andarlo a vedere, anzi invito l Assessore se ce lo vuole far avere informato dpf, o come diavolo si chiama, così ognuno potrà ragionarci sopra. Per il resto, Assessore, Lei sa perfettamente che quel filmato esprime una sola verità, di parte, che è la verità che i cosiddetti bravi zingari di Opera sono stati costretti dalla violenza dei manifestanti ad abbandonare quel campo, non è che lo dico solamente io, lo dice chiunque in buona fede vede quel filmato e chiunque legge sulla Prealpina le dichiarazioni che l'autore del film ha fatto. Nel frattempo è entrato in aula il Consigliere Musciacchio. (presenti 41) Presidente del Consiglio: Grazie. Bruschi. Consigliere Bruschi: Grazie, Presidente. Mi piace far svaporare la giusta indignazione del Consigliere De Nicola su quanto accaduto con un intervento di tipo assolutamente diverso, rassicuro il Capogruppo De Nicola su un elemento, la Commissione Garanzia e Controllo, che è chiamata dallo Statuto a verificare le incompatibilità, ha incardinato, come dettano le regole, quello che doveva incardinare. Mi spiace, e lo dico, che la Commissione abbia dovuto aspettare circa tre settimane il parere del Segretario Generale, là dove altre persone interpellate hanno immediatamente svolto il loro ruolo. Domani ci sarà la riunione della Sottocommissione, io non ritengo che nessun parere di avvocato sulla faccia della terra, invitando però il Presidente della Provincia, e se vuole gliene farò avere copia, ad andare a vedere anche altre leggi dello Stato, pienamente in vigore, che prevedono pene severissime per i dipendenti pubblici che siano nei Consigli di Amministrazione di società a scopo di lucro, ma a prescindere da questo, c'è un motivo che è stato richiamato dal Consigliere Dapei che è un motivo politico e che è su due binari. Primo, esistono o non esistono regole scritte che questo Consiglio Provinciale si è dato nella passata consiliatura, avendo il coraggio di darsele, e regole scritte che non sono state da alcuno né modificate né contestate. Queste regole dicono alcune cose precise e queste regole vengono richiamate costantemente da un cappone che si prepara il pranzo di Natale, perché nel momento in cui si richiama nei bandi distribuiti ai Consiglieri il regolamento per le nomine, diventa abbastanza comico che poi questo regolamento non venga seguito, addirittura prevedendo delle norme fuori bando. 13

14 Ma non voglio entrare nel merito stretto della questione, c'è un altro aspetto, che è quello di regole della politica non scritte. Al primo punto ci sono delle regole vigenti, una gerarchia delle fonti che nel momento in cui gli avvocati dell'ente Provincia, gli avvocati che vorrà nominare con apposito atto di Giunta seguiranno, le dirà che il Consigliere Gavazzi ha ragione, questa stessa gerarchia delle fonti, e se non lo dovesse dire, io ritengo che forse il Consigliere Gavazzi, conoscendolo un po', andrà a seguire altre strade perché nel momento in cui la politica viene superata da norme, da avvocati, allora a quel punto il ricorso diventerebbe probabilmente lo stesso ricorso fatto dal Consigliere di Amministrazione di ASAM, Perego. Dio non voglia che sia così, Dio non voglia che ancora una volta la politica debba essere difesa non nelle sedi che le sono proprie. C'è un secondo aspetto che è di regole non scritte, di regole di buona creanza e di buona educazione. Regole di buona creanza e di buona educazione che vorrebbero che chi si fa paladino della legalità, lo faccia comunque e per tutti, e che nel momento in cui ha soddisfazione, perché è una soddisfazione puerile, ma è stata indubbiamente una soddisfazione, tant'è che io L'ho visto per la prima volta in questa aula, e reiteratamente, soltanto nel momento in cui il Presidente Gavazzi si è dimesso. Allora nel momento in cui si violano queste regole di buona creanza, senza rivendicare la giustizia per tutti, allora si crea obiettivamente un vulnus, non solo, ma come ha ricordato il Capogruppo Dapei, e come ha ricordato il Presidente Gavazzi, c'è un altro problema, c'è il problema di una persona nominata, mi scuso per qualche secondo di sforo, da questo Ente, nella società più importante di questo Ente, il quale, scusate il termine poco elegante ma è adatto al personaggio, se ne impippa del parere della Segreteria Generale dell'ente che lo ha nominato, del parere della Presidenza del Consiglio e di un atto firmato dallo stesso Presidente. Questo è un fatto politico di regole non scritte, ma di regole di buona creanza politica che dovrebbero valere per tutti e, a maggior ragione, per chi rappresenta questo Ente all'interno della sua holding. Presidente del Consiglio: Meroni. Consigliere Meroni: Grazie, Presidente, spero di non essere fuori tema, al di là della solidarietà all'amico Gavazzi, però bisogna essere chiari, mi sembra che questa aula è sorda ad alcune motivazioni politiche che abbiamo letto sui giornali in questi giorni. C'è una crisi apparente o meno di maggioranza, ci sono degli Assessori che dicono il contrario di quello che dice il Presidente Penati, abbiamo l'opportunità, anche grazie ad escamotage del Consigliere Gavazzi che è salito sul tavolo, a suo rischio e pericolo, di far intervenire il Presidente in aula finalmente e noi ci perdiamo ancora una volta a parlare delle nomine, ormai lo sappiamo benissimo che cosa è successo, avrà soddisfazione il Consigliere Gavazzi, avrà soddisfazione il Presidente Penati, ha nominato chi ha nominato, lasciamo il tempo a chi di dovere, parliamo un po' di politica. Noi, come gruppo della Lega Nord per l'indipendenza della Padania dovremmo dare un plauso al Presidente Penati che finalmente ha capito che il federalismo fiscale può arrivare anche in Lombardia, lo ha dichiarato sui giornali, mi aspettavo che facesse un accenno anche in questa aula consiliare, prendendo le difese di una Regione che ha votato comunque con un distinguo da parte dell'estrema Sinistra e un accoglimento parziale da parte della Sinistra, un disegno di legge che prevede il federalismo fiscale in Regione Lombardia. Dobbiamo dare un plauso al Presidente Penati nel momento che Lui si dice esterrefatto, non sul giornale della Lega, su un altro quotidiano, dei dati che riguardano gli scippi, i 14

15 furti, le rapine che avvengono in questa Provincia anche, si è accorto del problema sicurezza. Dobbiamo dare un plauso al Presidente Penati che ha stanziato finalmente un milione di Euro a favore del Prefetto per combattere determinate, diciamo così, situazioni di crimine, e questo ha quasi causato una crisi di Giunta. Questo ha causato tra noi Consiglieri Provinciali una lettura di giornali dove tutti dicevano la sua, qualcuno contraddistinguendosi anche per la loro peculiarità politica dicendo che non è vero, il Presidente ci ha preso per i fondelli, o qualcosa del genere, e noi qui non sentiamo nessuno che prende le difese o del Presidente Penati o che prende le difese di questa maggioranza, una maggioranza che io non mi auguro che sia arrivata al capolinea, anche perché arrivando al capolinea questa maggioranza avremo un problema di sedi operative nella Provincia di Monza e Brianza, grazie al non interessamento della Provincia di Milano non saremmo pronti con le nostre sedi operative, ma ben venga una crisi politica che porti alle elezioni in Provincia di Milano e in Provincia di Monza e Brianza, se questa è la soluzione, però noi vorremmo perlomeno avere un dibattito da parte di chi sui giornali esterna la propria contrarietà al Presidente Penati e poi qua in aula ride e scherza con il Presidente Penati. Fateci capire, fateci capire se esiste ancora una maggioranza in questo Consiglio Provinciale o ha necessità, come ha detto il mio amico De Nicola, che Lui si presta eventualmente sul problema sicurezza? Tutti potremmo prestarci a dare una mano al Presidente Penati sul problema sicurezza, l importante è capire che dopo il problema sicurezza non ci sia un altro stanziamento per favorire l'insicurezza, ecco il problema. Facciamo allora un bel dibattito politico. Perché dovete nascondere che avete una crisi politica in atto? Perché non avete il coraggio, o meglio, il Presidente Penati non ha il coraggio di dire: ma no, tutte queste sono invenzioni dei giornali, non preoccupatevi, la nave è ancora a galla, la nave va. Non si sa con quale timoniere, non si sa con quale benzina, però la nave va, invece noi siamo qui ancora a sentire le nullità della politica. Allora, Presidente Ortolina, noi vorremmo, oltre che fare le normali delibere, anche avere un momento di dibattito politico per capire con chi dobbiamo confrontarci, per credere ancora a quello che dice il Presidente Penati sui giornali, per porsi magari come uomo nuovo del nord per il Centrosinistra o credere all'estrema Sinistra di questo Consiglio Provinciale che discute e nega quello che il Presidente Penati sta facendo di buono per le popolazioni della sua Provincia di Milano. Noi vogliamo capire cosa sta succedendo in Provincia di Milano. Se dobbiamo fare solo accademia politica è meglio che rimandiamo tutto a Settembre... Le rubo due secondi, Presidente Ortolina, due secondi solo, ma fintanto che non si avrà il coraggio politico di dire le cose come stanno in questo consesso, vorrà dire che la gente si stancherà sempre di ascoltare i dibattiti politici che parlano delle incompatibilità di Tizio, di Caio e di Sempronio e noi avremo sempre meno argomenti per andare dai nostri concittadini a chiedere il loro voto. Grazie. Nel frattempo è entrato in aula il Segretario generale, Avv. Princiotta, mentre è uscito dall aula l Assessore Ponti. Presidente del Consiglio: Già dichiarato più volte in conferenza Capigruppo la disponibilità a trattare in apposite sedute questioni politiche, il momento della decisione è quella della conferenza dei Capigruppo, ne ho fatto un cenno anche oggi. Do la parola all'assessore Corso per una dichiarazione. Prego, Corso. Assessore Corso: Grazie. Scusate l'inusualità ma, visto il rapporto che io ho instaurato con questo Consiglio, desidero metterlo al corrente di questa mia dichiarazione. 15

16 A seguito delle dichiarazioni di sfiducia rivoltemi dal Capogruppo del partito dei Comunisti Italiani, e in assenza di formali smentite da parte dei gruppi dirigenti del mio partito ai vari livelli, comunico la mia immediata autosospensione dal partito dei Comunisti Italiani. Grazie. Presidente del Consiglio: Penati, prego. Presidente della Provincia: Io desidero altrettanto sinteticamente rinnovare la fiducia all'assessore Corso per il lavoro che ha svolto in grande sintonia con l'unità del lavoro della Giunta, che ha svolto in questo tempo e quindi augurandomi che queste questioni che riguardano la sua appartenenza al partito si possano chiarire nel più breve tempo possibile, ma quello che a me compete è quello di rinnovare la piena fiducia all'operato dell'assessore Corso al suo impegno, alla sua sensibilità e al suo lavoro che ha svolto in questi anni in Giunta di lavoro comune con tutti noi. Presidente del Consiglio: Prego. Consigliere Dapei: Grazie, Presidente. Mi sembra un fatto molto rilevante dal punto di vista politico quello appena annunciato dall'assessore Corso, perché tra l'altro in questo momento il partito dei Comunisti Italiani sarebbe addirittura privo di una rappresentanza in Giunta, quindi vorremmo capire, la Presidenza del Consiglio (seguono interventi fuori microfono) non è solo un Assessore che si è autosospeso dal partito, ma si è formalmente aperta una crisi all'interno della Giunta Penati perché un partito che è rappresentato in Giunta non lo è più. Noi allora vorremmo capire dal Presidente Ortolina e dal Presidente Penati, con il massimo rispetto, come si vuole adesso affrontare questa fase, che noi non ci aspettavamo, ma non so se era stata preannunciata la cosa, perché noi abbiamo oggi una doppia seduta, che credo sia assolutamente abbondante rispetto agli argomenti all'ordine del Giorno, quindi se è intenzione dell'amministrazione affrontare questa crisi politica in maniera trasparente e nella sede propria della politica che è il Consiglio, oppure se è una questione che viene rimandata alle segrete stanze delle segreterie della Giunta e noi verremo tenuti al di fuori di questa situazione. Presidente del Consiglio: Non mi pare che ci siano particolari affermazioni da fare, l'assessore dichiara la sua autosospensione dal PDC, è una questione politica, lo abbiamo saputo un minuto fa, ci saranno le riflessioni che si fanno all'interno della maggioranza sul piano politico, poi sentiremo ovviamente anche il Capogruppo del PDC rispetto alle cosiddette, però più di questo credo che in questa aula non si possa dire in questo momento. Valuteremo poi gli sviluppi politici di questa decisione. Prego Accame... Guerra, pardon, prego Guerra. Consigliere Guerra: Grazie, Presidente. Io voglio rubarvi pochissimo tempo, prendo atto delle dichiarazioni dell'assessore Corso, suppongo che la stessa comunicazione sia stata data al partito, avremo modo di discuterne in partito e io che sono il Capogruppo di questo partito, insieme all'assessore Corso avremo modo di discuterne all'interno e ci confronteremo su questa questione. Io non ho nient'altro da dire se non che prendere atto di questo atto e mi spiace di questa comunicazione, o quantomeno di averlo saputo qui in aula e in questo consesso. Grazie, Presidente. 16

17 Presidente del Consiglio: Accame. Consigliere Accame: Mi scusi, Presidente, io nella scorsa seduta ero intervenuto, mi spiace che non ci sia più il Presidente Penati, però oggi c'è un'ampia rappresentanza della Giunta e forse potrà riferire al Presidente Penati, avevo colto sul problema dei nomadi, ma anche su altre problematiche, una seria difficoltà di questa maggioranza ad affrontare le grandi tematiche che andranno in aula nelle prossime sedute, probabilmente dalla seduta di giovedì prossimo. Avevo colto questa difficoltà e avevo ribadito la disponibilità di Forza Italia ad aprire un ragionamento non su questioni di Giunta, su questioni di posizioni di potere, ma su questioni programmatiche che anche a noi stanno molto care. La questione dei Rom, su cui mi sembra si sono spaccati tra Giunta e Consiglio i Comunisti Italiani è una questione che non è marginale, ma ci sono altre questioni molto pregnanti, come il piano rifiuti che andrà in aula la prossima volta, i problemi delle autostrade, della viabilità, eccetera, su cui abbiamo notato che la maggioranza non è in grado di proporre delle soluzioni che noi abbiamo definito di carattere riformista e soprattutto delle soluzioni di realtà rispetto alla situazione vigente. Per questo io penso che sia utile aprire un confronto tra maggioranza ed opposizione, un confronto basato solo sulle tematiche ma aprirlo subito, perché già dalla prossima seduta, lo ribadisco, si verrà in aula con uno di quei punti cardine fondamentali che contraddistingueranno l'operato di questa consiliatura nei prossimi cinque anni. Siccome il piano rifiuti non è uno scherzo, e io faccio parte della Commissione Ambiente e devo dire che sono rimasto stupefatto, ma l'ho detto in Commissione Ambiente, dall'inesistenza, dall'insufficienza, dall incredibilità del piano rifiuti che questa maggioranza ha presentato, perché è un piano rifiuti che non ha nessuna opzione di poter essere approvato, perché è un piano rifiuti che è irreale rispetto alla situazione di grandissima difficoltà in cui si vive sul territorio di Milano. Su queste tematiche, se noi come opposizione siamo disponibili a supportare la maggioranza, laddove avesse delle defezioni di alcuni gruppi consiliari che non si sentono di fare certe scelte, io mi sento di invitare di nuovo l'amministrazione a discutere su queste tematiche perché non c'è solo la problematica del piano rifiuti, ci sono le problematiche della viabilità, dei trasporti, su cui noi siamo molto sensibili e mi è sembrato che il Presidente Penati e altri autorevoli esponenti della Giunta siano molto più in sintonia con le posizioni, che magari posso non essere gradite, nostre, di Forza Italia, che con alcuni gruppi che compongono la maggioranza. Secondo me bisogna quindi quanto prima che la Giunta, se lo intende fare, apra un confronto serio su tematiche che riguardano la qualità della vita dei cittadini, che riguardano l'interesse e la vita dei cittadini, trascurando il fatto che comunque a noi di Centrodestra non interessa entrare in Giunta, fare dei rimpasti, non ci interessa assolutamente niente, però ci sono delle tematiche importanti su cui noi siamo in grado di trovare una posizione comune, su cui siano in grado di aprire un ragionamento importante. Cerchiamo di sfruttare questa occasione per lasciare qui ai prossimi due anni che rimangono a fine legislatura per fare finalmente qualcosa e non stare fermi ad assistere ad uno spettacolo che purtroppo per quelli che sono magari molto estranei alla politica, può essere uno spettacolo di indifferenza ma soprattutto di inefficienza di un Amministrazione che non ha evidentemente delle linee programmatiche comuni e quindi non riesce a decidere in maniera comune e forte su certe tematiche. Grazie. Presiede il Vice Presidente Vicario del Consiglio Cavicchioli. Vice Presidente Cavicchioli: Elli (segue intervento fuori microfono) Guerra. 17

18 Consigliere Guerra: Grazie, Presidente. Volevo chiedervi la cortesia se era possibile avere la copia dell'intervento pronunciato dall'assessore Corso e dal Presidente Penati, oltre alle copie degli interventi che personalmente faccio e che mi arrivano, se si possono aggiungere anche questi due interventi. Vice Presidente Cavicchioli: I processi verbali? Consigliere Guerra: Sì, i processi verbali. Grazie. Vice Presidente Cavicchioli: Elli. Consigliere Elli: Grazie, Presidente. Devo ringraziare il mio Capogruppo che pochi minuti fa ha posto il problema della crisi politica della maggioranza, crisi politica che sui giornali era ampiamente discussa e presentata, ma che stranamente in questa aula è sfuggita fino all'intervento del mio Capogruppo, che ancora ringrazio, crisi politica che è stata chiaramente definita dall'autosospensione dell'assessore Corso che ha preso alla sprovvista anche il proprio Capogruppo. Questo quindi dimostra che c'è una gravissima rottura nella maggioranza su un problema di fondo, rottura della maggioranza che è riuscita a galleggiare, grazie all'abilità da sughero esperto di Penati, per molti anni, veleggiando con ambigue frasi inserite in tutte le mozioni in cui si dice una cosa e si smentisce la stessa, è finalmente esplosa alla luce del sole su un tema fondamentale, la sicurezza che è stata volutamente ignorata da tutti e su cui il Centrosinistra è stato clamorosamente sconfitto. È chiaro che la dichiarazione di Patta ai giornali, le dichiarazioni sempre di Patta in Tv, l'assessore Corso adesso, quanto dice alcuni giornali, la Giunta Penati va in frantumi, quanto si dice su un altro giornale, il Presidente Penati plaude al federalismo fiscale di Formigoni, fortemente voluto dalla Lega, e noi ringraziamo - come ha già fatto il nostro Capogruppo - Penati che plaude al federalismo fiscale e che evidentemente va storto a molta parte dell'attuale maggioranza e vorremmo sapere, noi chiederemmo a Penati, anzi siamo a chiedere con forza a Penati di spiegarci che cosa è successo esattamente in quella Giunta dove si è sancito lo strappo, alcuni giornali dicono clamoroso strappo, ed evidentemente è tanto clamoroso che l Assessore Corso ha sentito il dovere di prendere le distanze da una decisione che evidentemente Lei, e forse il suo partito, non ho ancora capito bene, Guerra dovrebbe chiarirlo, concorda su questa non accettazione dell'ordine del Giorno che Penati ha fatto approvare, apparentemente all'unanimità, ma che - dice il giornale - tre Assessori di Rifondazione Comunista e altri non hanno accettato oppure hanno accettato pensando che ci fosse scritto qualcos'altro. È ambiguo, io non ho capito se con un gioco delle tre tavolette, Penati ha fatto firmare, ha fatto approvare all'unanimità una cosa e poi nei fatti ne è uscita un'altra, insomma, io chiederei, proprio per evitare l'ambiguità dei giornali, chiederei che Penati o anche l'assessore Corso, che sicuramente ha partecipato, spieghi chiaramente come sono andate le cose in modo da poterci fare un'idea precisa se è stato un bluff di Penati che, obtorto collo, di cui improvvisamente si sono accorti solo alla fine gli Assessori, oppure se è stato un malinteso oppure se è stata un'accettazione di tutti gli Assessore e poi la maggioranza, i vari Capigruppo, hanno fatto trangugiare amaro e hanno dovuto gli Assessore dissociarsi da una decisione che avevano accettato. Io chiederei, e mi spiace che non ci sia più Penati, né Patta, evidentemente c'è stata una corsa ai ripari, che posso capire, ma che non giustifico, chiederei che qualcuno silente di questa maggioranza silenziosa che si è rotta, chiarisca finalmente che cosa è successo in modo che noi non dobbiamo leggere i giornali con tutte le insinuazioni e le falsità che i giornali ovviamente riportano, chiediamo a voi, Signori della maggioranza, ai 18

19 Capigruppo, chiarite, dite chiaramente che cosa è successo, in modo che noi non facciamo illazioni, prenderemo atto con coscienza delle vostre dichiarazioni e accetteremo le vostre dichiarazioni. In mancanza di questo noi crediamo che la spaccatura sia così grave da obbligarvi al silenzio, che è la cosa in cui si rifugiano i deboli perché non hanno spiegazioni. Grazie. Nel frattempo è entrato in aula il Consigliere Russomanno. (presenti 42) Vice Presidente Cavicchioli: Tranquillino. Consigliere Tranquillino: Io innanzi tutto, Presidente e colleghi, devo ritornare su un tema che avevamo toccato in una precedente discussione perché attiene alle coalizioni, non mi pare che ci siano quadrupedi qui, spero che siamo tutti bipedi, quindi si può avere i bipedi, gli uomini, le donne, la fedeltà e le idee ma non alle persone. Io quindi quando ho saputo che il Centrodestra è salito al Colle, senza l'udc, non mi sono scandalizzato, perché? Perché nella mia visione le coalizioni non sono necessariamente delle marmellate zuccherose, sono insieme di partiti, ovvero di associazioni di cittadini previste dalla Costituzione per concorrere alla vita politica del Paese, e con questo intendo dire con le loro identità, con i loro programmi, con la loro strategia, con il loro orizzonte. Qui in quest aula l'unica forza politica che abbia un orizzonte, passatemela così, la voglio dire così, non filos ma anticapitalistico, è la forza di cui io faccio parte insieme ad altri, poi probabilmente il compagno Luca Guerra potrebbe benissimo attribuirsi la stessa proprietà, perché anche Lui fa parte di una forza che si richiama all'anticapitalismo. Pertanto, avendo come forza politica i nostri fini, avendo delle intenzioni, guardate, io ho sentito la Lega Nord dichiarare ad ogni piè sospinto che, purché si raggiungano degli obiettivi, Lei non si fa problemi, quindi non sto dicendo niente di strano, è una cosa risaputa, invece giocare un po' strumentalmente su quelle che sarebbero le divisioni, guardate, sicuramente Rifondazione Comunista non è in predicato di formare il Partito Democratico, sono altri che si stanno fondendo, non noi. Noi al limite, lo sa tutto il Paese, potremmo fare un patto di unità d'azione ma non per questo ci renderà più pesanti, indubbiamente si avrebbe un'altra voce su degli obiettivi, mettendosi insieme, con quella che io però non definirei, e qui veramente pregherei di evitare un termine che è stucchevole, vi prego di evitare un termine stucchevole, estrema Sinistra, che non vuol dire una benedetta, lo dirò con un francesismo, una benedetta fava, perché non c'entra una benedetta fava, perché estrema Sinistra non ha senso, per un semplice motivo, che lo si poteva dire nella misura in cui c'era un partito del 20-24% che era la Sinistra e poi ce ne era uno più piccolo, che era la Sinistra radicale, la Sinistra estrema, non è più così, oggi qualcuno dismette la s, diventano semplicemente democratici e quindi ci sarà una Sinistra. Devo dire che mi fa piacere quantomeno per l'appellativo (segue intervento fuori microfono) poi li si tratta di vedere come il patto di unità di azione funzionerà. Pertanto, veramente, io invito i colleghi ad usare altri termini perché io non mi sogno di definire altri con termini che sono impropri, perché qui parrebbe che su questi banchi si siedano dei descamisados, dei barbudos, non è così, tra le altre robe mi sono anche fatto la barba quasi perfettamente questa mattina. Io mi fermo qui, Signor Presidente, e chiudo così, che potrebbe essere maieutico: chi vivrà vedrà. Vice Presidente Cavicchioli: Esposito e poi Del Nero. Del Nero. Consigliere Del Nero: Sarò brevissimo ma su questa vicenda volevo semplicemente sottolineare un mio punto di vista, nel senso che siccome ho sentito parlare di spaccatura 19

20 nella maggioranza o nella Giunta, io ad oggi parlerei di una divaricazione, una spaccatura tra la Giunta e la propria maggioranza e questo credo sia dovuto al fatto che la Giunta non sta rispettando quello che era il programma della campagna elettorale, almeno su alcune questioni fondamentali. Sul tema della sicurezza abbiamo visto in questi giorni; sulle infrastrutture; ricordiamo come sulle infrastrutture c'era un no chiaro durante la campagna elettorale a tutte le nuove infrastrutture, tangenziale est esterna, Bre.Be.Mi. e Pedemontana, oggi arriviamo praticamente al traguardo di tutte queste tre. Sul discorso del federalismo la posizione è fortemente cambiata, lo vedremo anche sicuramente sul piano rifiuti, come è stato citato dal collega Accame, in cui le posizioni saranno sicuramente diverse da quelle previste nel programma della Giunta Penati, per cui mi pare che in questo senso c'è questa divaricazione. Non mi stupisce quindi l'intervento di questi giorni del Capogruppo Guerra rispetto a quello che dovrebbe essere il proprio rappresentante in Giunta, è come dire, mettere in evidenza questa divergenza, mi pare questo un fatto fra l'altro di trasparenza, quello che semmai stupisce è che, almeno leggendo dai giornali, analoga divergenza c'è all'interno di Rifondazione Comunista. L'intervento del Consigliere Tranquillino, che mi ha preceduto, in cui ha rivendicato il proprio ruolo ed il ruolo del proprio partito come unico partito anticapitalista, di sinistra, eccetera, che è in totale contrasto, con l'attuale Giunta; posizione però che non gli impedisce assolutamente di mantenere il totale appoggio e la presenza di alcuni Assessori in Giunta. Assessori che durante una lunga Giunta di quattro ore, erano stanchi, affaticati, gli occhiali annebbiati, hanno firmato qualcosa, che non condividevano. Non si capisce se sui problemi della sicurezza in questo caso, ma anche delle altre problematiche la posizione degli Assessori che rappresentano in Giunta Rifondazione Comunista sia quella che Rifondazione Comunista ha in questa aula. L'Assessore Corso mi pare che abbia tratto correttamente le conseguenze dicendo: oggi io con le mie posizioni sento di non rappresentare i Comunisti italiani, non ho avuto la copertura, l'appoggio del mio partito. Infatti non si è autosospesa da Assessore, ma si è autosospesa dal gruppo dei Comunisti Italiani, credo che forse analogamente dovrebbe fare qualche altro Assessore. Grazie. Presiede il Presidente del Consiglio Ortolina. Presidente del Consiglio: Sulla questione politica ovviamente poi possiamo ritornare, adesso propongo di passare alla discussione sul bilancio consuntivo Il Presidente del Consiglio pone quindi in trattazione lo: ARGOMENTO N. 34 DELL'ORDINE DEL GIORNO Approvazione del Rendiconto di Gestione (o Conto Consuntivo) dell Esercizio Presidente del Consiglio: Do la parola al Vice Presidente, Assessore al Bilancio, Mattioli. Nel frattempo è entrato in aula il Consigliere Albetti. (presenti 43) Vice Presidente Mattioli: Signori Consiglieri, l'esercizio 2006, esaminando la gestione economico/finanziaria del nostro bilancio, ha dato risultati migliori del precedente esercizio Se vi ricordate nel 2005 erano stati riscontrati momenti di difficoltà sul fronte delle entrate fiscali ed il calo del mercato automobilistico aveva negativamente influito sui nostri tributi che per il 75% dipendono dal suo andamento. 20

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE 2011 I. D. N. S.n.c. Istituto Dattilografico Nuorese di Uscidda Agostina & Co. Sede legale: Via Mannironi, 125 /FAX 0784/203726 Sede operativa: Via Nonnis,

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per

PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per PRESIDENTE: Punto 15 all ordine del giorno, contributo Regione Marche in conto capitale per finanziamento lavori realizzazione sezione asilo nido rione Borgo, chi illustra? Romani, assessore Romani per

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

INTERVENTO ON. BERGAMINI

INTERVENTO ON. BERGAMINI Informativa urgente del Governo sul trattamento riservato ai migranti nel Centro di soccorso e di prima accoglienza di Lampedusa, come emerso in un recente filmato trasmesso dalla RAI 21 dicembre 2013

Dettagli

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla legge al 30 di novembre, questi assestamenti al bilancio previsionale che abbiamo

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti

Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica. xiv legislatura disegni di legge e relazioni documenti Camera dei Deputati 449 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 450 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 451 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 452 Senato della Repubblica Camera dei

Dettagli

Comune di Barlassina

Comune di Barlassina Comune di Barlassina Provincia di Monza e Brianza VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N 39 del 13/09/2010 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE "IL POPOLO DELLA LIBERTA'

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1

24-NOV-2015 da pag. 37 foglio 1 Tiratura 09/2015: 391.681 Diffusione 09/2015: 270.207 Lettori Ed. II 2015: 2.458.000 Quotidiano - Ed. nazionale Dir. Resp.: Ezio Mauro da pag. 37 24/11/2015 Responsabilità professionale. Intervista a Trojano

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di

Sulla disoccupazione, tuttavia, ci sarebbe qualcosa da aggiungere. In questi giorni sentiamo ripetere, dai giornali e dalle tv, che il tasso di ECONOMIA Disoccupazione mai così alta nella storia d Italia La serie storica dell Istat si ferma al 1977, ma guardando i dati del collocamento e i vecchi censimenti si scopre che nella crisi del 1929 e

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del PRESIDENTE: Passiamo adesso al terzo punto all'ordine del Giorno, avente ad oggetto: " Approvazione Regolamento sponsorizzazione per la disciplina e la gestione dello spazio pubblicitario on-line sul sito

Dettagli

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia 66 Silvio Berlusconi e la mafia LA BOMBA DI MANGANO Trascrizione della telefonata intercettata dalla Polizia, nella quale Berlusconi e Dell Utri parlano

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014

DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE Sangano, 12 giugno 2014 Care e cari Sanganesi, egregi Assessori, egregi Consiglieri, caro Dott. Russo, carissima Flavia oggi si insedia il nuovo Consiglio

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE N. 64 in data 28/09/2010 Proposta n. 65 Oggetto: ORDINE DEL GIORNO PRESENTATO DAL GRUPPO CAVRIAGO COMUNE RIGUARDO LA MODIFICA DEL REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI

Dettagli

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa A ACQUISIZIONE INCARICO PRESENTAZIONE DA 1 MINUTO Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa Posso dare un occhiata veloce alla

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

GIULIO VALESINI FUORI CAMPO Il codice della strada parla chiaro, se si gira con la targa che si legge male, si rischia fino a 169 euro di multa.

GIULIO VALESINI FUORI CAMPO Il codice della strada parla chiaro, se si gira con la targa che si legge male, si rischia fino a 169 euro di multa. TARGA, MIA CARA di Giulio Valesini MILENA GABANELLI IN STUDIO Bene rimaniamo sulla Zecca, o meglio sul Poligrafico dello Stato, che stampa invece anche le targhe, qui la storia con i gettoni d oro non

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale

Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Matrimonio e bambini per la coppia omosessuale Oscar Davila Toro MATRIMONIO E BAMBINI PER LA COPPIA OMOSESSUALE www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Oscar Davila Toro Tutti i diritti riservati Dedicato

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore

Salvatore Salamone. Manuale d istruzione per. Coppie che. Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE! ... tutto sommato un libro d amore Salvatore Salamone Manuale d istruzione per Coppie che Scoppiano QUALCOSA SI PUÒ FARE!... tutto sommato un libro d amore CAPITOLO 18 Voler avere ragione Spesso le coppie incontrano delle barriere insormontabili

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/6

COMMISSIONE SUL CICLO RIFIUTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 1/6 MISSIONE IN SICILIA 29 SETTEMBRE 2009 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.53. PRESIDENTE. Buongiorno. La ringraziamo per la presenza e segnaliamo che dell audizione

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora

Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Parteciperò all evento: Sì No Forse Ignora Febbraio 2008 La nazionale egiziana è in finale: domenica si giocherà la Coppa d Africa. Non serve certo che io mi registri all evento su facebook, per ricordarmi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà

La Dignità. L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà La Dignità L unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà Essa pone la persona al centro delle sue azioni istituendo la cittadinanza dell Unione e

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE

LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE LABORATORIO GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 PRIMO QUADRIMESTRE Le immagini contenute in questa presentazione sono estratte da pagine web, se qualcuno dovesse trovare immagini coperte da copyright,

Dettagli

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA

A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. A tutti i componenti del CIG. A tutti i componenti del CdA PROT.81790/U/31.07.2012 A tutti i Presidenti dei Collegi dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati A tutti i componenti del CIG A tutti i componenti del CdA Roma, martedì 31 luglio 2012

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012

IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 IL PERCORSO DEL MAESTRO ENRICO GALLO E DEI BAMBINI DELLA V^A DI BANCHETTE (IVREA) E DEL LABORATORIO DI INFORMATICA a.s. 2011-2012 Ho seguito, insieme ai miei alunni, due percorsi differenti che poi si

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

Educarsi per educare al perdono. Pietro Paolo Piras

Educarsi per educare al perdono. Pietro Paolo Piras Educarsi per educare al perdono Pietro Paolo Piras C arissimi tutti, A tutti i Genitori ed Amici dell'infanzia Lieta un saluto cordiale ed affettuoso dall'ospedale dove cercano di rimettere a nuovo il

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Gestione del servizio di segreteria comunale in forma associata tra i comuni di Orbassano e Villar Dora. Costituzione ed approvazione

Dettagli

INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI

INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI In apertura di serata Alfredo Salzano, chiamato a moderare la conferenza, ha voluto ricordare

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo

Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo Inviata tramite PEC Alla c.a. Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Piazza G. Verdi, 6/a 00198 Roma Milano, 19 novembre 2015 Oggetto: Procedimento PS 10001 invio casi ricevuti da Altroconsumo

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti Classi terze A e B Scuola Primaria Statale Teresio Olivelli - Sale di Gussago (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO DI GUSSAGO Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti A.S. 2013/2014 Ho sentito che il 20 novembre

Dettagli