Rapsodia. Danilo Sergio. (si consiglia di abbinare alla lettura di questo racconto la fruizione del brano Bohemian Rhapsody dei Queen).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rapsodia. Danilo Sergio. (si consiglia di abbinare alla lettura di questo racconto la fruizione del brano Bohemian Rhapsody dei Queen)."

Transcript

1 Rapsodia di Danilo Sergio (si consiglia di abbinare alla lettura di questo racconto la fruizione del brano Bohemian Rhapsody dei Queen).

2 Capitolo 1 Giornate Le giornate sembrano lunghe solo se non le vivi. Le giornate di Luca, perciò, non erano affatto lunghe. Ogni mattina suonava la sveglia alle sette e quarantacinque. Ogni mattina, appena sveglio, preparava il caffè. Ogni mattina, subito dopo il caffè, soleva bere una tazza di tè verde perché le rubriche di molti tg consigliavano di farlo. Ogni mattina, una volta completata la colazione, stirava velocemente il capo d abbigliamento che la sera precedente aveva deciso di indossare per il mattino dopo. Doccia e via. L università gli piaceva perché gli dava modo di pensare. Non riusciva a passare le giornate in casa: si sentiva perso. Invece, quando varcava le porte dell università a cui era da qualche anno iscritto, era come se un nuovo mondo prendesse vita dinanzi ai suoi occhi. Era la varietà di individui che componevano la realtà sociale che lo incuriosiva davvero e lo faceva sentire vivo. Adorava seguire le lezioni. Sua madre lo definiva studente modello. Erano tutti fieri e orgogliosi di lui in famiglia. E come dare loro torto? Anche se le lezioni terminavano intorno alle diciotto, diciotto e trenta, egli preferiva non rincasare per rimanere in biblioteca più a lungo possibile e leggere i libri delle lezioni, riordinare gli appunti, poi rileggere i libri delle lezioni e, per finire, ordinare gli appunti delle lezioni che aveva già riordinato. Insomma, uno studente modello. Ma non pensate che Luca fosse solo uno studente. Anzi, nel monolocale in cui viveva da buon studente fuori-sede, aveva allestito, non si sa bene come, un piccolo laboratorio di pittura: Luca adorava disegnare, gettare colori sulla tela e lasciare che questi aprissero le tanto sospirate porte della percezione da cui tanto era ossessionato Jim Morrison. Inoltre, appassionato di musica quale era, adorava ascoltare i suoni. I suoni della metropoli, per esempio, erano i suoi preferiti. Tanto amava i suoni e tanto per lui essi erano importanti che un giorno collegò un campionatore ad un cuscino e iniziò a picchiare questo sì forte con un cucchiaio di legno che si generò un suono così strano, anomalo ed affascinate tanto che Luca decise di attribuirgli perfino un nome: Soft Instant. Nonostante tutto ciò, godeva di solide relazioni sociali. Gianni, il suo

3 migliore amico, era famoso a Milano per essere il leader di una band che era solita girare per le strade della metropoli in un pulmino della Volkswagen tappezzato di scritte che alludevano chiaramente al tanto amato e sospirato e invocato Rock n Roll, cantando i classici del genere. Luca riponeva una grande stima nei confronti di Gianni, ma anche moltissima fiducia. Gianni era anche più grande di Luca, perciò era visto da quest ultimo come una guida, un guru, quasi. Le giornate sembrano lunghe solo se non le vivi. E possono essere vissute anche sapendo che ciò che quotidianamente fai è alquanto metodico. E puoi vivere una soddisfacente vita da arancia meccanica solo se pensi che la tua metodicità sarà ogni giorno differente. Solo se pensi che la tua sistematicità possa essere sconvolta in qualsiasi momento, da un qualsiasi avvenimento. È importante non dare nulla per scontato. Capitolo 2 Le cose belle arrivano all'improvviso? Devo parlarti. In uni, vicino alla 115, c era una cosa strana, cacchio! Non sto capendo nulla, ricordo solo due piedi immobili ed una pozza di sangue! Queste furono le parole che comparvero sul display del cellulare di Gianni, una sera. Il mittente era Luca. Capitolo 3 I giornali sarebbero ansiogeni? Ma la Bibbia non comincia forse con un delitto? (Cit.) Omicidio in una blasonata università milanese: trovato morto uno studente. Milano, 17 Febbraio Un incredibile fatto di cronaca nera sta rimbalzando sulla bocca dell opinione pubblica. Il cadavere di un giovane studente è stato ritrovato negli

4 ambienti dell Università Iulm del capoluogo lombardo. Secondo la scientifica, il giovane, al momento del ritrovamento, era deceduto da poco più di dieci ore. Una serie di coltellate ha raggiunto Pietro Cischetto, studente di ventisei anni, il quale si pensa sia morto quasi immediatamente. Gli investigatori percorrono ora due piste contraddistinte da un punto in comune: galeotta sarebbe stata una lite scoppiata tra Cischetto ed un altro studente dell università a causa di vicende legate o a controversie amorose (con al centro una femme fatale) o, più plausibilmente, a questioni di droga. A dare i primi segnali di allarme sono stati i genitori di Cischetto, i quali, preoccupati poiché il giovane non rientrava, hanno prontamente contattato le forze dell ordine, che, in seguito alla chiamata giunta nella prime ore della mattina successiva da un dipendente dell università lombarda, sono giunte immediatamente sul luogo. Nel percorrere le due piste, gli investigatori si dichiarano pronti a ispezionare dapprima il cellulare dello studente, per poter individuare eventuali collegamenti attraverso l analisi delle chiamate ricevute ed effettuate, e, contemporaneamente, a iniziare ad interrogare quante più persone possibile, tra personale docente, non docente e studenti, al fine di raccogliere una minima mole di dati da cui partire per a far luce sull accaduto. Il fatto lascia numerose perplessità sia nell opinione pubblica e nelle pubbliche amministrazioni locali che negli ambienti dell università stessa. Il magnifico rettore Giuseppe Bera, infatti, si dice addolorato per l accaduto ed invita il mondo accademico a stringersi intorno alla famiglia del giovane Cischetto. Intanto, i Carabinieri hanno lanciato un appello invitando chiunque abbia visto o notato qualsiasi cosa che possa risultare utile ai fini investigativi a farsi avanti. A parere di chi scrive sarebbe utile non tralasciare altre possibili piste, cercando di non dare per scontato che si tratti esclusivamente o di un delitto a sfondo amoroso o di un delitto legato allo spaccio e al consumo di sostanze stupefacenti. I.D. Capitolo 4 Luca e il vu' cumprà

5 Era fuori dalla caserma dei Carabinieri. Erano giorni che Luca si appostava fuori da quella caserma, recando sulle spalle il peso di un dubbio: raccontare oppure no. Una mattina, mentre compiva il rito della solita camminata nervosa di fronte al commissariato, gli si avvicinò un uomo, scuro, bassino, recante delle rose in mano, presumibilmente da vendere, i denti larghi e molto ingialliti ed un cappello di lana rosso sulla testa. - Amigo!! Vuoi rosa? Dai, forza, combra rosa, amigo! Esordì quello. - Rosa? Ma sta' zitto, quale rosa?! No, guarda, non scherziamo, lasciami stare oggi, che è meglio. La delicatezza prendeva il sopravvento. - Dai, tu no avere problemi. Io, invece, avere problemi. Tanti problemi, amigo! Tu dai soldi me e io oggi mangiare. Tu dai soldi me e io non avere problemi con quelli. - Ma non senti!? Sparisci!! Non è certo di una rosa che avrei bisogno! Non ho bisogno neanche di sentirmi benefattore, cazzo! Sono notti che non dormo, sono nella merda fino al collo e tu vieni a chiedermi dei soldi! Se li avessi, andrei da uno psicologo, uno psichiatra, qualcosa del genere, insomma. Da un prete, semmai, che, con la scusa che poi deve farsi i cazzi suoi, almeno mi ascolta. Ma, purtroppo, ho smesso di credere in Dio da quando ho iniziato a farmi le canne in terza liceo! Che cacchio gli dico a un prete? Ciao, non me ne frega un cazzo di Dio, però tu ora ascoltami?! Bello mio, se sapessi... se tu sapessi... - Io no avere niente da fare. Tu, forse, no avere niente da fare. Se tu non stare incazzato, io posso ascoltare te. - Tu puoi ascoltare me? No, guarda, lascia stare... - No, no, tranquillo, io potere ascoltare te. Insistette quello. - Tu dimmi cosa faresti se avessi visto qualcosa di strano, come ad esempio un cadavere nella tua università! Cosa faresti? - Andrei da polizia, amigo! - Ecco, vedi!!! E, se il cadavere la polizia l avesse ritrovato il giorno successivo all accaduto in un luogo diverso rispetto a quello in cui tu l avevi scoperto? Ora cosa faresti? - Non andrei da polizia, amigo! - Non andrei da polizia, amigo! furono le parole che per tutto quel giorno e il

6 seguente gli rimbalzarono continuamente nella testa. Si sentì, però, felice di essere stato chiamato Amigo!. Capitolo 5 Sei scemo o non mi senti? Ti ho scritto un sms, ieri. Sono agitatissimo. Ho paura di aver visto qualcosa. Ieri sera, prima di uscire dall università per andare a casa (saranno state le diciannove e quarantacinque circa), sono andato in bagno a sciacquarmi il viso; uscendo, casualmente, ho buttato uno sguardo vicino all aula centoquindici, forse per tentare di scovare qualcuno che, come me, a quell ora, fosse ancora in università. E, invece, mi è sembrato di aver visto un cadavere. Non so. Non ricordo bene, perché, non appena ho avuto l impressione di trovarmi dinanzi ad una fottuta scena del crimine, sono scappato. Ho raccolto le mie cose, infilato il cappotto e sono fuggito da lì. Però, Gianni, l immagine di quei piedi immobili, inerti, con intorno una chiazza di sangue quasi ancora pulsante, non va via dalla mia mente. Ho un mal di testa incredibile, non so cosa fare. Forse sono l unico ad aver visto questa cosa. Oggi è stato ritrovato il cadavere dalla polizia, in un luogo differente rispetto a quello in cui io ho visto il corpo senza vita! Ma io? Io cosa devo fare? Lo devo dire a qualcuno? Dovrei avvisare la polizia, secondo te? È una faccenda così strana! Ma, poi, sono davvero l unico a conoscere questa cosa?! Possibile che non se ne sia accorto nessuno, prima di me? Gianni, davvero, non so cosa ho visto! Potrei andare dalla polizia, raccontare ciò che so. Ma cosa so? E se ci vado di mezzo io in questa storia? Quante volte è capitato che un semplice testimone finisce per essere incolpato di qualcosa che non ha commesso solo perché magari non esistono prove ed è lui l unica prova! Rispondimi quanto prima: dimmi cosa pensi di tutta questa storia! Spero domani di svegliarmi e non ricordare nulla di tutto ciò. Sei l unica persona a cui l ho detto. Mi fido di te. Aspetto tue notizie, L. Un pomeriggio, Gianni, aprendo la propria casella di posta elettronica, trovò questa mail.

7 Capitolo 6 Allora esisti! Lo aspettava da non più di un quarto d ora. Gianni, come al solito, era in ritardo. - Eccoti, finalmente! - disse, mentre la pazienza gli sfrecciava davanti, portando con sé tutto, tranne la voglia di farsi acchiappare. - Scusami. Questa maledetta pioggia blocca un intera città; è come se si paralizzasse di botto. - Va bene, va bene, tranquillo. Piuttosto, hai letto la mia mail? Mi aspettavo una risposta più veloce, un interesse particolare, vista la gravità della situazione, Gianni! - Sì, sì, certo. Ho letto, tranquillo. E, certo, la situazione è decisamente grave e delicata. Estremamente delicata. Però, proviamo a capire come uscirne. Innanzitutto, cerca di raccontarmi, ora, in maniera tranquilla,.. - Maniera tranquilla? Ma, dico, ti rendi conto!? - Sbottò lui che di maniere tranquille non voleva proprio sentir parlare. - Va bene, scusa, va bene. Cerca di raccontarmi, in maniera relativamente tranquilla, ciò che ti ricordi, qualche particolare, insomma! - Te l ho scritto! Esco da quel fottuto cesso dell università, da solo, e vedo questo... questo... questo morto, Gianni! Cioè, non l ho visto tutto! Non l ho avuta la briga di andare a contare i peli del naso ad un cadavere! Ho visto i piedi, immersi in un lago di sangue! E non prendermi per pazzo, ti prego! Magari ora mi chiedi anche perché non ho controllato quella diamine di pozza, nel caso in cui si fosse trattato di una semplice passata di pomodoro! Era sangue! Sangue! Questo tizio era immobile. E seminascosto. Io non so cosa devo fare! - Intorno, sfrecciavano, ad una velocità improponibile, tram, taxi, persone. O, forse, sembrava che sfrecciassero. - Cischetto E non c era nessuno? Niente di niente? - No, nessuno. L università stava per chiudere a quell ora. Io ero lì perché avevo intenzione di finire di leggere il quarto capitolo del libro di psicologia, perciò

8 rimasi lì qualche ora in più rispetto al solito. Pensa che gli uffici erano già chiusi. Tempo dieci minuti e sarei sicuramente uscito da lì! - Ma prima non hai fatto caso a nessun movimento, atteggiamento strano? Nessun rumore? Nessun sintomo di nervosismo o agitazione nell ambiente? - Che io ricordi, no! Poi, boh, cazzo ne so, Gianni! Lo sai che io mi faccio i fatti miei e basta. Sono stato tutto il giorno a lezione e, durante le pause, ero con Giulia. Quindi, se vuoi una risposta, è no, io non so nulla di nulla! - E la polizia? Che dice? chiede Gianni, che, ormai, aveva preso a cuore la vicenda. Infatti, prima di diventare lo speaker per eccellenza di RadioCaosLibero, svolgeva pigramente la professione di avvocato, presso lo studio legale del suo caro e altrettanto pigro zio Rocco. Forse, cinque anni di Giurisprudenza non furono del tutto vani: forse, degli strascichi all interno della sua memoria a lungo termine erano rimasti. - Dice che era uno studente fuori corso. Loro pensano che si sia trattato di un diverbio tra studenti: ipotizzano che si sia scatenato tutto per droga o donne. Il particolare è che il cadavere non è stato rinvenuto dalla centoquindici, ossia dove io penso di averlo visto, bensì dietro alla mensa, vicino all immondizia organica. Ecco il motivo della mia preoccupazione. - Droga. O donne. Tutto ruotava attorno a quelle due parole. Sia gli investigatori che quel testimone senza voce ruotavano attorno a queste due parole. Capitolo 7 Il pregiudizio è lo strumento di analisi più efficiente di cui l uomo disponga. (Cit.) La polizia arrivò sulla scena del crimine pochi minuti dopo il ritrovamento del cadavere del giovane Cischetto. Il sole vagiva timidamente. Una sottile patina di nebbia danzava sul cadavere dello studente. La prima preoccupazione degli investigatori fu quella di allontanare la folla, seppur questa fosse quantitativamente piccola, in quanto gli unici ad essere giunti all università a quell ora erano i dipendenti del bar e gli addetti alla manutenzione. La seconda fu quella di iniziare a raccogliere più dettagli possibili. Il cadavere di Cischetto giaceva inerte tra alcuni sacchi d immondizia nei meandri

9 dell ambiente universitario più profondi e meno frequentati dagli studenti. Il collo della vittima era attraversato da un solco profondo, evidente segno di un tentativo di soffocamento da parte dell aggressore. Tuttavia, la ferita mortale sembrava essere quella che si intravedeva sotto lo sterno del giovane. Il sangue era fuoriuscito per tutta la notte. Si era dilagato descrivendo forme geometriche di un unico colore. Un giovane poliziotto circoscriveva con un nastro giallastro la porzione enigmatica del posto. Altri, invece, iniziavano a chiedere informazioni, di qualsiasi tipologia, ai pochi presenti. Nessuno sapeva nulla. Nessuno aveva visto o sentito o percepito nulla. Uno dei presenti si propose, cercando di essere utile, narrando agli investigatori una vicenda accaduta qualche giorno prima: un diverbio tra due studenti. Concluse, tuttavia, che nessuno dei due ragazzi corrispondeva a Cischetto. Informazione alquanto inutile, insomma. Venne comunque ringraziato per lo sforzo ed invitato a tenersi a disposizione in qualsiasi momento e a riproporsi nel caso in cui avesse informazioni più dettagliate o potenzialmente più inerenti all accaduto. Il commissario Pontoni arrivò farfugliando canzoncine tra sé e sé. È vero, non aveva l aria di essere una persona del tutto affidabile a prima vista, tuttavia i suoi uomini riponevano in lui grandi dosi di stima e fiducia, in quanto, nonostante tutto, fino ad allora, era sempre uscito vittorioso, anche dalle vicende più ardue. Mentre osservava con attenzione la scena, cercando di coglierne i minimi particolari, il suo sguardo si soffermò su di un giovane cameriere del bar dell università. A suo parere, aveva qualcosa che non andava. Era come se nascondesse qualcosa. Il commissario amava particolarmente sviluppare indagini partendo dal proprio intuito. Era forse la sola cosa al mondo di cui si fidava ciecamente. A tal proposito, ordinò ad uno dei suoi uomini di annotare le generalità di quel ragazzo, senza però far trasparire qualcosa che potesse mettere particolarmente in guardia il giovane. E così fu. Intanto, iniziava ad arrivare la linfa vitale dell università: docenti, studenti, pezzi grossi. Pontoni, attraverso l autorevolezza della sua carica e di quella del rettore dell università, fece diramare una disposizione, secondo la quale ogni studente, professore, ecc si sarebbe dovuto assoggettare al volere dei difensori dello stato riguardante un qualsiasi interrogatorio. In qualunque momento. Le ore passavano. Lente. E Pontoni capiva sempre meno. Da un lato, la pista secondo la quale uno studente aveva assassinato un altro studente a causa della droga lo

10 convinceva sempre più; tuttavia, dall altra parte, non lo rassicurava: gli pareva parecchio strano. O meglio, troppo, troppo scontato. E, si sa, l istinto, molto spesso, va dritto al nocciolo della questione. Osservò la scientifica portare via l inerte corpo del giovane. Salutò i propri colleghi. Entrò nella Uno bianca, accese una sigaretta e, poi, anche il veicolo. Partì. La radio non passava nulla di buono, per i suoi gusti. Osservava la metropoli, mentre guidava. Ad un certo punto, vide salire del fumo bianco dai suoi piedi: era caduta della cenere dalla sigaretta sulla tappezzeria. Iniziò a gridare. Contro se stesso. Poi si calmò. Arrivò a casa. La sua vicina di casa stava dando da mangiare a dei gattini che, ormai da parecchi anni, bazzicavano da quelle parti. La salutò. Lei gli chiese come fosse andata la giornata. Lui, tranquillo, rispose: - Una merda! In fondo, non era stata proprio una merda. Alla fine, era il suo lavoro, quello. Se l era scelto lui, non poteva farci nulla. Entrò in casa. Accese le luci. Si sbottonò i pantaloni, si tolse la camicia e, rimanendo in mutande e calze, si sdraiò sul divano. Afferrò una busta di pop corn e iniziò vivacemente a mandarli giù. Si sentiva nervoso. Ogni volta che si trovava faccia a faccia con un nuovo caso si sentiva sempre molto nervoso. Lo ossessionava l idea di non riuscire a risolverlo. Prese sonno. La sveglia suonò alle sei e quarantacinque. Fuori pioveva. La giornata si preannunciava, ancora una volta, abbastanza grigia. Solite operazioni di routine: caffè, sigaretta, doccia, sigaretta, sigaretta, jeans, maglione, sigaretta e via. Sigaretta. Entrò in auto. Imboccò la prima via a sinistra. Lo avrebbe condotto al commissariato. Lo aspettavano i colleghi: piccoli, perfettamente sbarbati, obbedienti ammiratori di un grosso, grasso commissario goffo. Pontoni per tutti loro era un vero e proprio idolo. Quando uno di loro commetteva un errore, Pontoni era solito apostrofarlo così: - Brutto figlio di puttana, ti rendi conto di cos hai fatto? Come diamine puoi farti sfuggire un tipo del genere?! Quelli sono solo delinquentelli che vanno acciuffati, presi a morsi sul culo e pisciati in faccia e tu, invece, cosa fai, brutto figlio di puttana?! Te li lasci sfuggire così! Però, nessuno di loro se la prendeva più di tanto. Pontoni, il commissario Pontoni, aveva sempre ragione. Sempre. Gli portarono un caffè. Macchiato. Lo zuccherò, seduto sulla poltrona della sua scrivania dietro la quale vi era un muro completamente tappezzato da posters di donne

11 nude e copertine di Playboy. Chiese i risultati della scientifica. Glieli portarono. Nulla di nuovo, per ora. Non erano passate neanche ventiquattro ore. Intimò ai suoi uomini e alla scientifica di darci dentro. Luca, intanto, era più che mai teso, quel giorno. Quel grosso paio di piedi immobili che aveva visto casualmente due sere prima al primo piano erano di Cischetto, un tipo fuori corso da qualche anno che, tra l altro, gli stava anche parecchio sulle balle. Però, era successo qualcosa di strano. E ancora più strano era il fatto che i piedoni che erano balzati quella sera dinanzi ai suoi occhi si fossero spostati: il corpo era stato ritrovato vicino al ripostiglio dell immondizia! Che diamine accadeva? Non sapeva se farsi avanti oppure stare zitto e farsi i fatti suoi. Aveva paura, una paura tremenda di diventare il secondo protagonista di quell assurda vicenda. Gianni non era riuscito a dargli una risposta utile. L unica frase che risuonava nella sua testa da due stramaledettissimi giorni era solo e soltanto: Non andrei da polizia, amigo!, pronunciata da quel nero fuori dalla caserma dei Carabinieri, alla fine di una liberatoria conversazione. Ora, però, il suo nervosismo era amplificato dal ricordo di quella conversazione: infatti, Luca era completamente martoriato, assalito, tormentato da un dubbio, ossia: e se quel pezzente se la fosse cantata con qualcuno? Se quello lì avesse detto a qualcuno di aver incontrato un ragazzo che faceva domande ambigue a proposito di una specie di omicidio? Dubbi su dubbi. Si mise a dipingere. Capitolo 8 Asetticamente Nome: Ugo Cognome: Pontoni Data di nascita: 6/03/1959 Luogo di nascita: Rimini Professione: Commissario di Polizia presso il Comando Stazione Affori di Milano.

12 Stato civile: Celibe Si fece largo a fatica sulla scena del crimine, a causa della concentrazione della folla che, incuriosita dall accaduto, tentava di ritagliarsi un posto in prima fila per poter spettegolare. Indossava un paio d occhialini tondi che qualcuno definirebbe alla John Lennon, una camicia blu anni Novanta, un paio di larghi calzoni beige con i tasconi e degli stivaletti tutti infangati con la punta consumata. Era un ometto basso, goffo, grosso e con un paio di baffi arancioni leggermente affumicati dal fumo di sigaretta il commissario Pontoni, ma anche alquanto strano, capace puntualmente di suscitare cattive risatine nelle gente che era solita incontrarlo sul suo cammino. Arrivò sulla scena del crimine a bordo di una FIAT Uno Turbo con la solita aria da stupidotto aggiustatutto, un panino farcito con mortadella e provola in una mano (nonostante fossero solo le otto del mattino) e un peluche appeso allo specchietto retrovisore laterale destro che, stando alle sue spiegazioni, apparteneva a Carla, la figlia di suo fratello Luigi. Una volta sceso dall automobile non disse nulla. Successivamente, mentre via via si avvicinava al corpo senza vita del giovane Cischetto, iniziò a fischiettare un motivetto tratto da un brano dei Pink Floyd. Destò alcune preoccupazioni. Fin da subito. Avvicinato dalla polizia scientifica, iniziò umilmente e pazientemente ad ascoltare le iniziali probabili ricostruzioni dei fatti, tirando, di tanto in tanto, grossi morsi al suo panino. Mentre ascoltava l ennesima ricostruzione da parte di un giovane carabiniere orgoglioso fino alla punta dei piedi di far ascoltare le proprie ipotesi ad un suo superiore, interruppe di colpo il proprio interlocutore, dicendogli a voce molto alta: - Va bene, va bene. Ma rivaluti le sue ipotesi, tenente Bianconi: non è mai come sembra! Pensi che, ieri sera, durante la lezione di fandango, ad un ballerino accanto a me è scivolata la mano della propria ballerina ma è riuscito, attraverso un gesto eseguito a culo, a tenerla in piedi, senza farla cadere: bene, è stato tutto molto bello, Bianconi, eppure il ballerino aveva sbagliato. Perciò, non è tutto come sembra. Se lo ricordi, tenente. - Va bene, signor commissario, rivaluterò le mie ipotesi. Ribatté il giovane, timidamente. - Il commissario, nel frattempo, mentre osservava la macabra scena, continuava a

13 fischiare: stavolta, però, il motivo era di un brano di Simon & Garfunkel. - Eppure ci sarà qualcuno qui che ha visto o sentito qualcosa. Temo che avremo molto da lavorare, cari i miei bei collaboratori! Tuttavia, spero non vi dispiaccia che io schiacci un pisolino: ho dovuto portare il cane a pisciare stamattina, perché oggi era il mio turno, per cui ora sono troppo stanco per far funzionare il cervello. Ci rivediamo a mezzogiorno nel mio ufficio con un primo rapporto, Bianconi! - - Sarà fatto, commissario. - Il rettore e i funzionari dell università, accorsi sulla scena del crimine al fine di sapere qualcosa, rimasero muti dinanzi a tali atteggiamenti del commissario Pontoni: anzi, rivolgendosi ad un carabiniere messo lì per abbellire, Bera chiese: - Possibile che non ci siano più commissari? Proprio lui dovevano mandarci? Cosa ci facciamo qui con con questo?! - Capitolo 9 Ultimamente, al mattino, esco presto. Mi svegliai molto presto quella mattina. Avevo un mal di testa indescrivibile. Era come se un mattone pesante e grosso si fosse piazzato sulla mia testa. Avevo preso davvero una grande sbornia, la sera precedente. Come ogni mattina, mi sono alzato. Mi sono diretto dapprima verso il bagno, poi in cucina, nell angolo della colazione. Lì c'era il mio laptop, ancora acceso dalla sera precedente. E, come ogni mattina, ho digitato nella barra degli indirizzi del browser il link di youtube. Ho sempre adorato iniziare la giornata mandando in rotazione la playlist di uno dei miei artisti preferiti. Scelsi i Pink Floyd. Mentre Syd Barrett cantava, però, tutto d un tratto squillò il cellulare. Questa cosa non mi stupisce affatto. Per un commissario di polizia è una cosa quasi del tutto naturale quella di ricevere chiamate in qualsiasi momento della giornata. Certo, riceverne appena sveglio non è il massimo della vita. Io preferisco ricevere le chiamate di lavoro durante la notte. Non so perché, ma mi risulta molto più semplice alzarmi e lavarmi di corsa ed uscire frettolosamente nel cuore della notte. Ho sempre avuto un atteggiamento di particolare adorazione nei confronti della notte. Risposi, comunque. Era Bianconi, un giovane agente che faceva di tutto pur di meritarsi la mia stima. Era

14 ambizioso. Mi informò velocemente del ritrovamento di un cadavere in una nota università privata milanese. La Iulm. Strano, pensai. Ora gli studenti si uccidono fra loro. Forse uno studente aveva sbirciato sul foglio di un altro e quello si era fortemente incazzato. Boh. Fatto sta che mi dovevo muovere. Il dovere mi stava alle calcagna, mi tallonava. Velocemente mi infilai nella doccia. Ultimamente avevo messo su un po di chili e questo limitava la mia agilità nell entrare e uscire dal box doccia. Mi vestii velocemente. Finii il caffè che era rimasto depositato sul fondo della caffettiera ed uscii di corsa da casa. Ho una Fiat Uno Turbo. È una tipologia d automobile che di solito viene associata ai contrabbandieri meridionali d anni Novanta. Obiettivamente è un po' vecchiotta. Tuttavia, non riesco a staccarmi da lei. È come una donna che ti segna, che ti lascia qualcosa. E poi, durante gli inseguimenti, non mi ha mai tradito. E questo, è sicuramente uno dei criteri di selezione nell acquisto di un automobile che un commissario di polizia che voglia compiere bene il proprio lavoro deve tener presente. C era molto traffico quella mattina, anche se erano le prime ore della giornata. Di quella nuova giornata. Arrivai sul luogo incriminato. C erano i miei uomini. Ad attendermi trovai anche un gruppetto di dipendenti dell università. Alcuni erano del bar. Intimai loro di allontanarsi, ma poi me ne pentii. Non avevamo indizi o prove da cui partire, per cui non mi sarebbe affatto dispiaciuto se qualcuno di loro avesse avuto qualcosa da raccontare. Ordinai ai miei uomini di delimitare con il nastro la scena del crimine. Ne avevo visti molti, finora, di cadaveri. Tuttavia, questo, mi fece sobbalzare. Forse è stato proprio il contesto a causare il mio sobbalzo. Uno studente. Morto. In un università. Assurdo!, pensai. Giaceva lì, inerte. La testa gli si era rivoltata all indietro. Recava un profondo solco sul collo. Il figlio di puttana che l ha ucciso doveva aver tentato di strangolarlo. Però, forse, essendo stato quasi sicuramente inesperto, non era riuscito ad ucciderlo e quindi, successivamente, gli aveva inflitto un colpo sotto lo sterno con qualcosa. Era proprio quel qualcosa che avevo bisogno di trovare! Mentre facevo le mie valutazioni, però, mi sentivo osservato. Cercai di scoprire da cosa derivasse quella mia sensazione. Era lo sguardo di un tipo. Era uno sguardo nervoso e frenetico e glaciale. Era uno sguardo che non mi piaceva. Per niente. Si asciugava freneticamente la fronte. Sudava. Si muoveva in continuazione e mi lanciava sguardi come se volesse, con il pensiero, depistare le mie idee. Figlio di puttana!, pensai. Chiamai Bianconi. Gli ordinai di prendere le generalità di tutti i presenti, in particolare di quel tipo, intimandogli nel

15 frattempo di non far trasparire nessuno dei miei sospetti, nessuna delle mie sensazioni. Bianconi eseguì. Lo osservai furtivamente mentre gli dettava le sue generalità. Arrivarono, nel frattempo, i genitori della vittima. Dopo aver assicurato loro che avrei fatto del mio meglio, mi diressi verso la mia Fiat Uno Turbo. Dal cruscotto tirai fuori una Benson and Hedges. La accesi. Rimasi appoggiato alla portiera della mia auto. Pensavo. Volevo capire se questo mestiere me lo fossi davvero scelto io o se mi ci avessero piazzato lì per una qualche ragione particolare. Continuai a pensare. E a fumare. Cercavo di immaginare nella mia mente come potesse essere fatto fisionomicamente il figlio di puttana che aveva assassinato quel povero ragazzo. Capitolo 10 Prime volte Sono nato a Foggia, nella lontana Puglia, circa cinquantotto anni fa. Mio padre è andato via molto presto, però non se è morto o si è semplicemente fatto da parte perché magari non si sentiva pronto ad esercitare l impegnativo ruolo del padre o altro. Non lo so. So per certo, però, che sono cresciuto in casa con due donne: mia madre e mia nonna. L una rigida, l altra di più. Mi hanno sempre detto che il mio obbiettivo nella vita era quello di diventare qualcuno. Io inizialmente chiedevo: - Chi? Qualcuno chi? E loro: - Diventare qualcuno, professionista, Orazio! - A cinquantotto anni non ho ancora capito chi sarei dovuto diventare precisamente. Non so se lo sono diventato o lo sto diventando o lo diventerò o non lo diventerò mai. Fatto sta che ho deciso fin da subito di seguire alla lettera i loro consigli: mi fidavo, erano mia madre e mia nonna. Le adoravo. Perciò, ogni mattina andavo a scuola elementare da bravo bambino; poi, ogni mattina andavo alla scuola media da bravo ragazzino; ogni mattina andavo al liceo da bravo ragazzino che si rispetti. Mi sono diplomato: maturità classica conseguita con la votazione di sessanta sessantesimi! Poi mi hanno detto che dovevo andare via. Via dal Sud! Per diventare qualcuno, devi andare via dal Sud! - dicevano. Nonostante non sapessi perfettamente il motivo del mio trasferimento, andai via. Mi trasferii a Milano per frequentare l università. Andai ad abitare in un monolocale. Mia madre e mia nonna contribuivano alla mia sopravvivenza

16 mandandomi settimanalmente con un corriere pacchi ricolmi di vasetti: sugo di carne, sugo di pesce, lenticchie, lenticchie con salsiccia, ceci, piselli, piselli con prosciutto cotto a dadini, sugo con polpette, sugo con braciole. Insomma, non potevo lamentarmi. Sopravvivevo abbastanza bene. Mi iscrissi alla facoltà di giurisprudenza, così come mi aveva gentilmente intimato di fare la mia mamma. Passarono gli anni. C erano i capelloni. Io, i capelli, li tagliavo una volta a settimana. I capelloni portavano la barba molto lunga. Io, la barba, la facevo ogni giorno. Esattamente cinque anni dopo la mia partenza, mi laureai in giurisprudenza con tesi in diritto commerciale. Con il massimo dei voti, ovviamente. Iniziai a lavorare all interno del mondo accademico. Facevo l assistente al professore di diritto economico. La nonna, intanto, se ne andò. Però, andò via sorridendo. Ma, soprattutto, prima di spegnersi, mi disse queste parole: - Devi diventare qualcuno, Orazio! - Insomma, dovevo diventare sul serio qualcuno. All età di trentatré anni la mia vita era un gioiello: professore ordinario di diritto economico presso l università pubblica di Milano, nella facoltà di Economia e commercio; felicemente sposato con una donna bellissima: Silvia. Silvia era una gran donna, però voleva lavorare. Io le ho sempre detto di restare a casa, fare la casalinga, e lei, invece, aveva questa fissazione. Tuttavia, fortunatamente, mi ascoltò e lasciò che fossi io a spaccarmi la schiena per entrambi. La sera, spesso, facevo molto tardi. Lezioni, attività burocratiche, riunioni, convegni. Quando rincasavo ero sempre molto stanco e, nonostante all epoca non fossi poi così anziano, ma anzi piuttosto giovane, dopo cena non riuscivo a fare altro se non stendermi sul divano ed iniziare, ahimè, a russare, dinanzi alla tv accesa. Silvia, invece, voleva uscire. Ma come facevo? Intanto, comunque, venne a mancare anche la mia cara mamma. Silvia si comportava male con lei. Diceva che chiamava troppe volte al giorno, nonostante sapesse ch io non fossi in casa. Mah! Povera donna! Avrà pure il diritto una lontana mamma di sentire il proprio figliolo e la consorte del proprio figliolo o no? Silvia diceva che le altre coppie della nostra età uscivano, viaggiavano e si divertivano. Anche l estate, per esempio, per me era impossibile organizzare un viaggio.

17 Avevo libri di diritto economico da scrivere, articoli per un magazine d' economia! Ora ho cinquantotto anni. La vita mia e di Silvia è sempre la stessa. Ma non so per quanto tempo ancora sarà così. Siamo, la nostra vita e noi, identici a venti anni fa. Ci siamo solo un po aggrinziti. Mia moglie mi fa stare male. Mia moglie è una puttana. Mia moglie mi ha fatto commettere errori che io non avrei mai commesso. Mia moglie è andata a letto con uno studente dell università in cui insegno ora, la IULM di Milano. È andata a letto con uno studente! Io non capivo il motivo della sua felicità. Che senso ha essere di punto in bianco felici?! L ho seguita per giorni, capendo ben poco. Poi, un giorno, tutto d un tratto, incontra un uomo, un ragazzo. Si salutano, si baciano. Camminano mano nella mano tra i vicoli ammuffiti dei Navigli! Guardo il tipo. Pensavo di non conoscerlo. E, invece, un giorno, mentre tenevo una lezione di diritto dell' informazione, mi accorgo che in mezzo agli studenti c era un figlio di puttana. Un figlio di puttana con la faccia da fuori corso. Non riuscivo a staccargli gli occhi di dosso. Mi faceva schifo. Anzi, mi facevano schifo. Lui e mia moglie. E tutto il resto. Qualsiasi cosa guardassi mi faceva schifo. Ho iniziato a seguire lui. Seguendo lui, però, era come se seguissi mia moglie. Non dormivo più. Le notti erano tutte un estenuante attesa. Ecco cos erano. Una mattina però mi sono svegliato con un pensiero fisso. Così tremendo ma così appagante. Arrivo in università. Puntuale come sempre. Saluto i miei colleghi. Con uno di loro prendo anche un caffè. Tengo le mie lezioni. La mattina diventa pomeriggio. Fuori pioveva. Pioveva a dirotto. Il cielo era scuro e coperto e imbronciato e cattivo. Cattivo come l aria che poteva respirare chiunque stesse almeno dieci secondi affianco a me. Continuai a tenere d occhio questo tipo. Il suo tipo. Era in biblioteca a studiare. Aspetto. Vado in bagno. Di solito, dopo le ore diciotto nel bagno del primo piano entra pochissima gente. Aspetto. Aspetto. Continuo ad aspettare. Allo stronzo, prima o poi, scapperà da pisciare, no? Si apre la porta. Mi inizia a battere il cuore. Ma non era lui. Ricomincia la mia attesa. Dopo qualche minuto, però, finalmente la porta del bagno si riapre: era lo stronzo! Che bello che sei, pensai, che bello. Avevo un pezzo di spago in mano. Sapevo che mi sarebbe servito, ed è per questo che, quella mattina, appena uscito da casa, prima di arrivare in università, mi sono fermato ad un ferramenta e ho comperato un gomitolo di spago.

18 Appena è entrato, ho fatto finta di nulla. Non sono riuscito a guardarlo negli occhi. Lui e la sua blanda camminata si sono spostati dall anticamera del bagno alla tazza del cesso. Lo sentivo mentre pisciava. L ho udito mentre si riallacciava i calzoni, prima, la cinta, poi. È uscito. Stavo facendo finta di leggere. Mi ha oltrepassato e, a quel punto, gli ho avvolto lo spago al collo. Ho stretto più forte che potevo. Non avevo mai ucciso nessuno, prima d ora. Si dice che ci sia sempre una prima volta per ogni cosa, no? Bene, questa è la mia prima volta. Avevo paura, però. Non sapevo quanto dovessi effettivamente stringere affinché la merda smettesse di respirare. Si dimenava, si contorceva. Emetteva gemiti soffocati. Il suono dei suoi gemiti era cupo e coperto e piatto e spento. Diventava viola, ma non moriva. Continuai a stringere, ma continuava a dimenarsi. Ad un certo punto, il vuoto ha preso il sopravvento nella mia testa. Ho tirato fuori dalla mia ventiquattro ore un coltello da cucina. Mia moglie non l aveva mai usato. Decisi che quella sarebbe stata la prima volta anche per quel coltello. Continuando a tenerlo per il collo, soffocandolo, lo colpii vicino allo sterno. Una volta, due volte, cinque volte. Un altra. Lo stronzo, finalmente, era passato a miglior vita. Sollevai il suo corpo. Mi assicurai che non passasse nessuno. Entrai nell aula centoquindici. Lo posai per terra. Uscii dall aula assicurandomi di aver accostato per bene la porta. Nessuno avrebbe sospettato di me. Perciò, iniziai a girovagare per i piani al fine di individuare il luogo in cui avrei potuto depositare quell ammasso di sangue grumoso. Ad un tratto, mi venne in mente un particolare: la merda deve stare con la merda. Mi venne, quindi, subito in mente il deposito dell immondizia, vicino alla mensa. Aspettai un altra mezz ora. Poi ritornai in aula centoquindici, indossai nuovamente i guanti che avevo utilizzato durante l esecuzione, mi caricai la carcassa sulle spalle e uscendo dalle porte posteriori dell università, mi ritrovai facilmente dinanzi al deposito. Buttai giù quella merda, tra i rifiuti. Altro che raccolta differenziata, pensai! Mi sentivo bene, finalmente. Uscii tranquillamente dall ingresso laterale. Mi indirizzai verso la stazione metro Romolo e, superati i tornelli, mi sedetti su una delle panchine disponibili ad attendere l arrivo del metrò. Arrivai a casa al solito orario. Infilai la chiave nella toppa della porta di casa. Avevo già dimenticato tutto. È stata solo una piccola parentesi della mia vita, pensai tra me e me.

19 Raggiunsi mia moglie in cucina. Stava apparecchiando la tavola. La salutai con un bacio e un dolce sorriso. Capitolo 11 Caro diario... Mi chiamo Silvia. Ero una donna felice, anni fa. Avevo tutto. Con la parola tutto, intendo semplicemente la libertà. Di amare. Quella libertà che un uomo mi ha portato via quando mi ha proposto di sposarlo. Fino a qualche tempo fa, pensavo davvero che non sarei stata mai più padrona della mia vita. E, invece, da quando ho conosciuto Pietro è come se fossi rinata. Pietro e Orazio sono due uomini molto diversi. Non solo per quanto riguarda l età anagrafica; Pietro ha la metà dei miei anni: ventisei. Forse è proprio della giovinezza che ho bisogno. L ho conosciuto un pomeriggio, nell università in cui Orazio insegna. Casualmente. Mio marito mi chiamò, chiedendomi di raggiungerlo quanto prima all università al fine di portargli la pendrive che aveva dimenticato sulla scrivania dello studio la mattina precedente. Arrivai lì e gliela consegnai. Mi salutò frettolosamente. Non è mai molto gentile, mio marito, sul posto di lavoro. Stavo uscendo dall università quando andai letteralmente a sbattere contro una persona, facendogli cadere le poche cose che portava in mano: qualche quaderno ed un libro. Lo aiutai a raccogliere tutto. Ero mortificata. Lui, però, mi sorrideva. Disse che potevo farmi perdonare solo se avessi preso un caffè con lui. Io, lì per lì, accettai. Disse che conosceva un posto molto carino sui Navigli. Andammo in quel posto. Entrammo e rimasi senza parole. Per un attimo pensai alle parole di Nana, la protagonista di Vivre sa vie: film en douze tableaux di Godard. Ma è così necessario parlare? Perché dobbiamo sempre parlare? Ordinammo due caffè macchiati. Il proprietario di questo piccolo café, il cui interno era tappezzato di quadri di sconosciuti artisti milanesi e non, ci portò ciò che avevamo ordinato, fischiettando. Rimanemmo in silenzio parecchi minuti, sorseggiando il caffè. Ci guardavamo negli occhi.

20 Quella sera, poi, facemmo l amore. A cinquantadue anni ho rifatto l amore in macchina: la paura che qualcuno ci scoprisse è stato il pezzo forte. Non so come dire mio marito che sono felice. PS. A cinquantotto anni ho iniziato nuovamente a scrivere su un diario. Quindi, caro diario, aiutami tu. Prova a suggerirmi la maniera migliore per ricominciare ad amare. Silvia Capitolo 12 Mi lascio trasportare, sono un indolente! Era steso sul divano del suo monolocale. Luca aveva gli occhi scavati. Da notti non smetteva di bere. Birra, vodka e birra e vodka insieme. Non dipingeva più, da giorni. Non toccava libri da giorni. Non toccava cibo da giorni. Percepiva una puzza di sudore e lacrime. Presto capì che proveniva da se stesso. S'alzò e s'incamminò verso l'unica finestrella. La spalancò il più possibile. Guardò giù. Poca roba: qualche anziano passeggiava, alcuni bambini rincorrevano un pallone. Decise di dimenticare. Passarono i giorni. La sua vita riprese: tornò a dipingere, ricominciò ad andare in università, ma ricevette anche un sacco di domande. Continuamente. I suoi genitori lo raggiunsero. Iniziò una lunga serie di giornate negli ospedali di tutta Italia. Lo visitarono luminari della medicina nazionale: psicologi, psichiatri, esperti di disabilità, neurologi di fama internazionale. Sua madre insistette anche affinché venisse esaminato da una cartomante riconosciuta. Il suo monolocale era inaspettatamente colmo di gente: tutti che lo coccolavano, lo accarezzavano, lo degnavano di attenzioni speciali, gli facevano compagnia soprattutto quando non ne aveva bisogno. Non riusciva a comprendere perché la gente gli si stringeva attorno solo perché aveva deciso di rimanere in silenzio.

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia?

La nostra biografia. Chi era Arturo Varaia? La nostra biografia Ecco la rielaborazione degli alunni di 5^ dell anno scolastico 2006/2007 delle notizie acquisite dalla lettura della sua biografia e dall incontro con il prof. Paolo Storti, ex allievo

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Gabriele Battocchio, Filippo Celeghini, Giulio Iazzetta, Ottavia Persanti, Manuela Pisa, don Enrico

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

INTRODUZIONE "La mia storia 2015",

INTRODUZIONE La mia storia 2015, INTRODUZIONE Questa raccolta scaturisce dalla selezione finale delle opere che hanno partecipato al Premio letterario "La mia storia 2015", alla sua seconda edizione. Ancora una volta, il tema è stato

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio.

Il vostro compito Leggete il testo e mettete una crocetta sulla risposta giusta. La prima risposta = esempio. 1 LA FAMIGLIA 1.1 Lettura primo testo Il prossimo anno l austriaca Alexandra partirà per l Italia. Per quattro mesi frequenterà il liceo a Ravenna. Stamattina ha ricevuto una lettera dalla sua famiglia

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Seconda parte Trovami

Seconda parte Trovami Seconda parte Trovami Dal diario di Mose Astori, pagina 1 Dovrei iniziare questo diario inserendo la data in cui sto scrivendo, e poi fare lo stesso per ogni capitolo successivo, in modo da annotare il

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Feaci edizioni Martino Baldi - Il giorno che ho ucciso mio padre. Feaci edizioni. Martino Baldi

Feaci edizioni Martino Baldi - Il giorno che ho ucciso mio padre. Feaci edizioni. Martino Baldi Feaci edizioni Martino Baldi Il giorno che ucciso mio padre da Capitoli della commedia Capitoli della commedia è pubblicato da Atelier indirizzo email: redazione@atelierpoesia.it C.so Roma, 168 28021 Borgomanero

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Pompei, area archeologica.

Pompei, area archeologica. Pompei, area archeologica. Quello che impressione è l atteggiamento di queste persone nell ultimo momento di vita. Cercano di coprirsi da qualcosa. Si intuisce che il motivo principale della causa è il

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli