Pierluigi Tamanini BONSAI. Smashwords edition. Copyright 2013 di Pierluigi Tamanini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pierluigi Tamanini BONSAI. Smashwords edition. Copyright 2013 di Pierluigi Tamanini"

Transcript

1 Pierluigi Tamanini BONSAI Smashwords edition Copyright 2013 di Pierluigi Tamanini

2 Nuda. Piedi uniti, busto eretto. Braccia in fuori come ali d'uccello. In cima a un cornicione, pronta a spiccare il volo. Tutti a guardarla, bella com è, perfetta nella sua nudità, quarantasei primavere, due gravidanze e sul cuore la leggerezza di un peso insostenibile. Tutti a gridare di non farlo. Tutti a desiderare quel corpo divino. E appena la folla si azzittisce, ecco che lei, l angelo venuto dal cielo, spicca il volo: l ultimo volo prima di sprofondare per sempre nelle viscere di una terra che l ha sempre odiata. Lei, madre straniera alla vita terrena. Lei, bonsai dalle radici troppo fragili.

3 I La giovinezza 1 Jin viveva con il padre sulle Alpi giapponesi. La loro casa in legno era circondata da boschi di larici di un verde primitivo che diventavano arancioni con l'arrivo di ogni autunno. Il tetto in corteccia era collegato ai padiglioni per la cerimonia del tè da corridoi coperti. L'aria pregna di resina e muschio. Un laghetto attendeva ogni anno il passaggio delle anatre mandarine e le rituali parate per il corteggiamento: un chiassoso sfoggio di zampe arancio, becco rosso fuoco, ciuffo sul capo e piumaggio con sfumature verdi e blu. Nel giardino scorreva rumoroso un torrente argentato. Sopra l'acqua, immobile e silenzioso, un piccolo ponte di legno. Il respiro puro, l orizzonte sereno. Il padre di Jin era un monaco buddista. Educò suo figlio al rispetto delle leggi di madre natura. Gli insegnò l importanza di vivere ogni istante come fosse l ultimo. Gli profuse l amore per la montagna. Gli fece dono della sensibilità necessaria a riconoscere la bellezza, e a ricrearla. Il giardino zen, a cui entrambi dedicavano gran parte della giornata, era costituito da tre elementi fondamentali: l'acqua, le rocce e un verde perenne. L'acqua era vita, armonia, essenza: scorreva da est a ovest come il sorgere e il tramontare del sole. Le rocce, rotonde per donare serenità, creavano angoli di pace, dando l'impressione di essere sempre state lì. Il verde di alcuni aghi colorava tutte le stagioni, e, in primavera, fiorivano azalee, rododendri e camelie, profumando l'aria di rinnovata giovinezza. L'immenso giardino fondeva lo stile roji con lo stile chitai: l elemento principale era il laghetto, circondato da brevi sentieri e da spazi con grandi pietre grigie e padiglioni di legno per la cerimonia del tè. La disposizione delle rocce e la forma degli alberi rendevano il giardino del monaco, pur nella sua estrema semplicità, un perfetto esempio di equilibrio e simbolismo.

4 2 Jin amava i bonsai e la vita nel bosco. I bonsai, ovvero piccoli alberi vetusti con in sé il tutto: nulla più nulla meno. La vita nel bosco, ovvero poesia del silenzio. Assenza. Isolamento. Solitudine. Libertà di vagare senza meta. Meta di montagna infinita.

5 3 Jin non ne voleva sapere né di coltivare i campi né di portare le bestie al pascolo, tanto meno di passare in una miniera il resto dei suoi giorni. «Padre» disse all alba del suo diciottesimo compleanno, «io vivrò nel bosco, in mezzo ai miei bonsai.» Il torrente dai riflessi argentati scorreva lento, eppure agitato. Il monaco finse calma e indifferenza. Il sole luccicava sulle carpe che nuotavano ignare sotto il pelo dell acqua. Jin si sporse dal ponte di legno cercando di scovare un segnale negli occhi del vecchio. «I bonsai non ti sfameranno, figlio mio» disse fissando il torrente avvolto nel suo yukata grigio. «Sono solo vita che scorre lenta.» Jin si ritrasse e alzò lo sguardo verso la cima della montagna. «Voglio imparare l arte della lentezza nella scrittura della vita. Voglio lasciarmi scorrere come questo vecchio torrente di montagna.» Il monaco rifletté osservando il ruscello che passava sotto ai loro piedi. «Ti sbagli, figlio mio. L acqua di questo torrente è agitata: vuoi una vita piena di emozioni che ti porti lesta a una morte precoce?» Jin sapeva cosa rispondere. «I vostri occhi, padre, guardano troppo da vicino. Allargate la vista, aprite la mente, allontanate lo sguardo: vedrete anche voi lo scorrere lento di questo ruscello argentato.»

6 4 «Cosa rappresentano per te i bonsai?» disse il vecchio il mattino seguente. «La bellezza del vivere» rispose Jin. «Un profondo rapporto d'amore fatto di cure quotidiane, pazienza e piccole violenze amorose: questo è per me il bonsai.» Il padre rimase immobile, la bocca aperta e una goccia di sudore sulla fronte.

7 5 Sul finire dell estate Jin era invaso da una gioia profonda. Aveva scoperto trentatré bonsai naturali, tutti dotati di una vivida bellezza, quasi femminea. Un paio di esemplari di castagno, una quercia, cinque faggi e venticinque larici. Diciannove si era limitato a osservarli crescere lenti. Undici, in procinto di morire, li aveva curati, annaffiandoli e potandone le parti malate. Tre larici, oramai senza vita, li aveva trasportati a casa. Aveva cambiato loro il terriccio, somministrato dei fertilizzanti naturali e li aveva protetti dalla forza della natura. Nonostante le sue amorevoli cure, solo uno rimase aggrappato alla vita. Celebrò una breve cerimonia per la perdita dei due alberi e si promise di riportare il sopravvissuto al suo posto, non appena si fosse definitivamente ripreso.

8 6 L autunno passò veloce. Un unico rumore: il crepitio delle foglie al passaggio di Jin. Un gelido mattino di fine novembre si avviarono a piedi verso le cime nevose che si intravedevano dal loro giardino. Lo zaino di Jin era colmo di provviste e all'estremità superiore uno spago sfilacciato fissava un telo. Il padre non aveva niente con sé. Quando il sole era alto in cielo il monaco si fermò, alzò lo sguardo in avanti e indicò la cima più alta. «Lassù avrai tempo per riflettere. Non avere fretta. Torna allevatore o contadino. Altrimenti finirai in miniera» disse il vecchio. «Nella vita solo un onesto e duro lavoro rende liberi. Seguire le proprie passioni senza l'uso della ragione porta a una vita disgraziata. L'essere umano esiste perché usa il cervello, altrimenti sarebbe un animale. Non puoi fidarti sempre dell'istinto, figlio mio. Trovati un lavoro da uomo.» Jin aveva una risposta al confuso discorso del padre, ma preferì tacere. Se ne andò felice e in tre giorni scalò la montagna senza il minimo rischio. Dall alto dominava l orizzonte, i boschi, i laghi e le altre vette: a eccezione del monte Asahi, che si stagliava immobile e bianco in lontananza. Tornò dalle terre selvagge dopo due settimane, infreddolito e affamato, ma gioioso e vivo. Il monaco si rasserenò leggendo sulle labbra del figlio un perenne sorriso e negli occhi una vivida luce. «Allora, Jin, coltiverai i campi o porterai a spasso gli animali?» Il giovane alzò lo sguardo radioso verso il padre. «Sarò un uomo del bosco.»

9 7 Il bosco era vita. Era poesia. Era tutto ciò che Jin desiderava. Nel bosco c era il silenzio. Un silenzio fatto di canto di uccelli, calpestio di animali, fruscio di fogliame. Scorrere di ruscelli. Durante l inverno il giovane prese l abitudine di uscire il lunedì mattina e tornare il venerdì sera, portando con sé lo zaino con la tenda, alcune provviste, un accetta per la legna e gli attrezzi: piccole e grandi cesoie, fil di ferro di vario spessore e un vaso di resina. Nel bosco Jin si dedicava alla sua sopravvivenza e all'educazione dei bonsai. Alcuni si limitava a osservarli per carpirne la bellezza. Altri li curava: ne educava le forme con il fil di ferro, ne potava i rami superflui per alleggerirli o per estirparne le malattie. Si serviva della resina come cicatrizzante naturale. Quando si sentiva ispirato si dava alla meditazione creativa. Sceglieva un giovane albero brioso e fecondo, e vi si sedeva di fronte. Incrociava le gambe e rallentava il respiro osservandolo con estrema attenzione. Dopo alcuni minuti di concentrazione e memorizzazione, chiudeva gli occhi e lasciava lavorare lo spirito. Rimaneva immobile per ore. Quando il suo sé s era impossessato totalmente dell io, annullandolo, ecco che all improvviso lo guidava verso la creazione. Jin apriva gli occhi, prendeva in mano le cesoie senza guardare e, fuori di sé, si avvicinava all albero per segnare il suo destino. Finita l opera di potatura Jin tornava in sé e osservava il risultato. Con il fil di ferro avvolgeva dolcemente i rami ribelli, quel tanto che bastava per piegarli leggermente all ingiù. Non terminava il lavoro finché non era convinto di aver fatto del suo meglio. Il resto del tempo si sentiva svuotato a tal punto da dover riposare in tenda o in riva al torrente sopra un telo di seta. Sempre con in mano un libro o un pennino a china, e a fianco una pentola di tè fumigante. Leggeva e rileggeva, scriveva e riscriveva, e, insoddisfatto, cancellava tutto.

10 8 Alcune notti vagava nudo e disperato nel bosco e, quando trovava una delle sue creature femminili illuminate dalla fioca luce lunare, si toccava dinnanzi a essa, per poi tornare nella tenda con gli occhi tristi e lagrimosi.

11 9 Era venerdì sera e Jin rimase nel bosco. Era sconvolto al pensiero di sua madre. La rivedeva in ogni albero della foresta. Stringeva al petto il ritratto a china che le aveva fatto il padre molti anni prima. Quello schizzo era l unica effige che gli ricordasse i lineamenti della madre. Chiuse gli occhi lagrimanti e la rivide ancora in altre forme e dimensioni. Il padre, preoccupato per l insolito ritardo, arrivò correndo nel cuore della notte, sollevando neve bianca a ogni balzo e gridando come un disperato sotto i fiochi raggi di una luna sfumata. «Figlio mio!» Il ragazzo non dormiva: piangeva. Scattò in ginocchio, aprì la tenda e lo abbracciò come non faceva da anni. «Ti voglio bene, papà!» disse sfregando i corti capelli corvini contro la barba ispida e canuta del padre.

12 10 Il bosco continuava a dividere padre e figlio, ma solo fisicamente. L assenza della madre li legava come resina rossa. L inverno passò lento come ogni anno. La neve proteggeva i giovani alberi e lavava gli animi dalle impurità. «Figlio mio, hai deciso che farai della tua vita?» «Vi ho già detto ciò che avevo da dirvi, padre.» «Cosa racconterò a quelli che mi chiedono di te?» «Dite a tutti che sono diventato un poeta di bonsai.» «Ma la poesia e i bonsai sono solo passatempi, figliolo: fa' un lavoro da uomo, te lo chiede tuo padre» disse il monaco inginocchiandosi. «Vivere nel bosco e creare bonsai è tutto ciò che sono» disse Jin sorridendo e aiutando il padre a rialzarsi. «Tutto ciò che sono e che sarò.»

13 11 Jin amava sempre più l arte dei bonsai e la vita nei boschi. Non poteva farne a meno, anche se questo feriva a morte suo padre. Continuava a chiedersi che differenza ci fosse tra la vita di un monaco e la vita di un artista, tra la vita che aveva intrapreso suo padre e quella che stava intraprendendo lui. In fondo si trattava di cerimonie simili, di silenzi simili, di simili solitudini.

14 12 Il primo di aprile di buon mattino, mentre la natura risorgeva dalla stagione invernale, un vecchio maestro di Tokyo camminava lento verso nord, chiamato dal monaco per discutere del futuro del figlio. «Grazie di essere venuto» disse porgendogli una tazza di tè bollente. «Come le ho scritto nella lettera, Jin, oramai da un anno, dedica la sua vita all arte dei bonsai con una passione sconvolgente. Non che ci sia niente di male in questo, ma anche se oggi sono un monaco stimato, non mi vergogno di dire che alla sua età io pensavo quasi esclusivamente alle ragazze. Insomma» «Posso vederlo?» disse appoggiando per un attimo la tazza di tè fumigante. «Jin ha l abitudine di uscire il lunedì alle luci dell alba e rientrare la sera del venerdì. Non ci resta che raggiungerlo nel suo laboratorio.» «Laboratorio?» «Intendo dire il bosco. Ci basteranno un paio d ore di cammino per trovarlo.» «Non posso camminare tanto ora. Sono vecchio e stanco» disse rimanendo serio. «Non ha portato qui neanche un opera?» «Veramente... ci sarebbe un larice che aveva trovato in fin di vita molti mesi fa. Ma non so quanto possa esserle utile per giudicare il lavoro di mio figlio.» «Mostramelo.» Il monaco lo condusse nella casetta di legno dove dormiva il figlio durante il fine settimana. Al centro della stanza sopra un enorme masso di pietra era un vaso rettangolare in terracotta, basso e largo. Sul vaso azzurro pastello Jin aveva inciso un haiku in onore della madre: chiudendo gli occhi in un antico amore mi riscaldo La luce del mattino inoltrato che entrava dalla finestra, illuminava il larice e i suoi piccoli germogli verde vivo, appena spuntati. Il tronco bitorzoluto e malandato ne accentuava la veneranda età e la recente malattia. Le radici superficiali erano avvolte dal verde scuro del muschio. I radi rami si dipanavano dal fusto cadendo quasi verticali per poi allargarsi dolcemente. «Tuo figlio ha stoffa da vendere» disse il maestro con gli occhi un po lucidi. «Ha in sé la sensibilità della femmina e la sapienza del maschio: è un artista completo.» Al monaco non piacquero quelle parole, ma rimase imperscrutabile. «Leggo nel suo lavoro le forme femminili che tu tanto ti peni di ricercare nella sua vita. «Hajime, osserva i lineamenti gentili dei rami e le nervature del tronco, non sono altro che mani nude di madre. Jin è sulla strada giusta per diventare un artista affermato.» «Le basta quest unico alberello per capire tutto ciò?» disse il padre. «Credimi Hajime, quello che ho visto è più che sufficiente. Digli che tornerò l anno venturo per portarlo con me a Tokyo, se lo vorrà.» «La ringrazio infinitamente, signor Kobayashi» disse senza nascondere la sua

15 soddisfazione. Dialogarono per un po di altre faccende che non avevano niente a che fare con i bonsai. Terminata l accesa discussione il monaco, rattristato da quelle notizie, fece un ultimo inchino mentre il maestro se ne tornava lentamente da dove era venuto.

16 13 Quando Jin tornò dal bosco notò una luce nuova negli occhi del monaco. «Cosa c è, padre?» L uomo fremeva per l emozione. «Un famoso maestro bonsai ha visto il larice che» «Cosa? State dicendo che avete mostrato ciò che di più caro posseggo a un estraneo?» Non volle sentire altro e se ne andò a dormire di corsa sul suo futon. Il mattino seguente, come ogni sabato, fecero colazione assieme. Il tavolo era colmo di cetrioli in salamoia, pesce secco e riso. «Non avreste dovuto, padre.» «Ti chiedo scusa, figlio mio.» Il monaco si alzò, andò in cucina e tornò con una tazza. «Ti ho preparato una chawan mushi con uova e pesce, come piace a te.» Jin, senza dire una parola, consumò con lentezza la sua zuppa bollente. «Gli è piaciuto? Gli avete detto che io l ho solo curato? Gli avete detto che non è opera mia, ma della natura?» «Glielo volevo dire, ma appena ha visto il bonsai già non mi ascoltava più. Ha detto che è un opera bellissima, molto femminile nelle forme o qualcosa del genere.» Jin sorrise. «Ma soprattutto ha detto che ti vuole con sé.» Discussero a lungo, come non avevano mai fatto prima.

17 14 I mesi passavano e Jin non si decideva a restituire al bosco ciò che gli spettava di diritto. Si era affezionato a quel larice malandato e sofferente. Il padre se ne prendeva cura durante la settimana e il bonsai era diventato una sorta di figura femminile che legava i due uomini. Nel frattempo Jin aveva curato altri alberi feriti o malati. Aveva dato sfogo alla creatività del suo spirito trasformando piccoli esseri disgraziati in autentiche sintesi artistiche. Il padre un mattino d estate decise di fargli visita. Dopo un paio d ore di cammino nel bosco, cominciò a rallentare il passo. Non era stanco, anzi, più si addentrava più ritrovava energia ed equilibrio. Le tinte verdi delle foglie aghiformi, l odore forte dei tronchi, la bellezza dei muschi e dei licheni variopinti sopra grandi pietre grigie, la trasparenza del ruscello che conduceva al figlio con piccole cascate, il dolce rumore continuo dell acqua, il canto degli uccelli e il loro lavorio, il gracidare dei rospi, il sospiro leggero del vento. Tutto questo lo rilassava. Più si avvicinava alla tenda, più perdeva ritmo il suo incedere. Quando scopriva lungo il sentiero una scultura naturale del figlio vi si perdeva per attimi immensi. Gli tornarono alla mente le parole del maestro di quel giorno mani nude di madre e osservando i capolavori del figlio non aveva dubbi: Jin rappresentava in ogni opera la madre. Pensare a sua moglie gli ricordò il passato. Un tempo era stato sposato. Si guadagnava da vivere in miniera. Solo dopo la scomparsa della moglie, nonostante avesse un figlio da accudire, divenne un monaco buddista. Un po la sua complessa storia personale, un po la sua nota rettitudine, l avevano reso un punto di riferimento per la gente dell'intera regione. Non era raro che alla sua porta bussassero persone venute da lontano per chiedere consiglio, o ragazzini desiderosi di essere iniziati al mistero buddista. Il monaco accoglieva ogni singola persona con la massima gentilezza, offrendo loro il miglior tè, come aveva fatto con il maestro bonsai. Aiutare il prossimo era sempre stata la gioia più grande ed egli non si vergognava a dire che lui e il figlio vivevano unicamente dei doni ricevuti dalla natura e dalle gente che veniva a trovarli. Negli anni della fanciullezza Jin aveva spesso incontrato coetanei con cui giocare o adulti a cui fare domande che non trovava il coraggio di sottoporre al padre. Seguì il periodo dell adolescenza. Lo passò isolandosi dal mondo. Furono anni di estrema timidezza e di dannazione. Dopo le lunghe mattinate passate ad ascoltare gli insegnamenti del padre, trascorreva interi pomeriggi a leggere e rileggere racconti zen, antiche leggende e haiku, o a percuotere in silenzio il suo tsuzumi, un tamburo a forma di clessidra in cuoio e legno di ciliegio. Finita la cena, se ne usciva a passeggiare col favore delle tenebre. Bruciava le notti scrivendo haiku e lunghi racconti per poi strapparli, insoddisfatto, in mille pezzi. Quando il padre raggiunse la tenda, Jin non c era. Mancavano lo zaino e i suoi arnesi. Vide tra i vestiti sparsi per terra il disegno a china della moglie.

18 Dopo averlo riposto con cura, prese il taccuino del figlio e, tra mille cancellature, riuscì a trovare cinque parole che Jin aveva salvato alla rigida autocensura: asimmetria, semplicità, distacco, tranquillità, profondità. Si sedette al suolo sopra un grande muschio verde e chiuse gli occhi incrociando le gambe. Rimase immobile per un ora, fuori di sé, distaccato, ad ammirare il divino, a lasciarsi ammantare dal profumo di una natura vergine e incontaminata. Si alzò ed estrasse dal suo zainetto di vimini il pranzo che aveva portato per sé e per suo figlio, e vista l ora cominciò a masticare la sua parte di sashimi. Mangiati i suoi undici bocconcini con calma serafica, richiuse la piccola scatola impermeabile. La legò a uno spago e ne fissò l altra estremità alla tenda. Immerse il pranzo del figlio nelle gelide acque del ruscello affinché si conservasse fresco. Si sdraiò supino con le braccia incrociate dietro al capo e dormì per brevi attimi. Al risveglio se ne tornò a casa con passo lento. Jin fece ritorno alla tenda al tramonto. Dal suo zaino spuntava un alberello, un vecchio larice malandato. Lo estrasse delicatamente e bagnò con dell acqua di ruscello gli stracci con cui aveva avvolto le radici. Scavò un piccolo fosso vicino alla tenda e con cura prese in mano la pianta, tolse gli stracci umidi dalle fragili radici e osservandole sussurrò tra sé e sé: come può un piccolo albero che si estende orizzontalmente per circa il doppio della sua altezza, vivere con delle radici così esigue? Lo appoggiò a terra con delicatezza cercando di farlo aderire naturalmente. Con l altra mano riempì il fosso col terreno di riporto. I lunghi rami parevano troppo importanti rispetto a quel povero tronco malato e vecchio. Jin decise di reciderne un paio e cercò di sostenere gli altri con dei legnetti piantati a terra. Ci sapeva fare con rami, tronchi, foglie, malattie, esposizione, annaffiatura. C era una cosa che Jin ancora sottovalutava: le radici. In uno dei suoi libri c'era scritto: Sono radici sane e robuste a dare all albero la forza di cui necessita. Non basta curarne l aspetto visivo, l estetica o la forma superficiale. È sotto, in profondità, che si decide della vita o della morte della pianta. Spesso, quando i malanni vengono a galla, è tardi, non c è più speranza. Gli alberi, così come tutti gli esseri viventi, hanno bisogno di un educazione profonda. Non serve a niente curarne la bellezza esteriore e lasciarli marcire dentro, nell anima. Jin tutto ciò lo sapeva ripetere a memoria, ma non ne aveva capito il significato profondo. Ancora doveva affinare l arte di guardarsi dentro, di leggere l invisibile, di andare a fondo nelle cose, di scavare e di risolvere i problemi prima che fosse troppo tardi. Si accorse soltanto a fine giornata che il padre gli aveva lasciato il pranzo nel ruscello. Sorrise e lo mangiò di gusto.

19 15 Arrivò l autunno e con esso l ingiallire degli aghi sui larici. L inverno giunse che le foglie erano cadute a terra. Il terzo giorno di primavera fece ritorno il maestro. Jin lo aspettava. Non era solo. L accompagnavano la moglie e il figlio. Lei, racchiusa dolcemente in un kimono grigio, era molto più giovane del marito e di una bellezza incantevole. Aveva il viso di una ragazzina, pulito e sorridente, due occhi a mandorla color cioccolato. I suoi modi estremamente lenti mal celavano una profonda instabilità. Il loro figlio doveva ancora compiere quindici anni, anche se sembrava già maggiorenne. Anch egli era educato, gentile e aveva un viso sano e pulito. Il suo corpo era muscoloso e le sue movenze agili. Il monaco offrì loro il miglior tè e dispose sul tavolino basso alcuni dolci di riso farciti di anko, una marmellata di fagioli di soia rossi che gli era stata donata da un onesto coltivatore di Sapporo. Jin sapeva che tra qualche minuto si sarebbe deciso del suo futuro, ma non gli riusciva di togliere gli occhi da quella meraviglia della natura. La donna era lusingata dai suoi sguardi e seguitava a sorridergli nascondendosi tra il fumo del tè bollente. «Allora Jin, come procedono i tuoi capolavori?» disse il maestro mordendo un dolcetto. Il ragazzo attese prima di rispondere. «Non sta a me giudicarli, maestro.» «Sono convinto che superano ogni mia aspettativa» disse l anziano sorseggiando del tè mentre osservava da lontano lo scorrere argentato del torrente. «Maestro, credo di avere una lacuna incolmabile!» disse Jin all improvviso. «Ragazzo mio, non c è nulla che non possa essere appreso con l ascolto, il tempo e la dedizione» disse sgranando gli occhi e ingoiando l'ennesimo dolcetto di riso. «Avanti dimmi, cosa ti tortura l'anima?» Si vergognava a mettersi a nudo davanti a quella donna bellissima, ma per lui l arte era tutto e trovò il coraggio di confessarsi. «Maestro, io non riesco a vedere l invisibile. Me la cavo con i problemi di forma superficiale, ma quando si tratta di andare a fondo» Il maestro chiuse gli occhi e restò immobile. «Intendi le radici?» disse riaprendoli all'improvviso. «Non riesco a leggerle, non mi dicono niente, mi sembrano superflue, inutili, sporche.» L'anziano si fermò a riflettere mentre il sole di primavera gli illuminava il viso. «Ragazzo mio, la tua arte, così come la tua vita, necessita di equilibrio. Pensa alle radici come al passato, al fusto come al presente, ai germogli come al futuro: come puoi costruire un futuro, se ignori il passato? «Passato, presente e futuro sono appesi allo stesso sottile filo di seta. Non possiamo

20 rischiare che a forza di tirare il filo si spezzi. Dobbiamo conoscere noi stessi se vogliamo conoscere il nostro albero. E finché non conosciamo l essenza di un albero, non ne possiamo forgiare le forme senza che la sostanza ne risenta.» Il maestro si girò all indietro cercando gli occhi della moglie certo di trovarli colmi di grandi elogi, ma lei stava osservando il ragazzo, nel quale leggeva una profonda tristezza. Jin aveva gli occhi sempre più lucidi e se ne corse via, sul piccolo ponte di legno. «Scusatemi» disse il padre con un inchino. «Lo riporterò subito qui.» «Che gli ha preso, papà?» chiese Haruki, il giovane figlio della coppia. «Quel ragazzo non è un pino nero e forte» disse il maestro quasi sorridendo. «È soltanto una betulla bianca e fragile.» Il padre di Jin fece finta di non sentire, ma quelle parole lo ferirono a morte. Il signor Kobayashi fece un cenno alla moglie. «Hajime» disse la donna alzandosi in piedi e raggiungendo il monaco. «Non vorrei intromettermi... tra te e tuo figlio...» «Va' pure» disse il monaco abbassando lo sguardo. La donna si avvicinò a Jin a piccoli passi e si sedette sul ponte con la schiena appoggiata alla ringhiera di legno. Senza dire nulla estrasse dalla piccola borsa di bambù alcuni oggetti che Jin non aveva mai veduto e cominciò a preparare un sigaretto. Incuriosito dall operoso affaccendare della donna, la osservò con le lacrime agli occhi e decise di sedersi al suo fianco. «Cosa sta facendo?» disse con un filo di voce. «Jin, piccolo Jin, dammi pure del tu!» disse lei piena di vita. «Ti piaccio, vero?» Jin fece un impercettibile cenno in avanti con la testa. Lei sorrise compiaciuta. «Ci sono tante cose che forse non dovrei fare! Fumare è una di esse, immagino.» «Come si chiama? Ehm cioè come ti chiami?» disse Jin rosa in viso. «Hatsumi.» Lo disse in modo così sensuale che Jin ebbe un fremito. Si sentiva così strano vicino a lei. Si asciugò gli occhi e la guardò mentre lei ultimava l opera. «Hai mai fumato prima d ora, Jin?» Lui fece di no con la testa senza distogliere lo sguardo da quel viso immacolato, quasi bianco. «Devi fare un piccolo tiro, aspirare un po d aria e buttare giù tutto» disse incrociando il suo sguardo. «Osserva attentamente.» Appose le dolci labbra sull estremità, tirò forte e l accese con l esile fuoco di un fiammifero, l allontanò dalla bocca, aspirò dell'aria e buttò giù il fumo. Poi la passò a Jin. «Avanti, coraggio, non ti uccide mica!» Jin si concentrò e ripeté mentalmente i tre passaggi. Poi agì eseguendoli alla perfezione. «Bravo, piccolo Jin! Avrei scommesso che ti saresti imbattuto in una tosse improvvisa. E invece sei l orgoglio di mamma!»

21 Jin era fiero di sé. Era contento dei complimenti che gli faceva quella donna. Ma dopo aver dato oltre ai primi tre, altrettanti tiri si sentiva sempre più strano. Non poteva non guardare i piedi di quella donna angelica e non provare turbamento. Non poteva osservare da vicino quei seni candidi e non sentire il cuore che palpitava all impazzata. Non poteva assaporare il profumo della sua pelle e non rimanerne inebriato. Quando oramai la confusione gli aveva accecato la ragione, lei si sbottonò la camicetta e fece emergere un seno bianco come la neve. «Vieni caro, appoggiati qui. Succhia il mio nettare, piccolino.» Jin, in preda alla perdizione, non seppe resistere e si sdraiò sul suo grembo carezzando il seno con le mani e mordicchiando con le labbra quel piccolo capezzolo rosa. «Bravo, piccolino mio.» Lei allungò la mano destra fino a infilarsi nelle sue intimità. Il ragazzo ebbe un fremito, un sussulto, un piacere che però rimase insoddisfatto: Jin non fu in grado di sfogare tutto il suo malessere nella mano di lei. Rimasero immobili, lei sorridente, lui rapito da quel seno caldo e imberbe e candido. «Ci rivedremo in paradiso, piccolo Jin.»

22 16 «Senti, Haruki, perché non vai a cercare tua madre? Noi due dobbiamo discutere di cose da adulti» disse il vecchio maestro sperando di potersi confidare con il monaco. «Sì, papà.» S inchinò prima verso il padre e poi verso il monaco, e uscì dal padiglione. Non tanto lentamente da capire cosa suo padre avrebbe voluto sapere dal monaco, ma abbastanza da sentir nominare il nome di sua madre, Hatsumi, e la sua malattia.

23 17 Mai si sarebbe potuto immaginare una scena tanto umiliante come quella che si trovò suo malgrado davanti agli occhi su quel maledetto ponte di legno. Bastarono un secondo, un seno bianco e due labbra fameliche. Se ne corse via nel bosco, senza essere visto.

24 18 Haruki arrivò di corsa fino al laboratorio di Jin. Curiosò nella tenda e trovò un maldestro schizzo a china di una giovane donna. Lo osservò incuriosito per alcuni istanti. Gli ricordava qualcosa del suo passato, ma gli venne una fitta allo stomaco e lo ributtò nella padella come niente fosse.

25 19 I tre ospiti si fermarono a cena. Sarebbero ripartiti soltanto il giorno seguente. La madre di Haruki nel pomeriggio aveva preparato i sakura mochi, dei dolci di riso arrotolati con foglie di ciliegio sotto sale. «Jin, voglio essere sincero con te. Non posso insegnarti quello che cerchi» disse a malincuore il vecchio maestro. «Oggi tuo padre mi ha mostrato come sta crescendo il larice dell anno scorso e devo dire che non avrei saputo fare meglio.» Il vecchio si accomodò sulla sedia e rivolse uno sguardo severo a Jin. «Vi ascolto, maestro.» «Da sempre sento parlare di un uomo che vive seguendo la filosofia wabi-sabi tra le montagne del nord, in un piccolo villaggio difficile da raggiungere detto il paese della seta. Si dice ch egli sappia leggere negli occhi della gente e riesca a vedere le radici di un albero senza sporcarsi le mani: vede in profondità senza scavare.» Dalla bocca di Jin uscirono parole repentine: «Se quest uomo esiste, io lo devo conoscere.» «Haruki ti accompagnerà» disse il maestro. Il ragazzino, distratto, si vide addosso gli occhi dei presenti. Ripassò mentalmente le parole appena udite e, cogliendone solo allora il significato, strabuzzò gli occhi verso il padre. «Ma, papà! Ho tutti i miei amici a Tokyo! Io odio la gente di montagna! Chi mi taglierà i capelli lassù? Non voglio vivere come uno yamabushi! Mamma!» La madre non ebbe il coraggio di guardarlo in faccia. «Così ho deciso» disse seccamente il padre. Al mattino, durante l'aurora, il maestro e sua moglie s incamminarono verso Tokyo, un viaggio lungo quasi un mese. Jin e Haruki sarebbero partiti il giorno seguente verso nord, sulle tracce dell uomo che leggeva negli occhi della gente.

26 II Il viaggio 1 All alba i due ragazzi partirono. «Sarà un percorso impervio ed estenuante. Aiutatevi l un l altro.» A nord la primavera pareva scomparire. Nel valicare il primo passo, posto tra due alte montagne, dovettero affrontare una barriera di neve fresca alta quanto loro. Entrambi amavano camminare. La purezza di quel mondo immacolato li invase nel profondo. Non si scambiarono una parola. Avevano un unica tenda e, mentre stavano sdraiati vicini al buio, Jin trovò il coraggio di rompere il ghiaccio. «Perché ce l hai con me?» «Lascia perdere. Meglio se dormiamo.» Jin non riusciva a dormire tormentato da un atroce dubbio.

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>>

<< La mia vita si consuma nel dolore; dammi forza secondo la tua Parola.>> Salmo 119:28 > Cari fratelli e care sorelle in Cristo, Il grido di sofferenza del Salmista giunge fino a noi! Il grido di sofferenza

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi

Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione di Cittadini di Paesi Terzi LABORATORI PER L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA ITAIANA E INTEGRAZIONE SOCIALE PER RAGAZZI STRANIERI (PROG.

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

C eraunavoltaunpaiodicalzini

C eraunavoltaunpaiodicalzini C eraunavoltaunpaiodicalzini C era una volta un paio di calzini. Marta e Paolo erano i nomi di questi due calzini. Si erano conosciuti, innamorati e litigati per anni. Ora abitavano in via Cassetto n.

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Racconto Le bellissime figlie di Mufaro

Racconto Le bellissime figlie di Mufaro www.gentletude.com Impara la Gentilezza 3 COMUNICARE CON EMPATIA (attvità per le scuole primarie) Guida Rapida Obiettivi: Gli allievi saranno in grado di identifica re modalità per comunicare con gentilezza

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

La principessa dal dente smarrito

La principessa dal dente smarrito La principessa dal dente smarrito LA VALLE DELLE MILLE MELE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER DISEGNO DA FARE IL SOGGETTO POTREBBE ESSERE LAMPURIO COL MAL DI DENTI Come mai quel visino così

Dettagli

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente

Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente Notte di Capodanno Eventuali riferimenti a nomi, cose, fatti o persone, sono puramente casuali Nicola Gargano NOTTE DI CAPODANNO racconto A mia moglie Amore, una piccola parola che racchiude un universo

Dettagli

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI

IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI IL CAPPELLO MAGICO RITA SABATINI Da quando il signor Bartolomeo aveva perso tutti i suoi capelli era diventato molto triste. Dapprima i capelli erano diventati grigi e avevano iniziato a diradarsi. Poi

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5

Ombra di Lupo Chiaro di Luna SCHEDE 1/5 Ombra di Lupo Chiaro di Luna Tratto da Lupus in Fabula di Raffaele Sargenti Narrazione e Regia Claudio Milani Adattamento Musicale e Pianoforte Federica Falasconi Soprano Beatrice Palombo Testo Francesca

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO RIC REI RIU' E LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO Tre strani e simpatici genietti, tra loro grandi amici, Ric Rei e Riù, se ne andavano in giro per il mondo per vedere se qualcuno poteva aver bisogno, appunto,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Elisa Fabemoli LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Ovvero come sensibilizzare genitori, insegnanti, educatori e bambini su un problema che tormenta i pensieri dentro e sopra le nostre teste 1 In una scuola

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia

FLEPY E L ACQUA. Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia FLEPY E L ACQUA Testo e idea: Wilfried Vandaele Illustrazioni: Tini Bauters Traduzione: Stefania Calicchia A G E N Z I A P E R L A P R O T E Z I O N E D E L L A M B I E N T E E P E R I S E R V I Z I T

Dettagli

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...)

(a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal 15 Dicembre, ogni sera un racconto...) www.cantogesu.it La Casa di Natale Per raccontare il vero Natale ai bambini (a partire dal

Dettagli

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie...

I miti e le leggende inventati dai bambini. A tutti i bambini piace inventare storie... I miti e le leggende inventati dai bambini A tutti i bambini piace inventare storie... Con i miei bambini della classe terza ho voluto stimolare il lavoro di gruppo facendo loro scrivere un mito o una

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante

Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Senza tanti perchè, bevo caffè e annaffio le piante Francesco Chiarini SENZA TANTI PERCHÈ, BEVO CAFFÈ E ANNAFFIO LE PIANTE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesco Chiarini Tutti i diritti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book

Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI. per tutte le occasioni. Simonelli electronic Book Chiara e Findarfin SMS ROMANTICI per tutte le occasioni SeBook Simonelli electronic Book Tre pensieri prima dei sogni: il primo per i tuoi occhi dolci, il secondo per il tuo viso delicato, il terzo per

Dettagli

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO

LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO LE ABILITÀ DI AIUTO DEL COUNSELLOR 1. PRESTARE ATTENZIONE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO ESERCIZI FASE DELL ATTENZIONE Il cliente sarà coinvolto nel processo di auto se prestiamo attenzione Es.1: prestare

Dettagli

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui

che ancora avvertivo in me e nell aria. Quanto visto continuava a punteggiare il nero delle palpebre e della stanza: forse impressioni nervose la cui Arturo Lini LUCI La casa dove da tanti anni abito è posta sulle prime pendici di una delle molte colline che fiancheggiano e si aprono sul paesaggio versiliese fatto di diverse cittadine, una accanto all

Dettagli

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE

I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE 6 CAPITOLO I RICORDI CHE MI PERMISERO DI FANTASTICARE Quando sento narrare la mia infanzia mi sembra di ascoltare un racconto di fantasia con un personaggio, che poi sarei io, al centro di tante attenzioni

Dettagli

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! Dott. Simone Agostini, Medico Veterinario Ambulatorio Veterinario San Giorgio in Bosco tel. 0499450520-3478941059 Come sicuramente moltissimi

Dettagli

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i

C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i LE FAVOLE DISNEY C'era una volta un falegname di nome Geppetto. La sua casa era la gioia di tutti i bambini del villaggio, perché era piena di orologi e giocattoli di ogni tipo, e un bel fuoco ardeva sempre

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Laura Virgini IL VIAGGIO

Laura Virgini IL VIAGGIO Il Viaggio Laura Virgini IL VIAGGIO romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A mia madre, senza la quale non sarei qui, ora, e non sarei quella che sono.

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE?

SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 COME SI CREA UN RICORDO NELLA NOSTRA MENTE? SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S.2013/14 PROGETTO SCIENTIFICO di Marica Loppo Gruppo anni 5 LA MEMORIA è una GRANDE CASA in cui si depositano le informazioni recuperate con l aiuto dei sensi (LE FINESTRE)

Dettagli

Maria Ponticello MA VIE

Maria Ponticello MA VIE Ma vie Maria Ponticello MA VIE racconti odierni www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Ponticello Tutti i diritti riservati Dedicato a Romano Battaglia, che con i suoi libri ha intrattenuto la

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Era proprio destino che quell anno dal cielo cadessero

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa.

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa. Che tipo di terreno sei tu? di Linda Edwards Voglio dare una mano! Anche io! Anche io! Posso, per favore? Evangelici.net Kids Corner Gesù I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Parabola delle grosse pietre

Parabola delle grosse pietre Parabola delle grosse pietre Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane.

Dettagli

La magia della guarigione raccontata dalle 5 dita

La magia della guarigione raccontata dalle 5 dita La magia della guarigione raccontata dalle 5 dita Preferisci essere vittima o vincitore? con 3 CD per il bambino interiore ferito Con il "Gioco della guarigione con le 5 dita" e í suoi 3 CD possiamo imparare

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio

PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio PERCORSO DIDATTICO SUL RISPARMIO Immagini sul risparmio La virtù del risparmio è cosa da adulti, ma fin da bambini occorre prenderne l abitudine e capirne il valore. Perché gli uomini risparmiano? Per

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri 26/3/2015 Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri È un dato di fatto: rispettare il prossimo e fare azioni positive nei confronti degli

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Il viaggio di Stella

Il viaggio di Stella Il viaggio di Stella Laboratorio di narrazione collettiva Classi II C e IV B Anno scolastico 2011/2012 Primo Circolo Didattico di Poggibonsi, Scuola Primaria"Vittorio Veneto" Nota dell insegnante Chiunque

Dettagli

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è malinconianuda sono qui nuda appesa al chiodo della mia malinconia di questa mia grande malinconia che è qui presente incolmabile immensa e mi tiene prigioniera il capo reclinato i capelli sciolti e biondi

Dettagli