Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica AGPM03000A LICEO SCIENTIFICO E SCIENZE UMANE POLITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica AGPM03000A LICEO SCIENTIFICO E SCIENZE UMANE POLITI"

Transcript

1 Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica AGPM03000A LICEO SCIENTIFICO E SCIENZE UMANE POLITI Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 40)

2 Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel Rapporto di Autovalutazione (RAV) o 1.2 Scala di rilevanza degli obiettivi di processo o 1.3 Elenco degli obiettivi di processo alla luce della scala si rilevanza 2. Azioni previste per raggiungere ciascun obiettivo di processo 3. Pianificazione delle azioni previste per ciascun obiettivo di processo individuato o 3.1 Impegno di risorse umane e strumentali o 3.2 Tempi di attuazione delle attività o 3.3 Monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo 4 Valutazione, condivisione e diffusione dei risultati del piano di miglioramento o 4.1 Valutazione dei risultati raggiunti sulla base degli indicatori relativi ai traguardi del RAV o 4.2 Processi di condivisione del piano all'interno della scuola o 4.3 Modalità di diffusione dei risultati del PdM sia all'interno sia all'esterno dell'organizzazione scolastica o 4.4 Componenti del Nucleo di valutazione e loro ruolo Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 2 di 40)

3 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel Rapporto di Autovalutazione (RAV) Priorità 1 Traguardi Obiettivi funzionali al raggiungimento del traguardo 1 Attività didattica per gruppi di livello 2 Attività inter e pluridisciplinari in seno ai C.d.C.del I biennio per lo sviluppo di competenze trasversali di base(comprensione testi, grafici etc...) 3 Coerenza tra priorità della scuola e risorse economiche e materiali impiegate. 4 Collaborazione tra docenti e " Sportello Ascolto" dell'asp ( equipe psicologica) per accrescere la motivazione degli studenti 5 Impiego di laboratori multimediali e di modalità didattiche digitali finalizzato al miglioramento dei livelli di apprendimento 6 Incontri periodici per Dipartimenti finalizzati al monitoraggio delle attività di programmazione, verifica e valutazione per classi parallele 7 Interventi di recupero, consolidamento e potenziamento competenze di base in italiano e matematica, sia in orario curricolare che extracurricolare 8 Istituzione di un Nucleo di valutazione d'istituto a supporto delle attività dei Dipartimenti. 9 Promozione di iniziative di formazione e aggiornamento su: programmazione per competenze; didattica multimediale; valutazione. 10 Sollecitare le famiglie attraverso colloqui individuali ed iniziative ad una maggiore collaborazione nella realizzazione degli interventi didattici. 11 Sollecitare le famiglie sulla necessità di arricchire il percorso dei figli anche con attività extracurriculari di supporto all'apprendimento. 12 Tutoraggio tra pari per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà. 13 Utilizzo della quota di autonomia del curricolo per attività di recupero, consolidamento e potenziamento 14 Utilizzo di metodologie didattiche innovative, multimediali e non, per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà Priorità 2 Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 3 di 40)

4 Traguardi Obiettivi funzionali al raggiungimento del traguardo 1 Collaborazione tra docenti e " Sportello Ascolto" dell'asp ( equipe psicologica) per accrescere la motivazione degli studenti 2 Incontri periodici congiunti dei dipartimenti disciplinari 3 Incontri periodici per Dipartimenti finalizzati al monitoraggio delle attività di programmazione, verifica e valutazione per classi parallele 4 Istituzione di un Nucleo di valutazione d'istituto a supporto delle attività dei Dipartimenti. 5 Promozione di iniziative di formazione e aggiornamento su: programmazione per competenze; didattica multimediale; valutazione. 6 Sollecitare le famiglie sulla necessità di arricchire il percorso dei figli anche con attività extracurriculari di supporto all'apprendimento. 1.2 Scala di rilevanza degli obiettivi di processo Calcolo della necessità dell'intervento sulla base di fattibilità ed impatto elencati 1 Attività didattica per gruppi di livello 2 Attività inter e pluridisciplinari in seno ai C.d.C.del I biennio per lo sviluppo di competenze trasversali di base(comprensione testi, grafici etc...) 3 Coerenza tra priorità della scuola e risorse economiche e materiali impiegate. 4 Collaborazione tra docenti e " Sportello Ascolto" dell'asp ( equipe psicologica) per accrescere la motivazione degli studenti 5 Impiego di laboratori multimediali e di modalità didattiche Fattibilità (da 1 a 5) Impatto (da 1 a 5) Prodotto: valore che identifica la rilevanza dell'intervento Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 4 di 40)

5 digitali finalizzato al miglioramento dei livelli di apprendimento 6 Incontri periodici congiunti dei dipartimenti disciplinari 7 Incontri periodici per Dipartimenti finalizzati al monitoraggio delle attività di programmazione, verifica e valutazione per classi parallele 8 Interventi di recupero, consolidamento e potenziamento competenze di base in italiano e matematica, sia in orario curricolare che extracurricolare 9 Istituzione di un Nucleo di valutazione d'istituto a supporto delle attività dei Dipartimenti. 10 Promozione di iniziative di formazione e aggiornamento su: programmazione per competenze; didattica multimediale; valutazione. 11 Sollecitare le famiglie attraverso colloqui individuali ed iniziative ad una maggiore collaborazione nella realizzazione degli interventi didattici. 12 Sollecitare le famiglie sulla necessità di arricchire il percorso dei figli anche con attività extracurriculari di supporto all'apprendimento Tutoraggio tra pari Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 5 di 40)

6 per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà. 14 Utilizzo della quota di autonomia del curricolo per attività di recupero, consolidamento e potenziamento 15 Utilizzo di metodologie didattiche innovative, multimediali e non, per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà Elenco degli obiettivi di processo alla luce della scala si rilevanza in via di attuazione Attività didattica per gruppi di livello Risultati attesi 1)Favorire lo sviluppo e il miglioramento delle competenze base degli alunni nel rispetto dei tempi e delle potenzialità di ciascuno. 2)Contrastare demotivazione e scarso impegno nello studio per migliorare il successo scolastico e l'apprendimento Indicatori di monitoraggio Miglioramento negli esiti scolastici. Modalità di rilevazione Somministrazione di verifiche disciplinari relative al percorso individuale dei singoli alunni. in via di attuazione Attività inter e pluridisciplinari in seno ai C.d.C.del I biennio per lo sviluppo di competenze trasversali di base(comprensione testi, grafici etc...) Risultati attesi Concordare le strategie comuni per lo sviluppo di competenze trasversali di base inter e pluridisciplinari Indicatori di monitoraggio Incremento delle attività inter e pluridisciplinari. Modalità di rilevazione Verbali dei C.d.C., programmazione di classe e piano di lavoro individuale. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 6 di 40)

7 in via di attuazione Coerenza tra priorità della scuola e risorse economiche e materiali impiegate. Risultati attesi Utilizzo delle risorse economiche e materiali per la pianificazione di attività incisive atte allo sviluppo delle competenze base Indicatori di monitoraggio Incremento delle risorse economiche e materiali per la realizzazione di interventi curriculari e la pianificazione di attività extra- curriculari volte al consolidamento e potenziamento delle competenze base di italiano e matematica Modalità di rilevazione Analisi dei dati rilevabili dal Programma annuale in via di attuazione Collaborazione tra docenti e " Sportello Ascolto" dell'asp ( equipe psicologica) per accrescere la motivazione degli studenti Risultati attesi Contrastare la demotivazione e lo scarso impegno nello studio per migliorare il successo scolastico e l'apprendimento Indicatori di monitoraggio 1)Partecipazione degli alunni agli incontri dello sportello di ascolto. 2)Accrescimento della motivazione allo studio. Modalità di rilevazione 1)Osservazione del grado di motivazione e di interesse degli alunni effettuata da parte dei docenti. 2)Questionario docenti e alunni. Registro presenze Sportello. in via di attuazione Impiego di laboratori multimediali e di modalità didattiche digitali finalizzato al miglioramento dei livelli di apprendimento Risultati attesi 1) Miglioramento livelli di apprendimento e partecipazione attiva e critica degli alunni attraverso la promozione di una didattica multimediale 2) Incremento frequenza utilizzo laboratori multimediali. Indicatori di monitoraggio 1)Capacità di elaborare prodotti multimediali e informatici mediante il ricorso alle nuove tecnologie. 2)Incremento, in termini percentuali, dell'utilizzo di strumentazione multimediale. Modalità di rilevazione Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 7 di 40)

8 1)Elaborazione di prodotti multimediali mediante il processo di ricerca-azione e la rielaborazione dei concetti da parte di ogni singolo alunno. 2)Questionario docenti e questionario alunni. Registro laboratori multimediali. in via di attuazione Incontri periodici congiunti dei dipartimenti disciplinari Risultati attesi Rendere più efficaci il confronto e lo scambio di buone pratiche tra docenti, il monitoraggio e la progettazione di interventi comuni ai Dipartimenti disciplinari. Indicatori di monitoraggio Calendarizzazione di incontri congiunti tra Dipartimenti Modalità di rilevazione Verbali degli incontri in via di attuazione Incontri periodici per Dipartimenti finalizzati al monitoraggio delle attività di programmazione, verifica e valutazione per classi parallele Risultati attesi 1)Incrementare gli incontri per Dipartimenti come supporto alla didattica e alla progettazione. 2)Consentire il confronto e lo scambio di buone pratiche tra i docenti dello stesso ambito disciplinare. Indicatori di monitoraggio Incremento degli incontri per Dipartimento e progettazione di interventi comuni per ambito disciplinare Modalità di rilevazione 1)Verbali delle riunioni dei Dipartimenti. 2)Questionari docenti in via di attuazione Interventi di recupero, consolidamento e potenziamento competenze di base in italiano e matematica, sia in orario curricolare che extracurricolare Risultati attesi Potenziamento di tecniche e abilità di studio per favorire negli studenti l'acquisizione di un metodo, individuarne le specifiche debolezze e rafforzare le loro abilità di base. Indicatori di monitoraggio Miglioramento degli esiti scolastici e incremento percentuale dei risultati delle prove standardizzate. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 8 di 40)

9 Modalità di rilevazione Attività e prove differenziate a carattere compensativo svolte in itinere o in orario pomeridiano. in via di attuazione Istituzione di un Nucleo di valutazione d'istituto a supporto delle attività dei Dipartimenti. Risultati attesi Istituzione di un gruppo di lavoro a sostegno dell'attività di valutazione e confronto dei risultati degli studenti e delle classi. Indicatori di monitoraggio Costituzione del nucleo e relativi incontri periodici Modalità di rilevazione Verbali delle riunioni. in via di attuazione Promozione di iniziative di formazione e aggiornamento su: programmazione per competenze; didattica multimediale; valutazione. Risultati attesi Arricchimento della professionalità docente e miglioramento della qualità degli interventi didattici ed educativi Indicatori di monitoraggio 1)Percentuale di partecipazione ai corsi di formazione e aggiornamento da parte dei docenti. 2)Utilizzo della programmazione per competenze e della didattica multimediale. Modalità di rilevazione 1)Registro rilevazione presenze dei docenti ai corsi. 2)Questionario docenti in via di attuazione Sollecitare le famiglie attraverso colloqui individuali ed iniziative ad una maggiore collaborazione nella realizzazione degli interventi didattici. Risultati attesi Incrementare e consolidare il dialogo educativo e la collaborazione tra la scuola e le famiglie nella realizzazione degli interventi didattici Indicatori di monitoraggio Partecipazione delle famiglie agli incontri organizzati e calendarizzati dall'istituzione scolastica Modalità di rilevazione Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 9 di 40)

10 Verbale degli incontri in via di attuazione Sollecitare le famiglie sulla necessità di arricchire il percorso dei figli anche con attività extracurriculari di supporto all'apprendimento. Risultati attesi Incremento della partecipazione degli alunni alle attività extra-curriculari di supporto all'apprendimento. Indicatori di monitoraggio Incremento del numero degli studenti partecipanti alle attività extra-curriculari di supporto all'apprendimento. Modalità di rilevazione Registri attività extra-curriculari e comparazione con i dati relativi all'anno scolastico precedente. in via di attuazione Tutoraggio tra pari per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà. Risultati attesi Migliorare le capacità scolastiche e le performance degli studenti con un background scolastico deficitario. Indicatori di monitoraggio Miglioramento degli esiti scolastici degli alunni con un background scolastico deficitario. Modalità di rilevazione Prove strutturate e semistrutturate da svolgersi in itinere in via di attuazione Utilizzo della quota di autonomia del curricolo per attività di recupero, consolidamento e potenziamento Risultati attesi Incremento percentuale dell'utilizzo della quota di autonomia finalizzata all'individualizzazione dei percorsi. Indicatori di monitoraggio Variazione percentuale dei docenti che si avvalgono della quota di autonomia Modalità di rilevazione Somministrazione, a cadenza periodica, di questionari ai docenti Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 10 di 40)

11 in via di attuazione Utilizzo di metodologie didattiche innovative, multimediali e non, per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà Risultati attesi Miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà al fine di potenziarne le competenze di base,sviluppare l'attitudine a lavorare in gruppo, migliorare le relative performance e consolidare l'autostima. Indicatori di monitoraggio 1)Miglioramento degli esiti scolastici e dell'interazione attiva degli alunni con difficoltà 2)Incremento utilizzo metodologie didattiche innovative. Modalità di rilevazione 1)Somministrazione di prove da svolgersi attraverso l'utilizzo di metodologie innovative, multimediali e non ( problem solving, brain storming,e-learnig...) 2)Questionari docenti. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 11 di 40)

12 2. Azioni previste per raggiungere ciascun obiettivo di processo Attività didattica per gruppi di livello Pianificazione di attività per gruppi livello all'interno della programmazione annuale di classe del primo biennio e successivamente all'interno del piano di lavoro annuale dei singoli docenti Condivisione da parte dei docenti dei singoli C.d.C di attività per gruppi di livello Attività didattica per gruppi di livello Pianificazione e svolgimento di attività per gruppi di livello all'interno delle classi in Italiano e Matematica Miglioramento delle competenze base degli alunni nel rispetto dei tempi e delle potenzialità di ciascuno. Rallentamento delle attività didattiche Contrastare la demotivazione e lo scarso impegno nello studio per migliorare gli esiti scolastici Possibile accrescimento della varianza all'interno delle singole classi Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 12 di 40)

13 Attività inter e pluridisciplinari in seno ai C.d.C.del I biennio per lo sviluppo di competenze trasversali di base(comprensione testi, grafici etc...) Verifica attività pluridisciplinari Acquisizione delle competenze trasversali di base Rallentamento dell'attività didattica disciplinare Facilitazione degli apprendimenti successivi Inefficacia dell'attività inter e pluridisciplinare legata alla mancata disponibilità di alcuni docenti Attività inter e pluridisciplinari in seno ai C.d.C.del I biennio per lo sviluppo di competenze trasversali di base(comprensione testi, grafici etc...) Pianificazione periodica e attuazione attività pluridisciplinari. Utilizzo di strategie comuni per lo sviluppo di competenze trasversali di base Rallentamento piano di lavoro disciplinare Consolidamento di un lavoro sinergico all'interno di ogni singolo C.d.C Riduzione della possibilità per ogni docente di libera scelta di attività didattiche e pratiche metodologiche. Coerenza tra priorità della scuola e risorse economiche e materiali impiegate. Destinare nel programma annuale quote più rilevanti alle attività di recupero e potenziamento di italiano e matematica Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 13 di 40)

14 Possibilità di accrescere quantità e qualità degli interventi didattici di recupero e potenziamento Riduzione del coinvolgimento nelle attività di recupero e potenziamento delle altre discipline Incremento degli esiti delle prove standardizzate Riduzione dell'offerta formativa della scuola Coerenza tra priorità della scuola e risorse economiche e materiali impiegate. Richiesta di docenti di italiano e matematica nell'organico di potenziamento Possibilità di organizzare attività di recupero e potenziamento contenendo i costi per l'erogazione del servizio. Disorientamento degli alunni nel rapportarsi a nuove figure docenti. Interventi circoscritti a pochi gruppi di alunni Accrescimento di risorse umane destinate ad interventi didattici di recupero e potenziamento Inefficacia dell'intervento per la mancata disponibilità degli alunni e per la disomogeneità dell'intervento. Collaborazione tra docenti e " Sportello Ascolto" dell'asp ( equipe psicologica) per accrescere la motivazione degli studenti Pianificazione e istituzione dello Sportello di ascolto Coinvolgimento motivazionale e miglioramento della sfera emotivo-relazionale degli alunni Atteggiamenti pregiudiziali nei confronti degli alunni destinatari del servizi Uso improprio e strumentale del servizio da parte degli alunni Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 14 di 40)

15 Incremento dei risultati di apprendimento a seguito di accresciuti interesse e motivazione Graduale decremento delle richieste di fruizione del servizio Collaborazione tra docenti e " Sportello Ascolto" dell'asp ( equipe psicologica) per accrescere la motivazione degli studenti zcalendarizzazione e monitoraggio del servizio Fruizione organizzata del servizio e verifica dell'efficacia Collaborazione tra docenti e " Sportello Ascolto" dell'asp ( equipe psicologica) per accrescere la motivazione degli studenti Calendarizzazione e monitoraggio della fruizione del servizio Fruizione organizzata del servizio e verifica dell'efficacia Mancata fruizione del servizio nell'ora calendarizzata e conseguenti disfunzioni. Concreta accessibilità del servizio estesa a tutti gli alunni richiedenti. Verifica dell'efficacia Rifiuto di avvalersi della consulenza dello Sportello ascolto da parte di alcuni alunni per eccessiva "medicalizzazione" del servizio. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 15 di 40)

16 Impiego di laboratori multimediali e di modalità didattiche digitali finalizzato al miglioramento dei livelli di apprendimento Utilizzo di metodologia laboratoriale all'interno delle classi Coinvolgimento degli alunni nell'apprendimento e maggiore motivazione Riduzione delle capacità attentive e della motivazione durante attività non laboratoriali. Riduzione dell'autonomia operativa Recupero delle lacune e potenziamento delle attività di base. Miglioramento dei livelli di apprendimento Utilizzo delle tecnologie digitali non uniforme in tutte le classi. Scarsa capacità di attenzione da parte degli alunni nel seguire lezioni di tipo tradizionale Impiego di laboratori multimediali e di modalità didattiche digitali finalizzato al miglioramento dei livelli di apprendimento Utilizzo di materiale didattico digitale (libri di testo etc...) Stimolare l'attenzione e il coinvolgimento degli alunni. Agevolare l'acquisizione dei contenuti. Disaffezione al libro di testo e ai materiali didattici tradizionali. Limitato utilizzo da parte di alcuni docenti dei materiali didattici multimediali per scarsa familiarità con strumenti informatici. Migliorare i livelli di apprendimento. Far acquisire agli alunni una forma mentis tecnologica orientata alla consapevolezza delle proprie capacità e modalità di apprendimento. Incapacità degli alunni di friure dei materiali didattici tradizionali. Uso dei materiali didattici digitali limitato ad alcune classi. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 16 di 40)

17 Impiego di laboratori multimediali e di modalità didattiche digitali finalizzato al miglioramento dei livelli di apprendimento Calendarizzazione attività delle classi nei laboratori Possibilità di fruizione dei laboratori estesa a tutte le classi Mancato utilizzo dei laboratori da parte di docenti nell'ora calendarizzata con conseguente limitazione del loro impiego da parte di altre classi Fruizione ordinata e programmata dei laboratori Condizionamento del lavoro del docente Impiego di laboratori multimediali e di modalità didattiche digitali finalizzato al miglioramento dei livelli di apprendimento Pianificazione delle attività laboratoriali all'interno della progettazione per Dipartimenti,della programmazione annuale e del Piano di lavoro individuale Condivisione da parte dei docenti dell'efficacia dell'utilizzo delle attività laboratoriali Limitazione della discrezionalità metodologica dei docenti. Piena uniformità tra le classi nell'utilizzo delle tecnologie e modalità didattiche multimediali Mancata disponibilità da parte di alcuni docenti all'attuazione di quanto programmato in sede di pianificazione Incontri periodici congiunti dei dipartimenti disciplinari Convocazione periodica dipartimenti disciplinari Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 17 di 40)

18 Consentire il confronto e lo scambio tra docenti dello stesso ambito disciplinare Aggravio ulteriore del carico di lavoro e di riunioni pomeridiane. Scambio di buone pratiche tra docenti. Riduzione delle differenze tra le classi Partecipazione ridotta o passiva da parte di alcuni docenti Incontri periodici per Dipartimenti finalizzati al monitoraggio delle attività di programmazione, verifica e valutazione per classi parallele Convocazione e riunione periodica dipartimenti disciplinari Confronto e scambio di buone pratiche tra i docenti dello stesso ambito discipinare in merito ad attività di programmazione,verifica e valutazione per classi parallele. Possibilità di monitorare gli interventi programmati Maggiore carico di lavoro per i singoli docenti. Riduzione della discrezionalità del docente nelle attività di programmazione e di verifica Consolidamento di un lavoro sinergico all'interno di ogni singolo Dipartimento disciplinare nelle attività di programmazione, verifica e valutazione per classi parallele Riduzione del divario tra classi Mancata partecipazione fattiva e condivisione da parte di alcuni docenti. Ricaduta delle attività solo su alcune classi ed efficacia parziale degli interventi programmati. Interventi di recupero, consolidamento e potenziamento competenze di base in italiano e matematica, sia in orario curricolare che extracurricolare Pianificazione e attivazione di interventi di recupero e potenziamento, curriculari ed extracurriculari, delle competenze base in Italiano e Matematica Miglioramento delle competenze di base rispetto alla situazione di partenza Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 18 di 40)

19 Riduzione dell'impegno nelle attività curricolari ordinarie Miglioramento degli esiti delle prove standardizzate Riduzione del divario tra gli indirizzi Impegno selettivo limitato solo alle materie oggetto di recupero o di potenziamento Istituzione di un Nucleo di valutazione d'istituto a supporto delle attività dei Dipartimenti. Individuazione e istituzione membri nucleo di valutazione della scuola Coinvolgimento dei docenti nelle attività di valutazione della scuola Maggiore carico di lavoro per i docenti coinvolti Rafforzamento di un clima collaborativo e partecipativo tra docenti Partecipazione fattiva e disponibilità limitate solo ad alcuni docenti Promozione di iniziative di formazione e aggiornamento su: programmazione per competenze; didattica multimediale; valutazione. Approvazione e attuazione del Piano di formazione e aggiornamento Sviluppo di competenze adeguate finalizzate all'attuazione del Piano di miglioramento Riduzione delle prestazioni professionali dei docenti Incremento della professionalità in termini qualitativi Diffusione di buone pratiche Innalzamento dei livelli di apprendimento degli alunni Effetto "Burnout" con compromissione del lavoro didattico dei docenti Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 19 di 40)

20 Sollecitare le famiglie attraverso colloqui individuali ed iniziative ad una maggiore collaborazione nella realizzazione degli interventi didattici. Colloqui individuali con le famiglie atti all'informazione e alla condivisione degli interventi didattici programmati Informazione e condivisione degli interventi didattici tra scuola e famiglia. Maggiore coinvolgimento degli alunni nella partecipazione agli interventi didattici programmati. Parziale risposta delle famiglie alle sollecitazioni provenienti dalla scuola. Sinergia piena tra scuola e famiglia nella realizzazione degli interventi didattici. Incremento della motivazione e della partecipazione attiva degli alunni. Inefficacia delle sollecitazioni a causa della mancata risposta al coinvolgimento delle famiglie. Indebita interferenza delle famiglie nei processi di valutazione degli studenti. Sollecitare le famiglie attraverso colloqui individuali ed iniziative ad una maggiore collaborazione nella realizzazione degli interventi didattici. Utilizzo del sito web della scuola per il coinvolgimento delle famiglie nella realizzazione degli interventi didattici Informazione e condivisione degli interventi didattici tra scuola e famiglia. Maggiore coinvolgimento degli alunni nella partecipazione agli interventi didattici programmati Parziale risposta delle famiglie alle sollecitazioni provenienti dalla scuola. Esclusione di alcune famiglie a causa della mancanza di strumenti informatici. Sinergia piena tra scuola e famiglia nella realizzazione degli interventi didattici. Incremento della motivazione e della partecipazione attiva degli alunni. Inefficacia delle sollecitazioni a causa della mancata risposta al coinvolgimento delle famiglie. Esclusione di alcune famiglie a causa della mancanza di strumenti informatici Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 20 di 40)

21 Sollecitare le famiglie sulla necessità di arricchire il percorso dei figli anche con attività extracurriculari di supporto all'apprendimento. Informare e sensibilizzare le famiglie sulla necessità di far partecipare i propri figli alle attività anche extracurriculari di supporto all'apprendimento. Incremento della partecipazione degli alunni alle attività di supporto. Maggiore difficoltà a gestire gli impegni curriculari ordinari. Miglioramento dei livelli di apprendimento Impegno selettivo limitato alle discipline oggetto di attività di supporto all'apprendimento. Tutoraggio tra pari per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà. Individuazione periodica di alunni tutor dopo attenta attività di osservazione Potenziamento delle abilità di base e miglioramento del clima relazionale nell'ambito della classe Inefficacia della pratica per inadeguata selezione del tutor e mancata formazione Potenziamento della motivazione scolastica e delle competenze relazionali e sociali Inerzia nel docente a sperimentare nuove e alternative strategie di recupero Tutoraggio tra pari per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà. Inserimento attività di tutoraggio tra pari nelle programmazioni dei C.d.C Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 21 di 40)

22 Strategie comuni per il superamento di difficoltà di apprendimento degli alunni Rallentamento dell'attività didattica e indisponibilità di alcuni docenti all'utilizzo di tale strategia. Consolidamento e ampliamento dell'attività di tutoraggio come pratica comune Inerzia nel docente a sperimentare nuove e alternative strategie di recupero Tutoraggio tra pari per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà. Inserimento di attività di tutoraggio tra pari nei Piani di lavoro annuali di italiano e matematica Strategie comuni per il superamento di difficoltà di apprendimento degli alunni in italiano e matematica Rallentamento dell'attività didattica e indisponibilità di alcuni docenti all'utilizzo di tale strategia. Consolidamento e ampliamento dell'attività di tutoraggio come pratica comune in italiano e matematica Inerzia nel docente a sperimentare nuove e alternative strategie di recupero Utilizzo della quota di autonomia del curricolo per attività di recupero, consolidamento e potenziamento Inserimento attività di recupero,consolidamento e /o potenziamento nei Piani di lavoro annuali prevista nella quota di autonomia del curricolo. Possibilità di recuperare lievi lacune e consolidare le competenze di base Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 22 di 40)

23 Rallentamento dell'attività didattica Possibilità di miglioramento degli esiti scolastici Inserimento nel Piano di lavoro annuale ma mancato espletamento Utilizzo della quota di autonomia del curricolo per attività di recupero, consolidamento e potenziamento Progettazione e svolgimento attività di recupero e/o potenziameno nella quota di autonomia del curricolo. Recupero di lacune e consolidamento delle competenze di base Rallentamento dell'attività didattica. Miglioramento degli esiti scolastici degli alunni. Utilizzo effettivo della quota di autonomia solo da parte di alcuni docenti. Utilizzo della quota di autonomia del curricolo per attività di recupero, consolidamento e potenziamento Utilizzo di materiale didattico digitale (libri di testo etc...) Stimolare l'attenzione e il coinvolgimento degli alunni. Agevolare l'acquisizione dei contenuti. Migliorare i livelli di apprendimento. Far acquisire agli alunni una forma mentis tecnologica, orientata alla consapevolezza delle proprie capacità. Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 23 di 40)

24 Utilizzo di metodologie didattiche innovative, multimediali e non, per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà Pianificazione e svolgimento di attività di formazione per i docenti sull'utilizzo di metodologie didattiche innovative multimediali e non, per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà Sviluppo nei docenti di nuove competenze per l'impiego di metodologie e strumenti innovativi rivolti agli alunni con difficoltà Attività di formazione non partecipata da alcuni docenti per aggravio di lavoro Consolidamento e diffusione da parte dei docenti di metodologie e strumenti innovativi efficaci a migliorare la qualità degli interventi didattici ed educativi Scarsa ricaduta dell'attività di formazione nella prassi didattica. Utilizzo di metodologie didattiche innovative, multimediali e non, per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà Inserimento nelle programmazioni dei C.d.C. e nei piani di lavoro annuali e attuazione nella prassi didattica, di metodologie innovative per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà Condivisione di metodologie comuni per il superamento di difficoltà di apprendimento degli alunni Limitazione della libertà di insegnamento in merito all'uso delle metodologie Favorire l'apprendimento delle competenze di base anche in alunni con difficoltà rafforzandone l'autostima Utilizzo dell'uso della metodologia innovativa limitato ad alcuni docenti Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 24 di 40)

25 Utilizzo di metodologie didattiche innovative, multimediali e non, per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà Inserimento e approvazione nel PTOF di attività di formazione nel Piano di formazione e aggiornamento Pianificazione di iniziative di formazione concordate in sintonia con i bisogni formativi dei docenti Carenza di software adeguati Diffusione di una cultura dell'innovazione e arricchimento professionale Mancanza di laboratori attrezzati ed efficienti Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 25 di 40)

26 3. Pianificazione delle azioni previste per ciascun obiettivo di processo individuato 3.1 Impegno di risorse umane e strumentali Attività didattica per gruppi di livello Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Attività inter e pluridisciplinari in seno ai C.d.C.del I biennio per lo sviluppo di competenze trasversali di base(comprensione testi, grafici etc...) Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Docenti Personale ATA Altre figure Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Formatori Consulenti Impegno presunto Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 26 di 40)

27 Attrezzature Servizi Altro Coerenza tra priorità della scuola e risorse economiche e materiali impiegate. Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Collaborazione tra docenti e " Sportello Ascolto" dell'asp ( equipe psicologica) per accrescere la motivazione degli studenti Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Docenti Personale ATA Altre figure Tipologia di attività N 9 Docenti Commissione C.I.C. n.1 Collaboratore scolastico Ore aggiuntive presunte Costo previsto FIS FIS Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 27 di 40)

28 Impiego di laboratori multimediali e di modalità didattiche digitali finalizzato al miglioramento dei livelli di apprendimento Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Incontri periodici congiunti dei dipartimenti disciplinari Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Docenti Personale ATA Altre figure Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 28 di 40)

29 Incontri periodici per Dipartimenti finalizzati al monitoraggio delle attività di programmazione, verifica e valutazione per classi parallele Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Interventi di recupero, consolidamento e potenziamento competenze di base in italiano e matematica, sia in orario curricolare che extracurricolare Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Docenti Personale ATA Altre figure N. 8 docenti progetto "Sulle ali della lingua" N.1 docente Corso di preparazione per le Olimpiadi di Matematica N 6 Collaboratore scolastico N.4 Docenti Corsi di recupero extracurriculari FIS FIS FIS Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia Impegno presunto Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 29 di 40)

30 di spesa Formatori Consulenti Attrezzature Servizi Altro Istituzione di un Nucleo di valutazione d'istituto a supporto delle attività dei Dipartimenti. Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Docenti Personale ATA Altre figure Tipologia di attività N. 18 docenti Nucleo Valutazione di Istituto Ore aggiuntive presunte Costo previsto FIS N. 4 Collaboratore FIS Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Promozione di iniziative di formazione e aggiornamento su: programmazione per competenze; didattica multimediale; valutazione. Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia Impegno presunto Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 30 di 40)

31 di spesa Formatori 1400 FONDI SPECIFICI PER L'AGGIORNAMENTO Consulenti Attrezzature Servizi Altro Sollecitare le famiglie attraverso colloqui individuali ed iniziative ad una maggiore collaborazione nella realizzazione degli interventi didattici. Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Sollecitare le famiglie sulla necessità di arricchire il percorso dei figli anche con attività extracurriculari di supporto all'apprendimento. Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Docenti Personale ATA Altre figure Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia Impegno presunto Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 31 di 40)

32 di spesa Tutoraggio tra pari per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà. Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Utilizzo della quota di autonomia del curricolo per attività di recupero, consolidamento e potenziamento Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Impegno presunto Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 32 di 40)

33 Utilizzo di metodologie didattiche innovative, multimediali e non, per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà Impegno di risorse umane interne alla scuola Figure professionali Tipologia di attività Ore aggiuntive presunte Costo previsto Impegno finanziario per figure professionali esterne alla scuola e/o beni e servizi Impegni finanziari per tipologia di spesa Impegno presunto 3.2 Tempi di attuazione delle attività Attività didattica per gruppi di livello Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Attività inter e pluridisciplinari in seno ai C.d.C.del I biennio per lo sviluppo di competenze trasversali di base(comprensione testi, grafici etc...) Tempistica delle attività Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 33 di 40)

34 Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Attività inter e pluridisciplinari in seno ai C.d.C.del I biennio per lo sviluppo di competenze trasversali di base(comprensione testi, grafici etc...) azione (non svolta) azione azione azione azione azione Coerenza tra priorità della scuola e risorse economiche e materiali impiegate. Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Collaborazione tra docenti e " Sportello Ascolto" dell'asp ( equipe psicologica) per accrescere la motivazione degli studenti Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Sportello ascolto azione (attuata o conclusa) azione azione azione azione azione Impiego di laboratori multimediali e di modalità didattiche digitali finalizzato al miglioramento dei livelli di apprendimento Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Incontri periodici congiunti dei dipartimenti disciplinari Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Riunione congiunta dei Dipartimenti azione azione Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 34 di 40)

35 disciplinari e pianificazione attività Incontri periodici per Dipartimenti finalizzati al monitoraggio delle attività di programmazione, verifica e valutazione per classi parallele Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Incontri periodici per Dipartimenti azione azione Interventi di recupero, consolidamento e potenziamento competenze di base in italiano e matematica, sia in orario curricolare che extracurricolare Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Corsi di recupero extracurriculari Sulle ali della lingua- Potenziamento delle competenze della lingua italiana Corso di preparazione per le Olimpiadi di Matematica azione (attuata o conclusa) azione (in corso) azione (attuata o conclusa) azione azione azione azione azione azione azione azione azione azione Istituzione di un Nucleo di valutazione d'istituto a supporto delle attività dei Dipartimenti. Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Riunione e pianificazione azione (attuata o azione azione Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 35 di 40)

36 attività Nucleo di Valutazione d'istituto. conclusa) Promozione di iniziative di formazione e aggiornamento su: programmazione per competenze; didattica multimediale; valutazione. Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Formazione docenti sulla valutazione Formazione docenti del nucleo su autovalutazione d'istituto; Formazione docenti sulle competenze digitali base e avanzate per l'impiego in ambito didattico delle LIM (Lavagne Interattive Multimediali) formazione in presenza, blended o on line per la progettazione di percorsi didattici attraverso l'uso di risorse web Formazione in ambito disciplinare: programmazione per competenze formazione in ambito disciplinare: metodologie e approcci didattici innovativi azione azione azione azione azione azione azione azione azione azione azione azione azione azione (in corso) azione (in corso) azione azione azione azione azione azione azione azione azione azione azione azione Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 36 di 40)

37 Sollecitare le famiglie attraverso colloqui individuali ed iniziative ad una maggiore collaborazione nella realizzazione degli interventi didattici. Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Incontri scuolafamiglia azione (attuata o conclusa) azione Sollecitare le famiglie sulla necessità di arricchire il percorso dei figli anche con attività extracurriculari di supporto all'apprendimento. Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Incontri scuolafamiglia azione (attuata o conclusa) azione Tutoraggio tra pari per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà. Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Tutoraggio tra pari azione azione azione azione azione azione Utilizzo della quota di autonomia del curricolo per attività di recupero, consolidamento e potenziamento Tempistica delle attività Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu Utilizzo di metodologie didattiche innovative, multimediali e non, per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà Tempistica delle attività Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 37 di 40)

38 Attività Set Ott Nov Dic Gen Feb Mar Apr Mag Giu 3.3 Monitoraggio periodico dello stato di avanzamento del raggiungimento dell'obiettivo di processo Monitoraggio delle azioni Attività didattica per gruppi di livello Attività inter e pluridisciplinari in seno ai C.d.C.del I biennio per lo sviluppo di competenze trasversali di base(comprensione testi, grafici etc...) Coerenza tra priorità della scuola e risorse economiche e materiali impiegate. Collaborazione tra docenti e " Sportello Ascolto" dell'asp ( equipe psicologica) per accrescere la motivazione degli studenti Impiego di laboratori multimediali e di modalità didattiche digitali finalizzato al miglioramento dei livelli di apprendimento Incontri periodici congiunti dei dipartimenti disciplinari Incontri periodici per Dipartimenti finalizzati al monitoraggio delle attività di programmazione, verifica e valutazione per classi parallele Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 38 di 40)

39 Interventi di recupero, consolidamento e potenziamento competenze di base in italiano e matematica, sia in orario curricolare che extracurricolare Istituzione di un Nucleo di valutazione d'istituto a supporto delle attività dei Dipartimenti. Promozione di iniziative di formazione e aggiornamento su: programmazione per competenze; didattica multimediale; valutazione. Sollecitare le famiglie attraverso colloqui individuali ed iniziative ad una maggiore collaborazione nella realizzazione degli interventi didattici. Sollecitare le famiglie sulla necessità di arricchire il percorso dei figli anche con attività extracurriculari di supporto all'apprendimento. Tutoraggio tra pari per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà. Utilizzo della quota di autonomia del curricolo per attività di recupero, consolidamento e potenziamento Utilizzo di metodologie didattiche innovative, multimediali e non, per il miglioramento dei livelli di apprendimento degli alunni con difficoltà Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 39 di 40)

40 4. Valutazione, condivisione e diffusione dei risultati del piano di miglioramento 4.1 Valutazione dei risultati raggiunti sulla base degli indicatori relativi ai traguardi del RAV In questa sezione si considerare la dimensione della valutazione degli esiti, facendo esplicito riferimento agli indicatori che erano stati scelti nel RAV come strumenti di misurazione dei traguardi previsti. 4.2 Processi di condivisione del piano all'interno della scuola 4.3 Modalità di diffusione dei risultati del PdM sia all'interno sia all'esterno dell'organizzazione scolastica Azioni per la diffusione dei risultati del PdM all interno della scuola Azioni per la diffusione dei risultati del PdM all esterno 4.4 Componenti del Nucleo di valutazione e loro ruolo Nome MANZONE ANTONIO ALONGE GIUSEPPINA CASCIO SALVATORE CINO PAGLIARELLO ANNA MARIA NERI ROSSANA Ruolo DIRIGENTE SCOLASTICO DOCENTE DI LETTERE DOCENTE DI MATEMATICA E FISICA DOCENTE DI LETTERE DOCENTE DI LETTERE Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 40 di 40)

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. B.SPAVENTA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PEIS00400Q I.I.S. "B.SPAVENTA" Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento AGIS014002 I.I.S.S. "MICHELE FODERA'" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II

Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Piano di Miglioramento (PDM) dell'istituzione scolastica ARVC010009 V.EMANUELE II Allegato all Atto d indirizzo al Collegio dei docenti per la predisposizione del Piano Triennale dell Offerta Formativa.

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PIIC84100T I.C. FALCONE CASCINA

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PIIC84100T I.C. FALCONE CASCINA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica PIIC84100T I.C. FALCONE CASCINA Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 11) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CTPM01000E LICEO STATALE FRANCESCO DE SANCTIS Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 22) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) ISTITUTO SUPERIORE VERONA - TRENTO I.T.T. VERONA TRENTO - I.PIA. MAJORANA MEIS027008 IST. D'ISTRUZ. SUPERIORE IITI "VERONA TRENTO" MESSINA Via U. Bassi Is. 148 - Tel. ( 090 ) 29.34.854-29.34.070 - Fax

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento RMIC83000Q GIUSEPPE MONTEZEMOLO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PDIS003009 "C.CATTANEO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PEIC828004 I. C. I.SILONE-MONTESILVANO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TOIC837002 I.C. - BRUINO SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica METD05000E I.T. L.DA VINCI ECONOMICO TECNOLOGICO Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 23) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) IST. SECONDARIO SUP. DI CAIRO MONTENOTTE Corso XXV Aprile, 76 17014 Cairo Montenotte (SV) - tel.: 019-504684 e-mail: svis00300a@istruzione.it PEC: svis00300a@pec.istruzione.it

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R "ZALEUCO" LOCRI

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R ZALEUCO LOCRI Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RCPS04000R "ZALEUCO" LOCRI Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina! 1 di 13! ) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica RGIC82000T BERLINGUER Anno Scolastico 2015/2016 Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 28) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO "G.ZANELLA"

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO G.ZANELLA Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica VIIC85900E IC SANDRIGO "G.ZANELLA" Modello di Piano di Miglioramento INDIRE (Pagina 1 di 32) Indice Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza

Dettagli

PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016. Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO "DON MILANI" SALA

PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016. Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO DON MILANI SALA PROT. N. 202-A/2 del 15.01.2016 Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica CZIC856002 IC CATANZARO "DON MILANI" SALA Indice Sommario 1. Obiettivi di processo 1.1 Congruenza tra obiettivi

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TRPS03000X TERNI "R. DONATELLI" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di e priorità/traguardi

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento SRIS017003 "ARCHIMEDE" ROSOLINI SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM)

Piano di Miglioramento (PDM) Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica TPRH02000T I.P.S.E.O.A. " I. E V. FLORIO" ERICE Sommario 1. OBIETTIVI DI PROCESSO... 3 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BGIC86600B PONTE S. PIETRO

Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BGIC86600B PONTE S. PIETRO Piano di Miglioramento (PDM) Dell'istituzione scolastica BGIC86600B PONTE S. PIETRO 1 Sommario 1. Obiettivi di processo o 1.1 Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel Rapporto

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento LICEO SCIENTIFICO STATALE GALILEO GALILEI Via Danimarca, 54 90146 Palermo c.f. 80012700821 Telefono 091 515231 - Fax 091 520622 www.liceoggalileipalermo.gov.it - paps010002@istruzione.it paps010002@pec.istruzione.it

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento BAIC867006 "PIETRO MENNEA" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

Area POTENZIAMENTO Scientifico

Area POTENZIAMENTO Scientifico Area POTENZIAMENTO Scientifico ALLEGATO 5c Necessità di miglioramento Il potenziamento delle competenze matematico-logiche e scientifiche, teso sia all individuazione di percorsi funzionali alla premialità

Dettagli

Il Piano di Miglioramento. (PdM)

Il Piano di Miglioramento. (PdM) Il Piano di Miglioramento (PdM) 1 IDEE GUIDA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO Nel RAV sono state individuate le seguenti priorità: Priorità 1: Riduzione dell insuccesso scolastico nelle classi del biennio, in

Dettagli

PIANO DI MGLIORAMENTO ELABORATO SUL MODELLO INDIRE (Approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d Istituto in data 14 gennaio 2016)

PIANO DI MGLIORAMENTO ELABORATO SUL MODELLO INDIRE (Approvato dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d Istituto in data 14 gennaio 2016) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola Infanzia, Primaria e Secondaria VIA PIAVE, 11 24050 BARIANO Tel 0363/958350 Fax 0363/959455 C.F. 92015020164

Dettagli

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO

ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI - ASTI PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO STATALE AUGUSTO MONTI ASTI - PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015/18 2 INDICE SEZIONE 1 Scegliere gli obiettivi di processo più utili e necessari

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Premessa Nel mese di settembre 2015 si è conclusa la fase di autovalutazione di Istituto con la pubblicazione del Rapporto di Autovalutazione consultabile sul sito dell Istituto

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO PIANO DI MIGLIORAMENTO Alla luce delle priorità individuate nel RAV, pubblicato all Albo elettronico della scuola e presente sul portale Scuola in Chiaro del M.I.U.R, sono state decise le azioni opportune

Dettagli

Istituto Statale d Istruzione Superiore Pitagora Montalbano Jonico (MT) A.S. 2015/2016

Istituto Statale d Istruzione Superiore Pitagora Montalbano Jonico (MT) A.S. 2015/2016 Istituto Statale d Istruzione Superiore Pitagora Montalbano Jonico (MT) A.S. 2015/2016 PIANO DI MIGLIORAMENTO PREMESSE Visti gli esiti del Rapporto di autovalutazione dell'istituto (RAV) che sottolineano:

Dettagli

Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 1

Modello di Piano di Miglioramento INDIRE Pagina 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO GIULIO DE PETRA CASOLI (CHIETI) Via San Nicola, 34 Tel 0872/981187 Fax 0872/993450 Cod.Fiscale 81002140697 Cod.Mecc. CHIC80600P

Dettagli

ESITI DEGLI STUDENTI

ESITI DEGLI STUDENTI ALLEGATO Priorità e Traguardi evidenziati nel Rapporto Autovalutazione Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola NAIC812007 "CAMPO DEL MORICINO" ESITI DEGLI STUDENTI 1. Risultati scolastici Studenti

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD

PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PNSD Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca L I C E O S T A T A L E G a l i l e o G a l i l e i Liceo Scientifico- Liceo delle Scienze Applicate - Liceo Linguistico Via S. Francesco n. 63-24043

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE ANTONIO PACINOTTI 84018 SCAFATI (SA) TEL 081/8030377 FAX 081/8563843 E.MAIL satf04000d@istruzione.it CF. 80103800639 C.I.SATF04000D PIANO DI MIGLIORAMENTO a.s. 2015/2016 A)Analisi

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE Nella sezione 5 del RAV sono state indicate alcune priorità che la scuola intende perseguire nella sua azione di miglioramento e i relativi risultati/traguardi previsti

Dettagli

PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme

PDM Istituto Comprensivo di Castel San Pietro Terme ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTEL SAN PIETRO TERME SCUOLA DELL INFANZIA STATALE GABRIELLA GRANDI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA PRIMARIA STATALE GUSTAVO SEROTTI DI OSTERIA GRANDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 49/8 DEL 6.10.2015

DELIBERAZIONE N. 49/8 DEL 6.10.2015 Oggetto: Progetto Tutti a Iscol@. Azioni di contrasto alla dispersione scolastica e per il miglioramento delle competenze di base degli studenti. Anno scolastico 2015/2016. L'Assessore della Pubblica Istruzione,

Dettagli

AREA DI PROCESSO OBIETTIVI DI PROCESSO PRIORITA Curricolo, progettazione e valutazione

AREA DI PROCESSO OBIETTIVI DI PROCESSO PRIORITA Curricolo, progettazione e valutazione TABELLA 1 ALLEGATO1 AREA DI PROCESSO OBIETTIVI DI PROCESSO PRIORITA Curricolo, progettazione e valutazione Ambiente di apprendimento Inclusione e differenziazione Sviluppo e valorizzazione delle risorse

Dettagli

Presentazione dei lavori laboratoriali

Presentazione dei lavori laboratoriali Presentazione dei lavori laboratoriali «Progetto NEVERSTOPLEARNING» Istituto Tecnico Tecnologico Statale Alessandro Volta Dott.ssa Raffaella Gentile Psicologa Insegnante organizzazione: gli insegnanti

Dettagli

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S.

DOCUMENTO DI LINEE D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO A.S. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. NUOVO PONTE DI NONA - VIA GASTINELLI N. 58-00132 ROMA TEL. 06/22180417- fax: 06/22188121 C.M.RMIC8CR006

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell infanzia-scuola primaria-scuola secondaria di 1 a indirizzo musicale BOER-VERONA TRENTO Via XXIV Maggio,

Dettagli

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO Via Filippo Visconti - Avellino Tel. n. 0825/22350 Cod. Meccanografico: AVRH04000X Cod. Fiscale: 92035900643 Posta elettronica: AVRH04000X@istruzione.it Posta certificata: AVRH04000X@pec.istruzione.it

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE

LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE Liceo Antonio Rosmini - Trento LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione economico sociale CORSO SERALE ISCRIZIONE Il Liceo delle Scienze umane opz. economico sociale corso serale è rivolto a studenti che abbiano

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua.

SCUOLA PRIMARIA. Sperimentare un nuovo metodo d insegnamento per un apprendimento integrato di contenuto e lingua. SCUOLA PRIMARIA Denominazione progetto Priorità cui si riferisce (L.107/2015)e Traguardi di risultato Obiettivo di processo CLIL SCIENCE Sviluppare e potenziare le competenze chiave di cittadinanza. Rispondere

Dettagli

Risultati Secondo anno Risultati

Risultati Secondo anno Risultati PIANO DI MIGLIORAMENTO Nota MIUR 7904 del 01.09.2015 La tabella n. 2 mostra le priorità di miglioramento individuate dalla scuola nella sez. V del RAV e i relativi traguardi. Al termine di ogni anno la

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

Concretamente ogni docente potrà utilizzare: Test e questionari di autovalutazione e autoanalisi. Test preliminari di autorientamento.

Concretamente ogni docente potrà utilizzare: Test e questionari di autovalutazione e autoanalisi. Test preliminari di autorientamento. ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTOPOLI DI SABINA PIANO OFFERTA FORMATIVA A. S. 2012/2013 SINTESI DI PROPOSTA DI ATTIVITA - Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione attività Orientamento scolastico

Dettagli

Formazione docenti/ autovalutazione

Formazione docenti/ autovalutazione Formazione docenti/ autovalutazione Il nostro istituto è chiamato a valutare la significatività Il significato da attribuire al processo di autovalutazione è di migliorare la qualità del servizio come

Dettagli

Verifica finale del Piano dell Offerta Formativa

Verifica finale del Piano dell Offerta Formativa ISTITUTO COMPRENSIVO CAPACCIO PAESTUM Anno scolastico 2014/2015 Il gruppo di autovalutazione, composto dalle funzioni strumentali della scuola, nasce come servizio di supporto affinché il Collegio possa

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE Opzione Economico-Sociale Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2013/2014 INDICE 1. Introduzione. pag. 3 2. Finalità e obiettivi

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO A.S. 2015/2016. Prof. ssa Roberta Colombi Prof. ssa Maria Giovanna Fantoli

PIANO DI MIGLIORAMENTO A.S. 2015/2016. Prof. ssa Roberta Colombi Prof. ssa Maria Giovanna Fantoli PIANO DI MIGLIORAMENTO A.S. 2015/2016 Composizione del nucleo di valutazione: Dirigente Scolastico prof. ssa Carla Nielfi Prof. ssa Roberta Colombi Prof. ssa Maria Giovanna Fantoli 1 Premessa Il Piano

Dettagli

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D

Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI. Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D Rapporto Autovalutazione I.I.S. P. LEVI Periodo di Riferimento - 2014/15 RAV Scuola -TOIS04300D 1. Contesto e risorse 1.1 Popolazione scolastica 1.2 Territorio e capitale sociale 1.3 Risorse economiche

Dettagli

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF

PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF PRESENTAZIONE RACCORDO RAV/POF La compilazione del RAV mira a: MAPPA RAV 2015 a) individuare, analizzare e capire i punti di forza e i punti di debolezza; b) confrontarsi con i dati nazionali/regionali/provinciali

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento NARH07000E IPSAR "CARMINE RUSSO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015.

PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA EX ART.1, COMMA 14, LEGGE N.107/2015. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Scientifico Statale Galileo Ferraris Via Sorrisole, 6-21100 Varese Tel. 0332 226345 Fax 0332 226433 Sito internet: http://www.liceoferrarisvarese.gov.it

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ANNO SCOLASTICO 2015-16 PIANO DI MIGLIORAMENTO Secondo la logica del PDC: 1.Plan - 2.Do - 3.Check - 4.Act RESPONSABILE: Brentegani Silvana NIV: Brentegani Silvana, Michele Cullotta, Ciuffi Federica, Paoletti

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia

Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia Il Progetto Continuità per l A.S. 2012/2013 si è basato su diversi riferimenti legislativi che vedono la continuità come una vera e propria filosofia della scuola poiché traduce in prassi un comune senso

Dettagli

Aula Digitale per Tutti

Aula Digitale per Tutti Premessa Progetto Aula digitale per tutti Il progetto si inserisce nella fase attuale di introduzione delle Lavagne Interattive Multimediali nelle scuole. Con la sua attuazione intende promuovere interventi

Dettagli

MANUALE GESTIONE QUALITA

MANUALE GESTIONE QUALITA MODALITÀ DI RECUPERO Pag. 1 di 8 Modalità di recupero Copia N. controllata non controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto del

Dettagli

Roma, 16 ottobre 2015 Prot. n. 3410 AL COLLEGIO DEI DOCENTI

Roma, 16 ottobre 2015 Prot. n. 3410 AL COLLEGIO DEI DOCENTI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO " AUGUSTO " Via Gela, 14-00182 Roma Distretto 17 Cod. Fiscale 80219690585 - Cod.Mec.

Dettagli

SUCCESSO SCOLASTICO, COMPETENZE DI BASE, EQUITA DEGLI ESITI

SUCCESSO SCOLASTICO, COMPETENZE DI BASE, EQUITA DEGLI ESITI PROGETTO READY TO GO SUCCESSO SCOLASTICO, COMPETENZE DI BASE, EQUITA DEGLI ESITI DESCRIZIONE Il progetto ha come obiettivo quello di accrescere le competenze di base, il recupero degli alunni con carenze

Dettagli

F-3-FSE04_POR_CAMPANIA-2013-206 ISTITUTO TITOLO DEI PERCORSI

F-3-FSE04_POR_CAMPANIA-2013-206 ISTITUTO TITOLO DEI PERCORSI PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE - PIANO AZIONE COESIONE FONDO SOCIALE EUROPEO COMPETENZE PER LO SVILUPPO COFINANZIATO DAL FONDO SOCIALE EUROPEO AVVISO AOODGAI/199 DEL 08/01/2013 CIRCOLARE AOODGAI/11666 DEL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria 1 Grado C. F. 80006670626 C. M. BNIC804009 Viale Europa, 13 Tel / Fax

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria 1 Grado C. F. 80006670626 C. M. BNIC804009 Viale Europa, 13 Tel / Fax ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Scuola dell Infanzia - Primaria - Secondaria 1 Grado C. F. 80006670626 C. M. BNIC804009 Viale Europa, 13 Tel / Fax 0824.851030 e-mail icpontelandolfo@tiscali.it sito web www.icspontelandolfo.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO

ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di PRIMO GRADO BORGO TOSSIGNANO RESPONSABILE DEL PIANO La Dirigente scolastica Grassi Grazia RIELABORAZIONE DEL PIANO Dall Osso Silvia

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO. (Allegato al PTOF)

PIANO DI MIGLIORAMENTO. (Allegato al PTOF) PIANO DI MIGLIORAMENTO (Allegato al PTOF) Tabella 1 - La composizione del nucleo interno di valutazione (DIREZIONE) NOME Dott. Cortese Paolo prof.ssa Servetti Debora prof. Barbero Alberto prof.ssa Brondino

Dettagli

ITIS HENSEMBERGER MONZA piano delle attività a.s. 2015/16

ITIS HENSEMBERGER MONZA piano delle attività a.s. 2015/16 PAG. 1/12 Legenda 1. Presa di servizio collegio docenti 20' 08.10-08.30 2. Comunicazioni del DS mar 1 set recupero debiti formativi dalle ore 08.30 mer 2 set recupero debiti formativi dallle ore 08.30

Dettagli

LICEO PORTA ERBA PIANO DI MIGLIORAMENTO

LICEO PORTA ERBA PIANO DI MIGLIORAMENTO LICEO PORTA ERBA PIANO DI MIGLIORAMENTO LICEO PORTA ERBA - Piano di Miglioramento 05 Riferimenti normativi: DPR 80/0 Nota n. 790 del 0/09/05 C.M. n 059 del /09/05. Scenario di riferimento: breve descrizione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI A SOSTEGNO DELL AUTONOMIA ORGANIZZATIVA E DIDATTICA. PROGRAMMAZIONE 2007-2008.

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA INTERVENTI A SOSTEGNO DELL AUTONOMIA ORGANIZZATIVA E DIDATTICA. PROGRAMMAZIONE 2007-2008. Allegato B alla Delib.G.R. n. 47/ 29 del 22.11.2007 INTERVENTI A SOSTEGNO DELL AUTONOMIA ORGANIZZATIVA E DIDATTICA. PROGRAMMAZIONE 2007-2008. LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Premessa Di seguito

Dettagli

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA

2.3. COMPETENZE CHIAVE E DI CITTADINANZA QUESTIONARIO DOCENTI Gentile docente, Le chiediamo di esprimere la sua opinione su alcuni aspetti della vita scolastica e sul funzionamento della scuola nella quale attualmente lavora. Le risposte che

Dettagli

P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19

P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19 P. D. M.19 ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELNUOVO D. B., COCCONATO, MONTIGLIO MO.TO 2015/19 Sommario 1. PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELL AZIONE DI MIGLIORAMENTO... 3 2. PIANIFICAZIONE DEL MIGLIORAMENTO... 4 2.1

Dettagli

Approvato dal Collegio docenti del giorno 9/09/2015

Approvato dal Collegio docenti del giorno 9/09/2015 28-ago ven 8,30 18,30 Docenti convocati Circ. 337-25/7/15 Prove scritte per gli studenti con giudizio sospeso e esami integrativi (circ. 339) 29-ago sab 8,30 18,30 Consigli di classe Circ. 338-25/7/15

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione

Piano Annuale per l Inclusione Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: Infa Prim Med 1. disabilità certificate (Legge 104/92 art. 3, commi 1 e 3) N.n. 7 14. Ø

Dettagli

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali)

Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Insegnamento con l utilizzo delle L.I.M. (Lavagne Interattive Multimediali) Con il progetto, di cui alla delibera n. 52/9 del 27.11.2009 della RAS avente ad oggetto "POR Sardegna 2007/2013, FERS, Asse

Dettagli

Prot. n..3512 Frosinone, 30/09/2015

Prot. n..3512 Frosinone, 30/09/2015 Prot. n..3512 Frosinone, 30/09/2015 AL COLLEGIO DEI DOCENTI E P.C. AL CONSIGLIO D ISTITUTO AI GENITORI AGLI ALUNNI AL PERSONALE ATA ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) Recupero/potenziamento matematica P1 RAV-PDM

SCHEDA PROGETTO DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA (PTOF) Recupero/potenziamento matematica P1 RAV-PDM Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alessandro Faedo Via Fante d Italia, 31-36072 - CHIAMPO (VI) Tel. 0444/475810 Fax 0444/475825 email viic87800x@istruzione.it

Dettagli

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA

ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO TRIENNALE DELL OFFERTA FORMATIVA VISTO l art. 3 comma 4 del D.P.R. 275/1999 come modificato dall art. 1, comma 14, della Legge

Dettagli

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE INDICATORI PER LA STESURA DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE 1. CONTESTO 1.1 Popolazione scolastica Status socio economico e culturale delle famiglie Livello medio dell'indice ESCS 1.1.a degli studenti Prove

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE Scuola LICEO SCIENTIFICO STATALE E. FERMI di MASSA a.s. 2014/2015 PIA ANNUALE PER L INCLUONE Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo

Indicazioni e orientamenti metodologici per gli Obiettivi ed Azioni del Fondo Sociale Europeo UNIONE EUROPEA Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE Dipartimento dell Istruzione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Uff. V PROGRAMMA OPERATIVO

Dettagli

ITET E. FERMI LANCIANO CURRICOLO E VALUTAZIONE

ITET E. FERMI LANCIANO CURRICOLO E VALUTAZIONE ITET E. FERMI LANCIANO RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE CURRICOLO E VALUTAZIONE Prof.ssa Mariella DI LALLO a.s. 2014-2015 Durante l anno scolastico 2014-2015 le principali attività svolte come funzione

Dettagli

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015

Prot.n.8233/A32 Chieti, 1 ottobre 2015 ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Via Campobasso, 10-66100 CHIETI - tel. Segreteria : 0871 560525 - - fax: 0871565781 codice fiscale: 93048780691 - codice meccanografico: CHIC83700A Indirizzo di posta elettronica

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO - CASSINO (FR) Prot. n. 4723/A01 Cassino 19 settembre2015 Ai docenti dell istituto comprensivo Loro sedi Atti Oggetto: indicazioni e chiarimenti in merito al POF 2015/16 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Vista la L. n.107/2015

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli

Istituto Comprensivo Statale ADELAIDE RISTORI Via L. D Alagno, 16-80138 Napoli Prot.2429/O Napoli 28.09.2015 Al Collegio Docenti Alla DSGA All Albo AL SITO WEB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTI il D.P.R. n.297/94 ; il D.P.R. n. 275/99; il D.P.R. 20 MARZO 2009, N.89, recante Revisione

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELCOLLEGIO DOCENTI DEL 08/06/2015 DELIBERA NUMERO 40...omissis... OGGETTO: Pof 2015-16 IL COLLEGIO

ESTRATTO DAL VERBALE DELCOLLEGIO DOCENTI DEL 08/06/2015 DELIBERA NUMERO 40...omissis... OGGETTO: Pof 2015-16 IL COLLEGIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE A. MEUCCI Sede "A. Meucci" Via Marina Vecchia, 230 54100 MASSA (MS) Tel. 0585 252708-fax.0585 251012 Sede G. Toniolo Via XXVII Aprile, 8/10 54100 MASSA (MS) Tel. 058541284

Dettagli

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi:

Nella crescita sociale l Istituto vuole aiutare lo studente ad aprirsi: OFFERTA FORMATIVA FINALITÁ EDUCATIVE GENERALI Nel corso dei cinque anni d articolazione dei corsi, l Istituto intende garantire agli studenti una formazione integrata che armonizzi la crescita personale,

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015

PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 NOVEMBRE 2015 PERIODO DI PROVA DOCENTI: GUIDA AL D.M. 850/2015 A CURA DI SALVATORE PAPPALARDO Come anticipato nella legge 107 al comma 118 il 27 ottobre 2015 è stato pubblicato il decreto ministeriale

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.CISCATO DOTT. BRUNO SANDRI DIRIGENTE SCOLASTICO RESPONSABILE DEL PIANO

PIANO DI MIGLIORAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.CISCATO DOTT. BRUNO SANDRI DIRIGENTE SCOLASTICO RESPONSABILE DEL PIANO Istituto Comprensivo Statale G. Ciscato Via Marano, 53-36034 MALO (Vi) Tel. 0445/605202 0445/581418 C.F.:83003630247 C.M. VIIC80800N www.ciscato.gov.it e-mail: viic80800n@istruzione.it viic80800n@pec.istruzione.it

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

2015 2016: un anno insieme Dove eravamo arrivati?

2015 2016: un anno insieme Dove eravamo arrivati? Dove eravamo arrivati? NOI... Alle prese con il RAV VOI... Tutti al mare Rapporto di AutoValutazione R.A.V. GIUDIZIO SINTETICO AREA ESITI e AREA PROCESSI 1) CONTESTO 2) ESITI AREE DI INDAGINE SITUAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli