Art. 4: Esenzioni per l abitazione principale, i macchinari imbullonati e i terreni agricoli.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 4: Esenzioni per l abitazione principale, i macchinari imbullonati e i terreni agricoli."

Transcript

1 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (Legge di stabilità 2016)" AS 2111 e Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2016 e bilancio pluriennale per il triennio AS 2112 Testo Camera AC 3444 Il provvedimento, approvato dal Consiglio dei Ministri del 15 ottobre 2015, contiene la manovra di bilancio annuale. Per un analisi più approfondita con le osservazioni sull impatto delle misure di interesse, si rimanda alla scheda di analisi. Aspetti del disegno di legge di particolare interesse confederale: L orientamento complessivo del disegno di legge ha natura espansiva potendo contare su una temporanea deroga al percorso del raggiungimento del pareggio dell indebitamento in termini strutturali. In linea generale gli aspetti positivi che interessano le imprese possono essere così sintetizzati: incremento della franchigia Irap; sistemazione del regime fiscale dei contribuenti minimi; superammortamento degli investimenti in beni materiali e riconferma, per l anno 2016, degli incentivi alle ristrutturazioni delle abitazioni. Nel dettaglio si segnalano le seguenti misure: Art. 3: Eliminazione aumenti accise e IVA. Allo stato attuale l aumento dell IVA è solo posticipato al 2017, cumulando il precedente aumento distribuito su due anni. Art. 4: Esenzioni per l abitazione principale, i macchinari imbullonati e i terreni agricoli. Art. 5: Riduzione IRES ed esenzione IRAP in agricoltura e pesca. L aliquota IRES viene ridotta al 24,5% dal 1 gennaio 2016 e al 24% dal 1 gennaio Art. 6: Detrazioni fiscali per interventi di ristrutturazione edilizia, riqualificazione energetica e acquisto di mobili. Le detrazioni ammontano rispettivamente: al 50%; 65% e 50%. Art. 7: Ammortamenti. Viene riconosciuto un super ammortamento del 140% per gli investimenti in beni strumentali nuovi, effettuati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre Art. 8: Regime fiscale di professionisti e imprese di piccole dimensioni. Revisione del regime fiscale forfettario agevolato e regime di favore per avvio di nuove attività, con riduzione dell aliquota dal 10% al 5% per i primi 5 anni di attività.

2 Art. 9: Misure di riduzione e razionalizzazione fiscale per le imprese ed i lavoratori autonomi. Innalzamento della franchigia IRAP per le ditte individuali, società di persone e attività professionali da a euro e possibilità di recupero immediato dell IVA all apertura di una procedura concorsuale a partire dal 1 gennaio Art. 10: Riduzione del Canone Rai. Art. 11: Proroga dell esonero contributivo per assunzioni a tempo indeterminato. Art. 12: Regime fiscale dei premi di produttività. Art. 14: Misure per lavoratori autonomi; Confermata l aliquota contributiva al 27% per i lavoratori autonomi. Art. 18: Misura di salvaguardia dei lavoratori dall incremento dei requisiti di accesso sistema pensionistico. Art. 19: Opzione donna, invecchiamento attivo e no tax area pensionati. Art. 20: Rifinanziamento ammortizzatori sociali in deroga. Art. 23: Italia nel Mondo. Rifinanziamento del Piano Straordinario per la promozione del Made in Italy dell ICE- Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane. Art. 26: Misure per far fronte alle esigenze della ricostruzione connesse agli stati di emergenza. Art. 28: Rafforzamento dell acquisizione centralizzata. Possibilità per i Comuni di procedere ad acquisti autonomi e affievolimento dell obbligo di acquisto tramite MEPA per beni e servizi di importo inferiore a euro. Art. 33: Riduzione delle spese e interventi correttivi dei Ministeri e delle società pubbliche. Taglio delle risorse destinate al finanziamento degli istituti di patronato e assistenza sociale, attraverso una riduzione dell aliquota dallo 0,207% allo 0,183%. Art. 39: Disposizioni in tema di ragionevole durata del processo. Modifica le procedure per ottenere l'indennizzo da irragionevole durata del processo contenuta nella cosiddetta "Legge Pinto" (n. 89 del 2001) abbassando l'entità dell'indennizzo e introducendo l'obbligo per la parte lesa dall'eccessiva durata di sollecitare i tribunali con rimedi preventivi della violazione del termine. Art. 40: Accelerazione degli interventi cofinanziati e misure europee.

3 Art. 41: Investimenti europei e Istituto nazionale di promozione. Art. 44: Garanzie pubbliche e Fondo di garanzia. Possibilità di rimodulare in via amministrativa, e non più con previsione di legge come previsto allo stato attuale, le risorse assegnate a fondi di garanzia al fine di rendere più tempestivo ed efficace l utilizzo di risorse pubbliche in base alle effettive esigenze e richieste di cittadini ed imprese. Art. 46: Circolazione del contante. Aumento della soglia per l utilizzo del contate a euro. Sede Referente Commissione V Bilancio Senato Il provvedimento è stato assegnato in sede referente alla Commissione Bilancio del Senato, le relatrici sono Magda Zanoni (PD) e Federica Chiavaroli (AP-NCD-UDC). La Commissione Bilancio ha avviato unitamente alla Commissione Bilancio della Camera una serie di audizioni, che si concludono mercoledì 4 novembre con l intervento del Ministro dell economie e delle finanze. Rete Imprese Italia è intervenuta il 2 novembre 2015 in audizione depositando un documento. Il termine per la presentazione degli emendamenti in Commissione Bilancio al Senato è fissato per sabato 7 novembre alle ore 12. Confartigianato (link emendamenti Confartigianato) e Rete Imprese Italia (link emendamenti Rete Imprese Italia- Pacchetto A Pacchetto B) hanno promosso la presentazione di alcuni emendamenti. La Commissione Bilancio ha concluso l esame del provvedimento nella seduta notturna del 18 novembre 2015 ed è stato votato il mandato alle relatrici a riferire in Aula. Si rimanda alla scheda per tutti gli emendamenti direttamente promossi da Confartigianato, ovvero che impattano sul sistema delle imprese, aggiornata con l esito della votazione in Commissione. Emendamenti approvati in Commissione Bilancio del Senato di interesse confederale: - accesso al Fondo di garanzia per le Pmi concesso anche ai piccoli fornitori dell'indotto dell'ilva. Un decreto del Mise, di concerto con il Mef potrà definire, ai fini dell'accesso alla garanzia del Fondo, appositi criteri di valutazione economico-finanziaria delle PMI che tengano conto delle caratteristiche e dei particolari fabbisogni delle stesse imprese. Saranno escluse dalla garanzia le imprese che non hanno adeguate capacità di rimborso del finanziamento bancario da garantire nonché per le imprese in difficoltà (Emendamento delle Relatrici); - estensione dell'imposta di registro agevolata prevista per l'acquisto di prima casa anche nel caso in cui il proprietario venda il secondo immobile in suo possesso entro un anno dal passaggio di proprietà (Em );

4 - regime fiscale e previdenziale agevolato per le borse di studio per la mobilità internazionale degli studenti universitari (nuovo programma Erasmus Plus), per gli anni (Em del Governo); - esenzione dall Iperf delle borse di studio corrisposte per la frequenza di corsi di perfezionamento e delle scuole di specializzazione, per i dottorati di ricerca e lo svolgimento di attività di ricerca dopo il dottorato, erogate dalla Provincia Autonoma di Bolzano (Em ); - misure di contrasto agli affitti in nero: i contratti devono essere registrati entro 30 giorni ed è nulla ogni pattuizione volta a determinare un importo del canone di locazione superiore a quello risultante dal contratto scritto e registrato (Em Mirabelli (PD)); - applicazione della riduzione della metà dell'imposta sul reddito delle persone giuridiche anche per le società in house di edilizia popolare, oltre che - come prevede la normativa attuale - per gli istituti autonomi per le case popolari, comunque denominati, e loro consorzi (Em delle Relatrici); - estensione del maxi ammortamento agli investimenti su macchinari e attrezzature, anche circolanti su rotaia, necessari all'esecuzione di lavori di manutenzione e costruzione di linee ferroviarie e tranviarie (Em Margiotta (Misto)); - abrogazione del regime speciale dell IVA per il settore agricolo per i soggetti passivi con un volume di affari inferiore a (Emendamento delle Relatrici); - esclusione dei beni immobili strumentali dal patrimonio dell'impresa per l'imprenditore individuale. L emendamento prevede la possibilità - per gli imprenditori individuali che al 31 ottobre 2015 possiedono beni immobili strumentali - di optare, entro il 31 maggio 2016, per l'esclusione di questi beni dal patrimonio dell'impresa, con effetto dal periodo di imposta in corso alla data del primo gennaio 2016, mediante il pagamento di un'imposta sostitutiva dell'8% della differenza tra il valore nominale e quello fiscalmente riconosciuto (Em recepisce emendamento 9.15 (testo 2) Zeller, Berger, Palermo, Fravezzi, Laniece, Panizza, Battista, Romano (AUT)); che riformula un emendamento proposto da Confartigianato presentato da parlamentari di tutte le forze politiche (v. scheda emendamenti); - recupero dell IVA possibile in presenza di procedura concorsuale attivate successivamente al 31 dicembre 2016 (il testo del ddl prevedeva l entrata in vigore della norma il 1 gennaio 2017). (Emendamenti 9.47 Mandelli, D'Alì, Ceroni, Boccardi (FI) e 9.48 Tomaselli, Fabbri (PD)); A tale proposito Confartigianato aveva proposto l anticipo dell entrata in vigore della norma al 1 gennaio non tassabilità di tutte le prestazioni sociali erogate dai datori di lavoro in favore dei dipendenti e delle loro famiglie (Emendamento Sacconi (AP (NCD-UDC), Parente (PD), Berger (Aut));

5 - istituzione presso il Ministero dello Sviluppo economico del Fondo per il credito alle aziende vittime di mancati pagamenti con una dotazione di 10 milioni di euro annui per il triennio , avente come finalità il sostegno alle piccole e medie imprese che entrano in crisi a causa della mancata corresponsione di denaro da parte di altre aziende debitrici (Emendamento Dalla Tor, Gualdani, Bianconi, Conte (AP NCD UDC), Bellot, Bisinella, Munerato (Misto, Fare!)); - misure a sostegno della condivisione della responsabilità genitoriale: congedo obbligatorio per il padre lavoratore dipendente e facoltativo da utilizzare in alternativa alla madre che si trovi in astensione obbligatoria (Emendamento ); - proroga fino al 31 dicembre 2017 dei benefici fiscali in favore dei soggetti rientrati in Italia nel periodo compreso tra il 1 marzo e il 6 ottobre 2015, ai quali continua ad applicarsi il regime fiscale agevolato (concorrono a formare la base imponibile dell'irpef i redditi di lavoro dipendente, autonomo o d'impresa prodotti negli anni 2016 e 2017 nella misura, rispettivamente, del 20 % per le lavoratrici e del 30% per i lavoratori) (Emendamento delle Relatrici); - Proroga per il 2016 del voucher baby sitting da parte della madre lavoratrice, al termine del congedo di maternità (Emendamento ); - stanziamento di 9 milioni di euro per ciascuno degli anni 2016, 2017 e 2018 per assicurare la copertura, da parte di INPS e INAIL, delle spese per i cicli di cure termali (Emendamento ); - misure per il sisma in Abruzzo (la stazione appaltante per la ricostruzione delle chiese e degli edifici religiosi, anche recenti, è affidata al Provveditorato per le opere pubbliche, a garanzia di maggiore trasparenza e di omologazione delle procedure) (Emendamenti (ex emendamento testo 2 Pezzopane (PD)); - misure in favore dell Emilia e della Lombardia per il completamento del processo di ricostruzione pubblica a seguito di eventi calamitosi (Emendamento (ex emendamento 26.4 Vaccari, Broglia, Guerra, Caleo, Cuomo, Dalla Zuanna, Mirabelli, Morgoni, Puppato, Sollo, Bertuzzi (PD)); - riduzione, da 48 a 28 milioni, del taglio previsto al comma 11 dell art. 33 ai Patronati. Vengono inoltre ritoccate le percentuali di riduzione del finanziamento ai patronati: si passa dal 60 al 65% nella riduzione dell'aliquota per la determinazione provvisoria del finanziamento e dallo 0,183 allo 0,193% del valore dell'aliquota di finanziamento (Emendamento delle Relatrici) che riformula gli emendamenti proposti da Confartigianato presentati da parlamentari di tutte le forze politiche (v. scheda emendamenti); - riduzione, di 40 milioni di euro per l anno 2016, 70 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017 e 2018 e 100 milioni di euro a decorrere dal 2018, della dotazione finanziaria

6 dei compensi dei CAF ( delle Relatrici) che riformula gli emendamenti proposti da Confartigianato presentati da parlamentari di tutte le forze politiche v. scheda emendamenti); - esclusione per il 2016 dal saldo non negativo (di cui al co.2 dell art. 35) anche delle spese sostenute dai Comuni a compartecipazioni e finanziamenti della Bei (Banca europea per gli investimenti) destinati a interventi di edilizia scolastica esclusi dal beneficio di essere posti fuori dal patto di stabilità interno (Em delle Relatrici); - equiparazione dei liberi professionisti alle piccole e medie imprese, per quanto attiene l accesso ai fondi strutturali europei FSE e FERS, e relativi POR e PON, previsti nella programmazione negoziata per il periodo 2014/2020 (Emendamento delle Relatrici); - limite di 1000 euro per il servizio di money trasfer (Emendamento ); - ripristino dell IVA sul pellet dal 10 al 22% e soppressione del comma 11 dell art. 47 (Emendamento ); - misure di contrasto all elusione della tassa automobilistica (Emendamento delle Relatrici) Ordini del giorno accolti in Commissione Bilancio di interesse confederale: Tra gli ordini del giorno accolti nel corso della discussione in Commissione si segnalano quelli che impegnano il Governo: 1) a valutare, già a partire dal passaggio alla Camera della legge di stabilità: l'introduzione di una semplice misura di contrasto all'evasione fiscale che consista nello stabilire un unico obbligo comunicativo dei dati presenti in tutte le fatture emesse nei confronti di soggetti, anche non passivi IVA, residenti nel territorio dello Stato e dei dati delle sole fatture ricevute da soggetti non residenti nel territorio dello Stato. la possibilità che questo obbligo sia sostitutivo dell'attuale adempimento denominato «spesometro» (articolo 21 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78) e permetta il superamento di altri adempimenti comunicativi (comunicazione delle operazioni effettuate con paesi della «black list», comunicazione dei dati relativi ai contratti stipulati dalle società di «Ieasing» nonché dagli operatori commerciali che svolgono «attività di locazione e di noleggio», comunicazione dei dati registrati riferiti alle fatture ricevute da operatori di «San Marino», comunicazione dei dati delle operazioni di acquisto di beni e prestazioni di servizio ricevute da fornitori residenti nell'unione Europea); la possibilità di prevedere l'obbligatorietà di memorizzazione e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri dei soggetti che non sono obbligati, se non a richiesta del cliente, ad emettere fattura per le loro cessioni o prestazioni (soggetti passivi IVA che operano nel commercio

7 al minuto), superando, progressivamente e con l'eventuale introduzione di adeguati meccanismi premiali, il regime opzionale di cui al decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127 e introducendo un credito d'imposta per agevolare i contribuenti nell'adattamento o nell'acquisto dello strumento tecnico mediante il quale effettuare tale adempimento; la realizzazione, attraverso un progressivo potenziamento delle sue infrastrutture materiali e immateriali, di un incisivo programma di assistenza dei contribuenti da parte dell'agenzia delle Entrate mettendo a loro disposizione in via telematica, gli elementi informativi necessari per le liquidazioni periodiche e per la dichiarazione IVA. Tale ordine del giorno recepisce un emendamento precedentemente accantonato (3.0.4) sul quale Confartigianato ha espresso valutazione negativa. (G/2111/177/5 - Guerra, Lai, Fornaro, Gatti, Pegorer, Ricchiuti, Manassero (PD)) 2) a valutare l'opportunità di prevedere a decorrere dal 1º gennaio 2016, la riduzione dell'aliquota della TASI per i cittadini che effettuano gli interventi di promozione del decoro urbano (interventi di pulizia, manutenzione, abbellimento di aree verdi piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano (G/2111/183/5 Mandelli, D Alì, Ceroni, Boccardi (FI PdL)). Tra gli emendamenti di interesse confederale l odg riprende, in parte, l emendamento 6.37 che prevedeva detrazioni per spese per interventi di sistemazione a verde. 3) a promuovere, nei prossimi passaggi parlamentari, misure ed interventi in favore del Mezzogiorno (l odg assorbe l emendamento di Ruta n che proponeva l introduzione di un credito di imposta per investimenti nel Mezzogiorno) (G/2111/187/5 - Ruta, Ricchiuti, Pezzopane, Uras, Catalfo, Azzollini, D'alì, Ceroni, Milo, Mandelli, Lai, Vaccari, Verducci, Maturani, Tomaselli, Borioli, Fabbri, Cardinali, Gianluca Rossi (PD); 4) a valutare l'opportunità di inserire le spese per grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica, per le porte, tra quelle per le quali poter beneficiare delle detrazioni previste all'articolo 6 (G/2111/188/5 - Vaccari, Caleo, Cuomo, Dalla Zuanna, Mirabelli, Morgoni, Puppato, Sollo (PD). Ll odg assorbe l emendamento 6.6 che introduceva agevolazioni fiscali per l'acquisto di porte e arredi. 5) a presentare nel corso del 2016 un disegno di legge contenente disposizioni utili ad integrare e consolidare la recente riforma del sistema previdenziale sulla base dei seguenti criteri: a. la sostenibilità inerente tanto la finanza pubblica, il cui vincolo va considerato con attenti calcoli degli effetti finanziari, quanto la coesione sociale in considerazione della mancata previsione nella riforma stessa di un regime transitorio e graduale, della divisione prodottasi nelle generazioni adulte con la giusta tutela dei cosiddetti "esodati", degli straordinari cambiamenti indotti dalle

8 tecnologie nelle mansioni dei lavoratori, la persistente debolezza delle donne adulte e degli invalidi a vario titolo nel mercato del lavoro; b. il rispetto delle regole vigenti per coloro che già sono titolari di prestazione previdenziale o sono prossimi a conseguirla nel nome del principio per cui ogni cambiamento deve potenzialmente consentire al cittadino un recupero operoso di reddito, come evidenziato dalla giurisprudenza costituzionale; c. il completamento del metodo di calcolo contributivo con la possibilità di cumulare e ricongiungere, senza oneri, tutti i contributi versati alle diverse gestioni previdenziali; d. adeguati incentivi fiscali ai versamenti volontari tanto dei lavoratori quanto dei datori di lavoro, anche in favore degli ex dipendenti, per periodi di studio, di lavoro a tempo parziale e di non lavoro; e. la possibilità di utilizzare a fini di versamento volontario il TFR o gli accantonamenti nei fondi complementari nei limiti consentiti dalle esigenze di loro sostenibilità; f. il recupero di periodi di studio non solo secondo il calcolo "ora per allora", particolarmente oneroso quando riferito a periodi regolati dal metodo retributivo, ma anche "ora per ora" con la modularità consentita dal metodo contributivo; g. la previsione di età di pensione moderatamente anticipate rispetto all'età ordinaria, sulla base di una prestazione penalizzata in relazione al conseguente allungamento del periodo di corresponsione della prestazione stessa; h. la definizione di misure transitorie più favorevoli per le persone, con particolare attenzione alle donne e agli invalidi, che alla data di entrata in vigore della riforma avevano già raggiunto una determinata età adulta anche allo scopo di evitare disparità di trattamento rispetto ai cosiddetti "esodati" tutelati; i. la individuazione di misure di defiscalizzazione delle somme corrisposte dai datori di lavoro ai lavoratori a titolo di integrazione del reddito o dei versamenti contributivi con lo scopo di accompagnarli all'età di pensione. (G/2111/2/11 - Parente (PD), Pagano (AP- NCD- UDC), Berger (AUT) 6) ad individuare, compatibilmente con le esigenze di finanza pubblica, le opportune risorse per incentivare l'adozione da parte dei Comuni di misure concrete per la gestione della qualità dell'aria ambiente e per l'abbattimento dell'inquinamento atmosferico delle aree urbane, attraverso azioni che riguardano la riqualificazione del trasporto pubblico e l'incremento della mobilità sostenibile, come lo spostamento a piedi o in bicicletta (G/2111/13/13 - Arrigoni, Bignami (Lega))

9 Il passaggio in Aula al Senato: Il provvedimento è passato all esame dell Aula, che ne ha avviato l esame giovedì 19 novembre, ed il Governo vi ha posto la questione di fiducia, presentando un maxiemendamento (prima parte, seconda parte). Il testo del maxi-emendamento, sul quale il Governo ha posto la fiducia, riprende fedelmente il testo approvato dalla Commissione Bilancio (l unica differenza è nella numerazione tra articoli del ddl in Commissione Bilancio ed il testo sul quale il Governo ha posto la fiducia che si compone di un unico articolo per 556 commi). Il provvedimento è stato approvato il 20 novembre dall Aula del Senato con 164 voti a favore, 116 contrari e 2 astenuti. Il passaggio alla Camera dei Deputati (AC3444): Il testo è stato trasmesso alla Camera come AC I relatori sono l On.le Fabio Melilli (PD) e l On.le Paolo Tancredi (AP NCD-UDC). Alla Camera dovrebbero essere affrontati alcuni temi, tra i quali: interventi sul Sud; pensioni; Enti locali (Regioni, Province e Comuni). Il termine degli emendamenti è stato fissato per venerdì 27 novembre alle ore 18:30. Confartigianato ha promosso la presentazione di alcuni emendamenti, sia come Confartigianato sia congiuntamente a Rete Imprese Italia (Link emendamenti Confartigianato e link emendamenti Rete Imprese) volti in particolare a: - innalzare a euro la franchigia IRAP a favore di imprese individuali, società di persone e professionisti, con una base imponibile non superiore a ,6 euro; - eliminare la sanzione impropria relativa alla mancata giustificazione dei prelievi effettuati dagli imprenditori; - detassare i salari di secondo livello; - estendere il voucher baby sitting a imprenditrici artigiane e lavoratrici autonome; - intervenire in materia di trasfertismo e di interpretazione autentica in materia di trasfertismo; - differire il termine del versamento tributi erariali per imprese di autotrasporto creditrici ILVA; - prevedere una copertura finanziaria del voucher per la digitalizzazione delle imprese per le regioni del Centro Nord.

10 Sono stati presentati emendamenti, di cui 600 sono stati segnalati dai gruppi parlamentari e verranno quindi posti in votazione. La Commissione Bilancio ha concluso il 15 dicembre l esame degli emendamenti e il 16 dicembre ha licenziato il testo per l Aula, che ne ha avviato l esame giovedì 17, per concluderlo nella notta tra il 19 e 20 dicembre. Tra gli emendamenti segnalati si evidenziano quelli di volta in volta approvati, accantonati, respinti e ritirati (scheda emendamenti segnalati di interesse confederale). Emendamenti approvati in Commissione Bilancio alla Camera: Tra gli emendamenti approvati in Commissione Bilancio alla Camera, si riportano in quanto di interesse, quelli in tema di: IMPRESE E COMPETITIVITA DEL SISTEMA PRODUTTIVO emendamento 1.1 del Governo, prevede diversi interventi tra i quali si segnalano: - Credito d'imposta per le spese per l'installazione di sistemi di videosorveglianza digitale e allarmi come prevenzione alle attività criminali. Il credito d'imposta ai fini dell'importanza sul reddito non potrà superare i 15 milioni di euro per il 2016 (548-quindicies); - istituzione per l'anno 2016 di un Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo di provincia, finalizzato alla realizzazione di interventi per: la rigenerazione delle aree urbane degradate attraverso la promozione di progetti di miglioramento della qualità del decoro urbano, di manutenzione, riuso e rifunzionalizzazione delle aree pubbliche e delle strutture edilizie esistenti, il potenziamento delle prestazioni urbane anche con riferimento alla mobilità sostenibile, allo sviluppo di pratiche per l'inclusione sociale e per la realizzazione di nuovi modelli di welfare metropolitano, anche con riferimento all'adeguamento delle infrastrutture destinate ai servizi sociali, educativi e didattici, nonché alle attività culturali (commi 548 octies-548 duodecies) - il riconoscimento, per l anno 2016, di un credito di imposta di euro (e comunque non eccedente il costo dello strumento) per l acquisto di strumenti musicali nuovi da parte degli studenti dei conservatori di musica e degli istituti musicali pareggiati, nel limite complessivo di 15 milioni di euro. Lo strumento musicale oggetto di agevolazione deve essere acquistato presso un produttore o un rivenditore, dietro presentazione di un certificato di iscrizione rilasciato dal conservatorio o dagli istituti musicali pareggiati da cui risultino cognome, nome, codice fiscale e corso di strumento cui lo studente è iscritto (548-septiesdecies) modifica del termine "opere di ingegno" (previsto ora è a cui è rivolto il credito d'imposta) con "software protetto da copyright". La modifica corregge la portata del tax credit che potrà essere applicato anche a una famiglia di prodotti. Il correttivo permette di considerare come un solo bene immateriale una pluralità di beni connessi tra loro da un vincolo di complementarietà e vengono utilizzati congiuntamente ai fini della realizzazione di un prodotto o di un gruppo di processi (9-bis.13 del Governo); stanziamento di 300 mln. di euro alle attività di credito per l esportazione e l internazionalizzazione del sistema produttivo (23.40 del Governo);

11 estensione del credito d'imposta per gli investitori esterni al settore cinematografico e audiovisivo anche per la distribuzione in Italia ed all estero. La modifica del Tax credit per il cinema (40%) verrà definita in un futuro decreto del ministero dei Beni culturali e viene prevista una rimodulazione degli sconti per un altro credito, quello sui costi effettivi sostenuti da parte delle produzioni per la realizzazione di film. La percentuale ora fissa al 15% potrà crescere fino al 30%. Sale invece dal 30 al 40% il credito d'imposta per le spese sostenute per l'introduzione e acquisizione di impianti e apparecchiature destinate alla proiezione digitale (21.81 del Governo, comma 325 e ss.); incremento di 150 mln di euro per l anno 2016 della dotazione del Fondo a copertura delle garanzie dello Stato concesse alla SACE S.p.A. a fronte di rischi non di mercato (44.61 del Governo); modifica della disciplina del Fondo per lo sviluppo di attività innovative che si uniscono in ATI o RTI o in reti di impresa aventi nel programma comune di rete lo sviluppo di attività innovative al fine di operare su manifattura sostenibile e artigianato digitale. Viene estesa la platea delle imprese destinatarie del sostegno ammettendo le imprese che si uniscono in un numero almeno pari a 5, mentre precedentemente il numero minimo era di 15 ( Crippa (M5S)); esenzione dall'accisa dell'energia elettrica prodotta con impianti azionati da fonti rinnovabili con potenza disponibile superiore a 20 kw consumata dalle imprese di autoproduzione in locali e luoghi diversi dalle abitazioni (47.73 NF Plagger (MISTO-Minoranze linguistiche); incremento di 1 mln di euro dello stanziamento per il 2016 per il potenziamento delle azioni dell ICE-Agenzia relative al Piano straordinario per la promozione del Made in Italy. Tale milione di euro è destinato al finanziamento dell Associazione delle camere di commercio italiane all'estero per il sostegno delle piccole e medie imprese nei mercati esteri e la diffusione internazionale dei loro prodotti e servizi e per incrementare la presenza delle produzioni italiane presso i mercati e presso i consumatori internazionali, al fine di contrastare il fenomeno dell'italian sounding e della contraffazione dei prodotti agroalimentari italiani (23.36 NF nella formulazione originaria l incremento era di 5 mln - Mongiello (PD)); INTERVENTI IN FAVORE DEL MEZZOGIORNO Emendamento 7.39 del Governo sul Mezzogiorno, approvato con modifiche, prevede il riconoscimento di un credito di imposta per investimenti in beni strumentali nuovi effettuati da attività produttive operanti nel Mezzogiorno ed un esonero contributivo per le assunzioni. Nello specifico: Il credito di imposta è riconosciuto in misura differenziata in relazione alle dimensioni aziendali: - 20% per le piccole imprese; - 15% per le medie imprese; - 10% per le grandi imprese. L agevolazione è riconosciuta dal 1 gennaio 2016 sino al 31 dicembre 2019 ed è commisurata alla quota del costo complessivo per i beni nel limite massimo per ciascun progetto di investimento:

12 - 1,5 milioni per le piccole imprese; - 5 milioni per le medie imprese; - 15 milioni per le grandi imprese. Il credito di imposta è utilizzabile solo in compensazione mediante il Modello F24 e non è cumulabile con gli aiuti di Stato di importanza minore. Per beneficiare dell agevolazione i soggetti interessati devono presentare apposita comunicazione all Agenzia delle Entrate. Le modalità, i termini di presentazione e il contenuto della comunicazione sono stabilite con provvedimento del direttore dell'agenzia medesima, da emanarsi entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della presente legge. L'Agenzia delle entrate comunica alle imprese l'autorizzazione alla fruizione del credito d'imposta. Sono agevolabili gli investimenti, facenti parte di un progetto di investimento iniziale (art.o 2, punti 49, 50 e 51 del Regolamento (UE) 651/2014 della Commissione, del 17 giugno 2014) relativi all'acquisto, anche mediante contratti di locazione finanziaria, di macchinari, impianti e attrezzature varie destinati a strutture produttive già esistenti o che vengono impiantate nel territorio. L'agevolazione non si applica alle imprese in difficoltà finanziaria ed ai soggetti che operano in alcuni settori (siderurgico; carbonifero; della costruzione navale; delle fibre sintetiche; dei trasporti e delle relative infrastrutture; della produzione e della distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche; nei settori creditizio, finanziario e assicurativo). E prevista anche l estensione dell esonero contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato per il 2017 nelle Regioni del Sud condizionata ad una ricognizione finalizzata a verificare lo stato di utilizzo delle risorse del Piano di Azione e Coesione (PAC) non ancora destinate ad impegni vincolanti. L ammontare delle risorse, determinato entro il 31 marzo 2016 con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, che risulteranno disponibili sarà utilizzato per attivare tale misura di esonero contributivo potenziato per i datori di lavoro delle regioni del Sud. LAVORO E PREVIDENZA Emendamento del Governo (approvato con modifiche) interviene in materia di pensione, prevedendo: - in tema di indicizzazioni, di esplicitare che la percentuale di adeguamento delle pensioni al tasso di inflazione non possa risultare inferiore a zero (comma 158 ter). - in tema di pensioni, di anticipare al 2016 la cosiddetta no tax area per in pensionati, la misura delle detrazioni Irpef spettanti con riferimento ai redditi da pensione. - l abrogazione, dal 1 luglio 2016, delle disposizioni concernenti i contratti di solidarietà stipulati dalle imprese che non rientrano nel campo di applicazione dell art. 1 del DL 726/1984 (imprese industriali, aziende appaltatrici di servizi di mensa o ristorazione, aziende esercenti attività commerciale, giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti dipendenti da imprese editrici di giornali quotidiani, di periodici e di agenzie di stampa e, a determinate condizioni, imprese artigiane non rientranti nel campo di applicazione del trattamento straordinario di integrazione salariale). Si stabilisce che il contributo dovuto per un massimo di due anni a tali imprese (pari alla metà del monte retributivo da esse non dovuto a seguito della

13 riduzione di orario) si applica, nel limite massimo di 60 milioni di euro per il 2016 (a cui si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo sociale per l occupazione e la formazione): in caso di contratti collettivi aziendali stipulati in data antecedente al 15 ottobre 2015, per tutta la durata stabilita negli accordi; negli altri casi, fino al 31 dicembre (comma 164-bis) - il rifinanziamento della Dis-coll (indennità per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa e a progetto) per il 2016 con 54 milioni e per il 2017 con 24 milioni (comma 165-quater); esclusa la condizione dei 90 giorni di effettivo lavoro per le domande per i trattamenti ordinari di integrazione salariale (CIGO e CIGS) per eventi oggettivamente non evitabili (eliminando la limitazione al settore industriale) (20.49 Dell Aringa); confermata l esclusione, prevista dall art. 3 del D. Lgs. 869 del 1947, di alcune imprese (tra le quali quelle del settore trasporti le imprese artigiane e le cooperative, i facchini) dall applicazione delle norme sull integrazione salariale, escludendo di fatto tali imprese dall applicazione del Jobs Act (20.50 Dell Aringa); ai fini dell'imposta sul reddito vengono assimilati ai redditi di lavoro dipendente (art. 50 del TUIR DPR n. 917 del 1986), il reddito dei soci delle cooperative artigiane che hanno un rapporto di lavoro in forma autonoma, fermo restando il loro trattamento previdenziale (8.3 NF Laffranco FI e 8.45 Di Maio ed altri PD); ai fini della determinazione dei premi di produttività è computato il periodo di congedo di maternità ( (Nuova formulazione) Simonetti, Guidesi (LN), Palese, Abrignani (AP- NCD-UDC e (Nuova formulazione) Di Salvo, Gribaudo, Albanella, Baruffi, Stella Bianchi, Boccuzzi, Carnevali, Casellato, Cuomo, Damiano, Cinzia Maria Fontana, Giacobbe, Gnecchi, Iacono, Incerti, Patrizia Maestri, Miccoli, Paris, Giorgio Piccolo, Rostellato, Rotta, Simoni, Tinagli, Zappulla, Agostini (PD), Locatelli (MISTO-PSI-PLI), Galgano (SCpI), Milanato, Polverini, Dorina Bianchi (FI), Fabbri, Cominelli, Manzi, Carocci, Cimbro, Albanella, Scuvera (PD), Palese, Abrignani (AP-NCD-UDC)); estesa la deducibilità al 70% del costo del lavoro dall'imponibile Irap anche ai lavoratori stagionali impiegati per almeno 120 giorni nel periodo d'imposta, a decorrere dal secondo contratto stipulato con lo stesso datore di lavoro nell'arco di due anni a partire dalla cessazione del precedente contratto (5.7 NF Pagano (AP-NCD-UDC); 5.14 NF Arlotti (PD)); i datori di lavoro, gli enti bilaterali o i Fondi di solidarietà possono versare la contribuzione a fini pensionistici ai lavoratori interessati da riduzione stabile dell orario di lavoro e di retribuzione nei casi in cui la contribuzione non venga riconosciuta dall INPS. La disposizione mira a promuovere il ricorso ai contratti di solidarietà espansivi previsti dal D. Lgs. 148/2015 del Jobs Act ( NF Dell Aringa (PD)); estensione in via sperimentale per il 2016 e nel limite di 2 milioni di euro, alle madri lavoratrici autonome o imprenditrici della possibilità di richiedere, in sostituzione (anche parziale) del congedo parentale, il voucher baby-sitting o per i servizi per l'infanzia (erogati da soggetti pubblici o da soggetti privati accreditati) ( NF Pastorelli (MISTO-PSI-PLI) identico a 19.3 Pastorino, Civati, Andrea Maestri, Brignone, Matarrelli, Artini, Baldassarre, Bechis, Segoni, Turco (MISTO-ALTERNATIVA LIBERA-POSSIBILE); 19.6 Sandra Savino, Alberto Giorgetti, Milanato, Prestigiacomo (FI); 19.8 Laffranco (FI); Squeri (FI); Centemero (FI); Allasia, Simonetti, INVERNIZZI (LN); Galgano, Librandi (SCpI);

14 FISCO: Vignali, Pagano (AP-NCD-UDC); Ginato, Borghi, Falcone (PD); De Mita (AP-NCD-UDC); Patrizia Maestri (PD); Rigoni (PD); Giovanna Sanna, Casellato (PD); Gnecchi, Damiano, Incerti, Albanella, Giacobbe Gribaudo, Paris, Di Salvo (PD); Rizzetto, Mucci, Prodani, Barbanti (MISTO); Paola Bragantini, Brandolin, Bargero (PD); Dellai (PER L'ITALIA - CENTRO DEMOCRATICO); Romanini (PD); Carrescia (PD); Coppola Boccadutri, Basso (PD); Cani (PD); Dell'aringa(PD); Gebhard Alfreider Ottobre Schullian, Plangger Marguerettaz (MISTO-MINORANZE LINGUISTICHE); Corsaro Altieri, Bianconi, Capezzone, CHIARELLI Ciracì, Distaso, Fucci, Latronico, Marti, Palese (MISTO- CONSERVATORI E RIFORMISTI); Locatelli, Pastorelli (MISTO-PARTITO SOCIALISTA ITALIANO (PSI) - LIBERALI PER L'ITALIA (PLI), Milanato (FI), Dorina Bianchi (AP-NCD-UDC),Galgano (SCpI), Rossomando (PD); Matteo Bragantini, Caon, Marcolin Prataviera (MISTO) ai fini della determinazione della tariffa sui rifiuti, viene prevista una proroga fino al 2017 del riferimento ai coefficienti contenuti D.P.R n. 158 (Regolamento recante norme per la elaborazione del metodo normalizzato per definire la tariffa del servizio di gestione del ciclo dei rifiuti urbani) (emendamento (Fragomeli, Pelillo, Petrini, Ginato, Moretto (PD)); aggiunto il comma 43-bis che estende l applicazione delle detrazioni per interventi di efficienza energetica (ecobonus), pari al 65% delle spese sostenute (articolo 14 del D.L. n. 63/2013), anche per l'acquisto, l'installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento e/o produzione di acqua calda e/o climatizzazione delle unità abitative, che garantiscono un funzionamento efficiente degli impianti, nonché dotati di specifiche caratteristiche (6.97 NF Terzoni M5S); possibilità per i soggetti che si trovano nella no tax area (pensionati, dipendenti ed autonomi) di cedere la detrazione fiscale loro spettante per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali ai fornitori che hanno effettuato i lavori, con modalità da definire con successivo provvedimento dell Agenzia delle Entrate (6.77 (Borghi PD)); esteso il meccanismo del reverse charge (inversione contabile ai fini IVA) anche alle prestazioni di servizi resi dalle imprese consorziate nei confronti del consorzio di appartenenza, nel caso in cui questo consorzio sia aggiudicatario di una commessa nei confronti di un ente pubblico, al quale il consorzio sia tenuto ad emettere fattura. L efficacia della norma è condizionata all autorizzazione dell UE (9.74 Vecchio, Sottanelli, Librandi SCIP)); nessuna sanzione in caso di lieve ritardo o di errata trasmissione dei dati relativi al 2014 ovvero relativi al primo anno di applicazione della normativa, a condizione che l errore non abbia determinato una indebita fruizione di detrazioni o deduzioni nella dichiarazione precompilata. Si tratta, in particolare, delle sanzioni a carico dei soggetti obbligati con riferimento alle prestazioni sanitarie; quelle a carico degli altri soggetti obbligati, quali banche, fondi pensioni, imprese assicuratrici e enti previdenziali; quelle a carico dei sostituti di imposta. Viene inoltre specificato che, in riferimento alle detrazioni per spese funebri, la

15 nuova disciplina si applica a decorrere dall anno d imposta Infine viene introdotto, con subemendamento il carattere sperimentale per il 2016 dell esclusione dal c.d. spesometro per i contribuenti che trasmettono i dati tramite il sistema tessera sanitaria nell'ambito del 730 precompilato (49.50 del Governo, come modificato dal subemendamento Pelillo (PD)); modifica alla disciplina del trattamento fiscale dei contributi volontari ai consorzi obbligatori. In particolare viene chiarito che sono deducibili le somme corrisposte, anche su base volontaria, a consorzi cui le imprese aderiscono ottemperando a obblighi di legge, indipendentemente dal trattamento contabile e purché utilizzate agli scopi dei consorzi. Le medesime somme sono deducibili dall IRAP. Infine viene stabilito che le agevolazioni introdotte si applicano retroattivamente, ossia dall esercizio in corso al 31 dicembre 2015 (50-ter.34 del Governo come modificato dal subemendamento 0.50-ter.34.1 dei Relatori); proroga al 2016 della compensazione delle cartelle esattoriali in favore delle imprese titolari di crediti commerciali e professionali non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, maturati nei confronti della pubblica amministrazione e certificati secondo le modalità previste dalla normativa vigente (9.103 NF Fantinati (M5S)); prevista, a partire dal 2016, anche per gli avvocati che vantano crediti per spese di giustizia nei confronti dello Stato, la possibilità di porre tali somme in compensazione con quanto dovuto per imposte, tasse e contributi previdenziali (39.47 NF Rossomando (PD)); reso strutturale il credito di imposta per le spese sostenute nei procedimenti di negoziazione assistita per la risoluzione stragiudiziale delle controversie, nel limite di spesa di 5 milioni di euro annui a decorrere dal 2016 (39.40 NF Berretta (PD)); riconosciuta la possibilità ai contribuenti decaduti, nei 36 mesi antecedenti al 15 ottobre 2015, dal beneficio della rateazione di somme dovute a seguito di accertamenti con adesione, di essere riammessi alla dilazione. Tale riammissione è condizionata alla ripresa, entro il 31 maggio 2016, del versamento della prima rata scaduta (9.47 NF Sanna (PD)); detrazione Irpef del 50% sull'iva pagata per l'acquisto, entro il 2016, di abitazioni di classe energetica A o B cedute dalle imprese costruttrici. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali (4-quater.10 NF Matarrese (SCpI); 4-quater.9 NF Vignali (AP-NCD-UDC); 4- quater.12 NF Marchi (PD)); credito d imposta per la riqualificazione degli alberghi anche nel caso in cui la ristrutturazione edilizia comporti un aumento della cubatura complessiva, qualora sia effettuata nel rispetto della normativa vigente (c.d. piano casa) (21.21 Sammarco (AP-NCD- UDC)); CAF E PATRONATI i CAF potranno, al posto della polizza assicurativa richiesta per lo svolgimento delle proprie attività di assistenza, prestare idonea garanzia sotto forma di titoli di Stato o titoli garantiti dallo Stato, o sotto forma di fideiussione bancaria o assicurativa. Viene inoltre previsto che i CAF, nell'ambito della normativa sulla responsabilità solidale con chi commette violazioni relative all'assistenza dei contribuenti (visto di conformità ed asseverazione infedeli, certificazione tributaria infedele), debbano non solo pagare una somma pari alla sanzione, ma anche ulteriori somme irrogate al trasgressore. Infine i requisiti

16 previsti per lo svolgimento dell'attività dei Caf (in particolare, in relazione al numero di dichiarazioni da essi trasmesse) si applicheranno con riferimento alle dichiarazioni trasmesse negli anni , invece che degli anni da 2016 a 2018 (49.35 Ribaudo (PD)); modifica alla L. finanziaria dello scorso anno prevedendo lo scioglimento per quei patronati che non rispettano i requisiti al 2016 anziché a 2014 (33.55 Parisi MISTO- ALLEANZA LIBERALPOPOLARE AUTONOMIE ALA-MAIE-MOVIMENTO ASSOCIATIVO ITALIANI ALL'ESTERO); riduzione da 28 mln a 15 mln del taglio di risorse previsto per i patronati (riformulazione degli emendamenti Zappulla; Piccone (AP-NCD-UDC); De Mita (AP- NCD-UDC); AUTOTRASPORTO l emendamento del Governo aggiunge, tra l altro, i commi da 372-bis a 372- duodecies che, in parte, interessano il settore dell autotrasporto e in particolare si segnalano le seguenti disposizioni: - esclusione, a decorrere dal 1 gennaio 2016, dal credito di imposta relativo alle accise per il petrolio per autotrazione, dei veicoli di categoria euro 2 o inferiore (co. 372-bis); - destinazione dei risparmi ricavati dalla limitazione dell agevolazione per il gasolio da autotrazione), a due finalità: a) il 15% per favorire l acquisto di mezzi di ultima generazione per l autotrasporto merci su strada; b) l 85% al Fondo per l acquisto di automezzi per il trasporto pubblico locale e regionale di cui al comma 496 (co.372-ter); - stanziamento di 10 mln di euro per l anno 2016 per garantire l operatività della sezione speciale trasporto del Fondo di garanzia per le PMI (co. 372-septies); - riconoscimento, a chi ne fa richiesta e a titolo sperimentale per tre anni, di un esonero dell 80% della contribuzione previdenziale (ad eccezione dei premi INAIL) a carico dei datori di lavoro per i conducenti di veicoli destinati al trasporto di cose o di persone se dotati di tachigrafo digitale e prestanti attività di trasporto internazionale per almeno 100 giorni annui (co. 372-octies); - riduzione delle deduzioni forfetarie relative alle spese non documentate riconosciute agli autotrasportatori. Al fine del riconoscimento delle deduzioni forfetarie viene eliminata la distinzione tra trasporti regionali ed extra regionali e viene previsto che queste spettino in un unica misura per i trasporti effettuati dall imprenditore oltre il comune in cui ha sede l impresa e nella misura del 35% di tale importo per i trasporti effettuati all interno del comune; - reintroduzione dell obbligo di esibire la prova documentale con riferimento alle attività di trasporto internazionale di merci (co. 372-decies); modifica al Codice della strada integrando l elenco delle violazioni che possono essere accertate con apparecchiature di rilevamento e per le quali non è necessaria la contestazione immediata: si aggiungono le revisioni dei veicoli (di cui all art. 80 Codice

17 della Strada); le violazioni della massa a pieno carico dei veicoli e rimorchi (di cui all art. 167 Codice della Strada) e le violazioni dell assicurazione RC auto (di cui all art. 193 Codice della Strada) (33.76 Boccadutri (PD)); SALVA BANCHE si introducono misure volte ad agevolare l attuazione dei programmi di risoluzione della Cassa di risparmio di Ferrara Spa, della Banca delle Marche Spa, della Banca popolare dell'etruria e del Lazio - Società cooperativa e della Cassa di risparmio della Provincia di Chieti Spa. Viene introdotto un nuovo strumento per affrontare la crisi: la cd. risoluzione, con la quale si consente di avviare un processo di ristrutturazione gestito da autorità indipendenti in Italia, la Banca d'italia volto a evitare interruzioni nella prestazione dei servizi essenziali offerti dalla banca, a ripristinare condizioni di sostenibilità economica della parte sana della banca e liquidare le parti restanti. Ai fini della risoluzione di banche e gruppi, le autorità preposte allo scopo possono attivare una serie di misure, tra cui anche trasferire temporaneamente le attività e passività a un'entità a degli enti-ponte costituiti e gestiti dalle autorità per proseguire le funzioni più importanti, in vista di una successiva vendita sul mercato. A tale proposito dalla data di entrate in vigore del decreto sono state costituite quattro società per azioni con la funzione di enti-ponte: Nuova Cassa di risparmio di Ferrara S.p.A., Nuova Banca delle Marche S.p.A., Nuova Banca dell'etruria e del Lazio S.p.A, Nuova Cassa di risparmio di Chieti S.p.A. Viene infine istituito un Fondo nazionale di risoluzione, che sottoscrive le relative azioni degli enti-ponte (Em del Governo); viene istituito Fondo di solidarietà in favore degli investitori (persone fisiche, imprenditori individuali, coltivatori diretti o imprenditori agricoli) che, alla data del 23 novembre 2015, detenevano strumenti finanziari subordinati emessi dalla banche interessate dal decreto Salva Banche. Il Fondo è alimentato dal Fondo Interbancario di tutela dei depositi (FIDT), con una dotazione massima di 100 mln di euro. Viene demandato a provvedimenti rango secondario, da emanare entro 90 gg dall entrata in vigore della norma, la definizione, tra l altro, delle modalità di gestione del Fondo, delle modalità e le condizioni di accesso, inclusi le modalità e i termini per la presentazione delle istanza, delle procedure e le ulteriori disposizioni attuative. Viene infine specificato che viene fatto salvo il diritto al risarcimento del danno, prevedendo la surroga del Fondo nel risarcimento e nel limite delle somme eventualmente corrisposte (42.75 del Governo, come modificato dai subemendamenti (Pelillo PD); (Pelillo PD) e Galati (Misto); introduzione di un addizionale IRES del 3,5% per gli enti creditizi e finanziari (5.57 del Governo); CALAMITÀ NATURALI Le popolazioni colpite da calamità naturali, che hanno avuto la sospensione del pagamento dei tributi, al termine della sospensione non dovranno pagare interessi, more o sanzioni per i tributi arretrati non pagati nel periodo di sospensione. Inoltre il pagamento degli arretrati potrà avvenire a rate, per un massimo di 18. Viene inoltre previsto che anche per chi non ha avuto la sospensione dei tributi, ma è residente in una zona colpita da calamità naturali e in stato di emergenza, potrà chiedere la rateizzazione fino a 18 rate per il pagamento delle tasse. Per far fronte alle esigenze derivanti dal differimento

18 della riscossione, viene istituito un Fondo rotativo con dotazione di 5 milioni di euro (26.17 Testo 2, Marchi (PD)); Finanziamenti ai territori colpiti dal sisma in Lombardia, Veneto e Emilia del maggio 2012 e istituzione di Zone Franche Urbane in alcuni centri storici di comuni in Lombardia (S.Giacomo delle Segnate, Quingentole, S. Giovanni del Dosso, Quistello, S. Benedetto Po, Moglia, Gonzaga, Poggio Rusco e Suzzara). Le agevolazioni fiscali consistono in: esenzione dalle imposte sui redditi (fino a 100 mila euro), esenzione dall IRAP (nel limite di 300 mila euro), esenzione IMU. La durata delle esenzioni è limitata al 2016 (26- quater.30 NF Ghizzoni (PD)); riconoscimento al capo dipartimento della Protezione Civile di 7,5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2016 e 2017 per speciali elargizioni in favore dei familiari delle vittime dell'alluvione del 5 maggio 1998 a Sarno ( 26-quater.14 Fanucci (PD)); proroga al 31 dicembre 2016 della contabilità speciale relativa alla gestione della situazione di emergenza inerente gli eventi alluvionali che hanno colpito il Veneto nei mesi di ottobre-novembre 2010 ( 27-quater.1 NF Busin (LNA); 27-quater.3 NF Sbrollini (PD)); REGIONI ED ENTI LOCALI alle Regioni che non hanno rispettato nell'anno 2014 i vincoli del patto di stabilità interno e che hanno destinato al pagamento dei debiti commerciali una quota dell'obiettivo del patto di stabilità, si applicano esclusivamente le norme in materia di contrattazione integrativa e non le ulteriori deroghe alla disciplina sanzionatoria per la violazione del patto di stabilità (34.91 Marchi (PD)); soppressa la possibilità per i Comuni ritardatari di far valere le delibere sulle aliquote Imu-Tasi deliberate dopo il 30 luglio Vengono riscritti i commi 23 e 24 della Stabilità, rimodulando anche la norma che impedisce agli enti locali di aumentare le tasse nel Si prevede che per l'anno 2016, limitatamente agli immobili non esentati, i comuni possono mantenere con espressa deliberazione del Consiglio comunale la maggiorazione Tasi dello 0,8 nella stessa misura applicata per il (4.258 del Governo); Nel 2016 verrà istituita una Commissione del ministero dell'economia per la definizione dei criteri per i fabbisogni standard dei Comuni. Viene, inoltre, soppressa la commissione tecnica paritetica per l'attuazione del federalismo fiscale (Copaff) e sostituita con la Commissione Tecnica per i Fabbisogni Standard (4.256 del Governo con sub Guidesi LNP); ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DA PARTE DELLA PA E TRASPARENZA NELLA PA modifica del comma 273, che prevede la presentazione annuale da parte delle PA di un programma biennale e suoi aggiornamenti annuali degli acquisti di beni e di servizi di importo stimato superiore a 1 milione di euro, per richiedere la comunicazione e la pubblicazione di tutti i contratti stipulati in esecuzione del programma biennale e dei suoi aggiornamenti. Tale obbligo si applica anche ai contratti in corso alla data di entrata in vigore della legge aventi ad oggetto la fornitura alle amministrazioni pubbliche di beni e servizi di valore superiore a un milione di euro (28.80 della I Commissione e Mazziotti Di Celso, Librandi (SCpI));

19 specificato che, in materia di rafforzamento dell acquisto di beni e servizi da parte delle PA e, in particolare, in merito all individuazione delle categorie di beni e servizi e delle soglie oltre le quali le amministrazioni ricorrono obbligatoriamente alla Consip o agli altri soggetti aggregatori, gli ambiti territoriali entro i quali possono operare i soggetti aggregatori (diversi dalla Consip e dalla centrale di committenza regionale) coincidono con la regione di riferimento (28.93 NF Relatori, come modificato dal subemendamento Mazziotti); aggiunto tra gli obblighi di informazione a carico delle società controllate dalle amministrazioni pubbliche quello di pubblicare - in caso di conferimento di incarichi di collaborazione o di consulenza o professionali - il tipo di procedura seguito per la selezione del contraente e il numero di partecipanti alla procedura ( Mazziotti Di Celso, Librandi (SCpI) e della I Commissione); ALTRE MISURE DI INTERESSE Pos e Pagamenti Esteso l obbligo per i soggetti che vendono prodotti o prestano servizi di accettare pagamenti anche mediante carte di credito, oltre che di debito, anche per piccoli importi. Si riduce la commissione per i micropagamenti, fino a 5 euro, in modo da incentivare l accettazione di pagamenti con carta anche per acquisti di lieve entità. L obbligo non trova applicazione nei casi di oggettiva impossibilità tecnica. Viene inoltre esteso, dal 1 luglio 2016, l obbligo di accettare pagamenti elettronici anche mediante dispositivi di controllo di durata della sosta. (46.28 NF Boccadutri (PD)); Acquisto automezzi trasporto pubblico locale e regionale stanziamento di ulteriori da destinare al Fondo per l acquisto diretto di automezzi per il trasporto pubblico locale e regionale e estensione del Fondo all ipotesi del noleggio e a tutte le tipologie di mezzi, anziché dei soli automezzi ( del Governo); Violazioni normativa Ue modifica della disciplina dei poteri sostitutivi dello Stato nei casi di violazione della normativa europea accertata con sentenza della Corte di Giustizia dell UE che condanna l Italia al pagamento di sanzioni pecuniarie. In particolare viene attribuita valenza retroattiva alla possibilità di commissariamento anche per le "diffide" effettuate prima dell'entrata in vigore della legge di Stabilità. Vengono inoltre specificati i compiti del commissario straordinario, che ricalcheranno quelli già previsti per i presidenti di Regione per l'emanazione di provvedimenti per l'attuazione delle norme mancanti (40.78 del Governo); Le multe comminate in caso di mancato o ritardato recepimento della normativa europea saranno pagate dalle diverse Amministrazioni soccombenti in giudizio, e non più dalla Presidenza del consiglio (29.48 DEI Relatori)); Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica riduzione del numero di esperti del Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (Dipe), in capo al Cipe: - soppressione dell'unità tecnica Finanza di progetto e trasferimento delle competenze a Dipe;

20 - riduzione del numero di consulenti di investimenti pubblici da 25 a 18 (33.425, Governo); Concessioni demaniali marittime sospensione fino al dei procedimenti amministrativi nelle more della riforma della materia delle concessioni demaniali marittime (27.46 NF - Pizzolante (AP-NCD- UDC)); Agenzie di viaggio Posticipato al 30 giugno 2016 l'obbligo per le agenzie di viaggio di stipulare assicurazioni private o fornire apposite garanzie per i viaggi organizzati (22.9 NF Pagano (AP (NCDUDC)); Salvaguardia di Venezia Stanziati 5 milioni di euro per il 2016 e 10 milioni di euro per ciascuno degli anni da destinare agli interventi per la salvaguardia di Venezia di competenza dei Comuni di Venezia, Chioggia e Cavallino-Treporti ( NF Martella (PD)); Il passaggio in Aula alla Camera: L Aula della Camera ha approvato il provvedimento nella notte tra il 19 e 20 dicembre, approvando alcune ulteriori modifiche, tra le quali si segnalano: del Governo, che sopprime la disposizione inserita nel testo del provvedimento, con emendamento a prima firma Dorina Bianchi (FI) approvato in Commissione Bilancio, che prevedeva che per il 2016 alle imprese di 8 Regioni del Sud Italia (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna) sarebbe stata riservata una quota di almeno il 20% delle risorse: della c.d. 'nuova Sabatini', ovvero il credito di imposta per l'acquisto di nuovi macchinari; del Fondo di garanzia per le Pmi; delle misure per l'internazionalizzazione delle imprese; del sostegno alla nascita e per le startup. Cancellata anche la previsione in base alle quale se entro un anno le imprese e le Regioni del Sud non sapranno valorizzare queste risorse e non le useranno, allora saranno redistribuite tra tutte le Regioni. Tab.c.100 Governo, che riduce di 2,5 milioni per il 2016 la voce della Tabella C relativa a sostegno all internalizzazione delle imprese e promozione del Made in Italy; del Governo, che sopprime il comma della manovra sul Fondo per il credito alle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata che indicava le modalità di finanziamento del Fondo per gli anni successivi al Dunque rimane confermato il finanziamento di 10 mln solo per il triennio ; Emendamento 1.61 Marchi, Bindi, Miotto (PD), Melilla (SEL) - esclusione dall applicazione della norma sulla moratoria per le concessioni demaniali marittime, che prevede la sospensione fino al dei procedimenti amministrativi nelle more della riforma della materia, al fine di escludere dalla sospensione dei procedimenti amministrativi

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO

LEGGE DI STABILITA 2016: ISTRUZIONI PER L USO 2015 Studio Pavan Daniela dottore commercialista e revisore contabile via G. Garibaldi 104/A 35043 Monselice (PD) e-mail: daniela.pavan@studiopavan.eu sito web: http:// www.studiopavan.eu tel. 0429/73659

Dettagli

Cosa cambia per i redditi da lavoro

Cosa cambia per i redditi da lavoro Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 Cosa cambia per i redditi da lavoro Slide a cura di Viviana Bertoldi 1 Sommario Atleti professionisti Borse di studio Premi Produttività Welfare aziendale

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese

Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese Legge di Stabilità 2016: le novità in materia di lavoro Esonero contributo 2016 ed altre agevolazioni per le imprese Enzo De Fusco Consulente del Lavoro e Membro della Fondazione studi dell'ordine Nazionale

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO

TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO 166 i dossier www.freefoundation.com Primo approfondimento TUTTA LA LEGGE DI STABILITÀ 2013 ARTICOLO PER ARTICOLO 10 ottobre 2012 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 La Legge di Stabilità 2013 in 10 punti

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente.

Art.6 Misure fiscali per lavoro e imprese Comma 1- Prevede una variazione nella formula del calcolo della detrazione da lavoro dipendente. DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2014 Analisi delle misure di carattere fiscale, finanziario e previdenziale. Da nota tecnica del 22 Ottobre 2013 Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco,

Dettagli

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro San Mauro Pascoli li 14/01/2014 Ai Signori Clienti Loro indirizzi Oggetto: LEGGE DI STABILITÀ 2014 IN SINTESI Sul supplemento ordinario n.87 alla Gazzetta Ufficiale n.302 del 27 dicembre 2013 è stata pubblicata

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

Il disegno di legge di Stabilità 2014

Il disegno di legge di Stabilità 2014 Bari, 25 Ottobre 2013 Largo Sorrentino, 6 70126 Tel. 080/5565371 Fax 080/5565322 E-mail: bari@confagricoltura.it Il disegno di legge di Stabilità 2014 Il Consiglio dei Ministri ha approvato, su proposta

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 1 GENNAIO 2014 I N D I C E LEGGE DI STABILITà n. 147/2013... 3 Canoni di locazione Immobili abitativi... 3 Aumento detrazione Irpef lavoro dipendente...

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Avv. Rag. Eugenio Testoni Avv. Stefano Legnani D.ssa Milena Selli D.ssa Monica Tonetto D.ssa Mikaela Leombruni Rag. Gioia Miconi Dott.

Avv. Rag. Eugenio Testoni Avv. Stefano Legnani D.ssa Milena Selli D.ssa Monica Tonetto D.ssa Mikaela Leombruni Rag. Gioia Miconi Dott. 8.2016 Giugno PROROGHE VERSAMENTI per i contribuenti con Studi di settore Sommario 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI INTERESSATI DALLA PROROGA DEI VERSAMENTI... 2 2.1 Soci di società e associazioni trasparenti...

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti

Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015. Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Circolare N. 72 del 14 Maggio 2015 Modello Unico PF/2015: inizia la raccolta documenti Soggetti interessati Sono obbligati alla presentazione della dichiarazione dei redditi (Mod. Unico PF 2015) i contribuenti

Dettagli

Legge di Stabilità 2016, le principali novità per cittadini, professionisti ed imprese

Legge di Stabilità 2016, le principali novità per cittadini, professionisti ed imprese Legge di Stabilità 2016, approvato il testo definitivo, composto da un solo articolo e 999 commi. Ecco le principali novità su casa, lavoro, fisco, tasse, finanziamenti e opportunità varie La manovra per

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014

REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 REPORT SALVAGUARDIE SITUAZIONE AL 6 MAGGIO 2014 TABELLA RIEPILOGATIVA DELLE OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA CERTIFICAZIONI INVIATE AI BENEFICIARI E PENSIONI LIQUIDATE AL 6.5.2014 OPERAZIONI DI SALVAGUARDIA

Dettagli

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE

Centro Studi CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Interventi In vigore dal Innovazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Finanziamenti per progetti di R&S 26 giugno

Dettagli

Circolare 15. del 12 giugno 2015. Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE

Circolare 15. del 12 giugno 2015. Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE Circolare 15 del 12 giugno 2015 Proroghe versamenti e differimento delle scadenze di agosto 2015 INDICE 1 Premessa... 3 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 3 2.1 Contribuenti interessati...

Dettagli

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Commercialisti Associati Bellttramii Pellllegriinii Ciimarollllii Veronesii Zorzii - Basiille 25124 Brescia 38100 Trento 38080 Darzo 20144 Milano 5, Via Aldo Moro 5, Via S. Vigilio 1, Zona Artigianale

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Maurizio

Dettagli

Il modello di comunicazione annuale Iva, deve essere presentato esclusivamente in via telematica, entro il

Il modello di comunicazione annuale Iva, deve essere presentato esclusivamente in via telematica, entro il Napoli, 22 Gennaio 2016 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/2016 1. COMUNICAZIONE DATI IVA L'obbligo di presentare la comunicazione annuale dati Iva riguarda tutti i titolari di partita

Dettagli

Reti d impresa - Profili fiscali

Reti d impresa - Profili fiscali Reti d impresa - Profili fiscali Dott.ssa Stefania Saccone Udine 10 ottobre 2013 AGENDA Rete contratto vs Rete soggetto L agevolazione fiscale Gli investimenti Il distacco del personale nella rete Altri

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 2 del 8 Gennaio 2016 Ai gentili clienti Loro sedi Legge di stabilità 2016: le novità in materia lavoro (Legge n. 208 del 28.12.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro

Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Le principali novità in materia di Lavoro della legge di stabilità 2016 Legge 28 dicembre 2015, n. 208 Direzione Sindacale Sicurezza sul lavoro Gli interventi in materia di Lavoro nel 2015 SEMPLIFICAZIONE

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 14 del 25 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Ddl stabilità per il 2014: le prime anticipazioni della stampa Premessa Recentemente il Consiglio dei Ministri ha

Dettagli

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013

Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Le Guide professionalità quotidiana DECRETO DEL FARE Aggiornato alla legge di conversione n. 98/2013 Tavole sinottiche Finanziamenti agevolati Responsabilità solidale negli appalti Assistenza fiscale Riscossione

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PERNI & DORENTI PARTNERS AVV. OLIVIERO PERNI DOTT. LUCA DORENTI OF COUNSEL DOTT. MARCO GASPARI DOTT.SSA BARBARA BONSIGNORI Milano, 11 Giugno 2015 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 17/2015: Proroghe

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2014

LEGGE DI STABILITA 2014 LEGGE DI STABILITA 2014 A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Provincia di Torino 7 gennaio 2014 Il Parlamento ha pubblicato, sul Supplemento Ordinario n. 87 della Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti News per i Clienti dello studio del 16 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Ufficializzata la proroga dei versamenti di Unico 2014, ma non per tutti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate CIRCOLARE A.F. N. 173 del 7 Dicembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate Premessa L Agenzia delle Entrate in data 22.10.2012 ha emanato il provvedimento prot. n.

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014

Vigevano, 15 giugno 2014 INDICE. Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 Vigevano, 15 giugno 2014 Proroga dei termini di versamento - differimento delle scadenze di agosto 2014 INDICE 1 Premessa... 2 2 Proroga dei versamenti collegati alle dichiarazioni... 2 2.1 Contribuenti

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 9/2015. OGGETTO: IRAP e il costo del personale dipendente, le nuove agevolazioni per il 2015

NOTA OPERATIVA N. 9/2015. OGGETTO: IRAP e il costo del personale dipendente, le nuove agevolazioni per il 2015 NOTA OPERATIVA N. 9/2015 OGGETTO: IRAP e il costo del personale dipendente, le nuove agevolazioni per il 2015 - Introduzione L imposta Regionale sulle Attività Produttive è una tassa che, da sempre, ha

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 33/2014 del 15/5/2014 ARGOMENTO: PROROGA VERSAMENTI DI UNICO 2014 Gentile Cliente, con la presente desideriamo informarla che, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

Articolo 1 Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza e Riforme Istituzionali Decreto legge 24 aprile 2014, n 66 - Misure urgenti per la competitività

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. N. 7786/2016 Approvazione della Certificazione Unica CU 2016, relativa all anno 2015, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014

SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014 Modena, 12 2014 SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014 Si segnala ai Signori clienti che tutti gli adempimenti sono stati inseriti, prudenzialmente, con le loro scadenze naturali, nonostante

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

OBIETTIVI RIDUZIONE DEL DEFICIT 14.8. - 5,5 Taglio cuneo fiscale - 13.1 Interventi vari. dal 2007 dal 2006

OBIETTIVI RIDUZIONE DEL DEFICIT 14.8. - 5,5 Taglio cuneo fiscale - 13.1 Interventi vari. dal 2007 dal 2006 SCHEDA FINANZIARIA 2007 ( Prima bozza ) PORTATA DELLA MANOVRA FINANZIARIA 33,4 MILIARDI DI EURO ENTRATE ATTESE 13.0 TAGLI ALLA SPESA 20.4 Effetti revisione IRPEF 2.0 Patto di stabilità interno 4.3 Misure

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014

Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014 Circolare N. 145 del 5 Novembre 2014 Le modalità di liquidazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con Decreto 24.09.2014,

Dettagli

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Circolare N.161 del 16 Novembre 2012 Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Start up innovative: la disciplina del lavoro nel nuovo modello societario Gentile cliente,

Dettagli

ESTENSIONE REVERSE CHARGE

ESTENSIONE REVERSE CHARGE Saluzzo, lì 12 gennaio 2015 Egr. CLIENTE Prot. n. 01/15/FISC LA LEGGE FINANZIARIA 2015 E stata pubblicata sulla G.U. 29/12/2014 la Finanziaria 2015 (Legge n. 190/2014) c.d. Legge di stabilità 2015, ed

Dettagli

L E G G E D I S T A B I L I T A 2 0 1 6 I B E R S AG L I D I C O N FA R T I G I A N AT O

L E G G E D I S T A B I L I T A 2 0 1 6 I B E R S AG L I D I C O N FA R T I G I A N AT O L E G G E D I S T A B I L I T A 2 0 1 6 I B E R S AG L I D I C O N FA R T I G I A N AT O I M PAT TO D E L L E M I S U R E P E R M P I REGIME FORFETTARIO 414 ECOBONUS 553 SUPER AMMORTAMENTI 310 FRANCHIGIA

Dettagli

TIROCINI FORMATIVI L INDENNITA COSTITUISCE REDDITO ASSIMILATO A LAVORO DIPENDENTE

TIROCINI FORMATIVI L INDENNITA COSTITUISCE REDDITO ASSIMILATO A LAVORO DIPENDENTE TIROCINI FORMATIVI L INDENNITA COSTITUISCE REDDITO ASSIMILATO A LAVORO DIPENDENTE DI PAOLO LUCCHINI La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano,

Dettagli

Sanzioni per indebite compensazioni

Sanzioni per indebite compensazioni Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 68 05.03.2014 Sanzioni per indebite compensazioni Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Come noto, in caso di effettuazione di

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 01/2013 Oggetto LE START-UP INNOVATIVE E IL CREDITO DI IMPOSTA PER LA DISTRIBUZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO DIGITALI Sommario

Dettagli

2. Vincoli alla compensazione dei crediti IVA e altre novità in materia di IVA

2. Vincoli alla compensazione dei crediti IVA e altre novità in materia di IVA Lissone, 21 luglio 2009 Circolare n 14 / 09 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: LE NOVITA DELLA MANOVRA D ESTATE : La detassazione Tremonti/ter Le restrizioni in materia di crediti e compensazioni IVA

Dettagli

730 precompilato. Dichiarazioni d'intento

730 precompilato. Dichiarazioni d'intento CIRCOLARE INFORMATIVA Novità fiscali Scadenze Adempimenti Novità fiscali 730 precompilato Se nel 730 precompilato il Fisco riporta un dato inesatto il contribuente deve correggerlo. Se non lo fa è passibile

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Il presente documento annulla e sostituisce integralmente

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 16 del 21 marzo 2011 DL 29.12.2010 n. 225 (c.d. milleproroghe ) convertito nella L. 26.2.2011 n. 10 - Novità in materia di agevolazioni INDICE 1 Premessa...

Dettagli

La dichiarazione precompilata

La dichiarazione precompilata L INNOVAZIONE DEL MODELLO FISCALE La dichiarazione precompilata Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 18 dicembre 2014 1 Cambia radicalmente il paradigma DAL MODELLO: «Mi dica, poi io verifico

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014)

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DL Renzi: le novità in materia fiscale. (DL n. 66 del 24.04.2014) SEA Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. News per i Clienti dello studio del 6 maggio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DL Renzi: le novità in materia fiscale (DL n. 66 del 24.04.2014) 1 Gentile

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale STUDIO RENZO GORINI DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE LEGALE COMO 12.12.2014 22100 COMO - VIA ROVELLI, 40 TEL. 031.27.20.13 www.studiogorini.it FAX 031.27.33.84 E-mail: segreteria@studiogorini.it INFORMATIVA

Dettagli

A.S.P.P.I. di RAVENNA

A.S.P.P.I. di RAVENNA A.S.P.P.I. di RAVENNA Associazione Sindacale Piccoli Proprietari Immobiliari Via G. Galilei, n 81/83 48100 Ravenna Tel. 0544 470102 - Fax 0544 470075 Quest'anno sono diverse le novità che debuttano nel

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 La tassazione delle persone fisiche come stumento di redistribuzione della ricchezza:

Dettagli

Legge di stabilità 2016 - Principali novità

Legge di stabilità 2016 - Principali novità Legge di stabilità 2016 - Principali novità Di seguito si riepilogano le principali novità della legge di stabilità per il 2016, in vigore dall 1.1.2016. ARGOMENTO Regime fiscale agevolato per autonomi

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE

CENTRO STUDI CNA SCHEDE SINTETICHE SCHEDE SINTETICHE Dati al 30.06.2015 Digitalizzazione R&S Tabella di sintesi*/1 Incentivo In vigore dal Attuazione Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

Circolare N.47 del 29 Marzo 2012. Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori

Circolare N.47 del 29 Marzo 2012. Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Circolare N.47 del 29 Marzo 2012 Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Artt. 13, 14 e 15, d.lgs. 21 novembre 2014, n. 175 Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata di Leda Rita Corrado

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro.

LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. LEGGE DI STABILITA 2015 E JOBS ACT: quali opportunità per il lavoro. Principali novità per i datori di lavoro. Stabilizzazione bonus 80 euro. Aumento soglia esenzione buoni pasto elettronici Deduzione

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE

LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE Milano, 19 gennaio 2015 CIRCOLARE CLIENTI N. 5/2015 LEGGE DI STABILITA 2015: FOCUS SULLE PERSONE FISICHE La Legge n. 190/2014 (la cd Legge di Stabilità 2015 ) ha previsto diverse misure fiscali di interesse

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale

Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale Modelli 730 precompilati, visto di conformità e altre novità in materia di assistenza fiscale 2.2015 Gennaio Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PRECOMPILAZIONE DEI MODELLI 730 DA PARTE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE...

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 22 del 27 luglio 2011 DL 13.5.2011 n. 70 convertito

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette

Oggetto: DL 13.05.2011 n. 70 convertito nella L. 12.7.2011 n. 106 (c.d. decreto sviluppo ) - Novità in materia di imposte dirette PIAZZA DELLA VITTORIA, 8/20 16121 GENOVA TEL: 010 553241 FAX: 010 5532460 E-MAIL: studio.genova@stsnet.it C. F. E P. IVA: 03022160109 Ai Signori Clienti Loro Sedi Genova, 2 settembre 2011 CIRCOLARE N.

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa.

Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Decreto Casa. Decreto casa. Un miliardo e 800 milioni per l emergenza abitativa. Che cosa prevede? Ministero delle Infrastrutture Decreto Casa. SOSTEGNO ALL AFFITTO 200 MILIONI DI EURO AL FONDO AFFITTO Ai 100 milioni

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI lì, 20 dicembre 2014 Articolo 1 - Dichiarazione dei redditi precompilata Dal 2015, entro il 15 aprile di ciascun anno, l Agenzia delle Entrate renderà disponibile telematicamente

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO LEGGE 21 maggio 2015, n. 65. (GU n.166 del 20 7 2015) Capo I

TESTO COORDINATO DEL DECRETO LEGGE 21 maggio 2015, n. 65. (GU n.166 del 20 7 2015) Capo I TESTO COORDINATO DEL DECRETO LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 Testo del decreto legge 21 maggio 2015, n. 65 (in Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 116 del 21 maggio 2015), coordinato con la legge di conversione

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli