La Voce del Ribelle. raccolta mensile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Voce del Ribelle. raccolta mensile"

Transcript

1

2 La Voce del Ribelle raccolta mensile Dicembre 2013

3 Fondatore: Massimo Fini Direttore Responsabile: Valerio Lo Monaco Capo redattore: Federico Zamboni Redazione: Ferdinando Menconi Art director: Alessio Di Mauro Progetto Grafico: Antal Nagy, Mauro Tancredi La Voce del Ribelle è un mensile della MaxAngelo s.r.l. Via Trionfale 8489, Roma, P.Iva Redazione: Via Trionfale 6415, Roma tel. 06/ , fax 06/ ,

4 Testata registrata presso il Tribunale di Roma, n 316 del 18 Settembre 2008 Sito internet:

5 Sommario My God, Mr. Letta: c è il rischio dell estremismo (Federico Zamboni, 2 dicembre 2013) Vogliono privatizzare anche Bankitalia (Matteo Mascia, 2 dicembre 2013) Strage di Prato. Ben oltre le vittime (Irene Sabeni, 2 dicembre 2013) La stretta creditizia alimenta l usura. Ovvero: le Banche aiutano gli (altri) strozzini (Irene Sabeni, 3 dicembre 2013) Politica inversamente proporzionale: l opposizione delle strette intese

6 (Marco Managò, 3 dicembre 2013) Siamo tutti dei capri espiatori (Tina Benaglio, 3 dicembre 2013) Il Fiscal Compact è già tra noi (Valerio Lo Monaco, 3 dicembre 2013) Ucraina: guerra civile prossima ventura? (Ferdinando Menconi, 4 dicembre 2013) Rehn bacchetta Letta. Che ora bastonerà gli italiani (Irene Sabeni, 4 dicembre 2013) USA: e tu che sanità puoi permetterti, man? (Federico Zamboni, 4 dicembre 2013) George Soros: Europa: creare una classe operaia Rom

7 (Sebastiano Caputo, 4 dicembre 2013) Napolitano & C.: via subito la Porcellum Gang (Federico Zamboni, 5 dicembre 2013) L'Isee e la guerra tra (finti?) poveri (Alessia Lai, 5 dicembre 2013) Putin va forte, ma l impero USA è sempre lì (Andrea Perrone, 5 dicembre 2013) Trattativa Stato-Mafia: le bombe di Alfano (Irene Sabeni, 6 dicembre 2013) Centrafrica: la guerra di Natale (Francesca Dessì, 6 dicembre 2013) Vai, Angelino: hai pure il quid dell imbonitore (Federico Zamboni, 6 dicembre

8 2013) Imparare a diventare guerrieri. E a riconoscere i nemici (Alessio Mannino, 6 dicembre 2013) Sfiduciati e disoccupati (Irene Sabeni, 9 dicembre 2013) Italia: manca un nuovo mito fondante (Luciano Fuschini, 9 dicembre 2013) PD: quasi 3 milioni di illusi (Federico Zamboni, 9 dicembre 2013) Grillo e l'accusa al giornalismo: e allora? (Alessio Mannino, 10 dicembre 2013) L Islanda contro i poteri forti. Il

9 mutuo lo pagano le banche (Andrea Perrone, 10 dicembre 2013) Italia: la Giustizia distorta di uno Stato criminale (Matteo Mascia, 10 dicembre 2013) Forconi eccetera: ma che zotici, quei manifestanti! (Federico Zamboni, 10 dicembre 2013) Venezuela. Amministrative nel segno di Chávez (Alessia Lai, 11 dicembre 2013) I focolai di protesta: nulla di più, nulla di meno (Federico Zamboni, 11 dicembre 2013) Draghi contro il populismo. Che invece avanza, per fortuna

10 (Irene Sabeni, 11 dicembre 2013) L'etica di "Opus Goldman Sachs Dei" (Irene Sabeni, 12 dicembre 2013) La rivolta dei Forconi o la lotta di classe del terzo millennio (Sebastiano Caputo, 12 dicembre 2013) Forconi, detonatori e ipocrisie (Irene Sabeni, 13 dicembre 2013) WebRadio: dai che ce la facciamo! (La Redazione, 14 dicembre 2013) Natale Ecco a voi Renzie-the- Rebel (Federico Zamboni, 16 dicembre 2013) E allora chiamiamolo Decembrismo (Alessio Mannino, 16 dicembre 2013)

11 Italia da rimandare, secondo Standard & Poor's (Irene Sabeni, 16 dicembre 2013) Israele. Anche lì c è la paura del diverso (Francesca Dessì, 17 dicembre 2013) La minaccia nucleare torna ai confini dell Europa (Ferdinando Menconi, 17 dicembre 2013) Torna l'incubo del primo colpo (Luciano Fuschini, 17 dicembre 2013) Lo Yuan avanza. E la cinesizzazione anche (Valerio Lo Monaco, 18 dicembre 2013) Cile: e ora mantieni le promesse,

12 Presidenta Bachelet (Alessia Lai, 18 dicembre 2013) No alla patata chimica, per ora (Irene Sabeni, 19 dicembre 2013) Rimpiangere l'urss? (Luciano Fuschini, 20 dicembre 2013) Autoindulgenza: il virus che non dà scampo (Federico Zamboni, 20 dicembre 2013) Con tanti auguri da Standard&Poor's (Irene Sabeni, 23 dicembre 2013) Sempre meno lavoro. Sempre meno tutele (Sara Santolini, 24 dicembre 2013) Società liquida, ma in una gabbia d'acciaio

13 (Luciano Fuschini, 27 dicembre 2013) NapolitanOplà: e il SalvaRoma se ne va (Federico Zamboni, 27 dicembre 2013) Lo stato delle cose, in Cina e qui da noi (Luciano Fuschini, 30 dicembre 2013) Fine 2013: panoramiche a gogò, e via così (Federico Zamboni, 30 dicembre 2013) Londra über alles? (Irene Sabeni, 31 dicembre 2013)

14 My God, Mr. Letta: c è il rischio dell estremismo 2 DICEMBRE 2013 Originalità: zero. Esagerazione: dieci (senza lode). Enrico Letta va in visita alla sinagoga di Roma, dove si incontra con il premier israeliano Benjamin Netanyahu, e prende la palla al balzo per sciorinare una giaculatoria travestita da analisi: prima traccia un quadro a tinte fosche della situazione italiana, dichiarando che «Viviamo un tempo di crisi economica e sociale caratterizzata dalla paura, e dalle

15 spinte all'estremismo, all'odio, all'intolleranza: spinte che in Italia stanno crescendo in modo preoccupante», poi prova a offrire squarci di luce rassicurante srotolando la collana, o la collanina, delle buone intenzioni e degli omaggi accorati, tra la risoluta affermazione che «resisteremo a queste tentazioni che incidono sulla parte più debole del Paese» e l immancabile sviolinata alla Comunità ebraica che «apporta un inestimabile contenuto in un Paese come il nostro che troppo spesso fa in fretta a perdere la memoria mentre deve ricordare di tenere alta la guardia rispetto a ogni forma di discriminazione razzismo e xenofobia». Il resoconto potrebbe anche finire qui, con questo paio di polaroid verbali che si aggiungono all album immenso, e

16 infimo, dei discorsetti di circostanza proferiti da questo o quel politico. Tre quarti di abusate banalità, che tendono a passare inosservate ma che non sono mai del tutto innocue, e un quarto di mistificazione specifica, che è sempre tossica anche in minime dosi. L ancoraggio retorico è ultra collaudato, con l ennesimo riferimento al (cosiddetto) olocausto, e quindi sommamente capzioso: una sorta di citazione dogmatica, quasi fosse tratta dalle Sacre Scritture, che serve ad avvalorare il resto. Detto in maniera colta, si ammanta l attualità, le cui interpretazioni sono di per sé opinabili, con la Storia, o presunta tale, che viceversa si staglia come una verità assoluta. Detto in maniera più spiccia, e romanesca, la si sta a incartà. Si prende la propria merce, che è quella

17 che è, e la si avvolge in qualcosa di più attraente. Magari autorevole. Possibilmente indiscutibile. Enrico Letta, appunto, prende il suo allarme da quattro soldi sull estremismo, che sorvola completamente sulle vere cause della crisi, e sulle conseguenti responsabilità delle classi dirigenti sia in Italia che all estero, e prova a incorniciarlo come se fosse un capolavoro di riflessione: non solo politica, nel senso corrente, e svalutatissimo, del termine, ma addirittura sociologica. Eccolo lì, il problema per eccellenza dei nostri anni. Eccola lì, la quintessenza delle difficoltà nazionali. Il ribaltamento è completo. Il travisamento anche. Ciò che ha gettato e continua a gettare nel disagio e nell ansia milioni e milioni di persone rimaste

18 senza lavoro e quindi senza reddito, oppure con lavori malpagati e variamente precari diventa un dato di fatto su cui non vale più la pena di interrogarsi. Logico, sciocchini. Poiché è accaduto, appartiene al passato. All inevitabile. A ciò da cui dobbiamo ripartire, non già volgendoci indietro in cerca dei colpevoli, che pure sono ancora tutti, o quasi, in circolazione e persino al potere, ma affratellandoci gli uni agli altri in vista di un nuovo e più lieto inizio. Oops: non si dice inizio ; si dice ripresa. Letta (Enrico all anagrafe, Henry per gli amici statunitensi, nonché per gli altri confratelli internazionali di rito bancario) paventa «l estremismo, l odio, l intolleranza». Solo quelli provenienti dal basso, però. Solo quelli che minacciano, o anche solo disturbano, le

19 oligarchie che ci hanno portati alla situazione attuale. Quanto all estremismo finanziario e speculativo, quanto all odio verso i governi, ad esempio latinoamericani, che vi si contrappongono, quanto all intolleranza per chiunque non si prostri davanti al totem del Pil collettivo, e al miraggio dell arricchimento individuale, il solerte Henry non batte ciglio. E i suoi ospiti della sinagoga, c è da supporre, nemmeno. Federico Zamboni

20 Vogliono privatizzare anche Bankitalia 2 DICEMBRE 2013 Nel giro di un paio d'anni la Banca d'italia potrebbe diventare una lontanissima parente di quell'ente pubblico che venne istituito con l incarico di regolare il comparto del credito. Fabrizio Saccomanni, attuale titolare dell'economia ed ex direttore generale della stessa Bankitalia, è riuscito a far inserire nell'ultimo decreto-legge licenziato dal Governo una norma potenzialmente pericolosissima. L'Istituto

21 di via Nazionale sarà completamente privatizzato e le sue azioni saranno distribuite tra i vari soggetti controllati. La proprietà di Bankitalia passerà quindi nelle mani delle società che dovrebbero essere sottoposte alla sua vigilanza. Un capolavoro che poteva riuscire solo al ministro tecnico di un Esecutivo politicamente sempre più debole. «Al fine di assicurare alla Banca d'italia un modello di governance che ne rafforzi l'autonomia e l'indipendenza, nel rispetto dei Trattati Europei, il decreto legge stabilisce nuove norme riguardanti il capitale e gli organi dell'istituto», questo il contenuto del comunicato stampa diffuso da Palazzo Chigi. Un capolavoro di mistificazione: la volontà di Letta e dei suoi Ministri non è per niente improntata al perseguimento di una maggiore

22 autonomia ed indipendenza. Al contrario, potranno sedere nei ruoli di vertice di Palazzo Koch e comunque influenzarne fortemente l'operato quegli operatori su cui deve essere fatta ricadere la responsabilità di una sempre maggiore finanziarizzazione dell economia. Parliamo ovviamente di compagnie assicurative e società finanziarie internazionali. Multinazionali cui si potranno affiancare anche i fondi pensione privati. Non è stato posto nessun richiamo alla provenienza degli investitori, tutti gli operatori dell'unione Europea potranno sognare di entrare in uno dei gangli vitali dell'economia nazionale. Le modifiche non sono finite qui. La Banca d'italia verrà autorizzata ad aumentare il proprio capitale mediante utilizzo delle riserve statutarie sino ad un

23 massimo di 7,5 miliardi. La Banca potrà distribuire dividendi annuali per un importo non superiore al 6% del capitale. Ciascun partecipante al capitale non potrà possedere - direttamente o indirettamente - una quota di capitale superiore al 5%. Per favorire il rispetto di tale limite, la Banca d'italia potrà acquistare temporaneamente le quote di partecipazione in possesso di altri soggetti. Un evidente regalo agli istituti in difficoltà, che potranno contare sulla liquidità proveniente da Bankitalia e sulla possibilità di inserire nel patrimonio di vigilanza (una variante ampliata del classico concetto di patrimonio, in cui si aggiungono al capitale sociale e alle riserve anche ulteriori elementi di natura non prettamente patrimoniale, come per

24 esempio i fondi costituiti nell ambito del fondo interbancario di tutela dei depositi) le proprie partecipazioni nell'istituto centrale, con il fine di rafforzare ad un costo irrisorio la propria capitalizzazione. L'operazione è talmente innovativa che persino la tristemente famosa Banca centrale europea avrebbe manifestato diverse perplessità; nodi che, con tutta probabilità, dovrebbero essere sciolti nel giro di una settimana. Figurati se i tecnocrati di Francoforte si faranno sfuggire la possibilità di entrare indisturbati all'interno di Bankitalia. L'unica speranza deve essere riposta nei deputati e nei senatori non appiattiti sull appoggio, esplicito od occulto, al Governo. Solo loro potranno riuscire a disinnescare l'articolato del decreto-legge

25 di Saccomanni e Letta, provvedimento legislativo già pienamente operativo all'interno del nostro ordinamento. Qualcuno dovrà avere il coraggio di evidenziare la sostanziale abrogazione della legge 262 del Disciplina mai attuata completamente che prevedeva comunque la completa pubblicità della nostra autorità di vigilanza sulla finanza e sul credito. «La Banca d'italia è istituto di diritto pubblico», questo il secondo comma dell'articolo 19. Una norma semplice e concisa che non lasciava spazio a chi avrebbe voluto privatizzarla. L'articolo prosegue poi con espressi richiami alla necessità di trasparenza nelle procedure amministrative che con l'assetto voluto dal governo Letta diventerebbero societarie e all'obbligo di motivazione di tutti i provvedimenti

26 emessi dai suoi dirigenti, così come richiesto per qualsiasi altro ente pubblico esistente nel Paese. Una struttura normativa di cui si potrebbe celebrare il funerale da qui a pochi mesi. Un'evenienza da impedire ad ogni costo, soprattutto per chi sogna di riconquistare quella sovranità monetaria sottratta all'italia a colpi di trattati e vertici internazionali. Sarebbe del tutto inutile avere maggior capacità di manovra in campo economico se poi saranno i privati a decidere le regole cui si dovranno richiamare banche e finanziarie. Si aprirebbe in aggiunta il fronte della tutela dei consumatori. Chi assicurerà il pieno rispetto delle normative? Chi vigilerà in materia di anti-usura? Interrogativi a cui si dovrà trovare una risposta entro i prossimi 50 giorni.

27 C'è inoltre un problema di non poco momento. I privati che potranno controllare Bankitalia avranno l'indiretta proprietà delle riserve auree italiane, tonnellate il cui valore è di gran lunga superiore ai 100 miliardi di euro. Un'eredità proveniente dai tempi in cui la moneta era sovrana ed il controllo dell'economia era considerato perno di qualsiasi politica statale. Il Governo italiano si riconferma nemico degli interessi nazionali. Una tendenza ormai ultradecennale, senza distinzione di colore politico. Matteo Mascia

28 Strage di Prato. Ben oltre le vittime 2 DICEMBRE 2013 La tragedia di Prato non è la prima e non sarà l'ultima. Per molti ora sarà facile indicarne la causa nella ricerca ossessiva del profitto a discapito della salute e della vita e dei lavoratori. Sarà ancora più facile mettere sotto accusa la mancanza di controlli da parte delle autorità competenti che avrebbero dovuto aprire più di un occhio su una realtà di degrado ben conosciuta. Che decine di lavoratori cinesi, a volte pure clandestini, fossero letteralmente accatastati in pochi metri quadri a

29 lavorare e a dormire, era una realtà tollerata sulla quale si preferiva tranquillamente sorvolare per non bloccare un meccanismo che ormai da anni va avanti da solo. Non è un mistero infatti che molte aziende di Prato, come altre nella stessa condizione in tutta Italia, producano non solo per il mercato interno e per l'export ma anche come fornitori dei grandi marchi del made in Italy. Di conseguenza, fare eccessivi controlli sul rispetto integrale delle regole scritte in materia di legislazione del lavoro finirebbe per bloccare buona parte del comparto tessile. Lo stesso discorso vale per altri settori produttivi. Una responsabilità che, in una fase di disoccupazione crescente come l'attuale, nessuno vuole assumersi in base alla considerazione: Non vorrete mica che

30 altre decine di migliaia di persone finiscano per strada?. Lo sanno le imprese che continuano a violare le regole. Lo sanno gli stessi sindacati che soltanto in queste occasioni si svegliano e alzano la voce in difesa dei diritti dei lavoratori, che tanto più sono stranieri, quanto più sono sfruttati. Anche se a sfruttarli poi sono i loro stessi connazionali. Lo sanno infine i Vigili del Fuoco, le varie Asl e gli Ispettorati del Lavoro che si possono muovere soltanto in presenza di una precisa denuncia e che finiscono per accodarsi a questo andazzo. Questo è lo scenario generale che è cosa ben differente dalla realtà dell'azienda coinvolta nella strage della fabbrica di Prato, sulla quale le autorità competenti, a disastro avvenuto, dovranno svolgere i dovuti accertamenti. Ma esso serve

31 comunque a spiegare perché si vada avanti ad occhi chiusi sperando che non avvenga ciò che è destinato ad accadere, come a Prato, in conseguenza delle condizioni fatiscenti dei luoghi di lavoro. Dove ci sono impianti elettrici vetusti che non sono in grado di reggere il nuovo e continuo sovraccarico di energia richiesta. È significativo comunque che la strage sia avvenuta in una fabbrica cinese nella quale sono state trasferite le modalità di lavoro tollerate ed incoraggiate in patria dal governo di Pechino. Salari da fame, otto-dieci volte minori di quelli europei ed italiani e condizioni di lavoro al limite dello schiavismo. Due peculiarità che spiegano il boom cinese più di ogni altra cosa. E serve a poco, anzi appare una sorta di presa in giro, sentirsi replicare che anche l'italia del boom dei

32 primi anni sessanta si concretizzò grazie ad una politica di salari bassi ai quali offrirono una compensazione soltanto le lotte dell'autunno Caldo e lo Statuto dei lavoratori del La realtà è oggi ben diversa. La lotta tra poveri di 50 anni fa era uno scontro tra italiani per conquistarsi e mantenersi un lavoro a fronte dell'impossibilità per i sindacati di tutelare adeguatamente i dipendenti. La guerra odierna si svolge al contrario tra poveri per la sopravvivenza. Dove i poveri sono sia gli italiani che gli stranieri, per lo più extracomunitari. Una lotta per la sopravvivenza che spinge ad accettare le condizioni più infime di lavoro e di salario pur di raggranellare qualche euro, avendo come alternativa la disoccupazione permanente. Il modello cinese si sta lentamente

33 imponendo anche in Italia, anzi si è già imposto. Lavora, guadagna quello che ti offriamo, altrimenti vattene. Ed il tragico è che sono gli stessi sindacati, Cisl e Uil in testa, ad avere avallato la nuova realtà, sottoscrivendo la cancellazione dei contratti nazionali di categoria (come alla Fiat) e il passaggio a contratti aziendali basati sugli straordinari e sui premi di produzione. La vera questione è quindi il clima nel quale è potuta maturare la tragedia di Prato. L'idea che il mondo debba essere un unico grande mercato globale sul quale possono essere spostati e ricollocati a piacimento tutti i fattori della produzione. Capitali, materie prime, merci e prodotti finiti. Più ovviamente gli uomini, ormai ridotti a merce. Come gli schiavi.

34 Irene Sabeni

35 La stretta creditizia alimenta l usura. Ovvero: le Banche aiutano gli (altri) strozzini 3 DICEMBRE 2013 Le piccole e medie imprese italiane, penalizzate dalla stretta creditizia delle banche, si trovano costrette a ricorrere agli usurai. È una realtà che non appare sui principali quotidiani nazionali, tutti più o meno legati alle banche da incroci azionari e da rapporti di credito-debito.

36 Ma è una realtà che incrina pesantemente le possibilità di una ripresa economica. In Italia sono infatti le Pmi a rappresentare la struttura portante del nostro sistema industriale. Ma le banche sembrano avere interesse a finanziare soltanto le grandi imprese come la Fiat. Guarda caso, quella che da anni ha avviato un inarrestabile disimpegno produttivo dal nostro Paese, dove resteranno soltanto i marchi di lusso come la Ferrari, la Maserati e le vetture sportive dell Alfa Romeo, destinate ai mercati americano e cinese. Secondo le associazioni che si occupano di contrastare il fenomeno dell usura, circa 2 milioni di piccole imprese si trovano a serio rischio di essere strozzate dagli usurai, con la possibilità di dover chiudere o addirittura di dover

37 cedere l attività che verrebbe inevitabilmente rilevata da prestanome legati alla criminalità organizzata. Non è una novità che molte delle finanziarie che prestano soldi a strozzo siano legate mani e piedi alle varie mafie che hanno abbandonato le regioni del Sud per stabilirsi in pianta stabile da Roma in su, in tutte le regioni del Nord. Si calcola che nel 2013 le denunce presentate siano aumentate del 15%, una cifra non da poco che testimonia del disastro creato da una politica bancaria scellerata. Siamo di fronte al primo e più palpabile effetto di una stretta creditizia che appare immotivata visti i tantissimi soldi che le banche italiane hanno ricevuto sotto forma di presiti triennali dalla Banca Centrale Europea al più che conveniente tasso di interesse dell 1%. Erano prestiti

38 che, almeno a parole, Draghi aveva legato alla necessità di finanziare l economia reale. In altre parole le imprese e le famiglie. In realtà le uniche imprese che sono state finanziate sono stati i grandi gruppi industriali che possono fare pesare sul tavolo delle trattative i propri legami con la politica, e con le stesse banche, e tutte le implicazioni in campo occupazionale. Se chiude la ditta Rossi è un conto, se chiude Mirafiori è un altro. Quei soldi le banche li hanno utilizzati invece, in larghissima parte, per comprare titoli di Stato e legare ancora di più il proprio futuro a quello della stabilità dei conti pubblici, a quella dello spread tra Btp e Bund tedeschi decennali ed, in ultima analisi, alla tenuta dell euro. In questa deriva finanziaria, perché di deriva si

39 tratta, a rimetterci sono state così le piccole e medie aziende costrette a rivolgersi a società finanziarie capaci di imporre tassi di interessi pari fino al 400% annuo. Una scelta quasi obbligata, che rappresenta sempre e comunque l inizio della fine per gli imprenditori finiti nel tritacarne loro malgrado. Il problema non è dato soltanto dalla scarsa e inesistente concessione di credito ma spesso è dato anche dall inattesa richiesta fatta dalle banche alle imprese di rientrare delle proprie esposizioni. Ad esempio, quando un mancato pagamento ha fatto scattare la segnalazione alla centrale rischi, chiudendo di fatto la possibilità di ottenere credito legale. In molti casi il mancato pagamento da parte di una impresa è l effetto del mancato pagamento di una fattura da parte di un

40 cliente. Un effetto domino quindi. Un fenomeno che in questa fase di recessione si sta particolarmente accentuando. Da parte loro, le banche si difendono sostenendo che non possono fare altro, a fronte di un aumento delle sofferenze che sta mandando in rosso i loro bilanci. Secondo i dati ufficiali, banche e finanziarie legali hanno respinto quest anno circa il 45% delle richieste di credito. Questo, prevedono le associazioni anti-usura, dovrebbe spingere il 30% delle imprese interpellate a rivolgersi alle finanziarie degli usurai, in particolare in prossimità delle scadenze fiscali che sono ineludibili. Un quarto almeno delle imprese ha spiegato di essere stata costretta a questo passo estremo (il 30% prevede che dovrà farlo) dalla volontà di non licenziare i dipendenti che, in

41 particolare nei piccoli centri, sono persone con le quali ci si conosce da una vita. Così, si giunge al paradosso, che in realtà non è tale, che sono le stesse banche a trasformarsi nelle prime alleate degli strozzini. Unica consolazione sono i dati che testimoniano del numero degli usurai denunciati e dei patrimoni illeciti sequestrati. Ma è soltanto la punta di un iceberg che la politica prova imbarazzo a vedere. Siamo di fronte ad una realtà invasiva che ormai si è impiantata nelle ricche, o ex ricche, regioni del Nord industriale e che testimonia del fatto che interi patrimoni (imprese ed immobili) si stanno trasferendo dai loro legittimi proprietari nelle tasche della criminalità organizzata. Irene Sabeni

42 Politica inversamente proporzionale: l opposizione delle strette intese 3 DICEMBRE 2013 La maggioranza diminuisce ma è più forte, la minoranza cresce ma è più debole Il 27 novembre scorso, subito dopo il voto di decadenza al Senato per il Cavaliere, il raggiante Enrico Letta ha affermato: «Il governo è più forte di

43 prima, acceleriamo le riforme». Il premier ha rafforzato la propria tesi, sostenendo che la fiducia accordata da 171 senatori alla legge di stabilità «è il miglior incentivo per dare all esecutivo forza, coesione e prospettiva per tutto il 2014». Esiste un Senato compatto dunque, in grado di chiamare al voto per la decadenza tutti gli aventi diritto, compresi i senatori a vita, in genere poco presenti. Una partecipazione così elevata, in controtendenza rispetto all assenteismo delle sedute di tutti i giorni, è auspicabile anche nelle occasioni in cui in ballo ci siano i problemi degli italiani comuni. La decadenza di Berlusconi ha segnato uno spartiacque: tra avversari del Cavaliere (M5s, Pd, Sel, Scelta Civica), chi lo ha sacrificato in nome della poltrona da difendere (Ncd) e i sostenitori

44 irriducibili (Forza Italia). Il paradosso delle nuove intese vede anche una presenza, fra le opposizioni, di partiti come M5s, Sel e Forza Italia; formazioni tra loro in grande astio e non in grado di costituire una struttura di minoranza delle larghe intese come lo è stato per i partiti che hanno sostenuto l esecutivo partecipato di Letta. Il governo di Letta si trova forte non soltanto per i numeri (seppure in calo) che sono dalla sua parte e garantiscono prosperità, non solo per i numi tutelari che lo sostengono (da Washington, passando per Francoforte e per il Quirinale), ma si avvale anche della minoranza davvero eterogenea che lo fronteggia. Tale minoranza, infatti, a cui occorre aggiungere formazioni come la Lega e Fratelli d Italia, è un misto di posizioni

45 politiche diverse e contrastanti fra loro, difficili da poter ricondurre verso un anelito di protesta coesa e condivisa pur di far cadere l esecutivo fantoccio di Letta. Per poter convogliare, infatti, le esigenze di dissenso di Forza Italia, M5s e Sel in contemporanea, deve sussistere davvero una tematica trasversale di spessore notevole. Superata l ennesima questione mediatica e politica legata al Cavaliere (con lieve riduzione di spazio, si spera, nei prossimi giorni), stando alle parole di Letta le carte in tavola cambieranno davvero. In possesso della bacchetta magica, il presidente del Consiglio sta tranquillizzando gli antiberlusconiani e i berlusconiani, proprio con l assicurazione che ora si fa sul serio. Ciò vuol dire che per 7 mesi, dal suo insediamento di fine

46 aprile, ha scherzato, frenando le riforme perché vincolato da quel Pdl così riottoso. Si desume, implicitamente, che il Paese, stando sempre alle ultime dichiarazioni di Letta, abbia perso 7 mesi per poter vedere, con questa nuova maggioranza più salda, il varo delle riforme importanti (una vera beffa). In tal modo, seguendo il suo ragionamento, disoccupati, ragazzi in cerca di prima occupazione, cassaintegrati, pensionati e lavoratori in genere, possono tirare un sospiro di sollievo. Anche i berluscones si facciano una ragione della parziale sconfitta del proprio leader e si sollevino al pensiero delle irrevocabili decisioni o meglio: delle irrevocabili riforme. Ora il Pd e la maggioranza hanno le mani slegate, non più tentennanti nei

47 confronti dello scomodo alleato e quale minoranza può fermare l onda forte delle nuove riforme (a cominciare da quella elettorale, per poi passare a quelle relative al lavoro e alla ripresa economica)? Non ci sono più minoranze in grado di fermare il Pd che governa né scomodi alleati di esecutivo, per cui la ripresa è inevitabile. Il metalinguaggio attuale è grossomodo quello. E ancora: il Pd dimostrerà come le calunnie (queste sì durate davvero 20 anni) sul fatto che la sinistra esista solo in funzione e di luce riflessa al berlusconismo, siano infondate e, avendo la strada spianata, potrà porre fine alla crisi economica, agli sprechi, all evasione fiscale, alla giustizia, alla mancanza di lavoro, alla sicurezza pubblica, al femminicidio. È terminato il cosiddetto

48 ventennio (in realtà, per la poltrona di Palazzo Chigi, occorre detrarre i 16 mesi di Dini, i 53 di Prodi, i 18 di D Alema, i 14 di Amato, i 17 di Monti e i 7 di Letta) che ha paralizzato il Paese, ora si volta davvero. Anche i media si gioveranno della nuova situazione e non saranno più costretti a riempire i loro spazi con le beghe berlusconiane per distrarre, ops, informare l opinione pubblica italiana e potranno, invece, fornire tante informazioni riguardo alla disoccupazione e alle possibili soluzioni. I lavoratori in sciopero e in lotta contro le proprie aziende che delocalizzano all estero, potranno giovare, certamente, di spazi adeguati per le proprie rivendicazioni, non essendoci più bagarre sul Cavaliere. I berluscones stiano tranquilli:

49 digeriscano l impasse (provvisoria) del proprio leader, nel frattempo comincino a bearsi della ripresa economica, sociale, politica e morale dell Italia. Saranno contenti anche i gendarmi d oltreoceano, nel vedere la colonia, ops, la fedele Italia in sicura ripresa? Loro auspicavano la crescita ma manovravano perché non si verificasse, ora è sufficiente un controllo a distanza, meno diretto, contemplando le migliorie di Letta. Questo sulla carta (e sulle tv, e nelle radio, ovviamente) Tutto ciò salvo il minimo intoppo e allora, una telefonata alla troika che, a sua volta, avvertirebbe Napolitano, darebbe il la a un nuovo ribaltone, a nuove maggioranze. Cambiano pelle insomma. Sulla nostra.

50 Marco Managò

51 Siamo tutti dei capri espiatori 3 DICEMBRE 2013 Il 19 settembre scorso la Camera dei Deputati approva la legge antiomofobia. È ancora in forse se passerà in Senato. Sicuramente, intanto, la normativa ha già scatenato numerose polemiche e parecchie proteste. E non poteva essere che così. Dal momento che, se guardiamo il testo attraverso i suoi sub-emendamenti, dobbiamo prendere atto che, oramai, siamo tutti dei capri espiatori. Lo notiamo immediatamente, ad esempio, se leggiamo l emendamento Gitti, il quale recita: «Ai sensi della

52 presente legge, non costituiscono discriminazione, né istigazione alla discriminazione, la libera espressione e manifestazione di convincimenti od opinioni riconducibili al pluralismo delle idee [ ] assunte all interno di organizzazioni che svolgono attività di natura politica, sindacale, culturale, sanitaria, di istruzione, ovvero di religione o di culto, relative all attuazione dei principi e dei valori di rilevanza costituzionale che connotano tali organizzazioni». Il che vuol dire, in pratica, che qualora un uomo politico desse dell orangutan a una ministra di colore (come infatti è successo), egli potrebbe sempre giustificarsi dicendo che quel titolo è «assunto dalla natura politica» del suo dire o, addirittura, sostenere che la sua sortita altro non è che

La Voce del Ribelle. raccolta mensile. Dicembre 2013

La Voce del Ribelle. raccolta mensile. Dicembre 2013 La Voce del Ribelle raccolta mensile Dicembre 2013 Fondatore Massimo Fini Direttore Responsabile: Valerio Lo Monaco (valeriolomonaco@ilribelle.com) Capo redattore: Federico Zamboni Redazione: Ferdinando

Dettagli

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo

La Grecia strozzata Lunedì 20 Giugno 2011 23:00. di Ilvio Pannullo di Ilvio Pannullo Sembra quasi si nascondano. Le decisioni da prendere sono molto importanti e invece di condividere la responsabilità delle scelte con le popolazioni interessate, i governanti europei

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

i dossier ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA www.freefoundation.com www.freenewsonline.

i dossier ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA www.freefoundation.com www.freenewsonline. 032 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ QUESTA EUROPA (TEDESCA) NON CI PIACE. E PERCHÉ VOGLIAMO CAMBIARLA 23 giugno 2015 a cura di Renato Brunetta JÜRGEN

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

45 Atlante Politico. Indagine Demos & Pi per la Repubblica

45 Atlante Politico. Indagine Demos & Pi per la Repubblica 45 Atlante Politico Indagine Demos & Pi per la Repubblica Rapporto, ottobre 2014 NOTA INFORMATIVA L'Atlante Politico è realizzato da Demos & Pi per La Repubblica ed è curato da Ilvo Diamanti, insieme a

Dettagli

Dollaro. Un grande punto interrogativo

Dollaro. Un grande punto interrogativo Dollaro. Un grande punto interrogativo Qualcosa sembra sfuggire, in questi giorni, agli occhi di noi comuni mortali. Dopo numerosi anni, il target del 6,5 così tanto ambito dalla Fed, sul tasso di disoccupazione,

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

LA MERKEL CI VUOLE COMPRARE

LA MERKEL CI VUOLE COMPRARE 14 i dossier www.freefoundation.com LA MERKEL CI VUOLE COMPRARE MA NOI POSSIAMO DIFENDERCI Editoriale de Il Giornale, 6 agosto 2012 6 agosto 2012 a cura di Renato Brunetta 2 I mercati hanno sempre ragione.

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli

Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli ACRI 91ª GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO Risparmio e ripresa in una nuova Europa Relazione del Presidente dell ABI Antonio Patuelli Roma, Palazzo della Cancelleria 28 ottobre 2015. INTERVENTI ABI 2015

Dettagli

Riforma dei servizi pubblici locali. I nodi da risolvere

Riforma dei servizi pubblici locali. I nodi da risolvere Riforma dei servizi pubblici locali. I nodi da risolvere di Stefano Pozzoli Professore Ordinario di Ragioneria delle Amministrazioni Pubbliche Locali, Università di Napoli Parthenope La riforma dei servizi

Dettagli

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori

LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori LAVORO: UNA RIFORMA IRRAZIONALE L ennesimo arretramento delle tutele dei lavoratori Alvise Moro, avvocato giuslavorista Il testo - approvato dal Senato in prima lettura il 31 maggio 2012 - è dal 7 giugno

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Le mani del Governo sulle pensioni

Le mani del Governo sulle pensioni Le mani del Governo sulle L Istat, come ogni anno, ha diffuso i dati sui trattamenti stici al 31 dicembre 2008 e sui relativi beneficiari. Il quadro che emerge non è nuovo e mette in evidenza le difficili

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Piccolo manuale di autodifesa contro lo scippo del TFR

Piccolo manuale di autodifesa contro lo scippo del TFR Piccolo manuale di autodifesa contro lo scippo del TFR Entro 6 mesi dall assunzione ogni lavoratore dovrà scegliere a chi destinare il proprio TFR. Questa piccola guida, a cura del CPO Experia di Catania,

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Secondo le stime più attendibili, di 350 mila lavoratori che si trovano a dover

Dettagli

ALLA LIBERTA DI LICENZIAMENTO

ALLA LIBERTA DI LICENZIAMENTO Notiziario interno della Fisac/Cgil per gli esattoriali di Roma e del Lazio supplemento ad Informazioni-Fisac MAGGIO 2000 non sanno immaginare altro... il potere è questo... fare l unica cosa che si crede

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

I falsi miti su Bruxelles

I falsi miti su Bruxelles Lorenzo Bini Smaghi I falsi miti su Bruxelles In tempi di crisi, è forte la tentazione di scaricare sull Europa le responsabilità e gli errori delle classi dirigenti nazionali, accusandola di aver fatto

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). L ultima volta abbiamo visto insieme come l inflazione non rappresenti affatto

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

IL PREMIER GIOCA D AZZARDO

IL PREMIER GIOCA D AZZARDO 855 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL PREMIER GIOCA D AZZARDO MA DOVRÀ RIFARE LA MANOVRA Editoriale de Il Giornale, 28 aprile 2014 28 aprile 2014 a cura di Renato Brunetta 2 Il

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Sindacato Padano - SIN. PA.

Sindacato Padano - SIN. PA. Illustrazione ddl iniziativa popolare "Garanzia delle pensioni di anzianità con quaranta anni di contributi e delle pensioni di vecchiaia" Marzo 2012 Voglio illustrare il disegno di legge di iniziativa

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

ORA ANCHE I DISPONIBILI (CISL, UIL, CONFSAL E UGL) SI RENDONO CONTO CHE L ACCORDO DEL 4 FEBBRAIO NON PORTA SOLDI NELLE TASCHE DEI LAVORATORI

ORA ANCHE I DISPONIBILI (CISL, UIL, CONFSAL E UGL) SI RENDONO CONTO CHE L ACCORDO DEL 4 FEBBRAIO NON PORTA SOLDI NELLE TASCHE DEI LAVORATORI Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche 00187 ROMA Via Piave 61 sito internet: www.flp.it Email: flp@flp.it tel. 06/42000358 06/42010899 fax. 06/42010628 Segreteria Generale Prot. n.1202/flp11

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia

Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Tutto quello che avreste voluto sapere su Banca d Italia Ma non avete mai osato chiedere Un vademecum alla riforma dell assetto proprietario di Banca d Italia A cura di Marco Causi Capogruppo PD in Commissione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani

Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani Sulle prospettive del servizio idrico in Italia. Intervista del Gruppo 183 all Onorevole Mariani 11 novembre 2011 Gruppo 183: onorevole Mariani, come giudica la fase che attraversa l organizzazione dei

Dettagli

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Sei idee per una riforma delle pensioni Position Paper - Draft Settembre 2011 Il documento costituisce una prima bozza di un position paper che Vision svilupperà

Dettagli

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti

Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Riforma articolo 18: un giudice decide su tre licenziamenti differenti Per la riforma dell articolo 18 il governo Monti potrebbe seguire il modello tedesco: si tratterebbe, scrive il Corriere della Sera,

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1

Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 Fondi Europei e politiche di sviluppo: nuove strategie sono necessarie Carlo Trigilia 1 ECONOMIA SICILIANA Si pubblica l intervento del Ministro per la coesione territoriale, Carlo Trigilia, in occasione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

ETF MONETARI CONTRO CONTI DEPOSITO. THE WINNER IS (17/12/2010)

ETF MONETARI CONTRO CONTI DEPOSITO. THE WINNER IS (17/12/2010) ETF MONETARI CONTRO CONTI DEPOSITO. THE WINNER IS (17/12/2010) D a quando ha visto la luce Money Report 21 mesi fa continuiamo a proporre i conti di deposito come strumento per parcheggiare la liquidità.

Dettagli

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)»

Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato d iniziativa «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Dipartimento federale delle finanze DFF Considerazioni a confutazione degli argomenti del Comitato «Salvate l oro della Svizzera (Iniziativa sull oro)» Stato: settembre 2014 L oro è stato venduto a seguito

Dettagli

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica

Rilevazione 25 Novembre 2013. OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Rilevazione 25 Novembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO Le due arene: lo stadio della società contro il ring della politica Le notizie della settimana: la Sardegna concentra tutta l attenzione L alluvione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Situazione della Previdenza Complementare In Italia.

Situazione della Previdenza Complementare In Italia. Situazione della Previdenza Complementare In Italia. Estratto e sintesi della relazione del Presidente e della relazione generale, per l'anno 2003, della Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione (COVIP),

Dettagli

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica.

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica. FARONOTIZIE.IT Anno II - n 11 Febbraio 2007 Redazione e amministrazione: Scesa Porta Laino, n. 33 87026 Mormanno (CS) Tel. 0981 81819 Fax 0981 85700 redazione@faronotizie.it Testata giornalistica registrata

Dettagli

La battaglia per chiudere davvero gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari coinvolge direttamente chi lavora per la Salute Mentale.

La battaglia per chiudere davvero gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari coinvolge direttamente chi lavora per la Salute Mentale. La battaglia per chiudere davvero gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari coinvolge direttamente chi lavora per la Salute Mentale. Aver scongiurato l ennesima proroga alla chiusura degli Ospedali Psichiatrici

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 1di 7) (di Marco Cavedon, postato il 04-02-2014). Questo documento si ispira al libro Le 7 Innocenti Frodi Capitali della Politica Economica, scritto

Dettagli

Lettera aperta al Dottor Draghi Presidente BCE. E p.c Signor Renzi. Caro Signor Draghi,

Lettera aperta al Dottor Draghi Presidente BCE. E p.c Signor Renzi. Caro Signor Draghi, Lettera aperta al Dottor Draghi Presidente BCE E p.c Signor Renzi Caro Signor Draghi, E qualche giorno che pensavo di scriverle, da quando la BCE ha abbassato il costo del denaro al valore dello 0,05%.

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta

Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta CONVEGNO / DIBATTITO ORGANIZZATO DALLA FONDAZIONE WANDA VECCHI Il coraggio di testimoniare la necessità di una risposta Latina, 14 maggio 2012 Ringrazio per l invito e saluto tutti a nome di Padre Massimo

Dettagli

L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca

L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca INTERVISTA L apprendistato è la locomotiva dell'economia tedesca Gabriele Catania 10 novembre 2011 L apprendistato è una delle forze dell'economia tedesca, spiega a Linkiesta Klaus F. Zimmermann, uno dei

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti?

In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti? FAQ su riforma del sistema sanzionatorio dei reati tributari In quali casi i reati tributari diventano penalmente rilevanti? Nella legislazione vigente fissata nel decreto legislativo 74 del 2000 sono

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano

Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano Emilio Matricciani Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico di Milano Nel suo intervento, il Rettore del Politecnico di Milano ha presentato la decisione del Senato accademico di obbligare

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 Aprile 2015

CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 Aprile 2015 !.. CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 Aprile 2015 "Cessione delle quote sociali della Farmacia Comunale: discussione ed analisi della nuova perizia di stima delle quote sociali, redatta dal Dr. Giuseppe Tanisi"

Dettagli

Congresso Nazionale AMAMI La Crisi Assicurativa Giuseppe Doria

Congresso Nazionale AMAMI La Crisi Assicurativa Giuseppe Doria Roma 12.03.2004 Congresso Nazionale AMAMI La Crisi Assicurativa Giuseppe Doria Gentili Signore Egregi Signori Vi ringrazio per l attenzione che vorrete concedermi, sono Giuseppe Doria e sono agente di

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA

TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA TRADUZIONE NON UFFICIALE ITALIA - ARTICOLO IV 2014 DICHIARAZIONE FINALE DELLA MISSIONE DEL FMI 1 17 GIUGNO 2014 SBLOCCARE IL POTENZIALE DI CRESCITA DELL ITALIA Il nostro è un paese arrugginito, un paese

Dettagli

La criminalità economica

La criminalità economica Con la crescente domanda di una migliore qualità della vita, la reazione sociale nei confronti dei reati economici e dei colletti bianchi si è molto inasprita: l opinione pubblica è sempre più attenta

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

Intervento del Presidente Vasco Errani

Intervento del Presidente Vasco Errani Intervento del Presidente Vasco Errani Ci sono aspetti del confronto tra Governo e Regioni sui temi della crisi, dell utilizzo dei fondi comunitari e degli ammortizzatori sociali che vanno chiariti. La

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Modera Antonio POLITO Direttore del Quotidiano Il Riformista" Intervento del Segretario generale Cisl Raffaele Bonanni

Modera Antonio POLITO Direttore del Quotidiano Il Riformista Intervento del Segretario generale Cisl Raffaele Bonanni Forum La partecipazione dei lavoratori nelle imprese, promosso dal Quotidiano Il Riformista e Cisl, Roma 13 giugno 2008 c/osenato della Repubblica - Sala Capitolare Chiostro del Convento di S. Maria sopra

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il Gas Audizioni periodiche e speciali. Roma, 21 luglio 2009

Autorità per l energia elettrica e il Gas Audizioni periodiche e speciali. Roma, 21 luglio 2009 Autorità per l energia elettrica e il Gas Audizioni periodiche e speciali Roma, 21 luglio 2009 Rossano ERCOLINI, Diritto al Futuro Grazie della possibilità di riportare le nostre opinioni, le nostre valutazioni,

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

PARTITE A TEMA. Introduzione

PARTITE A TEMA. Introduzione PARTITE A TEMA Introduzione Per partita a tema o anche gioco a tema s intende un confronto tra due o più squadre che, all interno di una sessione di allenamento, devono rispettare un vincolo, una restrizione

Dettagli

SOMMARIO DEL NUMERO DEL 4 DICEMBRE 2010

SOMMARIO DEL NUMERO DEL 4 DICEMBRE 2010 SOMMARIO DEL NUMERO DEL 4 DICEMBRE 2010 La Stampa Prima Pagina La Stampa Fiat lascia la trattativa Il Sole 24 Ore Rottura al tavolo su Mirafiori Corriere della Sera Il tavolo di Torino e la spinta su Federmeccanica

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l

Giappone non si è scelto la liberalizzazione, ma la privatizzazione, realizzata segmentando in tre grandi pezzi la vecchia rete ferroviaria, con l Ing. Mauro Moretti Partecipare ai convegni è sempre un occasione importante di apprendimento. In realtà bisognerebbe sempre fondare le proposte sugli studi, perché le decisioni dovrebbero essere prese

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3178 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBANTI, ARTINI, BALDASSARRE, BECHIS, MUCCI, PRODANI, RIZZETTO, SEGONI, TURCO Modifiche

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

FISSARE GLI OBIETTIVI

FISSARE GLI OBIETTIVI FISSARE GLI OBIETTIVI Destinatari MANAGEMENT AZIENDALE TEAM LEADER 1 Indice 1. L Azienda è un campo da football? 2. Andare verso o Andare via da? 3. Quando fissare l obiettivo? 2 Un aspetto significativo

Dettagli

IL NUOVO ARTICOLO 18 VA RESPINTO!

IL NUOVO ARTICOLO 18 VA RESPINTO! IL NUOVO ARTICOLO 18 VA RESPINTO! ECCO IN SINTESI COSA CAMBIA E QUALI SONO I GRAVI RISCHI OCCUPAZIONALI CHE SI PROSPETTANO SE PASSASSE LA NUOVA LEGGE Organi di stampa, finanziati dai poteri forti, ci raccontano

Dettagli

Puppato Santini Laugelli Ginato

Puppato Santini Laugelli Ginato Serata a San Vito con i candidati PD al Parlamento Venerdì 25 gennaio 2013 Puppato Santini Laugelli Ginato Ginato apre la serata Siamo in campo e tra la gente ormai da un paio di mesi grazie alle primarie.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE

(LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE (LA RESPONSABILITÀ DELLA VERSIONE ITALIANA DEGLI ARTICOLI PUBBLICATI NEL BLOG DEL PROFESSOR NAVARRO È DEL TRADUTTORE, MICHELE ORINI) L ENORME SCANDALO DELLE BANCHE PRIVATE Vicenç Navarro 2/10/2014 Una

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA:

DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: DOPO LA CRISI. SISTEMA BANCARIO ED ECONOMIA: ESIGENZE DI RICAPITALIZZAZIONE E SOSTEGNO A FAMIGLIE ED IMPRESE di Maria Rosaria Ingenito (Vice Prefetto Prefettura di Roma ) e Saadia Tourougou (Osservatorio

Dettagli