si chiude, tra qualche settimana, un altro anno faticoso, ma molto importante, vissuto insieme.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "si chiude, tra qualche settimana, un altro anno faticoso, ma molto importante, vissuto insieme."

Transcript

1 Pag. 1 di 7 Roma, 15 dicembre 2014 Carissimi Associati, si chiude, tra qualche settimana, un altro anno faticoso, ma molto importante, vissuto insieme. Non nascondo le enormi difficoltà che abbiamo dovuto superare ma, guardandomi indietro, non posso che esprimervi un profondo senso di grande soddisfazione, di entusiasmo e di voglia di andare avanti che si respira parlando ed incontrando singolarmente molti di Voi. E stato un anno molto impegnativo per la nostra Associazione, caratterizzato da una serie di iniziative e di progetti che stanno portando già i primi frutti e che, nel 2015, porteranno certamente sostanziali cambiamenti nel mercato dell antincendio. Un esempio su tutti, ma non è il solo, è quello legato al Progetto Tempario delle manutenzioni antincendio, un progetto che ha visto la nostra Associazione sfidare il clima da Far West che caratterizza, ormai da decenni, il mondo degli appalti relativi alle manutenzioni antincendio: siamo ormai nella fase finale del percorso che ha visto dapprima la stesura di un elaborato complesso al quale hanno partecipato i migliori tecnici specialistici di ogni singolo settore, poi la deposizione del brevetto presso la S.I.A.E. ed ora la conclusione delle prove sperimentali presso il Dipartimento Scientifico dell Università dell Insubria con il quale la nostra Associazione ha stipulato una convenzione per la validazione scientifica di quanto contenuto nell opera. Al termine, ormai prossimo, di questo percorso, seguirà una presentazione ufficiale a tutti gli operatori che, a vario titolo, intervengono nel mercato dell antincendio, a cominciare dalle istituzioni che sono preposte al controllo del mercato e che hanno già manifestato grandissimo interesse per questo progetto finalizzato a moralizzare, e quindi a stravolgere, un mercato da sempre caratterizzato, soprattutto nel settore pubblico, da affidamenti basati su procedure anomale dove il ribasso economico e la finta manutenzione hanno prevalso sull esecuzione delle manutenzioni a regola d arte, come previsto dalla normativa vigente. Parallelamente a questo progetto, la nostra Associazione si è impegnata in una faticosa quanto capillare opera di divulgazione, informazione e formazione degli operatori del mercato, attraverso una serie di convegni/seminari distribuiti sul territorio, sponsorizzati ed organizzati da nostre aziende associate, e che hanno visto una straordinaria partecipazione di persone (committenti/datori di lavoro, Rspp, progettisti, asseveratori, responsabili di uffici acquisti,manutentori,ecc.), con punte di oltre 500 partecipanti in alcuni convegni, segno del grande interesse e dell attualità delle tematiche trattate, tra le quali spicca la responsabilità civile e penale degli operatori rappresentata da un alto Magistrato della Corte di Cassazione: solo nel 2014 si sono svolti 9 incontri nelle città di Piacenza, Bentivoglio (BO), Cinisello Balsamo (MI), Assisi (PG), Empoli (FI), Bologna, Novara, Padova e Legnano. I due esempi sopra riportati sono solo indicativi del grande impegno che ha caratterizzato l Associazione nel 2014 e costituiscono una parte delle attività e delle iniziative che vengono portate avanti da coloro che si occupano direttamente della gestione operativa (Presidente, Presidente Onorario, Consiglio Direttivo e Segreteria) e da alcuni associati che offrono gratuitamente la loro preziosa collaborazione. Abbiamo ormai intrapreso, tutti insieme, un percorso di profondo cambiamento del mercato che è costituito di piccoli passi e che presto trasformerà il sentiero tracciato dalla nostra Associazione in una grande autostrada. Possono sembrare parole ambiziose, ma ciò deriva dal constatare che ogni giorno vedo, nel nostro ambiente, persone sempre più motivate, convinte e desiderose di far bene e di lavorare con impegno, così come vedo, finalmente, anche le istituzioni molto più attente a questo settore in grande sviluppo, nonostante la grande crisi economica che attraversa il paese.

2 Pag. 2 di 7 Ho la netta sensazione che, dopo anni nei quali abbiamo dovuto lottare per raggiungere piccoli traguardi, oggi si può ragionevolmente credere che il nostro mercato sia pronto per un grande cambiamento in positivo, anche per le numerose iniziative che la nostra Associazione ha messo in campo ed intorno alle quali ho potuto riscontrare un entusiasmo ed un dinamismo che solo qualche anno fa erano inimmaginabili. Oggi possiamo con orgoglio affermare, tutti insieme, che l, che ho l onore di presiedere, è diventata, in pochi anni, una realtà ed un punto di riferimento per tutto il mercato dell antincendio con le sue oltre 180 aziende associate (per un numero di occupati di circa 3500 persone) che la rendono, di gran lunga, la più rappresentativa del settore, come del resto è testimoniato dall interesse che le istituzioni preposte al settore, ed in particolare il Ministero dell Interno attraverso il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, hanno manifestato nei confronti delle iniziative intraprese dall Associazione, nel corso di alcuni eventi nei quali hanno partecipato con i loro funzionari. E in questo contesto e nella consapevolezza della responsabilità che le legittime aspettative di quanto intrapreso conferiscono all Associazione, che ho deciso di inviarvi, nelle scorse settimane, un primo questionario con poche e semplici domande relative alle attività poste in essere nell ultimo periodo per verificare la Vostra disponibilità o meno a sostenere, sia dal punto di vista del consenso e sia dal punto di vista economico, alcuni progetti la cui realizzazione comporta anche un impegno straordinario da parte dell Associazione, ma che, non è difficile intuire, avrà una benefica ricaduta su ognuna delle Vostre aziende. Le risposte al questionario che oltre il 50% di Voi ha già inviato e che ho letto ad una ad una, mi ha molto confortato e mi ha rafforzato nella certezza che le strategie e le iniziative intraprese siano quelle che la gran parte di Voi attende. Mi riferisco non solo al Progetto Tempario, poiché l Associazione ha intrapreso anche altri ambiziosi progetti tra i quali, solo per darvi una prima base di riflessione, è previsto un progetto di qualificazione e di crescita delle aziende associate attraverso un percorso, che Vi sarà illustrato nella prossima Assemblea Generale, nel quale l Associazione, ed il Presidente quale suo legale rappresentante, metterà la propria faccia nel garantire al mercato la qualità e la professionalità delle aziende che, in maniera del tutto volontaria, vorranno aderire e partecipare al predetto percorso di crescita che l Associazione sta predisponendo. E anche previsto un progetto che offrirà la disponibilità dell Associazione a fornire alle istituzioni, preposte al controllo del mercato, una serie di supporti concreti finalizzati ad individuare ed isolare quegli operatori spregiudicati che, ancor oggi, si muovono liberamente in un mercato caratterizzato dalla pressoché totale assenza di controlli. Ma di tutto questo avremo ampiamente la possibilità di discutere e di confrontarci nella prossima Assemblea Generale che, come negli anni scorsi, si terrà in Piacenza il 27 febbraio 2015 ed alla quale siete, ovviamente, tutti invitati a partecipare per poter fornire tutti i Vostri preziosi contributi: sarà un Assemblea Generale estremamente importante per l Associazione dal momento che molti di Voi hanno espresso, attraverso il questionario, la disponibilità a partecipare attivamente alle riunioni del Consiglio Direttivo nel quale mi piacerebbe cominciassero ad operare forze nuove e giovani, apportatrici di idee ed entusiasmo. Prima di ricordarvi, in maniera sintetica e solo per Vostra memoria, quanto l Associazione ha concretamente realizzato in questi ultimi anni, Vi informo che anche per il 2015, tenuto conto dell innegabile crisi economica che ancora caratterizza il paese, la quota associativa annuale rimarrà ferma ad euro 300,00, nonostante alcune iniziative importanti abbiano comportato oneri straordinari (ad es. la sola validazione scientifica, attraverso una serie di prove sperimentali, registrazioni cronometrate e filmate, ecc. delle operazioni di manutenzione da parte dell Università dell Insubria di quanto contenuto nell elaborato del Tempario, ha comportato un onere economico, ancorchè scontato, che si aggira intorno ai euro, iva inclusa, ma che fornirà al mercato uno strumento di moralizzazione inoppugnabile). Poiche, dalle risposte al questionario, è emerso che molti di Voi hanno manifestato la disponibilità a contribuire sia come sponsor di progetto ( 500 euro ) e sia con l aumento della quota associativa a 400 euro annuali, ritengo di proporre, per il solo anno 2015, e solo su base volontaria, un contributo straordinario una tantum di 100 euro per coprire le spese vive sostenute per la validazione scientifica del predetto Tempario.

3 Pag. 3 di 7 Logicamente, per coloro che vorranno contribuire come sponsor di progetto (ad esempio con una quota di euro 500) sarà data la possibilità di poter inserire il proprio logo nella pubblicazione stessa che verrà presentata al mercato dell antincendio in un grande evento in corso di programmazione per la primavera 2015, e successivamente venduta sul mercato come opera dell Associazione coperta da diritto d autore (registrazione S.I.A.E.). E comunque grazie a Voi ad al Vostro sostegno, oltre che all impegno di un piccolo manipolo di associati entusiasti, che l Associazione sta tentando concretamente di cambiare un mercato reso insostenibile dalla crisi economica e nel quale gli operatori onesti faticano a sopravvivere. Ricordo, solo per coloro che si sono associati recentemente, le più significative iniziative intraprese da M.A.I.A. negli ultimi anni, anche in conformità agli obiettivi fissati dallo Statuto Associativo: A) IL RICONOSCIMENTO PROFESSIONALE DELLA FIGURA DEL MANUTENTORE ANTINCENDIO E già qualche anno che l Associazione, in attesa che le istituzioni preposte provvedano in qualche modo a regolamentare il settore, ha scelto la strada della Certificazione professionale dei propri manutentori, seguendo precise Direttive Comunitarie che prevedono, per le professioni non ancora regolamentate da norme di settore (come è quella del manutentore antincendio), la possibilità di essere Certificati da un Organismo di Certificazione del personale di terza parte indipendente che sia riconosciuto ed accreditato (in Italia deve essere riconosciuto ed accreditato da Accredia che è l Ente preposto per Legge) e che operi secondo lo standard ISO/IEC indicato nelle Direttive Europee. L, prima in Italia, ha attivato già dal 2010 una collaborazione con uno degli Organismi di Certificazione accreditati nel nostro paese (il CEPAS) e, dopo aver partecipato e contribuito a definire il percorso di conoscenze, competenze ed abilità che devono essere possedute dai manutentori di sistemi antincendio, è riuscita, attraverso specifici corsi svolti a favore delle aziende associate, a preparare i propri manutentori (ormai sono alcune centinaia) che sono stati in grado di ottenere tale importante Certificazione che, in quanto rilasciata da un Organismo riconosciuto di parte terza, è l unico riconoscimento che attualmente permette di operare in conformità a quanto sancito dalla normativa vigente (il D.M. 10 marzo 1998, all allegato VI, sancisce che: l attività di controllo periodico e di manutenzione dei presidi antincendio deve essere eseguita da personale competente e qualificato). L è stata la prima Associazione in Italia che si è preoccupata di far certificare i manutentori delle aziende associate che lo hanno voluto, al fine di offrire al mercato una manutenzione a regola d arte, cosa che potrebbe sembrare di scarso rilievo per gli operatori poco attenti, ma che invece oggi assume un rilievo determinante sia perché viene ormai richiesta nei Capitolati d appalto di gare pubbliche e sia perchè, anche in sede penale, nel caso di incendi con vittime, come hanno messo in evidenza recenti sentenze, quali il caso Thyssenkrupp, assume un grande rilievo (in altre parole l aspetto del mantenimento dei livelli di sicurezza attraverso la manutenzione effettuata a regola d arte da operatori in possesso delle dovute conoscenze, competenze ed abilità, diventa elemento determinante per le responsabilità civili e penali da accertare nelle sedi giudiziarie). Parallelamente, come Presidente dell Associazione e ormai come ex-presidente della Commissione Protezione Attiva contro gli incendi dell UNI, non ho ritenuto sufficiente il semplice fermarsi alla qualificazione volontaria del manutentore antincendio, che è già un primo risultato notevole, ma ho ritenuto di assumere l iniziativa chiedendo formalmente di aprire un tavolo presso l UNI per definire un percorso normativo finalizzato a regolamentare, una volta per tutte, la figura del manutentore antincendio ed il percorso formativo che lo stesso deve seguire per acquisire le conoscenze, le competenze e le abilità necessarie per svolgere una manutenzione a regola d arte, così come previsto dalla normativa vigente. Tale tavolo, per ora, è stato finalizzato alla definizione della figura del manutentore antincendio di apparecchiature mobili, cioè degli estintori portatili e carrellati, ed è stato già formalmente aperto e nel quale l Associazione, oltre ad averlo promosso, vi partecipa con i propri rappresentanti al fine di poter avanzare proposte in linea con le istanze e gli interessi della categoria ed incidere sullo sviluppo dei lavori.

4 Pag. 4 di 7 B) UNI ENTE NAZIONALE ITALIANO DI UNIFICAZIONE I Tecnici dell Associazione sono presenti in tutti i gruppi di lavoro all UNI dove si trattano le tematiche che possono riguardare la manutenzione dei presidi antincendio sia per la produzione di nuove norme o per la revisione di quelle già pubblicate. Come avrete potuto già verificare attraverso altre comunicazioni dell Associazione, nel corso del 2014, sono state emanate due importanti norme tecniche di grande interesse dove i tecnici rappresentanti di M.A.I.A. hanno partecipato attivamente, nei rispettivi gruppi di lavoro, alla loro stesura: la prima è la norma nuova che riguarda la installazione e la manutenzione delle porte tagliafuoco e la seconda, ma non per importanza, è la revisione della norma UNI 9994/2003 relativa alla manutenzione degli estintori portatili e carrellati, ricca di novità per i manutentori. C) LA COLLABORAZIONE CON ALTRE ASSOCIAZIONI L Associazione ha sempre chiaramente manifestato la massima disponibilità a collaborare con altre Associazioni presenti nel settore della manutenzione e della sicurezza in generale e che perseguano obiettivi compatibili con quelli contenuti nello statuto associativo. Attualmente sono in essere convenzioni con l Associazione AiFOS (Formatori della Sicurezza), con la quale è stata stipulata una convenzione per i formatori, con la Safety Hi-tech Srl (nostro associato per il ritiro dagli impianti antincendio delle sostanze lesive dell ozono) e con l Università dell Insubria per la validazione scientifica del Tempario delle manutenzioni antincendio. D) I CORSI DI FORMAZIONE M.A.I A. L Associazione ha da sempre privilegiato e promosso corsi di formazione per i manutentori, strumento indispensabile per la crescita del settore. La qualità dei modelli formativi proposti e la competenza dei docenti (a loro volta certificati da CEPAS) sono ormai noti a tutti gli addetti che hanno frequentato tali corsi. Dopo una fase iniziale nella quale si sono erogati corsi solo per le aziende associate, attualmente l Associazione si è strutturata, anche fiscalmente, per erogare corsi di formazione anche per tutte le altre aziende del settore, anche se non associate. In tutti i corsi di formazione che sono rivolti principalmente ai manutentori, si cercano di rispettare alcuni criteri fondamentali quali la brevità di esposizione e facilità di comprensione degli argomenti relativi alla parte teorica e la rilevanza insostituibile della parte pratica che prevede il giusto coinvolgimento dei partecipanti che devono interagire con il docente. Ci sono ormai diverse sedi di aziende associate, presenti sul territorio nazionale, che erogano i corsi di formazione e che sono diventate Centri di Formazione M.A.I.A. (C.F.M.), mentre altri centri, già individuati, sono in fase di allestimento soprattutto al Sud e sulle isole, dove fino a poco tempo fa l Associazione era poco presente e dove ci sarebbe maggior bisogno. Tutti i Centri di Formazione M.A.I.A., sia quelli già operanti che quelli in fase di allestimento, sono ovviamente dotati delle attrezzature idonee per svolgere varie tipologie di corsi quali: estintori portatili e carrellati, componenti di reti idranti, installazione e manutenzione di porte e portoni tagliafuoco, rivelazione incendio, evacuatori di fumo e calore, impianti sprinkler, pompe di alimentazione, impianti a gas, impianti a schiuma, segnaletica ed illuminazione di emergenza. L Associazione sta progettando corsi di formazione per nuove figure professionali che hanno a che fare con la manutenzione dei presidi antincendio a regola d arte quali, ad esempio, gli asseveratori previsti dal DPR 151/2011.

5 Pag. 5 di 7 E) I CONVEGNI Sono sempre stato personalmente convinto dell importanza dei convegni, ai quali ho dedicato molto del mio tempo negli anni trascorsi, non solo come luogo d incontro di esperienze diverse, ma come strumento necessario ai fini della diffusione della cultura della sicurezza e di un corretto aggiornamento per tutti i soggetti che a vario titolo operano nel settore della Prevenzione Incendi. Tale aspetto è talmente ben presente nell attività dell Associazione che, solo in quest anno 2014, come sopra già indicato, sono stati organizzati ben 9 convegni/incontri/seminari di natura informativa/formativa, di confronto e di dibattito, con la collaborazione delle aziende associate, che hanno riscontrato un incredibile ed inaspettato successo testimoniato dal numero straordinario e sempre crescente di partecipanti. Quanto sopra è la riprova che non solo bisogna credere nella diffusione della cultura della sicurezza, ma credere soprattutto nella insostituibile necessità, nonostante le difficoltà oggettive, di restare aggiornati ed al passo con la tumultuosa evoluzione Normativa Nazionale o Europea che, in continuazione, prevede emanazione di Norme nuove, mentre altre vengono automaticamente abrogate, in quanto superate, o revisionate. Le aziende che intendono promuovere nel loro territorio questi convegni possono contattare la Segreteria per ricevere tutte le informazioni del caso. F) L EVOLUZIONE NORMATIVA L Associazione, nell interesse delle aziende associate, deve monitorare la produzione Legislativa, con particolare riferimento ai Decreti che riguardano il settore della Prevenzione Incendi e che, come molti di Voi già sanno, hanno introdotto importanti cambiamenti anche a livello di responsabilità individuali. Basti pensare ai cambiamenti introdotti dal D.P.R. 151/2011 che, alla stessa stregua dei cambiamenti epocali a suo tempo introdotti dal D.M. 10 marzo 1998 in materia di gestione della sicurezza antincendi nei luoghi di lavoro, ha introdotto nuove responsabilità per tutti i soggetti che operano nel settore ad iniziare dai professionisti asseveratori per finire con gli installatori ed i manutentori che, nel nuovo sistema autocertificativo introdotto dalla ormai ben nota procedura definita S.C.I.A. (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) si assumono ogni responsabilità civile e penale in riferimento al loro operato ed alle documentazioni che rilasciano in materia. Inoltre, si coglie l occasione per segnalare che è ormai in avanzato stato di predisposizione, da parte del Ministero dell Interno, di un nuovo Codice di Prevenzione Incendi, peraltro illustrato a Padova il 7 novembre u.s. dal Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco del Veneto nell ambito di un convegno organizzato da un azienda associata, che apporterà un autentico cambiamento epocale nella progettazione di prevenzione incendi e per il quale la nostra Associazione, attraverso lo scrivente, intende fornire il proprio contributo di osservazioni per migliorarne il testo prima della sua pubblicazione prevista nel È evidente che tutti i soggetti operanti nel settore della Prevenzione Incendi, ivi comprese le aziende di manutenzione, saranno toccati da questi cambiamenti normativi, nessuno escluso (dal datore di lavoro al professionista, dal responsabile del servizio prevenzione e protezione alla ditta di installazione degli impianti antincendio per finire al manutentore antincendio). G) LE CONVENZIONI STIPULATE DALL ASSOCIAZIONE M.A.I.A. CON ALCUNI ISTITUTI STATALI DI ISTRUZIONE SUPERIORE L, prima in Italia, ha stipulato, negli ultimi anni a partire dal 2012 alcune Convenzioni con Istituti Statali di Istruzione Superiore, delle quali avete già avuto comunicazione ed informazione dalla Segreteria dell Associazione, oltre che da numerosi redazionali pubblicati sulla Rivista Antincendio, per introdurre nel percorso formativo scolastico, così come previsto dal riordino degli Istituti Professionali, un offerta formativa relativa alla

6 Pag. 6 di 7 Manutenzione ed assistenza tecnica specifica per il manutentore di presidi antincendio e di chiusure tagliafuoco, allo scopo di avvicinare i giovani al nostro importante settore e colmare comunque il vuoto esistente in merito alla richiesta delle aziende di manutenzione di presidi antincendio di poter trovare sul mercato personale adeguatamente preparato e munito di attestato di formazione immediatamente spendibile sul mercato. Tali Convenzioni sono, nel nostro Paese, da considerarsi rivoluzionarie per il settore e l, pur considerando gli oneri e l impegno che derivano dall attuazione di tali Convenzioni, si è fatta promotrice di tali iniziative, ben consapevole di essere l apripista per un nuovo modo di portare nella formazione scolastica una specializzazione a tutt oggi ignorata dalle istituzioni. Attualmente sono operative ben 3 Convenzioni: la prima con l Istituto Andrea Ponti di Gallarate, che è giunta ormai al terzo anno di vita, e che porterà a compimento, a giugno 2015, il trienno di formazione per gli studenti che hanno scelto il pacchetto formativo proposto (saranno i primi studenti in Italia che si saranno specializzati in Manutenzione di presidi antincendio ); le altre due Convenzioni sono in corso con l Istituto Pio Alberghetti di Imola e con l Istituto Odero di Genova. H) ALTRE CONVENZIONI DA STIPULARE Sono in corso contatti operativi con altre Associazione di categoria che sono in qualche modo interessate al settore della sicurezza al fine di realizzare sinergie finalizzate all erogazione, da parte dell, di servizi nell interesse degli associati, come ad esempio, può essere una stipulanda Convenzione con l Associazione A.N.A.C.I. ( Associazione Nazionale Amministratori Condominio Italiani) e quelle da stipulare con altri operatori del mercato della sicurezza. I) IL MERCATO DELLE MANUTENZIONI ANTINCENDIO L ha da tempo iniziato a monitorare il mercato degli appalti pubblici relativi alle manutenzioni dei presidi antincendio ed ha intrapreso una serie di azioni tutte finalizzate a migliorare il mercato stesso e, oltre a quanto sopra riportato (leggasi Tempario delle manutenzioni antincendio), in alcuni casi è già intervenuta ed ha preso posizione in merito a capitolati di appalto emessi da vari Enti a capitale pubblico, capitolati che, nei loro contenuti, evidenziano in modo palese le pesanti incompetenze tecniche e la scarsa conoscenza delle Leggi e delle Normative di riferimento da parte di coloro che li hanno elaborati. M.A.I.A. è già intervenuta in diversi casi sia segnalando ai responsabili le anomalie contenute in diversi capitolati e ottenendo in alcuni casi anche soddisfazione e sia cercando di confrontarsi e di discutere con gli Enti interessati, specialmente con quelli che utilizzano risorse pubbliche allo scopo di addivenire all emissione di capitolati d appalto coerenti con la normativa vigente e, conseguentemente, individuare coloro che hanno i requisiti per poter operare a regola d arte nel settore della manutenzione antincendio e delle chiusure tecniche: è un terreno difficile sul quale M.A.I.A. sta impegnando molte risorse e sta predisponendo, per i propri associati, un servizio di consulenza in materia di appalti. L) IL SITO L Associazione si é dotata, finalmente, di un sito più moderno ed aggiornato, in grado di consentire ad ognuno di Voi di partecipare alla vita associativa in tempo reale, fornendo suggerimenti ed avanzando proposte e ricevendo informazioni aggiornate. Personalmente ho chiesto a chi ha lavorato a tale progetto di aprirmi un casella di posta elettronica Scrivi al Presidente, operativa solo da pochi giorni, per consentirmi di avere un dialogo diretto con ognuno di Voi in maniera tale che io possa, sin dai primi del 2015, rispondere, in tempo reale, anche ad eventuali quesiti che vorrete

7 Pag. 7 di 7 pormi, non solo come associati, ma anche per questioni tecnico-normative, così come faccio da anni, rispondendo ai quesiti dei lettori ed abbonati della Rivista Antincendio. Sempre sul sito è attivo il servizio L esperto risponde dove 12 tecnici, ognuno dei quali esperto nel proprio settore, rispondono ai quesiti posti dagli associati. CONCLUSIONI L elenco delle iniziative intraprese e quelle ancora da intraprendere sarebbe lungo, ma in una lettera di fine anno e di auguri natalizi, ritengo sia già abbastanza quanto sopra descritto e non vorrei abusare della Vostra attenzione. Con l approssimarsi delle festività Natalizie e con la conclusione di un altro anno tra i più difficili che l Italia sta vivendo a partire dal dopoguerra ad oggi, e vista anche la crisi economica profonda che ha abbracciato tutti i settori, nessuno escluso, e che porterà cambiamenti epocali nelle nostre abitudini, non posso che augurare ad ognuno di Voi un 2015 migliore di quello che si va chiudendo, e lo faccio non per un dovere istituzionale, ma soprattutto perché sento all interno dell Associazione e non solo, un fermento ed un dinamismo che non avrei mai immaginato sino a qualche anno fa. L Associazione, forte dell esperienza pregressa, è ormai capace di esprimere progetti concreti, con i quali, e di questo sono sicuro, sarà in grado di cambiare profondamente il mercato delle manutenzioni dei presidi antincendio e di realizzare quella crescita auspicata da tutti, potendo comunque contare sul Vostro sostegno morale e materiale, così come avete chiaramente manifestato con le Vostre indicazioni contenute nelle risposte al questionario inviatovi. Sinceri e sentiti auguri per un felice Natale ed un sereno 2015 a Voi, alle Vostre famiglie e alle Vostre aziende. IL PRESIDENTE (dott.ing. Sandro Marinelli)

La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze

La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze La scelta dell azienda di manutenzione degli impianti antincendio, i manutentori, le competenze Marino Mariani CEA Estintori SpA Sviluppo e Supporto ai Servizi di Sicurezza e Antincendio Imola, 19 novembre

Dettagli

Il Progetto Formazione

Il Progetto Formazione Il Progetto Formazione II MEETING MANUTENTORI ANTINCENDIO Milano, 12 maggio 2011 1 La formazione nel settore della manutenzione antincendio Il gruppo, costituito nel 2003, ha l obiettivo di supportare

Dettagli

TUTTO INIZIA NELL ANNO 2010

TUTTO INIZIA NELL ANNO 2010 IL PERCORSO DEL TECNICO MANUTENTORE DI ESTINTORI, COMPONENTI DI RETI IDRANTI E PORTE TAGLIAFUOCO PER OTTENERE LA CERTIFICAZIONE DELLE SUE COMPETENZE TUTTO INIZIA NELL ANNO 2010 Nel 2010, quando ancora

Dettagli

Antincendio Sistemi Integrati

Antincendio Sistemi Integrati Antincendio Sistemi Integrati La società FARO è presente sul mercato italiano già dal 1916 con una produzione di estintori che ebbe largo successo sin dalla sua prima comparsa e poi nell ultimo dopoguerra,

Dettagli

Diamo valore alla vostra sicurezza

Diamo valore alla vostra sicurezza Diamo valore alla vostra sicurezza Assistenza Emporio Accademia L organizzazione fa la sicurezza La sicurezza è una cosa seria. E complessa. Non è quindi un caso se ai professionisti della sicurezza vengono

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

Un angelo custode guarda alla VostRa serenità PIgHI. la sicurezza di sentirsi PRotettI.

Un angelo custode guarda alla VostRa serenità PIgHI. la sicurezza di sentirsi PRotettI. Un angelo custode GUARDA ALLA VOSTRA SERENITà Ha lo sguardo che Pighi Antincendi rivolge a chi cerca più tranquillità per la propria casa e il proprio ambiente di lavoro, stabilendo un nuovo standard di

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA -TE NIGA -

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA -TE NIGA - MOD. 6 U.CO. DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA -TE NIGA - CONVENZIONE TRA IL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASSOCIAZIONE

RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASSOCIAZIONE RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASSOCIAZIONE DOMANDA DI ISCRIZIONE REGISTRO ANAGRAFICA ASSOCIATI RAGIONE SOCIALE: FORMA SOCIETARIA: INDIRIZZO: CITTA : CAP: PROV: TEL: FAX: SITO: NOME: PERSONA DI RIFERIMENTO

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010

ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot. n. 777/ATM 245 SIC del 03.03.2010 Via Giuseppe Caraci, 36 Palazzina D 5 piano tel. 06.41.58.45.05 fax 06.41.73.30.90 Sito web : www.alboautotrasporto.it - e-mail : segreteria@alboautotrasporto.it ALLEGATO n. 1 Alla lettera di invito prot.

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

La normativa vigente e le nuove sfide che Il Professionista Antincendio è chiamato ad affrontare Dalla legge 818 alla Prevenzione Incendi 2014

La normativa vigente e le nuove sfide che Il Professionista Antincendio è chiamato ad affrontare Dalla legge 818 alla Prevenzione Incendi 2014 La normativa vigente e le nuove sfide che Il Professionista Antincendio è chiamato ad affrontare Dalla legge 818 alla Prevenzione Incendi 2014 Luciano Nigro Roma, 18 giugno 2014 IL PROFESSIONISTA ANTINCENDIO.

Dettagli

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni Corsi di Formazione Sommario Sistemi di gestione 4 Modulo A Corso di Formazione per Auditor di Sistemi di Gestione Modulo A - uni en iso 19011 - Corso Qualificato

Dettagli

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza.

Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Modena - 11 ottobre 2012 Formazione di base e aggiornamento per gli addetti al salvataggio, lotta antincendio, gestione dell emergenza. emergenza. Il punto sugli obblighi e le scadenze Dott.Ing. Michele

Dettagli

Natale Mozzanica. Padova, 27 novembre 2014

Natale Mozzanica. Padova, 27 novembre 2014 LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI : UN ATTIVITA FONDAMENTALE PER GARANTIRE L EFFICIENZA DEGLI IMPIANTI E PER GARANTIRE L ASSEVERATORE NELLA FASE DI RINNOVO PERIODICO Natale Mozzanica Padova, 27 novembre

Dettagli

Un partner esperto e affidabile

Un partner esperto e affidabile Medical Gas Equipment Un partner esperto e affidabile Chi siamo: mission e vision Esperienza e qualità al servizio del Cliente Siamo un impresa nata nella tradizione, impegnata a crescere nell attività

Dettagli

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM

CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM CONFERENZA DEL TURISMO ITALIANO GENOVA 20-21 SETTEMBRE 2004 CENTRO CONGRESSI MAGAZZINI DEL COTONE AUDITORIUM INTERVENTO DELL'ASSESSORE REGIONALE ALLE POLITICHE DEL TURISMO E DELLA MONTAGNA DELLA REGIONE

Dettagli

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ FONDAZIONE MANODORI Bando 2013 rivolto al Terzo Settore INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ 1. PREMESSA Stiamo vivendo un periodo storico connotato da una crisi economica che

Dettagli

Professionisti ed Installatori alla luce del Nuovo Regolamento di Prevenzione Incendi DPR 151-2011 e del DM 20-12-2012 Luciano Nigro

Professionisti ed Installatori alla luce del Nuovo Regolamento di Prevenzione Incendi DPR 151-2011 e del DM 20-12-2012 Luciano Nigro Professionisti ed Installatori alla luce del Nuovo Regolamento di Prevenzione Incendi DPR 151-2011 e del DM 20-12-2012 Luciano Nigro Firenze, 18 febbraio 2014 NUOVI RUOLI NEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO MODULO 6 IGIENE E SICUREZZA SUL LAVORO LEGGI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Introduzione La prevenzione degli infortuni lavorativi e delle malattie professionali è stata sempre al centro dell interesse

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro

Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Banca d'italia Legislazione bancaria, finanziaria e assicurativa: la storia, il presente, il futuro Saluto di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 ottobre 2011 Do il benvenuto

Dettagli

Certificazioni di qualità per il settore antincendio. FEDERICO PASQUI Milano, 17 novembre 2015

Certificazioni di qualità per il settore antincendio. FEDERICO PASQUI Milano, 17 novembre 2015 Certificazioni di qualità per il settore antincendio FEDERICO PASQUI Milano, 17 novembre 2015 Scenario settore antincendio La legge prevede che con cadenza predefinita (in funzione del tipo di presidio)

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Premessa:

CARTA DEI SERVIZI. Premessa: CARTA DEI SERVIZI Premessa: La Carta dei Servizi è uno strumento utile al cittadino per essere informato sulle caratteristiche del servizio offerto, sulla organizzazione degli uffici comunali, sugli standards

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL LABORATORIO PER LO STUDIO DEL RAPPORTO TRA AZIENDE, ISTITUZIONI E MERCATI ART. 1 Istituzione È istituito presso l'università degli Studi del Molise, ai sensi dell art. 47 dello

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008

FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 Attività F. e S. D.Lg.81/2008 FORMAZIONE SULLA SICUREZZA TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 81/2008 e D. Lgs. 106/2009 8(orrettivo del D.Lgs. 81/08) IIS Da Vinci Ripamonti Formazione docenti di nuova nomina

Dettagli

SEMPLICE MENTE ENERGIA

SEMPLICE MENTE ENERGIA SEMPLICE MENTE ENERGIA NOI SIAMO ENERGIA L affermazione siamo fatti di energia è ormai diventata assunto scientifico. Ed al di là di quanto affermato da scienziati e filosofi, conosciamo molto bene, per

Dettagli

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO Natale Nozzanica Milano, 17 novembre 2015 NELLA FASE DI DELL AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO, IL PROFESSIONISTA ANTINCENDIO

Dettagli

Prot. n. 5276/C14 Prata di Pordenone, 17 novembre 2014

Prot. n. 5276/C14 Prata di Pordenone, 17 novembre 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO FEDERICO DA PRATA Prata di Pordenone Scuole Primaria e Secondaria di 1 grado Codice fiscale 80007050935 Direzione: Via Martiri della Libertà 32-33080 PRATA DI PORDENONE N. tel.0434/425211

Dettagli

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro

7. I finanziamenti INAIL alle imprese e i modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro Ingegneria ed Architettura, ha sviluppato un modulo didattico innovativo che ha previsto non solo lezioni frontali, ma un cospicuo numero di ore dedicato all attività di laboratorio ed all analisi di un

Dettagli

ERGON LAB. STUDIO DI CASI SPECIFICI

ERGON LAB. STUDIO DI CASI SPECIFICI Formazione2015 PERCHÉ LA FORMAZIONE AZIENDALE CON ERGON La formazione aziendale è una fattore di crescita perché rappresenta un investimento sulle persone, sul loro potenziale e sulle loro competenze.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE 1 COMUNE DI USTICA Prov. di Palermo P R O T E Z I O N E C I V I L E REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DELLA PROTEZIONE CIVILE 2 Indice Art.1 Finalità Art.2 Obiettivi Art.3 Modalità di adesione

Dettagli

IMPIANTI INDUSTRIALI. I Sistemi di gestione per la qualità secondo norma UNI EN ISO 9001:2008 Di Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.

IMPIANTI INDUSTRIALI. I Sistemi di gestione per la qualità secondo norma UNI EN ISO 9001:2008 Di Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini. IMPIANTI INDUSTRIALI I Sistemi di gestione per la qualità secondo norma UNI EN ISO 9001:2008 Di Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FERRARA EFFICACIA ED EFFICIENZA Per

Dettagli

Tipologia corso obbligatorio Corsi di formazione (formazione non formale) coerente con i contenuti della UNI 9994-1;

Tipologia corso obbligatorio Corsi di formazione (formazione non formale) coerente con i contenuti della UNI 9994-1; DESCRIZIONE FIGURA PROFESSIONALE Manutentore di estintori: Figura che opera nel: controllo; manutenzione o riparazione degli estintori portatili e carrellati, al fine di garantirne l efficienza operativa

Dettagli

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che:

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 33-4150 Nuova disciplina dei corsi di formazione professionale per Agente e Rappresentante di Commercio. Revoca

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

SICUREZZA, AMBIENTE, FORMAZIONE

SICUREZZA, AMBIENTE, FORMAZIONE SICUREZZA, AMBIENTE, FORMAZIONE Servizi di consulenza Più Formazione nasce dalla sinergia di professionisti, tecnici del settore per tutto quanto concerne la Sicurezza nei Luoghi di Lavoro, con l' entrata

Dettagli

R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B6 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E

R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B6 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROGRAMMA DEL CORSO R.S.P.P./A.S.P.P. MODULO B6 (RESPONSABILE E ADDETTO AL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE MODULO DI SPECIALIZZAZIONE) MACROSETTORE N. 6 COMMERCIO, TRASPORTO (Decreto Legislativo coordinato

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto

REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO ORGANISMO DI VIGILANZA di AiFOS (Associazione Italiana Formatori della Sicurezza sul Lavoro) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina composizione, funzionamento e procedure dell

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

Servizi e prevenzione sul tema antincendio

Servizi e prevenzione sul tema antincendio Servizi e prevenzione sul tema antincendio Ogni azienda ed ogni istituzione deve essere necessariamente formata sul tema antincendio, non a caso nella moderna ed evoluta società la prevenzione lavorativa

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio REGIONE LIGURIA Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell Occupazione Ufficio Sicurezza e Qualità del lavoro Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di Responsabile

Dettagli

FEDERESCO. Roma, 19 luglio 2010. Audizioni periodiche AEEG del 19-20 luglio 2010

FEDERESCO. Roma, 19 luglio 2010. Audizioni periodiche AEEG del 19-20 luglio 2010 Roma, 19 luglio 2010 Audizioni periodiche AEEG del 19-20 luglio 2010 Illustrissima Autorità, in primo luogo, siamo a ringraziarvi per l opportunità che ogni anno ci viene offerta nel poter contribuire

Dettagli

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171

8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 8.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 1 DELIBERAZIONE 23 dicembre 2013, n. 1171 Primi indirizzi per la realizzazione dei percorsi di formazione per tecnici abilitati alla certificazione

Dettagli

Prot. n 187/A23 Rosarno, lì 15 gennaio 2011

Prot. n 187/A23 Rosarno, lì 15 gennaio 2011 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE «R. PIRIA» LICEO SCIENTIFICO, Rosarno I.P.S.AS.R.., Rosarno I.T.C., Laureana di Borrello Via Modigliani 89025 ROSARNO (RC) - : : 0966936211-0966780693 : : 0966/711164 Codice

Dettagli

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011

PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 PROGETTO LE PAROLE SONO SEMI 2010/2011 promosso dalle Associazioni di volontariato E pas e temp, Unasam (Unione Nazionale delle Associazioni per la Salute Mentale) e Associazione Club degli alcolisti in

Dettagli

Servizi di certificazione per le costruzioni

Servizi di certificazione per le costruzioni Servizi di certificazione per le costruzioni CHI SIAmO Nel dicembre 1993 le principali Associazioni di Categoria ed alcuni Grandi Committenti del Settore delle Costruzioni Civili vollero promuovere la

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RUGGHIA. Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato RUGGHIA. Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 452 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato RUGGHIA Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio Presentata il 4 maggio

Dettagli

Cliccare sul titolo della FAQ per leggere la risposta relativa

Cliccare sul titolo della FAQ per leggere la risposta relativa Cliccare sul titolo della FAQ per leggere la risposta relativa Valutazione Rischi Settore Musicale : Dovendo valutare il rischio di una fanfara militare( banda musicale che opera per cerimonie e intrattenimento

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

VALORE P.A. AVVISO DI ACCREDITAMENTO CORSI DI FORMAZIONE 2015

VALORE P.A. AVVISO DI ACCREDITAMENTO CORSI DI FORMAZIONE 2015 Direzione centrale Credito e Welfare VALORE P.A. AVVISO DI ACCREDITAMENTO DI CORSI DI FORMAZIONE 2015 INDICE PREMESSA ART. 1 OGGETTO DELL AVVISO DI ACCREDITAMENTO ART. 2 - SOGGETTI PROPONENTI ART. 3 TRASMISSIONE

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

CONTROLLA CHI TI CONTROLLA STEFANO GRONCHI

CONTROLLA CHI TI CONTROLLA STEFANO GRONCHI STEFANO GRONCHI Milano, 17 novembre 2015 LA LEGISLAZIONE ITALIANA E LE NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO CONNESSE ALLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO NON PREVEDONO: Un abilitazione specifica per l esercizio dell

Dettagli

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI

CAPO I PROGETTAZIONE DI OPERE E LAVORI PUBBLICI DISCIPLINA PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO PER LA PROGETTAZIONE O PER LA REDAZIONE DI ATTI DI PIANIFICAZIONE EX. ART. 18 LEGGE 109/94 E SUCCESSIVE INTEGRAZIONI AGGIORNATO ALLA LEGGE 415/98 e s.m.i.

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 110 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 110 EUR Località : Da definire PREISCRIZIONE AL CORSO DI AGGIORNAMENTO DELLA FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA LOTTA E P Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 110 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Introduzione al D. Lgs. n. 33/2013 1 of 21 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli

Dettagli

FAQ (DOMANDE E RISPOSTE) 19.07.2013

FAQ (DOMANDE E RISPOSTE) 19.07.2013 Aggiornamento dell elenco di operatori economici per l affidamento di lavori pubblici in economia, da parte del Servizio gestione patrimonio immobiliare della Direzione centrale finanze, patrimonio e programmazione.

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO. Percorsi di formazione trasversale. STUDIO BINI ENGINEERING srl DIVISIONE CONSULENZA DIREZIONALE ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

CATALOGO FORMATIVO. Percorsi di formazione trasversale. STUDIO BINI ENGINEERING srl DIVISIONE CONSULENZA DIREZIONALE ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE CATALOGO FORMATIVO Percorsi di formazione trasversale pag. 1 INDICE: PAGINA ORE COSTO (IVA esclusa) PERCORSI DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA IN 3 MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Addetto antincendio - rischio

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci)

LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) LINEE GUIDA DEL CoLAP (a cura della Dott.ssa Alessandrucci) REQUISITI RICHIESTI ALLE ASSOCIAZIONI PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO WEB TENUTO DAL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Premessa (articolo 1, 2

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2011

centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO 2011 centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN ABRUZZO ANNO centro di coordinamento raee DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

!!! REGOLAMENTO EVENTI

!!! REGOLAMENTO EVENTI Circolare CD1/2015 REGOLAMENTO EVENTI 1. Eventi Ufficiali 1.1. L Associazione Italiana Avvocati dello Sport (di seguito l Associazione) periodicamente destina parte delle proprie risorse al finanziamento

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire PREISCRIZIONE AL CORSO DI AGGIORNAMENTO DELLA FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA LOTTA E P Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 60 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

PERCHÉ LA FORMAZIONE AZIENDALE CON ERGON PERCHÉ RIVOLGERSI AD ERGON PERCHÉ FACCIAMO AL CASO TUO

PERCHÉ LA FORMAZIONE AZIENDALE CON ERGON PERCHÉ RIVOLGERSI AD ERGON PERCHÉ FACCIAMO AL CASO TUO Formazione2015 PERCHÉ LA FORMAZIONE AZIENDALE CON ERGON La formazione le è una fattore di crescita perché rappresenta un investimento sulle persone, sul loro potenziale e sulle loro competenze. Diventa

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA ESTRATTO DAL VERBALE DELL'ADUNANZA DEL 28 APRILE 2011 (omissis) Formazione professionale continua: modifiche regolamento - Il Consigliere Rossi propone al Consiglio di apportare al regolamento attuativo

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI DEL COLLEGIO IPASVI DI PISA

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI DEL COLLEGIO IPASVI DI PISA ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI ISCRITTI DEL COLLEGIO IPASVI DI PISA Pisa, venerdì 20 marzo 2015 Oggetto: relazione programmatica per l'anno 2015 Prima di presentare gli elementi sui quali si svilupperà l'azione

Dettagli

HEAD OF THE BOARD 2015. Corso per Consiglieri di Amministrazione

HEAD OF THE BOARD 2015. Corso per Consiglieri di Amministrazione HEAD OF THE BOARD 2015 Corso per Consiglieri di Amministrazione Che cos è Head of the board Il progetto Head of the Board 2015 : - è il corso per consigliere di amministrazione finalizzato a sostenere

Dettagli

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE DI CIGLIANO. Versione del 22-12-2004

COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE DI CIGLIANO. Versione del 22-12-2004 COMUNE DI CIGLIANO REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PER LA PROTEZIONE CIVILE DI CIGLIANO Versione del 22-12-2004 IL SEGRETARIO COMUNALE IL SINDACO Approvato con deliberazione C.C. n 9 in data

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1

REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 REGOLAMENTO DEL MASTER DI PRIMO LIVELLO IN DIRITTO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 1 Art. 1. FINALITA Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Trieste è istituito il Master Universitario

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA

Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 TITOLO I. D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008. UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA D.Lgs.n 81 del 9 Aprile 2008 Modificato dal D.Lgs. 106 del 03 Agosto 2009 UNICO TESTO delle LEGGI SULLA SICUREZZA TITOLO I 1 PRIMA DEL D.LGS.81 DEL 2008? IL CODICE CIVILE (1865 ) (Con la Legge 80/1898

Dettagli

QUESITI E CHIARIMENTI

QUESITI E CHIARIMENTI QUESITI E CHIARIMENTI Domanda : Risposta : Risposta : punto A - iscrizione al registro imprese nel settore dell'attività in oggetto: noi siamo una casa di produzione video e di fornitura di servizi connessi

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M.

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO D.Lgs n. 626/94 D.Lgs n. 242/96 D.M. 363/98 Art. 1 DATORE DI LAVORO 1. Il Rettore, quale rappresentante

Dettagli

Sabato 13 ottobre 2012 - ore 21,00 presso la sede UNITRE via Dante, 7

Sabato 13 ottobre 2012 - ore 21,00 presso la sede UNITRE via Dante, 7 UNIVERSITÀ DELLA TERZA ETÀ E DELLE TRE ETÀ SEDE AUTONOMA DI CAVOUR Via Dante, 7-10061 CAVOUR - Tel. 0121 69773 e-mail: unitrecavour@virgilio.it Sabato 13 ottobre 2012 - ore 21,00 presso la sede UNITRE

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO

PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Direzione Servizi agli Studenti Ufficio Orientamento allo Studio www.orientamento.unimore.it PROGETTO ORIENTAMENTO DI ATENEO Il Progetto Orientamento di Ateneo (P.O.A.) dell Università degli studi di Modena

Dettagli

(Provincia di Caserta)

(Provincia di Caserta) (Provincia di Caserta) Regolamento comunale per la concessione di contributi ad Enti, Associazioni e Comitati operanti nel campo culturale, della storia, della solidarietà, turistico, sportivo, ricreativo

Dettagli