In Campania a rischio i fondi Ue Il governatore De Luca: «Gestione precedente disastrosa. Chiediamo una proroga»

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "In Campania a rischio i fondi Ue Il governatore De Luca: «Gestione precedente disastrosa. Chiediamo una proroga»"

Transcript

1 soae Ba<>R.E. l oma Pagna 2 /2 ~~~~;~-::'~~;~~%~~;do-sull'impegno di sp~s;~;r~~~azione -2~07-3: a~cora d~;p~~d~~.s ~-i-li~-r~i di~~ In Campania a rischio i fondi Ue Il governatore De Luca: «Gestione precedente disastrosa. Chiediamo una proroga» «<n poco più di due mesi dovremmo spendere e certificare la spesa di circa,8 miliardi: restituirli sarebbe un delitto. In Campania la situazione sul versante dei fondi europei è un disastro». A pochi giorni dal suo insediamento, il nuovo governat()re della Campania prende le distanze dalla precedente gestione dei fondi europei e denuncia una situazione "pericolosa". De Luca oggi è a Roma, convocato dalla presidenza del Consiglio dei ministri, dove incontrerà il sottosegretario Claudio De Vincenti, per discutere proprio delle risorse strutturali comunitarie , ovvero' della programmazione che sta per chiudersi e per la quale sono fissati termini di spesa entro il3 dicembre prossimo, su cui registrano ritardi anche Calabria e Sicilia. De Luca discuterà anche della nuova programmazione, quella relativa al periodo o,sucuigiàlaCampaniaregistrJ. un forte ritardo poiché è u~j delle p? che. regioni il cui p2n.o non e stato ancora approvato d;;~ Bruxell~s e_ che _la nuo va giun.ta g -idata da '-/ìncenzo I) e Luca st,a.reitx:dostando. «id goverrio-~-spieg.. 2t il presi:k:nt:: d~lla n.ia - dt:"}vrerno spi.::g're co:rn.; -r.:.a. Z'.ndrcn~o 2nchc ad -:E<>::l~are. Chi ed :ren J di p:j ::-::!~:: dij:"'..zi:::;.2-;.:~::e i.s~i;}-- ~~;~i;a.~~~~~tj J~~J~~~~~~ r~~~~i~ ne e anche sulla nuova, quella relativa al periodo 20J4-2020». In altre parole, la. Regione chiederà una proroga per la spesa dei fondi Questi.i numeri in sintesi. Della dotazione complessiva di 4.5 miliardi di fondi Fesr la Campania ha speso, secondo i dati del governo al 30 aprile, il60,5%. Alla Regione risulta che a fine giugno è stato raggiunto il 68% di spesa. Restano da utilizzare 450 miliardi, ma le indicazioni di Bruxelles consigliano una spesa più alta, quindi di,8 miliardi. In gra-. ~ r, ':~.i-,,.;t:~.'.a,': ' t Si trascinano i grandi progetti, su cui è concentrato circa il 50% della dote complessiva e che avrebbero dovuto dare spinta allo sviluppo ve ritardo soprattutto i grandi progetti, su cui è concentrato circa il 50% della dote complessiva e che avrebbero dovuto dare una vera spinta allo sviluppo. De Luca parla di un "disastro", soprattutto per quanto riguarda i fondi cosiddetti per l'accelerazione della spesa: valé a dire risorse che sono state appostate su progetti partiti con altro tipo di finanziamento e quindi individuati proprio pe;- velocizzarne l'impiego. Si tratta di,3 miliardi. Spiega De Luca: «Ad oggi b spesa certi±ìcara è eli soli 00 miìioni. Questo è U dato che pern.oie per l'unione Europea fa t esto. Il rneccanisrno di spesa - aggiunge ij govern3tore carrpano - preved~va che i Comuni si inp~gnassero a coprire con fondi del proprio bilancio eventuali decertificazioni della spesa». Il risultato, evidenzia De Luca, è che «c'è un rischio reale di dissesto finanziario per decine di Comuni campani». Sotto accusa, per la nuova giunta, «un meccanismo di eccessiva centralizzazione adottato nella precedente legislatura regionale». E soprattutto, come conferma l'assessore al ramo della nuova giunt.a campana, Serena Angioli, «non si è realizzata spesa di qualità, avendo scelto la precedente giunta di puntare molto su progetti nati fuori dalla programmazione europea, qualcosa di molto simile a quelli che una volta venivano definiti "progetti sponda"». Immediata la replica dell'ex governatore Stefano Caldaro, con un tweet: «Con me ok, raggiunti target. Non abbiamo perso un euro. De Luca? Già fa tragedia e si rischia di perdere fondi». Sulla spinosa questione della multa comminata dall'europa all'italia per la questione rifiuti, il governatore campano fa sapere che «un dato acquisito è che il Governo si farà carico, per quanto riguarda lo smaltimento delle eco balle- dice- di milioni». La Regione provvederà allo sinaltimento, salvo poi accertare a chi addebitare i costi, se alla società Fibe o allo Stato e alla stmtt-urii6.lmmissariale che nell'epoca dell'emergenza non ave va provveduto a sm:::jtìre le lt~onta.ç:ne di ecob3lle. Q_uesce sono a:n.-c0- ra oggi la.testi~~r:ia~~a di l!il2 delle pag.ne pu tr_~stl dcia stjri: della regione, estmatano, non npro uc )J e.

2 SOle ~~af:l<>re. l Data Pagma 2 2/2 La mappa Il contributo europeo del fondo di sviluppo regionale (Fesr) per ciascun programma operativo regionale (Por). In milioni di euro Por approvato Por in dirittura d'arrivo 8 Por in ritardo Piemonte 482,9 V. d'aosta 32,2 Toscana ~ ~ 396,2 lombardia 485,2, J BolzanO 68,3, J Trento s4.3. j Friuli V. G. ' 5 lazio~ / 456,5 e--~ J Veneto 372,2 J Emilia Romagna 240,9, J Marche 68,7 J Abruzzo l no -l Sardegna~----- i 465 Fonte: Accordo di partenarbto e Commissione Ue estmatano_, n()n npro uc e.

3 ,D~ ~agna 2 Ok della Commissione In arrivo,3 miliardi per le infri;lstrutture Giuseppe Chiellino La Commissione europea ha adottato ieri il programma operativo Infrastrutture e reti dell'italia. La dotazionedibilancioammontaa,84 miliardi di euro di cui, miliardi provengono dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr). La differenza è la quota di cofinanziamento nazionale. Il programma prevede investimenti in ferrovie, porti e sistemi di trasporto intelligenti. Due sono gli obiettivi prioritari del Pon Infrastrutture: contribuire alla creazione di uno spazio unico europeo dei trasportimultimodale con investimenti nella TEN-T, acui vanno.095 milioni di euro pari al62% delle risorse, e i sistemi di trasporto sostenibili(684,2milioniparial%). Come prevede la nuova pro-. grammazione dei fondi strutturali europei, il programma indica in modo dettagliato gli obiettivi che intende raggiungere. Il ministero guidato oggi da Graziano Delrio, che ha impostato e gestisce il P o n, intende prima di tutto più che raddoppiare l'uso delle ferrovie per il trasporto delle merci, passando da,8 tonnellate peno o abitanti a23,6 tonnellate per 00 abitanti. Le risorse europee serviranno anche a portare dagli attuali 8o a 200 treni al giorno il traffico su due delle principali direttrici ferroviarie del Mezzogiorno (Catania-Palermo e Napoli Bari), riducendo i tempi di percorrenza (da 85 a 67 minuti sulla Napoli-Bari e cfa 65 a 53 minuti sulla Catania-Palermo). Questo dovrebbe tradursi anche in una sensibile riduzione delle emissioni di carbonio e dei livelli di rumorosità, anche grazie all'utilizzo delle vie navigabili interne, dei trasporti marittimi, dei còllegamenti multimo. dali e degli aeroporti. Benefici sono previsti anche per le attività di import-export, grazie agli interventi per dimezzare i tempi di sdoganamento rispetto alle attuali 6 ore. Nei portisipuntaadaumentaresiail traffico di container ( +7,4%) che l'altro traffico marittimo. Secondo la commissaria europeaallapoliticaregionalecorina Cretu, «questoprogramma contribuirà a rendere il settore dei trasporti in Italia più sostenibile e competitivo. Q!lesti investimenti avranno un effetto. positivo, r_enderanno l'italia un mercato attraente per le impte-. le INTEt~ZIONI ITAliA NE La nuova programmazione dei fondi europei prevede il potenzi amento del trasporto su rotaia e il completamento di collegamenti al Sud se e miglioreranno la qualità della vita quotidiana». SoddisfattoancheDelrio: «È una buona notizia per il Mezzogiorno e l'intero Paese. Sono in tutto,8 miliardi di euro da investire nel Sud per completare alcune grandi infrastrutture strategiche e per favorire l'intermodalità, i collegamenti e gli allacciamenti ferroviari, le connessioni tra porti, ferrovie, aeroporti, il potenziamento dei principali scali portuali»'. Ora la sfida è non ripetere gli errori e i ritardi del Pon reti che rischia -di vedersi cancellare le risorse: «Stiamo accelerando la spesa: neanche un euro deve essere perso» ha assicurato il ministro. Cl RIPRODUZIONE RISERVATA Kltaguo stampa ad uso escmsvo del aestmatano, non nproducjbile.

4 :s«~oae Ba<>:RE. Imposta sul valore aggiunto. I limiti del meccanismo, i problemi e le possibili soluzioni Reverse charge a ostacoli per i servizi nell'edilizia Regime ordinario per il contratto unico di manutenzione l Data Pagma l 3 FOCUS.. ' ". ~,. -., c.( ; ' '"' :,! ~._, Benedetto Santacroce Franco Vernassa lllijo Il meccanismo del reverse l charge su alcuni servizi prestati sugli edifici (lettera a-ter, comma 6, articolo 7 del Dpr 633/972) continua a generare incertezza operativa che potrebbe essere sostanzialmente 'risolta con una modifica della norma e/o con ulteriori chiarimenti da parte dell'agenzia delle Entrate. Inoltre_si ritiene di condividere il pensiero di Con.fmdustriache,insedediaudizione sui decreti attuativi della delega fiscale, lamenta la mancanza di un'incisiva modifica del regime sanzionatorio applicabile alle operazioni l va con il meccanismo del reverse charge ricordandochelasanzione,purridottadel0%,apparesproporzionata quando non esiste per definizione alcuna sottrazione di imposta, in presenza di soggetti che ovviamente non soffrono limiti alla detrazione dell'i va. Le numerose questioni interpretative, e le relative possibili soluzioni, sono state evidenziate da una circolare di giugno 205 di Confindustria Area politiche fiscali. Il contratto complesso Il primo argomento esaminato riguarda il contratto complesso quale contratto unico di "manutenzione straordinaria", comprensivo anche delle prestazioni di cui alla lettera a-ter. La circolare dell'agenzia delle Entrate J4/205 ha sottolineato che, in caso di contratto unico di appalto avente ad oggetto la costruzione di un fabbricato o la realizzazione sullo stesso di interventi di cui all'articolo 3, comma, lettera c) e lettera d) del Dpr 0/200, non si dovrà procedere alla fatturazione scomposta dell'operazione distinguendo le singole prestazioni assoggettabili al reverse charge.invece, per la manutenzione ordinaria e per quella straordinaria 'si dovranno scomporre le prestazioni/operazioni anche se esse sono oggetto di un unico contratto di appalto. È opportuno ricordare che, a seguito di recenti mòdifiche normative (Dl33/20J.4), la manutenzione straordinaria include interventi edilizi complessi e inscindibili, non considerabili separatamente ai fini della nuova norma. Confindustria sottolinea che gli operatori evidenziano notevoli difficoltà appli- cative dovendo applicare differenti regimi fiscali (ordinario o reverse charge) a singole prestazioni facenti parte di un "unico e inscindibile" intervento edilizio rientrante in un "unico" contratto di appalto. La soluzione proposta consiste nell'adottare, anche per gli interventi di manutenzione straordinaria con contratto unico, la stessa lineainterpretativafornita per gli altri interventi di recupero edilizio e cioè l'applicazione dell'iva ordinaria sull'intera operazione, ferma restando ovviamente l'applicazione del reverse charge per le prestazioni edili affidate in subappalto (articolo 7, comma 6, lettera a del Dpr 633/972).. Siri tiene i noi tre che la stessa soluzione (lva ordinaria) potrebbe essere adottata. per i contratti complessi, unitari e non scindi bili di "manutenzione ordinarià" (ad es esempio, si veda il caso di gestione di un impianto sportivo con edificio, in cui viene garantita la manutenzione, il funzionamento, la sorveglianza, eccetera). Installazione impianti In merito alle prestazioni di installazione di impianti, la circolare di Confindustria propone un criterio basato sulla rimovibilità o meno degli impianti; vale adire che si rientra nel reverse charge' per le prestazioni di istallazioni di impianti relative a parti integrantidel fabbricato ossia "installazioni permanenti". In questo modo si escluderebbero dal re- Reverse charge Lo scopo del reverse charge consiste nell'evitare le frodi Iv a, che si realizzano laddove il cedente o prestatore del servizio non proceda al versamento dell'imposta sul valore aggiunto addebitata in via di rivalsa, fermo restando il diritto alla detrazione per acquirente o committente. Il meccanismo rende debitore dell'imposta il cessionario o committente, se soggetto passivo, e lo obbliga a integrare la fattura, precedentemente emessa dal cedente o prestato re senza applicazione dell'imposta, mediante l'indicazione dell'aliquota dell'operazione e dell'ammontare del tributo. Negli ultimi anni questo meccanismo è stato utilizzato anche per contrastare le cosiddette "frodi carosello", dove il fornitore si sottraeva al versamento dell'iva senza che ciò potesse essere un motivo per negare la detrazione al cliente, salvo dimostrarne la malafede o la connivenza col fornitore. v erse charge i cablaggi e gli impianti di Tic che sono facilmente removibili senza distruzioni/alterazioni dell'edificio. Pannelli fotovoltaici Per quanto concerne i pannelli fotovoltaici, l'agenzia delle Entrate ha precisato che gli impianti fotovoltaici facenti parte di un edifico costituiscono edificio stesso. Confindustria si chiede se questaindicazione si riferisca esclusivamente agli impianti integrati oppure anche a quelli semi-integrati dove i pannelli sono appoggiati sopra l'esistente manto di copertura, La conclusione, che necessita di una conferma da parte delle Entrate, porta a ritenere che si applichi il meccanismo del reverse charge agli impianti collegati e serventi l'impianto elettrico di un edificio nel casò di impianti sia integrati sia semi integrati. Attività complesse " A paradigma delle cl,ifficoltà degli operatori, Confindustria riporta l'esempio di una società che effettua, tra l'altro, attività di prestazioni di servizi di manutenzione su automatismi applicati a porte scorrevoli, sistemi di parcheggio e controllo accessi. Il quesito è piuttosto interessante perché illustra le difficoltà operative di un'impresa con un'attività complessa tramite cessioni con posa in opera, servizi di installazione, di collaudo, di riparazione e manutenzione (potenzialmente inquadrabile in tre diversi codici Ateco) sia all'interno sia all'esterno di edifici; inoltre la compessità gestionale-amministrativa si espande in quanto prestazioni/ cessioni sono sia unitarie sia facenti parte di un contratto complesso. cstmatano, non n pro uc e.

5 r ;i;)fiore. ~agma 2/3 I dubbi e le proposte nella circolare della Confindustria IL PROBLEMA Edificio: lavorazioni effettuate parzialmente su edifici e parzialmente su beni mobili o beni Immobili diversi dagli edifici LA SOLUZIONE Autonomia del rapporto contrattuale: il corrispettivo della prestazione deve essere scorporato affinché siano assoggettate a reverse charge solo le prestazioni di completamento, installazione impianti o demolizione dell'edificio, salvo che l'impresa renda un servizio complesso avente ad oggetto la costruzione, il restauro e risana mento conservativo o la ristrutturazione di un edificio Principio generale di accessorietà: se l'operazione principale è soggetta a reverse charge lo è anche la l'operazione accessoria (e viceversa) Codice Ateco: servizi in parte assoggettati a reverse charge e in parte non rientranti nel codici attività individuati dalla circolare 4/E/205 le attività di <~installazione impianti» (codici Ateco da a ) si ritiene facciano rirerimento a impianti che formano parte integrante dell'edificio~ sono al suo servizio (Sial reverse charge) le attività di <~installazione, riparazione e manutenzione di macchinari» (codici Ateco 33.2 e 33.20) fanno riferimento a impianti che, benché incorporati in un edificio o a esso stabilmente infissi, non caratterizzano l'attività come <~edile» (NO al reversecharge) Se l'operazione interamente considerata ha ad oggetto un impianto, anche eventuali operazioni svolte sull'edificio per il funzionamento di questo impianto non dovrebbero essere assoggettate a reverse charge (NO alreverse charge) Posa in opera: distinzione tra fornitura con posa in opera (NO reverse charge) e prestazione di servizi (SÌ reverse charge) ~Al fine di distinguere le due prestazioni si deve considerare: il valore del bene rispetto alla prestazione; il tipo di contratto/ordine d'acquisto; bene standard o modificato per le esigenze del cliente; il bene gode di una piena autonomia o diventa tale solo dopo l'installazione; prevale l'obbli~azione del dare owero quella del fare Contratto complesso In presenza di un contratto unico di appalto avente ad oggetto li! costruzione di un edificio owero interventi di restauro, di risana mento conservativo e interventi di ristrutturazione ediliziil di cui all'articolo 3, comma l, lettere c ed del Dpr0/200, trov9no applicazione le regole ordinarie e non il rev~rse charge Secondo Confindustria è possibile applicare lo stesso principio ad altri contratti complessi con oggetto interventi differenti da quelli sopra citati (esempio: contratto di manutenzione straordinaria) Installazione rimovibile all'interno degli edifici- Impianti di telecomunicazione Centrali di telecomunicazioni: impianti e macchinari di comunicazione elettronica degli operatori di comunicazione Pannelli fotovoltaici a sistema integrato o semi-integrato ~ le ~ Non prestazioni di installazione di impianti rientrano nel reverse charge se «parti integranti» del fabbricato, ossia <<installazioni permanenti» owero non rimovibili senza significative modifiche o trasformazioni del fabbricato stesso(no al reversecharge) sono funzionali all'edificio all'interno del quale sono installati, bensì sono funzionali alla resa del servifio di telecomunicazione negli edifici dei clienti dell'operatore che usufruiranno di tali servizi (NOalreversecharge)? Nel caso di impianti collegati e serventi l'impianto elettrico di un edificio, sia che siano integrati o semi-integrati, trova applicazione il meccanismo del reverse charge (SÌ al reverse charge)

6 ID~ Pagma 2/2 Manutenzione e riparazione di porte?si richiede il parere dell'agenzia delle E. ntrate su come qualificare queste manutenzioni e automatiche, sistemi di parche~ se sia possibile adottare il codice Ateco nonostante non indichi espressamente e controllo accessi (edifid). i le prestazioni di manutenzione e riparazione Manutenzione e riparazione porte \si richiede il parere dell'agenzia dellèentrate per poter applicare llccidicé Ateco 43~9:09 automatiche antincendio (nonostante non indichi espressamente le prestazioni di manutenzione e riparazione Manutenzione su estintori, idranti e porte Rei Manutenzione con canone di abbonamento Si potrebbe applicare il reverse charge solo nell'ipotesi in cui i materiali mobili (estintori) facessero parte di un impianto complesso installato su un immobile e la m!lnutenzionesi ( inserisse nel quadro della manutenzione dell'intero impianto Si richiede la definizione di un impianto antincendio complesso l Si chiede di confermare se il reverse charge si applichi anche alle prestazioni di '>manutenzione derivanti da contratti che prevedono la corresponsione dicanoni periodici r non correlati a un effettivo intervento di manutenzione Installazionediimpiantielettricicon?La cessione della centralina, essendo relativa al macchinario e non direttamente cèssionedicentralineperimacchinari funzionale all'edificio, deve essere fatturata secondo le regole ordinarie (NO al reverse nelcapannone charge) Contributo di attivazione legato all'installazlonedell'impianto di telecomunicazione,. (Il contributo di attivazione ha natura accessoria rispetto agli addebiti tipici delle. prestazioni di telecomunicazione (canoni, traffico, etc); pertale motivo dovrà essere trattato con lo stesso regime!va riservato agli addebiti. NO al reverse charge.. Attività su piscine e giardini ~La piscina situata all'interno di un edificio può essere considerata parte (integrante dell'edificio (SI al reverse charge) Definizione di pareti mobili?si richiede la corretta definizio~e di pareti mobili e simili Posa di cavi relativi a macchinari ~Si ritiene che l'operazione complessiva sia da considerare un intervento relativo al macchinario e non all'edificio e dunque non soggetto al reversecharge (NO al reverse ( charge) Installazìone impianti di condizionamento per i~,., raffreddamento di macchinari?questa fattispecie si ritiene sia esclusa da reversecharge (NO al reversecharge) ; non npro uct e.

7 l Dam Pagma le regole Ue e quelle italiane. Le incoerenze Il rife rimento ai soli <<edifici>> mette in crisi la fatturazione, / ~ Il reverse charge Iv~ inl ora, per fornire qualche solu-. temo nasce, a livello comunitario, zione di semplificazione? quale forma eccezionale In primo luogo sarebbe utile con cui gli Stati membri possono uniformare la norma naziona arginare specifici e puntuali le al dettato comunitario fenomeni di frode. Lo Stato estendendo il reverse charge a italiano, con la legge di Stabilità tutti gli immobili. In effetti il ri del205,facendo scelte non chiamo fatto dalla norma na perfettamente in lineél con le zionale ai soli edifici ha dato previsioni comunitarie, ha re~ luogo a una serie di problemi so la vita difficile sia agli operatori per distinguere come le diffezione sia alla stessa amministrarenti prestazioni rese devono finanziaria. In effetti, essere fatturate. l'agenzia delle Entrate ha cer~ In secondo luogo, considerando che il reverse charge è i cato, con l'emanazione della! circolare J..4/E/205, di fornire escluso nei casi in cui la prestazione delle soluzioni per rendere più è resa su beni mobili, è chiara l'applicazione della necessario rendere operativo normativa. n tentativo, anche. in modo anticipato rispetto alla se lodevole nello sforzo, non sua naturale decorrenza il ha raggiunto l'obiettivo come regolamento Ue 042/203 dimostrano i casi sollevati da che, per la prima volta, defmisce Confmdustria Area politiche in modo univoco quale sia fiscali nel suo documento di la defmizione di immobile. Si analisi e di proposta. ricorda che il regolamento, per Che cosa si potrebbe fare, al- espressa previsione, entra in l vigore dall 0 gennaio 207, anche se, come ha ribadito la stessa Corte di giustizia, il provvedimento ha natura interpretativa e, in quanto' tale, si potrebbe applicare in modo anticipato. Altri Stati membri, in effetti, hanno fatto già questa scelta (si pensi, per esempio, alla Gez:mania). La scelta definitoria europea renderebbe più semplice interpretare l'applicabilità del reverse charge tutte le volte che l'intervento riguarda beni mobili che insistono su beni immobili (si pensi, come richiamato da Confmdusttia, alle celle frigorifere ovvero a impianti più complessi quali le linee di produzione ovvero gli impianti di raffmazione). Un altro profilo che, seppure scelto per semplificare operativamente la vita dei contribuenti, non sembra cogliere a pieno l'obiettivo è quello di far riferimento ai codici Ateco. Q.iesto riferimento, che va relazionato in modo diretto alle concrete attività svolte dal. 'contribuente e non alla formale iscrizione dell'attività nello specifico codice classificatò, porta come conseguenza un'eccessiva rigidità del sistema che mal si concilia con la natura antievasiva della disposizione. Ad esempio, spesso il codice A teco dell'impresa non corrisponde all'attività svolta a causa dell'ampliamento dell'attività della stessa senza la correlata introduzione di un nuovo codice. Infme, interpretativamente, bisognerebbe definire meglio il concetto di cessione con posa in opera, che è esclusa dalla particolare disciplina, in quanto la cessione prevale sulla prestazione di servizio. Questo tipo di forma contrattuale si differenzia dall'installazione di impianti che, invece, è soggetta al reverse charge. B.Sa. Fr.V. (l RIPRODUZIONE RiSERVATA tutaguo stampa a<l uso esclusivo oe oestmatano, non nproouciblle.

Bologna, 31 marzo 2015. A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi

Bologna, 31 marzo 2015. A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Bologna, 31 marzo 2015 A tutti i Clienti dello Studio Loro sedi Oggetto CIRCOLARE N. 5 APPLICAZIONE DEL REVERSE-CHARGE ALLE PRESTAZIONI DI SERVIZI DI PULIZIA, DEMOLIZIONE, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI E DI

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 47 19.02.2016 Reverse charge in edilzia: riparazioni, impianti fotovoltaici e beni significativi A cura di Gioacchino De Pasquale C.M. 37/E del

Dettagli

Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Reverse charge - estensione a nuove fattispecie nel settore edile: i primi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate L Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 14/E del 27 marzo 2015 (la Circolare ), ha

Dettagli

IL NUOVO REVERSE CHARGE IN EDILIZIA

IL NUOVO REVERSE CHARGE IN EDILIZIA Studio Benetti e Associati Srl Via Zanon, 6 Quinto Vicentino (VI) Tel. 0444 17822 Fax 0444 1782299 Via Del Ponte 191 Marola di Torri di Quartesolo (VI) Tel. 0444 17822 Fax 0444 1782599 Vicenza Business

Dettagli

Reverse charge: pubblicata la Circolare ministeriale

Reverse charge: pubblicata la Circolare ministeriale Reverse charge: pubblicata la Circolare ministeriale Finalmente è stata pubblicata dall Agenzia delle Entrate la circolare n. 14/E del 27 marzo che chiarisce alcuni punti in merito all estensione del meccanismo

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG.

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG. CIRCOLARE N. 22 DEL 15/12/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: REVERSE CHARGE IN EDILIZIA TRA VECCHIE E NUOVE FATTISPECIE PAG. 2 IN SINTESI: Come noto, a decorrere dall

Dettagli

Reverse charge: estensione al settore edile

Reverse charge: estensione al settore edile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 45 11.02.2015 Reverse charge: estensione al settore edile Casi pratici Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse charge Per le prestazioni di servizi

Dettagli

Oggetto: Estensione del reverse charge Primi orientamenti ANCE.

Oggetto: Estensione del reverse charge Primi orientamenti ANCE. CIRCOLARE N. 039 Bergamo, 30 gennaio 2015 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Estensione del reverse charge Primi orientamenti ANCE. Dal 1 gennaio 2015, è operativa l estensione del meccanismo dell

Dettagli

Circolare N. 49 del 1 Aprile 2015

Circolare N. 49 del 1 Aprile 2015 Circolare N. 49 del 1 Aprile 2015 Il nuovo reverse charge in edilizia: chiarimenti Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la Legge di stabilità 2015, integrando l'articolo 17 del decreto

Dettagli

Reverse Charge 2015 I SETTORI DI NUOVA INTRODUZIONE: GENERALITA

Reverse Charge 2015 I SETTORI DI NUOVA INTRODUZIONE: GENERALITA Reverse Charge 2015 La legge di stabilità ha previsto una estensione dell'applicazione dell'iva con il meccanismo del reverse charge: coinvolti, dal 1 gennaio 2015, gli installatori di impianti e i servizi

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 12 ottobre 2006

STUDIO ANTONELLI. Forlì, 12 ottobre 2006 Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA Dott. Stefano Sgarzani COMMERCIALISTA Dott. Federico Mambelli Dott. Stefano Zanfini Dott.ssa Rita Santolini

Dettagli

Il nuovo reverse charge in edilizia: chiarimenti

Il nuovo reverse charge in edilizia: chiarimenti Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo reverse charge in edilizia: chiarimenti Premessa La Legge di stabilità 2015 ha disposto, come noto, l'estensione del meccanismo di assolvimento dell'iva mediante inversione

Dettagli

Circolare Confindustria

Circolare Confindustria Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 194 08.07.2015 Reverse charge: la prestazione principale stabilisce la fatturazione Circolare Confindustria Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse

Dettagli

I.V.A. : Il nuovo Reverse Charge

I.V.A. : Il nuovo Reverse Charge I.V.A. : Il nuovo Reverse Charge Premessa La Legge di stabilità 2015 ha disposto, come noto, l'estensione del meccanismo di assolvimento dell'iva mediante inversione contabile (c.d. reverse charge) a nuove

Dettagli

Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione dell'art. 17 comma 6 del DPR n. 633 del 1972, è stato esposto il seguente

Con l'interpello specificato in oggetto, concernente l'interpretazione dell'art. 17 comma 6 del DPR n. 633 del 1972, è stato esposto il seguente Roma,16 giugno 2008 RISOLUZIONE N. 245/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000 - REVERSE CHARGE applicazione del principio dell inversione

Dettagli

Prot. Circolare n. 011/2015 Milano, 11 maggio 2015 ALLE SOCIETÀ IN INDIRIZZO LORO SEDI

Prot. Circolare n. 011/2015 Milano, 11 maggio 2015 ALLE SOCIETÀ IN INDIRIZZO LORO SEDI STUDIO COMMERCIALISTA BUSCEMI Viale Monte Nero, 17 20135 MILANO Tel. 02/54.100.190 (R.A.) Fax 02/54.100.511 www.studiobuscemi.it e-mail: info@studiobuscemi.it pec: studiobuscemi@legalmail.it Prot. Circolare

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 6 febbraio 2015 Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito ad alcune novità della FINANZIARIA

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015 NOVITA IN MERITO ALL ESTENSIONE DEL REVERSE CHARGE NEL SETTORE EDILE, I CHIARIMENTI DELLA CIRCOLARE MINISTERIALE N

LEGGE DI STABILITA 2015 NOVITA IN MERITO ALL ESTENSIONE DEL REVERSE CHARGE NEL SETTORE EDILE, I CHIARIMENTI DELLA CIRCOLARE MINISTERIALE N Milano, 1 aprile 2015 CIRCOLARE N. 12/2015 LEGGE DI STABILITA 2015 NOVITA IN MERITO ALL ESTENSIONE DEL REVERSE CHARGE NEL SETTORE EDILE, I CHIARIMENTI DELLA CIRCOLARE MINISTERIALE N. 14/E DEL 27 MARZO

Dettagli

IL REVERSE CHARGE: LE NOVITA DAL

IL REVERSE CHARGE: LE NOVITA DAL IL REVERSE CHARGE: LE NOVITA DAL 2015 La legge Finanziaria per il 2015 ha previsto, a partire dal 1 gennaio 2015, l estensione dell applicazione dell IVA con il meccanismo del reverse charge alle seguenti

Dettagli

S T U D I O D I S P I R I T O. MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma

S T U D I O D I S P I R I T O. MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma S T U D I O D I S P I R I T O CONSULENZA FISCALE SOCIETARIA E CONTABILE MARIO DI SPIRITO Dottore Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Tribunale di Roma Circolare n.3 del 12/02/2015

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE CD Modulo Versione Run Time ebridge 02.43.00 Modulo Base 01.85.01 Modulo Base Contabile 02.08.02 Contabilità

Dettagli

Ai gentili clienti Loro sedi

Ai gentili clienti Loro sedi Ai gentili clienti Loro sedi La Legge di stabilità 2015, integrando l'articolo 17 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, ha disposto, tra l altro, l'estensione del meccanismo

Dettagli

GUIDA AL REVERSE CHARGE : IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' N.190-2014

GUIDA AL REVERSE CHARGE : IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' N.190-2014 GUIDA AL REVERSE CHARGE : IL PUNTO DOPO LA LEGGE DI STABILITA' N.190-2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa normativa generale L'inversione contabile (o reverse charge) è una particolare modalità di assolvimento

Dettagli

Roma, 22 dicembre 2015

Roma, 22 dicembre 2015 Circolare n. 37/E Direzione Centrale Normativa Roma, 22 dicembre 2015 OGGETTO: Articolo 17, sesto comma, lett. a-ter) del DPR 26 ottobre 1972, n. 633 - ulteriori problematiche concernenti l ambito applicativo

Dettagli

APPROFONDIMENTI PER LA CLIENTELA

APPROFONDIMENTI PER LA CLIENTELA APPROFONDIMENTI PER LA CLIENTELA N. 6/2016 NOVITA IN MATERIA DI REVERSE CHARGE SETTORE EDILE E SETTORE INFORMATICO 1 1 PREMESSA Il DLgs. 11.2.2016 n. 24 (pubblicato sulla G.U. 3.3.2016 n. 52), modificando

Dettagli

REVERSE CHARGE APPROFONDIMENTO

REVERSE CHARGE APPROFONDIMENTO REVERSE CHARGE APPROFONDIMENTO (testo aggiornato al 27/02/2015) A CURA DI: MARCO SIGAUDO Sommario REVERSE CHARGE - APPROFONDIMENTO... 3 SERVIZI DI PULIZIA NEGLI EDIFICI (art. 17, comma 6. lettera a-ter,

Dettagli

Reverse charge: : chiarimenti Agenzia delle Entrate (Circ. n. 14/E del 27 marzo 2015)

Reverse charge: : chiarimenti Agenzia delle Entrate (Circ. n. 14/E del 27 marzo 2015) Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott.ssa Sofia a Bertolo

Dettagli

Novità IVA 2015 Ampliamento delle ipotesi di reverse charge. Giovanni Petruzzellis Dottore Commercialista

Novità IVA 2015 Ampliamento delle ipotesi di reverse charge. Giovanni Petruzzellis Dottore Commercialista Novità IVA 2015 Ampliamento delle ipotesi di reverse charge Giovanni Petruzzellis Dottore Commercialista Latina, 4 maggio 2015 1 Estensione del reverse charge Legge n. 190/2014 (articolo 1, commi 629 e

Dettagli

Torbole Casaglia, 04/02/2015. Circolare 03/2015. OGGETTO: Il reverse charge - Le novita dal 2015 A TUTTI I CLIENTI

Torbole Casaglia, 04/02/2015. Circolare 03/2015. OGGETTO: Il reverse charge - Le novita dal 2015 A TUTTI I CLIENTI Torbole Casaglia, 04/02/2015 Circolare 03/2015 A TUTTI I CLIENTI OGGETTO: Il reverse charge - Le novita dal 2015 La legge di stabilità ha previsto una estensione dell'applicazione dell'iva con il meccanismo

Dettagli

C.A.F. Imprese C.N.A. Massa Carrara S.r.l.

C.A.F. Imprese C.N.A. Massa Carrara S.r.l. REVERSE CHARGE ULTIMI CHIARIMENTI CIRCOLARE N. 14/E DEL 27/03/2015 RIFERIMENTI NORMATIVI: Art. 1, Commi da 629 a 633, Legge 23/12/2014 n. 190 Art. 17 DPR 633/72 Art. 74, comma 7, DPR 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

Oggetto: ANCORA MOLTI DUBBI NELL APPLICAZIONE DELLE NUOVE IPOTESI DI REVERSE CHARGE GIÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015

Oggetto: ANCORA MOLTI DUBBI NELL APPLICAZIONE DELLE NUOVE IPOTESI DI REVERSE CHARGE GIÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 Firenze, 26/I/2015 Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: ANCORA MOLTI DUBBI NELL APPLICAZIONE DELLE NUOVE IPOTESI DI REVERSE CHARGE GIÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 La Legge di Stabilità per l anno 2015

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113/E

RISOLUZIONE N. 113/E RISOLUZIONE N. 113/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 marzo 2008 OGGETTO: Interpello/2007-ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA Applicazione del regime del reverse-charge articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 19/2015 REVERSE CHARGE NEL SETTORE EDILE E NELLE CESSIONI DI PALLETS

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 19/2015 REVERSE CHARGE NEL SETTORE EDILE E NELLE CESSIONI DI PALLETS Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 03/04/2015 Ai Signori

Dettagli

I nuovi meccanismi di inversione contabile

I nuovi meccanismi di inversione contabile I nuovi meccanismi di inversione contabile Ulteriori dubbi interpretativi a seguito della Circolare n. 14/E del 27 marzo 2015 22 G iugno 2015 1. Premessa L Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 14/E

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di Ottobre 2015 Santa Lucia di Piave, lì 20 Ottobre 2015 Oggetto: Perdite su Crediti Reverse Charge tra nuove e vecchie fattispecie. 1. LE NOVITA PER LA DEDUCIBILITA DELLE PERDITE SU CREDITI

Dettagli

IL MECCANISMO DEL REVERSE CHARGE: COSA E CAMBIATO DAL 2015

IL MECCANISMO DEL REVERSE CHARGE: COSA E CAMBIATO DAL 2015 IL MECCANISMO DEL REVERSE CHARGE: COSA E CAMBIATO DAL 2015 Andrea Cecchetto Dottore Commercialista in Montecchio Maggiore (VI) Commissione Formazione UGDCEC Vicenza Matilde Fiammelli - Dottore Commercialista

Dettagli

CNA Servizi Imola S.c.r.l.

CNA Servizi Imola S.c.r.l. Reverse charge per servizi di pulizia, demolizione, installazione impianti e completamento di edifici prime indicazioni operative Per effetto delle modifiche apportate all'art. 17, D.P.R. n 633/72, il

Dettagli

RISOLUZIONE N.164/E. Roma, 11 luglio 2007

RISOLUZIONE N.164/E. Roma, 11 luglio 2007 RISOLUZIONE N.164/E Roma, 11 luglio 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Interpretazione dell'art. 1 comma 44 della L n. 296 del 2006 Reverse-charge

Dettagli

Nuove casistiche di applicazione del reverse charge Iva

Nuove casistiche di applicazione del reverse charge Iva Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott.ssa Sofia Bertolo Dott.

Dettagli

Anno 2013 N. RF057. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2013 N. RF057. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2013 N. RF057 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO REVISIONE PERIODICA IMPIANTI RISCALDAMENTO CON IVA AL 10% RIFERIMENTI RM N.15 DEL 04/03/2013; ART. 7

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

Circolare del 23/12/2010 n. 59 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Circolare del 23/12/2010 n. 59 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Circolare del 23/12/2010 n. 59 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Applicabilità del meccanismo dellinversione contabile o reverse charge alle cessioni di telefoni cellulari e microprocessori

Dettagli

I DIVERSI AMBITI DI APPLICAZIONE DEL REVERSE CHARGE

I DIVERSI AMBITI DI APPLICAZIONE DEL REVERSE CHARGE I DIVERSI AMBITI DI APPLICAZIONE DEL REVERSE CHARGE A CURA DEL DOTT. PIERLUIGI CAPUANO Con l accezione reverse charge ci si riferisce, in ambito tributario, al meccanismo dell'inversione contabile che

Dettagli

D AZEGLIO SERVIZI SRL

D AZEGLIO SERVIZI SRL D AZEGLIO SERVIZI SRL Consulenza alle imprese Bologna, lì 4 febbraio 2015 AI CLIENTI LORO INDIRIZZI CIRCOLARE N. 5/2015 Oggetto: Legge di Stabilità 2015 e novità IVA: il reverse charge La Legge di Stabilità

Dettagli

LE NUOVE FATTISPECIE DI REVERSE CHARGE E I RECENTI (ATTESI) CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LE NUOVE FATTISPECIE DI REVERSE CHARGE E I RECENTI (ATTESI) CHIARIMENTI DELL AGENZIA INFORMATIVA N. 098 31 MARZO 2015 IVA LE NUOVE FATTISPECIE DI REVERSE CHARGE E I RECENTI (ATTESI) CHIARIMENTI DELL AGENZIA Art. 1, commi 629 e 631, Finanziaria 2015 Artt. 17, comma 6 e 74, comma 7, DPR

Dettagli

I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI

I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI Circolare n. 05 del 21 febbraio 2011 A tutti i Clienti Loro sedi I SERVIZI GENERICI RICEVUTI DA OPERATORI NON RESIDENTI Come noto, dal 2010, sono state introdotte rilevanti novità in materia di territorialità

Dettagli

Circolare N. 5 del 14 Gennaio 2015

Circolare N. 5 del 14 Gennaio 2015 Circolare N. 5 del 14 Gennaio 2015 Reverse charge - dal 01.01.2015 esteso a nuovi servizi Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, alla luce delle modifiche apportate dalla legge di

Dettagli

L Appuntamento con l Esperto MySolution

L Appuntamento con l Esperto MySolution L Appuntamento con l Esperto MySolution Reverse charge (o inversione contabile ) nel settore edile ed energetico nonché con riferimento alle cessioni di pallets dott. Stefano Setti 1 La disposizione normativa

Dettagli

Estensione del reverse charge in ambito IVA. Chiarimenti della Agenzia delle Entrate

Estensione del reverse charge in ambito IVA. Chiarimenti della Agenzia delle Entrate Sommario Estensione del reverse charge in ambito IVA. Chiarimenti della Agenzia delle Entrate 15.2015 Aprile 1. PREMESSA... 2 2. SETTORE EDILE... 2 2.1 Ambito oggettivo... 2 2.1.1 Servizi di pulizia...

Dettagli

Estensione del reverse charge in ambito IVA - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Estensione del reverse charge in ambito IVA - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Rossi danelli GIUSSANI Dottori Commercialisti Associati ANDREA ROSSI Dottore Commercialista PAOLO DANELLI Dottore Commercialista STEFANO GIUSSANI Dottore Commercialista Estensione del reverse charge in

Dettagli

IN FORMAZIONE FEBBRAIO 2015

IN FORMAZIONE FEBBRAIO 2015 IN FORMAZIONE FEBBRAIO 2015 LE PRINCIPALI NOVITA 1. REVERSE CHARGE 2. LE DICHIARAZIONI D INTENTO E L UTILIZZO DEL PLAFOND 1. REVERSE CHARGE Il meccanismo del reverse charge, previsto dall'articolo 17,

Dettagli

Reverse charge: dal 01.01.2015 esteso a nuovi servizi

Reverse charge: dal 01.01.2015 esteso a nuovi servizi Ai gentili clienti Loro sedi Reverse charge: dal 01.01.2015 esteso a nuovi servizi Premessa Come noto, il reverse charge è un meccanismo di applicazione dell IVA volto a porre l obbligo dell assolvimento

Dettagli

I RECENTI CHIARIMENTI SUL REVERSE CHARGE IN

I RECENTI CHIARIMENTI SUL REVERSE CHARGE IN B A LIN & ASSOCIATI Umberto Balin Margherita Cabianca Francesca Gardellin Viviana Pigal Raffaella Martellani Dott. Alberto Gori Circolare n. 10/2015 Padova, 7 Aprile 2015 A tutti i Clienti LORO SEDI Dott.

Dettagli

Ampliato il reverse charge. DDL di Stabilità 2015

Ampliato il reverse charge. DDL di Stabilità 2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 362 09.12.2014 Ampliato il reverse charge DDL di Stabilità 2015 Categoria: Finanziaria Sottocategoria: 2015 Per contrastare ulteriormente l attuazione

Dettagli

Newsletter. Legale - Fiscale Diritto delle società e fiscalità d'impresa. Edizione Speciale. 13 aprile 2015

Newsletter. Legale - Fiscale Diritto delle società e fiscalità d'impresa. Edizione Speciale. 13 aprile 2015 Newsletter Legale - Fiscale Diritto delle società e fiscalità d'impresa Edizione Speciale 13 aprile 2015 Nuove ipotesi di reverse charge: i chiarimenti dell Agenzia Nuove ipotesi di reverse charge: i chiarimenti

Dettagli

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013

Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 17 gennaio 2013 Oggetto: Circolare n. 1/2013 del 17 gennaio

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE

REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Circolare N. 62 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2007 REVERSE CHARGE IN EDILIZIA: I CHIARIMENTI DELLE ENTRATE Come noto (si veda la circolare 070119 CF ), dal 2007, alle prestazioni

Dettagli

La gestione delle fatture in regime reverse charge

La gestione delle fatture in regime reverse charge La gestione delle fatture in regime reverse charge 1 1. Introduzione Il reverse charge è un sistema di fatturazione previsto dall art.17, comma 5, del dpr 633/1972 che comporta che il destinatario di una

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione

Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 161 28.05.2015 Reverse charge: interventi di collaudo e prima accensione Categoria: IVA Sottocategoria: Reverse charge La nuovo normativa concernente

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011

CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011 CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011 OGGETTO: NOVITᾺ FISCALI APPLICABILI DAL PERIODO D IMPOSTA 2011 Di seguito Vi segnaliamo in sintesi le principali novità introdotte per il periodo d imposta 2011,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio 31 marzo 2015 Ai gentili clienti dello Studio Fatturazione in Reverse charge dal 2015 per lavori eseguiti su L Agenzia delle Entrate ha fornito le prime indicazioni su come

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Novità nell applicazione del regime di inversione contabile ai fini IVA 1. Premesse e decorrenza La Legge di Stabilità 2015 ha esteso

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA' FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA' 2015 E DEL. DLgs SEMPLIFICAZIONI 175/2014

LE PRINCIPALI NOVITA' FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA' 2015 E DEL. DLgs SEMPLIFICAZIONI 175/2014 STUDIO BORLETTO dott. Alfio Via Santa Maria n 23 10060 SCALENGHE (TO) Circolare n. 1 del 07/01/2015 Informativa per la clientela dello Studio Borletto LE PRINCIPALI NOVITA' FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA'

Dettagli

Risoluzione n. 375/E

Risoluzione n. 375/E Risoluzione n. 375/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Settore Fiscalità Indiretta ed Internazionale Roma, 28 novembre 2002 Oggetto: Applicazione dello speciale meccanismo del reverse charge di

Dettagli

Proroga dell aliquota IVA ridotta per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio abitativo

Proroga dell aliquota IVA ridotta per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio abitativo IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 14 DEL 18 FEBBRAIO 2008 Proroga dell aliquota IVA ridotta per gli interventi di recupero del patrimonio PROVVEDIMENTI COMMENTATI Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (art.

Dettagli

Oggetto: LA CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IN TEMA DI REVERSE CHARGE

Oggetto: LA CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IN TEMA DI REVERSE CHARGE Danilo Cortesi A tutti i Clienti Loro sedi Ravenna, 30/04/2015 Circolare informativa n. 8/2015 Oggetto: LA CIRCOLARE ESPLICATIVA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE IN TEMA DI REVERSE CHARGE Con la Circolare n.14/e

Dettagli

RISOLUZIONE N. 474/E

RISOLUZIONE N. 474/E RISOLUZIONE N. 474/E Roma, 05 dicembre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello Tabella A, Parte III, n. 127sexies e septies Art. 17, comma 6, DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA

Dettagli

CIRCOLARE FEBBRAIO 2015

CIRCOLARE FEBBRAIO 2015 CIRCOLARE FEBBRAIO 2015 Novità 2015 in materia di IVA: reverse charge e split payment Gentile cliente! Come anticipato nella nostra circolare di gennaio 2015 a partire dal 1 gennaio 2015 sono entrate in

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 2/2015

NOTA OPERATIVA N. 2/2015 NOTA OPERATIVA N. 2/2015 OGGETTO: Novità in tema di Reverse charge. - Introduzione L IVA è un imposta che, da un punto di vista economico, grava sul consumatore finale. Tuttavia, il soggetto passivo dell

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

CIRCOLARE N. 9/2015 Reggio nell Emilia, lì 31/3/2015. Ai Signori ed alle Società in indirizzo OGGETTO:

CIRCOLARE N. 9/2015 Reggio nell Emilia, lì 31/3/2015. Ai Signori ed alle Società in indirizzo OGGETTO: CIRCOLARE N. 9/2015 Reggio nell Emilia, lì 31/3/2015 Via G. Gutenberg, 3 42124 - Reggio Emilia Tel. +39.0522.271220 Fax +39.0522.271432 info@studiobaldi.it studiobaldi.it Cod. Fisc. e P.IVA 00734370356

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 6/2012

NOTA OPERATIVA N. 6/2012 NOTA OPERATIVA N. 6/2012 OGGETTO: il reverse charge e scritture contabili - Introduzione Il reverse charge, o inversione contabile, rappresenta una modalità particolare di assolvimento dell Iva. Ai sensi

Dettagli

www.alexpander.it REVERSE CHARGE

www.alexpander.it REVERSE CHARGE REVERSE CHARGE Il reverse charge è un meccanismo di inversione contabile che consiste nel far ricadere l obbligo di fatturazione dell IVA sul soggetto acquirente, mediante emissione di autofattura, in

Dettagli

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di

a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso della parte di un trasporto di Le risposte dell agenzia delle Entrate alle domande su Fisco e turismo fatte durante il Map, l evento che si è svolto ieri a Torino in collaborazione con Federturismo Confindustria e Sole 24 Ore, nell

Dettagli

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile

a cura del Rag. Daniele LAURENTI, commercialista e revisore contabile Carlin Laurenti & associati STUDIO COMMERCIALISTI e REVISORI 45014 PORTO VIRO (RO) Via Mantovana n. 86 tel 0426.321062 fax 0426.323497 per informazioni su questa circolare: evacarlin@studiocla.it Circolare

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

Va osservato in primo luogo che nel caso in esame il riferimento è rappresentato dal fabbricato e non dai beni immobili in genere.

Va osservato in primo luogo che nel caso in esame il riferimento è rappresentato dal fabbricato e non dai beni immobili in genere. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 147 08.05.2015 Manutenzione impianti relativi ad edifici I nodi applicativi del Reverse charge - C.M. 14/E/2015 Categoria: IVA Sottocategoria:

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 3 0 g e n n a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 3 0 g e n n a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 3 0 g e n n a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5 Circolare numero 11/2015 Oggetto SPLIT PAYMENT Sommario Rapporti con la PA: dal 01.01.2015 l IVA non viene incamerata dal fornitore privato

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Emission trading Profili Iva

Emission trading Profili Iva Emission trading Profili Iva Avv. Sara Armella Armella & Associati www.studioarmella.com 1 Distinzione tra cessioni di beni e prestazioni di servizi nella disciplina Iva comunitaria Cessione di beni (art.

Dettagli

L IVA AL 10% SUGLI INTERVENTI DI RECUPERO. L iva al 10% sulle manutenzioni degli edifici di tipo abitativo

L IVA AL 10% SUGLI INTERVENTI DI RECUPERO. L iva al 10% sulle manutenzioni degli edifici di tipo abitativo A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale L IVA AL 10% SUGLI INTERVENTI DI RECUPERO L iva al 10% sulle manutenzioni degli edifici di tipo abitativo La legge finanziaria

Dettagli

Il punto sul meccanismo IVA del reverse charge dopo la sua estensione prevista dalla Legge di stabilità 2015. Prime considerazioni

Il punto sul meccanismo IVA del reverse charge dopo la sua estensione prevista dalla Legge di stabilità 2015. Prime considerazioni Il punto sul meccanismo IVA del reverse charge dopo la sua estensione prevista dalla Legge di stabilità 2015. Prime considerazioni di Massimo Pipino A partire dal 1 del mese di gennaio 2015 l'applicazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

News Ambientale n. 13

News Ambientale n. 13 Studio Legale Perrelli & Associés member of News Ambientale n. 13 La Legge di stabilità italiana 2015 e l applicabilità del reverse charge allo scambio di quote di emissione di gas ad effetto serra, comparazioni

Dettagli

Bologna, 5 febbraio 2015. Circolare n. 05/2015. Oggetto: le novità in tema di Split Payment e Reverse Charge

Bologna, 5 febbraio 2015. Circolare n. 05/2015. Oggetto: le novità in tema di Split Payment e Reverse Charge Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Filippo Foresti Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Valentina

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE CARRARA

STUDIO PROFESSIONALE CARRARA STUDIO PROFESSIONALE CARRARA sede legale: MILANO, piazza IV Novembre, 4 ufficio: NARZOLE, viale Rimembranza, 28 dott. Marcello Carrara tel. 0173-77432/776296 Commercialista Revisore Contabile ufficio:

Dettagli

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E

IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E Prot. 94/2013 Milano, 23-05-2013 Circolare n. 50/2013 AREA: Circolari, Fiscale IVA: Chiarimenti Circolare dell'agenzia delle Entrate del 3 maggio 2013, n. 12/E L Agenzia delle Entrate fornisce i primi

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

I fondi europei per la coesione. passodopopasso

I fondi europei per la coesione. passodopopasso I fondi europei per la coesione >> passodopopasso FONDI EUROPEI 2014-2020 All Italia spettano 44 miliardi di Euro (22.2 miliardi alle Regioni del Sud) Sviluppo regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Rapporti con la PA - dal 01.01.2015 l IVA non viene incamerata dal privato ma versata dall ente pubblico (Legge di stabilita per il 2015 - art. 1 commi 629, 630, 632

Dettagli

DEFINIZIONE FISCALE DI

DEFINIZIONE FISCALE DI DEFINIZIONE FISCALE DI BENE MOBILE E IMMOBILE CIRCOLARE N. 37/E/2011 di Stefano Setti Si ricorda che per le prestazioni di servizi generiche a decorrere dal 1 gennaio 2010 sono territorialmente rilevanti

Dettagli

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008

CIRCOLARE N. 43/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 12 maggio 2008 CIRCOLARE N. 43/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 maggio 2008 OGGETTO: Rifiuti e rottami trattamento fiscale ai fini IVA N. 127-sexiesdecies, della Tabella A Parte III allegata al DPR

Dettagli

Applicazione dell IVA nelle cessioni di fabbricati strumentali con opzione per l imponibilità

Applicazione dell IVA nelle cessioni di fabbricati strumentali con opzione per l imponibilità Stampa Applicazione dell IVA nelle cessioni di fabbricati strumentali con opzione per l imponibilità admin in Settore immobiliare nel mirino del fisco a causa della persistente evasione iva da parte dei

Dettagli