La tribù dei Nonni. Trimestrale della R.S.A. e del C.D.I. di Casalpusterlengo. Aprile - Maggio - Giugno 2010 Anno VI N 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La tribù dei Nonni. Trimestrale della R.S.A. e del C.D.I. di Casalpusterlengo. Aprile - Maggio - Giugno 2010 Anno VI N 2"

Transcript

1 La tribù dei Nonni Trimestrale della R.S.A. e del C.D.I. di Casalpusterlengo Aprile - Maggio - Giugno 2010 Anno VI N 2

2 SOMMARIO La parola al Direttore pag. 2 L angolo sociale pag. 3 L angolo del geriatra pag. 4 Fatti e Misfatti: tutte le novità e gli appuntamenti di questi mesi pag. 5 Presi per la gola pag. 6 L angolo della poesia pag. 7 L intervista pag. 8 Le mani in pasta: rubrica mangereccia pag. 9 Il presente davanti a noi pag. 10 Compleanni, arrivi e partenze pag. 11 Le Fisioterapiste ci raccontano... pag. 12 La foto del mese pag. 13 1

3 LA PAROLA AL DIRETTORE I QUESTIONARI DI SODDISFAZIONE UN OPPORTUNITA DI MIGLIORAMENTO A cura del Direttore A.S.S.C. Dott.ssa Stefania Bonaldi Durante la festa del 26 giugno, sono state e- sposte le risultanze dei questionari di soddisfazione somministrati nello scorso inverno ai familiari ed agli ospiti della RSA e del CDI. Previsti dalle normative regionali di riferimento quali requisiti necessari per l accreditamento dei servizi, i questionari di soddisfazione possono rivestire, se ben studiati, somministrati e successivamente analizzati ed elaborati, un ruolo di fondamentale importanza nell organizzazione e nell assetto di servizi alla persona quali si connotano una RSA o un CDI. La filosofia della rilevazione è quella di ottenere informazioni accurate, utili al miglioramento del servizio, in funzione delle specifiche richieste, esigenze, istanze manifestate dall utenza, In tal senso la raccolta dei punti di vista dei fruitori dei servizi diviene strumento privilegiato per far capire agli operatori come poter rispondere alle domande degli utenti. L elaborazione delle risultanze mette in luce alcuni punti di criticità, che sinteticamente riportiamo. Per la RSA, sebbene si mantengano ampiamente sopra la sufficienza, emergono valutazioni più basse rispetto all anno precedente in ordine alla quantità e qualità del cibo, alla tempestività e cortesia degli operatori nel rispondere alle richieste, al servizio di parrucchiera. Per il CDI rappresentano invece una criticità il rapporto fra gli ospiti, la varietà del cibo e la qualità della merenda/idratazione, le prestazioni infermieristiche, il giardino e gli spazi e- sterni. presi provvedimenti rispetto al servizio ristorazione e si procederà ad appaltare a breve la realizzazione del centro cottura interno. Altre problematiche, interessanti direttamente la qualità del servizio di assistenza erogato, richiedono maggiore attenzione ed impegno, che verterà soprattutto sul versante formativo e motivazionale. Naturalmente il lavoro non è finito qui, anzi questi risultati rappresentano solo il punto di partenza per correggere il tiro, per modificare, integrare, rinnovare, ove necessario, il servizio offerto. Se la chiave di ogni cambiamento è il riconoscimento della differenza, questo non può che avvenire guardando, conoscendo, affrontando, considerando, rispettando e coinvolgendo la diversità, sia essa di opinione, di comunicazione o di ruolo. Dunque grazie a tutti coloro che hanno accordato attenzione al questionario a suo tempo distribuito e ce lo hanno restituito. Va da sé che per diversi tra questi punti di caduta si è già intervenuti: dall inizio dell anno si è cambiato il servizio parrucchiera, così come il servizio infermieristico al CDI; si sono inoltre 2

4 L angolo sociale A cura del Coord. Sociale A.S. Elena Misto IL P.A.I...QUESTO SCONOSCIUTO... Qualcuno ne avrà sentito parlare, qualcuno avrà visto questa sigla in una domanda del questionario di soddisfazione, per qualcun altro sono tre lettere con poco senso... E comprensibile, perché si tratta di uno strumento utilizzato dagli operatori di R.S.A. e C.D.I.. Ma andiamo con ordine, la sigla P.A.I. sta per Piano di Assistenza Individuale; si tratta di un documento che riporta i bisogni di ogni singolo o- spite residente in R.S.A. o frequentante il C.D.I.. Partendo da questa analisi dei bisogni, si procede poi a stabilire, sempre nello stesso documento P.A.I., gli obiettivi che l equipe multiprofessionale si pone e gli interventi che si prospettano per raggiungere gli obiettivi posti. La stesura del PAI è un obbligo previsto dalla normativa regionale (dgr /01), nonché uno strumento di lavoro in cui l equipe dei nostri servizi ha creduto sempre di più, poiché permette di riunirsi intorno a un tavolo, parlare di ciascun singolo ospite, rilevando i problemi sotto i diversi punti di vista: clinico, riabilitativo, sociale, animativo, assistenziale...ma senza frammentare la persona, bensì guardandola nella sua globalità. La stesura del PAI avviene durante una riunione d equipe, alla presenza di un operatore per profilo professionale, in particolare: medico, infermiere professionale, fisioterapista, ASA/OSS, animatrice, assistente sociale, dei quali vengono riportati i nomi propri all interno del documento. Non esistono gerarchie o punti di vista privilegiati nell equipe, ma solo opportunità di confronto e valutazione del benessere migliore per l ospite. Il PAI prevede una revisione come massimo semestrale e/o ogni qualvolta muti la situazione dei bisogni dell ospite. All interno del documento viene specificata la data in cui si intende revisionare lo stesso. Altri aspetti fondamentali risultano i seguenti: La valutazione dei bisogni dell ospite non avviene in modo approssimativo e improvvisato, ma sulla base di alcuni specifici test di misurazione, in particolare: il MMSE per valutare le capacità cognitive residue, il Barthel per gli a- spetti relativi al grado di autonomia nelle attività di base della vita quotidiana (lavarsi, vestirsi, alimentarsi ecc), la Tinetti come scala di valutazione per la deambulazione e l equilibrio, il Norton per stimare il rischio di piaghe da decubito, l UCLA per gli ospiti con disturbi comportamentali. Il presupposto da cui parte il PAI sono le capacità residue e le aspirazioni/desideri dell ospite. 3 Il PAI non rileva solo i bisogni conclamati della persona, ma effettua anche uno studio dei possibili fattori di rischio in cui l ospite potrebbe incorrere. Il PAI è uno strumento con cui periodicamente vengono rivalutati anche importanti aspetti clinico-assistenziali della tipica condizione di fragilità dell anziano quali l incontinenza, la disfagia, le lesioni da decubito, le forme di protezione e tutela dell ospite (conosciute con il vecchio termine di contenzioni), i disturbi comportamentali, le eventuali tutele giuridiche in capo all ospite ecc. Il raggiungimento di un obiettivo da un PAI all - altro si valuta in modo strutturato e scientifico, non a grandi linee, attraverso l abbinamento per ogni obiettivo di un indicatore di misurazione oggettivo. La nostra azienda e i nostri operatori credono molto nelle potenzialità del PAI, come metodologia di lavoro arricchente, come modalità per fermarsi a riflettere sul singolo ospite e sui suoi specifici bisogni, come occasione unica per confrontarsi, ognuno per il suo ruolo professionale, creando da tale confronto quel supplemento che va oltre la semplice somma dei singoli. Per questo motivo il documento PAI ha subito negli anni notevoli modifiche e miglioramenti, frutto di corsi di formazione a cui gli operatori hanno partecipato e/o di riflessioni interne al servizio e speriamo di poter continuare ad arricchirlo e perfezionarlo nel tempo. Possiamo dire che la sfida che attualmente ci poniamo per il futuro è quella di iniziare una procedura di condivisione del PAI con l ospite (per gli ospiti con i quali è possibile ovviamente) e con i familiari I familiari non dovrebbero necessariamente essere presenti in sede di riunione d équipe, ma al fine di comprendere meglio il lavoro del personale, potrebbero venire informati degli obiettivi definiti e degli interventi programmati all interno del PAI del loro caro.potrebbero così collaborare alla buona riuscita del progetto, apportando, qualora necessario, suggerimenti o critiche e condividendo concretamente la gestione dell ospite, rendendo così più facilmente raggiungibili gli obiettivi.. Quanto espresso dalla famiglia ed eventuali compiti assunti dai familiari stessi potrebbero essere registrati all interno dello strumento PAI sotto un eventuale voce osservazioni dei familiari.ci vorrà del tempo e molto impegno, ma il nostro desiderio per il futuro sarà in questa direzione.

5 L angolo del geriatra La disfagia non è una malattia ma un sintomo e significa difficoltà, rallentamento o impossibilità a deglutire autonomamente per via orale. Importante è evidenziare che la via aerea e quella digestiva, si incrociano. E per questo che i cibi e/o liquidi possono prendere la via aerea al posto della via digestiva causando, in questo modo, problemi anche gravi quali la polmonite. PRINCIPALI CAUSE DI DISFAGIA Malattie neurologiche quali: ictus, tumori cerebrali, Morbo di Parkinson, Sclerosi Laterale Amiotrofica, paralisi dei nervi cranici, disartria-discinesia Malattie organiche al cavo orale, al faringe, alla laringe, all esofago Malformazioni Tumori Radioterapia Esiti di interventi chirurgici alle strutture coinvolte nella deglutizione Malattie sistemiche come ad es. la Distrofla Muscolare. RISCHI PER LA PERSONA CHE SOFFRE Dl QUESTO DISTURBO Per il passaggio di alimenti solidi o liquidi nelle vie respiratorie fino a raggiungere i polmoni con conseguenze gravi quali la polmonite ab ingestis. Malnitrizione calorico-proteica con conseguente perdita di peso e/o carenza di nutrienti, vitamine, sali minerali. Disidratazione, che, se non trattata può portare a disturbi dell apparato urinario, o a stato confusionale. Depressione. COME POSSO CAPIRE SE SOFFRO Dl DISFA- GIA? La persona che soffre di disfagia può presentare i seguenti disturbi: Tosse specie in coincidenza con l atto deglutitorio Voce gorgogliante Febbre Residui alimentari in bocca e fuoriuscita del cibo dal naso Risveglio notturno per eccessi di tosse e soffocamento COS È LA DISFAGIA 4 A cura del Direttore Sanitario Dott. Giuseppe Migliorati Perdita di peso inspiegabile TRATTAMENTO Per garantire una corretta nutrizione e un adeguato apporto di liquidi è necessario modificare la consistenza degli alimenti/liquidi al fine di renderli idonei al tipo di disfagia; è quindi indispensabile determinare: La viscosità del bolo alimentare, il volume, l omogeneicità, la consistenza, la temperatura. Il trattamento della disfagia dipende chiaramente dalla causa delle difficoltà di deglutizione, che mette in evidenza la necessità di un esame completo del paziente. Nei casi in cui la disfagia è provocata da una scarsa aderenza di protesi dentarie o dalla somministrazione di farmaci, come per esempio nei pazrelativamente semplice e deve puntare ad eliminare la causa della disfagia. Quando la disfagia ha causa farmacologica, in genere attribuibile ad un sedativo o un anti-epilettico, può essere necessario consultare il medico curante del paziente. I pazienti affetti da globo faringeo possono richiedere un trattamento a base di farmaci antiacidi o di inibitori della pompa protonica e alcuni di essi possono trarre beneficio dalla pratica di esercizi consigliati da un logopedista, volti a rilassare i muscoli della zona del collo, e ad alleviare in questo modo i sintomi. I pazienti in cui la disfagia è causata da una tasca faringea, richiederanno un intervento chirurgico. Coloro che presentano uno sviluppo anomalo di tessuti, dovranno essere sottoposti a trattamento chirurgico e/o a radioterapia. In tali casi dopo il trattamento potrebbe essere necessaria una terapia di riabilitazione della deglutizione con il logopedista. Nella maggior parte dei pazienti la chirurgia si rivela raramente necessaria. I disturbi della deglutizione orale e faringea sono spesso controllabili mediante misure di riabilitazione come modifiche della postura, esercizi per il rafforzamento dei muscoli della mascella, della lingua e della laringe, e l applicazione di tecniche compensatorie per limitare il rischio di aspirazione e rendere più semplice e più agevole il processo di deglutizione. Tuttavia, nei pazienti affetti da disturbi gravi, può presentarsi la necessità di evitare completamente la cavità orale e la faringe, ricorrendo a un alimentazione enterale o parenterale.

6 FATTI E MISFATTI Ultime novità e appuntamenti di questi mesi A cura dell animatrice Lucia Anche questi tre mesi sono stati ricchi di iniziative e di momenti interessanti quanto divertenti. Il mese di Aprile si è aperto con la visita dei bambini delle elementari di Casalpusterlengo che hanno intrattenuto i nostri ospiti con alcuni canti e poesie. In ricordo del loro passaggio, inoltre, ci hanno lasciato un piccolo pensiero in occasione della Pasqua. Questo mese è stato molto intenso soprattutto per i volontari della struttura che sono stati impegnati sia in un interessante corso di formazione tenutosi per due sabati, sia in una riuscitissima iniziativa di vendita di fiori. A maggio in occasione della festa della mamma la compagnia teatrale di Vittadone ha rappresentato una divertente commedia dialettale molto gradita e seguita da tutti. Sempre in questo splendido mese abbiamo inaugurato la stagione delle uscite con la mitica merenda presso l Azienda vinicola Guglielmini di Miradolo Terme che per l occasione, oltre a mostrarci la consueta ospitalità, ci ha accompagnati a visitare il santuario della Madonna di Miradolo, un luogo molto bello e caratteristico. Non poteva mancare la prima PIZZATA AL CAVALLINO con gli ospiti del C.D.I. che ha riscosso come in passato molti consensi e partecipazione. Il 15 giugno sono ritornati i bambini della materna della Ducatona a intrattenere gli ospiti che per l occasione hanno omaggiato la scuola con un cartellone composto da alcune foto fatte ai bambini in precedenti occasioni di visita presso la nostra struttura e dei pensieri per loro scritti da alcuni ospiti del C.D.I. Il mese si è poi concluso con la grande festa estiva della ASSC promossa per incontrare i famigliari. Volevamo anche informarvi che il nostro affezionato dott. Dorel Calaras ci lascerà; arriverà una nuova geriatra la dott.ssa Caterina Sciarra. PROSSIMI APPUNTAMENTI: GIOVEDI 29 LUGLIO: PRANZO PRESSO L OSTERIA DEL POPOLO DI OSPEDALETO CON VISITA AL SANTUARIO. GIOVEDI 12 AGOSTO: ANGURIATA PERSSO IL LAGHETTO VENERE DI LIVRAGA GIOVEDI 26 AGOSTO: PRANZO PRESSO IL MUSEO CONTADINO DI LIVRAGA 5

7 PRESI PER LA GOLA Le ricette dei nostri ospiti e dei nostri operatori A cura dell animatrice Cristina FAGOTTINI ALLE MELE Ingredienti: 4 mele o pere 2 cucchiai di zucchero Poco burro Una spruzzata di cognac o rum 2 rotoli di pasta sfoglia già pronti Nutella o crema di nocciole Preparazione: Sciogliere il burro in una padella e far rosolare le mele sbucciate e tagliate a dadini, aggiungere il liquore e lo zucchero e far cuocere per circa 5 minuti. Lasciar raffreddare. Tirare la sfoglia, ricavare dei quadrati e separarli. Su ogni quadrato mettere un po di mele e un cucchiaino di crema, prendere le 4 estremità e sigillarle dando la forma di fagottino. Cuocere in forno preriscaldato a 180 e a 200 se ventilato e cuocerli finchè saranno dorati. Una volta raffreddati cospargerli di zucchero a velo e servire. Sign.ra Carla del Tulipano BAKLLAVA (dolce Albanese che si prepara per l ultimo dell anno, si usa cucinarlo anche in Grecia) Ingredienti: 1 Kg farina 00 4 uova 1 tazza da caffè di olio d oliva 1 kg di noci sgusciate e spezzetate 750 gr di burro 1 ½ kg di zucchero e 600 ml di acqua Acqua tiepida Preparazione: Impastare la farina con le uova e l acqua e lasciar riposare l impasto per 2 ore a temperatura ambiente. Ricavarne poi delle palline delle dimensioni di una prugna (ne vengono circa 27/30) e stenderle in una sfoglia sottilissima. Lasciar asciugare le sfoglie stese su una tovaglia. Nel frattempo sciogliere il burro in un tegame, preparare una teglia grande imburrata e deporvi le sfoglie una alla volta. Tra una sfoglia e l altra spennellare di burro. Ogni 10 sfoglie, 6 Ricetta preparata al laboratorio di cucina in R.S.A. e al C.D.I. dopo aver messo il burro, cosparge di noci. Finire gli ingredienti lasciando a chiusura 2 o 3 sfoglie sovrapposte e spennellare la superficie. Cuocere in forno ad una temperatura bassa per 2 ore (in genere si usa portarlo dal fornaio). Lasciar riposare il dolce per 3/4 ore. Nel frattempo in un pentolino si prepara lo sciroppo sciogliendo lo zucchero con l acqua; sarà pronto quando facendo cadere una goccia sul dito questa rimane ferma. Tagliare il dolce a rombi e cospargere con lo sciroppo. Elena O.S.S. Tulipano

8 L ANGOLO L ANGOLO L ANGOLO DELLA DELLA DELLA POESIA POESIA POESIA IL MESE DI GIUGNO Filastrocca del mese di giugno, il contadino ha la falce in pugno: mentre falcia l'erba e il grano un temporale spia lontano. Gli scolaretti sui banchi di scuola hanno perso la parola: apre il maestro le pagelle e scrive i voti nelle caselle... "Signor maestro, per cortesia, non scriva quel quattro sulla mia: Quel cinque, poi, non ce lo metta sennò ci perdo la bicicletta: se non mi boccia, glielo prometto, le lascio fare qualche giretto". G. Rodari ESTATE CHIARA E ARDENTE Delle quattro stagioni dell'anno l'estate è la più chiara e la più ardente, fa maturare i frutti e sparge risa e luce. Com'è bello, discendendo al fiume, fermarsi sopra l'acqua, per ascoltare in lontananza il cuculo per vedere la giovane luna. N. Aseev Poesia russa del

9 L I N T E R V I S T A... alla Signora Carolina A cura dell animatrice Emma Sono nata a Castiglione delle Stiviere che ho lasciato all età di due anni per andare in Francia, perché i miei genitori erano e- migranti: mio padre lavorava in miniera e mia mamma si prendeva cura di noi figli; eravamo in tre, ma una sorellina è morta a soli 6 mesi. Un anno dopo persi la mamma e mio papà decise di mandare me e mio fratello in collegio dove si parlava e si studiava in francese. Dopo qualche anno nostro padre morì e come tutti gli orfani di lavoratori in miniera di quel periodo, rientrammo al paese natale, ma l unico zio che a- vrebbe potuto ospitarci era povero, con quattro figli e non era in grado di mantenerci. La decisione è stata quella di rimandarci in collegio: io a Castiglione e mio fratello agli Artigianelli di Brescia. A 18 anni presi servizio come baby sitter presso una famiglia di Castiglione, ma vi rimasi solo un anno, perché con lo scoppio della guerra, questa famiglia se ne andò dal paese. A quel punto tornai dallo zio, mentre mio fratello venne chiamato per il servizio militare. Arrivai a Casalpusterlengo per la conoscenza casuale di una persona casalina, in vacanza al mio paese. Qui conobbi Oreste, ci sposammo e dalla nostra u- nione nacquero tre figli maschi, i quali si sono ormai fatti la loro famiglia, e abitano in paesi diversi. La Sign.ra Carolina Castiglione delle Stiviere Casalpusterlengo Quando persi mio marito i miei figli mi sono stati vicini...sono ormai 18 anni che manca! Nella mia vita ho fatto la ricamatrice e ho insegnato ricamo per 15 anni; nello stesso tempo ho fatto la volontaria alla Casa di Riposo e al Centro Diurno ed è stata un attività che mi ha dato tanto. Oltre a ricamare e a fare la mamma, mi piaceva molto cantare: facevo parte di un gruppo di canzoni popolari, la Ciribiriciacula, con il quale ho anche inciso un disco e ci siamo esibiti in diversi posti, come le Case di riposo di Milano, Genova...erano belle occasioni in cui si condivideva il pranzo e si stava tutti insieme. Mi piaceva tanto! Altra mia passione era il teatro, che ho scoperto negli anni trascorsi in collegio, dove ogni due settimane si organizzavano degli spettacoli nei quali recitavo anch io. Adesso ho deciso di passare la mia anzianità al C.D.I., in cui sto in compagnia e mi trovo molto bene, perché propongono diverse attività. Ho il dispiacere di aver perso la vista e di non riuscire a svolgere più i miei hobbies come prima. Ma una cosa di cui vado molto fiera è la memoria della mia vita che ho scritto personalmente, in un diario che raccoglie tanti momenti e tanti ricordi dolorosi e piacevoli..un dono prezioso da custodire!!! 8

10 Le mani in pasta Rubrica mangereccia A cura dell Animatrice Cristina Anche in questi tre mesi si sono svolti gli incontri culinari del laboratorio sia in R.S.A. che al C.D.I. Una volta alla settimana, infatti, ci si ritrova intorno al tavolo per preparare squisiti manicaretti da consumare poi durante la merenda pomeridiana. In questi tre mesi ecco cosa è successo L attività ormai ha preso piede, le partecipanti aspettano ansiose il mercoledì e, dato che la notizia si è diffusa, abbiamo avuto in questi tre mesi anche delle nuove partecipanti del nucleo rosa. Le preparazioni dolci sono quelle più gettonate; in questi mesi abbiamo impastato vari tipi di biscotti tra i quali quelli al cioccolato. Carla, una delle partecipanti, ci ha portato diverse ricette. Tra le tante abbiamo scelto quella delle sfogliatine ripiene di mele e crema di nocciole (di cui riportiamo la ricetta a lato) che abbiamo preparato con un ottimo risultato sotto le sue indicazioni e che sono state apprezzate da tutti gli ospiti. Abbiamo cucinato anche delle pizzette con pomodoro e mozzarella o acciughe e olive e preparato delle bruschette. Al laboratorio, che si tiene ogni lunedì presso il C.D.I invece in questi mesi si sono realizzati dei biscotti al cioccolato, la popolare torta di Casale, pizzette e una torta allo yogurt esplosiva, tutto merito di un disguido dell animatrice che, inavvertitamente, ha messo troppo impasto nella tortiera e, quando durante la cottura è lievitata... Il goloso magma è fuoriuscito ed è colato all interno del fornetto! Che disastro!! Angela del C.D.I. prepara i fagottini 9 Un assaggio di Marianna del Tulipano

11 IL PRESENTE DAVANTI A NOI... UN MOMENTO PER RIFLETTERE A cura dell Arteterapista Silvia Papi Alla fine di novembre dell'anno passato con il piccolo gruppo che ha partecipato al progetto Il presente davanti a noi, abbiamo letto due brani tratti da testi religiosi, il primo proveniente dalla tradizione Cristiana, il secondo da quella Taoista dell antica Cina. "Mirate al cielo e avrete la terra per soprammercato. Mirate la terra e non avrete né l'una né l'altro" ci dice il Vangelo "Se ti pieghi ti conservi, se ti curvi ti raddrizzi, se t'incavi ti riempi, se ti logori ti rinnovi, se miri al poco ottieni, se miri al molto resti deluso (...) Quel che dicevano gli antichi: se ti pieghi ti conservi, erano forse parole vuote? In verità, integri tornavano. Ci insegna il Tao Te Ching di Lao Tsu Belle frasi e certamente bravo chi riesce ad adeguare la sua vita a così alti consigli!, è stata la risposta nata di getto nel nostro gruppetto. "Ma il nostro povero vivere è stato un cercare di trovare il modo per vivere onestamente. Queste massime sono molto belle, e certamente aiutano, ma a volte sono proprio le situazioni drammatiche e dolorose che fanno avvicinare alla fede, altre volte invece accade il contrario". Queste parole ci riportano, coi piedi per terra, alla normalità della nostra vita quotidiana mentre cerchiamo di trovare comunque un collegamento tra il dire e il fare. Con questo obiettivo ci mettiamo a discorrere di come sia importante nella vita darsi degli obiettivi adeguati, di come sia meglio partire dal piccolo e procedere gradualmente verso il grande e di come, quando le difficoltà diventano troppe da sopportare, ci si pieghi fin tropa causa della disperazione, anche se poi il peggio passa e sembra tornare di nuovo il sereno. Siamo d accordo nel riscontrare che, più o meno nella vita di tutti, alto e basso si alternano, come se ci fosse una mano che da e un'altra che toglie, e che così si procede fino a quando ci si trova con novant'anni sulle spalle. Parliamo anche della fede e del suo venir meno, di come sembra che qualcuno abbia solo una croce piccola da portare, mentre altri ne hanno una grande e ci domandiamo se al mondo ci sia giustizia. La risposta che arriva da Gianfranco ci fa pensare: "C'è assurdità nel comportamento umano, altro che giustizia! Se sono riusciti a vendere la terra, che è di tutti, vuol dire che qualcosa non funziona e non ha mai funzionato. Tutta la vita terrena, da sempre, è basata su questo sopruso, proprio l'opposto di quello che abbiamo letto". Gianfranco si riferisce a un evento iniziato milioni di anni fa quando gli uomini scoprirono la bella possibilità di coltivare la terra ma anche quella di impossessarsene con la forza. Qualcuno a scapito di qualcun altro. La proprietà della terra è una cosa normale per noi oggi. La mia terra, il mio campo, il mio giardino, l intero pianeta suddiviso in tanti pezzi più o meno grandi Eppure quante guerre sono originate da questa idea di appropriarsi di qualcosa che appartiene a tutti gli esseri viventi? 10

12 R.S.A TANTI AUGURI A C.D.I. Rosa F. 03 aprile Francesco 09 aprile Clementina 04 aprile Rosa 14 aprile Cherubina 25 aprile Angela 18 aprile Giuseppe V. 26 aprile Amabile 18 aprile Ines 03 maggio Andreina 05 maggio Carla 06 maggio Franca 10 maggio Assunta 10 maggio Carolina 17 maggio Pina B. 11 maggio Antonio 18 maggio Alessandro 15 maggio Mansueto 23 maggio Angela S. 25 maggio Giovanna S. 29 maggio Vita 04 giugno Angela C. 16 giugno Lina 25 giugno DIAMO IL BENVENUTO A Giuseppa, Antonia, Giuliana, Natale, Maddalena, Rosa, Franca, Fausto, Teresa, Carolina, Felice, Pina Rosa, Mafalda, Nella RICORDIAMO CON AFFETTO I DEFUNTI Giovanni, Angela, Cleofe, Gian Battista, Franco SALUTIAMO AFFETTUSAMENTE CON L AUGURIO DI UN BUON RIENTRO A CASA Daniela, Francesca, Pierina, Daria, Giulia, Grazia, Jolanda, Anna 11

13 LE EDUCATRICI MOTORIE CI RACCONTANO A cura delle Educatrici Motorie Silvia & Laura LE CADUTE NELL ANZIANO L attività fisica per la salute ci eravamo lasciati con questa affermazione, vediamo di scoprire qualcosa in più... Nessuno è troppo vecchio per non ottenere benefici da un esercizio fisico regolare. È stata dimostrata l efficacia dell attività fisica e dell esercizio terapeutico di rinforzo muscolare anche in persone ultranovantenni. Anche se sono presenti malattie, un attività fisica regolare migliora le capacità funzionali e consente di sfruttare al meglio tutte le risorse dell organismo. Una parte del decadimento fisico e psichico, ingenuamente attribuito all età, dipende in realtà dalla sedentarietà e inattività. Per ottenere un beneficio è sufficiente un attività fisica quotidiana di media intensità di almeno trenta minuti al giorno, cinque giorni a settimana. L attività fisica ha numerosi effetti benefici per l organismo e la salute: migliora la forza muscolare e la resistenza, migliora l equilibrio e la coordinazione dei movimenti, migliora la flessibilità, la respirazione e la circolazione. Riduce il rischio di malattie vascolari e del cuore ed il rischio di ipertensione. Aumenta la densità dell osso e riduce il rischio di osteoporosi. Aiuta a prevenire la stitichezza ed a mantenere il controllo del peso corporeo. Prima di iniziare qualsiasi programma di attività fisica sarebbe opportuno consultare il medico di fiducia al fine di valutare l attività più adatta e a quale livello di intensità. In ogni caso, il primo passo per mettersi in forma consiste nel camminare. Camminare è una capacità appresa durante lo sviluppo; invecchiando, se si cammina poco, si può disimparare a camminare o abituarsi a farlo con minore efficacia. Si ha quindi bisogno di camminare regolarmente ed in maniera spedita per non arrugginirsi. Ecco qualche piccolo consiglio da seguire: > Scegliere l attività più adatta, che diverta e facile da realizzare e mantenere nel tempo. Camminare è una forma ideale di esercizio fisico, soprattutto per i principianti. > Iniziare lentamente ed aumentare gradatamente lo sforzo fisico: ciò è importante per evitare danni muscolari o lesioni traumatiche. > Cosa fare cosa evitare: è consigliabile non svolgere attività fisica prima di 2-3 ore dall ultimo pasto. È importante bere acqua prima, durante e dopo l esercizio per mantenere l organismo idratato, soprattutto se fa caldo. > Quanto frequentemente: è consigliabile essere fisicamente attivo ogni giorno, con esercizi aerobici, di resistenza tre-cinque volte la settimana. In genere vengono consigliati almeno venti minuti di attività, ma è più utile la personalizzazione dei tempi. > Che tipo di attività: qualsiasi, sono consigliate attività che utilizzino i grossi gruppi muscolari, quali il cammino veloce, nuotare, andare in bicicletta, il ballo, il giardinaggio, gli sport di gruppo. Anche il controllo posturale e l equilibrio sono abilità apprese. Con un minore utilizzo, queste capacità riducono la loro efficienza Esiste un equipaggiamento anti-caduta? nel prossimo numero del giornalino lo scopriremo insieme. 12

14 La foto del mese Scatto di Laura Lauretta bisnonna 13

15 Buone vacanze a tutti!! 14

16 L Azienda Speciale gestisce i seguenti servizi riferiti ai bisogni della persona e della famiglia: Il Centro Diurno Integrato La Residenza Sanitaria Assistenziale La Farmacia Comunale in via Gramsci 1

VADEMECUM PER IL PAZIENTE FAMIGLIARE-CAREGIVER

VADEMECUM PER IL PAZIENTE FAMIGLIARE-CAREGIVER COMUNE DI GRADO CASA DI RIPOSO SERENA VADEMECUM PER IL PAZIENTE FAMIGLIARE-CAREGIVER Consigli nutrizionali e comportamentali per il Paziente disfagico 1 2 La difficoltà a deglutire (disfagia) rende necessario

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE DISFAGICO

CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE DISFAGICO CONSIGLI PRATICI PER I FAMILIARI DEL PAZIENTE DISFAGICO Gentile Utente, questa guida intende fornirle alcune informazioni e consigli per la gestione della persona con disfagia. Nel nostro Ospedale può

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE - FAMIGLIARE - CAREGIVER. Consigli nutrizionali e comportamentali per il Paziente disfagico

OPUSCOLO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE - FAMIGLIARE - CAREGIVER. Consigli nutrizionali e comportamentali per il Paziente disfagico OPUSCOLO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE - FAMIGLIARE - CAREGIVER Consigli nutrizionali e comportamentali per il Paziente disfagico 2 La difficoltà a deglutire (disfagia) rende necessario adottare alcune modifiche

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

INTRODUZIONE COSA BOLLE IN PENTOLA

INTRODUZIONE COSA BOLLE IN PENTOLA INTRODUZIONE Questo libro è stato realizzato dai bambini della Scuola dell Infanzia Chizzolini di Brescia con la collaborazione dell insegnante del laboratorio di cucina. A noi bambini piace giocare con

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE. Più gusto con lo spuntino giusto PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Più gusto con lo spuntino giusto La fase iniziale: perché mangiamo? Quali sono i principi nutritivi degli alimenti? Insieme all assistente sanitaria Patrizia abbiamo ripreso

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi Ospedale Niguarda CàGranda Milano Ester Pileio INFERMIERA Silvia Zigiotto INFERMIERA Una delle attivitàvitali

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

spyros theodoridis Rizzoli

spyros theodoridis Rizzoli spyros theodoridis Rizzoli Introduzione Dopo l esperienza di MasterChef, durante le varie presentazioni del mio primo libro di ricette Cuoco per emozione, ho incontrato moltissimi ragazzi come voi con

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

Ti presentiamo un testo che parla della figura del mediatore culturale. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo.

Ti presentiamo un testo che parla della figura del mediatore culturale. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo. Unità 3 Una nuova professione: il mediatore culturale CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti in cui si parla della figura del mediatore culturale parole relative alla mediazione

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

L alimentazione: Alla scoperta del gusto

L alimentazione: Alla scoperta del gusto L alimentazione: Alla scoperta del gusto Breve storia del cibo Anche se preferiamo un bel piatto di pasta siamo tutti accomunati dal bisogno di cibo.oggi non è fame ma è questione di gusto. L uomo primitivo

Dettagli

I FRUTTI DELL ARMONIA I Nuovi Progetti di Villa Ilvana

I FRUTTI DELL ARMONIA I Nuovi Progetti di Villa Ilvana I FRUTTI DELL ARMONIA I Nuovi Progetti di Villa Ilvana 1 Il ciclo delle Stagioni Questo progetto si apre con un ampia panoramica sinottica su tutte le stagioni, le quali in seguito verranno approfondite

Dettagli

Serena vive, scrive, comunica

Serena vive, scrive, comunica Serena vive, scrive, comunica Serena Negrisolo SERENA VIVE, SCRIVE, COMUNICA Poesie alla mia cara mamma a Marcella al mio papà Introduzione Sono Pino, il papà di Serena. Al termine del terzo anno di

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale

all improvviso nella vita la dialisi peritoneale all improvviso nella vita la dialisi peritoneale Ivo SaglIettI Un ringraziamento ai medici e infermieri del gruppo della dialisi peritoneale e a tutti i pazienti che con fiducia mi hanno aperto la loro

Dettagli

MUOVITI CHE TI FA BENE EDIZIONE 2012 DAL 23 APRILE AL 3 AGOSTO I PARCHI DI CESENA SI TRASFORMANO NUOVAMENTE IN

MUOVITI CHE TI FA BENE EDIZIONE 2012 DAL 23 APRILE AL 3 AGOSTO I PARCHI DI CESENA SI TRASFORMANO NUOVAMENTE IN MUOVITI CHE TI FA BENE EDIZIONE 2012 DAL 23 APRILE AL 3 AGOSTO I PARCHI DI CESENA SI TRASFORMANO NUOVAMENTE IN PALESTRE A CIELO APERTO FRA LE NOVITÀ IL CORSO DI YOGA E UNO SPAZIO DEDICATO AI BAMBINI Anche

Dettagli

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare?

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Intervista all educatore cinofilo E. Buoncristiani 1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Gli aspetti positivi di questa

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

La ricetta. della cucina. fatta in casa. di Châteauform

La ricetta. della cucina. fatta in casa. di Châteauform La ricetta della cucina fatta in casa di Châteauform La cucina fatta in casa di Châteauform Châteauform compie 16 anni - come vola il tempo! Se c è un settore in cui è bene che il tempo non passi in fretta,

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Giugno 2010 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI

a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI Aprile Maggio 2008 Emozioni in musica Fondazione Casa di Riposo Villa della Pace Stezzano (Bg) a cura di CLAUDIA MANDALETTI e BARBARA GIOVANETTI PREMESSA All interno di un programma assodato di attività

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Introduzione... 7 Ti lascio una ricetta... 9 Ottobre... 13 Novembre... 51 Dicembre... 89 Gennaio...127 Febbraio...167 Marzo... 203 Aprile... 241

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci

STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci LINEA DEL TEMPO I CAMBIAMENTI NEL FISICO Prima Ora/subito Dopo Data LA GIORNATA NELLA MIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev.

CARTA DEI SERVIZI. Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA. Data aggiornamento: sett 2014 Rev. CARTA DEI SERVIZI Residenza Socio Assistenziale del «Parco del Welfare» Via Baveno, 6 NOVARA Data aggiornamento: sett 2014 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

Questo laboratorio mi è piaciuto soprattutto perché si portava tutto il cibo a casa Andrea Condello 5 A

Questo laboratorio mi è piaciuto soprattutto perché si portava tutto il cibo a casa Andrea Condello 5 A Il laboratorio di cucina è stato interessantissimo perché ho potuto conoscere ricette nuove e quelle che sapevo ho potuto provarle con i compagni e sapere qualche notizia in più da dove arriva ;come prima

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

Una semplice visita in officina con intervista

Una semplice visita in officina con intervista Una semplice visita in officina con intervista Realizziamo così tante ringhiere diverse una dall altra che è difficile dire cosa sia per noi lo standard Il carpentiere metallico specializzato Rainer Plessing

Dettagli

Intervista a Giulio Cicchetti

Intervista a Giulio Cicchetti Intervista a Giulio Cicchetti Signor Cicchetti, ci parla della sua azienda agraria? Cosa ci fa col farro? Come lo tratta? La specie del ferro qui è duro; il farro si raccoglie ad Agosto e si coltiva a

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 4 uscita del 27 ottobre 2014 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 3 PRONOMI ACCOPPIATI es: Carlo mi porta il libro Carlo me lo porta Mario ci porta gli sci Mario ce li porta Carlo le regala un libro Carlo glielo regala. indiretti diretti IO ME TU TE LUI GLIE - LO LEI GLIE

Dettagli

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno

LA VOCE DEGLI ANTA. Autunno È lieta di presentarvi LA VOCE DEGLI ANTA Numero 10, Ottobre 2015 Autunno La terra si veste del giallo delle foglie in autunno. Il vento raccoglie i sussurri dei trepidi uccelli e gioca coi rami avvizziti

Dettagli

R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE

R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE CAPITOLO 3 R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE 1-OBBIETTIVI Gli obbiettivi di questo studio è quello di descrivere i fattori di rischio più comuni per la disidratazione o la

Dettagli

C è chi la usa soprattutto come una rivista:

C è chi la usa soprattutto come una rivista: 1 C è chi la usa soprattutto come una rivista: uno sfoglio veloce al ricevimento alla ricerca delle novità le anteprime dei film e delle serie, soprattutto; per qualcuno (chi non segue lo sport in modo

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

1 modulo. CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini

1 modulo. CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini 1 modulo CREAZIONE DI POESIE tra metafore e similitudini Con questo primo modulo si vuole intraprendere un percorso di individuazione di immagini e comportamenti diffusi fra i bambini riguardo alle figure

Dettagli

PIANO ANNUALE DI ANIMAZIONE

PIANO ANNUALE DI ANIMAZIONE Anno 2016 a. PREMESSA Nel programma di animazione della RSA Karol Wojtyla sono favorite attività di svago e relazione che permettono agli anziani di rompere la quotidianità della struttura, per questo

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

Operatore socio sanitario

Operatore socio sanitario Operatore socio sanitario Allieva Murgo Teresa POR 07032aINTOSS83 Sede Operativa di TARANTO Via Umbria n. 162 Che cos è un Project Work? Il P. W. è la sperimentazione attiva dei contenuti appresi durante

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Premessa. Presentazione Ricerca

Premessa. Presentazione Ricerca Premessa In ambito sanitario, come nell ambito sociale, la soddisfazione del cliente rappresenta il punto di riferimento sotteso al concetto di: QUALITA. Al riguardo la letteratura sulla qualità dei Servizi

Dettagli

Quella baldanza tutt altro che ingenua

Quella baldanza tutt altro che ingenua Quella baldanza tutt altro che ingenua Quest anno, per cause di forza maggiore, ho dovuto lasciare la Lidl di Campi Bisenzio e mi sono ritrovato a fare il capo equipe, diciamo in compartecipazione, alla

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO Introduzione. Nel contesto lavorativo in cui mi trovo ad operare, mi sto riferendo ad un centro di rieducazione motoria, mi sono confrontata con le altre figure

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

Qualità della vita e buona morte. Dr Carlo Peruselli UO Cure Palliative, ASL 12, Biella

Qualità della vita e buona morte. Dr Carlo Peruselli UO Cure Palliative, ASL 12, Biella Corso di Introduzione alla Cure Palliative -1 St. Christophe, 10 giugno 2006 Qualità della vita e buona morte. Dr Carlo Peruselli UO Cure Palliative, ASL 12, Biella Calman s Gap Situazione ideale Qualità

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Mente sana in un corpo sano. Come sempre, la saggezza antica non commette errori: camminare, andare in bicicletta, passeggiare,

Dettagli

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari

Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE. Dott.ssa Stefania Ferrari Ricerca azione LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE Dott.ssa Stefania Ferrari Villafranca, Marzo/Maggio 2010 Osservazione delle competenze di ascolto e produzione orale nella narrazione Insegnanti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2008-2009 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια : 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Il 6 dicembre 2013, grazie alla collaborazione tra il Liceo Scientifico G. Galilei e L Associazione AMU-Azione per un Mondo Unito

Dettagli

TUTTI A TAVOLA NON DI SOLO PANE VIVRA L UOMO

TUTTI A TAVOLA NON DI SOLO PANE VIVRA L UOMO - CRE 2015 - TUTTI A TAVOLA NON DI SOLO PANE VIVRA L UOMO Finisce la Scuola COMINCIA L ESTATE! Pensando ad una proposta educativa nella Scuola dell Infanzia in Estate, è certo che l attività estiva non

Dettagli