a cura di Fabrizio Achilli, Daniele Fanzini, Valeria Poli, Cesarina Raschiani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "a cura di Fabrizio Achilli, Daniele Fanzini, Valeria Poli, Cesarina Raschiani"

Transcript

1 POPOLARE LA CITTÀ 100 anni di case popolari a Piacenza a cura di Fabrizio Achilli, Daniele Fanzini, Valeria Poli, Cesarina Raschiani Collana Studi e Progetti - 19 Maggioli Editore Santarcangelo di Romagna 2009 ISBN Dalle origini liberali alla trasformazione fascista ( ) (F. Achilli) 2. Dal secondo dopoguerra alla trasformazione in azienda ( ) (C. Raschiani) 3. Residenza e città: le dinamiche insediative e la storia urbana di Piacenza (V. Poli) 4. La qualità della residenza popolare a Piacenza (D. Fanzini) La crisi strutturale dell ultimo decennio ha imposto la necessità di tornare a considerare con attenzione la natura e gli obiettivi dell edilizia sociale ed il valore di alcune politiche del passato (in particolare INA Casa e Gescal) che, per l efficacia delle loro azioni, hanno espresso interventi di indubbia qualità urbanistica e architettonica. Esperienze troppo sbrigative considerate superate, e spesso anche criticate per alcuni limiti, appaiono oggi portatrici di stimoli e suggerimenti che, se attualizzati e relazionati ai nuovi bisogni e alle possibilità offerte dalle innovazioni tecnologiche, possono rappresentare ancora oggi una importante fonte di orientamento delle politiche per la casa economica. Il libro documenta un periodo storico importante della città di Piacenza, con un metodo che intreccia aspetti di carattere documentale, fondamentali per un corretto approccio storico, e ampie considerazioni critiche in grado di stimolare la progettazione architettonica e urbana. Politecnico di Milano. Dipartimento BEST. UdR Governance, progetto e valorizzazione dell ambiente costruito

2 Collana STUDI E PROGETTI direzione Fabrizio Schiaffonati redazione Elena Mussinelli Unità di ricerca Governance, progetto e valorizzazione dell ambiente costruito Dipartimento BEST - Scienza e Tecnologie dell Ambiente Costruito Fabrizio Schiaffonati, Adriana Baglioni, Corrado Baldi, Oscar Bellini, Roberto Bolici, Giovanni Boncinelli, Maddalena Buffoli, Stefano Capolongo, Giorgio Casoni, Laura Daglio, Daniele Fanzini, Emilio Faroldi, Matteo Gambaro, Elisabetta Ginelli, Cristina Marchegiani, Luca Marescotti, Elena Mussinelli, Lorenzo Mussone, Massimiliano Nastri, Ilaria Oberti, Diletta Pellecchia, Francesca Plantamura, Andrea Poltronieri, Raffaella Riva, Andrea Tartaglia. Politecnico di Milano Facoltà di Architettura e Società Dipartimento di Scienza e Tecnologie dell Ambiente Costruito Building Environment Science & Technology - BEST DIDATTICA PROGETTI RICERCHE SAGGI ISBN Pubblicato a cura di Maggioli Editore Maggioli Editore è un marchio Maggioli S.p.A. Diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo sono riservati per tutti i Paesi. Finito di stampare nel mese di dicembre 2009 da Digitalprint Service

3 Acer Piacenza POPOLARE LA CITTA Cento anni di edilizia popolare a Piacenza

4 Sommario Premessa Presidente Acer Piacenza Introduzione Gruppo di lavoro personale Acer Piacenza pag.13 Presentazione Fabrizio Schiaffonati pag Dalle origini liberali alla trasformazione fascista ( ) Fabrizio Achilli 1.1 La fondazione in età giolittiana e la crisi bellica La situazione a Piacenza e i caratteri dello sviluppo La fondazione dell Istituto Gli uomini e la struttura delle origini Tra guerra e dopoguerra 1. Le novità legislative e l ultima amministrazione prefascista 1.2 L Istituto nel regime I cambiamenti nell Istituto locale La svolta degli anni Trenta Dalla crisi e alla ripresa costruttiva Conclusioni pag.21 pag.21 pag.22 pag.24 pag.27 pag.31 pag.33 pag.35 pag.43 pag.44

5 2. Dal secondo dopoguerra alla trasformazione in azienda ( ) Cristina Raschiani 2.1 Dalla caduta del fascismo alla Liberazione Gli ultimi anni di guerra 2.2 L istituto nella repubblica La lenta ricostruzione La gestione commissariale del Comitato di liberazione nazionale La ricostituzione degli organi di governo dell Istituto e alcune tendenze di lungo periodo L industrializzazione degli anni cinquanta e il miracolo economico I piani Ina-Casa e Gescal 2. Una nuova organizzazione interna Lotte sociali e riforma della casa Conclusioni pag. pag.52 pag.52 pag.58 pag Residenza e città: le dinamiche insediative e la storia urbana di Piacenza Valeria Poli 3.1 La costruzione storica della città moderna 3.2 quartieri. 4. La qualità della residenza popolare a Piacenza Daniele Fanzini 4.1 Dalla fondazione dell IACP al secondo dopoguerra Farnesiana 4.4 Quartiere San Giuseppe Baia del Re 4.5 Conclusioni pag.115 pag.131

6 Premessa PRESIDENTE ACER PIACENZA Con quest anno, si compiono i cento anni da quando a Piacenza è stato fondato un ente autonomo avente per iscopo esclusivo la costruzione e l esercizio di case popolari in Piacenza, sotto la denominazione di Istituto piacentino per le case popolari Il volume che presentiamo concretizza l idea che il precedente presidente dell Istituto, Romano Repetti, con il sostegno dell allora consiglio di amministrazione, aveva promosso proprio all inizio di questo secolo quando l Istituto si trasformava in Azienda. La sensibilità storica del presidente che mi ha preceduto è stata condivisa da me e dal consiglio di amministrazione attualmente in carica nel portare a termine questa impresa editoriale, ben consapevoli che non poteva essere trascurata l opera di ordine sociale svolta dall Istituto nel corso della sua storia per garantire abitazioni decorose alle categorie altamente disagiate. Il progetto di ripercorrere la vicenda storica dell Istituto, e non disperderne la memoria e il suo importante patrimonio di solidarietà e di ricchezza di esperienze positive nell affrontare il problema sociale della costruzione delle abitazioni per le classi economicamente più deboli, è il segno della consapevolezza della presenza nella nostra comunità di un istituzione e dell eredità politica e culturale intorno a cui essa nacque agli inizi del Novecento. Il vo a molteplici fattori quali, innanzitutto, gli interventi legislativi che hanno portato abbastanza presto l Istituto piacentino ad intrecciare i sentieri comuni tra gli Istituti nati da altre realtà territoriali, e poi il ruolo delle forze politiche e le risorse L evoluzione storica che ha affermato sia il diritto all abitazione, come requisito delle azioni volte a garantire l effettività di un tale diritto, ha avuto avvio da una principi classici del liberalismo politico ed economico della sostanziale estraneità dell organizzazione pubblica ai fatti economici. L ambiguità che derivava da

7 governi locali che a un tale assetto dei rapporti fra pubblico e privato seppero rispondere senza soggezione, certamente sulla scia di esperienze che localmente si erano avute in una situazione precedente non ancora regolamentata. Pur n di vigenza della legge Luzzatti vedono a Piacenza l ingresso dell edilizia popolare tra quelle che si affermeranno come le prime politiche municipali per i servizi pubblici. A Piacenza, le iniziative avviate instaurarono un attività dai risvolti perseguiti, a quella del pubblico servizio, con notevole anticipo se si pensa che una riforma della casa agli inizi degli anni settanta. I cento vicende e realizzazioni che hanno segnato l evoluzione del settore abitativo pubblico nel contesto dei processi sociali, politici e materiali che hanno caratterizzato la società piacentina nel corso del Novecento. Le vicende dell Istituto viste quindi l intento di celebrare il compimento dei cento anni, ma anche con l obiettivo di fornire uno strumento di analisi storica che non tralascia di soffermarsi anche su alcuni snodi problematici nella consapevolezza della complessità delle questioni prese in esame. All interno di un contesto legislativo e politico estremamente rapporti istituzionali e dialogare con il mondo politico per l acquisizione delle risorse indispensabili alla sua opera. Scrivere oggi la storia di un istituzione che ha rappresentato per Piacenza e la sua provincia il riferimento più importante per le politiche pubbliche per la casa è anche un occasione per cogliere alcuni passaggi della storia cittadina da un angolo visuale da cui osservare la trasformazione urbanistica della città e di come un punto di vista territoriale, questi quartieri danno concretamente forma a nuove e su alcuni centri della provincia è particolarmente evidente in corrispondenza dell attività, poi gli anni trenta e il lungo periodo della ricostruzione in cui l Istituto ha articolato la propria attività come costruttore per conto di organismi terzi, ma anche gli anni settanta con l attuazione dei Peep, senza dimenticare poi il suo dei quartieri di più lontana datazione. Si è quindi ritenuto utile approfondire alcune realizzazioni in quanto particolarmente indicative della evoluzione tecnologica del modo di produzione delle case popolari e di una cultura architettonica che si è sperimentata proprio nel settore abitativo pubblico.

8 Inqua dell edilizia popolare e l attualità del tema sociale della casa che ripropone un esigenza di garanzia dei livelli minimi del servizio abitativo e in quali termini si possa ancora parlare di edilizia sovvenzionata. Dall avvio dell esperienza degli Istituti autonomi per le case popolari ad oggi tanto è però cambiato. Con autonomi pubblici si sono trasformati in Aziende Casa Emilia-Romagna (ACER), diventando Enti pubblici economici con caratteristiche particolari, che li avvicinano molto di più ad un soggetto privato piuttosto che pubblico e con compiti di gestione del patrimonio immobiliare pubblico abitativo. Contestualmente, la proprietà degli immobili di edilizia residenziale pubblica è stata trasferita per legge ai Comuni sui cui territori si trovano, e gli stessi Comuni, insieme alla Provincia di Piacenza, sono divenuti sostanzialmente soci dell ACER di Piacenza di cui costituiscono la Conferenza degli Enti. mentre ACER rappresenta, innanzitutto, lo strumento utilizzato per la gestione del patrimonio immobiliare e per la sua manutenzione ordinaria e straordinaria. Tale attività, infatti, è rimasta quella principale tra le funzioni svolte dalla Azienda Case, anche perché quella fascia di cittadini che necessitano di un alloggio pubblico a basso costo non è andata ad esaurimento ma, anzi, soprattutto in questi tempi di crisi, ha subito un costante incremento. Si tratta però di una fascia di utenti che non solo hanno il problema di un reddito particolarmente basso, ma che sono anche, ed in misura sempre maggiore, interessate da problematiche di carattere sanitario, oltre che di generale disagio sociale e povertà culturale. E si tratta di uno spaccato che interessa non solo i mediazione sociale come nuova frontiera del proprio impegno nella società piacentina. Ma oggi inoltre ha preso forma anche uno strato sociale composto da pubblica e non abbastanza ricca per sostenere i canoni di mercato. Si tratta di una nuova classe sociale alla quale ancora una volta ACER, come strumento delle Amministrazioni locali, cerca di dare una risposta mediante la nuova esperienza dell Agenzia per la locazione, assumendo in locazione patrimonio privato e concedendolo in sublocazione a canone concordato o, comunque, tendenzialmente più basso rispetto a quello di mercato. Sempre per rispondere ai suddetti bisogni, le ACER, soprattutto quelle emiliane che hanno instaurato una forte sinergia tra di loro, si pongono anche come soggetti protagonisti del c.d. piano casa per la realizzazione dell edilizia residenziale sociale a locazione permanente. 11

9 energetico del patrimonio abitativo immobiliare pubblico, nel rispetto delle giuridiche e tecniche appositamente formate per rispondere anche a questa nuova Oggi, dunque, le nuove Aziende si muovono confrontandosi con le esigenze che emergono nella società ed esplorando nuovi ambiti di intervento. Le ACER, insomma, si pongono come Aziende strumentali degli Enti Locali in grado di affrontare tutti i temi delle politiche abitative e di coniugare insieme gli aspetti sociali, economici, costruttivi e di sviluppo urbanistico, proponendo una soluzione armonica dell offerta abitativa. Nel ringraziare tutti coloro che hanno collaborato alla stesura ed alla pubblicazione di questo libro, spero che questo, come rivisitazione e approfondimento del passato, ciascuno nel proprio ambito i dipendenti dell ACER di Piacenza che hanno compreso e dato forza a questo grande cambio di passo della loro Azienda, gli Enti Locali con i quali vi è un utile rapporto di scambio e piena collaborazione e la gran parte dei nostri utenti che cercano di conservare nel migliore dei modi il spetta nel popolare la città. Il PRESIDENTE DI ACER PIACENZA Flavio Antelmi 12

10 Introduzione GRUPPO DI LAVORO PERSONALE ACER PIACENZA La prima domanda che ci siamo posti allorquando ci è stato proposto di realizzare una pubblicazione nell occasione del centenario dell Istituto è stata quale taglio darle. Ci siamo messi allora nell ottica del lettore e, a seguito di numerosi confronti ci è sembrato interessante ed utile proporre un testo che potesse dare informazioni sull attività svolta dall ente in chiave storica, sociologica ed urbanistica, ma che potesse contemporaneamente descrivere l evoluzione tecnologica delle costruzioni, applicata all edilizia pubblica, in risposta di un esigenza abitativa a origini e oggi sempre più marcatamente conciliare il basso costo delle opere con la qualità. Sulla base di tali prerogative abbiamo scelto quindi di concentrarci sugli elementi sopra descritti con l intento di far emergere, ove possibile, dalla trattazione temporale dell attività svolta nel corso di dieci decenni, il rapporto tra politiche dell istituto. E con tale coscienza che il lettore potrà affrontare la lettura del testo nella chiave che più lo interessa. 13

11 In b Il contesto, gli uomini, le politiche 1. Dalle origini liberali alla trasformazione fascista ( ) - La fondazione in età giolittiana e la crisi bellica Eme La situazione a Piacenza e i caratteri dello sviluppo La fondazione dell Istituto Gli uomini e la struttura delle origini Tra guerra e dopoguerra Le novità legislative e l ultima amministrazione prefascista - L Istituto nel regime I cambiamenti nell Istituto locale La svolta degli anni Trenta Dalla crisi e alla ripresa costruttiva Brevi conclusioni difabrizio Achilli 2. Dal secondo dopoguerra alla trasformazione in azienda ( ) - Dalla caduta del fascismo alla Liberazione Gli ultimi anni di guerra - L istituto nella Repubblica La lenta ricostruzione La gestione commissariale del Comitato di liberazione nazionale La ricostituzione degli organi di governo dell Istituto e alcune tendenze di lungo periodo L industrializzazione degli anni cinquanta e il miracolo economico I piani Ina-Casa e Gescal Una nuova organizzazione interna Lotte sociali e riforma della casa Conclusioni 14 di Cesarina Raschiani

12 Le realizzazioni 3. Residenza e città: le dinamiche insediative e la storia urbana di Piacenza Premessa La costruzione storica della città moderna quartieri. di Valeria Poli 4. La qualità della residenza popolare a Piacenza Premessa Dalla fondazione dell IACP al secondo dopoguerra Farnesiana Quartiere San Giuseppe Baia del Re Conclusioni di Daniele Fanzini Nella speranza di esser riusciti a centrare l obiettivo postoci e, quindi, di aver prodotto un testo d interesse per il lettore, è doveroso ringraziare i componenti dell attuale Consiglio di Amministrazione aziendale che hanno permesso e, quando necessario, spronato la redazione della pubblicazione. Il Gruppo di lavoro personale ACER PC Ing. Alfonso Gagliano Direttore Rag. Fiorenza Ghizzoni-Responsabile Uff. URP Ing. Matteo Stragliati Sig.ra Gianna Ferrari 15

13 Presentazione FABRIZIO SCHIAFFONATI In questi ultimi tempi si va imponendo, di nuovo, all attenzione del dibattito e delle iniziative politiche il tema della casa economica. In Italia, nella seconda metà degli anni novanta, si sono avute diverse iniziative che, con riferimento alla fase economica, ai bisogni e al rapporto domanda-offerta nel settore dell abitazione, diversi contesti territoriali. Il Piano quindicennale dell INA Casa e il successivo Piano della Gescal hanno rappresentato programmi di intervento di grande peso quantitativo, nonché di indubbie valenze urbanistiche ed architettoniche, nella linea delle politiche di intervento pubblico nell ambito dell edilizia popolare già varate in Italia all inizio del Novecento, con la fondazione su base provinciale degli Istituti Economici Case Popolari. Con l istituzione delle Regioni, negli anni settanta, muta e si evolve il quadro degli operatori del settore delle costruzioni nell ambito dell edilizia economica. È questa una svolta di notevole importanza, già in parte avviata con i programmi della Gescal di incentivazione di interventi cooperativistici e privati nella forma dell edilizia economica, convenzionata all interno di più ampi programmi urbanistici di anni novanta, a forme di intervento più complesse, sulla base di nuove legislazioni nazionali e regionali (PRU, PII, PRUSST, Contratti di Quartiere) mirate al più urbana, nel contempo e nell ottica dell allargamento della partecipazione alle scelte urbanistiche ed edilizie. La crisi strutturale dell ultimo decennio ha imposto la necessità di tornare a riconsiderare con grande attenzione la natura e gli obiettivi dell edilizia sociale. In particolare l ampliarsi della forbice tra il bisogno abitativo e le fasce di utenza in grado di accedere ad un libero mercato, seppur calmierato dalle forme di edilizia 17

14 18 convenzionata e cooperativa. Questa crisi prettamente economica e connessa alla modalità di formazione dei redditi familiari e individuali, evidenzia anche l insorgenza di nuove fasce di povertà e di diversi utenti (nuovi nuclei familiari, propri bisogni con i prezzi e gli standard abitativi attualmente sul mercato. In questo mutato contesto è diventato necessario e sempre più urgente rivedere e reimpostare la politica sulla casa. Il Governo ha varato un Piano Casa che, per ora, solo limitatamente può far fronte ad un bisogno così esteso. Ma più in generale altri soggetti, Enti locali, imprenditori, fondazioni bancarie, si stanno ponendo il problema di varare iniziative con l obiettivo di offrire alloggi a prezzi di vendita, C è un ritorno quindi a considerare con maggiore attenzione le valenze e i valori di loro azioni, nonché per la qualità, in alcuni casi, dell impostazione urbanistica e architettonica dei progetti. Esperienze considerate superate, e spesso anche criticate per indubbi limiti, appaiono oggi portatrici di stimoli e suggerimenti che, se attualizzati e relazionati ai nuovi bisogni e alle possibilità offerte dalle innovazioni tecnologiche, possono rappresentare ancora fonte di orientamento delle politiche per la casa economica. Un ritorno quindi, pur nelle mutate condizioni, ad una maggiore attenzione per un coordinamento degli interventi a scala edilizia Non a caso in questo contesto socio-economico si palesa sempre più l attenzione, a livello locale, a rivalutare alcune politiche attuative del passato e ad approfondire quanto realizzato alla scala comunale. Il testo Popolare la città. Cento anni di La st ha privilegiato l illustrazione degli interventi più consistenti, le politiche dei grandi quartieri delle città italiane, le architetture dei Maestri e dei professionisti di maggiore notorietà. Ricca è certamente la disamina e lo studio di questi casi, mentre molti altri episodi, considerati minori sono sullo sfondo spesso dimenticati. Il quadro invece è più articolato, e quando ci affacciamo su altre realtà non ancora indagate, troviamo episodi degni di maggiore attenzione, in grado di ampliare il punto di osservazione ed arricchire la storia dell edilizia popolare ed economica. Una storia che richiede oggi di essere rivisitata anche alla luce del valore testimoniale e documentale che molti di questi episodi rivestono, nel contesto nazionale e locale, nella narrazione dello sviluppo delle metodologie sia ai portati progressisti della rivoluzione del Razionalismo e del Funzionalismo architettonico. La sostenibilità, economica, sociale e ambientale, rimanda alla necessità di

15 considerare la globalità degli aspetti che si connettono nei processi di trasformazione e sviluppo urbano, e rispetto ai quali l impostazione del Movimento Moderno fattori di un abbassamento della qualità urbana e ambientale, vi è certamente, negli ultimi decenni, l allontanamento dai dettami progressisti di quell epoca. Ciò non solo per i discutibili caratteri linguistici della fase post-modernista, ma forse ancor più per l irrazionalità di molte soluzioni urbanistiche nonché per la bassa qualità delle tipologie proposte e delle tecnologie utilizzate. Il testo Popolare la città. Cento anni di edilizia popolare a Piacenza si articola in due parti. Una prima approfondisce Il contesto, gli uomini, le politiche ; un punto centrale per focalizzare il ruolo fondamentale che la decisione assume nell ambito delle politiche attraverso il portato di idee, di obiettivi, di convinzioni, espresse da amministratori pubblici. Un approccio che comunemente, nell ambito degli studi la conoscenza del quadro degli attori del processo edilizio e delle modalità della formazione delle decisioni, è sempre fondamentale per capire la vera natura delle politiche pubbliche, traendone quindi insegnamenti per i programmi futuri che comunque nascono sempre in continuità con quanto già fatto, segnando avanzamenti e nuovi approcci quanto più vi è consapevolezza critica dei limiti dei programmi precedenti. In una seconda parte del testo, Le realizzazioni, l attenzione è rivolta ad una lettura puntuale, articolata e molto approfondita degli interventi nella città nell arco di un secolo. Tale lettura non opera un semplice repertoriamento degli episodi più importanti, ma evidenzia criticamente gli elementi di qualità che nei diversi cicli realizzativi è stato possibile raggiungere. Il commento non appare quindi la semplice registrazione del susseguirsi cronologico dei diversi progetti, ma rappresenta la contestualizzazione delle politiche dell edilizia pubblica nello sviluppo della città di Piacenza. Dal punto di vista della storia dell architettura balzano agli occhi progetti, urbanistici e architettonici, di grande valenza sia cosiddetto quartiere modello INA Casa a sud del nucleo urbano, di un episodio, l asilo, di una indiscutibile qualità formale, una eccellenza tutto sommato non adeguatamente registrata nei libri di architettura. Gli autori di questo testo, Achilli, Raschiani, Fanzini e Poli, documentano quindi città, Piacenza, dalle notevoli potenzialità di sviluppo urbanistico ed edilizio. Con un metodo che intreccia aspetti di carattere documentale, sempre fondamentali per un corretto approccio storico, con ricche considerazioni critiche in grado di stimolare la progettazione architettonica e urbana.

16 4.5 - Conclusioni L edilizia sociale rappresenta da sempre un importante campo di sperimentazione conciliare il basso costo delle opere con residenziale pubblica. Gli esiti di ques su tutto il territorio nazionale il cui valore, a prescindere dalla funzione sociale del costruito, si manifesta nelle caratteristiche architettoniche e tecnico costruttive di L analisi condotta, assumendo la città di Piacenza come campo di osservazione, ha assunto un limitato numero di realizzazioni considerate rappresentative di un particolare periodo storico e per ciascuna di esse ha cercato di metterne in luce gli l attenzione agli aspetti igienico-funzionali delle prime realizzazioni; il gi e a misura d uomo del secondo dopoguerra; le sperimentazioni tecno-tipologiche tese ad accrescere la produttività del cantiere e a migliorare il rapporto qualità-costo delle realizzazioni operate a l attenzione ai temi della sostenibilità sociale e ambientale degli ultimi Il quadro che ne esce descrive una situazione non dissimile a quella di tante altre città italiane nelle quali l impegno di tecnici, funzionari, dirigenti degli istituti autonomi per le case popolari hanno permesso di segnare un distacco qualitativo indiscutibile tra edilizia sociale ed edilizia di mercato. 51 L architettura nell edilizia sociale 51 E. Piroddi, op. cit

17 Fonti A. Acocella, L edilizia residenziale pubblica in Italia dal 1945 ad oggi, Cedam, AA. Storia e struttura del settore edilizio dal dopoguerra ad oggi, Clup, AA.Questione urbana e sviluppo edilizio AA. Case romane. La periferia e le case popolari AAStoria di Piacenza: l Ottocento M. Di Sivo, Normativa e tipologia dell abitazione popolare. L origine e lo sviluppo nelle leggi della casa dal 1902 al 1980 F. Schiaffonati, Storia e prospettive della residenza sociale in Italia, in D. Fanzini (a cura di), Il progetto nei programmi complessi di intervento E. Mussinelli, Tecnologie e progetto per la qualità ambientale negli interventi di riabilitazione dell edilizia residenziale pubblica, in D.Fanzini (a cura di), Il progetto nei programmi complessi di intervento F. IraVico Magistretti architetto e designe M. Mulazzani, Giuseppe Vaccaro IACP di Piacenza, L edilizia residenziale pubblica a Piacenza. Il quartiere di Barriera Roma e il recupero del patrimonio edilizio Istituto Luigi Sturzo (a cura di), Fanfani e la casa. Gli anni Cinquanta e il modello italiano di welfare state. Il piano INA-Casa 141

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

Il servizio pubblico alla casa e la determinazione dei livelli minimi

Il servizio pubblico alla casa e la determinazione dei livelli minimi Paolo Urbani Ordinario di Diritto Amministrativo Convegno nazionale DS Roma 13 marzo 2006 Le politiche abitative. Una grande priorità Le politiche abitative per le fascie più deboli: le nuove modalità

Dettagli

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi

Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi. Potenzialità, criteri di investimento, rischi A13 457 Antonio Fabio Forgione Il sistema integrato di fondi Potenzialità, criteri di investimento, rischi Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro La crisidegli affitti e il Piano di edilizia abitativa Osservazioni e Proposte Assemblea 21 luglio 2010 1 21 luglio 2010 Indice Premessa...3 Introduzione...4

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA

L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA COMUNICATO STAMPA L HOUSING SOCIALE A MILANO E REALTA VIA AL BANDO PER 124 ABITAZIONI CENNI DI CAMBIAMENTO SULLA CITTA Per la prima volta a Milano un bando per assegnare la abitazioni a canone calmierato.

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative 3. SOCIALE 3.3 Politiche abitative INDICE Inquadramento strategico..................... pag. 65 Risorse impiegate........................ pag. 66-67 I progetti innovativi....................... pag. 68-69

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Regione Emilia Romagna: requisiti volontari

Regione Emilia Romagna: requisiti volontari Regione Emilia Romagna: requisiti volontari TITOLO: Regione Emilia Romagna: requisiti volontari per una qualità ambientale degli interventi edilizi 1. Premessa Il panorama odierno della bioedilizia in

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO

Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Bando Oscar della Salute 2014 Premio Nazionale Rete Città Sane OMS MODULO PRESENTAZIONE PROGETTO Titolo del ACCESSIBILITÀ a SACILE Ente proponente Referente del Città in cui ha avuto luogo il Durata del

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

[ crescere insieme per guardare lontano.] " Un grazie a quanti ci hanno sostenuto e hanno creduto in noi in questo 2005"

[ crescere insieme per guardare lontano.]  Un grazie a quanti ci hanno sostenuto e hanno creduto in noi in questo 2005 Studio Panato: Bilancio sociale 2005 [ crescere insieme per guardare lontano.] " Un grazie a quanti ci hanno sostenuto e hanno creduto in noi in questo 2005" Questo documento vuole essere: una breve analisi,

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI

SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI SERVIZI AZIENDALI INNOVATIVI L AGENZIA PUBBLICA PER LA LOCAZIONE La gestione di servizi attinenti al soddisfacimento delle esigenze abitative delle famiglie rappresenta una tra le iniziative più innovative

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa

Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa A13 Alessandro Giosi Azione di governo e ruolo della contabilità pubblica nell Italia liberale e corporativa Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA

CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA CON-DIVIDERE LA SOSTENIBILITA PROGETTO PILOTA SINTESI PROGETTO Perché il progetto VERSO CONDOMINI ATTENTI ALL AMBIENTE E AL RISPARMIO DELLE RISORSE Con-divivere la sostenibilità attraverso il coinvolgimento

Dettagli

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi Responsabile Area Economia Urbana e Immobiliare CERTeT Università L. Bocconi Ricercatore senior Gruppo CLAS 8 giugno 2011, fieramilano

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

1. I fattori di cambiamento della condizione studentesca

1. I fattori di cambiamento della condizione studentesca www.eurostudent-italia.it 1. I fattori di cambiamento della condizione studentesca Nel processo di cambiamento che ha interessato il sistema universitario italiano dagli anni novanta si può individuare

Dettagli

Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali

Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali Alberto Gagliardi Sottosegretario agli Affari Regionali Verso la conferenza nazionale per la casa Torino 19 novembre 2004 1 Intervento del Sottosegretario di Stato Alberto Gagliardi Presidente, autorità,

Dettagli

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale La legislazione regionale in tema di fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Le iniziative della Regione Emilia- Romagna per l housing sociale Bologna 15 novembre 2012 Caterina Brancaleoni Nucleo

Dettagli

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE?

ORIZZONTI SCUOLA PERCHE DOCUMENTARE? P.A.I.S. La scuola elementare Manzoni Bolzano Mirella Tronca, assistente agli alunni in situazione di handicap PERCHE DOCUMENTARE? La documentazione è una scienza per conoscere e una tecnica per far conoscere.

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

SFRUTTARE LE OPPORTUNITA OFFERTE DALL EUROPA I FONDI EUROPEI

SFRUTTARE LE OPPORTUNITA OFFERTE DALL EUROPA I FONDI EUROPEI SFRUTTARE LE OPPORTUNITA OFFERTE DALL EUROPA I FONDI EUROPEI 1. IL CONTESTO 1.1 Flusso entrate/uscite: il saldo negativo per l Italia I progetti finanziati dalla Commissione Europea sono una risorsa preziosa

Dettagli

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP Documento preliminare 1. Inquadramento normativo La materia dell edilizia residenziale pubblica comprende il complesso delle attività delle

Dettagli

Progetto: COMUNICA CoLOMBA

Progetto: COMUNICA CoLOMBA Progetto: COMUNICA CoLOMBA 1. Chi siamo CoLOMBA Cooperazione Lombardia, è l Associazione delle Organizzazioni Non Governative lombarde e raccoglie 105 ONG, dalle più grandi alle più minuscole. Il minimo

Dettagli

ALLEANZA CONTRO LA POVERTA IN ITALIA

ALLEANZA CONTRO LA POVERTA IN ITALIA ALLEANZA CONTRO LA POVERTA IN ITALIA Acli Action Aid Anci Azione Cattolica Caritas Italiana CGIL CISL UIL Cnca Comunità di S. Egidio Confcooperative CONFERENZA STATO- REGIONI Conferenza delle Regioni e

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015

Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Gli esiti del sondaggio sull Housing Sociale nel territorio bassanese Bassano del Grappa, 17 aprile 2015 Opportunità socioeconomica per rilanciare il settore edile, il mercato immobiliare e quello degli

Dettagli

Non dimentichiamoci di Dio

Non dimentichiamoci di Dio Angelo Scola Non dimentichiamoci di Dio Libertà di fedi, di culture e politica Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06129-2 Prima edizione: marzo 2013 Prefazione

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE

COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE Imprese e giovani a scuola di promozione del mobile. Intelligent Furniture, il progetto sul marketing mobile, dedicato

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa del Consigliere: Giovanni MACCHIAVELLO

CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA. Proposta di legge di iniziativa del Consigliere: Giovanni MACCHIAVELLO Atti consiliari CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA ************************************************************************************************ VIII LEGISLATURA - DOCUMENTI - PROPOSTE

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 4.1.2 - ASSISTENZA TECNICA AL TERRITORIO PER L I N D I V I D UAZIONE DI STRUMENTI DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NELL AMBITO DELLE

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra

I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra I prodotti della nostra terra non fanno il giro della Terra Progetto rivolto alle classi della scuola primaria dell Emilia Romagna per l anno scolastico 2010-2011 COLDIRETTI Coldiretti, con un milione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca C.M. n. 43 Roma, 15 aprile 2009. Prot.n. 0002156 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI p.c. Al Capo Giuseppe Cosentino SEDE Al Coordinatore Nazionale Assessori Regionali all

Dettagli

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo, Servizio Politiche Industriali Misura 2.1 - Azione C del Programma Triennale per lo sviluppo delle attività produttive industriali

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2011

BILANCIO SOCIALE 2011 BILANCIO SOCIALE 2011 Estratto del Bilancio Sociale 2011 1 Il Consorzio Farsi Prossimo è costituito da 11 cooperative sociali (al 31/12/2011), che operano sul territorio della Diocesi di Milano, unite

Dettagli

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica

La Scuola di Volontariato. Il tema: gratuità e felicità. Metodologia didattica La Scuola di Volontariato La Scuola di Volontariato è promossa dal Coge Emilia Romagna e dal Coordinamento Centri di Servizio per il Volontariato Emilia Romagna con l intento di stimolare riflessioni sugli

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi

LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi LA NORMATIVA ITALIANA PER L EDILIZIA SOCIALE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi Protocollo di intervista semi- strutturata Dati intervista Intervista n. 2 Data intervista: 16 maggio

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Le ragioni ambientali

Le ragioni ambientali Intervento Alex Pratissoli (Comune di Reggio Emilia) Il Progetto ECOABITA Il successo di una iniziativa come la certificazione energetica degli edifici, passa attraverso la creazione di parternariati fra

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

1 Le fonti internazionali

1 Le fonti internazionali INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE II LE FONTI DEL DIRITTO MINORILE PROF. GUIDA GIANLUCA Indice 1 Le fonti internazionali -----------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio

La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA Assessorato Turismo, Cultura, Pubblica Istruzione e Gemellaggi La dimensione pedagogico educativa: cardine degli interventi efficaci sul Sistema Scuola-Famiglia-Territorio COMUNE DI MASSA

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

BISOGNI E POTENZIALITA NELL EDILIZIA RESIDENZIALE

BISOGNI E POTENZIALITA NELL EDILIZIA RESIDENZIALE IL DECRETO DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 27/2012: Strategie e metodi per l efficienza energetica del patrimonio edilizio nazionale BISOGNI E POTENZIALITA NELL EDILIZIA RESIDENZIALE MARCO CORRADI Presidente

Dettagli

Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico

Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico Ioli Architetto e già Consigliere Comunale ad Arese

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali

MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali dipartimento di Giurisprudenza MASTER UNIVERSITARIO di I livello in Gestione del Lavoro e delle Relazioni Sindacali XII edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE. www.istvap.it PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE www.istvap.it 1 ISTVAP ha quattro anni di vita ISTVAP sta per compiere quattro anni di vita. Anni di attività che hanno portato alla scoperta dell importanza del concetto di

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti.

3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. 3.4 I caratteri distintivi, le forme societarie, il ricorso a finanziamenti. Per meglio esaminare i caratteri che contraddistinguono la piccola impresa come soggetto economico si sono prese in esame due

Dettagli

Il Direttore Generale. Loredana Gulino

Il Direttore Generale. Loredana Gulino PICCOLI E GRANDI INVENTORI CRESCONO: UN LUNGO VIAGGIO NELLE SCUOLE ITALIANE PER PROMUOVERE LA CULTURA BREVETTUALE PREMESSA Quando, nel 2008, ho assunto la direzione della Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale

CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale REGIONE PUGLIA CONFERENZA REGIONALE PER LE POLITICHE SOCIALI La Sussidiarietà per uno Sviluppo solidale IV COMMISSIONE DI STUDIO Disagio sociale, politiche di inclusione e diritti di cittadinanza Presidente

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza MIUR PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA REGIONE

Dettagli

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali

Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali A13 494 Luigi Lepore Loris Landriani Alessandro Scaletti I costi standard delle aziende dei trasporti pubblici locali Stato dell arte e problematiche aperte verso il federalismo fiscale Copyright MMXII

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

L analisi dei fabbisogni dell EDA nell area sub-provinciale di Roma. Risultati conseguiti dal progetto: guida alla consultazione

L analisi dei fabbisogni dell EDA nell area sub-provinciale di Roma. Risultati conseguiti dal progetto: guida alla consultazione BANDO PER L EDUCAZIONE PERMANENTE DEGLI ADULTI Delibera Giunta Regionale n. 30 dell 11/01/2001 (Pubblicato nel BUR Lazio n.5 del 20 febbraio 2002 Parte I e II) Misura di sistema: Ricerche e analisi finalizzate

Dettagli

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario

Fondo Famiglia. L intenzione progettuale. Lo scenario Fondo Famiglia L intenzione progettuale Il Fondo Famiglia è un progetto socio-pastorale della Diocesi di Roma affidato per la gestione, l amministrazione ed il coordinamento operativo alla Caritas diocesana

Dettagli

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Supplemento 1.2009 7 Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Gian Carlo Muzzarelli* Sommario 1. Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili. 2. I cardini della

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

PROGRAMMA. Tematica: LA SCRITTURA, STRUMENTO INDISPENSABILE DI EVOLUZIONE E CIVILTA

PROGRAMMA. Tematica: LA SCRITTURA, STRUMENTO INDISPENSABILE DI EVOLUZIONE E CIVILTA PROGRAMMA Tematica: LA SCRITTURA, STRUMENTO INDISPENSABILE DI EVOLUZIONE E CIVILTA Durata: da ottobre 2011 a maggio 2012, per complessive n. 80 ore di formazione suddivise in tre sessioni (24 ore in presenza

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un Milano, 23 ottobre 2014 Avvio di un percorso di ascolto attivo e di partecipazione della cittadinanza PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI Gentili, Con la presente si comunica, nell intento

Dettagli

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA

gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA gennaio 2010 ORIENTAMENTI PER UNA STRATEGIA DI SVILUPPO ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI MACERATA SCENARI STRATEGIE POLITICHE PROGETTI PER LA PROVINCIA DI MACERATA Questo studio fa parte di un itinerario di

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli