PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE"

Transcript

1 PROGRAMMA DI AUTOPROTEZIONE Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità Illustrazione al Consiglio delle bambine e dei bambini Pescara, 20 dicembre 2006

2 CONOSCERE I RISCHI DEL TERRITORIO IN CUI VIVIAMO TERREMOTI FRANE ALLUVIONI NEVE INCENDI BOSCHIVI INDUSTRIALE

3 INFORMARSI SUI RISCHI PRESSO IL COMUNE PIANO DI PROTEZIONE CIVILE DI EMERGENZA PIANO NEVE

4 ORGANIZZARSI IN FAMIGLIA Occorre che ciascuno si senta attore del sistema attivo di Protezione Civile,e non soltanto utente o una persona che si senta estranea alle problematiche di Protezione Civile perché si considera fortunata da avere la certezza che rischi e calamità riguardino soltanto gli altri. Organizza il tuo nucleo familiare e prepara insieme a loro un Piano di Protezione Civile familiare.come? Attuando poche e semplici operazioni: 1. Conoscere i rischi in casa e della casa 2. Sapersi informare 3. Organizzarsi in famiglia

5 UN ABITUDINE CHE PUO SALVARE LA VITA PREPARATE UNA FAMILY SAFETY BAG COSA METTERCI DENTRO: UNA CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO UNA TORCIA A PILE E/O CANDELE UNA RADIO A PILE UN ESTINTORE FIAMMIFERI E/O ACCENDINO ELENCO DEI COMPONENTI DELLA FAMIGLIA, LORO DATI ED UNA FOTO FORMATO TESSERA DI OGNUNO. ASSICURATEVI CHE TUTTI SAPPIANO DOVE SIA.

6 PERSONAL SAFETY BAG la vostra borsa personale NELLA VOSTRA BORSA PERSONALE NON DIMENTICATE DI METTERE: COPIA DEI DOCUMENTI D IDENTITA COPIA DEL LIBRETTO DELLA PENSIONE COPIA DELLE CHIAVI DI CASA E DELL AUTO DENARO CONTANTE PER LE PRIME NECESSITA OCCHIALI DI RICAMBIO COPIA DELLE PRESCRIZIONI MEDICHE IN CASO DI MALATTIE CRONICHE (cardiopatie,diabete, ecc )

7 METTETE QUESTE BORSE IN LUOGHI CONOSCIUTI A TUTTI I COMPONENTI DELLA FAMIGLIA Controllate che siano sempre nello stesso posto ed allenatevi a trovarle. anche al buio!!!

8 COSA PUO SERVIRVI DOPO UN EVENTO CALAMITOSO INDUMENTI:ALMENO UN RICAMBIO PER PERSONA, ABITI COMODI ADATTI ALLA STAGIONE GENERI DI USO COMUNE: NASTRO ADESIVO, SACCHETTI DI NYLON, STOVIGLIE IN PLASTICA, COLTELLO, APRISCATOLE, APRIBOTTIGLIE, FORNELLO A GAS DA CAMPEGGIO PACCO DI CIBO NON DEPERIBILE, ACQUA (1 Lt.. X PERSONA AL GIORNO)

9 STIVATE LE DERRATE ALIMENTARI ED I MATERIALI D USO COMUNE VICINO ALLA DAY BAG Per gli indumenti sarebbe meglio che fossero nella borsa personale

10 COSA FARE PRIMA DEL TERREMOTO 1. INFORMARSI PRESSO IL SERVIZIO DI PROTEZIONE CIVILE DEL COMUNE SUL RISCHIO TERREMOTO NEL COMUNE 2. ESSERE A CONOSCENZA DELL UBICAZIONE DEI RUBINETTI GENERALI DI LUCE, ACQUA E GAS ED IMPARARE A CHIUDERLI 3. METTI SUI VETRI DELLE FINESTRE PELLICOLE AUTOADESIVE TRASPARENTI,EVITERAI CHE LE SCHEGGE DI VETRO POSSANO COLPIRTI 4. EVITARE DI POSIZIONARE OGGETTI PESANTI SU MOBILI, MENSOLE E SCAFFALI POTREBBERO CADERE ADDOSSO E FERIRE. 5. FISSARE I MOBILI E SCAFFALI, SPECIALMENTE QUELLI ALTI, AL MURO, POTREBBERO CADERE ADDOSSO.

11 COSA FARE DURANTE IL TERREMOTO SE SI E IN UN LUOGO CHIUSO CERCARE RIPARO NEL VANO DI UNA PORTA INSERITA IN UN MURO PORTANTE (imparate a riconoscerlo) O SOTTO UNA TRAVE RIPARATEVI SOTTO UN TAVOLO,STATE LONTANO DA MOBILI E OGGETTI PESANTI, NON PRECIPITARSI PER LE SCALE E NON USARE L ASCENSORE SE SEI IN AUTO NON SOSTARE SOTTO I PONTI,NEI PRESSI DI TERRENI FRANOSI,SULLA SPIAGGIA.

12 COSA FARE DOPO IL TERREMOTO ASSICURATI DELLO STATO DELLE PERSONE ATTORNO A TE NON CERCARE DI MUOVERE PERSONE FERITE GRAVEMENTE ESCI CON PRUDENZA INDOSSANDO LE SCARPE NON ANDARE IN GIRO A CURIOSARE NON USARE IL TELEFONO, LE LINEE SERVONO PER LE EMERGENZE NON USARE L AUTO, LE STRADE DEVONO ESSERE LIBERE PER FAVORIRE L ARRIVO DEI SOCCORSI RAGGIUNGI LE AREE DI ATTESA

13 ALCUNE NOTE A MARGINE INDIVIDUATE UN LUOGO DI ACCOGLIENZA TEMPORANEO.UN LUOGO ALTERNATIVO AL CENTRO DI RACCOLTA es. AMICI O PARENTI INDIVIDUATE UN REFERENTE FAMILIARE CHE VIVA AL DI FUORI DEL VOSTRO TERRITORIO E CHE CIASCUN COMPONENTE DELLA FAMIGLIA CONOSCE E PUO CONTATTARE PER OTTENERE INFORMAZIONI SULL ANDAMENTO DELL EMERGENZA O PER INFORMARSI SUI COMPONENTI DELLA FAMIGLIA IN CASO DI SMEMBRAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE.

14 IN CASO DI FRANA NON PRECIPITARTI FUORI, RIMANI DOVE SEI RIPARATI SOTTO UN TAVOLO O SOTTO UNA PORTA INSERITA IN UN MURO PORTANTE ALLONTANATI DA FINESTRE, PORTE CON VETRI,E ARMADI NON UTILIZZARE ASCENSORI NON PERCORRERE LA STRADA DOVE E APPENA CADUTA UNA FRANA ALLONTANATI DA PALI DELLA LUCE, LINEE ELETTRICHE SOSPESE, ALBERI LAMPIONI, EDIFICI NON AVVENTURARTI SUL CORPO DELLA FRANA NON AVVENTURARTI NELLE ABITAZIONI PRIMA CHE SIANO STATE VISIONATE DAGLI ESPERTI

15 IN CASO DI ALLUVIONE SE DEVI ABBANDONARE CASA CHIUDI I RUBINETTI DI ACQUA,LUCE E GAS RICORDATI DI PRENDERE LE FAMILY E PERSONAL BAG INDOSSA CALZATURE ED INDUMENTI CHE TI PROTEGGANO DALL ACQUA SE NON PUOI ABBANDONARE CASA SALI AI PIANI SUPERIORI ED ATTENDI I SOCCORSI DOPO L ALLUVIONE NON BERE ACQUA SE NON VIENE DICHIARATA NUOVAMENTE POTABILE DALLE AUTORITA NON USARE APPARECCHIATURE ELETTRICHE PRIMA CHE SIANO VERIFICATE DA UN TECNICO PULISCI E DISINFETTA LE SUPERFICI ESPOSTE ALL ACQUA D INONDAZIONE

16 IN CASO DI NEVE SE SEI IN CASA EVITA DI USCIRE ASCOLTA BOLLETTINO METEO SE ESCI EVITA ZONE PERICOLOSE ESCI QUANDO E MENO PERICOLOSO SE SEI ALL APERTO SE SEI ALL APERTO INDIVIDUA UN PERCORSO SICURO PER RAGGIUNGERE UN RIPARO COMUNICA AD AMICI O FAMILIARI DOVE VI TROVATE EVITA DI MUOVERTI IN ZONE PEICOLOSE O POCO CONOSCIUTE

17 INCENDI BOSCHIVI LE CAUSE DI UN INCENDIO BOSCHIVO POSSONO ESSERE: 1. NATURALI,COME AD ESEMPIO FULMINI, MA SONO I MENO FREQUENTI IN ASSOLUTO 2. DI ORIGINE ANTROPICA, CIOE CAUSATI DALL UOMO, E POSSONO ESSERE CLASSIFICATI COME: ACCIDENTALI COLPOSI DOLOSI

18 COME AGIRE PER EVITARE UN INCENDIO BOSCHIVO NON GETTARE MOZZICONI O FIAMMIFERI ANCORA ACCESI E PROIBITO ACCENDERE IL FUOCO NEL BOSCO SE DEVI PARCHEGGIARE L AUTO NON FARLO SU PRATI O ZONE SECCHE NON ABBANDONARE RIFIUTI NEI BOSCHI O NELLE DISCARICHE ABUSIVE NON BRUCIARE SENZA LE DOVUTE MISURE DI SICUREZZA LE STOPPIE,LA PAGLIA, O ALTRI RESIDUI AGRICOLI.

19 QUANDO L INCENDIO E IN CORSO TELEFONA SUBITO AL 1515 SE AVVISTI FIAMME O ANCHE SOLO FUMO CERCA UNA VIA DI FUGA SICURA:UNA STRADA, UN CORSO D ACQUA.. NON SOSTARE IN LUOGHI VERSO I QUALI SOFFIA IL VENTO. SE NON HAI ALTRA SCELTA CERCA DI ATTRAVERSARE IL FUOCO DOVE E MENO INTENSO PER PASSARE DALLA PARTE GIA BRUCIATA STENDITI A TERRA IN UN LUOGO DOVE NON C E VEGETAZIONE L INCENDIO NON E UNO SPETTACOLO, NON SOSTARE CON L AUTO LUNGO LE STRADE.SERVONO AI SOCCORSI.

20 SAPER CHIEDERE AIUTO IN QUALSIASI SITUAZIONE DI EMERGENZA IL PRIMO NEMICO DA BATTERE E IL TEMPO.PER QUESTA RAGIONE BISOGNA RICORDARE CHE QUANDO CHIEDETE AIUTO DOVETE DARE LE INDICAZIONI IL PIU POSSIBILE PRECISE SULLA SITUAZIONE,DITE DOVE SIETE,COSA STA ACCADENDO,COSA VEDETE INTORNO A VOI,QUANTE PERSONE VI SEMBRANO COINVOLTE NELL EMERGENZA CHE VI RIGUARDA. TENETE APPESO VICINO AL TELEFONO,NEL PORTAFOGLIO,MEMORIZZATI NEL CELLULARE I NUMERI BREVI DI EMERGENZA (113,118,112,115,1515..) RACCONTATE A CHI RISPONDE ALLA VOSTRA CHIAMATA L ESSENZIALE,NON INTASATE LE LINEE TELEFONICHE!!!!!

21 Ricordate quella bambina che si è salvata dallo Tsunami,cosa disse quando fu intervistata? mi sono salvata ed ho potuto salvare altri perché ho ricordato le lezioni sulla sopravvivenza imparate a scuola.. Questa bambina ha oggi 15 anni e deve la sua vita ad un corso come questo.

22 Grazie per l attenzione PROTEZIONE CIVILE Via Colli Innamorati, Pescara Tel.339/ /

PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE

PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE PROGAMMA di AUTOPROTEZIONE Quello che il cittadino deve sapere per poter fronteggiare una calamità Volontari Senza Frontiere - Pescara 1 CONOSCERE I RISCHI DEL TERRITORIO IN CUI VIVIAMO TERREMOTI FRANE

Dettagli

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO DI PROTEZIONE CIVILE PIANO DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Bondone Il Piano di Protezione Civile del Comune di Bondone, ai sensi della vigente normativa provinciale, definisce l'organizzazione dell'apparato di Protezione civile

Dettagli

a scuola di Protezione Civile

a scuola di Protezione Civile Servizio Protezione Civile e Rischi Industriali Città di Venezia Il Servizio Nazionale di Protezione Civile in Italia Vigili del Fuoco La Croce Rossa a scuola di Protezione Civile Forze Armate e di Polizia

Dettagli

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR

COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR COMUNE DI CAMPOFORMIDO DISTRETTO DEL CORMOR 1 COSA FARE IN CASO DI: FRANA ALLUVIONE TROMBA D ARIA TEMPORALE CON FULMINI TERREMOTO 2 SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO: 1. mantieni la calma; COSA FARE IN CASO

Dettagli

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA

COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA Frana COSA FARE IN CASO DI FRANA... - SE TI TROVI IN UN LUOGO CHIUSO - SE SEI ALL APERTO - SE NE AVVISTI UNA PER LA STRADA 30 frana SE TI TROVI AL CHIUSO DURANTE UNA FRANA mantieni e contribuisci a far

Dettagli

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi

Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi e se succede? Tratto da Edizioni Giunti Progetti Educativi Cos è la protezione civile???? Protezione civile = Protezione dei cittadini NOI!!!!! Il SISTEMA di protezione civile La Sala Operativa Regionale

Dettagli

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE

Comune di Loano NORME DI AUTOPROTEZIONE Comune di Loano Prov. di Savona PROTEZIONE CIVILE NORME DI AUTOPROTEZIONE REDAZIONE: S.T.A. Progetti S.R.L Società di IngegneriaTerritorio Ambiente Corso Monte Grappa, 19/2 16137 Genova Tel. 010 25 18

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Poggio Berni Santarcangelo di Romagna Torriana Verucchio PIANO INTERCOMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE PARTE GENERALE DOCUMENTO Allegato 8: Norme comportamentali FILE RG_Allegato8_Norme

Dettagli

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala

come comportarsi in caso di... Maremoto o onda anomala Maremoto o onda anomala (può verificarsi a seguito sia di terremoto sottomarino che di eruzione vulcanica) 58 maremoto-onda anomala allontanati immediatamente dalla spiaggia, dal molo o dal lungomare raggiungi

Dettagli

Per una cultura della sicurezza

Per una cultura della sicurezza Speciale Protezione Civile 13 L Amministrazione Comunale di Scandiano, già da diversi anni sta lavorando per costruire un appropriato Sistema locale di Protezione Civile, in grado di far fronte ad eventuali

Dettagli

Via XXV Aprile, 10 50068 Rufina (FI) Codice Fiscale 06096360489 Tel. 055/839661 Fax 055/8396634 web www.uc-valdarnoevaldisieve.fi.

Via XXV Aprile, 10 50068 Rufina (FI) Codice Fiscale 06096360489 Tel. 055/839661 Fax 055/8396634 web www.uc-valdarnoevaldisieve.fi. PREPARARE LA FAMIGLIA ALLE EMERGENZE DI PROTEZIONE CIVILE: IL PIANO DI EMERGENZA FAMIGLIARE Consigli ed Indicazioni UNIONE DEI COMUNI VALDARNO E VALDISIEVE UFFICIO ASSOCIATO DI PROTEZIONE CIVILE Via XXV

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PONTEVICO MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE NORME DI COMPORTAMENTO Cos è la Protezione Civile? Con la Protezione Civile si intendono tutte le strutture e le

Dettagli

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza

0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione Civile. norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza norme di comportamento per affrontare le emergenze in sicurezza n u m e r i u t i l i Comune Santo Stefano di Magra Centralino 0187 697111 Polizia Municipale 0187 699913-335 7212215 Gruppo Volontari Protezione

Dettagli

COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE

COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE COMUNE DI CODOGNE (Provincia di Treviso) Settore Tecnico PRONTUARIO PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PER LA POPOLAZIONE Scheda 1 Presentazione RECAPITI UFFICI COMUNALI Comune di Codognè via Roma 2 31013

Dettagli

I rischi in Italia. Cerca riparo. Non precipitarti fuori. Chiudi gli interruttori. Ferma il veicolo

I rischi in Italia. Cerca riparo. Non precipitarti fuori. Chiudi gli interruttori. Ferma il veicolo Sismico Se si vive in zone soggette a fenomeni sismici occorre adottare alcuni comportamenti che saranno utili in caso di emergenza e per la salvaguardia della propria incolumità. Una casa costruita o

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA

LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde Protezione Civile Direzione Protezione Civile LA PROTEZIONE CIVILE NELLA DIDATTICA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 COS E LA PROTEZIONE CIVILE? Il termine protezione

Dettagli

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali.

Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi naturali. Progetto P.RI.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria Novembre 2010 Ciao bambini! Mi chiamo Riky e vorrei farvi alcune domande per conoscere ciò che pensate sui rischi

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA

METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA METODI COMPORTAMENTALI DA ADOTTARE IN CASO DI SISMA Terremoti Un terremoto è un movimento oscillatorio del suolo causato da tre eventi consecutivi: 1. movimenti in particolari zone della crosta terrestre*

Dettagli

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA!

UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! UNITI PER UNA......SCUOLA SICURA! Un colore per ogni azione Abbiamo progettato un sistema impostato sul colore per favorire l'apprendimento dei vari comportamenti. Vignette e fumetti sono colorati per

Dettagli

LE CRITICITA DEL TERRITORIO E LE NORME COMPORTAMENTALI

LE CRITICITA DEL TERRITORIO E LE NORME COMPORTAMENTALI Questa mostra mette in evidenza le criticità del territorio bene comune fornendo indicazioni su come mitigarle e superarle. LE CRITICITA DEL TERRITORIO E LE GENERALI In caso di calamità è utile avere in

Dettagli

LA PROTEZIONE CIVILE IN FAMIGLIA

LA PROTEZIONE CIVILE IN FAMIGLIA Comune di Almese Polizia Municipale LA PROTEZIONE CIVILE IN FAMIGLIA 1 LA PROTEZIONE CIVILE IL SERVIZIO NAZIONALE E LOCALE PER LE EMERGENZE In Italia la Protezione Civile è un servizio nazionale organizzato

Dettagli

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE Informazioni e buone norme di comportamento in caso di emergenza

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE Informazioni e buone norme di comportamento in caso di emergenza Assessorato alla Protezione Civile MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE Informazioni e buone norme di comportamento in caso di emergenza Rischio idrogeologico (alluvioni, frane) Rischio sismico Rischio incendio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RIVAROLO Scuola e Sicurezza Semplici norme di comportamento in caso di emergenze Glossario emergenze e figure di riferimento 1 Piano di Emergenza: insieme di norme e di istruzioni

Dettagli

Comune di Capraia e Limite

Comune di Capraia e Limite Comune di Capraia e Limite Protezione Civile Misure di auto protezione e norme elementari di comportamento in caso di calamità naturali Numeri telefonici utili PROT. CIVILE COMUNALE 0571 97811/34/39/42

Dettagli

A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili

A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili A cura dell ufficio Guardiaparco del Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili Norme di salvaguardia da rispettare in caso di incendi boschivi Legge quadro 353/2000. Periodo di riferimento 15 giugno

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO)

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) INDICAZIONI GENERALI 1. Modifiche strutturali, modifiche e/o manutenzione

Dettagli

P.Ri.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria. Report di ricerca. Dicembre 2010

P.Ri.S.M.A. Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria. Report di ricerca. Dicembre 2010 P.Ri.S.M.A Percezione del rischio e sostenibilità nella montagna di Alpe Adria Report di ricerca Dicembre 2010 Gli italiani hanno vissuto in misura maggiore l alluvione mentre gli austriaci hanno avuto

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 8 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile)

Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Informativa per la gestione delle emergenze (Si raccomanda di tenere una copia cartacea di questa informativa in luogo accessibile) Norme di comportamento per tutto il personale in caso di Emergenza: Tutto

Dettagli

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas)

ALLEGATO 4. (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) ALLEGATO 4 NORME GENERALI DA SEGUIRE IN CASO DI EMERGENZA (Incendio, terremoto, alluvione e allagamenti, trombe d aria, attentato terroristico, allarme bomba, fuga di gas) DESTINATARIO: VISITATORI, PERSONALE

Dettagli

Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico

Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico Comune di Ventimiglia Provincia di Imperia UFFICIO PROTEZIONE CIVILE D.G.R. n. 746 del 9 luglio 2007 Misure di autoprotezione per la popolazione per Rischio Idrogeologico In occasione della dichiarazione

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi

NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO Da affiggere nelle aule e nei corridoi NORME DI COMPORTAMENTO I - NORME DI COMPORTAMENTO Di Carattere Generale Al fine di tutelare la sicurezza e la salute di tutti; gli operatori

Dettagli

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti;

4) Controllare che gli allievi apri fila e serra fila eseguano correttamente i compiti; COMPITI DEGLI APRI-FILA E CHIUDI-FILA - Ogni aprifila, in caso di emergenza, ha il compito di aprire le porte e guidare i compagni verso le zone di raccolta; - I serra-fila hanno il compito di assistere

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE

COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE per una cultura della sicurezza _ COME COMPORTARSI IN CASO DI ALLUVIONE MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE Sapere se la zona in cui si vive, si svolge l attività lavorativa o si soggiorna, è

Dettagli

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio.

Chiedi la Scheda di informazione alla popolazione al Sindaco del tuo Comune o alla Prefettura competente per territorio. Per Rischio Industriale si intende la possibilità che in seguito ad un incidente rilevante presso un insediamento industriale si sviluppi un incendio, un esplosione o una nube tossica, coinvolgente una

Dettagli

Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione

Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione Comune di Caldogno - Piano di Protezione Civile Rischio idraulico Procedure di emergenza e norme di autoprotezione Dott. Stefano Guderzo Dicembre 2011 Prevenzione del rischio idraulico ATTIVITA STRUTTURALI

Dettagli

CONOSCERE IL TERREMOTO. PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011

CONOSCERE IL TERREMOTO. PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011 CONOSCERE IL TERREMOTO PROGETTO SICUREZZA a.s. 2010-2011 CONOSCERE IL TERREMOTO 1 CHE COS È IL TERREMOTO E QUANDO SI VERIFICA? Il terremoto o sisma è un fenomeno naturale. È un improvviso e rapido scuotimento

Dettagli

Norme comportamentali per emergenze

Norme comportamentali per emergenze Norme comportamentali per emergenze www.protezionecivilecomunale.fermo.it COS E LA PROTEZIONE CIVILE? E un sistema composto da Istituzioni e Strutture Operative che concorrono, in base alle rispettive

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1

CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO. S.O.C. Prevenzione Protezione 1 CORSO DI FORMAZIONE PIANO D EMERGENZA INTERNA E SICUREZZA ANTINCENDIO S.O.C. Prevenzione Protezione 1 DESTINATARIO TUTTO IL PERSONALE DELL AZIENDA OSPEDALIERA SS ANTONIO E BIAGIO E C. ARRIGO S.O.C. Prevenzione

Dettagli

Incendi in Montagna. (Tratto dal "Corpo Forestale dello Stato")

Incendi in Montagna. (Tratto dal Corpo Forestale dello Stato) Incendi in Montagna "Gli incendi boschivi sono sempre insidiosi e basta un repentino cambiamento della direzione del vento per creare una trappola mortale anche per coloro che sono stati addestrati espressamente

Dettagli

Capitolo 5 INFORMAZIONE

Capitolo 5 INFORMAZIONE Comunità Collinare Alto Astigiano Piano di Protezione Civile Intercomunale Aggiornamento 2011 Capitolo 5 INFORMAZIONE INDICE PARTE 5 INFORMAZIONE... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 La Comunicazione durante la

Dettagli

Comune di Valsamoggia. (Provincia di Bologna) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Valsamoggia. (Provincia di Bologna) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Provincia di Bologna) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Redazione: Unione dei Comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia Servizio Associato di Protezione Civile geom. Stefano Cremonini geol. Paola Montaguti

Dettagli

MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE

MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE MISURE DI AUTOPROTEZIONE IN CASO DI ALLUVIONE Le misure di autoprotezione indicano i comportamenti corretti da attuare in caso di emergenza. Sapere se la zona in cui si vive, si svolge l attività lavorativa

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO

PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO IIS Leonardo da Vinci, Via Alcide de Gasperi, 1 20841 Carate Brianza Tel: 0362903597 - Fax: 0362903684 http://www.iticarate.gov.it email icarate@iticarate.it PIANO DI EMERGENZA PROCEDURE DA ADOTTARE PER

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA ALLEGATO N. 6 -TUTTI NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO IN CASO DI EMERGENZA - MANTENERE LA CALMA E, PER QUANTO POSSIBILE, NON FARSI PRENDERE DAL PANICO; - RISPETTARE LE DISPOSIZIONI IMPARTITE DAGLI ADDETTI

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA )

MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA ) COMUNE di ROVITO ( prov. di COSENZA ) MANUALE DI PROTEZIONE CIVILE ( NORME DI COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA ) COMPORTAMENTO IN CASO DI SISMA a) Se durante il terremoto si è in casa. COSA FARE? E necessario

Dettagli

Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile. 6 dicembre 2011

Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile. 6 dicembre 2011 Sistema di allertamento per il rischio idraulico e idrogeologico ai fini di protezione civile Prefettura di Taranto 6 dicembre 2011 DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO 27 febbraio 2004 (G.U. 11-3-2004

Dettagli

Istituto Comprensivo Gherardi

Istituto Comprensivo Gherardi Informazione sulla sicurezza nella scuola Istituto Comprensivo Gherardi Via Taroni, 4-48022 Lugo (RA) Tel. 0545/22112 - Fax 0545/25674 PROCEDURE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI EMERGENZA (per tutto il personale

Dettagli

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO

COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO COME COMPORTARSI DURANTE UN TERREMOTO LINEA GUIDA REDATTA DAI TECNICI DI NORSAQ PER LE SCUOLE DEL COMUNE DI MODENA Pagina 1 di 9 PRIMA DEL TERREMOTO: cosa fare in prevenzione? L EDIFICIO SCOLASTICO: Fondamentale,

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI EMERGENZA

COME COMPORTARSI IN CASO DI EMERGENZA COSA PUOI E DEVI FARE 1. Proteggi te stesso 2. Dai l'allarme 3. Aiuta chi è più debole a mettersi in salvo 4. Soccorri (se puoi) Una borsa dell'emergenza da utilizzare in caso di catastrofe è un elemento

Dettagli

PROT E Z I O N E C I V I L E I N FA M I G L I A

PROT E Z I O N E C I V I L E I N FA M I G L I A PROT E Z I O N E C I V I L E I N FA M I G L I A Nuovo numero per le emergenze Il nuovo numero è il 112, fino ad oggi, in Italia, riferimento diretto dei Carabinieri, ha sostituito i vecchi numeri di emergenza

Dettagli

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE Il comportamento corretto e prudente di ognuno è la migliore forma di prevenzione contro gli infortuni. QUINDI: Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc..

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine

ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine ISTITUTO COMPRENSIVO ENRICO FERMI MONTODINE (CR) Via Dante Alighieri, 9 26010 Montodine I.C. "E. FERMI" Via Dante Alighieri, 9-26010 MONTODINE (CR) tel. 0373 242433 fax 0373 668217 - e mail: montodine_scuola@libero.it

Dettagli

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE.

PROCEDURE DI EVACUAZIONE MANTENERE LA CALMA, NON SPINGERSI, NON CORRERE, NON URLARE. SCUOLA MEDIA STATALE Rosa Bianca SALUZZO Via C. Segre 14-12037 SALUZZO 0175 211427/428/429 Area Personale 0175 211430 Area Alunni 0175 211432 0175 211431 - Capo Segreteria Fax 0175 211437 SEZIONE STACCATA

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini"

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale Giuseppe Parini Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto d Istruzione Superiore Statale "Giuseppe Parini" Sede : Via Badoni, 2-23900 LECCO - Tel. (0341) 362430 / 362460 -Fax (0341) 365101 Cod.fisc.

Dettagli

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO

PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO PROCEDURA DI EMERGENZA IN CASO DI TERREMOTO IL TERREMOTO I terremoti non danno alcun preavviso e avvertimento e, anche dopo una prima scossa, non si può sapere se ve ne saranno altre e di quale entità.

Dettagli

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO

NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO NORME GENERALI DI EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO E DI TERREMOTO In caso di Incendio Chi rileva o viene a conoscenza di un qualsiasi principio d incendio dovrà immediatamente avvertire il personale scolastico

Dettagli

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI

Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013 CHIAMATA DEI SOCCORSI CHIAMATA DEI SOCCORSI Telefono Dirigenza scolastica: 091 6143265 Telefono plesso di via De Gasperi 091 490249 Telefono plesso di via Tomasi di Lampedusa 091 6142456 Piano di evacuazione di Istituto A.S.2012/2013

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER EVACUAZIONE DAI PLESSI IN CASO DI INCENDIO.

PROCEDURE OPERATIVE PER EVACUAZIONE DAI PLESSI IN CASO DI INCENDIO. PROCEDURE OPERATIVE PER EVACUAZIONE DAI PLESSI IN CASO DI INCENDIO. OPUSCOLO N.03 AL RILIEVO DI UN INCENDIO VENGONO EMESSI SUONI MULTIPLI CONSEGUENTEMENTE I PRESENTI NEL PLESSO SCOLASTICO DEVONO: MANTENERE

Dettagli

Le norme di comportamento per la popolazione

Le norme di comportamento per la popolazione Le norme di comportamento per la popolazione Norme di comportamento per la popolazione Si illustrano, nel seguito, le norme di comportamento generali da attuare in situazione di emergenza, a prescindere

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

Prepariamoci, Sydney

Prepariamoci, Sydney Prepariamoci, Sydney Come prepararci per un emergenza nella City di Sydney. Informazioni essenziali per residenti, lavoratori e visitatori. 1 Formulare un piano d emergenza personale La presente guida

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe)

PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) PIANO DI EVACUAZIONE I.C. ALBERTELLI - NEWTON (da esporre nelle aule e da inserire nella busta di plastica nel registro di classe) ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO Valide per studenti,

Dettagli

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna

Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Forestale dello Stato Comando Regionale dell Emilia-Romagna Agenzia Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna Corpo Nazionale dei Vigili Del Fuoco Direzione Regionale dell Emilia-Romagna Cos

Dettagli

guida casa genertel prevenzione e protezione a 360

guida casa genertel prevenzione e protezione a 360 guida casa genertel prevenzione e protezione a 360 Questa semplice guida è stata pensata per esserti d aiuto e per fornirti utili informazioni e suggerimenti qualora ti dovessi trovare in una situazione

Dettagli

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti

Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti prot. n. 6329/D9 Foggia 10/10/2015 Ai docenti Al DSGA Al personale ATA Al sito web Atti Circolare n.17 a.s. 2015-16 Oggetto: D.L.vo 81/2008 prove evacuazione In relazione all oggetto, a quanto previsto

Dettagli

Corso di Formazione studenti 2013/2014. A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano

Corso di Formazione studenti 2013/2014. A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano A cura del R.S.P.P. Ing. Domenico Catalano Chi deve conoscere la sicurezza? Perché è importante essere informati? Personale Docente Personale A.T.A. Alunni Famiglie degli alunni Personale esterno Per non

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA

Istituto Comprensivo Statale G. Galilei SCUOLA SICURA SCUOLA SICURA a.s. 2014-2015 Non correre Non spingere i compagni Non mangiare o bere: potresti distrarti, inoltre le briciole ti faranno scivolare Guarda bene i gradini nel salire e nello scendere Non

Dettagli

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO

I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO I POSSIBILI PERICOLI NELL'AMBIENTE SCOLASTICO Finestre, pavimenti, porte, termosifoni, costituiscono il rischio maggiore all interno della classe. Le ante delle finestre in particolare causano un infinità

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN LA SICUREZZA SUL LAVORO La sicurezza nei luoghi di lavoro è governata dal D.Lgs. 81/2008 chiamato anche Testo Unico per la Sicurezza. La scuola è un

Dettagli

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE

PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE PER TUTTI GLI UTENTI DELLA SEDE DI VIA CREMONA, 99-BS NORME COMPORTAMENTALI DEGLI UTENTI CONOSCERE E GESTIRE LE EMERGENZE Scopo di queste note è fornire succinte e chiare indicazioni sul comportamento

Dettagli

Se vivi in un appartamento multiunità e multilivello o in un condominio...

Se vivi in un appartamento multiunità e multilivello o in un condominio... Se vivi in un appartamento multiunità e multilivello o in un condominio... È importante che tu sappia cosa fare in caso di incendio Questa brochure ti fornisce linee guida generali sulle procedure di emergenza.

Dettagli

SAPER AFFRONTARE LE EMERGENZE:

SAPER AFFRONTARE LE EMERGENZE: SAPER AFFRONTARE LE EMERGENZE: quello che bisogna sapere, quello che bisogna fare.... 21 Piccole e grandi emergenze non devono essere considerate, purtroppo, eventi straordinari ma situazioni in cui si

Dettagli

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA

PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA Consiglio Nazionale delle Ricerche Ufficio Prevenzione e Protezione Puglia e Basilicata PREVENZIONE DELLE EMERGENZE E PROCEDURE DI EMERGENZA In base all art. 18, comma 1, lettere h) e t) del D. Lgs. 81/2008

Dettagli

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO

PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO La persona che individua l incendio deve : 1) avvertire il collega più vicino rintracciabile 2) fare una prima stima dell incendio e decidere di: A) reperire l estintore più

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE FASI

PIANO DI EVACUAZIONE FASI PIANO DI EVACUAZIONE Lo scopo principale del piano di evacuazione è quello di attivare comportamenti corretti di autodifesa singoli e collettivi in caso di emergenza a scuola e nel territorio, contribuendo

Dettagli

TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI. CM 62476D Edizione fuori commercio

TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI. CM 62476D Edizione fuori commercio TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI CM 62476D Edizione fuori commercio TUTTO SOTTO CONTROLLO! IL PIANO DI EMERGENZA esterno SPIEGATO AI BAMBINI Progettazione editoriale:

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SECONDARIA DI 1 GRADO A. BERTOLA C.T.P. EDA-NORD RIMINI PROGETTO SCUOLA SICURA ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Modalità d attuazione del piano di evacuazione In molte situazioni di

Dettagli

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione

Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria Lambruschini  Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15. Piano di Evacuazione Istituto Comprensivo Darsena Scuola Primaria "Lambruschini " Via Cavallotti, 167 - Viareggio (LU) - Anno scolastico 2014/15 Piano di Evacuazione Impariamo a difenderci dai rischi *** *** Linee guida per

Dettagli

IL PERICOLO CHE COSA È? COME ESTINGUERLO?

IL PERICOLO CHE COSA È? COME ESTINGUERLO? CHE COSA È? Un incendio boschivo può essere definito " un fuoco che tende ad espandersi su aree boscate, cespugliate oppure su terreni coltivati o incolti e pascoli limitrofi a dette aree". Perché un incendio

Dettagli

6. Che cosa indica questo pannello? a) un eventuale pericolo b) una via di evacuazione c) del materiale antincendio d) la direzione dei bagni

6. Che cosa indica questo pannello? a) un eventuale pericolo b) una via di evacuazione c) del materiale antincendio d) la direzione dei bagni 1. Il permesso di lavoro è un documento: a) che deve favorire la consultazione tra tutte le parti che hanno a che fare con il lavoro b) in cui sono stipolate le condizioni del lavoro c) che dà il permesso

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA

INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA Scopo e campo di applicazione INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA NELLA SCUOLA La presente procedura ha lo scopo di informare tutto il personale interno ed esterno all Amministrazione nonché gli allievi, i genitori

Dettagli

CONSIGLI E SUGGERIMENTI COME AFFRONTARE IN SICUREZZA UNA EMERGENZA CORSO SICUREZZA 2014-2015 A CURA DI A. POZZI

CONSIGLI E SUGGERIMENTI COME AFFRONTARE IN SICUREZZA UNA EMERGENZA CORSO SICUREZZA 2014-2015 A CURA DI A. POZZI CONSIGLI E SUGGERIMENTI COME AFFRONTARE IN SICUREZZA UNA EMERGENZA CORSO SICUREZZA 2014-2015 A CURA DI A. POZZI 1 Èuna situazione, un fatto o una circostanza imprevista di pericolo che costringe quanti

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

PIANO COMUNALE AREE DI EMERGENZA

PIANO COMUNALE AREE DI EMERGENZA Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia Comune di Gemona del Friuli Squadra Comunale Volontari P.C. e A.I.B. di Gemona del Friuli PIANO COMUNALE AREE DI EMERGENZA anch io sono la protezione civile:

Dettagli

INFORMAZIONE PROPEDEUTICA

INFORMAZIONE PROPEDEUTICA INFORMAZIONE PROPEDEUTICA Il Comune di Modena è dotato di un Servizio di Protezione Civile che si trova in via Santi, 40 e fa capo al Settore Ambiente e Protezione Civile Servizio Risorse, Territorio e

Dettagli

QUESTIONARIO SICUREZZA

QUESTIONARIO SICUREZZA QUESTIONARIO SICUREZZA 1. Quale figura del D.Lgs. 81/08 ha l obbligo di osservare le misure generali per la sicurezza e la salute dei lavoratori? A. Il Datore di Lavoro B. Il lavoratore C. Il Rappresentante

Dettagli

Via E. De Amicis n 50-71100. Codice meccanografico FGIC86000Q Codice fiscale 94090770713 SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ALUNNI INDICE

Via E. De Amicis n 50-71100. Codice meccanografico FGIC86000Q Codice fiscale 94090770713 SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ALUNNI INDICE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo di Scuola Dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado E. De Amicis - S. Altamura Via E. De Amicis n 50-71100 F O G G

Dettagli

RICHIESTA DI PRENOTAZIONE VISITA

RICHIESTA DI PRENOTAZIONE VISITA RICHIESTA DI PRENOTAZIONE VISITA (da inviare via fax a: 0423 871047) Al responsabile delle attività didattiche della Fattoria Didattica Nino il contadino Sig. Osellame Marco Nome della Scuola/Istituzione

Dettagli

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può

L INCENDIO. In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può L INCENDIO Che cos è un incendio? In questa sezione i mparerai a conoscere il FUOCO, un fenomeno utile ma che può essere dannoso per le piante e per gli animali e pericoloso per tutti gli esseri viventi

Dettagli

In queste pagine puoi trovare informazioni utili per affrontare emergenze di varia natura, per proteggere le persone e per salvaguardare le cose.

In queste pagine puoi trovare informazioni utili per affrontare emergenze di varia natura, per proteggere le persone e per salvaguardare le cose. In queste pagine puoi trovare informazioni utili per affrontare emergenze di varia natura, per proteggere le persone e per salvaguardare le cose. 3 I NUMERI DELL EMERGENZA Se chiami un numero di emergenza

Dettagli

IC. B. LORENZI FUMANE SCUOLA DELL INFANZIA IL BOSCO INCANTATO DI SANT ANNA D ALFAEDO PROGETTO SICUREZZA

IC. B. LORENZI FUMANE SCUOLA DELL INFANZIA IL BOSCO INCANTATO DI SANT ANNA D ALFAEDO PROGETTO SICUREZZA IC. B. LORENZI FUMANE SCUOLA DELL INFANZIA IL BOSCO INCANTATO DI SANT ANNA D ALFAEDO PROGETTO SICUREZZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MOTIVAZIONE: Le attività che andremo a proporre hanno lo scopo di far maturare

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO

LIBERA UNIVERSITA MARIA Ss. ASSUNTA MANUALE PER STUDENTI PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO PROCEDURE DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE SOMMARIO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE - INCENDIO 2. EMERGENZA SANITARIA 3. ALLAGAMENTO 4. TERREMOTO 1. PROCEDURE DI EVACUAZIONE (per qualsiasi tipo di emergenza, come

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

del Liceo G. Zanella

del Liceo G. Zanella del Liceo G. Zanella Ti è mai capitato di parlare dei comportamenti da adottare in caso di incendio nella tua scuola? Cosa faresti e come ti comporteresti se nella tua scuola scoppiasse un incendio? Prima

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle sale del Centro Teatro

Regolamento per l utilizzo delle sale del Centro Teatro Regolamento per l utilizzo delle sale del Centro Teatro Art. 1 Oggetto Il presente Regolamento ha per oggetto la disciplina di criteri e modalità per l utilizzo in uso delle sale del Centro Teatro di proprietà

Dettagli