PREMESSA Le ore opzionali di quest anno scolastico sono state dedicate ai laboratori di scrittura creativa... ALLEGRA MENTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PREMESSA Le ore opzionali di quest anno scolastico sono state dedicate ai laboratori di scrittura creativa... ALLEGRA MENTE"

Transcript

1 PREMESSA Le ore opzionali di quest anno scolastico sono state dedicate ai laboratori di scrittura creativa... ALLEGRA MENTE Abbiamo scritto il DIARIO GIORNALIERO delle attività scolastiche. Ogni giorno uno di noi doveva relazionare su quanto seguito ed eseguito in classe. Abbiamo pubblicato tre numeri del trimestrale IL GIORNALINO DI TERZA n 1 settembre novembre; n 2 dicembre febbraio n 3 marzo maggio. Abbiamo inventato storie, miti, poesie, favole. Le storie sugli oggetti, accompagnate dai disegni relativi, hanno formato questo libricino: UN OGGETTO RACCONTA. UN PAIO DI SCARPE Ciao! Siamo le scarpe di Pietro e siamo bianche con le strisce nere, molto grosse. Ogni giorno ci consuma giocando a calcio e poi ci buca e diventiamo sempre più strette per lui. Che tristezza! Un giorno Pietro andò a comprare delle scarpe nuove e noi rimanemmo tutte sole nello sgabuzzino. Quando Pietro è ritornato ci siamo sentite più allegre, ma ci ha buttate nella spazzatura. Poi però qualcuno ci ha ripescato e ci hanno messe in vetrina. Quando Pietro è passato davanti al negozio ci ha comprato perché ci hanno sistemate e siamo ritornate con lui. Che bello! Adesso non ci usa più come prima così dureremo a lungo e lui ci terrà un po di più. Sapete che fine ha fatto l altro paio? Le ha buttate perché gli davano fastidio. Ecco perché ha ripreso noi. Ci piace quando ci pulisce perché vuol dire che ci vuole bene. È bellissimo stare con Pietro perché lui è bravissimo! Noi non sappiamo come parlare perché siamo emozionate. Oggi è il compleanno di Pietro e si continua a muovere e noi siamo felici per lui che si diverte. Per questa occasione di festa è arrivato un suo amico e le sue scarpe sono le nostre migliori amiche. Abbiamo giocato tanto con loro. Adesso, invece, siamo stanchissime infatti ci stiamo riposando qui con i nostri padroncini. Ciao! Ciao! Che bello stare con Pietro! LA CALDAIA Ciao! Sono una caldaia a legna, mi chiamo Patti 1 ; sono una stufetta piccola, arancione, con le ruote. I miei padroni mi trattano male, non mi puliscono mai, quindi sono piena di cenere e tutta sporca di carbone sulle pareti. Ho anche stalattiti di carbone, potrei aprire un museo archeologico. Un giorno non mi hanno pulito, allora ho dato fuoco al camino, così me ne hanno dato uno brutto in metallo. Io allora mi sono arrabbiata e ho pensato di fargli degli scherzi. Quando fa freddo, per esempio, mi spengo; la casa diventa gelida, ma io sono calda perché tengo una piccola fiammella accesa e così sono al caldo. Invece in estate accendo la caldaia a 100 così muoiono di caldo, spalancano le finestre, così si ammalano; almeno imparano a non pulirmi. Adesso hanno deciso di rottamarmi perché non funziono bene. No! No! Per fortuna! Adesso funziono bene e mi puliscono, così non mi rottamano, sono contenta perché sono tutta pulita. 1 Il nome era un altro, ma per non fare pubblicità abbiamo pensato di cambiarlo un po. 1

2 Quando mi svuotano la cenere la mettono nell orto, almeno le lumache non mangiano le mie amiche piantine che mi ringraziano molto e in estate mi danno legna per l inverno. I pomodori sono miei cari amici e anche le zucchine, i piselli, i fagioli e i cetrioli. Gioco con loro anche a nascondino e mi diverto tanto, certe volte prendo qualche piantina e la nascondo dentro di me almeno poi andranno a liberarmi. Quando quello che conta va a cercare gli altri io, infatti, li faccio uscire e si liberano. LA BAMBOLA Ciao, io sono una bambola, ho quattro anni e mi chiamo Giulia. La mia padrona non ha mai tempo di darmi le cose, poi deve andare a scuola e con me gioca poco, però a volte vivo delle avventure con due femmine e un maschio che si chiamano: Arcobalina, Stella e Cicciottello. Siamo avventurosi e poi noi femmine siamo così forti che battiamo ogni cosa. E Cicciottello? Lui prende i tesori. Oh! Mi sono dimenticata di dire che sono nata nel 2004, nel mese di maggio il 29 maggio. Sapete una cosa? Quando la mia padrona farà una dimostrazione di ginnastica io non ci sarò, non mi porterà con sé, ma lei mi racconterà tutto del saggio. Volete sapere ancora una cosa? Elena, la mia padrona quando farà il saggio mangerà lì, in palestra. E noi? Noi a casa. Ad aspettarla. 2 IL PALLONE Che brutto è stare qui in questo negozio. Ho solo il mio amico manichino con cui parlare. Spero che qualcuno mi venga a comprare. Guarda, un bambino mi sta osservando! Dai vieni dentro e comprami! Chiudo gli occhi e spero fortemente che venga dentro. Oh no, se n è andato! Che sfortuna! Adesso chiuderanno il negozio e per oggi... resterò qua. Il giorno dopo Oh! Che bella giornata è questa! Spero che qualcuno mi compri! Ehi, manichino! Quella signora con suo figlio viene da noi? «Non so, ma forse sì!» Eccola, si dirige verso l entrata, ecco! È entrata! «Zitto pallone, se no non ti compra!» «Guarda, sta chiedendo alla commessa se ci sono dei palloni. Dai che mi compra!» Eccola, si dirige verso di me con la commessa. «Addio manichino!» La commessa mi ha preso. Mi ha dato in mano alla signora. Che mani soffici! «Andiamo a pagarlo» ha esclamato la signora. Vero che è fortuna? Eccoci in macchina, almeno qui si vede fuori dal finestrino! Oh, come sono felice che mi hanno comprato! Eccoci arrivati a casa, che bello! Si va a giocare! Il bambino mi ha preso e siamo andati a giocare; ho saltato di qua e di là e poi mi sono stancato e il bambino è andato in casa e mi ha lasciato lì sull erba. Era soffice l erba. Ad un certo punto un nuvolone ha coperto il sole e sono venuti giù dei goccioloni! «Oh, povero me mi lasceranno qui da solo!» No, no, sta arrivando il bambino. Mi viene a prendere. Mi ha portato nel lavatoio e mi ha pulito per bene. Dopo ha giocato con me ed io mi annoiavo perché mi faceva rotolare di qua e di là e mi veniva mal di testa. Dopo tanti giorni sempre uguali, solo di mal di testa, mi sgonfiai e il bambino mi portò in soffitta e lì rimasi con tanti palloni come me, tutti sgonfiati solo per il mal di testa e mi divertii con loro!

3 IL QUADERNO Io sono un quaderno mi hanno comprato in un negozio con un astuccio; mi hanno scritto tante pagine e mi hanno bucato. Mi hanno messo in uno zaino ed io mi annoiavo da morire! Lì dentro c erano un astuccio, un album e tante altre cose. Si stava proprio stretti. Mi staccavano i fogli. Insomma, non è che fossi tanto contento di quella vita. Ero finito, avevo tutte le pagine scritte e allora? Mi hanno messo in un Cartesio con tante altre carte. Poi mi hanno riciclato e mi hanno messo, in un negozio, per vendermi. All inizio non mi prendeva nessuno. Io pensavo che non mi avrebbe mai preso nessuno, ma finalmente un bambino si affacciò e mi prese. C era sua sorella piccola che mi pasticciava tutto! Mi stropicciava e anche lei mi strappava le pagine. Mi hanno messo ancora a riciclare! Alleluia! Sapete cosa sono diventato? Un giornale! LA LAMPADINA Ciao! Sono una lampadina e mi chiamo Romana 2. Mi hanno appena comprato ed io mi diverto moltissimo a fare gli scherzi ai miei padroni: mi accendo e mi spengo quando non devo farlo. Sono verde, rossa e anche blu. Tutti quelli che entrano in casa dei miei padroni dicono che sono bella! Ma Quando i miei padroni e i loro amici stanno facendo qualcosa, mi spengo e gli faccio uno scherzetto. Il mio padrone si arrabbia e mi deve riaccendere. Quando mi si scaricano le batterie mi rimettono le pile tutte nuove, ma a volte le mettono nel modo sbagliato. Quando i miei padroni vanno via io gioco! Mi dondolo sul pavimento, gioco con i miei amici, insomma mi diverto! Ciao ciao da Romana la lampadina. P.S.: quando gioco, lo faccio sempre con i miei amici, ma quando non mi fanno giocare (come per esempio prima, quando mi hanno chiesto di fare luce) io gli do una lezione e mi spengo, così sono costretti a farmi giocare. Ciao! IL CELLULARE NOKIO 3 Ciao! Sono il cellulare Nokio di Luca e siamo al negozio di cellulari per prendermi la mia prima TAM 4 così lui potrà chiamare i suoi amici. Prima io ero il cellulare del papà di Luca; che noia! Adesso invece sono di Luca, quanta allegria. La sfortuna però è che chiama sempre i suoi amici e le mie pile sono sempre scariche. Beh, è ora di andare a dormire e Luca mi sta per spegnere, ma sono sicuro che domani mattina sarò carico per chiamare i suoi amici. Che sfortuna! Mi scaricherò di nuovo. Il giorno dopo Che cosa succede? Che sonno! Voglio dormire ancora! Luca invece oggi si è svegliato presto e io sono ancora 2 Il nome era un altro, ma per non fare pubblicità abbiamo pensato di cambiarlo un po. 3 Il nome era un altro, ma per non fare pubblicità abbiamo pensato di cambiarlo un po. 4 Il nome era un altro, ma per non fare pubblicità abbiamo pensato di cambiarlo un po. 3

4 stanco, non sono ancora completamente carico! Pazienza! Ore 16: siamo in macchina e stiamo andando a vedere una mostra, ma Luca mi deve mettere sotto carica perché io sono scarico. Oh! Finalmente mi hanno messo in carica e stiamo andando a casa. Luca adesso si metterà a chiamare di nuovo i suoi amici. Povero me! Che sfortuna! UN PALO DELLA LUCE Mi presento sono un palo della luce e ogni sera mi tocca illuminare la strada se no le automobili possono avere degli incidenti. Così devo stare sveglio tutta la notte! Meno male che almeno di giorno posso dormire e non stare sveglio, ma la cosa più brutta è che devo stare immobile. Qualche volta alcune auto mi svegliano di soprassalto perché mi vengono addosso e mi fanno tanto male però poi gli addetti del Comune mi aggiustano. Con ogni clima io sto fermo e impalato sulla strada se no non mi chiamerei palo. Anche quando piove sto sulla strada, ma non mi arrugginisco perché sono verniciato con una vernice speciale. LA CAMPANELLA Mi presento sono una campanella e tutti i giorni devo suonare e stare sveglia. Se invece dormo e non suono gli alunni come fanno a sapere che è ora di andare a casa? Beh, se io non ci fossi i bambini sarebbero tristi, ma per fortuna ci sono io che suono e non dormo. Pensate che io ho le orecchie e ogni giorno ho mal di testa perché quando suono i bambini urlano di gioia e io sono felice anche se ho mal di testa. 4 LA GOMMA Mi presento: sono la gomma. Certo, io parlo! Io mi annoio in questo astuccio perché sono tutta stretta, però a volte mi consumo per cancellare la matita mia amica. Io adesso sto facendo una passeggiata nella classe perché i bambini sono andati in cortile a giocare e io non sapevo cosa fare. Se matita fosse venuta con me, ma aveva troppa paura di scendere dal banco e allora sono qui a passeggiare da sola nel corridoio e non sto facendo niente. Ad un tratto ecco arrivare tutti i bambini della mia classe che sarebbero i compagni del mio padrone. Eccolo qua il mio padrone: ahi, ahi, ahi, ahi, ahi, ahi, ahi, oh che male! È la prima volta che il mio padrone mi schiaccia con le sue puzzolenti scarpe e mi lancia come fossi uno straccio che asciuga il pavimento. Oh no, sono chiuso fuori. Adesso per colpa mia il mio padrone si prenderà una crocetta, o al mio posto comprerà un altra gomma. Oh che noia! Adesso cosa faccio? Ecco arriverà l altra maestra ed io correrò e così mi metterò vicino alla porta. Ecco sono dentro! Adesso vado sotto al banco e saluto i miei compagni e racconto la mia avventura. La matita mi dice che era molto preoccupata per me e allora mi dice: «Ti sei fatta male o ti sei graffiata?»

5 Ed io le rispondo: «No, ma tu ti sei preoccupata per me anche se non mi sono fatta niente?» «Ah, per fortuna!» Gli altri amici parlavano in continuazione. Allora matita se ne andò ed io, la gomma, non la trovavo più. Allora anch io me ne andai. Sapete dove? «Nell astuccio!» Avete indovinato. E lì ritrovai anche la mia carissima amica matita. Finalmente felici e tranquille ci riposammo nell astuccio. IL CELLULARE Ciao, io sono il nuovissimo cellulare di Mattia e mi chiamo Somsung 5. Mi piace molto Mattia. Sapete, mi chiamano sempre e allora in qualsiasi momento squillo; pensate, anche quando si sta facendo la doccia. Il suo vecchio Nokio 6 l ha già quasi dimenticato, lo usa solo quando è al lavoro. Altrimenti usa me. Il Nokio lo sfrutta fin quando funzionerà. Oggi Mattia è proprio stanco; ha anche un po mal di schiena. Ci credo! Ha 32 anni. Pensate un po : ora Mattia sta facendo la spesa e io cercherò di non squillare altrimenti poi si dimentica cosa deve prendere. Vi saluto. A stasera perché ora devo andare a riposare (Mattia mi sta spegnendo perché ha un impegno importante ed io non devo suonare, se no lo disturbo). Poco dopo Ciao! Rieccomi qui! Ora Mattia è sul divano con suo figlio e guardano un film intitolato La storia dell umanità. A me fanno paura le tigri dai denti a sciabola, ma vicino a loro sono tranquillo. Ciao, ciao da Somsung LA TV Ciao! Mi presento: sono la TV! Sono grande e della marca Sany 7 ; mi hanno comprata all Eni uro 8 e sono stata tanto felice perché ero l ultima TV. Ma poi Ah, la mia sì che è una brutta vita. Quando mi accendono guardano tanti programmi, dai cartoni ai film. Poi quando vanno a scuola, o a dormire, indovinate: mi lasciano sempre accesa perché, o si dimenticano, oppure non hanno voglia di spegnermi. Meno male che c è mamma Serena che sgrida i suoi bambini e dice loro: «Su, andate subito a spegnere la TV!» Sbuffando un po loro mi spengono e io dormo in pace. Ciao, ciao, la vostra cara TeleVisione. 5 Il nome era un altro, ma per non fare pubblicità abbiamo pensato di cambiarlo un po. 6 Il nome era un altro, ma per non fare pubblicità abbiamo pensato di cambiarlo un po. 7 Il nome era un altro, ma per non fare pubblicità abbiamo pensato di cambiarlo un po. 8 Il nome era un altro, ma per non fare pubblicità abbiamo pensato di cambiarlo un po. 5

6 LA PENTOLA Ciao, sono la pentola AMIC 9 e di colore sono arancione. Vivo in una cucina e la mattina presto mi prendono e mi mettono sul fuoco. Andare sopra al fuoco a cuocere il cibo non è una bella cosa perché mi scotto la pancia e dal dolore svengo quasi sempre. Dopo, al pomeriggio, mi mettono in una vasca di ferro con una cascata bollente che a me piace tantissimo. Nel frattempo vedo che mettono anche la caffettiera Luisa, la bottiglia Marta, i cugini Bicchieri, il piatto Luigi, il tovagliolo Policapo 10 e il coltello Franco. Dopo ci mettono nello scolapiatti ed è lì che passiamo la notte. Un mattino un signore mi prese e mi portò in una stanza frigorifera. Mi mise all interno dieci pesci raffreddati; a quel punto avevo bisogno di tornare sul fuoco a 900. Poi il cuoco mi ha riportato sul gas a cuocere ed io dissi: «Il mio desiderio si è avverato.» Che bello! Come sto bene! Oh, no! Oh, no! Meglio che urli: «Ora sc sc SCOOOTTA trooooppoooo!» Per fortuna il cuoco mi ha tolto dal fuoco, ha tolto i pesci e li ha messi in un piatto da portata. Credevo risciacquasse con l acqua fredda e invece via. Sotto l acqua calda, anzi bollente! Mi ha messo direttamente dentro il mobile e perciò ho ancora il bruciore così grido: «Mettetemi nella vasca di ferroooo!» È stata una giornata varia: scottante, tranquillizzante, fredda e infine riscaldante! IL DENTINO Ciao, io sono il dente Carlin Carletto, son simpatico e caretto. Mi piace fare rime e indossare le ballerine. Ora però facciamo i seri! La mia vita è un disastro con apparecchi di un color grigiastro. Uffa! Basta! Sono io, il dente Carlin Carletto e ora non faccio più rime. Mi presento: io sono piccolino e, siccome sono timido, sto più indietro degli altri e allora mi obbligano a venire avanti con un apparecchio. Mi sta simpatico, ma io non voglio lo stesso venire avanti. La mamma mi dice di farmi coraggio, ma io non ci riesco! Due anni dopo Ragazzi! Sono io!! Sono il dente Carlin Carletto. Prima avevo un anno, ora ne ho tre e sono forte, son lucido e grande come tutti gli altri e sono venuto avanti. Non ho più l apparecchio, né cose varie e sono il fratello maggiore perché è nata Carlin Carletta, mia sorella e sentite questa rima che ho pensato per lei. Ciao, io sono la dentina Carlin Carletta son simpatica e caretta. Mi piace fare le rime e indossare le ballerine. 9 Il nome era un altro, ma per non fare pubblicità abbiamo pensato di cambiarlo un po. 10 Il nome era un altro, ma per non fare pubblicità abbiamo pensato di cambiarlo un po. 6

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE)

TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) TEST DI LESSICO EMOTIVO (TLE) di Ilaria Grazzani, Veronica Ornaghi, Francesca Piralli 2009 Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione R. Massa, Università degli Studi di Milano Bicocca Adesso ti

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci

STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci LINEA DEL TEMPO I CAMBIAMENTI NEL FISICO Prima Ora/subito Dopo Data LA GIORNATA NELLA MIA

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Perché affrontare il tema dell inquinamento?

Perché affrontare il tema dell inquinamento? Perché affrontare il tema dell inquinamento? Il problema dell'inquinamento dell'aria a Piacenza è serio e grave. Naturalmente sappiamo che non è grave solo nella nostra città, ma in tutta l Emilia Romagna

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti

Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti Classi terze A e B Scuola Primaria Statale Teresio Olivelli - Sale di Gussago (BS) ISTITUTO COMPRENSIVO DI GUSSAGO Concorso CESAR Cibo sano, cibo per tutti A.S. 2013/2014 Ho sentito che il 20 novembre

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina

IRINA E GIOVANNI. La giornata di Irina IRINA E GIOVANNI La giornata di Irina La mia sveglia suona sempre alle 7.00 del mattino: mi alzo, vado in bagno e mi lavo, mi vesto, faccio colazione e alle 8.00 esco di casa per andare a scuola. Spesso

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay

La storia di Quim....ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay La storia di Quim...ovvero, per sapere qualcosa di più sulla bassa statura... Mònica Peitx Triay Editorial Glosa, S.L. Avinguda de Francesc Cambò, 21 V Piano 08003 Barcellona Telefono: 932 684946 / 932

Dettagli

CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA COMINCIA CON

CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA COMINCIA CON NON SONO TANTO BELLA. HO UN NASO LUNGO E BITORZOLUTO, MA SONO TANTO, TANTO BUONA. CIAO, SONO LA BEFANA. TI VOGLIO RACCONTARE UNA DELLE TANTE STORIE CHE RACCONTANO SU DI ME. E COME TUTTE LE STORIE LA MIA

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista.

Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista. Processo d I integrazione nel gruppo classe di un bambino autistico,raccontato dal suo punto di vista. 1 2 A me non piaceva andare in classe, perché non capivo che cosa si doveva fare: vedevo i bambini

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA

ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 INSEGNANTE: VIALE ELVIRA DOPO LE OSSERVAZIONI FATTE DALLE MAESTRE DURANTE I NOSTRI GIOCHI CON IL MATERIALE DESTRUTTURATO SI SONO FORMATI QUATTRO GRUPPI PER INTERESSE DI GIOCO.

Dettagli

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore

Io l ho risolta. dritte di conciliazione da genitore a genitore Io l ho risolta così dritte di conciliazione da genitore a genitore La fretta e l ansia già di prima mattina Il problema: essere di corsa, e in ritardo, già alle otto di mattina. Sveglia alle 7.30, mezz

Dettagli

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia

UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin. Lettura della storia UNA FORTUNATA CATASTROFE Di Adela Turin Lettura della storia La famiglia Ratti vive in un ripostiglio di una bella casa. In questa famiglia i ruoli sono chiari: il padre va a lavorare ogni mattina e la

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

La nostra scuola: ieri e oggi

La nostra scuola: ieri e oggi Istituto Comprensivo Arbe-Zara Scuola Fabbri V.le Zara 96 Milano Dirigente Dott.GabrieleMarognoli La nostra scuola: ieri e oggi Esperienza didattica di ricerca storica e scientifica svolta da tutte le

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Dai, domanda! 6. Vita romana

Dai, domanda! 6. Vita romana Italiano per Sek I e Sek II Dai, domanda! 6. Vita romana 9:46 minuti Olivia: Edward: Margherita Un vecchio proverbio dice che tutte le strade portano a Roma. E finalmente sono venuto qua, giusto in tempo

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e anche

Dettagli

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI

ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI EURO RUN: IL GIOCO www.nuove-banconote-euro.eu ANNA E ALEX ALLE PRESE CON I FALSARI - 2 - Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato e

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto.

LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. LA DIVERSITÀ Obiettivo: accettare la diversità propria e altrui; considerare la diversità come un valore; comprendere un racconto. Attività: ascolto di un racconto. La bambola diversa Lettura dell insegnante

Dettagli

Attraversando il deserto un cammino di speranza

Attraversando il deserto un cammino di speranza Attraversando il deserto un cammino di speranza Kusi Evans e Albert Kwabena mi colpiscono da subito in una burrascosa giornata di febbraio lungo le rive di un canale che stanno disboscando con la loro

Dettagli

I DIRITTI DEI BAMBINI SOPRA E SOTTO

I DIRITTI DEI BAMBINI SOPRA E SOTTO Questo testo ė l'occasione per riflettere sul fatto che diritti e doveri sono inseparabili: stanno come il sopra e sotto della mano... MINI TESTO PER UNA MINI RAPPRESENTAZIONE TEATRALE. I DIRITTI DEI BAMBINI

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali

Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Q-RAS Questionario di Rilevazione delle Abilità Sociali Autore: Fabio Bocci Insegnamento di Pedagogia Speciale, Università degli Studi Roma Tre 1. Quando l insegnante parla alla classe, di solito io :

Dettagli

TEMPO TEMPO. Oggi la maestra ha chiesto ai bambini e alle bambine di pensare a una frase con la parola tempo. Quante idee diverse!

TEMPO TEMPO. Oggi la maestra ha chiesto ai bambini e alle bambine di pensare a una frase con la parola tempo. Quante idee diverse! TEMPO Oggi la maestra ha chiesto ai bambini e alle bambine di pensare a una frase con la parola tempo. Quante idee diverse! OGGI IL TEMPO È BRUTTO. PER FARE QUESTO DISEGNO HO IMPIEGATO TANTO TEMPO. TANTO

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

Arcangela Mastromarco

Arcangela Mastromarco Autore: Con la collaborazione di: Arcangela Mastromarco Lidia Scarabelli 1 Unità 1 Questa è la mia famiglia. Io mi chiamo Meijiao. Faccio la IV elementare. La mattina mi alzo alle 7.00, mi vesto e faccio

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina

- Siamo lontani - Andremo lontano. - Lontani - Nessuno ci avvicina Voce fuori campo: Nell ora presente,noi siamo forse alla vigilia del giorno nel quale l Austri si butterà sulla Serbia e dall ora l Austria e la Germania gettandosi sui serbi e sui russi è l Europa in

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli