OSSERVATORIO IIASCEPP Settore Intelligence e Geopolitica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO IIASCEPP Settore Intelligence e Geopolitica"

Transcript

1 OSSERVATORIO IIASCEPP Settore Intelligence e Geopolitica PA Negotiator: U.S and British Citizens Are Responsible For Leaking Palestine Papers: Il Capo della negoziazione Palestinese Saeb Erekat dichiara in un intervista alla televisione Al Jazeera, che un cittadino americano che ha lavorato nel U.S Department e un cittadino Inglese, ex M16 e ufficiale EU, sono i responsabili della divulgazione dei quaderni palestinesi. Erekat dichiara che i segreti dei documenti sono stati diffusi dal cittadino U.S Clayton Swisher, attualmente impiegato come reporter per Al Jazeera, ed ex Bodyguard durante l amministrazione americana della Presidenza Clinton. Keller: Assange is Manipulative and Spy Like:Julian Assange fondatore sempre più simile ad un personaggio da Spy-Novel, secondo l editore esecutivo del new York Times è Elusivo, Manipolatore e inafferrabile,così scrive nel libro di prossima uscita, nonostante abbia sempre considerato Assange una fonte uno che si comporta come un fuggitivo, cambiando numeri di telefono, mail e abitazione frequentemente, e al giornale non ha mai chiesto di pagare o firmare nulla, ha sicuramente qualcosa da nascondere più ampia dell origine delle sue fonti. Germany Sentences 2 Libyan Spies: Due cittadini Libici sono stati condannati a Berlino per Spionaggio,come membri dell opposizione Libica, durante il loro soggiorno in Europa dall Agosto 2007 fino al loro arresto a Maggio Cybercrime: Narrowing the gap: I volontari della Shadowserver Foundation addetti al monitoraggio delle linee di traffico internet durante la seconda metà del 2009, riscontrarono nuove tattiche di intrusione da parte dei Waledec, nuovi e potenti trojan dell ultima generazione di intrusione cibernetica. I Waledec sfruttavano i provider DNS per auto registrarsi in siti con nomi che sembravano associati con legittimi provider Blizzard Image Hosting, quindi utilizzando veri indirizzi Blizzard e URL per immettere SPAM che includesse links con domini virus preregistrati. La gestione delle identità e degli accessi: Novell presenta Identity Manager 4, una famiglia unica di soluzioni per la gestione sicura degli accessi e delle identità in ambienti fisici, virtuali e cloud. Identity Manager 4 di Novell è la prima soluzione in grado di garantire uniformità nella gestione delle identità, della sicurezza e della conformità per l intero ecosistema IT dell azienda, offrendo nel cloud lo stesso livello di affidabilità tipico del data center. Clienti e partner possono quindi proteggere al meglio i propri dati riducendo i costi e la complessità relativi alla gestione della conformità. Lo stato di Internet nel terzo trimestre 2010: Akamai Technologies, Inc., ha pubblicato il Rapporto sullo Stato di Internet relativo al terzo trimestre Basato sulle informazioni raccolte dalla rete globale di Akamai per la distribuzione di contenuti digitali e applicazioni in Internet, dotata di oltre server in 71 Paesi, il rapporto di Akamai approfondisce aspetti importanti di Internet, come l adozione della banda larga, la connettività mobile e il traffico legato agli attacchi informatici, oltre a misurare le principali tendenze. WikiLeaks tra i candidati a premio Nobel per la pace: Il sito web WikiLeaks è tra i candidati al premio Nobel per la Pace del Lo ha svelato oggi il politico norvegese che ha lanciato la proposta, il giorno dopo la scadenza del termine per la presentazione delle nomination. Il parlamentare norvegese Snorre Valen ha detto che WikiLeaks "fornisce uno dei contributi più importanti alla libertà d'espressione e trasparenza" del 21esimo secolo. Egypt: Will U.S. And NATO Launch Second Suez Intervention?: Il Generale James Mattis comandante del United States Central Command, le cui aree di responsabilità includono Egitto e i suoi confini occidentali., ha dichiarato che Washington attualmente non ha piani riguardo il rinforzo della presenza navale a largo delle coste di quel paese.

2 INTELLIGENCE, COS E? Di Angelo Jannone 1 Nell Era dell informazione uno dei termini più abusati è Intelligence. Credo che molti di coloro che utilizzano spesso espressioni ad esso legate, in realtà non sappiano esattamente cosa significhi. Allora partiamo da qui: che cos è l intelligence? L intelligence, è innanzitutto un processo, un processo di selezione e/o ricerca, valutazione (o classificazione),confronto, analisi e disseminazione di informazioni a supporto di processi decisionali operativi, tattici o strategici. Si tratta di un processo ciclico, in cui la fase centrale, è rappresentata dal processo di Analisi, consistente nella integrazione dei dati o correlazione (collaction), interpretazione, sviluppo di ipotesi e diffusione per la successiva disseminazione. Si tratta di fatto di una knowledge designed for action, ossia conoscenza finalizzata all azione, ove un accurata impostazione strategica diviene un prerequisito imprescindibile per una efficace fase esecutiva. Ricerca dei dati Valutazione e classificazione Confronto Integrazione dei dati ANAL ISI Deduzioni Interpretazione Conclusioni Previsioni Sviluppo di ipotesi stima Diffusione PROCESSO DI INTELLIGENCE La ciclicità del processo dipende dal fatto che in realtà non possiamo immaginare una netta separazione tra queste fasi, ma il processo logico che viene seguito è questo. Di derivazione militare, il concetto di analisi come supporto all azione fa di questa fase il collante di 3 distinte discipline, ossia l analisi tattica, operativa e strategica. Si tratta di 3 differenti livelli stratificati, corrispondenti a differenti livelli del processo decisionale di cui l analista rappresenta un specie di esploratore di conoscenza delle fenomenologie criminali 2. Tale approccio non è dissimile dal risk analisys che agisce per porre il decisore nelle condizioni di scegliere la linea d azione più idonea fra opzioni d intervento auspicabili, sostenibili o catastrofiche. 1 Tratto dal libro Intelligence, un metodo per la ricerca della verità ed.eurilink, 2010, di Angelo Jannone 2 G.Diaz, (2000), Decision Explorer, Social Science Computer Review, Fall Vol 18 (3), pp

3 L informativa di reato della polizia giudiziaria rappresenta senza dubbio una forma di correlazione logica dei dati emersi nel corso delle indagini e quindi il risultato di un attività di analisi. Ma lo stesso si può dire per una memoria difensiva, o di una sentenza e persino per un articolo di stampa. In altri termini, chiunque tratta informazioni deve ricercarle, confrontarle, analizzarle e disseminarle. Il fulcro del processo di intelligence, è senza dubbio l Analisi. Qualunque sia lo scopo della ricerca informativa, qualunque sia l ambito professionale in cui le informazioni vengono analizzate, l approccio è il medesimo e l analisi rappresenta a sua volta un processo prima di tutto logico. L analisi è un processo nel processo e comprende le fasi di collazione o raffronto, la interpretazione che consentirà la generazione inferenze, nelle differenti forme di deduzioni, conclusioni, stima, previsioni, e la generazione di ipotesi da cui possono scaturire ulteriori momenti di progettualità 3 che fanno riavviare il processo ciclico di intelligence. A seconda della maggiore o minore complessità, il processo di analisi, viene avviato con un esame preliminare dell informazione, con una sua valutazione, per poi procedere all integrazione dei dati ed alla interpretazione. La fase dell analisi costituisce il momento in cui i dati vengono elaborati attraverso studio approfondito a cui segue un processo valutativo ed interpretativo che scaturisce dall applicazione di metodologie di diverso genere a seconda del livello dell analisi, (ad esempio rappresentazioni grafiche delle connessioni, mappe mentali, Pest 4 analysis, metodologie swot 5,). I livelli di analisi si differenziano in relazione al livello dell obiettivo. Così anche per l Analisi, possiamo distinguere: l Analisi strategica l analisi tattica l analisi operativa. Differenti saranno ovviamente le informazioni trattate nei diversi livelli. L analisi strategica è finalizzata a creare un patrimonio di conoscenza destinato ad essere utilizzato dal dm per pianificazioni a medio e lungo termine e per la conseguente razionale allocazione delle risorse disponibili 6. Se siamo nell ambito di una analisi strategica criminale, il fine sarà quello di prevenire l affermarsi di un fenomeno criminale. I servizi di Intelligence governativi, sono particolarmente orientati nella loro mission all analisi strategica. L analisi criminale strategica è per questa sua finalità un attività di tipo previsionale, nel senso che è tesa a determinare trends emergenti, mutamenti di contesti, individuazione di rischi e 3 Europol Analysis Unit, Analytical guidelines. 4 Acronimo per Political, Economic, Social and Techonological. 5 Acronimo che sta per strengths (punti di forza) weaknesses (punti deboli) opportunities e threats (minacce). Normalemente le analisi SWOP vengono utilizzate per analisi progetti e fenomeni. 6 P.S. Budhwar, (2000), Strategic integration and devolvement of human resource, management, British Journal of Management, December Vol 11 (4), pp

4 minacce (ad esempio per l ordine e la sicurezza pubblica) ma anche le opportunità e l incidenza positiva di scelte politica, ad esempio criminale o legislativa. Se proviamo a mutare l ambito, ad esempio quello industriale o economico, l analisi strategica, sia a livello governativo e istituzionale, sia a livello di stategie di impresa, consente per eccellenza di supportare processi decisionali strategiche. Essa implica l identificazione di una serie di criticità e di selezionare i modelli più appropriati per comprendere l efficacia di un azione rispetto ad un altra, stimando le variabili chiave. I prodotti finali dell analisi strategica, possono essere di diverso tipo in relazione allo scopo ed ai destinatari, quali i Report Situazionale, Risk Assesment, etc che in realtà rappresentano l esito finale del processo di intelligence strategica 7 che, come ricordiamo termina con la diffusione del rapporto (dissemination). I nuovi dati le nuove informazioni acquisite possono infatti indurre a rivedere l allocazione delle risorse, le procedure di pianificazione investigativa, il modello di bussiness etcc..in altri termini le linee strategiche dell organizzazione, qualunque essa sia. L analisi strategica supporta il processo decisionale attraverso alcuni obiettivi fondamentali, ossia la revisione degli obiettivi, la revisione delle priorità, la rimodulare degli sforzi per il miglioramento della performance. Pertanto, al concetto di strategia divengono connaturali le nozioni di pianificazione, direzione, allocazione delle risorse per il perseguimento di obiettivi di medio-lungo periodo I livelli di analisi operativa e tattica riguardano lo svolgimento di attività quotidiane o comunque a breve termine 8. Analisi tatticaèdiretta ad un obiettivo limitato, prevalentemente caratterizzato dal singolo intervento. Essa cerca di identificare eventi statisticamente significativi sulla base di caratteristiche ricorrenti. Analisi operativariguarda una specifica manovra. Nel settore investigativo essa supporta, un attività investigativa specifica. L'analisi operativa può, in senso generale, essere definita come un metodo per una più spedita ed ottimale utilizzazione e per una valutazione sintetica dei dati emergenti, onde pervenire a delle conclusioni o inferenza e supportare il processo decisionale In effetti si tratta di un percorso logico, in cui il fattore umano è fondamentale. I sistemi informativi di cui abbiamo detto, infatti, possono certamente supportare le fasi ricerca delle informazioni e la loro successiva correlazione ed estrapolazione efficace, ma non potranno mai sostituire la capacità umana di analisi. L importanza dell analista, discende anche dal suo distacco rispetto al problema trattato. In realtà è frequente l'abitudine di chi è coinvolto nella gestione operativa dei problemi a pervenire a conclusioni affrettate con pochi dati a disposizione, a sposare delle tesi non supportate da dati oggettivi, ad affidarsi eccessivamente a quello che viene definito fiuto. Certamente l'intuito ha la sua importanza. Esso può essere definito come la formulazione di ipotesi fondate, partendo da una scarsità di dati certi. Se i tempi di decisione a disposizione sono contenuti, l'intuito assume importanza fondamentale tanto nelle attività investigative quanto in altre decisioni supportate dalle informazioni. (es. necessità di liberare un sequestrato o decidere su una opportunità di bussiness) Quando invece si tratta di dover affrontare le scelte migliori per la prosecuzione dell'attività investigativa e soprattutto pervenire a delle conclusioni oggettive (inferenze), allora è necessario disporre di un set completo di informazioni. Qualunque sia il livello di analisi, il processo logico e metodologico seguito è sempre il medesimo. 7 D.Mc Dowell, Strategic intelligence: a handbook for practitioners, managers and users. Istana Enterprises 1998.

5 La parte analitica del procedimento inizia dal recupero dei dati appropriati e segue con la gestione dei dati ricorrendo a metodologie e tecniche di analisi specifiche supportate da applicativi dedicati. Questa fase è denominata integrazione dei dati. Anche se si ricorre al supporto dell applicativo, in questa fase l applicazione umana è fondamentale. L attenta integrazione consente di evidenziare le lacune informative ed i vuoti investigativi. L integrazione dei dati avviene attraverso una distinzione concettuale tra entità e relazione esistente tra di loro, un passaggio essenziale per la successiva fase di interpretazione e per il percorso logico che ne segue. Cosa intendiamo per entità e cosa per relazione? Le entità sono dati caratterizzate (di massima) dalla non mutevolezza. A titolo esemplificativo sono entità un conto corrente bancario, una data, un nome e cognome, una targa di auto, un numero di telefono, una fattura commerciale, un indirizzo, una foto, un documento etc. La relazione viene espressa con allocuzioni come ad esempio appartiene a, nato il, cede a, etc.e possono essere più o meno certe a seconda della fonte previamente classificata da cui proviene l informazione. Qualche esempio potrà meglio chiarire il concetto (entità numero di telefono) appartiene a ROSSI Paolo (entità nome e cognome) nato il 24 giugno 1946 (entità data). Vi sono entità complesse che a loro volta possono essere scomposte in una serie di ulteriori entità elementari per le informazioni che contengono. Se consideriamo ad esempio una fattura commerciale essa rappresenta una entità complessa che inseriremo nella macro categoria di documenti. Ricordiamo che tale categoria, a sua volta rappresenta anche una fonte di informazioni, il più delle volte classificabile come A1, per la sua attendibilità. Il livello A1 dipende dal quesito informativo a cui vogliamo che risponda. Se ci riferiamo, cioè ai dati contenuti, la risposta sarà positiva, se invece ci riferiamo alla certezza che l informazione relativa all operazione commerciale rappresentata sia vera, sarà probabilmente necessario un approfondimento, altrimenti non esisterebbero le fatture false per operazioni inesistenti. Ma la separazione delle diverse fasi del processo di analisi in realtà non è così marcata. Le informazioni si interpretano anche quando si procede alla integrazione dei dati, in quanto la ciclicità del processo è tale dobbiamo immaginarci ad esempio un attività di indagine complessa che agli analisti pervengono informazioni e sono essi stessi a segnalare gli obbiettivi informativi agli investigatori. Tuttavia l interpretazione, sotto l aspetto sistemico e logico va collocata in un momento immediatamente successivo. I grafici di attività (activity chart) sono strumenti di analisi particolarmente utili sia per ricercare l interdipendenza tra un attività e l altra, analogamente a quanto avviene con il PERT, sia, più in generale, quando si vuole comprendere come siano concatenati una serie di eventi. Anche ai fini preventivi, il grafico delle attività consente l analisi di un processo o di una sequenza di attività e di individuare, il passaggio in cui rafforzare i controlli. Un grafico di eventi si concentra su ciò che è accaduto mentre un grafico di attività mette in evidenza sulle modalità e cause di una data attività. Il grafico delle attività è molto utile anche per descrivere i modus operandi di organizzazioni criminali o, meglio, di alcune manifestazioni criminali e favorire l analisi previsionale. I vincoli legali concernenti la ricerca delle informazioni e la loro valutazione, ha fatto si che analisti e dei servizi di intelligence tutt oggi non fossero mai riusciti a concepire un trasferimento delle metodologie di intelligence nel processo penale ed all investigazione giudiziaria, intesa come strettamente connaturata al processo penale. Parimenti, la cultura giuridica di avvocati e magistrati, almeno in Italia, mal si è conciliata con un approccio metodologico come quello dell Intelligence.

6 Solo negli ultimi anni si è registrata una maggior sensibilizzazione dapprima in organizzazioni Centrali ed Inteprovinciali della Polizia Giudiziaria, e progressivamente in alcuni uffici Giudiziari, quali la Direzione Nazionale Antimafia ed alcune Direzioni Distrettuali. A favorire questo approccio non è stata la formazione, quanto l esigenza di disporre di sistemi di datamining in grado di non far disperdere il prezioso bagaglio informativo dei numerosi procedimenti penali di mafia e terrorismo. Sulle logiche dell analisi operativa sono stati costituiti, infatti, i sistemi SIDNA della Direzione Nazionale Antimafia e SIDDA delle Direzioni Distrettuali Antimafia. Ciò che non è stato avvertito, invece, è stato il bisogno di formazione. La magistratura Italiana è stata una delle poche dei paesi europei che non abbia mai tenuto corsi di analisi operativa. In realtà chiunque svolge indagini al tempo stesso fa analisi, ovvero: attribuisce ( o dovrebbe attribuire ), un certo valore al dato nuovo; raffronta il dato nuovo con i dati pregressi; aggiorna le sue valutazioni alla luce del dato nuovo. L'analisi operativa, come si è già affermato, nella fase di interpretazione, può condurre a diverse conclusioni. Ipotesi E un assunto che ha bisogno di essere testato o provato. Ad esempio vi è una informazione A1, ossia una foto, che ritrae ROSSI in compagnia di BIANCHI. Da un tabulato telefonico, compaiono numerosi contatti tra l utenza in uso a BIANCHI e quella in uso a ROSSI. Questa informazione rispetto alla conoscenza tra BIANCHI e ROSSI, potrebbe essere considerata A2, in quanto proviene da una fonte tecnica (A) ma comporta ulteriore verifica la riconducibilità a Bianchi e Rossi delle utenze rilevate. (2) In altri termini noi abbiamo 2 informazioni, di elevato livello circa la fonte, ma con un fatto che necessità di approfondimento circa il contenuto della seconda informazione. Se ponessimo il quesito, dato dal piano di ricerca informativa: Bianchi conosce Rossi avremmo certamente una inferenza. La risposta è cioè si. Ma se i quesiti fossero: Bianchi ha assidui rapporti con Rossi? Il loro rapporto riguarda attività illecite?, forse necessiteremmo di qualcosa di più, in quanto con queste 2 informazioni avremmo 2 ipotesi distinte: ipotesi 1: Bianchi e Rossi avrebbero rapporti assidui, ma va confermato se le 2 utenze rilevate, sono a loro in uso esclusivo ipotesi 2: i loro rapporto potrebbe riguardare attività illecite (precedenti informazioni già hanno confermato l esistenza di attività illeciti da parte di Bianchi) ma ciò deve trovare conferme in altre informazioni che al momento mancano del tutto. Quindi le informazioni già disponibili, rispetto a questo quesito informativo, sono assolutamente insignificanti. Se aggiungessimo anche una fonte confidenziale di provata attendibilità precedente che ci dice che BIANCHI e ROSSI trafficano insieme cocaina, avremmo aggiunto una informazione ulteriore di tipo B4, se il processo è informativo o investigativo preprocedimentale. Ma siamo di fronte ad una informazione nulla se siamo nell ambito del processo penale. Inferenza A differenza delle ipotesi, l inferenza rappresenta una certezza rigorosa. Se all esempio, aggiungessimo un sequestro di cocaina nei confronti di Rossi, avremmo una informazione che rende conto di fatto rigorosamente accertato. Rossi e Bianchi trafficano in cocaina. In latri termini:non vi è alcun dubbio. Predizione La predizione possiamo definirla come un Inferenza circa qualcosa che potrà avvenire in futuro Previsione o stima è valutazione circa un fatto e formulazione di un ipotesi futura. Il processo di analisi è, dal punto di vista soggettivo un processo logico che ricorre alle regole del procedimento logico- sillagmatico, antico come il mondo.

7 Forse è utile ricordare che secondo Aristotele il processo logico era di tipo deduttivo, che egli definiva anche sillagma che si componeva di una premessa maggiore, una premessa secondaria ed una deduzione. Spesso è proprio la premessa maggiore a rappresentare il punto debole di un ragionamento sillagmatico, giacchè, come si è già avuto modo di osservare, la premessa maggiore è frutto di un vissuto, di leggi universali o di postulati. Aristotele definiva il sillogismo come un discorso in cui, poste talune cose, alcune altre ne seguono per necessità. 9 L esempio scolastico, per meglio comprendere, è tutti gli uomini sono mortali, Socrate è un uomo, Socrate è mortale. Il ragionamento sillagmatico o deduttivo, noto per essere, dunque, un percorso dal generale al particolare, pur importante, mal si concilia da solo con un approccio scientifico all investigazione o, in generale all analisi delle informazioni. E tutte le volte che vi si è fatto ricorso, ha inevitabilmente condotto a disastri o risultati fallimentari. Il caso più eclatante di tale fallimento, è il c.d. teorema BUSCETTA 10, che attraverso pronunce altalenanti è stato definitivamente cassato, proprio sui punti derivanti dal ragionamento sillagmatico, con 2 pronunce nel e nel Com è noto le dichiarazioni di Tommaso Buscetta, primo importante pentito di mafia, fissarono una serie di punti fermi introducendo nella logica dei processi a Cosa Nostra, una serie di premesse maggiori e postulati tratti proprio da regole dell organizzazione mafiosa. Tra queste, ad esempio, la regola che vorrebbe che ogni omicidio eccellente non possa che essere deliberato dalla Commissione di Cosa Nostra. Talché il ragionamento sillagmatico che ne seguiva, era il seguente: ogni omicidio eccellente viene deciso dalla Commissione di Cosa Nostra (premessa maggiore), l omicidio di Mattarella è un omicidio eccellente (premessa minore) tutti i componenti della Commissione, sono mandanti dell omicidio Mattarella (inferenza). La Corte di Cassazione, sez. Unite, nella sentenza di assoluzione per l omicidio del giornalista Mino Pecorelli, aveva osservato tra l altro che sarebbe viziata da grave errore logico giuridico la decisione che, nell affermare la responsabilità dell imputato direttamente attribuisse alla massima di esperienza inerente alla regola di Cosa Nostra la dimostrazione del fatto da provare, prescidendo dalle specifiche risultanze processuali, osservandosi icasticamente che se bastasse provare la regola per reputarne provata anche la concreta osservanza, si incorrerebbe in una evidente petizione di principio e dovrebbe riconoscersi l apoditticità di un simile argomentare. In realtà, mentre è accettabile il rischio di ricorrere a ragionamenti sillagmatici nel caso decision support, ossia analisi di informazioni a supporto delle decisioni, costituirebbe la negazione del rigore scientifico in cui devono muoversi le indagini, ricorrere al sillagma. Il ricorso al ragionamento sillagmatico è la madre di tutte le distorsioni del sistema giudiziario penale, giacchè tra media e aule di giustizia, alcune pseudo verità già fondate su processi logici distorti, si sono trasformate a loro volta in postulati e premesse maggiori per la ricostruzione di altre vicende successive. Tale ragionamento si è ulteriormente alterato, in quanto non accompagnato dalla necessaria onestà intellettuale, che significa solo ricorrere ad altri principi da cui muovere qualunque forma paradigmatica. Alessandro Traversi 12, ricorda ad esempio l importanza del principio di non contraddizione che sta ad indicare niente simultaneamente può essere e può non essere 13 Da questo principio derivano alcuni corollari, tra cui il principio del tertium non datur o del terzo escluso. 9 Aristotele, Organon. Topici, libro I. 10 Sez. Prima Cass. Del 30 Gennaio 1992, Abbate + altri. 11 Cass. Sez Unite Penali, Sent. Nr con cui veniva assolto Giulio Andreotti dall accusa di essere il mandante dell omicidio del giornalista Mino Pecorelli. 12 Alessa ndro TRAVERSI, La difesa penale. Tecniche argomentative e oratorie, Giuffrè 2002

8 Quindi il ragionamento contradditorio è un non ragionamento. Il problema è che distinguere ragionamenti contradditori da ragionamenti non contradditori, non è nei fatti così agevole. Più adatto al ragionamento scientifico necessario all analisi operativa ed al processo penale, potrebbe sembrare il processo induttivo, che al contrario del sillogismo parte da un certo numero di casi particolari e giunge alla formulazione di principi generali che prende il nome di legge empirica. Che gli omicidi presuppongono un movente è frutto ad esempio di una ragionamento induttivo, in quanto si basa sulla esperienza di una casistica concreta. Che le frodi in azienda siano motivate da un bisogno economico, è anch esso frutto di esperienza e di un ragionamento induttivo. Con un ragionamento induttivo, per rimanere all esempio del teorema Buscetta, l esperienza sul campo, dimostra che aldilà dei principi che regolano in astratto la vita di Cosa Nostra e, in generale, delle associazioni di tipo mafioso, che essi sono spesso disattesi, talché basarsi sulle regole criminali, ponendole a fondamento di processi probatori può essere forviante. O ancora, ciò che ha reso fragile il teorema Buscetta è stato proprio il confondere un ragionamento deduttivo per induttivo, nel senso che le massime d esperienza tratte dalle dichiarazioni di Buscetta e dalla conoscenza di Cosa Nostra, sono state ritenute il frutto di una casistica tale da dare luogo ad una sorta di legge universale. Il ragionamento induttivo è di estrema utilità nell analisi previsionale in quanto consente, proprio attraverso l analisi di un numero elevato di casi, di prevedere cosa avverrà, attraverso un approccio di tipo probabilistico. In realtà è il paralogismo che crea scompensi e risultati deludenti. Nel sillogismo cosidetto dialettico o paralogismo, gli elementi posti a premessa maggiore, non sono fondati su verità assolute ed indiscutibili, ma al contrario su quelle che sembrano opinioni generali, anche quando non lo sono. In altri termini il paralogismo, sembra una via intermedia tra un processo deduttivo ed un processo induttivo, nel senso che il conosciuto, frutto in realtà di una casistica poco ricca e risultato, pertanto, di un processo logico induttivo, si trasforma un una regola generale che rappresenta la premessa maggiore di un ragionamento forviante. E questo sillogismo dialettico, con premesse solo apparentemente vere il paralogismo, diviene la fonte principale di errori giudiziari. Il paralogismo, a volte assume la forma di veri e propri sillogismi perversi, quando manca anche la possibilità di una contrapposizione dialettica e si sposa con la ricerca del clamore mediatico che ne discende. Un esempio tra tutti è costituito dai ragionamenti posti alla base del c.d. metodo Genchi 14 Quelle che una gran parte dei seguaci di Genchi, consulente apprezzato da alcuni pubblici Ministeri adusi a ragionamenti dello stesso tipo, hanno acclamato come fossero conclusioni certe di alcuni fatti storici, variamente inseriti in vicende penali senza alcun risultato processuale, altro non sono che il frutto di percorsi sillagmatici perversi che muovono da premesse maggiori distorte ingenerate nel comune sentire degli ultimi anni, dai media. Un esempio scolastico che schematizza tale ragionamento può essere il seguente: chi ha contatti con un indagato è soggetto aduso a commettere reati (premessa maggiore) Rossi è indagato (premessa minore A) Bianchi è in contatto con Rossi (premessa minore B) Bianchi è soggetto aduso a commettere reati (conclusione). Questo genere di errore abbastanza frequente, trova una sua spiegazione nel fatto che la cultura investigativa deve al sue radici al mondo del crimine tradizionale. Rapinatori che frequentano rapinatori, trafficanti di droga che frequentano altri trafficanti di droga e così via. 13 Aristotele, Metafisica, libro III 14 Gioacchino GENCHI e Alessandro Montolli, il caso Genchi, Aliberti, 2009

9 Ma quando le indagini si spostano su altri mondi ed altri ambienti per investigare su quelli che sono definiti crimini dai colletti bianchi o criminalità politica, i contatti tra le persone non sono necessariamente di natura illecita. Le chiavi di lettura, ossia le premesse maggiori, saltano. Se poi tali elementi non sono utilizzati per provare reati ma per diffamare, il paralogismo diventa sillogismo perverso. Nell inchiesta Telecom, era frequente che nelle informative dei carabinieri si desse risalto ai contatti telefonici tra indagati, come se questo potesse essere ritenuto indizio di reità. Ma molti indagati erano colleghi nella stessa azienda ed i contatti telefonici tra colleghi, sono la cosa più normale che possa esserci. Il paralogismo o quello che qui definisco sillogismo perverso, è assimilabile a quello che Kant definiva fallacia 15 ossia un inferenza della ragione formalmente falsa, benché abbia la parvenza di un inferenza corretta. Essa assume diverse forme. Ma la più pericolosa è quella del nesso causale apparente, in cui cioè la consequenzialità temporale, viene assunta ad efficacia di causalità che in realtà non esiste o non è dimostrata. Infatti dovrebbe essere pacifico che un fatto è conseguenza di un altro non solo per il nesso temporale ma per averlo concretamente determinato. O quello della falsa analogia, riassumibile in frasi molto abusate del guarda caso o chissa perché, sicuramente di grande efficacia persuasiva, ma certamente non in grado di sostenere la prova di un fatto. Il ricorso alle ipotesi, può certamente essere una modalità ragionativa percorribile, anche nell ambito del procedimento penale. Alle ipotesi Aristotele attribuiva un valore di legge sicuramente di rango inferiore 16 Il metodo dell ipotesi ha la sua validità soprattutto nella fase delle indagini, in quanto parte da una supposizione ancora non convalidata da dati di esperienza, ma che deve essere sperimentata. In altri termini il metodo dell ipotesi è valido se progressivamente accompagnato dalla osservazione e dalla verifica. APPROFONDIMENTI: SE WIKYLEAKS ASSURGE AL SIMBOLO DELLA PACE Appare provocatoria la proposta del senatore norvegese Snorre Valen di candidare il sito di Assange a premio nobel per la pace. Secondo il politico norvegese, il merito di wikyleaks, sarebbe stato quello di diffondere la cultura di una stampa libera. Ma cosa c entra con la pace? Nulla. Almeno a parere di chi scrive. Anzi, wikyleaks, se da un lato soddisfa la necessità di sapere, senza barriere legate ai segreti di Stato, dall altra può seminare odio ed alimentare lo scontro tra paesi, ed alimentare tensioni geopolitiche, spesso sulla base di documenti che, se da un lato l ufficialità della loro origine attribuisce loro una patente di piena attendibilità, dall altra non contribuiscono ad alimentare una cultura della ricerca della verità. Mi spiego meglio. Fa parte oramai delle deformazioni più ricorrenti, confondere, nel processo di analisi informativa, l origine ufficiale delle fonti, con una loro valutazione di piena attendibilità. Un atto giudiziario, un documento governativo, non può essere ritenuto di default una fonte attendibile. Anche tali atti, sono molto spesso, il frutto di una interpretazione umana di dati elementari. 15 E. Kant, Logica, ed. Laterza, Aristotele, Organon, libro I

10 Se ricordate, tra le più recenti rivelazioni di wikyleaks, ad esempio si, faceva riferimento ad informative delle diplomazie statunitensi presenti in Italia che accennavano ad abitudini private del Presidente del Consiglio Italiano, Berlusconi. Tali note, aldilà del loro carattere pruriginoso, pubblicate da wikyleaks, era immediatamente assurte a verità assolute. In realtà, senza con ciò voler esprimere una valutazione di merito sulla vicenda, esse rappresentavano la sintesi di commenti raccolti nei salotti diplomatici italiani. Nulla di più. Ma si aggiunga anche che, questo genere di valorizzazione di tali tipologie di fonti ha dato vita, negli ultimi anni, a meccanismi perversi ed a circuiti mediatico-informativi, anche artatamente messi in opera per fini di lotta politica. Se ad un atto giudiziario viene attribuito un valore assoluto ed incontrovertibile, può accadere che esso venga confezionato ad hoc si pensi ad una dichiarazione testimoniale senza alcuna valenza di reato e successivamente indirizzato ai media. L effetto che ne consegue è devastante. Gli esperti di buzz marketing ben conoscono i meccanismi del moderno passa parola. Nulla di diverso, ma ben più raffinato, di ciò che nell antico paesello, rovinava la reputazione di giovani fanciulle in età da marito. Allora: lasciamo stare Wikyleaks. La pace è una cosa seria, ed il Nobel anche. Fonti: ?showComments=true Angelo Jannone

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO

USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO USO DEGLI STRUMENTI DI PAGAMENTO ELETTRONICO LA POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI La Polizia Postale e delle Comunicazioni si occupa della prevenzione e repressione di tutti i reati commessi per il

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale

Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Dell'incertezza nelle attività umane e delle conseguenze nefaste della sua eliminazione attraverso il dirigismo statale Introduzione Questo saggio si pone come finalità la discussione di una citazione

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO

Altri Servizi. Guida all uso. www.accessogiustizia.it SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Guida all uso www.accessogiustizia.it Altri Servizi SERVIZIO PROCURA TAR CONSIGLIO DI STATO Lextel SpA L informazione al lavoro. Lextel mette l informazione al lavoro attraverso proprie soluzioni telematiche,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese

DIRIGENTI PUBBLICI. Nozione di giustificatezza nel licenziamento. di Marilena Cortese DIRIGENTI PUBBLICI Nozione di giustificatezza nel licenziamento di Marilena Cortese Il rapporto di lavoro, in generale, sia esso a tempo determinato che indeterminato, può estinguersi per cause diverse

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE. Uno studio di Fiammetta Guerra. 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte

INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE. Uno studio di Fiammetta Guerra. 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte INDAGINI SULL EFFETTO DETERRENTE DELLA PENA DI MORTE Uno studio di Fiammetta Guerra 1. Il concetto di deterrenza e la pena di morte La questione riguardante il possibile effetto deterrente della pena di

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN:

Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: Filomena Maggino, L analisi dei dati nell indagine statistica. Volume 1: la realizzazione dell indagine e l analisi preliminare dei dati, ISBN: 88-8453-208-6 (print) ISBN: 88-8453-207-8 (online), Firenze

Dettagli

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO

8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA COMMISSIONE PER LO STATO DELLA CITTA DEL VATICANO N. XVIII LEGGE DI CONFERMA DEL DECRETO N. XI DEL PRESIDENTE DEL GOVERNATORATO, RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASPARENZA, VIGILANZA ED INFORMAZIONE FINANZIARIA, DELL 8 AGOSTO 2013 8 ottobre 2013 LA PONTIFICIA

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli