OSSERVATORIO IIASCEPP Settore Intelligence e Geopolitica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OSSERVATORIO IIASCEPP Settore Intelligence e Geopolitica"

Transcript

1 OSSERVATORIO IIASCEPP Settore Intelligence e Geopolitica PA Negotiator: U.S and British Citizens Are Responsible For Leaking Palestine Papers: Il Capo della negoziazione Palestinese Saeb Erekat dichiara in un intervista alla televisione Al Jazeera, che un cittadino americano che ha lavorato nel U.S Department e un cittadino Inglese, ex M16 e ufficiale EU, sono i responsabili della divulgazione dei quaderni palestinesi. Erekat dichiara che i segreti dei documenti sono stati diffusi dal cittadino U.S Clayton Swisher, attualmente impiegato come reporter per Al Jazeera, ed ex Bodyguard durante l amministrazione americana della Presidenza Clinton. Keller: Assange is Manipulative and Spy Like:Julian Assange fondatore sempre più simile ad un personaggio da Spy-Novel, secondo l editore esecutivo del new York Times è Elusivo, Manipolatore e inafferrabile,così scrive nel libro di prossima uscita, nonostante abbia sempre considerato Assange una fonte uno che si comporta come un fuggitivo, cambiando numeri di telefono, mail e abitazione frequentemente, e al giornale non ha mai chiesto di pagare o firmare nulla, ha sicuramente qualcosa da nascondere più ampia dell origine delle sue fonti. Germany Sentences 2 Libyan Spies: Due cittadini Libici sono stati condannati a Berlino per Spionaggio,come membri dell opposizione Libica, durante il loro soggiorno in Europa dall Agosto 2007 fino al loro arresto a Maggio Cybercrime: Narrowing the gap: I volontari della Shadowserver Foundation addetti al monitoraggio delle linee di traffico internet durante la seconda metà del 2009, riscontrarono nuove tattiche di intrusione da parte dei Waledec, nuovi e potenti trojan dell ultima generazione di intrusione cibernetica. I Waledec sfruttavano i provider DNS per auto registrarsi in siti con nomi che sembravano associati con legittimi provider Blizzard Image Hosting, quindi utilizzando veri indirizzi Blizzard e URL per immettere SPAM che includesse links con domini virus preregistrati. La gestione delle identità e degli accessi: Novell presenta Identity Manager 4, una famiglia unica di soluzioni per la gestione sicura degli accessi e delle identità in ambienti fisici, virtuali e cloud. Identity Manager 4 di Novell è la prima soluzione in grado di garantire uniformità nella gestione delle identità, della sicurezza e della conformità per l intero ecosistema IT dell azienda, offrendo nel cloud lo stesso livello di affidabilità tipico del data center. Clienti e partner possono quindi proteggere al meglio i propri dati riducendo i costi e la complessità relativi alla gestione della conformità. Lo stato di Internet nel terzo trimestre 2010: Akamai Technologies, Inc., ha pubblicato il Rapporto sullo Stato di Internet relativo al terzo trimestre Basato sulle informazioni raccolte dalla rete globale di Akamai per la distribuzione di contenuti digitali e applicazioni in Internet, dotata di oltre server in 71 Paesi, il rapporto di Akamai approfondisce aspetti importanti di Internet, come l adozione della banda larga, la connettività mobile e il traffico legato agli attacchi informatici, oltre a misurare le principali tendenze. WikiLeaks tra i candidati a premio Nobel per la pace: Il sito web WikiLeaks è tra i candidati al premio Nobel per la Pace del Lo ha svelato oggi il politico norvegese che ha lanciato la proposta, il giorno dopo la scadenza del termine per la presentazione delle nomination. Il parlamentare norvegese Snorre Valen ha detto che WikiLeaks "fornisce uno dei contributi più importanti alla libertà d'espressione e trasparenza" del 21esimo secolo. Egypt: Will U.S. And NATO Launch Second Suez Intervention?: Il Generale James Mattis comandante del United States Central Command, le cui aree di responsabilità includono Egitto e i suoi confini occidentali., ha dichiarato che Washington attualmente non ha piani riguardo il rinforzo della presenza navale a largo delle coste di quel paese.

2 INTELLIGENCE, COS E? Di Angelo Jannone 1 Nell Era dell informazione uno dei termini più abusati è Intelligence. Credo che molti di coloro che utilizzano spesso espressioni ad esso legate, in realtà non sappiano esattamente cosa significhi. Allora partiamo da qui: che cos è l intelligence? L intelligence, è innanzitutto un processo, un processo di selezione e/o ricerca, valutazione (o classificazione),confronto, analisi e disseminazione di informazioni a supporto di processi decisionali operativi, tattici o strategici. Si tratta di un processo ciclico, in cui la fase centrale, è rappresentata dal processo di Analisi, consistente nella integrazione dei dati o correlazione (collaction), interpretazione, sviluppo di ipotesi e diffusione per la successiva disseminazione. Si tratta di fatto di una knowledge designed for action, ossia conoscenza finalizzata all azione, ove un accurata impostazione strategica diviene un prerequisito imprescindibile per una efficace fase esecutiva. Ricerca dei dati Valutazione e classificazione Confronto Integrazione dei dati ANAL ISI Deduzioni Interpretazione Conclusioni Previsioni Sviluppo di ipotesi stima Diffusione PROCESSO DI INTELLIGENCE La ciclicità del processo dipende dal fatto che in realtà non possiamo immaginare una netta separazione tra queste fasi, ma il processo logico che viene seguito è questo. Di derivazione militare, il concetto di analisi come supporto all azione fa di questa fase il collante di 3 distinte discipline, ossia l analisi tattica, operativa e strategica. Si tratta di 3 differenti livelli stratificati, corrispondenti a differenti livelli del processo decisionale di cui l analista rappresenta un specie di esploratore di conoscenza delle fenomenologie criminali 2. Tale approccio non è dissimile dal risk analisys che agisce per porre il decisore nelle condizioni di scegliere la linea d azione più idonea fra opzioni d intervento auspicabili, sostenibili o catastrofiche. 1 Tratto dal libro Intelligence, un metodo per la ricerca della verità ed.eurilink, 2010, di Angelo Jannone 2 G.Diaz, (2000), Decision Explorer, Social Science Computer Review, Fall Vol 18 (3), pp

3 L informativa di reato della polizia giudiziaria rappresenta senza dubbio una forma di correlazione logica dei dati emersi nel corso delle indagini e quindi il risultato di un attività di analisi. Ma lo stesso si può dire per una memoria difensiva, o di una sentenza e persino per un articolo di stampa. In altri termini, chiunque tratta informazioni deve ricercarle, confrontarle, analizzarle e disseminarle. Il fulcro del processo di intelligence, è senza dubbio l Analisi. Qualunque sia lo scopo della ricerca informativa, qualunque sia l ambito professionale in cui le informazioni vengono analizzate, l approccio è il medesimo e l analisi rappresenta a sua volta un processo prima di tutto logico. L analisi è un processo nel processo e comprende le fasi di collazione o raffronto, la interpretazione che consentirà la generazione inferenze, nelle differenti forme di deduzioni, conclusioni, stima, previsioni, e la generazione di ipotesi da cui possono scaturire ulteriori momenti di progettualità 3 che fanno riavviare il processo ciclico di intelligence. A seconda della maggiore o minore complessità, il processo di analisi, viene avviato con un esame preliminare dell informazione, con una sua valutazione, per poi procedere all integrazione dei dati ed alla interpretazione. La fase dell analisi costituisce il momento in cui i dati vengono elaborati attraverso studio approfondito a cui segue un processo valutativo ed interpretativo che scaturisce dall applicazione di metodologie di diverso genere a seconda del livello dell analisi, (ad esempio rappresentazioni grafiche delle connessioni, mappe mentali, Pest 4 analysis, metodologie swot 5,). I livelli di analisi si differenziano in relazione al livello dell obiettivo. Così anche per l Analisi, possiamo distinguere: l Analisi strategica l analisi tattica l analisi operativa. Differenti saranno ovviamente le informazioni trattate nei diversi livelli. L analisi strategica è finalizzata a creare un patrimonio di conoscenza destinato ad essere utilizzato dal dm per pianificazioni a medio e lungo termine e per la conseguente razionale allocazione delle risorse disponibili 6. Se siamo nell ambito di una analisi strategica criminale, il fine sarà quello di prevenire l affermarsi di un fenomeno criminale. I servizi di Intelligence governativi, sono particolarmente orientati nella loro mission all analisi strategica. L analisi criminale strategica è per questa sua finalità un attività di tipo previsionale, nel senso che è tesa a determinare trends emergenti, mutamenti di contesti, individuazione di rischi e 3 Europol Analysis Unit, Analytical guidelines. 4 Acronimo per Political, Economic, Social and Techonological. 5 Acronimo che sta per strengths (punti di forza) weaknesses (punti deboli) opportunities e threats (minacce). Normalemente le analisi SWOP vengono utilizzate per analisi progetti e fenomeni. 6 P.S. Budhwar, (2000), Strategic integration and devolvement of human resource, management, British Journal of Management, December Vol 11 (4), pp

4 minacce (ad esempio per l ordine e la sicurezza pubblica) ma anche le opportunità e l incidenza positiva di scelte politica, ad esempio criminale o legislativa. Se proviamo a mutare l ambito, ad esempio quello industriale o economico, l analisi strategica, sia a livello governativo e istituzionale, sia a livello di stategie di impresa, consente per eccellenza di supportare processi decisionali strategiche. Essa implica l identificazione di una serie di criticità e di selezionare i modelli più appropriati per comprendere l efficacia di un azione rispetto ad un altra, stimando le variabili chiave. I prodotti finali dell analisi strategica, possono essere di diverso tipo in relazione allo scopo ed ai destinatari, quali i Report Situazionale, Risk Assesment, etc che in realtà rappresentano l esito finale del processo di intelligence strategica 7 che, come ricordiamo termina con la diffusione del rapporto (dissemination). I nuovi dati le nuove informazioni acquisite possono infatti indurre a rivedere l allocazione delle risorse, le procedure di pianificazione investigativa, il modello di bussiness etcc..in altri termini le linee strategiche dell organizzazione, qualunque essa sia. L analisi strategica supporta il processo decisionale attraverso alcuni obiettivi fondamentali, ossia la revisione degli obiettivi, la revisione delle priorità, la rimodulare degli sforzi per il miglioramento della performance. Pertanto, al concetto di strategia divengono connaturali le nozioni di pianificazione, direzione, allocazione delle risorse per il perseguimento di obiettivi di medio-lungo periodo I livelli di analisi operativa e tattica riguardano lo svolgimento di attività quotidiane o comunque a breve termine 8. Analisi tatticaèdiretta ad un obiettivo limitato, prevalentemente caratterizzato dal singolo intervento. Essa cerca di identificare eventi statisticamente significativi sulla base di caratteristiche ricorrenti. Analisi operativariguarda una specifica manovra. Nel settore investigativo essa supporta, un attività investigativa specifica. L'analisi operativa può, in senso generale, essere definita come un metodo per una più spedita ed ottimale utilizzazione e per una valutazione sintetica dei dati emergenti, onde pervenire a delle conclusioni o inferenza e supportare il processo decisionale In effetti si tratta di un percorso logico, in cui il fattore umano è fondamentale. I sistemi informativi di cui abbiamo detto, infatti, possono certamente supportare le fasi ricerca delle informazioni e la loro successiva correlazione ed estrapolazione efficace, ma non potranno mai sostituire la capacità umana di analisi. L importanza dell analista, discende anche dal suo distacco rispetto al problema trattato. In realtà è frequente l'abitudine di chi è coinvolto nella gestione operativa dei problemi a pervenire a conclusioni affrettate con pochi dati a disposizione, a sposare delle tesi non supportate da dati oggettivi, ad affidarsi eccessivamente a quello che viene definito fiuto. Certamente l'intuito ha la sua importanza. Esso può essere definito come la formulazione di ipotesi fondate, partendo da una scarsità di dati certi. Se i tempi di decisione a disposizione sono contenuti, l'intuito assume importanza fondamentale tanto nelle attività investigative quanto in altre decisioni supportate dalle informazioni. (es. necessità di liberare un sequestrato o decidere su una opportunità di bussiness) Quando invece si tratta di dover affrontare le scelte migliori per la prosecuzione dell'attività investigativa e soprattutto pervenire a delle conclusioni oggettive (inferenze), allora è necessario disporre di un set completo di informazioni. Qualunque sia il livello di analisi, il processo logico e metodologico seguito è sempre il medesimo. 7 D.Mc Dowell, Strategic intelligence: a handbook for practitioners, managers and users. Istana Enterprises 1998.

5 La parte analitica del procedimento inizia dal recupero dei dati appropriati e segue con la gestione dei dati ricorrendo a metodologie e tecniche di analisi specifiche supportate da applicativi dedicati. Questa fase è denominata integrazione dei dati. Anche se si ricorre al supporto dell applicativo, in questa fase l applicazione umana è fondamentale. L attenta integrazione consente di evidenziare le lacune informative ed i vuoti investigativi. L integrazione dei dati avviene attraverso una distinzione concettuale tra entità e relazione esistente tra di loro, un passaggio essenziale per la successiva fase di interpretazione e per il percorso logico che ne segue. Cosa intendiamo per entità e cosa per relazione? Le entità sono dati caratterizzate (di massima) dalla non mutevolezza. A titolo esemplificativo sono entità un conto corrente bancario, una data, un nome e cognome, una targa di auto, un numero di telefono, una fattura commerciale, un indirizzo, una foto, un documento etc. La relazione viene espressa con allocuzioni come ad esempio appartiene a, nato il, cede a, etc.e possono essere più o meno certe a seconda della fonte previamente classificata da cui proviene l informazione. Qualche esempio potrà meglio chiarire il concetto (entità numero di telefono) appartiene a ROSSI Paolo (entità nome e cognome) nato il 24 giugno 1946 (entità data). Vi sono entità complesse che a loro volta possono essere scomposte in una serie di ulteriori entità elementari per le informazioni che contengono. Se consideriamo ad esempio una fattura commerciale essa rappresenta una entità complessa che inseriremo nella macro categoria di documenti. Ricordiamo che tale categoria, a sua volta rappresenta anche una fonte di informazioni, il più delle volte classificabile come A1, per la sua attendibilità. Il livello A1 dipende dal quesito informativo a cui vogliamo che risponda. Se ci riferiamo, cioè ai dati contenuti, la risposta sarà positiva, se invece ci riferiamo alla certezza che l informazione relativa all operazione commerciale rappresentata sia vera, sarà probabilmente necessario un approfondimento, altrimenti non esisterebbero le fatture false per operazioni inesistenti. Ma la separazione delle diverse fasi del processo di analisi in realtà non è così marcata. Le informazioni si interpretano anche quando si procede alla integrazione dei dati, in quanto la ciclicità del processo è tale dobbiamo immaginarci ad esempio un attività di indagine complessa che agli analisti pervengono informazioni e sono essi stessi a segnalare gli obbiettivi informativi agli investigatori. Tuttavia l interpretazione, sotto l aspetto sistemico e logico va collocata in un momento immediatamente successivo. I grafici di attività (activity chart) sono strumenti di analisi particolarmente utili sia per ricercare l interdipendenza tra un attività e l altra, analogamente a quanto avviene con il PERT, sia, più in generale, quando si vuole comprendere come siano concatenati una serie di eventi. Anche ai fini preventivi, il grafico delle attività consente l analisi di un processo o di una sequenza di attività e di individuare, il passaggio in cui rafforzare i controlli. Un grafico di eventi si concentra su ciò che è accaduto mentre un grafico di attività mette in evidenza sulle modalità e cause di una data attività. Il grafico delle attività è molto utile anche per descrivere i modus operandi di organizzazioni criminali o, meglio, di alcune manifestazioni criminali e favorire l analisi previsionale. I vincoli legali concernenti la ricerca delle informazioni e la loro valutazione, ha fatto si che analisti e dei servizi di intelligence tutt oggi non fossero mai riusciti a concepire un trasferimento delle metodologie di intelligence nel processo penale ed all investigazione giudiziaria, intesa come strettamente connaturata al processo penale. Parimenti, la cultura giuridica di avvocati e magistrati, almeno in Italia, mal si è conciliata con un approccio metodologico come quello dell Intelligence.

6 Solo negli ultimi anni si è registrata una maggior sensibilizzazione dapprima in organizzazioni Centrali ed Inteprovinciali della Polizia Giudiziaria, e progressivamente in alcuni uffici Giudiziari, quali la Direzione Nazionale Antimafia ed alcune Direzioni Distrettuali. A favorire questo approccio non è stata la formazione, quanto l esigenza di disporre di sistemi di datamining in grado di non far disperdere il prezioso bagaglio informativo dei numerosi procedimenti penali di mafia e terrorismo. Sulle logiche dell analisi operativa sono stati costituiti, infatti, i sistemi SIDNA della Direzione Nazionale Antimafia e SIDDA delle Direzioni Distrettuali Antimafia. Ciò che non è stato avvertito, invece, è stato il bisogno di formazione. La magistratura Italiana è stata una delle poche dei paesi europei che non abbia mai tenuto corsi di analisi operativa. In realtà chiunque svolge indagini al tempo stesso fa analisi, ovvero: attribuisce ( o dovrebbe attribuire ), un certo valore al dato nuovo; raffronta il dato nuovo con i dati pregressi; aggiorna le sue valutazioni alla luce del dato nuovo. L'analisi operativa, come si è già affermato, nella fase di interpretazione, può condurre a diverse conclusioni. Ipotesi E un assunto che ha bisogno di essere testato o provato. Ad esempio vi è una informazione A1, ossia una foto, che ritrae ROSSI in compagnia di BIANCHI. Da un tabulato telefonico, compaiono numerosi contatti tra l utenza in uso a BIANCHI e quella in uso a ROSSI. Questa informazione rispetto alla conoscenza tra BIANCHI e ROSSI, potrebbe essere considerata A2, in quanto proviene da una fonte tecnica (A) ma comporta ulteriore verifica la riconducibilità a Bianchi e Rossi delle utenze rilevate. (2) In altri termini noi abbiamo 2 informazioni, di elevato livello circa la fonte, ma con un fatto che necessità di approfondimento circa il contenuto della seconda informazione. Se ponessimo il quesito, dato dal piano di ricerca informativa: Bianchi conosce Rossi avremmo certamente una inferenza. La risposta è cioè si. Ma se i quesiti fossero: Bianchi ha assidui rapporti con Rossi? Il loro rapporto riguarda attività illecite?, forse necessiteremmo di qualcosa di più, in quanto con queste 2 informazioni avremmo 2 ipotesi distinte: ipotesi 1: Bianchi e Rossi avrebbero rapporti assidui, ma va confermato se le 2 utenze rilevate, sono a loro in uso esclusivo ipotesi 2: i loro rapporto potrebbe riguardare attività illecite (precedenti informazioni già hanno confermato l esistenza di attività illeciti da parte di Bianchi) ma ciò deve trovare conferme in altre informazioni che al momento mancano del tutto. Quindi le informazioni già disponibili, rispetto a questo quesito informativo, sono assolutamente insignificanti. Se aggiungessimo anche una fonte confidenziale di provata attendibilità precedente che ci dice che BIANCHI e ROSSI trafficano insieme cocaina, avremmo aggiunto una informazione ulteriore di tipo B4, se il processo è informativo o investigativo preprocedimentale. Ma siamo di fronte ad una informazione nulla se siamo nell ambito del processo penale. Inferenza A differenza delle ipotesi, l inferenza rappresenta una certezza rigorosa. Se all esempio, aggiungessimo un sequestro di cocaina nei confronti di Rossi, avremmo una informazione che rende conto di fatto rigorosamente accertato. Rossi e Bianchi trafficano in cocaina. In latri termini:non vi è alcun dubbio. Predizione La predizione possiamo definirla come un Inferenza circa qualcosa che potrà avvenire in futuro Previsione o stima è valutazione circa un fatto e formulazione di un ipotesi futura. Il processo di analisi è, dal punto di vista soggettivo un processo logico che ricorre alle regole del procedimento logico- sillagmatico, antico come il mondo.

7 Forse è utile ricordare che secondo Aristotele il processo logico era di tipo deduttivo, che egli definiva anche sillagma che si componeva di una premessa maggiore, una premessa secondaria ed una deduzione. Spesso è proprio la premessa maggiore a rappresentare il punto debole di un ragionamento sillagmatico, giacchè, come si è già avuto modo di osservare, la premessa maggiore è frutto di un vissuto, di leggi universali o di postulati. Aristotele definiva il sillogismo come un discorso in cui, poste talune cose, alcune altre ne seguono per necessità. 9 L esempio scolastico, per meglio comprendere, è tutti gli uomini sono mortali, Socrate è un uomo, Socrate è mortale. Il ragionamento sillagmatico o deduttivo, noto per essere, dunque, un percorso dal generale al particolare, pur importante, mal si concilia da solo con un approccio scientifico all investigazione o, in generale all analisi delle informazioni. E tutte le volte che vi si è fatto ricorso, ha inevitabilmente condotto a disastri o risultati fallimentari. Il caso più eclatante di tale fallimento, è il c.d. teorema BUSCETTA 10, che attraverso pronunce altalenanti è stato definitivamente cassato, proprio sui punti derivanti dal ragionamento sillagmatico, con 2 pronunce nel e nel Com è noto le dichiarazioni di Tommaso Buscetta, primo importante pentito di mafia, fissarono una serie di punti fermi introducendo nella logica dei processi a Cosa Nostra, una serie di premesse maggiori e postulati tratti proprio da regole dell organizzazione mafiosa. Tra queste, ad esempio, la regola che vorrebbe che ogni omicidio eccellente non possa che essere deliberato dalla Commissione di Cosa Nostra. Talché il ragionamento sillagmatico che ne seguiva, era il seguente: ogni omicidio eccellente viene deciso dalla Commissione di Cosa Nostra (premessa maggiore), l omicidio di Mattarella è un omicidio eccellente (premessa minore) tutti i componenti della Commissione, sono mandanti dell omicidio Mattarella (inferenza). La Corte di Cassazione, sez. Unite, nella sentenza di assoluzione per l omicidio del giornalista Mino Pecorelli, aveva osservato tra l altro che sarebbe viziata da grave errore logico giuridico la decisione che, nell affermare la responsabilità dell imputato direttamente attribuisse alla massima di esperienza inerente alla regola di Cosa Nostra la dimostrazione del fatto da provare, prescidendo dalle specifiche risultanze processuali, osservandosi icasticamente che se bastasse provare la regola per reputarne provata anche la concreta osservanza, si incorrerebbe in una evidente petizione di principio e dovrebbe riconoscersi l apoditticità di un simile argomentare. In realtà, mentre è accettabile il rischio di ricorrere a ragionamenti sillagmatici nel caso decision support, ossia analisi di informazioni a supporto delle decisioni, costituirebbe la negazione del rigore scientifico in cui devono muoversi le indagini, ricorrere al sillagma. Il ricorso al ragionamento sillagmatico è la madre di tutte le distorsioni del sistema giudiziario penale, giacchè tra media e aule di giustizia, alcune pseudo verità già fondate su processi logici distorti, si sono trasformate a loro volta in postulati e premesse maggiori per la ricostruzione di altre vicende successive. Tale ragionamento si è ulteriormente alterato, in quanto non accompagnato dalla necessaria onestà intellettuale, che significa solo ricorrere ad altri principi da cui muovere qualunque forma paradigmatica. Alessandro Traversi 12, ricorda ad esempio l importanza del principio di non contraddizione che sta ad indicare niente simultaneamente può essere e può non essere 13 Da questo principio derivano alcuni corollari, tra cui il principio del tertium non datur o del terzo escluso. 9 Aristotele, Organon. Topici, libro I. 10 Sez. Prima Cass. Del 30 Gennaio 1992, Abbate + altri. 11 Cass. Sez Unite Penali, Sent. Nr con cui veniva assolto Giulio Andreotti dall accusa di essere il mandante dell omicidio del giornalista Mino Pecorelli. 12 Alessa ndro TRAVERSI, La difesa penale. Tecniche argomentative e oratorie, Giuffrè 2002

8 Quindi il ragionamento contradditorio è un non ragionamento. Il problema è che distinguere ragionamenti contradditori da ragionamenti non contradditori, non è nei fatti così agevole. Più adatto al ragionamento scientifico necessario all analisi operativa ed al processo penale, potrebbe sembrare il processo induttivo, che al contrario del sillogismo parte da un certo numero di casi particolari e giunge alla formulazione di principi generali che prende il nome di legge empirica. Che gli omicidi presuppongono un movente è frutto ad esempio di una ragionamento induttivo, in quanto si basa sulla esperienza di una casistica concreta. Che le frodi in azienda siano motivate da un bisogno economico, è anch esso frutto di esperienza e di un ragionamento induttivo. Con un ragionamento induttivo, per rimanere all esempio del teorema Buscetta, l esperienza sul campo, dimostra che aldilà dei principi che regolano in astratto la vita di Cosa Nostra e, in generale, delle associazioni di tipo mafioso, che essi sono spesso disattesi, talché basarsi sulle regole criminali, ponendole a fondamento di processi probatori può essere forviante. O ancora, ciò che ha reso fragile il teorema Buscetta è stato proprio il confondere un ragionamento deduttivo per induttivo, nel senso che le massime d esperienza tratte dalle dichiarazioni di Buscetta e dalla conoscenza di Cosa Nostra, sono state ritenute il frutto di una casistica tale da dare luogo ad una sorta di legge universale. Il ragionamento induttivo è di estrema utilità nell analisi previsionale in quanto consente, proprio attraverso l analisi di un numero elevato di casi, di prevedere cosa avverrà, attraverso un approccio di tipo probabilistico. In realtà è il paralogismo che crea scompensi e risultati deludenti. Nel sillogismo cosidetto dialettico o paralogismo, gli elementi posti a premessa maggiore, non sono fondati su verità assolute ed indiscutibili, ma al contrario su quelle che sembrano opinioni generali, anche quando non lo sono. In altri termini il paralogismo, sembra una via intermedia tra un processo deduttivo ed un processo induttivo, nel senso che il conosciuto, frutto in realtà di una casistica poco ricca e risultato, pertanto, di un processo logico induttivo, si trasforma un una regola generale che rappresenta la premessa maggiore di un ragionamento forviante. E questo sillogismo dialettico, con premesse solo apparentemente vere il paralogismo, diviene la fonte principale di errori giudiziari. Il paralogismo, a volte assume la forma di veri e propri sillogismi perversi, quando manca anche la possibilità di una contrapposizione dialettica e si sposa con la ricerca del clamore mediatico che ne discende. Un esempio tra tutti è costituito dai ragionamenti posti alla base del c.d. metodo Genchi 14 Quelle che una gran parte dei seguaci di Genchi, consulente apprezzato da alcuni pubblici Ministeri adusi a ragionamenti dello stesso tipo, hanno acclamato come fossero conclusioni certe di alcuni fatti storici, variamente inseriti in vicende penali senza alcun risultato processuale, altro non sono che il frutto di percorsi sillagmatici perversi che muovono da premesse maggiori distorte ingenerate nel comune sentire degli ultimi anni, dai media. Un esempio scolastico che schematizza tale ragionamento può essere il seguente: chi ha contatti con un indagato è soggetto aduso a commettere reati (premessa maggiore) Rossi è indagato (premessa minore A) Bianchi è in contatto con Rossi (premessa minore B) Bianchi è soggetto aduso a commettere reati (conclusione). Questo genere di errore abbastanza frequente, trova una sua spiegazione nel fatto che la cultura investigativa deve al sue radici al mondo del crimine tradizionale. Rapinatori che frequentano rapinatori, trafficanti di droga che frequentano altri trafficanti di droga e così via. 13 Aristotele, Metafisica, libro III 14 Gioacchino GENCHI e Alessandro Montolli, il caso Genchi, Aliberti, 2009

9 Ma quando le indagini si spostano su altri mondi ed altri ambienti per investigare su quelli che sono definiti crimini dai colletti bianchi o criminalità politica, i contatti tra le persone non sono necessariamente di natura illecita. Le chiavi di lettura, ossia le premesse maggiori, saltano. Se poi tali elementi non sono utilizzati per provare reati ma per diffamare, il paralogismo diventa sillogismo perverso. Nell inchiesta Telecom, era frequente che nelle informative dei carabinieri si desse risalto ai contatti telefonici tra indagati, come se questo potesse essere ritenuto indizio di reità. Ma molti indagati erano colleghi nella stessa azienda ed i contatti telefonici tra colleghi, sono la cosa più normale che possa esserci. Il paralogismo o quello che qui definisco sillogismo perverso, è assimilabile a quello che Kant definiva fallacia 15 ossia un inferenza della ragione formalmente falsa, benché abbia la parvenza di un inferenza corretta. Essa assume diverse forme. Ma la più pericolosa è quella del nesso causale apparente, in cui cioè la consequenzialità temporale, viene assunta ad efficacia di causalità che in realtà non esiste o non è dimostrata. Infatti dovrebbe essere pacifico che un fatto è conseguenza di un altro non solo per il nesso temporale ma per averlo concretamente determinato. O quello della falsa analogia, riassumibile in frasi molto abusate del guarda caso o chissa perché, sicuramente di grande efficacia persuasiva, ma certamente non in grado di sostenere la prova di un fatto. Il ricorso alle ipotesi, può certamente essere una modalità ragionativa percorribile, anche nell ambito del procedimento penale. Alle ipotesi Aristotele attribuiva un valore di legge sicuramente di rango inferiore 16 Il metodo dell ipotesi ha la sua validità soprattutto nella fase delle indagini, in quanto parte da una supposizione ancora non convalidata da dati di esperienza, ma che deve essere sperimentata. In altri termini il metodo dell ipotesi è valido se progressivamente accompagnato dalla osservazione e dalla verifica. APPROFONDIMENTI: SE WIKYLEAKS ASSURGE AL SIMBOLO DELLA PACE Appare provocatoria la proposta del senatore norvegese Snorre Valen di candidare il sito di Assange a premio nobel per la pace. Secondo il politico norvegese, il merito di wikyleaks, sarebbe stato quello di diffondere la cultura di una stampa libera. Ma cosa c entra con la pace? Nulla. Almeno a parere di chi scrive. Anzi, wikyleaks, se da un lato soddisfa la necessità di sapere, senza barriere legate ai segreti di Stato, dall altra può seminare odio ed alimentare lo scontro tra paesi, ed alimentare tensioni geopolitiche, spesso sulla base di documenti che, se da un lato l ufficialità della loro origine attribuisce loro una patente di piena attendibilità, dall altra non contribuiscono ad alimentare una cultura della ricerca della verità. Mi spiego meglio. Fa parte oramai delle deformazioni più ricorrenti, confondere, nel processo di analisi informativa, l origine ufficiale delle fonti, con una loro valutazione di piena attendibilità. Un atto giudiziario, un documento governativo, non può essere ritenuto di default una fonte attendibile. Anche tali atti, sono molto spesso, il frutto di una interpretazione umana di dati elementari. 15 E. Kant, Logica, ed. Laterza, Aristotele, Organon, libro I

10 Se ricordate, tra le più recenti rivelazioni di wikyleaks, ad esempio si, faceva riferimento ad informative delle diplomazie statunitensi presenti in Italia che accennavano ad abitudini private del Presidente del Consiglio Italiano, Berlusconi. Tali note, aldilà del loro carattere pruriginoso, pubblicate da wikyleaks, era immediatamente assurte a verità assolute. In realtà, senza con ciò voler esprimere una valutazione di merito sulla vicenda, esse rappresentavano la sintesi di commenti raccolti nei salotti diplomatici italiani. Nulla di più. Ma si aggiunga anche che, questo genere di valorizzazione di tali tipologie di fonti ha dato vita, negli ultimi anni, a meccanismi perversi ed a circuiti mediatico-informativi, anche artatamente messi in opera per fini di lotta politica. Se ad un atto giudiziario viene attribuito un valore assoluto ed incontrovertibile, può accadere che esso venga confezionato ad hoc si pensi ad una dichiarazione testimoniale senza alcuna valenza di reato e successivamente indirizzato ai media. L effetto che ne consegue è devastante. Gli esperti di buzz marketing ben conoscono i meccanismi del moderno passa parola. Nulla di diverso, ma ben più raffinato, di ciò che nell antico paesello, rovinava la reputazione di giovani fanciulle in età da marito. Allora: lasciamo stare Wikyleaks. La pace è una cosa seria, ed il Nobel anche. Fonti: ?showComments=true Angelo Jannone

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione

1. Introduzione. 2. I metodi di valutazione 1. Introduzione La Riserva Sinistri è l accantonamento che l impresa autorizzata all esercizio dei rami danni deve effettuare a fine esercizio in previsione dei costi che essa dovrà sostenere in futuro

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

La soluzione al D.Lgs. 231/2001, distinguendosi. Network231 è un marchio registrato di LF ITALIA S.r.l. Piazza Quattro Novembre, 7 - Milano

La soluzione al D.Lgs. 231/2001, distinguendosi. Network231 è un marchio registrato di LF ITALIA S.r.l. Piazza Quattro Novembre, 7 - Milano La soluzione al D.Lgs. 231/2001, distinguendosi Il contesto legislativo Come noto, con il D.Lgs. 231/01, il Legislatore ha introdotto nell ordinamento italiano un regime di responsabilità diretta a carico

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Osservatorio. Lavoro Nero

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. Osservatorio. Lavoro Nero Osservatorio Lavoro Nero Sommario Introduzione... 2 La revisione delle procedure informatiche... 3 Osservatorio del Lavoro Nero... 6 La nuova piattaforma... 6 Analisi della posizione del lavoratore - post

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Sintesi dei principali risultati 1

Sintesi dei principali risultati 1 Sintesi dei principali risultati 1 In quest indagine sul settore dei servizi per le imprese, sono state studiate imprese che svolgono servizi di ricerca, selezione e fornitura di personale; imprese di

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo.

La privacy è un diritto fondamentale oggi riconosciuto dall ordinamento giuridico di tutti i paesi europei e delle principali nazioni del mondo. LUCERNA IURIS LEGAL EUROPEAN NETWORK STUDIO LEGALE MAGLIO E ASSOCIATI - Cosa è la privacy - Cosa sono i dati personali - I principi fondamentali da conoscere per proteggere i dati personali a. Cosa è la

Dettagli

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA CAPITOO 4 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 55 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 57 Questo capitolo descrive l uso del Q per sviluppare budget e piani di lavoro basati sul

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Master Executive in Security & Intelligence

Master Executive in Security & Intelligence Dipartimento di Scienze della Security, Investigazione e Intelligence Bando del Master Executive in Security & Intelligence Direttore: Prof. MASSIMO BLANCO Coordinamento Scientifico: MASSIMO QUATTROCCHI

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

Imparare a vendere la nostra professionalità.

Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. Imparare a vendere la nostra professionalità. 2010 La preparazione del proprio curriculum è un momento intenso e come tale deve essere vissuto. Presentarsi

Dettagli

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance.

Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Regolamento di disciplina della misurazione, della valutazione e della trasparenza delle performance. Art. 1 OBIETTIVI Il sistema di misurazione, valutazione e trasparenza delle performance viene applicato

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

Metodologia di rilevazione dei dati e analisi dei rischi

Metodologia di rilevazione dei dati e analisi dei rischi ALLEGATO 2 Metodologia di rilevazione dei dati e analisi dei rischi La fase di analisi e valutazione del rischio si è articolata in due sotto-fasi: a) la rilevazione delle informazioni e dei dati; b) la

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale - REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE, DELLA VALUTAZIONE, DELLA RENDICONTAZIONE E DELLA TRASPARENZA DELLA PERFORMANCE Approvato

Dettagli

Modulo: Scarsità e scelta

Modulo: Scarsità e scelta In queste pagine è presentato un primo modello di conversione di concetti, schemi e argomentazioni di natura teorica relativi all argomento le scelte di consumo (presentato preliminarmente in aula e inserito

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato

La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato BUON MANAGEMENT = BUONA SANITA La qualità della gestione come fattore di successo nel settore pubblico come in quello privato Bassano del Grappa, 25 giugno 2012 Questo Convegno nasce dall idea che un confronto

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI

CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI CLASSIFICAZIONE DEI CARATTERI Come abbiamo visto, su ogni unità statistica si rilevano una o più informazioni di interesse (caratteri). Il modo in cui un carattere si manifesta in un unità statistica è

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI PEDAGOGIA SPERIMENTALE LEZIONE III INTRODUZIONE ALLA RICERCA SPERIMENTALE (PARTE III) PROF. VINCENZO BONAZZA Indice 1 L ipotesi -----------------------------------------------------------

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione)

Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) CONCORSO DOCENTI Premio nazionale per docenti Didattica del REACH e del CLP Seconda edizione Come convivere: cambia tu!...lei non può. (dall etichetta di pericolo all esposizione) Concorso nazionale per

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione

Cittadinanza e Costituzione Cittadinanza e Costituzione Anno Scolastico 20010/11 Progetto di Cittadinanza e Costituzione Finalità Essere cittadini di un mondo in continuo cambiamento ha come premessa il conoscere e il porre in atto

Dettagli

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese?

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Torino, 14 aprile 2006 Indice Considerazioni iniziali...p.3 La non crescita...p.5 In concreto, cosa si può fare?...p.6 Considerazioni

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance

Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance CUSTOMER SUCCESS STORY Febbraio 2014 Lexmark Favorisce la Trasformazione dell IT con le Soluzioni CA Service Assurance PROFILO DEL CLIENTE Settore: servizi IT Società: Lexmark Dipendenti: 12.000 Fatturato:

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità ANALISI DEL TITOLO Per prima cosa cercheremo di analizzare e capire insieme il senso del titolo di questo lavoro:

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79.

G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. G. M. QUER, Democrazia e diritti umani in Israele. Un modello per un mondo che cambia, Milano, Proedi Editore, 2006, pp. 1-79. di Cristina Gazzetta Il libro che qui si segnala al lettore è il risultato

Dettagli

1 IL MODELLO CONCETTUALE

1 IL MODELLO CONCETTUALE 1 1 IL MODELLO CONCETTUALE IL CONTESTO DI PERFORMANCE Per performance si intende il grado con il quale un sistema realizza gli obiettivi che si è posto (figura 1.1). Da tale definizione, universalmente

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale MEGAS. NET S.P.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale (adottato ai sensi dell'art. 18, secondo comma, D.L. 112/2008, convertito con Legge 6 agosto 2008, n.

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

LIBERI DALLE MAFIE Progetto di sensibilizzazione nelle scuole Secondarie di I grado del Comune di Ravenna contro tutte le mafie ed.

LIBERI DALLE MAFIE Progetto di sensibilizzazione nelle scuole Secondarie di I grado del Comune di Ravenna contro tutte le mafie ed. - ASSOCIAZIONE PEREIRA - LIBERI DALLE MAFIE Progetto di sensibilizzazione nelle scuole Secondarie di I grado del Comune di Ravenna contro tutte le mafie ed. 2012 -------- RISULTATI QUESTIONARIO Il questionario

Dettagli

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO

COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO COMMISSIONE DIFESA D UFFICIO Il bilancio della attuale situazione Il punto di partenza del lavoro della Commissione Difesa di Ufficio UCPI, teso a proporre valide ipotesi di riordino della materia 1, è

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI

INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RHRG00 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI Rev. 01 2014.10.20 Pagine 10 Pagina 1 RHRG00 REVISIONE 01 INDIVIDUAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI RAVENNA HOLDING S.P.A. Via Trieste, 90/A - 48122 Ravenna

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di

ambientale ai fini sia dell Annuario dei dati ambientali che ogni anno pubblichiamo, sia di eventuali altri utilizzi di questi indicatori di COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento dell Ing. Gaetano Battistella Mi occupo di protezione dell ambiente e porterò una testimonianza in un campo parallelo, ma che ha sicuramente forti legami

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA

DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA DIREZIONE REGIONALE SARDEGNA REPORT RELATIVO ALL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION ESEGUITA PRESSO LA SEDE DI CAGLIARI e pertinenze (CARBONIA) ANNO 2013 RISULTATI FINALI DEL QUESTIONARIO SULLA SODDISFAZIONE

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168

Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 Comune di Azzano San Paolo Provincia di Bergamo Piazza IV novembre Tel. 035/53.22.11 Fax 035/53.00.73 C.F./IVA n. 00681530168 E-mail: servizio.segreteria@comuneazzanosanpaolo.gov.it P.E.C: comuneazzanosanpaolo@pec.it

Dettagli

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile

Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il percorso della sicurezza per i volontari di protezione civile Il decreto legislativo n. 81/2008, la legge che tutela la sicurezza dei lavoratori, si applica alle attività svolte dai volontari di protezione

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO http://www.sinedi.com ARTICOLO 27 OTTOBRE 2008 IL SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO PRODUZIONE DI VALORE E RISCHIO D IMPRESA Nel corso del tempo, ogni azienda deve gestire un adeguato portafoglio di strumenti

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA. Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 il

Dettagli

Strategie e metodi per un apprendimento efficace

Strategie e metodi per un apprendimento efficace Strategie e metodi per un apprendimento efficace In più di 100 anni, gli psicologi cognitivi dell apprendimento hanno sviluppato parecchie tecniche di studio: alcune accelerano l apprendimento, altre invece

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com

Al tuo fianco. nella sfida di ogni giorno. risk management www.cheopeweb.com Al tuo fianco nella sfida di ogni giorno risk management www.cheopeweb.com risk management Servizi e informazioni per il mondo del credito. Dal 1988 assistiamo le imprese nella gestione dei processi di

Dettagli

NORMATIVA SULLA PRIVACY

NORMATIVA SULLA PRIVACY NORMATIVA SULLA PRIVACY Il presente codice si applica a tutti i siti internet della società YOUR SECRET GARDEN che abbiano un indirizzo URL. Il documento deve intendersi come espressione dei criteri e

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

IT FORENSICS corso di perfezionamento

IT FORENSICS corso di perfezionamento IT FORENSICS corso di perfezionamento Lecce, ottobre-dicembre 2013 www.forensicsgroup.it FIGURA PROFESSIONALE CHE SI INTENDE FORMARE L Esperto di IT Forensics è un consulente altamente specializzato nella

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it

skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it skema investment srl progetti di investimento responsabile: Franco Bulgarini www.skema.it vers.20042012 Questo documento è stato utilizzato come supporto ad una presentazione orale. Il contenuto non è

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE

IL PUNTO DI VISTA DEL MEDICO DI FAMIGLIA NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE IL PUNTO DI NELLA GESTIONE DELL OSTEOPOROSI ( PREVENZIONE E TRATTAMENTO) E NELLA PREVENZIONE DELLE FRATTURE PISTOIA 6 GIUGNO OSTEOPOROSI: DIFETTO SISTEMICO A CARICO DELLO SCHELETRO CARATTERIZZATO DA UNA

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L.

CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. CODICE ETICO DI COMPORTAMENTO MAS S.R.L. Codice Etico Indice 1. Missione e valori...1-2 2. Regole generali...3 2.1 Osservanza delle regole generali e comportamento etico.3 2.2 Esclusività...4 3. Responsabilità...4

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e

COMUNE DI GIOVINAZZO. Regolamento di disciplina della misurazione e COMUNE DI GIOVINAZZO Regolamento di disciplina della misurazione e valutazione della performance Approvato dalla Giunta Comunale con deliberazione n. del 1 Articolo 1 Oggetto e finalità 1. Le disposizioni

Dettagli

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 Scopo della ricerca Riuscire a determinare le caratteristiche di un fenomeno attraverso un campionamento di alcuni

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2011-2013 Percorso Autovalutazione Guidata CAF Feedback

Dettagli