NOTIZIE NORMATIVE, PREVIDENZIALI e FISCALI NEWSLETTER IN MATERIA DI LAVORO NR. 35_2014 DEL 23 SETTEMBRE 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIE NORMATIVE, PREVIDENZIALI e FISCALI NEWSLETTER IN MATERIA DI LAVORO NR. 35_2014 DEL 23 SETTEMBRE 2014"

Transcript

1 NOTIZIE NORMATIVE, PREVIDENZIAI e FISCAI NEWSETTER IN MATERIA DI AVORO NR. 35_2014 DE A cura di: DATA MANAGEMENT HRM S.P.A. Presidio Normativo Per maggiori informazioni sui servizi di consulenza e sulle varie tipologie di offerte disponibili contattare: Powered by STUDIO TRIBUTARIO CORINADESI

2 Argomenti ADEMPIMENTI... 2 TFR Aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Agosto RIVAUTAZIONE DE TFR: diffuso il calendario Istat... 2 SCADENZARIO SETTEMBRE SETTEMBRE: CASSA INTEGRAZIONE SETTEMBRE: IBRO UNICO DE AVORO SETTEMBRE: DENUNCIA UNIEMENS SETTEMBRE: MODEO SCADENZARIO OTTOBRE OTTOBRE: CONTRIBUTI DIRIGENTI TERZIARIO OTTOBRE: VERSAMENTI UNIFICATI... 4 NOVITÀ IN MATERIA DI AVORO... 5 AGENZIA DEE ENTRATE: NOVITÀ F24 TEEMATICO... 5 SEMPIFICAZIONI FISCAI: NOVITÀ RIGUARDANTI I SOSTITUTO D IMPOSTA... 7 INDENNITÀ MINI ASPI: POSSIBIE A TRASFORMAZIONE IN ASPI... 8 MAATTIA, RIENTRO ANTICIPATO A AVORO CON CERTIFICATO IDONEO... 9 SCADENZARIO CONTRATTUAE SETTEMBRE EETTRICITÀ EROGAZIONE AGGIUNTIVA IGIENE AMBIENTAE - AZIENDE MUNICIPAIZZATE FOCUS...12 RATEAZIONI INPS, NUOVE PROCEDURE I QUESITO DE MESE...13 OGGETTO: Calcolo giornate indennizzate dall Inps in caso di fruizione del congedo parentale dal lunedì al venerdì NOVITÀ IN MATERIA PENSIONISTICA...14 INPS MESSAGGIO N DE 18 SETTEMBRE 2014: Pensioni delle gestioni private, pianificazione delle attività di fine anno attività propedeutiche al rinnovo 2015 ed alla consuntivazione fiscale 2014, da effettuare a cura delle Sedi INPS CIRCOARE N. 110 DE 19 SETTEMBRE 2014: Convenzione fra l INPS e la Confederazione delle Piccole e Medie Imprese, dei avoratori Autonomi e dei Pensionati (FEDERAZIENDE) per la riscossione dei contributi sindacali sulle prestazioni pensionistiche ai sensi della legge 11 agosto 1972, n Istruzioni operative e contabili. Variazioni al piano dei conti INPS CIRCOARE N. 111 DE 19 SETTEMBRE 2014: Convenzione fra l INPS e il Sindacato Nazionale Autonomo avoratori e Pensionati (S.N.A..P.) per la riscossione dei contributi sindacali sulle prestazioni pensionistiche ai sensi della legge 11 agosto 1972, n Istruzioni operative e contabili. Variazioni al piano dei conti INPS CIRCOARE N. 112 DE 19 SETTEMBRE 2014: Convenzione fra l INPS e la Confederazione Sindacale Autonoma lavoratori e Pensionati Europei (CONF.S.A..P.E.) per la riscossione dei contributi sindacali sulle prestazioni pensionistiche ai sensi della legge 11 agosto 1972, n Istruzioni operative e contabili. Variazioni al piano dei conti INPS MESSAGGIO N DE 19 SETTEMBRE 2014: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. Dichiarazione reddituale RASSEGNA PERIODICA...19 INPS MESSAGGIO N DE 19 SETTEMBRE 2014: Nuovo calendario di spedizione delle note di rettifica. Nuovi preavvisi di DURC interno negativo N.B. - In caso di consultazione in modalità PDF, cliccare l indice per visualizzare l argomento di interesse. 1 27

3 ADEMPIMENTI TFR Aggiornato il coefficiente di rivalutazione per il mese di Agosto 2014 I l coefficiente di rivalutazione del TFR, per le quote accantonate dal 15 agosto 2014 al 14 settembre 2014, è pari a 1,280112%. RIVAUTAZIONE DE TFR: diffuso il calendario Istat Istat ha diffuso il calendario 2014 fissando, tra le altre, le date in cui saranno emessi i dati sui prezzi al consumo ai fini della determinazione dei coefficienti di rivalutazione del Tfr. Comunicato Istat Periodo di riferimento Martedì 14 ottobre 2014 Settembre 2014 Giovedì 13 novembre 2014 Ottobre 2014 Venerdì 12 dicembre 2014 Novembre

4 SCADENZARIO SETTEMBRE SETTEMBRE: CASSA INTEGRAZIONE I datori di lavoro interessati dall intervento della Cig e della Cigs devono presentare all Inps domanda di pagamento dell integrazione salariale per le sospensioni o riduzioni iniziate nel mese precedente, con modalità telematiche a mezzo mod. Ig15 (Cig) e Cigs on line (Cigs). 30 SETTEMBRE: IBRO UNICO DE AVORO D atori di lavoro, committenti e soggetti intermediari tenutari devono stampare il ibro unico del lavoro o, nel caso di soggetti gestori, consegnare copia al soggetto obbligato alla tenuta, riferito al periodo di paga precedente. Il processo avviene mediante stampa meccanografica su fogli mobili vidimati e numerati su ogni pagina oppure su stampa laser previa autorizzazione Inail e numerazione. 30 SETTEMBRE: DENUNCIA UNIEMENS I datori di lavoro, i soggetti abilitati e gli intermediari autorizzati devono presentare all Inps in via telematica il modello di denuncia mensile UniEmens relativo al flusso aggregato dei dati relativi alla contribuzione del mese precedente. 30 SETTEMBRE: MODEO 730 I l Ministero delle Finanze ha stabilito che i lavoratori possono richiedere che la seconda rata acconto Irpef risultante dal 730, sulla busta paga di novembre, venga trattenuta in misura ridotta o addirittura annullata. Il 30 settembre scade il termine per comunicare al datore di lavoro o ente pensionistico l intenzione di voler effettuare un minor o nessun acconto IRPEF/cedolare secca. In carenza di specifica comunicazione, il sostituto d'imposta effettuerà, sulla busta paga di novembre, la trattenuta della seconda rata acconto Irpef risultante dal modello 730/

5 SCADENZARIO OTTOBRE OTTOBRE: CONTRIBUTI DIRIGENTI TERZIARIO e aziende commercio, trasporto e spedizione devono versare alle seguenti Casse di assistenza i contributi integrativi ed assistenziali per i dirigenti in relazione al trimestre precedente (Ccnl vigente): - Fpdac (Fondo M. Negri) a mezzo modello Pia tramite Bnl; - Fasdac (Fondo M. Besusso) a mezzo modello Pia tramite Bnl; - Previr a mezzo modello Pia tramite Bnl. 16 OTTOBRE: VERSAMENTI UNIFICATI I contribuenti titolari di Partita Iva devono versare con F24 telematico tramite modalità diretta (servizio Entratel o Fisconline con remote banking) oppure tramite intermediari abilitati Entratel i seguenti contributi ed imposte: - ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente ed assimilati trattenute dai sostituti d imposta nel mese precedente; - contributi previdenziali ed assistenziali dovuti all Inps dai datori di lavoro per il periodo di paga scaduto il mese precedente; - contributi dovuti dai committenti alla gestione separata Inps per collaborazioni coordinate e continuative e per le prestazioni degli associati in partecipazione pagate nel mese precedente; - contributi dovuti dalle imprese dello spettacolo alla Gestione ex Enpals; - addizionale regionale Irpef per le cessazioni del mese precedente; - liquidazione periodica Iva; Per i non titolari di partita Iva i versamenti devono essere eseguiti con F24 cartaceo tramite: - Istituto di credito convenzionato a mezzo delega irrevocabile; oppure alternativamente con uno dei seguenti canali: - Uffici postali abilitati; - Concessionario della riscossione. 4 27

6 NOVITÀ IN MATERIA DI AVORO AGENZIA DEE ENTRATE: NOVITÀ F24 TEEMATICO D I al 1 ottobre, diventa obbligatorio l'utilizzo dell'f24 telematico per i versamenti superiori a euro, per quelli a saldo zero o con crediti in compensazione con saldo finale maggiore di zero anche per le persone non titolari di partita IVA. Per tale motivo l'agenzia delle Entrate, con la circolare n. 27 del 19 settembre 2014, fa il punto della situazione. In particolare l'agenzia ricorda che: «A decorrere dal 1 ottobre 2014, fermi restando i limiti già previsti da altre disposizioni vigenti in materia, i versamenti di cui all'articolo 17 del D.gs. 9 luglio 1997, n. 241, sono eseguiti: a) esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall'agenzia delle entrate, nel caso in cui, per effetto delle compensazioni effettuate, il saldo finale sia di importo pari a zero; b) esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall'agenzia delle entrate e dagli intermediari della riscossione convenzionati con la stessa, nel caso in cui siano effettuate delle compensazioni e il saldo finale sia di importo positivo; c) esclusivamente mediante i servizi telematici messi a disposizione dall'agenzia delle entrate e dagli intermediari della riscossione convenzionati con la stessa, nel caso in cui il saldo finale sia di importo superiore a mille euro.». Dal prossimo mese pertanto i modelli F24 a saldo zero, i modelli F24 con crediti utilizzati in compensazione con saldo finale maggiore di zero e quelli con saldo superiore a 1000 euro saranno presentati esclusivamente attraverso i servizi on line dell'agenzia ("F24web", "F24online" o tramite un intermediario abilitato) o mediante internet banking (banche, Poste Italiane, Agenti della riscossione e prestatori di servizi di pagamento, convenzionati con l'agenzia). In generale i versamenti con modello F24 cartaceo potranno continuare ad essere effettuati, presso gli sportelli degli intermediari della riscossione convenzionati con l'agenzia (Banche, Poste Italiane e agenti della riscossione), dai soggetti non titolari di partita IVA, nel caso in cui debbano versare, senza utilizzo di crediti in compensazione, somme per un importo totale pari o inferiore a euro. a presentazione del modello F24 in forma cartacea è, inoltre, ammessa nei seguenti casi particolari: - F24 precompilati dall'ente impositore (ad esempio Agenzia delle Entrate, Comuni, ecc.), con saldo finale superiore a euro, a condizione che non siano indicati crediti in compensazione; - utilizzo di crediti d'imposta fruibili in compensazione esclusivamente presso gli agenti della riscossione. Inoltre in considerazione del fatto che per numerosi contribuenti non titolari di partita IVA, alla data di entrata in vigore della nuova disposizione sono in corso, per il corrente anno, versamenti rateali di tributi, contributi ed altre entrate tramite modello F24 cartaceo, sarà possibile continuare ad effettuare i versamenti delle rate successive utilizzando la medesima modalità, fino al 31 dicembre 2014, anche per importi superiori a euro e/o utilizzando crediti in compensazione, oppure se il saldo del modello è pari a zero. a circolare si sofferma poi sul caso particolare di contribuenti impossibilitati alla tenuta di un conto corrente. Per tali soggetti l'agenzia precisa che: 5 27

7 a) i modelli F24 con saldo superiore a euro, senza l'utilizzo di crediti in compensazione, potranno essere inviati telematicamente rivolgendosi ad un intermediario abilitato, disponibile all'addebito del pagamento sul proprio conto corrente, ovvero ad intermediari della riscossione che consentono di presentare il modello F24 con modalità telematiche anche a soggetti non titolari di conto corrente in quanto, in tali ultimi casi, il pagamento è eseguito con modalità diverse rispetto all'addebito in conto, ad esempio tramite addebito di carte prepagate. In via residuale, nel caso in cui non fossero disponibili tali canali, potrà essere utilizzato anche il modello F24 cartaceo; b) i modelli F24 contenenti crediti utilizzati in compensazione, con saldo finale maggiore di zero, potranno essere presentati con le modalità telematiche richiamate alla precedente lettera a). In via residuale, nel caso in cui non fossero disponibili tali canali, potrà essere presentato, esclusivamente tramite i servizi telematici messi a disposizione dall'agenzia delle entrate, un modello F24 a saldo zero nel quale compensare il totale dei crediti a disposizione con una parte del debito da versare; il versamento del restante debito potrà essere effettuato anche con modello F24 cartaceo. 6 27

8 SEMPIFICAZIONI FISCAI: NOVITÀ RIGUARDANTI I SOSTITUTO D IMPOSTA N on sono poche le novità previste dallo schema di decreto legislativo in materia di semplificazioni fiscali, ancora in fase di approvazione, che interessano il sostituto d'imposta. Molte delle innovazioni riguardano l'assistenza fiscale, rispetto alla quale il sostituto ha un duplice ruolo: quello (eventuale) di soggetto I che elabora la dichiarazione dei redditi (cosiddetta assistenza fiscale diretta) e quello di soggetto sempre obbligato ad effettuare il conguaglio dei risultati del 730. a nuova dichiarazione dei redditi precompilata di cui all'articolo 1 del decreto, elaborata dal 2015 direttamente dall'amministrazione finanziaria sulla base dei dati ricevuti da soggetti terzi, potrà essere resa disponibile anche al sostituto che presta l'assistenza fiscale diretta (oltre che al contribuente, piuttosto che al Caf o al professionista abilitato). Per consentire la predisposizione della dichiarazione precompilata, l'articolo 2 del decreto, attraverso l'introduzione del comma 6 quinquies dell'articolo 4 del Dpr 322/1998, obbliga il sostituto a trasmettere i dati contenuti nei Cud telematicamente all'agenzia delle Entrate entro il 7 marzo dell'anno successivo, pena la sanzione di 100 euro per ciascuna comunicazione omessa, tardiva o errata (fermo restando la possibilità di correggere l'errore nei 5 giorni successivi alla scadenza). 'articolo 4 cambia di conseguenza il calendario delle scadenze connesse alla dichiarazione dei redditi, e in particolare, per quanto di competenza del sostituto, modifica l'articolo 13, comma 1 lettera a) del Dm 164/1999, prevedendo che il 730 sia presentato entro il 7 luglio dell'anno successivo a quello cui si riferisce la dichiarazione (contro l'attuale 30 aprile), termine che è divenuto lo stesso applicabile anche in caso di presentazione al Caf. Per i sostituti che prestano assistenza fiscale diretta, un successivo decreto, da emanarsi entro il 30 novembre, definirà, a partire dalle dichiarazioni predisposte nel 2015, una nuova misura del compenso spettante in base all'articolo 38 del D.gs. 241/1997 (compenso che è invariato da molti anni). Sicuramente molto utili sono le semplificazioni proposte in materia di addizionali. Per quella regionale, le Regioni vengono obbligate a comunicare entro il 31 gennaio dell'anno di riferimento i dati dei provvedimenti con cui hanno variato l'addizionale, ai fini della relativa pubblicazione nel sito ministeriale, pena l'inapplicabilità di sanzioni e interessi. Contestualmente, per uniformare le regole regionali e comunali, viene fissata al 1 gennaio (in luogo del 31 dicembre) la data per verificare il domicilio fiscale utile ai fini dell'addizionale regionale. Per l'addizionale comunale, invece, viene semplificato il calcolo dell'acconto, sopprimendo la previsione di possibili variazioni deliberate entro il 20 dicembre, in quanto dovranno essere sempre applicate le aliquote e le fasce di esenzione deliberate per l'anno precedente. Anche i provvedimenti di variazione adottati dai Comuni saranno soggetti all'obbligo di invio telematico, mediante inserimento nel portale del federalismo fiscale. Al fine di semplificare le operazioni di compensazioni debiti/crediti e soprattutto renderle trasparenti, nonché per agevolare l'esposizione dei relativi dati nel modello 770, nell'articolo 15 della bozza di decreto si prevede che dal 2015 i crediti per rimborso di imposte da 730, così come le eccedenze di versamento di imposte, debbano essere utilizzati esclusivamente in compensazione esterna, cioè visibile in F24, in base all'articolo 17 del D.gs. 241/

9 INDENNITÀ MINI ASPI: POSSIBIE A TRASFORMAZIONE IN ASPI I a domanda di indennità mini ASpl può essere convertita in indennità ASpl solo nel caso in cui si presenti un apposita domanda di indennità ASpI nei termini legislativamente previsti di due mesi e otto giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. È la raccomandazione impartita dall Inps con messaggio n del 19 settembre 2014 all assicurato che abbia presentato domanda di indennità mini ASpI e successivamente si sia accorto di possedere i requisiti per l indennità ASpI, al fine del riconoscimento della indennità ASpI: ripresentare la domanda nel termine dei previsti due mesi e otto giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. In tale ipotesi, la nuova prestazione ASpI richiesta ed accolta in presenza dei requisiti legislativamente previsti avrà quale decorrenza il giorno successivo alla data di presentazione della domanda e l importo già erogato a titolo di indennità mini-aspi verrà portato in detrazione a carico della nuova prestazione ASpI. Questa possibilità non sarà riconosciuta al lavoratore che presenti la domanda dopo il termine legislativamente previsto di due mesi e otto giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. 8 27

10 MAATTIA, RIENTRO ANTICIPATO A AVORO CON CERTIFICATO IDONEO Inps interviene sul rientro anticipato del lavoratore dalla malattia con il messaggio n del 12 settembre 2014, affermando che è necessario il certificato medico di rettifica. Questo perché il datore di lavoro dispone solo dell attestato di malattia, non la diagnosi e, pertanto, non è in grado di valutare se e in che misura il dipendente - che desideri rientrare in servizio anticipatamente rispetto alla prognosi formulata nel certificato prodotto - abbia effettivamente recuperato le proprie energie psicofisiche tali da garantire se stesso e l ambiente di lavoro. Il rischio per il datore potrebbe consistere nell impossibilità di assolvere agli obblighi imposti dalle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro. 9 27

11 SCADENZARIO CONTRATTUAE SETTEMBRE 2014 EETTRICITÀ EROGAZIONE AGGIUNTIVA C on la retribuzione del mese di settembre 2014 ai lavoratori in forza al 1 settembre 2014 va corrisposta un'erogazione aggiuntiva della retribuzione secondo i valori indicati nella tabella sottostante: QUAIFICA AUMENTO RETRIBUTIVO QS 177,96 Q 159,70 ASS 140,96 AS 131,93 A1S 126,39 A1 120,59 BSS 114,84 BS 109,94 B1S 104,76 B1 100,06 B2S 93,44 B2 86,95 CS 77,09 C1 69,77 C2 64,30 a seconda tranche va corrisposta nel mese di settembre Gli importi sono comprensivi dei riflessi sugli istituti retributivi diretti e indiretti, sia legali che contrattuali ed esclusi dal computo del t.f.r. Per le assenze a retribuzione ridotta nel mese di corresponsione, l'erogazione aggiuntiva verrà corrisposta con la stessa percentuale di riduzione. Nel caso di prestazione a part-time, l'erogazione aggiuntiva verrà corrisposta in misura proporzionale all'entità della prestazione

12 IGIENE AMBIENTAE - AZIENDE MUNICIPAIZZATE Assistenza integrativa P er le aziende che hanno in essere convenzioni e/o contratti collettivi di assistenza sanitaria integrativa, con Accordo del 25 luglio 2014 le Parti si impegnano a concludere entro il 15 settembre 2014 la procedura di adesione al Fondo Fasda prevista dal Ccnl

13 FOCUS RATEAZIONI INPS, NUOVE PROCEDURE Per l articolo si rimanda alla versione a pagamento della Newsletter

14 I QUESITO DE MESE OGGETTO: Calcolo giornate indennizzate dall Inps in caso di fruizione del congedo parentale dal lunedì al venerdì Si precisa che il riscontro riportato è mero estratto di un ampio parere legale predisposto per rispondere alle esigenze di una specifica azienda e che, pertanto, è da ritenersi solo rappresentativo dell attività svolta senza avere alcuna pretesa di esaustività, organicità completezza e correttezza se isolatamente inteso Richiesta: Si richiede di sapere come calcolare l indennità c/inps relativamente al numero di giorni indennizzati dall Ente Previdenziale nel caso di fruizione del congedo parentale dal lunedì al venerdì, con ripresa del congedo dal lunedì successivo (CCN Metalmeccanico Industria). Esempio: Domanda presentata all Inps: - dal 5 al 9 agosto 2013 (5 giorni) - dal 12 al 16 agosto 2013 (5 giorni) Si conteggiano tutti i giorni di calendario dal 5 agosto oppure si escludono i sabati e le domeniche? Per la risposta si rimanda alla versione a pagamento della Newsletter

15 NOVITÀ IN MATERIA PENSIONISTICA INPS MESSAGGIO N DE 18 SETTEMBRE 2014: Pensioni delle gestioni private, pianificazione delle attività di fine anno attività propedeutiche al rinnovo 2015 ed alla consuntivazione fiscale 2014, da effettuare a cura delle Sedi. C om è noto, dall anno 2013, le attività di certificazione fiscale di tutte le somme corrisposte dall INPS ai cittadini a qualunque titolo sono demandate alla Piattaforma fiscale, alla quale tutte le strutture conferiscono le informazioni necessarie al calcolo della tassazione. o Pertanto, in vista della prossima consuntivazione fiscale delle pensioni delle gestioni private, che sarà effettuata come di consueto congiuntamente alle attività di rinnovo, è necessario che le sedi provvedano con la massima urgenza a definire tutte le situazioni non corrette sotto il profilo fiscale, e comunque entro il 31 ottobre p.v.. Si indicano di seguito le casistiche interessate. 1. Detrazioni fiscali E necessario acquisire le variazioni di detrazioni fiscali pervenute dai cittadini con modalità cartacea o per il tramite dei Patronati. Si segnala in proposito che, a seguito del mancato rinnovo della convenzione con gli intermediari abilitati relativamente alla trasmissione in via telematica della richiesta di detrazioni, l attività deve essere svolta dalle strutture di produzione. Si rammenta inoltre che il Decreto-egge 13 maggio 2011, n. 70, convertito nella legge 12 luglio 2011, n. 106 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale 12 luglio 2011, n.160), ha abolito l obbligo di comunicazione annuale dei dati relativi alle detrazioni per familiari a carico, permanendo la necessità di tale adempimento solo in caso di variazione. a disposizione in questione è stata illustrata con messaggio n del 9 settembre Pensioni localizzate a ufficio pagatore interno (cassa sede) 2.1 Pensioni localizzate all ufficio pagatore EI italiano o estero e liste PENS006 e PENS007, disponibili nell applicativo PENSIONI DA VERIFICARE - ISTE PER E SEDI, contengono le pensioni localizzate all ufficio pagatore EI italiano o estero, per le quali deve essere verificata l opportunità di procedere alla eliminazione ovvero alla individuazione della causa della mancata riscossione. Si rammenta che tali pensioni, se non eliminate, CONTINUANO AD ESSERE RINNOVATE PUR NON ESSENDO POSTE IN PAGAMENTO. addove le strutture non intervengano, si provvederà alla eliminazione d ufficio delle pensioni prima delle operazioni di rinnovo. Si segnala in ogni caso la necessità di provvedere con la massima urgenza alla rettifica della certificazione fiscale a preventivo (anno 2014) nel caso in cui le somme effettivamente corrisposte non coincidano con i dati memorizzati nella sezione GP3-CUD

16 2.2 Pensioni localizzate a ufficio pagatore MOB/RED Per trattamenti di invalidità sospesi per opzione in favore del trattamento di mobilità ovvero per superamento dei limiti reddituali è necessario provvedere con la massima urgenza ad effettuare la rettifica della certificazione fiscale a preventivo (anno 2014) nel caso in cui le somme effettivamente corrisposte non coincidano con i dati memorizzati nella sezione GP3-CUD Si rammenta che le liste delle posizioni interessate sono disponibili sia attraverso la procedura iste Parametriche, sia dalla nuova applicazione "Reporting Operativo - iste Parametriche" disponibile nella pagina Assicurato Pensionato (gli utenti devono essere abilitati nel sistema Identity Manager con livello Operatore). 3. Codice catastale di residenza assente a lista RESID001 - PENSIONI SENZA CODICE CATASTAE DI RESIDENZA, contiene attualmente pensioni per le quali l indirizzo è assente o è memorizzato un Comune non riconosciuto da ARCA. a mancanza del codice catastale del Comune di residenza comporta l impossibilità di applicare le Addizionali all IRPEF in fase di rinnovo, e l impossibilità di inviare comunicazioni cartacee. e sedi devono provvedere alla sistemazioni delle posizioni in esame, aggiornando in ARCA i dati relativi all indirizzo di residenza. 4. Codice fiscale assente o non validato a mancanza del Codice fiscale impedisce una corretta gestione reddituale e non consente l invio alla Piattaforma fiscale dei dati utili all emissione della certificazione fiscale. e Sedi, ciascuna per quanto di propria competenza, devono effettuare gli opportuni accertamenti anagrafici e inserire il codice fiscale in ARCA. e posizioni da sistemare sono presenti nelle seguenti liste. disponibili nell applicativo PENSIONI DA VERIFICARE - ISTE PER E SEDI: - ANAG TITOARI DI PENSIONE CON CODICE FISCAE ASSENTE O NON VAIDATO; - ANAG FAMIIARI E CONTITOARI CON CODICE FISCAE ASSENTE; - ANAG TITOARI E CONTITOARI CON CODICE FISCAE ASSENTE. 5. Coniugi di soggetti diversi Il soggetto segnalato nell elenco è il titolare di pensione sulla quale è memorizzato un coniuge che, a sua volta, risulta coniuge di un soggetto diverso dal primo. a presenza di dati di soggetti diversi dal coniuge effettivo impedisce una corretta gestione reddituale e fiscale

17 e posizioni in argomento sono segnalate nelle seguenti liste, disponibili nell applicativo PENSIONI DA VERIFICARE - ISTE PER E SEDI: - ANAG CONIUGI DI SOGGETTI DIVERSI; - PENS OPERAZIONE RED: GESTIONE NUCEI ANOMAI. Si forniscono le indicazioni per la gestione delle diverse casistiche. 5.1 CONIUGE SBAGIATO (altro soggetto effettivamente esistente e con proprie posizioni in ARCA) Per queste casistiche, la sede deve effettuare l operazione di "spostamento patrimoni" in ARCA o ARCANET. Si tratta in pratica di spostare il riferimento ad una prestazione da un soggetto ad un altro. operazione di "spostamento patrimoni" in ARCA è stata illustrata con circolare n.89 del 2 maggio 2000 ed è descritta nel Manuale operativo di ARCANET al capitolo "Procedura Scissioni". Il Manuale è accessibile con il seguente percorso: INTRANET - Servizi - Arcanet - INFO - Manuale. o spostamento di "aggancio" in ARCA quale familiare di una certa pensione consente anche di eliminare l'elemento non corretto sul falso coniuge o familiare. Per effettuare la variazione, si deve: - richiamare in ARCA il CONIUGE SBAGIATO; - andare alla pagina nella quale sono memorizzati i rapporti del soggetto con l INPS, tra cui le pensioni; - cliccare F11- procedura scissioni - spostamento patrimoni; - selezionare la riga con la pensione da spostare con il tasto F4; - seguire le indicazioni date dalla procedura con i vari tasti funzionali. Una volta effettuati questi passaggi sulla posizione del coniuge errato, si deve: - richiamare in ARCA il CONIUGE CORRETTO; - andare alla pagina nella quale sono memorizzati i rapporti del soggetto con l INPS, tra cui le pensioni; - cliccare F11; - seguire le indicazioni fornite dalla procedura con i vari tasti funzionali. a variazione in ARCANET è analoga e descritta nel Manuale apposito. In nessun caso si deve effettuare l'operazione di seconde nozze se esiste già sulla pensione un altro soggetto memorizzato che non sia il vero coniuge. 5.2 TITOARE NON CONIUGATO e presenza di coniuge su pensione. In questo caso la sede non può intervenire, ma deve essere richiesta la cancellazione del GP3 con mail indirizzata a GruppoControlloPensioni, specificando lo stato civile del titolare della pensione

18 5.3 Ricostituzione delle pensioni ed assistenza alle sedi Una volta effettuata l operazione di spostamento patrimoni oppure cancellato il coniuge, la sede deve effettuare una ricostituzione sulle pensioni interessate facendo particolare attenzione ai redditi e allo stato civile. Assistenza per le particolari situazioni può essere richiesta al Gruppo Controllo Pensioni, allo stesso indirizzo sopra indicato, citando nell oggetto la lista nella quale è inserita la posizione da correggere ed inserendo nel testo della mail i dati della pensione (completi della sede numerica) e CODICE FISCAE del Titolare (non i dati anagrafici), oltre naturalmente al motivo per il quale si richiede assistenza. 6. Pensioni con dati di residenza incoerenti Si richiama l attenzione delle strutture anche sulla lista in argomento, codificata in PENSIONI DA VERIFICARE come PENS0030. Si tratta di soggetti per i quali viene rilevata incongruenza fra le informazioni contenute nei campi di indirizzo e di residenza (GP1RRESIDOM, GP1AZ03 e, se il caso, GP2BS02). asimmetria segnalata comporta una gestione non puntuale sia sotto in profilo fiscale, sia con riferimento ad eventuali prestazioni collegate al reddito non dovute (prestazioni inesportabili). Si ricorda che mentre l indirizzo è modificabile con accesso ad ARCA, per i dati di residenza italiana o estera da modificare in GP1AZ03 e/o in GP2BS02 è necessario agire con ricostituzione. Qualora la pensione risulti godere dell esenzione fiscale in dipendenza di apposita convenzione internazionale, dovrà altresì essere accertata la sussistenza dei requisiti richiesti per avvalersene. A tal proposito si sottolinea che, in particolare nel caso di residenza in Brasile e Canada del beneficiario della prestazione, dato il peculiare regime di tassazione previsto dalle vigenti convenzioni internazionali contro la doppia imposizione fiscale, si richiede di verificare con la massima attenzione, per le posizioni in gestione, il corretto inserimento e la congruenza di tutti i dati relativi all indirizzo estero e codice catastale. Pensioni con importo in pagamento pari a zero. Da un esame delle posizioni presenti nel database delle pensioni, risultano vigenti diverse pensioni con importo mensile pari a zero, in quanto la prestazione non è più dovuta. Rientrano in questi casi ad esempio pensioni di reversibilità con tutti contitolari cessati, indennizzi commercianti, esodati già cessati dal diritto. Si rammenta che tali pensioni, se non eliminate, CONTINUANO AD ESSERE RINNOVATE PUR NON ESSENDO POSTE IN PAGAMENTO. addove le strutture non intervengano, si provvederà alla eliminazione d ufficio prima delle operazioni di rinnovo, delle pensioni con importo azzerato da almeno 12 mesi. Anche in questo caso le liste delle posizioni interessate sono reperibili dalla sede utilizzando le stesse procedure illustrate al punto

19 INPS CIRCOARE N. 110 DE 19 SETTEMBRE 2014: Convenzione fra l INPS e la Confederazione delle Piccole e Medie Imprese, dei avoratori Autonomi e dei Pensionati (FEDERAZIENDE) per la riscossione dei contributi sindacali sulle prestazioni pensionistiche ai sensi della legge 11 agosto 1972, n Istruzioni operative e contabili. Variazioni al piano dei conti. Inps, con la circolare n. 110 del 19 settembre 2014 fornisce le istruzioni operative all applicazione della convenzione stipulata tra l INPS e la Confederazione delle Piccole e Medie Imprese, dei avoratori Autonomi e dei Pensionati (FEDERAZIENDE), per la riscossione dei contributi sindacali su pensioni. o INPS CIRCOARE N. 111 DE 19 SETTEMBRE 2014: Convenzione fra l INPS e il Sindacato Nazionale Autonomo avoratori e Pensionati (S.N.A..P.) per la riscossione dei contributi sindacali sulle prestazioni pensionistiche ai sensi della legge 11 agosto 1972, n Istruzioni operative e contabili. Variazioni al piano dei conti. Inps, con la circolare n. 111 del 19 settembre 2014 fornisce le istruzioni operative all applicazione della convenzione stipulata tra l INPS e il Sindacato Nazionale Autonomo avoratori e Pensionati (S.N.A..P.), per la riscossione dei contributi sindacali su pensioni. o INPS CIRCOARE N. 112 DE 19 SETTEMBRE 2014: Convenzione fra l INPS e la Confederazione Sindacale Autonoma lavoratori e Pensionati Europei (CONF.S.A..P.E.) per la riscossione dei contributi sindacali sulle prestazioni pensionistiche ai sensi della legge 11 agosto 1972, n Istruzioni operative e contabili. Variazioni al piano dei conti. Inps, con la circolare n. 112 del 19 settembre 2014 fornisce le istruzioni operative all applicazione della convenzione stipulata tra l INPS e la Confederazione Sindacale Autonoma avoratori e Pensionati Europei (CONF.S.A..P.E.), per la riscossione dei contributi sindacali su pensioni. o INPS MESSAGGIO N DE 19 SETTEMBRE 2014: Cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. Dichiarazione reddituale. Inps, con il messaggio n del 19 settembre 2014, in applicazione del comma 4, articolo 10 del D.gs. 30 dicembre 1992, n. 503, comunica che i titolari di pensione con decorrenza compresa entro l'anno 2013, soggetti al divieto di cumulo parziale della pensione con i redditi da lavoro autonomo, per o detto anno sono tenuti a dichiarare entro il 30 settembre 2014, data di scadenza della dichiarazione dei redditi dell'anno 2013, i redditi da lavoro autonomo conseguiti nell'anno

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Premessa 1 1. Soggetti obbligati all invio 1 2. Modalità e termini di presentazione del flusso 1 3. Frontespizio

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

GUIDA ALLA CORREZIONE EGLI ERRORI

GUIDA ALLA CORREZIONE EGLI ERRORI GUIDA ALLA CORREZIONE EGLI ERRORI Cosa è un Emens/Uniemens Errato e il Codice Errore Pag. 6 Consultazione del rendiconto Individuale Pag. 8 Eliminazione Emens Pag. 11 Eliminazione Uniemens Pag. 13 Elementi

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli