Percorso di coinvolgimento degli stakeholder 2010

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Percorso di coinvolgimento degli stakeholder 2010"

Transcript

1 Percorso di coinvolgimento degli stakeholder 2010 Coinvolgimento delle ONG Report delle interviste Milano, 1 settembre 2010

2 EXECUTIVE SUMMARY Contesto Intesa Sanpaolo ha avviato da qualche anno un percorso di coinvolgimento degli stakeholder ad un livello strategico ed operativo. Le organizzazioni della società civile sono stakeholder importanti, con cui è fondamentale confrontarsi anche alla luce del coinvolgimento diretto della Banca in campagne e azioni di pressione per il finanziamento di attività o progetti controversi. Nel 2010, quindi, sono state realizzate interviste a nove tra le principali ONG italiane. Obiettivi del coinvolgimento Le interviste alle ONG avevano l obiettivo di indagare i principali rischi di carattere socio-ambientale specifici di alcuni settori di attività della Banca e le loro possibili ricadute reputazionali, al fine di: approfondire maggiormente la conoscenza interna delle problematiche di sostenibilità avviare una riflessione sulle possibili modalità di integrazione delle prospettive di sostenibilità nella relazione tra gestori e aziende clienti. Principali spunti emersi Dall insieme delle opinioni e delle testimonianze raccolte è emersa con evidenza la predominanza di alcuni settori, rispetto ad altri, in termini di rischi sociali ed ambientali che possono verificarsi. Il settore con il più elevato profilo di rischiosità è quello energetico ed estrattivo, che implica una serie di attività a forte impatto ambientale e sociale per via delle tecniche utilizzate (come nel caso dell estrazione di petrolio da sabbie bituminose), delle risorse naturali che sfruttano (come nell estrazione dell olio di palma) o per le zone del mondo in cui si realizzano e le popolazioni che coinvolgono. Un altro settore che è prioritario monitorare è quello tessile, che presenta rischi elevati soprattutto in materia di diritti del lavoro (orario, retribuzioni, diritti sindacali, lavoro forzato, ). Tali violazioni sono possibili grazie alla forte deregulation in molti Paesi del Sud del mondo, e possono avvenire anche all insaputa delle case produttrici finali poiché la complessità delle filiere rende difficile tracciare la provenienza di materie prime e semilavorati. Rischi sociali sono presenti anche nel settore agricolo e alimentare e interessano, soprattutto in Italia, le fasce più deboli della popolazione come i migranti, spesso soggetti a fenomeni di sfruttamento e lavoro forzato. Il settore agricolo è anche uno dei settori a maggior impatto ambientale, poiché provoca una serie di effetti diretti sull ambiente circostante (inquinamento dell acqua, dell aria, del suolo, etc) e sugli ecosistemi (come l utilizzo di OGM), e può incidere anche sulla stabilità e l autonomia alimentare ed economica dei Paesi (si pensi alla pratica della monocoltura o alle distorsioni nel mercato delle commodities). In questo contesto molto complesso è necessario che la Banca conosca e sia in grado di valutare tali rischi, considerandoli nelle proprie scelte di finanziamento. Non è necessario, cioè, tanto definire limiti a priori sui settori da finanziare, quanto svolgere solide valutazioni di impatto ed esigere che le aziende pongano in essere tutti gli strumenti per prevenire e mitigare i rischi. Questo ruolo di promotore di un modo di agire più responsabile dovrebbe estendersi anche ai temi del controllo e della tracciabilità delle filiere produttive.

3 CONTENUTO DEL DOCUMENTO Contesto di riferimento, obiettivi e criteri del coinvolgimento Organizzazioni intervistate Report dei contributi emersi

4 PREMESSA E OBIETTIVI DEL COINVOLGIMENTO DELLE ONG Premessa Obiettivi del coinvolgimento Enti non Profit, associazioni rappresentative degli interessi di altri stakeholder e Organizzazioni della società civile (come le ONG) sono stakeholder con cui è fondamentale che Intesa Sanpaolo si confronti. Le campagne e le attività di comunicazione, informazione e advocacy che le ONG portano avanti spesso coinvolgono settori produttivi o aziende con cui Intesa Sanpaolo ha relazioni, esponendo quindi la Banca a potenziali rischi reputazionali (es: campagna contro le Banche Armate, campagna contro Vedanta, ). Aziende clienti coinvolte in campagne da parte delle organizzazioni della società civile possono essere, a loro volta, esposte a rischi spesso molto rilevanti (non solo reputazionali), che possono incidere sulla loro legittimazione sul mercato e sulla loro stabilità nel lungo periodo. Infine, le ONG rappresentano una finestra privilegiata sulle problematiche sociali o ambientali emergenti, e possono aiutare la Banca ad anticiparli. In quest ottica Intesa Sanpaolo ha coinvolto, in occasione del Forum Multistakeholder 2008, un numero selezionato di ONG, che si sono confrontate anche con esperti, accademici, opinion leader e clienti per suggerire alla Banca alcune linee di indirizzo strategico su temi cruciali e di grande attualità come l ambiente, l immigrazione, la globalizzazione, etc. Inoltre, dal percorso di coinvolgimento svolto nel 2009 con i clienti mid e large corporate, è emerso che le aziende stesse auspicano una maggiore considerazione delle tematiche di sostenibilità da parte della Banca: un azienda con una consolidata strategia sostenibile e con precisi obiettivi di CSR dovrebbe essere sostenuta e premiata dalla Banca in termini di condizioni di finanziamento. Per il 2010 si è scelto di avviare un percorso maggiormente strutturato di ascolto delle ONG, da realizzarsi attraverso una serie di interviste. L obiettivo prioritario è approfondire maggiormente la conoscenza interna delle problematiche di sostenibilità specifiche di alcuni settori, a partire da quelli considerati più controversi. Questo approfondimento rappresenta anche un primo passo per avviare una riflessione sulle possibili modalità di integrazione delle prospettive di sostenibilità nella relazione tra gestori e aziende clienti. -3-

5 DEFINIZIONE DELLE TEMATICHE OGGETTO DEL COINVOLGIMENTO E DELLE ONG DA INTERVISTARE 1 SCELTA TEMI Sono stati individuati gli aspetti sociali ed ambientali più rilevanti in alcuni dei settori produttivi in cui Intesa Sanpaolo è attiva, analizzando: i rischi sociali e ambientali considerati nei principali standard di sostenibilità (Equator Principles, IFC, World Bank, ); gli aspetti valutati dagli analisti per l ingresso negli indici di sostenibilità (Dow Jones, FTSE4GOOD, ); i rapporti delle principali ONG e Istituzioni internazionali sui temi della sostenibilità socio-ambientale (Human Rights Watch, Banktrack, UNEP-FI, ). Tra le tematiche emerse come material (rilevanti) per i vari settori si sono analizzate quelle più di attualità nel dibattito dell opinione pubblica e oggetto di campagne e azioni di pressione da parte di ONG nazionali ed internazionali. Dall indagine sono emersi i settori che vengono considerati più controversi e le attività specifiche che presentano, secondo le ONG, i maggiori rischi sociali ed ambientali, sui quali si è scelto di concentrare le interviste. 2 SCELTA ONG Nella selezione delle ONG da intervistare si è dato peso soprattutto a: l ambito di attività la ricerca si è concentrata prevalentemente sulle ONG di origine italiana o che operano anche nel territorio italiano la legittimità sono state selezionate le ONG con un ambito di azione almeno nazionale e che risultano essere le più attive nell ambito / settore considerato (in termini di promozione di campagne, creazione di network con altre ONG e associazioni, azioni di lobbying nei confronti dei governi e delle aziende, ) e quelle che hanno sviluppato progetti, anche specifici, particolarmente innovativi e significativi Sono state escluse, di conseguenza, le ONG impegnate esclusivamente in progetti di sostegno umanitario e filantropico o quelle che svolgono azione di pressione soltanto nei confronti di Governi e istituzioni. Non sono stati considerati, infine, organismi non indipendenti come le fondazioni, i partiti politici, le organizzazioni sindacali, etc. -4-

6 CONTENUTO DEL DOCUMENTO Contesto di riferimento, obiettivi e criteri del coinvolgimento Organizzazioni intervistate Report dei contributi emersi -5-

7 QUADRO DELLE ONG E DELLE PERSONE INTERVISTATE (1/2) AMICI DELLA TERRA Organizzazione ambientalista nata nel 1977, parte della rete Friends of the Earth International Rosa Filippini, Presidente CAMPAGNA PER LA RIFORMA DELLA BANCA MONDIALE Nata nel 1996, lavora per una riforma in senso ambientale e sociale delle istituzioni finanziarie internazionali e monitora gli impatti dei flussi di investimento dal Nord al Sud del mondo Andrea Baranes, Responsabile campagne Banche private - Luca Manes, Responsabile comunicazione UCODEP OXFAM INTERNATIONAL Presente in 19 paesi, da oltre 30 anni si occupa di cooperazione internazionale, educazione alla cittadinanza, promozione dell'economia sociale e integrazione Elisa Bacciotti, Ufficio Campagne - Alessandro Samek, Comunicazione e raccolta fondi GREENPEACE ITALIA Organizzazione ambientalista nata nel 1971 in Canada e presente in Italia dal 1986, che opera in tutto il mondo grazie al supporto di milioni di attivisti volontari Giuseppe Onufrio, Direttore Esecutivo - Alessandro Gianni, Direttore Campagne MANI TESE Nata nel 1964, è presente in 14 Paesi del Sud del mondo dove opera direttamente per promuovere la giustizia sociale ed economica e sostenere processi di sviluppo. Tra i promotori della campagna AbitiPuliti Mariarosa Cutillo, Responsabile area giustizia economica di Mani Tese -6-

8 QUADRO DELLE ONG E DELLE PERSONE INTERVISTATE (2/2) FAIR Realizza progetti e campagne per promuovere i principi del consumo critico, delle economie solidali, del commercio equo e della filiera corta. Tra i promotori della campagna AbitiPuliti Debora Lucchetti, Presidente SURVIVAL INTERNATIONAL ITALIA Fondata nel 1969, opera in difesa dei diritti dei popoli tribali attraverso la mobilitazione dell opinione pubblica, l educazione alla diversità e il finanziamento di progetti locali Francesca Casella, Direttrice ANTI-SLAVERY INTERNATIONAL È la più antica organizzazione internazionale a tutela dei diritti umani (fondata nel 1839). Si adopera contro la schiavitù in tutte le sue forme a livello locale, nazionale ed internazionale Joanna Ewart-James, Supply Chain Project Coordinator MOVIMENTO PRIMO MARZO Il movimento Primo Marzo 2010 è nato nel 2009, gemellato con la francese La journée sans immigrés 2009, per sensibilizzare l opinione pubblica sul ruolo dei migranti nella società italiana e promuovere la tutela dei diritti e l integrazione Stefania Ragusa, Presidente -7-

9 CONTENUTO DEL DOCUMENTO Contesto di riferimento, obiettivi e criteri del coinvolgimento Organizzazioni intervistate Report dei contributi emersi -8-

10 NOTA METODOLOGICA Le pagine che seguono contengono: un breve riepilogo del contesto normativo e delle principali Dichiarazioni e Convenzioni internazionali che disciplinano la tutela ambientale e il rispetto dei diritti, che rappresentano, in diversi casi, i presupposti per le argomentazioni delle ONG intervistate; la sintesi dei contributi emersi dalle interviste sui settori e sugli ambiti di attività emersi come maggiormente rischiosi dal punto di vista sociale, ambientale e socio-economico, presentati in schede settoriali. Per ciascun ambito sono descritti: i rischi potenziali specifici, attraverso i seguenti simboli: rischi ambientali rischi sociali rischi socio-economici le ONG più attive su tali temi e le campagne di pressione e advocacy più significative (generiche o dirette verso particolari aziende ed istituti finanziari). Un riquadro verde identifica le più recenti campagne di successo, cioè che hanno spinto le aziende o le Banche a modificare il proprio comportamento; una sintesi degli spunti forniti dalle ONG sul modo in cui la Banca può contribuire alla mitigazione degli impatti ambientali e sociali tramite il proprio ruolo nel sistema economico. -9-

11 CONTENUTO DEL DOCUMENTO Contesto di riferimento, obiettivi e criteri del coinvolgimento Organizzazioni intervistate Report dei contributi emersi Quadro delle norme e degli standard di riferimento Le principali aree di rischio nei settori di attività della Banca Il possibile ruolo di Intesa Sanpaolo -10-

12 CONTESTO NORMATIVO E STANDARD DI RIFERIMENTO (1/2) NON ESAUSTIVO Extractive Industries Transparency Initiative (2002) coalizione di istituzioni, aziende, investitori e rappresentanti della società civile che mira ad aumentare la trasparenza sui flussi finanziari tra aziende e Governi nel settore estrattivo, impegnando le industrie a dichiarare i pagamenti fatti ai Governi dei Paesi detentori di risorse minerarie e, allo stesso tempo, i Governi a rendicontare l'ammontare e l'utilizzo delle rendite ottenute. Risoluzione del Parlamento europeo sul commercio equo e solidale e lo sviluppo (2005) riconosce il commercio equo come strumento di crescita economica per il Sud del mondo e invita la Commissione Europea ad adottare azioni che lo promuovano sotto diversi punti di vista, da quello educativo a quello fiscale. Dichiarazione di Rio sull'ambiente e lo sviluppo (1992) enuncia i principi cardine su cui impostare le politiche nazionali ed internazionali in materia ambientale e ha posto in evidenza i problemi globali che devono coinvolgere responsabilità ed azioni di tutti gli Stati. Direttiva Europea n. 35/2004 armonizza il sistema di responsabilità dei danni ambientali e ha introdotto il principio (recepito dalle successive norme nazionali e comunitarie) del chi inquina paga, cioè del ritenere obbligati e responsabili finanziariamente per i danni ambientali coloro che li hanno provocati con le loro attività (responsabilità civile per danno ambientale). Convenzione di Århus (2005) stabilisce l accesso all'informazione, la partecipazione dei cittadini e l accesso alla giustizia in materia ambientale. Glossario DICHIARAZIONE: enunciazione di di principi che ha valore di di raccomandazione ma non è legalmente vincolante. [ fa eccezione la la Dichiarazione n.169 dell ILO (pag. successiva) che è ritenuta ius cogens per tutti i i 177 paesi membri dell'organizzazione, anche quelli che non abbiano ratificato le diverse Convenzioni specifiche sui diritti sanciti ] CONVENZIONE: diventa legge nel momento in in cui viene ratificata dallo Stato. La ratifica impone anche l obbligo di creare un sistema di adeguamento per garantirne l effettiva applicazione. -11-

13 CONTESTO NORMATIVO E STANDARD DI RIFERIMENTO (2/2) NON ESAUSTIVO Diritti del lavoro Dichiarazione dell International Labour Organization sui principi e i diritti fondamentali nel lavoro (1998) sintesi delle norme internazionali prioritarie per la garanzia dei diritti fondamentali: libertà di associazione sindacale e diritto di contrattazione collettiva, eliminazione di tutte le forme di lavoro forzato, abolizione effettiva del lavoro minorile, eliminazione delle discriminazioni in materia di lavoro. Diritti umani Dichiarazione Universale dei diritti dell uomo (1948) Framework di John Ruggie, rappresentante speciale delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (2008) sancisce il dovere degli Stati di proteggere gli individui dalle violazioni dei diritti umani poste in essere da attori privati (anche oltre i confini nazionali) e, specularmente, la responsabilità del settore privato di rispettare tali diritti in qualunque Paese di attività. Risoluzione del Parlamento Europeo sulla prevenzione della tratta di esseri umani (2010) Diritti delle popolazioni indigene Convenzione ILO n.169 sui diritti dei popoli indigeni (1989) sancisce, tra gli altri, il diritto all'identità culturale, il diritto alla terra ed alle risorse e il diritto alla partecipazione delle popolazioni interessate alle decisioni che le riguardano (il 14 luglio 2010 è stata presentata una mozione al Senato per chiedere la ratifica della Convenzione, che ne renderebbe i principi legalmente vincolanti per le aziende italiane) Dichiarazione Universale dei diritti dei popoli indigeni (2007) ribadisce i diritti fondamentali delle popolazioni indigene e, in particolare, quello di essere consultati e di porre un veto a decisioni che possono ledere i loro diritti Glossario: LAVORO FORZATO: qualsiasi prestazione che sia svolta contro la la volontà o nell impedimento concreto di di agire diversamente (a causa di di ricatto, minacce, dipendenza economica, ) POPOLI INDIGENI: minoranze etniche autoctone che vivono stabilmente in in un territorio in in maniera autosufficiente, senza rappresentanza politica nel Paese, con lingua e cultura diverse da quella dominante e una forte consapevolezza della propria identità culturale. -12-

14 CONTENUTO DEL DOCUMENTO Contesto di riferimento, obiettivi e criteri del coinvolgimento Organizzazioni intervistate Report dei contributi emersi Quadro delle norme e degli standard di riferimento Le principali aree di rischio nei settori di attività della Banca Il possibile ruolo di Intesa Sanpaolo -13-

15 ENERGIA ED ESTRAZIONE (1/5) Ambito Estrazione di petrolio da sabbie bituminose Che cos è Le sabbie bituminose (tar sands) sono una combinazione di argilla, sabbia, acqua e bitume, da cui (attraverso acqua ad alta pressione, solventi e vapore) si può estrarre un bitume simile al petrolio che può essere convertito in petrolio sintetico grezzo o raffinato. Potenziali rischi L estrazione di petrolio da sabbie bituminose ha impatti devastanti sugli ecosistemi locali: poiché i giacimenti si estendono su larghe superfici è necessario deforestare in maniera massiccia (per la realizzazione del giacimento di Alberta, in Canada, sono stati abbattuti 42mila ettari di foresta boreale). La separazione del bitume dalla sabbia avviene utilizzando grandi quantità di acqua (o in alternativa di vapore o solventi chimici). Questo comporta impoverimento delle risorse idriche e inquinamento delle acque utilizzate per la lavorazione e reimmesse nell ecosistema. La produzione di un barile di sabbie bituminose genera dalle tre alle cinque volte più emissioni di gas serra di un barile di petrolio convenzionale. La resa energetica delle sabbie bituminose, cioè l energia prodotta al netto di quella usata per produrla, è pari a un terzo rispetto a quella del petrolio. Per l estrazione e il processamento, inoltre, sono necessarie grandi quantità di gas metano che potrebbe essere sfruttato in maniera alternativa. L estrazione delle sabbie bituminose crea gravi conseguenze per la vivibilità dei territori circostanti e per la salute degli abitanti, a causa dei laghi artificiali di prodotti chimici, delle emissioni in atmosfera e dell inquinamento delle falde acquifere. ONG attive e principali campagne e banche finanziatrici partecipazione al finanziamento della Canadian Tar Sands progetto di realizzazione di un nuovo sito estrattivo in Congo -14-

16 ENERGIA ED ESTRAZIONE (2/5) Ambito Produzione di energia da biocarburanti Potenziali rischi Le piantagioni di olio di palma per biocarburanti* sono causa di vasti processi di deforestazione che provocano distruzione di biodiversità e incidono sulle emissioni di gas serra, direttamente (in Indonesia e Papua Nuova Guinea, ad esempio, il terreno per la coltivazione è stato preparato drenando e dando alle fiamme aree di foresta pluviale) e anche indirettamente poiché viene ridotta sensibilmente la capacità di assorbimento dell anidride carbonica da parte delle foreste del pianeta. Dal punto di vista sociale la corsa alla produzione di biocarburanti (es: palma, mais, soia, canna da zucchero) ha implicato, in Paesi come Brasile, Colombia, Indonesia e Malesia, l occupazione e la distruzione di territori abitati da popolazioni indigene, in piena violazione dei loro fondamentali diritti, e talvolta anche il loro sfruttamento per il lavoro nelle piantagioni La destinazione di vaste aree alle piantagioni di palma da olio rappresenta una minaccia per la sicurezza alimentare di diversi Paesi (es: Congo), poiché richiede la riconversione di aree precedentemente adibite alla produzione agricola. ONG attive e principali campagne Numerose campagne e progetti di ricerca sulle conseguenze climatiche e sociali dei progetti di deforestazione per l estrazione di palma da olio e la produzione di biocarburanti * L olio di palma viene utilizzato in grandi quantità anche dall industria alimentare (pag. 27) -15-

17 ENERGIA ED ESTRAZIONE (3/5) Ambito Pratica del Gas Flaring nell estrazione petrolifera Che cos è Il Il gas flaring è la pratica di bruciare a cielo aperto il il gas naturale che residua dalle operazione di estrazione del greggio, ancora oggi adottata dalla maggior parte delle multinazionali petrolifere (Shell, Eni, ). La regione più colpita (da oltre 50 anni) è il il Delta del Niger, seguita dal Congo. Potenziali rischi Il gas flaring ha impatti devastanti sull ambiente, poiché provoca l emissione di grandi quantità di gas serra (si stima che l anidride carbonica emessa nel periodo corrisponda a quasi la metà degli obiettivi complessivi di riduzione dei gas serra richiesti dal protocollo di Kyoto). La combustione del gas in torcia provoca il rilascio in atmosfera di sostanze tossiche che sono all'origine di casi di bronchiti, asma, attacchi di cuore, leucemia e altri tipi di cancro. Il gas flaring provoca il fenomeno delle piogge acide, che influenza la produttività agricola e accelera la corrosione e l'arrugginimento delle coperture metalliche delle abitazioni. Nel Delta del Niger il gas flaring è stato dichiarato illegale, perché lesivo dei diritti umani delle popolazioni indigene locali. La dispersione del gas naturale rappresenta anche un grande spreco di risorse, dal momento che il gas residuato dall estrazione potrebbe essere sfruttato a sua volta invece che essere disperso. ONG attive e principali campagne e banche finanziatrici nonostante le numerose promesse di riduzione dei volumi destinati al flaring, a tutt oggi brucia in torcia grandi quantità di gas naturale -16-

18 ENERGIA ED ESTRAZIONE (4/5) Ambito Nuovi investimenti in energia nucleare Potenziali rischi L energia nucleare non è considerata una via percorribile principalmente per considerazioni economiche generali: non vi è la dotazione infrastrutturale, poiché i reattori esistenti sono stati dismessi e sono ormai obsoleti, mentre i reattori di nuova generazione sono ancora in fase di progettazione. anche in seguito agli investimenti pianificati (di lunghissimo termine) la potenza nucleare installata soddisferebbe una piccola parte della domanda energetica del Paese si genererebbe la dipendenza dagli approvvigionamenti di uranio dai pochi Paesi che lo possiedono (alcuni dei quali in zone politicamente instabili) La focalizzazione della politica energetica italiana sul nucleare, richiedendo investimenti molto ingenti, toglierebbe ulteriormente fondi per lo sviluppo delle fonti rinnovabili e del recupero energetico, ambiti in cui il Paese ha un potenziale maggiore. Oltre alla scarsa sostenibilità economica nel lungo periodo, il nucleare comporta anche rischi significativi per l ambiente, a causa del problema ancora irrisolto del deposito sicuro delle scorie radioattive. In termini di sicurezza non vi sono ancora garanzie di stabilità dei reattori di terza generazione. Restano rischi potenziali non eliminabili, come le esplosioni, gli incendi e i disastri nucleari. Le centrali nucleari sono tra i bersagli più vulnerabili agli attacchi del terrorismo internazionale. ONG attive e principali campagne sta investendo nella realizzazione di quattro nuovi reattori nucleari in Italia e numerose altre Banche contestate poiché alcune delle aziende energetiche che finanziano hanno in essere progetti di generazione nucleare (avviati o futuri) -17-

19 ENERGIA ED ESTRAZIONE (5/5) Ambito Realizzazione di grandi progetti infrastrutturali Potenziali rischi I megaprogetti per la costruzione di grandi infrastrutture energetiche ed estrattive, come dighe, gasdotti, oleodotti e miniere a cielo aperto comportano, vista la loro entità, la distruzione di habitat naturali estesi e degli ecosistemi ivi esistenti. L estrazione mineraria, inoltre, comporta forti impatti sull aria, per via dell emissione di polveri, elementi chimici e tossici e gas serra, e sull acqua, che viene utilizzata in quantità massicce per la lavorazione dei materiali estratti. Ciò implica l impoverimento delle risorse idriche e lo scarico in acqua di metalli pesanti, acidi ed elementi tossici, che avviene anche tramite l erosione del terreno da parte delle acque piovane. Per le popolazioni che vivono nelle aree interessate, spesso indigene, tali progetti implicano la cacciata dai propri territori attraverso l esproprio dei terreni a condizioni inique, se non attraverso violenze, abusi e violazioni dei diritti umani. Per i lavoratori, visto l isolamento di tali cantieri e l ampio ricorso a manodopera immigrata o indigena, vi sono forti rischi di violazioni dei diritti minimi del lavoro (salute e sicurezza degli operai, divieto di ricorso al lavoro minorile e forzato, limiti all orario di lavoro, salario minimo, ). L'inquinamento dell'aria e la contaminazione delle acque sono un pericolo per la salute delle popolazioni che abitano nei territori circostanti. ONG attive e principali campagne finanziamento di Vedanta Resources, che ha avviato un progetto di estrazione mineraria in India sul territorio di una tribù indigena finanziamento dell oleodotto BTC nel Mar Caspio, con elevati rischi socio-ambientali finanziamento della diga di Ilisu nel Kurdistan turco 2010: bloccato dalle Autorità 2004: ritiro di ISP 2009: ritiro di UCG -18-

20 SISTEMA MODA Ambito Controllo della catena di fornitura La complessità delle filiere nel settore tessile, soprattutto per le aziende che internazionalizzano in tutto o in parte la produzione, è un terreno fertile per il il verificarsi di scorrettezze competitive, violazioni ambientali e abusi in materia di diritti umani e del lavoro. Il Il rischio vale anche per le aziende che operano un primo controllo sui propri fornitori diretti, poiché da questi possono diramarsi reti di subappalto molto complesse di cui l azienda madre può non essere consapevole. Potenziali rischi In molti Paesi, e in particolare dove vi è una forte deregulation in materia di diritti del lavoro, si verificano ordinariamente forme di violazione del diritto alla salute, dei diritti del lavoro e dei diritti umani, come il lavoro coatto, il lavoro minorile e la schiavitù. In molti Paesi non esistono diritti sindacali e sui posti di lavoro vengono attuate torture, molestie sessuali e detenzione. Anche nei Paesi più industrializzati vi sono rischi significativi soprattutto per i lavoratori migranti (spesso tenuti nella clandestinità), che vivono forme sofisticate di schiavitù come il rinvio continuo del pagamento o il debt bondage (forma di usura in cui il saldo del debito è preteso attraverso lavoro senza condizioni). Per le barriere linguistiche e culturali, l isolamento e il timore del rimpatrio, inoltre, i migranti in genere non possono denunciare gli abusi e pretendere il rispetto dei loro diritti. Dal punto di vista ambientale uno dei temi più critici è lo sfruttamento del suolo per la produzione del cotone, che viene prodotto con pesticidi chimici e fertilizzanti sintetici che sono causa di riduzione della fertilità dei suoli, salinizzazione, perdita di biodiversità, inquinamento delle acque e fenomeni di resistenza nei patogeni. Le sostanze chimiche con cui viene effettuata la tintura dei capi possono essere tossiche ed inquinanti. ONG attive e principali campagne le viene richiesto un maggiore controllo sulla propria filiera, dal momento che un suo fornitore turco, DESA, attua aperte violazioni dei diritti dei lavoratori e nega i diritti sindacali importa parte del cotone utilizzato dall Uzbekistan, dove sono comprovati numerosi casi di lavoro minorile forzato per la produzione -19-

21 SETTORE AGRICOLO E ALIMENTARE (1/3) Ambito Agricoltura intensiva ed industriale Potenziali rischi L agricoltura intensiva provoca l inquinamento: dell aria, a causa delle emissioni provenienti dalle colture, dai fertilizzanti e dall'allevamento (gas serra, metano, ammoniaca, ) e agli impatti dei trasporti e dell'ampliamento delle infrastrutture (stradali, ferroviarie, ) per consentire il trasporto; del suolo e delle falde acquifere, per via dell utilizzo di fertilizzanti, pesticidi ed erbicidi chimici. La conversione di nuovi terreni ad uso agricolo può comportare distruzione di habitat naturali ed ecosistemi, soprattutto in zone del mondo in cui l espansione non è normata e dove vi sono vaste aree ancora coltivabili In particolare l estrazione di olio di palma, utilizzato per diverse preparazioni alimentari oltre che per la produzione di biocarburante, richiede l abbattimento di vaste aree di foreste tropicali e sta provocando la distruzione delle foreste torbiere Indonesiane e delle specie animali che vi abitano. La pratica della monocoltura, che consiste nel destinare vaste zone di territorio alla coltura di un'unica specie vegetale in maniera intensiva e standardizzata, è uno dei principali fattori della drastica riduzione della biodiversità agricola, cioè del numero di specie vegetali esistenti utili alla produzione di cibo. Questa è tra le maggiori minacce alla sicurezza alimentare di numerosi Paesi del mondo, poiché lo sfruttamento intensivo del terreno per un unica coltura, depauperando il suolo, impedisce in maniera permanente il reintegro di altre specie coltivabili, rendendo interi Paesi dipendenti dall estero per ogni altro approvvigionamento ONG attive e principali campagne numerose campagne di sensibilizzazione dell opinione pubblica sui temi della povertà e della sicurezza alimentare e sulle loro cause collaborazione con organizzazioni locali nel Sud del mondo per lo sviluppo rurale e il recupero dell autonomia agricola e alimentare è stata contestata attraverso una campagna a forte impatto ( Kit Kat Killer ) per l uso di olio di palma proveniente dalle foreste tropicali indonesiane 2010: esclusione dell olio indonesiano dalla filiera -20-

22 SETTORE AGRICOLO E ALIMENTARE (2/3) Ambito Pratiche di lavoro Potenziali rischi Il settore agricolo, anche in Italia, è caratterizzato da elevati rischi di violazione dei diritti dei lavoratori, specialmente migranti: dalla pratica del caporalato all insufficienza dei salari, dalla mancanza di limiti di orario a forme di sfruttamento e schiavitù (ad esempio con la promessa del permesso di lavoro). I rischi sono significativi sia per gli operatori del settore agricolo che per le aziende di produzione alimentare, dal momento che le criticità possono verificarsi a monte delle fasi della filiera a più diretto controllo. ONG attive e principali campagne campagne di mobilitazione dell opinione pubblica e iniziative di sensibilizzazione e educazione interculturale progetti di supporto ai lavoratori migranti: mediazione linguistica, ricerca e inserimento lavorativo, supporto legale, etc Ambito Commercio internazionale Potenziali rischi I prezzi delle commodities alimentari sono soggetti a speculazioni sui mercati internazionali e ad azioni volte a modificare la regolare oscillazione dei prezzi (ad esempio, attraverso lo stoccaggio di elevate quantità di materie prime). Le distorsioni nel mercato nuociono in particolare ai produttori dei Paesi del Sud del mondo, impedendone la sopravvivenza sul mercato e l autosufficienza economica. ONG attive e principali campagne oggetto di una campagna di sensibilizzazione sulla necessità di un controllo più forte sulla proprio catene di approvvigionamento da alcuni anni utilizza unicamente un caffè proveniente dal commercio equo e solidale -21-

23 SETTORE AGRICOLO E ALIMENTARE (3/3) Ambito Utilizzo di OGM per la produzione agricola Potenziali rischi L impiego della genetica per produrre microrganismi e insetti geneticamente modificati (GM) con specifiche capacità causa la distruzione degli organismi che normalmente popolano il suolo su cui vengono utilizzati. Gli erbicidi a base di OGM hanno portato evidenti vantaggi nel breve termine, ma a distanza di alcuni anni stanno dimostrando una serie di fallimenti rispetto ai risultati attesi e conseguenze molto dannose sulle colture e sui terreni in cui sono stati utilizzati. Nonostante vi siano posizioni controverse sull argomento, la produzione di cibi geneticamente modificati (o attraverso l utilizzo di sostanze e microrganismi GM) pone dubbi significativi in materia di salute (es: tollerabilità per l uomo di sostanze che non fanno parte del consumo alimentare tradizionale). Sono oggetto di dibattito, inoltre, i reali benefici di tali alimenti nel sopperire alle carenze alimentari di alcuni Paesi, a fronte dei possibili rischi e degli impatti ambientali implicati nella produzione. ONG attive e principali campagne il mangime che veniva somministrato alle mucche conteneva soia geneticamente modificata, elemento non conoscibile per il consumatore finale 2010: impegno all uso esclusivo di mangimi non OGM -22-

24 CONTENUTO DEL DOCUMENTO Contesto di riferimento, obiettivi e criteri del coinvolgimento Organizzazioni intervistate Report dei contributi emersi Quadro delle norme e degli standard di riferimento Le principali aree di rischio nei settori di attività della Banca Il possibile ruolo di Intesa Sanpaolo -23-

25 CHE COSA PUÒ FARE INTESA SANPAOLO (1/2) Considerazione di criteri socioambientali La Banca dovrebbe considerare criteri extra-finanziari nella valutazione e nella selezione degli investimenti. Per farlo efficacemente non è necessario tanto definire limiti a priori sui settori da finanziare, quanto svolgere solide analisi e valutazioni di impatto in ogni ambito specifico, anche avvalendosi del supporto di competenze specialistiche. In ottica di prevenzione è necessario adottare policy che guidino le strutture responsabili delle decisioni di finanziamento nella considerazione di tutti gli impatti rilevanti nei diversi settori. Poiché l applicazione efficace di politiche e procedure richiede anche la sensibilità individuale, la Banca dovrebbe anche sensibilizzare i gestori sullo stretto legame tra impatti socio-ambientali e rischio, soprattutto nei settori in cui tali impatti sono considerevoli e possono causare crisi reputazionali. Non ci sono settori buoni o cattivi per definizione, ciò che conta è che le scelte della Banca siano compiute con criteri chiari e trasparenti e sulla base di valutazioni obiettive degli impatti e dei rischi Presidio sul tema della supply chain La Banca dovrebbe incentivare le imprese con cui si relaziona ad operare un controllo più efficace sulla propria filiera, che in molti settori resta un ambito di rischio significativo. A questo scopo possono essere utili le certificazioni che attestano il rispetto di norme e diritti lungo la catena di fornitura. Standard e certificazioni, d altra parte, possono non essere sufficienti a causa dell opacità e della complessità di alcune filiere. Verifiche più dirette, ad esempio in materia di regolarità contrattuale e retributiva dei lavoratori o di presenza e indipendenza del sindacato, potrebbero essere uno strumento più efficace per arginare il rischio nei settori più sensibili. -24-

26 CHE COSA PUÒ FARE INTESA SANPAOLO (2/2) Rapporti con le ONG e la società civile Il presupposto per costruire e mantenere un rapporto positivo e costruttivo con le organizzazioni della società civile è un atteggiamento trasparente e disponibile ad affrontare apertamente le inevitabili contrapposizioni, rispondendo alle sollecitazioni e alle domande. La Banca potrebbe, poi, far evolvere il rapporto con le ONG in una direzione più tecnica, volta allo sviluppo di strumenti e politiche in maniera condivisa. Ad esempio, creare relazioni con organizzazioni che possono dare informazioni credibili e affidabili sulle aziende da finanziare, piuttosto che avvalersi delle esperienza di ONG specializzate su determinati ambiti per svolgere valutazioni di impatto o accrescere la cultura interna, oltre a portare benefici immediati potrebbe creare un effetto endemico per tutto il settore. La Banca dovrebbe farsi promotrice di trasparenza aumentando ulteriormente la propria disclosure e la propria apertura verso l esterno, e valorizzare gli strumenti di responsabilità già adottati -25-

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Investimenti etici e ambiente

Investimenti etici e ambiente Investimenti etici e ambiente Alessandra Viscovi 5 giugno 2014 Etica Sgr Etica Sgr opera con lo scopo di "rappresentare i valori della finanza etica nei mercati finanziari, sensibilizzando il pubblico

Dettagli

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE

III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE III CONFERENZA GLOBALE SUL LAVORO MINORILE Dichiarazione di Brasilia sul lavoro minorile Noi, rappresentanti dei governi e delle organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori che hanno partecipato

Dettagli

Sarasin Sustainable Bond

Sarasin Sustainable Bond Sarasin Sustainable Bond Profilo di sviluppo sostenibile Situazione: agosto 2012 1 : Il fondo è stato verificato dal Comitato consultivo per lo sviluppo sostenibile e soddisfa i requisiti previsti per

Dettagli

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA

CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP: GUIDARE IL CAMBIAMENTO SOSTENIBILE DELL ECONOMIA CDP (ex Carbon Disclosure Project) è un organizzazione no profit internazionale che fornisce ad imprese, governi ed investitori l unico sistema globale

Dettagli

Mission Gli ecosistemi le foreste tropicali Come opera forplanet forplanet

Mission Gli ecosistemi le foreste tropicali Come opera forplanet forplanet Mission forplanet Onlus sviluppa progetti per contrastare il continuo deterioramento degli ecosistemi naturali e promuove pratiche e prodotti che mirino ad uno sviluppo sostenibile della società. Gli ecosistemi

Dettagli

The role of the Green Economy. and Green Business

The role of the Green Economy. and Green Business INTERNATIONAL WORKSHOP Sviluppo Sostenibile: prodotti, consumo, promozione e marketing territoriale The role of the Green Economy in promoting a new model of Development and Green Business Edoardo Croci

Dettagli

Caffè Scienza. Biocarburanti: energia sostenibile? (Dott. Andrea Rossi, Università di Siena & Ecofys)

Caffè Scienza. Biocarburanti: energia sostenibile? (Dott. Andrea Rossi, Università di Siena & Ecofys) Caffè Scienza Biocarburanti: energia sostenibile? (Dott. Andrea Rossi, Università di Siena & Ecofys) Roma, 16/12/2008 Obiettivi delle politiche per i biocarburanti Mitigazione dei cambiamenti climatici

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

1. Concetti chiave della formazione

1. Concetti chiave della formazione 1. Concetti chiave della formazione Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - l ONU e le istituzioni internazionali competenti sulla disabilità ed i diritti -

Dettagli

Responsabilità e competitività

Responsabilità e competitività Investire nella finanza sostenibile e responsabile Responsabilità e competitività R e l a t o r e : Irene Bengo P o s t D o c P o l i t e c n i c o d i M i l a n o Sommario: Responsabilità Sociale d'impresa

Dettagli

COOPI E LE AZIENDE La partnership COOPI-Chiquita e la missione in Costa Rica e Panama. 23 febbraio 2010

COOPI E LE AZIENDE La partnership COOPI-Chiquita e la missione in Costa Rica e Panama. 23 febbraio 2010 COOPI E LE AZIENDE La partnership COOPI-Chiquita e la missione in Costa Rica e Panama 23 febbraio 2010 COOPI E LE AZIENDE: i concetti chiave Oltre la filantropia: ALLEANZA STRATEGICA Cooperazione Internazionale

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Nel passato sono stati molti e forse troppi i soggetti che hanno promosso un educazione

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

L Azionariato Critico

L Azionariato Critico Acquistare azioni di imprese accusate di particolari violazioni dei diritti umani, sociali o ambientali, in modo da portare delle domande e richieste all'attenzione dell'assemblea degli azionisti e della

Dettagli

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti

L Accordo di Parigi. Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti L Accordo di Parigi 195 Paesi, Stati Parte della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti

Dettagli

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org

AMKA Onlus. www.assoamka.org ONLUS. Via Flaminia Nuova, 246 00191 Roma Tel + 39 06 64 76 0188 amka@assoamka.org chi? Amka è un Organizzazione no profit nata nel 2001 dall incontro di due culture differenti e dalla volontà di contribuire al miglioramento reale della vita delle popolazioni del Sud mondo. L Associazione

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

Nella partita contro la deforestazione

Nella partita contro la deforestazione Nella partita contro la deforestazione facciamo il tifo per GLI ALBERI. Coop lancia il progetto Boschi e Foreste: una serie di iniziative concrete per contrastare la deforestazione e favorire l aumento

Dettagli

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people

Effetto serra e il Patto dei Sindaci. [k]people Effetto serra e il Patto dei Sindaci L effetto serra Fenomeno naturale che intrappola il calore del sole nell atmosfera per via di alcuni gas. Riscalda la superficie del pianeta Terra rendendo possibile

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale

La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale La politica Nestlé per la Sostenibilità Ambientale Azienda leader nel campo della nutrizione, della salute e del benessere, Nestlé ambisce a migliorare

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010

Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana. Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Sviluppo rurale e cambiamenti climatici: la posizione italiana Paolo Ammassari - Cosvir III Roma, 23 Giugno 2010 Schema dell intervento 1 dati sul contributo dell agricoltura alle emissioni di gas serra;

Dettagli

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile

Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile L Agenda 2030 in breve Perché c è bisogno di obiettivi globali per uno sviluppo sostenibile? Il mondo deve far fronte a grandi sfide come la povertà estrema, il

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013 FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti Simonetta Bono Novembre 2013 Investimento socialmente responsabile 2. L Investimento socialmente responsabile (SRI,

Dettagli

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria

VIII Commissione permanente Camera. Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria VIII Commissione permanente Camera Audizione Esame del disegno di legge C-2629 (DL 133/2014 Sblocca Italia ) Memoria Alessandro Pascucci 29 settembre 2014 1 Egr. Presidente, in qualità di Federesco (Federazione

Dettagli

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA

POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATA POLITICA PER LA QUALITÀ E PER LA SICUREZZA 01.04 La Politica per la Qualità e per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro definita dalla Direzione contiene

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE

PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE DEI DIRITTI UMANI E DELLA CULTURA DI PACE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione consiliare

Dettagli

Pictet-Ethos (CH) Swiss Sustainable Equities

Pictet-Ethos (CH) Swiss Sustainable Equities Pictet-Ethos (CH) Swiss Sustainable Equities Profilo di sviluppo sostenibile Situazione: agosto 2012 1 : Il fondo è stato verificato dal Comitato consultivo per lo sviluppo sostenibile e soddisfa i requisiti

Dettagli

Percorso di coinvolgimento degli stakeholder 2012 Report delle interviste alle ONG sul tema dei diritti umani

Percorso di coinvolgimento degli stakeholder 2012 Report delle interviste alle ONG sul tema dei diritti umani Percorso di coinvolgimento degli stakeholder 2012 Report delle interviste alle ONG sul tema dei diritti umani Milano, Aprile 2013 CONTENUTO DEL DOCUMENTO Premessa Le ONG intervistate Spunti sul tema dei

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico

Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Coniugare sostenibilità e biodiversità: un approccio agronomico Giuseppe Garcea Ufficio Controllo e Certificazione di Prodotto CCPB srl E mail: ggarcea@ccpb.it Fiera SANA 2013 Etimologia dei termini Sostenibilità:

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a MANI TESE ONG/ONLUS Da 49 anni verso un mondo più giusto Mani Tese è un Organizzazione Non Governativa nata in Italia nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale

Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Definizioni e concetti di base in campo agronomico-ambientale Ambienti terrestri Ambienti costruiti = aree urbane, industriali, infrastrutture: aree ristrette, ma ad elevato consumo energetico e produttrici

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 10/10/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine

4. ENERGIA. Introduzione. Fonte e Metodo d Indagine 4. ENERGIA Introduzione Limitatamente al sistema energetico, il XX secolo è stato caratterizzato da una tendenza di fondo sostanzialmente costante, cioè la fortissima crescita dei consumi energetici, e

Dettagli

LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ

LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ LUNEDÌ 29 GIUGNO 2015 ORE 10:00 LABORATORIO DIDATTICO SULL INNOVAZIONE ECO-SOSTENIBILE NELLE FILIERE AGRO-ALIMENTARI IN REGIONE CALABRIA PRESENTAZIONE DELLE ATTIVITÀ www.algencal.it PROGETTO DI UN SISTEMA

Dettagli

EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA

EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA E CREAZIONE DI PROTOTIPI INNOVATIVI 1 EUROPA

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti

Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti Gli italiani ed il riciclo dei rifiuti per Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati e Legambiente FORUM RIFIUTI conferenza nazionale REPORT Milano, 19 Giugno 2014 Disegno di ricerca La ricerca è stata condotta

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

Scheda 3 «Eco-innovazioni»

Scheda 3 «Eco-innovazioni» Scheda 3 «Eco-innovazioni» UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE GREEN JOBS Formazione e Orientamento UNA PANORAMICA DEL CONTESTO NAZIONALE Secondo una indagine fatta nel 2013 dall Unione Europea sulla

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

VII Forum Politeia. Supply Chain sostenibile end-to-end. Angelo Spina

VII Forum Politeia. Supply Chain sostenibile end-to-end. Angelo Spina VII Forum Politeia Supply Chain sostenibile end-to-end Angelo Spina 1 www.acquistiesostenibilita.org 4 ACQUISTI &SOSTENIBILITA - Vietata la riproduzione anche parziale ed il ri-editing ad hoc Vers.1.0

Dettagli

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente Le barriere da rimuovere per rispondere alle aspettative della UE e del settore industriale per il NG (CNG, GNL e Biogas) nel breve e medio periodo Autopromotec - 22 maggio 2015 Mariarosa Baroni NGV Italy

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2

1. Premessa... 1. 2. Politica per la Qualità... 1. 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 POLITICA PER LA QUALITÀ E LA RESPONSABILITÀ SOCIALE REV. 4 Indice 1. Premessa... 1 2. Politica per la Qualità... 1 3. Politica per la Responsabilità Sociale... 2 1. Premessa Il presente documento esplicita

Dettagli

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Tra il 1990 e il 2008 le importazioni ed i consumi dell Europa hanno contribuito alla deforestazione di 9 milioni di ettari (una superficie

Dettagli

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella

Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Il NUOVO PSR PUGLIA IISS L.G.M. Columella Opportunità di Finanziamento per i Giovani Relatore: Dr. Agr. Andrea Antonio PANICO Lecce, li 21/02/2015 Confederazione Italiana Agricoltori Lecce- Nuovo PSR PUGLIA

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO

IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà IL CONTROLLO AMBIENTALE DEL CANTIERE EDILIZIO LA NORMA ISO 14001/2015 Il cantiere e l ambiente Il cantiere a differenza

Dettagli

FOOD AND WATER FOR LIFE

FOOD AND WATER FOR LIFE FOOD AND WATER FOR LIFE 1.000.000.000 di persone soffrono la fame, la malnutrizione e la sete Milioni di persone soffrono per malattie associate al sovraalimentazione o per nutrizione di scarsa qualità

Dettagli

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI.

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. SCUOLA 21 classe 2^ OPA STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. Tra i maggiori detentori di risorse minerarie figurano i quattro più vasti paesi del mondo: Russia

Dettagli

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Le proposte degli Amici della Terra Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Un nuovo obiettivo di riduzione dell intensità energetica per coniugare

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

Povertà rurale e Biotecnologie: not in my name di Maria Fonte

Povertà rurale e Biotecnologie: not in my name di Maria Fonte Povertà rurale e Biotecnologie: not in my name di Maria Fonte Sviluppo agricolo e povertà rurale nell era della globalizzazione Il contributo della Facoltà di Agraria Portici 27 marzo 2006 Possono le biotecnologie

Dettagli

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 PRIMA FASE: LO SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse della terra sono limitate I rifiuti e le emissioni inquinanti, in quanto prodotti dell uomo, hanno un impatto

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

DONNE E LAVORO AGRICOLO:

DONNE E LAVORO AGRICOLO: DONNE E LAVORO AGRICOLO: SFIDE E PROPOSTE PER L AGENDA DI SVILUPPO POST 2015 Valentina Franchi Organizzazione delle Nazioni Unite per l Agricoltura e l Alimentazione IL RUOLO DELLE DONNE NELL AGRICOLTURA

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico?

Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico? Il mercato del Pellet: situazione italiana analoga al fotovoltaico? Giuseppe Tomassetti, FIRE mcter FOREST Milano, 25 giugno 2014 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia

Dettagli

Progetto: NGG - NEW GREEN GENERATION

Progetto: NGG - NEW GREEN GENERATION Progetto: NGG - NEW GREEN GENERATION CONTESTO E GIUSTIFICAZIONE In Basilicata, la questione ambientale, di sicurezza e di sviluppo eco-sostenibile rivestono ruoli cruciali e urgenti, da cui non si può

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA

DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA ALLEGATO D DEFINIZIONE DELLE ATTIVITA DELL ALTRAECONOMIA Commercio equo e solidale 1. Il commercio equo e solidale è l attività di cooperazione economica e sociale finalizzata a consentire o migliorare

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli