Relazione Paesaggistica. Cenni sulla normativa in materia di Relazione Paesaggistica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Paesaggistica. Cenni sulla normativa in materia di Relazione Paesaggistica"

Transcript

1 Relazione Paesaggistica Cenni sulla normativa in materia di Relazione Paesaggistica

2 Cenni storici : Costituzione L'art.9 della Costituzione dice: La Repubblica... tutela il paesaggio ed il patrimonio storico ed artistico. L.21/6/1939 N.1497 e regolamento di attuazione 1940 sulla protezione delle bellezze naturali.

3 Cenni storici : legge 1497/1939 La legge n. 1497/1939 specifica un sistema di protezione e di tutela dei beni paesaggistici fondato sulla individuazione di quattro tipologie di bellezze naturali Introduce un nuovo concetto denominato «vincolo paesistico» bellezze individue (cose immobili che hanno cospicui caratteri di bellezza naturale o geologica/ville, giardini e parchi che si distinguono per la non comune bellezza), bellezze d insieme (complessi di cose immobili che compongono un caratteristico aspetto avente valore estetico e tradizionale/le bellezze panoramiche), l'imposizione del provvedimento denominato comunemente vincolo paesistico

4 Cenni storici : legge 1497/1939 L azione in materia di paesaggio s inserisce in un percorso, avviato a livello nazionale all inizio del secolo scorso, all interno del quale si è assistito ad un evoluzione della locuzione "paesaggio" a cui sono corrisposte, nel corso degli anni, semantiche diverse. Si è passati da una definizione di bellezze naturali e panoramiche, che rimandava ad un significato estetico-tradizionale, ad una di beni culturaliambientali, frutto della combinazione dei lineamenti estetico-naturalistici con quelli storico-artistici, per approdare ad una nozione di beni ambientali che spaziava dall ambiente sino al governo del territorio.

5 Cenni storici : Ministero dei beni Culturali ISTITUZIONE DEL MINISTERO PER I BENI CULTURALI E AMBIENTALI Legge 29 del gennaio 1975 n 5 L'art. 2 (IV coma ) prevede tra l'altro che Il Ministero d' intesa con le Regioni. Promuova le Iniziative necessarie per la protezione dell ambiente e che Il Ministro, sentiti I Ministri competenti, curi studi e programmi scelti, in materia di parchi e riserve naturali. Tali poteri sono attualmente di competenza regionale come le funzioni amministrative della 1497 delegate alle Regioni dall'art. 82 del D.P.R. 616/77, Sono state trasferite alle Regioni altresì la funzioni relative agli Interventi per la protezione della natura, le riserve ed i parchi naturali LEGGI REGIONALI DI GESTIONE DIRETTA E LEGGI DI SUBDELEGA AI COMUNI Leggi regionali che attribuiscono ai Comuni (Consigli Comunali) tutta una serie di poteri, riservando all'ente Regione un ruolo di Indirizzo e di coordinamento

6 Cenni storici : DLG 431/ /1999 L.Galasso La legge Galasso (85), poi recepita dal T.U. del Schematizzando al massimo, la Galasso, mantenendo inalterata la disciplina delle bellezze naturali, ed opera su due fronti : a) introduce le aree tutelate ex lege creando una presunzione juris et de iure (senza prova contraria) della rilevanza dell interesse paesaggistico di alcune categorie di beni dettagliatamente elencate dall art. 1 della legge medesima Indtroduce le definizioni di beni culturali e beni ambientali. I primi si compongono essenzialmente del patrimonio storico, artistico e monumentale, archeologico e dei beni che costituiscono testimonianza avente valore di civiltà; i beni ambientali invece sono "quelli individuati in base alla legge quale testimonianza significativa dell ambiente nei suoi valori naturali o culturali."

7 Cenni storici : DLG 431/ /1999 demanda alle regioni la redazione dei piani paesaggistici, ossia «piani di area» la cui funzione è quella di dettare le norme di comportamento in relazione alle stesse aree (attraverso il richiamo all elenco di cui al comma 5 dell art. 82 del D.P.R. 616/1977), stabilendo ciò che in esse si può o non si può fare.

8 PTRC - Piano Territoriale Regionale di Coordinamento Il governo del territorio viene attuato attraverso un insieme di strumenti tra i quali il PPR Piano Paesistico Regionale nella cui configurazione è possibile cogliere un esplicito richiamo alla pianificazione paesistica ed alla valenza ambientale l PPR deve contenere "per la conservazione dei beni culturali, architettonici e archeologici, nonché per la tutela delle identità storico-culturali dei luoghi, disciplinando le forme di tutela, valorizzazione e riqualificazione del territorio in funzione del livello di integrità e rilevanza dei valori paesistici".

9 Nuovo PPR Piano Regionale Paesaggio La Sardegna è la prima Regione italiana ad avere approvato il PPR secondo le direttive espresse nel Codice dei Beni Culturali. Il Piano Paesistico Regionale della Sardegna risale al 25 Novembre 2004 L impianto normativo del PPR è costruito in adeguamento alla legislazione corrente, con particolare attenzione all evoluzione legislativa che ha condotto dalla legge 431/1985 al Codice 42/2004, alla giurisprudenza costituzionale che si è susseguita in materia a partire dalle sentenze 55 e 56 del 1968, nonchè alla Convenzione Europea del Paesaggio, al Protocollo MAP per le zone costiere.

10 Cenni storici : DLG 431/ /1999 La norma classifica come bellezze naturali soggette a vincolo tutta una serie di territori individuati in blocco e per categorie morfologiche senza la necessità di alcun ulteriore provvedimento formale da parte della pubblica amministrazione: a. i territori costieri compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i terreni elevati sul mare; b. i territori contermini ai laghi compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i territori elevati sui laghi; c. i fiumi, i torrenti ed i corsi d'acqua iscritti negli elenchi di cui al testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con Regio decreto , n. 1775, e le relative sponde o piede degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna;2 d. le montagne per la parte eccedente metri sul livello del mare per la catena alpina e metri sul livello del mare per la catena appenninica e per le isole; e. i ghiacciai e i circhi glaciali; f. i parchi e le riserve nazionali o regionali, nonché i territori di protezione esterna dei parchi; g. i territori coperti da foreste e da boschi, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, e quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento; h. le aree assegnate alle università agrarie e le zone gravate da usi civici; i. le zone umide incluse nell'elenco di cui al decreto del Presidente della Repubblica , n. 448 ( ) j. i vulcani; k. le zone di interesse archeologico

11 Luglio 2000 Convenzione europea del paesaggio A livello Europeo assume importanza la sottoscrizione della La Convenzione Europea del Paesaggio è un documento adottato dal Comitato dei Ministri della Cultura e dell'ambiente del Consiglio d'europa il 19 luglio 2000, ufficialmente sottoscritto nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze il 20 ottobre È stata firmata da ventisette Stati della Comunità Europea e ratificata da dieci, tra cui l'italia nel 2006.

12 Convenzione europea del paesaggio Oltre a dare una definizione univoca e condivisa di paesaggio, la convenzione dispone i provvedimenti in tema di riconoscimento e tutela, che gli stati membri si impegnano ad applicare. Vengono definite le politiche, gli obiettivi, la salvaguardia e la gestione relativi al patrimonio paesaggistico, riconosciuta la sua importanza culturale, ambientale, sociale, storica quale componente del patrimonio europeo ed elemento fondamentale a garantire la qualità della vita delle popolazioni. La Convenzione prevede la salvaguardia di tutti i paesaggi, indipendentemente da prestabiliti canoni di bellezza o originalità, ed include espressamente: «...paesaggi terrestri, le acque interne e marine. Concerne sia i paesaggi che possono essere considerati eccezionali, sia i paesaggi della vita quotidiana sia i paesaggi degradati."»

13 2001 Modifica legge Costituzionale È importante ricordare, che nel 2001 la legge costituzionale n. 3 ha modificato il Titolo V della parte seconda della Costituzione attribuendo allo Stato la legislazione esclusiva in materia di tutela dell ambiente e dei beni culturali, ed includendo tra le materie di legislazione concorrente il governo del territorio e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali.

14 DLG 42/2004 / DCPM 12/12/2005 Il codice «URBANI» o statuto dei beni culturali e paesaggistici. Il testo è suddiviso in cinque parti. la parte I definisce di principi generali, la parte II i beni culturali, la parte III i beni paesaggistici, la parte IV le sanzioni La parte V le disposizioni

15 DLG 42/2004 / DCPM 12/12/2005 I Beni Culturali, Sono beni culturali le cose immobili e mobili appartenenti allo Stato, alle regioni, agli altri enti pubblici territoriali, nonchè ad ogni altro ente ed istituto pubblico e a persone giuridiche private senza fine di lucro, che presentano interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico. Si ricorda che quasi tutti i BENI PUBBLICI o sono BENI CULTURALI, infatti gli edifici o manufatti di proprietà pubblica più vecchi di 50 (70?) anni diventano Beni Culturali Salvo : SVINCOLO paesaggistico tramite apposita procedura e accoglimento da comissione paesaggistica regionale

16 DLG 42/2004 / DCPM 12/12/2005 I beni paesaggistici: Sono beni paesaggistici: a) gli immobili e le aree indicati all'articolo 136, individuati ai sensi degli articoli da 138 a 141; b) le aree indicate all'articolo 142; c) gli immobili e le aree comunque sottoposti a tutela dai piani paesaggistici previsti dagli articoli 143 e 156.

17 I beni paesaggistici I beni di cui all art. 136 a) le cose immobili che hanno cospicui caratteri di bellezza o di singolarità geologica; b) le ville, i giardini e i parchi, non tutelati a norma delle disposizioni della Parte seconda del codice (beni culturali), che si distinguono per la loro non comune bellezza c) i complessi di cose immobili che compongono un caratteristico aspetto avente valore estetico e tradizionale; d) le bellezze panoramiche considerate come quadri e così pure quei punti di vista o di belvedere, accessibili al pubblico dai quali si goda lo spettacolo di quelle bellezze.

18 I beni paesaggistici I beni di cui all art.136 individuati dagli artt. dal 138 al 141 Art. 138: Proposta di dichiarazione di notevole interesse pubblico (Commissione provinciale) Art. 139: Partecipazione al procedimento di dichiarazione di notevole interesse pubblico (provincie, comuni, proprietari o possessori, associazioni) Art. 140: Dichiarazione di notevole interesse pubblico e relative misure di conoscenza (Regione: notifica, pubblicazione su G.U. e B.U.R.) Art. 141: Provvedimenti ministeriali

19 I beni paesaggistici I beni di cui all art. 142 a) i territori costieri compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i terreni elevati sul mare; b) i territori contermini ai laghi compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i territori elevati sui laghi; c) i fiumi, i torrenti ed i corsi d acqua iscritti negli elenchi previsti dal T.U. approvato con regio decreto n. 1775/33 e le relative sponde o piede dagli argini per una fascia di 150 metri ciascuna; d) le montagne per la parte eccedente metri s.l.m. per la catena alpina e metri s.l.m. per la catena appenninica e le isole; e) i ghiacciai e i circhi glaciali; g i parchi e le riserve nazionali o regionali, nonché i territori di protezione esterna dei parchi f) i territori coperti da foreste e da boschi, ancorchè percorsi o danneggiati dal fuoco, e quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento ; h) le aree assegnate alle università agrarie e le zone gravate da usi civici; i) le zone umide (stagni, paludi, lagune, torbiere, ecc.) incluse nell elenco previsto dal D.P.R. n. 448/76; l) i vulcani; m) le zone di interesse archeologico individuate alla data di entrata in vigore del presente codice.

20 I beni paesaggistici I beni di cui ai piani paesaggistici previsti dagli artt. 143 e 156 Art Piano paesaggistico. Le regioni ripartiscono il territorio in ambiti omogenei di diversa qualità paesaggistica (elevato pregio, compromessi e degradati). Il piano individua le aree e gli immobili da tutelare, attribuisce a ciascun ambito corrispondenti valori di qualità paesaggistica, e stabilisce modalità e destinazioni d uso (mantenimento delle caratteristiche, sviluppo urbanistico ed edilizio compatibili, recupero e riqualificazione).

21 Beni Paesaggistici USI CIVICI SONO BENI PAESAGGISTICI anche le aree gravate da USI CIVICI L'art. 1 della "Legge Galasso" contempla gli usi civici prevedendo che le terre che ne sono gravate siano soggette al vincolo di cui alla legge n. 1497/1939, ossia al vincolo che tutela le bellezze naturali. La medesima disposizione trova posto nel decreto legislativo n. 42/2004 e successive modifiche ed integrazioni. Per Uso Civico si intende il vincolo imposto su beni immobili a favore della collettività, che usufruisce dei beni e dei frutti che ne derivano. Con l'uso civico di legnatico, ad esempio, i membri di una determinata comunità godevano del diritto di raccogliere legna in un particolare bosco, considerato (impropriamente, ma non sempre o non del tutto) come di proprietà collettiva. Con quello di pascolatico era previsto il pascolo delle greggi e delle mandrie. Erbatico od di pascolo i propri animali in una determinata zona.

22 Beni paesaggistici USI CIVICI Sardegna Le funzioni amministrative di competenza regionale in materia di usi civici sono esercitate dall Assessorato dell agricoltura e riforma agro-pastorale attraverso lo specifico Ufficio regionale per gli usi civici (art. 4 della legge regionale n. 12/1994). Compito fondamentale è quello dell accertamento delle aree gravate da usi civici ammissibili. l decreto contenente l elenco completo dei terreni ad uso civico su base comunale è pubblicato sul B.U.R.A.S. (art. 5 della legge regionale n. 12/1994

23 SITAP, Sistema Informativo Territoriale Ambientale e Paesaggistico

24 SARDEGNA Sistema Informativo Territoriale Il Sistema Informativo della Regione SARDEGNA (raccoglie tutte le informazioni relative ai beni e agli ambiti paesaggistici individuati sul territorio e alle relative forme di tutela e valorizzazione. L accesso alle informazioni via Web è molto vasto (esempi): &n=10 Da cui è possibile accedere alle varie sezioni (cartografia, normativa, procedura,..) in modo dettagliato.

25 1 GENNAIO TERMINE DEL PERIODO PROVVISORIO Riprendendo l argomento «piani paesaggistici» previsti dagli artt. 143 e 156 Art Verifica e adeguamento dei piani paesaggistici. Alle regioni vengono concessi quattro anni per adeguare i piani territoriali paesistici di cui all art. 149 del D.L.vo 490/99, alle disposizioni previste dall art. 143 del D.L.vo 42/2004 per i piani paesaggistici.

26 Art. 146/1 Alterazione dello stato dei luoghi. Vieta ai proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo dei beni paesaggistici, di distruggerli o di introdurvi modificazioni, che rechino pregiudizio ai valori paesaggistici oggetto di protezione.

27 Art. 146/2: Autorizzazione ad eseguire opere su beni paesaggistici I proprietari, i possessori o detentori a qualsiasi titolo dei beni paesaggistici, hanno l obbligo di sottoporre alle regioni o all ente competente i progetti delle opere che intendono eseguire sui beni per ottenere l autorizzazione preventiva... L'autorizzazione paesaggistica

28 Art. 146/2: Autorizzazione ad eseguire opere su beni paesaggistici A CHI? Alle Regioni o all ente competente sub-delegato per competenza. Con delibera n37/11, la Giunta Regionale ha adottato i criteri per la verifica dei requisiti di organizzazione e competenza nei soggetti delegati all esercizio delle funzioni paesaggistiche ai sensi della L.R. 12 agosto 1998, n. 28, in attuazione degli artt. 146 e 159 del D. Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 e s.m.i.

29 ISTITUZIONE UFFICIO "TUTELA DEL PAESSAGGIO" Verifica che i Comuni destinatari della delega siano dotati di strutture in grado di assicurare un adeguato livello di competenze tecnico-scientifiche e di garantire la differenziazione tra l esercizio delle funzioni amministrative in materia urbanistico-edilizia e quelle relative alla tutela paesaggistica; È necessario istituire un Ufficio Tutela del Paesaggio per lo svolgimento di tutti gli adempimenti dei procedimenti relativi alle istanze delle autorizzazioni paesaggistiche coordinato da un Capo Ufficio, avente la specifica professionalità, cui attribuire la responsabilità istruttoria tecnico-amministrativa delle stesse istanze delegate all Amministrazione, garantendo la differenziazione tra l esercizio delle funzioni amministrative in materia urbanistico edilizia e quelle di tutela del paesaggio;

30 La relazione paesaggistica La Relazione Paesaggistica è l allegato tecnico del D.P.C.M. 12/12/2005 e deve contenere tutti gli elementi necessari alla verifica della compatibilità paesaggistica dell'intervento. Da chi? Redatta da tecnico qualificato (architetti, ingegneri, geometri,..) articolor2 DCPM 2005 «Elementi di drafting» Il paesaggio va tutelato (compatibilità rispetto ai valori paesaggistici riconosciuti dal vincolo) Gli interventi nel territorio devono avere il minore impatto sull esistente. (Congruità con i criteri di gestione dell immobile e dell area.) I valori che il territorio esprime vanno conservati Gli interventi devono essere di qualità (Coerenza con gli obiettivi di Qualità paesaggistica).

31 Accertamento di Compatibilità Paesaggistica Di norma non è ammessa (art. 146, comma 4 del D. lgs. 42/2004) la richiesta volta ad ottenere l'autorizzazione paesaggistica in sanatoria, cioè dopo aver già realizzato, anche parzialmente, gli interventi progettati. Solo in alcuni casi è possibile rilasciare un provvedimento di sanatoria in via successiva all'esecuzione dei lavori, che viene chiamato "accertamento di compatibilità paesaggistica". Vi sono grandi limiti e differenze nella procedura stessa, ad esempio il fatto in questo caso il parere della SopraIntendenza non è solo Obbligatorio ma VINCOLANTE. inoltre i tempi 150 o 60gg non sono più validi, (diventano 180? 6 mesi...) inoltre l'elenco delle opere "sanabili" dal punto di vista paesaggistico sono in limitati

32 Relazione paesaggistica La Relazione Paesaggistica redatta in formato A4 o A3 descrive, con l ausilio di cartografia e elaborati specifici l inserimento dell intervento nel contesto, in ordine: 1. contesto paesaggistico dell intervento e/o dell opera e note descrittive dello stato attuale 2. descrizione sintetica dell intervento e suo inserimento nel contesto 3. effetti conseguenti alla realizzazione dell opera e compensazioni / mitigazioni previste 4. documentazione fotografica Si allegano, inoltre, alla relazione paesaggistica: A. scheda dati urbanistico paesaggistici (modulo) B. relazione tecnica di progetto C. elaborati di progetto

33 CONTESTO PAESAGGISTICO DELL INTERVENTO E/O DELL OPERA E NOTE DESCRITTIVE DELLO STATO ATTUALE In questa sezione sono riportate tutte le informazioni sull ubicazione dell intervento e sul suo inserimento nel contesto paesaggistico che verrà sinteticamente analizzato. Viene inoltre esaminatala sua integrazione nella pianificazione urbanistica e paesaggistica del Comune. Viene descritto sinteticamente l eventuale immobile sul quale si interviene. La descrizione sarà corredata anche da una sintesi delle principali vicende storiche, da documentazione cartografica di inquadramento che ne riporti sinteticamente le fondamentali rilevazioni paesaggistiche, evidenziando le relazioni funzionali, visive, simboliche tra gli elementi e i principali caratteri di degrado eventualmente presenti.

34 1: CONTESTO PAESAGGISTICO DELL INTERVENTO E/O DELL OPERA E NOTE DESCRITTIVE DELLO STATO ATTUALE In questo capitolo devono essere inseriti: Stralcio del foglio aerofotogrammetrico scala 1:2.000 Estratto tavola PRG e NPRG a colori ed eventuale PP e relativa norma che evidenzino: l'edificio o sua parte; area di pertinenza/il lotto di terreno, l'intorno su cui si intende intervenire. (tabella delle norme tecniche di attuazione, legenda) Estratto degli strumenti di pianificazione paesistica quali P.P.; P.T.C.P.; P.U.R.T. che evidenzino il contesto paesaggistico e l'area dell'intervento: stralci della tavola E1 (1:25.000) ed E3 (1: ) E3bis ed E3 ter del P.T:P. Tavola di analisi dei caratteri [1] del contesto paesaggistico e dell'area di intervento. In dettaglio.

35 1: CONTESTO PAESAGGISTICO DELL INTERVENTO E/O DELL OPERA E NOTE DESCRITTIVE DELLO STATO ATTUALE a) individuazione fisica descrittiva dell'ambito in cui è prevista la realizzazione della proposta di piano o edificatoria (I.G.M. 1/25.000, C.T.R. 1/10.000, planimetria catastale, piano quotato ante e post sistemazione, rilievo delle emergenze rocciose ed arboree, emergenze storico culturali,...); b) stralcio della pianificazione regionale, provinciale, comunale ed attuativa; c) piante, prospetti, sezioni, particolari architettonici, opere d'arte, profili quotati ante e post sistemazione con riferimento, ove possibile, alla quota stradale; - 4 copie della relazione paesaggistica in cui si ponga in evidenza lo stato attuale del bene tutelato, gli elementi di valore paesaggistico presenti, gli impatti sul paesaggio delle trasformazioni proposte, la modalità di esecuzione delle stesse, i materiali da impiegare, le rifiniture esterne, gli elementi di mitigazione e compensazione; - 2 copie di ampia documentazione fotografica a colori (montata su fogli A4 o maggiore, datata e firmata), puntuale e panoramica dell'area interessata, di cui una copia dovrà essere originale mentre la seconda potrà essere fotocopiata, purché a colori. Sulla documentazione fotografica dovrà essere riportata l'ubicazione dell'intervento; - 2 copie della simulazione grafica e fotografica dell'intervento proposto dai coni visuali principali e della viabilità (per nuove opere dall'impatto notevole, in siti particolarmente visibilio sensibili, o se l'ufficio lo riterrà indispensabile); - estremi e copia di eventuali precedenti provvedimenti rilasciati per l'area su cui insiste l'intervento proposto; - eventuale copia del progetto in formato digitale e planimetria d'ingombro georeferenziata (coordinate Gauss-Boaga). Nel caso di nuove costruzioni o ampliamenti nel centro abitato, oltre alla documentazione sopra indicata occorre presentare due copie della planimetria e del profilo, in scala opportuna, dell'isolato in cui insiste l'opera proposta. Per insegne, targhe e vetrine: - 4 copie della planimetria intestata progettualmente con l'indicazione dell'ufficio sul quale dovrà essere installato il manufatto; - 4 copie dello stralcio del piano della pubblicità o dell'arredo urbano (qualora in dotazione al Comune); - 4 copie del grafico, intestato progettualmente del prospetto dell'edificio sul quale andrà il manufatto con simulazione dell'inserimento; 4 copie del bozzetto del manufatto, con l'indicazione delle dimensioni, delle caratteristiche, delle colorazioni e dei materiali costruttivi. 2 copie della documentazione fotografica che inquadri compiutamente la facciata dell'edificio sul quale andrà ubicato il manufatto con simulazione dell'intervento (una copia dovrà essere originale, mentre la seconda potrà essere fotocopiata, purché a colori),. La documentazione fotografica a colori, datata e firmata, dovrà essere montata su fogli formato A4 e potrà essere fornita anche su supporto informatico (solo CD-ROM).

36 1: CONTESTO PAESAGGISTICO DELL INTERVENTO E/O DELL OPERA E NOTE DESCRITTIVE DELLO STATO ATTUALE Elementi Morfologici Strutturali storici-artistici-monumentali archeologici - socio/culturali diffusi) elementi urbanistici-edilizi - paesaggi agrari Elementi Vedutistici siti e percorsi panoramici aree visibili dai succitati siti e percorsi Sulla cartografia l'edificio/area di intervento devono essere evidenziati attraverso apposito segno grafico o coloritura. Segnalare in questa sezione elementi di lettura di qualità e criticità paesaggistiche (elementi peculiari e distintivi, integrità, qualità visiva, rarità, degrado, sensibilità, vulnerabilità/fragilità, capacità di assorbimento visuale, stabilità) Le analisi fin qui condotte sono necessarie per la valutazione della SENSIBILITA DEL SITO integrando le analisi del contesto ai diversi livelli di tutela previsti nei PTP (tutela limitata, tutela orientata, tutela paesaggistica, tutela integrale.)

37 2. DESCRIZIONE SINTETICA DELL INTERVENTO E SUO INSERIMENTO NEL CONTESTO Descrizione del progetto con la motivazione delle scelte progettuali in coerenza con gli obiettivi di conservazione e/o valorizzazione e/o riqualificazione paesaggistica. 1. Planimetria con l inserimento ambientale del progetto (1:500, 1:5000) che individui i caratteri estetici e percettivi dell intervento in relazione al contesto. 2. Piante, prospetti e sezioni significative: in scala 1:100 o inferiore per gli interventi di maggiore estensione territoriale. 3. Indicazione dei materiali di impiego, dei relativi colori (campionati) e dei sistemi costruttivi con rappresentazione, se necessaria, degli eventuali particolari. 4. Sezioni ambientali schematiche rappresentative del rapporto percettivo e altimetrico fra l intervento e il contesto paesaggistico assoggettato a tutela, in adeguata scala. 5. Fotomontaggio che evidenzi l inserimento dell opera nel contesto paesaggistico, in relazione al tipo di intervento proposto, da più punti di vista. 6. Indicazione degli elementi di mitigazione e compensazione (essenze impiegate, sesto di impianto, ecc.).

38 2. DESCRIZIONE SINTETICA DELL INTERVENTO E SUO INSERIMENTO NEL CONTESTO rendering computerizzato o manuale: simulazione dettagliata dello stato dei luoghi a seguito della realizzazione del progetto resa mediante foto modellazione realistica (rendering computerizzato o manuale), comprendente un adeguato intorno dell'area di intervento, desunto dal rapporto di intervisibilità esistente, per consentire la valutazione di compatibilità e adeguatezza delle soluzioni nei riguardi del contesto paesaggistico. effetti dell'inserimento nel contesto paesaggistico. Nel caso di interventi di architettura contemporanea (sostituzioni, nuove costruzioni, ampliamenti), la documentazione dovrà mostrare, attraverso elaborazioni fotografiche commentate, gli effetti dell'inserimento nel contesto paesaggistico e nell'area di intervento e l'adeguatezza delle soluzioni, basandosi su criteri di congruità paesaggistica (forme, rapporti volumetrici, colori, materiali, interventi su elementi arborei e vegetazione)

39 3. EFFETTI CONSEGUENTI ALLA REALIZZAZIONE DELL OPERA E MITIGAZIONI PREVISTE Questo capitolo descrive gli effetti conseguenti alla realizzazione dell opera. Si devono evidenziare le modificazioni, ove significative, dirette e indotte, reversibili e irreversibili, a breve e medio termine, nell'area di intervento e nel contesto paesaggistico sia in fase di cantiere che a regime, con particolare riguardo per gli interventi da sottoporre a procedure di V.I.A. nei casi previsti dalla legge. Possibili modificazioni dell'immobile o dell'area tutelata: cromatismi dell'edificio; rapporto vuoto/pieni; sagoma; volume; aspetto architettonico; copertura; pubblici accessi;

40 3. EFFETTI CONSEGUENTI ALLA REALIZZAZIONE DELL OPERA E MITIGAZIONI PREVISTE impermeabilizzazione del terreno; movimenti di terreno/sbancamenti; realizzazione di infrastrutture accessorie; aumento superficie coperta; alterazione dello skyline (profilo dell'edificio o profilo dei crinali); alterazione percettiva del paesaggio (intrusione o ostruzione visuale) mappe di intervisibilità profili di interferenza; interventi su elementi arborei e vegetazione copertura; pubblici accessi

41 4. DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA Le riprese fotografiche devono permettere una vista di dettaglio dell'area di intervento e una vista panoramica del contesto da punti dai quali è possibile cogliere con completezza le fisionomie fondamentali del contesto paesaggistico, le aree di intervisibilità del sito. Le riprese fotografiche vanno corredate da brevi note esplicative e dall'individuazione del contesto paesaggistico e dell'area di intervento

42 Art. 149 Interventi non soggetti ad autorizzazione a) manutenzione ordinaria e straordinaria, di consolidamento statico e conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e l aspetto esteriore degli edifici; b) interventi inerenti l attività agro-silvo-pastorale che non comportino l alterazione permanente dello stato dei luoghi con costruzioni edilizie o altre opere civili e che non alterino l assetto idrogeologico del territorio; c) per il taglio colturale, la forestazione, la riforestazione, le opere di bonifica, antincendio e di conservazione da eseguirsi nei boschi e nelle foreste indicati dall art. 142, comma 1, lett. g), purchè previsti ed autorizzati in base alle norme vigenti in materia (R.D. 3267/23 di competenza del C.F.S. - lez. 06/04 Dr. Noveri).

43 PROCEDURA PAESAGGISTICA fino al 31 DICEMBRE 2009 Fino al 31 dicembre 2009, l autorizzazione paesaggistica era «normalmente» emanata dall Ente sub-delegato dalla Regione, previa valutazione della compatibilità dell intervento; la valutazione veniva inviata alla Soprintendenza che, entro 60 giorni, che poteva eventualmente annullarla per vizi di legittimità degli atti. La procedura ordinaria prevista dall'art. 146 del D.Lgs 42/04, di competenza regionale (salva delega ad altro ente pubblico), è caratterizzata dall'intervento della Soprintendenza non più in via successiva, ma preventiva attraverso il rilascio di un parere di merito (e non più di legittimità) entro un termine perentorio.

44 La Relazione Paesaggistica La RELAZIONE PAESAGGISTICA è il documento che deve obbligatoriamente accompagnare i progetti per accertarne la compatibilità con gli ambiti vincolati. A) PROCEDURA ORDINARIA B) PROCEDURA SEMPLIFICATA

45 PROCEDURA ORDINARIA PAESAGGISTICA DAL 1 GENNAIO 2010 Il richiedente presenta domanda di autorizzazione paesaggistica all Ente cui è attribuita tale competenza L Ente competente entro 40 giorni dalla ricezione dell istanza: - verifica la completezza della documentazione (provvede a richiedere eventuali integrazioni). valuta la compatibilità paesaggistica dell intervento trasmette al Soprintendente la documentazione presentata dal richiedente, il parere del Comune di compatibilità paesaggistica ed una relazione illustrativa e comunica al richiedente l avvio del procedimento.

46 PROCEDURA ORDINARIA PAESAGGISTICA DAL 1 GENNAIO 2010 Il richiedente presenta domanda di autorizzazione paesaggistica all Ente cui è attribuita tale competenza L Ente competente entro 40 giorni dalla ricezione dell istanza: - verifica la completezza della documentazione (provvede a richiedere eventuali integrazioni). valuta la compatibilità paesaggistica dell intervento trasmette al Soprintendente la documentazione presentata dal richiedente, il parere del Comune di compatibilità paesaggistica ed una relazione illustrativa e comunica al richiedente l avvio del procedimento.

47 PROCEDURA PAESAGGISTICA DAL 1 GENNAIO 2010 Il Sopraintendente entro 45 giorni : Comunica il proprio parere NON Comunica il proprio parere L Ente competente, entro 20 giorni dal ricevimento del parere del Sopraintendente emette CONFORME provvedimento finale L Ente competente, entro i successivi 15 giorni può indire la Conferenza Dei Servizi oppure in ogni caso decorsi i 60 (45+15) dalla ricezione degli atti da parte del Sopraintendente, DETERMINA sulla domanda presentata

48 PROCEDURA PAESAGGISTICA DAL 1 GENNAIO 2010 L autorizzazione va trasmessa alla Soprintendenza che ha reso il parere, nonché, unitamente al parere rilasciato dalla Soprintendenza, alla Regione l autorizzazione (art. 146, comma 11) diventa efficace decorsi 30 giorni dalla data del rilascio

49 PROCEDURA PAESAGGISTICA DAL 1 GENNAIO 2010 RIEPILOGO Il procedimento può avere una durata massima di 105 giorni ( ) (120 se viene indetta la conferenza dei servizi). La nuova disciplina si applica anche ai procedimenti che, al 31 dicembre 2009, non si sono ancora conclusi con l emanazione dell autorizzazione.

50 PROCEDURA PAESAGGISTICA DAL 1 GENNAIO 2010 La struttura tecnica I Comuni, o gli enti delegati in materia dalla Regione devono individuare la struttura tecnica a cui attribuire la responsabilità dell istruttoria tecnica delle richieste di autorizzazione paesaggistica. Ad essa compete: La verifica degli elaborati progettuali, L acquisizione del parere di compatibilità paesaggistica dalla Commissione, La trasmissione alla Soprintendenza del progetto e del parere unitamente alla relazione illustrativa.

51 Autorizzazione paesaggistica semplificata 15/06/2010 Il DPR 139/2010, entrato in vigore il 10 settembre, ha stabilito il regolamento recante il procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica per gli interventi di «lieve entità» (tassativamente elencati nel provvedimento), che non comportino alterazione dei luoghi o dell'aspetto esteriore degli edifici, con l'obiettivo di razionalizzare gli adempimenti connessi. Comprende 39 tipi di interventi che hanno un'incidenza visibile sul paesaggio stimata intorno al 75% del totale degli interventi. I principali interventi oggetto della semplificazione Tra gli interventi sottoposti a semplificazione si segnalano:

52 Autorizzazione paesaggistica semplificata 15/06/2010 incremento di volume non superiore al 10% della volumetria della costruzione originaria e comunque non superiore a 100 mc; interventi di demolizione e ricostruzione con il rispetto di volumetria e sagoma preesistenti su immobili non sottoposti a tutela ai sensi dell'art. 136, comma 1, lettere a), b) e c) del D. Leg.vo 42/2004; aperture di porte e finestre o modifica delle aperture esistenti per dimensione e posizione, nonché interventi sulle finiture esterne, con rifacimento di intonaci, tinteggiature o rivestimenti esterni, modificativi di quelli preesistenti; realizzazione o modifica di balconi o terrazze; realizzazione o modifica di autorimesse pertinenziali, collocate fuori terra ovvero parzialmente o totalmente interrate, con volume non superiore a 50 mc, compresi percorsi di accesso ed eventuali rampe; realizzazione di tettoie, porticati, gazebo e manufatti consimili aperti su più lati, aventi una superficie non superiore a 10 mq; realizzazione di manufatti accessori o volumi tecnici di piccole dimensioni; interventi necessari al superamento delle barriere architettoniche; realizzazione o modifica di cancelli, recinzioni, o muri di contenimento del terreno; modifica di muri di cinta esistenti senza incrementi di altezza.

53 Autorizzazione paesaggistica semplificata 15/06/2010 Il procedimento autorizzatorio semplificato deve concludersi in ogni caso, ai sensi dell'art. 3, nel termine massimo di 60 giorni dal ricevimento dell'istanza. Quanto alla procedura, è prevista una prima verifica in ordine alla applicabilità o meno della modalità semplificata, nonché una verifica preliminare della conformità dell'intervento progettato alla disciplina urbanistica ed edilizia. In caso di esito positivo si procede alla valutazione di compatibilità paesaggistica, con rigetto immediato della domanda nel caso in cui l'amministrazione competente esprima valutazione negativa.

54 Autorizzazione paesaggistica semplificata 15/06/2010 Il dpr 139/2010 stabilisce le seguenti regole di presentazione di un istanza di autorizzazione paesaggistica semplificata : Domanda a firma dell interessato; Relazione paesaggistica semplificata, redatta da un tecnico abilitato secondo la SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E' VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA allegata al dpcm 12/12/2005 Attestazione del tecnico abilitato di conformità del progetto con i valori paesaggistici; Attestazione del tecnico abilitato di conformità del progetto alla disciplina urbanistica ed edilizia

55 Autorizzazione paesaggistica semplificata 15/06/2010 Situazione tipo Istanza conforme alle norme urbanistico/edilizie e paesistiche (art.3, c.1 del dpr 139/2010) Istanza non conforme alle norme urbanistico/edilizie (art.3, c.2 del dpr 139/2010) Tempo max per emettere il provvedimento espresso 60 gg dalla domanda 30 gg dalla domanda

56 Autorizzazione paesaggistica semplificata 15/06/2010 Situazione particolare (istanza conforme alle norme urbanistico/edilizie e paesistiche Istanza incompleta ed integrata su richiesta del Comune Istanza completa ma giudicata non conforme per la parte paesistica, salvo modifica con osservazioni Istanza incompleta e dopo integrazione giudicata non conforme a tutela paesistica Tempo max per emettere il provvedimento espresso 75gg = (integrazioni) 70gg = (osservazioni) 85gg= (integrazioni) + 10 (osservazioni)

57 Autorizzazione paesaggistica semplificata 15/06/2010 Situazione particolare (istanza NON conforme alle norme urbanistico/edilizie Istanza incompleta ed integrata su richiesta del Comune Tempo max per emettere il provvedimento espresso 45gg = (integrazioni) Istanza incompleta e non integrata anche se richiesta del Comune 45gg = (integrazioni)

58 Autorizzazione paesaggistica semplificata 15/06/2010 Situazione particolare (istanza conforme alle norme urbanistico/edilizie ma non alle norme paesistiche Istanza completa ma giudicata non conforme paesisticamente nonostante le integrazioni Istanza incompleta e dopo integrazioni comunque giudicata non conforme paesisticamente nonostante le osservazioni Tempo max per emettere il provvedimento espresso 50gg = (osservazioni) + 10 (rigetto) 65gg = (integrazioni) + 10(osservazioni) + 10 (rigetto)

59 Autorizzazione paesaggistica semplificata 15/06/2010 Tra le novità, è di assoluto rilievo l art.4, comma 12 del dpr 139/2010, non è obbligatorio il parere delle Commissioni Locali per il Paesaggio, salvo quanto diversamente previsto dalla legislazione regionale. per i lavori di lieve entità del DPR 139/2010, : - se i Comuni li autorizzano senza il parere della Commissione per il paesaggio, violano le prescrizioni del d.lvo 42/2004 ; - se i Comuni li sottopongono al parere della Commissione per il paesaggio, violano le prescrizioni del dpr 139/2010.

60 COMMISSIONE LOCALE DEL PAESAGGIO Il Codice per i Beni culturali (D. Lgs. 42/2004) prescrive l istituzione delle Commissioni per il paesaggio presso gli enti locali a cui sono attribuite le competenze in materia di autorizzazione paesaggistica. La Commissione locale per il paesaggio è un organo collegiale tecnicoconsultivo, composta da 3 (tre) membri compreso il Presidente con il diritto di voto. La Commissione locale per il paesaggio ha il compito di esprimere pareri obbligatori, in merito al rilascio delle autorizzazione paesaggistiche per quanto riguarda le competenze amministrative attribuite ai Comuni, cioè in tutti i casi in cui è previsto il rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche di competenza comunale, ovvero l irrogazione di sanzioni in materia paesaggistica ambientale.

61 Autorizzazione paesaggistica semplificata 15/06/2010 Tra le novità, una ulteriore semplificazione : riguardante gli interventi non soggetti ad autorizzazione paesistica. - prima del DPRr 139/2010, il limite alla soggezione dell autorizzazione paesaggistica preventiva era stabilito - in termini generali e riassumibili nella tipologia concettuale degli interventi che non alterino lo stato dei luoghi e l aspetto esteriore degli edifici ; - con il DPR 139/2010, invece, si stabilisce che Sono assoggettati a procedimento semplificato di autorizzazione paesaggistica,, gli interventi di lieve entità,, sempre che comportino un alterazione dei luoghi o dell aspetto esteriore degli edifici, indicati nell elenco di cui all allegato I ;.

62 Autorizzazione paesaggistica semplificata 15/06/2010 Tra le novità, una inversione procedurale Per le opere di lieve entità di cui al dpr 139/2010 non vale il principio di subordinazione generale prima l autorizzazione paesistica e poi quella urbanistico edilizia) ma esattamente l opposto prima l autorizzazione urbanistico edilizia e poi quella paesistica.

63 SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività In relazione al rapporto tra autorizzazione paesaggistica ( ordinaria o semplificata ) e SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), va precisato che, per interventi in ambito assoggettato a tutela paesaggistica ai sensi del D. Lgs. n. 42/2004 che prevedano una modifica dello stato dei luoghi e dell esteriore aspetto degli edifici, alla SCIA deve essere allegato lo specifico provvedimento paesaggistico rilasciato dall Ente preposto alla tutela: tale atto di assenso (autorizzazione paesaggistica) non può essere sostituito dalla SCIA.

64 Le fasi operative : ORTOFOTO in scala e geo-referenziate Rilievo da foto Profili di interferenza, Skyline (il piano quotato/terreno 3D) TAVOLA COMPARATIVA SIMULAZIONE FOTOGRAFICA

65 Le fasi operative : Simulazione FOTOGRAFICA Le riprese fotografiche ed i rilievi; Realizzazione del modello solido 3D; Determinazione della prospettiva e scala della foto parametri Il Rendering del modello 3D; Il montaggio della simulazione.

66 Le riprese fotografiche (2-4) Calibrazione orizzontale Riferimento C Riferimento B Riferimento A

67 Le riprese fotografiche (2-4) calibrazione verticale Riferimento C Riferimento B Riferimento A

68 I Rilievi e Misure Identificazione delle MIRE, i punti di riferimento nella foto Misurare le distanze tra le Mire Identificare approssimativamente la posizione della fonte luminosa

69 Punti di Ripresa

70 Altezza del punto di ripresa altezza punto di ripresa

71 Posizione dei RIFERIMENTI (mire) Riferimento B Riferimento A Riferimento C

72 Posizione fonte luminosa (approssimata, solo come indicazione di direzione principale) In Altezza In Pianta 2D

73 Realizzazione del modello 3D

74 Le fasi operative : Simulazione FOTOGRAFICA La calibrazione prospettica della foto: 1) Metodo del «Piano di Calibrazione» Richiede almeno due misure di distanza ben riconoscibili nella foto. 2) Metodo del «Prisma di Calibrazione» Consente di realizzare la calibrazione prospettica in modo dinamico. Più controllabile.

75 Ricavare la prospettiva e la scala della foto / definzioni iniziali

76 Il metodo PIANO DI CALIBRAZIONE

77 Il metodo del PRISMA DI CALIBRAZIONE

78 Inserire il modello3d nella foto

79 Rendering e (eventuale) fotoritocco in ImageEditor

80 Il montaggio della simulazione Sovrapposizione del fabbricato in trasparenza

81 Il montaggio della simulazione Risultato finale

82 Le fasi operative : OrtoFoto Google Earth

83 Le fasi operative : Terreno skyline e profili di interferenza da Google Earth

84 Le fasi operative : TAVOLA COMPARATIVA

85 Alcuni Esempi Lottizzazione Cala Gonone Prima Dopo

86 Alcuni Esempi Lottizzazione Cala Gonone Prima Dopo

87 Alcuni Esempi casa di campagna Prima Dopo

88 Alcuni Esempi casa di campagna Prima Dopo

89 Alcuni Esempi - Agriturismo Prima Dopo

90 Alcuni Esempi Palazzina a Porto Torres Prima Dopo

91 Alcuni Esempi Stintino Prima Dopo

92 Alcuni Esempi Ponte a Viddalba Prima Dopo

93 Alcuni Esempi Ponte a Viddalba (SS) Prima Dopo

94 Alcuni Esempi Casa di campagna (ss) Prima Dopo

95 Alcuni Esempi Casa di campagna Prima Dopo

96 Alcuni Esempi Prima Dopo

97 Orto-botanico (ss) Prima Dopo

98 Prima Capannone industriale

99 Alcuni esempi

100 Alcuni esempi

101 Alcuni esempi

102 Alcuni esempi

103 Cittanova (RC)

104 Cittanova (RC)

105 Cittanova (RC)

106 Esempi

107 Spagna Angel Estuvo - Frontones

108 Varie (Germania-Austria)

RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1)

RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE (2): persona fisica società impresa

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE E/O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. Schema della relazione paesaggistica ai sensi dell'art. 3 del D.C.P.M. 12 dicembre 2005 approvato dall'osservatorio Regionale per la qualità del Paesaggio nella seduta del 13.07.2006 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE

Dettagli

Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139

Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139 STU-EDI-SEMPL/0 Pagina 1 di 5 Protocollo Relazione paesaggistica semplificata Ai sensi dell'articolo 2 del Decreto del Presidente della Repubblica 09/07/2010, n. 139 Il sottoscritto richiedente autorizzazione

Dettagli

UFFICIO COMUNE DEL PAESAGGIO Comuni di Muggia e San Dorligo della Valle. SKUPNI URAD ZA KRAJINSKO NAČRTOVANJE Občin Milje in Dolina

UFFICIO COMUNE DEL PAESAGGIO Comuni di Muggia e San Dorligo della Valle. SKUPNI URAD ZA KRAJINSKO NAČRTOVANJE Občin Milje in Dolina UFFICIO COMUNE DEL PAESAGGIO Comuni di Muggia e San Dorligo della Valle SKUPNI URAD ZA KRAJINSKO NAČRTOVANJE Občin Milje in Dolina ALLEGATO ALLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI

Dettagli

persona fisica società impresa ente

persona fisica società impresa ente SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE (2) : persona fisica

Dettagli

Relazione Paesaggistica. La simulazione fotografica nella progettazione

Relazione Paesaggistica. La simulazione fotografica nella progettazione Relazione Paesaggistica La simulazione fotografica nella progettazione Decreto del Presidente dei Ministri 12 Dicembre 2005 Il 31 luglio 2006 è scattato l obbligo di allegare una dettagliata relazione

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RELAZIONE PAESAGGISTICA PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER INTERVENTI MODIFICATIVI DELLO STATO DEI LUOGHI IN ZONE SOTTOPOSTE A VINCOLO DI

Dettagli

GLI ALLEGATI DEVONO ESSERE PRODOTTI SU SUPPORTO INFORMATICO FIRMATI DIGITALMENTE E IN 4 COPIE CARTECEE

GLI ALLEGATI DEVONO ESSERE PRODOTTI SU SUPPORTO INFORMATICO FIRMATI DIGITALMENTE E IN 4 COPIE CARTECEE ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA CON PROCEDURA SEMPLIFICATA (ART. 1 DEL DPR. 139/2010) Marca da bollo da Euro 16,00 Spettabile Parco delle Groane Via Della Polveriera 2 20020 Solaro e mail protocolloparcogroane@promopec.it

Dettagli

COMUNE DI. 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica /società/impresa/ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO (3) :

COMUNE DI. 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica /società/impresa/ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO (3) : U.T.A. - Ufficio Tecnico Associato Settore Urbanistica, Edilizia, SUE, SUAP e Ambiente Borgo Tossignano Casalfiumanese Castel Guelfo di Bologna Fontanelice P.zza Unità d Italia 7 P.zza A. Cavalli 15 Via

Dettagli

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1)

AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA (1) 1. RICHIEDENTE: (2) persona fisica società impresa ente 2. TIPOLOGIA

Dettagli

Comune di Brenzone 1. RICHIEDENTE: 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO:

Comune di Brenzone 1. RICHIEDENTE: 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA E/O DELL'INTERVENTO: AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA 1. RICHIEDENTE: persona fisica società impresa ente 2. TIPOLOGIA DELL'OPERA

Dettagli

DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO STORICO E ISOLE DELLA LAGUNA

DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO STORICO E ISOLE DELLA LAGUNA Modello da compilarsi a cura del richiedente COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Marca da bollo 16,00 DOMANDA PER INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI E/O TENDE PARASOLE IN VENEZIA CENTRO

Dettagli

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005

Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 Estratto dal D.P.C.M. 12 dicembre 2005 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER LE OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA

Dettagli

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. D.P.C.M. 12-12-2005 Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice dei beni culturali

Dettagli

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina

Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione. in Laterina - Comune di Laterina Dott. Ing. Marco Sacchetti Installazione di pannelli fotovoltaici su fabbricato di civile abitazione in Laterina - Comune di Laterina RELAZIONE PAESAGGISTICA Ai sensi del D.P.R. 09.Luglio.2010 n. 139 Proprietà:

Dettagli

Studio Legale Spallino

Studio Legale Spallino PROCEDIMENTO PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA EX L.R. LOMBARDIA N. 12/05 - ART. 82 Gli enti competenti al rilascio dell autorizzazione paesaggistica provvedono: A. secondo la procedura

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

COMUNE DI...ACIREALE...

COMUNE DI...ACIREALE... COMUNE DI...ACIREALE... AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. (1) 1. RICHIEDENTE: (2)...COMUNE DI ACIREALE...

Dettagli

FOTOGRAFIE DELLO STATO DI FATTO

FOTOGRAFIE DELLO STATO DI FATTO COMMITTENTE ING. GIAN LUCA ULCIANI NOME IMIANTO ORTOFINO 4 4.1 FOTOGRAFIE DELLO STATO DI FATTO LANIMETRIA UNTI DI RIRESA ANORAMICI E L A B O R A ZI O N E G R A F I C A A C U RA D I UNI EN I SO pag: 16

Dettagli

Autorizzazione paesaggistica per opere e/o interventi il cui impatto paesaggistico è valutato mediante una documentazione semplificata (1)

Autorizzazione paesaggistica per opere e/o interventi il cui impatto paesaggistico è valutato mediante una documentazione semplificata (1) PROTOCOLLO All Ufficio Tecnico Comunale del COMUNE di FOLLINA Autorizzazione paesaggistica per opere e/o interventi il cui impatto paesaggistico è valutato mediante una documentazione semplificata (1)

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio)

Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art. 16 Regolamento Edilizio) modello 5 Marca da Bollo Data di arrivo PG PR Allo Sportello Unico per l Edilizia Ufficio Ricezione Piazza Municipale, 21 Richiesta di Valutazione preventiva di ammissibilità edilizio-urbanistica (art.

Dettagli

CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici

CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici CONVEGNO - Grugliasco 7 giugno 2010 Commissioni del paesaggio. Ruoli e responsabilità dei tecnici Cristina Lucca Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici delle Province di Torino, Asti,

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

Comune di Diamante Ufficio Tecnico Settore Urbanistica Demanio Patrimonio Via Pietro Mancini n. 10 87023 Diamante

Comune di Diamante Ufficio Tecnico Settore Urbanistica Demanio Patrimonio Via Pietro Mancini n. 10 87023 Diamante MARCA DA BOLLO Comune di Diamante Ufficio Tecnico Settore Urbanistica Demanio Patrimonio Via Pietro Mancini n. 10 87023 Diamante OGGETTO: Segnalazione certificata di inizio di attività edilizia (SCIA)

Dettagli

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

ATTIVITA EDILIZIA LIBERA ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI PAVIA COMUNICAZIONE RELATIVA ALL ESECUZIONE DI OPERE SENZA TITOLO ABILITATIVO ATTIVITA EDILIZIA LIBERA OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA art. 6 comma

Dettagli

MODELLO UNICO per gli interventi di: manutenzione ordinaria e straordinaria

MODELLO UNICO per gli interventi di: manutenzione ordinaria e straordinaria Comune di CIVITAVECCHIA (Provincia di Roma) MODELLO UNICO per gli interventi di: manutenzione ordinaria e straordinaria SPAZIO PER PROTOCOLLO Al COMUNE di CIVITAVECCHIA Servizio 9 - Governo del Territorio

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA. Lavori di: Ammodernamento S.P. 44 tratto Biancavilla verso S.P. 167.

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA. Lavori di: Ammodernamento S.P. 44 tratto Biancavilla verso S.P. 167. PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Lavori di: Ammodernamento S.P. 44 tratto Biancavilla verso S.P. 167. PROGETTO ESECUTIVO (rielaborazione) Allegato: RELAZIONE PAESAGGISTICA SEMPLIFICATA titolo: relazione-planimetrie-foto

Dettagli

RELAZIONE DI ANALISI

RELAZIONE DI ANALISI CITTA DI VENTIMIGLIA Prov. di Imperia P. Iva/C.f. 00247210081 Piazza della Libertà, 3 18039 Ventimiglia (IM) Tel. 0184 2801 - Fax 0184-352581 PEC comune.ventimiglia@legalmail.it PIANO DEL COLORE DEL CENTRO

Dettagli

DICHIARAZIONI DEL PROGETTISTA

DICHIARAZIONI DEL PROGETTISTA DICHIARAZIONI DEL PROGETTISTA (allegato alla domanda del permesso di costruire) l sottoscritt ING./ARCH./GEOM./ NATO/A A CON STUDIO PROF.LE IN IL CAP VIA/C.SO/P.ZZA CIVICO CODICE FISCALE E-MAIL P.IVA TEL.

Dettagli

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di

Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di MODELLO SCIA.b SCIA.b - 29/08/2011 ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ EDILIZIA ai sensi dell articolo 19, comma 1

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA [1] Cognome: Nome: in qualità di:

SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA [1] Cognome: Nome: in qualità di: COMUNE DI AVIANO PROVINCIA DI PORDENONE Marca da bollo 14,62 SCHEDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA [1] 1) RICHIEDENTE [2]: persona fisica società impresa ente Cognome:

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI METALLA E IL MARE. COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE Provincia Carbonia - Iglesias SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

UNIONE DEI COMUNI METALLA E IL MARE. COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE Provincia Carbonia - Iglesias SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA UNIONE DEI COMUNI METALLA E IL MARE COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE Provincia Carbonia - Iglesias SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA via Vittorio Emanuele, 200-09010 Fluminimaggiore (CI) tel 0781 5850230 fax 0781 580519

Dettagli

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail

Se persona fisica Il/la sottoscritto/a nato/a a il codice fiscale e residente in via/piazza CAP comune prov. telefono fax e-mail RICHIESTA Autorizzazioni paesistiche. Provincia di Milano Settore Agricoltura, parchi, caccia e pesca Viale Piceno, 60 20129 MILANO DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER INTERVENTI IN AREA BOSCATA

Dettagli

DI ANGUILLARA SABAZIA

DI ANGUILLARA SABAZIA 1 CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA PROVINCIA DI ROMA Area Urbanistica - Edilizia Privata - Patrimonio - Edilizia Residenziale Pubblica MODULO C.I.L.A. In duplice copia COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI ASSEVERATA

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA COMUNE DI PORDENONE TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1) altri titolari oltre al presente dichiarante NO SI n (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica per ogni

Dettagli

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap.

Il/ La sottoscritto/a nato/a a. il, residente a. in Via/Piazza n. cap. Comune di Novara RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 Legge 241/1990 come modificato e integrato dall art. 49 della Legge 122/2010)

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

1. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER MOVIMENTI DI TERRENO DOCUMENTAZIONE MINIMA

1. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER MOVIMENTI DI TERRENO DOCUMENTAZIONE MINIMA 1. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER MOVIMENTI DI TERRENO Domanda in bollo a norma di legge (Euro 14,62) diretta alla Provincia di Savona - Settore Tutela del Territorio e dell'ambiente - Servizio Piani

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

COMUNE DI PORTOSCUSO Via Marco Polo, 1 09010 PORTOSCUSO (CI)

COMUNE DI PORTOSCUSO Via Marco Polo, 1 09010 PORTOSCUSO (CI) ASSESSORADU DE SOS ENTES LOCALES, FINANTZIAS E URBANISTICA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE E URBANISTICA Diretzione generale de sa pianificatzione urbanìstica territoriale e de sa vigilàntzia edilìtzia

Dettagli

Parco Nazionale Arcipelago Toscano

Parco Nazionale Arcipelago Toscano Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Parco Nazionale Arcipelago Toscano ALLEGATO ALLA DELIBERA DI CONSIGLIO DIRETTIVO N. 27 DEL 12.07.2010 LINEE GUIDA PER L'ISTRUTTORIA DELLE

Dettagli

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE

PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE ALLEGATO A PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE Fattoria Le Mura Società Agricola Srl - legale rappresentante Rindi Corrado responsabile del procedimento geom. Adriano Zingoni

Dettagli

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO

Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Comune di Collesalvetti PROVINCIA DI LIVORNO Ufficio: URBANISTICA Settore: Servizi Urbanistica PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N.36 DEL 04-06-2015 Oggetto: Piano di Miglioramento Aziendale ai

Dettagli

INDICE DEGLI ARGOMENTI:

INDICE DEGLI ARGOMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI: PREMESSA INQUADRAMENTO URBANISTICO INQUADRAMENTO PAESISTICO E REGIME VINCOLISTICO DESCRIZIONE DEI LUOGHI DESCRIZIONE DELL INTERVENTO FINALITÀ DELL INTERVENTO PREMESSA Il progetto

Dettagli

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i.

ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. Allo sportello unico dell edilizia Municipalità di ASSEVERAZIONE ALLEGATA ALLA DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi dell art. 23 del D.P.R. 380/01 s.m.i. MODELLO B cod. B- 27/1/2010 da compilarsi

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco

Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Regolamento per il rilascio di licenze per sale gioco Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 08.07.2008 In vigore dal 17.09.2008 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

SANTO STEFANO DI CAMASTRA

SANTO STEFANO DI CAMASTRA COMUNE DI SANTO STEFANO DI CAMASTRA Provincia di Messina PROGETTO ESECUTIVO PER I LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DEGLI SPAZI DEL SENSO CIVICO PON FESR SICUREZZA E SVILUPPO - OBIETTIVO CONVERGENZA 2007/2013

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Oggetto: Piano Attuativo denominato SALOV e Centro Leasing - Adozione- Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale Premesso che: con deliberazione del Consiglio Comunale del 27.4.2004 n. 51 è stato

Dettagli

SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA art. 19 L 07.08.1990 N. 241 - artt. 13-16 L. R. 15 / 2013

SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA art. 19 L 07.08.1990 N. 241 - artt. 13-16 L. R. 15 / 2013 REGISTRAZIONE ARRIVO Al Responsabile dello Sportello Edilizia SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA art. 19 L 07.08.1990 N. 241 - artt. 13-16 L. R. 15 / 2013 SCIA SCIA di Variante in Corso d

Dettagli

N.1937 /7/Reg. Deter. Data, 11/06/2012

N.1937 /7/Reg. Deter. Data, 11/06/2012 Provincia di Foggia Settore Assetto del Territorio SIT e Beni Culturali Sede: Via Telesforo, 25-71100 FOGGIA tel. 0881/791347 /401/351 fax 0881/791434 codice fiscale 00374200715 N.1937 /7/Reg. Deter. Data,

Dettagli

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PROVINCIA DI PADOVA Palazzo Mantegna Via Indipendenza, 41 35013 Cittadella (PD) P.I 00731540282 C.F. 81000370288 Tel. 049-9413411 Fax 049-9413419 4 SETTORE EDILIZIA PRIVATA ED URBANISTICA

Dettagli

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE

ISTANZA AUTORIZZAZIONE MOVIMENTO TERRA PER REALIZZAZIONE OPERE COSTRUTTIVE REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO 6 AGRICOLTURA FORESTE E FORESTAZIONE AREA TERRITORIALE [*1]... [*2].... [*3] Via........ [ CAP ] [ CITTÀ ] www.assagri.regione.calabria.it Per il tramite del Suap del Comune

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) AL COMUNE DI PIEVE EMANUELE Via Viquarterio, 1 20090 Ufficio Edilizia Privata SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990 come modificato ed integrato dall

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art.

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art. S.C.I.A. n. / (riservato al Comune) Timbro del Protocollo Generale AL COMUNE DI ROSTA UFFICIO TECNICO Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta Torino OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

Dettagli

05.12.2013 Risparmio energetico: iter da seguire

05.12.2013 Risparmio energetico: iter da seguire Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 335 05.12.2013 Risparmio energetico: iter da seguire Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 55% I soggetti che intendono usufruire della

Dettagli

Ricevuta dal SUAPE in data. Pratica n. Al Responsabile dell Area Urbanistica ed Assetto del Territorio del Comune di MAGIONE (PG)

Ricevuta dal SUAPE in data. Pratica n. Al Responsabile dell Area Urbanistica ed Assetto del Territorio del Comune di MAGIONE (PG) Protocollo Comune di MAGIONE Provincia di PERUGIA Ricevuta dal SUAPE in data (dalla quale decorrono i termini per l efficacia) Pratica n. (Spazio protocollo informatico) Al Responsabe dell Area Urbanistica

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER INTERVENTI MODIFICATIVI DELLO STATO DEI LUOGHI IN ZONE SOTTOPOSTE A VINCOLO DI TUTELA PAESAGGISTICO

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER INTERVENTI MODIFICATIVI DELLO STATO DEI LUOGHI IN ZONE SOTTOPOSTE A VINCOLO DI TUTELA PAESAGGISTICO CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Mod. Comunale (Modello 0484 Versione 0032014) Marca da bollo Identificativo: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER INTERVENTI MODIFICATIVI DELLO STATO DEI LUOGHI IN

Dettagli

FAC SIMILE RELAZIONE PAESAGGISTICA REDATTA IN FORMA COMPLETA

FAC SIMILE RELAZIONE PAESAGGISTICA REDATTA IN FORMA COMPLETA FAC SIMILE RELAZIONE PAESAGGISTICA REDATTA IN FORMA COMPLETA TRACCIA RELAZIONE PAESAGGISTICA COMPLETA Redatta ai sensi del DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 12 dicembre 2005 e allegata

Dettagli

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E comune di CAMPOSANTO P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E Norme di specificazione per gli interventi di ricostruzione e/o delocalizzazione di edifici posti in territorio rurale vincolati dalla

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAMENTO (Art. 23, comma 1, del D.P.R. 06/06/2001, n. 380 e s.m.i.)

RELAZIONE TECNICA DI ASSEVERAMENTO (Art. 23, comma 1, del D.P.R. 06/06/2001, n. 380 e s.m.i.) Estremi archiviazione pratica edilizia: Prot. Gen. n. del Pratica Edilizia N Denuncia di inizio attività N ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI OGGETTO: Denuncia di inizio attività presentata

Dettagli

Comune di Loreggia PROVINCIA DI PADOVA

Comune di Loreggia PROVINCIA DI PADOVA Comune di Loreggia PROVINCIA DI PADOVA 3 SETTORE EDILIZIA PRIVATA E URBANISTICA RELAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DEL D.P.C.M. 12/12/2005 PER OPERE IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO E VALUTATO MEDIANTE DOCUMENTAZIONE

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA alla luce delle recenti innovazioni normative

L AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA alla luce delle recenti innovazioni normative L AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA alla luce delle recenti innovazioni normative D.Lgs. 22 gennaio 2004, n.42 D.P.R. 9 luglio 2010, n.139 D.P.C.M. 12 dicembre 2005 Relatore: Arch. Francesco Caporaso LE COMPETENZE

Dettagli

Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali

Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali 139 Il contributo economico dello Stato per il restauro e la conservazione di beni culturali Stefano Cesarini Contesto legislativo e normativo Il nuovo Codice dei beni culturali e del paesaggio (D.Lgs.

Dettagli

Contributi per il Restauro di Ville Venete

Contributi per il Restauro di Ville Venete Contributi per il Restauro di Ville Venete CARATTERE DEI FINANZIAMENTI L Istituto regionale per le Ville venete promuove l erogazione di contributi a fondo perduto per il consolidamento, manutenzione e

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DELLA VAL DI VARA Provincia della Spezia Piazza Marconi n. 1-19020 Sesta Godano Tel 0187/891525 - Fax 0187/870921 C.F.

UNIONE DEI COMUNI DELLA VAL DI VARA Provincia della Spezia Piazza Marconi n. 1-19020 Sesta Godano Tel 0187/891525 - Fax 0187/870921 C.F. Marca da bollo 16,00 Spett. Unione dei Comune della Val Di Vara Piazza Marconi, 1 19020 Sesta Godano (SP) ISTANZA PER IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DELL ART. 146 DEL D.LGS 42/04

Dettagli

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia

Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia Modena, 8/03/2011 Prot. Gen. n. 28679/2011 CG-MG/mg A tutto il Personale del Settore Agli Ordini e Collegi Professionali LORO SEDI OGGETTO: PROCEDURE DI

Dettagli

Energie Rinnovabili e tutela del paesaggio. Maria Raffaella Lamacchia Dirigente dell'ufficio Attuazione Pianificazione Paesaggistica Regione Puglia

Energie Rinnovabili e tutela del paesaggio. Maria Raffaella Lamacchia Dirigente dell'ufficio Attuazione Pianificazione Paesaggistica Regione Puglia Energie Rinnovabili e tutela del paesaggio Maria Raffaella Lamacchia Dirigente dell'ufficio Attuazione Pianificazione Paesaggistica Regione Puglia PROTOCOLLO DI KYOTO VS CONVENZIONE EUROPEA DEL PAESAGGIO

Dettagli

Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio (ai sensi dell art. 18 del Regolamento Edilizio)

Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio (ai sensi dell art. 18 del Regolamento Edilizio) COMUNE DI FERRARA Città patrimonio dell Umanità Marca da Bollo PG Allo Sportello Unico per l Edilizia PR Ufficio Ricezione Data di arrivo Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi art. 49 comma 4 bis della Legge 30.07.2010 n. 122 ( Da presentarsi DOPO l ottenimento degli eventuali altri atti previsti dalle normative

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALLA QUALITÀ DEL TERRITORIO Area Politiche per la Mobilità e la Qualità Urbana Servizio Assetto del Territorio tavola rotonda su L INNOVAZIONE POSSIBILE: DEMATERIALIZZAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA RELAZIONE PAESAGGISTICA

LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA RELAZIONE PAESAGGISTICA LINEE GUIDA PER LA STESURA DELLA RELAZIONE PAESAGGISTICA Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio D.Lgs. 22.01.2004, n. 42 art. 146, comma 2 D.P.C.M. 12.12.2005 La RELAZIONE PAESAGGISTICA è articolata

Dettagli

nato/a a Prov. il / / residente in: Comune Prov. C.A.P. indirizzo n. tel. @mail/pec Comune Prov. C.A.P. Indirizzo n. tel. codice fiscale/partita IVA

nato/a a Prov. il / / residente in: Comune Prov. C.A.P. indirizzo n. tel. @mail/pec Comune Prov. C.A.P. Indirizzo n. tel. codice fiscale/partita IVA Mod. A -1 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) (ai sensi dell art. 19 Legge 241/90 e ss.mm.ii. e del D.L. 22.06.12, n. 83, convertito con modificazioni dalla L. n. 134/2012) DATI ANAGRAFICI

Dettagli

Al Responsabile del Servizio Tecnico e Territoriale del Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA (PV)

Al Responsabile del Servizio Tecnico e Territoriale del Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA (PV) Comune di SANTA MARIA DELLA VERSA Provincia di Pavia Servizio Tecnico e Territoriale Sportello Unico per l Edilizia Spazio riservato per il protocollo SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (ex articolo

Dettagli

Gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili non soggetti ad autorizzazione unica. Gestione dei procedimenti unici SUAP

Gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili non soggetti ad autorizzazione unica. Gestione dei procedimenti unici SUAP Gli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili non soggetti ad autorizzazione unica Gestione dei procedimenti unici SUAP Inquadramento Le FER: Autorizzazioni e procedure amministrative Normativa

Dettagli

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale.

Quadro normativo delle Regioni e Province Autonome sulla VAS LIGURIA. Disciplina della valutazione di impatto ambientale. L.R. 4/09/1997, n. 36. Pubblicata nel B.U. Liguria 17 settembre 1997, n. 16, L.R. 30/12/1998, n. 38. Pubblicata nel B.U. Liguria 20 gennaio 1999, n. 1. L.R. 4/08/2006, n. 20. Pubblicata nel B.U. Liguria

Dettagli

Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna

Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna Anaci Bologna OBBLIGO LINEE VITA IN EMILIA ROMAGNA Relatori: Geom. Gian Luca SAMOGGIA - Direttore Centro Studi ANACI Regionale Geom. Marco MARCHESI - Docente Centro Studi ANACI Bologna OeM Bologna 14.02.2014

Dettagli

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO

I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO I SERRAMENTI IN PVC NELL AMBIENTE COSTRUITO PREMESSA L Associazione Italiana Centro di Informazione sul PVC ha condotto un analisi ragionata e comparata di alcuni strumenti per regolamentare la materia

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE PIANIFICAZIONE GENERALE E DI BACINO SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE INTERVENTI Prot. Generale N. 0042306 / 2014 Atto N. 1764 OGGETTO: AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata

Proprietario cognome nome residente a via n. codice fiscale tel. fax email certificata COMUNE DI USMATE VELATE PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA Corso Italia n. 22-20040 USMATE VELATE P.I. 00714670965 - C.F. 01482570155 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA (SCIA) Ai sensi

Dettagli

CIL: COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA LIBERA ATTIVITA EDILIZIA LIBERA SOGGETTA A COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI (D.Lgs n. 28 del 03.03.

CIL: COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA LIBERA ATTIVITA EDILIZIA LIBERA SOGGETTA A COMUNICAZIONE DI INIZIO LAVORI (D.Lgs n. 28 del 03.03. Il/La sottoscritto/a nato/a a il domiciliato/a in via n Codice Fiscale/p.iva tel. Allo Sportello Unico per l Edilizia COMUNE CARPENEDOLO CIL: COMUNICAZIONE INIZIO ATTIVITA LIBERA ATTIVITA EDILIZIA LIBERA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI PORDENONE SETTORE 7 PIANIFICAZIONE EDILIZIA PRIVATA ATTIVITÀ ECONOMICHE DIREZIONE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Regolamento

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

COMUNE DI JESI DECRETO DIRIGENZIALE. Provincia di Ancona DIRIGENTE AREA SERVIZI TECNICI. Numero: 110 Data: 06/11/2014

COMUNE DI JESI DECRETO DIRIGENZIALE. Provincia di Ancona DIRIGENTE AREA SERVIZI TECNICI. Numero: 110 Data: 06/11/2014 COMUNE DI JESI Provincia di Ancona DIRIGENTE AREA SERVIZI TECNICI DECRETO DIRIGENZIALE Numero: 110 Data: 06/11/2014 OGGETTO: DITTA CENTER GOMMA SRL. AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA CON PROCEDURA SEMPLIFICATA

Dettagli

Comune di Rapolano Terme (SI) Al Responsabile dell Area Edilizia, Ambiente e Assetto del Territorio

Comune di Rapolano Terme (SI) Al Responsabile dell Area Edilizia, Ambiente e Assetto del Territorio Riservato al protocollo COMPILARE IN STAMPATELLO L ISTANZA INCOMPLETA VERRA SOSPESA Comune di Rapolano Terme (SI) Al Responsabile dell Area Edilizia, Ambiente e Assetto del Territorio OGGETTO : Richiesta

Dettagli

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere COMUNE DI CURCURIS copia del documento comprovante il requisito per ottenere la concessione o dichiarazione ai sensi dell art. 4 della L. 15/68 modificata dalla L. 191/98; copia del certificato di destinazione

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 67 del 29.12.2005 In vigore dal 26.02.2006 TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A REGOLAMENTO ARREDI DELLE AREE PERTINENZIALI Atto collegato

Dettagli

Tel.. fax.. e-mail.. con sede a.. (Prov.. ) Via... n... CAP... eventuale altro recapito completo...

Tel.. fax.. e-mail.. con sede a.. (Prov.. ) Via... n... CAP... eventuale altro recapito completo... 16,00 Protocollo Responsabile del procedimento Al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per Venezia e Laguna San Marco, 1 Palazzo Ducale 30124

Dettagli

PROGETTISTA INCARICATO

PROGETTISTA INCARICATO 06032013 TIMBRO PROTOCOLLO C I T T A D I S A C I L E N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda

Dettagli

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... )

VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014. SCIA n... del... (busta.../... ) AL DIRIGENTE RESPONSABILE DEL SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI IMPRUNETA VARIANTE AI SENSI DELL ART. 143 L.R. 65/2014 SCIA n..... del... (busta...../.... ) SCIA n..... del... (busta...../....

Dettagli

Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni

Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni Decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1999, n. 554 Regolamento di attuazione della legge quadro in materia di lavori pubblici 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni (G.U. n.

Dettagli

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia

RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia RELAZIONE ASSEVERATA DEL PROGETTISTA resa ai sensi dell articolo 26, comma 1, della Legge Regionale 11.11.2009, n 19 Codice Regionale dell Edilizia Il sottoscritto cognome e nome nato/a a provincia il

Dettagli

Norme in materia di tutela e valorizzazione dei beni ambientali, paesistici e culturali.

Norme in materia di tutela e valorizzazione dei beni ambientali, paesistici e culturali. Campania - L.R. 18-11-1995, n. 24 L.R. 18 novembre 1995, n. 24(1). Norme in materia di tutela e valorizzazione dei beni ambientali, paesistici e culturali. (1) Pubblicata nel B.U. 21 novembre 1995, n.

Dettagli