IL GOVERNO TEDESCO ABBANDONA IL PROGETTO DEL TRENO A LEVITAZIONE MAGNETICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL GOVERNO TEDESCO ABBANDONA IL PROGETTO DEL TRENO A LEVITAZIONE MAGNETICA"

Transcript

1 IL GOVERNO TEDESCO ABBANDONA IL PROGETTO DEL TRENO A LEVITAZIONE MAGNETICA A fine marzo il ministro dei trasporti tedesco, Tiefensee, ha dichiarato che il Governo federale è intenzionato ad abbandonare il progetto del treno a levitazione magnetica, Transrapid, che, secondo i progetti originari, avrebbe dovuto collegare l aeroporto di Monaco di Baviera alla stazione centrale. Secondo indiscrezioni riportate dalla stampa internazionale, i costi per la realizzazione dell opera, lievitati dagli o- riginari 1,85 miliardi di euro a circa tre, sarebbero diventati eccessivi per i partner dell iniziativa: lo Stato Federale, il Land della Baviera, la Deutsche Bahn e gli industriali del settore. BCE: BOLLETTINO MENSILE E MERCATO DEL LAVORO Nella riunione del 10 aprile 2008 il Consiglio direttivo della Banca Centrale Europea (BCE) ha deciso che il tasso minimo di offerta applicato alle operazioni di rifinanziamento principali e i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale rimarranno invariati rispettivamente al 4,00%, al 5,00% e al 3,00%. Secondo la BCE, infatti le informazioni più recenti confermano l esistenza di forti pressioni al rialzo sull inflazione nel breve periodo e che l area dell euro si trova ad attraversare una fase piuttosto prolungata di inflazione temporaneamente elevata sui dodici mesi, riconducibile principalmente ai rincari dell energia e dei prodotti alimentari. Le ultime informazioni confermano chiaramente la valutazione del Consiglio direttivo secondo cui prevalgono rischi al rialzo per la stabilità dei prezzi anche nel medio termine, in un contesto che continua a essere caratterizzato da un espansione molto vigorosa di moneta e credito. Nonostante ciò, le condizioni di fondo dell economia rimangono solide e continua, ma a ritmi moderati, la crescita del PIL in termini reali. Il livello di incertezza derivante dalle turbolenze nei mercati finanziari resta tuttavia insolitamente elevato e le tensioni si potrebbero prolungare oltre l orizzonte temporale che ci si attendeva inizialmente. Per quanto concerne l analisi economica, la seconda stima dell Eurostat indica per il quarto trimestre del 2007 una crescita del PIL in termini reali pari allo 0,4% sul periodo 12

2 precedente, dopo lo 0,7 del terzo trimestre, ed appaiono sostanzialmente in linea anche le aspettative di crescita per il primo trimestre del In prospettiva, la domanda è attesa continuare a sostenere il protrarsi della crescita del PIL nell area dell euro e, pur in moderazione, l espansione economica mondiale dovrebbe seguitare a mostrare capacità di tenuta, grazie in particolare alla forte crescita delle economie emergenti. Frattanto l incremento degli investimenti nell area dell euro dovrebbe esercitare un persistente effetto di stimolo sull attività economica dati l elevato grado di utilizzo della capacità produttiva, la consistente redditività delle imprese e l assenza di indicazioni significative di limitazioni nell offerta di prestiti bancari. Allo stesso tempo, per effetto del miglioramento delle condizioni economiche e della moderazione salariale, l occupazione e la partecipazione alle forze di lavoro hanno registrato un aumento significativo e i tassi di disoccupazione sono scesi su livelli che non si osservavano da un quarto di secolo. Malgrado l attenuazione riconducibile all impatto del rincaro dei prodotti energetici e alimentari sul potere di acquisto, la crescita dei consumi dovrebbe seguitare a contribuire all espansione economica, in linea con l incremento del reddito disponibile reale. Relativamente ai prezzi, la stima rapida dell Eurostat indica per il mese di marzo un tasso di inflazione, misurato sullo IAPC, del 3,5% a conferma del fatto che continuano a sussistere pressioni al rialzo sull inflazione nel breve periodo ed in prospettiva, è probabile che il tasso di inflazione misurato sullo IAPC si mantenga su livelli significativamente superiori al 2% nei prossimi mesi, per poi registrare soltanto una graduale moderazione nel corso del In tale contesto, anche le prospettive di medio periodo permangono soggette a rischi al rialzo afferenti alla dinamica dei rincari dei prodotti energetici e alimentari, dei prezzi amministrati, delle imposte indirette in aggiunta a quelli fino ad oggi immaginati, ma soprattutto esiste il rischio che il processo di formazione di salari e prezzi acuisca le pressioni inflazionistiche ( ) è dunque indispensabile che tutte le parti coinvolte mostrino senso di responsabilità. Devono essere evitati effetti di secondo impatto sul processo di formazione dei salari e dei prezzi connessi al rincaro dei prodotti energetici e alimentari. A tale riguardo il Consiglio direttivo segue con attenzione 13

3 le trattative salariali all interno dell area e nutre preoccupazione per l esistenza di forme di indicizzazione delle retribuzioni nominali ai prezzi al consumo; queste comportano il rischio che shock al rialzo sull inflazione inneschino una spirale salari-prezzi con ricadute negative sull occupazione e sulla competitività nei paesi coinvolti. Anche l analisi monetaria conferma la prevalenza dei rischi al rialzo per la stabilità dei prezzi nel medio-lungo periodo. Pertanto, dalla verifica incrociata dei risultati dell analisi economica con quelli dell analisi monetaria emerge la valutazione secondo cui prevalgono rischi al rialzo per la stabilità dei prezzi nel medio termine, in un contesto caratterizzato da un espansione assai vigorosa di moneta e credito e dall assenza di indicazioni significative riguardo a limitazioni nell offerta di prestiti bancari alle famiglie e alle società non finanziarie. Le variabili economiche fondamentali dell area dell euro sono solide. I dati macroeconomici più recenti seguitano a indicare il perdurare della crescita del PIL in termini reali, seppure a ritmi moderati. Per quanto riguarda le politiche di bilancio, gli ultimi programmi di stabilità presuppongono un incremento del rapporto disavanzo pubblico/pil dell area dell euro nel Inoltre, secondo gli esperti della BCE, è probabile che si generino ulteriori pressioni sui conti pubblici a seguito della revisione al ribasso delle ipotesi macroeconomiche oggetto di elaborazione e delle crescenti richieste di allentamento provenienti dalle autorità politiche. E pertanto si sollecitano tutti quei paesi con squilibri di bilancio a continuare lungo la via del risanamento strutturale, in linea con i dettami del Patto di stabilità e crescita; cosa questa che contribuirebbe, in questa fase, anche a contenere le pressioni inflazionistiche. In merito al capitolo delle riforme strutturali, il Consiglio direttivo saluta con soddisfazione l avvio, da parte del Consiglio europeo, del ciclo della strategia di Lisbona rinnovata per la crescita e l occupazione ed incoraggia i paesi dell area ad impegnarsi maggiormente nelle riforme e li appoggia in questo sforzo, in particolare al fine di promuovere l integrazione dei mercati e di ridurre le rigidità in quelli dei beni e servizi e del lavoro che limitano la concorrenza, la flessibilità dell occupazione e la differenziazione delle retribuzioni. 14

4 Il mercato del lavoro Secondo le rilevazioni della BCE, la situazione del mercato del lavoro dell area ha mostrato un netto miglioramento negli anni recenti, e la tendenza, sebbene in attenuazione, sembra protrarsi nel tempo. Anche le attese di occupazione, seppur in diminuzione, rimangono su livelli elevati e rafforzano la valutazione secondo cui rimarrebbero positive le prospettive di scenario. Il miglioramento del mercato del lavoro, per gli esperti della BCE, è anche il riflesso di riforme strutturali rispetto alle quali si rilevano ulteriori ed ampi margini di implementazione. Sul versante dell andamento della disoccupazione nell area dell euro si rileva la stazionarietà, rispetto al mese precedente, del dato (7,1%), il livello più basso osservato dai primi anni ottanta. Mentre nel mese in esame il numero dei disoccupati si è contratto di unità (un tasso di variazione leggermente inferiore alla riduzione media mensile avvenuta nei due trimestri precedenti). Sui dodici mesi la disoccupazione è calata di unità rispetto al febbraio del A livello di singoli paesi, il tasso di disoccupazione è rimasto stabile o è diminuito in tutti i paesi dell area dell euro, tranne in Lussemburgo, Irlanda e Spagna, dove è aumentato. Sul versante dell analisi occupazionale si rileva come questa sia incrementata in maniera sostanziale nel 2006 e nel 2007 rispetto al 2005; e come questa è attesa crescere anche in avvio di Nel quarto trimestre del 2007 la crescita dell occupazione nell area dell euro sul trimestre precedente è stata pari allo 0,2%, a fronte dello 0,4% del terzo trimestre; e dalla scomposizione settoriale si rileva un generalizzato andamento in progressiva moderazione della dinamica a partire dalla seconda metà del In particolare, nell ambito dei servizi, sono stati rilevati tassi di crescita più contenuti sia nel comparto del commercio e dei trasporti sia in quello dei servizi finanziari e alle imprese. Sulla base dei risultati delle indagini disponibili, la dinamica favorevole nel mercato del lavoro dell area dell euro degli ultimi anni sembra essersi protratta agli inizi del A tale riguardo, secondo gli esiti prodotti dall indagine PMI di NTC Economics e dalle indagini congiunturali della Commissione europea presso le fami- 15

5 glie e le imprese, si rileva come la creazione dei posti di lavoro sarebbe proseguita anche nel mese di marzo nel settore industriale ed in quello dei servizi e nonostante il lieve peggioramento degli indicatori relativi all occupazione, evidenziato da entrambe le indagini negli ultimi mesi, le condizioni del mercato del lavoro hanno finora mostrato una sostanziale tenuta a fronte del recente aumento dell incertezza sulle prospettive di crescita economica. Crescita dell occupazione Variazioni percentuali sul periodo precedente. Dati destagionalizzati Variazioni Annuali Trim. Variazioni Trimestrali Trim Trim Trim Trim. Totale economia di cui: Agricoltura e pesca Industria Escluse le costruzioni Costruzioni Servizi Commercio e trasporti Finanziari e alle imprese Amministrazione pubblica 1,6-1,4 0,6-0,4 2,8 2,1 1,5 3,7 1,8 1,8-0,8 1,5 0,5 3,8 2,0 1,7 3,8 1,3 0,4-0,5 0,5 0,1 1,5 0,4 0,1 0,7 0,4 0,6 1,2 0,7 0,2 1,9 0,5 0,5 1,2 0,2 0,5-0,6 0,2 0,1 0,4 0,6 0,8 1,0 0,4 0,4-1,1 0,0 0,1-0,2 0,7 0,8 0,7 0,5 0,2-0,5 0,1 0,0 0,2 0,3 0,0 0,8 0,2 Fonte: BCE La crescita della produttività del lavoro per occupato sul periodo corrispondente dello scorso anno è stata pari allo 0,5% nel quarto trimestre del 2007, a fronte dello 0,8% del trimestre precedente. A livello settoriale, il calo della crescita della produttività registrato nella seconda metà del 2007 è principalmente riconducibile al comparto dei servizi. I dati dell indagine PMI disponibili a febbraio 2008 indicano un ulteriore lieve deterioramento della crescita della produttività del lavoro nel primo trimestre del 2008, in particolare nel settore dei servizi. FMI: PRESENTATO IL WORLD ECONOMIC OUTLOOK Il 9 aprile è stato diffuso il World Economic Outlook, del Fondo Monetario Internazionale (FMI), all interno del quale vengono presentate le stime che gli economisti del Fondo hanno elaborato sulla crescita dell economia globale. Decisamente deludenti sono apparse le previsioni sugli 16

6 andamenti attesi dell economia mondiale; la dinamica e- spansiva sta progressivamente perdendo velocità a fronte della gravità della crisi finanziaria e nel complesso prevalgono i rischi di un ulteriore rallentamento. Infatti, per l anno in corso l'fmi prevede una crescita non superiore al 3,7% (dal 4,2% di ottobre), mentre per il 2009, la crescita è stimata essere del 3,8% al fronte del 4,4% della stima dello scorso autunno. Tuttavia lo staff di analisti del Fondo quantifica in un 25% la possibilità che la crescita mondiale non possa andare oltre il 3% nel 2008 e 2009, ovvero ad un livello equivalente ad una recessione. Per gli USA è prevista una crescita del PIL dello 0,5% quest anno ed allo 0,6% nel 2009, mentre per l Area dell Euro il PIL è stimato crescere all 1,4% nel 2008 ed all 1,2% nel In riferimento a quest ultima area il Fondo rileva che nonostante i livelli dell inflazione siano elevati, le stime indicano un ritorno dei prezzi sotto il 2% nel 2009, pertanto la Banca Centrale Europea sarà messa in condizioni di ammorbidire la propria politica monetaria. Infine, l economia italiana, per l anno in corso, è attesa crescere dello 0,3% ed altrettanto si stima per il 2009, e- videnziando una brusca frenata rispetto al +1,8% del 2006 ed al +1,5% del Il deficit statale è stimato intorno al 2,5% per entrambi gli anni di previsione ed il debito pubblico scendere al 103,6% del PIL nel 2008, dal 104% del 2007, per ritornare ai valori dello scorso anno nel Si riporta di seguito la tabella riassuntiva delle stime di crescita del Prodotto Interno Lordo globale e nazionale riferito all anno in corso ed al prossimo. PIL 2008 PIL 2009 Mondo +3,7% (-0,5%) +3,8 % (-0,6%) USA +0,5% (-1,0%) +0,6% (-1,2%) Giappone +1,4% (-0,1%) +1,5% (-0,2%) Russia +6,8% (+0,2%) +6,3% (-0,2%) Cina +9,3% (-0,7%) +9,5% (-0,5%) India +7,9% (-0,5%) +8,0% (-0,2%) Gran Bretagna +1,6% (-0,2%) +1,6% (-0,8%) Area Euro +1,4% (-0,2%) +1,2% (-0,7%) Germania 1,4% (-0,1%) +1,0% (-0,7%) Francia +1,4% (-0,1%) +1,2% (-1,0%) Italia +0,3% (0,5%) +0,3% (-0,7%) Spagna +1,8% (-0,6%) +1,7% (-0,8%) Fonte: FMI 17

7 EUROTUNNEL: NEL 2007 CRESCIUTI TRAFFICO E PROFITTI La società Eurotunnel ha reso noto di avere chiuso il 2007 col primo utile della sua storia; l amministratore delegato della società che gestisce il tunnel sotto il Canale della Manica, Gounon, ha annunciato, infatti, che dopo ben 22 anni si è avuto il primo bilancio in nero (l infrastruttura fu inaugurata nel 1994, ma la società che la gestisce risale al 1986) e che nel 2009 dovrebbe addirittura arrivare il primo dividendo per gli azionisti, grazie ad un fatturato atteso in continua crescita, che nel 2007 è aumentato del 6% rispetto al 2006 (salendo a 775 milioni di euro). Alla base del successo vi stata la crescita del traffico: +6% per le auto, +9% per i camion, +5% per i viaggiatori sull Eurostar che lo percorre. Il trend sembrerebbe confermato anche per l anno in corso che ha visto il primo trimestre 2008 mettere a segno un deciso incremento di traffico che si è tradotto in un aumento del 15% nel fatturato (su base annua). A tale riguardo si ricorda che il tunnel che attraversa il canale della Manica è lungo 50 km, da Cheriton (Gran Bretagna) a Coquelles (Francia), 39 dei quali sotto il fondale marino. Aperto al pubblico sul finire del 1994, offre servizi quali: treni passeggeri Eurostar ad alta velocità (tra le città di Londra, Parigi e Bruxelles, con fermate a Ashford, nel Kent, a Calais-Frethun e a Lille). I convogli Eurostar viaggiano su binari ad alta velocità che nelle tratte in superficie consentono di raggiungere punte anche 300 km/h mentre in quelle all interno del tunnel vengono ridotte a 160 km/h; un servizio di treni navetta (Eurotunnel Shuttle) per passeggeri, autoveicoli, camion ed autobus che connettono Sangatte (Calais/Coquelles) a Folkestone; treni navetta per il trasporto merci (trasportano camion su vagoni aperti mentre gli autisti viaggiano in vagoni passeggeri riservati); treni merci convenzionali. Dal punto di vista finanziario, infine, si ricorda che il titolo Eurotunnel venne quotato nel 1987, con esiti molto deludenti per gli investitori; lo scorso anno si è proceduto ad un raggruppamento azionario (40 titoli vecchi per uno nuovo) che ha visto aumentare il peso degli investitori i- stituzionali. Infine, il mese scorso, Eurotunnel ha deciso 18

8 di procedere ad un aumento di capitale di circa 800 milioni di euro che è stato quasi interamente sottoscritto da Goldman Sachs (per 650 milioni) che diventerà così il primo azionista del gruppo. EUROSTAT: IL TRASPORTO NELL UE Il 10 aprile l Eurostat ha pubblicato le statistiche in merito all andamento del trasporto merci all interno dell Unione Europea; ne è emerso che il dato complessivo, riferito al trasporto interno (ferrovia, strada, vie navigabili interne e condutture) ed all anno 2006, è aumentato del 5% rispetto all anno precedente, raggiungendo i miliardi di tkm. Tra gli Stati membri, gli incrementi maggiori sono stati rilevati in Grecia (+ 42%), in Ungheria (+ 16%) e nella Repubblica Ceca (+ 13%), mentre le contrazioni più marcate hanno interessato l isola di Cipro (-16%), la Danimarca (- 8%), l Estonia e l Irlanda (-3% ciascuno). Nel 2006, rileva l Eurostat, i due terzi del trasporto del UE- 27 ha fatto capo a sei Stati membri: la Germania ha generato 517 miliardi di tkm (+6%), la Francia 283 (+3%), la Spagna 264 (+3%), l Italia 256 (+4%), la Polonia 208 (+11%) mentre il Regno Unito ne ha generati 206 (+3%). Nel periodo preso in esame, la principale modalità attraverso la quale si è svolto il trasporto merci nell Unione è stata quella stradale, che ha rappresentato il 73% del totale, seguita da quella ferrovia (17%), mentre il rimanente 10% si è equamente distribuito tra vie navigabili interne e pipeline. In tutti gli Stati membri, il trasporto su strada ha rappresentato la modalità dominante ad eccezione dell Estonia e della Lettonia dove il trasporto ferroviario ha rappresentato rispettivamente il 65% ed il 54% del totale (dopo di loro la Lituania con il 38% e la Svezia col 36%). Relativamente alle percentuali del trasporto stradale, e- scluse Cipro e Malta, spiccano i dati riferiti all Irlanda dove copre il 99% del traffico generale, la Grecia (98%), il Portogallo (95%) e la Spagna (92%). Le vie navigabili interne rappresentavano una parte importante del trasporto merci nei Paesi Bassi (31%), in Belgio (14%), in Germania (12%) ed in Romania (10%). Infine, le quote più elevate del trasporto tramite pipeline sono state osservate in Danimarca (17%) ed in Slovacchia (15%). Tra il 2005 ed il 2006, nell Unione Europea il trasporto su 19

9 strada delle merci è aumentato del 5% raggiungendo i miliardi di tkm e gli Stati membri che hanno registrato le dinamiche più sostenute sono state la Grecia (+43%), la Lettonia (+28%), l Ungheria (+21%) e la Repubblica Ceca (+16%), mentre le contrazioni maggiori sono state riscontrate a Cipro (-16%), in Danimarca (- 9%), in Finlandia (-7%) ed in Estonia (-5%). Nello stesso periodo, anche il trasporto ferroviario merci dell Unione ha messo a segno un progresso del 5%, arrivando a trasportare 435 miliardi di tkm. I maggiori incrementi di traffico sono stati realizzati in Finlandia (+14%), in Lussemburgo (+13%), in Ungheria (+12%) ed in Austria (+11%), mentre le contrazioni più rilevanti hanno interessato l Irlanda (-32%), la Lettonia (-15%) e la Romania (-5%). Quote di trasporto merci inland, valori percentuali Strada Ferrovia Vie d acqua Oil pipelines interne EU Belgio Bulgaria Repubblica Ceca Danimarca Germania Estonia Irlanda Grecia Spagna Francia Italia Cipro Lettonia Lituania Lussemburgo Ungheria Malta Olanda Austria Polonia Portogallo Romania Slovenia Slovacchia Finlandia Svezia Gran Bretagna Fonte: EUROSTAT 20

10 Trasporto merci, performance, 2006 Miliardi tkm Strada Ferrovia Totale* Variazione 2006/2005 Miliardi tkm Variazione 2006/2005 Miliardi tkm Variazione 2006/2005 EU 1 887,4 5,3 434,8 5, ,9 4,7 Belgio 43,0-1,9 8,5 4,3 62,0-0,1 Bulgaria 13,8-4,2 5,4 4,5 20,3-1,6 Repubblica Ceca 50,4 15,9 15,7 5,9 68,5 12,9 Danimarca 21,3-8,8 1,9-4,3 28,0-7,8 Germania 330,0 6,4 107,0 12,1 516,8 6,3 Estonia 5,5-4,8 10,4-2,1 16,0-3,0 Irlanda 17,5-2,6 0,2-32,3 17,7-3,0 Grecia 34,0 43,1 0,7 8,0 34,8 42,1 Spagna 241,8 3,7 11,6 0,0 263,5 3,4 Francia 211,4 3,0 40,9 0,5 283,2 2,9 Italia 220,4 4,1 24,2 6,2 255,9 4,0 Cipro 1,2-16, ,2-16,4 Lettonia 10,8 28,1 16,8-14,9 31,2-1,1 Lituania 18,1 14,0 12,9 3,5 33,7 2,8 Lussemburgo 8,8 0,0 0,4 12,5 9,6 1,0 Ungheria 30,5 21,2 10,2 11,8 45,2 16,1 Malta 0,5 0, ,5 0,0 Olanda 83,2-1,2 5,3 5,9 136,7-0,5 Austria 39,2 5,8 21,0 10,7 69,6 6,3 Polonia 128,3 14,7 53,6 7,3 207,8 10,8 Portogallo 45,0 5,7 2,4 0,3 47,5 5,4 Romania 57,1 10,9 15,8-4,8 83,1 5,5 Slovenia 12,1 9,8 3,4 3,9 15,5 8,4 Slovacchia 22,2-1,6 10,0 5,5 37,9 1,3 Finlandia 29,7-6,7 11,1 14,0 40,8-1,9 Svezia 39,9 3,5 22,3 2,7 62,2 3,2 Gran Bretagna 172,2 2,8 23,1 3,7 206,3 2,7 *Incluso il trasporto per pipeline e per vie d acqua interne Fonte: EUROSTAT UE: PREVISIONI ECONOMICHE DI PRIMAVERA PER IL BIENNIO Il 28 aprile, la Commissione UE per l Economia e le Finanze ha diffuso le Previsioni economiche di primavera per il biennio dalle quali emergono i timori per un rallentamento della crescita associato ad un rinvigorimento delle pressioni sui prezzi. Sulla base dei dati disponibili, gli esperti della Commissione stimano, infatti, che la crescita dell economia dell UE dovrebbe rallentare al 2% nel 2008 ed all 1,8% nel 2009 (1,7% e 1,5% per l Area dell Euro), a seguito soprattutto della persistenza della crisi nei mercati finanziari, del marcato rallentamento dell economia USA e dall aumento dei prezzi dei prodotti di base. Tuttavia i fondamentali macroeconomici 21

11 sono, e dovrebbero permanere, solidi anche se almeno per l anno in corso si temono gli effetti di un rialzo dei prezzi generalizzato, atteso essere del 3,6%, per poi ridiscendere al 2,4% nel Si riportano di seguito ampi stralci del relativo comunicato della Commissione. Il deterioramento delle prospettive economiche deriva dal persistere della crisi dei mercati finanziari, dal netto rallentamento dell economia statunitense, la cui crescita dovrebbe attestarsi quest anno allo 0,9% e nel 2009 allo 0,7% a fronte del 2,2% nel 2007, dall impennata dei prezzi dei prodotti di base e dal raffreddamento della crescita mondiale che ne risulta. Lo scenario di base della Commissione prevede che fino alla fine di quest anno prevarrà l incertezza circa le dimensioni e la localizzazione delle perdite da crediti inesigibili, che scemerà progressivamente durante la prima metà del Il fatto che finora gli effetti non si siano fatti sentire in misura rilevante può significare o che il contagio è più lento del previsto o che la resistenza della UE è migliorata più di quanto si pensi. L inflazione è cresciuta sensibilmente a partire dall autunno e in marzo ha raggiunto il 3,8% in termini annuali nella UE (il 3,6% nell Area dell Euro). Ciò è dovuto ad un forte aumento dei prezzi mondiali dell energia e dei prodotti alimentari, in parte ammortizzato dall apprezzamento dell Euro. Alla luce di quanto precede, la Commissione prevede attualmente per quest anno un inflazione media del 3,6% nella UE e del 3,2% nell Area dell Euro. Dopo aver raggiunto un livello record nel secondo trimestre del 2008 nella UE, l inflazione dovrebbe comunque riscendere in media al 2,4% nel 2009 (2,2% nell'area dell euro). L economia della UE è ancora in condizioni relativamente buone per resistere alle turbolenze mondiali grazie al miglioramento dei suoi fondamentali, che si traduce ad esempio nell assenza di squilibri macroeconomici e finanze pubbliche sane. In media sia il disavanzo pubblico che il saldo delle partite correnti si sono attestati al di sotto dell 1% del PIL nel 2007, anche se persistono notevoli differenze tra uno Stato membro e l altro. I bilanci delle famiglie e delle imprese sono migliorati considerevolmente negli ultimi anni ed i tassi di disoccupazione 22

12 dell UE e dell Area dell Euro sono al loro livello più basso da più di 15. Tuttavia l economia dell UE non ne uscirà indenne. La crescita degli investimenti segna il passo a causa del raffreddamento dei mercati immobiliari sopravvalutati e del rallentamento ciclico. La crescita del consumo privato dovrebbe anch essa rallentare parallelamente alla decelerazione della crescita dei salari reali ed al costante declino della fiducia dei consumatori. Dopo il netto miglioramento registrato nel , il mercato del lavoro dà segni di fiacchezza e la crescita dell occupazione dovrebbe dimezzarsi quest anno, passando dall 1,7% nel 2007 allo 0,8% quest anno e allo 0,5% il prossimo anno. Il tasso di disoccupazione dovrebbe scendere quest anno al 6,8% nella UE (7,2% nell Area dell Euro). Nonostante questo rallentamento del mercato del lavoro, la crescita dei salari dovrebbe accelerare passando dal 2,9% nel 2007 al 3,8% quest anno, trainata temporaneamente da alcune misure di recupero, ad esempio in Germania, prima di decelerare nuovamente al 3,5% il prossimo anno. Dopo aver registrato il miglior risultato dal 2000 attestandosi allo 0,9% del PIL (0,6% nell Area dell Euro), il disavanzo pubblico medio dovrebbe crescere nuovamente nel 2008 salendo all 1,2% del PIL nella UE (1,0% nell Area dell Euro) a causa di una flessione dell Attività nel suo insieme ed ai tagli fiscali realizzati in taluni paesi, per poi grosso modo stabilizzarsi nel 2009, in caso di politiche invariate. In termini strutturali, anche il risanamento finanziario dovrebbe interrompersi nel I principali rischi di peggioramento riguardano le turbolenze ancora in atto nei mercati finanziari che potrebbero ulteriormente aggravare il rallentamento negli Stati Uniti. L incertezza resta ampia; un impatto più ampio potrebbe accentuare l aggiustamento attualmente in corso in taluni mercati immobiliari, in particolar modo quello degli USA, ma anche nella UE, con il rischio successivo di sottoporre i bilanci a tensioni crescenti. I rischi derivanti da squilibri registrati in taluni paesi che presentano disavanzi delle partite correnti consistenti e/o un debito esterno elevato potrebbero essere alimentati da modifiche della propensione al rischio a seguito di un ulteriore aggravamento e/o estensione della crisi finanziaria. Altri rischi di peg- 23

13 gioramento riguardano una correzione disordinata degli squilibri mondiali in generale, anche se le prospettive attuali già annunciano un miglioramento del disavanzo delle partite correnti negli USA. L evoluzione dei prezzi dei prodotti di base potrebbe comportare ulteriori sorprese negative ma anche positive. Nel complesso i rischi sono più equilibrati che nelle previsioni dell autunno Per le previsioni di crescita continuano tuttavia a prevalere i rischi di una correzione al ribasso, specialmente per il 2009, mentre per l inflazione i rischi sono piuttosto di una correzione al rialzo. 24

14 Dall Italia VALICO DEL BRENNERO: PRESENTATO IL PROGETTO DEL TUNNEL DI BASE Il 31 marzo è stato presentato ai Ministeri delle Infrastrutture, dell Ambiente, dei Beni Culturali e della Difesa nonché alla Provincia Autonoma di Bolzano il progetto definitivo della galleria di base del Brennero, attraverso la quale collegare Fortezza (BZ) ad Innsbruck. Nelle scorse settimane il progetto è stato presentato anche ai competenti organi austriaci per le autorizzazione necessarie all espletamento delle connesse opere oltre confine. In questa maniera la BBT SE (Brenner Basistunnel), la società responsabile della progettazione e della realizzazione delle opere propedeutiche al tunnel, ha nei fatti avviato la fase autorizzativa del progetto che dovrebbe concludersi entro l anno. L avvio dei lavori per la realizzazione della galleria di base è previsto entro il 2010 con l obiettivo di portare a termine l opera non oltre il Il progetto, diviso in tre fase, prevede: la redazione del progetto preliminare (fase già conclusa); la presentazione del progetto definitivo e l approvazione da parte degli organi istituzionali italiani interessati (fase appena avviata); la realizzazione della galleria di base. Al riguardo si ricorda che nel maggio 2005 i governi italiano e austriaco hanno deciso di anticipare la realizzazione di un cunicolo esplorativo, inizialmente previsto nella terza fase di realizzazione, per acquisire informazioni in merito alle caratteristiche rocciose in maniera tale da ottenere le informazioni sulle reali condizioni geologiche presenti lì dove è prevista la realizzazione dell opera e delle quali occorrerà necessariamente tener conto nelle successiva fasi progettuali/realizzative, in maniera tale da ridurre anche i rischi che possono andare ad incidere sulla tempistica e sui costi dell opera. Tale cunicolo è previsto comporsi di sei sezioni, tre in territorio italiano e tre in quello austriaco e precisamente: Aica, Mules, Vizze, Ahrental e Innsbruck e Wolf. Per le attività inserite nella cosiddetta seconda fase delle attività progettuali l Unione Europea ha deliberato un finanziamento di 215 milioni di euro (il 50% dei fondi necessari per questa fase), mentre la rimanente parte è pariteticamente divisa tra Italia ed Austria. L investimento complessivo, secondo le stime elaborate nel 2006, è previsto ammontare a circa milioni di euro. 25

15 Dall Italia A tale proposito si fa presente che la società europea Galleria di Base del Brennero/Brenner Basistunnel (BBT SE) è partecipata al 50% dall Italia attraverso Tunnel Ferroviario del Brennero (83% RFI; 6% Provincia Autonoma di Bolzano, 6% Provincia Autonoma di Trento e 5% Provincia di Verona), mentre per la parte austriaca il 25% è della Repubblica d Austria e il 25% del Land Tirolo. REGIONE EMILIA ROMAGNA: FIRMATO IL NUOVO CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO REGIONALE A fine marzo è stato siglato, da Regione Emilia-Romagna e Consorzio Trasporti Integrati, composto da Trenitalia e Ferrovie Emilia Romagna, il nuovo contratto di servizio di trasporto regionale che sarà operativo dal 1 luglio 2008 e durerà fino al 30 giugno La Regione Emilia-Romagna, riporta un comunicato del Gruppo FS, è la prima in Italia ad aver messo a gara tutti i servizi ferroviari di propria competenza in un unico lotto e la sigla del nuovo contratto rappresenta un importante passo in avanti in quanto, in base allo stesso, sono stati fissati parametri quali: quantità, qualità, prezzi e condizioni dei servizi. Tutto quanto sopra metterà la Regione in condizione di confrontarsi con il Consorzio in un nuovo quadro di stabilità e chiarezza, tutelandosi da iniziative di revisione dei servizi stessi per i prossimi anni. Per garantire agli utenti la qualità del servizio, la Regione aumenterà il livello di controllo istituendo anche un gruppo permanente di ispettori che effettueranno attività di monitoraggio e vigilanza sui treni e sulle stazioni. Nell occasione, l ad del Gruppo, Mauro Moretti, ha fatto il punto sulla situazione generale delle Ferrovie italiane ricordando da un lato come Trenitalia debba ancora lasciarsi alle spalle una difficile situazione finanziaria, che nel 2006 vedeva un deficit di 2,1 miliardi, ma che sono stati fatti enormi passi in avanti e che il 2007 si chiuderà, dopo un balzo da milioni con un bilancio ancora negativo ma di soli 400 milioni e, dall altro, che se non ci fosse Trenitalia il 60% del territorio italiano non avrebbe alcuna impresa che fa trasporto ferroviario, perché non c è nessun imprenditore privato che lo fa, né per le merci né per le persone. 26

16 Dall Italia CONSIGLIO DEI MINISTRI: STANZIATI OTTANTA MILIONI PER IL TRASPORTO REGIONALE Nel Consiglio dei ministri del 1 aprile, su proposta del Presidente del Consiglio, Prodi, e del Ministro dell economia e delle finanze, Padoa-Schioppa, in attesa della messa a regime della nuova modalità di finanziamento del trasporto ferroviario regionale prevista dalla Legge finanziaria 2008, è autorizzata la spesa di 80 milioni di euro per assicurare la continuità del servizio. A tale riguardo in più occasioni, ricorda il relativo comunicato del Gruppo FS, è stato ribadito che sono le Regioni a decidere il programma dei servizi e le tariffe ferroviarie e che, al fine di fornire la massima trasparenza è stato predisposto per la prima volta nel 2008 il catalogo dei servizi, dove si riportano con chiarezza la tipologia dei treni, le possibili composizioni e l età del materiale ed il prezzo è la naturale conseguenza delle scelte per cui si opta. Il piano industriale del gruppo punta allo sviluppo del trasporto regionale e metropolitano. Nel periodo è previsto un aumento medio del traffico locale del 34% con punte fino al 50% nelle grandi città, un adeguamento dei ricavi (dagli attuali 10,3 a 14,5 centesimi) e un investimento per l acquisto di nuovi treni di 6,4 miliardi, di cui 4,9 in autofinanziamento. CONTI PUBBLICI: IL FABBISOGNO STATALE SCENDE AI MINIMI DA OTTO ANNI All inizio di aprile, il Ministero dell Economia e delle Finanze ha diffuso i dati sulla situazione dei conti pubblici riferiti al mese di marzo Ne è emerso che la dinamica che ha caratterizzato le entrate e le uscite è stata determinante per il risultato del mese scorso; il fabbisogno statale si è ridotto di 5 miliardi rispetto a quello di marzo 2007 collocandosi a 11,7 miliardi, il valore mensile più basso da circa otto anni. Nel trimestre, il deficit di cassa del Paese è stato di 20,3 miliardi, 4 in meno dello stesso periodo dell anno precedente. Su tali andamenti il Ministero ha comunicato il suo compiacimento, soprattutto se i risultati conseguiti vengono letti alla luce del brusco rallentamento dell economia, ma al tempo stesso avverte che non c è da illudersi in quanto è stato ancora una volta il gettito tributario la ragion determinante del basso deficit di marzo. Qualora nei prossimi mesi gli incassi dovessero rallentare, gli effetti 27

17 Dall Italia peggiorativi si vedrebbero prontamente. VENETO: PIÙ TRENI, MENO AUTO, MENO INQUINAMENTO Il 3 aprile, il Gruppo delle Ferrovie dello Stato ha diffuso una serie di dati in merito al capitolo della mobilità della regione Veneto mettendo in luce la crescita della domanda di trasporto ferroviario. In un anno, infatti, i viaggiatori sui treni regionali sono aumentati del 2,15%, attestandosi nel 2007 ad una media di 175mila spostamenti giornalieri. I circa spostamenti in treno in più al giorno ed i 150mila km in più percorsi tramite la modalità ferroviaria rispetto al 2006, si traducono in oltre spostamenti in meno in auto ed in minori emissioni di CO 2 nell atmosfera per circa 10,5 tonnellate. A tale riguardo, riporta il comunicato del Gruppo, il Piano Industriale di Ferrovie dello Stato prevede un notevole incremento di domanda di trasporto su ferro nelle grandi aree metropolitane ed un conseguente potenziamento del servizio ferroviario regionale. Gli obiettivi del piano, raggiungibili grazie agli interventi sulle infrastrutture ferroviarie finalizzati a decongestionare i nodi urbani e all ammodernamento della flotta (6,4 miliardi di euro per 1000 nuovi treni regionali), prevedono per il 2011, a livello nazionale, una crescita dei volumi di traffico regionale del 34%. Diminuire il traffico stradale con questo programma porterebbe ad una riduzione del 15% di emissioni inquinanti (polveri sottili, ossidi di azoto, anidride solforosa e composti organici volatili) e del 40% di gas serra (CO 2 ). Oltre ai benefici effetti sulla qualità dell ambiente, si calcolano positive ricadute anche sulla spesa sanitaria quantificabili in una diminuzione stimata del 20% di feriti e morti in incidenti automobilistici e con un risparmio economico complessivo per la collettività (riduzione di emissioni inquinanti, riduzione effetto serra, minore incidentalità stradale) valutato in oltre 650 milioni di euro. ENAV-ASI: ACCORDO DI COLLABORAZIONE SUI SISTEMI SATELLITARI PER LA NAVIGAZIONE AEREA Il 3 aprile, il Presidente dell ENAV, Nieddu, ed il Presidente dell Agenzia Spaziale Italiana (ASI), Bignami, hanno sottoscritto un accordo quadro di collaborazione nell ambito dei sistemi satellitari per la navigazione aerea. Tale accordo, di durata triennale - specifica il comunicato 28

18 Dall Italia congiunto ENAV-ASI - ha lo scopo di proseguire ed accrescere il rapporto di reciproca collaborazione e cooperazione sui programmi, tecnologici e applicativi, di ricerca e sviluppo nel settore della navigazione aerea di rotta e di aeroporto; l impiego operativo delle tecnologie satellitari in questo campo costituisce una delle più importanti innovazioni che si profilano all orizzonte e farà compiere un vero salto di qualità ai servizi del trasporto aereo. L accordo prevede l istituzione di un comitato di collegamento, tra ASI e ENAV, con il compito di individuare e realizzare progetti finalizzati all impiego delle tecnologie satellitari nella gestione del traffico aereo. Tra queste figurano: l info-mobilità in ambienti aeronautici ed aeroportuali, lo sviluppo di rotte aeree entro scenari a complessa orografia, il monitoraggio e la protezione dei siti e delle infrastrutture della piattaforma tecnologica nazionale per l assistenza al volo. OCSE: PREOCCUPAZIONI PER LA CRESCITA ITALIANA L 8 aprile l OCSE ha presentato il consueto Factbook 2008 dal quale emergono alcuni elementi di preoccupazione per quanto riguarda la produttività nazionale soprattutto se confrontata con quella dei maggiori paesi industrializzati. La crescita della produttività nazionale del lavoro (rappresentata dal Prodotto Interno Lordo per ora lavorata) è stata inferiore allo 0,5% nel periodo compreso tra il 2001 ed il 2006; mentre un lieve miglioramento si è registrato proprio in corrispondenza del 2006 allorquando la crescita è stata dell 1% circa. Il dato italiano rimane comunque inferiore sia a quello medio calcolato sull aggregato dei paesi OCSE (+1,4%), sia a quello dell Europa a 15 (+1,7%). Deludenti sono apparsi anche i risultati inerenti l andamento della cosiddetta produttività multifattoriale (che include fattori come l innovazione organizzativa e tecnologica, ecc.), dove l Italia accusa addirittura una flessione media, nel lasso pluriennale preso in esame, dello 0,5%. L Italia fotografata dal Factbook 2008 dell OCSE si conferma per essere la sesta economia mondiale, ma è scesa al 20esimo posto se si considera il PIL pro capite, presenta il secondo peggiore debito pubblico del mondo ed è ultima in quanto a crescita del PIL, negli anni più recenti, tra i 30 29

19 Dall Italia Paesi più industrializzati. A tutto questo, lamenta il report dell OCSE, si aggiungono le disparità di reddito, la bassa crescita demografica (+0,08% nel 2006), la bassa fertilità (1,34), i bassi tassi di occupazione delle donne (46%) e l elevato numero degli anziani. Nel 2006, infatti, gli ultra- 65enni rappresentavano il 19% circa della popolazione, ma l OCSE stima che cresceranno al 33,7% nel 2050, quando l Italia avrà il rapporto più sfavorevole di tutta l area OCSE tra pensionati e lavoratori. Tra la moltitudine delle statistiche presentate risalta anche quella inerente i cosiddetti giovani inattivi italiani che ammonterebbero a percentuali pari al 10,9% dei ragazzi ed all 11,4% delle ragazze tra i 15 e i 19 anni, posizionando l Italia al secondo posto del campione OCSE dietro la Turchia. Per i pari età che, invece, frequentano la scuola emerge il preoccupante dato che vede i liceali italiani al 24 posto per abilità e conoscenze. ACCORDO PER IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA DI TRASPORTO FERROVIARIO AOSTA TORINO Il 9 aprile, rende noto un comunicato del Gruppo FS, è stato siglato a Torino l Accordo di Programma Quadro tra i Ministeri delle Infrastrutture e dello Sviluppo economico, la Regione Piemonte, la Regione Autonoma Valle d Aosta e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) per il potenziamento del sistema di trasporto ferroviario Aosta- Torino. Nell Accordo è previsto: l elaborazione del progetto definitivo, la cosiddetta lunetta di Chivasso, la cui realizzazione consentirà di collegare il capoluogo piemontese con quello aostano, evitando l attuale inversione di marcia dei treni a Chiasso; la progettazione preliminare e definitiva della variante Verrès Châtillon, intervento finalizzato a modificare e migliorare l attuale tracciato ferroviario; la progettazione preliminare dei lavori di ottimizzazione delle caratteristiche dei tratti di linea tra Home Bard e Verrès e tra Chatillon ed Aosta, nonché dell elettrificazione della tratta Ivrea Aosta; i lavori di adeguamento definitivo del ponte sul torrente Chiusella, parzialmente distrutto dall alluvione dell ottobre 2000 e ripristinato in parte. 30

20 Dall Italia Nel documento, inoltre, viene definita anche la ripartizione dei fondi (per 40 milioni di euro) stanziati dalla Legge finanziaria 2007, da utilizzare per l attuazione del programma di interventi. IL KNOW-HOW FERROVIARIO DEL GRUPPO FS, UN ESEMPIO DI ECCELLENZA ALL ESTERO Il 9 aprile il Gruppo Ferrovie dello Stato ha firmato un accordo con il Ministero dei Trasporti per l ammodernamento della infrastruttura ferroviaria egiziana che, nei fatti, identifica un ulteriore conferma dei livelli di eccellenza tecnologica e di sicurezza che il Gruppo italiano ha saputo raggiungere nel del panorama internazionale del trasporto. L accordo è stato raggiunto nell ambito di una delle più importanti iniziative organizzate in Egitto in materia di investimenti e che oltre a quello tra le FS e le Istituzioni locali ha visto anche la firma di documenti ed accordi tra Confindustria e la Confederazione degli imprenditori egiziani, tra ENEL ed EGAS, l ente egiziano per l energia, e tra ENI e Ministero del Petrolio Egiziano. A seguito dell accordo, un team di esperti delle Ferrovie dello Stato lavorerà nella capitale egiziana, per i prossimi cinque anni, alla ristrutturazione delle rete ferroviaria nazionale. A suggellare l accordo, riporta un comunicato del Gruppo FS, è stata anche la firma di un Memorandum attraverso il quale le FS assumono l impegno a supportare le ferrovie egiziane nello sviluppo della rete ferroviaria del Paese. Già dal prossimo giugno, infatti, il Gruppo FS comincerà a fornire il proprio know-how alla progettazione delle nuove linee ferroviarie, trasferendo competenze tecniche e formazione professionale ai vertici delle FS egiziane. Il 15 aprile, inoltre, il Gruppo Ferrovie dello Stato si è aggiudicato la gara internazionale, del valore di circa 2,2 milioni di Euro, indetta per la redazione del Piano Nazionale dei Trasporti della Serbia. L offerta, presentata da Italferr (Gruppo FS), in qualità di leader di un raggruppamento formato con note società olandesi e serbe del settore, ha superato la qualificata concorrenza di blasonate imprese internazionali assumendosi così la responsabilità della definizione dello scenario di sviluppo delle infrastrutture ferroviarie, stradali, aeroportuali e fluviali sul territorio serbo 31

21 Dall Italia fino al Secondo il comunicato del Gruppo FS, l inizio delle attività, finanziate dalla Commissione Europea per conto del locale Ministero delle Infrastrutture, è previsto per il prossimo mese di giugno. Il progetto delle Ferrovie Serbe è considerato una delle più importanti opere infrastrutturali ferroviarie. Il paese è infatti considerato il crocevia dei trasporti nei Balcani ed è attraversato dal Corridoio X (l asse tra la Germania/Austria e la Grecia/Turchia), dal Corridoio VII (il Danubio) e dalla linea ferroviaria Belgrado Bar. E proprio su quest ultimo asse che si sono concentrati nel tempo gli interessi del mondo politico ed imprenditoriale italiano, in virtù della sua natura di collegamento privilegiato tra il Mezzogiorno d Italia e l Est Europa, compreso il distretto imprenditoriale sorto negli ultimi anni in Romania. L incarico assunto delle Ferrovie italiane prevede: lo studio della domanda e dell offerta di trasporto; l analisi delle infrastrutture esistenti; lo sviluppo di un modello di traffico; la redazione di un piano generale dei trasporti; la messa a punto di un piano di investimenti nelle infrastrutture e nella manutenzione; la preparazione dei bandi di gara per gli studi di fattibilità ed la formazione dei tecnici del locale Ministero delle Infrastrutture. In questa maniera, il Gruppo Ferrovie dello Stato ha concretamente rafforzato la sua presenza in Serbia, dove già è impegnato nella progettazione preliminare ed esecutiva del nuovo ponte di Zezelj sul Danubio, presso la città di Novi Sad. Il 16 aprile, infine, l Amministratore Delegato di Italferr, Casale, e il Direttore Generale di ANESRIF (Agence Nazionale d Etudes et de Suivi de la Réalisation des Investissements Ferroviaires), Sadi, hanno dato avvio, sulla base del contratto sottoscritto a fine gennaio tra le due parti, alle attività di assistenza tecnica per lo sviluppo dell ambizioso programma ferroviario algerino del valore di 12 miliardi di euro. L importo globale del contratto è pari a circa 16 milioni di euro e prevede un ingente impegno quantificato in 800 mesi/uomo. 32

22 Dall Italia Il risultato, viene ricordato nel comunicato del Gruppo FS, è stato raggiunto grazie ad una intensa attività commerciale iniziata a settembre 2005 e conclusasi positivamente dopo una lunga fase negoziale solo nel maggio 2007, con la firma di un protocollo di accordo sottoscritto ad Algeri dall Amministratore Delegato del Gruppo Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, alla presenza del Ministro del Commercio Internazionale, Emma Bonino. Nei prossimi cinque anni Italferr sarà dunque chiamata a fornire assistenza tecnica nell elaborazione e gestione del programma di investimenti, nella progettazione ed avvio di un sistema informatico per la gestione integrata del programma di investimenti e dei progetti in corso, nella progettazione ed avvio del sistema qualità, nell assistenza nella preparazione degli studi di fattibilità e dei progetti preliminari, nell assistenza per la gestione delle gare d appalto e nell assistenza nella direzione dei lavori. Come ricordato dal Ministro dei Trasporti algerino, Meghlaoui, il panorama delle ferrovie algerine sarà radicalmente cambiato grazie all ammodernamento della linea Est-Ovest, alla sistemazione del nodo di Algeri e alla realizzazione delle nuove linee lungo la zona interna degli altopiani e sugli assi di penetrazione verso sud. In conclusione le FS ricordano che questi ultimi successi si aggiungono ai numerosi accordi internazionali già realizzati. Siria, Turchia, Marocco sono alcuni dei Paesi con i quali le FS stanno già collaborando. E ancora: Sud America per il trasporto merci con Italferr, Uruguay per la ristrutturazione della rete nazionale ferroviaria, Brasile per il progetto Alta Velocità Rio-San Paolo. In prospettiva, la realizzazione della linea di 450 km dell Alta Velocità Jeddah-Mecca-Medina ( ) e la partnership con le Ferrovie Russe per l estensione della rete ferroviaria nazionale. In cantiere la realizzazione della rete dell Alta Velocità, inoltre, per le Ferrovie Cinesi. Già avanzata in Libia una proposta per lo sviluppo dell infrastruttura ferroviaria. Anche le stazioni sono al centro di importanti progetti di sviluppo del Gruppo, in Italia come all estero; Grandi Stazioni parteciperà, infatti, alla gara per la ristrutturazione della stazione di New Delhi (India), mentre sono già state acquisite importanti commesse per i lavori nelle stazioni di Praga, Karlovy Vary e Marianske Lazne nella Repubblica Ceca. 33

23 Dall Italia PRESENTATA LA RELAZIONE GENERALE SULLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL PAESE PER IL 2007 Il 22 aprile, il Ministro dell Economia e delle Finanze, Padoa-Schioppa, ha presentato al Consiglio dei Ministri le linee portanti della Relazione Generale sulla Situazione Economica del Paese (RGE) per il La RGE per il 2007, si ricorda, è un documento consuntivo che illustra l andamento sperimentato, nello scorso anno, dall economia nazionale. Di seguito si riportano ampi stralci della sintesi del documento, elaborata dallo stesso Ministero. Il 2007 si è caratterizzato per un tasso di espansione dell'economia mondiale sostanzialmente in linea con la performance dell'anno precedente: a una fase di decelerazione della crescita nelle economie avanzate si è contrapposto il dinamismo delle aree emergenti, non coinvolte dagli effetti della crisi creditizia statunitense nella seconda metà dell'anno. Fino ai mesi estivi, le prospettive di espansione dell'economia internazionale apparivano robuste; successivamente, l aumento del premio a rischio sulle attività di credito ha gradualmente aumentato le attese di un contagio sull'economia reale, se pur limitato al paese epicentro della crisi. In Europa, indipendentemente dagli effetti diffusivi dagli Stati Uniti, l apice della fase espansiva è stato raggiunto tra la fine del 2006 e l inizio del 2007; in corso d anno si è quindi assistito a un rallentamento dell attività economica, guidato dal graduale restringimento delle condizioni monetarie attraverso l apprezzamento dell euro e la fase di rialzo dei tassi di interesse nominali, in un contesto in cui l apporto alla crescita da parte delle componenti esterne di domanda non è stato rimpiazzato da un rafforzamento di quelle interne. In Italia, la crescita è risultata nel 2007 leggermente inferiore a quella registrata l anno precedente (1,5%, tre decimi di punto in meno rispetto al 2006). Gli indicatori congiunturali evidenziano una frenata più intensa che nei partner europei occorsa negli ultimi mesi dell anno. Dal lato dell offerta, la dinamica produttiva è stata principalmente trainata dai servizi (soprattutto quelli per l intermediazione monetaria e finanziaria e per le attività immobiliari e imprenditoriali) e dalle costruzioni, mentre l attività manifatturiera ha sperimentato un andamento meno brillante rispetto all anno precedente; stagnante è risultato il valore aggiunto dell agricoltura. 34

24 Dall Italia Dal lato della domanda, la spesa delle famiglie ha segnato, in media d anno, un accelerazione rispetto al 2006 (aumentando dell 1,4%, tre decimi di punto in più rispetto all anno precedente). Gli aumenti di prezzo hanno invece inciso negativamente sui consumi di energia e contribuito a frenare quelli alimentari. In rallentamento sono apparsi, invece, gli investimenti totali (+1,2%, 1,3 punti in meno rispetto al 2006). La frenata si è concentrata sulla componente delle macchine, attrezzature e prodotti vari e su quella dei mezzi di trasporto, risentendo anche del peggioramento, nella seconda metà dell anno, del clima di opinione degli imprenditori. Le esportazioni di beni e servizi sono aumentate a ritmi ancora sostenuti, lievemente inferiori a quelli del 2006 (+5%, 1,2 punti in meno rispetto all anno precedente). Il contributo della domanda estera netta (esportazioni meno importazioni) alla variazione del PIL è risultato marginalmente positivo nel 2007 (per un decimo di punto). Nel mercato del lavoro, la dinamica dell occupazione, pur in decelerazione rispetto al 2006, è rimasta relativamente sostenuta (+1%, l incremento delle unità di lavoro standard); vi hanno contribuito gli andamenti ancora favorevoli registrati nei settori dei servizi, della manifattura e, soprattutto, delle costruzioni; è invece diminuito l input di lavoro nell agricoltura. Per quanto riguarda l inflazione, dopo una prima parte dell anno in cui la dinamica dei prezzi al consumo è risultata decisamente favorevole, dall estate i rincari petroliferi e dei prodotti alimentari hanno contribuito al riemergere di tensioni. Nonostante l accelerazione del secondo semestre, il consuntivo in media d anno mostra un ridimensionamento del tasso d inflazione rispetto al 2006 (+1,8%, con una flessione di tre decimi di punto sull anno precedente). Sul fronte dei conti pubblici, il 2007, come già avvenuto per il 2006, si è chiuso con risultati più favorevoli di quanto atteso in corso d anno. Grazie a queste evoluzioni, il deficit pubblico è tornato abbondantemente sotto il limite europeo (attestandosi all 1,9%, contro il 3,4% del 2006), l avanzo primario ha raggiunto livelli che non si sperimentavano da alcuni anni (3,1%, in rialzo dall 1,3% del 2006) e la tendenza all aumento del debito pubblico in rapporto al PIL si è invertita (la percentuale del debito rispetto al prodotto lordo è stata pari al 104%, contro il 106,5% dell anno precedente). In presenza di una lieve riduzione 35

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO I primi dati delle indagini congiunturali indicano una ripresa della crescita economica mondiale ancora modesta e disomogenea

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI SECONDO TRIMESTRE 2012 1. EVOLUZIONE DELLA CRISI ECONOMICA INTERNAZIONALE Nel secondo trimestre del 2012 le incertezze sull evoluzione della crisi greca e le difficoltà del

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO

80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO 80 GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO INTERVENTO DEL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA DOTT. ANTONIO FAZIO Sommario 1. La congiuntura internazionale 1 2. La condizione dei mercati finanziari 3 3. La congiuntura

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 22 febbraio 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2011 1. QUADRO MACROECONOMICO INTERNAZIONALE Negli ultimi mesi del 2011 si è verificato un peggioramento delle prospettive di crescita nelle principali economie

Dettagli

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana

Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Dossier 1 La recente evoluzione della congiuntura internazionale e italiana Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni riunite V Commissione "Programmazione

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Sulla base delle informazioni disponibili al 23 agosto 2013, gli esperti della hanno elaborato le proiezioni relative

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015

VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 VERSIONE DEFINITIVA Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza 2015 Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica Giorgio Alleva Commissioni congiunte V Commissione "Programmazione

Dettagli

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3.1. IL CONTESTO INTERNAZIONALE Fin dalla primavera la ripresa dell economia mondiale ha perso vigore. Le turbolenze finanziarie e il peggioramento

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

Capitolo 1. La congiuntura economica

Capitolo 1. La congiuntura economica Capitolo 1 La congiuntura economica 1.1 Quadro macroeconomico internazionale Nel corso del 2008 lo scenario economico mondiale è stato attraversato da una crisi finanziaria di estrema gravità i cui effetti

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 2. L agricoltura italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, secondo i conti economici dell agricoltura pubblicati da Eurostat, il reddito agricolo italiano

Dettagli

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia

Gli investimenti pubblici in Italia, Germania e Francia. (valori concatenati; 2007=100) 70 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 Italia Germania Francia Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa.

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. =========== Le tariffe pubbliche cominciano a scendere:

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA: ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 1 1. L evoluzione dell economia italiana: aspetti macroeconomici QUADRO D INSIEME La crescita internazionale nel 2014 è stabile.

Dettagli

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil

La congiuntura. italiana. La stima trimestrale del Pil La congiuntura italiana N. 6 LUGLIO 2015 Secondo i dati congiunturali più recenti la lieve ripresa dell attività economica nel primo trimestre sta proseguendo. Tuttavia le indicazioni degli indicatori

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia

Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia Documentazione I PIIGS Chi controlla Eurolandia? Strumenti e prospettive dopo il caso Grecia SCENARI E POLITICHE DI STABILITÀ E CONVERGENZA La tabella 2.1 mostra come l anno da poco concluso sia stato

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI

INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI INTERNAZIONALIZZAZIONE: Opportunità di crescita per le PMI Mercoledì 18 marzo 2015, ore 17.00 Camera di Commercio, Sala Arancio, Via Tonale 28/30 - Lecco Materiale a cura di: Direzione Studi e Ricerche,

Dettagli

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano

L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Filiali di Trento e di Bolzano L economia delle Province autonome di Trento e di Bolzano Bolzano, 18 giugno 2013 L ECONOMIA REALE Nel 2012 l economia delle province autonome di Trento e di Bolzano si è

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa

Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa Confartigianato Imprese Mantova CONVEGNO RILANCIO DELL EDILIZIA COME USCIRE DAL TUNNEL Proposte per cittadini e imprese Il settore dell edilizia tra forte crisi e deboli segnali di ripresa A cura di Licia

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 30/04/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

SINTESI PER LA STAMPA

SINTESI PER LA STAMPA SINTESI PER LA STAMPA Troppo spesso quando policy makers e opinione pubblica si occupano dei Trasporti le attenzioni vengono rivolte principalmente agli effetti negativi che questi generano: consumi energetici,

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la QUADRO CONGIUNTURALE DEL SETTORE MANIFATTURIERO, DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Primo semestre 2007 1. La congiuntura economica internazionale In questo primo semestre del

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito

3. Il mercato internazionale dei titoli di debito Gregory D. Sutton (+41 61) 280 8421 greg.sutton@bis.org 3. Il mercato internazionale dei titoli di debito La decelerazione dell economia mondiale sembra aver frenato la domanda di nuovi finanziamenti internazionali,

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1

L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA ASPETTI MACROECONOMICI CAPITOLO 1 1 1. L evoluzione dell economia italiana: aspetti macroeconomici QUADRO D INSIEME Nel 213 la crescita economica internazionale è rimasta

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006

CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA. IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 CAPITOLO IV L ANDAMENTO PROGRAMMATICO DELL ECONOMIA E DELLA FINANZA PUBBLICA ITALIANA IV.1 L andamento programmatico dell economia italiana al 2006 Il quadro programmatico per l economia italiana qui presentato

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo

Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo Nota congiunturale Indagine di previsione per il I trimestre 2016 per le imprese della provincia di Cuneo L indagine congiunturale di previsione per il primo trimestre 2016 di Confindustria Cuneo evidenzia

Dettagli

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE

MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE MUTUI CASA: SEPPUR IN CALO, I NOSTRI TASSI DI INTERESSE RIMANGONO PIU ALTI DELLA MEDIA UE Nel primo trimestre del 2015 il mercato della compravendita degli immobili residenziali non dà segni di ripresa.

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 marzo 2015 Timidi segnali di risveglio I dati di gennaio 2015 1 confermano, al netto di alcuni salti statistici, il lento miglioramento nella dinamica delle più importanti

Dettagli

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005

PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2005 PERIODICO TRIMESTRALE DI INFORMAZIONE ECONOMICA DELL'OSSERVATORIO ECONOMICO DELLA SARDEGNA NOVEMBRE 2 L AREA EURO Nonostante i timori legati all impatto dei prezzi del greggio, l economia mondiale è ancora

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli