Rendiconto generale dell esercizio Relazioni sulla gestione finanziaria nei vari settori di intervento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rendiconto generale dell esercizio 2012. Relazioni sulla gestione finanziaria nei vari settori di intervento"

Transcript

1 Rendiconto generale dell esercizio 2012 Relazioni sulla gestione finanziaria nei vari settori di intervento

2 INDICE Presidenza pag. Vicepresidenza. Assessorato Finanze. Europa. Cooperazione pag. col sistema delle autonomie. Valorizzazione della montagna. Regolazione dei servizi pubblici locali. Semplificazione e trasparenza. Politiche per la sicurezza. Cultura. Sport pag. Scuola. Formazione professionale. Università e ricerca. pag. Lavoro. Politiche per la Salute. Promozione delle politiche sociali e di integrazione per l immigrazione. Volontariato. Associazionismo e del terzo settore. Sicurezza territoriale. Difesa del Suolo e della Costa. Protezione civile. pag. pag. pag. Attività produttive. Piano energetico e sviluppo sostenibile. pag. Economia verde. Autorizzazione unica integrata Programmazione territoriale. Urbanistica. Reti di Infrastrutture materiali e immateriali. Mobilità. Logistica e trasporti. Turismo. Commercio. pag. pag. Sviluppo delle risorse umane e organizzazione. pag. Cooperazione allo sviluppo. Progetto giovani. Pari opportunità. Agricoltura. pag. Ambiente, Riqualificazione urbana. pag. 2

3 PRESIDENZA 3

4 PRESIDENZA POLITICA REGIONALE UNITARIA Il Documento Unico di Programmazione (DUP) per il periodo , approvato dalla Regione nel giugno 2008, ha esplicitato la strategia regionale per l'attuazione della Politica Regionale Unitaria (PRU), costruita prendendo come riferimento gli indirizzi del Piano Territoriale Regionale. Il DUP, che porta a sintesi le diverse programmazioni europee, nazionali e regionali, ha una strategia articolata in otto obiettivi trasversali incentrati su temi cardine dello sviluppo regionale - dall economia della conoscenza all ambiente, dalla mobilità sostenibile alla valorizzazione del patrimonio culturale e naturale, dal sistema produttivo al welfare e due obiettivi territoriali pensati come risposta alle specificità dei diversi sistemi territoriali regionali. Il DUP ha inteso definire una strategia di sviluppo sostenibile del territorio regionale a maglie larghe. La procedura di attuazione del DUP ha previsto il ricorso alla programmazione negoziata a livello territoriale, per favorire la condivisione di strategie, obiettivi ed interventi, la convergenza di diversi strumenti e programmi di sviluppo.. La programmazione territoriale è stata concertata con i Documenti Programmatici di livello provinciale, dal titolo Contributo del sistema territoriale della provincia di all attuazione della Politica Regionale Unitaria, che rappresentano la cornice programmatica contenente le strategie e le priorità condivise dal sistema delle Autonomie locali di concerto con l Amministrazione Regionale. Le Conferenze territoriali - organo di coordinamento dell attuazione degli investimenti - hanno approvato le Intese per l integrazione delle politiche territoriali, che programmano l oggetto, la durata, le priorità, gli interventi, il quadro finanziario e l attuazione degli interventi a valere su ciascun obiettivo DUP. La finanziaria 2010 ha messo a disposizione dei territori 11,7 milioni di euro per l attuazione degli interventi prescelti. Si tratta di un progetto complesso che potrà contare su diversi strumenti amministrativi e di governance per il suo sviluppo. Il primo strumento messo in capo è quello del DUP e delle Intese per l Integrazione delle Politiche Territoriali sottoscritte tra la Regione e gli Enti locali per la realizzazione degli interventi. Il 6 ottobre 2011 il Ministero dello Sviluppo Economico ha trasmesso alla Regione Emilia-Romagna il provvedimento di messa a disposizione delle risorse FAS relativo al PAR ed in data 16 novembre 2011 è stata ri-trasmessa la richiesta di anticipazione della prima quota a titolo di anticipazione da parte dell Autorità di Certificazione del Programma Attuativo FAS. A seguito di ciò 19 dicembre 2011 il Ministero dello Sviluppo economico ha effettuato il trasferimento della prima quota delle risorse del FAS per un valore complessivo di ,00 euro, pari all 8% del valore aggiornato del FAS regionale e nel 2012 l ulteriore 8% a rendicontazione del primo acconto. 4

5 Nel corso del 2012 è proseguita l attuazione della programmazione prevista con il Documento Unico di Programmazione (DUP) Per quanto riguarda le risorse regionali programmate attraverso le Intese territoriali per l integrazione delle politiche, sono stati portati avanti gli interventi già attivati con assegnazioni 2010 e Inoltre, l attuazione del programma è proseguita nel 2012 col finanziamento degli interventi decisi come prioritari delle Conferenze per l Intese svolte a fine 2011 e nel In particolare in questo periodo si sono riunite formalmente o in fase preparatoria le Conferenze per le Intese dei territori provinciali di Bologna, Modena, Parma, Forlì-Cesena, Rimini, Reggio-Emilia, Ferrara e Piacenza. Le risorse regionali nel 2012, per euro 2,5 milioni di euro, sono state destinate ad opere legate all innovazione tecnologica, alla viabilità e al recupero di eccellenze della memoria storica. Per quanto riguarda la parte del DUP afferente le risorse del Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC - già FAS), nel 2012 Regione è riuscita ad attivare il PAR FSC , pur scontando i ritardi dovuti al trasferimento delle risorse da parte del Governo centrale e poi l'effetto dell'art. 16 del decreto legge 95/12 convertito in legge n. 135 del 7 agosto In particolare è stata attivata la linea d azione I.A.2 relativa al Rinnovo e ampliamento del materiale rotabile ferroviario riguardante nello specifico il finanziamento e l acquisto di 12 nuovi elettrotreni. Rispetto a quest ultima fornitura il contributo FSC, impegnato nel 2012, è stato di 36 milioni di euro rispetto ad un investimento complessivo di circa 78 milioni di euro. Programmazione negoziata. Prosegue l attività relativa alla programmazione negoziata. Il metodo è stato portato a sintesi nelle sue peculiarità regionali nell applicazione della legge regionale 30/96. La maturazione del metodo regionale della PN è proseguito nell applicazione della Programmazione del DUP. Lo studio e la ricerca dei perfezionamenti sulla programmazione e sulla tecnica amministrativa che accompagna questa metodologia sono proseguiti nel corso dell anno, in vista di ulteriori applicazioni nella nuova programmazione dei fondi strutturali. Questa esperienza verrà portata a sintesi e resa disponibile in vista della programmazione Infatti l esperienza del metodo della programmazione negoziata è stata qualificante e ha permesso di costruire un nuovo rapporto con le amministrazioni locali per l attuazione delle scelte strategiche in un ottica di coesione territoriale, nel rispetto delle identità locali e in partenariato con le rappresentanze del mondo sociale, economico e sindacale. Programmi speciali d area. Nel 2012 è stata assicurata un intensa attività di assistenza tecnica in merito all attuazione delle tre generazioni di programmi d area attivati e in particolare alle Conferenze di programma. È proseguita l attività negoziale per la ultimazione dei programmi che arrivati ad un grado di completamento del 95% hanno subito un rallentamento a causa del patto di stabilità e della diminuzione degli investimenti. Intesa Istituzionale di Programma e Accordi di Programma Quadro. L Intesa Istituzionale di Programma tra la Regione Emilia-Romagna e il Governo della Repubblica, sottoscritta il 22 marzo del 2000, presenta al un valore complessivo di M di cui 150M relativi al Fondo per lo sviluppo e la coesione 5

6 (ex FAS). Complessivamente sono 25 gli Accordi di Programma Quadro stipulati in attuazione dell intesa Istituzionale di Programma per un totale di 560 interventi. Gli APQ sottoscritti riguardano i seguenti settori: Infrastrutture viarie, Tutela delle acque e gestione integrata delle risorse idriche, Società dell informazione, Ricerca e Innovazione, Riqualificazione urbana, Sviluppo Locale, Rafforzamento Reti e Nodi di servizio e Politiche giovanili. Nel 2012 sono proseguite le attività di gestione e di attuazione degli Accordi di Programma Quadro (APQ), attraverso il processo di cooperazione istituzionale con il Ministero dello Sviluppo Economico e gli altri Ministeri competenti per materia nonché con le Direzioni Generali regionali settoriali responsabili degli APQ stessi. In termini di avanzamento, l Intesa ha registrato significativi incrementi sia per quel che riguarda l avanzamento procedurale che finanziario nonché economico: nel 2012 risultano conclusi 291 interventi mentre 269 sono ancora in corso di realizzazione, riguardanti per la maggior parte la realizzazione di opere pubbliche. Per quel che riguarda l avanzamento finanziario si registra, rispetto al 2011, un incremento significativo degli impegni assunti (oltre 273 M ) unitamente ai pagamenti effettuati (oltre 176M ). In relazione all andamento economico nel corso del 2012 si è registrato un costo realizzato di circa M (pari a circa l 83% del valore dell Intesa, con un incremento in valore assoluto rispetto al 2011 di circa 507M. L avanzamento della spesa relativa alle sole risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione (già FAS) è pari invece al 74%. Prusst. Fanno parte della Programmazione negoziata di fonte statale i Programmi di riqualificazione Urbana e Sviluppo Sostenibile del Territorio (PRUSST). Nel corso del 2012 è proseguita la fase conclusiva dell attuazione dei Prusst per le aree del Distretto Ceramico e Città della Costa dei quali la Regione è soggetto promotore Programmazione La RER ha assicurato un attiva presenza nei tavoli partenariali e negoziali interregionali, nazionali ed europei, iniziando un percorso per una programmazione dei fondi strutturali e per l investimento (ESI) nell ambito della politiche di coesione. RELAZIONI INTERNAZIONALI ISTITUZIONALI La Regione Emilia-Romagna promuove e favorisce i rapporti istituzionali e le attività con le Regioni europee ed extraeuropee, che coinvolgono i diversi settori dell amministrazione e del territorio regionale. Questo stimola il confronto e lo scambio di buone prassi nell ambito delle politiche europee, la partecipazione a programmi comunitari e l attivazione di progetti. Inoltre sviluppa e incentiva la collaborazione fra enti locali emiliano-romagnoli ed enti locali stranieri, tra le camere di commercio, i sistemi scolastici, le associazioni di categoria e altri stakeholder. La Regione Emilia-Romagna ha in essere protocolli formalizzati e attivi con alcune Regione europee ed extraeuropee e ha inoltre collaborazioni bilaterali molto proficue su tematiche di attualità con alcune Regioni con le quali non ha ancora sottoscritto un protocollo di intesa. Nel corso del 2012 si sono consolidate le attività 6

7 di relazione internazionale già in essere e si sono rafforzati i Partenariati esistenti e formalizzate le forme di collaborazione bilaterale che hanno visto la realizzazione di progetti concreti. La collaborazione con le regioni europee con cui si sono formalizzati e attivati Protocolli d Intesa sono: Aquitania- FR, Land Hessen-DE, Pays de la Loire -FR, Bassa Slesia-PL, Generalitat Valenciana-ES, Wielkopolska- PL). Le Regioni con cui si sono attivate forme di collaborazioni bilaterali non ancora formalizzate da accordi sono: Västra Götaland-SE, Galles-UK, Aragona-ES, Gozo- M) nei diversi settori di competenza regionale, in modo da fare sistema e di creare i presupposti per lo sviluppo di relazioni stabili e reciprocamente vantaggiose. Per questo motivo sarà rafforzato il coordinamento e la collaborazione con tutte le direzioni generali della regione per l attività internazionale, favorendo il processo di governance per cogliere e favorire le opportunità in base alla strategia Europa La Regione ha continuato a sostenere e promuovere l attivazione di partenariati/gemellaggi tra Enti Locali emiliano-romagnoli ed Enti Locali stranieri e le relative attività che ne sono scaturite e sostenuto e promosso progetti tra organismi pubblici e privati emiliano-romagnoli con organismi pubblici e privati delle regioni partner straniere. Sono state realizzate attività internazionali nell ambito della Rete SERN (Svezia Emilia-Romagna Network) alla quale, oltre alla Regione Emilia- Romagna, aderiscono molti Comuni e Province del territorio,e gran parte di tale attività della rete è stata finanziata da progetti europei. Varie delegazioni straniere sono state accolte nel 2012, sia per visite istituzionali, sia per partecipazione a progetti, che hanno visto il coinvolgimento di più regioni, comportando un concreto coinvolgimento dei governi locali, delle organizzazioni economiche e sociali, delle imprese, delle associazioni, delle Università, dei laboratori di ricerca, delle scuole, delle fondazioni e delle istituzioni della vita culturale, sociale e scientifica dei rispettivi territori, con sviluppo di progetti in collaborazione con organismi omologhi nelle regioni partner. Le tematiche di maggiore interesse su cui si è lavorato e si continua a lavorare sono le reti europee tematiche relative ad agricoltura, formazione, educazione, politiche giovanili, innovazione e ricerca, servizi sociali, economia sociale e solidale, lavoro, cultura, turismo, economia, cooperazione internazionale e sport, anche tramite scambi e volontariato e stages. Nel 2012, la Regione ha assicurato la sua costante e attiva presenza ai gruppi di lavoro internazionali e coordinamento di progetti europei. La Regione continuerà a svolgere un ruolo fondamentale nell ambito della EU 2020 Regions Network con l obiettivo di contribuire all'implementazione della Strategia Europa2020 a livello regionale e locale; favorire un processo di governance a livello europeo e nazionale per un maggiore coinvolgimento delle regioni; formare una piattaforma europea con l'obiettivo di comunicare le opportunità e le sfide che le politiche regionali devono affrontare nel raggiungimento degli obiettivi della Strategia. Consulta - emiliano-romagnoli nel mondo La Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo si è riunita nel corso del 2012 una sola volta, in settembre, a Bologna, mentre il Comitato esecutivo si è riunito tre volte, due delle quali in videoconferenza per i consultori esteri. La Presidente ha proseguito nel suo lavoro di coordinamento delle Consulte regionali ed ha 7

8 collaborato con il Ministero degli Affari esteri, il MIUR ed il CGIE, nell organizzazione di un importante seminario sulla diffusione della lingua e della cultura italiana all estero, svoltosi a Roma nel mese di dicembre. Per quanto riguarda gli interventi a favore degli emiliano-romagnoli nel mondo si è proseguito con l attuazione degli interventi previsti dal Piano triennale Sono continuate le azioni dirette alla diffusione di diverse pubblicazioni sui temi dell emigrazione, celebrando personaggi ed eventi significativi per il patrimonio della memoria regionale, condivisa con i corregionali all estero. Le delegazioni sono state per lo più composte da operatori delle diverse strutture regionali e da rappresentanti dei settori economico e culturale regionale. Sono proseguite le attività di Informazione e comunicazione in sintonia con il Servizio Agenzia stampa della Presidenza, per la manutenzione e l implementazione del portale emilianoromagnolinelmondo.it, del sito Reporter e di RadioER, per i contenuti dedicati alla relazione con gli emigrati e con la partecipazione interattiva dei giovani nel mondo. Analisi degli aspetti finanziari della gestione 2012 Triennio : confronto tra le principali grandezze finanziarie e variazionian no bilancio Stanziamenti Residui passivi iniziali Impegni Pagamenti , , , , , , , , , , , ,55 Var 11/10-7% -34% -14% -18% Var 12/11 12% -19% 18% -47% Var 12/10 4% -47% 1% -56% 8

9 Confronto tra le principali grandezze finanziarie , , , , , ,00 - Stanziamenti Residui passivi iniziali Impegni Pagamenti Triennio confronto tra i principali indicatori finanziari e variazioni Anno bilancio Capacità di impegno Velocità di pagamento Tasso di smaltimento dei residui passivi Capacità di pagamento totale ,06% 69,94% 83,86% 74,54% ,95% 75,44% 82,48% 77,38% ,12% 32,89% 58,27% 38,12% Var 11/10-3,11% 5,49% -1,38% 2,84% Var 12/11 2,17% -42,55% -24,22% -39,26% Var 12/10-0,94% -37,06% -25,60% -36,42% Confronto tra i principali indicatori finanziari 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 37,95% 41,06% 40,12% Capacità di impegno 69,94% 82,48% 75,44% 83,86% 77,38% 74,54% Velocità di pagamento 32,89% 58,27% Tasso di smaltimento dei residui passivi 38,12% Capacità di pagamento totale

10 L analisi delle principali grandezze finanziarie e delle variazioni intervenute nelle stesse, nel triennio , evidenzia, in primo luogo, una situazione equilibrata e senza grosse variazioni Si forniscono indicazioni di massima e una corretta interpretazione degli indicatori non può tuttavia prescindere dalla conoscenza delle situazioni che sottendono agli indicatori stessi. Nei paragrafi successivi si provvederà pertanto, ad una analisi più dettagliata delle diverse componenti che concorrono a formare il dato aggregato più sopra indicato. I capitoli di bilancio gestiti dai Servizi sono i seguenti: Capitolo TFI TSP Residui iniziali Stanziamento di competenza Impegnato Pagato c/ competenza Pagato c/ residui Pagato Totale , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 Totale , , , , , ,55 TFI = tipo finanziamento: 1 = mezzi regionali; 2 = mezzi statali; 3 = misto (mezzi regionali, quote vincolate), 5 = mezzi comunitari. TSP = tipo spesa: 1= spese correnti amministrative; 2 = spese correnti operative; 3 = spesa per investimenti; 4 = contributi in c/interessi, 5 = spese per altre annualità, 7 = spese per contributi in forma attualizzata A fianco di ciascun capitolo sono riportati gli stanziamenti assestati 2012, i residui passivi iniziali, gli impegni ed i pagamenti, distinti tra pagamenti in c/competenza ed in c/residui. Per una migliore lettura dei dati, sopra riportati in via analitica, si fornisce di seguito una rielaborazione degli stessi che evidenzia, in relazione alle diverse tipologie di spesa ed alle diverse fonti di finanziamento, alcuni significativi indici finanziari di composizione e di avanzamento della spesa. Stanziamenti TSP 10

11 TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali , ,00 2 = Risorse statali , ,21 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,21 0,00 0, ,21 Composizione degli TSP stanziamenti TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali 29,40% 0,00% 0,00% 29,40% 2 = Risorse statali 70,60% 0,00% 0,00% 70,60% 5 = Risorse comunitarie 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% Totale complessivo 100,00% 0,00% 0,00% 100,00% Impegni TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali , ,32 2 = Risorse statali , ,69 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,01 0,00 0, ,01 Capacità di impegno TSP (Impegni/Stanziamenti) TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali 98,37% 0,00% 0,00% 98,37% 2 = Risorse statali 15,86% 0,00% 0,00% 15,86% 5 = Risorse comunitarie 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% Totale complessivo 40,12% 0,00% 0,00% 40,12% Pagamenti in c/competenza TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali , ,09 2 = Risorse statali , ,95 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,04 0,00 0, ,04 Velocità di pagamento (Pagamenti in c/competenza/impegni) TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali 34,29% 0,00% 0,00% 34,29% 2 = Risorse statali 29,26% 0,00% 0,00% 29,26% 5 = Risorse comunitarie 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 11

12 Totale complessivo 32,89% 0,00% 0,00% 32,89% Residui passivi iniziali TSP Totale complessivo TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità 1 = Risorse regionali , ,42 2 = Risorse statali , ,06 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,48 0,00 0, ,48 Pagamenti c/residui TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali , ,90 2 = Risorse statali , ,61 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,51 0,00 0, ,51 Tasso di smaltimento dei residui passivi (Pagamenti c/residui / residui passivi iniziali) TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali 48,77% 0,00% 0,00% 48,77% 2 = Risorse statali 82,10% 0,00% 0,00% 82,10% 5 = Risorse comunitarie 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% Totale complessivo 58,27% 0,00% 0,00% 58,27% TSP Massa spendibile (impegni + residui passivi iniziali) TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali ,74 0,00 0, ,74 2 = Risorse statali ,75 0,00 0, ,75 5 = Risorse comunitarie 0,00 0,00 0,00 0,00 Totale complessivo ,49 0,00 0, ,49 Pagamenti totali TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali , ,99 2 = Risorse statali , ,56 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,55 0,00 0, ,55 12

13 Capacità di pagamento totale (Pagamenti totali/massa spendibile) TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali 37,26% 0,00% 0,00% 37,26% 2 = Risorse statali 40,34% 0,00% 0,00% 40,34% 5 = Risorse comunitarie 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% Totale complessivo 38,12% 0,00% 0,00% 38,12% Una corretta interpretazione degli indicatori non può tuttavia prescindere dalla conoscenza delle situazioni che sottendono agli indicatori stessi. Nelle premesse ci si è soffermati a lungo sull attività dell intera direzione. L'attività di cooperazione si concretizza in interventi classificabili nella tipologia di spese correnti operative, pertanto vi è la necessità per la quota finanziata da mezzi regionali di impegnare lo stanziato entro il dicembre di ogni anno, in quanto la spesa corrente non può slittare all anno successivo. Facendo riferimento alla fonte di finanziamento si può notare che i mezzi regionali raggiungono il 29,40%, i mezzi statali 70,60%. L'impegno di tali fondi è in media pari al 40,12% - per i mezzi regionali raggiunge il 98,37, per i mezzi statali il 15,86%. 13

14 VICEPRESIDENZA ASSESSORATO FINANZE. EUROPA. COOPERAZIONE COL SISTEMA DELLE AUTONOMIE. VALORIZZAZIONE DELLA MONTAGNA. REGOLAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI, SEMPLIFICAZIONE E TRASPARENZA. POLITICHE PER LA SICUREZZA 14

15 VICEPRESIDENZA ASSESSORATO FINANZE. EUROPA. COOPERAZIONE COL SISTEMA DELLE AUTONOMIE. VALORIZZAZIONE DELLA MONTAGNA. REGOLAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI, SEMPLIFICAZIONE E TRASPARENZA. POLITICHE PER LA SICUREZZA Lo scenario generale e operativo che ha caratterizzato il 2012 è stato, ancora una volta, fortemente condizionato dalla difficile situazione economica, finanziaria e politica, conseguenza della pesante crisi che da circa un quinquennio investe il nostro paese ed il contesto europeo. Il governo centrale, nel tentativo di contrastare questa congiuntura negativa di lungo periodo, ha adottato provvedimenti che hanno inciso fortemente sulla spesa pubblica, ed in particolare sulla finanza regionale e locale. In questi 12 mesi, la Direzione generale Risorse finanziarie e Patrimonio ha pertanto rafforzato il presidio delle disposizioni di legge in itinere, per fornire precise indicazioni ai decisori politici e per supportare sotto il profilo tecnico il Presidente della Giunta nell ambito delle istituzioni di confronto tra Stato / regioni / autonomie. I pesanti tagli e vincoli introdotti sulla finanza regionale hanno inoltre richiesto una rivisitazione complessiva delle politiche di bilancio ed un intensa attività di coordinamento delle diverse unità organizzative dell Ente, per garantire il raggiungimento degli obiettivi prefissati nel programma di governo del Presidente e della Giunta regionale. Parallelamente, la difficile situazione economica e le manovre restrittive varate dal Governo centrale hanno rafforzato le richieste di sostegno rivolte alla Regione, in primo luogo dal Sistema dell Autonomie. La Direzione ha pertanto rafforzato la funzione di coordinamento della finanza regionale, assegnata come competenza concorrente alle regioni a seguito della riforma costituzione al Titolo V, prevedendo una serie di interventi e conseguendo rilevanti e positivi risultati a favore del territorio e più in generale dell economia locale. Infine, il sisma che ha colpito nel maggio scorso una vasta area dell Emilia, ha richiesto una modifica complessiva al quadro delle priorità gestionali dell Ente. Questa Direzione ha offerto, nell ambito delle proprie competenze, ogni contributo richiesto sia nel presidio degli aspetti finanziari e relativi al Patto di stabilità interno, che sotto il profilo tecnico immobiliare e amministrativo-contrattuale. GOVERNO DELLA FINANZA REGIONALE E COORDINAMENTO DELLA FINANZA TERRITORIALE ATTUAZIONE DEL FEDERALISMO FISCALE La riforma in senso federale del Titolo V si presenta come un processo di elevata strategicità per la definizione dei rapporti tra i diversi livelli di governo istituzionale e di grande delicatezza per le profonde differenze che caratterizzano il Paese e per la situazione ancora preoccupante dell'economia e della finanza. Il processo di regolazione normativa per l applicazione della Legge n. 42 del 2009, Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell'art. 119 della Costituzione ha subito una forte accelerazione dopo alcuni anni di sostanziale 15

16 immobilismo, dalla revisione del Titolo V della Costituzione. Sono stati infatti adottati dal Governo diversi decreti legislativi attuativi, ai quali è seguito il perfezionamento dei successivi decreti ministeriali. Da questa intensa attività di produzione normativa è scaturito un confronto politico e istituzionale di particolare rilevanza volto a comporre, di volta in volta, decisioni di equilibrio rispetto ad interessi e posizioni non sempre convergenti. Accanto al processo, non sempre costante, di attuazione della L. 42, la pesante crisi finanziaria ed economica ha imposto provvedimenti di forte contenimento della spesa, tagli lineari e consistenti ai trasferimenti regionali e locali che hanno richiesto una rivisitazione complessiva delle politiche finanziarie e di bilancio della Regione. Il contributo della Direzione Finanze ha accompagnato le varie fasi di formazione dei principali provvedimenti di finanza pubblica. E stata costantemente garantita la partecipazione ai tavoli tecnici nazionali e interregionali e assicurato il supporto specialistico ai tavoli politici, in primo luogo per la collaborazione al Presidente della Giunta nell ambito della Conferenza Stato-Regioni. Sistematicamente le diverse proposte normative sono state oggetto di uno studio approfondito e di un accurata analisi per l elaborazione degli scenari di riferimento e per la predisposizione di quadri e altro materiale utile ad accompagnare i processi decisionali. Infine sono state sviluppate le condizioni e gli strumenti tecnici, informativo - informatici e normativi per l applicazione, in via sperimentale, delle prime innovazioni introdotte. Sul versante strettamente interno, nell ambito del Comitato di Direzione o mediante altri tavoli di raccordo, è stata costantemente svolta un attività informativa e di presidio per le implicazione derivanti dal quadro normativo in via di formazione. Il D.Lgs n. 118 del 23 giugno 2011, avente ad oggetto "Disposizioni di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della L. 5 maggio 2009, n.42" inoltre, definisce al Titolo II i principi contabili generali e applicati per il settore sanitario. Al fine di assicurare la necessaria integrazione tra il sistema contabile regionale e quello sanitario, è stata avviata una specifica collaborazione con la Direzione competente e sono state introdotte, con riferimento alle modalità di gestione del bilancio regionale e alle procedure di entrata e di spesa, le modifiche necessarie a garantire il pieno rispetto della normativa nazionale. Il monitoraggio e l analisi dei processi di spesa e della finanza regionale. Nel corso del 2012 è stata svolta una sistematica attività di studio, approfondimento, ricerca dei dati e analisi del contesto in relazione agli oggetti e ai temi iscritti in agenda per sostenere adeguatamente i processi decisionali dei referenti politici e svolgere i compiti tecnici assegnati alla Direzione sia nei tavoli istituzionali nazionali e interregionali, sia all interno dell Ente Regione. Sono stati predisposti i quadri delle risorse disponibili e delle spese sostenibili distinte per natura economica e grado di rigidità e dei fabbisogni indicati dalle Direzioni generali allo scopo di fornire alla Giunta regionale le indicazioni necessarie per le scelte politico-programmatiche individuate attraverso gli incontri con i componenti della Giunta e i rispettivi Direttori generali di riferimento, che si sono svolti in più fasi, necessarie per la definizione dei fabbisogni e dei vincoli dei rispettivi ambiti di settore. Con accuratezza e tempestività la Direzione ha analizzato l evoluzione della 16

17 legislazione statale ed ha fornito agli organi decisionali pareri tecnici, note, elaborazioni e simulazioni prospettiche al fine di individuarne le ricadute sulla finanza regionale. Si è posta particolare attenzione ai seguenti provvedimenti: la Legge di stabilità 2011 n. 220/2010, il D.L. 98/2011, convertito in L. 111/2011 Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria, il D.L. 138/2011, convertito in L. 148/2011 Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo, la Legge di stabilità 2012 n. 183/2011, il D.L. 201/2011 convertito in L. 214/2011 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici e il D.L. 29 dicembre 2011, n. 216 Proroga di termini previsti da disposizioni legislative. Patto di stabilità interno e Patto di stabilità territoriale. Patto di stabilità interno Secondo le disposizioni sancite dal Decreto del Ministero dell'economia e delle Finanze pubblicato sulla G.U. n. 196 del 23/08/2012 sono stati realizzati gli elaborati per il monitoraggio trimestrale del Patto di Stabilità che sono stati prontamente inviati con le modalità richieste ed è stato effettuato un costante monitoraggio della normativa nazionale relativa al Patto di stabilità interno al fine di valutarne attentamente l'impatto sulla finanza regionale, in particolare: L. 12 novembre 2011, n. 183 (legge di stabilità 2012). Come negli anni precedenti sono stati definiti per ogni settore dei budget di spesa che sono stati monitorati a cadenze regolari per avere informazioni sempre dettagliate ed aggiornate sulla gestione della spesa. Sono stati creati appositi strumenti per la gestione ed il monitoraggio dei vincoli e degli adempimenti derivanti dal Patto di stabilità interno. Sono stati definiti budget di spesa per ogni Direzione Generale e si sono prodotti report specifici, al fine di rilevare a cadenze costanti gli andamenti di spesa e fornire accurate informazioni agli organi decisionali, mediante la formulazione di proposte applicative e/o di indirizzo. Gli elaborati relativi al Patto di Stabilità interno sono stati prodotti sulla base degli schemi del decreto e inviati al Ministero dell'economia nel rispetto dei termini previsti. La Regione Emilia-Romagna ha pienamente rispettato le regole fissate per il patto di stabilità interno per l anno 2012, contenendo la spesa soggetto a vincolo di crescita all interno dell obiettivo programmatico. Patto di stabilità territoriale Il 23 dicembre 2010, l Assemblea Legislativa dell Emilia-Romagna ha approvato la legge regionale n. 12 Patto di stabilità territoriale della Regione Emilia-Romagna. Si tratta di una disciplina regionale complessa, organica che, nell ambito della cornice normativa nazionale di riferimento e nel rispetto dei principi costituzionali e delle norme in materia di federalismo fiscale, introduce un nuovo sistema di regole per la definizione di un Patto di stabilità applicabile al territorio dell Emilia-Romagna, assegnando alla Regione una precisa funzione di coordinamento e di governance della finanza locale e regionale. La legge regionale nonostante il contenuto innovativo ha superato positivamente la valutazione, da parte del Governo, in ordine 17

18 alla legittimità costituzionale e pertanto la Presidenza del Consiglio dei Ministri non ha sollevato questione di legittimità davanti alla Corte. Tuttavia il Dipartimento per gli Affari Regionali ha trasmesso alcune osservazioni tecniche in ordine al monitoraggio e alle sanzioni di applicazione statale che il Presidente della Giunta si è impegnato a recepire. Il recepimento di tale osservazioni deve delinearsi in modo conforme alle nuove disposizioni nazionali che, in materia di patto regionalizzato, sono nel frattempo state adottate e che prefigurano opportunità normative per una piena applicazione delle modalità disciplinate dalla legge regionale. Per il 2012 è stata garantita l'effettuazione delle analisi e l'adozione dei provvedimenti amministrativi per dare continuità alla preziosa azione di coordinamento della finanza locale. Attraverso la definizione e l'applicazione di criteri, condivisi nell'ambito della Commissione interistituzionale per l'attuazione del patto di stabilità territoriale, è stato possibile attivare misure di compensazione orizzontale e verticale, che potranno rappresentare un valido contributo al Sistema delle Autonomie, confermando i positivi risultati conseguiti nel Nel corso del 2012 sono inoltre state implementate azioni di miglioramento e di sviluppo del sistema informativo di gestione del patto e di comunicazione con il territorio. E' stato adeguatamente presidiato il complesso delle attività realizzate per la gestione del Patto di Stabilità Territoriale: dalla definizione dei criteri per la distribuzione degli spazi finanziari all'analisi dei dati; dalla proposta applicativa all'analisi degli impatti e alla rendicontazione. E' stata esercitata la funzione di presidente della Commissione Tecnica Interistituzionale ed è stato assicurato un presidio costante nei rapporti con gli Enti Locali. Sono stati ulteriormente raffinati gli strumenti di comunicazione via web con i settori finanziari dei Comuni e delle Province. Sono state sviluppate le procedure connesse al Patto in favore degli Enti Terremotati e quelle nell'ambito del Patto regionale incentivato. E' stata svolta una puntuale attività di rendicontazione dei risultati della gestione riferita al 2011 che ha evidenziato il conseguimento di risultati ampiamente positivi Sotto il profilo procedurale, per la gestione del patto di stabilità territoriale 2012, sono state adottate dalla Giunta regionale, le seguenti deliberazioni: - DGR 540 del 02/05/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale. Compensazioni verticali per l attribuzione ai Comuni e alle Province di quote di importo corrispondenti ai peggioramenti intervenuti sui saldi obiettivi, in applicazione del punto 16 della DG 1517/ DGR 1010 del 23/07/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale. Relazione al Consiglio delle Autonomie Locali sui risultati conseguiti dalla gestione del patto di stabilità territoriale nell esercizio Declinazione dei criteri per la rimodulazione degli obiettivi programmatici del patto di stabilità interno per l anno DGR 1266 del 03/09/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale della regione Emilia-Romagna. Prime applicazioni per l anno Decreto Legge 6 luglio 2012, n

19 - DGR 1308 del 10/09/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale della Regione Emilia Romagna. Proposta per la distribuzione degli spazi finanziari, in deroga agli obiettivi di patto, ai Comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio Decreto Legge 6 giugno 2012, n DGR 1469 del 15/10/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale della Regione Emilia Romagna. Distribuzione degli spazi finanziari, in deroga agli obiettivi di patto, ai Comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio Decreto Legge 6 giugno 2012, n. 74. Approvazione proposta DGR n. 1308/ DGR 1586 del 29/10/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale. Applicazione delle misure di compensazione orizzontale e verticale a favore del sistema delle autonomie locali. Anno 2012 Il risultato raggiunto è stato sicuramente positivo. Nel 2012 sono state concessi, a favore del Sistema delle Autonomie locali, spazi finanziari in termini di quote patto per 196,039 milioni di euro così distinti: - 56,22 milioni di euro per operazioni di compensazioni verticali con risorse di provenienza regionale; - 72,973 milioni di euro per compensazioni di patto regionale incentivato di cui al Decreto Legge 6 luglio 2012, n. 95; - 40 milioni di euro per compensazioni a favore dei comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 di cui al Decreto Legge 6 giugno 2012, n. 74; - 26,846 milioni di euro per compensazioni orizzontali per quote cedute da comuni e province a favore di altri enti locali. Complessivamente tali interventi hanno consentito a diverse amministrazioni locali di chiudere la gestione amministrativa e contabile del 2012 rispettando i vincoli imposti dalla normativa statale. Inoltre, i 196,039 milioni di euro concessi, si sono tradotti in pagamenti a fronte di obbligazioni assunte nei confronti di imprese ed altri operatori per interventi di investimento realizzati o avviati negli anni precedenti. Essi hanno permesso quindi di immettere liquidità nel tessuto economico e sociale del territorio emiliano-romagnolo senza generare indebitamento, neppure a breve termine, ma semplicemente utilizzando quanto già disponibile nelle casse dell ente, bloccato per i vincoli di Patto. Gli spazi finanziari autorizzati sono stati distribuiti sulla base di criteri logicamente correlati ad un principio di solidità ed equilibrio di bilancio: da un lato sono state favorite le condizioni per un ripristino fisiologico dei livelli di residui passivi, accumulati in questi anni dagli Enti Locali come conseguenza dei vincoli - non sempre coerenti - dettati dalla normativa statale per il patto di stabilità interno; d altro lato sono state valorizzate le amministrazioni risultanti particolarmente virtuose con riferimento al livello di debito pro-capite rispetto al contesto regionale. I criteri applicativi hanno inoltre individuato modalità per sostenere gli interventi di investimento sviluppati da Comuni e Province coerenti con la programmazione regionale. Gli enti locali dell Emilia-Romagna assoggettati alle regole del Patto di stabilità 19

20 interno, nel 2012, sono stati 201 di cui 9 province e 192 comuni. Ben 134 enti, pari al 66,67%, hanno volontariamente aderito al Patto di stabilità territoriale. La Direzione finanze ha inoltre assicurato il massimo presidio e la più completa condivisione delle informazioni e dei processi con il territorio. A tal fine, sono stati organizzati diversi incontri tecnici ed è stato predisposto un portale che via web consente, in tempo reale, un continuo scambio informativo con i comuni e le province assoggettate alle regole del Patto. Inoltre, nel corso del 2012 è stato assicurato un costante monitoraggio dei flussi finanziari e una programmazione dei trasferimenti finanziari coerente rispetto ai bisogni espressi dal Sistema delle Autonomie, in relazione ai loro vincoli di bilancio, agli obiettivi del patto di stabilità, alla gestione della liquidità. Nell ambito di rapporti interlocutori sono stati definiti, con gli Enti richiedenti, tempi e modalità per il trasferimento delle risorse loro destinate. Il governo della finanza territoriale La riforma costituzionale del Titolo V ha attribuito alle Regioni le funzioni di coordinamento della finanza locale (legislazione concorrente), le cui competenze sono assegnate alla Direzione finanze, prefigurando ambiti di intervento di particolare rilevanza per il sistema delle autonomie e per il territorio in generale. Il presidio amministrativo e tecnico di questa importante funzione è stato attuato attraverso l'apporto di conoscenze specialistiche e lo sviluppo di adeguati strumenti di analisi dei dati, l'attivazione di monitoraggi sistematici sull'andamento dei flussi finanziari verso il territorio (sistema delle autonomie e sistema regionale allargato), la definizione di modalità di raccordo e di coordinamento con le Autonomie, anche mediante la collaborazione delle associazioni rappresentative degli enti locali. Parallelamente è proseguita l'attività di presidio degli aspetti di governance riferiti al complesso delle società partecipate, delle fondazioni regionali e dell'insieme degli enti strumentali della Regione, con l'obiettivo principale di fornire ai decisori politici e tecnici conoscenze e proposte, con riferimento agli aspetti economico-finanziari e ai riflessi sulla finanza regionale e del territorio. E stato inoltre garantito il coordinamento amministrativo delle altre Direzioni generali per le attività finalizzate all'espletamento degli adempimenti informativi, disciplinati da provvedimenti legislativi dello Stato e della Regione, nei confronti del Dipartimento della Funzione Pubblica, del Ministero dell'economia e delle Finanze, della Corte dei Conti e all'assemblea Legislativa per i dati riferiti al sistema delle partecipazioni regionali. Il perdurare della situazione di profonda crisi economica che attanaglia il paese impone una particolare attenzione nei confronti del Sistema delle Autonomie locali principali destinatari di una serie di domande di servizi e ausili espresse dai cittadini e dalle famiglie Le pesanti manovre di finanza pubblica, adottate nel corso degli ultimi mesi, hanno ulteriormente acuito questa situazione di generale difficoltà di Comuni e Province, per i pesanti tagli ai trasferimenti erariali. E' all'interno di questo contesto economico e istituzionale che gli Enti Locali del territorio della Regione Emilia-Romagna hanno dovuto misurarsi per fronteggiare le 20

Documento Unico di Programmazione 2014-2016

Documento Unico di Programmazione 2014-2016 COMUNE DI BOLOGNA Documento Unico di Programmazione 2014-2016 I nuovi strumenti della pianificazione strategica e operativa UNA GUIDA ALLA LETTURA 31 marzo 2014 Indice 1. L evoluzione della normativa

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Fondo Aree Sottoutilizzate

Fondo Aree Sottoutilizzate Allegato 1 Fondo Aree Sottoutilizzate Direzione Programmazione e Statistica Settore Valutazione Progetti e Atti di Programmazione Negoziata 1 Allegato 1 1.1 Stato di attuazione dell Intesa 1.2 La programmazione

Dettagli

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO)

LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) LA SEZIONE OPERATIVA (SeO) La SeO ha carattere generale, contenuto programmatico e costituisce lo strumento a supporto del processo di previsione definito sulla base degli indirizzi generali e degli obiettivi

Dettagli

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE

NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOTA PRELIMINARE DELLO STATO DI PREVISIONE DEL MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE Quadro generale di riferimento Ministero della solidarietà sociale Previsioni di bilancio 2008 - Nota preliminare L insediamento

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO 1. Definizione La programmazione è il processo di analisi e valutazione che, comparando e ordinando coerentemente tra loro le politiche

Dettagli

Il DUP e il nuovo processo di programmazione negli EE.LL.

Il DUP e il nuovo processo di programmazione negli EE.LL. via Donatello, 9 - Milano www.farepa.it info@farepa.it Il DUP e il nuovo processo di programmazione negli EE.LL. Barzio, 15 settembre 2015 Dott. Marco Bertocchi m.bertocchi@farepa.it; www.farepa.it Argomenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Allegato A/1 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

Allegato A/1 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO Allegato A/1 Allegato n. 4/1 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO 1. Definizione La programmazione è il processo di analisi e valutazione che, comparando

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 6. IL PROCESSO SEGUITO E LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DEL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE 6.1 Fasi, soggetti e tempi del processo di redazione del Piano Analogamente a quanto avvenuto per il 2012, il

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020

LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 LO SPORT ITALIANO VERSO IL 2020 - DOCUMENTO PROGRAMMATICO - PREMESSA 1999 2011: DAL RIORDINO AL RISANAMENTO Sono trascorsi 12 anni dal riordino del CONI operato dal decreto-melandri (d.lgs. 242/99) e 9

Dettagli

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna

TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA. Agenda di Bologna TAVOLO INTERREGIONALE PER LO SVILUPPO TERRITORIALE SOSTENIBILE DELL AREA PADANO-ALPINO-MARITTIMA Agenda di Bologna 27 gennaio 2012 1. L area Padano-Alpino-Marittima è caratterizzata da una notevole varietà

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014

Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n.38 del 13 Maggio 2014 Espletamento di due

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire

Programma Assessori di riferimento Dirigenti di riferimento Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Programma 3 - Politiche per la sostenibilità Assessori di riferimento Guerrieri Guido, Cameliani Massimo Dirigenti di riferimento Vistoli Angela Motivazione delle scelte e finalità da conseguire Da tempo

Dettagli

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale dell Immigrazione Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Programmi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente Delibera n. 50/2013 Linee guida per l aggiornamento

Dettagli

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011

4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 4.1 La disciplina del patto di stabilità per il triennio 2009/2011 Il testo normativo vigente in materia di patto di stabilità discende dall art. 77 bis del D.L. 112/2008, convertito in L. 133/2008 e s.m.i.

Dettagli

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI UNIONE MONTANA ALTA VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera del Consiglio n. 1 del 07.01.2013 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI INDICE Art. 1 Oggetto

Dettagli

Legge della Regione Marche 5 dicembre 2011, n. 24 (1) Norme in materia di politiche giovanili

Legge della Regione Marche 5 dicembre 2011, n. 24 (1) Norme in materia di politiche giovanili Legge della Regione Marche 5 dicembre 2011, n. 24 (1) Norme in materia di politiche giovanili [1] Pubblicata nel B.U. Marche 29 dicembre 2011, n. 112. Il Consiglio - Assemblea legislativa regionale ha

Dettagli

EDITORIALE. I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea. Brunetta Baldi

EDITORIALE. I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea. Brunetta Baldi EDITORIALE 505 I Fondi strutturali e la nuova programmazione europea Brunetta Baldi L avvio del ciclo 2014-2020 della politica di coesione europea merita una riflessione che trova spazio in questo numero

Dettagli

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di

Romagna preposto all esercizio delle funzioni tecniche per la prevenzione collettiva e per i controlli ambientali, nonché all erogazione di Prot. N. (PRC/07/58324) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Visti: - la Legge Regionale 12 luglio 1994 n. 27 "Disciplina dello smaltimento dei rifiuti", così come successivamente modificata ed integrata;

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE

REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA E SOLIDARIETÀ SOCIALE E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA E FONDAZIONE ISMU FONDAZIONE PER LE INIZIATIVE E LO STUDIO SULLA

Dettagli

La Governance partenariale

La Governance partenariale La Governance partenariale Sommario Introduzione... 1 1. Modello di governance del partenariato per il Programma di cooperazione MED 2014-2020... 2 1.1. Introduzione... 2 1.2. Codice europeo di condotta

Dettagli

L'emendamento del Governo 1.2000 a fronte del testo approvato dalla Commissione

L'emendamento del Governo 1.2000 a fronte del testo approvato dalla Commissione XIV legislatura Disegno di legge A.S. n. 3223-A Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2005) L'emendamento del Governo 1.2000 a fronte del testo

Dettagli

Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014

Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014 IL COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DEL DPCM DEL 25/8/2014 Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014 Proroga dell accordo tra la Regione Emilia-Romagna e la Regione Piemonte per la realizzazione e gestione delle

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI BUSSERO (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 (Art. 13. C. 6, lettera e) del D.Lgs. 27/10/2009 n. 150) Approvato con deliberazione Commissariale

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1278/2012 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 10 del mese di settembre dell' anno 2012 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile

Sezione Seconda Il nuovo ordinamento contabile Capitolo 3: La programmazione 111 soggiace ai limiti degli stanziamenti indicati nell ultimo bilancio approvato, ove esistano. L ultimo comma dell art. 163 disciplina l ipotesi in cui la scadenza del termine

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

Programmazione 2007 2013

Programmazione 2007 2013 Società Consortile METROPOLI EST S.r.l. Programmazione 2007 2013 DOCUMENTI PRELIMINARI GENNAIO 2007 PREMESSA Metropoli est ritiene che il prossimo ciclo di programmazione 2007-2013 costituisca una grande

Dettagli

POR FESR Emilia Romagna 2014-2020. Decisione C(2015) 928, Codice CCI n. 2014IT16RFOP008

POR FESR Emilia Romagna 2014-2020. Decisione C(2015) 928, Codice CCI n. 2014IT16RFOP008 POR FESR Emilia Romagna 2014-2020 Decisione C(2015) 928, Codice CCI n. 2014IT16RFOP008 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA Approvato dal Comitato di Sorveglianza del 31 marzo 2015 1 Il Comitato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2617 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (POLETTI)

Dettagli

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA DELIBERA 3 agosto 2012. Fondo per lo sviluppo e la coesione regione Puglia. Programmazione delle residue risorse 2000-2006 e 2007-2013 e modifica

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 gennaio 2013. Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013

ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 ORDINANZA 139 DEL15 NOVEMBRE 2013 RIMOZIONE MACERIE

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 13/066/CR08/C4 DOCUMENTO SULLE POLITICHE ABITATIVE Il presente documento costituisce un primo risultato delle riflessioni avviate dalle Regioni e rappresenta

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Capo I Il Sistema dei Controlli Interni Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione del sistema dei controlli interni sull

Dettagli

Premesso che: Considerato che:

Premesso che: Considerato che: REGIONE PIEMONTE BU39 25/09/2014 Codice DB2101 D.D. 26 maggio 2014, n. 145 Convenzione per la condivisione di esperienze e soluzioni finalizzate allo sviluppo, alla realizzazione, all'avviamento e alla

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67

20-3-2012. GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 67 ma, secondo l impostazione metodologica ora contenuta nell aggiornamento 2012-2013 del PSN; Considerato che il processo di riforma a livello europeo del Patto di stabilità e di crescita e della governance

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA

REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA settembre 2011 1 Il presente regolamento è frutto di un lavoro di condivisione tra le SDS

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il Personale della Scuola UFF.

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il Personale della Scuola UFF. COMUNICAZIONE DI SERVIZIO Prot.n.1446 Roma, 29 luglio 2005 Ai Direttori degli Uffici scolastici regionali LORO SEDI OGGETTO : Piano di formazione per lo sviluppo delle competenze linguistico - comunicative

Dettagli

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34

Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale 30 dicembre 2010 n.34 Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2011 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2011 2013. * * * * * * * * * *

Dettagli

Contestualmente la Direttiva è inviata alla Corte dei Conti per la registrazione.

Contestualmente la Direttiva è inviata alla Corte dei Conti per la registrazione. Prot.1086 Roma, 03/10/2001 Esercizio finanziario 2001- Si trasmette la Direttiva n. 143 in data 1/10/2001, relativa alla formazione e all aggiornamento del personale della scuola per l esercizio finanziario

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Intervento del Direttore Generale della Banca d Italia Fabrizio Saccomanni 13 giugno 2012 Do il benvenuto a tutti i partecipanti a

Dettagli

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI - descrizione oggetto della proposta e contesto di riferimento Ottimizzazione economica degli interventi edilizi necessari alla realizzazione dei piani

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 PIANO PROVINCIALE DISABILI 2010-2012 Linee di Indirizzo Programmazione biennio 2011-2012 1 INDICE Premessa... 3 1. Dati di contesto provinciale... 4 2. Priorità e obiettivi provinciali:... 6 3. Le risorse

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia )

Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI Decreto legge n. 1 del 24 gennaio 2012 (c.d. Cresci Italia ) Commento alle norme economicofinanziarie di interesse per il settore delle costruzioni Aggiornato

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO

AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO AUTORITÀ DI BACINO FIUME PO RELAZIONE SUL FUNZIONAMENTO COMPLESSIVO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE, TRASPARENZA ED INTEGRITÀ DEI CONTROLLI INTERNI E SULL ATTESTAZIONE DEGLI OBBLIGHI RELATIVI ALLA TRASPARENZA

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013

Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 Delibera della Giunta Regionale n. 3 del 18/01/2013 A.G.C. 19 Piano Sanitario regionale e rapporti con le UU.SS.LL. Settore 1 Programmazione Oggetto dell'atto: POR CAMPANIA FESR 2007/2013 - OBIETTIVO OPERATIVO

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Istituto nazionale di statistica REGOLAMENTO DI GESTIONE E CONTABILITÀ Approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24

Dettagli

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi.

Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione relativi organismi. REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 7-2208 Approvazione del nuovo sistema di governo regionale per la Formazione Continua in Sanita' e costituzione

Dettagli

Comune di NOLA Prov. di Napoli PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015

Comune di NOLA Prov. di Napoli PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015 Comune di NOLA Prov. di Napoli PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015 1 INDICE PREMESSA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA 1. INTRODUZIONE 2. I Dati 3. PROCEDIMENTO DI ELABORAZIONE E DI

Dettagli

ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE

ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE ASSESSORATO LAVORO E FORMAZIONE Redatto con il contributo di Italia Lavoro SpA attraverso il Programma "Qualificazione dei servizi per il lavoro e supporto alla governance regionale", finanziato dal PON

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA

PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA PROPOSTE PER IL RINNOVO CONTRATTUALE PER GLI ADDETTI DELLE AZIENDE DEL CALZATURIERO INDUSTRIA 1 Premessa Il rinnovo del Contratto Nazionale del Calzaturiero avviene in un momento non facile per l economia

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA Regione Toscana e Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani UNCEM Toscana Associazione Regionale dei Comuni della Toscana ANCI Toscana Unione Province Toscane UPI

Dettagli

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive INTERVENTO: La Riforma della contabilità delle amministrazioni pubbliche: le principali innovazioni e

Dettagli

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015 1 MIUR Ufficio Scolastico Emilia-Romagna -USP Bologna DIREZIONE DIDATTICA STATALE di S. GIOVANNI in PERSICETO Circolo di San Giovanni in Persiceto (BO) Piazza Carducci, 6 BOE14700V C.F. 80073330377- Tel.

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE)

NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) NOTA DELLA UIL AL DISEGNO DI LEGGE DELEGA DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 119 DELLA COSTITUZIONE (FEDERALISMO FISCALE) PREMESSA La UIL esprime una valutazione positiva in merito all opportunità

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Febbraio 2015 INDICE 1. Premessa 2. Fondo di Garanzia per le PMI 3. Liquidazione TFR in busta paga 4. Moratoria dei mutui 5. Pagamento debiti

Dettagli

Regolamento. sui. Controlli interni

Regolamento. sui. Controlli interni COMUNE di TARVISIO Provincia di Udine Regolamento sui Controlli interni Adottato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 26 febbraio 2013 I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Accordo di Programma Quadro

Accordo di Programma Quadro UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA DI INTERVENTI DI INFRASTRUTTURAZIONE E SERVIZI CORRELATI ALLO SVILUPPO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (Legge Regionale 28 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Sistema di misurazione e valutazione della performance ANVUR

Sistema di misurazione e valutazione della performance ANVUR Sistema di misurazione e valutazione della performance ANVUR Documento preparato dall Organismo Indipendente di Valutazione Guido Cutillo guido.cutillo@gmail.com 1 INDICE 1. Descrizione del sistema 1.1.

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI - PROVINCIA DI VICENZA Provincia di Vicenza - ESERCIZIO PARTE I - ENTRATA Pag.1 Titolo, Tipologia Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI

IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI IL NUOVO ORDINAMENTO CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI PAOLA MARIANI Udine 26 marzo 2014 PRESENTAZIONE: 1) L ARMONIZZAZIONE 2) IL QUADRO NORMATIVO 3) I SISTEMI CONTABILI ARMONIZZATI 4) GLI STRUMENTI DELL ARMONIZZAZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA La Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità, di seguito denominato Dipartimento, c.f. n. 80188230587, con sede in Roma, Largo Chigi,

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario IX Legislatura Progr.Num. 133/2013 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza Questo giorno mercoledì 25 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunito nella residenza

Dettagli

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015

POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna. Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 POR FESR 2014-2020 Regione Emilia-Romagna Decisione C(2015) 928 del 13 febbraio 2015 Piano di comunicazione 2015 Indice Premessa 3 Azioni di comunicazione 3 Azione propedeutica: definizione dell immagine

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

Assistenza tecnica funzionale alla

Assistenza tecnica funzionale alla definizione, alla identificazione ed alla gestione dei Sistemi Turistici Locali ed altri idonei strumenti di promozione turistico territoriale complementari agli STL, e utili allo sviluppo del settore

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO

COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014/2016 EMENDATO COMUNE DI BRESCIA BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE FINANZIARIO /2016 EMENDATO BILANCIO SPERIMENTALE DI PREVISIONE INDICE Nota tecnica introduttiva pag. 3 Bilancio di Previsione Entrata pag. 5 Bilancio

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato Articolo unico

Legge di Stabilità 2015 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato Articolo unico Dipartimento Finanza Locale Legge di Stabilità 2015 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato Articolo unico Nota di lettura sulle norme di interesse dei Comuni in materia

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

Piattaforma rinnovo ACN. (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13)

Piattaforma rinnovo ACN. (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13) Piattaforma rinnovo ACN (bozza) (ai sensi della legge 189/12 e del DPR 122/13) Introduzione Negli ultimi quattro anni, cioè grosso modo dalla sigla degli ultimi ACN, la situazione economica del Paese è

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Provincia di Foggia Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Il documento contabile che si sottopone alla discussione ed all approvazione del Consiglio Provinciale concernente

Dettagli

PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative

PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative PON Assistenza Tecnica e Azioni di Sistema Indicatori di risultato e impatto Proposte, fonti e note esplicative Asse I: Assistenza tecnica e coordinamento delle politiche di sviluppo regionale Aprile 2002

Dettagli