Rendiconto generale dell esercizio Relazioni sulla gestione finanziaria nei vari settori di intervento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rendiconto generale dell esercizio 2012. Relazioni sulla gestione finanziaria nei vari settori di intervento"

Transcript

1 Rendiconto generale dell esercizio 2012 Relazioni sulla gestione finanziaria nei vari settori di intervento

2 INDICE Presidenza pag. Vicepresidenza. Assessorato Finanze. Europa. Cooperazione pag. col sistema delle autonomie. Valorizzazione della montagna. Regolazione dei servizi pubblici locali. Semplificazione e trasparenza. Politiche per la sicurezza. Cultura. Sport pag. Scuola. Formazione professionale. Università e ricerca. pag. Lavoro. Politiche per la Salute. Promozione delle politiche sociali e di integrazione per l immigrazione. Volontariato. Associazionismo e del terzo settore. Sicurezza territoriale. Difesa del Suolo e della Costa. Protezione civile. pag. pag. pag. Attività produttive. Piano energetico e sviluppo sostenibile. pag. Economia verde. Autorizzazione unica integrata Programmazione territoriale. Urbanistica. Reti di Infrastrutture materiali e immateriali. Mobilità. Logistica e trasporti. Turismo. Commercio. pag. pag. Sviluppo delle risorse umane e organizzazione. pag. Cooperazione allo sviluppo. Progetto giovani. Pari opportunità. Agricoltura. pag. Ambiente, Riqualificazione urbana. pag. 2

3 PRESIDENZA 3

4 PRESIDENZA POLITICA REGIONALE UNITARIA Il Documento Unico di Programmazione (DUP) per il periodo , approvato dalla Regione nel giugno 2008, ha esplicitato la strategia regionale per l'attuazione della Politica Regionale Unitaria (PRU), costruita prendendo come riferimento gli indirizzi del Piano Territoriale Regionale. Il DUP, che porta a sintesi le diverse programmazioni europee, nazionali e regionali, ha una strategia articolata in otto obiettivi trasversali incentrati su temi cardine dello sviluppo regionale - dall economia della conoscenza all ambiente, dalla mobilità sostenibile alla valorizzazione del patrimonio culturale e naturale, dal sistema produttivo al welfare e due obiettivi territoriali pensati come risposta alle specificità dei diversi sistemi territoriali regionali. Il DUP ha inteso definire una strategia di sviluppo sostenibile del territorio regionale a maglie larghe. La procedura di attuazione del DUP ha previsto il ricorso alla programmazione negoziata a livello territoriale, per favorire la condivisione di strategie, obiettivi ed interventi, la convergenza di diversi strumenti e programmi di sviluppo.. La programmazione territoriale è stata concertata con i Documenti Programmatici di livello provinciale, dal titolo Contributo del sistema territoriale della provincia di all attuazione della Politica Regionale Unitaria, che rappresentano la cornice programmatica contenente le strategie e le priorità condivise dal sistema delle Autonomie locali di concerto con l Amministrazione Regionale. Le Conferenze territoriali - organo di coordinamento dell attuazione degli investimenti - hanno approvato le Intese per l integrazione delle politiche territoriali, che programmano l oggetto, la durata, le priorità, gli interventi, il quadro finanziario e l attuazione degli interventi a valere su ciascun obiettivo DUP. La finanziaria 2010 ha messo a disposizione dei territori 11,7 milioni di euro per l attuazione degli interventi prescelti. Si tratta di un progetto complesso che potrà contare su diversi strumenti amministrativi e di governance per il suo sviluppo. Il primo strumento messo in capo è quello del DUP e delle Intese per l Integrazione delle Politiche Territoriali sottoscritte tra la Regione e gli Enti locali per la realizzazione degli interventi. Il 6 ottobre 2011 il Ministero dello Sviluppo Economico ha trasmesso alla Regione Emilia-Romagna il provvedimento di messa a disposizione delle risorse FAS relativo al PAR ed in data 16 novembre 2011 è stata ri-trasmessa la richiesta di anticipazione della prima quota a titolo di anticipazione da parte dell Autorità di Certificazione del Programma Attuativo FAS. A seguito di ciò 19 dicembre 2011 il Ministero dello Sviluppo economico ha effettuato il trasferimento della prima quota delle risorse del FAS per un valore complessivo di ,00 euro, pari all 8% del valore aggiornato del FAS regionale e nel 2012 l ulteriore 8% a rendicontazione del primo acconto. 4

5 Nel corso del 2012 è proseguita l attuazione della programmazione prevista con il Documento Unico di Programmazione (DUP) Per quanto riguarda le risorse regionali programmate attraverso le Intese territoriali per l integrazione delle politiche, sono stati portati avanti gli interventi già attivati con assegnazioni 2010 e Inoltre, l attuazione del programma è proseguita nel 2012 col finanziamento degli interventi decisi come prioritari delle Conferenze per l Intese svolte a fine 2011 e nel In particolare in questo periodo si sono riunite formalmente o in fase preparatoria le Conferenze per le Intese dei territori provinciali di Bologna, Modena, Parma, Forlì-Cesena, Rimini, Reggio-Emilia, Ferrara e Piacenza. Le risorse regionali nel 2012, per euro 2,5 milioni di euro, sono state destinate ad opere legate all innovazione tecnologica, alla viabilità e al recupero di eccellenze della memoria storica. Per quanto riguarda la parte del DUP afferente le risorse del Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC - già FAS), nel 2012 Regione è riuscita ad attivare il PAR FSC , pur scontando i ritardi dovuti al trasferimento delle risorse da parte del Governo centrale e poi l'effetto dell'art. 16 del decreto legge 95/12 convertito in legge n. 135 del 7 agosto In particolare è stata attivata la linea d azione I.A.2 relativa al Rinnovo e ampliamento del materiale rotabile ferroviario riguardante nello specifico il finanziamento e l acquisto di 12 nuovi elettrotreni. Rispetto a quest ultima fornitura il contributo FSC, impegnato nel 2012, è stato di 36 milioni di euro rispetto ad un investimento complessivo di circa 78 milioni di euro. Programmazione negoziata. Prosegue l attività relativa alla programmazione negoziata. Il metodo è stato portato a sintesi nelle sue peculiarità regionali nell applicazione della legge regionale 30/96. La maturazione del metodo regionale della PN è proseguito nell applicazione della Programmazione del DUP. Lo studio e la ricerca dei perfezionamenti sulla programmazione e sulla tecnica amministrativa che accompagna questa metodologia sono proseguiti nel corso dell anno, in vista di ulteriori applicazioni nella nuova programmazione dei fondi strutturali. Questa esperienza verrà portata a sintesi e resa disponibile in vista della programmazione Infatti l esperienza del metodo della programmazione negoziata è stata qualificante e ha permesso di costruire un nuovo rapporto con le amministrazioni locali per l attuazione delle scelte strategiche in un ottica di coesione territoriale, nel rispetto delle identità locali e in partenariato con le rappresentanze del mondo sociale, economico e sindacale. Programmi speciali d area. Nel 2012 è stata assicurata un intensa attività di assistenza tecnica in merito all attuazione delle tre generazioni di programmi d area attivati e in particolare alle Conferenze di programma. È proseguita l attività negoziale per la ultimazione dei programmi che arrivati ad un grado di completamento del 95% hanno subito un rallentamento a causa del patto di stabilità e della diminuzione degli investimenti. Intesa Istituzionale di Programma e Accordi di Programma Quadro. L Intesa Istituzionale di Programma tra la Regione Emilia-Romagna e il Governo della Repubblica, sottoscritta il 22 marzo del 2000, presenta al un valore complessivo di M di cui 150M relativi al Fondo per lo sviluppo e la coesione 5

6 (ex FAS). Complessivamente sono 25 gli Accordi di Programma Quadro stipulati in attuazione dell intesa Istituzionale di Programma per un totale di 560 interventi. Gli APQ sottoscritti riguardano i seguenti settori: Infrastrutture viarie, Tutela delle acque e gestione integrata delle risorse idriche, Società dell informazione, Ricerca e Innovazione, Riqualificazione urbana, Sviluppo Locale, Rafforzamento Reti e Nodi di servizio e Politiche giovanili. Nel 2012 sono proseguite le attività di gestione e di attuazione degli Accordi di Programma Quadro (APQ), attraverso il processo di cooperazione istituzionale con il Ministero dello Sviluppo Economico e gli altri Ministeri competenti per materia nonché con le Direzioni Generali regionali settoriali responsabili degli APQ stessi. In termini di avanzamento, l Intesa ha registrato significativi incrementi sia per quel che riguarda l avanzamento procedurale che finanziario nonché economico: nel 2012 risultano conclusi 291 interventi mentre 269 sono ancora in corso di realizzazione, riguardanti per la maggior parte la realizzazione di opere pubbliche. Per quel che riguarda l avanzamento finanziario si registra, rispetto al 2011, un incremento significativo degli impegni assunti (oltre 273 M ) unitamente ai pagamenti effettuati (oltre 176M ). In relazione all andamento economico nel corso del 2012 si è registrato un costo realizzato di circa M (pari a circa l 83% del valore dell Intesa, con un incremento in valore assoluto rispetto al 2011 di circa 507M. L avanzamento della spesa relativa alle sole risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione (già FAS) è pari invece al 74%. Prusst. Fanno parte della Programmazione negoziata di fonte statale i Programmi di riqualificazione Urbana e Sviluppo Sostenibile del Territorio (PRUSST). Nel corso del 2012 è proseguita la fase conclusiva dell attuazione dei Prusst per le aree del Distretto Ceramico e Città della Costa dei quali la Regione è soggetto promotore Programmazione La RER ha assicurato un attiva presenza nei tavoli partenariali e negoziali interregionali, nazionali ed europei, iniziando un percorso per una programmazione dei fondi strutturali e per l investimento (ESI) nell ambito della politiche di coesione. RELAZIONI INTERNAZIONALI ISTITUZIONALI La Regione Emilia-Romagna promuove e favorisce i rapporti istituzionali e le attività con le Regioni europee ed extraeuropee, che coinvolgono i diversi settori dell amministrazione e del territorio regionale. Questo stimola il confronto e lo scambio di buone prassi nell ambito delle politiche europee, la partecipazione a programmi comunitari e l attivazione di progetti. Inoltre sviluppa e incentiva la collaborazione fra enti locali emiliano-romagnoli ed enti locali stranieri, tra le camere di commercio, i sistemi scolastici, le associazioni di categoria e altri stakeholder. La Regione Emilia-Romagna ha in essere protocolli formalizzati e attivi con alcune Regione europee ed extraeuropee e ha inoltre collaborazioni bilaterali molto proficue su tematiche di attualità con alcune Regioni con le quali non ha ancora sottoscritto un protocollo di intesa. Nel corso del 2012 si sono consolidate le attività 6

7 di relazione internazionale già in essere e si sono rafforzati i Partenariati esistenti e formalizzate le forme di collaborazione bilaterale che hanno visto la realizzazione di progetti concreti. La collaborazione con le regioni europee con cui si sono formalizzati e attivati Protocolli d Intesa sono: Aquitania- FR, Land Hessen-DE, Pays de la Loire -FR, Bassa Slesia-PL, Generalitat Valenciana-ES, Wielkopolska- PL). Le Regioni con cui si sono attivate forme di collaborazioni bilaterali non ancora formalizzate da accordi sono: Västra Götaland-SE, Galles-UK, Aragona-ES, Gozo- M) nei diversi settori di competenza regionale, in modo da fare sistema e di creare i presupposti per lo sviluppo di relazioni stabili e reciprocamente vantaggiose. Per questo motivo sarà rafforzato il coordinamento e la collaborazione con tutte le direzioni generali della regione per l attività internazionale, favorendo il processo di governance per cogliere e favorire le opportunità in base alla strategia Europa La Regione ha continuato a sostenere e promuovere l attivazione di partenariati/gemellaggi tra Enti Locali emiliano-romagnoli ed Enti Locali stranieri e le relative attività che ne sono scaturite e sostenuto e promosso progetti tra organismi pubblici e privati emiliano-romagnoli con organismi pubblici e privati delle regioni partner straniere. Sono state realizzate attività internazionali nell ambito della Rete SERN (Svezia Emilia-Romagna Network) alla quale, oltre alla Regione Emilia- Romagna, aderiscono molti Comuni e Province del territorio,e gran parte di tale attività della rete è stata finanziata da progetti europei. Varie delegazioni straniere sono state accolte nel 2012, sia per visite istituzionali, sia per partecipazione a progetti, che hanno visto il coinvolgimento di più regioni, comportando un concreto coinvolgimento dei governi locali, delle organizzazioni economiche e sociali, delle imprese, delle associazioni, delle Università, dei laboratori di ricerca, delle scuole, delle fondazioni e delle istituzioni della vita culturale, sociale e scientifica dei rispettivi territori, con sviluppo di progetti in collaborazione con organismi omologhi nelle regioni partner. Le tematiche di maggiore interesse su cui si è lavorato e si continua a lavorare sono le reti europee tematiche relative ad agricoltura, formazione, educazione, politiche giovanili, innovazione e ricerca, servizi sociali, economia sociale e solidale, lavoro, cultura, turismo, economia, cooperazione internazionale e sport, anche tramite scambi e volontariato e stages. Nel 2012, la Regione ha assicurato la sua costante e attiva presenza ai gruppi di lavoro internazionali e coordinamento di progetti europei. La Regione continuerà a svolgere un ruolo fondamentale nell ambito della EU 2020 Regions Network con l obiettivo di contribuire all'implementazione della Strategia Europa2020 a livello regionale e locale; favorire un processo di governance a livello europeo e nazionale per un maggiore coinvolgimento delle regioni; formare una piattaforma europea con l'obiettivo di comunicare le opportunità e le sfide che le politiche regionali devono affrontare nel raggiungimento degli obiettivi della Strategia. Consulta - emiliano-romagnoli nel mondo La Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo si è riunita nel corso del 2012 una sola volta, in settembre, a Bologna, mentre il Comitato esecutivo si è riunito tre volte, due delle quali in videoconferenza per i consultori esteri. La Presidente ha proseguito nel suo lavoro di coordinamento delle Consulte regionali ed ha 7

8 collaborato con il Ministero degli Affari esteri, il MIUR ed il CGIE, nell organizzazione di un importante seminario sulla diffusione della lingua e della cultura italiana all estero, svoltosi a Roma nel mese di dicembre. Per quanto riguarda gli interventi a favore degli emiliano-romagnoli nel mondo si è proseguito con l attuazione degli interventi previsti dal Piano triennale Sono continuate le azioni dirette alla diffusione di diverse pubblicazioni sui temi dell emigrazione, celebrando personaggi ed eventi significativi per il patrimonio della memoria regionale, condivisa con i corregionali all estero. Le delegazioni sono state per lo più composte da operatori delle diverse strutture regionali e da rappresentanti dei settori economico e culturale regionale. Sono proseguite le attività di Informazione e comunicazione in sintonia con il Servizio Agenzia stampa della Presidenza, per la manutenzione e l implementazione del portale emilianoromagnolinelmondo.it, del sito Reporter e di RadioER, per i contenuti dedicati alla relazione con gli emigrati e con la partecipazione interattiva dei giovani nel mondo. Analisi degli aspetti finanziari della gestione 2012 Triennio : confronto tra le principali grandezze finanziarie e variazionian no bilancio Stanziamenti Residui passivi iniziali Impegni Pagamenti , , , , , , , , , , , ,55 Var 11/10-7% -34% -14% -18% Var 12/11 12% -19% 18% -47% Var 12/10 4% -47% 1% -56% 8

9 Confronto tra le principali grandezze finanziarie , , , , , ,00 - Stanziamenti Residui passivi iniziali Impegni Pagamenti Triennio confronto tra i principali indicatori finanziari e variazioni Anno bilancio Capacità di impegno Velocità di pagamento Tasso di smaltimento dei residui passivi Capacità di pagamento totale ,06% 69,94% 83,86% 74,54% ,95% 75,44% 82,48% 77,38% ,12% 32,89% 58,27% 38,12% Var 11/10-3,11% 5,49% -1,38% 2,84% Var 12/11 2,17% -42,55% -24,22% -39,26% Var 12/10-0,94% -37,06% -25,60% -36,42% Confronto tra i principali indicatori finanziari 90,00% 80,00% 70,00% 60,00% 50,00% 40,00% 30,00% 20,00% 10,00% 0,00% 37,95% 41,06% 40,12% Capacità di impegno 69,94% 82,48% 75,44% 83,86% 77,38% 74,54% Velocità di pagamento 32,89% 58,27% Tasso di smaltimento dei residui passivi 38,12% Capacità di pagamento totale

10 L analisi delle principali grandezze finanziarie e delle variazioni intervenute nelle stesse, nel triennio , evidenzia, in primo luogo, una situazione equilibrata e senza grosse variazioni Si forniscono indicazioni di massima e una corretta interpretazione degli indicatori non può tuttavia prescindere dalla conoscenza delle situazioni che sottendono agli indicatori stessi. Nei paragrafi successivi si provvederà pertanto, ad una analisi più dettagliata delle diverse componenti che concorrono a formare il dato aggregato più sopra indicato. I capitoli di bilancio gestiti dai Servizi sono i seguenti: Capitolo TFI TSP Residui iniziali Stanziamento di competenza Impegnato Pagato c/ competenza Pagato c/ residui Pagato Totale , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,00 Totale , , , , , ,55 TFI = tipo finanziamento: 1 = mezzi regionali; 2 = mezzi statali; 3 = misto (mezzi regionali, quote vincolate), 5 = mezzi comunitari. TSP = tipo spesa: 1= spese correnti amministrative; 2 = spese correnti operative; 3 = spesa per investimenti; 4 = contributi in c/interessi, 5 = spese per altre annualità, 7 = spese per contributi in forma attualizzata A fianco di ciascun capitolo sono riportati gli stanziamenti assestati 2012, i residui passivi iniziali, gli impegni ed i pagamenti, distinti tra pagamenti in c/competenza ed in c/residui. Per una migliore lettura dei dati, sopra riportati in via analitica, si fornisce di seguito una rielaborazione degli stessi che evidenzia, in relazione alle diverse tipologie di spesa ed alle diverse fonti di finanziamento, alcuni significativi indici finanziari di composizione e di avanzamento della spesa. Stanziamenti TSP 10

11 TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali , ,00 2 = Risorse statali , ,21 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,21 0,00 0, ,21 Composizione degli TSP stanziamenti TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali 29,40% 0,00% 0,00% 29,40% 2 = Risorse statali 70,60% 0,00% 0,00% 70,60% 5 = Risorse comunitarie 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% Totale complessivo 100,00% 0,00% 0,00% 100,00% Impegni TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali , ,32 2 = Risorse statali , ,69 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,01 0,00 0, ,01 Capacità di impegno TSP (Impegni/Stanziamenti) TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali 98,37% 0,00% 0,00% 98,37% 2 = Risorse statali 15,86% 0,00% 0,00% 15,86% 5 = Risorse comunitarie 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% Totale complessivo 40,12% 0,00% 0,00% 40,12% Pagamenti in c/competenza TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali , ,09 2 = Risorse statali , ,95 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,04 0,00 0, ,04 Velocità di pagamento (Pagamenti in c/competenza/impegni) TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali 34,29% 0,00% 0,00% 34,29% 2 = Risorse statali 29,26% 0,00% 0,00% 29,26% 5 = Risorse comunitarie 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 11

12 Totale complessivo 32,89% 0,00% 0,00% 32,89% Residui passivi iniziali TSP Totale complessivo TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità 1 = Risorse regionali , ,42 2 = Risorse statali , ,06 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,48 0,00 0, ,48 Pagamenti c/residui TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali , ,90 2 = Risorse statali , ,61 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,51 0,00 0, ,51 Tasso di smaltimento dei residui passivi (Pagamenti c/residui / residui passivi iniziali) TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali 48,77% 0,00% 0,00% 48,77% 2 = Risorse statali 82,10% 0,00% 0,00% 82,10% 5 = Risorse comunitarie 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% Totale complessivo 58,27% 0,00% 0,00% 58,27% TSP Massa spendibile (impegni + residui passivi iniziali) TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali ,74 0,00 0, ,74 2 = Risorse statali ,75 0,00 0, ,75 5 = Risorse comunitarie 0,00 0,00 0,00 0,00 Totale complessivo ,49 0,00 0, ,49 Pagamenti totali TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali , ,99 2 = Risorse statali , ,56 5 = Risorse comunitarie 0,00 Totale complessivo ,55 0,00 0, ,55 12

13 Capacità di pagamento totale (Pagamenti totali/massa spendibile) TSP TFI 2 = Corrente 3 = Capitale 4 = spese in annualità Totale complessivo 1 = Risorse regionali 37,26% 0,00% 0,00% 37,26% 2 = Risorse statali 40,34% 0,00% 0,00% 40,34% 5 = Risorse comunitarie 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% Totale complessivo 38,12% 0,00% 0,00% 38,12% Una corretta interpretazione degli indicatori non può tuttavia prescindere dalla conoscenza delle situazioni che sottendono agli indicatori stessi. Nelle premesse ci si è soffermati a lungo sull attività dell intera direzione. L'attività di cooperazione si concretizza in interventi classificabili nella tipologia di spese correnti operative, pertanto vi è la necessità per la quota finanziata da mezzi regionali di impegnare lo stanziato entro il dicembre di ogni anno, in quanto la spesa corrente non può slittare all anno successivo. Facendo riferimento alla fonte di finanziamento si può notare che i mezzi regionali raggiungono il 29,40%, i mezzi statali 70,60%. L'impegno di tali fondi è in media pari al 40,12% - per i mezzi regionali raggiunge il 98,37, per i mezzi statali il 15,86%. 13

14 VICEPRESIDENZA ASSESSORATO FINANZE. EUROPA. COOPERAZIONE COL SISTEMA DELLE AUTONOMIE. VALORIZZAZIONE DELLA MONTAGNA. REGOLAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI, SEMPLIFICAZIONE E TRASPARENZA. POLITICHE PER LA SICUREZZA 14

15 VICEPRESIDENZA ASSESSORATO FINANZE. EUROPA. COOPERAZIONE COL SISTEMA DELLE AUTONOMIE. VALORIZZAZIONE DELLA MONTAGNA. REGOLAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI, SEMPLIFICAZIONE E TRASPARENZA. POLITICHE PER LA SICUREZZA Lo scenario generale e operativo che ha caratterizzato il 2012 è stato, ancora una volta, fortemente condizionato dalla difficile situazione economica, finanziaria e politica, conseguenza della pesante crisi che da circa un quinquennio investe il nostro paese ed il contesto europeo. Il governo centrale, nel tentativo di contrastare questa congiuntura negativa di lungo periodo, ha adottato provvedimenti che hanno inciso fortemente sulla spesa pubblica, ed in particolare sulla finanza regionale e locale. In questi 12 mesi, la Direzione generale Risorse finanziarie e Patrimonio ha pertanto rafforzato il presidio delle disposizioni di legge in itinere, per fornire precise indicazioni ai decisori politici e per supportare sotto il profilo tecnico il Presidente della Giunta nell ambito delle istituzioni di confronto tra Stato / regioni / autonomie. I pesanti tagli e vincoli introdotti sulla finanza regionale hanno inoltre richiesto una rivisitazione complessiva delle politiche di bilancio ed un intensa attività di coordinamento delle diverse unità organizzative dell Ente, per garantire il raggiungimento degli obiettivi prefissati nel programma di governo del Presidente e della Giunta regionale. Parallelamente, la difficile situazione economica e le manovre restrittive varate dal Governo centrale hanno rafforzato le richieste di sostegno rivolte alla Regione, in primo luogo dal Sistema dell Autonomie. La Direzione ha pertanto rafforzato la funzione di coordinamento della finanza regionale, assegnata come competenza concorrente alle regioni a seguito della riforma costituzione al Titolo V, prevedendo una serie di interventi e conseguendo rilevanti e positivi risultati a favore del territorio e più in generale dell economia locale. Infine, il sisma che ha colpito nel maggio scorso una vasta area dell Emilia, ha richiesto una modifica complessiva al quadro delle priorità gestionali dell Ente. Questa Direzione ha offerto, nell ambito delle proprie competenze, ogni contributo richiesto sia nel presidio degli aspetti finanziari e relativi al Patto di stabilità interno, che sotto il profilo tecnico immobiliare e amministrativo-contrattuale. GOVERNO DELLA FINANZA REGIONALE E COORDINAMENTO DELLA FINANZA TERRITORIALE ATTUAZIONE DEL FEDERALISMO FISCALE La riforma in senso federale del Titolo V si presenta come un processo di elevata strategicità per la definizione dei rapporti tra i diversi livelli di governo istituzionale e di grande delicatezza per le profonde differenze che caratterizzano il Paese e per la situazione ancora preoccupante dell'economia e della finanza. Il processo di regolazione normativa per l applicazione della Legge n. 42 del 2009, Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell'art. 119 della Costituzione ha subito una forte accelerazione dopo alcuni anni di sostanziale 15

16 immobilismo, dalla revisione del Titolo V della Costituzione. Sono stati infatti adottati dal Governo diversi decreti legislativi attuativi, ai quali è seguito il perfezionamento dei successivi decreti ministeriali. Da questa intensa attività di produzione normativa è scaturito un confronto politico e istituzionale di particolare rilevanza volto a comporre, di volta in volta, decisioni di equilibrio rispetto ad interessi e posizioni non sempre convergenti. Accanto al processo, non sempre costante, di attuazione della L. 42, la pesante crisi finanziaria ed economica ha imposto provvedimenti di forte contenimento della spesa, tagli lineari e consistenti ai trasferimenti regionali e locali che hanno richiesto una rivisitazione complessiva delle politiche finanziarie e di bilancio della Regione. Il contributo della Direzione Finanze ha accompagnato le varie fasi di formazione dei principali provvedimenti di finanza pubblica. E stata costantemente garantita la partecipazione ai tavoli tecnici nazionali e interregionali e assicurato il supporto specialistico ai tavoli politici, in primo luogo per la collaborazione al Presidente della Giunta nell ambito della Conferenza Stato-Regioni. Sistematicamente le diverse proposte normative sono state oggetto di uno studio approfondito e di un accurata analisi per l elaborazione degli scenari di riferimento e per la predisposizione di quadri e altro materiale utile ad accompagnare i processi decisionali. Infine sono state sviluppate le condizioni e gli strumenti tecnici, informativo - informatici e normativi per l applicazione, in via sperimentale, delle prime innovazioni introdotte. Sul versante strettamente interno, nell ambito del Comitato di Direzione o mediante altri tavoli di raccordo, è stata costantemente svolta un attività informativa e di presidio per le implicazione derivanti dal quadro normativo in via di formazione. Il D.Lgs n. 118 del 23 giugno 2011, avente ad oggetto "Disposizioni di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della L. 5 maggio 2009, n.42" inoltre, definisce al Titolo II i principi contabili generali e applicati per il settore sanitario. Al fine di assicurare la necessaria integrazione tra il sistema contabile regionale e quello sanitario, è stata avviata una specifica collaborazione con la Direzione competente e sono state introdotte, con riferimento alle modalità di gestione del bilancio regionale e alle procedure di entrata e di spesa, le modifiche necessarie a garantire il pieno rispetto della normativa nazionale. Il monitoraggio e l analisi dei processi di spesa e della finanza regionale. Nel corso del 2012 è stata svolta una sistematica attività di studio, approfondimento, ricerca dei dati e analisi del contesto in relazione agli oggetti e ai temi iscritti in agenda per sostenere adeguatamente i processi decisionali dei referenti politici e svolgere i compiti tecnici assegnati alla Direzione sia nei tavoli istituzionali nazionali e interregionali, sia all interno dell Ente Regione. Sono stati predisposti i quadri delle risorse disponibili e delle spese sostenibili distinte per natura economica e grado di rigidità e dei fabbisogni indicati dalle Direzioni generali allo scopo di fornire alla Giunta regionale le indicazioni necessarie per le scelte politico-programmatiche individuate attraverso gli incontri con i componenti della Giunta e i rispettivi Direttori generali di riferimento, che si sono svolti in più fasi, necessarie per la definizione dei fabbisogni e dei vincoli dei rispettivi ambiti di settore. Con accuratezza e tempestività la Direzione ha analizzato l evoluzione della 16

17 legislazione statale ed ha fornito agli organi decisionali pareri tecnici, note, elaborazioni e simulazioni prospettiche al fine di individuarne le ricadute sulla finanza regionale. Si è posta particolare attenzione ai seguenti provvedimenti: la Legge di stabilità 2011 n. 220/2010, il D.L. 98/2011, convertito in L. 111/2011 Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria, il D.L. 138/2011, convertito in L. 148/2011 Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo, la Legge di stabilità 2012 n. 183/2011, il D.L. 201/2011 convertito in L. 214/2011 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici e il D.L. 29 dicembre 2011, n. 216 Proroga di termini previsti da disposizioni legislative. Patto di stabilità interno e Patto di stabilità territoriale. Patto di stabilità interno Secondo le disposizioni sancite dal Decreto del Ministero dell'economia e delle Finanze pubblicato sulla G.U. n. 196 del 23/08/2012 sono stati realizzati gli elaborati per il monitoraggio trimestrale del Patto di Stabilità che sono stati prontamente inviati con le modalità richieste ed è stato effettuato un costante monitoraggio della normativa nazionale relativa al Patto di stabilità interno al fine di valutarne attentamente l'impatto sulla finanza regionale, in particolare: L. 12 novembre 2011, n. 183 (legge di stabilità 2012). Come negli anni precedenti sono stati definiti per ogni settore dei budget di spesa che sono stati monitorati a cadenze regolari per avere informazioni sempre dettagliate ed aggiornate sulla gestione della spesa. Sono stati creati appositi strumenti per la gestione ed il monitoraggio dei vincoli e degli adempimenti derivanti dal Patto di stabilità interno. Sono stati definiti budget di spesa per ogni Direzione Generale e si sono prodotti report specifici, al fine di rilevare a cadenze costanti gli andamenti di spesa e fornire accurate informazioni agli organi decisionali, mediante la formulazione di proposte applicative e/o di indirizzo. Gli elaborati relativi al Patto di Stabilità interno sono stati prodotti sulla base degli schemi del decreto e inviati al Ministero dell'economia nel rispetto dei termini previsti. La Regione Emilia-Romagna ha pienamente rispettato le regole fissate per il patto di stabilità interno per l anno 2012, contenendo la spesa soggetto a vincolo di crescita all interno dell obiettivo programmatico. Patto di stabilità territoriale Il 23 dicembre 2010, l Assemblea Legislativa dell Emilia-Romagna ha approvato la legge regionale n. 12 Patto di stabilità territoriale della Regione Emilia-Romagna. Si tratta di una disciplina regionale complessa, organica che, nell ambito della cornice normativa nazionale di riferimento e nel rispetto dei principi costituzionali e delle norme in materia di federalismo fiscale, introduce un nuovo sistema di regole per la definizione di un Patto di stabilità applicabile al territorio dell Emilia-Romagna, assegnando alla Regione una precisa funzione di coordinamento e di governance della finanza locale e regionale. La legge regionale nonostante il contenuto innovativo ha superato positivamente la valutazione, da parte del Governo, in ordine 17

18 alla legittimità costituzionale e pertanto la Presidenza del Consiglio dei Ministri non ha sollevato questione di legittimità davanti alla Corte. Tuttavia il Dipartimento per gli Affari Regionali ha trasmesso alcune osservazioni tecniche in ordine al monitoraggio e alle sanzioni di applicazione statale che il Presidente della Giunta si è impegnato a recepire. Il recepimento di tale osservazioni deve delinearsi in modo conforme alle nuove disposizioni nazionali che, in materia di patto regionalizzato, sono nel frattempo state adottate e che prefigurano opportunità normative per una piena applicazione delle modalità disciplinate dalla legge regionale. Per il 2012 è stata garantita l'effettuazione delle analisi e l'adozione dei provvedimenti amministrativi per dare continuità alla preziosa azione di coordinamento della finanza locale. Attraverso la definizione e l'applicazione di criteri, condivisi nell'ambito della Commissione interistituzionale per l'attuazione del patto di stabilità territoriale, è stato possibile attivare misure di compensazione orizzontale e verticale, che potranno rappresentare un valido contributo al Sistema delle Autonomie, confermando i positivi risultati conseguiti nel Nel corso del 2012 sono inoltre state implementate azioni di miglioramento e di sviluppo del sistema informativo di gestione del patto e di comunicazione con il territorio. E' stato adeguatamente presidiato il complesso delle attività realizzate per la gestione del Patto di Stabilità Territoriale: dalla definizione dei criteri per la distribuzione degli spazi finanziari all'analisi dei dati; dalla proposta applicativa all'analisi degli impatti e alla rendicontazione. E' stata esercitata la funzione di presidente della Commissione Tecnica Interistituzionale ed è stato assicurato un presidio costante nei rapporti con gli Enti Locali. Sono stati ulteriormente raffinati gli strumenti di comunicazione via web con i settori finanziari dei Comuni e delle Province. Sono state sviluppate le procedure connesse al Patto in favore degli Enti Terremotati e quelle nell'ambito del Patto regionale incentivato. E' stata svolta una puntuale attività di rendicontazione dei risultati della gestione riferita al 2011 che ha evidenziato il conseguimento di risultati ampiamente positivi Sotto il profilo procedurale, per la gestione del patto di stabilità territoriale 2012, sono state adottate dalla Giunta regionale, le seguenti deliberazioni: - DGR 540 del 02/05/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale. Compensazioni verticali per l attribuzione ai Comuni e alle Province di quote di importo corrispondenti ai peggioramenti intervenuti sui saldi obiettivi, in applicazione del punto 16 della DG 1517/ DGR 1010 del 23/07/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale. Relazione al Consiglio delle Autonomie Locali sui risultati conseguiti dalla gestione del patto di stabilità territoriale nell esercizio Declinazione dei criteri per la rimodulazione degli obiettivi programmatici del patto di stabilità interno per l anno DGR 1266 del 03/09/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale della regione Emilia-Romagna. Prime applicazioni per l anno Decreto Legge 6 luglio 2012, n

19 - DGR 1308 del 10/09/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale della Regione Emilia Romagna. Proposta per la distribuzione degli spazi finanziari, in deroga agli obiettivi di patto, ai Comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio Decreto Legge 6 giugno 2012, n DGR 1469 del 15/10/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale della Regione Emilia Romagna. Distribuzione degli spazi finanziari, in deroga agli obiettivi di patto, ai Comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio Decreto Legge 6 giugno 2012, n. 74. Approvazione proposta DGR n. 1308/ DGR 1586 del 29/10/2012 avente ad oggetto Patto di stabilità territoriale. Applicazione delle misure di compensazione orizzontale e verticale a favore del sistema delle autonomie locali. Anno 2012 Il risultato raggiunto è stato sicuramente positivo. Nel 2012 sono state concessi, a favore del Sistema delle Autonomie locali, spazi finanziari in termini di quote patto per 196,039 milioni di euro così distinti: - 56,22 milioni di euro per operazioni di compensazioni verticali con risorse di provenienza regionale; - 72,973 milioni di euro per compensazioni di patto regionale incentivato di cui al Decreto Legge 6 luglio 2012, n. 95; - 40 milioni di euro per compensazioni a favore dei comuni colpiti dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 di cui al Decreto Legge 6 giugno 2012, n. 74; - 26,846 milioni di euro per compensazioni orizzontali per quote cedute da comuni e province a favore di altri enti locali. Complessivamente tali interventi hanno consentito a diverse amministrazioni locali di chiudere la gestione amministrativa e contabile del 2012 rispettando i vincoli imposti dalla normativa statale. Inoltre, i 196,039 milioni di euro concessi, si sono tradotti in pagamenti a fronte di obbligazioni assunte nei confronti di imprese ed altri operatori per interventi di investimento realizzati o avviati negli anni precedenti. Essi hanno permesso quindi di immettere liquidità nel tessuto economico e sociale del territorio emiliano-romagnolo senza generare indebitamento, neppure a breve termine, ma semplicemente utilizzando quanto già disponibile nelle casse dell ente, bloccato per i vincoli di Patto. Gli spazi finanziari autorizzati sono stati distribuiti sulla base di criteri logicamente correlati ad un principio di solidità ed equilibrio di bilancio: da un lato sono state favorite le condizioni per un ripristino fisiologico dei livelli di residui passivi, accumulati in questi anni dagli Enti Locali come conseguenza dei vincoli - non sempre coerenti - dettati dalla normativa statale per il patto di stabilità interno; d altro lato sono state valorizzate le amministrazioni risultanti particolarmente virtuose con riferimento al livello di debito pro-capite rispetto al contesto regionale. I criteri applicativi hanno inoltre individuato modalità per sostenere gli interventi di investimento sviluppati da Comuni e Province coerenti con la programmazione regionale. Gli enti locali dell Emilia-Romagna assoggettati alle regole del Patto di stabilità 19

20 interno, nel 2012, sono stati 201 di cui 9 province e 192 comuni. Ben 134 enti, pari al 66,67%, hanno volontariamente aderito al Patto di stabilità territoriale. La Direzione finanze ha inoltre assicurato il massimo presidio e la più completa condivisione delle informazioni e dei processi con il territorio. A tal fine, sono stati organizzati diversi incontri tecnici ed è stato predisposto un portale che via web consente, in tempo reale, un continuo scambio informativo con i comuni e le province assoggettate alle regole del Patto. Inoltre, nel corso del 2012 è stato assicurato un costante monitoraggio dei flussi finanziari e una programmazione dei trasferimenti finanziari coerente rispetto ai bisogni espressi dal Sistema delle Autonomie, in relazione ai loro vincoli di bilancio, agli obiettivi del patto di stabilità, alla gestione della liquidità. Nell ambito di rapporti interlocutori sono stati definiti, con gli Enti richiedenti, tempi e modalità per il trasferimento delle risorse loro destinate. Il governo della finanza territoriale La riforma costituzionale del Titolo V ha attribuito alle Regioni le funzioni di coordinamento della finanza locale (legislazione concorrente), le cui competenze sono assegnate alla Direzione finanze, prefigurando ambiti di intervento di particolare rilevanza per il sistema delle autonomie e per il territorio in generale. Il presidio amministrativo e tecnico di questa importante funzione è stato attuato attraverso l'apporto di conoscenze specialistiche e lo sviluppo di adeguati strumenti di analisi dei dati, l'attivazione di monitoraggi sistematici sull'andamento dei flussi finanziari verso il territorio (sistema delle autonomie e sistema regionale allargato), la definizione di modalità di raccordo e di coordinamento con le Autonomie, anche mediante la collaborazione delle associazioni rappresentative degli enti locali. Parallelamente è proseguita l'attività di presidio degli aspetti di governance riferiti al complesso delle società partecipate, delle fondazioni regionali e dell'insieme degli enti strumentali della Regione, con l'obiettivo principale di fornire ai decisori politici e tecnici conoscenze e proposte, con riferimento agli aspetti economico-finanziari e ai riflessi sulla finanza regionale e del territorio. E stato inoltre garantito il coordinamento amministrativo delle altre Direzioni generali per le attività finalizzate all'espletamento degli adempimenti informativi, disciplinati da provvedimenti legislativi dello Stato e della Regione, nei confronti del Dipartimento della Funzione Pubblica, del Ministero dell'economia e delle Finanze, della Corte dei Conti e all'assemblea Legislativa per i dati riferiti al sistema delle partecipazioni regionali. Il perdurare della situazione di profonda crisi economica che attanaglia il paese impone una particolare attenzione nei confronti del Sistema delle Autonomie locali principali destinatari di una serie di domande di servizi e ausili espresse dai cittadini e dalle famiglie Le pesanti manovre di finanza pubblica, adottate nel corso degli ultimi mesi, hanno ulteriormente acuito questa situazione di generale difficoltà di Comuni e Province, per i pesanti tagli ai trasferimenti erariali. E' all'interno di questo contesto economico e istituzionale che gli Enti Locali del territorio della Regione Emilia-Romagna hanno dovuto misurarsi per fronteggiare le 20

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

CONTRATTI di FIUME e di LAGO

CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO Direzione Ambiente LINEE GUIDA REGIONALI per l attuazione dei CONTRATTI di FIUME e di LAGO DGR n 16-2610 del

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11.1 La nuova organizzazione dell'agenzia L'attuazione del disegno organizzativo delineato dal regolamento sull'organizzazione ed il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014

PROGRAMMA. ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 PROGRAMMA ANTICORRUZIONE E GESTIONE DELLA COSA PUBBLICA. ADEMPIMENTI, PRASSI OPERATIVA E MODELLI ORGANIZZATIVI 20 gennaio 2014 Avv. Renato Botrugno - Avvocato in Roma La normativa prevista dalla legge

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA

Programma delle lezioni CORSO DI URBANISTICA a CORSO DI URBANISTICA STRUMENTI INNOVATIVI PER IL GOVERNO DEL TERRITORIO Obiettivi formativi Il corso di è un insegnamento importante per il curriculum formativo dell ingegnere edile che vorrà operare

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Area di Coordinamento Programmazione e Controllo Programma Attuativo Regionale del Fondo Aree Sottoutilizzate 2007-2013 (PAR FAS) 1

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE

NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE 1 1 LEGGE REGIONALE 23 dicembre 2004, n. 29 #LR-ER-2004-29# NORME GENERALI SULL'ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R.

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli