Ente Bilaterale Artigianato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ente Bilaterale Artigianato"

Transcript

1 Ente Bilaterale Artigianato Pugliese IL NOSTRO IMPEGNO AL FIANCO DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI DELL'ARTIGIANATO PUGLIESE Gennaio 2012

2 CHI SIAMO L EBAP, l Ente Bilaterale dell Artigianato Pugliese è un Ente intercategoriale e confederale costituito a seguito degli accordi interconfederali Nazionali del 1983 e 1987/88, su iniziativa delle Organizzazioni dell Artigianato : Confartigianato,CNA, Casartigiani, CLAAI e delle Organizzazioni Sindacali CGIL,CISL, UIL della Regione Puglia Il coordinamento di tutto il sistema della bilateralità a livello Nazionale è affidato all EBNA Ente Bilaterale Nazionale Artigianato con sede a Roma In Puglia l EBAP si costituisce nel 1995 mentre diventa operativo nel 1997

3 L ORGANIZZAZIONE DELL EBAP L Ente Bilaterale dell Artigianato Pugliese ha una sua sede operativa Regionale a Bari e 6 sedi provinciali decentrate denominate Unità Gestionali di Bacino con funzioni di promozione, raccolta ed istruttoria di specifiche prestazioni L Ufficio di Presidenza è composto da un Rappresentante delle organizzazioni datoriali e da uno di espressione delle o.o. sindacali dei lavoratori La linea gestionale è affidata ad un cda ed a una assemblea dei rappresentanti delle organizzazioni costitutive composta paritariamente su indicazione delle parti sociali Le UGB sono composte paritariamente dai rappresentanti delle parti sociali su indicazioni delle organizzazioni fondatrici ed hanno anch esse un presidente e vice presidente con funzioni di coordinamento delle attività di bacino e l istanza regionale

4 I COMPITI DELL EBAP Promozione della mutualità attraverso prestazioni di previdenza e di assistenza e sostegno all occupazione innovazione sia a favore dei lavoratori che per le imprese aderenti Salvaguardia del patrimonio professionale del lavoro dipendente e imprenditoriale con l attivazione di prestazioni rivolte al sostegno al reddito del sistema artigiano Rappresentanza Istituzionale nei confronti dei vari soggetti terzi (regione, enti previdenziali..ecc) su tematiche specifiche e richiami legislativi (apprendistato,formazione continua, sicurezza,ammortizzatori sociali, internazionalizzazione delle imprese artigiane ecc.) Raccolta delle risorse e loro gestione nel rispetto delle intese fra le parti sociali Organizzazione del sistema informativo e promozionale delle attività e servizi offerti dall EBAP alle imprese artigiane ed ai loro dipendenti

5 Le somme da versare Annualmente l impresa che adotta il contratto dell artigianato versa all EBAP 125,00 l anno, pari a 10,42 mensili per ogni lavoratore Poiché le prestazioni fornite dalla bilateralità rappresentano un diritto contrattuale di ogni singolo lavoratore, l impresa che non aderisce e non versa all EBAP deve riconoscere a ciascun dipendente la somma di 25,00 per ciascuna mensilità (Elemento Aggiuntivo Retributivo)

6 PRESTAZIONI Hanno diritto alle prestazioni le aziende aderenti da almeno due anni più quello corrente ed in regola con i versamenti, salvo che l obbligo di iscrizione non sia insorto nell anno Attualmente è possibile regolarizzare il contributo Attualmente è possibile regolarizzare il contributo attraverso un versamento del 50% delle somme dovute per gli ultimi due anni precedenti al 01/07/2010. Dal 1 luglio 2010 il versamento va fat to integralmente secondo le modalità previste dagli accordi

7 PRESTAZIONI IN FAVORE DEI LAVORATORI Integrazione della retribuzione per sospensione attività lavorativa dovuta a difficoltà momentanee o congiunturali Integrazione della retribuzione per sospensione di attività dovuta a cause eccezionali Integrazione per riduzione di orario di lavoro a seguito di stipula di contratti di solidarietà Erogazione di un contributo per dipendenti in mobilità Premio per anzianità lavorativa presso la stessa impresa ultra 15 anni

8 1- INTEGRAZIONE DELLA RETRIBUZIONE A SEGUITO DI ACCORDI DI SOSPENSIONE Hanno diritto di accesso alla prestazione sia gli operai che gli apprendisti che abbiano raggiunto i requisiti minimi per la DS ordinaria e/o requisiti ridotti a condizione che l azienda sia in regola con i versamenti EBAP da almeno 12 mesi precedenti e continuativi. Periodo intervento EBAP 3 mesi ANNO SOLARE Prestazione pari al 20% della indennità di disoccupazione erogata dall INPS nei limiti definiti dai massimali annuali: Max anno ,80 906,80 per una retribuzione inferiore Max anno ,25 per una retribuzione superiore 1967,80

9 1 INTEGRAZIONE DELLA RETRIBUZIONE A SEGUITO DI ACCORDI DI SOSPENSIONE (segue) DOCUMENTAZIONE E PROCEDURE: Accordo Sindacale sottoscritto in sede aziendale e/o di bacino da almeno una Organizzazione costituente l EBAP sia di parte datoriale che di parte sindacale e dai lavoratori interessati. Inserimento dei dati relativi all accordo nella specifica procedura INPS entro max 20 giorni dalla data di inizio della sospensione programmata. Schede informative mensili complete dei dati retributivi relativi ai lavoratori interessati alla sospensione. Documentazione attestante la regolarità dei versamenti ai fondi gestiti dall EBAP almeno nei 12 mesi precedenti l inizio della sospensione.

10 1- INTEGRAZIONE DELLA RETRIBUZIONE A SEGUITO DI ACCORDI DI SOSPENSIONE (segue) TEMPI E MODALITA DI EROGAZIONE La liquidazione delle pratiche avviene di norma attraverso l invio di bonifico bancario alla impresa richiedente nel mese successivo il completamento della fase istruttoria e della raccolta della documentazione a corredo della domanda. Gli importi erogati vanno successivamente ripartiti nelle singole buste paga dei lavoratori interessati. N.B. Prima della sottoscrizione dell Accordo Sindacale è importante verificare le singole posizioni assicurative dei lavoratori interessati alla sospensione al fine di verificarne il diritto alle Prestazioni erogate dall INPS per indennità di DS ordinaria e/o requisiti ridotti.

11 2- INTEGRAZIONE DELLA RETRIBUZIONE PER SOSPENSIONE ATTIVITÀ PER CAUSE ECCEZIONALI : DEFINIZIONE DI CAUSE ECCEZIONALI Eventi atmosferici eccezionali Calamità naturali Interruzioni ENEL Difficoltà di utilizzo materie prime già acquisite Cause accidentali: fulmini, allagamenti, incendi, ecc. Bonifica ambientale PERIODO INTEGRATO Max 446 ore annue QUOTE DI EROGAZIONE: 80% della retribuzione per un massimo di 40 ore per lavoratore sospeso 60% della retribuzione per un massimo di 60 ore per lavoratore sospeso 40% della retribuzione per un massimo di 346 ore per lavoratore sospeso

12 2 INTEGRAZIONE DELLA RETRIBUZIONE PER SOSPENSIONE ATTIVITÀ PER CAUSE ECCEZIONALI (segue) DOCUMENTAZIONE OCCORRENTE: Domanda di intervento sottoscritta dalle parti Sindacali e Datoriali vistata in sede di Unità Gestionale di Bacino Schede informative e copia libro unico della ditta completo dei dati anagrafici e retributivi relativi lavoratori interessati alla sospensione Documentazione attestante la regolarità dei versamenti ai fondi gestiti dall EBAP nell anno corrente e almeno nei due precedenti In caso di sospensione a causa interruzione di fonti energetiche ad integrazione della domanda di intervento è necessaria la sola dichiarazione dell ente erogatore del servizio TEMPI E MODALITA DI EROGAZIONE La liquidazione delle pratiche avviene di norma attraverso l invio di bonifico bancario alla impresa richiedente nel mese successivo il completamento della fase istruttoria e della raccolta della documentazione a corredo della domanda. Gli importi erogati vanno successivamente ripartiti nelle singole buste paga dei lavoratori interessati.

13 3 - Integrazione per riduzione di orario di lavoro a seguito di stipula di contratti di solidarietà PERIODO INTEGRATO Max 2 anni Quote di erogazione 30% della retribuzione ordinaria ridotta DOCUMENTAZIONE OCCORRENTE: Accordo Sindacale sulla contrazione dell orario di lavoro vistata in sede di Unità Gestionale di Bacino Schede informative e copia libro unico della ditta completa dei dati anagrafici e retributivi relativi lavoratori interessati alla sospensione Documentazione attestante la regolarità dei versamenti ai fondi gestiti dall EBAP nell anno corrente e almeno nei due precedenti La procedura prevede l inoltro contestuale al Ministero del Lavoro e P.S. del contratto di solidarietà TEMPI E MODALITA DI EROGAZIONE : La liquidazione delle pratiche avviene di norma attraverso l invio di bonifico bancario alla impresa richiedente nel mese successivo la ricezione di copia del provvedimento di accoglimento da parte del Ministero dell accordo di solidarietà ed il successivo completamento della fase istruttoria e della raccolta della documentazione a corredo della domanda. Gli importi erogati vanno successivamente ripartiti nelle singole buste paga dei lavoratori interessati.

14 4 - EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER DIPENDENTI IN MOBILITÀ NE HANNO DIRITTO I dipendenti delle imprese artigiane in regola con i versamenti all EBAP nel caso di licenziamenti per riduzione del personale, a seguito di iscrizione e permanenza nelle liste di mobilità e siano privi del diritto all indennità prevista dalla L.223/91 PERIODO INTEGRATO Max 12 settimane nell anno solare a partire dalla 5^ dall iscrizione nelle liste di mobilità QUOTA EROGATA 103,29 a settimana di permanenza effettiva nelle liste di mobilità DOCUMENTAZIONE OCCORRENTE: Richiesta del dipendente Attestazione iscrizione liste mobilità Documentazione attestante la regolarità dei versamenti ai fondi gestiti dall EBAP nell anno corrente e almeno nei due precedenti della impresa che ha effettuato il licenziamento TEMPI E MODALITA DI EROGAZIONE La liquidazione delle pratiche avviene di norma attraverso l invio di bonifico bancario al dipendente richiedente nel mese successivo il completamento della fase istruttoria e della raccolta della documentazione a corredo della domanda.

15 5 - PREMIO PER ANZIANITÀ LAVORATIVA PRESSO LA STESSA IMPRESA PER OLTRE 15 ANNI NE HANNO DIRITTO I dipendenti di imprese artigiane in regola con i versamenti all EBAP che abbiano raggiunto una anzianità lavorativa ininterrotta presso la stessa impresa artigiana di almeno 15 anni LA RICHIESTA SI PRESENTA Al compimento del 15 anno di anzianità lavorativa Successivamente al 15 anno la richiesta avrà cadenz a biennale QUOTA EROGATA 155,00 per ogni anno di anzianità maturata a decorrere dal 15 anno DOCUMENTAZIONE OCCORRENTE: Richiesta del dipendente o dell impresa Busta paga o documentazione attestante data assunzione Documentazione attestante la regolarità dei versamenti ai fondi gestiti dall EBAP nell anno corrente e almeno nei due precedenti della impresa che ha effettuato il licenziamento TEMPI E MODALITA DI EROGAZIONE La liquidazione delle pratiche avviene di norma attraverso l invio di bonifico bancario del richiedente nel mese successivo il completamento della fase istruttoria e della raccolta della documentazione come da regolamento a corredo della domanda.

16 PRESTAZIONI IN FAVORE DELLE IMPRESE Rimborsi per ripristino ciclo produttivo a seguito sospensione di attività dovuta a cause eccezionali Incentivi per incremento occupazionale e stabilizzazione rapporti lavorativi Investimenti aziendali ed adeguamento a norme sulla sicurezza sui luoghi di lavoro Contributi a sostegno della certificazione di qualità aziendale e del deposito di marchi e brevetti Contributi per partecipazione ad attività di internazioanazionalizzazione delle imprese attraverso Organismi collettivi Contributi per l aggiornamento professionale dell imprenditore

17 1- CONTRIBUTI PER RIPRISTINO CICLO PRODUTTIVO A SEGUITO SOSPENSIONE DI ATTIVITÀ DOVUTA A CAUSE ECCEZIONALI DEFINIZIONE DI CAUSE ECCEZIONALI Eventi atmosferici eccezionali Calamità naturali Interruzioni ENEL Difficoltà di utilizzo materie prime già acquisite Cause accidentali: fulmini, allagamenti, incendi, ecc. Bonifica ambientale PERIODO INTEGRATO Il contributo sarà erogato a fronte di sospensione di durata superiore a tre giornate lavorative escluse le sospensioni dovute per interruzione di fornitura di fonte energetiche.

18 1 - CONTRIBUTI PER RIPRISTINO CICLO PRODUTTIVO A SEGUITO SOSPENSIONE DI ATTIVITÀ DOVUTA A CAUSE ECCEZIONALI (segue) PER RIPRISTINO 51,00 per lavoratore dipendente in forza al momento del ripristino dell attività produttiva per il primo giorno di sospensione. 25,00 per lavoratore dipendente in forza al momento del ripristino dell attività produttiva a partire dal secondo giorno di sospensione. N.B. Il contributo erogabile ad ogni singola impresa non può superare l importo massimo di ,00 per anno solare. PER RICOSTRUZIONE Ricostruzione e/o ripristino delle strutture aziendali,anche in presenza di riallocazione dell azienda, danneggiata per le seguenti cause: Eventi atmosferici eccezionali Calamità naturali Incendio non doloso Le quote a carico del Fondo riconosciute alle imprese sono pari al: 10% sull entità dei danni subiti dalla struttura e dalle attrezzature per un massimo erogabile per anno solare non superiore a Euro 5.000,00

19 1 CONTRIBUTI PER RIPRISTINO CICLO PRODUTTIVO A SEGUITO SOSPENSIONE DI ATTIVITÀ DOVUTA A CAUSE ECCEZIONALI (segue) DOCUMENTAZIONE OCCORRENTE: Domanda di intervento sottoscritta dalle parti Sindacali e Datoriali vistata in sede di Unità Gestionale di Bacino Le domande, oltre ai documenti già in possesso del Fondo per la richiesta di Ripristino dovranno essere accompagnate da: Perizia di valutazione danni, sottoscritta da tecnico iscritto agli albi professionali. Fatture originali o autenticate riferite alle spese sostenute per ripristinare i danni subiti. Schede informative e copia libro unico della ditta completa dei dati anagrafici e retributivi relativi lavoratori interessati alla sospensione Documentazione attestante la regolarità dei versamenti ai fondi gestiti dall EBAP nell anno corrente e almeno nei due precedenti In caso di sospensione a causa interruzione di fonti energetiche ad integrazione della domanda di intervento,è necessaria la sola dichiarazione dell ente erogatore il servizio Le domande redatte devono pervenire alla sede dell EBAP entro 60 giorni dall emissione delle ultime fatture di spesa. TEMPI E MODALITA DI EROGAZIONE La liquidazione delle pratiche avviene di norma attraverso l invio di bonifico bancario alla impresa richiedente nel mese successivo il completamento della fase istruttoria e della raccolta della documentazione a corredo della domanda.

20 2 - INVESTIMENTI AZIENDALI PER ADEGUAMENTO A NORME SULLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO Spettano Alle imprese in regola con i versamenti ai Fondi gestiti dall EBAP- PUGLIA da almeno 2 anni precedenti la richiesta di contributo oltre l anno corrente che, hanno provveduto ad attivare investimenti aziendali in materia di applicazione della normativa sulla sicurezza per: Miglioramento della prevenzione degli infortuni sul lavoro Contenimento della rumorosità negli ambienti di lavoro Contenimento delle emissioni in atmosfera Investimenti tesi ad una minore produzione di rifiuti Trattamento scarichi idrici ( depurazione ) Acquisto di nuove macchine utensili in ragione del contenuto di sicurezza presente nelle nuove attrezzature Interventi di adeguamento dell ambiente di lavoro, impianti tecnologici e strutture (D.lgs. 81/08 ex D.Lgs.626/94), richiesti dall autorità competente o certificati da tecnici riconosciuti e iscritti all albo professionale (Ingegnere, Geometra, ecc.) e comunque solo in caso di intervento su strutture esistenti: non sono finanziabili interventi per la costruzione di nuovi impianti. Spese per ChecK up aziendali e valutazioni preliminari effettuate in applicazione del D. Lgs. 81/08 ex 626/94.

21 2 - INVESTIMENTI AZIENDALI PER ADEGUAMENTO A NORME SULLA SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO (segue) CONTRIBUTI EROGATI 10% delle somme ammesse per anno solare al lordo della tassazione vigente max EURO 2.500,00 per anno solare Per il Check up Aziendale il contributo massimo è stabilito in 550,00 N.B. L importo minimo di spesa e/o di investimento per singola richiesta non può essere inferiore a EURO 2.000,00 per il check- up EURO 350,00. DOCUMENTAZIONE OCCORRENTE: Domanda di intervento e documentazione spese sostenute Relazione tecnica intervento e/o acquisto effettuato o contratto leasing Schede informative e copia libro unico della ditta Documentazione attestante la regolarità dei versamenti ai fondi gestiti dall EBAP nell anno corrente e almeno nei due precedenti TEMPI E MODALITA DI EROGAZIONE : La liquidazione delle pratiche avviene di norma attraverso l invio di bonifico bancario alla impresa richiedente nel mese successivo il completamento della fase istruttoria e della raccolta della documentazione a corredo della domanda.

22 3 - INCENTIVI PER INCREMENTO OCCUPAZIONALE E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI LAVORATIVI SPETTANO alle imprese Artigiane in regola con i Versamenti ai Fondi Gestiti dall EBAP che procedono ad assumere alle proprie dipendenze lavoratori con contratto ESCLUSIVAMENTE di apprendistato professionalizzante nelle forme e durata previste dai CCNL e dall attuale legislazione nazionale e regionale e comunque fino alla loro qualificazione alle imprese in regola con i versamenti ai Fondi Gestiti dall Ebap che, procedono all assunzione a tempo indeterminato dilavoratori iscritti nelle liste di mobilità e siano privi del diritto all indennità prevista dalla L.223/91 Oppure in caso di: Trasformazione a tempo indeterminato di lavoratori già assunti dall impresa richiedente con contratto di inserimento Trasformazione a tempo indeterminato di rapporti di lavoro di apprendisti già assunti dall impresa richiedente, dopo il periodo di qualificazione professionalizzante prevista dalla legislazione vigente e i CCNL. CONTRIBUTI EROGATI PER ASSUNZIONE APPRENDISTI Il contributo sarà erogato al lordo della tassazione vigente su richiesta dell impresa assuntrice in erogazioni biennali pari a 400,00 per il 1 Biennio 600,00 per il 2 Biennio 800,00 per il 3 Biennio a l lordo della tassazione vigente. PER TRASFORMAZIONI E STABILIZZAZIONI Il contributo sarà erogato al lordo della tassazione vigente su richiesta dell impresa assuntrice in UN'UNICA EROGAZIONE pari a 500,00 trascorsi almeno 6 mesi dalla trasformazione o stabilizzazione

23 3 - INCENTIVI PER INCREMENTO OCCUPAZIONALE E STABILIZZAZIONE DEI RAPPORTI LAVORATIVI (segue) DOCUMENTAZIONE OCCORRENTE: Domanda di intervento Schede informative e copia libro unico della ditta completa dei dati anagrafici e retributivi relativi lavoratori interessati alla assunzione o stabilizzazione Buste paga attestanti la regolarità retribuiva del dipendente Eventuali attestazioni centro territoriale per l impiego Documentazione attestante la regolarità dei versamenti ai fondi gestiti dall EBAP nell anno corrente e almeno nei due precedenti TEMPI E MODALITA DI EROGAZIONE La liquidazione delle pratiche avviene di norma attraverso l invio di bonifico bancario alla impresa richiedente nel mese successivo il completamento della fase istruttoria e della raccolta della documentazione a corredo della domanda.

24 4 - CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ AZIENDALE E DEL DEPOSITO DI MARCHI E BREVETTI Spettano alle imprese in regola con i versamenti ai Fondi gestiti dall'ebap almeno 2 anni precedenti la domanda oltre l'anno corrente, da liquidarsi a fronte di spese sostenute per : L apposizione del marchio CE attestante la conformità delle macchine immesse in circolazione a Requisiti Essenziali di Sicurezza definiti per l intero territorio comunitario sulla base della direttiva 89/392/CEE e successive modifiche La certificazione dei sistemi di Qualità secondo le norme UNI EN serie ISO 9000 e successive direttive (Vengono ammessi al contributo i costi sostenuti nei confronti di enti certificatori accreditati SINCERT) Il deposito Brevetti. CONTRIBUTI EROGATI : 30 % delle somme ammesse esenti da IVA, Contributo max erogabile 1.500,00,per anno solare. N.B. L importo minimo di spesa per singola domanda non può essere inferiore a Euro

25 4 CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELLA CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ AZIENDALE E DEPOSITO DI MARCHI E BREVETTI (segue) DOCUMENTAZIONE OCCORRENTE: Domanda di intervento e documentazione spese sostenute Relazione tecnica intervento Documentazione originale o autenticata (Fattura) delle spese sostenute per gli adempimenti relativi a: Analisi progettuale della macchina; Verifica dello stato di conformità della macchina /analisi dei rischi. Stesura fascicolo tecnico. Progettazione modulo dichiarazione di conformità e istruzioni per la relativa compilazione. Progettazione e stesura del manuale d uso e manutenzione. Certificazione dei sistemi di Qualità UNI EN serie ISO 9000 e successivi. Deposito Brevetti. Schede informative e copia libro unico della ditta Documentazione attestante la regolarità dei versamenti ai fondi gestiti dall EBAP nell anno corrente e almeno nei due precedenti TEMPI E MODALITA DI EROGAZIONE : La liquidazione delle pratiche avviene di norma attraverso l invio di bonifico bancario alla impresa richiedente nel mese successivo il completamento della fase istruttoria e della raccolta della documentazione a corredo della domanda.

26 5 - CONTRIBUTI PER PARTECIPAZIONE AD ATTIVITÀ DI INTERNAZIONAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ATTRAVERSO ORGANISMI COLLETTIVI Il Contributo viene erogato direttamente alle aziende artigiane Pugliesi aderenti all EBAP, in regola con i versamenti, che abbiano sostenuto costi per la partecipazione ad azioni di Internazionalizzazione attraverso organismi di aggregazione di Imprese. La richiesta del contributo da parte delle aziende interessate dovrà essere presentata e adeguatamente documentata a conclusione dell azione di internazionalizzazione per spese sostenute riconducibili alle seguenti tipologie per: Affitto di aree e allestimento di fiere all estero Materiale pubblicitario, cataloghi, brochure, inserzioni in lingua estera Spese di trasporto merci da esporre e spese assicurative Spese di interpretariato e traduzione Attività di consulenza professionali, studi di mercato e studi di fattibilità, offerti direttamente dagli organismi di aggregazione di impresa a cui l azienda aderisce. Spese per la realizzazione di in coming in Italia di delegazioni commerciali estere Spese di viaggio e di missione (vitto, alloggio, trasporti dei rappresentanti e del personale delle imprese)

27 5 CONTRIBUTI PER PARTECIPAZIONE AD ATTIVITÀ DI INTERNAZIONAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ATTRAVERSO ORGANISMI COLLETTIVI (segue) Tutte le domande devono essere presentate esclusivamente su specifica modulistica mod IN12 scaricabile dal sito dell EBAP WWW EBAPUGLIA.IT ed inviata per il tramite di posta raccomandata e/o direttamente presso la sede Regionale dell EBAP in via G. Bozzi, Bari o posta Elettronica Certificata all indirizzo e saranno regolarmente istruite solo se complete di idonea documentazione in copia conforme all originale. Tutte le richieste di contributo pena nullità della stessa, dovranno essere accompagnate da una dichiarazione di partecipazione ad attività di internazionalizzazione rilasciata dall Organismo di aggregazione di imprese, a cui l azienda aderisce da cui risulti con chiarezza, descrizione, luogo e date di inizio e chiusura delle attività svolte. Il Contributo previsto da parte di uno specifico fondo gestito dall EBAP per ogni singolo intervento è determinato nella misura massima di 1.000,00 (mille) per anno solare.

28 6 - CONTRIBUTI PER L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DELL IMPRENDITORE L EBAP eroga il contributo direttamente al soggetto formativo (Enti Formazione promossi dalle Organizzazioni costituenti il sistema della Bilateralità e/o le Organizzazioni medesime) presso cui i titolari dell aziende artigiane pugliesi aderenti all EBAP hanno svolto le attività di aggiornamento professionale. Il Contributo viene erogato, previa documentata richiesta ed attestata partecipazione al corso di formazione, ai titolari delle aziende artigiane pugliesi in regola con i versamenti ai fondi gestiti dall EBAP da almeno tre anni (compreso quello della richiesta). La richiesta del contributo da parte delle aziende interessate dovrà essere presentata e adeguatamente documentata almeno 30 giorni prima dell inizio dell azione di Aggiornamento Professionale, includendo obbligatoriamente le seguenti documentate informazioni : Indicazione dell Organizzazione o dell Ente di Formazione, sede e titolo del corso di Aggiornamento Professionale scelto obbligatoriamente fra quelli elencati nell apposito elenco predisposto sul sito www ebapuglia.it Sottoscrizione da Parte dell imprenditore Artigiano richiedente di preventiva ed irrevocabile autorizzazione all erogazione del voucher, di cui art.1, direttamente all Ente di Formazione scelto. L offerta formativa sarà aggiornata semestralmente e le proposte saranno recepite dalla competente commissione. Sono escluse da ogni forma di contributo le spese sostenute per : Spese di viaggio e di missione (vitto, alloggio, trasporto ) Acquisto materiale didattico ( ove non fornito dall Ente Formativo)

29 6 CONTRIBUTI PER L AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DELL IMPRENDITORE (segue) Tutte le domande devono essere presentate esclusivamente su specifica modulistica mod AG12 scaricabile dal sito dell EBAP WWW EBAPUGLIA.IT ed inviata per il tramite di posta raccomandata e/o direttamente presso la sede Regionale dell EBAP in via G. Bozzi, Bari o posta Elettronica Certificata all indirizzo e saranno regolarmente istruite solo se complete di tutte le informazioni indicate nel presente regolamento In caso di mancata partecipazione dei soggetti di cui al punto 1 alle azioni formative di aggiornamento per almeno 1/3 del monte ore previste, il voucher sarà revocato d ufficio e senza ulteriori comunicazioni, mentre gli eventuali costi sostenuti dagli Enti Formativi saranno posti integralmente a carico dell impresa inadempiente. Il Contributo previsto da parte di uno specifico fondo gestito dall EBAP per intervento/i di aggiornamento e/o formativo dei Titolari, Soci, Amministratori, Coadiuvanti di aziende aderenti all EBAP è determinato, nella misura massima di.. annui, erogato sotto forma di Voucher.

VISTA LA CONVENZIONE SOTTOSCRITTA IN DATA 01.06.2012 DALL EBAP CON LA REGIONE PUGLIA CHE ISTITUISCE IL FONDO PER IL SOSTEGNO ALLA FLESSIBILITA

VISTA LA CONVENZIONE SOTTOSCRITTA IN DATA 01.06.2012 DALL EBAP CON LA REGIONE PUGLIA CHE ISTITUISCE IL FONDO PER IL SOSTEGNO ALLA FLESSIBILITA Regolamenti e modulistica per l accesso e l erogazione delle risorse dei fondi per il sostegno della flessibilità del lavoro, riservate alle lavoratrici ed ai lavoratori del settore Artigianato della Regione

Dettagli

Ente Bilaterale Artigianato Pugliese

Ente Bilaterale Artigianato Pugliese Ente Bilaterale Artigianato Pugliese L Ente Bilaterale dell Artigianato Pugliese, Visto: - la Legge 8 novembre 2000, n. 328 denominata Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi

Dettagli

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO FONDO SOSTEGNO AL REDDITO (In attuazione dell Accordo Territoriale del 2/7/2015) Art.1- Aspetti generali Il presente Regolamento

Dettagli

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA In relazione a quanto stabilito dalle intese fra le Parti in materia di bilateralità e contrattualizzazione del diritto dei lavoratori alle relative prestazioni, tutte

Dettagli

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE

CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE CASSA EDILE DELLA COOPERAZIONE Via O. Zanchini n. 7 FORLI REGOLAMENTO approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 16 luglio 2003 Pagina 1 di 7 TITOLO I ISCRIZIONE ALLA CASSA E ANAGRAFE DELLE AZIENDE

Dettagli

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 36/ 20 DEL 26.7.2005 Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 Art. 1 Ai fini dell applicazione delle presenti direttive e criteri di

Dettagli

Regolamento del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l Artigianato FSBA

Regolamento del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l Artigianato FSBA Regolamento del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l Artigianato FSBA 1 Premessa Il presente regolamento, in conformità agli Accordi Interconfederali e alle disposizioni contenute nell Atto Costitutivo

Dettagli

PRESTAZIONI DEL FONDO. 6. Interventi a favore dei dipendenti

PRESTAZIONI DEL FONDO. 6. Interventi a favore dei dipendenti PRESTAZIONI DEL FONDO 6. Interventi a favore dei dipendenti DIPENDENTI: RIDUZIONE - SOSPENSIONE DELL ATTIVITÀ Riduzione - sospensione dell attività lavorativa Contratti di solidarietà Malattia di lunga

Dettagli

MODULO LAVORO (obbligatorio) ISTITUTI CONTRATTUALI Rimborsi alle aziende delle integrazioni di loro competenza degli istituti contrattuali di

MODULO LAVORO (obbligatorio) ISTITUTI CONTRATTUALI Rimborsi alle aziende delle integrazioni di loro competenza degli istituti contrattuali di REGOLAMENT art. 1 ISCRIZIONE AL FONDO art. 2 PRESTAZIONI art. 3 FUNZIONAMENTO DEL FONDO art. 4 EROGAZIONE PRESTAZIONI art. 5 DIRITTO ALLE PRESTAZIONI art. 6 DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI art. 7 QUOTE DI

Dettagli

Aziende artigiane ADESIONI

Aziende artigiane ADESIONI IN VIGORE DAL 01 Marzo 2012 Si possono iscrivere al Fila: Aziende artigiane Le aziende che intendono aderire al FILA dovranno rimettere domanda di iscrizione al Fondo stesso su apposito modello. L adesione

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine, 13 agosto 2014 CCNL Area Tessile-Moda, il 25 luglio 2014 sottoscritto il rinnovo del contratto (per i settori TAC, pulitintolavanderia e occhialeria)

Dettagli

REGOLAMENTO. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014)

REGOLAMENTO. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014) REGOLAMENTO (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 maggio 2014) 1 Indice Articolo1 Oggetto del Regolamento Articolo 2 Requisiti di iscrizione Articolo 3 Modalità di adesione e comunicazione

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L AVVIO DI NUOVE ATTIVITA IMPRENDITORIALI (Approvato dalla Giunta camerale con atto n. 38 del 24/02/2014) Art. 1 Finalità Nel quadro delle proprie iniziative

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante

CONSIGLIO REGIONALE DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE. Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 1 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante DELLA PUGLIA 2 LEGGE REGIONALE Disciplina in materia di apprendistato professionalizzante Il Consiglio regionale

Dettagli

Procedure contributi e prestazioni 2012 FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I LAVORATORI DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI.

Procedure contributi e prestazioni 2012 FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I LAVORATORI DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI. FONDO DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I LAVORATORI DELL ARTIGIANATO SAN.ARTI. REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE OPERATIVE RELATIVE ALLA ISCRIZIONE, ALLA CONTRIBUZIONE ED ALLE PRESTAZIONI. Approvato dal

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO AVVISO 3/12bis Modalità per la richiesta dei voucher formativi per i lavoratori delle imprese aderenti a For.Te. 1.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 1/2009 art. 7 "Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese" Beneficiari

LEGGE REGIONALE 1/2009 art. 7 Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese Beneficiari LEGGE REGIONALE 1/2009 art. 7 "Fondo regionale per lo sviluppo e la qualificazione delle piccole imprese" Provvedimento Numero provvedimento 1 Anno di provvedimento 2009 Tipo provvedimento Legge regionale

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO

BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO BANDO VOUCHER PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE MICRO, PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CATANZARO 1. FINALITA La Camera di Commercio di Catanzaro - per il tramite della sua Azienda Speciale

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

La Responsabile dell Area

La Responsabile dell Area BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI STRAORDINARI A SOSTEGNO DELL AFFITTO IN FAVORE DI NUCLEI FAMILIARI CON LAVORATORI COLPITI DALLA CRISI ECONOMICA La Responsabile dell Area In applicazione

Dettagli

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI E SUSSIDI DA PARTE DI EBITER FVG, COMITATO PROVINCIALE DI TRIESTE

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI E SUSSIDI DA PARTE DI EBITER FVG, COMITATO PROVINCIALE DI TRIESTE AVVISO PER LA CONCESSIONE DI INCENTIVI E SUSSIDI DA PARTE DI EBITER FVG, COMITATO PROVINCIALE DI TRIESTE 1. Finalità Principali finalità degli Enti Bilaterali sono l'agevolazione e l'assistenza delle aziende

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili

PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili Data di Pubblicazione: 29/12/2014 Data Scadenza : 20/02/2015 PROVINCIA DI CASERTA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO Servizio 1 - Collocamento Provinciale Disabili AVVISO PUBBLICO ATTIVITÀ RIVOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative.

Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. Allegato A Bando pubblico contenente modalità e criteri per l assegnazione di contributi a progetti d investimento delle imprese cooperative. 1. Soggetti beneficiari Sono beneficiarie di contributi di

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1(

)2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( )2*/,2&21',=,21, $33$/72 3(5 / $)),'$0(172 '(/ 6(59,=,2 ', 6200,1,675$=,21( ', /$9252 $ 7(50,1( ART.1 OGGETTO Il presente appalto ha ad oggetto il servizio di somministrazione di lavoratori a termine,

Dettagli

ENTE BILATERALE TERZIARIO BELLUNO

ENTE BILATERALE TERZIARIO BELLUNO ENTE BILATERALE TERZIARIO BELLUNO Titolari e dipendenti per la crescita del Terziario Ente Bilaterale del Commercio, Turismo e Servizi della Provincia di Belluno SOMMARIO pag. 3 pag. 4 pag. 6 pag. 7 pag.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L USO DEL MARCHIO MADE IN PROVINCIA DI BRESCIA Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 20 RV del 30 maggio 2011 1 - EPIGRAFE - Premessa Art. 1 - Istituzione

Dettagli

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI

ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Fondo Pensione Dipendenti del Gruppo Enel COMUNICATO AGLI ISCRITTI N. 6-2011 ADESIONE AL FOPEN DEI FAMILIARI FISCALMENTE A CARICO DEI SOCI Si informano gli associati che, a partire dal 1 ottobre 2011,

Dettagli

Alle Aziende aderenti al LL.SS Ai Consulenti del lavoro OGGETTO: FONDO SOSTEGNO AL REDDITO A FAVORE DEI DIPENDENTI E DELLE AZIENDE

Alle Aziende aderenti al LL.SS Ai Consulenti del lavoro OGGETTO: FONDO SOSTEGNO AL REDDITO A FAVORE DEI DIPENDENTI E DELLE AZIENDE EBIM Ente di Gestione della bilateralità del TERZIARIO, DISTRIBUZIONE E SERVIZI e CENTRO SERVIZI TURISMO E PUBBLICI ESERCIZI per la Provincia di MODENA Ebim associazione senza fine di lucro Cod.Fisc/P.Iva

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

Ai Consulenti del Lavoro

Ai Consulenti del Lavoro Foggia, 12 luglio 2012 Ai Titolari di imprese di PANIFICAZIONE Ai Consulenti del Lavoro Oggetto: Ente bilaterale (EBIPAN) e assistenza sanitaria settore panificazione (FON.SAP.) Caro collega, al fine di

Dettagli

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI Regolamento Cassa Edile Macerata di cui all art 7 dello Statuto del 02.03.2012, approvato dal Comitato di Gestione n 346 del 5 novembre 2014. (In rosso le modifiche apportate) ARTICOLO 1 DENUNCIA NOMINATIVA

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov.

JOBS ACT. 9 febbraio 2015, Ancona. Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI. www.an.camcom.gov. JOBS ACT I PRIMI DECRETI. LE NOVITA PRINCIPALI 9 febbraio 2015, Ancona Dott. Stefano Carotti Consulente del Lavoro www.an.camcom.gov.it 1 IL CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI Nonostante

Dettagli

SANITA INTEGRATIVA VENETO SANI.IN.VENETO

SANITA INTEGRATIVA VENETO SANI.IN.VENETO SANITA INTEGRATIVA VENETO SANI.IN.VENETO REGOLAMENTO ART. 1) OGGETTO Il presente regolamento disciplina il funzionamento tecnico ed amministrativo del Fondo nonché le modalità di adesione/iscrizione, i

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE PER IL PERSONALE DELLA CASSA DI RISPARMIO DI FABRIANO E CUPRAMONTANA DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al Fondo aziendale

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO

REGOLAMENTO ISTITUTIVO REGOLAMENTO ISTITUTIVO Art. 1 lstituzione del Sistema di qualificazione dei Cataloghi formativi 1.1 Il presente Regolamento disciplina il procedimento di qualificazione e di aggiornamento dei Cataloghi

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

Oggetto: SCADENZA del 31 MARZO: SECONDO SEMESTRE DI CONTRIBU- ZIONE - Regolamento SANILOG approvato il 22 gennaio.

Oggetto: SCADENZA del 31 MARZO: SECONDO SEMESTRE DI CONTRIBU- ZIONE - Regolamento SANILOG approvato il 22 gennaio. Roma, 19 marzo 2013 Alle Organizzazioni sottoscrittrici il CCNL logistica, trasporto e spedizione Circ. n. 2/2013 Oggetto: SCADENZA del 31 MARZO: SECONDO SEMESTRE DI CONTRIBU- ZIONE - Regolamento SANILOG

Dettagli

Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n. 2247 del 15/09/2010

Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n. 2247 del 15/09/2010 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI TITOLI SOCIALI PER IL SOSTEGNO AL REDDITO DI PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n.

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO

SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO SPECIFICHE TECNICHE DELL INTERVENTO FORMATIVO (art. 68 D. Lgs. 163/2006) ALLEGATO A FINALITÀ L intervento formativo richiesto deve essere finalizzato a formare il giovane imprenditore agricolo in maniera

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

Prot. n. C/2015/02DIR Roma, 21 Aprile 2015

Prot. n. C/2015/02DIR Roma, 21 Aprile 2015 Circolare n. 02/15 Prot. n. C/2015/02DIR Roma, 21 Aprile 2015 Alla c.a. - Aziende - Centri Servizi - Consulenti - Assosoftware - ANCL E p.c. - Parti Sociali - Organi Statutari - Ebna 1. RIAPERTURA CAMPAGNA

Dettagli

incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base

incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base NEWSLETTER 41 - N. 1 ANNO 2012 incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base sospensioni lavoro aziende non iscritte eber e sgravio contrib. retribuzioni

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

Risorse Umane e Formazione

Risorse Umane e Formazione Obiettivi L obiettivo del corso è affrontare in modo sistematico le tematiche e problematiche connesse alla gestione del personale con particolare attenzione agli aspetti retributivi, giuridici, fiscali,

Dettagli

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali

Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Comune di UTA Provincia di Cagliari Allegato A alla delibera C.C. n.31 del 04/10/2012 Regolamento per il sostegno alle attività imprenditoriali mediante agevolazioni fiscali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale

Decreto lgs. 276/ 2003, art. 49 (Apprendistato Professionalizzante) Direttiva Anno 2006- per il finanziamento della formazione formale MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Ufficio Centrale per l Orientamento e la Formazione Professionale dei Lavoratori REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO Direzione Politiche Attive del Lavoro, Sistema

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture

PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture PROVINCIA DI TRIESTE AREA ATTIVITÀ PRODUTTIVE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Funzione Trasporti ed Infrastrutture REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA DISCIPLINA DEI CRITERI E DELLE MODALITÀ DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67

IL PRESENTE REGOLAMENTO È STATO DELIBERATO DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/11/2010 N. 67 REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO A COOPERATIVE SOCIALI DI SERVIZI CHE PREVEDONO L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOMME STABILITE DALLE DIRETTIVE COMUNITARIE IL PRESENTE

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI -

REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - REGOLAMENTO ASTER ENTE DI ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DALLE AZIENDE DEL COMMERCIO, TURISMO E SERVIZI - Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina l iscrizione e la contribuzione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DELLE RELAZIONI ISTITUZIONALI REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE NELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL D. LGS. 163/2006

Dettagli

Le domande devono pervenire: entro il 21/05/2011

Le domande devono pervenire: entro il 21/05/2011 Caratteristiche del Servizio Contributi per la partecipazione dei titolari e dei dipendenti a corsi per la gestione delle emergenze in tema di sicurezza organizzati anche da Enti o Istituti diversi da

Dettagli

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI

MODALITÁ OPERATIVE IN MATERIA DI ANTICIPAZIONI Alico Italia S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale Viale Castro Pretorio, 124 00185 Roma Tel.: +39 06 492161 Fax: +39 06 49216300 Unionfondo Fondo Pensione Aperto Iscritto all Albo dei Fondi Pensione

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato 3 Schema di convenzione SCHEMA DI CONVENZIONE ai sensi dell art 9.1 dell Avviso per l individuazione di soggetti interessati ad erogare interventi di di formazione di base e trasversale di cui

Dettagli

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE SCHEDA N. 3 CONTRATTO DI APPRENDISTATO D. Lgs. 167/2011, aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013 e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/2014

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ADESIONE E LA CONTRIBUZIONE DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO

REGOLAMENTO PER L ADESIONE E LA CONTRIBUZIONE DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO REGOLAMENTO PER L ADESIONE E LA CONTRIBUZIONE DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO (Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 12 Giugno 2013) Indice Art. 1 Oggetto Pag.3 Art. 2 Ambito Pag.3 Art. 3 Adesione

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE OPERANTI IN PROVINCIA DI TERAMO PER LA CERTIFICAZIONE DI QUALITA AZIENDALE ANNO 2014 (Approvato dalla Giunta camerale con Delibera n. 19 del 30/01/2014

Dettagli

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE

IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IL MINISTRO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE VISTO il decreto legislativo 23 maggio 2000, n.164, che all articolo 17, comma 1, stabilisce che, a decorrere dal 1 gennaio 2003, le imprese che intendono svolgere

Dettagli

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE

ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE D.G.R. n.36/6 del 5 settembre 2006 D. Dirett. n.407 del 12 dicembre 2005 A VVISO PUBBLICO per la presentazione delle domande di assegnazione di voucher formativi per apprendisti

Dettagli

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio

1 - Direttive e riferimenti normativi. 2 - Tipologia di progetto. Provincia di Sondrio Provincia di Sondrio INDICAZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PREVISTI DAL PIANO PROVINCIALE PER L'INSERIMENTO MIRATO AL LAVORO DEI DISABILI A VALERE SUL FONDO REGIONALE LEGGE 68/99 DISPOSITIVO: L

Dettagli

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis.

AVVISO 411/E. L incentivo di cui sopra è concesso nel rispetto della regola comunitaria in regime di de minimis. AVVISO 411/E Allegato A) INCENTIVI ALLE IMPRESE PER L ASSUNZIONE DEGLI EX DETENUTI E DEI DETENUTI CON PERMESSO AI SENSI DELL ART. 21 LEGGE N.354/75 E DEL DECRETO-LEGGE N. 78/2013 1. Obiettivi e principi

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI

INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASpI AI LAVORATORI SOSPESI L. 92/2012, Art. 3, comma 17 Fonte Dati: INPS Seminari EBAM febbraio2015 Quadro normativo di riferimento Art. 3, comma 17 legge 92/2012 Riconosce

Dettagli

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND

ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND ARTIGIANATO - PREVIDENZA - FONDI - Folder Informativo su ARTIFOND La riforma del sistema pensionistico determinata dalla legge 335/1995 e successive modificazioni ha modificato il sistema di rogazione

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 05 2015

NEWSLETTER LAVORO 05 2015 Normativa lavoro TRIBERTI COLOMBO & ASSOCIATI AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 05 2015 1. DISABILI IN SOMMINISTRAZIONE: COMPUTO NELLA QUOTA DI RISERVA 2. AMMORTIZZATORI SOCIALI:

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Area Legno-Lapidei, il 25.03.2014 sottoscritto il rinnovo del contratto

a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali CCNL Area Legno-Lapidei, il 25.03.2014 sottoscritto il rinnovo del contratto a cura dell Ufficio Lavoro e Relazioni Sindacali Udine,11 aprile 2014 CCNL Area Legno-Lapidei, il 25.03.2014 sottoscritto il rinnovo del contratto Il 25 marzo 2014 è stato sottoscritto l accordo per il

Dettagli

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013

Circolare Informativa n 1/2014. Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Circolare Informativa n 1/2014 Scadenze CCNL DICEMBRE 2013 Pagina 1 di 12 INDICE 1) Alimentari PMI pag. 3 2) Area Alimentazione e panificazione pag.6 3) Autorimesse e noleggio automezzi pag.8 4) Carta

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 novembre 2011, n. 0267/Pres.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 novembre 2011, n. 0267/Pres. L.R. 11/1996, art. 5 B.U.R. 23/11/2011, n. 47 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 14 novembre 2011, n. 0267/Pres. Regolamento recante criteri e le modalità di concessione del finanziamento, nonché le

Dettagli

Regolamento Comunale per inserimento lavorativo soggetti svantaggiati (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 3 del 15/01/08)

Regolamento Comunale per inserimento lavorativo soggetti svantaggiati (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 3 del 15/01/08) Regolamento Comunale per inserimento lavorativo soggetti svantaggiati (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n 3 del 15/01/08) Art. 1 Strumenti per la realizzazione degli inserimenti lavorativi. Nell

Dettagli

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci

STATUTO DEL FONDO FONDITALIA. Articolo 1 Denominazione Soci STATUTO DEL FONDO FONDITALIA Articolo 1 Denominazione Soci A seguito dell accordo interconfederale del 30 giugno 2008 sottoscritto tra le sottoindicate Confederazioni Nazionali: - FEDERTERZIARIO - CLAAI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Art. 1 Oggetto dell Avviso

AVVISO PUBBLICO. Art. 1 Oggetto dell Avviso AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA DI CUI ALL INTESA STATO REGIONI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO, AL PROGRAMMA ASSAP VOUCHER ASSISTENTI FAMILIARI E

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015. 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica

FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015. 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015 1. BANDI ATTIVI 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica FINALITA' Il bando ha l obiettivo di favorire lo sviluppo, il potenziamento

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI NOTA INFORMATIVA INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI Art. 13 della Legge 68/99 riguardano assunzioni a tempo indeterminato o trasformazioni a tempo indeterminato di contratti a termine 1. SOGGETTI DESTINATARI Datori

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011)

(VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) REGOLAMENTO SULLA COOPERAZIONE SOCIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 123 DEL 8 OTTOBRE 2001 (VEDI ART. 29 DEL REGOLAMENTO SULL ATTIVITA CONTRATTUALE CC. N. 20/2011) ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE

FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO INVITO 1/10 INVITO A PARTECIPARE ALLA COSTRUZIONE DI UN CATALOGO NAZIONALE DI INIZIATIVE DI FORMAZIONE CONTINUA 1.

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà

Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Nota informativa marzo 2014 Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Incentivi a sostegno dei contratti di solidarietà Provincia di Milano, Unione Confcommercio Milano, Associazioni imprenditoriali

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori

Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori Avviso n. 3/ 2008 Sostegno alla presentazione dei piani formativi sul Conto Formazione delle imprese aderenti di dimensioni minori Avviso n. 3/2008 1 1 Finalità Il Fondo paritetico interprofessionale Fondimpresa

Dettagli

AVVISO DI PRESELEZIONE

AVVISO DI PRESELEZIONE AVVISO DI PRESELEZIONE PER L ISCRIZIONE NELL ALBO DEI FORNITORI DISPONIBILI AD EFFETTUARE LAVORI E FORNITURE DI BENI E SERVIZI PER LA SOCIETA CASA LIVORNO E PROVINCIA S.P.A. CASA LIVORNO E PROVINCIA S.P.A.

Dettagli

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Art. 1 - Ambito di applicazione ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l'attività dell'e.b.m. sulla base dell'accordo tra Unionmeccanica Confapi e Fiom Cgil del 15

Dettagli

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità :

tra Premessa Il presente Accordo si propone, quindi, di regolamentare tale attività, con le seguenti finalità : Accordo collettivo per la disciplina delle collaborazioni a progetto nelle attività di vendita di beni e servizi e di recupero crediti realizzati attraverso call center outbound, stipulato con riferimento

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI VOUCHER AZIENDALI Legge 236/93, art. 9 D.M. 18 novembre 2009 Delibera n. 1325 del 06/09/2011 Art.1 Premessa Nel rispetto di quanto previsto dalla Legge 236/93, art. 9, comma

Dettagli