SIS Piemonte Una finestra sul mondo. Specializzato Maria Pia Forneris Supervisore di tirocinio: Silvio Tosetto a.a

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIS Piemonte Una finestra sul mondo. Specializzato Maria Pia Forneris Supervisore di tirocinio: Silvio Tosetto a.a 2007-2008"

Transcript

1 SIS Piemonte Una finestra sul mondo Specializzato Maria Pia Forneris Supervisore di tirocinio: Silvio Tosetto a.a

2 PROGETTO DI LAVORO 1. Contesto: tipo di scuola, indirizzo, classe Il progetto proposto è adatto ad un contesto di Scuola Secondaria di Primo Grado, nello specifico deve essere svolto in una classe III, dal momento che vi sono alcuni prerequisiti necessari ed indispensabili per affrontare nel modo migliore e proficuo l argomento proposto. 2. Livello L argomento proposto è piuttosto complicato se affrontato soffermandosi prevalentemente sulla morfologia e sul funzionamento degli organi di senso. Tuttavia, nel presente lavoro l argomento viene affrontato in modo da renderlo più semplice e comprensibile da parte di tutti i ragazzi. E strettamente necessario saper lavorare in laboratorio, in gruppo e possedere abilità manuali. Se i ragazzi hanno queste caratteristiche, il lavoro può essere facilmente svolto in tutte le classi, anche in quelle più vivaci e più difficili da coinvolgere. 3. Finalità Il progetto ha la finalità di presentare una visione generale sul significato della sensibilità, sui recettori sensoriali e più in specifico sugli organi di senso. E importante comprendere che qualunque essi siano, qualsiasi forma e complessità abbiano, i recettori sensoriali sono una finestra sul mondo : sono quelli, cioè, che permettono a tutti gli esseri viventi di relazionarsi con l ambiente esterno e interno. E molto importante, inoltre, comprendere che i recettori sensoriali e gli organi di senso non sono separati tra loro ma tutti interagiscono nella risposta al mondo e sono coordinati dall azione continua e precisa del cervello. Il lavoro proposto, ha infine, l intento di deantropizzare l argomento, proponendo riflessioni sugli organi di senso degli animali e su alcuni comportamenti delle piante. Con tali propositi si lavora sui seguenti nodi concettuali, per raggiungere le finalità e gli obiettivi legati all argomento affrontato: - Tutti gli esseri viventi sono dotati di sensibilità; - Tutti gli stimoli e i recettori sensoriali sono ricondotti a stimoli fisici, chimici e meccanici; - Conoscenza e comprensione delle interazioni tra i diversi stimoli e recettori sensoriali (o organi di senso); - Lo sviluppo dei sensi è legato all ambiente di vita e alla posizione nella catena trofica (importanti i concetti di evoluzione e adattamento); - Riconoscere analogie e differenze; - Unitarietà stimoli, reazioni e sistema nervoso centrale; - Elaborazione ed intervento del cervello nelle funzioni legate ai sensi. 4. Obiettivi di apprendimento e prerequisiti Gli obiettivi dell intervento didattico sono i seguenti: - La percezione dei mondo; - Imparare il concetto di recettore ; - Comprensione e conoscenza delle tre tipologie di recettori: chimici, fisici e meccanici; - Consapevolezza che tutti gli esseri viventi, piante e animali, possiedono recettori sensoriali che permettono di raffrontarsi al mondo; 2

3 - Comprensione del concetto di exattamento e consapevolezza che ogni essere vivente ha sviluppato maggiormente un senso piuttosto che un altro in seguito all adattamento con l ambiente in cui vive; - Sapere dove sono localizzati i recettori degli organi di senso ed apprendere il loro funzionamento; - Conoscere i recettori e gli organi di senso nell uomo e negli animali; - Consapevolezza del fatto che tutti i sensi interagiscono tra loro per dare una risposta agli stimoli e non viaggiano a compartimenti stagni; - Consapevolezza che tutte le informazioni che vengono ricevute sono elaborate dal cervello; - Comprendere il meccanismo dell udito; - Conoscere struttura e funzione dell orecchio; - Comprendere il meccanismo della visione; - Conoscere struttura e funzione dell occhio; - Comprendere l evoluzione storica del nostro occhio e della vista; - Educazione alla salute: conoscere i principali disturbi legati ai sensi, in modo particolare dell udito e della vista e le più elementari norme per prevenirli (igiene). I prerequisiti necessari per affrontare l argomento sono i seguenti: - Nozioni di anatomia umana e comparata; - Nozioni sul sistema nervoso, sul meccanismo di funzionamento delle cellule nervose; - Conoscenza di alcuni comportamenti degli animali; - Concetto di evoluzione; - Concetto di adattamento; - Principali concetti di acustica ed ottica; - Conoscenza del suono e della luce; - Saper lavorare in laboratorio; - Saper lavorare in gruppo; - Saper affrontare una situazione problematica; - Capacità di analisi della realtà e di situazioni concrete. 5. Abilità / Competenze attivate - Sviluppo di una padronanza di tecniche di sperimentazione, di raccolta e analisi dati, sia in situazioni di osservazione e monitoraggio sia in situazioni controllate di laboratorio; - Utilizzo in contesti diversi uno stesso strumento matematico o informatico e più strumenti insieme in uno stesso contesto; - Sviluppo di semplici schematizzazioni e modellizzazioni, formalizzazioni logiche e matematiche di fatti e fenomeni, applicandoli anche ad aspetti della vita quotidiana; - Riflessione sul percorso di esperienza e di apprendimento compiuto, sulle strategie messe in atto, sulle scelte effettuate e su quelle da compiere; - Sviluppo di una visione organica del proprio corpo come identità giocata fra permanenza e cambiamento, tra livelli macroscopici e microscopici, tra potenzialità e limiti; - Visione dell ambiente di vita, locale e globale, come sistema dinamico di specie viventi che interagiscono tra loro, rispettando i vincoli che regolano la struttura del mondo inorganico; - Comprensione del il ruolo della comunità umana nel sistema e adozione di atteggiamenti responsabili verso i modi di vita e l uso delle risorse; 3

4 - Conoscenza e sensibilizzazione nei confronti di tutti gli esseri viventi, quali esseri dotati di sensibilità, nel rispetto del mondo inorganico in cui si vive. Nello specifico con il presente lavoro i ragazzi utilizzano e possono essere valutati sulle seguenti competenze: - Comunicare - Confrontare - Collegare - Prevedere 6. Risorse e materiali I materiali e le risorse che si utilizzano per il laboratorio presentato sono di uso quotidiano o comunque facilmente reperibili, il costo per l allestimento e per affrontare il lavoro è dunque limitato. Il materiale viene descritto in modo dettagliato al punto 8 (procedura). 7. Metodologia e tempi Il laboratorio, indicativamente, per essere affrontato in modo approfondito ed esaustivo necessita di 8 moduli da 2 ore ciascuno, se si conosce la classe a cui si propone il lavoro. Nel caso in cui non si conoscano i ragazzi con cui si lavorerà, sarebbe necessario aver a disposizione un paio di ore in più come pre-laboratorio per poterli osservare e conoscere, prima di iniziare l intervento per riuscire a stabilire le modalità dell intervento e le strategie didattiche più opportune in modo da rendere più agevole l attività e l apprendimento efficace. Sarebbe meglio impostare il lavoro in moduli da 2 ore consecutive per affrontare bene gli argomenti; in caso di necessità le lezioni possono essere, tuttavia, di una sola ora. E possibile, inoltre, fare dei tagli ad alcuni argomenti, riducendo il numero di attività e di conseguenza le ore dedicate, ma non si deve scendere al di sotto delle ore di laboratorio. Le strategie didattiche proposte per l intervento presentato sono le seguenti: - Brainstorming: i ragazzi possono esprimere liberamente le loro conoscenze pregresse, confrontarsi tra loro e con i docenti nella fase pre-operativa e cioè senza aver ancora ricevuto nozioni in merito. Generalmente anche gli alunni che non hanno mai partecipato ad un brainstorming, sebbene all inizio siano magari un po disorientati, timorosi nell esprimere le proprie idee e non sappiano come gestire la situazione, si adeguano bene, nel giro di poco tempo, e partecipano attivamente fornendo notevoli spunti di discussione. Questa strategia didattica è buona anche per le classi di difficile gestione sebbene sia più complicato moderare gli interventi, perché i ragazzi si sentono chiamati in causa in prima persona, non hanno paura di esprimere le loro idee dal momento che non hanno ancora affrontato l argomento per cui non si sentono giudicati in merito e partecipano attivamente alla costruzione del sapere; - Esperienze concrete: partire dalla realtà è un metodo estremamente coinvolgente per i ragazzi (e non solo) e permette loro di riconoscere gli argomenti che affrontano quali argomenti reali, che li riguardano da vicino spingendoli a chiedersi il perché, ad analizzare certi fenomeni a volere comprendere il meccanismo; - Risoluzione di situazioni problematiche: è una modalità propria della didattica per problemi che permette ai ragazzi di scoprire un nuovo concetto o una nuova strategia risolutiva provando a risolvere una situazione con i mezzi a disposizione che presto risultano insufficienti e portano 4

5 ad andare oltre. Come il lavoro di gruppo, è un metodo che stimola al confronto e alla condivisione dei risultati portando ad un apprendimento significativo; - Lezione frontale dialogata: è la modalità che accompagna ogni lezione, dal ripasso degli argomenti trattati nella lezione precedente al riassunto degli argomenti visti nella lezione attuale. Tale modalità si discosta poco dalla didattica classica ed è utile soprattutto perché si adatta bene anche alle classi vivaci che perlopiù hanno voglia di esprimersi, domandare e dire la propria ; - Lavoro a coppie: le coppie possono essere stabilite in precedenza o lasciate al caso, a seconda della tipologia di classe e del grado di maturità dei ragazzi. Gli alunni lavorano a coppie, invertendo i ruoli e aiutandosi nell esecuzione delle esperienze e nella comprensione dei fenomeni; - Lavoro di gruppo: i gruppi possono essere lasciati gestire ai ragazzi oppure, cosa che ritengo più produttiva, stabiliti in precedenza dall insegnante. In questo modo si stabiliscono gruppi omogenei in modo tale che tutti i componenti del gruppo partecipino liberamente e siano coinvolti nelle esperienze, per poi confrontare e condividere i risultati conseguiti. E estremamente importante il lavoro di gruppo perché solo mettendo insieme le capacità, il sapere e le idee di molti si può conseguire un risultato ottimale. La nostra società richiede sempre più la capacità di collaborare, di mettere in comune le proprie nozioni e di condividere il proprio sapere ed è necessario che si trasmetta questa modalità di collaborazione e di apprendimento ai ragazzi, stimolandoli a lavorare insieme. E stato dimostrato, infatti, che il conseguimento degli obiettivi avviene in modo migliore se li si consegue insieme e se ognuno mette in gioco la propria persona e il proprio sapere, inoltre, il singolo apprende meglio e di più che se conseguisse da solo il raggiungimento dell obiettivo; - Ripasso della lezione precedente e ritorno più volte sugli argomenti. Consapevoli della caratteristica a spirale dell apprendimento è bene riprendere più volte gli argomenti per rivederli con i ragazzi, stimolarli a studiarli di volta in volta e non aspettare la verifica finale, dal momento che in ogni lezione qualcuno può riassumere la lezione precedente. In questo modo, inoltre, si riesce a verificare se gli obiettivi della lezione precedente vengono conseguiti o meno. Generalmente le lezioni pratiche vengono ricordate da tutti i ragazzi, ma a volte manca il salto di qualità dato dal rivedere le esperienze pratiche effettuate alla luce di quanto ricavato di volta in volta e formalizzato e supportato dallo studio. E utile quindi, questa modalità, per aiutare i ragazzi a perseguire un buon metodo di studio che dia risultati di apprendimento soddisfacenti, qualora non l abbiano ancora trovato; - Presentazione ed introduzione della giornata: per entrare in modo graduale nella lezione, collegare l argomento della lezione con quello svolto in precedenza e illustrare ai ragazzi il lavoro che dovevano fare e le modalità nella lezione attuale; - Ricapitolazione della lezione svolta a fine ora: permette ai ragazzi di esprimere eventuali dubbi o concetti non compresi, di dare un filo logico alle attività affrontate e di aiutare i ragazzi nello svolgimento dei compiti a casa. Sarebbe bene ricavare dieci minuti finali dedicati a questa attività che permettono di capire se gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti o meno e le eventuali carenze o argomenti non compresi dai ragazzi. - Utilizzo del libro di testo: è importante perché permette ai ragazzi di avere una base su cui seguire gli argomenti, dal momento che non sempre alla loro età sono in grado di prendere appunti chiari, comprensibili ed esaurienti; 5

6 - Utilizzo di dispense per integrare il libro: nel caso in cui il libro di testo non sia sufficientemente esauriente o non affronti l argomento in modo chiaro, preciso e completo; - Utilizzo di articoli di riviste scientifiche da commentare e analizzare insieme; - Utilizzo di modellini tridimensionali per la comprensione della struttura e fisiologia dell orecchio e dell occhio; - Utilizzo di fotografie da analizzare e commentare, (soprattutto per la parte relativa alla vista, agli inganni della vista e ai difetti della vista) - Costruzione di una mappa concettuale e suo uso critico: è importante far costruire ad ognuno dei ragazzi una mappa concettuale spontanea prima dell intervento didattico e una finale, utile per tirare le somme, capire cosa è stato recepito e come sia in termini di correttezza concettuale, sia in termini di relazioni tra le parti, per ritornare eventualmente su cosa non è stato compreso o è rimasto lacunoso; è anche un ottima modalità di valutazione perché permette di osservare come si è svolta l attività di apprendimento e se si è avvenuta in maniera organica o meno. La mappa costruita a priori, verrà poi confrontata con la mappa concettuale costruita a fine argomento per fare emergere come i modelli ingenui e spontanei dei ragazzi siano corretti o meno, e tramite il confronto rendere più facile la correzione e l approfondimento dei modelli che i ragazzi hanno prima di affrontare l argomento e che, talvolta, rimangono impressi nella mente anche in seguito all intervento. La ricerca ha infatti dimostrato come la metodologia migliore di correzione sia appunto il confronto tra schemi mentali spontanei e ingenui iniziali dei ragazzi e schemi mentali strutturati alla luce di nuove acquisizioni. 8. Procedura (suddivisa per lezioni, unità orarie) 2 ore: osservazione della classe, trasmissione dell importanza del saper prendere appunti in modo costruttivo e dell utilizzo del quaderno, analisi del libro di testo (da fare se non si conosce la classe con cui verrà affrontato il percorso formativo). L osservazione della classe è molto importante nel caso in cui non si conoscano i ragazzi per indirizzare l intervento didattico in modo mirato. Anche se si conoscono i ragazzi è utile fare un introduzione all argomento e al laboratorio in cui si trasmette ai ragazzi l importanza di prendere appunti, di fare domande in caso non comprendano, di analizzare e saper spiegare quanto sperimentato, di osservare la realtà e saperla riprodurre con un disegno e a parole. E importante conoscere bene il libro di testo dei ragazzi per valutare come viene affrontato l argomento. Purtroppo, avendo analizzato parecchi libri prima di affrontare l intervento didattico, mi sono resa conto che questo argomento, che è difficile a livello concettuale, molto spesso viene trattato in modo troppo scolastico e a volte vi sono degli errori concettuali di fondo (es. recettori sensoriali disposti in ordine preciso soltanto sulla lingua e che riconoscono solo 4 gusti). Sovente viene trascurata la parte relativa agli altri esseri viventi confermando una visione antropocentrica nell affrontare le scienze. E molto importante, inoltre, conoscere il testo per saper consigliare ai ragazzi quali argomenti possono studiare come sono scritti e su quali è necessario apportare modifiche o approfondimenti. I ragazzi devono potersi appoggiare ad un testo perché non sono ancora in grado di prendere appunti in modo sintetico, completo e costruttivo per argomenti lunghi e difficili. I ragazzi, hanno bisogno di avere scritti gli argomenti spiegati e di un testo di riferimento dove studiare. E molto importante, infine, utilizzare il quaderno per scrivere quanto sperimentato e ricavato, per riportare schemi riassuntivi, per disegnare, ecc. 6

7 2 ore di lezione: brainstorming e introduzione all argomento Si può introdurre l argomento dell intervento didattico partendo da un brainstorming intitolato, per esempio: stimoli e recettori. In seguito si possono aggiungere altre richieste: cosa sono i recettori sensoriali? Cosa sono gli organi di senso, a cosa servono, come funzionano, sono caratteristiche unicamente dell uomo? Degli animali?, ecc. E molto importante non dare spiegazioni, non introdurre l argomento in altro modo, ma semplicemente spiegare ai ragazzi cos è un brainstorming, se non lo hanno mai fatto, ad esempio, dicendo loro che si raccolgono le idee, l insegnante o uno di loro alla lavagna, gli altri sul quaderno e poi fare un cartellone con le parole e i concetti che vengono fuori da questa tempesta di idee. Il brainstorming serve per rompere il ghiaccio con i ragazzi, introdurre l argomento e soprattutto individuare eventuali misconcetti e verificare la situazione di partenza, le conoscenze dei ragazzi, le loro aspettative, la loro rispondenza e per adeguare, quindi, l intervento. All inizio i ragazzi possono essere un po timorosi ad intervenire, ma quando capiscono che non saranno assolutamente giudicati su cosa espongono, ma che i loro interventi servono solamente per introdurre e moderare le lezioni successive in base alle loro conoscenze e richieste, si lasciano andare e fanno molte considerazioni a riguardo. Generalmente emergono considerazioni importanti, concetti chiave e alcuni misconcetti. Alcuni ragazzi, per esempio, sono convinti che il percepire gli stimoli sia prerogativa dell uomo o forse degli animali superiori. Queste affermazioni fanno riflettere sull idea antropocentrica che accompagna molti di noi. Di conseguenza all uomo è permesso di fare tutto ciò che vuole a scapito della biosfera e dell ambiente, perché solo lui è in grado di percepire sensazioni. Altri ragazzi sono convinti che gli organi di senso siano organi a se stanti, che lavorano da soli e che non intervenga assolutamente il sistema nervoso nel loro coordinamento. Alcuni invece hanno le idee molto chiare sul significato di recettore. E bello raccogliere tutte le considerazioni e costruire insieme un cartellone con i risultati del brainstorming, da tenere in vista durante tutte le lezioni. Sempre in modo dialogato si può fare l analisi di diverse situazioni pratiche in cui il mondo ci sottopone a degli stimoli: dolore, calore, freddo, pressione, tatto ecc E importante chiedersi chi o cosa ci permette di avvertire una sensazione, di reagire e discutere sull esistenza di recettori specializzati per le diverse sollecitazioni, sul significato della risposta allo stimolo, sul rapporto stimolo recettore. I ragazzi annotano le diverse considerazioni sul loro quaderno mentre l insegnante le scrive alla lavagna con l utilizzo di gessetti colorati per suddividere gli argomenti. A conclusione si possono proporre ai ragazzi alcune esperienze pratiche ed esercizi semplici. Su cartoncini colorati gialli si possono scrivere i diversi sensi e su cartoncini verdi gli organi di senso corrispondenti e si invitano i ragazzi ad appaiarli. Infine si può organizzare in una tabella quanto emerso dalla precedente discussione e fare alcuni esempi mediante la collaborazione di tutti. Stimolo Recettore Reazione 1 esempio Luce intensa Occhio Chiusura 2 esempio ore di lezione: il gusto e l olfatto Come ogni volta è bene iniziare con un rapido riassunto della lezione precedente, cosa è stato fatto e quali sono stati i concetti più importanti da ricordare. 7

8 La lezione odierna viene introdotta con un esperienza pratica che si intitola: dall esperienza pratica alla descrizione dell organo di senso utilizzato. Di distribuisce a tutti i ragazzi una caramella, li si invita a scartarla insieme, a metterla in bocca, chiudere gli occhi, succhiarla lentamente e concentrarsi su cosa succede. Li si invita a riflettere se si sente il gusto non appena la caramella è appoggiata alla lingua oppure ci vuole un po di tempo, anche minimo. Dopo che avranno risposto che è necessario un breve intervallo di tempo si cerca di spiegare il perché, che cosa capita, cosa deve succedere affinché il gusto venga percepito. I ragazzi da soli arrivano a formulare la risposta che poi si generalizza e formalizza con l aiuto dell insegnante: le sostanze chimiche contenute negli alimenti, nel nostro caso nella caramella, devono essere sciolte dalla saliva e diventare liquide per essere a maggior contatto con i recettori sensoriali del gusto (le papille) ed essere percepite. Si può sollecitare ulteriormente i ragazzi con una provocazione: la lingua percepisce indistintamente tutti i gusti? Quanti sono i gusti che percepiamo e quanti sono i gusti di tutti gli alimenti? Come facciamo a percepire tutte le diverse tipologie di gusto? E comune rendersi conto che alcuni ragazzi hanno studiato alle elementari il modello della lingua suddivisa in quattro zone distinte che percepiscono in modo distinto dolce, salato, amaro e acido e quello è il modello rimasto in testa ai ragazzi. Alcuni magari credono che la lingua sia di colori diversi a seconda della zona, come rappresentata nel disegno che hanno interiorizzato. Li si può invitare, in questo caso, a riflettere e a guardarsi la lingua allo specchio (che bisogna avere a disposizione). La lingua ha consistenza diversa, in alcuni punti è più puntinata e in altre meno ma ha sempre lo stesso colore più o meno uniforme. A questo punto è doveroso aprire una parentesi sui modelli che troviamo nei libri di testo. Sono modelli e come tali schematizzano e aiutano a comprendere certi fenomeni ma non sono assolutamente del tutto fedeli alla realtà. È importante discutere su alcune rappresentazioni. Non si aggiunge nulla riguardo il modo in cui avviene la percezione dei gusti, non si detta la regola ma si fornisce ai ragazzi un articolo tratto da le Scienze n. 468 agosto 2007 che viene letto in classe e commentato insieme: Il caleidoscopio dei sapori, (Bressanini). Si scopre, così, che i gusti principali che percepiamo non sono solo quattro ma c è anche il glutammato, scoperto da poco e che dall associazione di questi cinque gusti principali percepiamo tutti i gusti proprio come avviene per il funzionamento del caleidoscopio (da cui l originale titolo). Siccome molti ragazzi non sanno cos è un caleidoscopio è bene procurarselo così che tutti abbiano modo di fare il paragone e comprendere il titolo. Si prosegue con un altra attività pratica: si chiede ai ragazzi, individualmente di pensare e elencare cinque odori che hanno percepito la mattina a casa o nel tragitto per andare a scuola. Alcuni ragazzi non hanno difficoltà a fornire un elenco dettagliato, altri non ci riescono. Dopo aver discusso in classe, si invitano i ragazzi a soffermarsi sugli odori il giorno successivo e ragionare sul fatto che non ci ricordiamo gli odori che percepiamo e non ci soffermiamo su di essi perché siamo distratti da mille altre cose, non prestiamo attenzione e tutto ci sembra scontato. Siamo assuefatti e soprattutto il nostro organismo non ha una necessità così elevata di fare attenzione agli odori come invece accade per altri animali che tramite l olfatto si orientano, cercano e si procurano il cibo, sentono la presenza dei pericoli e li evitano, ecc... Si può, a questo punto, aprire un dibattito in classe e fare paragoni tra uomo e altri animali, somiglianze, differenze, necessità pratiche e quindi adattamenti. Si può, inoltre sottolineare il fatto che gli odori che possiamo percepire sono circa 4000, quindi dobbiamo prestare maggior attenzione e riflettere. Si prosegue con una attività a coppie in cui ogni ragazzo deve riconoscere il gusto ignoto di una caramella che mangia con il naso tenuto tappato con le dita. I ragazzi hanno notevoli difficoltà a riconoscere il gusto della caramella e si rendono conto che il sapore è il risultato di un azione sinergica tra il gusto e l olfatto e che se manca uno dei due è molto difficile, praticamente impossibile percepire i sapori. Così come accade quando si è raffreddati. 8

9 Si può aprire un dibattito a riguardo e sottolineare come i due sensi, gusto ed olfatto non siano separati ma interagiscano tra di loro con azione sinergica per cui il risultato è maggiore della somma delle risposte dei singoli sensi. Per portarli a comprendere come i sensi non solo interagiscano tra loro ma siano integrati da un attenta e minuziosa attività del cervello si propone ai ragazzi la seguente attività pratica. Si chiede ai ragazzi di chiudere gli occhi e si fa annusare loro degli odori diversi, da riconoscere. Si possono tranquillamente utilizzare degli ingredienti di uso domestico: spezie quali basilico, origano e rosmarino, pepe, zucchero, te, caffè, vaniglia, acqua di lavanda Tutto viene impacchettato con carta stagnola in modo tale che i ragazzi non leggano sul barattolo di quale sostanza si tratta e non captino informazioni dalla vista. E importante che utilizzino soltanto l olfatto per aiutarli a comprenderne l utilizzo di questo senso e farli ragionare sui meccanismi che stanno alla base dell olfatto. E meglio fare l attività ad occhi chiusi proprio per stimolare il loro olfatto e far si che si sforzino di riconoscere gli odori soltanto usando il loro naso. I ragazzi poi possono discutere a gruppi e sicuramente nasceranno delle considerazioni interessanti. Alcuni odori sono facili da riconoscere e altri meno, alcuni odori sono caratteristici e specifici, altri evocavano alcuni cibi. Ad esempio da molti l origano non è riconosciuto ma evocava l odore della pizza e la sensazione di trovarsi in pizzeria. Nella mia esperienza di tirocinio, da un ragazzo in particolare, il profumo del basilico è stato scambiato con quello del pomodoro. Abbiamo riflettuto sul come mai tale errore e siamo arrivati a ragionare sul fatto che gli odori sono evocativi; il ragazzo ad esempio usa sempre il basilico sui pomodori e il suo cervello ha fatto un associazione di idee. I ragazzi da soli arrivano ad ipotizzare che il cervello interviene nell elaborazione degli odori e che ci deve essere in qualche parte un deposito degli odori perché sappiamo riconoscerne molti e perché un odore ci evoca sensazioni particolari e ci fa pensare di essere in luoghi diversi da quello in cui ci troviamo. Si apre un dibattito sulla specifica funzione del cervello nell elaborazione ed archiviazione degli odori, dei profumi e del loro ricordo. E bene sottolineare il fatto che durante l esperienza, sovente si riconosce facilmente un odore come noto ma non lo si riesce a definire e nominare, molto probabilmente si potesse vedere, sarebbe facile dare il nome giusto a quel particolare odore. Anche la vista, quindi, è importante a volte per farci individuare con sicurezza un odore. Sono di seguito riportate alcune tipologie di consegne da assegnare come lavoro a casa: 1. Concentrarsi il giorno successivo sugli odori che si percepiscono in casa o nel tragitto fino a scuola ed elencarne almeno cinque. 2. Esperienza pratica: anche l acqua, se ci abituiamo ad annusarla ci trasmette degli odori, un gusto e un sapore. Provare a fare l analisi sensoriale dell acqua e annotare cosa si rileva. 3. Riflessione: Un particolare profumo o odore mi evoca.. rifletti sul meccanismo che fa scaturire in noi un particolare profumo, i ricordi che nascono, le emozioni che vengono suscitate ecc.. e rappresenta quanto descritto anche con un disegno. 9

10 2 ora di lezione: il tatto Si può iniziare il laboratorio con la lettura e la discussione di alcuni compiti assegnati, ripasso della lezione precedente e chiarimenti relativi ad alcuni dubbi o richieste dei ragazzi. Di seguito si entra nel vivo della lezione odierna con un esperienza pratica fatta a coppie. Ad ogni coppia si consegnano due stuzzicadenti. Invertendo i ruoli i due ragazzi a turno appoggiano su diverse parti del corpo del compagno bendato i due stuzzicadenti, prima ad una certa distanza e poi avvicinandoli sempre di più. Quando il compagno non percepisce più gli stuzzicadenti come due distinti, il ragazzo si ferma e misura con un righello la distanza, segnandola su una apposita tabella, in precedenza costruita sul quaderno. Le parti del corpo sono scelte in modo mirato: dorso mano, palmo mano, polpastrelli, braccio, avambraccio schiena, polpaccio. Quando un ragazzo ha finito l esperienza si invertono i ruoli e si ripete la procedura. I ragazzi sono portati a riflettere e ragionare su quanto hanno percepito durante l attività e si accorgono che non tutti gli individui hanno la stessa sensibilità perché ognuno nelle stesse parti del corpo percepisce come due entità distinte gli stuzzicadenti a distanze diverse. I ragazzi si accorgono che i recettori sensoriali devono essere presenti in quantitativi variabili nelle diverse parti del corpo dal momento che appoggiando due stuzzicadenti sul corpo, partendo da una certa distanza ed avvicinandoli poco per volta, gli stuzzicadenti vengono percepiti come uno soltanto, ad una distanza maggiore ad esempio sulla schiena rispetto a quanto accade sul palmo della mano o sul polpastrello. Nel polpastrello la sensibilità è maggiore perché la distanza minima a cui gli stuzzicadenti vengono percepiti come due distinti è più piccola rispetto alla distanza minima registrata in altre parti del corpo e quindi ci dovranno essere più recettori sensoriali sul polpastrello rispetto ad altre parti (come ad esempio sulla schiena). Arrivati a questa considerazione si ragiona sul perché, sull utilità di avere recettori sensoriali maggiormente concentrati in certe parti del corpo piuttosto che in altre, sugli adattamenti all ambiente e al tipo di vita, ecc.. In seguito i ragazzi rispondono sul quaderno alla seguente domanda: Tutti hanno la stessa sensibilità? In quale parte del corpo si ha maggiore sensibilità? Perché? Come mai le distanze a cui si percepiscono due stuzzicadenti come una punta sola cambia a seconda della zona del corpo e della persona?. Di seguito si correggono e discutono insieme le risposte e si può costruire un cartellone con le diverse considerazioni. Si passa, quindi, ad una seconda attività pratica in cui i ragazzi devono riconoscere un oggetto misterioso in un sacchetto che non permette di vedere l interno, soltanto utilizzando il tatto e facendone un analisi sensoriale tattile. Si concentrano sull oggetto e descrivono ciò che riescono a percepire, annotando le loro sensazioni. Si accorgono che, grazie al tatto, possono ricavare molte informazioni: caldo, freddo, liscio, ruvido, molle, duro, pesante e molto altro ancora e da queste informazioni grazie ad un elaborazione del cervello, paragonando ciò che sentono con esperienze fatte nel passato riescono a descrivere in modo dettagliato l oggetto, a volte arrivano anche a capire in modo preciso di quale oggetto si tratta. È molto importante utilizzare oggetti diversi che trasmettano quindi sensazioni diverse e facciano capire ai ragazzi che quelli di cui hanno maggior esperienza diretta sono i più facili da riconoscere. Si possono per esempio paragonare un peluche morbido e soffice e un oggetto di plastica dura. Queste due scelte per esempio, permettono ai ragazzi di percepire le sostanziali differenze di sensazioni che trasmettono, il primo da la sensazione di caldo e il secondo di freddo pur essendo alla stessa temperatura ambiente, si può quindi discutere su come oggetti così diversi possano trasmettere sensazioni e emozioni diverse, evocare ricordi diversi ecc.. In seguito si discute dell esperienza fatta ed è bene, come in ogni lezione, riassumere quanto visto e compreso durante il laboratorio. A casa: Descrivo le diverse sensazioni che mi hanno trasmesso gli oggetti misteriosi e faccio le mie considerazioni a riguardo. 10

11 2 ore di lezione: la vista; igiene dell occhio e della vista Come sempre è importante iniziare la lezione con il riassunto della puntata precedente come si può intitolare l inizio di ogni lezione. In seguito si trasmette l agenda della giornata ai ragazzi con il tema da affrontare e come si pensa di farlo e poi si iniziano le attività pratiche. Come prima cosa si invita ogni alunno a guardar negli occhi il vicino di banco e a disegnare cosa osservava. Si utilizza il disegno per far venir fuori alcuni concetti che i ragazzi conoscono. Spesso per loro è difficile descrivere a parole, per cui anziché chiedere una descrizione scritta sull occhio è meglio invitare loro a disegnarlo, analizzandolo dal vivo. Emergono sicuramente considerazioni interessanti sulle dimensioni della pupilla, sull iride, sul bianco dell occhio, ecc e alcuni schemi concettuali dei ragazzi. A gruppi si possono scambiare i disegni e rilevano se tutti avevano disegnato le stesse cose o emergono delle sostanziali differenze. È importante, poi riprodurre un immagine di occhio alla lavagna e i ragazzi sul loro quaderno, utilizzando se possibile un modellino tridimensionale dell occhio e così descrivere le principali nozioni sulla fisiologia e sul meccanismo dell occhio. Ci si può soffermare in particolare su coni e bastoncelli, sulle loro funzioni e sul loro significato, in vista di attività programmate in seguito e di conseguenza si può ragionare sulla loro distribuzione quantitativa in diverse tipologie di animali. E molto diverso per un ragazzino, e non solo, osservare un immagine su un libro o poter visionare un modello tridimensionale. Nel secondo caso, infatti, i ragazzi possono toccare i componenti e soprattutto li analizzano in tridimensionale, cioè come sono nella realtà. I ragazzi affrontano poi la seconda attività della giornata sempre a gruppi. Ogni gruppo analizzato un immagine truccata o meglio lavorata al computer, tratta da un articolo di Focus, n. 180 ottobre 2007: Nature sospette. Le immagini ritraggono alcuni paesaggi apparentemente naturali ma ad attenta analisi ci si accorge che sono stati ritoccati o elaborati al computer. I ragazzi discutono sull immagine loro assegnata, elaborano delle riflessioni e a turni le condividono con i compagni. L attività serve per introdurre una breve discussione di Educazione all Immagine, sottolineando di prestare attenzione alle immagini che ci vengono fornite dai mass-media perché non sempre sono reali. Una piccola parentesi dedicata soprattutto alle ragazze che spesso prendono come modelli delle donne che vedono in fotografia e che non sono quelle reali ma sono state ritoccate, oltre che dal trucco anche dal computer. Procedendo sempre con l analisi di immagini fotografiche, si osservano insieme in plenaria alcune immagini, scelte precedentemente per raggiungere determinati obiettivi, tratte dai libri Occhio, cervello, visione, (Hubel, 1998) e Arte e cervello (Maffei, Fiorentini, 1995). Meglio se le immagini vengono scannerizzate e proiettate o viste a computer per permettere a tutti i ragazzi una visione contemporanea. Si commentano insieme le immagini con l obiettivo di mettere in evidenza le immagini costruite, i principi innati di organizzazione dell immagine, il principio di prossimità, il principio di somiglianza, di completamento e soprattutto per sottolineare l importanza del vedere e pensare. A volte basta un particolare perché il nostro cervello ci permetta di vedere oltre e trarre delle conclusioni. Altre immagini si analizzano per valutare l importanza del colore, della prospettiva, della posizione dell oggetto nella fotografia, ecc. Non mi soffermo ad analizzare ogni immagine ma voglio riportare un episodio particolare che mi è accaduto e ci ha permesso di aprire un importante dibattito che ha fatto capire ai ragazzi in modo diretto, concreto e pratico cosa significa che il cervello elabora le immagini che vediamo e le archivia conservandole in memoria. Concetto molto importante e difficile sia da comprendere che da trasmettere a parole. Abbiamo osservato insieme un immagine del quadro Ponteghetto della farina del Canaletto. In questo quadro il pittore ha ritenuto sufficiente rappresentare un pettine per suggerire la presenza di una gondola accostata alla riva. Io ho chiesto ai ragazzi di descrivere per scritto cosa vedevano nell immagine. Quasi tutti hanno descritto che il quadro è ambientato a Venezia, hanno riconosciuto i veneziani e la presenza di una gondola. Un ragazzo, che non era mai stato a Venezia e che non è particolarmente studioso e 11

12 attento non solo non ha rilevato la presenza della gondola ma soprattutto, anche quando altri nella discussione seguente l hanno rilevata, non è stato in grado di vederla. Non riusciva a raffigurarsi una gondola nemmeno quando un suo compagno gli ha indicato il pettine vicino alla riva. Allora ho domandato al ragazzo se fosse mai stato a Venezia o non ricordasse di averla vista in televisione piuttosto che un libro di storia o geografia. La risposta è stata negativa e soprattutto il ragazzo non aveva mai visto una gondola. Da qui si è aperta una bellissima discussione su come la nostra mente ci permetta di completare delle immagini in base alle conoscenze pregresse. Chi aveva in mente com è fatta una gondola non aveva problemi ad estrapolare la presenza della gondola da un semplice pettine ma chi non aveva idea di cosa fosse una gondola non riusciva a vederla nemmeno in seguito a spiegazione. L episodio è stato davvero importante per analizzare in modo critico come l occhio da solo non basti per vedere. Di seguito si portato i ragazzi a ragionare sul come vediamo. Si propone loro un attività pratica. Si chiede di chiudere l occhio destro con la mano, allungare il pollice davanti a loro e fissalo. Di seguito, tenendo il pollice fermo si chiede loro di coprire l altro occhio e riflettere su cosa succede. Il pollice si sposta sarà la prima risposta. Li si invita allora a riprovare raccomandando di tener il pollice fermo. I ragazzi comprendono, quindi, che non è il pollice che si sposta ma cambia l angolazione con cui si vede l immagine. A questo punto si chiede loro di usare tutti e due gli occhi ed annotare eventuali considerazioni sulla visione binoculare. Si propone, quindi, una seconda attività pratica. Si chiede loro di lavorare a coppie e di prendere due matite ben appuntite. A turno li si invitati a chiudere un occhio, afferrare le due matite, una per mano e far coincidere le due punte. Il compagno doveva osservare attentamente la scena ed annotare se il ragazzo ci riesce facilmente oppure no. Terminata l esperienza li si invita a dare una spiegazione della difficoltà di far coincidere le due punte utilizzando un solo occhio. Si condividono le considerazioni di tutti e si arriva a discutere sull importanza della visione in rilievo in una realtà tridimensionale quale la nostra, della visione stereoscopica e come tale visione sia possibile soltanto utilizzando entrambe gli occhi che osservano l oggetto da angolature leggermente differenti. Tale differenza di angolazione permette appunto la visione in tre dimensioni e cioè in rilievo. A questo punto è prevista l analisi di un immagine per comprendere la stereoscopia: la lettura dell anaglifo costruito con triangolini rossi e verdi. L esperienza prevede l utilizzo un cellophane rosso e uno verde, che si hanno in precedenza preparato, per analizzare l immagine. Se si guarda l immagine attraverso un cellophane rosso si vedono solo i triangolini verdi, se si guarda l immagine attraverso un cellophane verde si vedono solo i triangolini rossi, se si utilizza un cellophane rosso su un occhio e uno verde sull altro si vede un grosso triangolo in rilievo (Hubel, 1998). A questo punto si procede in plenaria a riflettere sulla nostra visione, sul perché è strutturata in un determinato modo piuttosto che in un altro. I ragazzi, guidati dall insegnante, con alcune domande mirate per farli ragionare arrivano da soli alla conclusione che la nostra visione è tale perché siamo scimmie : abbiamo una visione atta al tridimensionale perché dobbiamo afferrare ciò che abbiamo davanti a noi. Ecco perché non abbiamo gli occhi dietro: non ci servirebbero perché non dobbiamo difenderci dai predatori essendo noi i predatori. Si possono fare considerazioni importanti e profonde sul concetto di evoluzione ed adattamento (tali considerazioni saranno poi approfondite nella lezione dedicata all analisi comparata tra i diversi esseri viventi, della risposta agli stimoli, dei recettori, degli organi di senso). Si può a questo punto utilizzare un libricino in cui sono disegnate in sequenza, in ogni pagina delle immagini. Se facciamo scorrere velocemente il libretto si vedono le immagini che sembrano continue. Come mai? E importante, inoltre, in precedenza costruire un cartone animato. Si utilizza un dischetto di cartoncino bianco e su di esso si raffigurano due immagini in sequenza. Per esempio io ho raffigurato un salvadanaio a porcellino con i soldi che stanno scendendo e dall altro lato del cartoncino c è soltanto il porcellino capovolto, i soldi non ci sono più. Facendo roteare 12

13 velocemente il cartoncino al quali si fa passare alle estremità diametralmente opposte, due elastici che permettano di essere arrotolati, si vede la scena di seguito e si vedono i soldi che finiscono nel salvadanaio. Si invitano i ragazzi a costruire il loro cartone animato, utilizzando la loro fantasia (gabbiano che vola o uccellino in gabbia o bambino che corre, bomba che esplode, ecc.). Si invita i ragazzi a riflettere sul fenomeno visto e insieme si arriva alla spiegazione che l immagine sulla retina non si cancella subito ma rimane impressa per un po di tempo, quel po che basta per formare una sola immagine (e dare continuità) con una che sopraggiunge di seguito (il tempo di permanenza è 1/10 di secondo). Quindi si possono fare delle considerazioni su come il cinema e i cartoni animati siano realizzati sfruttando questa proprietà. Si può fare un accenno al problema dello sfarfallamento facendo riflettere i ragazzi sul fatto che se proiettiamo una sequenza di immagini luminose con una frequenza di 20 immagini al secondo riceviamo l impressione di un immagine continua, se, invece, la frequenza è più bassa: 3-12 immagini al secondo, abbiamo l impressione di sfarfallamento. Si può ancora invitare i ragazzi ad abbassare le tapparelle e fare il buio nell aula. Si muove in modo circolare una torcia accesa e si chiede loro di descrivere cosa succede? Si vede un alone circolare; si può chiedere come mai non si individuavano più punti dal momento che si muove la torcia in modo puntiforme e loro estrapolando da quanto imparato arriveranno a spiegare che si tratta del fenomeno della permanenza dell immagine sulla retina e si potrà formalizzare il concetto trattato precedentemente. A casa: 1. Calcolo del campo visivo e successivo confronto in classe con quello dei compagni. Ho spiegato ai ragazzi come fare per calcolare il proprio campo visivo. Mi sono appoggiata al libro di testo dal momento che il lavoro era molto ben descritto e i ragazzi non hanno avuto problemi nella comprensione e nell esecuzione. È necessario un tavolino, si appoggia sopra un foglio bianco dove a metà di un lato si segna il punto O. Si appoggia il mento sul foglio e quindi senza ruotare la testa ma solo gli occhi si cerca di capire se si vedi meglio da destra o da sinistra. Di seguito ogni ragazzo doveva chieder la collaborazione del fratello o dei genitori o eventualmente di un compagno qualora avessero deciso di fare l esperienza insieme. Il secondo partecipante all esperienza si deve muovere lungo la parete opposta al tavolino e il ragazzo, sempre con il mento perfettamente fermo, deve individuare in quale momento non vedi più la figura, cioè la sagoma esce dal campo visivo. Infine si segnano i due punti estremi a destra e sinistra e si uniscono il punto O. Si ottiene, in tal modo, una misura approssimata del proprio campo visivo. 2. Riflessione scritta: Quando guido devo prestare molta attenzione davanti a me e non distrarmi perché superato un certo angolo non vedo più gli oggetti: i segnali, le persone ecc 3. In una camera buia, fissa per alcuni secondi un oggetto molto luminoso, per esempio lo schermo di un televisore, e poi chiudi gli occhi. Per pochi attimi hai ancora l immagine dello schermo illuminato. Perché? Prova a spiegare il fenomeno alla luce di quanto visto durante la lezione di oggi. 2 ore di lezione: l udito; igiene dell orecchio e dell udito Dopo aver riassunto la lezione precedente, chiarito dubbi e risposto eventuali richieste dei ragazzi, si può introdurre l argomento nuovo con un attività molto semplice: in un angolo della classe si battono forte le mani. Dopo che tutti i ragazzi girano nella direzione di provenienza del suono, si può riflettere insieme sul perché tutti si girano verso la provenienza del suono (sorgente sonora). 13

14 Di seguito si può bendare un ragazzo e affidare ad un altro il compito di suonare un campanello. Il ragazzo bendato si deve concentrare e dire da dove proviene il suono. Se la posizione del suono cambia, il ragazzo individua in modo diverso la provenienza. Nel momento in cui il suono è perfettamente davanti o dietro la testa del ragazzo è molto difficile riconoscerne e individuarne la provenienza. Si ragiona, quindi, su come mai se il suono proviene perfettamente da davanti alla nostra testa o perfettamente da dietro si riesce difficilmente ad individuarne la provenienza ed invece è molto più semplice se il suono proviene da destra o da sinistra. Paragone tra suoni che arrivano in contemporanea ad entrambe le orecchie o in differita. Si possono insieme analizzare alcune situazione di vita reale: 1. Sei in bicicletta e stai ascoltando musica con il tuo nuovo lettore mp3. Sopraggiunge una macchina da una via traversa, riesci a sentirla? È buona norma andare in bicicletta o correre in una strada trafficata con la musica a tutto volume nelle orecchie? 2. Quando sei in macchina e hai la musica troppo forte, quale percezione hai dei rumori che ci sono all esterno? 3. Sei in motorino, la strada da percorrere è lunga. Potresti ascoltare musica? Da questi spunti verrà fuori una bella discussione, un ragazzo può scrivere le considerazioni che emergono alla lavagna e poi si può costruire un cartellone per cui i ragazzi scelgono il titolo, riguardante le buone norme da tenere sulla strada. Se si possiede un modellino tridimensionale si riesce meglio ad analizzare la fisiologia dell orecchio, la sua anatomia e descrivere il suo funzionamento, senza entrare troppo nel dettaglio e tenendo conto della classe che si ha di fronte. Si fanno anche alcuni cenni sul senso dell equilibrio, sul suo significato, sulla sua importanza, sul meccanismo che ne sta alla base e da cosa dipende. Si conclude la lezione dedicandola all Educazione alla Salute e alla responsabilizzazione sulle principali malattie dell orecchio e i difetti dell occhio: si può accennare alle cause e alla eventuale prevenzione, si affrontano l igiene dell orecchio e dell occhio. Per fare ciò si possono utilizzare schede tecniche scelte dal libro di testo o da altri testi, schede che siano complete ed adatte all età dei ragazzi e si può intitolare l attività: Difendiamo la vista e Difendiamo il nostro udito ; insieme si leggono e discutono. Se si ha tempo a sufficienza sarebbe bene trattare con i ragazzi una parte di Educazione Stradale dedicata agli effetti dell alcol e delle droghe sui riflessi, sull attenzione e sugli eventuali danni. Si possono portare i ragazzi nel laboratorio di informatica per provare con loro a cercare alcuni dati relativi alla problematica, su internet. 2 ore di lezione: i sensi negli animali e nei vegetali, gli adattamenti e le risposte all ambiente, la comunicazione. Ripasso degli argomenti affrontati durante l intervento didattico, costruzione di una mappa concettuale. L attività odierna può essere introdotta con un aneddoto curioso riguardante l origine del nome iride per aiutare i ragazzi a ricordare di quale parte dell occhio si tratta. Di seguito si può mostrare ai ragazzi un girasole, in fotografia o anche reale. Si può chiedere loro l etimologia del nome e constatare che deriva dal fatto che il fiore segue il sole. Allora si può portarli a riflettere chiedendo: ma come fanno dei fiori a seguire il sole? Chi glielo dice che il sole è da una parte piuttosto che dall altra?. Se negli animali la cosa che permette di recepire gli stimoli è il recettore, ci saranno cellule simili anche nei vegetali? Si formalizza poi l argomento e si affronta il significato e il meccanismo del geotropismo e del fototropismo. I ragazzi concluderanno da soli che una caratteristica che distingue gli esseri viventi, qualunque essi siano, dai non viventi è la capacità dei primi di rispondere agli stimoli. Si analizzano, di seguito, immagini di diversi animali e si discute sui loro organi di senso. Si forniscono ai ragazzi delle immagini e si chiede loro il significato di certe caratteristiche 14

15 anatomiche e lo sviluppo degli organi di senso. Ad esempio dopo aver visto un coniglio e chiede loro perché ha le orecchie lunghe. I ragazzi ragionano sul fatto che l organo di senso più sviluppato nel coniglio è l udito, insieme all olfatto, perché deve sentire i pericoli e con un po di aiuto arrivano da soli a dire che il coniglio è una preda per cui ha le orecchie molto grosse e padiglioni auricolari mobili per riuscire a convogliare il maggior numero di onde sonore possibili e sentire il predatore a lunghe distanze per permettergli di mettersi in fuga. E bene aprire una parentesi relativa al fatto che in natura ci sono due possibilità: o i padiglioni auricolari sono mobili come nel caso del coniglio o la testa ha la possibilità di girarsi verso la provenienza del suono, come nel caso dell uomo. Si analizza quindi l habitat del coniglio e si comprende come lo sviluppo delle orecchie e dell udito è dovuto ad un adattamento ad esso. Si chiede, quindi, ai ragazzi di riflettere su a chi serve un buon udito e perché. Analogamente si analizzano altri animali e si arriva a comprendere come l ambiente di vita e la posizione nella catena trofica influenzi lo sviluppo di un senso piuttosto che di un altro. E bene portare i ragazzi a riflettere su come l ambiente influenzi lo sviluppo degli organi di senso. Si può mostrare loro la fotografia di una talpa e i ragazzi spiegheranno da soli che l organo di senso più sviluppato è l olfatto dal momento che vivendo sottoterra e quindi al buio, sensi come la vista sono superflui. Così come capita ai pesci o agli animali che vivono nelle grotte. Mentre ad esempio gli uccelli rapaci che dall altro del cielo devono puntare una preda devono avere una vista molto acuta, ecc.. E importante procedere con la correzione del compito assegnato la lezione precedente e che appositamente è consigliabile correggere in questo momento e fare poi un confronto tra il campo visivo degli animali e quello dell uomo. Quest ultimo ha un campo visivo di circa 160, i rapaci di 300. Perché questa differenza? Si ragiona sugli adattamenti e i ragazzi possono così confrontare il loro campo visivo, calcolato a casa. Si affronta, infine, l esistenza di recettori sensoriali particolari: gli occhi semplici e composti negli artropodi, gli occhi telescopici nei pesci abissali, la membrana nitritante negli uccelli e nei rettili, l organo della linea laterale e i barbigli nei pesci, i recettori tattili, intradermici, le vibrisse dei gatti, le ali del pipistrello, le antenne dei lepidotteri, della zecca e le fossette termiche di alcuni serpenti notturni. Insieme hanno fatto un cartellone a riguardo che poi hanno appeso in classe. Si può chiedere ai ragazzi di pensare ad animali che conoscono da vicino, come il cane e il gatto e di descrivere i loro organi di senso. E bene soffermarsi su questi animali perché i ragazzi ne hanno esperienza diretta dal momento che quasi tutti hanno un animale domestico. A questo punto si possono portare i ragazzi ad un ulteriore sforzo e chiedere loro di provare a spiegare come comunicano gli animali. Per prima si chiede loro se gli animali comunicano o se è una prerogativa dell uomo. Constatato che anche gli animali comunicano si possono prendere in considerazione alcune situazioni. Il cane, ad esempio, demarca il territorio. Si possono analizzare i comportamenti del cane quando scodinzola o quando digrigna i denti, quando demarca il territorio con le sue secrezioni o quando lotta con un altro cane. Si comprende che queste sono comunicazioni visive e olfattive. Il cane può utilizzare anche la comunicazione sonora e ha un udito più sviluppato di quello umano. Si può chiedere ai ragazzi di pensare alle file di formiche che comunicano tramite stimoli odorosi e così analizzare come gli animali comunicano grazie ai loro organi di senso che permettono oltre che di reagire agli stimoli esterni anche di esprimersi con il mondo esterno. Nascerà, di sicuro, una bella discussione. Si possono anche fornire delle schede precedentemente allestite o tratte da libri di testo ai ragazzi riguardanti La vista negli animali e L udito negli animali. Si possono raccogliere le idee, costruendo insieme uno schema riassuntivo. Paragonando quanto emerso dalle riflessioni dei ragazzi ottenute riflettendo, analizzando e ragionando è interessante riflettere sul fatto che utilizzando le loro conoscenze, i ragazzi arrivano a trarre conclusioni che, paragonato con quanto spiegato nei libri di testo, si rivelano giuste e 15

16 fondate. E importante non fornire sempre le nozioni ai ragazzi ma fare in modo che siano loro a costruire il loro sapere per ottenere un apprendimento efficace. Infine, è importante discutere dell integralità delle risposte dei sensi agli stimoli. Tutti gli stimoli vengono elaborati dal cervello che deve quindi essere ben disposto e concentrato su quello che si sta facendo. Ad esempio mentre guido, se ascolto musica, fumo una sigaretta, telefono ecc.. la soglia di attenzione diminuisce ed aumenta di molto la probabilità di avere un incidente. E bene soffermarsi in modo particolare e fare riferimento alla patente, alla conduzione di un veicolo perché le coordinazioni dei diversi stimoli si complicano. Ad esempio, quando guidiamo dobbiamo anche regolare la pressione da conferire al pedale perché se esercitiamo troppa pressione acceleriamo, mentre se ne esercitiamo troppo poca deceleriamo; dobbiamo, inoltre, regolare la forza da dare al braccio per cambiare la marcia (se è troppo poca non riusciamo a muovere la marcia, se è troppa possiamo rischiare di rompere la leva). Quindi quando dobbiamo guidare un veicolo il coordinamento dei sensi si fa più complesso e complicato, richiedendo maggiore concentrazione. Si può leggere con i ragazzi un racconto sui robot La vita di un uomo di Isaac Asimov (nella raccolta Il secondo libro dei robot, 1978). Il racconto è significativo dal momento che descrive la costruzione di un robot che avrebbe dovuto mettere in moto un veicolo spaziale. L automa non riesce a farlo perché i suoi costruttori, molto attenti nella programmazione di ogni singolo particolare, non avevano pensato di programmare anche la forza da impartire alla leva attraverso il suo braccio per mettere in moto il veicolo e quindi il robot non è stato in grado di farlo correttamente. Gli avevano detto Spingi la leva con forza e aspetta e lui la deforma bloccando il veicolo spaziale. Questo racconto porta a riflettere sulla complessità del nostro organismo e su come spesso le nostre azioni ci sembrano scontate ma non lo sono per nulla ed hanno alla base meccanismi precisi e particolareggiati. Si può a questo punto chiedere ai ragazzi di scrivere alcune riflessione sulla seguente frase: Il mondo che ci circonda è per noi il mondo che vediamo. Ci appare così reale che non ci viene affatto di pensare che esso risulti da un processo cerebrale di grande complessità. Il mondo dell uomo è principalmente visivo. Questo non è vero per tutti gli animali: anzi se si escludono i primati, altri sensi e in particolare l odorato hanno per molti mammiferi un importanza predominante (Autori Vari, 2005, Maffei, Fiorentini, 1995, Rullini, Nicola, Verzellino, 2005). Si possono, poi, condividere in classe le riflessioni che emergono e allestire un cartellone con i commenti di tutti i ragazzi. E bene riservarsi almeno una mezz ora per il ripasso e per chiarire alcuni dubbi sulla giornata o sugli interventi precedenti e costruire una mappa concettuale sull intervento didattico. Ritengo che questa strategia sia molto importante per rivedere gli argomenti affrontati, stabilire analogie, differenze e connessioni. Ogni ragazzo costruisce la propria e poi se ne può costruire una di riepilogo alla lavagna in modo da permettere agli allievi di paragonare la propria, chiarire dubbi o eventuali missconoscenze.. I ragazzi riportano sul loro quaderno la mappa concettuale costruita insieme e poi si può allestire un cartellone da esporre in classe. 2 ore di lezione: verifica sommativa All inizio di ogni laboratorio come detto in precedenza, è bene dedicare alcuni minuti a ricapitolare cosa si è fatto nella lezione precedente e durante la lezione porre delle domande che inducano i ragazzi a riflettere ed utilizzare le loro conoscenze per eseguire gli esercizi proposti. Alla fine di ogni lezione è importante ricapitolati gli argomenti trattati. Con tali accorgimenti si favorisce un apprendimento a spirale. A conclusione dell unità didattica si può fare una prova semi-strutturata per verificare il sapere ma anche il saper fare e la capacità di applicazione dei concetti appresi e valutare così competenze diverse. (La verifica viene riportata in seguito). Si deve fornire ai ragazzi la griglia 16

17 di valutazione in modo tale che abbiano chiari gli obiettivi su cui saranno giudicati e le modalità. E doveroso da parte di qualsiasi insegnante la trasparenza nella valutazione. La verifica proposta è lunga, impegnativa e laboriosa ma permette di valutare diverse competenze: non soltanto le conoscenze ma anche le abilità dei ragazzi. e una verifica sommativa che serve ad indagare il sapere e il saper fare degli alunni. Se la si vuole sottoporre tutta sono necessarie due ore di lezione ma dal momento che il tempo che è stato dedicato all argomento con questo laboratorio è parecchio e in vista anche dell esame finale e del passaggio dei ragazzi alle scuole superiori, a mio avviso è bene non ridurla. Nel caso in cui il tempo da dedicare sia minore, si può procedere con dei tagli Per affrontare la verifica in modo sereno e riuscire a rispondere a tutte le domande i ragazzi devono aver seguito bene le attività fatte in classe e devono aver rafforzato le attività pratiche con una studio approfondito ve sistematico. Sebbene tutti, generalmente, partecipino attivamente alle lezioni essendo prevalentemente attività pratiche, poi non tutti fortificano quanto imparato in classe con lo studio. La verifica, com è strutturata permette di valutare su più piani di livello. 1 ora di lezione: consegna della verifica, correzione, questionario di feedback E sempre molto importante quando si consegnano le verifiche dedicare del tempo alla correzione insieme e alla discussione, a maggior ragione lo è in questo caso vista la complessità dell argomento affrontato. Prima della consegna si può domandare ad ogni ragazzo che faccia una auto-valutazione e dica obiettivamente come ha fatto la verifica. E importante aiutare i ragazzi ad avere una certa criticità sul proprio metodo di studio e sul rendimento, anche se non sempre i ragazzini sono capaci di essere obiettivi. I ragazzi hanno, poi, conferma del loro operato quando gli si restituisce la verifica. Si può proporre, alla fine del laboratorio, ai ragazzi di compilare un questionario di feedback. Il questionario deve essere anonimo in modo tale che i ragazzi si sentano liberi di esprimersi riguardo l intervento didattico, l utilità, le difficoltà incontrate, l insegnante ecc... 1 ora di lezione: recupero con gli insufficienti E molto importante offrire ai ragazzi la possibilità di recuperare eventuali insufficienze o valutazioni non soddisfacenti e soprattutto di chiarire i loro dubbi o gli argomenti che pensavano di aver compreso ma in realtà non era così con un ripasso mirato in cui i ragazzi possono domandare ciò che non hanno chiaro e verificare le loro conoscenze per colmare le eventuali lacune. Si può valutare se fare una verifica di recupero o offrire ai ragazzi la possibilità di rimediare mediante una interrogazione orale. 17

18 9. Valutazione (eventuale prova di valutazione delle competenze acquisite) Cognome Nome classe III, data Verifica: I recettori sensoriali e gli organi di senso 1. Commenta la figura di Rubin. /2 2. Cosa sono i recettori sensoriali? Di quanti tipi sono? Quale funzione hanno? /3 3. Quanti gusti base percepiamo? Come facciamo a percepire i gusti di tutti gli alimenti? /2 4. Quali sono i recettori dell olfatto? Dove sono localizzati? Il cervello interviene nell elaborazione degli odori? Fai un esempio a riguardo. /4 5. Quali tipi di recettori sono presenti nella pelle? Descrivi le loro principali funzioni. Come faresti a dimostrare ad un tuo amico dove sono presenti in quantità maggiore? /3 6. Collega con una freccia ogni organo dell apparato uditivo con la funzione che gli è propria: a. membrana del timpano 1. trasmettono le vibrazioni del timpano b. nervo acustico 2. collega l orecchio medio con la faringe c. canali semicircolari 3. regolano l equilibrio d. ossicini dell udito 4. vibra al passaggio dei suoni e. tromba di Eustachio 5. collega la coclea con il cervello /1 7. Immagina di essere il suono della musica che esce dalla radio e descrivi il percorso che fai per arrivare al cervello ed essere quindi conosciuto. /3 8. Come riusciamo a tenerci in equilibrio? Cosa sono gli otoliti? Come funzionano? /3 18

19 9. Spiega perché è importante che le orecchie siano due. Quale esempio puoi fare per giustificare la tua risposta? /2 10. Collega con una freccia ogni termine alla definizione appropriata: a. sclerotica 1. membrana più interna dell occhio b. cornea 2. lente posta dietro alla pupilla c. coroide 3. membrana più esterna dell occhio, bianca e opaca d. pupilla 4. foro di colore nero presente nell iride che può dilatarsi o restringersi e. retina 5. membrana intermedia che nella parte anteriore forma l iride f. cristallino 6. parte anteriore della sclerotica, trasparente e convessa /3 11. Qual è la funzione dei coni e dei bastoncelli della retina? /1 12. Gli organi di senso funzionano singolarmente o interagiscono tra loro? Il cervello interviene nell elaborazione delle informazioni? Sapresti fare un esempio a riguardo? /3 13. Spiega ad un tuo amico l importanza della visione stereoscopica. Se lui non ci crede, come fai per dimostrarglielo? /2 14. Completa: a. L immagine di un oggetto arriva capovolta e rimpicciolita sulla.. b. Le cellule della retina trasformano le immagini in impulsi nervosi che, per mezzo del.. arrivano al c. Nel cervello esistono cellule che interpretano e. le immagini, dando la sensazione visiva. d. Nell occhio la parte più sensibile alla luce è.. e. Sulla retina dell occhio si formano immagini.. /3 15. La persistenza delle immagini sulla retina è di circa 1/10 di secondo. Cosa è nato grazie a questa proprietà? Sapresti fare un esempio pratico per spiegare il fenomeno? /2 16. Vero o falso? Segna con una crocetta la risposta giusta. Definizione Vero Falso a. i recettori del gusto si trovano esclusivamente sotto la lingua b. i recettori sensoriali sono presenti anche negli organi interni c. le terminazioni dei recettori del dolore arrivano agli strati più superficiali della pelle d. i recettori del gusto si trovano nelle papille gustative e. il padiglione auricolare serve per raccogliere le onde sonore e può essere fisso o mobile f. la sensibilità è caratteristica degli animali superiori g. il cervello riceve le informazioni della posizione del nostro corpo grazie al timpano 19

20 h. quando siamo in motorino l unico organo interessato è la vista, quindi per evitare gli incidenti è sufficiente vedere bene la strada di fronte a noi i. le sopraciglia impediscono al sudore di scendere verso gli occhi j. le palpebre sono due archi di peli posti sopra le orbite k. le lacrime disinfettano l occhio l. le ciglia sono peli posti sopra le orbite m. le sopracciglia sono peli posti sopra le orbite n. il battito delle palpebre è sempre costante o. il cristallino è una lente di forma fissa p. il fenomeno grazie al quale i girasoli si orientano verso la luce è il fototropismo /4 17. Completa la seguente tabella: 5 buone norme per. Difendere il nostro udito Difendere la nostra vista Difendere la nostra vita e quella altrui quando siamo sulla strada (camminando, alla guida, in bicicletta, correndo..) 18. Ad ognuno l organo di senso maggiormente sviluppato : individua qual è l organo di senso più sviluppato in ciascuna delle seguenti categorie e giustifica la tua risposta /6 Animale Gatto Cane Coniglio Talpa Pesce Insetto Uccello Organo di senso più sviluppato Spiegazione del perchè 20

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe I Scuola Primaria CONOSCERE CON I SENSI. Esplorare l ambiente attraverso i sensi Senso formativo del percorso L argomento degli organi di senso viene trattato

Dettagli

Scopriamo il nostro giardino

Scopriamo il nostro giardino Scuola materna S.S. Redentore A.S. 2008/2009 Ins. Anna Bagnarol Scopriamo il nostro giardino Al progetto hanno partecipato i bambini della sezione dei GRANDI. Obiettivi generali: L obiettivo principale

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

A SCUOLA INSIEME: ESPERIENZE DI CONTINUITA TRA SCUOLA D INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA. 1. SCENEGGIATURA

A SCUOLA INSIEME: ESPERIENZE DI CONTINUITA TRA SCUOLA D INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA. 1. SCENEGGIATURA A SCUOLA INSIEME: ESPERIENZE DI CONTINUITA TRA SCUOLA D INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA. 1. SCENEGGIATURA DOCENTE TITOLO UNITA DIDATTICA (termine generico per indicare un attività didattica omogenea e congruente,

Dettagli

Laboratorio di robotica: proposte per alcune attività didattiche di Cristana Bianchi Descrizione dell unità di lavoro e apprendimento L unità di lavoro viene programmata e realizzata con l intento di introdurre

Dettagli

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h

Luoghi. Contenuti digitali. didattiche aperte. Competenze digitali del docente. In aula: 9 h A casa: 4 h 88 l e z i o n i d i g i ta l i U n i tà d i A P P R e n d i M e n t o A10 LA LUCE Tempi In aula: 9 h A casa: 4 h Luoghi Aula con lavagna LIM o PC con videoproiettore 1 PC per lavori individuali Per alcune

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico CURRICOLO DI SCIENZE A.S. 2013-2014 I MATERIALI: CLASSE PRIMA

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010

PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 PROGETTO 5 SENSI Anno Scolastico 2009-2010 Alla scoperta dei cinque sensi: gustare con gli occhi, vedere con le mani,ascoltare gli odori. Un viaggio nel mondo della percezione Vedo il mondo, se tu mi parli

Dettagli

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato

Nella stesura del percorso di scienze per la classe seconda ho desiderato LA LINGUA E I DENTI dall albero al corpo umano in seconda primaria di Silvia Bonati* Può iniziare il percorso di conoscenza del corpo umano nella classe seconda della scuola primaria. Un percorso che,

Dettagli

SIS Piemonte Scuola Interateneo di Specializzazione per la formazione degli Insegnanti della Scuola Secondaria

SIS Piemonte Scuola Interateneo di Specializzazione per la formazione degli Insegnanti della Scuola Secondaria SIS Piemonte Scuola Interateneo di Specializzazione per la formazione degli Insegnanti della Scuola Secondaria Le molecole biologiche in apprendimento cooperativo Autore: Prof.ssa Elena Vittoria TIBALDI

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Progetto PRO.VA.RE. Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo

Progetto PRO.VA.RE. Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo Misure di accompagnamento per l attuazione delle Indicazioni Nazionali per la Scuola dell Infanzia e del primo ciclo Progetto PRO.VA.RE PROgettare per VAlutaRE in Scienze Istituto Capofila: I.C. di Trescore

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

SISTEMA NERVOSO E ORGANI DI SENSO

SISTEMA NERVOSO E ORGANI DI SENSO Unità SISTEMA NERVOSO E ORGANI DI SENSO Il sistema nervoso Un uomo viaggia in autostrada. E molto attento: guarda le auto che gli stanno davanti, guarda lo specchietto retrovisore, controlla la velocità,

Dettagli

ALL ARREMBAGGIO DELLA MATEMATICA!

ALL ARREMBAGGIO DELLA MATEMATICA! ISTITUTO COMPRENSIVO SAN FRANCESCO D ASSISI SCUOLA PRIMARIA EX REDENTORISTI COSSILA SAN GIOVANNI- BIELLA Classe seconda, A.S. 2013/2014 ALL ARREMBAGGIO DELLA MATEMATICA! DOCENTE: BRUNA RAMELLA PRALUNGO

Dettagli

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi*

n. 53 giugno 2014 ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* ADOTTIAMO UNA QUERCIA Fare scienza nella prima classe primaria di Simona Bardessaghi* Il racconto di un percorso sul mondo vegetale, svolto proprio all inizio del cammino scolastico, si snoda con chiarezza

Dettagli

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 Scuola primaria «Calvino» - Moncalieri - Laboratorio "LUCE E VISIONE" con Rosanna Petiti 1 1^ incontro Scoprire quali sono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA HANNO PARTECIPATO AL CORSO DI FORMAZIONE TUTTE LE SCUOLE DELL INFANZIA PIMPA DI AQUILEIA Insegnante Titotto MICHIELI DI FIUMICELLO Insegnante Puntin (Che proporranno

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici.

Descrizione dell unità. Titolo Le proiezioni ortogonali. Autore Sabrina Rosano. Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Descrizione dell unità Titolo Le proiezioni ortogonali Autore Sabrina Rosano Tematica Le proiezioni sui tre piani principali di solidi geometrici. Finalità e obiettivi di apprendimento Far comprendere

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Secondaria Pazzini Villa Verucchio Per l anno scolastico 2011 la scuola secondaria Pazzini di Villa Verucchio ha scelto per la classe I F il laboratorio Adolescenza a fumetti, per le classi II H,

Dettagli

PROTOCOLLO CONTINUITA

PROTOCOLLO CONTINUITA PROTOCOLLO CONTINUITA Premessa La continuità educativa e didattica costituisce un valore fondamentale per la formazione e la crescita dei bambini e dei ragazzi. Essa è richiamata più volte dalla normativa

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

1. LE REGOLE EDUCAZIONE ALLA LEGALITA OBIETTIVI

1. LE REGOLE EDUCAZIONE ALLA LEGALITA OBIETTIVI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA 1. LE REGOLE OBIETTIVI Sapere: Che la convivenza tra soggetti diversi ha bisogno di regole. Conoscere il significato della parola Regola della forte connessione tra regole e valori.

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1

SCIENZE. Le scienze e il metodo sperimentale, la materia e le sue proprietà. Le scienze e il metodo sperimentale 01.1 il testo: 01.1 sperimentale Le scienze studiano i fenomeni della natura (fenomeni naturali). Spesso noi osserviamo la natura e ci chiediamo perché avvengono certi fenomeni. Ad esempio, ti sarà capitato

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE.

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE

Dettagli

Movimento dell acqua attraverso le membrane

Movimento dell acqua attraverso le membrane Movimento dell acqua attraverso le membrane Il percorso presentato è solo una parte di un percorso più ampio, che si può ipotizzare come parte di un curricolo verticale che si sviluppa dalle prime classi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

Attività didattiche. Gli alimenti: impariamo a degustarli e riconoscerli. Paola Viesi

Attività didattiche. Gli alimenti: impariamo a degustarli e riconoscerli. Paola Viesi Attività didattiche Gli alimenti: impariamo a degustarli e riconoscerli w w w. f o n d a z i o n e s l o w f o o d. i t Premessa Qui di seguito trovi tre proposte di attività per imparare a conosce, distinguere

Dettagli

IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO

IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO La realizzazione delle tastiere virtuali didattiche - 3 a parte Prosegue l articolo in cui l autore chiarisce che l individuazione o l impostazione della struttura logica

Dettagli

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi Docente: Scuola: Classe/i: CORRIAS RAFFAELA PRIMARIA 1^ A Discipline riportate: ARTE E IMMAGINE MATEMATICA SCIENZE - GEOGRAFIA 1) Disciplina: ARTE E IMMAGINE Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE

E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE E LUCE FU PROGETTO DI SCIENZE SULLA LUCE Gruppo : DOCENTI DI CLASSE TERZA Ordine di Scuola: PRIMARIA Istituti coinvolti: ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO Classi/anni: CLASSI TERZE /ANNI NOVE Competenze:

Dettagli

Come studiare matematica

Come studiare matematica Come studiare matematica Consigli pratici sul metodo di studio Se l uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra. Galileo Galilei Docente di Matematica e Informatica Istituto

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico Scuola primaria Capraia Isola Pluriclasse (classi terza e quinta):

Dettagli

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità Progetto di musicoterapia I.P.S. Falcone Palazzolo S/O a.s. 2008/09 1 Scaletta 1 incontro 24 novembre 2008 - Finalità generale: Migliorare la socializzazione. Interazione positiva con tutti i compagni.

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA NELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Collamati Beatrice Scuola secondaria di I grado di Stresa

Dettagli

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1

Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Relazione finale Progetto : NOI, AMICI SPECIALI ins. Gallo Maria classe L1 Quando si è trattato di definire un progetto da realizzare per la conclusione del primo anno DOL ho cercato d focalizzare le caratteristiche

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE

Scuola dell infanzia di Montefano Progetto per la Valutazione e il miglioramento del POF RELAZIONE FINALE INDICE 1. Premessa 2. Percorso Progettuale 2.1 Nuclei concettuali affrontati durante gli incontri con il gruppo dei bambini 2.2 Didattica sul metodo scelto 3. Conclusione del Progetto Relazione dell insegnante

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14. PROF.SSA Claudia Zardini. MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF.SSA Claudia Zardini MATERIA: Scienze CLASSE II C DATA DI PRESENTAZIONE: 29/11/13 Finalità della disciplina Nell ambito dell intero processo

Dettagli

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento

ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento ECHO Informazioni sulla Svizzera: Regole pratiche per l insegnamento Giugno 2005 Cari docenti, Vi ringraziamo per aver aderito al progetto ECHO mirante a fornire ai partecipanti al corso di orientamento

Dettagli

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata CORSO LIBERI DI SCEGLIERE Prima giornata Ore 16,45 manuali Benvenuto lezione frontale Foglio firme, biro, posizionare le sedie a cerchio. Breve presentazione del Gruppo di Lavoro e metodologia interattiva...

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER!

IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER! IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 AL COMPUTER, AL COMPUTER! S T R U M EN T O E 7 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER! Atto I, scena I: La terra promessa (ovvero le

Dettagli

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA

EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA EDUCATRICI DI SEZIONE: ABELLI MARISA, BERGAMASCHI VERONICA CORBELLINI ILARIA Presentazione della sezione: Diego 02/2009 Luca 01/2009 Jacopo 03/2009 Maria Beatrice 12/2009 Raul 12/2009 Virginia 06/2009

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

DISCIPLINA : SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA. TRAGUARDI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DI: CL.

DISCIPLINA : SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA. TRAGUARDI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DI: CL. DISCIPLINA : SCIENZE NATURALI E SPERIMENTALI CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DI: CL. 3^ primaria) Esplora i fenomeni con un approccio scientifico: con l'aiuto dell'insegnante

Dettagli

1. Come è nata l esperienza

1. Come è nata l esperienza Storia di una collaborazione di Maurizio Cattaneo, docente di sostegno pedagogico e Antonella Frezza, docente di matematica Rivista del Servizio di sostegno pedagogico della Scuola media, no. 12, marzo

Dettagli

Il mestiere impossibile. Andrea Varani

Il mestiere impossibile. Andrea Varani Andrea Varani Il mestiere impossibile Insegnare diventa spesso un mestiere impossibile, implica agire con urgenza, decidere nell incertezza, operare senza avere il tempo di meditare. Tutto ciò senza una

Dettagli

Istituto comprensivo Arbe Zara

Istituto comprensivo Arbe Zara Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/6080097 Scuola Secondaria di primo grado Falcone Borsellino Viale Sarca, 24 Milano Tel- 02/88448270 A.s 2015 /2016 Progettazione didattica della

Dettagli

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE

LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE LA LUCE, I COLORI, LA VISIONE Si è elaborato un percorso sia per la scuola primaria sia per la scuola secondaria di primo grado. I moduli sono indipendenti gli uni dagli altri ma sono presentati secondo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

99 idee per fare esercizi in classe

99 idee per fare esercizi in classe Metodologie e percorsi per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Wencke Sorrentino, Hans Jürgen Linser e Liane Paradies 99 idee per fare

Dettagli

SCHEMA DI SCENEGGIATURA. Bruzzi Alessandra, Guardincerri Patrizia, Montesissa Giuliana, Giorgi Donatella, Vilardo Mariarosa

SCHEMA DI SCENEGGIATURA. Bruzzi Alessandra, Guardincerri Patrizia, Montesissa Giuliana, Giorgi Donatella, Vilardo Mariarosa SCHEMA DI SCENEGGIATURA DOCENTE/I TITOLO UNITA (termine generico per indicare un attività didattica omogenea e congruente, a scelta dei docenti può trattarsi di una singola unità, di più unità, di un modulo)

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta

Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta Dalla germinazione alle funzioni delle parti di una pianta La progettualità della classe seconda di scuola primaria è partita dalla realizzazione, effettuata nel precedente anno scolastico, di un piccolo

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO

AUTOREGOLAZIONE PER IL COMPITO B5 queste schede ti aiuteranno a scoprire quanto sia utile autointerrogarsi e autovalutarsi potrai renderti conto di quanto sia utile porsi domande per verificare la propria preparazione se ti eserciterai

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Scheda di presentazione dei percorsi tematici

Scheda di presentazione dei percorsi tematici Scheda di presentazione dei percorsi tematici 1. Dati generali Nome e cognome Moscatelli Cristina, Flemma Donatella Presidio di riferimento Perugia (Umbria) Istituto di appartenenza 3 Circolo didattico

Dettagli

LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Corso di formazione per docenti Nuovi scenari formativi in una scuola inclusiva LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Prof. Maurizio Molendini 1 La lavagna

Dettagli

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12 PROBLEMI DI MISURA Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN Classe Quinta 22/02/12 Panoramica progetto Descrizione generale di argomento e contenuto Obiettivi formativi (conoscenze/abilità/

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI

I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI I SUONI DEL CORPO E LE PARTITURE INFORMALI Obiettivi: * sviluppare il pensiero divergente controllato (pensiero esplorativo); * classificare i suoni ed i rumori in base alla fonte e alla provenienza.;

Dettagli

Il volume e la capacità: un percorso, tanti sentieri. Antonella Vieri I Circolo Sesto Fiorentino

Il volume e la capacità: un percorso, tanti sentieri. Antonella Vieri I Circolo Sesto Fiorentino Il volume e la capacità: un percorso, tanti sentieri Antonella Vieri I Circolo Sesto Fiorentino VOLUME è la MISURA DELLA QUANTITA DI SPAZIO OCCUPATO DA UN CORPO Conservazione della quantità attraverso

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE

SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE SCUOLA PRIMARIA ORGANIZZAZIONE CURRICOLARE ITALIANO termine della classe L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e adulti. Legge e comprende brevi testi con correttezza e rapidità; dimostra

Dettagli

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO Scuole dell Infanzia I.C. Igea Marina Anno scolastico 2014/2015 Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico una scuola è uno spazio speciale in cui gli esseri

Dettagli

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud)

I BAMBINI e il TEMPO. di CRISTIANA BOTTO. Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) I BAMBINI e il TEMPO di CRISTIANA BOTTO Scuola dell Infanzia di San Daniele del Friuli (Ud) PERCHE LA SCELTA DI FREQUENTARE UN LABORATORIO SUL TEMA DEL TEMPO Necessità di: aumentare le proprie competenze

Dettagli

CAMPUS PALINDROMO Non esiste un solo modo per leggere

CAMPUS PALINDROMO Non esiste un solo modo per leggere Struttura Complessa di Neuropsichiatria Infantile SAVIGLIANO SALUZZO FOSSANO CAMPUS PALINDROMO Non esiste un solo modo per leggere Il Campus PALINDROMO, nasce nel 2003 dalla collaborazione tra l Istituto

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE

CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE MOVING SCHOOL 21 PROGETTO LA SCUOLA IN MOVIMENTO CATALOGO DI ESERCIZI PER PAUSE IN MOVIMENTO. ESERCIZI PER STIMOLARE LA CONCENTRAZIONE Autore: Stephan Riegger, Berlinbewegt e.v., Moving School 21 1 Stimola

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA) /ESPERIENZE LA CONOSCENZA DEL MONDO L alunno osserva con curiosità lo svolgersi dei più comuni fenomeni, ne immagina e ne verifica le cause, rendendosi sempre più

Dettagli

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO

CURRICOLO CLASSI I II III IV - V SCUOLE PRIMARIE IC PORTO MANTOVANO ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4 35040 Boara Pisani (PD) Quando comunichiamo con altre persone dobbiamo riuscire a capire: se ci stanno seguendo, se comprendono

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

Nulla è come appare. Viaggio nello Spazio

Nulla è come appare. Viaggio nello Spazio Nulla è come appare Viaggio nello Spazio Oggi, 12 marzo 2012 è venuto nella nostra scuola, il dott. Renzo Rancoita, biofisico vegetale nonché studioso e appassionato di scienza e filosofia orientale e

Dettagli