COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO"

Transcript

1 COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Area Programmazione e Gestione del Territorio Accordo quadro con un unico operatore economico per l affidamento dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria del verde di proprietà comunale per il periodo 01/09/ /08/2017 Ufficio Tecnico Comunale Il Direttore d Area: Arch. Elena Chiarelli DESCRIZIONE DELLE LAVORAZIONI San Giorgio di Piano, maggio 2015

2 INDICE DEFINIZIONI MANUTENZIONE ORDINARIA DEL VERDE PUBBLICO Sfalcio dei prati Cespugli e siepi Operazioni d impianto Alberature Pulizia e tutela igienica aree verdi COLTIVAZIONI E CURE COLTURALI Lavorazioni e cure colturali Semina o trasemina di prati Potatura alberi Abbattimento alberi Irrigazioni Trattamenti fitosanitari e di lotta preventiva Monitoraggio dei parassiti e delle fitopatie Verifica statica strumentale (metodo VTA) delle alberature Aggiornamento anagrafica alberature ATTREZZATURE LUDICHE E SPORTIVE Censimento ed anagrafica Monitoraggio LAVORAZIONI E DIVERSI SERVIZI COMPLEMENTARI Lavorazioni e servizi diversi e complementari Utilizzi di prodotti Fitosanitari ad uso Diserbante Specifiche tecniche di dettaglio per l esecuzione delle prestazioni PRESCRIZIONI TECNICHE DI SICUREZZA PER INTERVENTI SU STRADA Schede tipo delle strutture a verde impiegabili sul territorio comunale

3 DEFINIZIONI Area verde: area territoriale, o insieme delle aree, di proprietà pubblica o privata, destinata a parco, giardino o comunque rivestita, attualmente o in progetto, da vegetazione di origine artificiale o naturale. Albero (o esemplare arboreo): pianta legnosa che a pieno sviluppo presenta un altezza di almeno 5 metri, ed un asse principale, detto fusto o tronco, perenne, ben definito e prevalente sulla massa delle ramificazioni, il quale raggiunga, sempre a pieno sviluppo, un diametro di almeno 5 centimetri. A tal riguardo si definiscono: - alberi di Ia grandezza = altezza a maturità > 18 metri - alberi di IIa grandezza = altezza a maturità metri - alberi di IIIa grandezza = altezza a maturità < 10 metri Arbusto (o esemplare arbustivo): pianta legnosa priva anche di uno solo dei requisiti necessari per la definizione di albero, così come stabilita al punto precedente. Diametro del fusto: diametro della sezione di un fusto legnoso di un esemplare arboreo, misurato, ortogonalmente all asse del fusto stesso, ad un altezza di m 1,30 dal terreno. Circonferenza del fusto: circonferenza della sezione del fusto come descritta alla definizione del diametro di esso. Diametro dei rami o branche: diametro della sezione dei rami o branche misurata al termine distale della loro svasatura di raccordo con il fusto o con il ramo di ordine superiore. Latifoglie: specie a foglia larga. Si dividono usualmente in: - Specie decidue. Durante il periodo di riposo vegetativo perdono le foglie. - Specie decidue semipersistenti. Parte dell apparato fogliare persiste, secco ed attaccato ai rami, durante il periodo invernale. - Specie sempreverdi. Durante il periodo di riposo vegetativo non perdono le foglie. Conifere: specie con foglia aghiforme o a scaglia. Si dividono usualmente in: - Specie sempreverdi. Durante il periodo di riposo vegetativo non perdono le foglie. - Specie decidue. Durante il periodo di riposo vegetativo perdono le foglie. Portamento: esprime la forma e densità della chioma della pianta. Si divide in: - Colonnare (anche fastigiato). Caratteristiche: La chioma ed i rami aderiscono al tronco formando angoli molto stretti, minori di 30. Es. specie: Cupressus sempervirens, Populus nigra, Thuya ssp. var., Carpinus betulus var. - Espanso. Caratteristiche: I rami sono divaricati rispetto al tronco con il quale formano angoli di circa 90, con andamento orizzontale. Es. specie: Catalpa ssp., Pinus pinea, Cedrus libani. - Ovoidale. Caratteristiche: Predominanza dei rami centrali sui laterali, che formano con il tronco angoli da 40 a 70, con andamento verso l alto. Es. specie: Betula alba, Quercus ssp., Tilia ssp., Prunus ssp., Platanus ssp., Fraxinus ssp., Ulmus ssp. - Globoso. Caratteristiche: Rami inseriti sul fusto con il quale formano angoli da 40 a 70. Es. specie: Aesculus ssp., Olea, Sophora ssp., - Piramidale. Caratteristiche: I rami si estendono progressivamente e simmetricamente dall asse principale formando angoli di 90. Es. specie: Carpinus ssp., tutte le Conifere, Magnolia grandiflora. - Piangente. Caratteristiche: I rami sono rivolti verso il basso. Es. specie: Salix babylonica, Betula pendula, Fraxinus pendula. Potatura: taglio di parti vive della chioma di esemplare arboreo o arbustivo.

4 CLASSIFICAZIONE DEL VERDE PUBBLICO Il verde pubblico è classificato nelle seguenti tipologie manutentive e colturali: a) Tip. 1 - piccole aiuole, giardinetti urbani pubblici estremamente intensivi e ad elevatissima utenza, con superficie massima di ogni singola area di mq , verde monumentale; b) Tip. 2 - giardini urbani di media ampiezza, meno intensivi, aiuole molto ampie, con superficie di ogni area compresa fra e mq., verde cimiteriale. c) Tip. 3 - parchi urbani pubblici e scolastici estensivi, aree urbane semi-allestite con superficie di ogni singola area superiore ai mq. Sfalcio dei prati MANUTENZIONE ORDINARIA DEL VERDE PUBBLICO Periodicità: numero di interventi variabili lungo la stagione vegetativa dei prati (da marzo a ottobre), programmati in base all'andamento climatico e indicativamente stabiliti, ma in modo esclusivamente orientativo e non vincolante per la Stazione Appaltante, nelle quantità individuate nel programma delle Manutenzioni Ordinarie. Modalità operativa: L'intervento comporta la tradizionale operazione di taglio dell'erba che deve porsi come obiettivo la conservazione e l'infittimento del cotico erboso, in modo tale da garantire sia la protezione e conservazione del suolo, sia l'agevole fruizione delle aree verdi, nonché le funzioni estetiche, igieniche e di decoro delle medesime, in rapporto al contesto specifico di ciascun area. Tale operazione deve perciò essere eseguita con le modalità dettate dalla buona tecnica agraria, in modo tale da favorire l'accestimento delle erbe ed il giusto equilibrio fra le specie che costituiscono la popolazione erbacea costituente il prato. Tempi e periodicità delle operazioni di sfalcio verranno definiti, in accordo con il Direttore dei Lavori, dall'appaltatore, che avrà cura di effettuare la programmazione di massima annuale e quella di dettaglio mensile. Indicativamente ogni intervento non dovrà superare le dieci (10) giornate lavorative. Ogni intervento di sfalcio dovrà essere sempre integrato con la pulizia preventiva dell area, con controllo successivo, dai rifiuti abbandonati. In linea generale, il materiale di risulta dello sfalcio medesimo, dovrà essere asportato, salvo aree con particolare tipologia di fruizione, ove sussista diversa prescrizione del Direttore dei Lavori. L'intervento dovrà effettuarsi esclusivamente con macchine operatrici ad asse rotante (verticale od orizzontale), con esclusione dell impiego di barre falcianti. L'Appaltatore, qualora in alcuni interventi non sia prevista la raccolta della risulta di sfalcio, dovrà verificare che queste siano finemente sminuzzate (steli inferiori a centimetri cinque) e che, ad operazione ultimata, il materiale risulti uniformemente distribuito su tutta la superficie di intervento. Non dovranno perciò ritrovarsi, al termine di ogni intervento di sfalcio, andane, cumuli, depositi di materiale vegetale né sui prati né nelle zone a copertura inerte. Per completare lo sfalcio occorre effettuare: - rifilatura di bordi, scoline, scarpate e simili; - rifilatura degli spazi circostanti eventuali (panchine, attrezzature ludiche/sportive, ecc.); - eliminazione delle erbe infestanti in superfici a copertura inerte (percorsi, piazzali, marciapiedi) compresi nelle aree verdi appaltate e ad esse prospicienti sulle pubbliche vie. Il materiale di risulta dovrà essere prontamente allontanato in ottemperanza alle normative vigenti in materia presso il Centro di Raccolta dei Rifiuti del Comune di San Giorgio di Piano con le prescrizioni e le modalità indicate dalla Direzione dei lavori.

5 Il lavoro di sfalcio verrà compensato a misura in base all'elenco prezzi contrattuale. Particolare attenzione dovrà essere prestata per non arrecare danni alla base dei fusti delle piante legnose, adottando opportune modalità operative ed adeguati attrezzi e macchine operatrici, con massima cautela nell'uso del decespugliatore. Le strutture e le piante danneggiate saranno ripristinate a cura della ditta appaltatrice ed ogni danno deve essere tempestivamente segnalato all Ufficio Tecnico Comunale ai fini della valutazione economica del danno medesimo che sarà posto a carico della ditta appaltatrice. L importo corrispondente alle aree adottate dai cittadini (circa mq. di piccole dimensioni) dovrà essere convertito in manutenzioni e/o forniture in base alle voci dell elenco prezzi. Cespugli e siepi Potatura La potatura di siepi e cespugli avverrà secondo forme obbligate per particolari necessità e secondo forme più naturali in tutti gli altri casi. Potranno essere previsti interventi di manutenzione per il rinnovo e per la riduzione straordinaria di determinate siepi senza diritto a maggiori compensi. Dovranno essere impiegati macchinari che permettano interventi rispettosi della pianta e che provochino il minimo di lesioni; i tosasiepi a pettine o idraulici dovranno essere impiegati solo in casi particolari e previa autorizzazione dell Ufficio Tecnico Comunale. Durante tali operazioni la ditta appaltatrice dovrà provvedere alla rimonda dei rami secchi ed irrimediabilmente ammalati. Il materiale di risulta dovrà essere raccolto entro due giorni e smaltito in ottemperanza alle normative vigenti in materia, con spese a totale carico della ditta appaltatrice, nessuna esclusa. Asportazione delle infestanti In occasione di ogni intervento di lavorazione del terreno o di potatura, la ditta appaltatrice avrà cura di asportare anche a mano tutte le specie erbacee o sarmentose che nel tempo abbiano proliferato all interno delle siepi. Il materiale di risulta dovrà essere raccolto entro due giorni e smaltito in ottemperanza alle normative vigenti in materia, con spese a totale carico della ditta appaltatrice, nessuna esclusa. Modalità operative: Le eventuali operazioni di impianto, secondo la qualità dei materiali impiegati, di specie arboree ed arbustive e/o di formazione di coperture erbose dovranno avvenire nel rispetto delle singole voci indicate nel presente elaborato tecnico estesamente riportate nelle corrispondenti voci dell Elenco Prezzi. Fatta salva la facoltà dell Appaltatore di proporre, su richiesta del Direttore dei Lavori o su necessità ravvisate in corso di monitoraggio, attraverso specifica segnalazione o richiesta di lavorazione/prestazione, proprie soluzioni progettuali e metodologiche, apportando il valore della propria specifica competenza settoriale, il Direttore dei Lavori ha facoltà di impartire ogni prescrizione progettuale e metodologica che ritenga necessaria al compimento delle operazioni d impianto a regola d arte, nonché di controllare e valutare con ogni effetto la qualità dei materiali e delle operazioni. Le operazioni d impianto potranno prevedere forniture di materiali vegetali o inerti da parte dell Appaltatore, le cui specifiche di fornitura si considerano esaustivamente riportate nelle corrispondenti voci dell Elenco Prezzi. I prezzi di elenco sono altresì considerati integralmente comprensivi di spese generali e utili d impresa, per materiali consegnati franco cantiere su autocarro, riferiti a materiale di buona qualità rispondente alle caratteristiche stabilite per consuetudine commerciale. Alberature Spollonatura Per spollonatura deve intendersi l eliminazione dei giovani rami al piede e sul tronco degli alberi (non a portamento piramidale) fino all inserimento delle branche primarie. L intervento è da effettuarsi

6 avendo cura di non danneggiare i tessuti corticali del tronco. Il materiale di risulta dovrà essere raccolto entro due giorni e smaltito in ottemperanza alle normative vigenti in materia, con spese a totale carico della ditta appaltatrice, nessuna esclusa. Abbattimenti Il materiale di risulta dovrà essere raccolto entro 24 ore e smaltito in ottemperanza alle normative vigenti in materia, con spese a totale carico della ditta appaltatrice, nessuna esclusa. Se il conferimento avverrà al Centro Raccolta Rifiuti di san Giorgio di Piano dovrà essere quantificata una somma di. 300 ad intervento da convertire in manutenzioni e/o forniture in base alle voci dell elenco prezzi. Potatura di rimonda dal seccume In linea di massima se vengono rispettati i criteri d impianto, l albero non necessita di essere potato; l intervento cesoreo è limitato solo ai casi di emergenza come schianto di rami e branche malate e pericolose. L intervento di rimonda dal seccume prevede il costante controllo delle alberature e l immediata soppressione di branche e rami a qualunque altezza situati, non più vegeti, gravemente lesi e potenzialmente pericolosi, ed è eseguito tramite corretti interventi di potatura che prevedano anche la disinfezione e protezione delle superfici di taglio. Il materiale di risulta dovrà essere raccolto entro due giorni e smaltito in ottemperanza alle normative vigenti in materia, con spese a totale carico della ditta appaltatrice, nessuna esclusa. Piantagioni 1 - Le dimensioni degli alberi dovranno essere misurate come indicato di seguito: - circonferenza del fusto: misurata a 100 cm di altezza oltre il colletto non inferiore a cm. 18; - altezza dell albero: distanza tra il colletto e l apice della pianta (altezza non inferiore a 3,50 metri); - altezza di impalcatura: distanza intercorrente tra il colletto e il punto di emergenza del ramo maestro più basso. Per gli alberi richiesti impalcati, l altezza di impalcatura dovrà essere di 1,80 2 m, per gli alberi che andranno a costituire viali, dovranno avere un altezza di impalcatura di almeno 2,5 m. - diametro della chioma: diametro rilevato alla prima impalcatura per le conifere e a due terzi dell altezza per gli altri alberi, dovrà essere proporzionata al diametro del tronco. Gli alberi devono essere stati specificatamente allevati per il tipo di impiego previsto (alberature stradali, macchie, esemplari isolati, ecc...). In riferimento alla Legge Regionale n. 3 del 20/01/2004 il vivaista deve rilasciare il passaporto della pianta se rientrante nell elenco di cui si chiede l accreditamento. Il fusto dovrà essere diritto ed assurgente. Le piante dovranno essere esenti da deformazioni, capitozzature, ferite di qualsiasi natura, grosse cicatrici, o segni conseguenti a urti, grandine, legature, ustioni da sole, gelo o altro tipo di scortecciamento garantite sotto il profilo fitopatologico (es. non affette da funghi patogeni, ecc.) La chioma dovrà essere a forma libera, correttamente ramificata, uniforme ed equilibrata per simmetria e distribuzione delle branche principali e secondarie all interno della stessa. Gli alberi dovranno presentare una freccia centrale, sana e vitale, fatta eccezione per le varietà pendule o con forma globosa, salvo quanto diversamente specificato nel progetto o richiesto dalla Direzione Lavori. Nel caso siano richieste piante ramificate dalla base, queste dovranno presentare un fusto centrale diritto, con ramificazioni inserite a partire dal colletto. Tali ramificazioni dovranno essere inserite uniformemente sul fusto in tutta la sua circonferenza e altezza. Nel caso in cui siano richieste piante a più fusti, questi dovranno essere almeno tre ed equivalenti come diametro, distribuiti in maniera equilibrata. Le piante devono avere subito i necessari trapianti in vivaio (l ultimo da non più di due anni e da almeno uno) in base alle seguenti indicazioni: specie a foglia caduca, fino alla circonferenza di cm almeno un trapianto, fino a almeno due trapianti, fino a almeno tre trapianti; sempreverdi: fino all altezza di 2-2,5 m almeno un trapianto, fino a 3-3,5 m almeno due trapianti, fino a 5 m almeno 3 trapianti.

7 L apparato radicale dovrà presentarsi ben accestito, ricco di piccole ramificazioni e di radici capillari fresche e sane e privo di tagli con diametro superiore a 1 cm. Gli alberi dovranno essere forniti in contenitore o in zolla a seconda delle disposizioni progettuali, se richiesto, potranno essere fornite a radice nuda, purché si tratti di piante caducifoglie e di piccole dimensioni in fase di riposo vegetativo. Per le piante in zolla, questa dovrà avere le seguenti dimensioni: diametro pari a dieci volte quello del tronco, misurato a 100 cm dal colletto, con un altezza della zolla di almeno 4/5 del suo diametro. Per quanto riguarda le conifere, la zolla dovrà avere diametro pari al 15% dell altezza totale della pianta e altezza pari a 3/4 del dimetro della zolla. Se il progetto richiede piante in zolla e l Appaltatore per suo interesse dispone di piante in contenitore, queste potranno essere accettate dalla Direzione Lavori purché abbiano le caratteristiche indicate nell elenco prezzi, senza però aver diritto ad alcun maggior compenso. Nel caso vengano richieste dal progetto piante forestali, queste devono provenire da produzioni specializzate poste nelle vicinanze dell area di impianto, realizzate con seme di provenienza locale, con un minimo di 3 anni di età, essere ben conformate, avere subito almeno un trapianto, essere poste in contenitori per le conifere, a radice nuda o contenitore per le caducifoglie. Per esemplari si intendono quegli alberi di grandi dimensioni, in relazione alla specie di appartenenza, che presentino un particolare valore ornamentale. Dovranno essere stati allevati isolatamente per questo scopo Le norme a cui attenersi per la messa a dimora di alberi a foglia caduca o persistente in area verde, posti a piè d opera dall impresa, comprendono: - la chioma deve presentare una freccia apicale ben sviluppata ed una ramificazione ben distribuita lungo il tronco (vedi esempio); - il reinterro uniforme; - la formazione della conca di compluvio (formella); - la protezione del fusto con arelle in canne fino a minimo due metri di altezza dal colletto; - la fornitura ed il collocamento di n 2/3 pali tutori in legno trattato o castagno con un diametro non inferiore di cm. 6; - la legatura con corde idonee in materiale plastico ed elastico e degradabile con il tempo; - la fornitura e la distribuzione di ammendanti organici (terriccio) e di concimi organico minerale; - una bagnatura iniziale con almeno 50/200 litri di acqua a secondo le dimensioni dell albero; - la fornitura di tubo dreno interrato per irrigazione; - telo pacciamante in fibra biodegradabile di 1 mq ; - colletto di protezione contro danni da decespugliatore per una larghezza minima di cm 10; - gli oneri di manutenzione totale e la garanzia di attecchimento per anni due. 2 - Per una corretta piantagione si deve: - Scavo della buca (vedi esempio) che deve essere 1.5 volte le dimensioni del pane di terra da contenere, si dovrà fare attenzione a non costipare il terreno circostante le pareti o il fondo della stessa buca, in particolare occorrerà smuovere il terreno sulle pareti e sul fondo della buca per evitare l effetto vaso (asfissia e ristagno acqua). Nei terreni argillosi si deve procedere al riempimento parziale della buca con terra e torba e lapillo, predisponendo in modo che le piante poggino la zolla su uno strato idoneo di miscuglio terra-torba-lapillo ben assestato. - Mantenere il colletto della pianta a livello della superficie del terreno, nei casi di terreni tendenzialmente argillosi, opzionarlo alcuni centimetri al disopra del terreno preesistente; - Posizionare il tubo drenante forato doppia parete, attorno alla zolla; l estremità che rimane nel terreno viene otturata, mentre l altra estremità viene fissata all esterno della buca a un palo tutore. Questa tecnica permette di mantenere areato il terreno nel tempo e di poter irrigare manualmente più facilmente innestando il tubo di irrigazione nel tubo drenante;

8 - Prima della messa a dimora eseguire potature per armonizzare la chioma (fatta eccezione per il taglio degli eventuali rami secchi o danneggiati durante il trapianto). dovranno essere eliminati quei rami che l albero non ha scelto per il proprio sviluppo strutturale (es. doppie cime). - Procedere con il posizionamento di arelle in canne, sui fusti degli alberi già posti in posizione verticale, per un altezza di mt 2, questo per evitare l eccessiva traspirazione delle piante ed eventuali scottatura da sole dei tessuti del fusto. - Posizionare pali tutori (vedi esempi allegati) in legno trattato o castagno che devono sorreggere la pianta nei primi anni di vita (generalmente in numero da 2 a 3), non devono superare il metro e mezzo di altezza fuori terreno collocati o in diagonale rispetto all asse della pianta o a forma di castello (U rovesciato). In questo modo l albero può muoversi liberamente sotto l azione del vento; - Assicurarsi prima di chiudere la buca che la pianta sia in posizione verticale da tutti i lati - Chiusura buca con terreno idoneo, il quale non deve superare il livello del terreno circostante ed eventualmente formare la conca di compluvio; - Collocare Biostuoia in fibra biodegradabile intorno al albero avente misure non inferiori ad un mq, questo per evitare la crescita delle erbe infestanti e mantenere fresco il terreno sottostante. - Collare protezione in gomma, da posizionare attorno colletto della pianta, per proteggerla da eventuali danni da decespugliatore, deve essere in materiale plastico ed elastico di dimensioni in larghezza non inferiori ai cm 10 e coprire l intero colletto. - Irrigazione d impianto al termine della messa a dimora eseguire un irrigazione della pianta con almeno 50/200 lt d acqua secondo le dimensioni della pianta. Nel caso di presenza di un impianto d irrigazione a goccia formare anello con valvole auto compensanti (no gocciolatori), che può essere anche immerso nel materiale pacciamante( corteccia, lapillo, macinato ligneo) o posto sotto il telo pacciamante in fibra biodegradabile, tutto ciò per evitare vandalismi all impianto irrigazione o danni da morsi di animali - Garanzie di attecchimento importante assicurare almeno un paio di anni solari di garanzia di attecchimento della pianta.

9 Pulizia e tutela igienica aree verdi Sui prati non dovranno trovarsi e permanere per alcun motivo rifiuti di alcun genere in quanto l intervento di pulizia delle aree verdi è specifico oggetto di manutenzione ordinaria. Pertanto la ditta appaltatrice provvederà: 1) alla raccolta di ogni materiale presente sui prati catalogabile come rifiuto (carta, lattine, bottiglie di vetro e di plastica, detriti di varia origine, ecc.) ed al conferimento dello stesso in ottemperanza alle normative vigenti in materia; 2) allo svuotamento dei cestini porta rifiuti e di eventuali altri contenitori, raccolta del materiale e conferimento dello stesso in ottemperanza alle normative vigenti in materia; 3) alla raccolta di foglie e al conferimento delle stesse in ottemperanza alle normative vigenti. La ditta appaltatrice dovrà garantire la completa e sollecita raccolta del fogliame caduto dalle chiome nel periodo autunnale ed eventualmente da ripetersi a fine inverno per le specie a foglia marcescente sul ramo quali carpini, platani ecc. La raccolta foglie dovrà essere completata in tutte le aree entro il 31 dicembre, dovrà riguardare anche i materiali vegetali (fiori, frutti, semi, ramaglia sottile, ecc.) caduti a

10 terra con le foglie e dovrà effettuarsi anche in più interventi a seconda dell andamento stagionale, delle caratteristiche delle specie presenti e /o delle esigenze espresse dall Ufficio Tecnico Comunale. Tali interventi dovranno essere eseguiti sia sui manti erbosi che sul terreno, nonché sulle superfici a copertura inerte (percorsi, piazzali, marciapiedi) compresi nelle aree verdi e ad esse prospicienti sulle pubbliche vie. Particolare cura sarà posta alle aree verdi ad intensa utenza, ai giardini scolastici, alle superfici di gioco e sosta e nel prevenire l intasamento di caditoie stradali e non, adiacenti alle aree oggetto dell intervento. Il materiale di risulta dovrà essere raccolto entro 24 ore e smaltito in ottemperanza alle normative vigenti in materia, con spese a totale carico della ditta appaltatrice, nessuna esclusa. Se il conferimento avverrà al Centro Raccolta Rifiuti di san Giorgio di Piano dovrà essere quantificata una somma di. 300 ad intervento da convertire in manutenzioni e/o forniture in base alle voci dell elenco prezzi. Lavorazioni e cure colturali COLTIVAZIONI E CURE COLTURALI Scasso profondo, rippatura, aratura e vangatura Le lavorazioni dovranno essere eseguite secondo corretti criteri agronomici alla profondità indicata dall Ufficio Tecnico Comunale. La vangatura avrà profondità di lavoro di almeno cm 30; durante il lavoro si curerà di far pervenire in superficie sassi ed erbe infestanti che dovranno sempre essere asportati, comprendendo anche e totalmente le parti ipogee. Il materiale di risulta dovrà essere raccolto entro due giorni e smaltito in ottemperanza alle normative vigenti in materia, con spese a totale carico della ditta appaltatrice, nessuna esclusa. Fresatura e sarchiatura La fresatura dovrà avvenire ad una profondità di lavoro da cm 5/8 a cm 15/20. L intervento dovrà sminuzzare accuratamente il terreno in superficie anche per assicurare una buona penetrazione alle acque meteoriche. Intorno agli alberi, arbusti, manufatti, recinzioni, siepi ed impianti irrigui il lavoro dovrà essere completato a mano. Durante i lavori di preparazione del terreno e nelle successive lavorazioni, la ditta appaltatrice provvederà ad eliminare dalle aree di impianto sassi e materiali che con la lavorazione venissero portati in superficie. Il materiale di risulta dovrà essere raccolto entro due giorni e smaltito in ottemperanza alle normative vigenti in materia, con spese a totale carico della ditta appaltatrice, nessuna esclusa. La sarchiatura del terreno deve essere fatta in particolare per impianti fino a 3 anni, nel periodo autunnale, a mano o meccanicamente. Contemporaneamente dovranno essere estirpate le erbe infestanti. L eventuale concimazione dovrà avvenire con prodotti organici. Il materiale di risulta dovrà essere raccolto entro due giorni e smaltito in ottemperanza alle normative vigenti in materia, con spese a totale carico della ditta appaltatrice, nessuna esclusa. Diserbo dei prati E un operazione da farsi solo meccanicamente e non con uso di prodotti chimici, provvedendo successivamente alla risemina delle chiazze eventualmente formatesi. Per l uso di eventuali prodotti, che comunque dovranno essere a basso impatto ambientale, la ditta appaltatrice dovrà richiedere il consenso dell Amministrazione Comunale. Trattamenti antiparassitari I trattamenti antiparassitari, effettuati su indicazione dell Ufficio Tecnico Comunale, devono essere previsti in casi in cui venga interessata la salute e la sopravvivenza della pianta o in casi in cui determinate fitopatologie possano creare disturbo o interferenze con le attività antropiche. Tranne che per interventi particolari, i trattamenti devono essere eseguiti in modo da irrorare tutta la chioma delle piante interessate. In ogni modo l uso di prodotti di sintesi va limitata a casi estremi e concordata con l Ufficio Tecnico Comunale.

11 Semina o trasemina di prati Nelle aree da sistemare a verde verranno seminate specie erbacee idonee a costituire prati calpestabili perenni. La composizione dei miscugli verrà indicata dall Ufficio Tecnico Comunale. Prima della semina, da effettuarsi in epoca opportuna, il terreno dovrà essere adeguatamente sminuzzato mediante interventi previsti nel precedente paragrafo B1. La semina dovrà essere effettuata sempre in giornate senza vento, a spaglio, prestando attenzione onde evitare la stratificazione di sementi aventi pesi e volumi diversi. Dopo la semina il terreno dovrà essere rullato ed analoga operazione sarà effettuata a germinazione avvenuta. Potatura alberi La potatura, quale intervento che riveste un carattere di straordinarietà può essere effettuata esclusivamente per: o eliminare rami secchi, lesionati o ammalati, o per motivi di difesa fitosanitaria, o per problemi di pubblica incolumità, o per rimuovere elementi di ostacolo alla circolazione stradale, o nei casi di interferenza con elettrodotti od altre reti tecnologiche preesistenti. In tutti gli altri casi è preferibile lasciare la pianta al suo libero sviluppo morfologico. Sono vietati in ambito urbano gli interventi di capitozzatura, cioè i tagli che interrompono la crescita apicale del fusto e quelli praticati su branche aventi diametro superiore a cm. 20. Fanno eccezione al divieto di cui sopra gli interventi necessari a garantire la pubblica incolumità. Sono comunque da evitare le potature drastiche. Non va asportato mai più del 30% di massa (volume fogliare) della chioma, preferibilmente è bene non superare il 15-20%. Taglio corretto Taglio non corretto Taglio non corretto Risultati

12 Vi sono differenti tipologie di potatura: a) potatura di allevamento: effettuata su giovani piante con l obiettivo di raggiungere il più velocemente possibile l habitus voluto. Si tratta in genere di interventi molto leggeri per correggere, eventualmente, alcuni difetti di habitus. b) Potatura di mantenimento: viene esercitata su quelle specie allevate in forme obbligate. I tagli vengono effettuati con notevole frequenza per intervenire su rami molti piccoli. c) Potatura di risanamento: si tratta di operazioni a carattere straordinario, con lo scopo di eliminare branche secche o deperenti, di stimolare l attività vegetativa di piante senescenti, o di conferire una forma più razionale a piante precedentemente potate in maniera errata. Sono possibili i seguenti interventi cesori: diradamenti, con l asportazione totale di branche o di rami, e raccorciamenti, con l asportazione parziale dei suddetti. Ai fini dell applicazione del presente Disciplinare Tecnico si definiscono differenti tipologie di intervento e taglio sulla compagine vegetale. Taglio: Il taglio: va eseguito il più basso possibile ed in modo da garantire lo sgrondo delle acque (a falda inclinata o a cupola). Il punto ottimale di taglio è il colletto della pianta ovvero la prima porzione del fusto fuori terra. Il normale taglio è pertanto detto anche taglio al colletto. Estirpo: eliminazione di una pianta, con taglio ed asportazione dell apparato radicale. Estirpo di ceppaia. La pianta muore. Taglio raso: taglio di tutti gli alberi di un soprassuolo, sia esso strutturato a siepe o a macchia boscata, con rilascio unicamente delle ceppaie. Se applicato a specie che non hanno la capacità di rigetto (es. conifere) produce lo stesso effetto dell estirpo, con morte della pianta. Tutte le piante sono tagliate e i nuovi polloni avranno tutti la stessa età. Taglio di ringiovanimento: con tale termine si definisce un taglio di abbassamento delle vecchie ceppaie di latifoglie quasi esaurite (con scarsa capacità vegetativa) che comporta l eliminazione della residua porzione legnosa fuori terra, allo scopo di stimolare la capacità pollonifera. Taglio annuale o poliannuale: taglio periodico tipicamente eseguito su siepi campestri di latifoglie con lo scopo di ridurre la massa legnosa, prelevando i soggetti di maggiori dimensioni e rilasciando almeno 2-3 polloni per ciascuna ceppaia. Può essere eseguito annualmente o ad intervalli di alcuni anni. Attuando tale tipologia di taglio si attua la forma di gestione Diradamento prevista nelle schede di rilievo.

13 Gli interventi di potatura degli alberi e delle siepi devono essere effettuati nel rispetto dei periodi di nidificazione dell avifauna e delle norme di riferimento; in linea generale non vanno effettuati nel periodo 1 Marzo 15 Agosto. Modalità operativa: La potatura, da eseguire indicativamente nel periodo di riposo vegetativo e secondo i contenuti del vigente Regolamento Comunale del Verde Pubblico e Privato, dovrà essere effettuata in modo da conservare il portamento naturale della pianta utilizzando di massima le modalità previste dalla tecnica del "taglio di ritorno". L'accorciamento dei rami dovrà avvenire in corrispondenza di un ramo secondario di adeguate dimensioni. Nel caso di asporto di branche, i tagli dovranno essere effettuati in modo obliquo immediatamente al di sopra del collare e dovranno risultare netti e ben definiti ed effettuati senza provocare scosciature alle branche o al tronco. Si dovrà evitare di effettuare tagli su rami con circonferenza non superiore a cm 20. I tagli dovranno essere netti e rispettare il collare sulla parte residua, senza lasciare monconi. Una potatura corretta comporta di: o non effettuare tagli a filo tronco, ma di rispettare la zona del collare alla base del ramo; o mantenere una chioma formata da almeno il 60% dei rami, distribuiti in modo regolare; o effettuare tagli inclinati rispetto al piano orizzontale. Ciò evita il ristagno dell acqua meteorica sulla ferita. Nel caso di contenimento/rimonda della chioma, dovranno essere eliminati i rami morti o ammalati e i rami in sovrannumero o sovrapposti. Il volume del contenimento, complessivamente, non dovrà superare il 30% della chioma. Gli operatori addetti alle operazioni di potatura dovranno essere specializzati ed aver maturato adeguata esperienza nella potatura di piante ornamentali in ambito urbano. Il materiale di risulta dovrà essere prontamente allontanato dal cantiere, in particolare se su strada, entro le 24 ore successive alla produzione e smaltito in ottemperanza alle normative vigenti in materia, con spese a totale carico della ditta appaltatrice, nessuna esclusa. Sono a carico dell Appaltatore tutte le opere provvisorie occorrenti per quanto riguarda la sicurezza delle persone, degli stabili e del traffico. Il lavoro di potatura verrà compensato a misura sulla base dell'elenco prezzi contrattuale. Abbattimento alberi Modalità operativa: L'abbattimento di alberi fortemente senescenti, afflitti da patologie, deperiti o instabili, dovrà avvenire avendo l'accortezza di non danneggiare manufatti o l'attigua vegetazione. Per le piante di notevole dimensione, situate in prossimità di edifici, l'abbattimento dovrà essere effettuato con la tecnica della sbrancatura progressiva per poi procedere con la depezzatura graduale del fusto dall'alto verso il basso, al fine di ridurre il pericolo di danni derivanti dall impatto del fusto in caduta. Il materiale di risulta dovrà essere prontamente allontanato dal cantiere, in particolare se su strada, entro le 24 ore successive alla produzione e smaltito in ottemperanza alle normative vigenti in materia, con spese a totale carico della ditta appaltatrice, nessuna esclusa. Sono a carico dell Appaltatore tutte le opere provvisorie occorrenti per quanto riguarda la sicurezza delle persone, degli stabili e del traffico. Inoltre si dovrà provvedere all'eliminazione della ceppaia e della maggior quantità di radici. Gli operatori addetti alle operazioni di abbattimento di alberi dovranno essere specializzati ed aver maturato adeguata esperienza nell'esecuzione di tale lavorazione in ambito urbano. In presenza di alberate stradali, l Appaltatore dovrà attuare tutte le misure preventive previste dal Codice della Strada ed operare in piena sicurezza, avendo cura di arrecare il minimo intralcio alla circolazione dei mezzi, compatibilmente con le operazioni. Sarà altresì cura ed onere dell appaltatore provvedere alle necessarie autorizzazioni degli Enti proprietari e gestori della viabilità.

14 Il lavoro di abbattimento verrà compensato a misura in base all'elenco prezzi contrattuale. Irrigazioni Modalità operative: Gli interventi, eseguibili indicativamente da maggio a settembre, possono interessare tutti gli alberi posti a dimora da non oltre tre anni presenti sul territorio, che attraversino fasi di stress idrico o si preveda ragionevolmente vadano ad attraversarle. Si dovrà prevedere un minimo di 5 interventi in rapporto all andamento stagionale. La parte di terreno da inumidire dovrà corrispondere all estensione dell apparato radicale e la profondità della parte bagnata dovrà essere minimo di 25 cm. Per far fronte a stagioni particolarmente siccitose potranno essere richiesti, da parte dell Ufficio Tecnico Comunale, interventi straordinari di annaffiatura. A tal fine l'appaltatore dovrà redigere: - l'elenco delle piante che necessitano d'irrigazione, a seguito dei monitoraggi periodici, anche semplicemente inserendo le lavorazioni relative nella programmazione annuale; - l elenco e l ubicazione (via, fotografia, ecc.) dei contatori utilizzati e n. 2 letture/anno (all apertura e alla chiusura impianti). L'intervento d irrigazione di esemplari arborei/arbustivi comporta: 1. apertura primaverile di formelle circolari a forma concava, tali da consentire la raccolta delle acque meteoriche di precipitazione, con particolare cautela a non scoprire o ledere gli apparati radicali. Tali formelle andranno mantenute libere dalle erbe infestanti e l intervento deve porre particolare attenzione nel non ledere il tessuto corticale delle piante. Ogni danno comunque sarà ripristinato a carico della ditta appaltatore e deve essere prontamente segnalato all Ufficio Tecnico Comunale. Queste formelle dovranno essere eliminate (e colmate) durante il periodo invernale in modo da non favorire il ristagno idrico. 2. annaffiatura degli esemplari arborei, in modo tale da inumidire il terreno fino a cm. 30 di profondità. Ciò si otterrà riempiendo una seconda volta le conche formate, ad assorbimento avvenuto della prima distribuzione dell'acqua; 3. eliminazione delle cavità di invaso al termine del periodo di annaffiatura mediante colmatura a forma convessa tale da garantire, nel periodo invernale, l'eliminazione dei ristagni e la protezione dal gelo per gli apparati radicali. Ove sia posto apposito tubo di adduzione ciò non risulta ovviamente necessario. Trattamenti fitosanitari e di lotta preventiva Per la lotta contro i parassiti sono privilegiate le misure indirette, ovvero di tipo preventivo, da attuarsi attraverso: o scelta di specie adeguate e impiego di piante sane nel caso di nuove piantumazioni; o difesa delle piante da danneggiamenti; o adeguata preparazione dei siti di impianto; o rispetto delle aree di pertinenza; o protezione delle superfici adiacenti alle piante da costipazione, calpestio, etc.; o eliminazione o riduzione al minimo degli interventi di potatura; o frequenti monitoraggi della presenza di parassiti. Qualora si renda opportuno intervenire in maniera diretta a difesa della pianta sono preferite le metodologie agronomiche o biologiche, adottando gli interventi riportati in seguito; solo in caso di necessità è consentito l uso di prodotti antiparassitari, con l esplicito divieto di loro utilizzo nel periodo della fioritura. Le dosi di impiego, l epoca e le modalità di distribuzione dei prodotti antiparassitari devono limitare la dispersione dei principi attivi nell ambiente, con obbligo di delimitare in maniera evidente le zone di intervento, prevenire l accesso ai non addetti ai lavori ed effettuare per quanto possibile i trattamenti nelle ore di minore transito, previa tempestiva informazione agli abitanti della zona interessata. In applicazione delle disposizioni nazionali in materia di difesa antiparassitaria è fissato altresì

15 l obbligo di rispettare le norme di Lotta Obbligatoria. Modalità operative: La lavorazione riguarda i trattamenti fitosanitari di lotta ad agenti patogeni o parassiti delle piante, che si debba o intenda combattere, su esemplari arborei mediante l'utilizzo di principi attivi specifici, autorizzati dal Ministero della Sanità, secondo le prescritte modalità tecniche di somministrazione, privilegiando, quando possibile, l'intervento di tipo endoterapico e privilegiando impieghi di principi attivo in prodotto registrati dal Ministero della Sanità in soluzione acquosa. I trattamenti fitosanitari verranno compensati a misura in base all'elenco prezzi contrattuale. Monitoraggio dei parassiti e delle fitopatie Al fine di individuare tempestivamente la presenza di parassiti sulle piante e di stimarne il rischio di danno, dovranno essere effettuati frequenti monitoraggi, soprattutto nei periodi critici dal punto di vista fitosanitario, secondo le modalità indicate di seguito. Insetti e acari Afidi e psille (Cynara cupressi, Cynara cedri, Eucallipterus tiliae, Lachnus longipes, Phylloxera ilicis - Acizzia sp. ecc.): i rilievi visivi vanno eseguitisulla chioma durante il periodo vegetativo e sono rivolti all individuazione delle colonie; nel corso dei controlli va verificata la presenza di nemici naturali (in particolare Coccinellidi, Crisopidi, Sirfidi e Antocoridi). Tingide del platano (Corythuca ciliata): l insetto sverna come adulto sotto le placche della corteccia; in primavera gli adulti escono e vanno a deporre le uova sulla pagina inferiore delle foglie dalle quali nasceranno le neanidi; dalla ripresa vegetativa in poi osservare la pagina inferiore delle foglie di platano per rilevare la presenza delle prime neanidi; la tingide svolge tre generazioni all anno. Tripide delle ornamentali (Heliothrips haemorrhoidalis): colonizza la pagina inferiore dei viburni, del lauroceraso, delle azalee, ecc.; sulla pagina superiore si evidenzia uno scolorimento del lembo e in seguito può defogliare completamente la pianta causandone un forte deperimento; a questi danni si sommano quelli derivanti dalla presenza delle numerosissime macchie escrementizie nerastre che imbrattano e deturpano le parti infestate; sverna come adulto sulle piante infestate, fra i detriti superficiali del suolo; svolge più generazioni all anno con deposizione delle uova a scalare e pertanto sulle piante possiamo trovare contemporaneamente i diversi stadi di sviluppo dell insetto. Cocciniglie (Eupulvinaria hydrangeae, Icerya purchasi, Ceroplastes rusci, Pulvinaria vitis, Coccus esperidium, ecc.): i rilievi visivi vanno eseguiti durante il periodo vegetativo, al fine di individuare le forme giovanili su foglie, rami e tronchi e i sintomi attribuibili al loro attacco (crescita stentata, disseccamenti generalizzati) e durante l inverno, per individuare le forme svernanti sugli organi legnosi. Metcalfa (Metcalfa pruinosa): a partire dal mese di maggio va controllata la vegetazione delle piante particolarmente infestate negli anni precedenti; lametcalfa trascorre l inverno come uovo posto nelle screpolature della corteccia e nella seconda metà di maggio nascono le neanidi che, attraverso alcuni stadi e la fase di ninfa, si trasformano in adulti verso la fine di giugnoluglio; svolge una sola generazione all anno. Lepidotteri defogliatori: i controlli visivi hanno lo scopo di individuare le giovani larve e vanno condotti in particolare sulle piante maggiormente attaccate negli anni precedenti; il monitoraggio degli adulti si effettua attraverso l impiego di trappole a feromoni, da installare sulle piante in posizione medio-alta, prima dell inizio del volo degli adulti. Ifantria americana (Hyphantria cunea): se non vengono collocate trappole innescate con feromone specifico è necessario, ai primi di giugno e alla fine di uglio, in corrispondenza cioè delle due generazioni all anno che compie, verificare l eventuale presenza dei caratteristici nidi sericei sulle foglie più giovani, soprattutto di gelso e acero negundo; Limantria (Lymantria dispar): i controlli vanno effettuati in maggio, sulla chioma delle querce e di altre latifoglie. Processionaria del pino (Thaumetopoea pityocampa): i rilievi vanno effettuati a partire da agosto, principalmente su pino nero, pino silvestre e pino marittimo; ulteriori controlli devono essere effettuati

16 nei mesi invernali alla ricerca dei caratteristici nidi entro i quali svernano le larve (queste sono provviste di peli urticanti che, liberati nell ambiente, possono provocare gravi irritazioni). Minatrice fogliare dell ippocastano (Cameraria ohridella): installare a fine marzo-inizio aprile trappole di tipo trap-test, innescate con il feromone sessuale specifico, a 2-3 metri di altezza da terra; il controllo delle trappole va effettuato tutte le settimane, annotando anche la eventuale presenza di mine fogliari, e il feromone va sostituito ogni 4-5 settimane; non bisogna confondere le mine con le necrosi fogliari causate da Guignardia aesculi o da fisiopatie: è quindi utile guardare la foglia controluce per identificare la larva o la crisalide al suo interno; la Cameraria svolge 3 4 generazioni all anno. Lepidotteri xilofagi (Cossus cossus, Zeuzera pyrina): le trappole a feromoni, posizionate dall inizio di maggio alla fine di settembre, permettono il monitoraggio e la cattura di massa degli adulti; le trappole possono essere innescate con i feromoni di entrambe le specie, avendo cura di collocarle nella parte alta della chioma e di sostituire periodicamente i dispenser; occorre verificare la presenza delle larve, evidenziata da fori con fuoriuscita di rosura nel colletto, nella parte inferiore del fusto e nei rami. Coleotteri xilofagi (Cerambix cerdo, Saperda carcharias, ecc.): su tronco e rami infestati controllare la presenza di fori di sfarfallamento degli adulti che, a seconda della specie, possono misurare da poco più di un millimetro ad oltre un centimetro di diametro; in molti casi, la presenza di larve o adulti all interno delle piante è evidenziata dalla fuoriuscita di rosura dai fori. Ragnetto rosso (Tetranychus urticae): i rilievi visivi vanno eseguiti sulle foglie, in particolare sulla pagina inferiore, durante il periodo vegetativo, soprattutto in estate. Funghi La presenza di malattie sulle piante deve essere ricercata in particolare per i seguenti patogeni: Cancro colorato del platano (Ceratocystis fimbriata): importante risulta una ispezione generale delle alberate verificando la presenza di individui morti, il disseccamento di alcune branche, uno sviluppo generale stentato della pianta e l eventuale emissione di polloni alla base; in caso di infezione sul fusto si notano dei cancri più o meno estesi sui quali si formano depressioni e fessurazioni; la corteccia assume una colorazione caffelatte, si screpola e il legno sottostante imbrunisce fino a raggiungere un colore bluastro; la diffusione degli imbrunimenti è spesso a macchia di leopardo e non continua. Antracnosi del platano (Apignomonia platani): provoca a fine inverno la formazione di cancretti sui rametti dell anno precedente, quindi la necrosi delle gemme o la successiva necrosi di germogli e foglioline; il disseccamento delle foglie adulte parte tipicamente dalle nervature, per poi espandersi a tutta la lamina; si può avere pertanto una defoliazione più o meno marcata a cui segue una riemissione vegetativa estiva con formazione di scopazzi; nel caso di elevata sensibilità varietale e di attacchi ripetuti negli anni, il patogeno può portare la pianta ad un evidente deperimento. Oidio o mal bianco. i controlli vanno effettuati da maggio fino ad agosto settembre su tutte le parti verdi delle piante, in particolare su rosa, lauroceraso, maonia, evonimo. Cancri corticali e rameali: i controlli sulle parti legnose vanno effettuati in autunno, su piante ove è stata accertata la presenza della malattia, in particolare modo su siepi di lauroceraso. Verifica statica strumentale (metodo VTA) delle alberature Modalità operativa e specificazioni: L'Appaltatore deve impiegare nell'attività di verifica scientifica della stabilità delle piante arboree addetti aventi la qualificazione necessaria (agronomi o forestali abilitati all'esercizio della professione), con consolidata esperienza nella verifica della stabilità delle piante arboree in ambito urbano. L'Appaltatore assume la responsabilità di propria competenza per quanto attiene la statica arborea e i relativi danni a terzi, nessuno escluso, a partire dal primo giorno successivo alla conclusione, con elaborazione definitiva degli esiti, entro le scadenze previste, del primo ciclo di operazioni di monitoraggio ordinato dalla Stazione Appaltante secondo quanto al precedente Art. 37, fatto salvo il rispetto della frequenza minima annuale di verifica e il rispetto degli esiti prescrittivi delle analisi. L Appaltatore individuerà le piante che, per sintomatologia o rischio potenziale necessitano di ulteriore indagine. Tale verifica dovrà essere effettuata mediante le più recenti metodologie quali l'applicazione del metodo VTA (Visual Tree Assessment). Tale attività di verifica scientifica della stabilità degli alberi dovrà essere documentata attraverso la

17 compilazione di specifici moduli relativi alle singole piante esaminate. L'Appaltatore deve impiegare, nell'attività di verifica scientifica della stabilità delle piante arboree, addetti specializzati aventi la qualificazione necessaria (agronomi o forestali abilitati all'esercizio della professione) ed aventi consolidata esperienza nella verifica della stabilità delle piante arboree in ambito urbano. Nei casi in cui la staticità delle piante arboree verificate risultasse pericolosa per la pubblica incolumità, tale da prevedere la necessità di interventi immediati, l'appaltatore è tenuto a: - mettere in sicurezza la zona interessata; - adottare tempestivamente i necessari provvedimenti, compreso l'abbattimento della pianta instabile se immediatamente necessario, anche in assenza di un riscontro da parte dell'amministrazione. L Appaltatore dovrà assicurare, per tutti gli esemplari arborei oggetto di verifica statica strumentale, la redazione e/o aggiornamento completo delle schede anagrafiche, corredata da apposita relazione tecnica, entro 30 giorni a partire dalla data dell attuata rilevazione o secondo eventuali diverse scadenze espressamente disposte dal Direttore dei Lavori. Il Direttore dei Lavori può segnalare, in qualsiasi momento, piante arboree, non facenti parte dell'elenco di piante oggetto di appalto, da verificare scientificamente sotto l'aspetto della stabilità meccanica; in conseguenza di simile segnalazione, l'appaltatore è tenuto ad effettuare la verifica entro 7 giorni dalla data di ricevimento della stessa. Sono intese a carico dell appaltatore almeno 20 (venti) indagini strumentali annuali, mediante metodo VTA, su altrettante piante individuate secondo le modalità sopra descritte. Aggiornamento anagrafica alberature Modalità operativa e specificazioni: L obiettivo principale è la manutenzione e l adeguamento costante per tutto il periodo contrattuale, su supporto informatico, delle anagrafi esistenti degli esemplari arborei oggetto di appalto. Relativamente agli alberi viene richiesta la verifica periodica sulla presenza delle targhette identificative, di cui deve essere assicurato il tempestivo reintegro sia in caso di scomparsa che di non lettura dovuta alla crescita della pianta. L Appaltatore deve assicurare il continuo e tempestivo aggiornamento (al massimo entro 60 giorni dal verificarsi degli eventi) delle schede tecniche anagrafiche in possesso dell Amministrazione, durante il corso di tutto il periodo contrattuale, in conseguenza di: - aumento del patrimonio comunale attraverso l acquisizione o la costruzione di nuove aree verdi, alberate, etc. che implichino la presa in carico di nuovi esemplari arborei; - interventi costruttivi o modificativi che determinano variazioni quantitative o dimensionali dell esistente (nuovi impianti, abbattimenti, sostituzioni, etc.); Tale aggiornamento dovrà essere assicurato in conseguenza di interventi eseguiti sia dallo stesso Appaltatore, sia da personale dipendente della Stazione Appaltante o da altre imprese o da altri soggetti, purché segnalati, in tali casi, dalla Stazione Appaltante. L Appaltatore dovrà assicurare, per tutti gli esemplari arborei oggetto d appalto la redazione e/o aggiornamento delle schede anagrafiche entro 60 giorni a partire dalla data dell attuata modificazione o della ricevuta segnalazione dal Direttore dei Lavori. Al termine del rapporto contrattuale tutte le informazioni gestite rimarranno di esclusiva proprietà dell Amministrazione comunale. L Appaltatore all inizio di ogni anno deve predisporre ed inviare al Comune di San Giorgio di Piano il bilancio arboreo (numero totale degli alberi di proprietà Comunale suddiviso per tipologia ed ubicazione e alberi abbattuti e piatumati dell anno precedente). Censimento ed anagrafica ATTREZZATURE LUDICHE E SPORTIVE Dovrà essere redatto un censimento completo, su supporto informatico, di tutte le attrezzature ludiche e

18 sportive, comprese le relative pavimentazioni di sicurezza, presenti sulle aree oggetto dell appalto. Il rilievo dovrà essere funzionale al monitoraggio delle condizioni di sicurezza di tali dotazioni e ad un efficiente valutazione e programmazione economica delle attività di manutenzione sugli stessi oggetti. I dati di censimento dovranno pertanto essere necessari e sufficienti al completo ottenimento degli obiettivi sopra citati. Annualmente dovrà essere aggiornata la banca dati anagrafica del censimento delle attrezzature ed inviatane al Comune una copia completa su supporto informatico. In caso di posizionamento di nuovi giochi si richiede l aggiornamento delle schede del censimento e di cartellinatura con apposite targhette in metallo atte alla definizione dei fruitori (età consentita di utilizzo), all anno di posa, ecc. Monitoraggio Modalità operative: È richiesta una prima ispezione mirata a valutare lo stato di sicurezza del gioco in riferimento al gioco stesso (stabilità e funzionalità) e all ambiente circostante. Sono quindi da eseguire: - ispezioni trimestrali, a seguito delle quali è da prodursi una relazione contenente la segnalazione di eventuali rotture o situazioni di pericolosità. - aggiornamento delle schede di anagrafica delle singole attrezzature, con invio alla Stazione Appaltante delle schede variate. - i preventivi dovranno essere redatti in base all elenco prezzi e dettagliati in ogni loro componente. In caso di necessità di rimozione di un gioco è richiesta una relazione tecnica in cui si specificano dettagliatamente le motivazioni della suddetta segnalazione e richiesta rimozione. In caso di segnalazione di rottura di parti del gioco, ecc. da parte del Comune o degli operatori, è richiesto l intervento entro 3 giorni per la messa in sicurezza con la fornitura di un preventivo per la riparazione, comprensivo della specificazione dei tempi di consegna. Il successivo intervento di riparazione verrà eventualmente realizzato solo su disposizione della Stazione Appaltante. LAVORAZIONI E DIVERSI SERVIZI COMPLEMENTARI Lavorazioni e servizi diversi e complementari A complemento di servizi e lavorazioni principali di cui agli articoli precedenti, il presente Appalto ha per oggetto l esecuzione di prestazioni complementari strettamente inerenti la manutenzione delle Aree Verdi. Sono da intendersi tali i servizi e lavorazioni su oggetti ed elementi di pertinenza di tali aree, quali viabilità pedonale, arredi esterni e giochi, pavimentazioni, opere di drenaggio superficiale e di consolidamento geomorfologico su piccola scala. Per quanto concerne modalità operative ed esecutive relative alle manutenzioni, installazioni e lavorazioni su detti oggetti, si rinvia esplicitamente al dettaglio delle specifiche voci riportate nelle corrispondenti sezioni dell Elenco Prezzi. Utilizzi di prodotti Fitosanitari ad uso Diserbante In base alla Delibera Regionale n. 1469/2008 chiunque, per sé o per conto terzi, distribuisce prodotti fitosanitari, contenenti sostanze ad azione diserbante su aree extragricole da eseguirsi in zone pavimentate (quali strade, marciapiedi, piste ciclabili e similari), deve darne preventiva comunicazione (almeno 5 giorni prima del trattamento) al Servizio di Prevenzione dell Azienda U.S.L., all A.R.P.A. e al Comune. La comunicazione va fatta utilizzando i modelli predisposti e contenuti nel D.G.R. n. 1469/2008. La Direzione Lavori autorizzerà gli interventi di diserbo chimico, con erbicida registrato ed autorizzato per tale impiego che comprenderanno:

19 - per ogni prodotto distribuito deve essere rispettato il campo d impiego e le modalità di applicazione approvati con il decreto di registrazione del Ministero della Sanità, riportato in etichetta; - non deve essere prelevata acqua per diluire i formulati direttamente dai corsi d acqua superficiali o dalle falde utilizzando l eiettore collegato al mezzo irrorante; - è vietato lavare, a fine trattamento, le attrezzature impiegate direttamente o in prossimità di acque superficiali (naturali o artificiali) e di scaricare nelle acque di falda e nei terreni circostanti, le acque di lavaggio, gli eventuali residui di miscela e quant altro possa costituire fonte di inquinamento; - la distribuzione mediante apposite pompe, manuali o meccaniche, di erbicidi registrati e autorizzati, nel rispetto di tutte le normative vigenti e con sistemi che consentano il trattamento localizzato; - la posa della necessaria segnaletica nel caso di ingombro delle sedi stradali; - nel caso che il trattamento venga effettuato in aree con possibilità di accesso ai non addetti le stesse devono essere delimitate. - i trattamenti in tali aree si devono effettuare in orari in cui vi è la minore possibilità di transito; - il personale operativo deve essere dotato di idonei mezzi di protezione individuale; - le macchine impiegate per la distribuzione di diserbanti devono essere revisionate almeno una volta all anno, in modo da garantire la perfetta tenuta dei raccordi, dei tubi, delle guarnizioni, dei rubinetti ed impedire gocciolamenti; - è vietato distribuire diserbanti con mezzo aereo sia ad ala fissa che rotante. Gli interventi di diserbo saranno individuati nel programma mensile in accordo con la Direzione Lavori e, indicativamente, come segue: 1 - entro il 30 giugno; 2 - entro il 30 settembre. Specifiche tecniche di dettaglio per l esecuzione delle prestazioni Per quanto non riportato negli articoli precedenti, che recano prescrizioni e princìpi generali di esecuzione, si rinvia esplicitamente al dettaglio delle voci estesamente riportate nell Elenco Prezzi, per ogni specifica prestazione (es. mano d opera, noli, trasporti, ecc.), al Regolamento del verde ed alla normative vigenti. PRESCRIZIONI TECNICHE DI SICUREZZA PER INTERVENTI SU STRADA In generale tutti i cantieri (fissi o mobili) andranno adeguatamente DELIMITATI e SEGNALATI con segnaletica, barriere, parapetti, o altri tipi di recinzioni colorate in rosso o arancione fissate stabilmente ed all occorrenza segnalate con luci rosse fisse e/o dispositivi rifrangenti, al fine di evitare il verificarsi di incidenti per interferenze tra possibile circolazione veicolare e/o pedonale concomitante allo svolgersi delle lavorazioni previste e per garantire la sicurezza sia degli addetti ai lavori sia di tutti gli utenti della strada. Le lavorazioni interessate dal presente paragrafo sono generalmente gli interventi di potatura e/o abbattimento svolte su strada di grande percorrenza (es. Strade Provinciali).

20 Il personale a terra della ditta appaltatrice dovrà indossare vestiti di tessuto di base fluorescente di colore arancio o giallo o rosso con applicazione di fasce fluorescenti di colore bianco-argento. Dovrà porre particolare attenzione nel posizionare correttamente la segnaletica temporanea di cantiere e di preavviso di lavori al fine di evitare il verificarsi di incidenti. Per lo stesso motivo ultimati i lavori andranno rimossi tempestivamente materiali e segnali temporanei. I lavori e gli eventuali depositi di materiali su strada nonché i relativi cantieri dovranno essere dotati di sistemi di segnalamento temporaneo mediante l impiego di specifici segnali previsti dalla vigente normativa (D.Lgs. n. 285/1992 Nuovo codice della strada, D.P.R. n. 495/92 Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada e ss.ms.ii.). Presegnalamento Il presegnalamento deve essere disposto sulla banchina e spostato in avanti in maniera coordinata all avanzamento dei lavori. La segnaletica di preavviso posta sulla banchina dovrà essere in generale costituita da un cartello composito contenente: il segnale LAVORI, il segnale CORSIE DISPONIBILI, il pannello integrativo indicante la distanza del cantiere ed eventuali luci lampeggianti. Il segnale LAVORI deve essere posto anche sulle strade intersecanti, se il cantiere mobile può presentarsi all improvviso ai veicoli che svoltano. Esempio di presegnale di cantiere mobile Segnalamento di localizzazione Il segnalamento di localizzazione deve essere posto a terra e spostato in maniera coordinata all avanzamento dei lavori. Il segnale assume la configurazione di SEGNALE MOBILE DI PROTEZIONE, costituito da un pannello a strisce bianche e rosse contenente un segnale di passaggio obbligatorio con freccia orientata verso il lato dove può essere superata la zona del cantiere, integrato all occorrenza da luci gialle lampeggianti. Il segnale mobile di protezione può essere sistemato su un veicolo di lavoro oppure su un carrello trainato dal veicolo stesso ovvero posto su un veicolo di accompagnamento. Esempio di segnale di localizzazione Segnali temporanei verticali In prossimità di cantieri fissi o mobili, deve essere installato il segnale LAVORI corredato da pannello integrativo indicante l estensione del cantiere, quando il tratto di strada interessato dal cantiere sia più lungo di 100 metri. Il solo segnale lavori non può sostituire gli altri mezzi segnaletici riguardanti la sicurezza della circolazione in presenza di cantieri stradali. Non devono essere posti in opera segnali temporanei e segnali permanenti in contrasto tra loro. Per i segnali temporanei possono essere utilizzati supporti e sostegni o basi mobili di tipo trasportabile e ripiegabile, che devono assicurare la stabilità del segnale in qualsiasi condizione stradale ed atmosferica. I segnali di pericolo o di indicazione da utilizzare per il segnalamento temporaneo dovranno avere il fondo di colore giallo. Sempre in prossimità di cantieri fissi o mobili devono essere utilizzati i seguenti segnali: - lavori; - divieto di sorpasso;

3.1 INTERVENTI ORDINARI DI MANUTENZIONE DELLE AREE A VERDE DEGLI EDIFICI AD USO SCOLASTICO/EDUCATIVO

3.1 INTERVENTI ORDINARI DI MANUTENZIONE DELLE AREE A VERDE DEGLI EDIFICI AD USO SCOLASTICO/EDUCATIVO SCHEDA TECNICA N. 3 SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE AREE A VERDE DELLE SCUOLE DELL INFANZIA, DEI SERVIZI SPERIMENTALI PER L INFANZIA E DELLE SCUOLE D ARTE E DEI MESTIERI DEL COMUNE

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47 descrizione ribasso % costo unitario n. Abbattimento di alberi adulti a chioma espansa in parchi e giardini. Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, raccolta e conferimento

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Area Programmazione e Gestione del Territorio Accordo quadro con un unico operatore economico per l affidamento dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria del verde

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE L Azienda Ospedaliera di Padova (A.O.) affida per il periodo dal 01/11/2011

ART. 1 OGGETTO DELLA CONVENZIONE L Azienda Ospedaliera di Padova (A.O.) affida per il periodo dal 01/11/2011 CAPITOLATO TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DELLE ZONE ERBOSE PER L AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA E l OSPEDALE DI CONSELVE (PD) PER UN PERIODO CONTRATTUALE

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SCHEDE TECNICHE RIASSUNTIVE RELATIVE ALLE MODALITÀ OPERATIVE

COMUNE DI FERRARA SCHEDE TECNICHE RIASSUNTIVE RELATIVE ALLE MODALITÀ OPERATIVE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell'umanità Settore OO.PP. Mobilità Servizio Infrastrutture Mobilità e Traffico Ufficio Verde Pubblico SCHEDE TECNICHE RIASSUNTIVE RELATIVE ALLE MODALITÀ OPERATIVE ELABORATE

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

COMUNE DI POGGIBONSI (Provincia di Siena)

COMUNE DI POGGIBONSI (Provincia di Siena) COMUNE DI POGGIBONSI (Provincia di Siena) SERVIZIO PER IL MANTENIMENTO DELLE AREE VERDI APPALTO BIENNALE ANNUALITA 2015-2017 RICHIESTA PREZZI UNITARI SETTORE LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONI SERVIZIO MANUTENZIONI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli S ERVIZIO E COLOGIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA DEL PATRIMONIO VEGETALE E DISERBO STRADALE SUL TERRITORIO DI PROPRIETA COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI CALVENZANO

COMUNE DI CALVENZANO COMUNE DI CALVENZANO SCHEMA DI REGOLAMENTO DEL VERDE URBANO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 del 01/06/2000 Art. 1 - Tutela dei soggetti arborei in ambito urbano - Ambito di applicazione

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com

SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com L'AZIENDA Global Service Giardini si occupa della progettazione, realizzazione e manutenzione di terrazzi, parchi e

Dettagli

ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI

ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI 1) Operaio Specializzato Prezzo a ora 22,54 2) Operaio Qualificato Prezzo a ora 20,43 3) Autocarro con gru ruotante con braccio articolato MTT 26000 kg

Dettagli

SETTORE GIARDINIERI. Settore giardinieri

SETTORE GIARDINIERI. Settore giardinieri SETTORE GIARDINIERI Settore giardinieri Manodopera pag. 68 Lavori ed opere compiute 69 I.F.E.: Iniezioni Fitosanitarie Endoterapiche 70 Potature 71 Noli a caldo 74 Tariffario Casa 2015-2016 67 Settore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA Approvato con delibera consiliare n.8 del 3 Febbraio 1997 1 PRINCIPI GENERALI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Rilevata l importanza

Dettagli

PER SCARICARE I PDF DELLE LEZIONI ANDATE SU:

PER SCARICARE I PDF DELLE LEZIONI ANDATE SU: PER SCARICARE I PDF DELLE LEZIONI ANDATE SU: www.florart-imola.it pagina lezioni e corsi nella sezione corsi cliccare su area riservata in basso a destra nome utente: Studente (rispettare la maiuscola)

Dettagli

COMUNE DI CADEO Provincia di Piacenza

COMUNE DI CADEO Provincia di Piacenza COMUNE DI CADEO Provincia di Piacenza Elaborato Titolo dell'elaborato Data Scala REV. A DATA 22/02/2014 EMISSIONE B 06/03/2014 REVISIONE 1 C D Codice elaborato: Copertine.dwg IL DIRETTORE TECNICO DOTT.

Dettagli

II incontro autunnale-2e

II incontro autunnale-2e ALBERI nel loro ambiente II incontro autunnale-2e UTE aa 2014-2015 Bollate - Novate Giovanni Regiroli - biologo Ultimo capitolo: le buone e le cattive pratiche nell impianto, nella potatura, nel mantenimento,

Dettagli

COMUNE DI CALCIO. PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva

COMUNE DI CALCIO. PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva 1 COMUNE DI CALCIO allegato H PIANO ATTUATIVO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AT12 a destinazione logistico-produttiva Via Covo (SP 102) nuova SP 98 Calciana conforme al PGT (Artt. 12 e 14, legge regionale 11

Dettagli

P.I.I. FISAC-TREVITEX. Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde

P.I.I. FISAC-TREVITEX. Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde P.I.I. FISAC-TREVITEX Relazione tecnica descrittiva degli interventi a verde Il progetto del verde prevede il mantenimento di porzioni di aiuole già esistenti e la creazione di nuove aree per una superficie

Dettagli

DISCIPLINARE PER I SERVIZI DI MANUTENZIONE E SFALCIO NELLE AREE A VERDE PUBBLICO

DISCIPLINARE PER I SERVIZI DI MANUTENZIONE E SFALCIO NELLE AREE A VERDE PUBBLICO Allegato C DISCIPLINARE PER I SERVIZI DI MANUTENZIONE E SFALCIO NELLE AREE A VERDE PUBBLICO Il servizio ha per oggetto gli interventi di sfalcio completo dei prati nelle aree a verde pubblico, aiuole spartitraffico,

Dettagli

COMUNE di QUARTO. (Provincia di Napoli)

COMUNE di QUARTO. (Provincia di Napoli) COMUNE di QUARTO (Provincia di Napoli) LAVORI DI POTATURA ALBERI, MANUTENZIONE ORDINARIA DI AREE A VERDE PUBBLICO ATTREZZATE, PLESSI SCOLASTICI, CIGLI STRADALI ED AREE SPARTITRAFFICO ALLEGATO 1 PRESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO OLGIATE COMASCO

REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO OLGIATE COMASCO REGOLAMENTO SULLA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO OLGIATE COMASCO L Amministrazione Comunale nella consapevolezza dell importanza del ruolo che il verde riveste nella definizione della qualità della vita,

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

Progetti e consulenze agro-forestali. Consulenze e perizie di stabilità degli alberi con certificato finale. Cura delle malattie delle piante

Progetti e consulenze agro-forestali. Consulenze e perizie di stabilità degli alberi con certificato finale. Cura delle malattie delle piante Progetti e consulenze agro-forestali Consulenze e perizie di stabilità degli alberi con certificato finale Cura delle malattie delle piante Endoterapia per le palme contro il punteruolo rosso, contro la

Dettagli

ESSENZE PRESENTI ASPETTI POSITIVI CRITICITA SOLUZIONI POSSIBILI

ESSENZE PRESENTI ASPETTI POSITIVI CRITICITA SOLUZIONI POSSIBILI AREA VERDE 1 2 ESSENZE PRESENTI ASPETTI POSITIVI CRITICITA SOLUZIONI POSSIBILI tre Quercus Rubra gruppo di Pinus Pinea n.34 alberature di cui 18 a foglia persistente a sud-est, quelle a foglia caduca sono

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO COMUNE DI GANGI Provincia di Palermo ***** CAP 90024 Via Salita Municipio, 2 tel. 0921644076 fax 0921644447 P. Iva 00475910824 - www.comune.gangi.pa.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PARCO URBANO

Dettagli

- Per ogni metro quadro di superficie Euro Zero/06

- Per ogni metro quadro di superficie Euro Zero/06 ELENCO PREZZI A.P.1) Taglio di manto erboso di prato artificiale o naturale, con mezzo meccanico, compreso la raccolta in cumuli dell'erba tagliata da depositare all interno di sacchi della spazzatura

Dettagli

COMUNE DI RHO (PROVINCIA DI MILANO) PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO ELENCO PREZZI

COMUNE DI RHO (PROVINCIA DI MILANO) PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO ELENCO PREZZI COMUNE DI RHO (PROVINCIA DI MILANO) AREA 3 - PIANIFICAZIONE, GESTIONE, TUTELA DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI Servizio Ecologia e Tutela ambientale - Verde e arredo urbano - Strade, Cimiteri PROGETTO

Dettagli

ELEMENTI DI POTATURA

ELEMENTI DI POTATURA LE SERATE DELL AMBIENTE Comune di Crespellano Assessorato Ambiente Centro Agricoltura Ambiente G. Nicoli Crevalcore (BO) ELEMENTI DI POTATURA indicazioni tecniche per la corretta potatura delle piante

Dettagli

Allegato 1 - ELENCO PREZZI UNITARI L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE AREE A VERDE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI CENTO (FERRARA)

Allegato 1 - ELENCO PREZZI UNITARI L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE AREE A VERDE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI CENTO (FERRARA) Allegato 1 - ELENCO PREZZI UNITARI L'AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MANUTENZIONE DELLE AREE A VERDE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI CENTO (FERRARA) a. SFALCIO ERBA Taglio del tappeto erboso, con raccolta del

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO Dott. Agr. Alessandra Bazzocchi L area verde oggetto di studio,

Dettagli

Capitolato d oneri per la manutenzione del verde pubblico

Capitolato d oneri per la manutenzione del verde pubblico Città di Tricase Prov. di Lecce Settore Ambiente, SIT, Espropriazioni, Manutenzioni, Energia Capitolato d oneri per la manutenzione del verde pubblico Allegato C Principali attività' oggetto dell'appalto

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO DISCIPLINARE TECNICO DEL PROGETTO DI SPONSORIZZAZIONE MANUTENZIONE ORDINARIA E RIQUALIFICAZIONE DEL VERDE DELLA ROTATORIA SITA TRA VIALE BOLANO-VIA LINERI-VIA FELICE FONTANA-VIA PALERMO. Il Dirigente del

Dettagli

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano

C1202. Riferimento commessa: giugno 2013. ing. Michele D Alessandro Direzione tecnica. Viale Lombardia 5 20131 Milano Riferimento commessa: Viale Lombardia 5 20131 Milano Tel. 02.70632650/60 fax 02.2361564 citra@citrasrl.it www.citrasrl.it C1202 giugno 2013 REV prof. arch. Giorgio Goggi Responsabile tecnico-scientifico

Dettagli

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO 1 CAPITOLATO TECNICO Pulitura, lavatura e disinfezione dei servizi igienici, dei lavabi, delle pareti, dei pavimenti, dei gabinetti di decenza e di ogni altro sanitario avendo cura che i condotti

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio

Modello offerta economica/lista delle attività e forniture per l esecuzione del servizio ALLEGATO 5 Settore Territorio, Servizio Gestione e Manutenzione Strade Oggetto Servizio di manutenzione ordinaria del verde per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2015-2016) Data

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE INTRODUZIONE Poiché un attività estrattiva così come proposta modifica notevolmente sia la morfologia sia le caratteristiche generali dei suoli, è opportuno, per mitigare

Dettagli

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda Prog. 00 564 10 Comune di Cassano d Adda Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel nel comune di Cassano d Adda 7 maggio 2010 da Maggio 10 Dendrotec srl via S.Fruttuoso,2 Tel. 02

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

Indice. Premessa. Capitolo 1 Il territorio

Indice. Premessa. Capitolo 1 Il territorio Indice Premessa XI Capitolo 1 Il territorio 1. Il paesaggista nel territorio 1 2. Analisi territoriale 2 2.1. Metodologia di analisi 3 Analisi del territorio: metodologia di base 4 Scheda 1.1 - Scala 6

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Martedì 23 ottobre 2012 Dr. Agr. Simone Tofani Attenzione!! Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL VERDE URBANO

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL VERDE URBANO Area Discarica Igiene e Decoro Urbano CITTA' DI VARAZZE 17019 - Viale Nazioni Unite, 5 Tel. 019 93 90 1 - Fax 019 93 26 55 www.comune.varazze.sv.it Partita I.V.A. 00318100096 SETTORE 3 AREA DISCARICA IGIENE

Dettagli

Tariffa dei Prezzi 2012

Tariffa dei Prezzi 2012 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Provveditorato Interregionale per le OO.PP. Lazio, Abruzzo e Sardegna REGIONE LAZIO Assessorato Lavori Pubblici Direzione Infrastrutture ROMA CAPITALE Dipartimento

Dettagli

- Lotto 5: ZONA GEOGRAFICA POTATURE ESSENZE ARBOREE ALTO FUSTO ISTITUTI PROVINCIALI CIG 6128237D24

- Lotto 5: ZONA GEOGRAFICA POTATURE ESSENZE ARBOREE ALTO FUSTO ISTITUTI PROVINCIALI CIG 6128237D24 AREA TECNICA SETTORE INTERVENTI SUL PATRIMONIO - EDILIZIA SCOLASTICA - SICUREZZA SUL LAVORO OPERE FINALIZZATE ALLA REALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI SFALCIO ERBA DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI SUPERIORI ANNO 2015

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma)

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma) COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma) SETTORE VI UFFICIO AMBIENTE Servizi di raccolta, trasporto e trattamento dei rifiuti urbani, servizi di igiene urbana e servizi accessori CAPITOLATO DI

Dettagli

DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE VERDI

DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE VERDI DISCIPLINARE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DI AREE VERDI Art. 1 Finalità L Amministrazione comunale, nella consapevolezza che il verde urbano si inserisce nel contesto più ampio di bene paesaggistico da

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I

RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I C O M U N E D I C E R V I A TRAVERSA RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I Sommario PREMESSA... 3 PROGETTO DELLE OPERE A VERDE... 3 LO STATO ATTUALE... 3 IL PROGETTO... 6 PRINCIPALI

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E MANUTENZIONE INFRASTRUTTURE, STRUTTURE E IMPIANTI PUBBLICI INTERVENTI A FAVORE DEGLI ENTI LOCALI DANNEGGIATI DA EVENTI CALAMITOSI DEL 30.08.2007 INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

La Processionaria del Pino

La Processionaria del Pino La Processionaria del Pino Thaumetopoea pityocampa www.gruppoindaco.com Thaumetopoea pityocampa (Den. et Schiff.) Lepidoptera, Fam. Thaumetopoeidae Cos'è la Processionaria o a del pino La Processionaria

Dettagli

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a

(funghi, muffe e batteri) alle radici ed al colletto della pianta. Al contrario, la carenza d acqua, porta la pianta a stress da appassimento ed a L ACQUA L elemento acqua è costituente degli esseri viventi, sia animali che vegetali, superando in alcuni casi anche il 90% della composizione. L acqua per le piante è un elemento indispensabile in quanto

Dettagli

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Allegato A Regione Toscana Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Settore foreste e patrimonio agroforestale Tariffe orarie e tempi di esecuzione

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 368 del 25 marzo 2014

ALLEGATOA alla Dgr n. 368 del 25 marzo 2014 Tutto il materiale ottenuto dalle operazioni di abbattimento dovrà essere immediatamente smaltito secondo normativa vigente, provvedendo al trasporto con mezzi coperti. Saranno scrupolosamente rispettate

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Anopllophora spp Cerambiiciide o Tarllo asiiattiico Foto 1. Femmina di Anoplophora Gli

Dettagli

RICERCA DI SPONSOR PER LA SISTEMAZIONE A VERDE E MANUTENZIONE DI ROTATORIE E AIUOLE SPARTITRAFFICO ANNO 2014 SPECIFICHE TECNICHE E PROGETTUALI

RICERCA DI SPONSOR PER LA SISTEMAZIONE A VERDE E MANUTENZIONE DI ROTATORIE E AIUOLE SPARTITRAFFICO ANNO 2014 SPECIFICHE TECNICHE E PROGETTUALI RICERCA DI SPONSOR PER LA SISTEMAZIONE A VERDE E MANUTENZIONE DI ROTATORIE E AIUOLE SPARTITRAFFICO ANNO 2014 SPECIFICHE TECNICHE E PROGETTUALI ART. 1 AREE SOGGETTE A SPONSORIZZAZIONE Le aree soggette a

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA COMUNE: MARTINENGO All. RTI COMMITTENTE: COMUNE DI MARTINENGO PROPRIETÀ: LOTTIZZANTI PA7/a OGGETTO: OPERE DI URBANIZZAZIONE DEL PA7/a REALIZZAZIONE TANGENZIALE NORD (ex accordo art. 11 L. 241/90) opere

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO: SERVIZIO INTEGRATO DI PULIZIA, GIARDINAGGIO, IGIENE AMBIENTALE

DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO: SERVIZIO INTEGRATO DI PULIZIA, GIARDINAGGIO, IGIENE AMBIENTALE DISCIPLINARE TECNICO SERVIZIO: SERVIZIO INTEGRATO DI PULIZIA, GIARDINAGGIO, IGIENE AMBIENTALE (DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE E LOTTA ALLA PROCESSIONARIA) DELLE AREE DI PERTINENZA DEI FABBRICATI

Dettagli

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 04.08.2011 Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano Sulla base

Dettagli

Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm

Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm Istruzioni aiuole fiorite per l ombra Verdeacolori in vaso da 9x9 cm Posizione di impianto Queste consociazioni sono da posizionare in ombra luminosa. Per ombra luminosa intendiamo un luogo dove il sole

Dettagli

Via G. Marconi, 187 CAP 37050 C.F. 00660940230 Tel. (045) 7135022 FAX (045) 7135640 e-mail: tecnico@comune.isolarizza.vr.it

Via G. Marconi, 187 CAP 37050 C.F. 00660940230 Tel. (045) 7135022 FAX (045) 7135640 e-mail: tecnico@comune.isolarizza.vr.it Via G. Marconi, 187 CAP 37050 C.F. 00660940230 Tel. (045) 7135022 FAX (045) 7135640 e-mail: tecnico@comune.isolarizza.vr.it ALLEGATO 3 Allegato alla determinazione n. 126 del 21.06.2013 CAPITOLATO DEGLI

Dettagli

Le aree verdi e la loro manutenzione. Muggia, 18 maggio 2015

Le aree verdi e la loro manutenzione. Muggia, 18 maggio 2015 Le aree verdi e la loro manutenzione Muggia, 18 maggio 2015 Piralide del Bosso Origine La piralide del bosso è una specie di origini asiatiche (Cina, Giappone, Corea e Russia asiatica) rinvenuta per la

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

ALLEGATO B DISCIPLINARE TECNICO PER MANUTENZIONE DELL AREA VERDE DI PERTINENZA DEL PALAZZETTO DELLO SPORT E. TRICCOLI E DEL POLISPORTIVO C

ALLEGATO B DISCIPLINARE TECNICO PER MANUTENZIONE DELL AREA VERDE DI PERTINENZA DEL PALAZZETTO DELLO SPORT E. TRICCOLI E DEL POLISPORTIVO C ALLEGATO B DISCIPLINARE TECNICO PER MANUTENZIONE DELL AREA VERDE DI PERTINENZA DEL PALAZZETTO DELLO SPORT E. TRICCOLI E DEL POLISPORTIVO C. CARDINALETTI Art. 1 - Oggetto dell'affidamento L'affidamento

Dettagli

PREPARAZIONE DEL SITO

PREPARAZIONE DEL SITO Pur essendo un lavoro che richiede molta cura, la realizzazione di un buon prato è alla portata anche di chi, per hobby, si dedica con passione al giardinaggio. Al giardiniere fai da te sono necessarie

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DELLE AREE VERDI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI PALAU (approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 22.07.2014) Comune di Palau Pagina 1 Indice ARTICOLO

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Per quanto attiene le opere a verde gli interventi previsti nel progetto consistono

Per quanto attiene le opere a verde gli interventi previsti nel progetto consistono 1. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI in: Per quanto attiene le opere a verde gli interventi previsti nel progetto consistono - predisposizione di impianto d irrigazione ad aspersione automatizzato; - piantumazione

Dettagli

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI PROGRAMMA DI LOTTA AL PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME (Rhynchophorus ferrugineus) CAMPAGNA DI INFORMAZIONE VADEMECUM DEL CITTADINO COME RICONOSCERE UNA PALMA

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE

PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE PROGETTO ESECUTIVO BOSCO GOLENA SAN MARTINO IMBOSCHIMENTO TERRENI NON AGRICOLI PIANO MANUTENZIONE QUINQUENNALE COMMITTENTE: Comune di Viadana PROGETTISTA RINNOVA GREEN ENERGY SRL dott. for. Alberto Bergonzi

Dettagli

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione NORME TECNICHE Definizioni e ambiti di applicazione v I progetti ammessi a finanziamento devono ricadere nell ambito delle zone tartufigene individuate dalle carte regionali della potenzialità alla produzione

Dettagli

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali

COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali COMUNE DI LEGNAGO Ufficio Servizi Cimiteriali AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Legnago e Vigo-Vangadizza) ALLEGATO B) ATTIVITA DI GESTIONE Cap. 37045

Dettagli

Trattamento endoterapico Nuovo Metodo Corradi

Trattamento endoterapico Nuovo Metodo Corradi Trattamento endoterapico Nuovo Metodo Corradi Cristiano Scapini, Marco Bassani GESTIONE ENDOTERAPIA ARBOREA In collaborazione con Gea snc Via Betlemme 39, Lugagnano di Sona (Vr) Italia Tel : (+39) 045

Dettagli

CENSIMENTO e VERIFICA della SICUREZZA del PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE DI FORLI

CENSIMENTO e VERIFICA della SICUREZZA del PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE DI FORLI Comune di Forli AREA LAVORI PUBBLICI SERVIZIO OPERE DI URBANIZZAZIONE VERDE E ARREDO URBANO CENSIMENTO e VERIFICA della SICUREZZA del PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE DI FORLI CONOSCERE SIGNIFICA CENSIRE

Dettagli

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE

AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI DEL TERRITORIO COMUNALE (Cimiteri di Cologna Veneta,San Andrea, San Sebastiano e Spessa) ALLEGATO B) ATTIVITA DI GESTIONE ATTIVITA DI GESTIONE COMPLESSI

Dettagli

!!!!! ! " # $!! %! $! & "! '! %! $ % $ #

!!!!! !  # $!! %! $! & ! '! %! $ % $ # " # $ % $ & " ' % $ % $ # ( ) $ * + ( 1 La definizione di tipo richiama a: possesso di caratteri qualitativi che consentono di accomunare ad un modello. Nel caso dell applicazione della definizione al

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO EMERGENZA RIFIUTI RACCOLTA DIFFERENZIATA IL PESO DEI RIFIUTI Le sostanze organiche rappresentano circa 1/3 dei rifiuti prodotti, aumentando così la già ingente quantità di rifiuti

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Settore 2 Area P.O. N. 959 DEL 05/12/2014 DETERMINA A CONTRARRE AI SENSI DELL ART. 192 DEL D.LGS. N. 267/2000 PER L

Dettagli

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi

IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi IL GLOBAL SERVICE, servizi complessivi Il G.S. è inoltre lo strumento più idoneo con cui attivare un insieme di servizi quali: - reperibilità (24h/24h per 365 gg/anno) e pronto intervento (rimozione situazioni

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST Per informazioni: info@cmvservizi.it Cosa si può compostare? In generale si possono compostare quasi tutti i resti di vegetali ovvero ciò che un tempo è stato vivente

Dettagli

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia

Parco Spina verde Corso Gev 2014. La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia Parco Spina verde Corso Gev 2014 La flora alloctona Il caso Ambrosia Ambrosia artemisiifolia 1 L ambrosia è una pianta erbacea stagionale appartenente alla famiglia delle composite o Asteraceae. Originaria

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE. CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE

REGOLAMENTO COMUNALE. CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE CITTÀ DI FIUMICINO (Provincia di Roma) REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO IN ADOZIONE DEL SERVIZIO DI GESTIONE DI AREE VERDI APPARTENENTI AL PATRIMONIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

Attenzione al Punteruolo rosso della palma

Attenzione al Punteruolo rosso della palma Attenzione al Punteruolo rosso della palma Punteruolo rosso della palma Il punteruolo rosso della palma, Rhynchophorus ferrugineus (Olivier), è un coleottero curculionide originario dell Asia meridionale

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Area Programmazione e Gestione del Territorio Accordo quadro con un unico operatore economico per l affidamento dei lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria del verde

Dettagli

Infallibile Vertimec!

Infallibile Vertimec! L unico insetticida-acaricida con prestazioni al top Infallibile Vertimec! Minatori fogliari Psilla Acari e Eriofidi Insetticida e acaricida ad altissime prestazioni L insetticida e acaricida più efficace

Dettagli

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ CILIEGIO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA DELL AMBIENTE DI COLTIVAZIONE E VOCAZIONALITÀ

Dettagli

VADEMECUM DEL CITTADINO

VADEMECUM DEL CITTADINO COMUNE DI ORISTANO Provincia dell Ogliastra Assessorato Agricoltura Attivitá Produttive e C.P.A e Politiche Forestali Assessorato Regionale alla Difesa All ambiente Servizio Tutela del Suolo REGIONE AUTÒNOMA

Dettagli

REGOLAMENTO GIARDINI AREE VERDI ATTREZZATE E GIOCHI

REGOLAMENTO GIARDINI AREE VERDI ATTREZZATE E GIOCHI COMUNE DI TRASACCO Provincia dell Aquila Area di Vigilanza Attività Produttive Servizi Informatici REGOLAMENTO GIARDINI AREE VERDI ATTREZZATE E GIOCHI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 8

Dettagli