Problemi e sfide. La sicurezza energetica europea. Panorama Internazionale. Francesco Palmas

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Problemi e sfide. La sicurezza energetica europea. Panorama Internazionale. Francesco Palmas"

Transcript

1 Panorama Internazionale La sicurezza energetica europea Problemi e sfide Francesco Palmas D i sicurezza degli approvvigionamenti energetici si cominciò a parlare in Europa circa un secolo fa. Il dibattito assunse toni drammatici in occasione delle due Guerre Mondiali e delle crisi petrolifere degli anni 70. Fu allora che il problema di forniture stabili, abbondanti ed economiche d idrocarburi assurse a componente chiave della stabilità economica e della sicurezza nazionale di molti Paesi. Nell Europa odierna, le oscillazioni dei prezzi e l enorme divario fra produzione e consumo hanno nuovamente inasprito i toni, ribaltando un ventennio circa di pax energetica. Bruxelles dipende dall estero per oltre metà del fabbisogno. Nel quinquennio , la domanda è aumentata del 5,1%, balzando ad 1,13 miliardi di tonnellate equivalenti a petrolio. L oro nero vi ha inciso per 484 milioni (+ 3,3%), il gas per 270,3 (+9,2%). Sia chiaro: il 62% della produzione elettrica europea dipende oggi dal carbone e dal nucleare, 24 n Nave metaniera per il trasporto di Gas Naturale Liquefatto (GNL). Raffreddato a -162 C, il metano diventa liquido, diminuendo in volume di 600 volte ma i vincoli ambientali suggeriscono che nel prossimo futuro il gas s imporrà come fonte energetica per antonomasia. Gli impianti a ciclo combinato si stanno diffondendo a macchia d olio: hanno garantito nell ultimo decennio i 3/4 della capacità elettrica aggiuntiva. In Italia, soddisfano il 51% delle necessità, fagocitando metano, GPL o diesel. Sono molto più efficienti delle centrali convenzionali a carbone e a olio combustibile: 60% contro 35-45% massimo dei più recenti impianti a vapore. Ma hanno spiacevoli ripercussioni sull import di gas. Le cifre parlano chiaro: il 25,8% del metano consumato in Europa è estratto dai giacimenti siberiani e le previsioni dicono che, nel 2030, la quota di gas russo nel mix energetico comunitario potrebbe superare il 27%. Le riserve del mare del Nord vanno scemando e l Unione potrebbe vedersi costretta a importare 816 miliardi di m3 l anno, contro i 465 attuali (grafico 1).

2 Graf. 1 Domanda di gas dell UE secondo l area di provenienza 20 40,8 Interna Quando i giacimenti siberiani marceranno a pieno regime, Mosca eguaglierà Rabat al vertice degli esportatori globali di petrolio e distaccherà Doha e Teheran nel gas naturale. Le riserve di cui dispone sono immense: 120 miliardi e passa in barili di petrolio e 50 trilioni circa in m 3 di gas, il doppio dei diretti concorrenti (grafico 2). Bulgaria, Estonia, Finlandia, Lettonia, Lituania, Slovacchia, Bosnia-Erzegovina e Macedonia dipendono già oggi al 100% dal metano russo. La percentuale è di poco inferiore per i greci (80%) e superiore al 50% anche per austriaci, cechi, polacchi, sloveni, ungheresi, serbi e turchi. Francia, Italia e Germania si fermano al 30% circa, ma non appena entrerà in servizio il gasdotto nordeuropeo, i tedeschi balzeranno al 50%. Al vertice di Davos (gennaio 2009), Vladimir Putin non ha fatto che ribadire l importanza dei gasdotti Nord e South Stream: attraversando i mari Baltico e Nero, i due tracciati eluderebbero Ucraina, Georgia e tutti i contenziosi irrisolti. 26,3% 12,2 16,2 Norvegia 27,1 25,8 Russia Algeria Graf. 2 Le riserve di gas dei 3 grandi 15,5% 14, ,2 14,3% Russia Iran Qatar ,6 Altri Criticità delle forniture e paradossi dell Antitrust Quando Putin interruppe le forniture di gas all Ucraina (gennaio 2006), l impatto sull UE fu immediato. L Italia dovette intaccare le proprie riserve strategiche, Parigi e Varsavia vacillarono. Poco o punto servirono i vertici UE-Ucraina e le istituzioni del dialogo energetico russo-europeo. La storia non fece che ripetersi, prima con bielorussi e lituani, poi nuovamente con gli ucraini (2009). Mancando di una politica estera comune, Bruxelles è poco incisiva sia all esterno che all interno. Le sue competenze sono limitate al mercato comune, al nucleare e al carbone, tanto per non cambiare importato al 40%. Quando voglia dettare regole in materia energetica, la Commissione non può che appellarsi a normative ambientali, fiscali o d armonizzazione. È quanto avvenuto con la direttiva , ormai esecutiva dal dicembre scorso. Entro 11 anni, i Paesi comunitari dovranno incrementare dall 8,5 al 20% la quota di energie rinnovabili sui consumi primari, tagliando di un altro 20% emissioni nocive e sprechi. Le priorità sono chiare: dei 5 miliardi di avanzati nel bilancio 2008, 1,25 sono andati al carbon capture and storage e solo le briciole ai progetti infrastrutturali. A preoccupare Bruxelles sono più la liberalizzazione del mercato e l efficienza energetica che non la sicurezza degli approvvigionamenti. Obiettivo principe rimane la separazione tra fornitori e distributori. Ma il caso spagnolo insegna che la teoria dell unbundling proprietario non regge alla prova dei fatti. Da tempo, la francese EDF e la tedesca E.ON vanno propugnando la costituzione di un monopolio europeo capace di strappare contratti vantaggiosi a medio-lungo temine, in virtù delle quantità potenzialmente acquistabili. Ma la Commissione non ne conviene: teme che un monopolio possa danneggiare l economia e preferisce puntare su più isole energetiche, indipendenti fra loro ma strettamente connesse. L antitrust si è scatenata: E.ON ha dovuto rinunciare alla rete elettrica nazionale e a numerose centrali, pena sanzioni pari a 1/10 del suo fatturato. Da noi, ENI e SNAM hanno cominciato a tremare, ma è inverosimile che la Commissione riesca a spuntarla. Parigi e Berlino non sono affatto disposte a rinunciare ai loro campioni nazionali e Roma sta cercando di proteggere i suoi. Richiesto dall Antitrust, Paolo Scaroni ha rifiutato la cessione del TAG, cruciale per la sicurezza energetica italiana: dal confine austro-slovacco, il gasdotto porta al Tarvisio il 30% del nostro import di metano. L ENI ne controlla l 89% e gode del sostegno governativo. Il premier Berlusconi è intervenuto personalmente, telefonando e scrivendo al presidente Barroso, per scongiurare la vendita di un infrastruttura determinante ed evitare all ENI una sanzione di oltre 500 milioni di. La situazione italiana è assai più critica di quella franco-tedesca. Mentre Roma genera il 79% dell elettricità comburendo gas (36%) e petrolio, Berlino non supera il 15 e Parigi il 6%. Non basta: secondo l Unione petrolifera italiana, entro tre anni, il metano prevarrà sull oro nero. Nel 2007, l Italia ne ha consumato 85 miliardi di m3, in massima parte per le esigenze elettriche (34,29), abitative e del terziario (28,1), per non dire dell industria (19,1). Ambizioni dell UE Le vie alla stabilità energetica sono fortunatamente tante. Bruxelles dialoga da tempo coi produttori e cerca un coor- n

3 dinamento col fronte dei consumatori, in seno all Agenzia internazionale per l energia, foro abbastanza controverso: secondo alcuni, l IEA gonfierebbe ad arte le proiezioni sulla domanda globale d idrocarburi, per costringere l OPEC ad aumentare l offerta e calmierare i prezzi. Ognuno combatte con le sue armi. Contatti regolari sul tema energetico si susseguono anche con le grandi potenze: con la Cina dal 94, con gli Stati Uniti dal 95, con l India dal 2004 e, negli ultimi tempi, anche col Giappone. Ove manchino intese preferenziali coi Paesi fornitori e di transito, Bruxelles punta sui memoranda d intesa come avvenuto con Kiev (2005), Baku e Astana (2006). Assai importanti sono gli accordi con l Algeria: integrarla nel mercato interno e raddoppiarne le forniture di gas è obiettivo di negoziati specifici, non ancora sfociati in un partenariato strategico. Tra il 2006 e il 2007, Bruxelles si è inoltre dotata di una strategia globale per l energia e di una ad hoc per l Asia Centrale, regione chiave per ampliare il ventaglio dei fornitori. Limiti dell UE Progetti ambiziosi richiedono tuttavia unità d intenti, disponibilità delle controparti e dotazioni finanziarie adeguate: l Unione di oggi manca sia delle une che delle altre. In Asia Centrale come nel Mediterraneo, le sue politiche continuano a sovrapporsi più che a integrarsi con quelle statunitensi e della NATO. Molti vagheggiano un accordo di ampio respiro con Mosca, che spianerebbe la strada a un integrazione energetica teoricamente profittevole per entrambe le parti: la dipendenza russa dall export di materie prime non è meno grave di quella degli importatori europei. La rete nazionale per il trasporto degli idrocarburi necessita d investimenti colossali: 935 miliardi di $ entro il 2030, il triplo del PIL nazionale. Non meno ingenti sono i capitali richiesti per potenziare la capacità estrattiva e soddisfare la domanda crescente. Ma, nonostante l interesse reciproco e le continue pressioni, non si è riusciti ad ottenere neanche la ratifica della Carta dell energia e del Protocollo sul transito, pendente dal Peggio: fra gli europei, il piccolo vantaggio nazionale continua spesso ad esser più attraente del bene comune. Pur di aver accesso privilegiato ai giacimenti russi, la Germania ha affossato le speranze residue di un fronte unitario in materia energetica. Se è vero che sotto la spinta di grandi gruppi come ENEL, E.ON o EDF, si stanno profilando mercati macroregionali dell energia, la maggior parte dei Paesi europei sembra non avvertire l urgenza di regole comuni. Mentre E.ON e Ruhrgas controllano già il 6,5% di Gazprom, anche i francesi stanno cercando di acquisire partecipazioni importanti nel colosso russo. Nicolas Sarkozy ha chiesto reciprocità: da dicembre 2006, Gazprom può accedere al mercato transalpino e vendervi direttamente 1,5 miliardi di m 3 di gas. Ora spetterebbe alla Russia aprirsi alle società francesi. Ai rischi di energo-dipendenza si aggiungono nuovi timori: si sospetta che Mosca voglia dar vita ad una sorta di OPEC del gas, sfruttando la partnership energetica con Teheran e un accordo del 2006 con Algeri. Alcuni sostengono che i russi ambiscano soltanto a drenare competenze tecniche e commerciali nel settore del gas naturale liquefatto (GNL), per scalare l apogeo mondiale anche nel ramo. Ma è meglio non abbassare la guardia: se la Russia soddisfa il 26% del fabbisogno europeo di gas, un altro 7% viene proprio dall Algeria. La Sonatrach, compagnia di stato algerina, è prima fornitrice dell Italia, della Spagna e del Portogallo; seconda della Francia. L idea di un cartello piace molto all Iran, ma potrebbe attrarre anche la Libia, il Qatar e il filoccidentale Azerbaigian. Teheran e Doha condividono già lo sfruttamento del giacimento off shore di South Pars-North Dome, il maggiore mai scoperto al mondo 1. Sebbene nessuno ne parli apertamente e Mosca si profonda in smentite, l ipotesi agita non poco i consumatori europei ed italiani, la cui bolletta energetica supera i 50 miliardi di l anno. Sul nostro Paese grava un mix delle fonti sbilanciato per oltre 3/4 sul gas naturale e sul petrolio, e una dipendenza dall estero assai superiore alla media europea: 86% contro 56 (graf. 3). Graf. 3 Le fonti dell energia italiana ( milioni di T e %) Altri 35,1 (31%) Algeria 2,0 (2%) Norvegia 3,4 (3%) Produzione interna 5,8 (5%) Arabia Saudita 8,3 (7%) Olanda 0,1 (0,1%) Ex Urss 30,9 (27%) Libia 29,1 (25%) Fonte Il Sole24Ore Per ampliare il ventaglio dei fornitori e scongiurare qualsivoglia cartello, occorrerebbe puntare maggiormente sul GNL, ancora marginale sia a livello mondiale (30%), che europeo (15%): Bruxelles ne consuma 290 miliardi di m 3 l anno, ma prevede di raddoppiarli entro il In Angola, Egitto, Nigeria e Trinidad, esisterebbero enormi potenzialità di sfruttamento, e Giappone e Sud-Corea insegnano che la strada è percorribile, ambientalisti permettendo. I rigassificatori hanno infatti un impatto sia diretto che indiretto: basti solo pensare che per trasportare 5 miliardi di m 3 di GNL occorrono più di 50 navi. In Italia, nonostante la marea di progetti, l unico impianto in via 1 Giorgio S. Frankel, Gas, Bruxelles guarda al Caspio, in «Il Sole24Ore», 26 gennaio 2009, p. 10. n

4 Tab. 1 Produzione elettrica mondiale per fonte di energia (valori in TWh 1 e %) Var Fonte TWh % TWh % TWh % Carbone Petrolio Gas Nucleare Idroelettrico Rinnovabili TWh (Terawattora) = miliardi di Kilowattora Fonte: Corriereconomia 1 TWh (Terawattora) = miliardi di Kilowattora Fonte: Corriereconomia di completamento è quello off shore 2 dell isola di Porto Levante, nei pressi di Rovigo. Costato 2 miliardi di, un infinità di autorizzazioni e un decennio di progettazioni, produrrà a regime 8 md di m 3 di gas.assai promettenti sono anche le energie rinnovabili e il nucleare di 4 a generazione, sebbene insufficienti a soddisfare l iperbole della domanda (tab. 1). La minaccia terroristica Garantire la sicurezza energetica significa proteggere al contempo le infrastrutture di trasporto e le SLOC dai conflitti armati, dagli attentati terroristici e dalle calamità naturali. Nell ultima guerra irachena, oleodotti e gasdotti sono stati colpiti più di 300 volte; in Nigeria, i raid del MEND hanno causato perdite del 20% nelle esportazioni di petrolio. Passaggi strategici come il canale di Suez e lo stretto di Gibilterra sono obiettivi potenziali del terrorismo marittimo. Sebbene la minaccia sia al momento silente, nel 2002 Gibilterra è stata teatro di manovre destabilizzanti, al punto tale da costringere la NATO a pattugliamenti navali (Active Endeavour). Non meno importante è la libera navigazione dello stretto di Babel-Mandeb, ove pirateria ed instabilità politica sono divenute endemiche. Dopo gli attentati alla petroliera francese Limburg e al cacciatorpediniere americano Cole, è toccato ai nostri mercantili Cielo di Milano, Jolly Marrone e Neverland esser assaltati dai pirati, muniti di motoscafi, kalashnikov e lanciarazzi (graf. 4). Dal sancta sanctorum d Eyl ai vari porti costieri, la Somalia è divenuta terra d elezione dei corsari moderni, seguita dalla Nigeria. Spesso pagati, i riscatti fruttano dai 2 ai 9 milioni di $. Il caso della Sirius Star è emblematico. Sequestrata 450 miglia a sud-est di Mombasa (15 novembre 2008), la super-petroliera saudita valeva 285 milioni di $, 100 dei quali di solo carico. Per restituirla, i pirati somali hanno chiesto 30 milioni di $ ma, dopo 55 giorni di trattative, si sono accontentati di 1/10. Ottenuti i contanti, son fuggiti a terra e, su potenti jeep, si son dati alla macchia. Fra ottobre e dicembre, l Alleanza Atlantica aveva nell area 4 unità da guerra (Standing NATO Maritime Group 2), al comando dell ammiraglia italiana Durand De La Penne. Anche Bruxelles è intervenuta con la missione EU NA- VFOR Somalia (operazione Atalanta), cui partecipano mezzi francesi, britannici, greci e tedeschi. Ma i pattugliamenti marittimi e i corridoi di sicurezza non bastano: controllare quasi 3mila km di coste e un braccio di mare che si estende per oltre 6 milioni di km2 è impresa ardua. Nate Christensen, portavoce della 5 a flotta dell USN, ha incoraggiato gli armatori a contribuire alla protezione dei cargo, assoldando mercenari Graf. 4 Gli attacchi di pirateria marittima É il primo del genere al mondo, a 15 Km dalla costa e invisibile da terra. n

5 La Libia è il principale fornitore dell ENI, che vi estrae quotidianamente 252mila barili di olio equivalente. Nella foto, l impianto di trattamento di Mellitah (Western Libyan Gas Project). Fonte: ENI. armati. Per le compagnie private si sono aperte nuove prospettive: le britanniche Eos, Hart Security, Drum Cussac e Olive Group offrono da tempo servizi di sicurezza navali. A parte le guardie armate, proteggono le imbarcazioni con sistemi di difesa passiva: dagli idranti ad alta pressione agli scorrimano elettrizzati. Non mancano le offerte della Blackwater e della Hollowpoint: la prima ha già noleggiato una porta-elicotteri ed effettuato scorte nel golfo di Aden 3. Ovunque, al-qaeda ha alzato la posta, minacciando più volte una jihad economica contro le installazioni energetiche. Guarda caso, nel febbraio nero del 2006, è saltato l oleodotto saudita di Abqaiq. Secondo l intelligence norvegese, la rete di Osama Bin Laden disporrebbe di 23 mercantili registrati con bandiera liberiana, panamense e dell isola di Man. Gruppi come al-gama a al Islamiyya, Jihad Islamica ed Hezbollah risulterebbero coinvolti in attività terroristiche via mare: non solo contrabbanderebbero armi ed altro materiale bellico, ma tramerebbero a favore della stessa al-qaeda. Proteggere oleodotti, gasdotti, linee di comunicazione marittima ed infrastrutture portuali di stoccaggio e rifornimento è altrettanto importante che avere fornitori affidabili. Ad essere in gioco è la stabilità economica e la sicurezza tout court dell Occidente. Il Consiglio nord-atlantico ne è ben consapevole: non solo sta tenendo sessioni di lavoro ad hoc, ma ha anche attivato un gruppo di lavoro per la protezione delle infrastrutture critiche (2005). Di più: ha ventilato l ipotesi di un coinvolgimento diretto dell Alleanza nella sicurezza energetica (vertice di Riga). Poiché è chimerica una difesa marittima tous azimuts, alla NATO spetterebbe proteggere le rotte più significative e i punti di passaggio obbligati, soprattutto se minacciati da tensioni e conflitti armati. La storia offre un precedente: durante la guerra Iran-Iraq, l operazione Earnest Will ( 87-88) fu un successo nel garantire continuità di rifornimenti energetici. La comunità internazionale riuscì a proteggere le petroliere kuwaitiane fornendo loro scorte marittime e bandiere straniere. Dopo la crisi di Suez (1957), i governi europei avrebbero dovuto capire l importanza dei rapporti con la sponda Sud nella difesa attiva del bacino. Ma, a parte i buoni propositi, una vera associazione fra Paesi comunitari e sud-mediterranei non è ancora decollata. Il Partenariato euro-mediterraneo risente di troppi limiti, sebbene affiancato da molte altre iniziative regionali: dai simposi biennali fra le marine dei Paesi mediterranei e del Mar Nero, Terminal turco dell oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan 3 Gianandrea Gaiani, Nato e Ue, ma anche «private security companies» contro la pirateria, Il Sole24ore, 13 novembre 2008, edizione on line. n

6 Blue Stream è il gasdotto sottomarino più profondo al mondo. Corre per km fra Izobilnoye e Samsun, sui fondali del mar Nero. Vi è stato posato da Gazprom e dall ENI (380 km). Nella foto, tecnici italiani nelle ultime fasi dei tiri a riva. Fonte: ENI. alla Carta di Stoccarda per la sicurezza e la stabilità, dall Iniziativa «5+5» a strutture di cooperazione militare come EUROFOR ed EURO- MARFOR. Ancora più pregnanti sono le iniziative promosse dall Alleanza Atlantica. A parte il Dialogo Mediterraneo e l Iniziativa di Cooperazione di Istanbul, meritano di essere menzionati i 4 gruppi per la guerra di mine e la reazione rapida, versati soprattutto nell antiterrorismo marittimo.sia chiaro: in un mondo in cui si riaffacciano fenomeni di pirateria e di terrorismo, i mari circostanti l Europa sono senz altro sicuri, grazie a Marine efficienti e dotate d innumerevoli mezzi per la vigilanza costiera. Come se non bastasse, gli americani e i loro alleati controllano gli stretti e i choke points navali più importanti: Suez, Gibilterra, Bosforo e Dardanelli, vere sentinelle del Mediterraneo. Il ruolo dell Italia Trait d Union fra est e ovest, l Italia gioca nel Mediterraneo un ruolo cruciale, enfatizzato dai due archi di crisi che vi s intersecano. Il primo attraversa l area danubiano-balcanica e s adima al Caucaso. Il secondo abbraccia la fascia nordafricana e mediorientale, fino al golfo Persico, inquadrando un area tanto essenziale quanto problematica per la sicurezza italiana ed euro - atlantica. Gran parte del petrolio (70%) e del gas mondiali (40%) provengono dal bacino caucasico-centrasiaticomediorientale; dal Mediterraneo lato sensu passano le vie, le aerovie e le rotte del rifornimento strategico nazionale. Qualsiasi crisi che destabilizzi l area è minaccia diretta agli interessi vitali dell Italia, propensa, qui più che altrove, ad adottare contromisure militari. Non per caso viene da Roma uno dei progetti marittimi più ambiziosi degli ultimi tempi: il Virtual-Regional Maritime Traffic Centre (2004), pensato per monitorare i traffici e i movimenti d unità mercantili sia nel Mediterraneo che nel Mar Nero. Una sorta di emulo navale dei sistemi di riporto e controllo vigenti per lo spazio aereo e, al tempo stesso, una risposta alla risoluzione A.924 (2002) delle Nazioni Unite, che perorava l adozione di nuove misure di contrasto al terrorismo marittimo 4. Alcuni lamentano l assenza di una strategia comunitaria per la sicurezza energetica. In realtà, subito dopo l Energy Policy Act degli Stati Uniti (2005), anche Bruxelles si è dotata di una Politica ad hoc per l energia (2006). Nel Libro verde, ha denunciato l instabilità dei prezzi del petrolio e l uso politico delle risorse energetiche da parte di alcuni, senza nascondere i timori di crisi future, per l incertezza sulle riserve disponibili e l impennata dei consumi. Nel preservare il suo margine di manovra, l UE sta battendo più strade. Da novembre 2005, dispone perfino di un programma globale per la protezione delle infrastrutture critiche (EPCIP) e di una rete d allarme in fieri (CI- WIN). I vettori energetici ne sono beneficiari essenziali: un interruzione delle forniture comprometterebbe non solo la funzionalità di tutte le altre infrastrutture critiche, ma potrebbe avere impatti umani ed ambientali enormi. Il coordinamento di prevenzione e protezione è tuttavia difficoltoso: molte infrastrutture sono gestite da privati o stranieri, e non sempre è agevole discernere fra competenze pubbliche, private e internazionali. Mancano impianti e strutture per ridistribuire i flussi d idrocarburi in caso di crisi. Peggio: solo il 10% delle reti di gasdotti è stato finora completato e poco più è stato fatto per i network elettrici. n 4 è entrato in vigore il Codice internazionale per la sicurezza delle navi e delle infrastrutture portuali (ISPS), che disciplina i vettori impegnati nelle rotte intercontinentali, i cargo dalle 500 t in su e le piattaforme off-shore. È la prima volta che una Convenzione marittima globale include anche le infrastrutture portuali: zone di ancoraggio, banchine e così via, sempre più esposte a una minaccia terroristica proteiforme. n

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Merceologia delle Risorse Naturali

Merceologia delle Risorse Naturali GAS NATURALE-ORIGINI Il gas naturale è un combustibile fossile di origine organica, costituito in massima parte da metano (CH4). Il gas naturale si trova nel sottosuolo, normalmente negli stessi giacimenti

Dettagli

Report sul gas naturale

Report sul gas naturale Report sul gas naturale A) Focus Energia B) Produzione Gas Naturale C) Consumo Gas Naturale D) Riserve Gas Naturale E) Il Commercio Mondiale di Gas Naturale F) I prezzi G) Il Nord America H) L Europa I)

Dettagli

Middle East and North Africa Energy

Middle East and North Africa Energy Middle East and North Africa Energy Chatham House, London 25th January 2016 https://www.chathamhouse.org/conferences/middle-east-and-north-africa-energy Intervento dell AD Claudio Descalzi Signore e signori

Dettagli

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011

Audizione Leonardo Bellodi. Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Audizione Leonardo Bellodi Responsabile Rapporti Istituzionali Senato X Commissione Industria, Commercio e Turismo Roma, 12 Ottobre 2011 Il Piano Energetico Nazionale L input comunitario UNIONE EUROPEA

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica

Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8. Corte dei conti Italia. Sicurezza energetica Videoconferenza tra le Istituzioni superiori di controllo dei Paesi membri del G8 7 giugno 2006 Corte dei conti Italia Sicurezza energetica 1. L Italia e la sicurezza energetica Il tema della sicurezza

Dettagli

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI

Atlante Statistico dell Energia. RIE per AGI Atlante Statistico dell Energia RIE per AGI Settembre 215 ENERGIA E AMBIENTE 14 Emissioni totali di CO2 principali nei paesi Europei 12 1 mln tonn. 8 6 4 2 199 1992 1994 1996 1998 2 22 24 26 28 21 212

Dettagli

Il gas naturale i rigassificatori la politica energetica. Livorno, 29 marzo 2008 Comitato contro il rigassificatore offshore

Il gas naturale i rigassificatori la politica energetica. Livorno, 29 marzo 2008 Comitato contro il rigassificatore offshore Il gas naturale i rigassificatori la politica energetica Livorno, 29 marzo 2008 Comitato contro il rigassificatore offshore 1 Sono utilizzati non pareri di ambientalisti ma documenti di: Autorità come:

Dettagli

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno:

Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Nuove rotte per la crescita del Mezzogiorno: Presentazione del 2 Rapporto Annuale Italian Maritime Economy Napoli, 5 giugno 2015 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli SINTESI DELLA RICERCA UN MEDITERRANEO

Dettagli

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI.

STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. SCUOLA 21 classe 2^ OPA STORIA/GEOGRAFIA LE RISERVE DI MINERALI: PAESI DETENTORI, PRODUTTORI E CONSUMATORI. Tra i maggiori detentori di risorse minerarie figurano i quattro più vasti paesi del mondo: Russia

Dettagli

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia.

IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015. I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia. IL SETTORE ENERGETICO NEL 2014 E LE PROSPETTIVE PER IL 2015 I mercati energetici internazionali e le prospettive per l Italia Vittorio D Ermo Direttore Osservatorio Energia AIEE Aprile 2015 Sommario n

Dettagli

Prospettiveper ilmercatodel gas

Prospettiveper ilmercatodel gas Prospettiveper ilmercatodel gas in Europa Riccardo Pasetto CH4 L industria del gas: tendenze e prospettive Bologna 22 ottobre 2014 Il contestopolitico-economico Scenario altamente instabile a causa di:

Dettagli

Il fotovoltaico: sviluppo della ricerca e opportunità per l industria

Il fotovoltaico: sviluppo della ricerca e opportunità per l industria Il fotovoltaico: sviluppo della ricerca e opportunità per l industria Enea (Roma), 13 settembre 2006 Paolo Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. 1 L Energia Solare Fotovoltaica: la fonte energetica sostenibile

Dettagli

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione

Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Lo sviluppo asiatico e il business logistico Roma, 24 gennaio 2007 Intervento di Anna Maria Artoni Spunti di discussione Il Mediterraneo torna al centro del mondo Nel mercato globale - e nella Grande Europa

Dettagli

Rapporto Ice 2009-2010. L Italia nell economia internazionale. 2007 2008 2009 (1) quota Var % 2008/2009

Rapporto Ice 2009-2010. L Italia nell economia internazionale. 2007 2008 2009 (1) quota Var % 2008/2009 234 contributi L Italia nei mercati internazionali dell energia: effetti della crisi e strategie delle imprese nazionali di Matteo Verda * La crisi e i mercati dell energia La contrazione dell economia

Dettagli

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza Fonti energetiche e strategie per la sicurezza 1 Petrolio 2 3 4 5 Rapporto Prezzo/Riserve Prezzo di estrazione a tecnologia A $90,00 3 milioni di barili $60,00 2 milioni di barili $30,00 $0,00 100m 200m

Dettagli

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento

2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 1. Reverse-Flow 2. TAP/Diversificazione fonti di approvvigionamento 3. Rapporto consumi/investimenti 4. Allineamento prezzi gas Italia all Europa 5. Stoccaggio Imprese 6. Servizio Maggior tutela (differenze

Dettagli

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

PANEL 1: ENERGIA. Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori, FORUM ECONOMICO-FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO PANEL 1: ENERGIA (Milano, 20 luglio 2009, ore 15) Signor Presidente Ermolli, caro Ministro Khelil colleghi Ministri, amici imprenditori, signore e signori,

Dettagli

L internazionalizzazione del sistema economico milanese

L internazionalizzazione del sistema economico milanese L internazionalizzazione del sistema economico milanese Il grado di apertura di un sistema economico locale verso l estero rappresenta uno degli indicatori più convincenti per dimostrare la sua solidità

Dettagli

Il prezzo dei combustibili fossili: che cos è e come si forma

Il prezzo dei combustibili fossili: che cos è e come si forma Il prezzo dei combustibili fossili: che cos è e come si forma Giuseppe Sammarco, Direttore FEEM 5 marzo gennaio 2013 Fondazione Eni Enrico Mattei, Milano Agenda 1.Il prezzo del petrolio 2.Il prezzo del

Dettagli

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili

La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Corso di Tecnologie delle Energie Rinnovabili A.A. 2014-2015 La struttura del sistema energetico e i meccanismi di incentivazione delle fonti energetiche rinnovabili Prof. Daniele Cocco Dipartimento di

Dettagli

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori,

Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore e Signori, Roma, 18 giugno 2008 INTERVENTO VIDEO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA ALL ASSEMBLEA ANNUALE DELL UNIONE PETROLIFERA Grazie Presidente De Vita. Amici imprenditori, Autorità, Signore

Dettagli

Prospettive ed opportunità comunitarie nei sistemi di gestione portuale

Prospettive ed opportunità comunitarie nei sistemi di gestione portuale Prospettive ed opportunità comunitarie nei sistemi di gestione portuale Gian Angelo Bellati Segretario Generale di Unioncamere del Veneto 1/12 Considerazioni preliminari 1 in Europa è in atto un grande

Dettagli

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO

PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO PERCHÉ IL NUCLEARE È NECESSARIO Il referendum del 1987, che ha determinato l uscita dell Italia dal nucleare, è costato all Italia oltre 50 miliardi di euro, soprattutto per la trasformazione e lo smantellamento

Dettagli

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE)

Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) Tecnologie per una mobilità più sostenibile, sicura e consapevole A cura del Centro Studi Socio-Economici (CSE) INTRODUZIONE In concomitanza con l avvio dei lavori del 17esimo Forum Internazionale sull

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1 Libro verde sull efficienza energetica Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona Direzione generale Energia e trasporti 1 Il precedente: Il Libro verde sulla sicurezza dell

Dettagli

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente

Mariarosa Baroni NGV Italy Presidente Le barriere da rimuovere per rispondere alle aspettative della UE e del settore industriale per il NG (CNG, GNL e Biogas) nel breve e medio periodo Autopromotec - 22 maggio 2015 Mariarosa Baroni NGV Italy

Dettagli

TAP Trans Adriatic Pipeline

TAP Trans Adriatic Pipeline TAP Trans Adriatic Pipeline Giampaolo Russo AD TAP Italia Audizione nell ambito dell esame congiunto del Pacchetto Unione dell energia Senato della Repubblica 10ª Commissione «Industria, commercio, turismo»

Dettagli

Kyoto. Un accordo tormentato

Kyoto. Un accordo tormentato Kyoto Un accordo tormentato Il protocollo di Kyoto Data: 11 dicembre 1997 Contenuti: riduzione gas serra dell 8% rispetto al 1990 (ogni Stato ha una propria quota: ITALIA 6,5%) A partire da: 2008 Fino

Dettagli

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema

un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema Le fonti ri n n ova b i l i : politiche e pro s p e t t i ve e u ro p e e di Vittorio Prodi un autentico rilancio dello sviluppo europeo e italiano necessita di un sistema energetico rinnovato e ambientalmente

Dettagli

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI.

LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. LA NOVITÀ NELL ENERGIA, DA 70 ANNI. IL GRUPPO ERG UNA REALTÀ MULTIENERGY DA OLTRE 70 ANNI IL GRUPPO ERG È UN PUNTO DI RIFERIMENTO NEL MERCATO ENERGETICO ITALIANO Il Gruppo, dal 2002, si è articolato in

Dettagli

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO!

«TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! «TEMPO» DI FIDUCIA NELL ENERGIA NONOSTANTE TUTTO! Edgardo Curcio Presidente onorario, AIEE Milano, 2 luglio 2014 «Shale Gas: una sfida per l Europa per mantenere competitiva la filiera chimica» e 4 Workshop

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS. Ing.

IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS. Ing. IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS Ing. Claudio DI MACCO LA FILIERA DEL GAS NATURALE Importazione/produzione nazionale Rigassificazione

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed

Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed SPIN - Roma, 13 giugno 2005 Il processo di costruzione delle infrastrutture dei pagamenti in EuroMed Renzo Vanetti, Amministratore Delegato 2 Lisbona/Barcellona: lo stesso concetto di cooperazione Lisbona

Dettagli

Fonti rinnovabili in Italia:un occasione mancata?

Fonti rinnovabili in Italia:un occasione mancata? Fonti rinnovabili in Italia:un occasione mancata? Giuseppe Onufrio - Direttore Esecutivo Greenpeace Italia Roma 4 giugno 2009 Presentazione al Goethe Institut Italia: il contesto energetico Settore elettrico

Dettagli

IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA

IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA FRANCESCO F. MILAN GIUGNO 2009 Nel 2006, mentre le grandi compagnie di diversi paesi europei, dopo aver concluso gli studi preliminari sulla fattibilità dell

Dettagli

MERCATO DELL ENERGIA E ENTI LOCALI Renato Rossi. Milano, 23 Gennaio 2003

MERCATO DELL ENERGIA E ENTI LOCALI Renato Rossi. Milano, 23 Gennaio 2003 MERCATO DELL ENERGIA E ENTI LOCALI Renato Rossi Milano, 23 Gennaio 2003 MERCATO DEL GAS METANO DIMENSIONI Il mercato italiano ha raggiunto, terzo in Europa, nel 2001 70 miliardi di metri cubi di consumo.

Dettagli

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA

L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA L ENERGIA E IL FUTURO: IL FUTURO DELL ENERGIA Prospettive di sviluppo delle energie rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Opportunità per il sistema industriale nazionale. Intervento di Annalisa

Dettagli

VERSIONE NON UFFICIALE

VERSIONE NON UFFICIALE VERSIONE NON UFFICIALE DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MINISTRI DELL ENERGIA, DEL COMMISSARIO EUROPEO E DEI MINISTRI DELL ENERGIA DI ALGERIA, AUSTRALIA, BRASILE, CINA, EGITTO, INDIA, INDONESIA, COREA, LIBIA,

Dettagli

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011

PORTO della SPEZIA TRAFFICO MERCANTILE 2011 TRAFFICO MERCANTILE 2011 Fabrizio Bugliani Resp. Ufficio MKT & Rapporti con l Estero GENNAIO 2012 1 Traffico 2011 Traffico contenitori Il porto della Spezia ha movimentato nel corso del 2011 1.307.274

Dettagli

La geopolitica del gas

La geopolitica del gas Working Papers SIET - ISSN 1973-3208 La geopolitica del gas Sandro Petriccione 1. Introduzione Gli aumenti delle quotazioni del petrolio a cui sono legati i prezzi fissati nei contratti di fornitura del

Dettagli

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia

L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia L economia del Mediterraneo: rilevanza ed influenza per l Italia Direttore Generale Massimo DEANDREIS Università Bocconi Milano, 25 Maggio 2015 L incremento del traffico nel Mediterraneo Sta crescendo

Dettagli

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE Verona,22 Novembre 2013 Traffico merci in Europa La ripartizione modale 76% 7% Road Railways Inland waterways

Dettagli

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio

L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Urbana Gaiotto Marzo 2004 L allargamento dell Unione Europea: l abolizione delle frontiere doganali e gli aspetti di carattere transitorio Comunità Europea dei 15: Austria Belgio Danimarca Finlandia Francia

Dettagli

Raffinazione e distribuzione petrolifera in Italia: cambiamenti in atto e prospettive future

Raffinazione e distribuzione petrolifera in Italia: cambiamenti in atto e prospettive future Master in Gestione delle Risorse Energetiche Workshop Safe Raffinazione e distribuzione petrolifera in Italia: cambiamenti in atto e prospettive future Adriano Piglia Direttore Centro Studi SAFE Lunedì

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 974 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE VORRESTE SAPERE SULLA «GUERRA» SUL PREZZO DEL PETROLIO E NESSUNO VI HA MAI DETTO 8 gennaio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

Pacchetto «Unione dell energia»

Pacchetto «Unione dell energia» Pacchetto «Unione dell energia» Audizione Eni 14 maggio 015 eni.com Energy Union: i 5 pilastri 1 Focus della presentazione Efficienza energetica DOMANDA ENERGETICA E ENERGY MIX Decarbonizzazione ENERGY

Dettagli

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico?

Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Più centrali? Più carbone? E l efficienza energetica? E il fotovoltaico? Ing. Paolo M. Rocco Viscontini Enerpoint S.r.l. IEFE Milano 29 Aprile 2005 Il fotovoltaico è ancora troppo costoso: non vale la

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

La CGIL e le nuove infrastrutture energetiche

La CGIL e le nuove infrastrutture energetiche La CGIL e le nuove infrastrutture energetiche Claudio di Macco Consigliere tecnico e scientifico Autorità per l energia elettrica e il gas Roma, 22 maggio 2007 Autorità per l energia elettrica e il gas

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL)

Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Trader e reti di rifornimento del gas metano fossile (CNG e GNL) Ing. Giovanni Papagni Gestione e sviluppo servizi energetici Gas Natural Vendita Italia Spa Il Gruppo Gas Natural Fenosa nel mondo Presente

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI

OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI IL SISTEMA ELETTRICO ITALIANO: OPPORTUNITÀ E NUOVI SCENARI SCENARI 3 marzo 212 Davide Tabarelli, Nomisma Energia 1 Agenda Domanda di energia mondiale L Italia ha bisogno di energia La CO2 è meno importante

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

Efficienza è ricchezza. Senza efficienza non c è ricchezza

Efficienza è ricchezza. Senza efficienza non c è ricchezza Efficienza è ricchezza Senza efficienza non c è ricchezza Roma, 21 novembre 2012 Massimo Medugno Direttore Generale Assocarta 1 Il settore cartario italiano nel 2011 Produzione: 9,13 milioni di tonnellate

Dettagli

L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia

L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia L'impegno delle Imprese per la diffusione del GNL in Italia Francesco Franchi Presidente Assogasliquidi L Europa che cambia La Strategia Energetica Europea L Europa manifesta alcune preoccupazioni: La

Dettagli

Energia e sostenibilità: fonti,vettori e politiche energetiche

Energia e sostenibilità: fonti,vettori e politiche energetiche Panorama energetico attuale Università IUAV Corso di Fisica Tecnica Ambientale Laboratorio Integrato Innovazione-Sostenibilità 1 Energia e sostenibilità: fonti,vettori e politiche energetiche Fabio Peron

Dettagli

11/05/13. Estratto da pag. 9 063-117-079. Peso: 1-6%,9-23% 3 GSE - RINNOVABILI

11/05/13. Estratto da pag. 9 063-117-079. Peso: 1-6%,9-23% 3 GSE - RINNOVABILI 11 maggio 2013 11/05/13 Estratto da pag. 9 Peso: 1-6%,9-23% 3 063-117-079 Rigassificatori, E.on: impegnati in realizzazione terzo impianto Italia Rigassificatori, E.on: impegnati in realizzazione terzo

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia

Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Da fossili a rinnovabili: la diversificazione come strumento di sviluppo e sostenibilità. L esperienza di api nòva energia Intervento di Ferdinando Brachetti Peretti Amministratore Delegato gruppo api

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014

Federica Guidi. Spunti per l intervento di. Presentazione del World Energy Outlook ENI. Ministro dello Sviluppo Economico. World Energy Otlook 2014 Spunti per l intervento di Federica Guidi Ministro dello Sviluppo Economico Presentazione del World Energy Outlook ENI 1 Vorrei innanzitutto salutare e ringraziare l Agenzia Internazionale per l Energia

Dettagli

Comunicato stampa OMC 2015 PER UN INDUSTRIA OIL&GAS A IMPATTO ZERO SI CHIUDE CON NUMERI RECORD: 21 MILA PRESENZE

Comunicato stampa OMC 2015 PER UN INDUSTRIA OIL&GAS A IMPATTO ZERO SI CHIUDE CON NUMERI RECORD: 21 MILA PRESENZE Comunicato stampa OMC 2015 PER UN INDUSTRIA OIL&GAS A IMPATTO ZERO SI CHIUDE CON NUMERI RECORD: 21 MILA PRESENZE L Offshore Mediterranean Conference & Exhibition di Ravenna si è confermata ancora una volta

Dettagli

Anno 2004. Recensioni

Anno 2004. Recensioni Anno 2004 Recensioni AI CONSUMATORI PIACE L ENERGIA SOLARE 3 marzo lancio di agenzia I consumatori italiani credono nell energia solare, la considerano la principale fonte di energia pulita. È quanto emerge

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:...

Indica gli elementi naturali che caratterizzano i confini dell Europa a a. Sud:... b. Ovest:... c. Nord:... d. Est:... Unità 1 Nome... Classe... Data... Prima Osserva la carta dell Europa e prova a rispondere alle seguenti domande: perché appare strano definire l Europa come un continente a sé a differenza di quanto avviene,

Dettagli

ENERGIA COMBUSTIBILI FOSSILI

ENERGIA COMBUSTIBILI FOSSILI ENERGIA COMBUSTIBILI FOSSILI COMBUSTIBILI FOSSILI CARBONE, PETROLIO, GAS METANO COMBUSTIBILI: bruciano in presenza di ossigeno e producono calore FOSSILI: si sono formati nel corso di milioni di anni nel

Dettagli

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Criteri, condizioni e modalità cui si conforma la società SNAM S.p.A. per adottare il modello di separazione proprietaria della gestione della rete nazionale

Dettagli

Una pesca sostenibile per il futuro del mare

Una pesca sostenibile per il futuro del mare Una pesca sostenibile per il futuro del mare Contatti : Giorgia Monti, responsabile campagna Mare, 345.5547228 giorgia.monti@greenpeace.org Serena Bianchi, ufficio stampa Greenpeace, 342.5532207 serena.bianchi@greenpeace.org

Dettagli

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Napoli, 2 Marzo 2016 Arianna Buonfanti Researcher Maritime Economy Observatory SRM Il Mediterraneo

Dettagli

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia

Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Colora tu l avventura Alla scoperta dell energia Energia deriva dalla parola greca energheia che significa attività. Nei tempi antichi il termine energia venne usato per indicare forza, vigore, potenza

Dettagli

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012 Dati di sintesi Il gruppo Snam LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti) opera in modo

Dettagli

Allarme per lo sciame sismico nel Golfo di Valencia: è colpa delle iniezioni sotterranee di gas.

Allarme per lo sciame sismico nel Golfo di Valencia: è colpa delle iniezioni sotterranee di gas. Allarme per lo sciame sismico nel Golfo di Valencia: è colpa delle iniezioni sotterranee di gas. venerdì 27 settembre 2013, 13:13 di Lorenzo Pasqualini Lo sciame sismico al largo del Golfo di Valencia

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

MOZIONE PRESENTATA DAL PRIMO FIRMATARIO CONSIGLIERE FADDA SU: METANIZZAZIONE DELLA SARDEGNA

MOZIONE PRESENTATA DAL PRIMO FIRMATARIO CONSIGLIERE FADDA SU: METANIZZAZIONE DELLA SARDEGNA MOZIONE PRESENTATA DAL PRIMO FIRMATARIO CONSIGLIERE FADDA SU: METANIZZAZIONE DELLA SARDEGNA Prot. n. 1119 del 4.1.2012 IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: la Sardegna è l unica regione Italiana sprovvista

Dettagli

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA

MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA MISSIONE IN ROMANIA SETTORE LOGISTICA OPPORTUNITÀ: Dato che il settore logistico in senso stretto (considerando cioè gli operatori di piattaforme o snodi di traffici merci dove vengono compiute operazioni

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015

Progetto ConferenzaGNL 2014 2015 Prospettiva europea L attenzione europea - anche grazie ad iniziative che ConferenzaGNL stessa potrà promuovere nel Semestre di Presidenza italiana dell UE - si sposterà da Nord a Sud per le nuove opportunità

Dettagli

Lo Chiamavano il Paese del Sole

Lo Chiamavano il Paese del Sole Lo Chiamavano il Paese del Sole Prospettive imprenditoriali nel settore fotovoltaico (Marco Matteini) 29 maggio 2014 - Il Fuligno -Firenze Analisi di Mercato e Prospettive Per sintesi e completezza vi

Dettagli

ATTO COMUNITARIO COM (2011) 658 IN MATERIA INFRASTRUTTURE

ATTO COMUNITARIO COM (2011) 658 IN MATERIA INFRASTRUTTURE ATTO COMUNITARIO COM (2011) 658 IN MATERIA INFRASTRUTTURE ENERGETICHE TRANSEUROPEE Audizione presso la 10ª Commissione Industria del Senato Claudio Moscardini Managing Director Gas & Power Roma, 21 Marzo

Dettagli

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME

Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME Ricerche alunni 2015-16 dal piano 20.20.20 alla COP21 SPUNTI PER MAPPA CONCETTUALE ESAME PIANO 20 20 20 Si tratta dell insieme delle MISURE pensate dalla UE per il periodo successivo al termine del Protocollo

Dettagli

Domanda ed offerta di gas naturale in Italia alla vigilia del nuovo anno termico: quali prospettive per un inverno al caldo?

Domanda ed offerta di gas naturale in Italia alla vigilia del nuovo anno termico: quali prospettive per un inverno al caldo? Domanda ed offerta di gas naturale in Italia alla vigilia del nuovo anno termico: quali prospettive per un inverno al caldo? Massimo Gallanti Sommario Scenario europeo La situazione in Italia Le previsioni

Dettagli

LNG per autotrazione: il presente e le prospettive future. Massimo Prastaro

LNG per autotrazione: il presente e le prospettive future. Massimo Prastaro LNG per autotrazione: il presente e le prospettive future Massimo Prastaro L'uso del carburante LNG nel mondo USA e Cina leader nel mondo per l uso del GNL nei trasporti grazie a condizioni economiche

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia.

Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. Le proposte degli Ecologisti Democratici Dopo il referendum: una nuova strategia energetica low carbon per l Italia. La predisposizione di un nuovo piano energetico nazionale rappresenta per l Italia non

Dettagli