REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI"

Transcript

1 Allegato A REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI ART. 1 ISTITUZIONE E FINALITA' Il Centro Diurno per Anziani, istituito dal Comune di Argelato nello spirito della direttiva regionale N. 560 dell e della Legge Regionale n. 5/94, ha sede nella frazione Funo in Via Mascagni n. 19/2. Luogo di accoglienza semi-residenziale per persone anziane non completamente autosufficienti, si pone l'obiettivo di mantenere le capacità residue dell'utente, sia a livello motorio che psichico, evitando un loro ulteriore deterioramento ed anzi tendendo al recupero. Il Centro Diurno ha anche il fine di prevenire le conseguenze di un prolungato isolamento di coloro che vivono soli e non hanno le capacità materiali, nè le motivazioni, per uscire dal proprio ambiente e necessitano di una sede stimolante dove possono incontrarsi con gli altri. Il Centro Diurno infine, come Servizio Socio-Sanitario Integrato, offre alla famiglia un sostegno nell'assistenza del proprio congiunto, allo scopo di evitare o comunque ritardare l'istituzionalizzazione dell'anziano mantenendolo il più a lungo possibile nel suo ambito familiare. Il Centro Diurno di Argelato può accogliere fino a quindici ospiti; per ospiti si intendono gli anziani che quotidianamente frequentano il Centro. Qualora si presentino situazioni con carattere di estrema gravità e urgenza, su valutazione del Servizio Sociale è possibile prevedere, in via temporanea, una deroga al limite numerico massimo sopra indicato. Il Centro serve l'utenza residente nel Comune di Argelato. In caso di richieste superiori ai posti disponibili, verrà istituita una graduatoria d attesa per gli anziani residenti. In caso di disponibilità di posti, ed in assenza di residenti in lista di attesa, potranno essere inseriti anziani residenti in altri Comuni appartenenti all Azienda U.S.L. Bologna Nord - Distretto di San Giorgio di Piano - previa sottoscrizione da parte dei Comuni medesimi di apposita convenzione. ART. 2 TIPOLOGIA DELL UTENZA Il Centro Diurno di Argelato ospita persone anziane ultrasessantenni o comunque con patologia geriatrica, ed in particolare:

2 1. non-autosufficienti gravi in via transitoria che convivono con familiari impegnati nel lavoro durante la giornata o con familiari anziani non in grado di provvedere al congiunto; 2. anziani non-autosufficienti di minore gravità che vivono soli ed in condizioni di isolamento; 3. anziani affetti da forme depressive stabilizzate con terapie già instaurate, oppure acute di lieve entità che non necessitano di un controllo medico assiduo e per i quali la socializzazione può favorire un recupero; 4. anziani affetti da disorientamento spazio-temporale che possono trarre beneficio dal vivere in comunità. Deve essere in ogni caso ricercato un equilibrio tra le diverse tipologie indicate (fisiche e psichiche), al fine di favorire una corretta gestione. In particolare la presenza di anziani la cui tipologia è descritta al punto 1) non potrà superare le tre unità. ART. 3 TIPOLOGIA DELLE PRESTAZIONI Trasporto degli anziani Il trasporto verrà di norma effettuato dai familiari dell anziano. Qualora sussistano condizioni di accertata impossibilità, si valuterà sulla base delle esigenze degli utenti la possibilità di eventuali soluzioni alternative, quale può essere un trasporto gestito direttamente dall Ente erogatore e/o il coinvolgimento del Volontariato, ecc.. Il servizio di trasporto è esclusivamente rivolto agli anziani residenti nel Comune di Argelato; per gli anziani residenti in altri Comuni convenzionati, all eventuale servizio di trasporto dovrà provvedere il Comune di residenza. Servizio mensa Il pranzo viene preparato presso la Cucina Centralizzata di Funo e trasportato alla struttura. Le prime colazioni e le merende verranno invece preparate presso la struttura, che dispone di una piccola cucina; i generi alimentari necessari a tale preparazione saranno anch essi forniti direttamente dalla Cucina Centralizzata. In relazione al tempo giornaliero di permanenza degli utenti presso il Centro, verrà garantito il servizio mensa. Assistenza di Base e Tutelare Il Centro Diurno garantisce agli ospiti, tramite il proprio personale qualificato, le prestazioni assistenziali riassumibili in: aiuto nell igiene quotidiana ed effettuazione del bagno settimanale (per gli anziani impossibilitati a farlo al proprio domicilio aiuto nell assunzione dei pasti controllo nell assunzione delle terapie farmacologiche

3 aiuto diretto e consulenza volti a favorire l autosufficienza nelle attività quotidiane dell ospite attività di segretariato sociale: espletamento di pratiche e consulenza dell Assistente Sociale per favorire una migliore conoscenza dei servizi territoriali qualsiasi altro intervento utile all ospite. Attività di animazione e socializzazione. Non essendo possibile definire un dettagliato programma delle attività del Centro Diurno senza una attenta conoscenza delle esigenze, delle attitudini e delle disponibilità degli anziani, nonchè delle loro reali possibilità di partecipazione, si ipotizza in termini generali che il programma di animazione debba essere formulato perseguendo le seguenti finalità: mantenimento e stimolo della manualità tramite attività occupazionali quali: attività di cucina, lavori di giardinaggio e orto, lavori ai ferri e all uncinetto, piccoli lavori con il legno ecc.; stimolo della memoria per il mantenimento di un corretto rapporto con l ambiente spazio-temporale in cui l anziano vive: terapia di orientamento di gruppo, lettura di quotidiani e riviste in gruppo, ecc.; mantenimento delle capacità cognitive e di concentrazione: gioco della tombola, giochi con le carte, ecc.; mantenimento dell autonomia motoria (attività di ginnastica di mantenimento, ginnastica dolce); attività di tipo ludico-ricreativo: ascolto di musica, proiezione di films in videocassetta, organizzazione di feste e di compleanni degli ospiti, gite, incontri con parenti ed amici, ecc.. Le attività proposte, svolte accanto alle normali attività di vita quotidiana, saranno sviluppate attraverso il coinvolgimento individuale e di gruppo e saranno adattate agli ospiti che di volta in volta verranno accolti al Centro Diurno. Particolare importanza verrà data alla ricerca di un rapporto costante con le realtà aggregative del territorio (- Centro Sociale Anziani - Gruppi di Volontariato - Centro Sportivo) per favorire al massimo il collegamento del Centro con l ambiente esterno. Sarà comunque il Responsabile del Centro Diurno orientare la disponibilità e la collaborazione delle persone singole e dei gruppi di volontariato verso i momenti della giornata e le attività più appropriati. Prestazioni a carattere sanitario Le prestazioni a carattere sanitario, sia per quanto riguarda i servizi di medicina di base che specialistici, vengono assicurate dall Azienda U.S.L. Bologna Nord tramite i propri presidi sanitari, nel rispetto della direttiva regionale n. 876/93. In particolare: la consulenza medica, per tutto quanto attiene i problemi di salute individuale, sarà fornita per ciascun ospite dal proprio medico curante, essendo il medico di base la prima figura di riferimento; per situazioni di emergenza ci si rivolgerà invece all ambulatorio di Pronto Soccorso più vicino

4 l assistenza infermieristica, per le prestazioni che si rendessero necessarie e che sarebbero comunque erogate al domicilio dell anziano, sarà garantita da infermieri professionali del Servizio Infermieristico Domiciliare dell U.S.L., operante sul territorio in collaborazione con il Servizio di Assistenza Domiciliare la struttura potrà avvalersi della consulenza del fisiatra e del fisioterapista dell U.S.L. per la definizione di programmi individuali e collettivi delle attività di ginnastica e mobilizzazione sarà possibile inoltre, per gli ospiti del Centro Diurno, usufruire gratuitamente del servizio di Podologia attivato dal Comune presso l ambulatorio all interno della struttura. Tutti gli altri interventi specialistici necessari saranno garantiti dai servizi socio-sanitari dell Azienda U.S.L. Bologna Nord come per ogni altro cittadino. ART. 4 PERSONALE ADDETTO L'organico in servizio presso il Centro Diurno è costituito dall Assistente Sociale, con compiti di coordinamento tecnico-organizzativo del gruppo di lavoro e programmazione delle attività del Servizio e da Operatori in possesso di attestato di qualifica di "Addetto alla Assistenza di Base" conseguito dopo la frequenza di corsi promossi o riconosciuti dalla Regione; al personale dell Ufficio Servizi Sociali del Comune è demandato lo svolgimento delle pratiche strettamente amministrative quali: ricevimento delle domande di inserimento nella struttura, istruttoria delle stesse, applicazione delle rette di contribuzione al servizio ecc.. A supporto del Servizio al suddetto personale potrà essere affiancata anche la figura di un Obiettore di Coscienza in Servizio Civile con funzioni integrative rispetto a quelle del personale stabilmente operante nella struttura, in particolare durante i momenti ricreativo-occupazionali. Il servizio di Centro Diurno accoglie l apporto che il volontariato, in forma singola o associata, può dare all interno delle attività programmate e quale collegamento e maggiore integrazione con l'ambiente circostante. In considerazione degli obiettivi e delle attività previste al Centro, le aree di intervento dei Volontari e degli O.d.C. indicativamente possono comprendere: affiancamento dell operatore per attività di ricreazione e socializzazione attività di promozione di iniziative per la socializzazione, sia all interno che con l ambiente esterno aiuto nell accompagnamento da e al domicilio dell anziano, quando ne sussista la necessità aiuto nella cura della persona per gli ospiti che presentano una ridotta autonomia in tal senso COMPITI DELL ASSISTENTE SOCIALE Responsabilità e Coordinamento delle attività del Centro Diurno collaborazione con le Assistenti Sociali del territorio e con altri organismi e/o figure professionali affinchè il Centro Diurno sia ben integrato nella rete dei servizi territoriali elaborazione, in collaborazione con gli operatori, dei programmi delle attività proposte sulla base della valutazione dello stato di bisogno degli utenti

5 partecipazione alle riunioni periodiche del gruppo operativo all interno del Centro Diurno per l aggiornamento sulla situazione degli utenti, sulle problematiche organizzative e sui bisogni emersi nonchè sull andamento delle attività e la verifica della loro corretta attuazione rapporti con i familiari degli ospiti, con i Volontari interessati a prestare attività presso il Centro e con altri servizi favorendo l integrazione ed i collegamenti della struttura con il territorio referente per l Amministrazione Comunale del funzionamento del servizio in quanto responsabile dell andamento del Centro Diurno Presa in carico dell utente analisi della richiesta ed approfondimento della situazione sociale dell anziano tramite colloquio con il medesimo e con i suoi familiari elaborazione del progetto di inserimento, in collaborazione con il personale Addetto all Assistenza di Base Verifica degli inserimenti elaborazione di piani di lavoro individualizzati, in collaborazione con il personale del Centro, gli utenti ed i familiari collaborazione con i familiari, anche attraverso periodici colloqui programmati, finalizzata alla verifica dei risultati conseguiti, delle autonomie mantenute e del livello di inserimento dell anziano nel Centro Diurno COMPITI DEGLI OPERATORI ADDETTI ALL ASSISTENZA DI BASE. Aiuto nelle attività della persona su sè stessa pulizie personali ed aiuto nel bagno settimanale aiuto nell assunzione dei pasti Aiuto a favorire l autosufficienza nell attività giornaliera supporto per una corretta deambulazione aiuto nel movimento degli arti invalidi Interventi igienico-sanitari di semplice attuazione, sotto il controllo del medico o del Servizio Infermieristico distrettuale controllo nell assunzione dei farmaci ed effettuazione o cambio di piccole medicazioni prevenzione delle piaghe da decubito collegamento fra l anziano/a ed i Servizi Sanitari territoriali Prestazioni di Segretariato Sociale informazioni su diritti e pratiche e sui Servizi Socio-sanitari del territorio prenotazioni per visite mediche o altri accertamenti di tipo diagnostico c/o il C.U.P. accompagnamento dell ospite per visite mediche o altre necessità quando questi non possa recarvisi personalmente o non possa provvedere con altri aiuti (familiari, volontari, vicinato ecc.) Interventi tendenti a favorire la vita di relazione, la mobilità e la socializzazione dell anziano

6 attività programmate di recupero dell orientamento spazio-temporale, lettura quotidiana del giornale, lettura di libri che permettono la comparazione tra la vita passata e quella attuale ecc. attività inerenti la stimolazione delle relazioni interne al gruppo - ospiti ed operatori ed esterne nei riguardi di familiari, strutture ricreativo-culturali del territorio conversazione, ascolto di musica attività occupazionali (cucina, cucito e maglia, disegno, piccoli lavori di falegnameria, orto, ecc.) attività mirate al mantenimento delle autonomie psicofisiche dell ospite ( ginnastica dolce, passeggiate ecc.) gite e feste Contributo alla programmazione delle attività ed al piano di intervento nei confronti del singolo utente partecipazione al lavoro di gruppo periodico (collettivo), finalizzato alla presentazione ed alla discussione delle nuove richieste di ammissione, nonchè alla segnalazione dei problemi evidenziati nel corso della propria attività partecipazione alla verifica domiciliare riguardante una nuova ammissione ed alla elaborazione e verifica del piano di intervento individualizzato ART. 5 ATTIVITA' Calendario ed orari di funzionamento del Centro Diurno Il Centro Diurno di Argelato funziona dalle ore 7,30 alle ore 17,30, dal lunedì al venerdì. Gli utenti possono entrare dalle ore 7,30 alle ore 9,00 ed uscire dalle ore 16,30 alle ore 17,30: gli ospiti ed i loro familiari sono tenuti a rispettare tali orari. Eventuali brevi periodi di chiusura potranno essere programmati in concomitanza con le festività di Natale, Pasqua e Ferragosto; di ciò verrà data comunicazione scritta agli utenti. Questo calendario di funzionamento potrà essere variato alla luce delle esigenze e delle reali necessità dell utenza, che si evidenzieranno durante il funzionamento della struttura, nonché delle disponibilità dell Amministrazione Comunale. Programmazione delle attività giornaliere All interno del Centro verrà servita agli ospiti la prima colazione, il pranzo (preparato dalla cucina comunale centralizzata) e la merenda pomeridiana. Gli anziani verranno occupati in attività varie (cucina, cucito, giochi di società, lettura di quotidiani, visione di films, passeggiate) e più specificatamente riabilitative e comunque adatte agli ospiti presenti. Calendario indicativo delle attività giornaliere.

7 7,30-9,00 INGRESSO 8,30-9,00 PRIMA COLAZIONE 9,00-11,30 ATTIVITA DI ANIMAZIONE E RICREAZIONE - PRESTAZIONI DI TERAPIE ECC. 11,30-12,00 PREPARAZIONE DEL PRANZO 12,00-13,30 PRANZO 13,30-15,00 RIPOSO 15,00-16,30 ATTIVITA VARIE 16,30-17,30 MERENDA E USCITA ART. 6 AMMISSIONI Sono ammessi al Centro Diurno gli utenti con tipologia indicata all art. 1 che possono trarre beneficio dall'inserimento in questa struttura: dovrà tuttavia essere comunque garantito un certo equilibrio tra le diverse tipologie. La domanda di ammissione al servizio, su apposito modulo, va inoltrata dall'interessato o i suoi familiari all'ufficio Servizi Sociali del Comune di Argelato; unitamente alla domanda dovranno essere allegati il certificato medico, la documentazione attestante la situazione reddituale, la documentazione della Commissione Medica Provinciale attestante il grado di invalidità e/o l assegno di accompagnamento. In particolare il certificato del Medico curante (con l'orario e la sede del suo ambulatorio per reperirlo in caso di bisogno) dovrà indicare il grado di autosufficienza dell anziano, l'assenza nel paziente di malattie infettive in atto, le eventuali patologie presenti e le terapie farmacologiche seguite. La segnalazione per l eventuale inserimento al Centro Diurno potrà essere inoltre presentata ai Servizi Sociali anche da vicini di casa o da volontari, da uffici o servizi diversi ( medico di base, ospedale, Unità di Valutazione Geriatrica, ecc.). Per i cittadini residenti nel Comune di Argelato potranno essere effettuate ammissioni per periodi predefiniti, ma comunque prorogabili in caso di bisogno, oltre che ammissioni a tempo parziale o per la partecipazione a singole specifiche attività, sulla base dei piani individuali previsti (es. pasto, attività motoria, attività ricreativa). Per i cittadini non residenti, in presenza di disponibilità di posti ed in assenza di residenti in lista di attesa, è possibile l inserimento secondo le modalità indicate all art. 1, ultimo comma.

8 Inoltre è possibile, in via eccezionale, accogliere la richiesta di cittadini temporaneamente domiciliati presso parenti residenti nel Comune di Argelato, alle seguenti condizioni: - che vi sia disponibilità di posti; - che l inserimento non comporti aumento di personale. L inserimento dovrà riguardare un periodo predefinito su indicazione dell Assistente Sociale responsabile del Centro Diurno. a) Modalità per la presa in carico, definizione del piano di lavoro e verifiche. Per l accoglimento della richiesta verranno adottate le seguenti modalità: raccolta di informazioni tramite colloquio con i familiari e visita domiciliare effettuata dall'assistente Sociale affiancata da un operatore addetto all Assistenza di Base del Servizio; durante tale momento vengono inoltre prospettate al richiedente ed ai suoi familiari le finalità della struttura e le attività che vi si svolgono valutazione del caso nell ambito del gruppo di lavoro composto dall Assistente Sociale e dagli operatori addetti all Assistenza di Base strutturazione di un piano di intervento le cui modalità saranno poi concordate, oltre che dal gruppo di lavoro, anche assieme al richiedente ed ai suoi familiari: il piano di intervento stesso sarà sottoposto a periodiche verifiche e revisioni da parte del gruppo di lavoro. Per la valutazione della non-autosufficienza ed il progetto di intervento potrà essere consultata l Unità di Valutazione Geriatrica le cui competenze sono definite all art. 17 della L.R.5/94. E compito dell Assistente Sociale predisporre apposita relazione, indicante la valutazione della situazione e l opportunità o meno dell inserimento. L inserimento dell anziano avviene secondo il piano di lavoro individualizzato predisposto dal personale del Centro Diurno (Assistente Sociale ed A.d.B.) formulato sulla base di tutte le conoscenze acquisite nella fase istruttoria. Il piano di lavoro dovrà essere descrittivo dell intervento programmato, indicando gli obiettivi che si intendono raggiungere nonché le modalità operative ed i compiti finalizzati al loro raggiungimento; dovranno inoltre essere indicate le modalità di trasporto, i tempi di frequenza e la durata dell inserimento, in caso di inserimento temporaneo. Il piano di lavoro, così come gli eventuali cambiamenti e modifiche del programma, sarà concordato con l utente ed i suoi familiari. L anziano e la sua famiglia potranno effettuare, prima dell ingresso nella struttura, una visita guidata al Centro Diurno per un primo contatto con l ambiente. Periodicamente, con l anziano e la sua famiglia e con la partecipazione degli operatori interessati, verranno effettuate verifiche circa il programma svolto ed i risultati ottenuti, al fine di adeguare il piano di lavoro alle mutate condizioni dell anziano. L accoglimento della domanda, l ammissione al Servizio di Centro Diurno e la retta a carico dell utente sono disposti con apposito provvedimento amministrativo. Nei casi in cui venga richiesto un

9 inserimento di emergenza, in attesa della normale procedura che dovrà essere comunque attivata, si provvederà, in via temporanea e provvisoria, all ammissione al Servizio. L Ufficio Servizi Sociali del Comune, nel rispetto dei principi stabiliti dalla Legge n. 241/90, comunicherà entro 30 giorni all interessato l esito della domanda; a tale provvedimento il cittadino potrà ricorrere ai sensi della sopracitata L. 241/90. All'atto dell'ammissione utente e familiari sottoscriveranno l impegno a rispettare il regolamento di gestione del Centro Diurno ( che verrà loro consegnato al momento dell inserimento) e a corrispondere all Amministrazione Comunale la retta a loro carico. b) Lista di attesa. Nel caso in cui il numero di richieste sia superiore al numero di posti disponibili, gli organi competenti per legge predisporranno una lista d attesa tenendo conto della situazione sociale, sanitaria e familiare dell anziano, con precedenza per la persona in precarie condizioni economiche e/o a grave rischio di istituzionalizzazione; inoltre, a parità di situazione, si terrà conto della data di presentazione della domanda di ammissione al servizio. c) Inserimenti temporanei Si prevede la possibilità di inserimenti temporanei, la cui durata non potrà essere di norma inferiore ad un mese; eventuali esigenze particolari per una durata inferiore saranno valutate dall Assistente Sociale che dispone il piano di inserimento. L inserimento temporaneo dovrà essere basato su motivazioni, esplicitate nella richiesta di inserimento, che ne giustifichino la necessità. La temporaneità dell inserimento dovrà essere indicata esplicitamente nel piano di lavoro individualizzato. Eventuali richieste di proroga di un inserimento temporaneo potranno essere accolte sulla base di opportune valutazioni della situazione dell utente, verificata in sede di collettivo e con le persone interessate (utente, familiari, operatori). d) Dimissioni e assenze L Assistente Sociale può, sentito il parere del gruppo di lavoro, proporre l interruzione della permanenza al servizio dell utente le cui condizioni psichiche e/o fisiche non consentano un adeguata assistenza da parte degli operatori o comunque creino problemi di convivenza con gli altri ospiti. Le cause di dimissione dal servizio di Centro Diurno possono inoltre essere ricondotte ai seguenti fattori: decadenza dei requisiti di autosufficienza, in seguito al peggioramento delle condizioni fisiche e/o psichiche dell utente; decadenza dei motivi che avevano giustificato l inserimento; valutazioni tecniche che portino a considerare l inserimento negativo o non adeguato agli obiettivi prefissati; morosità.

10 Sarà tenuto un registro delle presenze; eventuali assenze dell utente dovranno essere tempestivamente comunicate agli operatori del Centro da parte dell interessato o dei suoi familiari e, in caso di assenze prolungate per malattia, ricovero ospedaliero ecc., dovrà essere fornita certificazione medica. L'ospite che rimane assente in modo continuativo e motivato in base a documentazione medicosanitaria per un periodo massimo di tre mesi, conserva il posto al Centro Diurno. Al termine di tale periodo di assenza, l'assistente Sociale effettua la visita domiciliare o ospedaliera e predispone una relazione sul caso per valutare l eventuale proposta di dimissione dell'anziano dal Centro. E possibile una sola proroga di successivi tre mesi, con conservazione del posto, in casi eccezionali documentati da certificazione medica o per cause indipendenti dalla volontà dell anziano. In questi casi è tuttavia prevista una quota di contribuzione al servizio, come indicato nel prospetto delle rette di contribuzione al servizio di Centro Diurno per Anziani. Nei periodi di assenza certificata è facoltà dell Amministrazione Comunale dare corso all inserimento temporaneo di un nuovo utente per la durata del periodo di assenza previsto. ART. 7 SISTEMA INFORMATIVO Documentazione interna ai servizi Per garantire la circolarità delle informazioni relative agli utenti in carico al servizio, gli strumenti che il gruppo di lavoro utilizza sono i seguenti: scheda-cartella del singolo utente: compilata per ogni utente al momento dell ingresso nella struttura. In essa, oltre ai dati completi dell utente, alle informazioni relative alla sua rete relazionale e familiare ed alle sue esperienze precedenti ed attuali, vengono specificatamente indicate le prestazioni assistenziali erogate e vengono valutati i risultati del suo inserimento. La cartella viene periodicamente aggiornata dall Assistente Sociale e dagli operatori, analizzando i diversi aspetti attinenti l anziano con particolare attenzione per le sue capacità socio-relazionali e di autosufficienza e mantenimento delle autonomie. Dalla elaborazione delle osservazioni emerse si procederà all aggiornamento del programma individuale dell utente. verbale di consegna giornaliera: compilato dagli operatori per annotare informazioni rilevanti dell accaduto quotidiano e trasmetterle così agli operatori del turno successivo. verbale dei collettivi periodici, riunioni settimanali del gruppo di lavoro dagli operatori A.d.B. del Centro e coordinato dall Assistente Sociale. In questa sede vengono discussi tutti i problemi emersi, sia di carattere gestionale del Centro sia riferiti a problematiche del singolo utente, e si individuano le modalità e gli strumenti più idonei per farvi fronte. Il collettivo si configura altresì come spazio di confronto e di formazione del personale e come punto di riferimento per la verifica, l aggiornamento ed il riadeguamento del piano di lavoro per ogni singolo utente. Informazioni e rapporti con le famiglie degli utenti

11 La famiglia costituisce il contesto privilegiato di relazioni affettivamente significative per l anziano e la sua naturale risorsa sociale; per questo è opportuno quindi stimolare e coinvolgere i familiari nella predisposizione del programma assistenziale personalizzato e per attivare azioni positive che contribuiscano al miglioramento della vita di relazione e più in generale della qualità della vita dell anziano. Affinchè il complesso delle attività del Centro Diurno sia conformato ad un criterio di corresponsabilizzazione dell anziano e della sua famiglia di appartenenza, vengono promossi incontri periodici con ogni singola famiglia, finalizzati alla verifica della situazione dell utente ed alla trasmissione di informazioni sull organizzazione delle attività all interno del Centro Diurno. I familiari degli utenti saranno inoltre direttamente coinvolti nella definizione e, laddove se ne presenti la disponibilità, nella gestione del piano di lavoro individualizzato relativo al proprio parente. ART. 8 CONTRIBUZIONE DEGLI UTENTI Ogni utente del Centro Diurno di Argelato è tenuto a corrispondere, per il servizio ricevuto, una quota mensile che sarà determinata con apposito provvedimento.

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO

COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO. Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 22.03.2006 Pubblicato dal 11.04.2006 al 26.04.2006

Dettagli

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995

Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 Regolamento di Gestione Centro Diurno di Borgofortino APPROVATO CON D.C.C. N. 77 DEL 15/06/1995 MODIFICATO CON D.C.C. N. 265 DEL 07/11/2002 Natura, destinatari e finalità del servizio Il Centro Diurno

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est

Comuni di Baricella, Minerbio, Granarolo dell Emilia, Malalbergo, San Pietro in Casale, Pieve di Cento, Galliera, Azienda USL Pianura Est Allegato alla delibera di C. C. n. del REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa sul piano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO. C O M U N E d i C A D E L B O S C O d i S O P R A REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO. Approvato con Deliberazione C.C. n. 43 del 30/09/1999 CONTROLLATO nella

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E S.GIUSTO. CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO

MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E S.GIUSTO. CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO CENTRO POLIFUNZIONALE Carlo Marianetti DELLA MISERICORDIA DI MASSA MACINAIA E SAN GIUSTO DI COMPITO Art. 1 DEFINIZIONE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER ANZIANI Il Centro Diurno (C.D.) è una struttura semiresidenziale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE di SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. _45 DEL _19/4/2004 Pag. N. 1 INDICE Art.

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO INTEGRATO E RELATIVI CRITERI DI AMMISSIONE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 17 del 22.3.1999 Comune di Cusano Milanino CENTRO DIURNO INTEGRATO REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO (PU)

COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO (PU) Allegato A alla delib. C.C. n. 6 del 11/03/2011 COMUNE DI SANT ANGELO IN VADO (PU) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LA GESTIONE DEL CENTRO DIURNO PER ANZIANI ADA LONGHI ART. 1 - ISTITUZIONE E FINALITA'

Dettagli

Comune di Bardolino Provincia di Verona

Comune di Bardolino Provincia di Verona Comune di Bardolino Provincia di Verona REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.22 del 17/04/2003 1 ART. 1 FINALITA Il Servizio di Assistenza

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 151 del 13.07.1988 Esaminato dal Co.Re.Co. in

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA PROGETTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA 2. Nuovo Progetto o Si X 3. Progetto già avviato o Si X 4. Se il Progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale

Dettagli

CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI

CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI CASA RESIDENZA / CASA PROTETTA PER ANZIANI CITTA DI SALSOMAGGIORE Città di Salsomaggiore INDICE Premessa (pag. 3) Descrizione del servizio (pag. 4) Prestazioni offerte (pag.

Dettagli

Comune di Monchio delle Corti

Comune di Monchio delle Corti Comune di Monchio delle Corti PROVINCIA DI PARMA C.A.P. 43010 Tel. 0521.896521 Fax 0521.896714 Cod. Fisc. e Part. IVA 00341170348 REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ARTICOLO 1 Il Servizio di Assistenza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

Scheda relativa al servizio "Appartamenti protetti per anziani e disabili" oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII.

Scheda relativa al servizio Appartamenti protetti per anziani e disabili oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII. Scheda relativa al servizio "Appartamenti protetti per anziani e disabili" oggetto del contratto con l ASP Giovanni XXIII. 1 OBIETTIVI, DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E UTENZA POSTI DISPONIBILI UBICAZIONE/LUOGO

Dettagli

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari

C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari C O M U N E D I S E N O R B Ì Provincia di Cagliari Regolamento per il Servizio di Assistenza Domiciliare e dei Servizi Tutelari SOMMARIO: Art. 1 Finalità del Servizio; Art. 2 Gestione del Servizio; Art.

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o

C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o C e n t r o d i u r n o i n t e g r a t o c a r t a d e i s e r v i z i centro diurno integrato Il CDI è dedicato a persone anziane con vario grado di non autosufficienza che, pur continuando a vivere

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI E SOGGETTI SVANTAGGIATI I L C O N S I G L I O C O M U N A L E PREMESSO che l assistenza domiciliare

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio)

COMUNE DI MORBEGNO REGOLAMENTO INERENTE IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) (Provincia di Sondrio) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. N. DEL 21 )J2O1a REGOLAMENTO INERENTE DOMICILIARE (S.A.D.) IL SERVIZIO DI ASSISTENZA (Provincia di Sondrio) COMUNE DI MORBEGNO Art. 3 Finalità Art, 2

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA

REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA FINALITA DELLA STRUTTURA ALLEGATO A) Modificato con le determinazioni del C.C. n. 53 del 30.09.2013 REGOLAMENTO COMUNALE DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO DEI RICOVERI IN REGIME TEMPORANEO PRESSO LA RSA N. IOTTI DI MONTERONI D ARBIA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità

REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI, AGLI INVALIDI ED AI PORTATORI DI HANDICAP. Articolo 1- Oggetto del servizio e finalità Per Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) si intende quel

Dettagli

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI TORREBELVICINO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione di C.C. n. 79/94 Il servizio di assistenza domiciliare rientra tra i servizi per i

Dettagli

INDICE. Premessa (pag. 3) Descrizione del servizio (pag. 4) Prestazioni offerte (pag. 6) Servizi socio assistenziali e sanitari (pag.

INDICE. Premessa (pag. 3) Descrizione del servizio (pag. 4) Prestazioni offerte (pag. 6) Servizi socio assistenziali e sanitari (pag. CARTA DI QUALITA DEI SERVIZI CENTRO DIURNO ARMANDO BALDINI DI SAN SECONDO P.SE Ingresso INDICE Premessa (pag. 3) Descrizione del servizio (pag. 4) Prestazioni offerte (pag. 6) Servizi socio assistenziali

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI

REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Allegato alla del. C.C. n. 101 del 27/11/2002 REGOLAMENTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE AD ANZIANI ED HANDICAPPATI ADULTI Art.1 FINALITA L assistenza domiciliare è un servizio teso a favorire la ripresa

Dettagli

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI

INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI INSERIMENTO IN STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI Descrizione Gli anziani non autosufficienti che non possono essere più assistiti nel proprio ambiente di vita e familiare e che non necessitano di un ricovero

Dettagli

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento

ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DIURNO (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 19.07.2010) (in vigore dal 07.08.2010) ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI COMUNE DI CASINA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA P.zza IV Novembre, 3-42034 CASINA (Reggio Emilia) Tel. 0522/604711 - Telefax 0522/609464 - P.IVA 00447820358 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE UNIONE DEI COMUNI DELL ALTO APPENNINO REGGIANO 1)Finalità del servizio Il Servizio di Assistenza Domiciliare ha lo scopo di favorire il mantenimento al

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0

CARTA DEI SERVIZI. Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA. Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 CARTA DEI SERVIZI Centro Diurno Alzheimer del «Parco del Welfare» Via Baveno, 8 NOVARA Data aggiornamento: ott 2015 Rev. 0 LA NOSTRA STORIA Una moderna e accogliente struttura residenziale che offre ad

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA Comune di Castel Maggiore (Provincia di Bologna) CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA INDICE - I servizi di aiuto e sostegno alla persona nel sistema locale dei servizi sociali a rete - I

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO E LE MODALITA DI ACCESSO AGLI INTERVENTI DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA CASA DI RIPOSO PER ANZIANI DI RIANO. NATURA E FINALITA DEL SERVIZIO ARTICOLO 1 La casa di riposo per anziani gestita dalla società alcos srls è un presidio socioassistenziale

Dettagli

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti :

I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE. Inoltre nelle Residenze per anziani non autosufficienti : Gli spazi e i servizi standard 18 I SERVIZI STANDARD EROGATI IN TUTTE LE RESIDENZE Assistenza alla sona 24 h su 24 Assistenza medica diurna (secondo necessità) Assistenza infermieristica diurna Assistenza

Dettagli

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO

Genera Soc. Coop. Soc. Onlus. Centro Diurno Integrato SDB REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO INTERNO Centro Diurno Integrato SDB Edizione Novembre 2015 1 Premessa Il di Via Bicetti de Buttinoni 15 a Milano è una struttura sociosanitaria semiresidenziale che accoglie persone affette

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza

CITTA di LAURIA Provincia di Potenza CITTA di Regolamento Comunale per il funzionamento della CASA FAMIGLIA per disabili gravi adulti Dopo di noi. INDICE ART. 1 - OGGETTO ART. 2 - OBIETTIVI ART. 3 - DESTINATARI ART. 4 - VALUTAZIONE PER AMMISSIBILITA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI

PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI titolo documento PROCEDURA GESTIONE CENTRI RESIDENZIALI PER ANZIANI SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente procedura è di definire le modalità con cui la Cooperativa Promozione Lavoro gestisce

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE

REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE COMUNE DI CORBOLA Provincia di Rovigo Ufficio Servizi Sociali REGOLAMENTO COMUNALE PER SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICIALIRE (S.A.D.) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 9 DEL 12.04.2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ;

- anziani o inabili adulti, soli, privi di sostegno familiare adeguato o in stato di abbandono ; ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO ART. 1 - DEFINIZIONE E FINALITA 1. Il Servizio di Assistenza Domiciliare è un insieme di prestazioni di carattere socio assistenziale

Dettagli

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

COMUNE DI CRESPELLANO

COMUNE DI CRESPELLANO COMUNE DI CRESPELLANO Prov. di Bologna REGOLAMENTO DISTRETTUALE PER LA GESTIONE E L ACCESSO AI CENTRI DIURNI PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AZIENDA USL DI BOLOGNA DISTRETTO DI CASALECCHIO DI RENO 1 LEGENDA

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione

La Regione Piemonte per concretizzare il progetto obiettivo nazionale Tutela della salute degli anziani ha istituito l Unità di Valutazione Perchè L A.S.L. deve farsi carico dei costi sanitari derivanti dagli interventi assistenziali rivolti ad anziani non autosufficienti, pertanto si avvale della Commissione per avere una valutazione tecnica

Dettagli

DISTRETTO VALLI TARO E CENO

DISTRETTO VALLI TARO E CENO UFFICIO di PIANO DISTRETTO VALLI TARO E CENO PROTOCOLLO OPERATIVO di recepimento delle DELIBERE DI GIUNTA REGIONALE n. 1230 del 28/07/2008 e n. 1206 del 30/07/2007 approvato dal Comitato di Distretto in

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO

REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 2 FINALITA DEL CENTRO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO PER DISABILI ART. 1 IDENTITA DEL CENTRO DISABILI E istituito presso i locali di proprietà dell Ipab Manlio Canepa in V.le Vittoria loc. San Terenzo, un Centro diurno per disabili

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE CARATTERISTICHE PROGETTO SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto: ENTE CONGREGAZIONE SUORE ORSOLINE DEL SACRO CUORE DI MARIA Codice di accreditamento: NZ00039 Albo e

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di:

PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000. Comuni di: Comune Capofila Aalatri PROVINCIA DI FROSINONE L. 328/2000 Comuni di: Acuto, Alatri, Anagni, Collepardo, Filettino, Fiuggi, Guarcino, Paliano, Piglio, Serrone, Sgurgola, Torre Cajetani,Trevi nel Lazio,

Dettagli

COMUNE DI COGGIOLA VIA GARIBALDI, 24 13863 COGGIOLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA CASA SOGGIORNO ANZIANI DI COGGIOLA

COMUNE DI COGGIOLA VIA GARIBALDI, 24 13863 COGGIOLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA CASA SOGGIORNO ANZIANI DI COGGIOLA COMUNE DI COGGIOLA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI BIELLA VIA GARIBALDI, 24 13863 COGGIOLA REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA CASA SOGGIORNO ANZIANI DI COGGIOLA FINALITA DEL SERVIZIO Articolo 1 Il Comune di Coggiola

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI SETTEMBRE 2008 AMBITO TERRITORIALE DISTRETTO 5 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE DISABILI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento realizzato dai Comuni del Distretto 5 per

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo NORD 2 - Brescia Via Costalunga, 15-25123 BRESCIA Cod. Min. BSIC88400D - Cod.Fisc. 80049710173 Tel.030307858-0308379448-9

Dettagli

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare

Piano di Zona 2010-2013. La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare Piano di Zona 2010-2013 La formazione per i volontari La rete sociale Servizi di Assistenza Domiciliare I servizi di assistenza domiciliare Servizio di assistenza domiciliare territoriale a totale carico

Dettagli

CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO ALLA FREQUENZA DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI DELL A.S.P. GIOVANNI CHIABA. Tra

CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO ALLA FREQUENZA DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI DELL A.S.P. GIOVANNI CHIABA. Tra CONVENZIONE PER IL SOSTEGNO ALLA FREQUENZA DEL CENTRO DIURNO PER PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI DELL A.S.P. GIOVANNI CHIABA Tra la ASP Giovanni Chiabà Ente Gestore del Servizio semiresidenziale "Centro diurno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI SETTEMBRE 2008 REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE ANZIANI Relazione tecnica Il presente regolamento è lo strumento di cui si sono dotati i Comuni del Distretto 5, secondo quanto previsto dalla

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE Art. 1 (Istituzione del servizio) Il Comune di Fossalto promuove il benessere dei propri cittadini, con il fine di inserire ed integrare socialmente

Dettagli

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa CARTA DEI SERVIZI Conforme alla Delibera della Regione Toscana n. 566 del 31/07/2006 (aggiornata al 16 aprile 2013) Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Dettagli

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale

CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale CURARE A CASA Aspetti organizzativi clinici e relazionali di interesse per il Medico di Medicina Generale Introduzione Reggio Emilia, 19 e 26 maggio 2010 Riferimenti normativi Accordo Collettivo Nazionale

Dettagli

I.S.R.A.A. ISTITUTO PER SERVIZI DI RICOVERO E ASSISTENZA AGLI ANZIANI ENTE PUBBLICO - I.P.A.B. - Decreto Regione Veneto n.

I.S.R.A.A. ISTITUTO PER SERVIZI DI RICOVERO E ASSISTENZA AGLI ANZIANI ENTE PUBBLICO - I.P.A.B. - Decreto Regione Veneto n. I.S.R.A.A. ISTITUTO PER SERVIZI DI RICOVERO E ASSISTENZA AGLI ANZIANI ENTE PUBBLICO - I.P.A.B. - Decreto Regione Veneto n. 43 del 09/01/1991 REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA ED IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO

Dettagli

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI

INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI INTERVENTI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI ASSISTENZA DOMICILIARE A.D.A. Che cos è? L assistenza domiciliare è un servizio di Ambito del Piano Sociale di Zona che punta ad aiutare le persone anziane e quelle

Dettagli

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO

UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO Approvato con Deliberazione di Giunta Esecutiva n 22. del 4 marzo 2014 UFFICIO DI PIANO DELL AMBITO TERRITORIALE DI TIRANO NORME VOUCHER-SAD PER POTENZIAMENTO PRESTAZIONI SOCIO ASSISTENZIALI DOMICILIARI

Dettagli

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2

Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Regolamento per l Assistenza domiciliare per portatori di handicap residenti nei Comuni del Distretto Socio- sanitario della ASL RMG2 Premessa Il presente Regolamento disciplina i principi e le modalità

Dettagli

Reddito di Autonomia Decreto Regione Lombardia n.10226 del 25/11/2015

Reddito di Autonomia Decreto Regione Lombardia n.10226 del 25/11/2015 Reddito di Autonomia Decreto Regione Lombardia n.10226 del 25/11/2015 BANDO PER L EROGAZIONE DI VOUCHER SOCIALI PER L IMPLEMENTAZIONE DI INTERVENTI VOLTI A MIGLIORARE LA QUALITA DELLA VITA DELLE FAMIGLIE

Dettagli

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE Provincia di Pavia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 27.06.2003 Articolo 1 DEFINIZIONE Il Servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER GLI ANZIANI (LEGGE REGIONALE N.21/89)

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER GLI ANZIANI (LEGGE REGIONALE N.21/89) Allegato alla delibera di C.C. n 44 del 4/12/2012 f.to Il Segretario Generale Dr. Pasquale Incarnato REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER GLI ANZIANI (LEGGE REGIONALE N.21/89) Art.

Dettagli

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it

via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it via Tavoleto, 3 47832 San Clemente (RN) tel/fax 0541-858213 e-mail: centrodelbianco@formulaservizi.it indice 1. FINALITA pag. 2 2. CRITERI DI AMMISSIONE E DIMISSIONE pag. 2 3. RETTA E SPESE PERSONALI pag.

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare

Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Centro Di Riabilitazione Vaclav Vojta Regolamento Dell Unità Riabilitativa Domiciliare Pagina2 VEC Sommario UNITÀ DI RIABILITAZIONE DOMICILIARE 3 Destinatari 4 Capacità ricettiva e Prestazioni 4 Funzionamento

Dettagli

Casa di Riposo Corti Nemesio. PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio

Casa di Riposo Corti Nemesio. PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio Comune di Delebio Provincia di Sondrio Casa di Riposo Corti Nemesio PROTOCOLLO OPERATIVO per la gestione dei Posti di Sollievo presso la R.S.A. Casa di Riposo Corti Nemesio PROTOCOLLO OPERATIVO per la

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA Cap 42013 Piazza Martiri della Libertà, 1 tel: 0522 998511 fax: 0522 841039 Cod. fisc. e P. IVA 00284720356 Regolamento distrettuale determinante i

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER IL TRASPORTO SOCIALE (TAXI SOCIALE) Adottato con deliberazione consiliare n.17 dd. 30 maggio 2008. 1 Art 1 OGGETTO DEL SERVIZIO Il servizio rientra

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI

REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI Comune di Calusco d Adda REGOLAMENTO CENTRO DIURNO INTEGRATO PER ANZIANI (approvato con deliberazione del C.C. n.20 del 11.05.2007 e modificato con deliberazioni del C.C. n.22 del 26.04.2010 e n.14 del

Dettagli

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata)

ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Università degli Studi di Foggia C.di L. nella Professione Sanitaria di INFERMIERE ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) Dott. Cristiano Capurso Definizione L'Assistenza Domiciliare Integrata è una forma

Dettagli

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili

COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano. Assessorato Servizi alla Persona - Sanità. Regolamento del Centro Diurno Disabili COMUNE DI GORGONZOLA Provincia di Milano Assessorato Servizi alla Persona - Sanità Regolamento del Centro Diurno Disabili Delibera di Consiglio Comunale n. del 2 REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CENTRO

Dettagli

Regolamento degli interventi educativi territoriali per i minori con disabilità

Regolamento degli interventi educativi territoriali per i minori con disabilità Regolamento degli interventi educativi territoriali per i minori con disabilità Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 35 del 07.07.2014 ed entrato in vigore il 01.10.2014 I 20099 Sesto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI E PORTATORI HANDICAPS Art. 1 Finalità Il servizio di assistenza domiciliare ha come obiettivo il mantenimento o reinserimento nel proprio ambiente

Dettagli

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI

RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI RESIDENZA SANITARIA PSICHIATRICA E CENTRO DIURNO PSICHIATRICO STELLA CARPI CARPI (MO) Via 3 Febbraio 1831, N 9 Tel. 059/682774 e Fax. 059/684575 e-mail: residenza.stella@stellacarpi.it CARTA DEI SERVIZI

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE. Art. 7: Compartecipazione economica al servizio

COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE. Art. 7: Compartecipazione economica al servizio COMUNE di NOALE PROVINCIA di VENEZIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO di TRASPORTO SOCIALE All. sub A) : Regolamento Del. di C.C. n. 12 del 29.04.2013 Sommario: Art. 1: Finalità del servizio Art. 2: Destinatari

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Regolamento Comunale per l accesso in Casa Protetta di Anziani non-autosufficienti

Regolamento Comunale per l accesso in Casa Protetta di Anziani non-autosufficienti Regolamento Comunale per l accesso in Casa Protetta di Anziani non-autosufficienti UTENZA DELLA CASA PROTETTA Art. 1. Utenti della Casa Protetta del Comune di Rubiera sono gli anziani non autosufficienti

Dettagli