Un milione di Ro in funzione oggi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un milione di Ro in funzione oggi"

Transcript

1 Perché investire in robot invece di assumere esseri umani?. Le loro Un milione di Ro in funzione oggi Che cos è un robot? È quello che una comunità VINCENZO TAGLIASCO Università di Genova di esseri umani omogenea, significativa (in termini di autorevolezza o di quantità), rappresentativa e influente ritiene che sia. La comunità può definire il robot implicitamente o esplicitamente. Oggi un piccolo elettrodomestico, che serve in cucina e permette di svolgere parecchie funzioni, è denominato robot da cucina. In altre parole si può assegnare lo statuto di robot a una struttura senza averne data una esplicita definizione: è tipico dell essere umano fare classificazioni che prescindono da rigorose ipotesi e assunti di partenza. Nel momento in cui si parla di comunità, è ovvio che ogni definizione subisce gli assestamenti della dinamica storica e temporale in cui la comunità viene presa in considerazione. Per esempio, alcuni decenni fa si sarebbe preso in considerazione, al fine di definire le varie comunità, il mercato reale, il mercato potenziale (o in prospettiva), le varie categorie dei cultori della fantascienza. Oggi si fa riferimento alle statistiche internazionali, ai media, alla comunità scientifica e tecnologica. La storia dei robot quella fatta di numeri, di dati certi e controllabili, di elenchi di aziende che costruiscono i robot è, soprattutto, la storia dei robot industriali (dai semplici pick and place ai sofisticati bracci a più gradi di libertà utili per effettuare delicati lavori di assemblaggio). Solo di recente si tiene d occhio il mercato degli aspirapolvere e dei tosaerba in grado di muoversi in modo autonomo negli appartamenti e su prati e giardini. Tuttavia è indubbio che oggi l idea di robot prevalente nell immaginario collettivo è costruita dai media, che costituiscono la vera cinghia di trasmissione tra i laboratori, le aziende di nicchia e l opinione pubblica. Il ruolo della fantascienza e, soprattutto, dei film (tipo quelli degli anni Cinquanta) è diventato marginale: ormai nella fantascienza il robot ha sembianze umane, non è più goffo, non si muove più da robot, né ha la voce gracchiante. Dopo l avvento di Bladerunner e di Terminator, il robot filmico viene giocato su aspetti della coscienza e delle emozioni che trasferiscono le grandi eterne tematiche della tragedia greca nel rapporto tra naturale e artificiale. Quindi spetta ai media veicolare sogni, successi parziali, notizie di speranze, scenari dettati da sottili o grossolane operazioni di marketing. Internet diviene così un inesauribile contenitore di prototipi che spaziano dal robot soldato (il cui impiego in Iraq viene periodicamente annunciato) al robot, tutto gambe, che porta in braccio l anziano su per le scale. La stampa specializzata, periodicamente, riporta le notizie più avvincenti. Maggiore difficoltà riscontra il mezzo televisivo che è costretto a presentare la certifica- 8

2 prestazioni aumentano incredibilmente, mentre il loro costo continua a diminuire bot industriali sul Pianeta Terra Appuntamento tra il serio e l ironico per il 2050, quando l esercito dei robot alla Capek e alla Asimov alleggeriranno gli umani da qualsiasi compito sgradevole (!) zione visiva dell evento: il più delle volte il regista rimane deluso per l oggettivo contrasto tra le aspettative emerse dal racconto entusiasta del padre-progettista di turno e la cruda realtà di performance mediocri e incapaci di suscitare nel telespettatore le emozioni attese. Come si fa a comunicare l incredibile ricchezza di cultura tecnologica contenuta in un prototipo che si presenta nettamente inferiore, nell aspetto e nelle prestazioni, a un robotgiocattolo che si può comprare a dispense nell edicola sotto casa? È il dramma dello studioso di intelligenza artificiale, di reti neurali artificiali e di coscienza artificiale. Può darsi che gli esperti di divulgazione scientifica abbiano ragione quando teorizzano che i veri scienziati riescono a spiegare anche le cose più difficili con poche parole e con esempi e metafore appropriate. Il tecnologo, no. Luglio/Agosto 2005

3 S peciale ROBOT Per definizione il tecnologo non è quello che deve spiegare un fenomeno o i misteri del mondo che ci circonda. Il tecnologo non è quello che sa, ma è quello che fa e che costruisce. Quindi, come fa il tecnologo a comunicare un lavoro in itinere; un lavoro che, poi dovrà aspettare decenni per dare luogo alla costruzione del suo capolavoro? Secondo le statistiche internazionali i robot sono essenzialmente i robot industriali. Ogni anno, in pieno autunno, la United Nations Economic Commission for Europe in collaborazione con l International Federation of Robotica pubblicano un rapporto (l ultimo è stato World Robotics 2004, 414 pagine) che conferma questa sensazione: per la comunità economica internazionale i robot che contano sono quelli industriali. D altra parte i dati sono impressionanti: alla fine del 2003, sul pianeta Terra, è stata confermata la presenza di robot (anche se il rapporto ritiene che il dato reale sia superiore al milione di unità), dei quali in Giappone, nell Unione Europea e negli Usa. In Europa la Germania ha la leadership con unità, seguita dall Italia con , la Francia con , la Spagna con e la Gran Bretagna con In una previsione al 2007, si ritiene che l aumento sarà del 7% all anno. Attualmente, ogni lavoratori, ci sono circa 320 robot in Giappone, 148 in Germania, 116 in Italia, 99 in Svezia e tra 80 e 50 in Finlandia, Spagna, Francia, Usa, Austria, Belgio e Danimarca. Poiché il dato del Giappone include tutti i tipi di robot, mentre per tutti gli altri paesi vengono conteggiati solo i robot industriali multi-funzionali, le cifre sono difficilmente comparabili. Tuttavia è interessante che nel rapporto World Robotics 2004 per la prima volta accanto ai robot industriali vengano citati i robot di servizio : «alla fine del 2003 circa aspirapolvere e tosaerba completamente automatizzati erano in funzione. Nel periodo tra il si raggiungerà la cifra di 4 milioni». Definire robot di servizio un aspirapolvere che si muove in un appartamento o un tosaerba che si muove instancabilmente su un prato da golf potrebbe sembrare un affronto alla concezione di robot veicolato dai primi film sui robot degli anni Cinquanta, specialmente quando li si vede pubblicizzati sulle reti di televendita: eppure essi sono basati su una sofisticata struttura di controllo intelligente basata sull evoluzione di algoritmi per la pianificazione di traiettorie e la 10

4 navigazione che risalgono al- I cinesi hanno tolto la progettazione del robot il lavoro ai robot mobile Shaker ( ). Alla fine degli anni Sessanta, Shaker rappresentò uno dei primi esempi del tentativo di dare un corpo all intelligenza artificiale che prima di allora si potrebbe titolare quello che è avvenuto, a partire dagli anni Ottanta, quando lo sviluppo dei robot industriali ha subito un rallentamento, la destrezza e la flessibilità degli operatori umani. Si è preferito utilizzare operatori umani dalle straordinarie prestazioni cognitive, si era impegnata solo nell e- poiché si è preferito mulazione delle attività men- delocalizzare gli stabilimenti sensoriali e motorie che co- in Paesi a basso reddito pro tali più sofisticate dell essere stano molto di meno degli in- capite, piuttosto che umano: la risoluzione dei problemi, il ragionamento auto- sviluppo richiesti per proget- macchine sempre più costose genti investimenti in ricerca e impegnarsi nel finanziare matico, la comprensione del perché destinate a imitare la tare robot competitivi con l operatore linguaggio. Ci sono voluti trentacinque anni prima che gli algoritmi messi a punto ne- destrezza e la flessibilità degli operatori umani. umano in termini di prestazioni. Sicuramente, in prospettiva, le scelte strategiche gli uffici e applicati sul traballante Shaker che si muoveva incerto a suon di zuccate contro i muri dei corridoi dello Stanford Research Institute dessero a luogo a un tosaerba autonomo, dal design così accattivante da spingere il teleutente a impegnarsi in un ordine telefonico (con diritto di rescissione). Sono lunghi i tempi per passare da un idea rivoluzionaria che costituisce una discontinuità nel settore tecnologico, a quella dell introduzione di un prodotto sul mercato. Il robot industriale è uno dei simboli dell evoluzione delle tecniche manifatturiere per la costruzione di prodotti industriali. Dopo l avvento del telaio meccanico, del servomeccanismo, dell amplificatore elettronico, delle macchine a controllo numerico, il robot ha significato il passaggio verso le fabbriche prive di uomini. Sicuramente in questo progressivo sviluppo, negli ultimi decenni, il robot industriale ha subito la concorrenza dei lavoratori dei Paesi a più basso reddito individuale. I cinesi hanno tolto il lavoro ai robot così si potrebbe titolare quello che è avvenuto, a partire dagli anni Ottanta, quando lo sviluppo dei robot industriali (in grado di effettuare assemblaggi sofisticati) ha subito un rallentamento, poiché si è preferito delocalizzare gli stabilimenti in Paesi a basso reddito pro capite, piuttosto che impegnarsi nel finanziare macchine sempre più costose perché destinate a imitare potrebbero cambiare. Facciamo un esercizio di previsione. Oggi la percentuale degli anziani (al di sopra dei 65 anni) in Cina, e rispetto alla popolazione cinese totale, è del 7,6%. Nel 2025 sarà (dati forniti dall ufficio del Census degli Usa) del 13,7% per arrivare al 24,5% nel Quello che colpisce è lo straordinario numero delle persone sopra gli ottant anni che in Cina saranno (sempre nel 2050) , rispetto a un totale di over 65 di Per soddisfare le esigenze di questo straordinario numero di anziani la Cina avrà bisogno di aumentare la produttività oltre, ovviamente, ad avere disponibilità di energia. Mentre i Paesi a reddito più elevato saranno in pieno sviluppo verso il nuovo paradigma tecnologico fondato sulla biologia, i grandi fornitori di prodotti industriali del pianeta (India, Cina, Brasile, Indonesia, Pakistan) saranno impegnati in un colossale processo di ristrutturazione industriale per garantirsi un costante incremento di produttività che (a causa dell aumentato del tenore di vita e dell incredibile aumento di anziani verificatosi in poco tempo) non potrà basarsi unicamente sul basso costo del lavoro. Alcuni analisti ritengono che la robotica industriale, così come la conosciamo oggi, potrebbe avere un ruolo dominante nelle future scelte strategiche di quei Paesi che, paradossalmente, ne hanno frenato lo sviluppo, Luglio/Agosto

5 S peciale ROBOT rispetto alle previsioni degli anni Ottanta. Nel già citato rapporto, World Robotics 2004, si cerca di rispondere alla domanda Why invest in robots and not hire people? (perché investire in robot e non assumere invece esseri umani?) : «Nell ultimo decennio le prestazioni dei robot sono aumentate incredibilmente e, nello stesso tempo, il loro costo ha continuato a diminuire. Un robot venduto nel 2003 costerebbe circa un quarto di quello che un robot con le stesse prestazioni sarebbe costato nel Per quanto concerne il confronto con il costo del lavoro degli umani, per esempio in Germania i prezzi dei robot sono scesi da 100 nel 1990 a 35 nel 2003 e a 15 se si tiene conto del radicale miglioramento nelle prestazioni dei robot. Anche in paesi come il Brasile, la Cina e il Messico gli investimenti in robot crescono a ritmi impressionanti. [ ] La diffusione dei robot è limitata dal fatto che i potenziali utilizzatori devono avere un elevato standard tecnologico all interno delle loro strutture come un approfondita conoscenza delle varie fasi dei processi produttivi». I media, (non ancora le statistiche internazionali) ci dicono che l inizio del Terzo Millennio non vede solo i risultati, seppur splendidi, della robotica nel settore dei servizi (con particolare riferimento ai robot per sorveglianza e ispezione), degli ausili ai disabili e agli anziani, della robotica applicata a lavori da eseguirsi in condizioni estreme (per combattere incendi, eseguire operazioni di sminamento, ispezionare tubature e fogne). Su Internet e sulle riviste di divulgazione scientifica non si vede solo l affermarsi della robotica nel settore dell entertainment e il protagonismo dei robot in reali missioni spaziali, ma si vedono le prime concrete applicazioni della robotica in ambito militare, dopo decenni di indiscrezioni e di segrete ricerche di base nel settore. Sono ormai disponibili sul mercato internazionale piattaforme telecomandate (cingolate o a ruote gommate) in grado di muoversi su terreni accidentati; aerei senza personale a bordo cominciano a venire impiegati sia in situazioni di conflitto manifesto, sia per operazioni di spionaggio. Soprattutto, nel già più volte citato rapporto World Robotics 2004 (per la prima volta in una organizzazione patrocinata dalle Nazioni Unite) si auspica un maggiore coinvolgimento della ricerca e dello sviluppo militare: «Imponenti investimenti militari nel settore dei robot di servizio daranno luogo a effetti di spin-off sia per il mercato dei robot di servizio da impiegarsi in contesti altamente professionali, sia per il mercato del consumo». In questo contesto la tematica della telepresenza propone insperati scenari. La telepresenza è differente dalle tecniche della teleoperazione, ossia del controllo a distanza di un sistema o di un apparato. La telepresenza introduce metodologie proprie della realtà virtuale nella guida a distanza: all operatore, situato in un ambiente protetto, vengono convogliate le stesse sensazioni (visive, tattili, vestibolari e cinestetiche) che riceverebbe nel caso in cui fosse immerso in un contesto reale. In altre parole un militare-androide, in un azione di guerra, potrebbe inviare i dati, relativi alla sua posizione e a quello che percepisce, a un operatore (a debita distanza) che potrebbe operare come se fosse inserito nel corpo del robot. È opinione diffusa che in alcuni laboratori di ricerca si studi il problema della predisposizione del posto di guida di alcuni veicoli militari per venire comandati con tecniche di telepresenza. Il filosofo Daniel Dennet, in alcuni suoi mirabili interventi negli anni Settanta, aveva anticipato le problematiche di un brain in the vat (un cervello in un contenitore di vetro) che riusciva a vivere nel mondo esterno proprio grazie a tecniche di telepresenza, anticipate dalla fantascienza degli anni Cinquanta. La telepresenza è, in altre parole, qualcosa di simile alle procedure di training utilizzate nei simulatori di volo, ma, dal punto di vista della ricerca di base, apre sce- 12

6 nari incredibili per lo studio della capacità esperienziale di un essere umano, che è poi alla base della coscienza fenomenica. Si dice che il Dipartimento della Difesa statunitense, con grande lungimiranza, avesse finanziato fin dagli anni Ottanta ricerche di base nel settore della psicologia collegata alla realtà virtuale, non disdegnando nemmeno di sporcarsi le mani (in senso metaforico, dato il settore di competenza di un Ministero della Difesa) con ricerche nel settore della coscienza fenomenica. Effettivamente ci sarebbero gli estremi per ragionevoli domande etiche sul ruolo di questi robot guerrieri, ma da sempre l azione bellica che può comportare la morte di esseri umani sia essa guerra dichiarata, difensiva, preventiva, guerriglia, terrorismo o lotta al terrorismo ha avuto regole e giustificazioni che superano le logiche insite nelle tre leggi della robotica. L idea di Asimov di affidarsi a un cervello positronico, ossia non fatto da materiale biologico, era stata un idea geniale perché riusciva a evitare i problemi etici connessi con l interazione con i temi della vita. Tuttavia, nel momento in cui i robot diventano sempre più sofisticati anche i robot non biologici potrebbero sollevare alcuni interrogativi. Non tanto perché nei loro cervelli non si riuscirà a immettere le tre leggi di Asimov (a protezione prevalentemente degli esseri umani), ma perché ci potremmo trovare in presenza di una categoria di esseri in grado di fare esperienza ed essere, in quanto tali, candidati a venire considerati potenziali soggetti (nella fantascienza, addirittura persone). È recente, da parte di alcuni studiosi, l acquisizione dell idea che per poter costruire un robot intelligente sia opportuno dargli un corpo capace di adattarsi, di imparare e di evolvere (robotica epigenetica). Come avviene per i cuccioli degli esseri umani, così anche per i robot si schiudono gli scenari dello sviluppo e dell apprendimento. Per transitare dai robot deliberativi (dai Luglio/Agosto

7 S peciale ROBOT comportamenti stereotipati) a quelli reattivi (in grado di modificare il loro comportamento), il robot (come avviene per la specie animale dei mammiferi) deve svilupparsi e apprendere attraverso l interazione con l ambiente. Anzi, alcuni progettisti di robot ritengono che analogamente a quello che avviene in alcuni organismi biologici quali i mammiferi sarebbe opportuno creare le condizioni per cui la creatura artificiale possa fare esperienza del mondo che la circonda (possedere, cioè, una coscienza fenomenica). Gli etologi suggeriscono che l acquisizione di comportamenti intelligenti viene favorita dalla capacità di fare esperienza; o, meglio, di fare nuove esperienze. Quindi l avvento della robotica epigenetica, della robotica cognitiva e della coscienza artificiale non costituisce un semplice avvicendamento rispetto alle consolidate tematiche delle discipline che si ponevano il problema di costruire robot intelligenti. Si assiste invece a un riposizionamento dei saperi alla base della tecnologia su cui costruire i robot. Mentre le contaminazioni culturali sono frequenti nell ambito della fantascienza, molto meno lo sono nell ambito dell ingegneria. Quando la robotica industriale comincia ad affermarsi come disciplina autonoma, poche sono le contaminazioni con la cultura biologica: la matrice delle macchine utensili è stata prevalente nell evoluzione della robotica industriale. Con i primi lavori in ambito di robotica antropomorfa, tra la fine degli anni Settanta e l inizio degli anni Ottanta, l anatomia e la neurofisiologia offrono le prime indicazioni e suggestioni. In realtà gli studiosi di robotica antropomorfa chiedono alle discipline della vita suggerimenti per la progettazione e la costruzione dell architettura del robot, dei suoi apparati motori e dei suoi dispositivi sensoriali. La disciplina principe in tale contesto è, ovviamente, la neurofisiologia, il cui atteggiamento riduzionista (prevalente negli anni Sessanta e Settanta) la rende vicina alle aspettative dell operare ingegneristico. Inoltre il mondo della robotica è pervaso da una non esplicita attesa: quella di poter sviluppare separatamente la robotica industriale, tesa a costruire i corpi, e l intelligenza artificiale, in grado di offrire metodi e strumenti per dare una mente al robot. Poi qualcuno sarebbe stato in grado di coniugare sapientemente robotica industriale e intelligenza artificiale per dare luogo a Locandina di 3 capolavori della storia dei film Una città cerca un assassino, Metropolis e Il Testamento del Dr. Mabuse 14

8 una generazione di robot sempre più vicina alle prestazioni dell essere umano. Il momento più alto di questa impostazione fu rappresentato alla expo internazionale di Tsukuba nel 1985: non solo a Tsukuba venne presentato il robot pianista con struttura antropomorfa, ma soprattutto si celebrò il possibile ruolo dell intelligenza artificiale che, all epoca, cominciava a dubitare del progetto dedicato ai calcolatori di quinta generazione. Dal 1985 l evoluzione della robotica, a livello internazionale, cominciò a subire un certo rallentamento innescato da un mercato (della robotica industriale) non particolarmente brillante. Emergevano le premesse per la nascita di approcci alternativi. Rodney Brooks con i suoi robot beings avviò di fatto un progetto di ricerca in cui cercò di arrivare alla progettazione di robot autonomi attraverso una rivisitazione dell evoluzione: invece di riprodurre direttamente le prestazioni più evolute dell essere umano, forse era meglio produrre comportamenti e strategie di animali più semplici, quali gli artropodi. Brooks propose, di fatto, un ripensamento sulla filogenesi: perché non arrivare a robot intelligenti ripercorrendo i percorsi dell evoluzione? Perché invece di arrivare al robot intelligente con un approccio top down, che cerca di riprodurre i comportamenti intelligenti superiori dell essere umano, non tentare di utilizzare un approccio bottom up che cerca di progettare e far evolvere le macchine da più semplici a più complesse? Tuttavia alla fine degli anni Novanta un altro approccio venne delineandosi: l approccio evoluzionistico di Brooks pone l accento sulla filogenesi, richiamandosi al fatto che la struttura sensoriale-motoria dell essere umano è il risultato di un lungo percorso attraverso le architetture biologiche più disparate. Sullo sfondo le reti neurali e le metodologie messe a punto nell ambito della vita artificiale mettevano a disposizione l apparato metodologico che avrebbe permesso di indagare il comportamento di reti nervose via via sempre più complesse. Invece, nel caso in cui si voglia mantenere la struttura umanoide dell essere artificiale e si voglia nel contempo proporre un approccio alternativo al classico approccio top down dell intelligenza artificiale si doveva esplorare quello che nell essere umano corrisponde a quello che la filogenesi ha nell evoluzione degli organismi: il ruolo dell ontogenesi, o meglio quello dello sviluppo delle strutture sensoriali motorie, del comportamento e dell intelligenza. Locandina dell opera teatrale R.U.R., scritta da Capek nel 1920 e messa in scena nel Luglio/Agosto

9 S peciale ROBOT Da quello biologico di Capek (1920) al metallico di Fritz Lang (1926) e di Asimov (1950) Quello che affascina nella concezione di robot, così come emerge dal lavoro teatrale di Karel Capek (R.U.R., Rossum s Universal Robots, scritto nel 1920 e messo in scena nel 1921), è la sapiente integrazione di elementi diversi: il robot è una creatura artificiale, costruita da esseri umani; il robot è costruito con l obiettivo di farlo lavorare come uno schiavo; il robot ha sembianze umane; il robot viene costruito con la capacità di fare esperienza (ossia è dotato di coscienza feno- menica); il robot si comporta in maniera intelligente; il robot è basato su una scoperta di natura biologica (il protoplasma artificiale). Non era la prima volta, nella storia dell umanità, che venivano delineate le caratteristiche di un essere artificiale. Ma l opera di Capek costituisce una rilevante cesura con altre intuizioni (le ancelle del dio Vulcano, l homunculus di Paracelso, il Golem del Rabbino Judah Loew ben Bezael, l Olimpia di Ernst Hoffman, il Frankenstein di Mary Shelley, l Eva di Auguste Villiers de l Isle-Adam) perché introduce le tematiche della ricerca scientifica moderna (chimica e biologia) in uno dei classici sogni dell umanità: la costruzione di un essere artificiale obbediente agli umani. È pur vero che già in Frankenstein veniva usata l elettricità per dare vita a un complicato collage di organi prelevati da cadaveri e che Villiers de l Isle- Adam descrive in modo puntuale la struttura meccanica dell andreide (sic!, non androide) e cita esplicitamente, tra i consulenti, la figura di Edison; tuttavia è opinione condivisa che sia stato proprio Capek a introdurre la lista completa delle caratteristiche dell essere artificiale, che avrebbe condizionato la storia della fantascienza del ventesimo secolo. Solo nel 1926, nel film Metropolis di Fritz Lang, viene proposto un robot metallico sulla cui superficie viene deposto un materiale atto a dare al robot le sembianze di Maria, la protagonista umana: classico androide (nella fattispecie, un andreide) che nasce a partire da un robot metallico. Fritz Lang e Karel Capek sto- Il romanzo di Isaac Asimov, Robot sognanti. 16

10 ricizzano il lavoro dei grandi artigiani del Settecento che davano sembianze umane, scolpite nel legno e sapientemente dipinte, ai mirabili meccanismi (di legno, ferro e cuoio) costruiti per dare movimento alla macchina finale. Dopo la prima guerra mondiale l industria è, da una parte, l industria chimica (quella dell aspirina e dell anilina) il cui interprete è Capek e, dall altra parte, si ha l industria tutto ferro, fuoco ed energia elettrica. Lang si fa interprete dell immaginario collettivo e propone un altra tipologia di robot tutto metallo lucente che prende vita con la classica scarica elettrica. Poi Asimov riuscirà a veicolare, attraverso i suoi racconti, l idea di robot metallico alla Fritz Lang e, da allora (1950) il termine robotica, nell accezione Asimoviana, prenderà il sopravvento rispetto all idea di robot biologico, così come era stato concepito originariamente da Capek. Per Capek un costruttore di robot è un costruttore di creature artificiali viventi, di natura biologica. Per Asimov un costruttore di robot è un costruttore di creature artificiali di natura non biologica. Industria, ricerca scientifica e tecnologia si sono appropriate del termine robotica, privilegiando la visione di Asimov rispetto a quella di Capek. Per la robotica industriale il robot è una macchina non biologica, anche non antropomorfa, in grado di agire con un grado di autonomia adeguato ai compiti assegnati. Per la robotica umanoide il robot è una macchina non biologica che vuole emulare l essere umano non solo nell aspetto ma anche nelle prestazioni motorie, sensoriali e cognitive presentando addirittura uno sviluppo analogo a quello dell essere umano. La robotica è andata via via identificandosi con l assunto iniziale di Asimov: il robot non deve essere fatto di materiale biologico. Finora ha vinto Asimov, e Capek lo si cita solo come riferimento dotto, di natura letteraria: spesso solo a livello dell etimologia del termine robot. In pieno paradigma tecnologico elettronico-informatico (che ha caratterizzato la seconda metà del Novecento) la scelta di una robotica alla Asimov non ha avuto consolidate alternative. Oggi, quando sembra che si stia delineando come paradigma tecnologico prevalente quello della biologia, anche l approccio alla Capek si sta presentando sull arena scientifica e industriale. Il libro di Vincenzo Tagliasco Dizionario degli essere umani fantastici e artificiali, Mondadori 1999 Luglio/Agosto

11 S peciale ROBOT Eserciti di ricercatori, fiumi di dollari Rodney Brooks, direttore di MIT's Artificial Intelligence Lab. Ametà degli anni Ottanta, Giuseppe Satta, un brillante ricercatore di microbiologia, aveva sottoposto al Consiglio Nazionale delle Ricerche un progetto per utilizzare i batteri per combattere l inquinamento da petrolio nel caso di catastrofi navali. Si trattava di selezionare, attraverso successive mutazioni, batteri in grado di metabolizzare idrocarburi. Giuseppe Satta aveva preparato una suggestiva copertina, redatta con la tecnica dei fumetti, per rilegare il rapporto a sostegno del progetto: alcuni batteri antropomorfizzati che si godono il sole alla spiaggia con i ricchi proventi del loro lavoro di disinquinatori; altri che lavorano nel settore petrolifero; altri, magri e consunti, che non sono stati opportunamente selezionati. Quel rapporto evocava Capek e non la rassicurante filosofia di Asimov. Si sarebbero costruiti, attraverso una opportuna selezione, alcuni organismi viventi in grado di realizzare obiettivi. Ma potevano essere considerati robot? Le pecore possono venire considerate macchine che forniscono latte, carne e lana; in una certa accezione, potrebbero essere considerate robot, anche se non sono state progettate e costruite dall essere umano. Ma, secondo Capek è proprio questo che fa la differenza quando propose, per la prima volta, il termine robot: selezionare un batterio, attraverso successive modificazioni, come si fa con le piante, significa costruire organismi viventi orientati a realizzare un obiettivo per cui naturalmente non erano stati progettati, ossia robot formati da materiale biologico. Certamente un batterio-operaio è ben lontano dai robot usciti dalla fabbrica dei Rossum, immaginata da Capek; ma è altrettanto vero che i primi rudimentali manipolatori industriali del tipo pick and place (protagonisti dell automazione di fabbrica negli anni Sessanta) erano ben lontani dai robot di Isaac Asimov (Io robot, 1950). È indubbio che i robot alla Asimov si siano evoluti negli ultimi cinquant anni (nel 1954 George C. Devol jr. chiese di brevettare un dispositivo programmabile, programmable transfer device, che si può considerare l antesignano di un braccio per robot). I robot alla Capek, tra cinquant anni, potrebbero riservare sorprese non irrilevanti a una umanità sempre più vecchia e sempre più bisognosa di esseri artificiali in grado di lavorare per soddisfare obiettivi di benessere e di felicità per tutti gli umani. Nel 2004 il Los Alamos National Laboratoy, il famoso luogo di nascita della bomba atomica, ha assegnato un finanziamento di quasi cinque milioni di dollari a Steen Rasmussen con l obiettivo di progettare e costruire una forma di vita sintetica. Il gruppo di ricerca coordinato da Rasmussen dovrà porre le basi per la costruzione di un organismo (assemblato a partire da molecole inanimate e non da altri microrganismi) in grado di effettuare assegnate operazioni elementari in ambito proteico. Rasmussen e i suoi colleghi non vogliono prendere un organismo 18

12 esistente e modificarne il DNA, essi vogliono costruire l organismo a partire da molecole, che sono per loro natura inanimate, agendo a livello dei nanometri (ossia dimensioni dell ordine della millesima parte di milionesimo di metro, il che è equivalente, a seconda delle preferenze personali, alla milionesima parte di un millimetro). Così come faceva il filosofo-scienziato Rossum della commedia teatrale di Capek alle prese con la sintesi del protoplasma vivente : niente a che vedere con Frankenstein che era costruito assemblando organi di natura biologica, anche se appartenenti a persone decedute. Anche Craig Venter, il genetista, diventato famoso nell aprile 2000, dopo il suo annuncio dell avvenuto sequenziamento del genoma umano, eseguito dalla società privata statunitense Celera Genomics da lui presieduta, ha un obiettivo simile. Craig ha iniziato a studiare un piccolo batterio, il Mycroplasma genitalium, che possiede solo 517 geni; Venter sta asportando i geni di questa creatura, sostituendoli con alcune loro versioni artificiali. Scopo finale è quello di comprendere quali siano i requisiti minimi affinché un organismo possa funzionare. In realtà il progetto genoma minimo (finanziato dal Department of Energy del governo statunitense nel 2002 per 3 milioni di dollari) è visto con malcelato sospetto dalla comunità scientifica internazionale, anche perché sembra che Venter, successivamente all inizio del progetto, abbia messo in guardia i finanziatori dai rischi che tali studi potrebbero presentare se i risultati dei progetti finissero nelle mani di organizzazioni terroristiche (oltre ai classici problemi di natura etica e morale che comporterebbero nel caso in cui si uscisse fuori dal ristretto ambito dei minuscoli robot-batteri). Di recente l Unione Europea ha lanciato il Programmable Artificial Cell Evolution Project (Progetto Pace), che ha come obiettivo quello della costruzione di una cellula artificiale, ossia di una cellula sintetizzata in laboratorio. A questo proposito in un rapporto dell Unione Europea si legge: «Distributed intelligent technical systems with self-organizing and evolvable life-like properties are required both to make the next generation of self-repairing computer and robotics technology and to direct all kinds of production and remediation on the nanoscale.» Ossia, a livello europeo si ritiene che ci sia una stretta correlazione tra robotica, cellule artificiali e nanotecnologie. Il consorzio dovrà mettere a punto un metodo tale da far sì che i microscopici sistemi chimici di elaborazione dell informazione atti a costruire cellule artificiali siano progettati e assemblati automaticamente da materiale non-vivente. I membri del consorzio sono ricercatori che appartengono a diverse aree scientifiche: sistemi complessi, robotica, cinetica chimica, studiosi dello sviluppo, simulazione, chimica organica e bioorganica, sistemi di controllo. Un nuovo European Center for Living Technology dovrebbe sorgere a Venezia, supportato dall Unione Europea, la città di Venezia e l Università di Venezia Ca Foscari. Cog, creato da Rodney Brooks, è il primo robot umanoide in grado di imitare i movimenti motori e sensoriali del corpo umano. Luglio/Agosto 2005

13 S peciale ROBOT Al MIT di Boston, dal 10 al 12 giugno 2004, per la prima volta si sono incontrati ricercatori del settore della progettazione e costruzione di componenti biologiche in occasione del First International Meeting on Synthetic Biology. In italiano synthetic biology è stato tradotto con il termine biologia sintetica e biologia di sintesi. Aggettivare il termine biologia che ha una precisa connotazione conoscitiva con il termine sintetico (peraltro, molto ambiguo nel lessico italiano in quanto evocatore di stringatezza e assenza di ridondanza piuttosto che della connotazione di costruzione e ingegnerizzazione) potrebbe apparire improprio. D altra parte il significato del nome di una nuova disciplina deve essere quello che la comunità più forte e qualificata decide che la disciplina stessa debba avere, al di fuori di qualsiasi elegante dissertazione epistemologica o etimologica. Tuttavia, tornando agli originali significati storici della bioingegneria, io reputo che la costruzione di cellule artificiali, di batteri progettati per realizzare compiti assegnati faccia parte di una bioingegneria che usa tecniche nel campo delle nano-dimensioni: in altre parole la synthetic biology sarebbe, di fatto, una nano-bioingegneria. Perché non usare il classico termine ingegneria genetica? L ingegneria genetica consiste, principalmente, nel trasferire un gene preesistente da un organismo all altro: è l obiettivo che è tipico dell ingegneria, non i metodi e le tecniche. L ingegneria moderna, così come ci è stata tramandata da Reuleaux, uno dei padri dell ingegneria moderna, consiste nel progettare ciò che si vuole realizzare, l analizzare quel progetto per capire se potrà funzionare, e poi procedere alla costruzione vera e propria: progetto, analisi e sintesi (costruzione vera e propria). La synthetic biology, invece è tipicamente una disciplina ingegneristica: si pone il problema di specificare ogni minima porzione di Dna che si vuole utilizzare come se si stesse programmando un microprocessore o progettando una macchina utensile. Una delle più probabili applicazioni sarà quella di costruire robot-batteri in grado di produrre idrogeno a basso costo. Forse è giunto il momento di ripensare all approccio alla Capek nell ambito della robotica: la lunga rincorsa di Capek all inseguimento della prorompente vitalità e predominio di Asimov negli ultimi cinquant anni sembra avviarsi alla conclusione. Credo che l approccio alla Asimov (quello per intenderci di tipo umanoide, oltre a quello legato più specificamente alla robotica industriale) e quello alla Capek si evolveranno su strade parallele anche se con incredibili opportunità di mutua fertilizzazione. Ogni fase, che ha caratterizzato la storia della tecnologia, ha avuto i suoi esseri artificiali: l homunculus (che usciva da una brodaglia formata dalle sostanze più disgustose) ai tempi dell alchimia, gli androidi meccanici all inizio della Rivoluzione Industriale affascinata di telai meccanici, Frankenstein che prende vita con una scossa elettrica alla nascita dell elettricità, i robot industriali all epoca dell elettronica e dell informatica, i robot virtuali (protagonisti dei motori di ricerca ai tempi di Internet) e, ora, nel- 20

14 l era della biologia i robot-batteri. Nel 1999, quando avevo scritto un Dizionario degli esseri fantastici e artificiali (una sola edizione, ormai uscito tristemente anche dal catalogo) avevo proposto una tassonomia degli esseri fantastici e artificiali divisa in due parti: quelli fatti con materiale biologico e quelli costruiti con materiale non-biologico. Avevo dichiarato che l approccio di Asimov era più rassicurante perché i suoi robot non erano fatti con materiale vivente, nonostante avessi ben chiaro in testa le intuizioni di Giuseppe Satta. I replicanti di Phil Dick (anche nella versione filmica di Bladerunner) che riproponevano in chiave attualizzata i robot di Capek, fatti di protoplasma artificiale vivente erano per me più inquietanti. Io che, attraverso i robot, vorrei capire come la mente dell essere umano sgorga dal cervello preferisco affidarmi allo scenario (anche se non del tutto privo di rischi e pericoli) della robotica umanoide piuttosto che salire, per vedere più lontano, sulle scivolose spalle di una robotica alla Capek che, fortunatamente, nessuno ha ancora proposto per riuscire a scoprire il Sacro Graal della biologia: come una mente possa scaturire da una massa sanguinolenta di materia cerebrale. L ideale sarebbe e questo sarebbe il traguardo cui ha teso tutta la mia carriera accademica che i due approcci, quello alla Asimov e quello alla Capek (ovviamente collegati ai risultati incredibili che le neuroscienze e la genomica ci stanno offrendo in continuazione) potessero coesistere nell ambito della tematica degli esseri artificiali. Mi piacerebbe che nel 2050 quando le mie figlie saranno nei loro splendidi primi anni anta (grazie agli incredibili risultati che la biologia otterrà) l umanità potrà vivere in un mondo in cui miliardi di miliardi di miliardi di instancabili batteri-operai (robot alla Capek) otterranno energia senza fine dal mare e dalle biomasse. L energia a basso costo così ottenuta permetterà di trasformare terre incolte e deserti in splendidi giardini. Inoltre, servizievoli robot umanoidi (robot alla Asimov) accudiranno anziani e disabili per le esigenze primarie lasciando agli umani il tempo e l opportunità di parlare, comunicare e amare anziani, bambini e coloro che di emozioni e rapporti hanno bisogno per rendere la loro esperienza di vita degna di essere vissuta. In altre parole una Città del Sole (alla Campanella) diffusa a livello planetario e, grazie alle esplorazioni spaziali, esportabile a livello galattico. Sì è vero, ci sarà il rischio di qualche protesta della categoria dei robot-infermieri che saranno in stato di agitazione per ottenere lo statuto di persona e qualche ricorrente notizia di una popolazione di mostruosi ex batteri operai che la Federazione delle Nazioni dovrà far circondare da una barriera di marinai-robot alle isole Figi. Ma d altra parte, anche nel Novecento la tecnologia aveva comportato qualche piccolo problema VINCENZO TAGLIASCO Vincenzo Tagliasco è nato a Savona il 26 febbraio Si è laureato in Ingegneria elettronica e ha perfezionato la sua preparazione nelle aree della psicologia della percezione e del controllo motorio negli USA presso l Università di Harvard e il Massachussets Istitute of Technology. Dal 1974 insegna Principi di Bioingegneria a Genova e dieci anni dopo è diventato il primo direttore del Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica. Negli anni Ottanta si è interessato di strutturazione e di trasmissione del sapere attraverso vecchi e nuovi media. Ha lavorato come esperto presso il MURST, l'ue e l'ocse sulla formulazione di scenari per il futuro. I suoi principali interessi di ricerca sono nel settore dello studio e progettazione di esseri artificiali. Luglio/Agosto 2005

15 Robot, ovvero tra illusioni e realtà Le considerazioni di oggi spero rispondano in qualche modo al titolo del mio speech. Intanto cominciamo a vedere una bellissima storia dell evoluzione della robotica che parte, come è stato ricordato anche dal prof. Boncinelli, dal bisogno di soluzioni e dal bisogno di realizzare macchine. Questo ha portato allo sviluppo di robot industriali, all automazione industriale, una serissima industria. Anzi, vent anni fa alcuni profetizzavano che questa sarebbe stata l unica seria dimensione della robotica, un po come il presidente dell IBM che immaginava di vendere cinque calcolatori ogni anno. La robotica è uscita dall ambito propriamente industriale, è entrata nell ambito scientifico (Marte) ed anche in una serie di applicazioni cliniche e di assistenza. Il sogno dell uomo rimane e rimarrà replicare se stesso o almeno la natura che lo circonda. Per arrivare a questo obiettivo le strade sono lunghe, tortuose e passano per molti diversi sentieri: partiamo da Leonardo passando per PAOLO DARIO Scuola Superiore Sant Anna di Pisa gli automi svizzeri fino ai moderni robot umanoidi e animaloidi. Non è solo il sogno, o più propriamente la ricerca dell impossibile inteso come abbattimento di sempre nuove barriere a spingere la ricerca in questo settore, ma è anche e soprattutto la necessità. L oggettiva esigenza di macchine che aiutino l uomo in determinate mansioni ha portato ad esempio alla robotica industriale. Oggi parliamo di biorobotica, termine che definisce il campo di cui mi occupo, e sta ad indicare più della sola robotica industriale, più della sola robotica applicativa, pur avendo anche questi come obiettivi. Questa scienza sviluppa metodologie e tecnologie innovative per la progettazione e la realizzazione di macchine e sistemi bioispirati. Il concetto di partenza è studiare a fondo dal punto di vista ingegneristico (non come mera osservazione qualitativa), come funzionano gli organismi viventi, dagli insetti all uomo. Lo scopo ultimo è realizzare macchine e sistemi sempre più simili all originale. Infine cerchiamo di immaginare macchine sempre mi- 22

16 Da sempre l uomo sogna di replicare se stesso gliori, che non siano solo sistemi bioispirati ma anche macchine utili in applicazioni quali la medicina. La bioingegneria, scienza relativamente giovane, si occupa da decenni di studiare i sistemi biologici ed è anche un ingegnere totalmente diverso dal professionista tradizionalmente conosciuto in passato, perché assume un nuovo ruolo e nuove responsabilità etiche. Ma in futuro la biomeccatronica è la scienza che mette l uomo come essere biologico al centro della progettazione sia come ispirazione che come applicazione. Avremo i nostri doppi? E come interagiremo con essi? Ci sono vari modi di sviluppare la relazione tra uomo e robot; questo è il classico approccio della robotica umanoide: una cooperazione tra l uomo e un umanoide che ha un cervello artificiale, che è amico, nemico, partner, simbiotico con il proprio padrone. A questo punto una serie di interessanti quesiti sulla corrispondenza tra l uno e l altro sono impossibili da evitare, come è impossibile eludere gli aspetti di interazione cognitiva tra l uomo e il cervello artificiale. Questa relazione, come la intendo io, è quella di una vera e propria simbiosi in cui il controllore del robot, della macchina, non è un alter ego, ma è qualcosa che ha l intelligenza necessaria per aiutare l uomo laddove se ne verifichi la necessità, per esempio una protesi per un braccio o una gamba offesa. Biorobotica Biorobotica Luglio/Agosto

17 S peciale ROBOT 24

18 Samuele Gorini illustra il colonoscopio robotico della Era Endoscopy (spin-off della Scuola S. Sant Anna di Pisa) Quando siamo amici di una persona la coccoliamo, ne abbiamo cura: dal punto di vista, per così dire meccanico, non gli vogliamo fare male, vogliamo sapere come è fatta la sua carne, come sono fatte le sue articolazioni, e allo stesso tempo vogliamo difenderlo: questo potrebbe essere un esempio di simbiosi, non necessariamente una macchina che abbia una sua identità, ma che sia amica e simbiotica. Questo tema della biorobotica ha varie implementazioni, da quelle più applicative (come in chirurgia) a quelle più sottilmente scientifiche. Per concludere, quali sono le grandi sfide che da questo ambito potrebbero derivare? Una grande sfida è quella di arrivare al robot umanoide, che potrebbe essere l equivalente del progetto Apollo del XXI secolo. Nel 2050 i giapponesi si sono posti l obiettivo di realizzare una squadra di robot umanoidi che batta una squadra di calciatori umani, ripercorrendo la famosa sfida a scacchi PAOLO DARIO Paolo Dario si è laureato in ingegneria meccanica all Università di Pisa. Nella stessa città, dal 1986, è professore associato di ingegneria biomedica alla Scuola Superiore Sant Anna, dove dirige il laboratorio di ricerca ARTS (Advanced Robotics Technology and Systems) e il MiTech (Microfabrication technology) con uno staff di oltre sessanta ricercatori. E membro della IEEE Society of Robotics and Automation, dove è parte della commissione sulla Robotica in campo medico, è inoltre co-fondatore della World Academy of Biomedical Technologies. I suoi attuali interessi di ricerca sono nel campo della microingegneria, lo studio della sensorialità e della percezione artificiale nei robot e lo sviluppo di tecnologie per la chirurgia computerizzata. Luglio/Agosto 2005

19 Corea: prossimi dedicati ai robot La Corea sta investendo una significativa quantità di sforzi nel settore della robotica che è considerato uno dei 10 programmi guida per i prossimi 10 anni. L obiettivo è lo sviluppo di robot intelligenti. Il programma comprende tre progetti finanziati da tre ministeri, quello della Informazione e Comunicazione, quello del Commercio e dell Industria e BEOM HEE LEE quello della Scienza e Università di Seoul Tecnologia. Il MIC ha un progetto che punta allo sviluppo di nuovi paradigmi per il futuro dell industria robotica. Parte di questo è la ricerca di killer application e nuovi business model per servizi offribili da robot. Il progetto mira a fondere aspetti di IT con le tecnologie robotiche classiche. Un primo elemento di studio tende alla realizzazione dell Ubiquitous Robotic Companion. Questo è perseguito attraverso 3 industrie coreane. L URC deve fornire servizi ovunque e in qualunque istante sfruttando una rete di telecomunicazioni sempre presente, sia in termini di trasporto a lunga distanza sia in termini di reti locali. Parte di questi robot sono di tipo software e entrano direttamente nei terminali. La ricerca si muove sui filoni dei software robots, delle telecomunicazioni real time e di servizi forniti dalla rete. I Robot integrano aspetti derivanti dalle reti mobili, dalle reti di sensori e dalle reti ubique. L unione di questi aspetti fa emergere aspetti relativi alla gestione delle interazioni, compreso gli aspetti di gestione delle emozioni. Le sperimentazioni sono previste nell ambito di test bed realizzati nel contesto della casa digitale. I robot diventano parte del contesto ambientale tramite collegamenti a server globali. La Corea riconosce la necessità di una collaborazione internazionale su tutti questi temi da cui derivare specificità per l inserimento nella società coreana. Il progetto del Ministero del Commercio, Industria e Energia gestisce 23 progetti finalizzati con un budget di circa 100 milioni di $ ciascuno nei prossimi dieci anni. L obiettivo è di rendere la vita di ogni giorno meno complicate con particolare attenzione agli anziani. L applicazione dei robot intelligenti a quella che i coreani chiamano il silver engineering, cioè le applicazioni al mondo degli anziani, trova anche una sua giustificazione nella crescita del numero di anziani nei prossimi anni. Inoltre, dal punto di vista economi- 26

20 Killer application dedicate agli anziani dieci anni intelligenti Robot umanoidi costruiti in Korea. Da sinistra Hubo (MOCIE) e NBH-1 (Mahru & Ahra; MIC). co, gli anziani avranno un crescente potere di acquisto nei prossimi anni. Quest area è ritenuta un importante motore di crescita per la Corea. Per questo motivo la ricerca, anche sul versante puramente tecnologico, è sempre focalizzata al mercato e alla sua applicabilità pratica. Uno dei punti fondamentali è quello della creazione di tecnologie per la percezione e l apprendimento, aspetti fondamentali per lo sviluppo di una intelligenza robotica. Segue, e si affianca, la ricerca sull interazione tra umani e robot che tiene anche conto dello sviluppo di capacità di adattamento del comportamento che deve sfruttare nuove tipologie di sensori e attuatori. Il tutto deve essere integrato affinché possa emergere un comportamento praticamente utile. Si noti che viene riconosciuto il ruolo che giocheranno una varietà di industrie e attori per cui i progetti finanziati tendono a sviluppare piattaforme aperte su cui tutti potranno sviluppare servizi. Una di queste piattaforme è focalizzata sui robot per la casa. Parte di queste piattaforme comprende lo sviluppo di chip di base che saranno resi disponibili a chi vuole sviluppare nuovi robot e nuovi servizi. Questi chip si troveranno in una varietà di ambienti, dalle auto ai PDA. Luglio/Agosto

21 S peciale ROBOT Concept of URC Concetto di Ubiquitous Robotic Companion: un robot che fornisce vari servizi comunque e dovunque R&D Scope Ricerca e Sviluppo Market Forecast: Intelligent Robot and Silver Industry Previsioni di mercato: robot intelligenti soprattutto per la terza età

22 Human-Behavior Robot Intelligence Comportamento-umano intelligenza del robot Separati, ma affiancati, sono 14 progetti che mirano a sviluppare killer application e che costituiscono la strategia del programma sui robot intelligenti. Un settore completamente diverso mira allo sviluppo di robot per la produzione e per applicazioni di tipo ambientale e sociale, ad esempio per intervenire in caso di disastri. Il ministero della Scienza e Tecnologia finanzia progetti per lo sviluppo di interfacce robotiche per il welfare con un budget di 1 milione di $ anno per nove anni e si collega a ricerche di base. BEOM HEE LEE ASRI. SNU. AC. KR Beom Hee Lee ha ricevuto la laurea alla Seoul National University e ha conseguito il dottorato all'università del Michigan, Ann Arbor, USA, nel 1985, entrambi in ingegneria elettronica e informatica. Lee è stato professore alla Scuola dell'ingegneria elettronica alla Purdue University, Lafayette, Indiana negli Stati Uniti dal 1985 al 1987, ed è stato professore al dipartimento di ingegneria elettronica all'università di Seoul dal 1987 ad oggi. Da quando è all'università di Seoul si occupa di ricerca e insegnamento in campo di sistemistica, monitoraggio e manodopera in Applications of Intelligence Chips Applicazioni di circuiti integrati intelligenti robotica. Ha pubblicato oltre 230 articoli su questi argomenti. La sua ricerca include la progettazione del movimento nei robot e lo studio dei modi per evitare le collisioni, coordinazione di più braccia, e coordinazione e controllo di più soggetti in robotica. Lee è stato membro molto attivo della IEEE Robotics and Automation Society. È stato presidente della conferenza internazionale della IEEE sulla Robotica e l automazione, vice-presidente della Korean Robotics Society ( ); e presidente del Automation and Systems Research Institute nell Università di Seoul ( ). Sta inoltre portando avanti, come direttore, un programma di formazione, chiamato Science for Leaders Program, diretto specialmente a cariche di governo ad alto livello. Lee è membro della IEEE e membro del Institute of Control, Automation, and System Engineers in Corea. Luglio/Agosto 2005

su misura AUTOMAZIONE

su misura AUTOMAZIONE SPECIALe AUTOMAZIONE su misura Specializzata nella distribuzione sul territorio nazionale di componenti per l automazione industriale ad ampio spettro, Sinta s.r.l. è anche un vero e proprio consulente

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Intelligenza Artificiale. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1. Introduzione

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Intelligenza Artificiale. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1. Introduzione Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A1_1 V1.1 Introduzione Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Il 6 dicembre 2013, grazie alla collaborazione tra il Liceo Scientifico G. Galilei e L Associazione AMU-Azione per un Mondo Unito

Dettagli

Robotica. La robotica

Robotica. La robotica Robotica 1/20 La robotica Il termine robot deriva dal ceco "ROBOTA" (lavoratore), introdotto per la prima volta nel 1920 dal commediografo Karel Capek. Secondo il R.I.A. (Robot Institute of America) il

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Torniamo dopo un anno a parlare del ruolo degli Internet Provider nella catena del valore delle piccole e medie imprese, per verificare se e quanto le aziende italiane

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

SCIENZE. facoltà di. guida alle facoltà 2010/2011. Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512

SCIENZE. facoltà di. guida alle facoltà 2010/2011. Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512 f a c o l t à d i S C I E N Z E UNIVERSITÀ politecnica delle marche facoltà di Via Brecce Bianche, 12 Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071 2204512 SCIENZE Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE BIOLOGICHE SCIENZE

Dettagli

Politica del personale del Gruppo CSS.

Politica del personale del Gruppo CSS. Politica del personale del Gruppo CSS. Noi disponiamo dei collaboratori e delle collabo - ratrici per affrontare le sfide del futuro. A Valori di politica del personale e prese di posizione della CSS 1

Dettagli

Relatività,, Energia ed Ambiente

Relatività,, Energia ed Ambiente Relatività,, Energia ed Ambiente Vincenzo Vagnoni Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e Fondazione Giuseppe Occhialini Pesaro - Fossombrone, 20 Marzo -5 Giugno 2009 1 http://www.fondazioneocchialini.it

Dettagli

Fabio Greco, amministratore unico di K.L.A.IN.robotics.

Fabio Greco, amministratore unico di K.L.A.IN.robotics. Fabio Greco, amministratore unico di K.L.A.IN.robotics. 66 ilpersonaggio Ingegno e fantasia, la sfida dei robot Dal 1999 è alla guida di un azienda dinamica che distribuisce sul mercato italiano i robot

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Docente: Prof. Massimo Merlino Intellectual Property Rights (IPR) Imprenditore Business idea L imprenditore che

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

Dopo il record di investimenti nel 2001 una temporanea diminuzione nel 2002 e nel

Dopo il record di investimenti nel 2001 una temporanea diminuzione nel 2002 e nel United Nations Economic Commission for Europe Embargo: 2 October 24, 11: hours (Geneva time) Press Release ECE/STAT/4/P4 Geneva, 2 October 24 Più di 5, robot industriali in Italia, crescita del 7% rispetto

Dettagli

Prefazione e ringraziamenti

Prefazione e ringraziamenti Prefazione e ringraziamenti Ho accettato con sincero piacere l'invito rivoltomi da Lorenzo Rossano, che ricordo brillante allievo del corso di Dispositivi Elettronici da me tenuto presso l'università di

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi

Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi Dalla tastiera alla Smart City, come evolvono tecnologie e servizi A. Rossi, P.L. Emiliani Seconda Parte 2012-30 anni di Ausilioteca GIORNATA DI STUDIO La proposta di tecnologie assistive: fattori di qualità

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI

APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI APPROFONDIMENTO LABORATORIO SIMULAZIONE DI UNA MODERNA AZIENDA MECCATRONICA INTEGRATA DIVISIONE PER AREE AZIENDALI Area Progettazione Area Acquisti Area Produzione Area Assistenza Tecnica Area Marketing

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa

Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa ESPERIA Istituto Tecnico Industriale P. Paleocapa Prospetto informativo per l orientamento agli studi Tecnici Superiori Per informazioni via Gavazzeni 29, Bergamo tel. 035-319388 fax 035-318741 Sito internet:

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

Dal meccanicismo a Vipassana, nel mondo del lavoro e nella società

Dal meccanicismo a Vipassana, nel mondo del lavoro e nella società Dal meccanicismo a Vipassana, nel mondo del lavoro e nella società di Vincenzo De Giovanni psicologo del lavoro, formatore e meditatore Dal taylorismo alla risorsa umana - L uomo come sistema I gruppi

Dettagli

Come studiare matematica

Come studiare matematica Come studiare matematica Consigli pratici sul metodo di studio Se l uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra. Galileo Galilei Docente di Matematica e Informatica Istituto

Dettagli

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico

Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro. Luigi d Oriano Amministratore Unico 1 Non soltanto una visione, ma un modo di progettare il futuro Luigi d Oriano Amministratore Unico 2 Progettiamo innovazioni Passione, esperienza, intuizione, innovazione. La presenza di lavoratori altamente

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? INDICE GI GROUP 3 OD&M CONSULTING & ASSET MANAGEMENT 3 1. ASSESSMENT CENTER & COMPETENCE CENTER 4 2. LA SURVEY 9 2.1 ASSESSMENT CENTER: COSA PENSANO LE AZIENDE?

Dettagli

Il web marketing non è solo per i web guru

Il web marketing non è solo per i web guru Introduzione Il web marketing non è solo per i web guru Niente trucchi da quattro soldi È necessario avere competenze informatiche approfondite per gestire in autonomia un sito web e guadagnare prima decine,

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

WEBBOOK MONDO DEL WEB TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL

WEBBOOK MONDO DEL WEB TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL WEBBOOK TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL MONDO DEL WEB Uno Smart Book per imprenditori che non hanno tempo da perdere e vogliono arrivare al sodo! PREMESSA Tutto sta cambiando nel

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Le figure professionali di riferimento per l Ingegneria Biomedica

Le figure professionali di riferimento per l Ingegneria Biomedica Quali sono le attività ità di un laureato in Ingegneria Biomedica? Ingegnere biomedico junior inserito in una azienda di progetto e/o produzione di dispositivi medici Tecnico delle apparecchiature biomediche

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Settimana del SAPERE

Settimana del SAPERE Settimana del SAPERE Fascicolo 1 Il sapere e la storia di due giovani uomini All interno: l originale in Inglese e la traduzione in Italiano di una delle più famose lettere di vendita di tutti i tempi

Dettagli

briola.daniela@gmail.com

briola.daniela@gmail.com C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BRIOLA DANIELA Indirizzo VIA CAPOLUNGO 25/5, 16167 GENOVA Telefono 010 4040449 3404193348 E-mail Nazionalità briola.daniela@gmail.com Italiana

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Concetto di Strategia

Concetto di Strategia Strategia 1 Concetto di Strategia L'etimologia della parola "strategia" è greca e significa "l'arte del generale", cioè la capacità di arrivare ad una visione d'insieme che permetta di prendere le decisioni

Dettagli

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA

RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA RICERCA E SVILUPPO: DALL UNIVERSITÀ ALL INDUSTRIA Cosa vuol dire R&D? R&D significa prima di tutto innovazione, nuove tecnologie, nuove idee. Ma concretizzare le innovazioni richiede investimenti a volte

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Industry 4.0: la visione di IEC. Micaela Caserza Magro, Paolo Pinceti Università di Genova, Dip. DITEN

Industry 4.0: la visione di IEC. Micaela Caserza Magro, Paolo Pinceti Università di Genova, Dip. DITEN Industry 4.0: la visione di IEC Micaela Caserza Magro, Paolo Pinceti Università di Genova, Dip. DITEN Cosa è Industry 4.0 Il termine Industry 4.0 nasce in Germania, e diventa il nome di un progetto pubblico

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti previsti dal Corso di Studi

Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti previsti dal Corso di Studi Dipartimento di Ingegneria Navale, Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni (DITEN) Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Classe LM-28 Mappatura dei Descrittori di Dublino negli Insegnamenti

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

L uso dei dati nelle politiche pubbliche

L uso dei dati nelle politiche pubbliche L uso dei dati nelle politiche pubbliche Antonio Calafati Gran Sasso Science Institute (IT) & Accademia di architettura, USI (CH) www.gssi.infn.it Istat 4 Giornata Nazionale dell Economia Roma, 21 o:obre

Dettagli

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità.

Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione. Master. Management e Sanità. Scuola Superiore Sant Anna di Studi Universitari e di Perfezionamento Divisione Alta Formazione Master Management e Sanità III edizione La Scuola Quattro sono le fonti dell apprendimento Un quarto colui

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO. Il Sistema Moda

IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO. Il Sistema Moda IcTgS PRIMO LEVI SEREGNO Il Sistema Moda S. M. comprende tutte le imprese della filiera Tessile- Abbigliamento Accessori: - filatura, tessitura e lavorazione (fibre naturali, artificiali e sintetiche);

Dettagli

Fiera Milano - Rho 17-19 Novembre

Fiera Milano - Rho 17-19 Novembre www.roboticaexpo.eu Nell ambito di Il Salone delle Tecnologie Innovative Una grande vetrina sul mondo dei robot umanoidi e dei service robot. Una grande sinergia fra ricerca scientifica, industria e innovazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE 5AM QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE CLASSE 5AM QUINTO ANNO MATERIA INSEGNANTE TECNOLOGIE MECCANICHE DI PROCESSO E DI PRODOTTO Melocco Efrem Mattiuzzi Erminio ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE CLASSE 5AM QUINTO ANNO PRESENTAZIONE DELLA CLASSE A cura del

Dettagli

3-Organizzazione didattica 1

3-Organizzazione didattica 1 Unità di apprendimento n.1 1-dati identificativi Titolo: SIAMO FATTI COSI Materia : Scienze Docenti impegnati nello sviluppo dell UDA: tutti i docenti di scienze Tempi di sviluppo: Ottobre / Novembre/Dicembre

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512

Scienze. Facoltà di. Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Via Brecce Bianche Monte Dago 60100 Ancona Tel. 071/2204512 Facoltà di Scienze Corsi di Laurea Triennale in: SCIENZE BIOLOGICHE SCIENZE DEL CONTROLLO AMBIENTALE E DELLA PROTEZIONE CIVILE Corsi di Laurea

Dettagli

P. Schiano, CIRA. Che cosa noi vogliamo con la nostra ricerca? guida, navigazione e controllo con capacità adattive in linea;

P. Schiano, CIRA. Che cosa noi vogliamo con la nostra ricerca? guida, navigazione e controllo con capacità adattive in linea; Guidance, Navigation and Control Technologies for Hypersonic Flight, P. Schiano, CIRA P. Schiano CIRA: grazie dell introduzione, io presenterò in italiano anche se le mie slides sono in inglese così da

Dettagli

Domenico De Masi Professore di Sociologia del lavoro Università La Sapienza di Roma 2030. DIECI TREND

Domenico De Masi Professore di Sociologia del lavoro Università La Sapienza di Roma 2030. DIECI TREND Domenico De Masi Professore di Sociologia del lavoro Università La Sapienza di Roma 2030. DIECI TREND Siderweb Eventi eventi presenta: presenta: INDUSTRIA INDUSTRIA & ACCIAIO & 2030 ACCIAIO - convegno

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

realtà virtuale REALTÀ VIRTUALE - APPROFONDIMENTO (http://www.treccani.it/)

realtà virtuale REALTÀ VIRTUALE - APPROFONDIMENTO (http://www.treccani.it/) 1 di 5 18/12/2015 13.25 (http://www.treccani.it/) realtà virtuale Enciclopedie on line realtà virtuale Simulazione all'elaboratore di una situazione reale con la quale il soggetto umano può interagire,

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

BOZZA DEL 06/09/2011

BOZZA DEL 06/09/2011 ARTICOLAZIONE: INFORMATICA Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA (C4) Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire allo studente, al termine del percorso quinquennale, i seguenti risultati

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ATTIVITÀ SPECIALISTICA DELLA DEMOLIZIONE

INTRODUZIONE ALL ATTIVITÀ SPECIALISTICA DELLA DEMOLIZIONE INTRODUZIONE ALL ATTIVITÀ SPECIALISTICA DELLA DEMOLIZIONE LE ORIGINI, LA STORIA, L EVOLUZIONE TECNOLOGICA DEL COMPARTO DELLE DEMOLIZIONI IN ITALIA E NEL MONDO LE ORIGINI DELLA DEMOLIZIONE La filosofia

Dettagli

L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia

L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia L automazione in Italia di fronte alle nuove sfide della tecnologia Marco Vecchio ANIE Automazione Automazione Industriale Award Milano, 15 dicembre 2015 Federazione ANIE Federazione Nazionale Imprese

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

PERCORSI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE di Arianna Abis

PERCORSI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE di Arianna Abis PERCORSI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE di Arianna Abis LA RUBRICA Che cos è l educazione ambientale? Partire da un quesito, contiene già di per se una riflessione su questa tematica: l importanza della domanda.

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE

COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE COMUNICATO STAMPA PROGETTO INTELLIGENT FURNITURE A SCUOLA DI PROMOZIONE DEL MOBILE Imprese e giovani a scuola di promozione del mobile. Intelligent Furniture, il progetto sul marketing mobile, dedicato

Dettagli

L ufficio mobile nelle aziende italiane

L ufficio mobile nelle aziende italiane di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Forze di vendita e agenti itineranti possono ormai fare a meno di un ufficio vero e proprio: un computer portatile con modem/fax e connessione cellulare è quanto

Dettagli

DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI

DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI Corso di Laurea Interdipartimentale in Scienze della Formazione Primaria( Ind.Primaria) A.A 2013/2014 REPORT SULL ELABORAZIONE DI UN AGENTE ARITIFICIALE TEORIA E METODOLOGIA

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès formazione ricerca tecnologia innovazione DOVE SIAMO Valle d Aosta Verrès Verrès (Valle d Aosta - Italia) 391 m slm, 2.677 abitanti, 39 km da Aosta, 78 km

Dettagli

TRIESTE CITTÀ DELLA CONOSCENZA PIAZZA UNITÀ D ITALIA Da venerdì 26 a domenica 28 settembre GAZEBO UNIVERSITÀ DI TRIESTE!

TRIESTE CITTÀ DELLA CONOSCENZA PIAZZA UNITÀ D ITALIA Da venerdì 26 a domenica 28 settembre GAZEBO UNIVERSITÀ DI TRIESTE! TRIESTE CITTÀ DELLA CONOSCENZA PIAZZA UNITÀ D ITALIA Da venerdì 26 a domenica 28 settembre GAZEBO UNIVERSITÀ DI TRIESTE Orari di apertura: Venerdì 26 settembre, ore 9.00-22.00 Sabato 27 settembre, ore

Dettagli

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani

4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani 4. Le DPO per la promozione e la tutela dei diritti umani Obiettivi di apprendimento I partecipanti acquisiranno una conoscenza di base su: - Il ruolo delle organizzazioni di persone con disabilità nei

Dettagli

...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia

...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia ...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia di Massimo Tricarico e Giordana Tirocchi PREMESSA Il mondo FS è sempre stato caratterizzato da

Dettagli

HR Primo Business Partner Aziendale

HR Primo Business Partner Aziendale HR Primo Business Partner Aziendale di Luca Battistini Direttore HR Phone & Go Spa; Presidente della web community Fior di Risorse Le persone al centro. H1 Hrms sistema integrato di gestione del personale

Dettagli

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Progetto Azioni positive per l' imprenditoria femminile RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Stagista: Barbara Villarini

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

RELAZIONE FINALE 1 ANNO DOL Progetto BIM BUM BAM.SPOT. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

RELAZIONE FINALE 1 ANNO DOL Progetto BIM BUM BAM.SPOT. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti RELAZIONE FINALE 1 ANNO DOL Progetto BIM BUM BAM.SPOT 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Questa esperienza didattica ha preso spunto dallo studio del fenomeno

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Salvatore Gaglio

CURRICULUM VITAE di Salvatore Gaglio Salvatore Gaglio 1 CURRICULUM VITAE di Salvatore Gaglio LUOGO DI NASCITA: Agrigento DATA DI NASCITA: 11 aprile 1954 Posizioni attuali Professore ordinario di Intelligenza Artificiale (Sett. disc. ING-INF/05

Dettagli

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo II Edizione 3 2 chi siamo p 3 l' INDAGINE p 4 SCENARIO p 6 LA VENDITA previsioni CONCLUSIONI p14 p20 p24 3 Chi siamo AIGO è una società di consulenza in marketing e comunicazione

Dettagli

Learn by doing. Nello Scarabottolo. CEPIS (Council of European Professional Informatics Societies) Napoli 24 marzo 2009 Catania 31 marzo 2009 1

Learn by doing. Nello Scarabottolo. CEPIS (Council of European Professional Informatics Societies) Napoli 24 marzo 2009 Catania 31 marzo 2009 1 Learn by doing Nello Scarabottolo CEPIS (Council of European Professional Informatics Societies) Napoli 24 marzo 2009 Catania 31 marzo 2009 1 Lo sapevate? (1 a puntata) Il numero di cinesi con un quoziente

Dettagli

GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO

GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO (BAMBINI DI 4 ANNI) GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO Premessa Acqua, Terra, Fuoco, Aria sono i quattro elementi costitutivi dell ambiente in cui viviamo. Il contatto con la natura concorre

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Banca e cliente cavalcano l onda del Mobile

Banca e cliente cavalcano l onda del Mobile Saldo/lista movimenti c/c Ricarica cellulare Ricerca sportelli Bancomat/ATM più Ricerca filiali più vicine Bonifici e giroconti Saldo/lista movimenti conto Ricarica carta di credito prepagata Informazioni

Dettagli

Lezione E1. Sistemi embedded e real-time

Lezione E1. Sistemi embedded e real-time Lezione E1 Sistemi embedded e real-time 3 ottobre 2012 Dipartimento di Ingegneria Civile e Ingegneria Informatica Università degli Studi di Roma Tor Vergata SERT 13 E1.1 Di cosa parliamo in questa lezione?

Dettagli

Geppetto, Pinocchio e i loro compagni di viaggio Dai mondi virtuali a quelli reali tramite la narrazione

Geppetto, Pinocchio e i loro compagni di viaggio Dai mondi virtuali a quelli reali tramite la narrazione Geppetto, Pinocchio e i loro compagni di viaggio Dai mondi virtuali a quelli reali tramite la narrazione Donatella Merlo (*) Scuola di Robotica La motivazione che deve sempre accompagnare le attività che

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

gli eventi della Scuola di Counselling Drammaturgico CONVEGNO, 13 GIUGNO 2015 LE TECNICHE PER IL COUNSELLING

gli eventi della Scuola di Counselling Drammaturgico CONVEGNO, 13 GIUGNO 2015 LE TECNICHE PER IL COUNSELLING gli eventi della Scuola di Counselling Drammaturgico CONVEGNO, 13 GIUGNO 2015 LE TECNICHE PER IL COUNSELLING Relatore: Cristina Bronzini Titolo dell intervento: L utilizzo del metodo drammaturgico nell

Dettagli