P. A. Manfredi M. Alferi V. Leone GEOSTORICA. Atlante di Geostoria. Ambiente educativo Digitale CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA GEOGRAFIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P. A. Manfredi M. Alferi V. Leone GEOSTORICA. Atlante di Geostoria. Ambiente educativo Digitale CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA GEOGRAFIA"

Transcript

1 P. A. Manfredi M. Alferi V. Leone GEOSTORICA Atlante di Geostoria Ambiente educativo Digitale LIBRO MISTO E-BOOK CONTENUTI INTEGRATIVI ZONA GEOGRAFIA

2

3 Geostorica 1 Atlante di Geostoria

4

5 sommario Rappresentare la Terra La forma della Terra 4 Dai globi alle carte 4 Rappresentare l altitudine e la profondità 5 Reticolato geografico e proiezioni I meridiani e i paralleli 6 Il reticolato geografico 6 Le proiezioni 6 Visioni del mondo 7 Rappresentare il territorio Che cos è la scala geografica 8 Le scale numerica e grafica 8 I diversi tipi di carte 8 Com è cambiata la rappresentazione Un lungo percorso nel tempo 10 Cartografia antica e medievale 10 Cartografia moderna 10 Telerilevamento da satellite 11 Il GPS 11 Europa fisica 12 Europa politica 14 Europa fisica muta 16 Europa politica muta 18 Italia fisica 20 Italia politica 21 Italia fisica muta 22 Italia politica muta 23

6 Rappresentare la Terra LA FORMA DELLA TERRA La Terra ha una forma sferica leggermente schiacciata ai due poli e rigonfia all Equatore 1. Lo schiacciamento è dovuto alla deformazione imposta dalla rotazione della Terra attorno al proprio asse, fin dal periodo in cui il pianeta era allo stato fuso. La sfera, poi, non ha una superficie uniforme e presenta varie deformazioni: le cime delle montagne si elevano fino a oltre 8000 metri sopra il livello del mare, le fosse oceaniche sprofondano fino a metri al di sotto dello stesso livello. A questa particolare forma è stato dato il nome di geoide (dal greco geoeides, simile alla Terra ): un solido la cui superficie ha un aspetto irregolare e ondulato. Poli I poli rappresentano i punti di contatto fra la superficie della Terra e l asse attorno al quale ruota il nostro pianeta. Equatore L Equatore rappresenta l intersezione fra la superficie terrestre e un piano perpendicolare all asse di rotazione, che passa per il centro della Terra nel punto equidistante fra i due poli. È il cerchio massimo che può essere tracciato sulla superficie terrestre. 1 Qui accanto, il globo terrestre in un immagine satellitare della NASA e, sotto, un antico mappamondo. 2 DAI GLOBI ALLE CARTE La rappresentazione più fedele della Terra è il globo (popolarmente detto mappamondo ) che mantiene la stessa forma del pianeta 2, ma che purtroppo è ingombrante e non può quindi raffigurare con grande dettaglio la superficie. Si ricorre perciò alle carte, fogli ripiegabili o collezionabili in atlanti, sui quali possono essere localizzati i luoghi e descritte le forme del terreno. Il passaggio dalla realtà alla carta presenta però varie difficoltà. La prima è costituita dall impossibilità di rappresentare esattamente su un foglio piano una porzione di una superficie sferica, qual è quella del pianeta. Per questo si dice che la carta geografica è una rappresentazione approssimata della Terra. Occorre inoltre ridurre l estensione del territorio da cartografare alla dimensione del foglio: per questo si dice che la carta geografica è una rappresentazione ridotta della Terra. Infine, per segnalare i particolari presenti sul terreno (i rilievi, le coste, la vegetazione, gli abitati, le vie di comunicazione) vanno utilizzati simboli convenzionali (colori o linee per le montagne, quadratini o cerchietti per le città ecc.). Per questo si dice che la carta geografica è una rappresentazione simbolica della Terra.

7 r b l a A r c i Capraia p e l a g Pianosa Isola d Elba o T o s Montecristo c a n Colline Metallifere M a o r e m Giglio m a M. Amiata 1738 L. di Bolsena vere Lago Trasimeno Tevere r o- M a r chi g i a n o Monti Sibillini Tronto Gran Sasso 2912 d Italia L Aquila Bisevo Hvar Korcula Mljet Lastovo Peljesac z i a 5 Ajaccio Corsica (Fr.) Roma la Meta 2241 A p p e n n i n o Campobasso T a v o l i e r e Gargano 1056 Bocche di Bonifacio Asinara Golfo dell Asinara accia Maddalena Caprera Costa Smeralda Sardegna Gennargentu 1834 Cam pidano Tavolara Garigliano Gaeta Ponza Isole Ponziane Ventotene Ischia M a r T i r r e n o Volturno Capri A p pe n n i n o 1281 Vesuvio Salerno Ca m p a n o Sele A p C ilento C. Palinuro G. di Policastro p e n i n L e o L u c Basento a n o 2248 M. Pollino Crati o M u Bari r g e Taranto S a l e n t o C. Santa Maria di Leuca San Pietro Antioco C. Teulada Cagliari Cagliari C. Carbonara M a r M e d i t Isole Egadi C. San Vito Ustica Palermo Madonie Stromboli Isole Eolie Salina Lipari Vulcano M o n ti Ne b rodi Etna 3323 Sant Eufemia Str. di Messina A p p e 1928 La Sila n n i n o C a Aspromonte 1955 Catanzaro C. Rizzuto Squillace M a r I o n i o Altitudini e profondità oltre 2000 m da 1000 a 2000 da 500 a 1000 da 0 a 500 da 0 a -100 da -100 a -200 da -200 a da a da a oltre m TUNISI TUNISIA Tunisi C. Bon Pantelleria RAPPRESENTARE L ALTITUDINE E LA PROFONDITÀ Come si possono rendere sulla carta le variazioni di quota di montagne, altipiani, vallate che modellano la superficie terrestre e le profondità dei fondali sottomarini? Elenchiamo sinteticamente le varie modalità. Le tinte altimetriche: le variazioni di altitudine sono rappresentate con colori convenzionali 3. Varie tonalità di verde indicano le aree comprese fra le quote di 0 e 200 metri slm (slm = sul livello marino), le tonalità gialle quelle fra 201 e 500 metri, le marroni quelle oltre i 500 metri; invece le profondità sono raffigurate con varie tonalità di azzurro (vedi carta in alto). Il tratteggio: il rilievo viene disegnato con fasce di trattini più fitti o meno fitti a seconda della pendenza dei versanti. Un tipo particolare di tratteggio è quello chiamato a spina di pesce. Il tratto forte: si tracciano linee nere pesanti, con andamento ondulato e sinuoso, che simulano la disposizione delle catene montuose viste dall alto. Nel disegno viene mostrato schematicamente come si costruiscono le isoipse, individuando sul terreno le curve che uniscono i punti di uguale quota e proiettando le curve stesse sulla carta geografica. Dato che la distanza reale esistente fra le curve è fissa (il valore viene indicato nella legenda della carta), si possono capire immediatamente le caratteristiche del rilievo: se le curve sono molto ravvicinate, la pendenza è particolarmente ripida; al contrario, se le curve sono lontane le une dalle altre la pendenza è dolce. S i c i l i a e Monti Iblei r r m Catania a Scala 1: chilometri e o Un esempio di rappresentazione di altitudine e profondità con l uso di una scala di colori. Lo sfumo: raffigura una montagna così come si vede in prospettiva colpita da una fonte di luce laterale, che illumina certe parti dei versanti e ne lascia in ombra altri. Le carte sono spesso usate non solo per localizzare un luogo o per mostrare le caratteristiche generali di un territorio, ma anche per fini operativi, come studiare il tracciato di una ferrovia o progettare un quartiere di città. Occorre quindi che riportino le quote con maggiore precisione. In questo caso risultano indispensabili le isoipse o curve di livello 4. L isoipsa (dal greco isos, uguale, e hypsos, altitudine ) è la linea ideale che unisce tutti i punti del terreno con la stessa altitudine. Il dislivello fra due isoipse successive si chiama equidistanza. Nelle corrispondenti carte dei fondali marini sono riportate le isobate (da batùs, profondità )

8 Reticolato geografico e proiezioni I MERIDIANI E I PARALLELI I paralleli sono circonferenze tracciate sulla superficie terrestre parallelamente all Equatore. Anche se è possibile tracciarne un numero infinito, se ne considerano solo 90 a nord e 90 a sud dell Equatore (detto parallelo fondamentale), posti a una distanza angolare di 1 uno dall altro. Data la curvatura della Terra, la lunghezza dei paralleli diminuisce dall Equatore verso i poli: i paralleli 90 nord e 90 sud si riducono infatti a due punti, che coincidono con il Polo Nord e il Polo Sud. Se tagliamo la sfera terrestre con altri piani, che passino per l asse di rotazione e siano perpendicolari al piano dell Equatore, otteniamo altre circonferenze sulla superficie terrestre. Anche in questo caso è possibile tracciarne un numero infinito, ma a scopi pratici se ne considerano solo 360, aventi fra loro la distanza angolare di un grado (1 ). Ogni circonferenza è divisa in due semicirconferenze, un meridiano e un antimeridiano. A differenza dei paralleli, i meridiani hanno tutti una lunghezza simile. La numerazione dei meridiani ha inizio da quello che passa presso la località di Greenwich, in Inghilterra. I paralleli e i meridiani possono essere suddivisi in sottomultipli: ogni grado contiene infatti 60 (sessanta primi) e ogni primo contiene 60 (sessanta secondi). IL RETICOLATO GEOGRAFICO Per localizzare un punto su una superficie piana, a forma per esempio di rettangolo, basta indicare quali sono le distanze fra il punto e due lati del rettangolo. La localizzazione di un punto su una superficie sferica, qual è quella della Terra, non è un operazione altrettanto semplice. Per fare il punto, cioè conoscere la sua esatta posizione sulla superficie terrestre, i geografi hanno co struito il reticolato geografico costituito dall incrocio dei paralleli e dei meridiani $ 45$ 60$ 75$ Nord 90$ Il reticolato geografico permette di determinare la posizione di un punto sulla superficie terrestre. Allo scopo si utilizzano le coordinate geografiche della latitudine e della longitudine. La latitudine è la distanza del punto dall Equatore, misurata in gradi lungo l arco di meridiano passante per quel punto. La longitudine è la distanza di un punto dal meridiano di Greenwich, misurata in gradi sull arco di parallelo passante per quel punto. LE PROIEZIONI Abbiamo già detto come non sia possibile disegnare in modo esatto una superficie sferica o una porzione di essa su una carta piana: la porzione di territorio che si vuole rappresentare risulta necessariamente deformata (cioè approssimata). Per contenere gli errori e mantenere invariate certe proporzioni fra il terreno e la sua rappresentazione cartografica si ricorre a proiezioni geometriche, basate su calcoli complessi. Non esistono proiezioni che garantiscano una assoluta corrispondenza fra disegno e realtà. Secondo il tipo di proiezione usata, può essere più o meno conservata: l equidistanza, se sono conservate le stesse proporzioni fra le distanze misurate sulla carta e quelle reali misurate sul terreno lungo determinate direzioni; l equivalenza, se vengono mantenute inalterate le proporzioni fra le aree reali e quelle della carta; l isogonia, se sulla carta sono conservati angoli uguali a quelli che si misurano sul terreno, in particolare quelli fra meridiani e paralleli. Nel momento in cui si progetta la costruzione di una carta, si deve decidere quale delle proporzioni appena elencate si vuole meglio conservare: la decisione comporta il disegno di una carta ben precisa, anche molto diversa da altre che privilegino differenti approssimazioni. 15$ Ovest 0$ 105$ 15$ 30$ 90$ 45$ 75$ 60$ digreenwich meridiano Equatore 15$ 45$ 15$ 0$ Sud 30$ Est 45$ Il disegno mostra il reticolato geografico composto dalle linee immaginarie dei paralleli e dei meridiani.

9 7 2 Il planisfero (sopra) costruito secondo la proiezione di Mercatore è utilizzabile per tracciare le rotte navali poiché conserva l isogonia. Il planisfero costruito secondo la proiezione proposta da Arno Peters (a destra) rispetta quasi esattamente i rapporti tra le aree dei continenti, a scapito però dell esattezza delle distanze; per questo i continenti assumono una forma allungata. Facendo un confronto con il planisfero di Mercatore, si vede come nella carta di Peters il mondo appaia molto più esteso nell emisfero meridionale: è una visione più realistica, perché in effetti queste terre hanno una superficie quasi doppia rispetto a quella dei territori compresi nell emisfero settentrionale. Equatore VISIONI DEL MONDO Una delle proiezioni più note è quella elaborata dal cartografo fiammingo Mercatore 2 (Gerard de Cremer, ). Nelle carte disegnate con questa proiezione, i meridiani, anziché convergere nei due poli, sono tracciati paralleli fra loro. In questo modo le regioni della Terra più settentrionali e meridionali risultano enormemente ingrandite rispetto a quelle sull Equatore: la Groenlandia per esempio, che ha una superficie di 1,8 milioni di chilometri quadrati, diventa grande tre volte l Australia (circa otto milioni di chilometri quadrati). Questo tipo di rappresentazione ha però un vantaggio: conserva inalterata l isogonia. Su di essa è possibile tracciare le rotte navali senza correre il rischio di dirigere la nave verso un punto diverso da quello voluto. Non è un caso che tale rappresentazione sia stata concepita al momento delle grandi scoperte geografiche e delle prime rotte attraverso gli oceani e che sia tuttora usata nelle carte nautiche. Le deformazioni di Mercatore vengono in parte corrette dalla proiezione di Mollweide-Babinet 3. I meridiani convergono insieme verso i due poli: il planisfero assume una forma ellittica. La proporzione fra le aree è meglio conservata, ma non l isogonia: le zone presso i poli assumono un aspetto un po contorto, in ragione della deformazione degli angoli fra paralleli e meridiani. Un altro tipo di proiezione molto utilizzato negli ultimi decenni è quello elaborato dallo tedesco Arno Peters nel Questa proiezione è studiata per mantenere quasi esattamente i rapporti fra le aree dei diversi continenti, ma per ottenere questo risultato vengono molto deformate le equidistanze: le regioni tropicali, l Africa e l America Meridionale, in particolare, appaiono enormemente stirati da nord a sud, sproporzionati rispetto all Asia, al l Eu ropa e all America Settentrionale. Peters, però, non è un geografo, ma uno storico: il suo scopo era quello di far risaltare l effettiva grandezza delle regioni diverse dall Europa. Il planisfero (qui sopra) costruito con la proiezione di Mollweide-Babinet conserva la proporzione fra le aree dei continenti meglio di quello disegnato con la proiezione di Mercatore, ma non rispetta l isogonia. 3

10 Rappresentare il territorio CHE COS È LA SCALA GEOGRAFICA Come hai appreso nelle pagine precedenti, una carta geografica è definita come una rappresentazione approssimata e simbolica della Terra o di una parte della sua superficie; ma soprattutto è una rappresentazione ridotta. Per calcolare la corrispondenza tra le misure reali e quelle sulla carta si usa la scala. La scala di riduzione indica quanto il territorio disegnato in una carta è stato rimpicciolito rispetto al territorio reale, attraverso il rapporto fra una lunghezza misurata sulla carta e la corrispondente lunghezza misurata sul terreno. LE SCALE NUMERICA E GRAFICA Esistono due modi per indicare la scala di riduzione di una carta: quello numerico e quello grafico. Sulle carte la scala numerica è indicata da 1 : n, dove n indica quante volte le misure sul terreno sono maggiori di quelle sulla carta. In pratica n è il numero per il quale si deve moltiplicare la misura ricavata dalla carta per ottenere la misura reale. Immaginiamo di volere rappresentare su una carta, con un tratto di 10 centimetri, una strada lunga 10 chilometri: ogni centimetro della carta vale 1 chilometro della strada, cioè centimetri. In un caso del genere si dice che quella carta ha una scala 1 : Le carte in cui n ha valori bassi sono a grande scala; quelle in cui n ha valori alti sono invece a piccola scala. Se la carta viene fotocopiata e ridotta o aumentata di dimensioni, la proporzione fra le distanze esistenti nella carta e la scala numerica cambia: per esempio se riduciamo della metà una carta a scala 1 : , in cui un centimetro sulla carta I DIVERSI TIPI DI CARTE Le diverse rappresentazioni del territorio cam biano moltissimo a seconda dei contenuti che si vogliono mettere in evidenza e a seconda della scala di riduzione che utilizziamo. Di conseguenza cambia anche l uso che si può fare di ciascun tipo di carta. Per quanto riguarda i contenuti, le carte possono essere fisiche o politiche. Le carte fisiche rappresentano gli aspetti fisico-geografici del territorio, come mari, monti, fiumi, laghi ecc., mentre le carte politiche riportano i confini amministrativi e statali, le città e le vie di comunicazione ecc. Esistono anche carte che fondono questi due aspetti e vengono chiamate fisico-politiche. A seconda della scala usata, invece, cambiano le dimensioni del territorio rappresentato e la quantità e qualità dei dettagli che è possibile mostrare. In genere, si raggruppano le carte in cinque categorie, caratterizzate da una scala via via più piccola: mappe e piante; carte topografiche; carte corografiche; carte generali; planisferi. 1 2 M Sacca Serenella Museo d Arte Vetraria e r c e S. Giuliano Isola S. Secondo (ex Forte) San Michele Fondamenta dei Vetrai 1. mappa C a l l e d e i F a b b r i F r e z z e r i a S. Moisè r i e Piazza S. Marco San Marco Palazzo Ducale Bacino di S. Marco 2. carta topografica Ponte della Libertà Mestre Isola del Tronchetto Parcheggio Sacca Fisola Stazione F.S. S. Lucia Sacca S. Biagio C a Carmelitani Scalzi n a l e d e l l a G Madonna dell Orto Ghetto Nuovo C an al i u d e c c La Giudecca G r a n d e a Ca d Oro La Grazia Cimitero SS. Giovanni e Paolo I Frari S. Polo Piazzale Roma Museo Navale S. Marco Palazzo Rezzonico Piazza S. Zaccaria S. Marco Palazzo S. Sebastiano Ducale Ponte dell Accademia S. Giorgio Galleria Maggiore dell Accademia S. Maria della Salute C a n a San Michele l e S Isola di San Giorgio Maggiore. M a r San Servolo S. Pietro di Castello c o Scala 1:5000 Scala 1: metri metri

11 A 9 equivale a 500 metri sul terreno, la scala numerica diventa di 1 : , per cui un centimetro sulla carta vale un chilometro sul terreno. La scala grafica 1, invece, è indicata con un segmento, suddiviso in tratti più corti, la cui lunghezza corrisponde a una certa distanza misurata sul terreno. Per esempio, le scale grafiche delle due carte a p. 8 sono costituite da un segmento di quattro centimetri. Osservando i valori associati a ogni centimetro, si comprende che un centimetro corrisponde a 200 metri reali nella scala 1 : 5000 e a due chilometri nella scala 1 : Al contrario di quanto accade con la scala numerica, con quella grafica vi è il vantaggio che essa non varia se la carta viene fotocopiata e cambia di dimensioni: infatti, la proporzione fra le distanze esistenti nella carta e il segmento disegnato si mantiene invariata. 1 Su Google Maps (nell immagine una veduta aerea di Torino) è presente una scala grafica che indica a quanti metri corrisponde un segmento riportato sulla mappa. Vediamo in breve le caratteristiche di ogni tipo di carta. Le piante e le mappe 1 sono le carte con una scala fino a 1 : (molto diffuse sono soprattutto quelle a scala 1 : 5000). Questo tipo di carte a grande scala si usa per rappresentare piccole porzioni di territorio, come quartieri cittadini o aree rurali, delle quali è possibile mostrare molti dettagli: edifici, strade, vegetazione ecc. Le carte topografiche 2 hanno una scala che è compresa fra 1 : e 1 : Si usano per mostrare aree più vaste delle precedenti, ma sempre con molti dettagli: per esempio, sono molto utilizzate come carte per escursioni. Le carte corografiche 3 si usano per rappresentare territori estesi con strade, abitati, principali elementi fisici e hanno una scala fra 1 : e 1 : Sono utilizzate come carte stradali e turistiche. Le carte generali 4 hanno una scala oltre 1 : e rappresentano territori molto vasti. Per esempio, in due pagine affiancate di questo libro possiamo riprodurre tutta l Europa a scala 1 : ( pp ). Ovviamente, in queste carte si possono inserire solo gli elementi principali. Con i planisferi, infine, si riproduce tutta la superficie terrestre, mostrando però pochissimi dettagli: una carta di questo tipo che occupi due pagine del libro ha una scala di 1 : carta corografica 3 Bassano Oderzo 4 del Grappa Montebelluna Vicenza Monti Berici Este Brenta P i Fratta Polesine Abano Terme Colli Euganei P o l e Cittadella a n Monselice s i Castelfranco Veneto u r a Padova Rovigo n e Bacchiglione Mirano Adria Mira Treviso V e n e t a Mogliano Veneto Cavarzere Taglio di Po Laguna Veneta Po Scala 1: Mestre Piave VENEZIA Venezia Chioggia Livenza San Donà di Piave Jesolo Eraclea Lido di Jesolo Mare Adriatico Delta del Po 4. carta generale PARIGI M a r Lilla BELGIO LUSSEMBURGO Rodano Senna M e Strasburgo d i t e r l Reno r a n e o Danubio Zurigo VIENNA BRATISLAVA Digione BERNA LIECHT. AUSTRIA BUDAPEST Massiccio Lione SVIZZERA Graz UNGHERIA Centrale Monte Milano SLOVENIA Bianco LUBIANA ZAGABRIA Torino Genova Venezia CROAZIA BELGRADO Marsiglia Bologna SAN MONACO MARINO BOSNIA- Golfo Nizza SARAJEVO SERBIA del Leone Firenze Ancona ERZEGOVINA FRANCIA Corsica Ajaccio Sassari Sardegna Cagliari GERMANIA Bonn Lipsia Francoforte s.m. Monaco p CITTÀ DEL VATICANO Napoli Mar Tirreno Palermo i ROMA ITALIA Sicilia Dresda POLONIA Breslavia Mar Adriatico Danubio Can d'otranto Mar GRECIA Patrasso Ionio Vistola PRAGA Cracovia REP. CECA SLOVACCHIA Bari Catanzaro Catania Scala 1: MONT. Pristina ˇ Podgorica SKOPJE TIRANA ALBANIA MACED. chilometri chilometri

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA Prof.ssa Sonia Russo 1 LE MAPPE GEOGRAFICHE La cartografia è la scienza che si occupa di rappresentare graficamente su di un piano, gli elementi della superficie terrestre. Tali elementi possono essere già presenti in natura

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è:

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: Le proiezioni geografiche La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: approssimata ridotta simbolica È approssimata perché non è possibile sviluppare su un piano una superficie sferica senza

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Cpia di Lecce. Le coordinate geografiche

Cpia di Lecce. Le coordinate geografiche Cpia di Lecce Le coordinate geografiche Forma della Terra La Terra è sferica Per la sua rappresentazione si usa il globo o mappamondo Meridiani e paralleli sono linee immaginarie usate dai geografi per

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

Lettura delle carte, orientamento sul territorio

Lettura delle carte, orientamento sul territorio Corso di Primo Livello per Volontari di Protezione Civile Amm.ne Provinciale di Lecco Lettura delle carte, orientamento sul territorio Relatori: geologi Bonfanti Dr. Carlo, De Maron Dr. Egidio e Stanzione

Dettagli

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI

SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI SISTEMI DI RIFERIMENTO E PROIEZIONI Esistono 3 tipi di dati: 1- Dati tabellari (informativi) 2- Dati geometrici (territoriali) 3- Dati geometrici e tabellari (informativi territoriali) La localizzazione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore La terra ha la forma di una sfera e per rappresentarla si usa il Mappamondo chiamato anche globo I geografi hanno tracciato sul mappamondo

Dettagli

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio.

Orientamento. Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale. Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola. Sole. Orologio. Orientamento Orientarsi vuol dire saper riconoscere un punto cardinale Come si puó riconoscere un punto cardinale? Bussola Sole Orologio Stelle BUSSOLA Tacca di mira Ago Magnetico Cerchio graduato Ci indica

Dettagli

La Cartografia. Immagine da satellite

La Cartografia. Immagine da satellite La Cartografia 1 La nascita della Cartografia Fin dai tempi più antichi l'uomo ha avvertito la necessità di rappresentare su un piano una porzione più o meno estesa del-la superficie terrestre. Le più

Dettagli

Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo. Corso Capacity 2015

Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo. Corso Capacity 2015 Il GIS per tutti: Mappare e comprendere il territorio lombardo Corso Capacity 2015 Perchè siamo qui? Il territorio è PREZIOSO. Deve essere tutelato, ma prima di tutto compreso Sono necessari sistemi per

Dettagli

IL GRANDE GIOCO DELLE REGIONI

IL GRANDE GIOCO DELLE REGIONI BLOG: http://laboratoriointerattivomanuale.com/ CANALE: http://www.youtube.com/user/labintmanuale/featured? view_as=public IL GRANDE GIOCO DELLE REGIONI SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK TWITTER GOOGLE+ LINKEDIN

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Relatore: Giovanni Telesca

Relatore: Giovanni Telesca Potenza 15/10/2009 La necessità di gestire grandi volumi di informazioni, provenienti da molteplici fonti e organizzati secondo sistemi di georeferenziazione diversi per caratteristiche e accuratezza,

Dettagli

LETTURA DELLE CARTE GEOGRAFICHE CLASSE III

LETTURA DELLE CARTE GEOGRAFICHE CLASSE III SSIS Emilia-Romagna A.A. 2006-2007 Didattica della lingua italiana Scheda introduttiva dei materiali didattizzati prodotti Titolo LETTURA DELLE CARTE GEOGRAFICHE Ambito disciplinare GEOGRAFIA Tipologia

Dettagli

Il disegno della Terra

Il disegno della Terra Il disegno della Terra Questa immagine satellitare notturna di buona parte del Continente Antico (Europa, Asia, Africa) regala una visione d insieme di vari elementi del disegno terrestre. Oltre a riconoscere

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO VOLONTARIATO E PROTEZIONE CIVILE. Manuale tecnico - pratico - informativo Definizione e scopo della topografia Nel suo significato etimologico, topografia vuoi dire descrizione dei luoghi. La topografia è, infatti, quella scienza che ha per scopo lo studio, la descrizione e

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010 U.N.U.C.I. sezione di Padova NOZIONI DI TOPOGRAFIA Reticolato geografico Designazione di un punto Sistemi di misura Nord Geografico, Rete e Magnetico Distanze Scale di

Dettagli

ORIENTARSI sulla TERRA

ORIENTARSI sulla TERRA ORIENTARSI sulla TERRA significato del termine orientarsi : il termine orientarsi indica letteralmente la capacità di individuare l oriente e fa quindi riferimento alla possibilità di localizzare i quattro

Dettagli

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella.

UNA REGIONE GEOGRAFIA. COME FARE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. Completa la tabella. Studiare con... le tabelle Completa la tabella. UNA REGIONE Mentre leggi e studi una regione italiana, scrivi le informazioni richieste. REGIONE... LOCALIZZAZIONE E CONFINI NORD... SUD... EST... OVEST...

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LA POSIZIONE DEL SOLE È noto che la terra ruota intorno al sole muovendosi

Dettagli

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta

Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta. Scegli per ciascuna risposta l'alternativa corretta ERIICA La Terra e la Luna Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? L eclisse di Sole è dovuta all ombra della Luna che si proietta sulla Terra Durante un eclisse di Sole la Luna può oscurare il Sole anche

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Una carta geografica diversa la proiezione cartografica di Arno Peters

Una carta geografica diversa la proiezione cartografica di Arno Peters Una carta geografica diversa la proiezione cartografica di Arno Peters Nella proiezione di Mercatore la Germania (patria elettiva del geografo) e l Europa si trovano al centro del mondo, sia in senso latitudinale

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Milena Bertacchini, Dipartimento di Scienze della Terra UniMORE

Milena Bertacchini, Dipartimento di Scienze della Terra UniMORE MAPPE Milena Bertacchini, Dipartimento di Scienze della Terra UniMORE L uomo, per sua natura, si sente al centro del mondo e da sempre sente la necessità di esprimere questa sua convinzione. La cartografia

Dettagli

Perché la carta geografica è importante?

Perché la carta geografica è importante? Perché la carta geografica è importante? perché ci danno informazioni visuali sul TERRITORIO ATTENZIONE, però La carta rappresenta la realtà in 2 modi RIDOTTO SIMBOLICO Per la rappresentazione in modo

Dettagli

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra Il calore del sole e le fasce climatiche della terra 1 Il sole trasmette energia e calore alla terra. Ma, dato che la terra ha una forma simile a quella di una sfera, che ruota su se stessa attorno a un

Dettagli

Le rappresentazioni della Terra

Le rappresentazioni della Terra Le rappresentazioni della Terra Le carte geografiche rappresentano su una superficie piana tutto il globo o una parte di esso, per mezzo di linee, tratti, ombre, colori e segni convenzionali. Si tratta,

Dettagli

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile

La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile La Cartografia e l'uso di G.P.S. nella Protezione Civile Obiettivi Introdurre il concetto di carta come rappresentazione dello spazio che ci circonda; Familiarizzare con le caratteristiche costitutive

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

Rappresentare la superficie terrestre

Rappresentare la superficie terrestre 3 unità Rappresentare la superficie terrestre In questa unità troverai le risposte alle seguenti domande: Com è possibile orientarsi di giorno? E di notte? Che cosa sono i paralleli e i meridiani? A che

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia 1 Gli strumenti della geografia Orientamento Punti di riferimento I punti di riferimento sono quegli oggetti o quei luoghi che ci permettono di orientarci e quindi di verificare dove ci troviamo e se stiamo

Dettagli

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.)

CARTOGRAFIA. Associazione Internazionale di Cartografia (A.I.C.) CARTOGRAFIA La CARTOGRAFIA è l insieme delle operazioni Scientifiche, artistiche e tecniche che, a partire dai risultati delle levate originali o dall esame e dallo studio dei dati di una documentazione,

Dettagli

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS

ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS ELEMENTI DI CARTOGRAFIA E FOTOINTERPRETAZIONE ELABORAZIONI GIS 2011 1- Cosa è una carta 2- Elementi principali di una carta 3- Come si legge una carta 4- Cartografia tematica 5- Fotointerpretazione da

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) SETTIMA CHIACCHIERATA L ORIENTAMENTO (terza parte) Acquisire dimestichezza con bussola e cartina topografica, significa

Dettagli

Portolano attribuito a Paolo Del Pozzo Toscanelli

Portolano attribuito a Paolo Del Pozzo Toscanelli Scuola Elementare 143 Circolo Didattico Roma Fabrizia Liberati L arte di rappresentare la Terra Paolo Del Pozzo Toscanelli (1397-1482) Ritratto di Toscanelli disegnato da un bambino. La carta di Toscanelli.

Dettagli

Qual è la distanza tra Roma e New York?

Qual è la distanza tra Roma e New York? Qual è la distanza tra Roma e New York? Abilità Conoscenze Nuclei coinvolti Utilizzare i vettori e il prodotto Elementi di geometria Spazio e figure scalare nello studio di problemi della sfera: del piano

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) Coordinate chilometriche La superficie della Terra è stata

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

LA FORMA DELLA TERRA

LA FORMA DELLA TERRA LA FORMA DELLA TERRA La forma approssimativamente sferica della Terra può essere dimostrata con alcune prove fisiche, valide prima che l Uomo osservasse la Terra dallo Spazio: 1 - Avvicinamento di una

Dettagli

CARTA NAUTICA. Ma. 03/04 Versione del: 19/09/07 1

CARTA NAUTICA. Ma. 03/04 Versione del: 19/09/07 1 Generalità La carta geografica non è altro che il tentativo fatto dall'uomo di rappresentare in modo perfetto su di un piano una parte della superficie terrestre. Abbiamo detto tentativo in quanto è evidente

Dettagli

GLOSSARIO DI GEOGRAFIA

GLOSSARIO DI GEOGRAFIA Acqua dolce: l acqua del fiume non ha tanti sali, per questo non è salata, è acqua dolce. Aeroporto: è il luogo dove partono e arrivano gli aerei. Affluente: è un fiume piccolo che entra in un fiume grande.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO LEZIONE 6 Dott. PhD. Alessandro Marucci LA CARTOGRAFIA PER L ANALISI TERRITORIALE

Dettagli

CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche

CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche Scuola Interregionale di Escursionismo Veneto Friulano - Giuliana Corso di Formazione/Verifica per aspiranti Operatori Sezionali ONC e TAM CENNI DI CARTOGRAFIA e lettura delle carte topografiche Paluzza

Dettagli

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto.

L elemento fondamentale è l obiettivo, ovvero la lente o lo specchio che forniscono l immagine dell oggetto. Il telescopio, è lo strumento ottico impiegato in astronomia, per osservare e studiare gli oggetti celesti. È generalmente separato in due componenti principali: una parte ottica (costituita dal tubo delle

Dettagli

Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie?

Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie? Ma cosa si pensava della forma della terra prima delle fotografie? Anassimandro (IV sec. a.c.) Omero (VIII sec. a.c.?) Aristotele (384-322 a.c.) riportava due osservazioni a riprova della sfericità della

Dettagli

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine

Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine 1 Argomento interdisciplinare Tecnologia Geografia - Arte e immagine Libro consigliato: Disegno Laboratorio - IL MANUALE DI TECNOLOGIA _G.ARDUINO_LATTES pag. 16-17-18 Unità aggiornata: 7/2012 2 Se vogliamo

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

Cartografia, topografia e orientamento

Cartografia, topografia e orientamento Cartografia, topografia e orientamento Mappa tratta dall archivio dei musei vaticani ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Orbita terrestre e misura del tempo Tutti sappiamo che la terra non

Dettagli

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro

Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro INDICE Dalle tecniche di misurazione di Delambre e Méchain alla attuale definizione di metro...1 LA TRIANGOLAZIONE...1

Dettagli

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il satellite Il satellite ruota attorno alla terra a centinaia di chilometri di altezza ed è fornito di sofisticati strumenti di misura e di

Dettagli

EUROPA CENTRALE E OCCIDENTALE

EUROPA CENTRALE E OCCIDENTALE MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE EUROPA CENTRALE E OCCIDENTALE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 7 A. Le idee importanti l Questa parte dell Europa è formata dalle Isole Britanniche e dall Europa continentale

Dettagli

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno

15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno 15. Lettura Carte Topografiche Scala cartografica: rapporto tra le distanze sulla carta e le rispettive distanze sul terreno La distanza planimetrica fra due punti di una carta può essere letta direttamente

Dettagli

Sistemi di riferimento

Sistemi di riferimento Sistemi di riferimento Sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 40 Sistemi di riferimento Outline

Dettagli

CARTOGRAFIA. Analizziamo ora le diverse tipologie di supporto che si trovano sul mercato:

CARTOGRAFIA. Analizziamo ora le diverse tipologie di supporto che si trovano sul mercato: CARTOGRAFIA Con questa piccola guida vorrei illustrare in maniera semplice come si legge una carta topografica e come soprattutto si possa, in mancanza di un GPS tracciare una rotta o comunque decidere

Dettagli

La rappresentazione del paesaggio terrestre

La rappresentazione del paesaggio terrestre Corso di Geologia e Litologia - 2 Laurea in Scienze dell Ambiente e della Natura La rappresentazione del paesaggio terrestre UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA Anno accademico 2010-2011 Università degli Studi dell

Dettagli

Scuola Nazionale di Speleologia Club Alpino Italiano Materiale esclusivo ad uso interno, consultazione per i quadri della SNS-CAI INDICE GENERALE

Scuola Nazionale di Speleologia Club Alpino Italiano Materiale esclusivo ad uso interno, consultazione per i quadri della SNS-CAI INDICE GENERALE TOPOGRAFIA INDICE GENERALE Prefazione...pag. 3 Punti cardinali...pag. 4 Coordinate Topografiche...pag. 6 Coordinate Geografiche...pag. 6 Latitudine e Longitudine...pag. 7 Coord. Geograf. Sugl elementi

Dettagli

l abc dellageografia con Atlante cartografico

l abc dellageografia con Atlante cartografico Sergio Rancati Elisabetta Bastianelli Paola Mari l abc dellageografia con Atlante cartografico Corso di geografia per la scuola secondaria di I grado RCS LIBRI EDUCATION SPA SANSONI PER LA SCUOLA Coordinamento

Dettagli

Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo

Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo Fondamenti osservativi di un Mappamondo Parallelo Néstor CAMINO Complejo PLAZA DEL CIELO Facultad de Ingeniería (UNPSJB) y ISFD N 804 Esquel, Chubut, Patagonia, ARGENTINA. nestor.camino@speedy.com.ar -

Dettagli

I MOTI DELLA TERRA I MOTI LUNARI

I MOTI DELLA TERRA I MOTI LUNARI I MOTI DELLA TERRA alternanza dì-notte moto di rotazione moto di rivoluzione conseguenze conseguenze schiacciamento polare spostamento della direzione dei corpi in moto sulla superficie diversa durata

Dettagli

Collegamenti aerei da e per la Sardegna Summer 2014

Collegamenti aerei da e per la Sardegna Summer 2014 Collegamenti aerei da e per la Sardegna Summer 2014 Cagliari, 14 Aprile 2014 Collegamenti dalla Sardegna Nella stagione aeronautica Summer 2014 la Sardegna è collegata con 87 aeroporti di cui 24 nazionali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Lorenzo Lotto CURRICOLO DI GEOGRAFIA. elaborato dai docenti di scuola primaria F. Conti e Mestica a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO Lorenzo Lotto CURRICOLO DI GEOGRAFIA. elaborato dai docenti di scuola primaria F. Conti e Mestica a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO Lorenzo Lotto CURRICOLO DI GEOGRAFIA elaborato dai docenti di scuola primaria F. Conti e Mestica a.s. 2013/14 coordinatore Ins.te Cinzia Bambini Priori Loredana Zenobi Anita CLASSE

Dettagli

ANS Training Navigazione

ANS Training Navigazione CAPITOLO 7 LE CARTE AERONAUTICHE Cartografia: Arte e scienza della rappresentazione del territorio. La carta è una rappresentazione piana e ridotta della superficie terrestre. Quindi, per arrivare alla

Dettagli

investendo gran parte delle proprie risorse proprio al buon funzionamento dei corsi d acqua, soprattutto per interessi commerciali.

investendo gran parte delle proprie risorse proprio al buon funzionamento dei corsi d acqua, soprattutto per interessi commerciali. l territorio del Veneto Orientale è interessato da importanti fiumi e bacini idrici che hanno segnato il passo delle civiltà abitanti queste terre. La simbiosi tra l uomo e le acque è continuata nei secoli

Dettagli

SINOSSI DI CARTOGRAFIA

SINOSSI DI CARTOGRAFIA SINOSSI DI CARTOGRAFIA BOLOGNA NOZIONI DI TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA Sinossi ad uso esclusivo dei frequentatori dei corsi informativi di Topografia Cartografia e Navigazione terrestre Edizione 2009 INDICE

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006 - Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012 SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO : GEOGRAFIA CLASSE PRIMA

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss

Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Inserimento di distanze e di angoli nella carta di Gauss Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio a.a. 2006-2007 Inserimento della distanza reale misurata nella carta di Gauss (passaggio

Dettagli

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI

INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI INDICE CAPITOLO I : TOPOGRAFIA E SISTEMI DI MISURA LINEARI E ANGOLARI 1. Definizione e scopo della topografia.... Pag. 1 2. Sistemi di misure lineari e angolari... Pag. 1 3. Misura delle lunghezze... Pag.

Dettagli

ELEMENTI E PROPRIETÀ DELLA CARTA GEOGRAFICA

ELEMENTI E PROPRIETÀ DELLA CARTA GEOGRAFICA INSEGNAMENTO DI GEOGRAFIA LEZIONE III LA CARTOGRAFIA: CONCETTI BASILARI PROF. EMILIA SARNO Indice 1 LA CARTOGRAFIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA LA CARTA TOPOGRAFICA 88. La carta topografica è una rappresentazione grafica di una parte più o meno ampia della superficie terrestre in una determinata scala.

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA

CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA CURRICOLO VERTICALE GEOGRAFIA Pag.1 GEOGRAFIA SCUOLA DELL INFANZIA Competenza chiave Europea CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE L alunno Individua le posizioni

Dettagli

LE SCALE DI RIDUZIONE

LE SCALE DI RIDUZIONE LE SCALE DI RIDUZIONE la prima cosa che si deve osservare in una carta, insieme all'equidistanza fra le curve di livello, è la scala di riduzione che è sempre in primo piano, é altresì importante osservare

Dettagli

unità A3. L orientamento e la misura del tempo

unità A3. L orientamento e la misura del tempo giorno Sole osservazione del cielo notte Stella Polare/Croce del sud longitudine in base all ora locale Orientamento coordinate geografiche latitudine altezza della stella Polare altezza del Sole bussola

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

-13 Novembre 2011 ore 21.00: Le zone in ombra sono l Europa, l Asia, quasi tutta l Africa e il Polo Sud.

-13 Novembre 2011 ore 21.00: Le zone in ombra sono l Europa, l Asia, quasi tutta l Africa e il Polo Sud. 1 Sommario RELAZIONE SULLE LEZIONI DI INFORMATICA... 3 Prima lezione: il sito www.fourmilab.it... 3 Vista from Sun e Night Side... 6 L alternarsi del dì e della notte... 7 Diversa durata del dì e della

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

Emanuela Bramati, Marinella Molinari. GeoClick1. E-Book di Geografia per la scuola secondaria di primo grado. Volume 1

Emanuela Bramati, Marinella Molinari. GeoClick1. E-Book di Geografia per la scuola secondaria di primo grado. Volume 1 Emanuela Bramati, Marinella Molinari GeoClick1 E-Book di Geografia per la scuola secondaria di primo grado Volume 1 Garamond 2009 Tutti i diritti riservati Via Tevere, 21 Roma Prima edizione Cod. ISBN

Dettagli

EUROPA FISICA. 1. Parole per capire CPIA 1 FOGGIA VOLUME 3 CAPITOLO 13. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: placche o zolle...

EUROPA FISICA. 1. Parole per capire CPIA 1 FOGGIA VOLUME 3 CAPITOLO 13. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: placche o zolle... VOLUME 3 CAPITOLO 13 EUROPA FISICA CPIA 1 FOGGIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: placche o zolle... agenti esogeni...... fiume navigabile............... bacini

Dettagli

Topografia e Orientamento C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario

Topografia e Orientamento C.A.I. Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento. Sommario Club Alpino Italiano Sezione di Padova Scuola di Escursionismo Vasco Trento Topografiaa e Orientamento Sommario Introduzione... 3 1. Topografia... 4 1.1. La distanza... 4 1.2. La carta topografica... 5

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO

NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO NOZIONI DI TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO 1. Perché orientarsi?... 2 2. Alcune definizioni geografiche... 2 3. Le rappresentazioni cartografiche terrestri... 4 4. La bussola...10 5. L'altimetro...14 6. Lo schizzo

Dettagli

LE ATTIVITÀ OFFSHORE ITALIANE IN RELAZIONE AI NUOVI SVILUPPI NELL AREA MEDITERRANEA

LE ATTIVITÀ OFFSHORE ITALIANE IN RELAZIONE AI NUOVI SVILUPPI NELL AREA MEDITERRANEA LE ATTIVITÀ OFFSHORE ITALIANE IN RELAZIONE AI NUOVI SVILUPPI NELL AREA MEDITERRANEA Workshop on "State environmental compliance and enforcement in the Mediterranean Sea" ing. Franco Terlizzese Direttore

Dettagli

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609

5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 5. LE RAPPRESENTAZIONI CARTOGRAFICHE vers 100609 sostituscono le pagg. 50-58 (fino alle eq. 5.28) Come già visto è stato scelto l'ellissoide come riferimento planimetrico sul quale proiettare tutti i punti

Dettagli

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA

FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA FEDERAZIONE SPELEOLOGICA TOSCANA COMMISSIONE CATASTO Unione Speleologica Calenzano con il patrocinio del Comune di Calenzano CORSO DI CARTOGRAFIA E POSIZIONAMENTO GROTTE 29 30 maggio 2010 Istruttori Bernabini

Dettagli

La Regione francese. Il territorio. La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco.

La Regione francese. Il territorio. La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco. La Regione francese BELGIO LUSSEMBURGO FRANCIA La Regione francese si trova nell Europa occidentale. È formata da 4 Stati: Francia, Belgio, Lussemburgo e Monaco. MONACO Il territorio Mare del Nord TERRITORIO

Dettagli